Coordinamento Basta Delfinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinamento Basta Delfinari"

Transcript

1 PROPOSTA DIDATTICA PARCHI ACQUATICI, DELFINARI E ACQUARI VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI Una proposta di incontri di educazione al rispetto dei diritti degli animali La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa ricevere in dono. (Charles Darwin) 1

2 PROPOSTA PER LE CLASSI DELLA SCUOLA PRIMARIA TITOLO DEL PROGETTO: Parchi acquatici, delfinari e acquari visti con gli occhi degli animali DESTINATARI: Alunni della scuola primaria. FINALITÀ: Sviluppare l empatia e la capacità di immedesimarsi negli altri. Educare al rispetto di tutti gli esseri viventi al di là della specie alla quale appartengono. Educare a diventare cittadini adulti responsabili nei confronti degli animali per prevenire il fenomeno del maltrattamento degli animali e insegnare a non sfruttarli per il nostro tornaconto. CONTENUTI: I temi che desidereremmo affrontare sono quelli riguardanti la detenzione e lo sfruttamento degli animali in parchi acquatici, delfinari e acquari, portando a meditare sulle esigenze etologiche degli animali detenuti in tali strutture e sulle conseguenze della loro prigionia e del finanziamento di tali realtà da parte nostra. Riteniamo che sia un tema educativamente molto adatto all età, potendo offrire ai bambini l opportunità di riflettere partendo da punti di vista diversi da quelli ai quali sono avvezzi. È inoltre un tema sul quale i bambini stessi possono fare direttamente delle scelte divenendo parte attiva nel migliorare le condizioni degli animali e nel porre fine al loro sfruttamento. NUMERO DI LEZIONI: Proponiamo un incontro di 1 ora e mezza per ogni classe sul tema parchi acquatici, delfinari e acquari. Se ci sarà interesse da parte degli alunni e disponibilità da parte dell insegnante, l incontro potrà essere ripetuto e i temi ampliati. MATERIALE: Si farà omaggio alle classi partecipanti di un libretto creato appositamente per bambini e ragazzi sui temi oggetto degli incontri. Le attività che verranno svolte potranno includere utilizzo di fogli, colori e altri materiali. ATTIVITÀ E GIOCHI: L incontro comprenderà una parte teorica e una pratica con attività adeguate all età e in linea con il tema proposto. Ogni incontro sarà strutturato in modo da favorire la partecipazione attiva dei bambini. La parte teorica consisterà nella narrazione di una delle due fiabe presenti nella proposta didattica ( Marina l otaria o Il delfino Peppino, si vedano i testi allegati), scelta sulla base degli obiettivi che si vogliono perseguire e del messaggio che si desidera trasmettere: Il delfino Peppino tratta in particolare della cattività dei delfini nei delfinari, mentre Marina l otaria allarga il discorso a tutti gli animali marini prigionieri nelle varie strutture quali parchi acquatici, delfinari e acquari. La lettura sarà inframmezzata a momenti di dibattito. La parte pratica prevederà lo svolgimento di attività e giochi volti a stimolare la riflessione e il confronto tra gli alunni. 2

3 FIABA MARINA L OTARIA C'era una volta una piccola otaria di nome Marina, che viveva felice con la sua mamma su una bellissima scogliera vicino all oceano e girava e nuotava tutto il giorno nello splendido spazio azzurro del mare, lanciando il suo gioioso richiamo mentre frotte di pesci le guizzavano intorno. Quando non nuotava in lungo e in largo guizzando tra le onde, se ne stava a prendere il sole e a riposare sugli scogli e la sua mamma si prendeva cura di lei e la guardava con tenerezza, come si guarda un cucciolo desideroso di giocare, amandone l'allegria e la sua gioia di vivere. Marina aveva solo pochi mesi, eppure sapeva già nuotare velocissima nelle distese oceaniche! Oltre che con la sua mamma, Marina viveva sulla scogliera con tante altre otarie, alcune adulte e altre cucciole come lei, con le quali giocava e rideva tutto il giorno spensierata nel mare azzurro. Purtroppo però, la felicità di Marina non durò a lungo. Un giorno infatti arrivò una grande barca, dalla quale scesero sulla scogliera alcuni uomini con dei lunghi bastoni nelle mani, che catturarono la mamma di Marina e la trascinarono via. Tre altre otarie, tra cui alcune sue compagne di giochi, furono catturate vive come la sua mamma, mentre altre ancora vennero subito uccise con i bastoni. Un pescatore cercò di catturare anche Marina, lanciandole una rete molto vicino, ma fortunatamente la piccola riuscì a sgusciare via e a fuggire in tempo. Marina era molto triste e voleva ritrovare la sua mamma. Così cominciò a nuotare nella direzione in cui era andata la barca. Dopo un po' Marina non sapeva più da che parte andare e decise di chiedere aiuto agli altri animali acquatici. Incontrò una balena e le chiese: Signora balena, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! E' andata in quella direzione Marina ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un tonno e chiese: Signor tonno, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! E' andata in quella direzione Marina ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un pesce spada e chiese: Signor pesce spada, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! E' andata in quella direzione Marina ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un'acciughina e chiese: Signora acciughina, che per caso hai visto la mia mamma? L'ha presa una barca grandissima! Si Marina, l'ho vista! Vedi quelle luci lontane lontane laggiù? Laggiù c'è una vasca grandissima, con dentro tante altre otarie come te. Sicuramente la tua mamma è stata portata laggiù. Ma stai attenta! Tutta contenta, Marina l otaria nuotò verso le luci e vide una grandissima vasca sulla spiaggia, proprio attaccata all oceano. Era ormai buio, ma Marina voleva vedere la sua mamma e cominciò a chiamarla, chiamarla e chiamarla. Poco dopo ecco la mamma di Marina che arriva. Era davvero dentro la vasca e con lei c erano tante altre otarie! 3

4 Mamma, voglio venire lì insieme a te! Come si fa ad entrare? disse Marina tutta contenta. Oh Marina, come hai fatto ad arrivare fino a qui!? No, non entrare, questa è una gabbia, vai lontano, non farti prendere! Ma Marina non voleva assolutamente andar via senza la sua mamma e restò lì. Dopo pochi minuti Marina sentì delle voci, fu abbagliata da una luce molto forte, sentì un rumore roboante come quello del motore di una barca e senza nemmeno capire cosa gli stava succedendo, finì nella stessa rete che aveva catturato la sua mamma. Impietrita dalla paura, venne sollevata nell aria e per un attimo pensò che sarebbe morta dalla paura. Dopo pochi minuti si ritrovò dentro la vasca assieme alla sua mamma. All inizio Marina fu molto felice di poter stare di nuovo assieme alla sua mamma, ma purtroppo la sua gioia durò molto poco. Ben presto infatti si rese conto di non poter uscire dalla vasca dove era stata rinchiusa. Ora non poteva più starsene a prendere il sole sulla sua scogliera, non poteva più nuotare nello sterminato oceano blu e non poteva più ammirare la vasta distesa di acqua e fondali sabbiosi, né il cielo e le stelle sopra di lei. Era quella la sua casa, ed ora non poteva più tornarci. il tutto era stato sostituito da una piccola vasca rotonda nella quale riusciva a malapena a nuotare e circondata da un muro altissimo e insormontabile. Questa nuova situazione di prigionia era per lei del tutto incomprensibile: né la sua mamma né nessuna delle altre otarie che erano nella vasca sapevano perché gli uomini le avessero rinchiuse lì dentro. I minuti e poi le ore trascorrevano in questo stato, e a un certo punto Marina non poté più trattenere la tristezza: le lacrime le salirono agli occhi e si trasformarono in un pianto disperato, che nemmeno la sua mamma riusciva a consolare. Spunti per il dibattito e la riflessione: Pensate per un attimo di essere al posto dell otaria Marina. Come vi sentireste se vi separassero dalla vostra mamma e vi portassero via dalla vostra casa? Secondo voi, le otarie e gli altri animali soffrono come noi quando vengono separati dalla propria famiglia oppure no? E si sentono tristi e spaventati se vengono portati via dal loro ambiente naturale? Quanto è importante per voi vivere liberi, poter giocare all aperto, poter scegliere dove andare e cosa fare? Secondo voi quanto è importante che anche un animale viva libero nel suo ambiente naturale? Al mondo esistono tantissime specie di animali e ognuna ha un suo linguaggio diverso dagli altri. Un gatto ha un modo di esprimersi diverso da un cane, ad esempio. Spesso non è facile per noi capire il linguaggio di un animale, perché non lo conosciamo. Ad esempio, comprendiamo abbastanza bene il modo di esprimersi e i desideri del nostro cane o del nostro gatto (sappiamo quando ha fame, sete, quando è felice o arrabbiato, ecc.) ma non comprendiamo il linguaggio di un pesce o di un insetto. Il fatto che non comprendiamo i pensieri, i desideri e le emozioni di alcuni animali significa che quegli animali non hanno pensieri, desideri o emozioni? Pian piano Marina l otaria, guardandosi intorno, rimase stupita nel vedere come si comportavano le altre otarie che erano arrivate nella vasca prima di lei e la sua mamma: rimanevano tutti quasi sempre immobili, non nuotavano, non si rincorrevano tra loro e non giocavano, avevano lo sguardo spento e vuoto, triste e disperato. Alcuni erano molto magri, altri sembravano malati, tutti quanti, comunque, sembravano rassegnati al loro destino e alla loro prigionia. 4

5 Con il passare del tempo Marina dovette abituarsi a vivere in condizioni che non conosceva affatto prima, quando ancora viveva libero nel mare. Pian piano capì che il luogo in cui si trovava si chiamava parco acquatico e che anche le altre otarie che vivevano nella vasca con lei erano state catturate nel mare e imprigionate e tutti i giorni erano costrette con la forza e le minacce a compiere esercizi assurdi e incomprensibili, ridicole piroette, acrobazie ed esercizi di fronte a un pubblico che applaudiva, con musiche e voci assordanti tutto intorno. Ogni giorno, degli uomini (gli addestratori del parco acquatico) si avvicinavano a lei e le gridavano delle parole incomprensibili, la trattavano male e si arrabbiavano con lei e lei era sempre più spaventata. Giorno dopo giorno, Marina veniva sottoposta a degli addestramenti sempre più faticosi e stressanti e veniva costretta dal suo addestratore a compiere movimenti ed esercizi umilianti, tuffi, salti, esercizi con la palla, acrobazie in cui doveva stare in equilibrio per molto tempo sulla coda o sulle pinne, più volte al giorno, anche quando non ne aveva voglia. Se non obbediva, non le davano da mangiare! A causa dello stress provocato dalla prigionia e dalle violenze psicologiche, Marina inizio a mostrare dei disturbi comportamentali : ad esempio iniziò a nuotare per ore e ore in tondo nella vasca e a compiere movimenti continui e ripetuti, provocati dallo stress. A volte rischiò di farsi anche molto male, andando a sbattere contro le pareti o il fondo della vasca. Oppure, altre volte, se ne stava immobile anche per ore sulla superficie dell acqua o sulla piattaforma di plastica che doveva imitare la sua scogliera. Inoltre, la piccola vasca in cui era imprigionata era piena di sostanze chimiche che le irritavano la pelle e gli occhi. Alcune otarie, a causa di queste sostanze, soffrivano di infiammazioni alla pelle, ferite e gravi problemi agli occhi. Alcune addirittura erano diventate cieche. Come le altre otarie, anche la povera Marina, poco a poco, iniziò a diventare sempre più triste e annoiata. Il suo sguardo si spense e divenne vuoto e privo di speranza. Gli uomini iniziarono a dargli tantissime medicine per evitare che si ammalasse e morisse per lo stress. Nemmeno la sua mamma era più la stessa: anche lei era molto triste e pian piano stava diventando sempre più magra e deperita. Le persone che andavano a vedere gli spettacoli sembrava che non si rendessero conto di quanto lei e le altre otarie fossero tristi e disperate. Spesso infatti, durante lo spettacolo gli addestratori ripetevano al pubblico che le otarie erano felici, che stavano giocando e che si divertivano. Il loro stato d animo, invece è molto diverso! Marina in realtà era molto triste: ricordava bene i giochi che faceva nel mare, le lunghe nuotate con le sue amiche otarie nell oceano aperto e sconfinato, e non poteva sopportare di vivere in quelle condizioni. Spunti per il dibattito e la riflessione: Provate a pensare di essere al posto di Marina: se qualcuno vi portasse via dalla vostra casa e vi rinchiudesse in una piccola stanza costringendovi a fare cose che non volete fare, come reagireste? Vi è mai capitato di dover fare qualcosa contro la vostra volontà? Che emozioni avete provato? Vi siete arrabbiati o ribellati? Secondo voi gli animali sono in grado di ribellarsi come voi? Perché? Secondo voi tutti gli animali vivono liberi? Oppure ce ne sono alcuni che vengono costretti dall uomo a vivere in un modo diverso da come vorrebbero (ad esempio in gabbia, alla catena )? Fate alcuni esempi di animali liberi e di animali non liberi. Perché, secondo voi, alcuni animali sono liberi e altri no? Per quale ragione, ad esempio, gli uomini del parco acquatico tengono prigioniere le otarie? Perché, secondo voi, hanno catturato Marina e le altre 5

6 otarie e le hanno rinchiuse nella vasca del parco acquatico? Le persone che le tengono prigioniere, che intenzioni hanno? Secondo voi provano affetto e amicizia per loro? Oppure li sfruttano soltanto per guadagnare soldi? Un giorno, poco prima dello spettacolo, Marina sentì degli strani rumori provenire dall esterno della vasca. Fuori, di fianco all ingresso del parco acquatico, si erano infatti radunate tantissime persone, che protestavano per chiedere la liberazione di Marina, della sua mamma e di tutte le altre otarie del parco acquatico! Avevano in mano dei cartelli con frasi di protesta, distribuivano volantini informativi e parlavano al microfono spiegando alle persone che passavano che le otarie e gli altri animali nei parchi acquatici soffrivano e che erano prigionieri. Marina riuscì in parte a sentire le loro parole: [Alzarsi in piedi, tenere in mano dei manifesti contro il parco acquatico e recitare ] MANIFESTANTE 1: Nel loro ambiente naturale le otarie nuotano libere nel mare e passano la maggior parte del tempo giocando tra loro. Nei parchi acquatici, sono rinchiuse in una vasca piccolissima per loro e possono solo nuotare in tondo, oppure sono costrette dagli addestratori a fare esercizi. MANIFESTANTE 2: Le otarie in natura vivono in grandi gruppi, formati da decine di individui, lo fanno per sentirsi sicuri dai predatori, fa parte del loro modo di vivere. Sono animali socievoli, sono in grado di provare sentimenti di amicizia e di amore proprio come noi. Nei parchi acquatici non è possibile rispettare questo loro bisogno e la conseguenza è che le otarie sono sempre nervose e spaventate. MANIFESTANTE 3: La vasca in cui sono rinchiuse le otarie può sembrarvi enorme, ma per loro è piccolissima. È come se noi fossimo costretti a vivere tutta la nostra vita rinchiusi in un ascensore! Vi rendete conto? MANIFESTANTE 4: Non fate l errore di pensare che gli esercizi che le otarie eseguono durante gli spettacoli in fondo divertano anche le otarie. Loro hanno un modo tutto personale di giocare e divertirsi. Le otarie sono anche animali estremamente intelligenti, capiscono benissimo di essere prigioniere e, se potessero scegliere, sceglierebbero di vivere libere! Nei parchi acquatici, a causa dello stress, muoiono moltissime otarie e animali in genere, e così ne vengono catturati altri in natura per prendere il loro posto. MANIFESTANTE 5: Gli animali sono le creature più indifese al mondo ma questo non significa che noi possiamo approfittarcene e possiamo sfruttarli come ci pare. È nostro dovere rispettare e proteggere chi è più debole e indifeso di noi, come gli animali. Se davvero amate le otarie e gli altri animali marini, volete davvero che siano prigionieri e sofferenti in una piccola piscina? Non desiderate che siano liberi nel mare? MANIFESTANTE 6: Non visitate i parchi acquatici, i delfinari e gli acquari! L unico modo perché le persone smettano di catturare le otarie e gli altri animali marini è non dare più soldi a chi li tiene prigionieri e li addestra con la violenza: non andate più nei parchi acquatici, ed evitate i parchi di divertimenti al cui interno ci sono parchi acquatici, delfinari, acquari o zoo. Quello stesso giorno, durante lo spettacolo, Marina si accorse che c erano un po meno spettatori del solito. Infatti, alcune delle persone che erano venute al parco acquatico per vedere lo spettacolo, dopo aver ascoltato le parole delle persone che protestavano, ci pensarono un po su, capirono di stare sbagliando e se ne andarono senza comprare il biglietto d ingresso. Inutile dirvi che gli addestratori e il proprietario del 6

7 parco acquatico erano molto arrabbiati: infatti avevano venduto meno biglietti e quindi avevano guadagnato meno soldi. Nelle settimane successive, tantissime persone, in tante città, continuarono a protestare per difendere Marina e la sua mamma e tutti gli animali rinchiusi nei parchi acquatici, nei delfinari e negli acquari, chiedendo che venissero finalmente liberati e che questi posti venissero chiusi per sempre. Chissà che non ci fosse davvero una speranza per loro! E infatti, forse proprio grazie a queste proteste, un giorno, Marina e la sua mamma, purtroppo ormai malate e depresse, vennero trasferite in una grande baia recintata dove gli animali che avevano sofferto nei parchi acquatici e nei delfinari venivano aiutati a guarire e a ritrovare un po di quella felicità che avevano perduto. Qui poterono godere di maggiore libertà e vivere una vita un po più simile a quella che vivevano quando erano libere. Quegli uomini gentili le aiutarono a rimettersi in forze e a ritrovare la gioia di vivere. E un bellissimo giorno, quando Marina e la sua mamma erano guarite ormai del tutto, quegli uomini le trasportarono con una barca fuori dal recinto, in una piccola baia con una scogliera e le liberarono! Marina poté finalmente tornare a nuotare e a giocare insieme alla sua mamma e alle sue amiche otarie nell immenso oceano blu. Spunti per il dibattito e la riflessione: Cosa ne pensate delle persone che hanno protestato e lottato per liberare Marina e le altre otarie e per far chiudere il parco acquatico? Secondo voi perché lo hanno fatto? Pensate che queste proteste siano utili, giuste e importanti o al contrario inutili e sbagliate? Secondo voi ci sono altri modi per conoscere e amare gli animali senza dover per forza tenerli prigionieri e farli soffrire? Ad esempio guardando documentari che mostrino gli animali nel loro ambiente naturale, leggendo libri oppure visitando centri di recupero di animali selvatici o fattorie che ospitano animali salvati dagli allevamenti? Secondo voi, è possibile per noi fare qualcosa per impedire che le otarie vengano sfruttate e tenute prigioniere nei parchi acquatici? Perché esistono i parchi acquatici? Se nessuno acquistasse nulla da un certo negozio, quel negozio potrebbe rimanere aperto? Se nessuno andasse più nei parchi acquatici, potrebbero rimanere aperti? 7

8 FIABA IL DELFINO PEPPINO C'era una volta un piccolo delfino di nome Peppino, che viveva felice con la sua mamma Delfina nel vasto oceano e girava e saltava tutto il giorno nello splendido spazio azzurro del mare, lanciando il suo gioioso richiamo mentre frotte di pesci gli guizzavano intorno. Nuotava in lungo e in largo con le sue pinne al vento e la sua mamma si prendeva cura di lui e lo guardava con tenerezza, come si guarda un cucciolo desideroso di giocare, amandone l'allegria e la sua gioia di vivere. Peppino aveva solo pochi mesi, eppure raggiungeva quasi un metro di lunghezza e pesava più di 100 chili! Lui e la sua mamma sapevano nuotare velocissimi nelle distese oceaniche e potevano percorrere fino a 50 chilometri al giorno! Oltre che con la sua mamma, Peppino viveva nel mare con tanti altri delfini, alcuni adulti e altri cuccioli come lui, con i quali giocava e rideva tutto il giorno spensierato nel mare azzurro. Purtroppo però, la felicità di Peppino non durò a lungo. Un giorno infatti arrivò una grande barca, con una grandissima e resistentissima rete, che catturò mamma Delfina e la trascinò via. Tre altri delfini, tra cui alcuni suoi compagni di giochi, furono catturati vivi come la sua mamma, mentre altri ancora vennero subito uccisi con degli arpioni e issati sulla nave. Un pescatore cercò di catturare anche Peppino, lanciandogli la rete molto vicino, ma fortunatamente il piccolo riuscì a sgusciare via e a fuggire in tempo. Peppino era molto triste e voleva ritrovare la sua mamma. Così cominciò a nuotare nella direzione in cui era andata la barca. Dopo un po' Peppino non sapeva più da che parte andare e decise di chiedere aiuto agli altri animali acquatici. Incontrò una balena e le chiese: Signora balena, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! E' andata in quella direzione Peppino ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un tonno e chiese: Signor tonno, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! E' andata in quella direzione Peppino ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un pesce spada e chiese: Signor pesce spada, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! E' andata in quella direzione Peppino ringraziò e continuò a nuotare. Nuotò nuotò, finché incontrò un'acciughina e chiese: Signora acciughina, che per caso hai visto la mia mamma Delfina? L'ha presa una barca grandissima! Si Peppino, l'ho vista! Vedi quelle luci lontane lontane laggiù? Laggiù c'è una vasca grandissima, con dentro tanti delfini. Sicuramente la tua mamma è stata portata laggiù. Ma stai attento! Tutto contento, Peppino il delfino nuotò verso le luci e vide una grandissima vasca sulla spiaggia, proprio attaccata all oceano. Era ormai buio, ma Peppino voleva vedere la sua mamma e cominciò a chiamarla, 8

9 chiamarla e chiamarla. Poco dopo ecco mamma Delfina che arriva. Era davvero dentro la vasca e con lei c erano tanti altri delfini! Mamma, voglio venire lì insieme a te! Come si fa ad entrare? disse Peppino tutto contento. Oh Peppino, come hai fatto ad arrivare fino a qui!? No, non entrare, questa è una gabbia, vai lontano, non farti prendere! Ma Peppino non voleva assolutamente andar via senza la sua mamma e restò lì. Dopo pochi minuti Peppino sentì delle voci, fu abbagliato da una luce molto forte, sentì un rumore roboante come quello del motore di una barca e senza nemmeno capire cosa gli stava succedendo, finì nella stessa rete che aveva catturato la sua mamma. Impietrito dalla paura, venne sollevato nell aria e per un attimo si sentì soffocare. Dopo pochi minuti si ritrovò dentro la vasca assieme alla sua mamma Delfina. All inizio Peppino fu molto felice di poter stare di nuovo assieme alla sua mamma, ma purtroppo la sua gioia durò molto poco. Ben presto infatti si rese conto di non poter uscire dalla vasca dove era stato rinchiuso. Ora non poteva più nuotare nello sterminato oceano blu e non poteva più ammirare la vasta distesa di acqua e fondali sabbiosi, né il cielo e le stelle sopra di lui. Era quella la sua casa, ed ora non poteva più tornarci. il tutto era stato sostituito da una piccola vasca rotonda nella quale riusciva a malapena a nuotare e circondata da un muro altissimo e insormontabile. Questa nuova situazione di prigionia era per lui del tutto incomprensibile: né la sua mamma né nessuno degli altri delfini che erano nella vasca sapevano perché gli uomini li avessero rinchiusi lì dentro. I minuti e poi le ore trascorrevano in questo stato, e a un certo punto Peppino non poté più trattenere la tristezza: le lacrime le salirono agli occhi e si trasformarono in un pianto disperato, che nemmeno la sua mamma riusciva a consolare. Spunti per il dibattito e la riflessione: Pensate per un attimo di essere al posto del delfino Peppino. Come vi sentireste se vi separassero dalla vostra mamma e vi portassero via dalla vostra casa? Secondo voi, i delfini e gli altri animali soffrono come noi quando vengono separati dalla propria famiglia oppure no? E si sentono tristi e spaventati se vengono portati via dal loro ambiente naturale? Quanto è importante per voi vivere liberi, poter giocare all aperto, poter scegliere dove andare e cosa fare? Secondo voi quanto è importante che anche un animale viva libero nel suo ambiente naturale? Al mondo esistono tantissime specie di animali e ognuna ha un suo linguaggio diverso dagli altri. Un gatto ha un modo di esprimersi diverso da un cane, ad esempio. Spesso non è facile per noi capire il linguaggio di un animale, perché non lo conosciamo. Ad esempio, comprendiamo abbastanza bene il modo di esprimersi e i desideri del nostro cane o del nostro gatto (sappiamo quando ha fame, sete, quando è felice o arrabbiato, ecc.) ma non comprendiamo il linguaggio di un pesce o di un insetto. Il fatto che non comprendiamo i pensieri, i desideri e le emozioni di alcuni animali significa che quegli animali non hanno pensieri, desideri o emozioni? Pian piano Peppino il delfino, guardandosi intorno, rimase stupito nel vedere come si comportavano gli altri delfini che erano arrivati nella vasca prima di lui e la sua mamma: rimanevano tutti quasi sempre immobili, non nuotavano, non si rincorrevano tra loro e non giocavano, avevano lo sguardo spento e vuoto, triste e 9

10 disperato. Alcuni erano molto magri, altri sembravano malati, tutti quanti, comunque, sembravano rassegnati al loro destino e alla loro prigionia. Con il passare del tempo Peppino dovette abituarsi a vivere in condizioni che non conosceva affatto prima, quando ancora viveva libero nel mare. Pian piano capì che il luogo in cui si trovava si chiamava delfinario e che anche gli altri delfini che vivevano nella vasca con lui erano stati catturati nel mare e imprigionati e tutti i giorni erano costretti con la forza e le minacce a compiere esercizi assurdi e incomprensibili, ridicole piroette e capriole di fronte a un pubblico che li applaudiva, con musiche e voci assordanti tutto intorno. Ogni giorno, degli uomini (gli addestratori del delfinario) si avvicinavano a lui e gli gridavano delle parole incomprensibili, lo trattavano male e si arrabbiavano con lui e lui era sempre più spaventato. Giorno dopo giorno, Peppino veniva sottoposto a degli addestramenti sempre più faticosi e stressanti e veniva costretto dal suo addestratore a compiere movimenti ed esercizi umilianti, salti e piroette nell aria, più volte al giorno, anche quando non ne aveva voglia. Se non obbediva, non gli davano da mangiare! A causa dello stress provocato dalla prigionia e dalle violenze psicologiche, Peppino inizio a mostrare dei disturbi comportamentali : ad esempio iniziò a nuotare per ore e ore in tondo nella vasca, seguendo la sua ombra proiettata sul fondo e cercando di colpirla. A volte rischiò di farsi anche molto male, andando a sbattere contro le pareti o il fondo della vasca. Oppure, altre volte, se ne stava immobile anche per ore sulla superficie dell acqua. Inoltre, la piccola vasca in cui era imprigionato era piena di sostanze chimiche che gli irritavano la pelle e gli occhi. Come gli altri delfini, anche il povero Peppino, poco a poco, iniziò a diventare sempre più triste e annoiato. Il suo sguardo si spense e divenne vuoto e privo di speranza. Gli uomini iniziarono a dargli tantissime medicine per evitare che si ammalasse e morisse per lo stress. Nemmeno mamma Delfina era più la stessa: anche lei era molto triste e pian piano stava diventando sempre più magra e deperita. Le persone che andavano a vedere gli spettacoli sembrava che non si rendessero conto di quanto lui e gli altri delfini fossero tristi e disperati. Spesso infatti, durante lo spettacolo gli addestratori dicevano al pubblico che i delfini erano felici, che stavano giocando e che ridevano. I delfini, infatti, sembra che sorridano sempre, ma in realtà è solo la forma del loro viso ad assomigliare a un sorriso. Il loro stato d animo, invece è molto diverso! Peppino in realtà era molto triste: lui ricordava bene i giochi che faceva nel mare, le lunghe nuotate con i suoi amici delfini nell oceano aperto e sconfinato, e non poteva sopportare di vivere in quelle condizioni. Spunti per il dibattito e la riflessione: Provate a pensare di essere al posto di Peppino: se qualcuno vi portasse via dalla vostra casa e vi rinchiudesse in una piccola stanza costringendovi a fare cose che non volete fare, come reagireste? Vi è mai capitato di dover fare qualcosa contro la vostra volontà? Che emozioni avete provato? Vi siete arrabbiati o ribellati? Secondo voi gli animali sono in grado di ribellarsi come voi? Perché? Secondo voi tutti gli animali vivono liberi? Oppure ce ne sono alcuni che vengono costretti dall uomo a vivere in un modo diverso da come vorrebbero (ad esempio in gabbia, alla catena )? Fate alcuni esempi di animali liberi e di animali non liberi. Perché, secondo voi, alcuni animali sono liberi e altri no? Per quale ragione, ad esempio, gli uomini del delfinario tengono prigionieri i delfini? Perché, secondo voi, hanno catturato Peppino e gli altri delfini e li 10

11 hanno rinchiusi nella vasca del delfinario? Le persone che li tengono prigionieri, che intenzioni hanno? Secondo voi provano affetto e amicizia per loro? Oppure li sfruttano soltanto per guadagnare soldi? Un giorno, poco prima dello spettacolo, Peppino sentì degli strani rumori provenire dall esterno della vasca. Fuori, di fianco all ingresso del delfinario, si erano infatti radunate tantissime persone, che protestavano per chiedere la liberazione di Peppino, della sua mamma Delfina e di tutti gli altri delfini del delfinario! Avevano in mano dei cartelli con frasi di protesta, distribuivano volantini informativi e parlavano al microfono spiegando alle persone che passavano che i delfini nei delfinari soffrivano e che erano prigionieri. Peppino riuscì in parte a sentire le loro parole: [Alzarsi in piedi, tenere in mano dei manifesti contro il delfinario e recitare ] MANIFESTANTE 1: Nel loro ambiente naturale i delfini percorrono anche cinquanta chilometri al giorno e passano la maggior parte del tempo giocando tra loro. Nei delfinari, sono rinchiusi in una vasca piccolissima per loro e possono solo nuotare in tondo, oppure sono costretti dagli addestratori a fare esercizi. MANIFESTANTE 2: I delfini in natura vivono in grandi gruppi, formati da decine di individui, lo fanno per sentirsi sicuri dai predatori, fa parte del loro modo di vivere. Sono animali socievoli, sono in grado di provare sentimenti di amicizia e di amore proprio come noi. Nei delfinari non è possibile rispettare questo loro bisogno e la conseguenza è che i delfini sono sempre nervosi e spaventati. MANIFESTANTE 3: La vasca in cui sono rinchiusi i delfini può sembrarvi enorme, ma per loro è piccolissima. È come se noi fossimo costretti a vivere tutta la nostra vita rinchiusi in un ascensore! Vi rendete conto? MANIFESTANTE 4: Non fate l errore di pensare che gli esercizi che i delfini eseguono durante gli spettacoli in fondo divertano anche i delfini. Loro hanno un modo tutto personale di giocare e divertirsi. I delfini sono anche animali estremamente intelligenti, e spesso si sono lasciati morire piuttosto che continuare a vivere così. Nei delfinari, infatti, muoiono moltissimi delfini, e così ne vengono catturati altri in natura per prendere il loro posto. MANIFESTANTE 5: Gli animali sono le creature più indifese al mondo ma questo non significa che noi possiamo approfittarcene e possiamo sfruttarli come ci pare. È nostro dovere rispettare e proteggere chi è più debole e indifeso di noi, come gli animali. Se davvero amate i delfini, volete davvero che siano prigionieri e sofferenti in una piccola piscina? Non desiderate che siano liberi nel mare? MANIFESTANTE 6: Non visitate i delfinari! L unico modo perché le persone smettano di catturare i delfini è non dare più soldi a chi li tiene prigionieri e li addestra con la violenza: non andate più nei delfinari, ed evitate i parchi di divertimenti al cui interno ci sono delfinari, acquari o zoo. Quello stesso giorno, durante lo spettacolo, Peppino si accorse che c erano un po meno spettatori del solito. Infatti, alcune delle persone che erano venute al delfinario per vedere lo spettacolo, dopo aver ascoltato le parole delle persone che protestavano, ci pensarono un po su, capirono di stare sbagliando e se ne andarono senza comprare il biglietto d ingresso. Inutile dirvi che gli addestratori e il proprietario del delfinario erano molto arrabbiati: infatti avevano venduto meno biglietti e quindi avevano guadagnato meno soldi. Nelle settimane successive, tantissime persone, in tante città, continuarono a protestare per difendere Peppino e la sua mamma e tutti gli animali rinchiusi nei delfinari, nei parchi acquatici e negli acquari, 11

12 chiedendo che venissero finalmente liberati e che i delfinari venissero chiusi per sempre. Chissà che non ci fosse davvero una speranza per loro! E infatti, forse proprio grazie a queste proteste, un giorno, Peppino e la sua mamma, purtroppo ormai malati e depressi, vennero trasferiti in una grande baia recintata dove gli animali che avevano sofferto nei delfinari venivano aiutati a guarire e a ritrovare un po di quella felicità che avevano perduto. Qui poterono godere di maggiore libertà e vivere una vita un po più simile a quella che vivevano quando erano liberi. Quegli uomini gentili li aiutarono a rimettersi in forze e a ritrovare la gioia di vivere. E un bellissimo giorno, quando Peppino e mamma Delfina erano guariti ormai del tutto, quegli uomini li trasportarono in mare aperto con una barca e li liberarono! Peppino poté finalmente tornare a nuotare e a giocare insieme alla sua mamma e ai suoi amici delfini nell immenso oceano blu. Spunti per il dibattito e la riflessione: Cosa ne pensate delle persone che hanno protestato e lottato per liberare Peppino e gli altri delfini e per far chiudere il delfinario? Secondo voi perché lo hanno fatto? Pensate che queste proteste siano utili, giuste e importanti o al contrario inutili e sbagliate? Secondo voi ci sono altri modi per conoscere e amare gli animali senza dover per forza tenerli prigionieri e farli soffrire? Ad esempio guardando documentari che mostrino gli animali nel loro ambiente naturale, leggendo libri oppure visitando centri di recupero di animali selvatici o fattorie che ospitano animali salvati dagli allevamenti? Secondo voi, è possibile per noi fare qualcosa per impedire che i delfini vengano sfruttati e tenuti prigionieri nei delfinari? Perché esistono i delfinari? Se nessuno acquistasse nulla da un certo negozio, quel negozio potrebbe rimanere aperto? Se nessuno andasse più nei delfinari, potrebbero rimanere aperti? 12

13 ATTIVITÀ Dopo la narrazione della fiaba e la discussione verrà proposta ai bambini la realizzazione di disegni sul tema della prigionia e della libertà delle otarie/delfini e degli altri animali rinchiusi nei parchi acquatici e nei delfinari, che poi potranno essere appesi in classe. Se il tempo a disposizione lo consentirà, verrà inoltre proposta un attività che consiste nel dividere la classe in due gruppi, il gruppo delle otarie libere e il gruppo delle otarie prigioniere (o il gruppo dei delfini liberi e il gruppo dei delfini prigionieri ). Ai bambini dei due gruppi verrà chiesto di immedesimarsi nel proprio personaggio ed esprimere, uno alla volta, le proprie emozioni, le proprie idee e opinioni in merito ai parchi acquatici/delfinari e alla vita in libertà e in cattività. La discussione tra i due gruppi dovrà essere mediata dall educatore ma dovrà essere libera. I bambini dovranno giungere liberamente alle proprie conclusioni sull argomento. 13

14 FONTI BIBLIOGRAFICHE - Mini guida per incontri animalisti nelle scuole elementari - A cura di Sara Bettuzzi, - Distribuita da AgireOra Network - - Peppino il delfino e mamma Delfina Racconto di Alfonsina Pica tratto dal blog io-psicologa - - Proposta didattica per la Scuola Primaria sull educazione al rispetto di tutti gli esseri viventi e sulla prevenzione dell uso della violenza - OIPA, Organizzazione Internazionale Protezione animali - imaria.pdf - Zoo, acquari e circhi: visti con gli occhi degli animali Opuscolo a cura di AgireOra Edizioni - Un ringraziamento speciale, per la sua disponibilità e sensibilità, va alla Dott.ssa Alfonsina Pica, psicologa e psicoterapeuta, che ci ha gentilmente concesso l utilizzo del suo racconto Peppino il delfino e mamma Delfina all interno della nostra proposta didattica. Questo è il link al racconto originale della Dott.ssa Pica, pubblicato sul suo blog io-psicologa : 14

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli