I minori stranieri non accompagnati a Venezia. Un analisi quantitativa. Paolo Tomasin. 1. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I minori stranieri non accompagnati a Venezia. Un analisi quantitativa. Paolo Tomasin. 1. Introduzione"

Transcript

1 I minori stranieri non accompagnati a Venezia. Un analisi quantitativa Paolo Tomasin Nessuno può immaginare che cosa significhi nascere e vivere al confine fra due mondi, conoscerli e comprenderli ambedue e non poter far nulla per riavvicinarli, amarli entrambi e oscillare fra l uno e l altro per tutta la vita, avere due patrie e non averne nessuna, essere di casa dovunque e rimanere estraneo a tutti, in una sola parola, vivere crocefisso ed essere carnefice e vittima allo stesso tempo. Ivo Andrić 1. Introduzione La presenza di minorenni soli, che si spostano anche per diverse migliaia di chilometri senza famiglia, è divenuto negli ultimi anni un fattore comune nelle migrazioni a livello mondiale (Giovannetti, 2010). Il quarto rapporto ANCI-Cittalia rileva come questa presenza in Italia sia costantemente cresciuta e che al abbia raggiunto il numero di minori stranieri non accompagnati. Eppure, aldilà di qualche dato sociodemografico, questi piccoli migranti rappresentano un fenomeno ancora poco conosciuto, una pagina ancora non completamente scritta dell immigrazione straniera in Italia. Sono poche poi le ricerche sociologiche che si sono premurate di investigare questo segmento migratorio raccogliendo le informazioni direttamente dalla voce degli stessi minorenni, che hanno quindi impiegato come unità di rilevazione i protagonisti di tante microstorie di riscatto sociale. Microstorie sicuramente tutte particolari, uniche, ma che trovano poi una trama più generale nelle storie di guerra e miseria, di calamità naturali e sociali dei paesi di provenienza generate a sua volta da una macrostoria globale che continua a produrre profonde disuguaglianze. Queste intraprese migratorie potremmo interpretarle come tanti piccoli tentativi di trovare, in modo contingente, soluzioni individuali cercando di sfuggire ai vincoli posti dalle strutture sociali più ampie. L idea di un indagine esplorativa, di tipo sia quantitativo che qualitativo, nasce dal desiderio di approfondire e diffondere la conoscenza di questi adolescenti che, mettendosi a cercare un futuro lontano da casa (Rigon, Mengoli, 2013), sono approdati in Italia e oggi si trovano in carico ai Servizi sociali del Comune di Venezia, uno degli enti locali che ha aderito alla rete rappresentata dal Programma Nazionale di protezione dei minori stranieri non accompagnati. Nasce altresì dalla necessità di rispondere ad alcune domande: chi sono questi minorenni? Come, attraverso quali itinerari ed esperienze, sono arrivati fino da noi? Quanto sono diversi dai loro coetanei italiani? E soprattutto, riusciranno nell impervio percorso di integrazione nella società italiana? Queste e altre domande di sfondo ci hanno guidato nell indagine. Si è scelto di ascoltarli, sulla base di un intervista su questionario semi-strutturato, benché ancora minorenni, purché fossero in Italia da almeno 6 mesi, avessero quindi maturato un po di conoscenza del contesto italiano ed iniziato ad esprimersi nella nostra lingua. I risultati qui presentati possono essere definiti un primo tentativo di tracciare il profilo quantitativo di questa quasi invisibile componente migratoria del territorio veneziano. Profilo che i dati numerici non riescono a restituire completamente e che verrà completato anche con altri contributi di approfondimento qualitativo raccolti nel volume. Le storie dei minorenni accanto al vissuto degli 1

2 operatori potranno contestualizzare e meglio interpretare le frequenze qui esposte. Intanto però anche solo esponendo qualche numero affiora l incapacità della stessa definizione di minori stranieri non accompagnati di cogliere con precisione il fenomeno: certo si tratta di ragazzi, arrivati in Italia perlopiù ancora non maggiorenni, ma che dimostrano spesso di essere diventati già adulti, di essersi fatto carico fin da molto piccoli delle responsabilità di un adulto; altrettanto certo è che intraprendono un lungo viaggio migratorio da soli, senza il resto della famiglia, ma in molti casi sono figli di una precisa strategia migratoria familiare che assegna loro il pesante carico di apripista. Nel paragrafo successivo daremo conto di come è avvenuto il processo d indagine; nel terzo paragrafo sono presentati i risultati della somministrazione del questionario, mentre il contributo si conclude tentando di capire quanto e come sia possibile ricostruire i profili di questi minorenni inseriti in percorsi di integrazione sociale e lavorativa nel Comune di Venezia. 2. Il processo di indagine La ricerca sociale dispone di una ricca gamma di strumenti per raccogliere dati e informazioni. La scelta di quale sia il più adatto da impiegare dipende da alcuni fattori, quali le caratteristiche dell unità di analisi e rilevazione, le questioni oggetto di indagine, le risorse a disposizione. Per approfondire la conoscenza dei minori stranieri non accompagnati in carico ai Servizi sociali il fattore certamente più critico che si è presentato è stato quello della fiducia, nel senso che, a prescindere dallo strumento impiegato, è necessario previamente stabilire una relazione di fiducia tra colui che raccoglie le informazioni e colui che le possiede. Un secondo fattore critico considerato, profondamente connesso al precedente, è stato quello della sofferenza destata dal ricordo di esperienze dolorose, spiacevoli, che si vorrebbero cancellare dalla memoria. La diversità della lingua madre ha posto poi ulteriori difficoltà comunicative. L attenzione a queste variabili ha caratterizzato l intero processo di ricerca che fin dall inizio ha assunto un carattere partecipativo, coinvolgendo anche gli educatori delle cooperative sociali impegnati quotidianamente a fianco dei minori stranieri non accompagnati. Dopo alcune valutazioni sono stati scelti due strumenti: un questionario anonimo semi-strutturato, somministrato direttamente da un rilevatore esperto, per quanto concerne la raccolta di informazioni di carattere quantitativo o perlomeno che consentano una loro comparazione; il racconto delle storie di vita per recuperare quelle informazioni più personali, frutto anche di spiegazioni e interpretazioni (vedi capitolo successivo). La formulazione delle domande del questionario è stata condivisa con gli educatori. Molte domande non hanno previsto un opzione pre-codificata di risposta, ma sono state lasciate volutamente aperte per dar la possibilità ai rispondenti di sentirsi liberi. Il questionario impiegato è suddiviso in dieci sezioni. La prima raccoglie domande di natura anagrafica. La seconda sezione è dedicata al viaggio. La terza esplora alcune dimensioni della famiglia d origine. La quarta sezione indaga il percorso scolastico effettuato prima di arrivare in Italia. La quinta sonda le aspettative. La sesta sezione volge l attenzione alle esperienze lavorative accumulate prima di entrare in Italia e la visione del lavoro. La settima è dedicata agli affetti e alla relazioni. L ottava alla fede religiosa e alla possibilità di praticarla nel nostro paese. La nona sezione affronta la rappresentazione che questi minori stranieri hanno degli italiani. La decima e l ultima indaga la violenza che ha circondato 2

3 e in alcuni casi direttamente colpito questi adolescenti. In allegato si riporta il questionario con le frequenze ottenute ad ogni item di risposta. Gli educatori che hanno partecipato alla stesura del questionario hanno assunto anche il ruolo di intervistatori. La suddivisione dei minorenni da intervistare è stata fatta però in modo che ogni educatore-intervistatore non sottoponesse il questionario ai propri casi in carico, evitando così eventuali bias dovuti alla conoscenza precedente. La somministrazione del questionario è avvenuta prevalentemente in lingua italiana. La rilevazione dei dati si è protratta per tre mesi, da agosto ad ottobre 2013, incontrando i minori stranieri in diversi contesti: in strutture di accoglienza e in famiglie affidatarie. Sono stati raggiunti in totale 66 minori stranieri non accompagnati, praticamente la totalità di coloro che risultavano, a tale data, in carico ai Servizi sociali del Comune di Venezia e che rientravano nelle caratteristiche individuate. Scheda tecnica dell indagine Strumento di rilevazione: Questionario semi-strutturato Modalità di somministrazione: Intervista faccia a faccia Periodo di somministrazione: Agosto Ottobre 2013 Numerosità dei casi validi: I risultati La presentazione dei risultati si propone due livelli di lettura: il primo è quello della semplice esposizione delle frequenze ottenute dalle risposte alle singole domande del questionario; il secondo livello è il tentativo di individuare, benché la base dati sia molto limitata, alcune variabili chiave che ci consentano, attraverso incroci, di pervenire all individuazione di fattori che caratterizzano questo particolare segmento migratorio. 3.1 Profilo anagrafico. I minori stranieri non accompagnati sono quasi tutti maschi. Solo uno degli intervistati è di sesso femminile. Anche nelle rilevazioni nazionali, la componente femminile è minoritaria in questo fenomeno. Purtroppo la maggior parte delle minorenni straniere che abbandonano il paese d origine per cercare fortuna in Italia finiscono per essere analizzate nella tematica della tratta sessuale. Al momento dell intervista, il più piccolo dichiara di avere 14 anni, i più grandi invece affermano di essere nati nel 1995 e quindi entro il 2013 diventeranno maggiorenni, perdendo così la tutela giuridica. Il gruppo più consistente, formato da 37 unità, è costituito da 17enni. La maggior parte è originaria del Bangladesh (34 minorenni), seguono per numerosità gli albanesi (17 minorenni) e i kosovari (9 minorenni). Gli afghani sono 3, mentre vi sono anche due senegalesi e un brasiliano 1. 1 Il paese di origine è utilizzato in seguito come possibile variabile chiave per verificare la sua capacità esplicativa. 3

4 3.2 Il viaggio. Il paese natale è per quasi tutti (tranne 2 casi) il paese di partenza del viaggio che li ha portati in Italia. Solo una minoranza arriva però direttamente nel nostro paese e si tratta quasi esclusivamente degli albanesi ai quali basta attraversare il mare adriatico. Per la maggior parte degli altri minorenni (50 casi) l approdo in Italia è il risultato di un lunghissimo, e non sempre lineare, a volte pericoloso (come si vedrà più avanti), percorso di attraversamento di più confini nazionali. L ultimo paese attraversato prima di entrare in Italia è quasi sempre uno Stato membro dell Unione Europea: Grecia e Slovenia, ma anche Francia, Austria, Germania, aree geografiche quindi che non si collocano in punto intermedio rispetto ai paesi di partenza, ma rappresentano forse mete non raggiunte o tortuosità del tragitto. I minorenni partiti dal Bangladesh di solito raggiungono l India, da qui alcuni proseguono per il Pakistan, entrano in Iraq, poi in Turchia ed infine arrivano in Grecia dove si imbarcano per l Italia. Alle volte dall India arrivano via area in Francia, altre volte passano dalla Russia. Ogni minorenne segue una propria traiettoria, piena di imprevisti e dagli esiti inattesi. Per arrivare in Italia, i minori stranieri utilizzano di solito più mezzi di trasporto: sono una minoranza coloro che dichiarano di impiegarne solo uno. Un minore elenca di aver impiegato ben cinque diversi mezzi per raggiungere l Italia: a piedi, camion, treno, nave e autobus. Altri alternano gli stessi mezzi più volte durante il viaggio. L imbarcazione, che può essere una nave, un traghetto, ma anche una piccola barca è la modalità di trasporto maggiormente impiegata. Segue il treno e poi l aereo, ma c è chi ha fatto tratti anche nascosti nei camion, prendendo autobus, automobile, andando a piedi e persino a cavallo. In Italia sono entrati prevalentemente via terra (34 minorenni); per mare sono arrivati 25 e i restanti 7 sono atterrati da un volo aereo. Il viaggio, in particolare per coloro che vengono da lontano, ha un costo non indifferente. Esclusi gli albanesi, quasi tutti gli altri minorenni stranieri dichiarano di aver pagato oltre euro. Per quattro di loro il viaggio è costato più di euro. Alcuni non sanno quanto è costato perché è stato il padre a pagare per loro o perché gli è stato offerto come regalo (forse sarebbe meglio dire un prestito). In un caso si è raccolta la risposta che sarebbe stata un agenzia ad aver anticipato il costo, a fronte di un impegno a restituire successivamente il denaro con i guadagni del lavoro. La famiglia è nella quasi totalità dei casi a conoscenza del viaggio e questo è stato intrapreso perlopiù per far arrivare dei soldi ai familiari. Calcolando il tempo trascorso dal momento dell arrivo in Italia a quello dell intervista si è provato a distinguere quattro diversi gruppi: a) quelli che non hanno ancora maturato un anno di permanenza; b) quelli arrivati da più di 12 mesi e meno di 2 anni; c) quelli che sono in Italia da più di 24 e meno di 36 mesi; d) quelli arrivati da 3 e più anni. Il periodo di permanenza in Italia potrebbe rivelarsi una interessante variabile discriminatoria per valutare lo stadio raggiunto del percorso di integrazione. 4

5 Fig. n 2. Periodo di permanenza in Italia al momento dell intervista Meno di 1 anno 8 Da 1 a 2 anni 39 Da 2 a 3 anni 14 Più di 3 anni La famiglia d origine. Tranne uno, tutti i minori intervistati dichiarano di avere la madre ancora vivente; diversamente è invece l indicazione per il padre: 10 affermano che non è più vivo. Quasi tutti (64) affermano di avere altri fratelli e sorelle, mediamente poco meno di 3 a testa. Una buona parte proviene quindi da famiglie che consideriamo numerose. In totale si sommano 176 tra fratelli e sorelle, anche se alcuni precisano che non tutti si trovano ancora nel paese d origine. Data la formulazione della domanda è chiaro però che la maggioranza degli intervistati rappresenta il migrante apripista del proprio nucleo familiare. E plausibile sostenere che altri fratelli e sorelle minori, appena potranno, in futuro non lontano, li raggiungeranno. In ogni caso, che l intervistato sia l apripista o segua qualche fratello maggiore, emerge chiaramente come il percorso migratorio fatto da solo, sia parte di un disegno di respiro familiare. Nella quasi totalità dei casi, infatti la famiglia è al corrente del viaggio e ripone come principale aspettativa quella di ricevere le rimesse. 3.4 Percorso scolastico. Quasi tutti dichiarano di aver iniziato, nel paese d origine, il percorso scolastico e di aver frequentato le scuole per un certo numero di anni. Alcuni hanno anche terminato il percorso dell obbligo scolastico ottenendo una licenza, equivalente alla nostra scuola secondaria di primo grado (ex terza media). Un minorenne afferma di aver già ottenuto persino una qualifica professionale. Ad ogni modo l elevato numero di non risposte è un segnale, oltre che della difficoltà di tradurre nel sistema scolastico italiano il percorso effettuato nel proprio paese, anche della voglia di dimenticare un cammino interrotto della propria esperienza di vita. La maggior parte esprime la volontà di continuare il percorso scolastico interrotto. I 13 che non intendono proseguire sono tutti diciassettenni ed è quindi ipotizzabile che pensino già ad un inserimento lavorativo. 3.5 Aspettative. I motivi che spingono questi minori ad intraprendere il viaggio possono essere più d uno e forse non sempre esplicitabili in categorie precise. Messi di fronte alla domanda del questionario, la maggior parte dichiara di aver intrapreso il viaggio per motivi economici; solo una parte fa riferimento al ricongiungimento familiare (che però potrebbe avere anche un intento economico) o alla richiesta di asilo umanitario. Dalla permanenza in Italia si aspettano quasi tutti di trovare un lavoro; i pochi che affermano di voler studiare sono ragazzi arrivati da più di un anno. Nessuno quindi sembra arrivato con l idea di completare il proprio percorso di studi e successivamente di trovare lavoro, semmai l aspettativa dello studio si fa strada dopo un periodo di permanenza in Italia. E questo significherebbe già una modifica 5

6 dell originario percorso migratorio. Altre due risposte, certo non rappresentative, sono alquanto sorprendenti: rispettare la legge italiana e ideare un invenzione utile per l Italia. Nessuno indica la volontà di lasciare l Italia per raggiungere altri paesi, ma la risposta non pare essere completamente attendibile 2, e anche se lo fosse, si tratta di una affermazione resa in un particolare momento, pronta ad essere modificata se si presentassero migliori occasioni di inserimento lavorativo. Alla domanda cosa possono dare all Italia, i minori intervistati offrono un ventaglio di risposte che è stato difficile ricodificare in alcune categorie. Ad ogni modo la maggior parte si sente in dovere di dare un contributo come buon lavoratore, segue un contributo come buon cittadino (alcuni si esprimono sottolineando, sorprendentemente, il dovere di pagare le tasse). Le due categorie di risposta sono in alcuni casi compresenti e si possono interpretare anche come riscatto sociale che vale anche per gli altri due minorenni che sognano di diventare qualcuno d importante (nelle fattispecie calciatori). Per altri prevale un sentimento di riconoscenza e rispetto per l aiuto ricevuto; infine alcuni ancora non sanno o non vogliono rispondere. 3.6 Esperienze lavorative. Circa la metà dei minorenni dichiara di aver già lavorato; alcuni hanno iniziato da molto piccoli, fin dai 10 anni, svolgendo lavori quali commesso di negozio, bracciante in agricoltura, cameriere. Solo due dichiarano di aver lavorato anche durante il tragitto che li ha portati in Italia, ed entrambi lo hanno fatto in Grecia, vendendo fiori o raccogliendo frutta. I lavori che questi ragazzi affermano di voler fare in futuro in Italia sono quasi tutti di tipo manuale, ma individuati sicuramente anche perché discretamente remunerativi. Sorprende la chiarezza di scelta e la loro poca esitazione (solo due casi non rispondono e altri due affermano qualsiasi lavoro), caratteristiche difficilmente riscontrabili nei loro coetanei italiani. Sono ragazzi molto consapevoli, ed anche impazienti, in grado di collegare le loro effettive possibilità agli obiettivi di riscatto economico insiti nel viaggio intrapreso. La percezione di quanto guadagna un operaio e un medico risulta alquanto corretta. E forse possibile ipotizzare in questi minorenni, a differenza di quelli italiani, lo sviluppo, fin dalla più tenera età, di una certa sensibilità per gli aspetti economici, in quanto componente chiave delle attese del percorso migratorio. Tre ragazzi dichiarano di essere stati costretti a lavorare gratuitamente. 3.7 Affetti e relazioni. L esplorazione degli affetti e delle relazioni di questi minorenni lontani da casa lascia intravedere come il legame più forte rimanga quello con la madre. Viene indicata da sola, con più frequenza di tutte le restanti figure, inclusa la famiglia (intesa anche in senso allargata), il padre, i fratelli e le sorelle, altri parenti (zii), gli amici, i genitori (considerati insieme). Alla richiesta di indicare quali siano le persone che in questo momento sentono più vicine gli intervistati si dividono in quattro gruppi: coloro che indicano le famiglie alle quali sono stati affidati; coloro che 2 Appare perlomeno dubbia per i minorenni che sono entrati in Italia dopo essere passati per altri paesi dell Unione Europea, come Austria, Francia, Germania. 6

7 segnalano i compagni, gli amici, ovvero le persone con le quali condividono la camera, passano la maggior parte del tempo; quelli che individuano gli operatori delle cooperative sociali; ed infine quelli che indicano altre figure: l insegnante, la ragazza, parenti (anche se in quest ultimo caso non è chiaro se vivono vicino oppure no). Le figure ritenute più vicine sono solitamente anche quelle alle quali ci si rivolge in caso di problemi personali. L unica figura che non coincide con la stessa frequenza è quella del compagno, amico, che viene sostituita con quella di persone adulte, quali operatori, assistenti sociali, tutori. Ciò potrebbe significare che i compagni di stanza, gli amici con i quali si passa la maggior parte del tempo non sono ancora diventati delle persone in grado di aiutare a risolvere i problemi che si presentano, in quanto probabilmente essi si trovano nelle stesse condizioni di chi chiede aiuto. 3.8 Cultura e pratica religiosa. La quasi totalità di questi ragazzi si dichiara di religione musulmana (62 su 66). Tre specificano che si riconoscono nella tradizione sunnita. Quattro affermano di essere cristiani, due specificano cattolici. La pratica però si discosta dalla dichiarazione dell appartenenza religiosa. Infatti alla domanda se sia possibile seguire la religione musulmana in Italia, alcuni affermano che non gli interessa praticarla, mentre la maggior parte non trova difficoltà a frequentare le moschee e a seguire i precetti. Insomma, la religione non sembra proprio un vincolo all integrazione nella società italiana; anzi ognuno sembra aver già adottato al riguardo una propria strategia comportamentale. 3.9 Rappresentazioni sociali sugli italiani e sulla cultura italiana. Una sezione del questionario è stata predisposta con la finalità di capire quale rappresentazione sociale si stiano costruendo, benché in Italia da poco tempo, i minorenni stranieri di alcuni tratti culturali degli italiani. Ebbene in una scala da 1 (che significa poco) a 5 (che significa molto), la media più alta è raggiunta dalla libertà delle donne italiane (4,57), tra l altro con un elevato grado di condivisione tra i rispondenti; segue la simpatia degli italiani (4,36) e la bontà del cibo (4,11), anche se si registra qualche disaccordo nella valutazione; poi la ricchezza (3,92), la laboriosità (3,88), la religione (3,50) ed infine l unità della famiglia (2,98) che però registra anche il più alto livello di discordanza tra i rispondenti. 7

8 Figura n 3: Media di alcuni tratti culturali degli italiani (scala: 1 = poco; 5 = molto) Quanto libere sono le donne italiane 4,57 Gli italiano sono simpatici 4,36 Quanto è buono il cibo italiano 4,11 Gli italiani sono ricchi 3,92 Gli italiani lavorano 3,88 Quanto conta la religione 3,50 Quanto è unita la famiglia in Italia 2,98 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 4,5 5 Esplorando le risposte a queste domande, emergono alcune differenze di percezione a seconda del paese di origine. Per chi proviene dal Bangladesh il giudizio sulla simpatia degli italiani è molto più alto di quello dato dagli albanesi o di altre nazioni; diversamente hanno una percezione molto più bassa dell unità della famiglia italiana 3. La bontà del cibo è invece valutata alta da parte degli albanesi e molto meno dai minorenni provenienti dagli altri paesi. Sulla ricchezza degli italiani e sulla libertà delle donne in Italia invece trova concordi tutti, senza distinzione per paese. Figura n 4: Media di alcuni tratti culturali degli italiani per paese di provenienza (scala: 1 = poco; 5 = molto) Quanto è unita la famiglia in Italia Bangladesh 5 4,5 Albania Quanto libere sono le donne italiane 4 3,5 3 Quanto conta la religione Altri paesi 2,5 2 1,5 1 Gli italiano sono simpatici Gli italiani lavorano Quanto è buono il cibo italiano Gli italiani sono ricchi 3 E interessante notare come i minorenni affidati alle famiglie esprimano un valore sull unità della famiglia italiana ben più basso di coloro che vivono nelle comunità. 8

9 3.10 L esperienza della violenza. L esperienza della violenza, intravista o direttamente subita da questi piccoli migranti, è un tema delicato e difficilmente affrontabile con un questionario. Nonostante ciò, con la massima delicatezza si è cercato di raccogliere qualche informazione, anche se è bene premettere fin da subito che le risposte probabilmente rappresentano sola la punta di un iceberg ben più consistente. Ben undici rispondenti hanno dichiarato che sono stati rinchiusi a chiave; alcuni lo sono stati proprio durante il viaggio. Uno di loro afferma: sono stato rinchiuso al buio per un mese ; un altro: siamo rimasti per due giorni senza mangiare e forse non sono nemmeno le esperienze peggiori. Circa un terzo dichiara di essere stato testimone di episodi di violenza su loro coetanei, avvenuti sia nel paese d origine, sia durante il viaggio e persino in Italia. Cinque affermano di essere stati imprigionati; tre durante il viaggio ed uno persino dopo essere arrivato nel nostro paese. Alla richiesta di individuare quali figure hanno visto esercitare violenza emergono adulti non meglio identificati, seguiti da altri minorenni e dalle forze di polizia. Dieci ragazzi ammettono che si sono trovati essi stessi nella situazione di dover usare violenza per difendersi; per alcuni l esperienza risale al paese d origine, per altri al viaggio e per altri ancora qui in Italia. 4. Profili migratori Le informazioni fin qui raccolte ci permettono di rispondere solo parzialmente alle domande poste nell introduzione del capitolo. Soprattutto non ci consentono di generalizzare, di ridurre a ben definite categorie, di tipizzare profili standard. Diversamente i dati raccolti ci consegnano una serie di singoli scatti fotografici appartenenti ad adolescenti, in un preciso periodo del loro percorso migratorio, che è difficile sovrapporre uno sull altro. Benché tutti condividano l obiettivo della ricerca di un futuro lontano dal proprio paese d origine (Rigon, Mengoli, 2013), risulta difficile tracciare un profilo omogeneo capace di riassumere tutte le esperienze. Parleremo dunque di profili migratori, al plurale, difficilmente riconducibili a univocità, e dai tratti sfumati, incerti, benché non si possano trascurare alcune dimensioni che accomunano i minori interpellati. Questi pochi elementi comuni posso essere così sintetizzati: - tranne un caso, si tratta di piccoli migranti maschi; le ragazze come abbiamo detto, di solito, seguono altri percorsi; - il viaggio intrapreso è parte di una strategia familiare che ha o può avere diversi obiettivi, più o meno dichiarati: da un lato far sì che i suoi figli trovino un futuro migliore di quello che li aspetta nel paese d origine, dall altro spingerli a procurare risorse economiche per il mantenimento della famiglia stessa; 9

10 - il viaggio, soprattutto se lungo, è quasi sempre un esperienza piena di imprevisti, un tragitto rischioso, dove persino la vita può essere in pericolo; - la ferrea volontà di integrarsi procurandosi un lavoro, anche dopo un percorso di studi professionalizzante, per guadagnare del denaro, una parte del quale probabilmente da inviare alla famiglia d origine; - più che minorenni sembrano essere già degli adulti cresciuti in fretta, che fin da piccoli si sono accollati responsabilità familiari, hanno sperimentato situazioni difficili, talvolta pericolose e persino violente. Sono molto più numerosi invece, gli elementi che differenziano profondamente i ragazzi intervistati; tra questi troviamo (ma l elenco è pressoché infinito): - il paese di provenienza; paese che significa bagaglio di variabili socioeconomiche e culturali; spesso però anche il paese, quando è un aggregato composito di lingue, religioni, culture diverse, è un elemento parzialmente discriminante; arrivare dal centro di una grande città o dalla periferia rurale fa la differenza; - l età alla partenza; benché da questa e da altre indagini emerga che la fascia d età nella quale questi minorenni hanno intrapreso il loro percorso migratorio possa essere ricondotta ad una manciata di anni (tra i 12 e i 17 anni), è bene ricordare che in questo periodo adolescenziale le differenze anche di qualche mese contano tantissimo; inoltre la data anagrafica potrebbe trarre in inganno se usata per fare confronti con i minorenni italiani; - le attese, più o meno consapevoli, riposte sul viaggio; attese che si modificano e si ridefiniscono anche rispetto ai contesti di inserimento; - ogni incontro, esperienza, episodio di vita, dall intrapresa del viaggio in poi, potrebbe rivelarsi uno spartiacque decisivo per il loro percorso migratorio; - il periodo di permanenza maturato in Italia; è evidente che con il passare del tempo questi minorenni acquisiscono relazioni, conoscenze e consapevolezze utili o meno ad integrarsi nella società italiana; il momento preciso in cui si interpellano influenza decisamente il tipo di risposta; - il tipo di percorso di accoglienza e integrazione; alcuni hanno sperimentato l istituto dell affido familiare, mentre altri sono rimasti in strutture di accoglienza; non era obiettivo dell indagine valutare gli effetti delle diverse modalità, ma indirettamente raccogliamo un giudizio positivo su entrambe le forme che andrebbero meglio esplorate. Il compimento del diciottesimo anno d età risulta per questi ragazzi forse il momento più critico, il passaggio all età adulta porta con se la perdita della tutala garantita ai minorenni, inizia il periodo più incerto. Tutto potrebbe essere rimesso in gioco. Forse la continuazione di questa ricerca dovrebbe partire proprio da qui, dall analisi delle esperienze dei neo maggiorenni stranieri arrivati in Italia come minorenni. Le risposte alle domande di ricerca - necessariamente riformulate in dove sono andati? Che cosa fanno? Quanto i percorsi di accoglienza hanno aiutato questi giovani ad integrarsi nella società italiana? ci aiuterebbero però a rispondere ancora meglio alle nostre iniziali domande. Bibliografia 10

11 ANCI - Cittalia, MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI. Quarto rapporto ANCI Cittalia Cittalia Fondazione Anci ricerche, documento scaricabile da internet. AA.VV., L AFFIDO OMOCULTURALE IN ITALIA. Affido famigliare e accoglienza di minori stranieri non accompagnati in famiglie della medesima cultura di provenienza: il progetto Aggiungi un posto a tavola di Genova e altre esperienze italiane. Roma: Sinnos Editrice, 2009 Cadei Livia, Sfide e prospettive del lavoro educativo nella comunità con Minori Stranieri non Accompagnati. In MINORI STRANIERI: QUESTIONI E PROSPETTIVE D ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE. Pensa Multimedia, 2012 Giovannetti Monia, MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI. Terzo rapporto ANCI Dipartimento immigrazione Mescalchin Chiara, MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI E RICHIEDENTI ASILO. Tesi di laurea. Università Ca' Foscari Venezia, 2012 Ricucci Roberta, La generazione "1.5" di minori stranieri. Strategie di identità e percorsi di integrazione fra famiglie e tempo libero. IN POLIS, 2/2005; pp Rigon Giancarlo, Mengoli Giovanni, CERCARE UN FUTURO LONTANO DA CASA. Storie di minori stranieri non accompagnati. Bologna: Edb, 2013 Scarnò Valentina, Il SERVIZIO D ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI: IL CASO DI VENEZIA. Tesi di laurea. Università Ca' Foscari Venezia,

12 ALLEGATO. Il questionario con le frequenze Di seguito riportiamo il questionario con le frequenze in valori assoluti ottenute ad ogni domanda. Data la numerosità ridotta delle unità d analisi si è ritenuto di non calcolare il valore percentuale. SEZIONE 1: ANAGRAFICA Sesso Maschi 65 Femmine 1 Anno di nascita Nazionalità (Paese di origine) Bangladesh 35 Albania 17 Kosovo 9 Afghanistan 3 Senegal 2 Brasile 1 SEZIONE 2: IL VIAGGIO Paese di partenza Bangladesh 33 Albania 17 Kosovo 9 Afghanistan 3 India 2 Senegal 2 Brasile 1 12

13 Il percorso Attraversando altri paesi 50 Dal paese di origine direttamente in Italia 16 Paese di entrata in Italia (ultimo paese attraversato prima di giungere in Italia, esclusi coloro che arrivano direttamente) Grecia 12 Francia 8 Austria 7 India 5 Slovenia 3 Russia 2 Turchia 2 Libia 2 Albania 2 Romania 1 Portogallo 1 Germania 1 Macedonia 1 Bangladesh 1 Non dichiara 4 Totale 50 Mezzi di trasporto impiegati per il viaggio Nave/traghetto/barca 32 Treno 29 Aereo 21 Autobus 18 Automobile 18 Camion 14 A piedi 13 Taxi 3 A cavallo 1 Nota: ogni minore ha potuto indicare anche più di un mezzo Via di ingresso in Italia Terra 34 Mare 25 Aerea 7 13

14 Costo del viaggio Meno di Da a Da a Oltre Altre modalità di pagamento 3 Non sa 4 Età all ingresso in Italia 12 anni 1 13 anni 1 14 anni 4 15 anni anni anni 18 Età all arrivo nel Comune inviante 12 anni 1 14 anni 5 15 anni anni anni 19 Semestre di arrivo Gen. Giu Lug. Dic Gen. Giu Lug. Dic Gen. Giu Non risponde 3 Sei stato costretto ad intraprendere il viaggio? Sì 11 No 54 Non risponde 1 14

15 SEZIONE 3: LA FAMIGLIA D ORIGINE Genitori Madre Padre Vivente Non vivente 1 10 Non sa/non risponde Fratelli e sorelle in patria Sì 64 No 2 N di fratelli/sorelle in patria e più 7 Totale 64 La famiglia è a conoscenza del viaggio? Sì 63 No 2 Non risponde 1 Se sì, quale aspettativa ripone la famiglia nel viaggio? Ricevere soldi 40 Far sì che il proprio figlio si costruisca un futuro migliore 6 Farmi studiare e/o lavorare 6 Aprire la strada ad altri fratelli o componenti della famiglia 4 Rientrare del prestito 3 Speranza di far vivere il proprio figlio in un luogo di vita sicuro 3 Altro 2 Totale 64 15

16 SEZIONE 4: PERCORSO SCOLASTICO Per quanti anni hai frequentato la scuola nel tuo paese d origine Nessuno 3 Da 1 a 5 anni 10 Da 6 a 8 anni 24 9 e più anni 29 Titolo conseguito Nessuno 23 Licenza scuola dell obbligo/licenza media 19 Qualifica professionale 1 Non risponde 23 Ti piacerebbe continuare a studiare? Sì 51 No 13 Indeciso 1 Non risponde 1 SEZIONE 5: ASPETTATIVE Motivo dichiarato del viaggio? Economico 51 Richiedente asilo 3 Ricongiungimento familiare 7 Studiare 2 Altro 3 Dall Italia mi attendo? Trovare un lavoro 56 Studiare 8 Altro 2 16

17 All Italia posso dare? Un contributo come lavoratore 30 Un contributo come cittadino 16 Non lo so 6 Riconoscenza, rispetto 4 Diventare qualcuno 2 Non risponde 8 SEZIONE 6: ESPERIENZE LAVORATIVE Hai mai lavorato? Sì 32 No 34 Se sì, da quale età hai cominciato? anni anni anni 8 16 anni 5 17 anni 1 Totale 32 Se sì, che tipo di lavoro? Commesso 9 Bracciante, aiuto in agricoltura 8 Cameriere 5 Muratore 5 In fabbrica 1 Sarto 1 Meccanico 1 Idraulico 1 Lavaggio auto 1 Totale 32 Durante il viaggio hai lavorato? Sì 2 No 58 Non risponde 6 17

18 Quale lavoro vorresti fare in Italia? Cuoco, pizzaiolo 17 Meccanico 14 Cameriere 8 Ristoratore 8 Barista 3 Calciatore 3 Professione liberale (ingegnere, architetto) 2 Elettricista, elettrotecnico 2 Idraulico 2 Qualsiasi 2 Estetista 1 Autista 1 Muratore 1 Non risponde 2 Quanto pensi guadagni un operaio e un medico in Italia? Operaio Medico Fino a euro al mese 34 1 Da a euro al mese Da a euro al mese 0 38 Oltre euro al mese 0 6 Non sa, non ha idea Sei mai stato costretto a lavorare senza essere pagato? Sì 3 No 63 SEZIONE 7: AFFETTI E RELAZIONI Chi sono le persone a cui ti senti più legato? Madre 28 Famiglia 14 Fratelli e sorelle 8 Padre 7 Amici 4 Zii 3 Genitori 2 18

19 Chi sono le persone che oggi senti più vicine? Famiglie affidatarie 27 Compagni, amici 17 Operatori e/ assistente 15 Fratello/sorella 3 Padre 1 Altri parenti (cugini) 1 Insegnanti 1 La ragazza 1 Quando hai un problema personale a chi ti rivolgi? Famiglie affidatarie 26 Agli operatori 21 Ai compagni/amici 6 Agli operatori e all assistente sociale 4 Ai componenti della propria famiglia (madre, sorella, cugini) 4 Assistente sociale 1 Tutrice 1 A me stesso 1 Non risponde 2 SEZIONE 8: CULTURA E PRATICA RELIGIOSA Qual è la tua religione? Musulmana 62 Cristiana 4 Quanto ritieni possibile seguire la tua religione in Italia? Poco o comunque meno del proprio paese 2 Abbastanza 20 Sì, senza alcun problema 28 Non segue, non interessa 12 Totale 62 19

20 SEZIONE 9: RAPPRESENTAZIONI SOCIALI SUGLI ITALIANI Valuta da 1 a 5 i seguenti aspetti? Poco Molto 5 Gli italiani lavorano Gli italiano sono simpatici Gli italiani sono ricchi Quanto libere sono le donne italiane Quanto è unita la famiglia in Italia Quanto è buono il cibo italiano Quanto conta la religione SEZIONE 10: EPISODI DI VIOLENZA Sei mai stato rinchiuso a chiave in una stanza? Sì 11 No 54 Non risponde 1 Hai mai visto qualcuno che picchiava qualche minore? Sì 19 No 47 Se sì dove? SI NO Totale Nel paese d origine Durante il viaggio In Italia Sei mai stato imprigionato? Sì 5 No 59 Non risponde 2 20

" Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale"

 Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Punto della Rete informativa per

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

Minori e seconde generazioni

Minori e seconde generazioni Minori e seconde generazioni Sono 509mila le nascite in Italia nel 2014, il livello minimo dall Unità d Italia: così segnala l Istituto nazionale di Statistica nel comunicato di febbraio che diffonde le

Dettagli

L'obiettivo di questa ricerca è stato quindi valutare la fruizione della rete Internet in Italia da parte dei nostri nativi digitali.

L'obiettivo di questa ricerca è stato quindi valutare la fruizione della rete Internet in Italia da parte dei nostri nativi digitali. Internet e minori Indagine sociale promossa dal Moige movimento italiano genitori ed elaborata dall ITCI - Istituto di Terapia Cognitivo Interpersonale presieduto dal Prof. Tonino Cantelmi Dati riferibili

Dettagli

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma Il progetto di Affido Famigliare Omoculturale nasce nel 2000, col rientro al comune

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze Comune di Cervia Comune di Ravenna Comune di Russi QUESTIONARIO Per alunni neo-arrivati Fonte: COSPE Firenze 1 Ciao! Sei appena arrivato in questa scuola e anche nella nostra città. Sappiamo che per te,

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro Rilevazione sulle forze di lavoro Modulo ad HOC 2008 L integrazione dei migranti e dei loro discendenti nel mercato del lavoro Istruzioni per i rilevatori Marzo 2008 1 Introduzione... 3 Popolazione di

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

MINORI E TELEFONIA MOBILE. Indagine conoscitiva sull uso del cellulare da parte dei bambini e dei ragazzi

MINORI E TELEFONIA MOBILE. Indagine conoscitiva sull uso del cellulare da parte dei bambini e dei ragazzi Centro Studi Minori & Media MINORI E TELEFONIA MOBILE Indagine conoscitiva sull uso del cellulare da parte dei bambini e dei ragazzi Direzione Scientifica Alberto Marradi Elaborazione dati e redazione

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Università degli Studi di Milano Bicocca Università degli Studi di Trento Università degli Studi di Bologna Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Quinta rilevazione Questionario e istruzioni per

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Le richieste di cittadinanza italiana presentate alla Prefettura di Torino nel corso dell anno 2003

Le richieste di cittadinanza italiana presentate alla Prefettura di Torino nel corso dell anno 2003 Prefettura di Torino Ufficio Immigrazione Le richieste di cittadinanza italiana presentate alla Prefettura di Torino nel corso dell anno 23 a cura di Giovanna Vilasi 1 Nel corso degli ultimi anni si è

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE

GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE Eralba Cela - Università Politecnica delle Marche INDAGINE SUGLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: ANALISI

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Se si guarda l andamento degli arrivi dei minori nel 2008 (2201 in totale), sia accompagnati che non, per mese, si nota come questi siano passati dai 174

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2%

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2% Risultati Floriani In questo documento sono riportati i risultati ottenuti dall analisi delle risposte del questionario proposto agli 460 studenti dell Istituto Floriani; quelli compilati e restituiti

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Albania e Kosovo. Aspetti socio-culturali. culturali

Albania e Kosovo. Aspetti socio-culturali. culturali Piano Territoriale per l'integrazione - Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13 Azienda U.L.S.S.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira Albania e Kosovo Aspetti socio-culturali

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana dal POF 6.. Progettii comunii a tuttii ii pllessii Progetto di accoglienza per alunni di lingua non italiana Il Progetto di Accoglienza del nostro Istituto è articolato in diversi interventi educativo

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

Documento di sintesi della Ricerca sulle famiglie A Cura di Dott. Claudio Gramaglia Marzo 2005

Documento di sintesi della Ricerca sulle famiglie A Cura di Dott. Claudio Gramaglia Marzo 2005 Documento di sintesi della Ricerca sulle famiglie A Cura di Dott. Claudio Gramaglia Marzo 2005 La presente ricerca, volta a sondare le percezioni delle famiglie con minori, rispetto ai servizi loro offerti

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

Indagine sugli apprendisti edili della Provincia di Novara (2004-2008)

Indagine sugli apprendisti edili della Provincia di Novara (2004-2008) Indagine sugli apprendisti edili della Provincia di Novara (2004-2008) a cura di SCUOLA EDILE NOVARESE Pagina 1 di 21 1. Introduzione p. 3 2. Indagine p. 4 2.1 Target e metodologia p. 4 2.2 Analisi dei

Dettagli

Alessia Farinella. Siblings. Essere fratelli di ragazzi con disabilità. Presentazione di Federico Girelli. Erickson

Alessia Farinella. Siblings. Essere fratelli di ragazzi con disabilità. Presentazione di Federico Girelli. Erickson Alessia Farinella Siblings Essere fratelli di ragazzi con disabilità Presentazione di Federico Girelli Erickson Indice Presentazione (Federico Girelli) 9 Introduzione 13 Prima parte La costruzione del

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014 Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea Novembre 2013 Aprile 2014 Indice Report e analisi dei dati... 3 La rilevazione presso gli Uffici Cittadinanza

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

PARTE II : PIANO DI AZIONE

PARTE II : PIANO DI AZIONE PD ATTUATORE : Circolo Copernico VIVA VIllanoVA Un percorso partecipativo breve per riunire un quartiere lungo. Per una più ricca qualità di vita in una nuova comunità PARTE II : PIANO DI AZIONE 1 Cronoprogramma

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

INCONTRO-DIALOGO SULL ACCOGLIENZA DEGLI STRANIERI

INCONTRO-DIALOGO SULL ACCOGLIENZA DEGLI STRANIERI Le buone pratiche inclusive della scuola bergamasca Convegno promosso da AT Bergamo ISIS Natta Bergamo, 25 maggio 2016 INCONTRO-DIALOGO SULL ACCOGLIENZA DEGLI STRANIERI IC SCANZOROSCIATE A.S. 2015-2016

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

L integrazione nel lavoro degli stranieri e dei naturalizzati italiani

L integrazione nel lavoro degli stranieri e dei naturalizzati italiani 14 dicembre 2009 L integrazione nel lavoro degli stranieri e dei naturalizzati italiani Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

DIVERSITA LINGUISTICHE TRA I CITTADINI STRANIERI Anno 2011-2012

DIVERSITA LINGUISTICHE TRA I CITTADINI STRANIERI Anno 2011-2012 UNIONE EUROPEA DIVERSITA LINGUISTICHE TRA I CITTADINI STRANIERI Anno 2011-2012 Vengono diffusi oggi i risultati sulle diversità linguistiche dei cittadini stranieri oggetto di una convenzione stipulata

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 L Associazione Acmid donna Onlus dirigendo il progetto MAI PIU SOLA che ha compiuto 6 anni di attività intensa per l assistenza di donne vittime di tutti i tipi di violenza,

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

27.281 permessi rilasciati

27.281 permessi rilasciati Corso Libertà 66 / Freiheitsstraße 66 39100 Bolzano / Bozen Alto Adige / Südtirol Tel. ++39 0471 414 435 www.provincia.bz.it/immigrazione www.provinz.bz.it/einwanderung 10/09/2007 Riproduzione parziale

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati Un anno dopo I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro Sergio Pollutri Istat ERM sede per le Marche Macerata, 24 ottobre 2014 Indice 1. Premessa 2. L indagine

Dettagli

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Hanno collaborato alla costruzione di questa Carta dei servizi: gli operatori del

Dettagli

SINTESI DELLA RICERCA STUDIO - LAVORO ESSERE STRANIERA IN ALTO ADIGE

SINTESI DELLA RICERCA STUDIO - LAVORO ESSERE STRANIERA IN ALTO ADIGE SINTESI DELLA RICERCA STUDIO - LAVORO ESSERE STRANIERA IN ALTO ADIGE LA SITUAZIONE LAVORATIVA DELLE DONNE STRANIERE PROVENIENTI DA PAESI NON APPARTENENTI ALL'UNIONE EUROPEA NEL MERCATO DEL LAVORO LOCALE

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013

Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Cresce la popolazione mondiale, crescono i migranti Oltre 232 milioni di persone più del 3% della popolazione mondiale hanno lasciato il proprio paese

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale Settore Polizia Municipale e Politiche per la Legalità e le Sicurezze Settore Direzione Generale Ufficio organizzazione, qualità e ricerche La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

Dettagli

Aggressività: violenza, furti e bullismo

Aggressività: violenza, furti e bullismo Aggressività: violenza, furti e bullismo Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario completato

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

A SCUOLA DA SOLI. Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario

A SCUOLA DA SOLI. Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario A SCUOLA DA SOLI Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario Il questionario A Scuola Da Soli è stato distribuito durante l'anno scolastico 2003/2004 agli studenti di

Dettagli