Misure e ruolo della felicità nel benessere degli individui

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misure e ruolo della felicità nel benessere degli individui"

Transcript

1 - DPSS - Università degli Studi di Padova Misure e ruolo della felicità nel benessere degli individui Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze Politiche - CLM Sociologia Università di Padova Anno accademico 2010/2011

2 Introduzione Il caso del Bhutan Nel 1972 il re Jigme Singye Wanchuk decise che in Bhutan per misurare il progresso ed il benessere del paese: Al posto del Prodotto Interno Lordo... sarebbe stata usata la «Felicità Nazionale Lorda» Nella stessa data fu varato un piano quinquennale così descritto dal re: «Se al termine di questo periodo la nostra gente non è più felice di ora, allora sapremo che abbiamo fallito!» 2

3 Il caso del Bhutan Quattro principi hanno caratterizzato questi interventi: Introduzione di criteri democratici e di buon governo Inclusa la riduzione dei poteri del re. Sviluppo socioeconomico stabile ed equo Il governo rinuncia ad una rapida ed immediata crescita al fine di assicurare una crescita lenta ma duratura. I frutti vanno condivisi (istruzione pubblica e copertura medica gratuite per tutti). 3

4 Il caso del Bhutan Protezione dell ambiente Riduzione delle ambizioni di crescita economica al fine di preservare la bellezza dell ambiente per le future generazioni. In particolare, sono state preservate gran parte delle foreste. Difesa della cultura Il governo si impegna a preservare i tratti distintivi della cultura tradizionale del Bhutan. Vengono promossi valori come il volontariato, la cooperazione, la tolleranza ed un buon bilanciamento tra famiglia, lavoro e tempo libero. 4

5 Il caso del Bhutan Questi principi non sono rimasti vaghi e qualitativi. Oggi in Bhutan esistono 72 diversi indicatori utilizzati per misurare il miglioramento ottenuto su ciascuno di questi obiettivi. Risultati ottenuti (nel 1972 il Bhutan era uno dei paesi più poveri al mondo): Oggi il reddito lordo pro-capite supera quello dell India. L aspettativa media di vita era 43 anni nel 1982, ora è pari a 66 anni. Le morti di neonati sono diminuite da 163 ogni nascite a 40. L alfabetizzazione è passata da 10% nel 1982 a 66% oggi. 5

6 Il caso del Bhutan Secondo dati della Banca Mondiale la qualità del governo non è ai livelli dei paesi occidentali, ma è cresciuta costantemente ed è ora superiore a quella di Cina e India. Tuttavia, non tutto è perfetto nemmeno in Bhutan! Diversi obiettivi possono essere in conflitto e richiedono di decidere cosa sacrificare. ESEMPIO: per promuovere la salute, il rispetto dell ambiente e l equità il governo ha ridotto le libertà individuali. Fumare è proibito, così come le cure mediche private. C è un codice di abbigliamento e anche per lo stile dei fabbricati. In nome dell unità culturale è stata sacrificata la libertà della minoranza Nepalese. 6

7 Il caso del Bhutan Il Bhutan resta ad oggi l unico paese al mondo che ha adottato ufficialmente la felicità delle persone come misura del benessere nazionale. Nonostante alcune scelte discutibili, la crescita ottenuta è stata sostanziale. Non potevano seguire l esempio di nessuno e questa storia resta un caso di studio affascinante. Nel 2009, David Cameron, oggi premier in Inghilterra, ha dichiarato «dovremmo pensare non solo a ciò che è giusto fare per mettere più soldi in tasca ai cittadini, ma cosa è giusto fare per mettere gioia nei loro cuori». 7

8 La felicità come obiettivo di una nazione Da sempre la felicità dei cittadini è stata considerata come un obiettivo che chi governa deve perseguire: La costituzione francese afferma: «L obiettivo della società è la felicità dei cittadini». La costituzione americana promuove: «La ricerca della felicità». Bentham (1781) ha affermato che: «l obiettivo superiore del governare dovrebbe essere quello di assicurare la più grande felicità al più alto numero di persone massimizzando il piacere e minimizzando il dolore». Il problema è che ne Bentham ne i suoi successori erano in grado di suggerire una metodologia per misurare la felicità. 8

9 Misurare la felicità Negli ultimi 35 anni, economisti e psicologi hanno cercato di superare il problema della misurazione della felicità ed hanno ottenuto discreti successi in questo senso: Per farlo hanno chiesto direttamente alle persone: Quanto piacevoli o spiacevoli trovano specifiche attività svolte durante la giornata. Quanto sono soddisfatte delle condizioni generali della vita che stanno conducendo. 9

10 Cambiamento della felicità nel tempo Questi studi hanno permesso di raggiungere numerose conclusioni, ma quattro sono le più interessanti: Il livello medio della felicità (negli USA) è cresciuto molto poco negli ultimi 50 anni nonostante una crescita sostanziale dei redditi pro-capite (es., Easterlin, 1974; 2005). I ricchi sono generalmente più felici dei poveri. Cittadini di nazioni più ricche sono spesso più felici di cittadini di nazioni povere. Le percentuali di americani «molto» o «abbastanza» felici (e quella dei «non troppo» felici) non sono cambiate significativamente in 50 anni. 10

11 Previsione della felicità futura Le persone sono particolarmente scarse a prevedere ciò che le renderà felici (Kahneman & Thaler, 2006; Gilbert, 2006). Facciamo fatica a prevedere quanto a lungo saremo influenzati da comuni eventi (sia positivi sia negativi). Oppure da cambiamenti avvenuti nelle nostre vite. Le persone attaccano troppo valore ai cambiamenti immediati della loro felicità e sottovalutano la rapidità con cui sanno adattarsi agli eventi. Molti pensano che la più grande differenza nella loro vita sarebbe quella di avere più soldi. Hedonic treadmill: aumentano i salari ci abituiamo, vogliamo altri aumenti e siamo insoddisfatti! 11

12 Percezione dell ineguaglianza Nonostante un aumento delle differenze tra redditi alti e bassi negli ultimi anni gli americani non sono più insoddisfatti che in passato (Alesina, DiTella & MacCulloch, 2004). Fasce della popolazione che percepiscono un reddito inferiore non sono meno contente rispetto al passato quando la differenze con i «benestanti e ricchi» era inferiore. Gli unici ad essere scontenti dell aumento dell ineguaglianza nei salari sono proprio i ricchi! (Veenhoven, 2005). 12

13 Interventi governativi e felicità Riguardo ad interventi del governo in ambito di social welfare (pensioni, sanità e cassa integrazione pubbliche) non c è correlazione tra la percentuale di prodotto interno lordo destinata a questi scopi e la felicità, salute e longevità della popolazione (Veenhoven, 2000). Svezia e Danimarca hanno un welfare state molto generoso e i propri cittadini sono tra i più felici del mondo... Tuttavia, tra i popoli più felici ci sono anche islandesi e svizzeri i cui governi destinano ai programmi pubblici una percentuale pari ad un terzo di quella svedese e danese. Ovviamente Veenhoven si aspettava di trovare un effetto della spesa pubblica sulla felicità! 13

14 Relazione tra reddito e felicità Molto felice Abbastanza felice Non troppo felice Livello di soddisfazione in relazione al quartile di reddito (dati dal 1975 al 1992) Primo quartile Secondo quartile Terzo quartile Quarto quartile 40.78% 34.80% 29.46% 24.07% 53.14% 56.22% 58.02% 56.04% 6.08% 8.98% 12.52% 19.88% Fonte: Di Tella, MacCulloch & Oswald (2003) 14

15 Relazione tra reddito e felicità Come detto, abitanti di paesi più ricchi sono anche più felici (Deaton, 2007). s 15

16 Relazione tra reddito e felicità Come detto, abitanti di paesi più ricchi sono anche più felici (Deaton, 2007). s 16

17 Relazione tra reddito e felicità Il problema è che la felicità non sembra essere collegata all aumento del reddito quando vengono condotte analisi longitudinali all interno di singole nazioni. Una caratteristica di queste misurazioni rispetto a quelle viste in precedenza è la mancanza di un termine di paragone. Ricchi e poveri possono confrontarsi, ma è difficile confrontare la propria felicità con quella delle generazioni precedenti. Questa analisi vale per USA, Svizzera e Norvegia. La felicità è diminuita nel tempo in UK, Austria, Belgio e Germania Ovest. In altri paesi, inclusa l Italia è aumentata (anche in America Latina e Europa dell Est, ma in questi casi ci sono stati cambiamenti radicali). 17

18 Relazione tra reddito e felicità Veenhoven e Hagerty (2006) suggeriscono una spiegazione metodologica per la mancata crescita della felicità in nazioni come gli USA: Mentre la crescita del benessere economico non ha un limite superiore (si può sempre fare meglio)... la felicità è misurata su una scala, quindi nazioni dove il risultato è già nella parte superiore della scala tendono a crescere meno a causa di questo limite («effetto soffitto»). Servono quindi delle serie storiche più lunghe di quelle attuali per capire se la felicità sta aumentando o meno. Resta il fatto che questi aumenti nella felicità soggettiva non sono coerenti con i miglioramenti del benessere economico (diminuzione dell utilità marginale?). 18

19 Relazione tra reddito e felicità Quindi nei paesi ricchi, c è una differenza tra diversi strati della società ma non tra diverse generazioni: Una possibile spiegazione è che l aumento generale della ricchezza abbia fatto aumentare la felicità ma che questo aumento sia stato annullato da altri cambiamenti come: Aumento dei divorzi. Aumento nell uso di droghe. Aumento della disoccupazione. Ecc. Tuttavia, la ricerca ha mostrato che l aumento della ricchezza è stato tale da poter battere l effetto di altri fattori che potrebbero ridurre la felicità (Di Tella & MacCulloch, 2008). 19

20 Relazione tra reddito e felicità Altri autori hanno proposto una spiegazione basata sul fatto che negli ultimi 30 anni in USA i salari sono aumentati principalmente per il 20% più ricco della popolazione. Essendosi arricchita solo una piccola parte della popolazione questo potrebbe aver contrastato un aumento della felicità su scala generale. Tuttavia, non è aumentato il gap di felicità tra ricchi e poveri! 20

21 Relazione tra reddito e felicità Infine, si può anche ipotizzare una spiegazione basata sul concetto di punto di riferimento (Luttmer, 2005). E possibile che le persone siano più felici quando ottengono un aumento del salario. Questo effetto però sarebbe influenzato da ciò che accade agli altri. Se altri parenti, amici, colleghi ottengono un aumento di salario allora non ci sarà nessun aumento di felicità. La felicità sarebbe influenzata dalla posizione relativa degli individui nella società (meglio di altri) piuttosto che dalla loro situazione oggettiva (più ricchi). 21

22 Relazione tra reddito e felicità Un altro aspetto importante della relazione tra reddito e felicità è quello relativo alla tendenza delle persone a credere che diventare ricche le renderà più felici. Ancora oggi, in USA, il 70% degli studenti universitari del primo anno ritengono che «fare soldi» sia uno degli obiettivi più importanti nella vita (Bok, 2010). In effetti i ricchi sono più felici, quanto meno perché possono dire di aver realizzato i propri obiettivi. 22

23 Relazione tra reddito e felicità Studi condotti da psicologi hanno mostrato che l ambizione di diventare ricchi produce maggiore infelicità e delusione (Kasser & Kanner, 2003). Una spiegazione potrebbe essere che molte di queste persone non riescono a realizzare la loro ambizione. Coloro che diventano ricchi potrebbero essere così focalizzati sul fare soldi da trascurare altri fattori della vita altrettanto importanti per essere felici. Inoltre, la felicità di queste persone potrebbe durare poco a causa della tendenza ad adattarsi alla nuova condizione («hedonic treadmill»). Risultati diversi sono stati trovati da Nickelson et al. (2003). Coloro che hanno l ambizione di fare molti soldi non sarebbero particolarmente infelici. 23

24 Variabili demografiche e felicità Anche altre variabili demografiche sembrano avere un peso relativo sulla felicità. L età, ad esempio, tende ad influenzare la felicità secondo una curva ad U, ma le differenze possono essere molto modeste. La felicità tende a scendere dall adolescenza fino a verso i 40 anni... poi gradualmente aumenta nuovamente verso l età avanzata (ovviamente controllando per l effetto delle differenze nella salute). 24

25 Variabili demografiche e felicità 25

26 Variabili demografiche e felicità Anche il genere sessuale sembra influenzare in modo relativo la felicità (Stevenson & Wolfers, 2009): Le donne caucasiche sono leggermente più soddisfatte degli uomini caucasici ma la differenza è andata diminuendo nel tempo. Ovviamente, questi risultati sono piuttosto sorprendenti visto che negli ultimi decenni le donne hanno oggettivamente ottenuto delle conquiste sociali che avrebbero dovuto migliorarne il benessere. Potrebbe essere un effetto del conflitto tra le ambizioni lavorative e gli impegni legati alla famiglia. 26

27 Variabili demografiche e felicità 27

28 Variabili demografiche e felicità 28

29 Variabili demografiche e felicità 29

30 Variabili demografiche e felicità La razza invece sembra avere un chiaro effetto sulla felicità. Gli afro-americani sono decisamente meno felici dei caucasici, nonostante la differenza si sia ridotta di metà negli ultimi tre decenni. Questa differenza si riduce però con l età. Nel caso degli afro-americani non ci sono differenze tra maschi e femmine. 30

31 Altre fonti di felicità In genere, le ricerche condotte hanno trovato che, a parte disposizioni di personalità, ci sono sei fattori che sembrano avere il massimo impatto sulla benessere soggettivo: Matrimonio. Relazioni sociali. Impiego. Salute percepita. Religione. Qualità del governo. 31

32 Altre fonti di felicità In genere, le ricerche condotte hanno trovato che, a parte disposizioni di personalità, ci sono sei fattori che sembrano avere il massimo impatto sulla benessere soggettivo: Matrimonio. Relazioni sociali. Impiego. Salute percepita. Religione. Qualità del governo. 32

33 Altre fonti di felicità In genere, le ricerche condotte hanno trovato che, a parte disposizioni di personalità, ci sono sei fattori che sembrano avere il massimo impatto sulla benessere soggettivo: Matrimonio. Relazioni sociali. Impiego. Salute percepita. Religione. Qualità del governo. 33

34 Altre fonti di felicità In genere, le ricerche condotte hanno trovato che, a parte disposizioni di personalità, ci sono sei fattori che sembrano avere il massimo impatto sulla benessere soggettivo: Matrimonio. Relazioni sociali. Impiego. Salute percepita. Religione. Qualità del governo. 34

35 Altre fonti di felicità In genere, le ricerche condotte hanno trovato che, a parte disposizioni di personalità, ci sono sei fattori che sembrano avere il massimo impatto sulla benessere soggettivo: Matrimonio. Relazioni sociali. Impiego. Salute percepita. Religione. Qualità del governo. 35

36 Altre fonti di felicità In genere, le ricerche condotte hanno trovato che, a parte disposizioni di personalità, ci sono sei fattori che sembrano avere il massimo impatto sulla benessere soggettivo: Matrimonio. Relazioni sociali. Impiego. Salute percepita. Religione. Qualità del governo. 36

37 Altre fonti di felicità Matrimonio: Persone sposate tendono a vivere più a lungo. Hanno minore probabilità di essere depresse, di suicidarsi o di avere problemi di salute. Tuttavia, spesso le unioni migliori si giovano del fatto che i coniugi, soprattutto giovani, sono più felici fin da prima di sposarsi. Non è chiaro quanto a lungo durino gli effetti benefici del matrimonio sul benessere percepito. Alcune ricerche mostrano effetti a lungo termine (Frey, 2008), ma la maggioranza suggerisce che l effetto duri solo 2 o 3 anni dopo il matrimonio (Clark, 2006). 37

38 Altre fonti di felicità Qual è l effetto di avere figli? Alcuni dati mostrano che coppie che decidono in modo consapevole di non avere figli sono tanto felici quanto quelle che hanno figli. Altri studi suggeriscono addirittura che avere figli induce un aumento delle tensioni, della depressione e dello stress emozionale rispetto a coppie senza figli. Gilbert (2006) mostra che avere figli produce una riduzione della felicità che dura fino alla loro adolescenza e si riduce progressivamente dopo che escono di casa e nascono dei nipoti. Esistono però anche dati contrari (Glenn & McLannahan, 1981; Nomaguchi & Milkie, 2003). 38

39 Altre fonti di felicità Relazioni sociali: Sia persone introverse sia persone estroverse affermano di essere più felici quando sono in compagnia rispetto a quando sono da sole. Relazioni sociali ed altre relazioni con le persone sono il fattore che contribuisce maggiormente alla percezione di benessere (Diener & Biswas-Diener, 2008). In particolare, sembra importante il ruolo di un amicizia molto stretta (anche se non ha lo stesso impatto di un coniuge quando il matrimonio funziona; Demir & Lesley, 2007). Come per il matrimonio anche le amicizie sono un supporto nei momenti di difficoltà. 39

40 Altre fonti di felicità Impiego: I primi dati suggerivano una scarsa relazione della soddisfazione lavorativa con il benessere generale di una persone. Dati più recenti invece mostrano che la soddisfazione sul lavoro correla con una maggiore felicità. Ancora una volta la direzione della relazione è però incerta. Sicuramente, persone più felici sanno trarre maggiore soddisfazione dal proprio lavoro. Helliwell et al. (2008) hanno mostrato che la fiducia nella dirigenza ha un effetto sulla felicità significativamente superiore rispetto allo stipendio. 40

41 Altre fonti di felicità Impiego: Più chiara è la situazione quando si analizza la condizione di perdita del lavoro. In questi casi le persone tendono a soffrire di una prolungata situazione di stress (Clark & Oswald, 1994; Winkelmann & Winkelmann, 1998). Perdere il lavoro può incidere per almeno 6 punti su una scala di 100 punti (0 = per niente soddisfatto della vita). Coloro che perdono il lavoro hanno più probabilità di suicidarsi, essere depressi o abusare di alcol e droghe. Certamente c è un effetto dovuto alla perdita dello stipendio, ma molto più importante è risultata la perdita di autostima e la paura di perdere il rispetto altrui. Non basta quindi fornire ingenti benefits economici. 41

42 Altre fonti di felicità Salute percepita: Una differenza del 20 percento nella percezione di quanto si è in salute può portare ad una riduzione del 6% della felicità. Inoltre, le valutazioni dei medici sembrano correlare in modo molto modesto con la felicità dei loro pazienti (Okun & George, 1984). La differenza potrebbe essere dovuta al fatto che la salute percepita include anche altri fattori come: stress. isolamento sociale. depressione. 42

43 Altre fonti di felicità Salute percepita: Un risultato sorprendente che emerge dalla percezione della propria salute è quanto rapidamente le persone riescano a superare situazioni di grave malattia o disabilità. Anche coloro che rimangono quadriplegici a causa di incidente recuperano il loro livello di felicità precedente in circa un anno (Brickman et al., 1978; Riis et al., 2005). Non è così per chi soffre per: dolori cronici depressione AIDS o cancro Il fatto è che queste patologie ricordano costantemente al paziente la sua condizione, mentre in altri casi prima dell incidente vengono sopravvalutati alcuni aspetti. 43

44 Altre fonti di felicità Religione: I credenti riportano un grado di felicità superiore ai non credenti. Questo in parte dipende dal fatto che la religione permette di entrare in una comunità sociale che garantisce delle relazioni con altri individui. Indipendentemente di ciò, una forte convinzione religiosa può portare a guadagnare fino a 3,5 punti percentuali nella scala del benessere soggettivo (Layard, 2005). La religione permette alle persone di credere che la loro vita e il loro lavoro hanno un preciso scopo che ne aumenta il valore anche durante le difficoltà. 44

45 Altre fonti di felicità Qualità del governo: Molti dati sostengono l importanza di questa variabile sulla felicità delle persone, ed in particolare l effetto dovuto al fatto di vivere in una democrazia. Le democrazie con i più alti valori di benessere e felicità sono quelle in cui questa forma di governo è presente da almeno 80 anni. Paesi dell est europeo hanno sperimentato un decremento del benessere percepito appena insediata la democrazia e successivamente un inversione di tendenza (Inglehart et al., 2008). La libertà economica è particolarmente importante nei paesi poveri. La libertà individuale è invece più rilevante nei paesi ricchi. 45

46 Altre fonti di felicità Anche partecipare ad attività di volontariato produce un aumento della felicità (Frey & Stutzer, 2005). Dunn et al. (2008) hanno chiesto a due gruppi di persone di spendere una somma di soldi (consegnata loro dagli sperimentatori) durante la giornata. Il primo gruppo doveva spendere i soldi per pagare bollette, fare la spesa o farsi un regalo. Il secondo gruppo doveva spendere soldi comprare un regalo per un altra persona o per fare una donazione. Ad alcuni è stata data una somma di $5 ad altri una somma di $20. 46

47 Emozione come guida per la decisione Risultati: 1 Diff happiness Spende per sè 47 Spende per altri

48 Confronto tra nazioni Nazione Valutazione della propria vita 1. Danimarca Finlandia Svizzera Olanda Norvegia Svezia Australia Canada Nuova Zelanda Belgio 7.26 Gli Stati Uniti sono al 15 posto (7.11); l Italia è al 18 posto (6.85) Scala a 11 punti (0-11): 0 = Insoddisfazione assoluta; 5 = Indifferente; 11 = Soddisfazione assoluta 48

49 Confronto tra nazioni Ci sono scale diverse che misurano altri aspetti che influenzano la felicità ed il benessere. In generale, le nazioni scandinave, la Svizzera e l Olanda sono le nazioni in cima alla lista. Incoraggiante è il gran numero di persone in tutto il mondo (avanzato) che affermano di essere «molto» o «abbastanza» soddisfatte della propria vita. In particolare, in quasi nessuna nazione la soddisfazione media è inferiore al punto medio della scala (ovverosia inferiore a 5). 49

50 Confronto tra nazioni Nazione Benessere soggettivo x Aspettativa di vita 1. Svizzera Islanda Costa Rica Canada Danimarca Svezia Lussemburgo Irlanda Olanda Norvegia 57.5 Gli Stati Uniti sono al 14 posto (56.9); l Italia è al 17 posto (54.6) Dati dei primi anni 90 50

51 Confronto tra nazioni Ci sono scale diverse che misurano altri aspetti che influenzano la felicità ed il benessere. In generale, le nazioni scandinave, la Svizzera e l Olanda sono le nazioni in cima alla lista. Incoraggiante è il gran numero di persone in tutto il mondo (avanzato) che affermano di essere «molto» o «abbastanza» soddisfatte della propria vita. In particolare, in quasi nessuna nazione la soddisfazione media è inferiore al punto medio della scala (ovverosia inferiore a 5). 51

52 Confronto tra nazioni Verrebbe però da chiedersi come mai così tante persone sono felici nonostante ci sia 1 miliardo di persone che vivono con meno di 1$ al giorno e un altro miliardo di persone che sono sotto il livello di sussistenza minimo. La probabile spiegazione è che le persone hanno una tendenza all ottimismo e all essere felici rafforzata dalla loro abilità di adattarsi anche a situazioni molto difficili. 52

53 Campionamento di esperienze Tutti i dati visti fino ad ora sono stati raccolti chiedendo alle persone quanto sono soddisfatte della loro vita in generale (benessere percepito). Altri ricercatori hanno chiesto alle persone di giudicare quanto si sentono felici in diversi momenti della giornata. In generale, le persone riportano di essere felici mentre stanno facendo le attività più diverse... In media solo il 34% delle persone risponde di essere infelice in un particolare momento della giornata. 53

54 La maggioranza delle esperienze che danno piacere avvengono al di fuori della sfera lavorativa: Relazioni intime, socializzazione, cene, sport, pregare, ecc.... Durante le attività giornaliere la maggior parte delle persone vive il lavoro come stressante o monotono... Lo stress e la negatività del lavoro sono aumentati nel tempo: Dal 1955 al 1991 la percentuale di americani che preferisce il tempo libero al lavoro è passata da 49% a 68%. Fonte: Kahneman, Krueger, Schkade, Schwarz (2004).

55 Campionamento di esperienze La maggior parte delle ricerche che hanno utilizzato il campionamento di esperienze hanno permesso di confermare i risultati relativi all effetto di specifici fattori sul benessere percepito: Fattori come: matrimonio, reddito, qualità del governo, ecc. In particolare, è stato possibile dimostrare che le differenze di benessere percepito legate al reddito sono piuttosto basse. Passare la notte insonne ha molto più effetto sulla felicità provata il giorno dopo rispetto ad avere pochi soldi. 55

56 Campionamento di esperienze In altri casi, però, i risultati ottenuti con il campionamento di esperienze non coincidono con quelli ottenuti misurando il livello generale di benessere della propria vita. ESEMPIO: Quando si chiede il grado di soddisfazione generale persone sposate affermano di essere più felici di persone divorziate o single. Questo risultato si inverte quando la misurazione viene fatta attraverso il campionamento di esperienze (ovverosia facendo la media della felicità registrata per i diversi eventi campionati). Come mai i risultati sono diversi? 56

57 Campionamento di esperienze Una spiegazione può derivare dalla tendenza delle persone a sopravvalutare l importanza di alcuni fattori quando viene loro chiesto di dare una valutazione globale. Chi non è sposato potrebbe sopravvalutare l effetto dell essere solo in confronto con chi non lo è... Nel del campionamento di esperienze le risposte sono legate maggiormente a situazioni specifiche ed è più difficile che ci sia la sopravvalutazione di fattori ritenuti «importanti» da un punto di vista globale. In questo caso, non saranno più sottovalutati il piacere di avere più tempo per stare con gli amici ed il fastidio di occuparsi di faccende domestiche! 57

58 Conclusione: come trarre beneficio da queste ricerche? I risultati sembrano mostrare, tra le molte cose, che persone più felici tendono ad essere di maggiore aiuto agli altri e a trarre soddisfazione dal comportamento altruista e dal cooperare. L ostacolo al raggiungimento di un mondo in cui tutti sono felici ed aiutano il prossimo è soprattutto dato dal fatto che le persone sono piuttosto scarse nel capire ciò che le renderà felici. Cosa dovrebbero fare coloro che gestiscono la cosa pubblica? Accettare l opinione della maggioranza, anche se potrebbe essere sbagliata? In caso contrario, come sviluppare delle condizioni che permettano di raggiungere una maggiore felicità? 58

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ!

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! Indagine AstraRicerche e Manageritalia (aprile 2015) Enrico Pedretti direttore marketing Manageritalia MILANO 24 NOVEMBRE 2015 L INDAGINE Manageritalia, con

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Il suicidio (1898) di Émile Durkheim (1858-1917) Esamina delle statistiche senza fare ricerche dirette Prima classificazione: psicologica 1. Maniacale allucinazioni

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria. (Indipendenza finanziaria)

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN

LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN Definizione di welfare state: welfare state è uno stato nel quale il potere organizzato è deliberatamente utilizzato nello sforzo di modificare il gioco

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD Cariati, il 6 ottobre 2012 OSSERVAZIONI SUL PROGETTO Accoglienza temporanea nelle famiglie italiane TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi

I giovani non demordono e cercano di resistere e di adattarsi Giovani e lavoro Data: 31 luglio 2012 La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di

Dettagli

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net CENTRO STUDI GILDA DD Dossier Docenti Presentazione Dossier Docenti (DD) intende raccogliere e divulgare in modo sintetico e snello una serie di dati e/o informazioni relativi alla scuola ed ai docenti

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI Gilda Nazionale Degli Insegnanti Via Salaria, 44 00138 Roma Tel. 068845005 095 fax. 0684082071 www.gildains.it

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Social Watch: Italia al 72 posto

Social Watch: Italia al 72 posto Social Watch: Italia al 72 posto E' dietro a Grecia, Slovenia, Cipro e Repubblica Dominicana secondo l Indice calcolato nell ultimo rapporto della rete internazionale. Anche i paesi poveri possono raggiungere

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Capitolo 7. Comportamento prosociale

Capitolo 7. Comportamento prosociale Capitolo 7 Comportamento prosociale 1 Argomenti Origini del comportamento prosociale Apatia dello spettatore Determinanti del comportamento di aiuto 2 Cos è il comportamento prosociale? Comportamento prosociale:

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 4 L equilibrio del mercato del lavoro Applicazioni di politica economica: trattenute in busta paga e sussidi 1 Effetti di una politica governativa che sposti la curva

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Women of Tomorrow. Il carrello rosa. Milano, dicembre 2011

Women of Tomorrow. Il carrello rosa. Milano, dicembre 2011 Il carrello rosa Milano, dicembre 2011 La voce delle donne in 21 paesi 3.421 interviste nei PAESI SVILUPPATI U.S. Canada Italy D Germany France Sweden South Korea U.K. Spain Turkey Thailand Mexico Brazil

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA (degli adulti, dei giovani di 12-17 anni e dei bambini di 6-11 anni) Presentazione dei risultati Parma, 6 maggio 2004 S. 04029-30 Premessa Nelle pagine seguenti vengono presentati

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Studio sui cambiamenti nella depressione, nella fragilità emotiva e nei meccanismi di difesa

Studio sui cambiamenti nella depressione, nella fragilità emotiva e nei meccanismi di difesa Studio sui cambiamenti nella depressione, nella fragilità emotiva e nei meccanismi di difesa Dal 1998 al 2005 Attivecomeprima ha realizzato, in tempi diversi, due studi per valutare con metodi quantitativi

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 1 La valutazione L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 Esiti occupazionali a 24 dalla partecipazione Vengono qui riassunti i risultati della

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI Rapporto GIOVANI E LAVORO La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di realizzare

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

La cooperazione italiana è. Fuori classe. Certificata inadeguata per quantità

La cooperazione italiana è. Fuori classe. Certificata inadeguata per quantità La cooperazione italiana è Fuori classe Certificata inadeguata per quantità 1,2 Biglietto da visita dell Italia Rapporto APS/PIL nel 2010 1 gap = 5 mld 08 0,8 0,6 0,51% Italia = 0,15% 0,4 0,28% 02 0,2

Dettagli

Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea

Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea Forum sulla Non Autosufficienza Bari, 5 giugno 2013 Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea Jacopo Bonan, PhD Dipartimento di Economia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

1300 PERSONE 60% 30% nello scorso anno hanno chiesto consulenza al servizio Consulenza Debitori Caritas. le cause di questi indebitamenti sono

1300 PERSONE 60% 30% nello scorso anno hanno chiesto consulenza al servizio Consulenza Debitori Caritas. le cause di questi indebitamenti sono Devi affrontare un sovraindebitamento crescente? Non sai più cosa fare? non vergognarti a chiedere aiuto! 1300 PERSONE 60% nello scorso anno hanno chiesto consulenza al servizio Consulenza Debitori Caritas

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

La salute ai tempi della crisi

La salute ai tempi della crisi La salute ai tempi della crisi Giuseppe Costa Università di Torino SCaDU Servizio di epidemiologia di riferimento regionale Risorse Benessere economico Partecipazione/coesione Politica Istituzioni Inclusione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA

L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA PART T Parte Tecnica 1. Background La depressione è ormai uno dei principali problemi in materia di salute pubblica. L Organizzazione

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli