LA GESTIONE DEGLI ORGANICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEGLI ORGANICI"

Transcript

1 LA GESTIONE DEGLI ORGANICI 7.1) Un opportunità trascurata Negli ultimi anni abbiamo visto affermarsi un riflesso condizionato che è diventato, in pratica, la regola di governo dei cambiamenti aziendali. Le aziende sono organismi viventi, questo è il loro fascino profondo e, come è giusto e naturale, attraversano momenti di trasformazione, crescita, decrescita, sviluppo irregolare e mille altre situazioni. Il riflesso condizionato è il seguente: sono competitivo = assumo non sono competitivo = licenzio. Risulta un evidente spreco di capacità professionali: escono persone dotate di competenze che potrebbero essere ancora utili all azienda e a sé stesse. E vero che escono persone competenti, ma dopo aver visto la sfilza di malanni che affligge il lavoro degli impiegati, possiamo anche concludere che questa competenza potrebbe essere, ad oggi, molto più elevata. Tale mancata valorizzazione della competenza è stata accolta con lieta imprevidenza dagli imprenditori e dagli stessi impiegati, tranne rari casi di ribelli che non fanno testo. In ogni caso gli impiegati sono ovunque e senza di loro le aziende neppure esistono. Soprattutto, gli impiegati permettono agli operai di produrre e creare fatturato. Vale a dire che, se un azienda vuole essere competitiva, deve per forza fare affidamento su di loro. 100

2 Nelle prossime pagine verrà illustrata la gestione degli organici secondo i canoni dell Efficienza Operativa. Si vedrà che tale gestione arriva a liberare molte risorse che possono dedicarsi a lavori aggiuntivi oppure a recuperare lavori abbandonati in passato. Un azienda che lavora di più a parità di tempo non può che essere forte e strutturata di fronte alla concorrenza. Ne consegue che il miglior manager risulterà quello in grado di valorizzare al meglio il lavoro degli impiegati. Un nuovo parametro di valutazione sull operato del management. 101

3 7.2) Gli organici: bilanciamento fra ore e lavoro Sostanzialmente dimostreremo, nelle pagine che seguono, come è possibile operare uno stretto bilanciamento fra lavoro da fare e ore disponibili per farlo, sia quando il lavoro aumenta sia quando il lavoro diminuisce. E come è possibile aumentare, contestualmente all andamento positivo degli indici di efficienza, le competenze collettive degli uffici interessati in base al principio già definito della professionalità inclusa. Esaminiamo il solito ufficio di 5 persone che, a settembre, produce 100 cicli di lavoro di media complessità, con le competenze professionali X, Y e Z. Pure con le inevitabili differenze individuali, sostanzialmente la quota media di produzione di 1 persona ammonta a 20 cicli. Nel mese di ottobre l ufficio produce 120 cicli di lavoro di media complessità, sempre con 5 persone (nella realtà i cambiamenti non sono così repentini!). Cosa è successo? Semplice, sono diventati tutti fulmini. Perché? Perché? Sono diventati tutti più bravi. Ad ottobre hanno applicato in misura più estesa e approfondita, rispetto a settembre, le competenze X, Y e Z. In altre parole, hanno accresciuto la loro professionalità, sono diventati più competenti e hanno iniziato un circolo virtuoso. Con quali effetti? 102

4 In settembre, 5 persone hanno fatto il lavoro di 5 persone. In ottobre, 5 persone hanno fatto il lavoro di 6 persone. Ovvero, con il ritmo di lavoro di settembre, in ottobre ci sarebbero volute 6 persone. In ottobre è cambiato il ritmo perché sono diventati più bravi. E l organico? La produttività e la professionalità regolano l organico. In che modo? Se a novembre l organico diminuisce di 1 persona, si ritorna ad una produzione di 100 cicli, però fatti da 4 persone invece di 5. E se c è bisogno di 120 cicli? Bisogna tener duro: l organico è bene che diminuisca in ogni caso. Se si toglie la quinta persona, il circolo virtuoso non si interrompe perché l ufficio ha molto lavoro e perché, appunto, il circolo virtuoso non può che progredire ulteriormente se invece non si toglie la quinta persona, il circolo virtuoso si interrompe a causa delle caratteristiche intrinseche del lavoro impiegatizio. Dopo due mesi 5 persone fanno il lavoro di 4 persone, cioè 80 cicli. Funziona anche al contrario? Sì, perché tutto quanto sopra vale quando il lavoro aumenta. Se il lavoro diminuisce, l organico diminuisce con lo stesso criterio, perché non c è lavoro. Conclusione: l aumento di produzione, a parità di ore, porta con sé un aumento di professionalità, che è inclusa nello stesso aumento: è la professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo. 103

5 La professionalità inclusa è un concetto di fondamentale importanza. Quindi, se noi curiamo il lavoro aggiuntivo a parità di ore, curiamo anche le competenze utili. Naturalmente senza corsi di formazione. Ovvero la formazione buona è quella sul campo. Se ci mettiamo anche la formazione in aula, paghiamo due volte lo stesso lavoro. Questo spiega la ns. ostilità verso i corsi di formazione, eccetto quelli obbligatori: i corsi non obbligatori, visti nell ottica sopra descritta, non sono altro che un doppione della formazione sul campo: spreco di tempo e soldi, rischio di risultati. Entriamo ora maggiormente nel merito, a mezzo di un esempio pratico di gestione dell organico. Esaminiamo ora la progressione e la regressione nel tempo dei dati di un ipotetico ufficio specifiche tecniche composto da 9 persone: gennaio prodotto principale: specifiche tecniche 9 unità 1440 ore disponibili (9 x 160) = frequenza di riferimento = n specifiche tecniche di gennaio o del mese di riferimento 4,76 h tempo unitario (1440 : 302) = 4,76 h 100 IEO Indice Efficienza Operativa febbraio prodotto principale: specifiche tecniche 9 unità 1440 ore disponibili 313 frequenza di febbraio 4,76 h tempo unitario 103,46 IEO marzo prodotto principale: specifiche tecniche 9 unità 104

6 1440 ore disponibili 336 frequenza di marzo, professionalità inclusa 4,76 tempo unitario 111,07 IEO aprile prodotto principale: specifiche tecniche 8 unità 1280 ore disponibili (8 x 160) = frequenza di aprile 4,76 tempo unitario 105,61 IEO maggio prodotto principale: specifiche tecniche 8 unità 1280 ore disponibili 235 frequenza di maggio, mancanza lavoro 4,76 tempo unitario 87,39 IEO giugno prodotto principale: specifiche tecniche 7 unità 1120 ore disponibili (7 x 160) = frequenza di giugno, mancanza lavoro 4,76 tempo unitario 78,62 IEO Esaminiamo la successione degli eventi. Gennaio: 9 persone producono 302 specifiche tecniche, Indice Efficienza Operativa IEO = 100. Febbraio: 9 persone producono 313 specifiche. L aumento di produzione trascina il miglioramento della professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo. IEO sale a 103,46. Ovvero: 105

7 313 x 4,76 = 1489,88 ore derivate di febbraio 1489,88 x 100 : 1440 = 103,46 IEO di febbraio. Marzo: 9 persone producono 336 specifiche. Aumenta la produzione e la professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo e, di conseguenza, l organico scende di 1 unità. Ovvero l organico scende perché sono diventati tutti più bravi. IEO sale a 111,07. Il calcolo è il seguente: 336 x 4,76 = 1599,36 ore derivate di marzo 1599,36 x 100 : 1440 = 111,07 IEO di marzo. La differenza tra 1600 e 1440 è = 160, pari alle ore disponibili mensili di 1 persona. In tale situazione, 9 persone fanno il lavoro di 10 persone. Quindi l organico scende di 1 persona. Perché l organico scende anche se c è molto lavoro? Rispondiamo: l organico potrebbe anche non scendere. Però (come già detto) è indubbio che l ufficio ha intrapreso un circolo virtuoso: il rischio è che, a causa della struttura velenosa del lavoro impiegatizio, se l organico rimanesse invariato, il circolo virtuoso potrebbe interrompersi, quindi è opportuno che l organico diminuisca sempre. Dopo la diminuzione, è chiaro che il circolo virtuoso è obbligato a mantenersi virtuoso. Aprile: le persone diventano 8 e producono 284 specifiche. Anche in presenza di un calo di lavoro, la diminuzione delle ore disponibili porta ad un buon risultato della produttività, con l IEO che si porta a 105,61. Maggio: ipotizziamo una forte mancanza di lavoro. 8 persone producono 235 specifiche. La diminuzione della produzione arriva al punto di mancanza lavoro e, di conseguenza, l organico diminuisce di 1 unità. IEO scende a 87,39. Il calcolo è il seguente: 235 x 4,76 = 1118,60 ore derivate di maggio 1118,60 x 100: 1280 = 87,39 IEO di maggio. 106

8 La differenza di ore tra 1120 e 1280 è di 160, pari alle ore disponibili mensili di 1 persona. In tale situazione, 8 persone fanno il lavoro di 7 persone, quindi l organico diminuisce di 1 unità. Giugno: le persone diventano 7 e producono 185 specifiche. L IEO scende a 78,62. Il calcolo è il seguente: 185 x 4,76 = 880,60 ore derivate di giugno 880,60 x 100 : 1120 = 78,62 IEO di giugno. La differenza fra le derivate di giugno e le disponibili di giugno è (880, ) = 239,40. La differenza è inferiore a 160 quindi si è di nuovo in situazione di mancanza lavoro e l organico a luglio scende di 1 persona, portandosi a 6 persone. CONCLUSIONI In 6 mesi le unità dell ufficio sono diminuite da 9 a 6 ( 33,34%), prima per effetto della professionalità inclusa, poi per effetto della mancanza lavoro. L organico dell ufficio è stato regolato dal combinato di produttività e professionalità e ha seguito in tempo reale la disponibilità di lavoro, fattore variabile per la sua stessa natura. L indice IEO ha segnalato mese per mese l andamento del lavoro. In ultima analisi, l organico diminuisce sempre: se il lavoro è stabile e le ore diminuiscono vuol dire che l ufficio fa lo stesso lavoro in meno tempo. L IEO aumenta e l organico diminuisce in proporzione. Inoltre l ufficio acquisisce professionalità in modo misurabile, come si vedrà in seguito; 107

9 se il lavoro aumenta e le ore sono stabili vuol dire che l ufficio fa più lavoro nello stesso tempo. Ovviamente l IEO aumenta: ad esempio se aumenta in ragione del 10% in un ufficio di 10 persone, oppure in ragione del 25% in un ufficio di 4 persone, vuol dire che c è spazio per diminuire l organico di 1 persona. Sembra una contraddizione togliere una persona quando il lavoro aumenta, ma non è così: se l efficienza evolve in questo modo, vuol dire che l ufficio è entrato in un circolo virtuoso e la diminuzione di 1 persona viene rapidamente assorbita e, dopo poco tempo, tutto ricomincia. Inoltre l ufficio acquisisce professionalità in modo misurabile; se il lavoro diminuisce, oppure se c è una perdita di produttività e le ore rimangono stabili, vuol dire che l ufficio fa meno lavoro nel medesimo tempo. L IEO diminuisce e l organico diminuisce in proporzione; potrebbe perfino succedere che le ore derivate siano il doppio delle disponibili. L organico si azzera? Il lavoro si fa da solo? Succede quando un lavoro viene completamente automatizzato e, per quel lavoro e per quelle operazioni, il sistema informatico ha raddoppiato la produttività. Tutto bene, però quelle persone sono state trasferite da un altra parte e hanno aumentato le ore disponibili del nuovo ufficio. L aumento della produttività è proporzionale all aumento delle ore? Probabilmente no, e allora quello che si è guadagnato da una parte si è perso dall altra; ovviamente se, nell esempio di cui sopra, a settembre il lavoro aumenta, l organico potrà tornare a crescere, ma ad una velocità molto più ridotta rispetto alla discesa dello stesso organico a causa della mancanza lavoro. In occasione della crescita del lavoro, tornerà a farsi sentire la professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo: basta fare due conti 108

10 7.3) La variazione del lavoro e la creazione di esuberi La gestione dell organico è più facile in uffici numerosi che in uffici di ridotte dimensioni, perché gli uffici grandi possono fruire di economie di scala, come sostituzione degli assenti, assorbimento di ferie e permessi e casi similari. Ad esempio in un ufficio di 10 persone, per arrivare alla professionalità inclusa e alla conseguente riduzione di organico in ragione di 1 persona, l IEO deve passare da 100 a 110, che è un impresa di media complessità. Invece in un ufficio di 3 persone, l IEO deve passare da 100 a 133, che è un impresa di grande complessità. Per arrivare alla mancanza lavoro, e alla conseguente riduzione di organico in ragione di 1 persona, l IEO di ognuno dei due uffici di cui sopra deve, rispettivamente, passare da 100 a 90 e da 100 a 67: è tutto più facile nel primo ufficio. Conclusione: dal punto di vista della produttività, delle competenze e della regolazione degli organici, gli uffici più grandi sono e meglio è. Si evidenzia, inoltre, una considerazione complessiva molto importante se si esamina la gestione degli organici: per gli operai gli esuberi si contano, per gli impiegati gli esuberi si creano. Qui di seguito è stata fatta una proiezione partendo dalla variazione, positiva o negativa, nella quantità di prodotto mensile per arrivare alla diminuzione di 1 persona in un ufficio di 9 persone. Quindi viene evidenziata: la quantità di prodotto mensile che crea la diminuzione di 1 persona nel caso di lavoro stabile o di lavoro in aumento a parità di ore, per effetto dell avanzamento della professionalità; 109

11 la quantità di prodotto mensile che crea la diminuzione di 1 persona nel caso di lavoro in diminuzione. Tempi & Metodi organico 9 persone ore disponibili mensili = 160 X 9 = 1440 cicli di lavoro al mese = 164 tempo unitario di 1 ciclo = 1440 : 164 = 8,8 ore 1 persona in 1 mese produce 160 : 8,8 = 18 cicli se i cicli mensili passano a = 182 cicli, l organico diminuisce di 1 persona se i cicli mensili passano a = 146 cicli, l organico diminuisce di 1 persona. Il passaggio da 164 cicli a 182 cicli equivale all aumento dell IEO dell 11% perché % = 182. Inoltre % =

12 7.4) Il calcolo degli esuberi Dalle pagine precedenti si è avuta la conferma che la gestione dell organico, mediante la professionalità associata alla produttività, richiede una buona dose di tempo. Questo tempo, per un azienda che oggi è non-concorrenziale, non è certamente disponibile. In tal caso si può anche procedere al contrario, ovvero si può partire dalla creazione degli esuberi per poi arrivare alla acquisizione di competenza e produttività proprio perché si sono tolte ore disponibili e il lavoro è sempre lo stesso. In pratica si gestiscono gli organici per guarire dalle malattie di cui sopra, invece di guarire dalle malattie per poter poi gestire gli organici, nel senso che la diminuzione dell organico obbligherà tutti gli uffici ad abolire i lavori inutili e ad aumentare la produttività. Questo è sempre successo: si può essere certi che, in qualsiasi gruppo di impiegati, se ne viene esonerata una certa percentuale, gli altri impareranno a fare il lavoro degli esclusi in modo sorprendentemente rapido. Nel precedente esempio dell ufficio Tempi & Metodi è stata evidenziata una percentuale dell 11% che, se acquisita dall indice IEO, permette una diminuzione dell organico in ragione di 1 persona su 9 totali: con tale organico, se l IEO passa da 100 a 111 si può risparmiare una persona. E chiaro che quanto più la percentuale è bassa, tanto più è facile che la produzione aumenti o diminuisca quel tanto che basta a far diminuire l organico per professionalità inclusa oppure per mancanza lavoro. Detto in un altro modo, la percentuale rappresenta l aumento del carico di lavoro che devono sostenere le persone che restano per consentire, alle altre persone, di recuperare lavori e competenze utili per l aumento della concorrenzialità aziendale. 111

13 E quanto più la percentuale è bassa, tante più sono le persone che possono venire distolte dall ufficio per fare i lavori aggiuntivi e recuperare le competenze perdute. Abbiamo quindi classificato le variazioni di organico secondo tale percentuale (che chiameremo PRO Percentuale di Regolazione dell Organico), collegando ad ogni classe una differente diminuzione di organico: prima classe PRO da 0% a 5% = - 4 persone seconda classe PRO da 5,1% a 10% = - 3 persone terza classe PRO da 10,1% a 20% = - 2 persone quarta classe PRO oltre 20% = - 1 persona. Illustriamo dettagliatamente il calcolo. La prima classe (da 0% a 5%) è correlata ad uffici generalmente grandi, dove è più facile la regolazione degli organici: negli uffici grandi sono più favorevoli le economie di scala dovute alla dimensione, nonché le sostituzioni degli assenti e quant altro: questa è la regola aurea nella gestione dell organico. La diminuzione dell organico, nella prima classe, è indicata in 4 persone. Che non è certamente poco, ma se si riflette sulla quantità di lavoro aggiuntivo che devono fare le persone che restano, si comprende che è fattibile: non dimentichiamo che la guarigione delle malattie contagiose fornisce un ampia riserva di tempo. A cui si aggiunge la riserva di tempo derivante dalla professionalità inclusa. Si è posizionata una seconda classe (da 5,1% a 10%, diminuzione dell organico di 3 persone) per dare una scalarità sulle percentuali basse, dove è più concentrata la presenza di persone che possono essere adibite ad altri compiti. Ovvero, è necessaria una scalarità nella prima decina della percentuale perché in un ufficio con il 10% le 112

14 difficoltà a coprire le attività lasciate inevase da 4 persone potrebbero rivelarsi insostenibili. La terza classe (da 10,1% a 20%, diminuzione dell organico di 2 persone) presenta una maggiore difficoltà (ma sempre sostenibile) per le persone che restano a coprire le attività lasciate inevase dalle persone destinate ad altri incarichi: per tale motivo la diminuzione è di 2 persone. La stessa considerazione si può fare, in misura maggiore, per la quarta classe (oltre 20%, diminuzione dell organico di 1 persona) che prevede, appunto, la diminuzione di 1 persona per le difficoltà ancora maggiori di sostenibilità del maggior carico di lavoro. 113

15 7.5) La teoria della tattica ortodossa Il re-impiego degli esuberi liberati dall Efficienza Operativa obbedisce, e non potrebbe essere altrimenti, a due imperative condizioni: assegnare, a questi impiegati, dei lavori (aggiuntivi oppure da recuperare) e competenze (aggiuntive oppure da recuperare) che non siano una semplice e deleteria invenzione momentanea, ma che abbiano tutti i crismi da ultima trincea, con le relative difficoltà e soddisfazioni; accertare, in modo approfondito, la possibilità che questi lavori e competenze riescano effettivamente ad aumentare la competitività dell azienda. E chiaro che i lavori e le competenze (che definiamo ex-reimpiego ) non dovrebbero essere moderati da considerazioni di prudenza, di ragionevolezza o di cortesia: se gli impiegati sono chiamati far diventare più competitiva l azienda, è giusto che arrivino in cima a loro stessi. Abbiamo fatto una prova. Si è chiesto ad alcuni manager di alto livello ingegneristico ( ): cosa fareste per migliorare la competitività della vostra azienda?. ( ) oggi, se voglio fare un automobile, una macchina utensile oppure voglio produrre acciaio meglio della concorrenza, è ancora una faccenda di ingegneri. Domani si vedrà. Le risposte sono state le seguenti: 114

16 allineare i documenti tecnici sulle fasi di progettazione, industrializzazione, sviluppo e costruzione; progettare e realizzare attrezzature per la produzione allo stato dell arte ; rafforzare l integrazione e l interfaccia operativa fra progettazione e tooling; attuare progetti per la riduzione dei costi di produzione; sviluppare la produttività dei fornitori. Risposte assolutamente corrette e ragionevoli, risposte sacrosante ma insufficienti. Se sono risposte corrette e ragionevoli, in tutte le aziende concorrenti i manager più sono competenti e più danno risposte uguali o assimilabili. Vuol dire che, se tutte le aziende alzano l asticella, tutto è come prima e chi è condannato resta condannato. Bisogna esplorare un territorio nuovo. Il territorio dell estremismo nella creazione di efficienza. In passato, se non ci fossero stati dei pazzi e dei visionari che si sono scagliati contro il recinto della ragionevolezza e della logica (del momento), alla sera ci troveremmo ancora tutti intorno a un fuocherello a raccontarci, con ampi grugniti, di come abbiamo catturato un cinghiale o trovato un nido di fringuelli. I pazzi e i visionari hanno avuto, generalmente, una vita difficile. Pochi hanno avuto successo. Alcuni sono stati internati in manicomio e altri, più economicamente, sono stati uccisi. Prospettiva poco interessante. 115

17 Però i pazzi hanno avuto bisogno, per realizzare o tentare di realizzare le loro idee, di qualcuno su cui fare affidamento: Marconi avrà avuto bisogno, probabilmente, di un battilastra, di un fabbro oppure di un falegname per costruire la prima radio. I fratelli Wright avranno avuto bisogno di un tappezziere per cucire la tela delle ali del primo aeroplano. Questo tappezziere non ha considerato che l idea di volare, in quel tempo, era effettivamente un idea da pazzi e ha cucito le ali dell aeroplano. Milioni di persone devono molto ai fratelli Wright, ma anche al tappezziere che ha messo in gioco la sua competenza in un idea da pazzi e, anche lui, ha vinto la sua scommessa. Dal momento che, proprio in base alla loro follia, i pazzi erano ottimi pagatori, alcune persone hanno industrializzato le loro idee che alla fine si sono rivelate vincenti. Ecco, questi sono gli eroi sconosciuti del progresso. Se non ci fossero stati questi benemeriti, non ci sarebbe stato il progresso. Non si propone agli impiegati di diventare Marconi o Wright, ma di diventare eroi sconosciuti del progresso. Bisogna essere eroi per scagliarsi contro la logica prevalente. Tale logica ha costruito intorno alle aziende un recinto da cui si può solo uscire, l ingresso è vietato. Però, se si esce solamente, il contenuto interno diminuisce sempre. In questo modo, alla fine, le aziende non possono che im-plodere e qualche virus, molesto perché portatore di dubbi, si insinua fra le pieghe paludate delle ragionevolezza e della logica. La storia non si ripete ma, ogni tanto, è magistra vitae. Gli esempi sono innumerevoli specie in guerra dove, in caso di errori, si muore in parecchi. Anno La tattica ortodossa di combattimento prescriveva di mandare ondate successive e ravvicinate di soldati per conquistare le postazioni nemiche. 116

18 Le fortificazioni tedesche sulle alture della Somme erano semplicemente non-conquistabili. Risultato: un numero di morti inimmaginabile e gli eserciti francese e inglese gravemente menomati nei loro effettivi. Esploriamo il territorio della creazione di efficienza, traendo spunto dalle malattie del lavoro impiegatizio. Le malattie del lavoro impiegatizio, la loro struttura e consistenza ci regalano una prima e sconvolgente considerazione: il nemico principale di un azienda in-competitiva non è la concorrenza, oppure il fisco, oppure i dipendenti che non lavorano abbastanza, bensì la tattica ortodossa. La debolezza dell azienda è il risultato della debolezza organizzativa, non viceversa. La concorrenza arriva dall esterno, ma si nutre all interno delle nostre aziende. E la tattica ortodossa che, letteralmente, toglie il respiro alle aziende. La seconda sconvolgente considerazione è quella per cui i rimedi li abbiamo già, e sono sotto i nostri occhi. I rimedi per guarire dalle malattie non sono piccole azioni all acqua di rose, ma impongono un cambiamento radicale, profondo e feroce nel modo di lavorare degli impiegati. Joffre e Haig, prima della battaglia sotto le colline della Somme, avevano sotto gli occhi tutto quello che serviva: uomini e ogni tipo di armi. Non videro l evidenza e crearono il disastro. C era anche chi era nel giusto e dissentiva dalle loro opinioni. Ovviamente questi ufficiali vennero esonerati perché avevano ragione. Risultato: la distruzione dell Europa. 117

19 Il militarismo del XX secolo ebbe la forza di scatenare due guerre, ma non ebbe la forza di vincerle. La tattica ortodossa di oggi (vado bene = assumo; vado male = licenzio) ha la forza per impoverire di competenza le aziende, ma non ha la forza di farle ri-diventare concorrenziali, con un vantaggio che sia almeno pari al costo dell impoverimento. In ogni caso la risalita di posizioni è lenta rispetto alla rapidità della concorrenza. Con la tattica non ortodossa la velocità e l armonia dell esecuzione sono i fattori dominanti. La velocità nell acquisizione di produttività/competenza e nella gestione degli organici è tarata su di un ritmo mensile, con un ferreo controllo. Stessa configurazione per i re-impieghi: produttività/competenza, gestione degli organici e ferreo controllo. In fondo il dilemma non è licenziare o non licenziare gli impiegati. Dobbiamo invece confrontarci con il dilemma del poker: riusciremo a far lavorare gli impiegati con un livello di efficienza competenza make money genialità in modo da riuscire a far ri-diventare competitiva l azienda? Il poker genera la forza organizzativa che genera la forza dell azienda, che scala posizioni concorrenziali. La concorrenza è forte ma non è invincibile. 118

20 7.6) Il re-impiego degli esuberi E necessario definire le modalità di lavoro degli impiegati exreimpiego. Naturalmente abbiamo già tutto sotto gli occhi. Naturalmente una spolverata di estremismo non fa male. Ri-mettiamo in evidenza tutte le incongruenze e le malattie del modo di lavorare degli impiegati: le chiacchiere informatiche la sindrome delle le riunioni inutili e le collaborazioni inutili la scarsa valorizzazione di make money la scarsa valorizzazione della genialità la scarsa valorizzazione della visibilità la scarsa valorizzazione dell autogoverno la sindrome dell impiegato camminatore la direzione per obbiettivi: una montagna di equivoci la legge sull utilità degli incentivi la sindrome DEPAC. Si può tranquillamente ipotizzare che, se tutte le incongruenze di cui sopra vengono azzerate da parte di tutti gli impiegati, qualsiasi azienda riceve una potente iniezione di competitività. Vediamo ora, in dettaglio, le modalità per la guarigione completa di tutte le malattie del lavoro impiegatizio: chiacchiere informatiche, riunioni inutili, inutili e collaborazioni inutili rappresentano le fortezze del lavoro inutile. Sono utili solo quelle riunioni, mail e collaborazioni che, in modo diretto e proporzionale, hanno come risultato 1 unità aggiuntiva del prodotto dell ufficio. Senza tale finalità, , riunioni e collaborazioni sono solo perdite di tempo; 119

21 make money è un occasione quotidiana di guadagno. E chiaro che anche una fattura o un ciclo di lavoro rappresentano fonti di guadagno, ma non stiamo evidenziando questo genere di azioni. Make money non riguarda documenti ma riguarda le decisioni che creano occasioni di guadagno. Tutti gli impiegati, quotidianamente, prendono decisioni che creano occasioni di guadagno per l azienda. Bisogna gestire tutte queste decisioni in senso statistico per fare in modo che siano, mensilmente, sempre di più e sempre più pesanti. E tutti gli impiegati dovrebbero operare tale statistica per essere poi valutati sul numero e sul peso delle loro decisioni. Si leveranno alti gemiti per lamentare l eventualità di contrapposizioni fra persone e uffici. Cominciamo ad attivare il sistema, poi si faranno le opportune valutazioni. Fare statistiche e valutazioni è più facile che guadagnare soldi. Ma come si possono guadagnare soldi se le procedure interne non favoriscono tale intento? Quindi make money si ottiene con procedure che creano l ambiente adatto; la genialità è un innovazione quotidiana, brillante e risolutiva dei problemi. E un azione per cui il dopo non è più uguale al prima. Genialità non è una definizione altisonante: gli impiegati vedono passare sotto i loro occhi ogni giorno varie occasioni di miglioramento tecnico e gestionale, perché tutto il lavoro dell azienda passa attraverso di loro. Come possono ricercare innovazione e genialità se le procedure interne non favoriscono tale intento? Quindi la genialità si ottiene con procedure che, a favore di essa, creano l ambiente adatto attraverso la statistica. Come per make money, dopo la statistica è l ora della valutazione; la visibilità e l autogoverno sono armi globali a favore della produttività e delle competenze. Conosciamo tutti le ripicche, le piccole gelosie, le invidie reciproche per motivi assolutamente futili che allignano nel mondo impiegatizio e che, piaccia o no, hanno una parte importante nell economia di una giornata di lavoro. La visibilità e l autogoverno 120

22 conferiscono un motivo rispettabile e utile al desiderio latente di far valere le proprie capacità e contribuiscono a far diventare più efficiente la giornata lavorativa; naturalmente la sindrome dell impiegato camminatore non ha più ragione di esistere, se tutti sono impegnati a migliorare il prodotto del proprio ufficio e non il prodotto di altri uffici; parimenti la direzione per obbiettivi non ha ragione di esistere: se raggiungere qualsiasi obbiettivo rappresenta la normalità del lavoro quotidiano, ne consegue che pagare a parte un obbiettivo vuol dire pagare due volte lo stesso lavoro; confermiamo la già citata legge sull utilità degli incentivi: un sistema di incentivazione è utile quando il suo livello di personalizzazione è tale per cui un impiegato può sempre identificare, nell impiegato che lo precede nel flusso lavorativo, la causa della mancata attivazione dell incentivo stesso ; la presenza di tutti dappertutto, sintomo principale della sindrome DEPAC, non ha ragione di esistere in un sistema dove la finalità di ogni ufficio consiste nell aumento di produttività e competenze nell ufficio stesso, non altrove. In conclusione, riteniamo che sia innegabile la constatazione per cui il miglioramento del modo di lavorare degli impiegati, come sopra descritto, rappresenta uno stimolo molto importante verso una più forte posizione concorrenziale. 121

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il Testamento di un Commerciante di Mobili

Il Testamento di un Commerciante di Mobili Il Testamento di un Commerciante di Mobili 4 Inter IKEA Systems B.V. 1976-2007 Inter IKEA Systems B.V. 1976-2007 Il Testamento di un Commerciante di Mobili. Piccolo Glossario IKEA 5 Creare una vita quotidiana

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli