13 ottobre PAG. I e VII. Minacce alla moglie, non potrà avvicinarsi a casa Applicata per la prima volta in città la nuova legge sul femminicidio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "13 ottobre 2013. PAG. I e VII. Minacce alla moglie, non potrà avvicinarsi a casa Applicata per la prima volta in città la nuova legge sul femminicidio"

Transcript

1 13 ottobre 2013 PAG. I e VII Minacce alla moglie, non potrà avvicinarsi a casa Applicata per la prima volta in città la nuova legge sul femminicidio di Alessandro Cori Ha minacciato di ammazzare la moglie, e la polizia lo ha subito allontanato da casa, con il divieto tassativo di avvicinarsi a lei o di farsi vedere nei luoghi che frequenta. E se non dovesse rispettare le misure precautelari, rischia di finire dietro le sbarre. È il primo caso sotto le Due Torri di applicazione del decreto sul femminicidio appena convertito in legge dal parlamento. Lo ha spiegato ieri mattina in questura il dirigente delle volanti, Stanislao Caruso, che ha parlato di una legge «che ora ci dà strumenti efficacissimi». È successo venerdì mattina verso le Una donna bolognese di 40 anni ha chiamato il 113 dopo essere stata minacciata di morte dal marito, un cinquantenne residente in città. «Ti ammazzo, farai la fine delle altre donne, non chiamare la polizia», le ha gridato contro l uomo, solo perché lei aveva rifiutato di dargli i soldi per comperare le sigarette. La donna, che già in passato lo aveva denunciato per maltrattamenti, danneggiamento, lesioni e atti persecutori (ma poi, come spesso accade in casi di violenze in famiglia, aveva ritirato le querele) si è chiusa in camera e ha chiamato la polizia. Due volanti sono intervenute e hanno trovato l uomo, molto agitato, sotto casa. Lo hanno identificato e hanno adottato le misure previste dalla nuova legge, che permettono alle forze dell ordine di agire subito, salvo poi avvisare la procura per la convalida. Così ora l uomo non può più avvicinarsi a casa e a una serie di luoghi indicati dalla moglie, altrimenti verrà arrestato. Grazie a questa legge, sottolinea Caruso, «ora possiamo immediatamente prendere provvedimenti, in casi come questi che vedono un imminente pericolo per una donna». Capita spesso, infatti, che la vittima ritiri la denuncia e faccia dei passi indietro, rischiando poi che gli episodi di violenza o le minacce accadano di nuovo. In questo caso, invece, con l allontanamento, la vittima viene subito tutelata. Le autorità, peraltro, stanno verificando se si può ipotizzare un quadro di maltrattamenti ai danni della signora, visti i precedenti del marito. Se il reato dovesse essere accertato, l uomo rischia l arresto.

2 14 ottobre 2013 PAG. 4 L ecatombe dell eroina bianca: otto vittime Imprenditore trovato senza vita dalla sorella sabato sera in un palazzo di via Bertiera di Enrico Barbetti L eroina bianca uccide ancora. La micidiale sostanza è infatti la probabile causa della morte di un imprenditore di 44 anni, Emiliano Pavoni, trovato riverso a terra nel suo monolocale in un elegante palazzo di via Bertiera (nella foto), in pieno centro. L uomo è la quattordicesima vittima della droga dall inizio dell anno e l ottava dell eroina bianca dallo scorso giugno, quando si sono accesi i riflettori sulla impressionante serie di decessi dovuti sempre alla stessa polvere contenente una percentuale elevatissima di principio attivo. A cadere sotto i colpi dello stupefacente sono anche persone senza apparenti problemi di tossicodipendenza. Come nel caso del 44enne, incensurato e mai segnalato come assuntore di droghe. La tragica scoperta è stata fatta sabato sera attorno alle 22. Nessuno era più riuscito a parlare con Pavoni da giovedì, così la sorella sempre più preoccupata è andata a cercarlo in via Bertiera. Lì il 44enne, imprenditore del settore immobiliare, ha ristrutturato un appartamento ricavandone sei monolocali da affittare. Egli stesso si era stabilito in uno degli alloggi. Dopo avere suonato invano, la sorella ha chiamato i vigili del fuoco, che sono entrati da una finestra e hanno aperto ai soccorritori del 118, i quali non hanno potuto che constatare il decesso. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione Bologna. Su una scrivania è stata trovata una banconata arrotolata, vicino a una striscia di polvere grigiastra. Le analisi hanno confermato che si tratta di eroina. Nel monolocale c erano anche un altro involucro di sostanza, uno spinello e quasi 30 grammi di hashish in un cassetto. Per i vicini la morte dell uomo è giunta del tutto inaspettata: «Era una persona di grande cultura e intelligenza, viaggiava spesso per il mondo e quando era qui veniva ogni tanto da noi a prendere il caffè». Niente lasciava pensare che facesse uso si stupefacenti. Dell episodio è stato informato il pm di turno Marco Forte, ma la vicenda potrebbe essere collegata ai precedenti casi di overdose, su cui indagano il procuratore aggiunto Valter Giovannini e il sostituto Augusto Borghini con i carabinieri del nucleo operativo. Accertamenti sono in corso anche su un altro decesso sospetto, avvenuto due notti fa all ospedale di Bentivoglio, dove era stato portato un cinquantenne di Castel Maggiore colpito da arresto cardiaco. Sarebbe la nona vittima dell eroina bianca.

3 13 ottobre Bologna: contro le barriere arriva il fai-da-te Un disabile bolognese che si fa chiamare Toro seduto costruisce in centro con gli amici una rampa per uscire di casa: Questa città ha adattato tutti i mezzi pubblici, ma non i marciapiedi di Irene Leonardi Contro le barriere arriva il fai da te. Un disabile bolognese, che preferisce restare anonimo e si fa chiamare Toro seduto, con un gruppetto di amici ha preso mattoni e cemento e si è costruito da solo in pieno centro la rampa che gli permette di uscire di casa. Bologna ha adattato tutti gli autobus affinché possano essere utilizzati dai disabili ma non i marciapiedi racconta il giovane bolognese Toro seduto ai microfoni di Radio Città del Capo. Una persona in carrozzina dovrebbe dunque scendere dal bus e andare lungo la strada rischiando di essere investito da macchine e motori. È così che, come il condottiero americano dei Sioux nel 1876 reclutò guerrieri nella battaglia di Little Bighorn, assicurandosi un indiscutibile vittoria, il Toro Seduto che vive sotto le Due Torri ha mobilitato i suoi amici per costruire una rampa che gli permettesse di arrivare in strada, con la sua sedia a ruote, superando il gradino dei portici. Un lavoretto fatto in autonomia, uno scivolo fabbricato nottetempo con l aiuto degli amici e sul quale è stato inciso, come un marchio, una stella e la firma: Toro seduto. Un nome da indiano proprio perché a tutti gli effetti mi ritrovo seduto in carrozzina racconta. Sotto casa ha una fermata degli autobus ma lui, di mezzi pubblici, non ne ha mai preso uno fino ad ora: Da stasera la rampa che abbiamo costruito mi aiuterà a superare il gradino. Una volta sceso dal bus potrò arrivare sotto i portici e quindi, a casa. Un iniziativa che nasce dall esigenza, racconta, di ottemperare ad una mancanza del Comune che non è intervenuto per rendere accessibile il portico. Di richieste alle amministrazioni ce ne sono migliaia, ma esiste la legge 13/89 che, con le altre, prevede l eliminazione delle barriere architettoniche.

4 14 ottobre Le donne bocciano la nuova legge Carmen Marini: «Le norme approvate sull onda dell emergenza, mentre serve un cambiamento culturale» di Lucia Cuccurese A tre giorni dalla conversione del decreto sul femminicidio in legge, le voci reggiane che a vario titolo, si occupano del tema sembrano concordare sul fatto che la legge, pur introducendo singole norme utili e positive, sia manchevole. «È un decreto emergenziale, invece dovrebbe essere qualcosa di più organico. Bisogna che ci sia un coordinamento sul territorio: dalla Procura, agli avvocati, alla Casa delle donne, al Provveditorato, all ospedale e così via. Le pene sono utili, ma non bastano se non sono supportate da una sinergia», ha commentato l Avvocato Giovanna Fava, componente del tavolo interistituzionale di Reggio Emilia contro la violenza sulle donne. Tavolo a cui fa parte anche il centro antiviolenza Casa delle donne di Reggio, la cui presidente, Carmen Marini, concorda con l Avvocato Fava nel dire che la nuova legge in materia di femminicidio (il cui nome, tra l altro, è fortemente contestato, dato che di violenza sulle donne si parla solo in cinque articoli su undici) avrebbe dovuto essere pensata in maniera più strutturata e condivisa : «Noi ci teniamo a dire che non siamo in emergenza, ma il problema purtroppo lo si affronta come se fossimo in emergenza. Dalla ratifica della convenzione di Istanbul da parte dell'italia, la ministra Josefa Idem si era mossa in maniera positiva con i centri antiviolenza, costruendo un dialogo. Poi con le dimissioni della ministra e con la delega delle Pari opportunità, c è stata una retrocessione nei confronti dell attenzione alle donne e ci siamo perciò ritrovati con questo nuovo decreto. Certo, qualcosa di positivo all interno c è: mi riferisco, ad esempio, al riconoscimento della violenza assistita, al fatto che si parli di centri antiviolenza, di audizione protetta e del permesso di soggiorno per le donne straniere offese. Ma il decreto ha un taglio prettamente penale e, se così vuole essere, non è sufficiente. Gli uomini, infatti, hanno sì più pene, che è un bene, ma le donne, parallelamente, non hanno maggior protezione. Se non si rafforzano, dunque, i centri antiviolenza, non avverrà una maggiore tutela». I fondi stanziati dalla norma a favore del piano antiviolenza sono difatti insufficienti a garantire un servizio di appoggio adeguato alle esigenze delle vittime, considerato che come sottolinea Marini i centri vivono o, in certi casi, sopravvivono, grazie al volontariato. A riguardo, poi, l Onorevole Pd Vanna Iori, pur consapevole della carenza del denaro stanziato, ha calcato l accento sull impegno nella ricerca delle risorse, che saranno investite oltre che nelle attività dei centri antiviolenza anche in quella di prevenzione all interno delle scuole e nello sviluppo dei centri di recupero per gli uomini maltrattanti, dato che, sostiene la deputata, «il problema delle violenza sulle donne è un problema anzitutto degli uomini e si combatte anche lavorando sugli uomini».

5 Carmen Marini, tuttavia, pur riconoscendo l interesse delle parlamentari reggiane nell avviare un dialogo sugli emendamenti approntati alla legge, non si accontenta e afferma che i centri antiviolenza sono «in attesa dell inizio di un percorso partecipato, come era nelle intenzioni della ministra Idem», poiché «il problema della violenza di genere non è di sicurezza, ma è di tipo politico e culturale». Perciò, prosegue Marini, «serve un piano a lungo termine, poichè la punizione di per sé non basta a modificare la cultura paternalistica». E, a proposito di paternalismo, Marini indica come rischiosa l irrevocabilità della denuncia, introdotta dalla nuova legge: «Essa dovrebbe essere accompagnata ad un piano di assistenza delle donne. Noi, come centri, abbiamo infatti paura che le donne non denuncino nemmeno più per timore che poi non possano ritirare la querela. Il motivo è che c è un idea negativa sulle donne che querelano e poi ritirano e questo lo si capisce dal fatto che un provvedimento di questo genere, cioè di tipo paternalistico, non lo si sarebbe mai pensato per gli uomini».

6 13 ottobre "Prostituzione in appartamento in aumento. Sfruttate schiave del sesso" E' difficile ricostruire con precisione la mappa della prostituzione in città, il giro d'affari e come si propaga. Non è un caso che per descrivere ciò che c'è a Cesena si parli di prostituzione invisibile; non quella in strada, ma quella che si confonde nelle stanze dei condomini vicino alle famiglie comuni di Alessandro Mazza E' difficile ricostruire con precisione la mappa della prostituzione in città, il giro d'affari e come si propaga. Non è un caso che per descrivere ciò che c'è a Cesena si parli di prostituzione invisibile; non quella in strada, ma quella che si confonde nelle stanze dei condomini vicino alle famiglie comuni. Il sentore di chi lavora nel progetto Oltre la strada, che ha il compito di dare un'alternativa onesta, è che negli ultimi anni sia aumentata anche a Cesena. Ne è prova l'incremento dei messaggi pubblicitari a pagamento che si trovano in quotidiani, settimanali, riviste e su internet passati da 450 nel 2010 ai 600 del «Vogliamo far sapere spiegano gli operatori di Oltre la Strada che chi frequenta una ragazza in appartamento non dà i soldi a lei, ma ad una organizzazione che la sfrutta: una organizzazione transnazionale che recluta le ragazze nei paesi d'origine, soprattutto in zone di periferia o degradate, per sfruttarle in Italia». Le ragazze vengono anche spostate di città in città e spesso anche tra regioni. A Cesena le nazionalità che vanno per la maggiore sono tre: est europa, sudamerica e Cina. Le testimonianze raccolte dagli operatori nel corso degli anni raccontano di persone che pensano di entrare nel giro solo per poco tempo. Vengono in Italia per mandare soldi in patria ai genitori o per guadagnare lavorando qualche mese. In realtà uscire dalla morsa è molto difficile visto che partono le minacce verso la ragazza e la famiglia. Senza contare che della vecchia marchetta alla ragazza resta poco tolta la percentuale dell'organizzazione, l'affitto, le bollette, le inserzioni pubblicitarie; tutto a suo carico. Le prestazioni di sudamericane e ragazze dell'est in abitazione si aggirano sui euro e ciò che avviene nella casa è sotto il controllo di una connazionale che controlla il flusso di clienti e di cassa; la madame è più stanziale nelle abitazioni rispetto le ragazze che vengono spostate di frequente. Per quanto riguarda la pubblicità, ci sono frasi in codice per far capire senza essere espliciti quello che si offre. Massaggio naturale significa che si può farlo senza preservativo oppure senza fretta significa che non ci sono limiti di tempo. Per chi arriva dall'america Latina e dai Caraibi c'è un trucco: le ragazze si "sposano" in Spagna diventando comunitarie. A quel punto possono entrare in Italia. Oltre la Strada è un servizio dell'asp valle savio che rappresenta a livello istituzionale la soluzione per uscire dal giogo dello sfruttamento. Sia sessuale che quello legato alla pratica criminale del caporalato. Per chi è costretto a prostituirsi, Oltre la Strada offre anche tutte le informazioni ed indicazioni per la tutela sanitaria. Il numero verde da contattare è

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro

La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro La rete territoriale contro la violenza sulle donne di Varese: lavori in corso e priorità per il prossimo futuro Intervista a Gabriella Sberviglieri, socia fondatrice di EOS onlus, Centro Ascolto e accompagnamento

Dettagli

I CONSIGLI ANTITRUFFA

I CONSIGLI ANTITRUFFA Città di Polizia di Stato Cologno Monzese Questura di Milano I CONSIGLI ANTITRUFFA a tutela dei nostri ANZIANI Presentazione Cologno Monzese ha da sempre a cuore e ben presenti le esigenze della Terza

Dettagli

Il caso Donna seguita dai servizi sociali trovata morta in via Santa Caterina

Il caso Donna seguita dai servizi sociali trovata morta in via Santa Caterina PAG. XI Il caso Donna seguita dai servizi sociali trovata morta in via Santa Caterina UNA donna di 56 anni è stata trovata morta ieri sera nella sua abitazione di via Santa Caterina 39. E.G. era afflitta

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Informazioni sulla legge di protezione contro la violenza (LPV)

Informazioni sulla legge di protezione contro la violenza (LPV) Informazioni sulla legge di protezione contro la violenza (LPV) Protezione 1. Chi protegge la legge dalla violenza domestica? La legge protegge la persona che subisce violenza o che è minacciata di violenza

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO Durata complessiva: max. 1h30-2h Persone necessarie: un attore, un attrice, uno/due animatore/i (nel caso di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di PROGRAMMA DEGLI INCONTRI: I Presentazione del corso Inquadramento storico-sociologico del fenomeno Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di violenza sulle donne: -

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale.

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale. Assessorato Regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Politiche Sociali Casa Famiglia Rosetta Onlus Caltanissetta Necessità

Dettagli

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI.

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. Vita di Squadra Milano Comunicato Settimanale dedicato agli operatori U.P.G. S.P. N 04 del 21 Maggio 2013 NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. E da tanti, troppi anni che il personale operativo attende le nuove

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007

IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007 IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007 1 MARIA ANTONIA MULTARI Nasce l 11.08.1974 ad Oppido Mamertina (RC) e vive a Dolceacqua (IM). La sua famiglia, composta dalla madre e dal padre, risiede a Ventimiglia. 2

Dettagli

I "veri" retroscena sull'arresto del finanziere-estorsore Piero Stabile

I veri retroscena sull'arresto del finanziere-estorsore Piero Stabile I "veri" retroscena sull'arresto del finanziere-estorsore Piero Stabile Come sempre il CORRIERE DEL GIORNO non si è fermato agli spifferi di corridoio, attività in cui alcuni ventriloqui sotto mentite

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli

Eroina, un altro morto a San Lazzaro la tragica escalation non si ferma più Marco, 39 anni, viveva in un appartamento dell AuslSommario

Eroina, un altro morto a San Lazzaro la tragica escalation non si ferma più Marco, 39 anni, viveva in un appartamento dell AuslSommario PAG. 6 Eroina, un altro morto a San Lazzaro la tragica escalation non si ferma più Marco, 39 anni, viveva in un appartamento dell AuslSommario di Alessandro Cori L CORPO di Marco M. era sul letto, in camera

Dettagli

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 di Sabrina Giannini MILENA GABANELLI IN STUDIO Un mese e mezzo fa ci eravamo occupati della concorrenza sleale che sta mettendo in ginocchio molte imprese

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Blaise Pascal ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE "Blaise Pascal" P.le Macrelli, 100-47521 Cesena (FC) Tel. +39 054722792 Fax +39 054724141 Cod.fisc. 81008100406 - Cod.Mecc. FOTF010008 www.ittcesena.gov.it fotf010008@istruzione.it

Dettagli

Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità

Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità Lo stalking e la violenza nelle relazioni di intimità Angela Romanin Bologna, Convegno AMI, 9 giugno 2011 L occultamento dei dati e della pericolosità della violenza di genere in Italia La prima e unica

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015 15/10/2015 Arrotini minacciosi chiedono cifre esorbitanti 1 15/10/2015 Mille euro nel portafoglio Smarrito e riconsegnato

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Puoi chiedere informazioni e aiuto a questo numero gratuito: 800.290.290. (24 ore su 24) ti risponderanno nella tua lingua

Puoi chiedere informazioni e aiuto a questo numero gratuito: 800.290.290. (24 ore su 24) ti risponderanno nella tua lingua Se ti hanno condotta in Italia con un contratto di lavoro per motivi artistici e ti hanno fatto avere un permesso di soggiorno con questa dicitura: all art. 27, lett. n) del D. Lgs. 286/1998, sei vincolata

Dettagli

25 NOVENBRE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

25 NOVENBRE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE 25 NOVENBRE GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Parliamo di violenza fisica, psicologica, sessuale, economica e stalking. A cura della Dott.ssa Valeria Bombino 1 Il 25 Novembre è stato scelta

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 Centro Antiviolenza DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 L Associazione Demetra Donne in aiuto è stata fondata il 25 luglio del 2005 per aprire anche nel territorio lughese un

Dettagli

Rompete il silenzio. Quando siete testimoni di una violenza contro donne e bambine, non adagiatevi. Agite.

Rompete il silenzio. Quando siete testimoni di una violenza contro donne e bambine, non adagiatevi. Agite. Rompete il silenzio. Quando siete testimoni di una violenza contro donne e bambine, non adagiatevi. Agite. Ban Ki-moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite 1 Introduzione L ultimo rapporto ISTAT disponibile

Dettagli

2. I decreti sicurezza e i nuovi poteri del sindaco

2. I decreti sicurezza e i nuovi poteri del sindaco 3. VIDEOSORVEGLIANZA E PUBBLICA SICUREZZA 85 2. I decreti sicurezza e i nuovi poteri del sindaco La rivoluzione relativa alla sicurezza pubblica ed ai nuovi poteri del sindaco (compresi quelli relativi

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 148 DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON. CENTEMERO IN MERITO ALLA DISCUSSIONE DELLE MOZIONI CONCERNENTI

Dettagli

per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Dott.sse C. Laria & G. Starnotti STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO

per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Dott.sse C. Laria & G. Starnotti STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO Pagina1 STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO Dott.sse C. Laria & G. Starnotti http:/// VADEMECUM CONTRO TRUFFE E RAGGIRI per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Pagina2 INTRODUZIONE

Dettagli

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni

A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni testo all'illustrazione opportuna indicata con una lettera. Indicare

Dettagli

VIOLENZA SVELATA E AFFRONTATA

VIOLENZA SVELATA E AFFRONTATA VIOLENZA SVELATA E AFFRONTATA Parliamone Pag 28 32 Verso la creazione di una corsia preferenziale per l esame dei casi di maltrattamenti contro le donne, dopo la firma del Protocollo d intesa fra Istituzioni

Dettagli

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne a cura di Rosa Piscopo - Donne & Futuro onlus e Ufficio Accogliere le Donne Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere Città di Torino

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

21 settembre 2012 PAG. 7

21 settembre 2012 PAG. 7 21 settembre 2012 PAG. 7 Il caso. La denuncia della struttura dove la donna è in cura Sfruttavano disabile «Con i soldi compri il vestito da sposa» Il raggiro dei due aguzzini arrestati di Gianluca Rotondi

Dettagli

I costruttori dell Ance Il budget non basta Bando casa per giovani coppie, le domande sono raddoppiate

I costruttori dell Ance Il budget non basta Bando casa per giovani coppie, le domande sono raddoppiate PAG. 5 I costruttori dell Ance Il budget non basta Bando casa per giovani coppie, le domande sono raddoppiate di Teodora Stefanelli Raddoppiano, rispetto all'anno scorso, le adesioni all'ottava edizione

Dettagli

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking

Stalking e strategie efficaci. Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking e strategie efficaci di contrasto Anna C. Baldry Responsabile sportelli Antistalking Stalking Atti persecutori, (minacce, molestie) caratterizzate da azioni dirette e indirette come telefonate

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE ASPETTI METODOLOGICI 1. GLI OBIETTIVI CONOSCITIVI DELL INDAGINE La violenza contro le donne e, in particolare, la violenza domestica rappresentano fenomeni

Dettagli

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG C è qualcosa che riesci a ricordare (che ti riesce di ricordare)?, chiese lei. Qualcosa che ti ha colpito. Qualcosa di strano o di particolare? No, in effetti no.,

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 392 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VOLONTÈ Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini Presentata

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità 8 marzo tutto l anno: bilancio di un anno di attività per le pari opportunità. Relazione dei progetti e delle attività svolte durante il 2008 dall amministrazione

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

----------------------------- Tratta e Asilo - Gruppo Abele - 2012 ----------------------------- TRATTA E ASILO VITTIME DI TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO

----------------------------- Tratta e Asilo - Gruppo Abele - 2012 ----------------------------- TRATTA E ASILO VITTIME DI TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO TRATTA E ASILO VITTIME DI TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO Il fenomeno, le politiche attuate, i nodi irrisolti 1. L immaginario con cui molte persone continuano a pensare le vittime di tratta contrasta con

Dettagli

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA Milano, ottobre 2012 INDICE Area Maltrattamento e grave disagio della donna pag.

Dettagli

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO Elaborazione e presentazione dei risultati del QUESTIONARIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI V PRIMARIA E II A-II B SECONDARIA I GRADO A.S. 2012/2013

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

CONSIGLI PER I TITOLARI DI FARMACIA PER IL PERICOLO DI RAPINE

CONSIGLI PER I TITOLARI DI FARMACIA PER IL PERICOLO DI RAPINE CONSIGLI PER I TITOLARI DI FARMACIA PER IL PERICOLO DI RAPINE 1. PREMESSA LA SICUREZZA...1 2. RAPPORTI CON GLI ALTRI PROTAGONISTI DELLA SICUREZZA...2 Rapporti con altri imprenditori o vicini....2 Rapporti

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 23 2. TITOLO AZIONE Servizi Residenziali per donne vittime di violenza Numero 2 case protette 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

le modalità efficaci per terminare la violenza alle donne e ai bambini;

le modalità efficaci per terminare la violenza alle donne e ai bambini; Pagina1 1. MODALITA OPERATIVE ED ORGANIZZATIVE I centri antiviolenza hanno come scopo l eliminazione dei pregiudizi, degli atteggiamenti e dei comportamenti presenti nella società che fanno si che la violenza

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2 Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 1 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole «IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole PERCHÉ UN PROGETTO DI PREVENZIONE? Perché da una delle indagini svolte recentemente in

Dettagli

Consigli agli anziani e non solo.

Consigli agli anziani e non solo. Consigli agli anziani e non solo. 2 Pronti ad aiutarvi Consigli per la vostra sicurezza non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa. Diffidate degli estranei che vengono a trovarvi in orari

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

SOMMARIO. Stop! Alla «violenza domestica» 4. Fatti e numeri 6. «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9

SOMMARIO. Stop! Alla «violenza domestica» 4. Fatti e numeri 6. «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9 SOMMARIO Stop! Alla «violenza domestica» 4 Fatti e numeri 6 «Violenza domestica» la polizia interviene immediatamente! 9 Cosa posso fare se sono vittima della «violenza domestica»? 13 Cosa posso fare se

Dettagli

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura Comune di Assago Area Istruzione e Cultura I diritti dei bambini in parole semplici Il Consigliere delegato alla cultura Emilio Benzoni Il Sindaco Graziano Musella L Assessore alla Pubblica Istruzione

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Aspetti sociali della violenza alle donne

Aspetti sociali della violenza alle donne Aspetti sociali della violenza alle donne dott.ssa Maria Vittoria Valoti - psicologa Le misure a sostegno delle donne in difficoltà sono indicate dalla Legge di riforma dei Servizi Sociali e dalla Legge

Dettagli

Livello B1. Unità 2. Casa in affitto. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. 1. Leggi il testo e rispondi alle domande.

Livello B1. Unità 2. Casa in affitto. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. 1. Leggi il testo e rispondi alle domande. Livello B1 Unità 2 Casa in affitto Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e rispondi alle domande. Vero 1. Con il contratto il sig. Abate prende in affitto la X casa del sig. Rossi. 2. La

Dettagli

Polizia di Stato Questura di Pordenone. 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it

Polizia di Stato Questura di Pordenone. 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE NELL ANNO 2013 LA POLIZIA DI STATO NEL 2013 Prevenzione e contrasto Chiamate al 113 : 7.248

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

la terza età Tutela sociale per Premessa Indice

la terza età Tutela sociale per Premessa Indice Verein für Internationale Freundschaften e V. Comitato degli Italiani all Estero Circoscrizione Consolare di Monaco di Baviera Tutela sociale per la terza età Indice Pag Premessa 1 Chi ha diritto all Arbeitslosengeld

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

Coordinamento degli interventi giudiziari, sanitari e di ordine pubblico relativi a pazienti psichiatrici coinvolti in vicende giudiziarie

Coordinamento degli interventi giudiziari, sanitari e di ordine pubblico relativi a pazienti psichiatrici coinvolti in vicende giudiziarie [ALLEGATO - A] Protocollo di intesa tra Giudici del settore penale del Tribunale di Como, la Procura della Repubblica di Como, la Camera Penale di Como, l ASL di Como, la Prefettura di Como, le Forze dell

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE Comune di Novafeltria Comune di Talamello Comune di Maiolo QUESTIONARIO SULLA PERCEZIONE DI SICUREZZA a cura

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli