Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado;"

Transcript

1 Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado; VISTE: VISTI: VISTI: RITENUTO : RITENUTO : RAVVISATA: le ordinanze n 12/03 in data , n 26/04 in data , n 23/2006 in data , i fogli n 465/A e n 493/A rispettivamente datati e della Cooperativa Pescatori a.r.l. di Grado e il foglio n in data della Capitaneria di Porto di Monfalcone; il fogli n 2514 in data di quest Ufficio e i pareri espressi con i fogli n 118/A datato della Cooperativa Pescatori a.r.l. di Grado e il fax datato del Comune di Grado; opportuno e praticabile destinare un accosto alle unità da traffico passeggeri, di linea e non, all interno del porto di Grado (Riva S.Vito), al fine di contemperare le esigenze turistiche della città; necessario adeguare le norme contenute nelle sopra citate Ordinanze alle attuali esigenze del Porto di Grado per quanto concerne la disciplina degli ormeggi e di polizia portuale in genere, nel rispetto della buona amministrazione della cosa pubblica ed a tutela della sicurezza della navigazione; la necessità di disciplinare gli aspetti relativi all alaggio e messa in mare a mezzo di autogrù delle unità minori, destinando a ciò apposito spazio demaniale marittimo nell ambito del Circondario marittimo di Grado, nonché regolamentare lo scivolo pubblico di alaggio a mezzo carrelli porta-barche sito in darsena Torpediniere e la sosta lungo alcune banchine demaniali marittime; PREMESSO : che, ai fini della presente Ordinanza, il bacino portuale di Grado è costituito dalle acque del canale navigabile di accesso al Porto, delimitato dalle briccole; dal canale navigabile compreso tra Punta del Groto ed il tratto iniziale del Canale Belvedere in corrispondenza della Riva Mosconi; dal canale che immette nelle due darsene interne comprendendo anche le stesse (Piazzetta XXVI Maggio e Piazzetta S.Marco); dalle acque del canale che circonda l isola della Schiusa delimitato ad Est dal Baro delle Rane; VISTI : gli artt del Codice della Navigazione e l art. 59 del relativo Regolamento di esecuzione (parte marittima); ORDINA 1

2 Capo I DESTINAZIONE DEGLI ORMEGGI Art. 1 Ormeggi alle Rive Dandolo e Bersaglieri Le banchine delle Rive Dandolo e Bersaglieri sono riservate all ormeggio del naviglio da pesca, che può liberamente affiancarsi su entrambi i lati del canale lasciando, però, libero un tratto di 25 (venticinque) metri di banchina all altezza del mercato del pesce al fine di consentire le operazioni di discarica del pescato. L assegnazione dei posti barca di cui ai fogli citati in premessa deve essere rigorosamente osservata. Non è permesso, alle imbarcazioni da diporto, affiancarsi e ormeggiarsi alle imbarcazioni da pesca. Art. 2 Darsene interne Gli ormeggi della banchina di Riva XXVI Maggio e della banchina di Riva S. Vito, sono assegnati ai motopescherecci che possono ormeggiarsi di fianco anche in tripla fila. Fa eccezione il tratto di 24 metri della banchina di Riva S. Vito, compresa tra il n civico 6 ed il n civico 9, che è riservato all ormeggio di fianco della M/n NUOVA CRISTINA matr. 1 MN 2290 (adibita al trasporto passeggeri), e delle unità adibite al servizio taxi. Per motivi di sicurezza è tassativamente vietato, alle unità da diporto, affiancarsi ed ormeggiarsi a pacchetto alle unità da pesca/trasporto passeggeri. A tal fine, è predisposta idonea segnaletica indicante tale divieto redatto in lingua italiana inglese tedesca. La banchina di piazza Marinai d Italia è riservata all ormeggio di punta delle imbarcazioni della piccola pesca ed al battello disinquinante destinato al porto di Grado. Il tratto di banchina di Piazza Marinai d Italia, delimitato da una striscia orizzontale gialla lunga 12 metri nonché da idonea segnaletica redatta in lingua italiana inglese tedesca, è riservato, nel periodo 1 giugno 15 settembre, ai natanti da diporto in transito di lunghezza fuori tutto non superiore ai 6 metri che potranno ormeggiarsi a pacchetto per un massimo di due unità. La durata dell ormeggio dei suddetti natanti è consentita per un massimo di due ore. Art.3 Ormeggi in darsena Torpediniere Gli ormeggi della darsena Torpediniere sono di seguito specificati. Gli specchi acquei antistanti la banchina ovest e la radice della darsena per un tratto di mt. 50, sono in concessione rispettivamente per le unità dell Istituto Professionale Marittimo di Grado e della Società Canottieri Ausonia. Nessuna unità può occupare tali specchi acquei, salvo cause di forza maggiore, senza il consenso dei rispettivi concessionari. La parte interna del molo Torpediniere per una lunghezza di mt. 38 dalla radice, ed il tratto della banchina compresa tra la radice del molo e lo scalo di alaggio, è riservato alle unità di Polizia Marittima. L accesso allo scalo di alaggio deve, comunque, rimanere libero da qualsiasi impedimento. I rimanenti 11,30 metri del Molo Torpediniere sono così suddivisi: 8.80 metri in concessione alla Società Canottieri Ausonia; 2,50 metri riservati alle unità della Guardia Costiera. Art. 4 Ormeggi in Riva Brioni Gli ormeggi di Riva Brioni nel tratto di 50 metri a ponente e il tratto di 25 metri sull angolo adiacente sono liberi e di massima riservati alle unità da pesca/traffico per l effettuazione di operazioni di carico/scarico. I rimanenti tratti della stessa Riva, sono in regime di concessione demaniale marittima. 2

3 Art.5 Ormeggi in Riva Zaccaria Gregori - Riva Scaramuzza - Riva Slataper - Ugo Foscolo Riva Mosconi Gli ormeggi alla riva Zaccaria Gregori, a partire dallo spigolo nord, sono in regime di concessione e quindi, in uso esclusivo dei concessionari, con esclusione di un tratto di 25 metri a partire dalla testata, adibito all ormeggio di motopescherecci di fianco, in attesa di effettuare lavori di carenaggio presso i cantieri nautici situati alla destra del ponte mobile. Il tratto di banchina, successivo al predetto distributore fino al ponte che collega l abitato di Grado con l Isola della Schiusa ad esclusione degli ormeggi in regime di concessione, è destinato per il tratto di metri 50 alle unità da pesca minori (ormeggi di fianco). Il tratto di banchina di Riva Scaramuzza compreso tra il ponte di collegamento con l Isola della Schiusa sino a 45 metri dal cippo di Conterminazione Lagunare n 88 è riservato ai motoscafi addetti al servizio trasporto passeggeri da e per le località turistiche della laguna. Gli ormeggi delle predette unità sono di fianco. Gli ormeggi di punta nel tratto di banchina di Riva Scaramuzza successivo a quello riservato ai motoscafi è in regime di concessione, pertanto, di esclusivo utilizzo da parte dei concessionari. Sono altresì in regime di concessione demaniale marittima gli ormeggi di punta, lungo le Rive Slataper, Riva Ugo Foscolo, Riva Camperio e Testata Mosconi, quindi, di uso esclusivo dei concessionari. Art. 6 Ormeggi Isola della Schiusa Gli ormeggi - di punta - lungo le banchine Riva Garibaldi, Riva Serenissima, Riva Grandi Navigatori e Riva Sant Andrea - sino al ponte pedonale, collegante l Isola con Riva Slataper/Ugo Foscolo - sono in regime di concessione demaniale marittima e, quindi, in uso esclusivo dei concessionari. Art. 7 Riva Grandi Navigatori: divieto di sosta lato banchina. Nell area demaniale marittima, costituita dalla fascia di 2 (due) metri dal ciglio banchina in Riva Grandi Navigatori dell isola della Schiusa, a partire dal numero civico 3 fino alla concessione demaniale marittima della ditta ALL MOTORS di FRANCOVIG Elio & C. s.n.c., è vietato sostare con qualsiasi veicolo. A tal fine è predisposta apposita segnaletica verticale ed orizzontale. Capo II DESTINAZIONE DEGLI SCALI D ALAGGIO Art. 8 Riva Zaccaria Gregori: alaggio e messa in mare di unità minori È consentito l alaggio e la messa in mare, a mezzo di autogrù, del naviglio minore, la cui lunghezza non dovrà superare i metri 6, nel tratto della banchina Zaccaria Gregori compreso tra il nuovo ponte carrabile, collegante l abitato di Grado con l isola della Schiusa, e l ex vecchio ponte, per una lunghezza di metri 15 individuati da una striscia orizzontale gialla e da segnaletica verticale, come meglio evidenziato nell allegato stralcio planimetrico (allegato 1). La zona dovrà essere delimitata a mezzo di adeguate transenne al fine di evitare che persone estranee possano avvicinarsi in modo pericoloso alla zona delle operazioni. È vietato ormeggiare nello specchio acqueo antistante il tratto di banchina di cui al primo comma del presente articolo, che dovrà essere utilizzato solo per le operazioni di alaggio e messa in mare, in modo da permettere l accosto di fianco dell unità, la quale non potrà stazionare alla predetta banchina per un periodo superiore alle 2 (due) ore. L autogrù, oltre ad essere in regola con tutte le disposizioni vigenti in materia ed in particolare con quelle previste dal Codice della Strada, dovrà essere debitamente assicurata per eventuali danni a cose, persone e alla banchina su cui vengono effettuate le operazioni di cui trattasi. Gli appoggi dell autogrù dovranno essere posizionati in sicurezza e dotati di idonei ripartitori di carico, nonché di adeguate protezioni al fine di non danneggiare la banchina. In merito a dette operazioni, dovrà essere data preventiva informazione, anche telefonica, all Ufficio circondariale marittimo di Grado. 3

4 È fatto divieto di sostare in tutta l area antistante la banchina tra il vecchio ponte ed il ponte carrabile collegante l abitato di Grado con l isola della Schiusa, al fine di permettere la manovra in sicurezza dell autogrù. E predisposta a tal fine, all ingresso della banchina di cui sopra, segnaletica verticale, nonché un adeguata chiusura removibile (catena o quant altro); sarà cura del conducente dell autogrù aprire e richiudere tale chiusura per il tempo strettamente necessario alle operazioni. È, altresì, fatto divieto di sostare nella zona demaniale marittima antistante il vecchio ponte, come evidenziato nell allegato 1, al fine di permettere la manovra in sicurezza dell autogrù per entrare nell area destinata alle operazioni di alaggio; a tal fine è predisposta apposita segnaletica verticale. Art. 9 Darsena Torpediniere: scivolo pubblico di alaggio Lo scivolo sito in darsena Torpediniere, come evidenziato nell allegata planimetria (allegato 2), è destinato a scalo pubblico di alaggio e messa in mare di naviglio minore a mezzo di appositi carrelli porta-barche. La zona dovrà essere adeguatamente delimitata al fine di evitare che persone estranee possano avvicinarsi in modo pericoloso alla zona delle operazioni. Il carrello e la relativa unità motrice dovranno essere in regola con tutte le disposizioni vigenti in materia ed in particolare con quelle previste dal Codice della Strada, nonché debitamente assicurati per eventuali danni a cose e persone. Art. 10 Riva Brioni e riva da Verrazzano: divieto di sosta lato banchina Nell area demaniale marittima (evidenziata nell allegata planimetria allegato 3), costituita dalla fascia di 2 (due) metri dal ciglio banchina in Riva Brioni e Riva da Verrazzano, è vietato lasciare in deposito qualsiasi attrezzo o merce, nonché sostare con qualsiasi veicolo. A tal fine è predisposta apposita segnaletica verticale ed orizzontale. Art. 11 Divieto alaggio e messa in mare di unità in altre zone È fatto divieto di effettuare operazioni di alaggio e messa in mare di unità al di fuori delle zone previste dagli articoli 7 e 8 della presente ordinanza, eccetto i cantieri nautici, darsene e marine in regime di concessione demaniale marittima a ciò debitamente autorizzati. Capo III NORME PARTICOLARI PER IL TRAFFICO PASSEGGERI Art. 12 Ormeggi alla banchina Torpediniere Nel periodo compreso dal 1 maggio al 30 settembre la banchina Torpediniere è riservata alle unità di linea e non, adibite al traffico passeggeri. Nel rimanente periodo dell anno gli ormeggi sono riservati al naviglio da pesca, fatte salve esigenze di ormeggio per unità militari o per quelle che effettuano operazioni commerciali. Il tratto di banchina in concessione alla Cooperativa Pescatori di Grado, ove è collocato il distributore di carburante, è riservato all ormeggio di unità limitatamente al periodo necessario all effettuazione delle sole operazioni di rifornimento. Le società di navigazione/armatoriali ovvero i Comandanti delle imbarcazioni/navi che effettuano il servizio di trasporto di passeggeri devono far pervenire all Ufficio Circondariale Marittimo di Grado Sezione Tecnica, almeno 48 ore prima del previsto accosto, apposita domanda di accosto (allegato 4) redatta in carta legale da 14,62. È facoltà dell Autorità Marittima, in base alla disponibilità degli spazi e degli orari indicati, autorizzare l accosto occasionale. 4

5 Art. 13 Norme di sicurezza per l imbarco/sbarco dei passeggeri Durante le operazioni di imbarco/sbarco dei passeggeri, le società di navigazione/armamento, ovvero i comandanti delle imbarcazioni/motonavi destinati al trasporto passeggeri hanno l obbligo di adottare ogni cautela e precauzione al fine di prevenire l accidentale caduta di persone e cose in acqua. A tal fine le passerelle di accesso a bordo dovranno essere di tipo idoneo ed opportunamente fissate a bordo, dotate di corrimano e, in caso di operazioni di imbarco/sbarco in ore notturne, convenientemente illuminate. Nei pressi delle stesse, in banchina, ci dovrà essere, inoltre, un salvagente anulare corredato da idonea sagola galleggiante, pronto all uso. L imbarco/sbarco dei passeggeri dovrà avvenire unicamente ad operazioni di ormeggio concluse e con gli apprestamenti, di cui sopra, posti in opera. Nel corso delle operazioni di ormeggio e disormeggio, i comandanti delle unità devono assicurarsi che vi sia una idonea distanza di sicurezza tra il raggio di azione dei cavi di ormeggio ed eventuali passeggeri in attesa di imbarco ovvero altre persone in transito. Art. 14 Orari di arrivo e partenza per le navi che effettuano traffico passeggeri. Entro il 1 maggio di ogni anno le società di navigazione/armamento, ovvero gli armatori delle imbarcazioni/motonavi che intendono effettuare un traffico passeggeri con il porto di Grado, avente carattere di linea, devono comunicare il programma degli accosti comprensivo dei relativi orari che intendono adottare nel periodo in esame. È fatto obbligo ai comandanti della navi di osservare scrupolosamente gli orari stabiliti prevedendo, comunque, di lasciare libero l accosto occupato anche in assenza di passeggeri imbarcati al fine di garantire la fruibilità dell area alle altre imbarcazioni/motonavi che ne hanno il diritto. Art. 15 Comunicazioni all Autorità Marittima L accesso al comprensorio portuale di Grado da parte delle unità da trasporto passeggeri deve avvenire con l osservanza delle norme per Prevenire gli Abbordi in Mare (Colreg 72), alla velocità minima di sicurezza, e, comunque, senza creare pericoli ovvero moti ondosi pericolosi per le altre unità ormeggiate ed in transito. Le unità che effettuano il trasporto passeggeri in arrivo nel porto di Grado devono contattare via radio, canale 16 VHF, prima del loro ingresso, l Ufficio Circondariale Marittimo di Grado comunicando il nome dell imbarcazione, il porto di provenienza ed il numero dei passeggeri presenti a bordo. Deve esser comunicato, inoltre, con le stesse modalità, il termine delle operazioni di ormeggio, il numero dei passeggeri sbarcati/imbarcati e quelli in transito. All atto della partenza (che deve essere preventivamente richiesta all Autorità Marittima secondo il modello di cui all allegato 5), le predette unità devono comunicare l orario di scostamento dell ormeggio, il numero dei passeggeri presenti a bordo e il porto di destinazione. In corso di navigazione le unità di cui trattasi devono effettuare il servizio continuativo di ascolto radio sui canali VHF 16/70 come appropriato. Capo IV TRANSITO E NAVIGAZIONE NELLE ACQUE PORTUALI Art. 16 Accesso al Porto Canale L accesso al Porto Canale interno (Riva Dandolo e Bersaglieri e Darsena XXVI Maggio e Darsena Piazzetta San Marco) è vietato alle unità di lunghezza superiore ai metri 25. 5

6 Art. 17 Transito nel bacino portuale Le unità a vela con motore ausiliario, che transitano all interno del bacino portuale di Grado, così come definito in premessa, devono ammainare le vele e procedere esclusivamente a motore. Art. 18 Divieto di balneazione e navigazione di piccoli natanti Nelle acque portuali è vietata la balneazione, nonché, di massima, la navigazione a vela e l attività di canottaggio. Eventuali deroghe potranno essere concesse, di volta in volta, dall Ufficio Circondariale Marittimo di Grado, in base ad effettive esigenze connesse con l utilizzo di piccole imbarcazioni, per lo svolgimento di attività didattiche o sportive di scuola vela o canottaggio. La navigazione e l attività sportiva non dovrà interferire con il traffico portuale e dovrà avvenire con la supervisione di istruttori o esperti velici patentati F.I.V. o L.N.I.. Le suddette attività possono essere svolte soltanto nelle ore diurne e, precisamente, nell intervallo di tempo compreso tra i 30 minuti dopo il sorgere del sole ed i 30 minuti prima del tramonto. Art. 19 Limiti di velocità Nel bacino portuale di Grado è VIETATO navigare a velocità NON DI SICUREZZA o che provochi spostamenti di acqua e la formazione di onde pericolose per le unità all ormeggio o in navigazione o che possano provocare danni a persone o cose. A tal fine per velocità di sicurezza deve intendersi quella velocità minima che consenta al conduttore di poter agire in maniera appropriata ed efficiente per evitare collisioni e fermare l unità entro una distanza adatta alle circostanze ed alle condizioni del momento. È, comunque, obbligatorio per tutte le unità procedere con lo scafo in dislocamento. È, inoltre, vietato effettuare evoluzioni inutili e/o intralciare il libero e sicuro transito delle unità in entrata/uscita dal bacino portuale. La navigazione delle unità deve, in ogni caso, avvenire con l osservanza delle Norme per Prevenire gli Abbordi in Mare (Colreg 72). Art. 20 Divieti operativi È vietato l ormeggio alle briccole di delimitazione di accesso al porto di Grado. È vietata la sosta, l ancoraggio e la pesca nel bacino delle acque portuali di Grado come individuato in premessa. È, altresì, vietata la pesca sportiva effettuata dal ponte girevole di Grado. Capo V RIFORNIMENTO DI CARBURANTE Art. 21 Modalità di rifornimento Il rifornimento di carburante alle unità deve essere effettuato unicamente mediante pompaggio dai distributori ubicati sulle banchine. Art. 22 Prescrizioni di sicurezza Devono essere rispettate le prescrizioni esposte in prossimità dei punti di rifornimento. 6

7 Capo VI DISPOSIZIONI FINALI Art. 23 Sanzioni E fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente Ordinanza. I trasgressori alla presente Ordinanza saranno puniti, salvo che il fatto non costituisca un più grave reato e salvo le maggiori responsabilità derivanti dall illecito comportamento, ai sensi degli articoli 1231, 1161 (2 comma), 1164, 1168, 1174 del Codice della Navigazione. Qualora la violazione venga commessa con unità da diporto, si applica l art. 53, 3 comma del Decreto legislativo 18 luglio 2005, n Art. 24 Disposizioni abrogative Le Ordinanze n 12/03, 26/04 e 23/2006 sono abrogate, unitamente ad ogni altra disposizione emanata da quest'ufficio, in contrasto con le presenti norme. La presente ordinanza sarà pubblicata all albo d Ufficio e sul sito internet Grado, li 04/04/2008 IL COMANDANTE T.V.(CP) Giuseppe LATERZA 7

8 8

9 9

10 10

11 Allegato 4 COMUNICAZIONE DI ARRIVO (Autorizzazione all accosto) Si comunica il previsto arrivo alle ore...del..... della M/n...di bandiera... T.S.L...T.S.N Lunghezza f.t...larghezza f.o.... Pescaggi: poppa...prora..... velocità minima di manovra per imbarcare n passeggeri.....( ) per sbarcare n passeggeri....( ) Ormeggio richiesto Durata presunta della sosta (tempo necessario alle operazioni di imbarco/sbarco) Lista equipaggio:.. Firma... Presentata alle ore...del... Annotazioni dell Autorità Marittima Ormeggio assegnato... Ora di prevista entrata... 11

12 Allegato 5 COMUNICAZIONI DI PARTENZA Si comunica la prevista partenza per le ore...del... della M/n...di bandiera... T.S.L....T.S.N... lunghezza...larghezza... pescaggi: poppa...prora... diretta a... dopo aver scaricato tonn....di ( )... caricato tonn....di ( )... Nome del ricevitore... Nome del caricatore... Agente raccomandatario...tel... Altre notizie... Lista equipaggio:.. ( ) specificare se trattasi di merce pericolosa:... Firma... Presentata alle ore...del... Annotazioni dell Autorità Marittima Ora prevista di partenza... 12

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

ORDINANZA N. 16 /2016

ORDINANZA N. 16 /2016 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto TEL.(+39) 0836/801073 - FAX (+39) 0836/805405 - Email: ucotranto@mit.gov.it ORDINANZA N. 16 /2016 LAVORI DI ADEGUAMENTO

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.gov.it)

Dettagli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli Ordinanza CP n. 124 /2004 Ordinanza AP n. 23/2004 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli 9LVWR la legge 28.1.1994 n. 84 e il

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANT ANTIOCO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANT ANTIOCO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANT ANTIOCO ORDINANZA n 06/2016 (Disciplina dell accesso e della circolazione in ambito portuale) Il sottoscritto Tenente

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.it)

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI 70043 Monopoli (Ba) Largo Fontanelle 12 tel. 080 9303105 - fax 080 9379509 e mail: monopoli@guardiacostiera.it

Dettagli

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877 Federazione Italiana Canottaggio COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO

REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO INDIVIDUAZIONE DELLE AREE Articolo 1 La Marina di Alassio S.p.A., con sede presso il porto turistico Luca Ferrari 4, (di seguito denominata

Dettagli

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO (adottato con deliberazioni

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE ORDINANZA n 56/2012 Il sottoscritto, Capo del Circondario marittimo e Comandante del porto di Santa

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 176/08 Il capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Porto Santo

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

A Autorità Portuale '-' Livorno

A Autorità Portuale '-' Livorno A Autorità Portuale '-' Livorno AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO ORDINANZA N. :t\ DATO ATTO che il Porto Mediceo, nella zona dei moli Elba e Capitaneria, è stato oggetto di intervento di riorganizzazione

Dettagli

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste ORDINANZA N 37/2011 Il sottoscritto Contrammiraglio (CP), Capo del Circondario Marittimo di : Vista Visto Visto Accertato Atteso Ritenuto Visti la propria Ordinanza n. 21 /11, in data 23.04.2011, che disciplina

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ordinanza di Sicurezza Balneare n 72 / 2006 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI GENOVA: RITENUTO necessario disciplinare

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI ORDINANZA N. 7/2004 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Monopoli : VISTA

Dettagli

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO ICC information and syllabus CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO Per la navigazione all estero il requisito della certificazione di idoneità varia a seconda dei paesi. In

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I divieti della navigazione dopo la tragedia umana e marittima della Costa Concordia A cura del dott. Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera A seguito del sinistro

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI E MARITTIME FRANCESCO GRANATA 1 Le banchine Sono quelle strutture che separano il bacino liquido dalla terraferma. Si distinguono

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto ORDINANZA N 06/2010 Testo aggiornato all Ordinanza nr. 13/2010 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

PORTO TURISTICO DI PORTOSCUSO PROGETTO DI GESTIONE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO ARTICOLO 1

PORTO TURISTICO DI PORTOSCUSO PROGETTO DI GESTIONE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO ARTICOLO 1 PORTO TURISTICO DI PORTOSCUSO PROGETTO DI GESTIONE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina l uso del porto turistico di IV classe di Portoscuso nel comune

Dettagli

TRITONE SUB Desenzano - Brescia

TRITONE SUB Desenzano - Brescia TRITONE SUB Desenzano - Brescia PRINCIPALI VIOLAZIONI IN MATERIA DI DIPORTO E PESCA E SANZIONI PREVISTE INFRAZIONE ASSICURAZIONE Navigare o sostare con imbarcazione da diporto a motore (escluse le imbarcazioni

Dettagli

Chiarimenti 110 DEL 19.09.2011.

Chiarimenti 110 DEL 19.09.2011. GARA, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE, TRASPORTO, DEMOLIZIONE ED AVVIO A RECUPERO/SMALTIMENTO DI IMBARCAZIONI E RELITTI SITUATI NELL ISOLA DI LAMPEDUSA, DI IMBARCAZIONI

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO Ordinanza di Sicurezza Balneare n 16/2006

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO Ordinanza di Sicurezza Balneare n 16/2006 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO Ordinanza di Sicurezza Balneare n 16/2006 Il Tenente di Vascello (CP), Capo del circondario marittimo e Comandante

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di B A R L E T T A (Via C. Colombo - Tel. 0883/531020 Fax. 0883/533400 cp-barletta@pec.mit.gov.it guardiacostiera.it/barletta) ORDINANZA

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA NAVIGAZIONE, LA SOSTA, GLI ACCOSTI E LA PRECEDENZA NEGLI STESSI DELLE NAVI E

CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA NAVIGAZIONE, LA SOSTA, GLI ACCOSTI E LA PRECEDENZA NEGLI STESSI DELLE NAVI E CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA NAVIGAZIONE, LA SOSTA, GLI ACCOSTI E LA PRECEDENZA NEGLI STESSI DELLE NAVI E DEI GALLEGGIANTI (Approvato con Ordinanza n. 3512011, dei 04.04.2011) Edizione

Dettagli

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da diporto, di cui al decreto legislativo del 18 luglio 2005,

Dettagli

IUfficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano i

IUfficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano i 58019 PORTO SANTO STEFANO (GR) P.D.C. 2 Capo Np/Pn PINNA e-mail: angelo.pinna@mit.gov.it Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio circondariale marittimo Porto Santo Stefano Sezione Tecnica

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Accesso, circolazione e sosta in porto dei veicoli e dei

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

Ministero dei Trasporti Capitaneria di Porto di Napoli

Ministero dei Trasporti Capitaneria di Porto di Napoli Ordinanza CP n. 115 /2007 Ordinanza AP n. 17/2007 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli VISTI VISTO la legge 28/1/1994, n.

Dettagli

AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009

AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009 AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009 Il Commissario dell Autorità Portuale di Augusta, CONSIDERATA: VISTA: RITENUTO: VISTI: SENTITO: il D.P.R. 12 aprile 2001 recante istituzione dell Autorità

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO ORDINANZA N 22/2004 Il sottoscritto Capo del Circondario Marittimo di Grado, VISTE: VISTA: VISTA: il Regolamento

Dettagli

Bando di Manifestazione velica

Bando di Manifestazione velica REGATA D ALTURA MINI-GIRAGLIA 8 9 10 Maggio 2015 Bando di Manifestazione velica A) IL COMITATO ORGANIZZATORE E LA LEGA NAVALE ITALIANA DELEGAZIONE DI CAPRAIA ISOLA La Lega Navale Italiana delegazione di

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D GRUPPO C2015 1. In base a quali parametri si classificano le Unità da diporto? A) lunghezza B) lunghezza, larghezza e altezza di costruzione C) potenza dell apparato motore, stazza e lunghezza 2. Per pescaggio

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA

DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA Premessa Il presente Disciplinare viene emanato in virtù dell atto di concessione demaniale marittima del 10.05.2012, n. 02 del reg. delle concessioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO ANCONA REGOLAMENTO DEL PORTO DI SENIGALLIA PREMESSE GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO ANCONA REGOLAMENTO DEL PORTO DI SENIGALLIA PREMESSE GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO ANCONA REGOLAMENTO DEL PORTO DI SENIGALLIA PREMESSE GENERALI 1. Il porto di Senigallia è privo di recinzioni e varchi di accesso presidiati.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari Ordinanza n 32/2011 Il Comandante della Capitaneria di Porto di Bari, nella rispettiva qualità di Capo del

Dettagli

C a p i t a n e r i a d i P o r t o V T S T R I E S T E

C a p i t a n e r i a d i P o r t o V T S T R I E S T E C a p i t a n e r i a d i P o r t o V T S T R I E S T E MANUALE UTENTE Edizione n.001 Ottobre 2012 ELENCO VARIANTI Nr. Variante Nome, cognome e firma di chi esegue la variante Data 1 SERVIZI EROGATI E

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES

CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES ORDINANZA N. 52/08 REGOLAMENTO DEL PORTO DI CASTELSARDO Il sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Porto Torres: VISTA VISTA VISTA VISTA

Dettagli

BANDO DI REGATA VELEZIANA 18 ottobre 2015

BANDO DI REGATA VELEZIANA 18 ottobre 2015 BANDO DI REGATA VELEZIANA 18 ottobre 2015 1 Circolo Organizzatore Compagnia della Vela- Venezia. S. Marco - Giardinetti Reali, 2 Venezia Tel. 041-5200884 Fax 041-2412419 segreteria@compvela.com - http://www.compagniadellavela.org/

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16 /2002 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di

Dettagli

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N.

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16/2003 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG77U ATTIVITÀ 50.40.00 TRASPORTO MARITTIMO E COSTIERO DI ATTIVITÀ 50.20.00 TRASPORTO DI PASSEGGERI PER VIE ATTIVITÀ 50.30.

STUDIO DI SETTORE UG77U ATTIVITÀ 50.40.00 TRASPORTO MARITTIMO E COSTIERO DI ATTIVITÀ 50.20.00 TRASPORTO DI PASSEGGERI PER VIE ATTIVITÀ 50.30. STUDIO DI SETTORE UG77U ATTIVITÀ 50.10.00 TRASPORTO MARITTIMO E COSTIERO DI PASSEGGERI ATTIVITÀ 50.20.00 TRASPORTO MARITTIMO E COSTIERO DI MERCI ATTIVITÀ 50.30.00 TRASPORTO DI PASSEGGERI PER VIE D'ACQUA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 13 DEL 31 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 13 DEL 31 MARZO 2008 DECRETO DIRIGENZIALE N. 12 del 6 marzo 2008 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO TRASPORTI E VIABILITA' SETTORE DEMANIO MARITTIMO - NAVIGAZIONE - PORTI, AEROPORTI E OPERE MARITTIME - Misure per la gestione del

Dettagli

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale 27/09/2004, n. 33 Modificato: con deliberazione di Consiglio Comunale 28/04/2014, n. 40 (modifiche art.

Dettagli

DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA Isola dell Asinara ANNO 2014

DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA Isola dell Asinara ANNO 2014 DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA Isola dell Asinara ANNO 2014 INDICE INDICE... 2 Art. 1 Disciplinare integrativo al regolamento dell AMP Isola dell Asinara - anno 2013...

Dettagli

ISTRUZIONI DI REGATA VENEZIA 18 OTTOBRE 2015

ISTRUZIONI DI REGATA VENEZIA 18 OTTOBRE 2015 ISTRUZIONI DI REGATA VENEZIA 18 OTTOBRE 2015 1. CIRCOLO ORGANIZZATORE Compagnia della Vela- Venezia. S. Marco - Giardinetti Reali, 2 Venezia Tel. e Fax 041-5200884 segreteria@compvela.com - http://www.compagniadellavela.org/

Dettagli

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA Le norme ed i comportamenti da seguire nelle aree date in concessione alla società Stazioni Marittime s.p.a. L accesso alle aree date in concessione

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A.

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. TITOLO I - NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento ha per oggetto l esercizio e l uso dell approdo turistico, e dei

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO CHIOGGIA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 24/2009

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO CHIOGGIA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 24/2009 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO CHIOGGIA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 24/2009 Il Capo del Compartimento Marittimo e Capo del Circondario Marittimo di Chioggia:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL LAGO DI FIMON

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL LAGO DI FIMON REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL LAGO DI FIMON CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo del lago di Fimon e delle sue pertinenze al fine di garantire

Dettagli

REGOLAMENTO-PIANO PER L UTILIZZO DEGLI SPECCHI ACQUEI IN LOCALITA SPIAGGIA GRANDE

REGOLAMENTO-PIANO PER L UTILIZZO DEGLI SPECCHI ACQUEI IN LOCALITA SPIAGGIA GRANDE COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO-PIANO PER L UTILIZZO DEGLI SPECCHI ACQUEI IN LOCALITA SPIAGGIA GRANDE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 24 DEL 04/08/08 CAPO I RELAZIONE GENERALE TECNICO - ILLUSTRATIVA 1

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 110 del 26-05-2012 Oggetto: Individuazione spiaggia e specchio mare antistante destinati alla

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2015/M/09036 Del: 26/08/2015 Esecutiva da: 26/08/2015 Proponente: Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità,Posizione Organizzativa (P.O.) Traffico e Provvedimenti viabilita'

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO approvato con delibera consiliare n. 055 del 29.11.2011 articolo pagina ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART.

Dettagli

per portarti nel futuro

per portarti nel futuro DALLA FERROVIA AL PORTO, ALL AEROPORTO 1848 Inaugurazuione linea ferroviaria Padova-Venezia 1869-1880 si sposta il porto dal bacino di San Marco ad un area prossima alla testata del ponte ferroviario,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA

REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA SEGRETERIA REGIONALE ALLE INFRASTRUTTURE E MOBILITA REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA ALLEGATO N. 1 SEGNALETICA DELLA VIA NAVIGABILE La segnaletica lungo le vie di navigazione

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

RIORDINO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI DEGLI SPAZI ACQUEI, DEGLI ORMEGGI E DEGLI APPRODI NEL CANAL VENA REGOLAMENTO

RIORDINO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI DEGLI SPAZI ACQUEI, DEGLI ORMEGGI E DEGLI APPRODI NEL CANAL VENA REGOLAMENTO RIORDINO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI DEGLI SPAZI ACQUEI, DEGLI ORMEGGI E DEGLI APPRODI NEL CANAL VENA REGOLAMENTO Art.1 Finalità e ambito di applicazione. 1. Il presente regolamento disciplina il riordino

Dettagli

AREE RISERVATE ALLA SOSTA A PAGAMENTO LOCALIZZAZIONI PERMANENTI

AREE RISERVATE ALLA SOSTA A PAGAMENTO LOCALIZZAZIONI PERMANENTI AREE RISERVATE ALLA SOSTA A PAGAMENTO LOCALIZZAZIONI PERMANENTI 1^ Zona ZONA ROSSA 1. Piazza XXVI Maggio 2. Piazza Marinai d Italia 3. Riva S.Marco/inizio riva Dandolo 4. Piazzetta S.Marco 5. Via Morosini.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI Articolo 1 La sezione della L.N.I. di Otranto dispone di diversi mezzi nautici elencati e registrati in apposito registro (art. 6 del Regolamento Gruppo Sportivo

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMUNE ALL IONIO ( Provincia di COSENZA ) COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI PASSI CARRABILI proposta elaborata da : Ten. Pietro Atene : Responsabile del Corpo di P.M. 1 INDICE Art. 1

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO Settore Trasporti

PROVINCIA DI VITERBO Settore Trasporti PROVINCIA DI VITERBO Settore Trasporti Regolamento della Provincia di Viterbo per la sicurezza della navigazione nelle acque interne. Preambolo Le criticità rilevate nella definizione della effettiva consistenza

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI PROCIDA

COMUNE DI MONTE DI PROCIDA COMUNE DI MONTE DI PROCIDA Provincia di Napoli REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CONCESSIONE DEL PORTO DI ACQUAMORTA Approvato con Delibera di C.C. n 34 del 5.11.2009 1/16 PREMESSA Il presente Regolamento

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia :

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : VISTO il Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171 (codice

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Sviluppo Turistico Lerici Srl

Sviluppo Turistico Lerici Srl Sviluppo Turistico Lerici Srl Relazione elaborata per la ditta esterna CONSORZIO STABILE S.G.M., che esegue il servizio di TRAGHETTAMENTO per gli anni 2016 2017. APPLICAZIONE DELL ART. 26 COMMA 3 LETTERA

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 121 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: ATTIVAZIONE DEL SISTEMA DEI VARCHI ELETTRONICI PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO - ZTL.

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla Questura/Prefettura 1 di (e-mail: ) Al Comando Generale del corpo delle capitanerie di porto Guardia Costiera 6 Reparto Sicurezza della Navigazione Via dell Arte, 16 00144 ROMA (e-mail: ufficio2.reparto6@mit.gov.it)

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli