Coordinamento Basta Delfinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinamento Basta Delfinari"

Transcript

1 PROPOSTA DIDATTICA PARCHI ACQUATICI, DELFINARI E ACQUARI VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI Una proposta di incontri di educazione al rispetto dei diritti degli animali La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa ricevere in dono. (Charles Darwin) 1

2 PROPOSTA PER LE CLASSI DELLA SCUOLA PRIMARIA TITOLO DEL PROGETTO: Parchi acquatici, delfinari e acquari visti con gli occhi degli animali DESTINATARI: Alunni della scuola primaria. FINALITÀ: Sviluppare l empatia e la capacità di immedesimarsi negli altri. Educare al rispetto di tutti gli esseri viventi al di là della specie alla quale appartengono. Educare a diventare cittadini adulti responsabili nei confronti degli animali per prevenire il fenomeno del maltrattamento degli animali e insegnare a non sfruttarli per il nostro tornaconto. CONTENUTI: I temi che desidereremmo affrontare sono quelli riguardanti la detenzione e lo sfruttamento degli animali in parchi acquatici, delfinari e acquari, portando a meditare sulle esigenze etologiche degli animali detenuti in tali strutture e sulle conseguenze della loro prigionia e del finanziamento di tali realtà da parte nostra. Riteniamo che sia un tema educativamente molto adatto all età, potendo offrire ai bambini l opportunità di riflettere partendo da punti di vista diversi da quelli ai quali sono avvezzi. È inoltre un tema sul quale i bambini stessi possono fare direttamente delle scelte divenendo parte attiva nel migliorare le condizioni degli animali e nel porre fine al loro sfruttamento. NUMERO DI LEZIONI: Proponiamo un incontro di 1 ora e mezza per ogni classe sul tema parchi acquatici, delfinari e acquari. Se ci sarà interesse da parte degli alunni e disponibilità da parte dell insegnante, l incontro potrà essere ripetuto e i temi ampliati. MATERIALE: Si farà omaggio alle classi partecipanti di un libretto creato appositamente per bambini e ragazzi sui temi oggetto degli incontri. Le attività che verranno svolte potranno includere utilizzo di fogli, colori e altri materiali. ATTIVITÀ E GIOCHI: L incontro comprenderà una parte teorica e una pratica con attività adeguate all età e in linea con il tema proposto. Ogni incontro sarà strutturato in modo da favorire la partecipazione attiva dei bambini. La parte teorica consisterà nella narrazione di una delle due fiabe presenti nella proposta didattica ( Marina l otaria o Il delfino Peppino, si vedano i testi allegati), scelta sulla base degli obiettivi che si vogliono perseguire e del messaggio che si desidera trasmettere: Il delfino Peppino tratta in particolare della cattività dei delfini nei delfinari, mentre Marina l otaria allarga il discorso a tutti gli animali marini prigionieri nelle varie strutture quali parchi acquatici, delfinari e acquari. La lettura sarà inframmezzata a momenti di dibattito. La parte pratica prevederà lo svolgimento di attività e giochi volti a stimolare la riflessione e il confronto tra gli alunni. 2

3 FIABA MARINA L OTARIA C'era una volta una piccola otaria di nome Marina, che viveva felice con la sua mamma su una bellissima scogliera vicino all oceano e girava e nuotava tutto il giorno nello splendido spazio azzurro del mare, lanciando il suo gioioso richiamo mentre frotte di pesci le guizzavano intorno. Quando non nuotava in lungo e in largo guizzando tra le onde, se ne stava a prendere il sole e a riposare sugli scogli e la sua mamma si prendeva cura di lei e la guardava con tenerezza, come si guarda un cucciolo desideroso di giocare, amandone l'allegria e la sua gioia di vivere. Marina aveva solo pochi mesi, eppure sapeva già nuotare velocissima nelle distese oceaniche! Oltre che con la sua mamma, Marina viveva sulla scogliera con tante altre otarie, alcune adulte e altre cucciole come lei, con le quali giocava e rideva tutto il giorno spensierata nel mare azzurro. Purtroppo però, la felicità di Marina non durò a lungo. Un giorno infatti arrivò una grande barca, dalla quale scesero sulla scogliera alcuni uomini con dei lunghi bastoni nelle mani, che catturarono la mamma di Marina e la trascinarono via. Tre altre otarie, tra cui alcune sue compagne di giochi, furono catturate vive come la sua mamma, mentre altre ancora vennero subito uccise con i bastoni. Un pescatore cercò di catturare anche Marina, lanciandole una rete molto vicino, ma fortunatamente la piccola riuscì a sgusciare via e a fuggire in tempo. Marina era molto triste e voleva ritrovare la sua mamma. Così cominciò a nuotare nella direzione in cui era andata la barca. Dopo un po' Marina non sapeva più da che parte andare e decise di chiedere aiuto agli altri animali acquatici. Incontrò una balena e le chiese: Signora balena, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! E' andata in quella direzione Marina ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un tonno e chiese: Signor tonno, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! E' andata in quella direzione Marina ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un pesce spada e chiese: Signor pesce spada, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! E' andata in quella direzione Marina ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un'acciughina e chiese: Signora acciughina, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! Vedi quelle luci lontane lontane laggiù? Laggiù c'è una vasca grandissima, con dentro tante altre otarie come te. Sicuramente la tua mamma è stata portata laggiù. Ma stai attenta! Tutta contenta, Marina l otaria nuotò verso le luci e vide una grandissima vasca sulla spiaggia, proprio attaccata all oceano. Era ormai buio, ma Marina voleva vedere la sua mamma e cominciò a chiamarla, chiamarla e chiamarla. Poco dopo ecco la mamma di Marina che arriva. Era davvero dentro la vasca e con lei c erano tante altre otarie! 3

4 Mamma, voglio venire lì insieme a te! Come si fa ad entrare? disse Marina tutta contenta. Oh Marina, come hai fatto ad arrivare fino a qui!? No, non entrare, questa è una gabbia, vai lontano, non farti prendere! Ma Marina non voleva assolutamente andar via senza la sua mamma e restò lì. Dopo pochi minuti Marina sentì delle voci, fu abbagliata da una luce molto forte, sentì un rumore roboante come quello del motore di una barca e senza nemmeno capire cosa gli stava succedendo, finì nella stessa rete che aveva catturato la sua mamma. Impietrita dalla paura, venne sollevata nell aria e per un attimo pensò che sarebbe morta dalla paura. Dopo pochi minuti si ritrovò dentro la vasca assieme alla sua mamma. All inizio Marina fu molto felice di poter stare di nuovo assieme alla sua mamma, ma purtroppo la sua gioia durò molto poco. Ben presto infatti si rese conto di non poter uscire dalla vasca dove era stata rinchiusa. Ora non poteva più starsene a prendere il sole sulla sua scogliera, non poteva più nuotare nello sterminato oceano blu e non poteva più ammirare la vasta distesa di acqua e fondali sabbiosi, né il cielo e le stelle sopra di lei. Era quella la sua casa, ed ora non poteva più tornarci. il tutto era stato sostituito da una piccola vasca rotonda nella quale riusciva a malapena a nuotare e circondata da un muro altissimo e insormontabile. Questa nuova situazione di prigionia era per lei del tutto incomprensibile: né la sua mamma né nessuna delle altre otarie che erano nella vasca sapevano perché gli uomini le avessero rinchiuse lì dentro. I minuti e poi le ore trascorrevano in questo stato, e a un certo punto Marina non poté più trattenere la tristezza: le lacrime le salirono agli occhi e si trasformarono in un pianto disperato, che nemmeno la sua mamma riusciva a consolare. Spunti per il dibattito e la riflessione: Pensate per un attimo di essere al posto dell otaria Marina. Come vi sentireste se vi separassero dalla vostra mamma e vi portassero via dalla vostra casa? Secondo voi, le otarie e gli altri animali soffrono come noi quando vengono separati dalla propria famiglia oppure no? E si sentono tristi e spaventati se vengono portati via dal loro ambiente naturale? Quanto è importante per voi vivere liberi, poter giocare all aperto, poter scegliere dove andare e cosa fare? Secondo voi quanto è importante che anche un animale viva libero nel suo ambiente naturale? Al mondo esistono tantissime specie di animali e ognuna ha un suo linguaggio diverso dagli altri. Un gatto ha un modo di esprimersi diverso da un cane, ad esempio. Spesso non è facile per noi capire il linguaggio di un animale, perché non lo conosciamo. Ad esempio, comprendiamo abbastanza bene il modo di esprimersi e i desideri del nostro cane o del nostro gatto (sappiamo quando ha fame, sete, quando è felice o arrabbiato, ecc.) ma non comprendiamo il linguaggio di un pesce o di un insetto. Il fatto che non comprendiamo i pensieri, i desideri e le emozioni di alcuni animali significa che quegli animali non hanno pensieri, desideri o emozioni? Pian piano Marina l otaria, guardandosi intorno, rimase stupita nel vedere come si comportavano le altre otarie che erano arrivate nella vasca prima di lei e la sua mamma: rimanevano tutti quasi sempre immobili, non nuotavano, non si rincorrevano tra loro e non giocavano, avevano lo sguardo spento e vuoto, triste e disperato. Alcuni erano molto magri, altri sembravano malati, tutti quanti, comunque, sembravano rassegnati al loro destino e alla loro prigionia. 4

5 Con il passare del tempo Marina dovette abituarsi a vivere in condizioni che non conosceva affatto prima, quando ancora viveva libero nel mare. Pian piano capì che il luogo in cui si trovava si chiamava parco acquatico e che anche le altre otarie che vivevano nella vasca con lei erano state catturate nel mare e imprigionate e tutti i giorni erano costrette con la forza e le minacce a compiere esercizi assurdi e incomprensibili, ridicole piroette, acrobazie ed esercizi di fronte a un pubblico che applaudiva, con musiche e voci assordanti tutto intorno. Ogni giorno, degli uomini (gli addestratori del parco acquatico) si avvicinavano a lei e le gridavano delle parole incomprensibili, la trattavano male e si arrabbiavano con lei e lei era sempre più spaventata. Giorno dopo giorno, Marina veniva sottoposta a degli addestramenti sempre più faticosi e stressanti e veniva costretta dal suo addestratore a compiere movimenti ed esercizi umilianti, tuffi, salti, esercizi con la palla, acrobazie in cui doveva stare in equilibrio per molto tempo sulla coda o sulle pinne, più volte al giorno, anche quando non ne aveva voglia. Se non obbediva, non le davano da mangiare! A causa dello stress provocato dalla prigionia e dalle violenze psicologiche, Marina inizio a mostrare dei disturbi comportamentali : ad esempio iniziò a nuotare per ore e ore in tondo nella vasca e a compiere movimenti continui e ripetuti, provocati dallo stress. A volte rischiò di farsi anche molto male, andando a sbattere contro le pareti o il fondo della vasca. Oppure, altre volte, se ne stava immobile anche per ore sulla superficie dell acqua o sulla piattaforma di plastica che doveva imitare la sua scogliera. Inoltre, la piccola vasca in cui era imprigionata era piena di sostanze chimiche che le irritavano la pelle e gli occhi. Alcune otarie, a causa di queste sostanze, soffrivano di infiammazioni alla pelle, ferite e gravi problemi agli occhi. Alcune addirittura erano diventate cieche. Come le altre otarie, anche la povera Marina, poco a poco, iniziò a diventare sempre più triste e annoiata. Il suo sguardo si spense e divenne vuoto e privo di speranza. Gli uomini iniziarono a dargli tantissime medicine per evitare che si ammalasse e morisse per lo stress. Nemmeno la sua mamma era più la stessa: anche lei era molto triste e pian piano stava diventando sempre più magra e deperita. Le persone che andavano a vedere gli spettacoli sembrava che non si rendessero conto di quanto lei e le altre otarie fossero tristi e disperate. Spesso infatti, durante lo spettacolo gli addestratori ripetevano al pubblico che le otarie erano felici, che stavano giocando e che si divertivano. Il loro stato d animo, invece è molto diverso! Marina in realtà era molto triste: ricordava bene i giochi che faceva nel mare, le lunghe nuotate con le sue amiche otarie nell oceano aperto e sconfinato, e non poteva sopportare di vivere in quelle condizioni. Spunti per il dibattito e la riflessione: Provate a pensare di essere al posto di Marina: se qualcuno vi portasse via dalla vostra casa e vi rinchiudesse in una piccola stanza costringendovi a fare cose che non volete fare, come reagireste? Vi è mai capitato di dover fare qualcosa contro la vostra volontà? Che emozioni avete provato? Vi siete arrabbiati o ribellati? Secondo voi gli animali sono in grado di ribellarsi come voi? Perché? Secondo voi tutti gli animali vivono liberi? Oppure ce ne sono alcuni che vengono costretti dall uomo a vivere in un modo diverso da come vorrebbero (ad esempio in gabbia, alla catena )? Fate alcuni esempi di animali liberi e di animali non liberi. Perché, secondo voi, alcuni animali sono liberi e altri no? Per quale ragione, ad esempio, gli uomini del parco acquatico tengono prigioniere le otarie? Perché, secondo voi, hanno catturato Marina e le altre 5

6 otarie e le hanno rinchiuse nella vasca del parco acquatico? Le persone che le tengono prigioniere, che intenzioni hanno? Secondo voi provano affetto e amicizia per loro? Oppure li sfruttano soltanto per guadagnare soldi? Un giorno, poco prima dello spettacolo, Marina sentì degli strani rumori provenire dall esterno della vasca. Fuori, di fianco all ingresso del parco acquatico, si erano infatti radunate tantissime persone, che protestavano per chiedere la liberazione di Marina, della sua mamma e di tutte le altre otarie del parco acquatico! Avevano in mano dei cartelli con frasi di protesta, distribuivano volantini informativi e parlavano al microfono spiegando alle persone che passavano che le otarie e gli altri animali nei parchi acquatici soffrivano e che erano prigionieri. Marina riuscì in parte a sentire le loro parole: [Alzarsi in piedi, tenere in mano dei manifesti contro il parco acquatico e recitare ] MANIFESTANTE 1: Nel loro ambiente naturale le otarie nuotano libere nel mare e passano la maggior parte del tempo giocando tra loro. Nei parchi acquatici, sono rinchiuse in una vasca piccolissima per loro e possono solo nuotare in tondo, oppure sono costrette dagli addestratori a fare esercizi. MANIFESTANTE 2: Le otarie in natura vivono in grandi gruppi, formati da decine di individui, lo fanno per sentirsi sicuri dai predatori, fa parte del loro modo di vivere. Sono animali socievoli, sono in grado di provare sentimenti di amicizia e di amore proprio come noi. Nei parchi acquatici non è possibile rispettare questo loro bisogno e la conseguenza è che le otarie sono sempre nervose e spaventate. MANIFESTANTE 3: La vasca in cui sono rinchiuse le otarie può sembrarvi enorme, ma per loro è piccolissima. È come se noi fossimo costretti a vivere tutta la nostra vita rinchiusi in un ascensore! Vi rendete conto? MANIFESTANTE 4: Non fate l errore di pensare che gli esercizi che le otarie eseguono durante gli spettacoli in fondo divertano anche le otarie. Loro hanno un modo tutto personale di giocare e divertirsi. Le otarie sono anche animali estremamente intelligenti, capiscono benissimo di essere prigioniere e, se potessero scegliere, sceglierebbero di vivere libere! Nei parchi acquatici, a causa dello stress, muoiono moltissime otarie e animali in genere, e così ne vengono catturati altri in natura per prendere il loro posto. MANIFESTANTE 5: Gli animali sono le creature più indifese al mondo ma questo non significa che noi possiamo approfittarcene e possiamo sfruttarli come ci pare. È nostro dovere rispettare e proteggere chi è più debole e indifeso di noi, come gli animali. Se davvero amate le otarie e gli altri animali marini, volete davvero che siano prigionieri e sofferenti in una piccola piscina? Non desiderate che siano liberi nel mare? MANIFESTANTE 6: Non visitate i parchi acquatici, i delfinari e gli acquari! L unico modo perché le persone smettano di catturare le otarie e gli altri animali marini è non dare più soldi a chi li tiene prigionieri e li addestra con la violenza: non andate più nei parchi acquatici, ed evitate i parchi di divertimenti al cui interno ci sono parchi acquatici, delfinari, acquari o zoo. Quello stesso giorno, durante lo spettacolo, Marina si accorse che c erano un po meno spettatori del solito. Infatti, alcune delle persone che erano venute al parco acquatico per vedere lo spettacolo, dopo aver ascoltato le parole delle persone che protestavano, ci pensarono un po su, capirono di stare sbagliando e se ne andarono senza comprare il biglietto d ingresso. Inutile dirvi che gli addestratori e il proprietario del 6

7 parco acquatico erano molto arrabbiati: infatti avevano venduto meno biglietti e quindi avevano guadagnato meno soldi. Nelle settimane successive, tantissime persone, in tante città, continuarono a protestare per difendere Marina e la sua mamma e tutti gli animali rinchiusi nei parchi acquatici, nei delfinari e negli acquari, chiedendo che venissero finalmente liberati e che questi posti venissero chiusi per sempre. Chissà che non ci fosse davvero una speranza per loro! E infatti, forse proprio grazie a queste proteste, un giorno, Marina e la sua mamma, purtroppo ormai malate e depresse, vennero trasferite in una grande baia recintata dove gli animali che avevano sofferto nei parchi acquatici e nei delfinari venivano aiutati a guarire e a ritrovare un po di quella felicità che avevano perduto. Qui poterono godere di maggiore libertà e vivere una vita un po più simile a quella che vivevano quando erano libere. Quegli uomini gentili le aiutarono a rimettersi in forze e a ritrovare la gioia di vivere. E un bellissimo giorno, quando Marina e la sua mamma erano guarite ormai del tutto, quegli uomini le trasportarono con una barca fuori dal recinto, in una piccola baia con una scogliera e le liberarono! Marina poté finalmente tornare a nuotare e a giocare insieme alla sua mamma e alle sue amiche otarie nell immenso oceano blu. Spunti per il dibattito e la riflessione: Cosa ne pensate delle persone che hanno protestato e lottato per liberare Marina e le altre otarie e per far chiudere il parco acquatico? Secondo voi perché lo hanno fatto? Pensate che queste proteste siano utili, giuste e importanti o al contrario inutili e sbagliate? Secondo voi ci sono altri modi per conoscere e amare gli animali senza dover per forza tenerli prigionieri e farli soffrire? Ad esempio guardando documentari che mostrino gli animali nel loro ambiente naturale, leggendo libri oppure visitando centri di recupero di animali selvatici o fattorie che ospitano animali salvati dagli allevamenti? Secondo voi, è possibile per noi fare qualcosa per impedire che le otarie vengano sfruttate e tenute prigioniere nei parchi acquatici? Perché esistono i parchi acquatici? Se nessuno acquistasse nulla da un certo negozio, quel negozio potrebbe rimanere aperto? Se nessuno andasse più nei parchi acquatici, potrebbero rimanere aperti? 7

8 FIABA IL DELFINO PEPPINO C'era una volta un piccolo delfino di nome Peppino, che viveva felice con la sua mamma Delfina nel vasto oceano e girava e saltava tutto il giorno nello splendido spazio azzurro del mare, lanciando il suo gioioso richiamo mentre frotte di pesci gli guizzavano intorno. Nuotava in lungo e in largo con le sue pinne al vento e la sua mamma si prendeva cura di lui e lo guardava con tenerezza, come si guarda un cucciolo desideroso di giocare, amandone l'allegria e la sua gioia di vivere. Peppino aveva solo pochi mesi, eppure raggiungeva quasi un metro di lunghezza e pesava più di 100 chili! Lui e la sua mamma sapevano nuotare velocissimi nelle distese oceaniche e potevano percorrere fino a 50 chilometri al giorno! Oltre che con la sua mamma, Peppino viveva nel mare con tanti altri delfini, alcuni adulti e altri cuccioli come lui, con i quali giocava e rideva tutto il giorno spensierato nel mare azzurro. Purtroppo però, la felicità di Peppino non durò a lungo. Un giorno infatti arrivò una grande barca, con una grandissima e resistentissima rete, che catturò mamma Delfina e la trascinò via. Tre altri delfini, tra cui alcuni suoi compagni di giochi, furono catturati vivi come la sua mamma, mentre altri ancora vennero subito uccisi con degli arpioni e issati sulla nave. Un pescatore cercò di catturare anche Peppino, lanciandogli la rete molto vicino, ma fortunatamente il piccolo riuscì a sgusciare via e a fuggire in tempo. Peppino era molto triste e voleva ritrovare la sua mamma. Così cominciò a nuotare nella direzione in cui era andata la barca. Dopo un po' Peppino non sapeva più da che parte andare e decise di chiedere aiuto agli altri animali acquatici. Incontrò una balena e le chiese: Signora balena, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! E' andata in quella direzione Peppino ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un tonno e chiese: Signor tonno, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! E' andata in quella direzione Peppino ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un pesce spada e chiese: Signor pesce spada, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! E' andata in quella direzione Peppino ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un'acciughina e chiese: Signora acciughina, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! Vedi quelle luci lontane lontane laggiù? Laggiù c'è una vasca grandissima, con dentro tanti delfini. Sicuramente la tua mamma è stata portata laggiù. Ma stai attento! Tutto contento, Peppino il delfino nuotò verso le luci e vide una grandissima vasca sulla spiaggia, proprio attaccata all oceano. Era ormai buio, ma Peppino voleva vedere la sua mamma e cominciò a chiamarla, 8

9 chiamarla e chiamarla. Poco dopo ecco mamma Delfina che arriva. Era davvero dentro la vasca e con lei c erano tanti altri delfini! Mamma, voglio venire lì insieme a te! Come si fa ad entrare? disse Peppino tutto contento. Oh Peppino, come hai fatto ad arrivare fino a qui!? No, non entrare, questa è una gabbia, vai lontano, non farti prendere! Ma Peppino non voleva assolutamente andar via senza la sua mamma e restò lì. Dopo pochi minuti Peppino sentì delle voci, fu abbagliato da una luce molto forte, sentì un rumore roboante come quello del motore di una barca e senza nemmeno capire cosa gli stava succedendo, finì nella stessa rete che aveva catturato la sua mamma. Impietrito dalla paura, venne sollevato nell aria e per un attimo si sentì soffocare. Dopo pochi minuti si ritrovò dentro la vasca assieme alla sua mamma Delfina. All inizio Peppino fu molto felice di poter stare di nuovo assieme alla sua mamma, ma purtroppo la sua gioia durò molto poco. Ben presto infatti si rese conto di non poter uscire dalla vasca dove era stato rinchiuso. Ora non poteva più nuotare nello sterminato oceano blu e non poteva più ammirare la vasta distesa di acqua e fondali sabbiosi, né il cielo e le stelle sopra di lui. Era quella la sua casa, ed ora non poteva più tornarci. il tutto era stato sostituito da una piccola vasca rotonda nella quale riusciva a malapena a nuotare e circondata da un muro altissimo e insormontabile. Questa nuova situazione di prigionia era per lui del tutto incomprensibile: né la sua mamma né nessuno degli altri delfini che erano nella vasca sapevano perché gli uomini li avessero rinchiusi lì dentro. I minuti e poi le ore trascorrevano in questo stato, e a un certo punto Peppino non poté più trattenere la tristezza: le lacrime le salirono agli occhi e si trasformarono in un pianto disperato, che nemmeno la sua mamma riusciva a consolare. Spunti per il dibattito e la riflessione: Pensate per un attimo di essere al posto del delfino Peppino. Come vi sentireste se vi separassero dalla vostra mamma e vi portassero via dalla vostra casa? Secondo voi, i delfini e gli altri animali soffrono come noi quando vengono separati dalla propria famiglia oppure no? E si sentono tristi e spaventati se vengono portati via dal loro ambiente naturale? Quanto è importante per voi vivere liberi, poter giocare all aperto, poter scegliere dove andare e cosa fare? Secondo voi quanto è importante che anche un animale viva libero nel suo ambiente naturale? Al mondo esistono tantissime specie di animali e ognuna ha un suo linguaggio diverso dagli altri. Un gatto ha un modo di esprimersi diverso da un cane, ad esempio. Spesso non è facile per noi capire il linguaggio di un animale, perché non lo conosciamo. Ad esempio, comprendiamo abbastanza bene il modo di esprimersi e i desideri del nostro cane o del nostro gatto (sappiamo quando ha fame, sete, quando è felice o arrabbiato, ecc.) ma non comprendiamo il linguaggio di un pesce o di un insetto. Il fatto che non comprendiamo i pensieri, i desideri e le emozioni di alcuni animali significa che quegli animali non hanno pensieri, desideri o emozioni? Pian piano Peppino il delfino, guardandosi intorno, rimase stupito nel vedere come si comportavano gli altri delfini che erano arrivati nella vasca prima di lui e la sua mamma: rimanevano tutti quasi sempre immobili, non nuotavano, non si rincorrevano tra loro e non giocavano, avevano lo sguardo spento e vuoto, triste e 9

10 disperato. Alcuni erano molto magri, altri sembravano malati, tutti quanti, comunque, sembravano rassegnati al loro destino e alla loro prigionia. Con il passare del tempo Peppino dovette abituarsi a vivere in condizioni che non conosceva affatto prima, quando ancora viveva libero nel mare. Pian piano capì che il luogo in cui si trovava si chiamava delfinario e che anche gli altri delfini che vivevano nella vasca con lui erano stati catturati nel mare e imprigionati e tutti i giorni erano costretti con la forza e le minacce a compiere esercizi assurdi e incomprensibili, ridicole piroette e capriole di fronte a un pubblico che li applaudiva, con musiche e voci assordanti tutto intorno. Ogni giorno, degli uomini (gli addestratori del delfinario) si avvicinavano a lui e gli gridavano delle parole incomprensibili, lo trattavano male e si arrabbiavano con lui e lui era sempre più spaventato. Giorno dopo giorno, Peppino veniva sottoposto a degli addestramenti sempre più faticosi e stressanti e veniva costretto dal suo addestratore a compiere movimenti ed esercizi umilianti, salti e piroette nell aria, più volte al giorno, anche quando non ne aveva voglia. Se non obbediva, non gli davano da mangiare! A causa dello stress provocato dalla prigionia e dalle violenze psicologiche, Peppino inizio a mostrare dei disturbi comportamentali : ad esempio iniziò a nuotare per ore e ore in tondo nella vasca, seguendo la sua ombra proiettata sul fondo e cercando di colpirla. A volte rischiò di farsi anche molto male, andando a sbattere contro le pareti o il fondo della vasca. Oppure, altre volte, se ne stava immobile anche per ore sulla superficie dell acqua. Inoltre, la piccola vasca in cui era imprigionato era piena di sostanze chimiche che gli irritavano la pelle e gli occhi. Come gli altri delfini, anche il povero Peppino, poco a poco, iniziò a diventare sempre più triste e annoiato. Il suo sguardo si spense e divenne vuoto e privo di speranza. Gli uomini iniziarono a dargli tantissime medicine per evitare che si ammalasse e morisse per lo stress. Nemmeno mamma Delfina era più la stessa: anche lei era molto triste e pian piano stava diventando sempre più magra e deperita. Le persone che andavano a vedere gli spettacoli sembrava che non si rendessero conto di quanto lui e gli altri delfini fossero tristi e disperati. Spesso infatti, durante lo spettacolo gli addestratori dicevano al pubblico che i delfini erano felici, che stavano giocando e che ridevano. I delfini, infatti, sembra che sorridano sempre, ma in realtà è solo la forma del loro viso ad assomigliare a un sorriso. Il loro stato d animo, invece è molto diverso! Peppino in realtà era molto triste: lui ricordava bene i giochi che faceva nel mare, le lunghe nuotate con i suoi amici delfini nell oceano aperto e sconfinato, e non poteva sopportare di vivere in quelle condizioni. Spunti per il dibattito e la riflessione: Provate a pensare di essere al posto di Peppino: se qualcuno vi portasse via dalla vostra casa e vi rinchiudesse in una piccola stanza costringendovi a fare cose che non volete fare, come reagireste? Vi è mai capitato di dover fare qualcosa contro la vostra volontà? Che emozioni avete provato? Vi siete arrabbiati o ribellati? Secondo voi gli animali sono in grado di ribellarsi come voi? Perché? Secondo voi tutti gli animali vivono liberi? Oppure ce ne sono alcuni che vengono costretti dall uomo a vivere in un modo diverso da come vorrebbero (ad esempio in gabbia, alla catena )? Fate alcuni esempi di animali liberi e di animali non liberi. Perché, secondo voi, alcuni animali sono liberi e altri no? Per quale ragione, ad esempio, gli uomini del delfinario tengono prigionieri i delfini? Perché, secondo voi, hanno catturato Peppino e gli altri delfini e li 10

11 hanno rinchiusi nella vasca del delfinario? Le persone che li tengono prigionieri, che intenzioni hanno? Secondo voi provano affetto e amicizia per loro? Oppure li sfruttano soltanto per guadagnare soldi? Un giorno, poco prima dello spettacolo, Peppino sentì degli strani rumori provenire dall esterno della vasca. Fuori, di fianco all ingresso del delfinario, si erano infatti radunate tantissime persone, che protestavano per chiedere la liberazione di Peppino, della sua mamma Delfina e di tutti gli altri delfini del delfinario! Avevano in mano dei cartelli con frasi di protesta, distribuivano volantini informativi e parlavano al microfono spiegando alle persone che passavano che i delfini nei delfinari soffrivano e che erano prigionieri. Peppino riuscì in parte a sentire le loro parole: [Alzarsi in piedi, tenere in mano dei manifesti contro il delfinario e recitare ] MANIFESTANTE 1: Nel loro ambiente naturale i delfini percorrono anche cinquanta chilometri al giorno e passano la maggior parte del tempo giocando tra loro. Nei delfinari, sono rinchiusi in una vasca piccolissima per loro e possono solo nuotare in tondo, oppure sono costretti dagli addestratori a fare esercizi. MANIFESTANTE 2: I delfini in natura vivono in grandi gruppi, formati da decine di individui, lo fanno per sentirsi sicuri dai predatori, fa parte del loro modo di vivere. Sono animali socievoli, sono in grado di provare sentimenti di amicizia e di amore proprio come noi. Nei delfinari non è possibile rispettare questo loro bisogno e la conseguenza è che i delfini sono sempre nervosi e spaventati. MANIFESTANTE 3: La vasca in cui sono rinchiusi i delfini può sembrarvi enorme, ma per loro è piccolissima. È come se noi fossimo costretti a vivere tutta la nostra vita rinchiusi in un ascensore! Vi rendete conto? MANIFESTANTE 4: Non fate l errore di pensare che gli esercizi che i delfini eseguono durante gli spettacoli in fondo divertano anche i delfini. Loro hanno un modo tutto personale di giocare e divertirsi. I delfini sono anche animali estremamente intelligenti, e spesso si sono lasciati morire piuttosto che continuare a vivere così. Nei delfinari, infatti, muoiono moltissimi delfini, e così ne vengono catturati altri in natura per prendere il loro posto. MANIFESTANTE 5: Gli animali sono le creature più indifese al mondo ma questo non significa che noi possiamo approfittarcene e possiamo sfruttarli come ci pare. È nostro dovere rispettare e proteggere chi è più debole e indifeso di noi, come gli animali. Se davvero amate i delfini, volete davvero che siano prigionieri e sofferenti in una piccola piscina? Non desiderate che siano liberi nel mare? MANIFESTANTE 6: Non visitate i delfinari! L unico modo perché le persone smettano di catturare i delfini è non dare più soldi a chi li tiene prigionieri e li addestra con la violenza: non andate più nei delfinari, ed evitate i parchi di divertimenti al cui interno ci sono delfinari, acquari o zoo. Quello stesso giorno, durante lo spettacolo, Peppino si accorse che c erano un po meno spettatori del solito. Infatti, alcune delle persone che erano venute al delfinario per vedere lo spettacolo, dopo aver ascoltato le parole delle persone che protestavano, ci pensarono un po su, capirono di stare sbagliando e se ne andarono senza comprare il biglietto d ingresso. Inutile dirvi che gli addestratori e il proprietario del delfinario erano molto arrabbiati: infatti avevano venduto meno biglietti e quindi avevano guadagnato meno soldi. Nelle settimane successive, tantissime persone, in tante città, continuarono a protestare per difendere Peppino e la sua mamma e tutti gli animali rinchiusi nei delfinari, nei parchi acquatici e negli acquari, 11

12 chiedendo che venissero finalmente liberati e che i delfinari venissero chiusi per sempre. Chissà che non ci fosse davvero una speranza per loro! E infatti, forse proprio grazie a queste proteste, un giorno, Peppino e la sua mamma, purtroppo ormai malati e depressi, vennero trasferiti in una grande baia recintata dove gli animali che avevano sofferto nei delfinari venivano aiutati a guarire e a ritrovare un po di quella felicità che avevano perduto. Qui poterono godere di maggiore libertà e vivere una vita un po più simile a quella che vivevano quando erano liberi. Quegli uomini gentili li aiutarono a rimettersi in forze e a ritrovare la gioia di vivere. E un bellissimo giorno, quando Peppino e mamma Delfina erano guariti ormai del tutto, quegli uomini li trasportarono in mare aperto con una barca e li liberarono! Peppino poté finalmente tornare a nuotare e a giocare insieme alla sua mamma e ai suoi amici delfini nell immenso oceano blu. Spunti per il dibattito e la riflessione: Cosa ne pensate delle persone che hanno protestato e lottato per liberare Peppino e gli altri delfini e per far chiudere il delfinario? Secondo voi perché lo hanno fatto? Pensate che queste proteste siano utili, giuste e importanti o al contrario inutili e sbagliate? Secondo voi ci sono altri modi per conoscere e amare gli animali senza dover per forza tenerli prigionieri e farli soffrire? Ad esempio guardando documentari che mostrino gli animali nel loro ambiente naturale, leggendo libri oppure visitando centri di recupero di animali selvatici o fattorie che ospitano animali salvati dagli allevamenti? Secondo voi, è possibile per noi fare qualcosa per impedire che i delfini vengano sfruttati e tenuti prigionieri nei delfinari? Perché esistono i delfinari? Se nessuno acquistasse nulla da un certo negozio, quel negozio potrebbe rimanere aperto? Se nessuno andasse più nei delfinari, potrebbero rimanere aperti? 12

13 ATTIVITÀ Dopo la narrazione della fiaba e la discussione verrà proposta ai bambini la realizzazione di disegni sul tema della prigionia e della libertà delle otarie/delfini e degli altri animali rinchiusi nei parchi acquatici e nei delfinari, che poi potranno essere appesi in classe. Se il tempo a disposizione lo consentirà, verrà inoltre proposta un attività che consiste nel dividere la classe in due gruppi, il gruppo delle otarie libere e il gruppo delle otarie prigioniere (o il gruppo dei delfini liberi e il gruppo dei delfini prigionieri ). Ai bambini dei due gruppi verrà chiesto di immedesimarsi nel proprio personaggio ed esprimere, uno alla volta, le proprie emozioni, le proprie idee e opinioni in merito ai parchi acquatici/delfinari e alla vita in libertà e in cattività. La discussione tra i due gruppi dovrà essere mediata dall educatore ma dovrà essere libera. I bambini dovranno giungere liberamente alle proprie conclusioni sull argomento. 13

14 FONTI BIBLIOGRAFICHE - Mini guida per incontri animalisti nelle scuole elementari - A cura di Sara Bettuzzi, - Distribuita da AgireOra Network - - Peppino il delfino e mamma Delfina Racconto di Alfonsina Pica tratto dal blog io-psicologa - - Proposta didattica per la Scuola Primaria sull educazione al rispetto di tutti gli esseri viventi e sulla prevenzione dell uso della violenza - OIPA, Organizzazione Internazionale Protezione animali - imaria.pdf - Zoo, acquari e circhi: visti con gli occhi degli animali Opuscolo a cura di AgireOra Edizioni - Un ringraziamento speciale, per la sua disponibilità e sensibilità, va alla Dott.ssa Alfonsina Pica, psicologa e psicoterapeuta, che ci ha gentilmente concesso l utilizzo del suo racconto Peppino il delfino e mamma Delfina all interno della nostra proposta didattica. Questo è il link al racconto originale della Dott.ssa Pica, pubblicato sul suo blog io-psicologa : 14

ZOO, ACQUARI E CIRCHI: VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI

ZOO, ACQUARI E CIRCHI: VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI ZOO, ACQUARI E CIRCHI: VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI Un libretto per capire che questi luoghi sono solo prigioni per gli animali e che se davvero amiamo gli animali e vogliamo che vivano felici e senza

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

UN ANIMALE PER AMICO... E UN AMICO NON SI COMPRA!

UN ANIMALE PER AMICO... E UN AMICO NON SI COMPRA! Ciao ragazzi, io sono Nembo e questa è la mia amica Cleo Ciao! Noi due insieme vorremmo accompagnarvi nella scelta di un animale da adottare, così salverete un animaletto come noi e avrete un amico inseparabile!

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Quaderno di lavoro Il bullismo può essere fermato

Quaderno di lavoro Il bullismo può essere fermato Quaderno di lavoro Il bullismo può essere fermato Il bullismo può essere fermato Manuale di riferimento al manifesto sul bullismo Bullismo osservare agire di conseguenza Rivolto a: insegnanti, educatori

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino Pensierini Storie cliniche in forma di pensierini Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino introduzione Ogni storia è storia a sé Nel mio lavoro di psicoterapeuta sono molte le storie che incontro,

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

MUU MUU RACCONTA : UNA STORIA FANTASTICA

MUU MUU RACCONTA : UNA STORIA FANTASTICA MUU MUU RACCONTA : UNA STORIA FANTASTICA Progetto laboratoriale : FRUTTA, VERDURA E OLTRE Learning by doing: SE FACCIO E PENSO, CAPISCO E RICORDO. 0 1 MERENDA CON MUU MUU ALLA SCOPERTA DELLA FRUTTA E DELLA

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro www.gentletude.com Impara la Gentilezza 3 COMUNICARE CON EMPATIA (attvità per le scuole primarie) Guida Rapida Obiettivi: Gli allievi saranno in grado di identifica re modalità per comunicare con gentilezza

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Water Music di Amélie Nothomb

Water Music di Amélie Nothomb Racconto inedito in Italia Water Music un omaggio da Amélie Nothomb per la community di GoodBook.it E con grande onore che proponiamo questo racconto, inedito per il pubblico italiano e come omaggio al

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI)

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI) LA CASA DEL FANTASMA C era una volta una casa di un fantasma, i migliori amici del fantasma erano due pesci e una talpa. I pesci stavano nel mare, perché la loro casa era nell acqua,invece la talpa se

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

L ospedale dei bambini

L ospedale dei bambini VOLUME 1 PER LA PROVA INVALSI Unità 14 I diritti dei minori L ospedale dei bambini Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? I bambini della scuola elementare di Fano. DA DOVE È TRATTO? www.cittadeibambini.comune.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Perché una gabbia da interni? E come usarla?

Perché una gabbia da interni? E come usarla? Una gabbia da interni è estremamente utile per i cuccioli, per la loro educazione e il loro ambientamento e non rappresenta una forma di maltrattamento. Con un po di pratica la gabbia diventa quel posticino

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video:

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: [NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: "Come venire invitato: Perché i contatti dal mercato freddo sono morti, e che cosa fare ora... " Ciao il mio nome è Alessandro Zani e io sono il creatore

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti.

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti. Indice 7 Introduzione 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi 33 3 Emozioni e sentimenti 52 4 Dimensioni 59 5 Dialoghi e suoni 68 6 Velocità 74 7 Ambientazioni 82 8 Aspetti

Dettagli