LA GESTIONE DEGLI ORGANICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEGLI ORGANICI"

Transcript

1 LA GESTIONE DEGLI ORGANICI 7.1) Un opportunità trascurata Negli ultimi anni abbiamo visto affermarsi un riflesso condizionato che è diventato, in pratica, la regola di governo dei cambiamenti aziendali. Le aziende sono organismi viventi, questo è il loro fascino profondo e, come è giusto e naturale, attraversano momenti di trasformazione, crescita, decrescita, sviluppo irregolare e mille altre situazioni. Il riflesso condizionato è il seguente: sono competitivo = assumo non sono competitivo = licenzio. Risulta un evidente spreco di capacità professionali: escono persone dotate di competenze che potrebbero essere ancora utili all azienda e a sé stesse. E vero che escono persone competenti, ma dopo aver visto la sfilza di malanni che affligge il lavoro degli impiegati, possiamo anche concludere che questa competenza potrebbe essere, ad oggi, molto più elevata. Tale mancata valorizzazione della competenza è stata accolta con lieta imprevidenza dagli imprenditori e dagli stessi impiegati, tranne rari casi di ribelli che non fanno testo. In ogni caso gli impiegati sono ovunque e senza di loro le aziende neppure esistono. Soprattutto, gli impiegati permettono agli operai di produrre e creare fatturato. Vale a dire che, se un azienda vuole essere competitiva, deve per forza fare affidamento su di loro. 100

2 Nelle prossime pagine verrà illustrata la gestione degli organici secondo i canoni dell Efficienza Operativa. Si vedrà che tale gestione arriva a liberare molte risorse che possono dedicarsi a lavori aggiuntivi oppure a recuperare lavori abbandonati in passato. Un azienda che lavora di più a parità di tempo non può che essere forte e strutturata di fronte alla concorrenza. Ne consegue che il miglior manager risulterà quello in grado di valorizzare al meglio il lavoro degli impiegati. Un nuovo parametro di valutazione sull operato del management. 101

3 7.2) Gli organici: bilanciamento fra ore e lavoro Sostanzialmente dimostreremo, nelle pagine che seguono, come è possibile operare uno stretto bilanciamento fra lavoro da fare e ore disponibili per farlo, sia quando il lavoro aumenta sia quando il lavoro diminuisce. E come è possibile aumentare, contestualmente all andamento positivo degli indici di efficienza, le competenze collettive degli uffici interessati in base al principio già definito della professionalità inclusa. Esaminiamo il solito ufficio di 5 persone che, a settembre, produce 100 cicli di lavoro di media complessità, con le competenze professionali X, Y e Z. Pure con le inevitabili differenze individuali, sostanzialmente la quota media di produzione di 1 persona ammonta a 20 cicli. Nel mese di ottobre l ufficio produce 120 cicli di lavoro di media complessità, sempre con 5 persone (nella realtà i cambiamenti non sono così repentini!). Cosa è successo? Semplice, sono diventati tutti fulmini. Perché? Perché? Sono diventati tutti più bravi. Ad ottobre hanno applicato in misura più estesa e approfondita, rispetto a settembre, le competenze X, Y e Z. In altre parole, hanno accresciuto la loro professionalità, sono diventati più competenti e hanno iniziato un circolo virtuoso. Con quali effetti? 102

4 In settembre, 5 persone hanno fatto il lavoro di 5 persone. In ottobre, 5 persone hanno fatto il lavoro di 6 persone. Ovvero, con il ritmo di lavoro di settembre, in ottobre ci sarebbero volute 6 persone. In ottobre è cambiato il ritmo perché sono diventati più bravi. E l organico? La produttività e la professionalità regolano l organico. In che modo? Se a novembre l organico diminuisce di 1 persona, si ritorna ad una produzione di 100 cicli, però fatti da 4 persone invece di 5. E se c è bisogno di 120 cicli? Bisogna tener duro: l organico è bene che diminuisca in ogni caso. Se si toglie la quinta persona, il circolo virtuoso non si interrompe perché l ufficio ha molto lavoro e perché, appunto, il circolo virtuoso non può che progredire ulteriormente se invece non si toglie la quinta persona, il circolo virtuoso si interrompe a causa delle caratteristiche intrinseche del lavoro impiegatizio. Dopo due mesi 5 persone fanno il lavoro di 4 persone, cioè 80 cicli. Funziona anche al contrario? Sì, perché tutto quanto sopra vale quando il lavoro aumenta. Se il lavoro diminuisce, l organico diminuisce con lo stesso criterio, perché non c è lavoro. Conclusione: l aumento di produzione, a parità di ore, porta con sé un aumento di professionalità, che è inclusa nello stesso aumento: è la professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo. 103

5 La professionalità inclusa è un concetto di fondamentale importanza. Quindi, se noi curiamo il lavoro aggiuntivo a parità di ore, curiamo anche le competenze utili. Naturalmente senza corsi di formazione. Ovvero la formazione buona è quella sul campo. Se ci mettiamo anche la formazione in aula, paghiamo due volte lo stesso lavoro. Questo spiega la ns. ostilità verso i corsi di formazione, eccetto quelli obbligatori: i corsi non obbligatori, visti nell ottica sopra descritta, non sono altro che un doppione della formazione sul campo: spreco di tempo e soldi, rischio di risultati. Entriamo ora maggiormente nel merito, a mezzo di un esempio pratico di gestione dell organico. Esaminiamo ora la progressione e la regressione nel tempo dei dati di un ipotetico ufficio specifiche tecniche composto da 9 persone: gennaio prodotto principale: specifiche tecniche 9 unità 1440 ore disponibili (9 x 160) = frequenza di riferimento = n specifiche tecniche di gennaio o del mese di riferimento 4,76 h tempo unitario (1440 : 302) = 4,76 h 100 IEO Indice Efficienza Operativa febbraio prodotto principale: specifiche tecniche 9 unità 1440 ore disponibili 313 frequenza di febbraio 4,76 h tempo unitario 103,46 IEO marzo prodotto principale: specifiche tecniche 9 unità 104

6 1440 ore disponibili 336 frequenza di marzo, professionalità inclusa 4,76 tempo unitario 111,07 IEO aprile prodotto principale: specifiche tecniche 8 unità 1280 ore disponibili (8 x 160) = frequenza di aprile 4,76 tempo unitario 105,61 IEO maggio prodotto principale: specifiche tecniche 8 unità 1280 ore disponibili 235 frequenza di maggio, mancanza lavoro 4,76 tempo unitario 87,39 IEO giugno prodotto principale: specifiche tecniche 7 unità 1120 ore disponibili (7 x 160) = frequenza di giugno, mancanza lavoro 4,76 tempo unitario 78,62 IEO Esaminiamo la successione degli eventi. Gennaio: 9 persone producono 302 specifiche tecniche, Indice Efficienza Operativa IEO = 100. Febbraio: 9 persone producono 313 specifiche. L aumento di produzione trascina il miglioramento della professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo. IEO sale a 103,46. Ovvero: 105

7 313 x 4,76 = 1489,88 ore derivate di febbraio 1489,88 x 100 : 1440 = 103,46 IEO di febbraio. Marzo: 9 persone producono 336 specifiche. Aumenta la produzione e la professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo e, di conseguenza, l organico scende di 1 unità. Ovvero l organico scende perché sono diventati tutti più bravi. IEO sale a 111,07. Il calcolo è il seguente: 336 x 4,76 = 1599,36 ore derivate di marzo 1599,36 x 100 : 1440 = 111,07 IEO di marzo. La differenza tra 1600 e 1440 è = 160, pari alle ore disponibili mensili di 1 persona. In tale situazione, 9 persone fanno il lavoro di 10 persone. Quindi l organico scende di 1 persona. Perché l organico scende anche se c è molto lavoro? Rispondiamo: l organico potrebbe anche non scendere. Però (come già detto) è indubbio che l ufficio ha intrapreso un circolo virtuoso: il rischio è che, a causa della struttura velenosa del lavoro impiegatizio, se l organico rimanesse invariato, il circolo virtuoso potrebbe interrompersi, quindi è opportuno che l organico diminuisca sempre. Dopo la diminuzione, è chiaro che il circolo virtuoso è obbligato a mantenersi virtuoso. Aprile: le persone diventano 8 e producono 284 specifiche. Anche in presenza di un calo di lavoro, la diminuzione delle ore disponibili porta ad un buon risultato della produttività, con l IEO che si porta a 105,61. Maggio: ipotizziamo una forte mancanza di lavoro. 8 persone producono 235 specifiche. La diminuzione della produzione arriva al punto di mancanza lavoro e, di conseguenza, l organico diminuisce di 1 unità. IEO scende a 87,39. Il calcolo è il seguente: 235 x 4,76 = 1118,60 ore derivate di maggio 1118,60 x 100: 1280 = 87,39 IEO di maggio. 106

8 La differenza di ore tra 1120 e 1280 è di 160, pari alle ore disponibili mensili di 1 persona. In tale situazione, 8 persone fanno il lavoro di 7 persone, quindi l organico diminuisce di 1 unità. Giugno: le persone diventano 7 e producono 185 specifiche. L IEO scende a 78,62. Il calcolo è il seguente: 185 x 4,76 = 880,60 ore derivate di giugno 880,60 x 100 : 1120 = 78,62 IEO di giugno. La differenza fra le derivate di giugno e le disponibili di giugno è (880, ) = 239,40. La differenza è inferiore a 160 quindi si è di nuovo in situazione di mancanza lavoro e l organico a luglio scende di 1 persona, portandosi a 6 persone. CONCLUSIONI In 6 mesi le unità dell ufficio sono diminuite da 9 a 6 ( 33,34%), prima per effetto della professionalità inclusa, poi per effetto della mancanza lavoro. L organico dell ufficio è stato regolato dal combinato di produttività e professionalità e ha seguito in tempo reale la disponibilità di lavoro, fattore variabile per la sua stessa natura. L indice IEO ha segnalato mese per mese l andamento del lavoro. In ultima analisi, l organico diminuisce sempre: se il lavoro è stabile e le ore diminuiscono vuol dire che l ufficio fa lo stesso lavoro in meno tempo. L IEO aumenta e l organico diminuisce in proporzione. Inoltre l ufficio acquisisce professionalità in modo misurabile, come si vedrà in seguito; 107

9 se il lavoro aumenta e le ore sono stabili vuol dire che l ufficio fa più lavoro nello stesso tempo. Ovviamente l IEO aumenta: ad esempio se aumenta in ragione del 10% in un ufficio di 10 persone, oppure in ragione del 25% in un ufficio di 4 persone, vuol dire che c è spazio per diminuire l organico di 1 persona. Sembra una contraddizione togliere una persona quando il lavoro aumenta, ma non è così: se l efficienza evolve in questo modo, vuol dire che l ufficio è entrato in un circolo virtuoso e la diminuzione di 1 persona viene rapidamente assorbita e, dopo poco tempo, tutto ricomincia. Inoltre l ufficio acquisisce professionalità in modo misurabile; se il lavoro diminuisce, oppure se c è una perdita di produttività e le ore rimangono stabili, vuol dire che l ufficio fa meno lavoro nel medesimo tempo. L IEO diminuisce e l organico diminuisce in proporzione; potrebbe perfino succedere che le ore derivate siano il doppio delle disponibili. L organico si azzera? Il lavoro si fa da solo? Succede quando un lavoro viene completamente automatizzato e, per quel lavoro e per quelle operazioni, il sistema informatico ha raddoppiato la produttività. Tutto bene, però quelle persone sono state trasferite da un altra parte e hanno aumentato le ore disponibili del nuovo ufficio. L aumento della produttività è proporzionale all aumento delle ore? Probabilmente no, e allora quello che si è guadagnato da una parte si è perso dall altra; ovviamente se, nell esempio di cui sopra, a settembre il lavoro aumenta, l organico potrà tornare a crescere, ma ad una velocità molto più ridotta rispetto alla discesa dello stesso organico a causa della mancanza lavoro. In occasione della crescita del lavoro, tornerà a farsi sentire la professionalità inclusa nel lavoro aggiuntivo: basta fare due conti 108

10 7.3) La variazione del lavoro e la creazione di esuberi La gestione dell organico è più facile in uffici numerosi che in uffici di ridotte dimensioni, perché gli uffici grandi possono fruire di economie di scala, come sostituzione degli assenti, assorbimento di ferie e permessi e casi similari. Ad esempio in un ufficio di 10 persone, per arrivare alla professionalità inclusa e alla conseguente riduzione di organico in ragione di 1 persona, l IEO deve passare da 100 a 110, che è un impresa di media complessità. Invece in un ufficio di 3 persone, l IEO deve passare da 100 a 133, che è un impresa di grande complessità. Per arrivare alla mancanza lavoro, e alla conseguente riduzione di organico in ragione di 1 persona, l IEO di ognuno dei due uffici di cui sopra deve, rispettivamente, passare da 100 a 90 e da 100 a 67: è tutto più facile nel primo ufficio. Conclusione: dal punto di vista della produttività, delle competenze e della regolazione degli organici, gli uffici più grandi sono e meglio è. Si evidenzia, inoltre, una considerazione complessiva molto importante se si esamina la gestione degli organici: per gli operai gli esuberi si contano, per gli impiegati gli esuberi si creano. Qui di seguito è stata fatta una proiezione partendo dalla variazione, positiva o negativa, nella quantità di prodotto mensile per arrivare alla diminuzione di 1 persona in un ufficio di 9 persone. Quindi viene evidenziata: la quantità di prodotto mensile che crea la diminuzione di 1 persona nel caso di lavoro stabile o di lavoro in aumento a parità di ore, per effetto dell avanzamento della professionalità; 109

11 la quantità di prodotto mensile che crea la diminuzione di 1 persona nel caso di lavoro in diminuzione. Tempi & Metodi organico 9 persone ore disponibili mensili = 160 X 9 = 1440 cicli di lavoro al mese = 164 tempo unitario di 1 ciclo = 1440 : 164 = 8,8 ore 1 persona in 1 mese produce 160 : 8,8 = 18 cicli se i cicli mensili passano a = 182 cicli, l organico diminuisce di 1 persona se i cicli mensili passano a = 146 cicli, l organico diminuisce di 1 persona. Il passaggio da 164 cicli a 182 cicli equivale all aumento dell IEO dell 11% perché % = 182. Inoltre % =

12 7.4) Il calcolo degli esuberi Dalle pagine precedenti si è avuta la conferma che la gestione dell organico, mediante la professionalità associata alla produttività, richiede una buona dose di tempo. Questo tempo, per un azienda che oggi è non-concorrenziale, non è certamente disponibile. In tal caso si può anche procedere al contrario, ovvero si può partire dalla creazione degli esuberi per poi arrivare alla acquisizione di competenza e produttività proprio perché si sono tolte ore disponibili e il lavoro è sempre lo stesso. In pratica si gestiscono gli organici per guarire dalle malattie di cui sopra, invece di guarire dalle malattie per poter poi gestire gli organici, nel senso che la diminuzione dell organico obbligherà tutti gli uffici ad abolire i lavori inutili e ad aumentare la produttività. Questo è sempre successo: si può essere certi che, in qualsiasi gruppo di impiegati, se ne viene esonerata una certa percentuale, gli altri impareranno a fare il lavoro degli esclusi in modo sorprendentemente rapido. Nel precedente esempio dell ufficio Tempi & Metodi è stata evidenziata una percentuale dell 11% che, se acquisita dall indice IEO, permette una diminuzione dell organico in ragione di 1 persona su 9 totali: con tale organico, se l IEO passa da 100 a 111 si può risparmiare una persona. E chiaro che quanto più la percentuale è bassa, tanto più è facile che la produzione aumenti o diminuisca quel tanto che basta a far diminuire l organico per professionalità inclusa oppure per mancanza lavoro. Detto in un altro modo, la percentuale rappresenta l aumento del carico di lavoro che devono sostenere le persone che restano per consentire, alle altre persone, di recuperare lavori e competenze utili per l aumento della concorrenzialità aziendale. 111

13 E quanto più la percentuale è bassa, tante più sono le persone che possono venire distolte dall ufficio per fare i lavori aggiuntivi e recuperare le competenze perdute. Abbiamo quindi classificato le variazioni di organico secondo tale percentuale (che chiameremo PRO Percentuale di Regolazione dell Organico), collegando ad ogni classe una differente diminuzione di organico: prima classe PRO da 0% a 5% = - 4 persone seconda classe PRO da 5,1% a 10% = - 3 persone terza classe PRO da 10,1% a 20% = - 2 persone quarta classe PRO oltre 20% = - 1 persona. Illustriamo dettagliatamente il calcolo. La prima classe (da 0% a 5%) è correlata ad uffici generalmente grandi, dove è più facile la regolazione degli organici: negli uffici grandi sono più favorevoli le economie di scala dovute alla dimensione, nonché le sostituzioni degli assenti e quant altro: questa è la regola aurea nella gestione dell organico. La diminuzione dell organico, nella prima classe, è indicata in 4 persone. Che non è certamente poco, ma se si riflette sulla quantità di lavoro aggiuntivo che devono fare le persone che restano, si comprende che è fattibile: non dimentichiamo che la guarigione delle malattie contagiose fornisce un ampia riserva di tempo. A cui si aggiunge la riserva di tempo derivante dalla professionalità inclusa. Si è posizionata una seconda classe (da 5,1% a 10%, diminuzione dell organico di 3 persone) per dare una scalarità sulle percentuali basse, dove è più concentrata la presenza di persone che possono essere adibite ad altri compiti. Ovvero, è necessaria una scalarità nella prima decina della percentuale perché in un ufficio con il 10% le 112

14 difficoltà a coprire le attività lasciate inevase da 4 persone potrebbero rivelarsi insostenibili. La terza classe (da 10,1% a 20%, diminuzione dell organico di 2 persone) presenta una maggiore difficoltà (ma sempre sostenibile) per le persone che restano a coprire le attività lasciate inevase dalle persone destinate ad altri incarichi: per tale motivo la diminuzione è di 2 persone. La stessa considerazione si può fare, in misura maggiore, per la quarta classe (oltre 20%, diminuzione dell organico di 1 persona) che prevede, appunto, la diminuzione di 1 persona per le difficoltà ancora maggiori di sostenibilità del maggior carico di lavoro. 113

15 7.5) La teoria della tattica ortodossa Il re-impiego degli esuberi liberati dall Efficienza Operativa obbedisce, e non potrebbe essere altrimenti, a due imperative condizioni: assegnare, a questi impiegati, dei lavori (aggiuntivi oppure da recuperare) e competenze (aggiuntive oppure da recuperare) che non siano una semplice e deleteria invenzione momentanea, ma che abbiano tutti i crismi da ultima trincea, con le relative difficoltà e soddisfazioni; accertare, in modo approfondito, la possibilità che questi lavori e competenze riescano effettivamente ad aumentare la competitività dell azienda. E chiaro che i lavori e le competenze (che definiamo ex-reimpiego ) non dovrebbero essere moderati da considerazioni di prudenza, di ragionevolezza o di cortesia: se gli impiegati sono chiamati far diventare più competitiva l azienda, è giusto che arrivino in cima a loro stessi. Abbiamo fatto una prova. Si è chiesto ad alcuni manager di alto livello ingegneristico ( ): cosa fareste per migliorare la competitività della vostra azienda?. ( ) oggi, se voglio fare un automobile, una macchina utensile oppure voglio produrre acciaio meglio della concorrenza, è ancora una faccenda di ingegneri. Domani si vedrà. Le risposte sono state le seguenti: 114

16 allineare i documenti tecnici sulle fasi di progettazione, industrializzazione, sviluppo e costruzione; progettare e realizzare attrezzature per la produzione allo stato dell arte ; rafforzare l integrazione e l interfaccia operativa fra progettazione e tooling; attuare progetti per la riduzione dei costi di produzione; sviluppare la produttività dei fornitori. Risposte assolutamente corrette e ragionevoli, risposte sacrosante ma insufficienti. Se sono risposte corrette e ragionevoli, in tutte le aziende concorrenti i manager più sono competenti e più danno risposte uguali o assimilabili. Vuol dire che, se tutte le aziende alzano l asticella, tutto è come prima e chi è condannato resta condannato. Bisogna esplorare un territorio nuovo. Il territorio dell estremismo nella creazione di efficienza. In passato, se non ci fossero stati dei pazzi e dei visionari che si sono scagliati contro il recinto della ragionevolezza e della logica (del momento), alla sera ci troveremmo ancora tutti intorno a un fuocherello a raccontarci, con ampi grugniti, di come abbiamo catturato un cinghiale o trovato un nido di fringuelli. I pazzi e i visionari hanno avuto, generalmente, una vita difficile. Pochi hanno avuto successo. Alcuni sono stati internati in manicomio e altri, più economicamente, sono stati uccisi. Prospettiva poco interessante. 115

17 Però i pazzi hanno avuto bisogno, per realizzare o tentare di realizzare le loro idee, di qualcuno su cui fare affidamento: Marconi avrà avuto bisogno, probabilmente, di un battilastra, di un fabbro oppure di un falegname per costruire la prima radio. I fratelli Wright avranno avuto bisogno di un tappezziere per cucire la tela delle ali del primo aeroplano. Questo tappezziere non ha considerato che l idea di volare, in quel tempo, era effettivamente un idea da pazzi e ha cucito le ali dell aeroplano. Milioni di persone devono molto ai fratelli Wright, ma anche al tappezziere che ha messo in gioco la sua competenza in un idea da pazzi e, anche lui, ha vinto la sua scommessa. Dal momento che, proprio in base alla loro follia, i pazzi erano ottimi pagatori, alcune persone hanno industrializzato le loro idee che alla fine si sono rivelate vincenti. Ecco, questi sono gli eroi sconosciuti del progresso. Se non ci fossero stati questi benemeriti, non ci sarebbe stato il progresso. Non si propone agli impiegati di diventare Marconi o Wright, ma di diventare eroi sconosciuti del progresso. Bisogna essere eroi per scagliarsi contro la logica prevalente. Tale logica ha costruito intorno alle aziende un recinto da cui si può solo uscire, l ingresso è vietato. Però, se si esce solamente, il contenuto interno diminuisce sempre. In questo modo, alla fine, le aziende non possono che im-plodere e qualche virus, molesto perché portatore di dubbi, si insinua fra le pieghe paludate delle ragionevolezza e della logica. La storia non si ripete ma, ogni tanto, è magistra vitae. Gli esempi sono innumerevoli specie in guerra dove, in caso di errori, si muore in parecchi. Anno La tattica ortodossa di combattimento prescriveva di mandare ondate successive e ravvicinate di soldati per conquistare le postazioni nemiche. 116

18 Le fortificazioni tedesche sulle alture della Somme erano semplicemente non-conquistabili. Risultato: un numero di morti inimmaginabile e gli eserciti francese e inglese gravemente menomati nei loro effettivi. Esploriamo il territorio della creazione di efficienza, traendo spunto dalle malattie del lavoro impiegatizio. Le malattie del lavoro impiegatizio, la loro struttura e consistenza ci regalano una prima e sconvolgente considerazione: il nemico principale di un azienda in-competitiva non è la concorrenza, oppure il fisco, oppure i dipendenti che non lavorano abbastanza, bensì la tattica ortodossa. La debolezza dell azienda è il risultato della debolezza organizzativa, non viceversa. La concorrenza arriva dall esterno, ma si nutre all interno delle nostre aziende. E la tattica ortodossa che, letteralmente, toglie il respiro alle aziende. La seconda sconvolgente considerazione è quella per cui i rimedi li abbiamo già, e sono sotto i nostri occhi. I rimedi per guarire dalle malattie non sono piccole azioni all acqua di rose, ma impongono un cambiamento radicale, profondo e feroce nel modo di lavorare degli impiegati. Joffre e Haig, prima della battaglia sotto le colline della Somme, avevano sotto gli occhi tutto quello che serviva: uomini e ogni tipo di armi. Non videro l evidenza e crearono il disastro. C era anche chi era nel giusto e dissentiva dalle loro opinioni. Ovviamente questi ufficiali vennero esonerati perché avevano ragione. Risultato: la distruzione dell Europa. 117

19 Il militarismo del XX secolo ebbe la forza di scatenare due guerre, ma non ebbe la forza di vincerle. La tattica ortodossa di oggi (vado bene = assumo; vado male = licenzio) ha la forza per impoverire di competenza le aziende, ma non ha la forza di farle ri-diventare concorrenziali, con un vantaggio che sia almeno pari al costo dell impoverimento. In ogni caso la risalita di posizioni è lenta rispetto alla rapidità della concorrenza. Con la tattica non ortodossa la velocità e l armonia dell esecuzione sono i fattori dominanti. La velocità nell acquisizione di produttività/competenza e nella gestione degli organici è tarata su di un ritmo mensile, con un ferreo controllo. Stessa configurazione per i re-impieghi: produttività/competenza, gestione degli organici e ferreo controllo. In fondo il dilemma non è licenziare o non licenziare gli impiegati. Dobbiamo invece confrontarci con il dilemma del poker: riusciremo a far lavorare gli impiegati con un livello di efficienza competenza make money genialità in modo da riuscire a far ri-diventare competitiva l azienda? Il poker genera la forza organizzativa che genera la forza dell azienda, che scala posizioni concorrenziali. La concorrenza è forte ma non è invincibile. 118

20 7.6) Il re-impiego degli esuberi E necessario definire le modalità di lavoro degli impiegati exreimpiego. Naturalmente abbiamo già tutto sotto gli occhi. Naturalmente una spolverata di estremismo non fa male. Ri-mettiamo in evidenza tutte le incongruenze e le malattie del modo di lavorare degli impiegati: le chiacchiere informatiche la sindrome delle le riunioni inutili e le collaborazioni inutili la scarsa valorizzazione di make money la scarsa valorizzazione della genialità la scarsa valorizzazione della visibilità la scarsa valorizzazione dell autogoverno la sindrome dell impiegato camminatore la direzione per obbiettivi: una montagna di equivoci la legge sull utilità degli incentivi la sindrome DEPAC. Si può tranquillamente ipotizzare che, se tutte le incongruenze di cui sopra vengono azzerate da parte di tutti gli impiegati, qualsiasi azienda riceve una potente iniezione di competitività. Vediamo ora, in dettaglio, le modalità per la guarigione completa di tutte le malattie del lavoro impiegatizio: chiacchiere informatiche, riunioni inutili, inutili e collaborazioni inutili rappresentano le fortezze del lavoro inutile. Sono utili solo quelle riunioni, mail e collaborazioni che, in modo diretto e proporzionale, hanno come risultato 1 unità aggiuntiva del prodotto dell ufficio. Senza tale finalità, , riunioni e collaborazioni sono solo perdite di tempo; 119

21 make money è un occasione quotidiana di guadagno. E chiaro che anche una fattura o un ciclo di lavoro rappresentano fonti di guadagno, ma non stiamo evidenziando questo genere di azioni. Make money non riguarda documenti ma riguarda le decisioni che creano occasioni di guadagno. Tutti gli impiegati, quotidianamente, prendono decisioni che creano occasioni di guadagno per l azienda. Bisogna gestire tutte queste decisioni in senso statistico per fare in modo che siano, mensilmente, sempre di più e sempre più pesanti. E tutti gli impiegati dovrebbero operare tale statistica per essere poi valutati sul numero e sul peso delle loro decisioni. Si leveranno alti gemiti per lamentare l eventualità di contrapposizioni fra persone e uffici. Cominciamo ad attivare il sistema, poi si faranno le opportune valutazioni. Fare statistiche e valutazioni è più facile che guadagnare soldi. Ma come si possono guadagnare soldi se le procedure interne non favoriscono tale intento? Quindi make money si ottiene con procedure che creano l ambiente adatto; la genialità è un innovazione quotidiana, brillante e risolutiva dei problemi. E un azione per cui il dopo non è più uguale al prima. Genialità non è una definizione altisonante: gli impiegati vedono passare sotto i loro occhi ogni giorno varie occasioni di miglioramento tecnico e gestionale, perché tutto il lavoro dell azienda passa attraverso di loro. Come possono ricercare innovazione e genialità se le procedure interne non favoriscono tale intento? Quindi la genialità si ottiene con procedure che, a favore di essa, creano l ambiente adatto attraverso la statistica. Come per make money, dopo la statistica è l ora della valutazione; la visibilità e l autogoverno sono armi globali a favore della produttività e delle competenze. Conosciamo tutti le ripicche, le piccole gelosie, le invidie reciproche per motivi assolutamente futili che allignano nel mondo impiegatizio e che, piaccia o no, hanno una parte importante nell economia di una giornata di lavoro. La visibilità e l autogoverno 120

22 conferiscono un motivo rispettabile e utile al desiderio latente di far valere le proprie capacità e contribuiscono a far diventare più efficiente la giornata lavorativa; naturalmente la sindrome dell impiegato camminatore non ha più ragione di esistere, se tutti sono impegnati a migliorare il prodotto del proprio ufficio e non il prodotto di altri uffici; parimenti la direzione per obbiettivi non ha ragione di esistere: se raggiungere qualsiasi obbiettivo rappresenta la normalità del lavoro quotidiano, ne consegue che pagare a parte un obbiettivo vuol dire pagare due volte lo stesso lavoro; confermiamo la già citata legge sull utilità degli incentivi: un sistema di incentivazione è utile quando il suo livello di personalizzazione è tale per cui un impiegato può sempre identificare, nell impiegato che lo precede nel flusso lavorativo, la causa della mancata attivazione dell incentivo stesso ; la presenza di tutti dappertutto, sintomo principale della sindrome DEPAC, non ha ragione di esistere in un sistema dove la finalità di ogni ufficio consiste nell aumento di produttività e competenze nell ufficio stesso, non altrove. In conclusione, riteniamo che sia innegabile la constatazione per cui il miglioramento del modo di lavorare degli impiegati, come sopra descritto, rappresenta uno stimolo molto importante verso una più forte posizione concorrenziale. 121

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Informazioni, riflessioni e spunti sui temi del management e della gestione d impresa 03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Sommario:

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PIANO ECONOMICO. G & R Griscenko

PIANO ECONOMICO. G & R Griscenko PIANO ECONOMICO G & R Griscenko Piano Economico Kingdom Pro - Gold Edition Il Piano Economico riporta in dettaglio la reale possibilità di creare una nuova azienda dedicata al trading, una azienda che

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

2. Descrizione del progetto imprenditoriale

2. Descrizione del progetto imprenditoriale 1. Premessa L idea imprenditoriale che sta alla base di questo business plan è la creazione di un software contabile finalizzato esclusivamente per l apprendimento dell economia aziendale. La missione

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Marghera 14 novembre 2003 Intervento del Sig. GIANCARLO DE LAZZARI A. D. di BERENGO SpA - Marghera SICUREZZA: Da costo a fattore competitivo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen

La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen La Posta svizzera SecurePost SA, Oensingen Il datore di lavoro Richard Mann Circa un anno e mezzo fa, nell ambito del progetto Integrazione di persone disabili presso la Posta, abbiamo assunto una nuova

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015 1 La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale Bologna 1 marzo 2015 2 L'AIM Italia (Alternative Investment Market) è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

TERZINE IN SESTINA FIGURE DI 2. Alla compagna di coppia

TERZINE IN SESTINA FIGURE DI 2. Alla compagna di coppia TERZINE IN SESTINA FIGURE DI 2 Alla compagna di coppia Ho sempre pensato che per vincere alla roulette sia necessario fare un gioco su molte partite brevi, che abbiano una buona percentuale di chiusura

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE 1 Indice 1. Premessa 2. Obiettivo 3. Le competenze del profilo ideale Competenze 3.1. Età ed esperienza 3.2. Le reali competenze

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Il funzionamento di prezzipazzi, registrazione e meccanismi

Il funzionamento di prezzipazzi, registrazione e meccanismi Prima di spiegare prezzipazzi come funziona, facciamo il punto per chi non lo conoscesse. Nell ultimo periodo si fa un gran parlare di prezzipazzi ( questo il sito ), sito che offre a prezzi veramente

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA

LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA Prof. Marco Grumo (Docente università Cattolica del sacro Cuore di Milano e Responsabile scientifico del corso di alta formazione

Dettagli

IMPARARE A GESTIRE LE COPPIE. Quando ci viene servita una coppia di carte uguali dal dealer. è sempre un bel momento, ma non sempre si è in grado di

IMPARARE A GESTIRE LE COPPIE. Quando ci viene servita una coppia di carte uguali dal dealer. è sempre un bel momento, ma non sempre si è in grado di IMPARARE A GESTIRE LE COPPIE Quando ci viene servita una coppia di carte uguali dal dealer è sempre un bel momento, ma non sempre si è in grado di dare il giusto valore alle carte in nostro possesso, tendendo

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Strana Italia in rete

Strana Italia in rete Strana Italia in rete Giancarlo Livraghi aprile 2007 Questa è la prima parte del numero 80 della rubrica Il mercante in rete http://gandalf.it/mercante/merca80.htm Tutte le statistiche sono sempre discutibili.

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A

COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tecnica PROBLEMA: COME SVILUPPARE LA TRASMISSIONE DELLA PALLA NELLA CATEGORIA PICCOLI AMICI (5-8 ANNI)? ECCO LA SOLUZIONE A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

DAILY 27.02.2015. venerdì 27 febbraio 2015-1 -

DAILY 27.02.2015. venerdì 27 febbraio 2015-1 - DAILY 27.02.2015 venerdì 27 febbraio 2015-1 - Oro, strumento di copertura Ieri abbiamo visto ancora un super Dollaro nonostante i dati sull inflazione particolarmente tranquilli e richieste di sussidio

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA

LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile,

Dettagli

La natura è governata da modelli... Prendere le maree per esempio. Ogni giorno oceani e mari danno alte e basse maree, provocate dall'attrazione

La natura è governata da modelli... Prendere le maree per esempio. Ogni giorno oceani e mari danno alte e basse maree, provocate dall'attrazione La natura è governata da modelli... Prendere le maree per esempio. Ogni giorno oceani e mari danno alte e basse maree, provocate dall'attrazione gravitazionale del sole e della luna. Finché la terra continua

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità ***

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** 1 - Premessa: La società come fattore di rischio L estensione dei tipi di contratti assicurativi ai rischi più disparati, ha trasformato la

Dettagli

Ricaricare le Cartucce sulle nuove HP Photosmart

Ricaricare le Cartucce sulle nuove HP Photosmart Ricaricare le Cartucce sulle nuove HP Photosmart cartuccie 364 HP Ecco i modelli di Stampanti sulle quali è possibile la procedura di Ricarica delle Cartucce senza perdere molto in termini di qualità di

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE QUI VENDO?

PERCHE SCEGLIERE QUI VENDO? PERCHE SCEGLIERE QUI VENDO? 1 PERCHE' APRIRE 01 E un servizio H24 che non impiega il tempo dei tuoi collaboratori, rispondendo alle esigenze dei tuoi clienti,ed ampliando il tuo mercato. PER RISPARMIARE

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Il progetto Circe Time Il progetto Circe-Time è quello che letteralmente riguarda il momento del cerchio. Il cerchio è uno dei rituali più importanti

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo B. Russell - Cles (TN) Classe 3D Insegnante di riferimento: Claretta Carrara Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Alessio, Christian, Carlo, Daniele, Elena, Filippo, Ilaria,

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli