I minori stranieri non accompagnati a Venezia. Un analisi quantitativa. Paolo Tomasin. 1. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I minori stranieri non accompagnati a Venezia. Un analisi quantitativa. Paolo Tomasin. 1. Introduzione"

Transcript

1 I minori stranieri non accompagnati a Venezia. Un analisi quantitativa Paolo Tomasin Nessuno può immaginare che cosa significhi nascere e vivere al confine fra due mondi, conoscerli e comprenderli ambedue e non poter far nulla per riavvicinarli, amarli entrambi e oscillare fra l uno e l altro per tutta la vita, avere due patrie e non averne nessuna, essere di casa dovunque e rimanere estraneo a tutti, in una sola parola, vivere crocefisso ed essere carnefice e vittima allo stesso tempo. Ivo Andrić 1. Introduzione La presenza di minorenni soli, che si spostano anche per diverse migliaia di chilometri senza famiglia, è divenuto negli ultimi anni un fattore comune nelle migrazioni a livello mondiale (Giovannetti, 2010). Il quarto rapporto ANCI-Cittalia rileva come questa presenza in Italia sia costantemente cresciuta e che al abbia raggiunto il numero di minori stranieri non accompagnati. Eppure, aldilà di qualche dato sociodemografico, questi piccoli migranti rappresentano un fenomeno ancora poco conosciuto, una pagina ancora non completamente scritta dell immigrazione straniera in Italia. Sono poche poi le ricerche sociologiche che si sono premurate di investigare questo segmento migratorio raccogliendo le informazioni direttamente dalla voce degli stessi minorenni, che hanno quindi impiegato come unità di rilevazione i protagonisti di tante microstorie di riscatto sociale. Microstorie sicuramente tutte particolari, uniche, ma che trovano poi una trama più generale nelle storie di guerra e miseria, di calamità naturali e sociali dei paesi di provenienza generate a sua volta da una macrostoria globale che continua a produrre profonde disuguaglianze. Queste intraprese migratorie potremmo interpretarle come tanti piccoli tentativi di trovare, in modo contingente, soluzioni individuali cercando di sfuggire ai vincoli posti dalle strutture sociali più ampie. L idea di un indagine esplorativa, di tipo sia quantitativo che qualitativo, nasce dal desiderio di approfondire e diffondere la conoscenza di questi adolescenti che, mettendosi a cercare un futuro lontano da casa (Rigon, Mengoli, 2013), sono approdati in Italia e oggi si trovano in carico ai Servizi sociali del Comune di Venezia, uno degli enti locali che ha aderito alla rete rappresentata dal Programma Nazionale di protezione dei minori stranieri non accompagnati. Nasce altresì dalla necessità di rispondere ad alcune domande: chi sono questi minorenni? Come, attraverso quali itinerari ed esperienze, sono arrivati fino da noi? Quanto sono diversi dai loro coetanei italiani? E soprattutto, riusciranno nell impervio percorso di integrazione nella società italiana? Queste e altre domande di sfondo ci hanno guidato nell indagine. Si è scelto di ascoltarli, sulla base di un intervista su questionario semi-strutturato, benché ancora minorenni, purché fossero in Italia da almeno 6 mesi, avessero quindi maturato un po di conoscenza del contesto italiano ed iniziato ad esprimersi nella nostra lingua. I risultati qui presentati possono essere definiti un primo tentativo di tracciare il profilo quantitativo di questa quasi invisibile componente migratoria del territorio veneziano. Profilo che i dati numerici non riescono a restituire completamente e che verrà completato anche con altri contributi di approfondimento qualitativo raccolti nel volume. Le storie dei minorenni accanto al vissuto degli 1

2 operatori potranno contestualizzare e meglio interpretare le frequenze qui esposte. Intanto però anche solo esponendo qualche numero affiora l incapacità della stessa definizione di minori stranieri non accompagnati di cogliere con precisione il fenomeno: certo si tratta di ragazzi, arrivati in Italia perlopiù ancora non maggiorenni, ma che dimostrano spesso di essere diventati già adulti, di essersi fatto carico fin da molto piccoli delle responsabilità di un adulto; altrettanto certo è che intraprendono un lungo viaggio migratorio da soli, senza il resto della famiglia, ma in molti casi sono figli di una precisa strategia migratoria familiare che assegna loro il pesante carico di apripista. Nel paragrafo successivo daremo conto di come è avvenuto il processo d indagine; nel terzo paragrafo sono presentati i risultati della somministrazione del questionario, mentre il contributo si conclude tentando di capire quanto e come sia possibile ricostruire i profili di questi minorenni inseriti in percorsi di integrazione sociale e lavorativa nel Comune di Venezia. 2. Il processo di indagine La ricerca sociale dispone di una ricca gamma di strumenti per raccogliere dati e informazioni. La scelta di quale sia il più adatto da impiegare dipende da alcuni fattori, quali le caratteristiche dell unità di analisi e rilevazione, le questioni oggetto di indagine, le risorse a disposizione. Per approfondire la conoscenza dei minori stranieri non accompagnati in carico ai Servizi sociali il fattore certamente più critico che si è presentato è stato quello della fiducia, nel senso che, a prescindere dallo strumento impiegato, è necessario previamente stabilire una relazione di fiducia tra colui che raccoglie le informazioni e colui che le possiede. Un secondo fattore critico considerato, profondamente connesso al precedente, è stato quello della sofferenza destata dal ricordo di esperienze dolorose, spiacevoli, che si vorrebbero cancellare dalla memoria. La diversità della lingua madre ha posto poi ulteriori difficoltà comunicative. L attenzione a queste variabili ha caratterizzato l intero processo di ricerca che fin dall inizio ha assunto un carattere partecipativo, coinvolgendo anche gli educatori delle cooperative sociali impegnati quotidianamente a fianco dei minori stranieri non accompagnati. Dopo alcune valutazioni sono stati scelti due strumenti: un questionario anonimo semi-strutturato, somministrato direttamente da un rilevatore esperto, per quanto concerne la raccolta di informazioni di carattere quantitativo o perlomeno che consentano una loro comparazione; il racconto delle storie di vita per recuperare quelle informazioni più personali, frutto anche di spiegazioni e interpretazioni (vedi capitolo successivo). La formulazione delle domande del questionario è stata condivisa con gli educatori. Molte domande non hanno previsto un opzione pre-codificata di risposta, ma sono state lasciate volutamente aperte per dar la possibilità ai rispondenti di sentirsi liberi. Il questionario impiegato è suddiviso in dieci sezioni. La prima raccoglie domande di natura anagrafica. La seconda sezione è dedicata al viaggio. La terza esplora alcune dimensioni della famiglia d origine. La quarta sezione indaga il percorso scolastico effettuato prima di arrivare in Italia. La quinta sonda le aspettative. La sesta sezione volge l attenzione alle esperienze lavorative accumulate prima di entrare in Italia e la visione del lavoro. La settima è dedicata agli affetti e alla relazioni. L ottava alla fede religiosa e alla possibilità di praticarla nel nostro paese. La nona sezione affronta la rappresentazione che questi minori stranieri hanno degli italiani. La decima e l ultima indaga la violenza che ha circondato 2

3 e in alcuni casi direttamente colpito questi adolescenti. In allegato si riporta il questionario con le frequenze ottenute ad ogni item di risposta. Gli educatori che hanno partecipato alla stesura del questionario hanno assunto anche il ruolo di intervistatori. La suddivisione dei minorenni da intervistare è stata fatta però in modo che ogni educatore-intervistatore non sottoponesse il questionario ai propri casi in carico, evitando così eventuali bias dovuti alla conoscenza precedente. La somministrazione del questionario è avvenuta prevalentemente in lingua italiana. La rilevazione dei dati si è protratta per tre mesi, da agosto ad ottobre 2013, incontrando i minori stranieri in diversi contesti: in strutture di accoglienza e in famiglie affidatarie. Sono stati raggiunti in totale 66 minori stranieri non accompagnati, praticamente la totalità di coloro che risultavano, a tale data, in carico ai Servizi sociali del Comune di Venezia e che rientravano nelle caratteristiche individuate. Scheda tecnica dell indagine Strumento di rilevazione: Questionario semi-strutturato Modalità di somministrazione: Intervista faccia a faccia Periodo di somministrazione: Agosto Ottobre 2013 Numerosità dei casi validi: I risultati La presentazione dei risultati si propone due livelli di lettura: il primo è quello della semplice esposizione delle frequenze ottenute dalle risposte alle singole domande del questionario; il secondo livello è il tentativo di individuare, benché la base dati sia molto limitata, alcune variabili chiave che ci consentano, attraverso incroci, di pervenire all individuazione di fattori che caratterizzano questo particolare segmento migratorio. 3.1 Profilo anagrafico. I minori stranieri non accompagnati sono quasi tutti maschi. Solo uno degli intervistati è di sesso femminile. Anche nelle rilevazioni nazionali, la componente femminile è minoritaria in questo fenomeno. Purtroppo la maggior parte delle minorenni straniere che abbandonano il paese d origine per cercare fortuna in Italia finiscono per essere analizzate nella tematica della tratta sessuale. Al momento dell intervista, il più piccolo dichiara di avere 14 anni, i più grandi invece affermano di essere nati nel 1995 e quindi entro il 2013 diventeranno maggiorenni, perdendo così la tutela giuridica. Il gruppo più consistente, formato da 37 unità, è costituito da 17enni. La maggior parte è originaria del Bangladesh (34 minorenni), seguono per numerosità gli albanesi (17 minorenni) e i kosovari (9 minorenni). Gli afghani sono 3, mentre vi sono anche due senegalesi e un brasiliano 1. 1 Il paese di origine è utilizzato in seguito come possibile variabile chiave per verificare la sua capacità esplicativa. 3

4 3.2 Il viaggio. Il paese natale è per quasi tutti (tranne 2 casi) il paese di partenza del viaggio che li ha portati in Italia. Solo una minoranza arriva però direttamente nel nostro paese e si tratta quasi esclusivamente degli albanesi ai quali basta attraversare il mare adriatico. Per la maggior parte degli altri minorenni (50 casi) l approdo in Italia è il risultato di un lunghissimo, e non sempre lineare, a volte pericoloso (come si vedrà più avanti), percorso di attraversamento di più confini nazionali. L ultimo paese attraversato prima di entrare in Italia è quasi sempre uno Stato membro dell Unione Europea: Grecia e Slovenia, ma anche Francia, Austria, Germania, aree geografiche quindi che non si collocano in punto intermedio rispetto ai paesi di partenza, ma rappresentano forse mete non raggiunte o tortuosità del tragitto. I minorenni partiti dal Bangladesh di solito raggiungono l India, da qui alcuni proseguono per il Pakistan, entrano in Iraq, poi in Turchia ed infine arrivano in Grecia dove si imbarcano per l Italia. Alle volte dall India arrivano via area in Francia, altre volte passano dalla Russia. Ogni minorenne segue una propria traiettoria, piena di imprevisti e dagli esiti inattesi. Per arrivare in Italia, i minori stranieri utilizzano di solito più mezzi di trasporto: sono una minoranza coloro che dichiarano di impiegarne solo uno. Un minore elenca di aver impiegato ben cinque diversi mezzi per raggiungere l Italia: a piedi, camion, treno, nave e autobus. Altri alternano gli stessi mezzi più volte durante il viaggio. L imbarcazione, che può essere una nave, un traghetto, ma anche una piccola barca è la modalità di trasporto maggiormente impiegata. Segue il treno e poi l aereo, ma c è chi ha fatto tratti anche nascosti nei camion, prendendo autobus, automobile, andando a piedi e persino a cavallo. In Italia sono entrati prevalentemente via terra (34 minorenni); per mare sono arrivati 25 e i restanti 7 sono atterrati da un volo aereo. Il viaggio, in particolare per coloro che vengono da lontano, ha un costo non indifferente. Esclusi gli albanesi, quasi tutti gli altri minorenni stranieri dichiarano di aver pagato oltre euro. Per quattro di loro il viaggio è costato più di euro. Alcuni non sanno quanto è costato perché è stato il padre a pagare per loro o perché gli è stato offerto come regalo (forse sarebbe meglio dire un prestito). In un caso si è raccolta la risposta che sarebbe stata un agenzia ad aver anticipato il costo, a fronte di un impegno a restituire successivamente il denaro con i guadagni del lavoro. La famiglia è nella quasi totalità dei casi a conoscenza del viaggio e questo è stato intrapreso perlopiù per far arrivare dei soldi ai familiari. Calcolando il tempo trascorso dal momento dell arrivo in Italia a quello dell intervista si è provato a distinguere quattro diversi gruppi: a) quelli che non hanno ancora maturato un anno di permanenza; b) quelli arrivati da più di 12 mesi e meno di 2 anni; c) quelli che sono in Italia da più di 24 e meno di 36 mesi; d) quelli arrivati da 3 e più anni. Il periodo di permanenza in Italia potrebbe rivelarsi una interessante variabile discriminatoria per valutare lo stadio raggiunto del percorso di integrazione. 4

5 Fig. n 2. Periodo di permanenza in Italia al momento dell intervista Meno di 1 anno 8 Da 1 a 2 anni 39 Da 2 a 3 anni 14 Più di 3 anni La famiglia d origine. Tranne uno, tutti i minori intervistati dichiarano di avere la madre ancora vivente; diversamente è invece l indicazione per il padre: 10 affermano che non è più vivo. Quasi tutti (64) affermano di avere altri fratelli e sorelle, mediamente poco meno di 3 a testa. Una buona parte proviene quindi da famiglie che consideriamo numerose. In totale si sommano 176 tra fratelli e sorelle, anche se alcuni precisano che non tutti si trovano ancora nel paese d origine. Data la formulazione della domanda è chiaro però che la maggioranza degli intervistati rappresenta il migrante apripista del proprio nucleo familiare. E plausibile sostenere che altri fratelli e sorelle minori, appena potranno, in futuro non lontano, li raggiungeranno. In ogni caso, che l intervistato sia l apripista o segua qualche fratello maggiore, emerge chiaramente come il percorso migratorio fatto da solo, sia parte di un disegno di respiro familiare. Nella quasi totalità dei casi, infatti la famiglia è al corrente del viaggio e ripone come principale aspettativa quella di ricevere le rimesse. 3.4 Percorso scolastico. Quasi tutti dichiarano di aver iniziato, nel paese d origine, il percorso scolastico e di aver frequentato le scuole per un certo numero di anni. Alcuni hanno anche terminato il percorso dell obbligo scolastico ottenendo una licenza, equivalente alla nostra scuola secondaria di primo grado (ex terza media). Un minorenne afferma di aver già ottenuto persino una qualifica professionale. Ad ogni modo l elevato numero di non risposte è un segnale, oltre che della difficoltà di tradurre nel sistema scolastico italiano il percorso effettuato nel proprio paese, anche della voglia di dimenticare un cammino interrotto della propria esperienza di vita. La maggior parte esprime la volontà di continuare il percorso scolastico interrotto. I 13 che non intendono proseguire sono tutti diciassettenni ed è quindi ipotizzabile che pensino già ad un inserimento lavorativo. 3.5 Aspettative. I motivi che spingono questi minori ad intraprendere il viaggio possono essere più d uno e forse non sempre esplicitabili in categorie precise. Messi di fronte alla domanda del questionario, la maggior parte dichiara di aver intrapreso il viaggio per motivi economici; solo una parte fa riferimento al ricongiungimento familiare (che però potrebbe avere anche un intento economico) o alla richiesta di asilo umanitario. Dalla permanenza in Italia si aspettano quasi tutti di trovare un lavoro; i pochi che affermano di voler studiare sono ragazzi arrivati da più di un anno. Nessuno quindi sembra arrivato con l idea di completare il proprio percorso di studi e successivamente di trovare lavoro, semmai l aspettativa dello studio si fa strada dopo un periodo di permanenza in Italia. E questo significherebbe già una modifica 5

6 dell originario percorso migratorio. Altre due risposte, certo non rappresentative, sono alquanto sorprendenti: rispettare la legge italiana e ideare un invenzione utile per l Italia. Nessuno indica la volontà di lasciare l Italia per raggiungere altri paesi, ma la risposta non pare essere completamente attendibile 2, e anche se lo fosse, si tratta di una affermazione resa in un particolare momento, pronta ad essere modificata se si presentassero migliori occasioni di inserimento lavorativo. Alla domanda cosa possono dare all Italia, i minori intervistati offrono un ventaglio di risposte che è stato difficile ricodificare in alcune categorie. Ad ogni modo la maggior parte si sente in dovere di dare un contributo come buon lavoratore, segue un contributo come buon cittadino (alcuni si esprimono sottolineando, sorprendentemente, il dovere di pagare le tasse). Le due categorie di risposta sono in alcuni casi compresenti e si possono interpretare anche come riscatto sociale che vale anche per gli altri due minorenni che sognano di diventare qualcuno d importante (nelle fattispecie calciatori). Per altri prevale un sentimento di riconoscenza e rispetto per l aiuto ricevuto; infine alcuni ancora non sanno o non vogliono rispondere. 3.6 Esperienze lavorative. Circa la metà dei minorenni dichiara di aver già lavorato; alcuni hanno iniziato da molto piccoli, fin dai 10 anni, svolgendo lavori quali commesso di negozio, bracciante in agricoltura, cameriere. Solo due dichiarano di aver lavorato anche durante il tragitto che li ha portati in Italia, ed entrambi lo hanno fatto in Grecia, vendendo fiori o raccogliendo frutta. I lavori che questi ragazzi affermano di voler fare in futuro in Italia sono quasi tutti di tipo manuale, ma individuati sicuramente anche perché discretamente remunerativi. Sorprende la chiarezza di scelta e la loro poca esitazione (solo due casi non rispondono e altri due affermano qualsiasi lavoro), caratteristiche difficilmente riscontrabili nei loro coetanei italiani. Sono ragazzi molto consapevoli, ed anche impazienti, in grado di collegare le loro effettive possibilità agli obiettivi di riscatto economico insiti nel viaggio intrapreso. La percezione di quanto guadagna un operaio e un medico risulta alquanto corretta. E forse possibile ipotizzare in questi minorenni, a differenza di quelli italiani, lo sviluppo, fin dalla più tenera età, di una certa sensibilità per gli aspetti economici, in quanto componente chiave delle attese del percorso migratorio. Tre ragazzi dichiarano di essere stati costretti a lavorare gratuitamente. 3.7 Affetti e relazioni. L esplorazione degli affetti e delle relazioni di questi minorenni lontani da casa lascia intravedere come il legame più forte rimanga quello con la madre. Viene indicata da sola, con più frequenza di tutte le restanti figure, inclusa la famiglia (intesa anche in senso allargata), il padre, i fratelli e le sorelle, altri parenti (zii), gli amici, i genitori (considerati insieme). Alla richiesta di indicare quali siano le persone che in questo momento sentono più vicine gli intervistati si dividono in quattro gruppi: coloro che indicano le famiglie alle quali sono stati affidati; coloro che 2 Appare perlomeno dubbia per i minorenni che sono entrati in Italia dopo essere passati per altri paesi dell Unione Europea, come Austria, Francia, Germania. 6

7 segnalano i compagni, gli amici, ovvero le persone con le quali condividono la camera, passano la maggior parte del tempo; quelli che individuano gli operatori delle cooperative sociali; ed infine quelli che indicano altre figure: l insegnante, la ragazza, parenti (anche se in quest ultimo caso non è chiaro se vivono vicino oppure no). Le figure ritenute più vicine sono solitamente anche quelle alle quali ci si rivolge in caso di problemi personali. L unica figura che non coincide con la stessa frequenza è quella del compagno, amico, che viene sostituita con quella di persone adulte, quali operatori, assistenti sociali, tutori. Ciò potrebbe significare che i compagni di stanza, gli amici con i quali si passa la maggior parte del tempo non sono ancora diventati delle persone in grado di aiutare a risolvere i problemi che si presentano, in quanto probabilmente essi si trovano nelle stesse condizioni di chi chiede aiuto. 3.8 Cultura e pratica religiosa. La quasi totalità di questi ragazzi si dichiara di religione musulmana (62 su 66). Tre specificano che si riconoscono nella tradizione sunnita. Quattro affermano di essere cristiani, due specificano cattolici. La pratica però si discosta dalla dichiarazione dell appartenenza religiosa. Infatti alla domanda se sia possibile seguire la religione musulmana in Italia, alcuni affermano che non gli interessa praticarla, mentre la maggior parte non trova difficoltà a frequentare le moschee e a seguire i precetti. Insomma, la religione non sembra proprio un vincolo all integrazione nella società italiana; anzi ognuno sembra aver già adottato al riguardo una propria strategia comportamentale. 3.9 Rappresentazioni sociali sugli italiani e sulla cultura italiana. Una sezione del questionario è stata predisposta con la finalità di capire quale rappresentazione sociale si stiano costruendo, benché in Italia da poco tempo, i minorenni stranieri di alcuni tratti culturali degli italiani. Ebbene in una scala da 1 (che significa poco) a 5 (che significa molto), la media più alta è raggiunta dalla libertà delle donne italiane (4,57), tra l altro con un elevato grado di condivisione tra i rispondenti; segue la simpatia degli italiani (4,36) e la bontà del cibo (4,11), anche se si registra qualche disaccordo nella valutazione; poi la ricchezza (3,92), la laboriosità (3,88), la religione (3,50) ed infine l unità della famiglia (2,98) che però registra anche il più alto livello di discordanza tra i rispondenti. 7

8 Figura n 3: Media di alcuni tratti culturali degli italiani (scala: 1 = poco; 5 = molto) Quanto libere sono le donne italiane 4,57 Gli italiano sono simpatici 4,36 Quanto è buono il cibo italiano 4,11 Gli italiani sono ricchi 3,92 Gli italiani lavorano 3,88 Quanto conta la religione 3,50 Quanto è unita la famiglia in Italia 2,98 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 4,5 5 Esplorando le risposte a queste domande, emergono alcune differenze di percezione a seconda del paese di origine. Per chi proviene dal Bangladesh il giudizio sulla simpatia degli italiani è molto più alto di quello dato dagli albanesi o di altre nazioni; diversamente hanno una percezione molto più bassa dell unità della famiglia italiana 3. La bontà del cibo è invece valutata alta da parte degli albanesi e molto meno dai minorenni provenienti dagli altri paesi. Sulla ricchezza degli italiani e sulla libertà delle donne in Italia invece trova concordi tutti, senza distinzione per paese. Figura n 4: Media di alcuni tratti culturali degli italiani per paese di provenienza (scala: 1 = poco; 5 = molto) Quanto è unita la famiglia in Italia Bangladesh 5 4,5 Albania Quanto libere sono le donne italiane 4 3,5 3 Quanto conta la religione Altri paesi 2,5 2 1,5 1 Gli italiano sono simpatici Gli italiani lavorano Quanto è buono il cibo italiano Gli italiani sono ricchi 3 E interessante notare come i minorenni affidati alle famiglie esprimano un valore sull unità della famiglia italiana ben più basso di coloro che vivono nelle comunità. 8

9 3.10 L esperienza della violenza. L esperienza della violenza, intravista o direttamente subita da questi piccoli migranti, è un tema delicato e difficilmente affrontabile con un questionario. Nonostante ciò, con la massima delicatezza si è cercato di raccogliere qualche informazione, anche se è bene premettere fin da subito che le risposte probabilmente rappresentano sola la punta di un iceberg ben più consistente. Ben undici rispondenti hanno dichiarato che sono stati rinchiusi a chiave; alcuni lo sono stati proprio durante il viaggio. Uno di loro afferma: sono stato rinchiuso al buio per un mese ; un altro: siamo rimasti per due giorni senza mangiare e forse non sono nemmeno le esperienze peggiori. Circa un terzo dichiara di essere stato testimone di episodi di violenza su loro coetanei, avvenuti sia nel paese d origine, sia durante il viaggio e persino in Italia. Cinque affermano di essere stati imprigionati; tre durante il viaggio ed uno persino dopo essere arrivato nel nostro paese. Alla richiesta di individuare quali figure hanno visto esercitare violenza emergono adulti non meglio identificati, seguiti da altri minorenni e dalle forze di polizia. Dieci ragazzi ammettono che si sono trovati essi stessi nella situazione di dover usare violenza per difendersi; per alcuni l esperienza risale al paese d origine, per altri al viaggio e per altri ancora qui in Italia. 4. Profili migratori Le informazioni fin qui raccolte ci permettono di rispondere solo parzialmente alle domande poste nell introduzione del capitolo. Soprattutto non ci consentono di generalizzare, di ridurre a ben definite categorie, di tipizzare profili standard. Diversamente i dati raccolti ci consegnano una serie di singoli scatti fotografici appartenenti ad adolescenti, in un preciso periodo del loro percorso migratorio, che è difficile sovrapporre uno sull altro. Benché tutti condividano l obiettivo della ricerca di un futuro lontano dal proprio paese d origine (Rigon, Mengoli, 2013), risulta difficile tracciare un profilo omogeneo capace di riassumere tutte le esperienze. Parleremo dunque di profili migratori, al plurale, difficilmente riconducibili a univocità, e dai tratti sfumati, incerti, benché non si possano trascurare alcune dimensioni che accomunano i minori interpellati. Questi pochi elementi comuni posso essere così sintetizzati: - tranne un caso, si tratta di piccoli migranti maschi; le ragazze come abbiamo detto, di solito, seguono altri percorsi; - il viaggio intrapreso è parte di una strategia familiare che ha o può avere diversi obiettivi, più o meno dichiarati: da un lato far sì che i suoi figli trovino un futuro migliore di quello che li aspetta nel paese d origine, dall altro spingerli a procurare risorse economiche per il mantenimento della famiglia stessa; 9

10 - il viaggio, soprattutto se lungo, è quasi sempre un esperienza piena di imprevisti, un tragitto rischioso, dove persino la vita può essere in pericolo; - la ferrea volontà di integrarsi procurandosi un lavoro, anche dopo un percorso di studi professionalizzante, per guadagnare del denaro, una parte del quale probabilmente da inviare alla famiglia d origine; - più che minorenni sembrano essere già degli adulti cresciuti in fretta, che fin da piccoli si sono accollati responsabilità familiari, hanno sperimentato situazioni difficili, talvolta pericolose e persino violente. Sono molto più numerosi invece, gli elementi che differenziano profondamente i ragazzi intervistati; tra questi troviamo (ma l elenco è pressoché infinito): - il paese di provenienza; paese che significa bagaglio di variabili socioeconomiche e culturali; spesso però anche il paese, quando è un aggregato composito di lingue, religioni, culture diverse, è un elemento parzialmente discriminante; arrivare dal centro di una grande città o dalla periferia rurale fa la differenza; - l età alla partenza; benché da questa e da altre indagini emerga che la fascia d età nella quale questi minorenni hanno intrapreso il loro percorso migratorio possa essere ricondotta ad una manciata di anni (tra i 12 e i 17 anni), è bene ricordare che in questo periodo adolescenziale le differenze anche di qualche mese contano tantissimo; inoltre la data anagrafica potrebbe trarre in inganno se usata per fare confronti con i minorenni italiani; - le attese, più o meno consapevoli, riposte sul viaggio; attese che si modificano e si ridefiniscono anche rispetto ai contesti di inserimento; - ogni incontro, esperienza, episodio di vita, dall intrapresa del viaggio in poi, potrebbe rivelarsi uno spartiacque decisivo per il loro percorso migratorio; - il periodo di permanenza maturato in Italia; è evidente che con il passare del tempo questi minorenni acquisiscono relazioni, conoscenze e consapevolezze utili o meno ad integrarsi nella società italiana; il momento preciso in cui si interpellano influenza decisamente il tipo di risposta; - il tipo di percorso di accoglienza e integrazione; alcuni hanno sperimentato l istituto dell affido familiare, mentre altri sono rimasti in strutture di accoglienza; non era obiettivo dell indagine valutare gli effetti delle diverse modalità, ma indirettamente raccogliamo un giudizio positivo su entrambe le forme che andrebbero meglio esplorate. Il compimento del diciottesimo anno d età risulta per questi ragazzi forse il momento più critico, il passaggio all età adulta porta con se la perdita della tutala garantita ai minorenni, inizia il periodo più incerto. Tutto potrebbe essere rimesso in gioco. Forse la continuazione di questa ricerca dovrebbe partire proprio da qui, dall analisi delle esperienze dei neo maggiorenni stranieri arrivati in Italia come minorenni. Le risposte alle domande di ricerca - necessariamente riformulate in dove sono andati? Che cosa fanno? Quanto i percorsi di accoglienza hanno aiutato questi giovani ad integrarsi nella società italiana? ci aiuterebbero però a rispondere ancora meglio alle nostre iniziali domande. Bibliografia 10

11 ANCI - Cittalia, MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI. Quarto rapporto ANCI Cittalia Cittalia Fondazione Anci ricerche, documento scaricabile da internet. AA.VV., L AFFIDO OMOCULTURALE IN ITALIA. Affido famigliare e accoglienza di minori stranieri non accompagnati in famiglie della medesima cultura di provenienza: il progetto Aggiungi un posto a tavola di Genova e altre esperienze italiane. Roma: Sinnos Editrice, 2009 Cadei Livia, Sfide e prospettive del lavoro educativo nella comunità con Minori Stranieri non Accompagnati. In MINORI STRANIERI: QUESTIONI E PROSPETTIVE D ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE. Pensa Multimedia, 2012 Giovannetti Monia, MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI. Terzo rapporto ANCI Dipartimento immigrazione Mescalchin Chiara, MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI E RICHIEDENTI ASILO. Tesi di laurea. Università Ca' Foscari Venezia, 2012 Ricucci Roberta, La generazione "1.5" di minori stranieri. Strategie di identità e percorsi di integrazione fra famiglie e tempo libero. IN POLIS, 2/2005; pp Rigon Giancarlo, Mengoli Giovanni, CERCARE UN FUTURO LONTANO DA CASA. Storie di minori stranieri non accompagnati. Bologna: Edb, 2013 Scarnò Valentina, Il SERVIZIO D ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI: IL CASO DI VENEZIA. Tesi di laurea. Università Ca' Foscari Venezia,

12 ALLEGATO. Il questionario con le frequenze Di seguito riportiamo il questionario con le frequenze in valori assoluti ottenute ad ogni domanda. Data la numerosità ridotta delle unità d analisi si è ritenuto di non calcolare il valore percentuale. SEZIONE 1: ANAGRAFICA Sesso Maschi 65 Femmine 1 Anno di nascita Nazionalità (Paese di origine) Bangladesh 35 Albania 17 Kosovo 9 Afghanistan 3 Senegal 2 Brasile 1 SEZIONE 2: IL VIAGGIO Paese di partenza Bangladesh 33 Albania 17 Kosovo 9 Afghanistan 3 India 2 Senegal 2 Brasile 1 12

13 Il percorso Attraversando altri paesi 50 Dal paese di origine direttamente in Italia 16 Paese di entrata in Italia (ultimo paese attraversato prima di giungere in Italia, esclusi coloro che arrivano direttamente) Grecia 12 Francia 8 Austria 7 India 5 Slovenia 3 Russia 2 Turchia 2 Libia 2 Albania 2 Romania 1 Portogallo 1 Germania 1 Macedonia 1 Bangladesh 1 Non dichiara 4 Totale 50 Mezzi di trasporto impiegati per il viaggio Nave/traghetto/barca 32 Treno 29 Aereo 21 Autobus 18 Automobile 18 Camion 14 A piedi 13 Taxi 3 A cavallo 1 Nota: ogni minore ha potuto indicare anche più di un mezzo Via di ingresso in Italia Terra 34 Mare 25 Aerea 7 13

14 Costo del viaggio Meno di Da a Da a Oltre Altre modalità di pagamento 3 Non sa 4 Età all ingresso in Italia 12 anni 1 13 anni 1 14 anni 4 15 anni anni anni 18 Età all arrivo nel Comune inviante 12 anni 1 14 anni 5 15 anni anni anni 19 Semestre di arrivo Gen. Giu Lug. Dic Gen. Giu Lug. Dic Gen. Giu Non risponde 3 Sei stato costretto ad intraprendere il viaggio? Sì 11 No 54 Non risponde 1 14

15 SEZIONE 3: LA FAMIGLIA D ORIGINE Genitori Madre Padre Vivente Non vivente 1 10 Non sa/non risponde Fratelli e sorelle in patria Sì 64 No 2 N di fratelli/sorelle in patria e più 7 Totale 64 La famiglia è a conoscenza del viaggio? Sì 63 No 2 Non risponde 1 Se sì, quale aspettativa ripone la famiglia nel viaggio? Ricevere soldi 40 Far sì che il proprio figlio si costruisca un futuro migliore 6 Farmi studiare e/o lavorare 6 Aprire la strada ad altri fratelli o componenti della famiglia 4 Rientrare del prestito 3 Speranza di far vivere il proprio figlio in un luogo di vita sicuro 3 Altro 2 Totale 64 15

16 SEZIONE 4: PERCORSO SCOLASTICO Per quanti anni hai frequentato la scuola nel tuo paese d origine Nessuno 3 Da 1 a 5 anni 10 Da 6 a 8 anni 24 9 e più anni 29 Titolo conseguito Nessuno 23 Licenza scuola dell obbligo/licenza media 19 Qualifica professionale 1 Non risponde 23 Ti piacerebbe continuare a studiare? Sì 51 No 13 Indeciso 1 Non risponde 1 SEZIONE 5: ASPETTATIVE Motivo dichiarato del viaggio? Economico 51 Richiedente asilo 3 Ricongiungimento familiare 7 Studiare 2 Altro 3 Dall Italia mi attendo? Trovare un lavoro 56 Studiare 8 Altro 2 16

17 All Italia posso dare? Un contributo come lavoratore 30 Un contributo come cittadino 16 Non lo so 6 Riconoscenza, rispetto 4 Diventare qualcuno 2 Non risponde 8 SEZIONE 6: ESPERIENZE LAVORATIVE Hai mai lavorato? Sì 32 No 34 Se sì, da quale età hai cominciato? anni anni anni 8 16 anni 5 17 anni 1 Totale 32 Se sì, che tipo di lavoro? Commesso 9 Bracciante, aiuto in agricoltura 8 Cameriere 5 Muratore 5 In fabbrica 1 Sarto 1 Meccanico 1 Idraulico 1 Lavaggio auto 1 Totale 32 Durante il viaggio hai lavorato? Sì 2 No 58 Non risponde 6 17

18 Quale lavoro vorresti fare in Italia? Cuoco, pizzaiolo 17 Meccanico 14 Cameriere 8 Ristoratore 8 Barista 3 Calciatore 3 Professione liberale (ingegnere, architetto) 2 Elettricista, elettrotecnico 2 Idraulico 2 Qualsiasi 2 Estetista 1 Autista 1 Muratore 1 Non risponde 2 Quanto pensi guadagni un operaio e un medico in Italia? Operaio Medico Fino a euro al mese 34 1 Da a euro al mese Da a euro al mese 0 38 Oltre euro al mese 0 6 Non sa, non ha idea Sei mai stato costretto a lavorare senza essere pagato? Sì 3 No 63 SEZIONE 7: AFFETTI E RELAZIONI Chi sono le persone a cui ti senti più legato? Madre 28 Famiglia 14 Fratelli e sorelle 8 Padre 7 Amici 4 Zii 3 Genitori 2 18

19 Chi sono le persone che oggi senti più vicine? Famiglie affidatarie 27 Compagni, amici 17 Operatori e/ assistente 15 Fratello/sorella 3 Padre 1 Altri parenti (cugini) 1 Insegnanti 1 La ragazza 1 Quando hai un problema personale a chi ti rivolgi? Famiglie affidatarie 26 Agli operatori 21 Ai compagni/amici 6 Agli operatori e all assistente sociale 4 Ai componenti della propria famiglia (madre, sorella, cugini) 4 Assistente sociale 1 Tutrice 1 A me stesso 1 Non risponde 2 SEZIONE 8: CULTURA E PRATICA RELIGIOSA Qual è la tua religione? Musulmana 62 Cristiana 4 Quanto ritieni possibile seguire la tua religione in Italia? Poco o comunque meno del proprio paese 2 Abbastanza 20 Sì, senza alcun problema 28 Non segue, non interessa 12 Totale 62 19

20 SEZIONE 9: RAPPRESENTAZIONI SOCIALI SUGLI ITALIANI Valuta da 1 a 5 i seguenti aspetti? Poco Molto 5 Gli italiani lavorano Gli italiano sono simpatici Gli italiani sono ricchi Quanto libere sono le donne italiane Quanto è unita la famiglia in Italia Quanto è buono il cibo italiano Quanto conta la religione SEZIONE 10: EPISODI DI VIOLENZA Sei mai stato rinchiuso a chiave in una stanza? Sì 11 No 54 Non risponde 1 Hai mai visto qualcuno che picchiava qualche minore? Sì 19 No 47 Se sì dove? SI NO Totale Nel paese d origine Durante il viaggio In Italia Sei mai stato imprigionato? Sì 5 No 59 Non risponde 2 20

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI UTENTI Indagine rivolta agli STP

DALLA PARTE DEGLI UTENTI Indagine rivolta agli STP DALLA PARTE DEGLI UTENTI Indagine rivolta agli STP Maria Ferraro - Sociologa PREMESSA Maria Ferraro è una sociologa che, in qualità di volontaria, ha frequentato nel 2012 l U.O. Attività Sociosanitarie

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

I MINORI NON ACCOMPAGNATI

I MINORI NON ACCOMPAGNATI I MINORI NON ACCOMPAGNATI Qualche dato Negli ultimi 7 anni i minori stranieri non accompagnati segnalati in Italia sono stati oltre 50 mila, con una media annuale di circa 7700 minori. La maggior parte

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli