Il Mondo del Lavoro Oggi!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Mondo del Lavoro Oggi!!!"

Transcript

1 Il Mondo del Lavoro Oggi!!! Quello che stai leggendo è più di un racconto. Quello che leggi è un percorso di Formazione e Motivazione. Attorno a noi ci sono troppi business che prosperano su PAURA e INSICUREZZA. Noi vogliamo business sani, che prosperino su Autostima e Responsabilità. Sii La Ricchezza Che Vuoi Vedere Nel Mondo!

2 LEZIONE 1 -Articolo 4 Sono seduto a tavola in attesa che arrivi il boss. Davanti ai miei occhi scorrono velocemente le immagini di quando poco mi trovai per la prima volta (non più di qualche minuto fa a dire il vero) davanti all imponente cancello della sua villa presidenziale. L ingresso pieno di verde, alberi e prato curati dal personale. Poi una struttura maestosa. Cammino con passo felpato perché mi sento quasi indegno di calpestare quel pavimento così lucido. L ingresso in una stanza enorme, alta. Un tavolo imbandito, delle sedie molto comode. «Prego, si sieda» dice il cameriere, «Il Presidente sta arrivando». Mi trovo in questa stanza, a questa tavola, perché sono stufo del precariato. Non parlo solo di lavoro, sono stufo della mia condizione di vita. Mi chiamo Massimo, ho 32 anni, una laurea in Economia e Commercio, precario nel lavoro e nelle relazioni. Angela, la mia ragazza, 28 anni, precaria anche le, vorrebbe che ci sposassimo. Al momento posso darle solo incertezze sulla vita, non possiamo assumerci l impegno di vivere insieme, di progettare una vita insieme, né di avere un figlio. Siamo costretti a vivere con il timore di ritrovarci senza lavoro da un momento all altro e sposarci significherebbe elevare al quadrato questa paura. Figuriamoci poi quello che dovrebbe essere il naturale sviluppo della cosa. Angela merita di più, io merito di più. Per questo oggi sono a cena con il boss della mia azienda, voglio sfruttare questa rara possibilità di parlargli per fargli capire come vive un precario, come viviamo noi che lavoriamo per lui. Noi, le persone sulle quali lui si arricchisce. Ho pensato a cosa dirgli, voglio portare la sua mente fuori da questo lusso, nella realtà, voglio portarlo a vedere il mondo reale fatto di incertezze, fatto di persone oneste che lavorano dalla mattina alla sera per mandare i propri figli a scuola. Voglio fargli conoscere la vita. Non nascondo che questo incontro mi mette ansia, attenderlo - perché lui ovviamente sentendosi migliore di me, mi fa aspettare - mi fa tormentare di domande, di insicurezze. Insomma vivo la mia condizione di precariato amplificata da quest attesa. Per fortuna ho una certezza, ho un jolly in tasca. Ho la Costituzione Italiana e appena arriva gliela sbatto avanti e gli leggo l articolo 4 «La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto». Figurati se lui, uno che sicuramente è pieno zeppo di contatti politici, che sarà coinvolto in traffici leciti e illeciti con delinquenti peggiori di quelli che ti scippano la catenina per strada, può lasciarsi toccare dalla Costituzione. Cosa può fregargliene? Diritto al lavoro. Ma quale diritto? Diritto di essere sfruttati... «Buongiorno, Massimo!» la sua voce paralizza tutti i miei pensieri. Eccolo. Mi volto «Buongiorno signor De Lorenzi» in realtà non lo vedevo, come al solito è arrivato prima il suo sorriso e dopo è entrato lui nella stanza. Mi alzo in piedi per rispetto, lui si avvicina e mi invita a sedermi. «Ti chiedo scusa per il ritardo, i miei consulenti non conoscono ancora bene l arte della sintesi e mi fanno perdere sempre troppo tempo. Venendo a noi, sono contento che tu sia qui, mi auguro che tu possa crescere molto nella nostra azienda e raggiungere traguardi sempre maggiori. Il nostro successo è determinato anche dal tuo successo, dal tuo duro lavoro e dalla passione con la quale lo svolgerai, quel lavoro!» sembra di ascoltare un politico in televisione in tempi di campagna elettorale, fa la classica pausa da oratore e riprende, vuole ingannarmi mostrandosi spontaneo e disponibile, ma io non ci casco, anche se la frase successiva riesce bene a farla sembrare spontanea: «dunque dimmi qualcosa di te, come ti trovi nell azienda e se c è qualcosa che io posso fare per te. Ci sarà un motivo se da oltre un anno richiedi ai miei collaboratori un incontro con me» conclude sorridendo. Mi da del Tu. Fa l amicone di vecchia data, il tipo alla mano che si incontra al bar; solo che lui al bar non ci va a bere il caffè ma a contare i soldi: è proprietario di una catena di caffetterie il furbone! Ogni volta che mostra gioia, disponibilità o che sorride io mi innervosisco: so che è falso, è un tipo attaccato ai soldi e pronto ad usare le persone senza farsi minimamente scrupolo di nulla. So che non gli importa nulla di me o dei miei problemi, vuole solo farmi diventare una macchina efficiente, migliore, per produrgli denaro. Ho sempre schifato le

3 persone ricche, perché sono avide: le schifo e le compatisco perché so bene che sono infelici, che non provano sentimenti e che moriranno soli come dei cani. Lo guardo con sfida, probabilmente nei suoi corsi di comunicazione gli hanno insegnato a notarle certe cose, si renderà conto che concentro tutto il rancore per la mia situazione nello sguardo quando gli rispondo: «beh vede, signor De Lorenzi, mi ha chiesto di parlarle di me. Sono uno dei suoi tanti impiegati, uno dei tanti precari che lavorano senza avere la certezza di nulla e le garantiscono la certezza di questa villa, delle sue macchine e dei suoi soldi». Faccio una pausa, perché anche io che non ho fatto corsi so fare l attore, mia madre guarda le soap e al suo confronto io quasi sembro spontaneo. Lui non lo da a vedere, ma scommetto che dentro è contrariato. «Entrando ho visto sua moglie. Io non posso sposarmi e sa perché? Perché ho un contratto a tempo determinato che non so se verrà rinnovato. Tutto ciò perché a lei non conviene assumermi a tempo determinato». La cosa più fastidiosa è che mentre parlo lui mi guarda con serenità, con un lieve sorriso di chi ha la soluzione in tasca. Facile avere la soluzione quando sei ricco come lui. Mi rendo conto che ora devo puntare sul carico pesante, ora devo cacciare la Costituzione e così gli dico: «Per fortuna al mondo non esiste solo la legge del più forte, esiste anche una legge equa e afferma che il lavoro è un diritto. E le sto citando la Costituzione Italiana. Signor De Lorenzi, mi chiedo come mai nella nostra carta costituente ci sia questa dicitura La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e io sono precario e tantissime altre persone sono addirittura disoccupate. Lei che è considerato da tutti un uomo di successo, sa dirmelo?». So che non è il tono con cui ci si rivolge al proprio capo, ma è la mia ultima e unica possibilità di smuovere le faccende, di scuoterlo, di cambiare qualcosa. Non può andare peggio: la mia vita è paralizzata dalla situazione in cui mi trovo. La disperazione alcune volte ci spinge a fare cose impensabili. Non ci credo ancora di aver fatto una sparata simile al mio capo, lo guardo, lui fa una breve pausa e mi risponde: «Ragazzo, da me cosa vuoi?». Strano, mi aspettavo passasse al lei, invece no; cavolo che autocontrollo: mi manda su tutte le furie, ma come si permette?! «Io ho diritto al lavoro! Dovete smetterla di tenerci in questa condizione, io ho una laurea, lo Stato italiano attesta la mia preparazione, ho diritto a guadagnare bene, a poter avere una famiglia. Voi calpestate i miei diritti..» Lui mi interrompe: «Aspetta! Non ti ho chiesto quali sono i tuoi diritti, ti ho chiesto cosa posso fare per te.» mi fissa negli occhi, il suo sguardo è cambiato, mi parla con grande serietà «Massimo, la Costituzione dice che riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto e sai cosa vuol dire? Che io che avevo un sogno ho trovato terreno fertile per farlo diventare realtà. Intende dire che se tu ti impegni, se tu ti assumi la responsabilità della tua vita, lo Stato ti offre delle leggi che ti garantiscono di poter giocare una partita ad armi pari con gli altri, di poterti mettere in gioco. Ma non dice che tu hai diritto ad un posto di lavoro. Non ho dubbi sul fatto che lo meriti, che meriti di guadagnare almeno quanto me e che la tua donna merita di poter costruire una famiglia con te. So che lo meritate, ma perché non fai nulla per far accadere tutto ciò?» Esplodo di rabbia: «cosa posso fare? Signor De Lorenzi, è facile parlare dalla sua sedia, avanti a tanti soldi e in una villa del genere, ma io cosa posso fare? Chi può cambiare la mia situazione è soltanto lei. Mi dia un aumento mi faccia un contratto a tempo indeterminato e la mia vita cambierà per sempre!» Mi sento come se avessi partorito, finalmente sono riuscito a dirglielo. Ora voglio vedere cosa si inventa, sono tesissimo, mi sto giocando tutto.

4 LEZIONE 2 Non è colpa mia! «Ascoltami Massimo, credo che tu debba imparare qualcosa che a scuola non ti hanno detto. Tu sei laureato, conosci la Costituzione e sicuramente ne capisci di economia, dal punto di vista accademico e filosofico, più di me. Io non ho titoli di studio, ho iniziato a lavorare quando ero giovanissimo senza neppure essermi preso il diploma. Il mio desiderio di essere indipendente da un punto di vista finanziario era troppo forte, non potevo spendere altro tempo a studiare. Sentivo l urgenza di fare qualcosa per me stesso». Mentre parla penso a tutto il tempo passato a studiare, a dare esami, a seguire lezioni, a cercare di capire formule matematiche con la certezza - ormai svanita che quei sacrifici sarebbero valsi il biglietto d ingresso per un posto in prima fila nel mondo del lavoro. «Quello che devi capire è che se tu non hai un piano, un obiettivo per la tua vita, ci penserà l azienda che ti assume a darti piani e obiettivi, con la differenza che questi non saranno finalizzati al tuo benessere ma a quello dell azienda. Fa una lunga pausa guardandomi fisso negli occhi, e quel silenzio fa si che le sue ultime parole riecheggino nella mia mente: «se non hai un piano ci penserà l azienda che ti assume a dartene uno non saranno finalizzati al tuo benessere ma a quello dell azienda». Mi fa male, mi fa arrabbiare, eppure stranamente, spiegata in questo modo vorrei trovarci qualcosa di intrinsecamente ingiusto, ma non ci riesco. «Lo so bene, perché ho diverse aziende e lo so benissimo, perché quando ero giovane ho lavorato nelle aziende. Ho fatto tutti i lavori ai quali tu possa pensare, dal magazziniere al dirigente. Io ho scalato il piano che la mia azienda aveva per me e sai come mi premiavano? Pagandomi bene, dandomi l auto, il telefono, i viaggi, assistenza sanitaria per i miei figli. Insomma, comprandosi la mia vita. Credevo che lavorando di più avrei guadagnato di più e invece lavorando di più facevo arricchire di più l azienda. Gli cedevo sempre più tempo e sempre di più la mia vita. Allora ho capito che non ero fatto per il lavoro dipendente, che così non mi sarei potuto arricchire e che non avrei potuto trovare ciò che cercavo più dei soldi: la libertà. E la stavo buttando per salire scale gerarchiche costruite da altri, invece di costruire ponti per me stesso! Massimo, credi che io abbia avuto una vita facile perché ora mi vedi così, anche io quando vedo un uomo muscoloso penso che per lui sia più facile che per me alzare dei pesi! Dimentico sempre che lui ha quei muscoli perché ha sollevati molti più pesi di me; probabilmente seguiva una dieta e un programma di allenamento mentre io mangiavo schifezze guardando la tv. Noi tutti vediamo il risultato, come tu oggi guardandomi non vedi una vita di fatica, di fallimenti, di rischio e di sfida che ho dovuto affrontare per raggiungere i miei traguardi.» Improvvisamente apro la bocca per controbattere, mandarlo a quel paese e dirgliene quattro a lui e alla sua filosofia da pensiero positivo spicciolo! e invece parlo e neppure mi rendo conto di ciò che sto per dire., mi viene automatico, come se il mio corpo agisse da solo: «Mi può dire quale è la cosa più difficile da fare per diventare ricco?» lui sorride, si versa da bere. «la cosa più difficile è cambiare il tuo punto di vista sulla ricchezza. Non solo sui ricchi o sul lavoro, ma sul mondo intero. E questo non significa fare qualcosa di diverso da quello che fai, ma essere qualcosa di diverso da quello che sei. Non parlo di diventare avido, cattivo o delinquente. Parlo di vedere il mondo con altri occhi, di assumerti la responsabilità della tua vita e della tua condizione attuale e futura.» Lo interrompo, devo giustificarmi: «ma cosa posso fare io? I suoi erano tempi diversi, ora c è la crisi..» «Parlavo esattamente di questo Massimo: hai visto cosa stai facendo? Stai trovando l ennesima scusa. Se sei venuto qui per convincermi che non è colpa tua che non puoi sposarti e che non hai soldi, non ci riuscirai. Io so come stanno le cose, conosco le regole del denaro e della vita. Sicuramente non è colpa tua se ti trovi in un momento di crisi economica, non è colpa tua se i tuoi genitori non ti hanno lasciato ingenti capitali, non è colpa tua l ambiente e le circostanze in cui ti trovi, tuttavia è esclusivamente RESPONSABILITÀ tua prendere in mano il timone della

5 nave della tua vita e condurla durante la tempesta. Forse dovrai tenere il timone con più forza di quanto abbia fatto chi viaggiava, ai miei tempi, con il vento a favore, ma non puoi lasciare che questo ti fermi. Devi comprendere che benché lo Stato affermi che hai diritto al lavoro, alla famiglia, alla casa, devi essere tu ad assumerti la responsabilità di creare le condizioni per vivere questi diritti. Lo Stato infatti dice che hai diritto di sposarti, ma non ti trova la moglie. E tua responsabilità trovare una donna, farla innamorare e amarla. Così ti dice che hai diritto al lavoro ed è tua responsabilità trovare un modo per lavorare.» Ascolto quelle parole e le trovo di una logica inappuntabile: lo stato non ha convinto la mia fidanzata a darmi una chance, l avevo conquistata io attraverso una corte serratissima e Dio solo sa quante difficoltà avevo dovuto superare! Mi sentivo confuso: iniziavo a provare sempre meno rabbia e sempre più frustrazione. «Signor De Lorenzi, le chiedo scusa per il tono che ho usato prima. Credo di meritare una vita migliore, più serena e sono disposto a lavorare di più pur di riuscire ad avere i soldi per sposarmi e garantire una vita dignitosa alla mia famiglia. Mi aiuti». Non ci credo: stavo stringendo quello che fino a qualche minuto mi sarebbe sembrato un patto col diavolo e mi sembrava pure la cosa giusta! O quest uomo era un imbonitore professionista come non ne avevo mai incontrati oppure dovevo rivedere le mie posizioni sui padroni e operai. Lui cambia sguardo, mi fissa, fa un profondo sospiro e io mi convinco che sta per assumermi, che la mia vita sta per cambiare «Voglio aiutarti». Chiaro, secco, cristallino. Finalmente è fatta, l incubo è passato, penso, mentre immagino il volto di Angela con le lacrime di gioia agli occhi, riceve la notizia. «Ti licenzio». Chiaro, secco. Lui continua a fissarmi e io non capisco se sta scherzando oppure vuole darmi una lezione per il tono che ho usato nei suoi confronti. «In che senso scusi?» Silenzio. Rispondo al silenzio e lo guardo in attesa. Passa un secondo. Due. Lui fa un cenno di congedo e sposta il peso del piede in direzione della porta. Io traslo la mia posizione di lato alla sua e lo blocco con una protesta interrogatoria. «Ma come? Così mi aiuta? Buttandomi in mezzo ad una strada?» La mia rabbia torna aumentata a dismisura: mi viene voglia di soffocarlo con la sua stessa cravatta. «Il danno più grande che io possa farti è darti un aumento o assumerti a tempo indeterminato.» Sono troppo shockato per avvertirlo di non proseguire sulla strada dell incitamento motivazionale, ma dentro di me prego che non lo faccia. «So che vali molto e credo sia venuto il momento per te di lavorare per te stesso, di imparare a gestire i tuoi soldi e di impiegare il tuo tempo per costruire qualcosa di tuo e non per far arricchire un azienda o un altra persona. La mia delusione deve essersi fatta molto visibile perché il suo tono caloroso è calibrato allo sconforto che sento crescere dentro di me e nonostante senta il desiderio di ucciderlo voglio anche che continui a parlarmi: sarà un pezzo di merda ma è un genio nel farsi voler bene, lo stronzo! Ascoltami ragazzo, l aiuto che posso offrirti è aiutarti a far emergere il ricco che è in te, posso aiutarti a scoprire come mai fino ad oggi non hai mai guadagnato tanti soldi e come mai non li guadagnerai mai continuando così. Posso insegnarti le basi di economia del mondo reale che ti servono, lascia stare ciò che hai studiato a scuola, hai una laurea in economia ma a giudicare dal tuo conto in banca non credo i voti corrispondano alla vita vera. La prima cosa che devi capire è che esiste l Economia, quella che ti hanno fatto studiare... e LA TUA economia! Quella che NESSUNO vuole farti studiare. Sappi che questi due mondi sono scollegati, se c è crisi economica ciò non significa che il fatturato della mia azienda debba necessariamente diminuire. Se lo spread sale o scende a me non cambia nulla e neppure al tuo stipendio. Se vuoi diventare ricco devi scoprire il ricco che è in te, sarà un lavoro doloroso, difficile ma ti darà la possibilità di sentirti libero come non ti è mai capitato, ti senti pronto?» Non so cosa rispondergli, vorrei ma ho paura. Gli chiedo se intanto posso continuare a lavorare per lui, cerco di scusarmi per il mio atteggiamento, lui mi interrompe: «Non Ti sognavi di chiedermi scusa quando mi hai aggredito dandomi la colpa della tua situazione, quindi non devi

6 scusarti di nulla adesso: mi hai chiesto aiuto e io voglio dartelo. Stai attento a quello che chiedi la prossima volta, perché potresti riceverlo. Ti ho licenziato perché ho imparato molto dalla vita e vorrei insegnare qualcosa a te, se vuoi accettare dovrai seguirmi. Se vuoi imparare ad essere ricco devi imparare ad essere libero e per esserlo devo licenziarti. Se accetti fatti vedere domani alle 19:00 nel mio ufficio». LEZIONE 3 - La luce Corro da Angela, voglio spiegarle la situazione, ci provo, non ci riesco. In realtà non è chiara neppure a me. Non capisco cosa è successo: sono andato per chiedere un aumento e un posto fisso e mi ritrovo licenziato con il mio capo che vuole insegnarmi a vivere. Angela è imbestialita, non riesce a credere che io sia stato così idiota da rovinare quel poco che avevo. Dice che non potevo permettermi di rischiare, non avrei mai dovuto farlo. Esco da casa sua e vado a fare una passeggiata, è sera, guardo i fari delle macchine e ogni luce mi entra negli occhi come lo sguardo del signor De Lorenzi. Mi tornano in mente le sue parole, non riesco a capirle, non capisco perché mi parlava sempre di libertà, mi risuona continuamente nella testa quella parola licenziato. Sono confuso, in testa ho un caos, credo che i miei neuroni abbiano vissuto un esplosione come quella del big bang. Cosa nascerà da questo caos primordiale? Non lo so. A casa sprofondo nel letto, non riesco a dormire, non trovo la posizione giusta. Mi giro e rigiro nel letto. Le orecchie mi fischiano, gli occhi mi fanno male. Il suo sguardo è fisso avanti a me, inizio a provare fiducia verso di lui, sento qualcosa che mi dice che aveva ragione. Poi la paura mi assale, mi torna in mente Angela, mi ripeto che ho ulteriormente rovinato la mia vita. Sono al buio, malinconico, con una piccola luce fissa avanti agli occhi, è la speranza che mi ha acceso il signor De Lorenzi. Sorrido al pensiero che il mio sogno di sposarmi e avere una famiglia inizia a diventare quasi blando, inizio a desiderare una vita come quella che ho visto oggi, inizio a desiderare questo per la mia famiglia. Mi sento quasi di poterci riuscire. Intanto mi addormento. LEZIONE 4 -Sicurezza e Libertà Sono le sette meno un quarto, sono fuori l ufficio del signor De Lorenzi, la sua segretaria mi ha fatto accomodare in una stanza d attesa dove c è una musica di sottofondo, è musica classica, non so quale perché non mi è mai piaciuta e dunque non l ho mai ascoltata. La calma di quella musica mi agita, sembra quasi che non gliene importi dei miei problemi. Ho passato una giornata d inferno, Angela non si è fatta sentire e non ho avuto il coraggio di parlare con mia mamma e spiegarle la situazione. Alle sette e tre minuti il signor De Lorenzi mi fa chiamare dalla sua segretaria, entro nel suo ufficio, è a telefono. Mi ricorda molto la scena del film Wall Street, quando Bud Fox ottiene l appuntamento con Gordon Gekko, entra nel suo ufficio e lo trova a telefono. Vivo un esperienza molto simile, mi sento come Bud e avanti a me so di avere un vero Gordon Gekko, un vero esperto di finanza, spero onesto a differenza del protagonista del film. Il signor De Lorenzi liquida i suoi interlocutori telefonici, mi saluta con il suo solito sorriso, «sono contento che tu abbia scelto la Libertà». «Ecco, signor De Lorenzi, proprio riguardo questo vorrei dirle alcune cose. Non so bene quali parole usare ma... vede... sinceramente non so quale è la scelta giusta, non capisco cosa intenda lei con libertà, ma so che la mia ragazza non ha affatto apprezzato ciò che è successo e io stesso ho paura di perdere quel poco che avevo». «Ascolta Massimo, quando dicevo che per diventare ricco devi prima di tutto essere qualcosa di diverso intendevo proprio questo.

7 Prima di dirti quali azioni devi intraprendere, occorre che io ti dica quali valori devi assumere, o meglio, è bene che io ti provochi affinché tu possa scoprire quali sono i tuoi valori. E bene che tu sappia ciò che cerchi, altrimenti non saprai mai se l hai trovato oppure no. E non saprai neppure dove cercarlo. Massimo tu cerchi la sicurezza o la libertà?». Non so perché ma quella parola sicurezza la sento molto cara, la libertà è bellissima, la immagino celeste, infinita, spaziosa... ma un po mi fa paura. Non so cosa voglio, rimango in silenzio, De Lorenzi mi guarda e continua: «se vuoi la sicurezza allora ti consiglio di andare in carcere. E il posto più sicuro che conosca, per il resto anche se ti dovesse assumere una banca... di questi tempi... non sarei convinto che hai un posto di lavoro sicuro. L unica sicurezza che hai lavorando da dipendente è che non diventerai mai ricco. Qualsiasi cosa tu faccia nella vita comporta un rischio e qualsiasi cosa bella tu compia prevede un prezzo da pagare. Se vuoi provare l ebbrezza di correre in moto devi avere i soldi per comprarla e devi correre il rischio di fare incidenti e pagare le multe. Così se vuoi correre nella tua vita, se vuoi accelerare e sentirti libero, devi correre il rischio di cadere e farti male e devi avere il potere di comprarti questa libertà.» Lo interrompo, non posso credere a quello che mi sta dicendo: «intende dire che con i soldi si può comprare tutto? Lei crede che con i soldi può comprare l amore di un figlio o di una moglie? può comprare la felicità?» lui guarda un attimo il notiziario, al telegiornale c era un signore in giacca e cravatta che stava parlando molto bene di un politico. Con lo sguardo rivolto verso di lui mi domanda: «secondo te crede veramente in ciò che dice? Ti sembra un uomo degno di stima quello di cui lui sta tessendo le lodi?» Gli rispondo immediatamente di no. Lui prosegue: «se lui avesse soldi a sufficienza per vivere bene non sarebbe costretto a dire quelle fesserie. Ecco perché non è libero. Con i soldi non puoi comprare la libertà ma puoi evitare di scendere a compromessi. Non puoi comprare l amore di una donna, ma puoi evitare di sentirti in colpa perché non la riesci a portare a cena. E non venirmi a dire che la felicità è altro. Perché noi non siamo fatti per vivere di rinunce, non siamo fatti per vivere mortificandoci, non siamo fatti per questo. Siamo fatti per vivere al massimo, siamo fatti per vivere i sogni, i desideri, le ambizioni. Pensaci, Massimo, la società ci ha dato dei modelli di ricchi disegnandoli come persone tristi, povere d animo, sole. Come nessuno vorrebbe essere. Vecchi depravati e falsi. Animali immorali e delinquenti. La verità è che se non hai soldi non puoi fare beneficenza, se non hai soldi non puoi risolvere i problemi di fame, di salute o di altro. Occorrono soldi per investire nella ricerca per combattere le malattie, per costruire scuole lì dove mancano. Occorrono soldi per creare sviluppo e benessere nei territori. I soldi fanno bene, sono una bella cosa, ma nessuno te lo dice. Se lo tengono per loro perché finché sarai povero sarai controllabile, sarai nel sistema e dunque potrai essere gestito a loro piacimento. Liberati, liberati adesso. Ecco cosa intendo per libertà, intendo proprio questo: diventare padroni della propria vita. Poi sarai libero anche di indossare lo stesso jeans strappato, comprato al mercato delle pulci a 2 euro. Ma lo farai con libertà e non perché è il massimo che puoi permetterti. Lo farai sapendo che non sei in questo sistema che è stato creato apposta per rendere povere le persone. Diventa libero, figlio mio, è il più grande insegnamento che posso darti. Il tuo nome dice già tutto, Massimo. Alza i tuoi standard!». Mi rendo conto che non battevo ciglia da qualche minuto, i miei occhi erano spalancati, le sue parole scorrevano dentro me e tracciavano solchi. «Per oggi abbiamo finito. A domattina. Alle 5:30 nello studio a casa mia. Puntuale». Non so se ho capito bene: «Alle 5:30 di mattina?». Lui mi guarda con aria di sufficienza: «i soldi non dormono mai Buddy». Dopo averlo detto mi strizza l occhiolino: almeno un pensiero in comune l avevamo avuto!

8 LEZIONE 5 - Cara mamma, sono libero! Non me lo sarei mai aspettato: mi sono alzato dal letto pieno di energia. Non mi capitava più da anni, forse da quando mi ero innamorato. E proprio vero, quando abbiamo un obiettivo, no scopo per la nostra vita, tutto è diverso: si libera un energia nell aria che ti spinge ad agire. Erano ormai anni che la mattina non riuscivo a staccarmi dal letto, indipendentemente all orario a cui andavo a dormire la notte. Stamattina mi sono alzato con una forza diversa, come se fossi già pronto ad affrontare la giornata. Adesso sono in macchina, ho mandato un messaggio di buongiorno ad Angela. Sto guidando e per radio trasmettono una delle mie canzoni preferite non è tempo per noi del grande Liga. Sono un suo fan, lo adoro, anche per la sua storia personale. Ora ci penso è per la prima volta ascolto questa canzone come se avessi accanto il mio amico Luciano, mi viene da dirgli: vero, ci hanno concesso solo una vita... e ora faremo in modo che sia tempo per noi! Sì, la mattina è decisamente iniziata con il piede giusto, questa volta divento ricco, è l opportunità della mia vita. Sono finalmente avanti ai cancelli della villa del signor De Lorenzi. Sono le 5:25, le guardie mi fanno entrare, un guardiano mi accompagna nello studio. Lui è lì, con un libro di storia tra le mani, sta leggendo. «Accomodati!» dice senza alzare gli occhi. Mi siedo. Continua a leggere. Prende un segnalibro in oro, lo pone nel libro e lo richiude. «Ciao Massimo, come stai?». «Alla grande signor De Lorenzi, alla grande!». Sorride: «sembra che tutto ti vada bene, allora ci penso io a scombinarti un po l ordine. Voglio chiederti una cosa. Torna a quando avevi dieci anni, come immaginavi le persone ricche?». Inizialmente avevo un completo vuoto mentale, poi abbassai lo sguardo... i ricchi erano cattivi! Sì, lo ricordo bene e ne sono certo: i ricchi erano davvero cattivi quando ero piccolo, mia mamma era casalinga e mio padre operaio. Ero capitato in una classe di figli di papà, tutti bambini che vestivano firmati, abitavano nei posti più esclusivi della città. Organizzavano le feste nelle loro ville e non mi invitavano. D altronde il figlio di un operaio cosa avrebbe potuto regalare al figlio di un medico? Ecco, ora che ricordo bene, mi torna in mente il dolore che provavo a vedere come mi trattavano. Erano cattivi, basavano tutto sui soldi e i loro genitori facevano schifo come loro. Ho sofferto tantissimo, spesso piangevo tra le braccia di mia mamma e le dicevo che non avrei mai voluto essere come loro, non sarei mai voluto diventare ricco. Per me essere ricco significava essere come quei bastardi, essere una persona vuota di valori, priva di emozioni e di amore. E queste erano le cose più importanti che i miei genitori mi avevano trasmesso. Mia mamma per non farmi sentire inferiore ai miei compagni di classe non faceva altro che ripetermi che loro erano infelici, che in quelle famiglie si litigava sempre. Mi diceva che pensavano solo ai soldi, non sapevano avere amici, non sapevano voler bene alle persone e mi diceva che i soldi sono una cosa brutta perché rendono le persone disoneste. L occasione fa l uomo ladro mi ripeteva sempre mia mamma. E poi quando io volevo qualcosa che non potevamo permetterci mi diceva che avrei dovuto studiare, laurearmi e poi lavorare sodo e forse un giorno - con onestà e sacrificio - l avrei ottenuta. Quel giorno non è mai arrivato, sono sempre stato studioso, lavoratore e non ho mai ottenuto nulla di ciò che volevo. Oggi mi ritrovo a non riuscire neppure a metter su famiglia e non perché sono ricco e non so amare, al contrario: perché non ho soldi. Racconto questo al signor De Lorenzi che intanto mi guarda, ha le mani posate sul suo panciotto e si dondola sulla sua immensa poltrona in pelle. Mi dice: «Massimo, è troppo facile fare soldi onestamente per essere così stupidi da infrangere la legge. Fare soldi è diretta conseguenza delle tue azioni. Saper amare, essere vero con i tuoi amici invece è diretta conseguenza della persona che sei. Esistono operai che rubano i cacciavite nella mia fabbrica, questa è disonestà. Ci sono persone veramente cattive che sono povere. Ciò non significa che tutti i poveri lo siano, semmai lui sfrutta la povertà come scusa per essere cattivo.

9 In realtà i soldi e il potere sono una lente d ingrandimento di ciò che sei. Un delinquente povero può spaccarti una birra in testa, uno ricco può compiere una truffa nei confronti dei propri soci. Cambiano gli importi e gli articoli dei Codici che vengono violati, ma non cambia l essenza della persona che rimane un misero delinquente. Un povero onesto sarà una persona che vive la sua vita secondo le leggi e le sue regole morali, un ricco onesto sarà una persona che paga regolarmente i propri dipendenti, che paga regolarmente le tasse e che si impegnerà - evitando pubblicità - a fare beneficenza. Non usare questo come alibi per non essere ricco. I genitori dei tuoi compagni di classe erano persone di successo nel mondo del lavoro ma probabilmente non avevano lo stesso successo nelle relazioni e nel mantenere una famiglia. E importante che tu capisca che immagine hai dei ricchi perché se pensi che guadagnare molto manderà a rotoli la tua famiglia, ti farà litigare con i tuoi amici e con la tua ragazza, molto probabilmente la tua mente farà di tutto per sabotare qualsiasi azione atta a guadagnare. E continuerai a rimanere così. Per questo motivo ti ho detto che prima di intraprendere delle azioni concrete e fare qualcosa di diverso rispetto ad oggi, se vuoi diventare ricco, allora devi essere qualcosa di diverso. Devi cambiare ciò che pensi del denaro, della ricchezza e di te stesso. Ti senti all altezza e degno di guadagnare le cifre che guadagno io? Riesci ad immaginare il tuo conto corrente con oltre 1 milione di euro sopra? Pensaci ragazzo. Quando ti sentirai pronto, quando avrai un immagine corretta della ricchezza e del tuo valore, torna a trovarmi». LEZIONE 6 - Impara a guardare Avevo preso sul serio quello che mi aveva detto il signor De Lorenzi. Avevo preso sul serio questa sfida con me stesso. Ho quindi aspettato diversi giorni prima di tornare da lui. Sono stato a riflettere, ho pensato e ripensato a ciò che mi aveva detto. In realtà ripensando a quelle persone che mi hanno fatto soffrire da piccolo non li collegavo più alla ricchezza. Mi sembravano persone infelici e basta. Ormai per me la ricchezza significava altro, significava successo personale e quindi era una parola piena di valori. Così sono pronto, è venuto il momento di tornare a lezione, fisso l appuntamento con De Lorenzi, questa volta ci vediamo a pranzo, mi ha detto che lui prende un insalata perché deve tenersi leggero, ma che sono libero di mangiare tutto ciò che voglio. Un po imbarazzato ordino anche io un insalata, pur sapendo che non mi sazierà mai. Confido in lui, mi auguro di essere nutrito mentalmente, almeno! Appena ci sediamo a tavola, senza neppure salutarmi, mi domanda: «Massimo, cosa vedi?» io non capisco: «in che senso?» «diamine, guardati intorno, dimmi cosa vedi!». Mi guardo attorno, osservo ciò che mi circonda «vedo lampadari, bicchieri, posate, persone in piedi, cibo... non capisco, cosa dovrei vedere?». Lui è molto serio, il suo sguardo è tremendo, difficile da reggere, è come se stesse per svelarmi un segreto di stato. «Ascolta Massimo, il mondo è come lo vedi. Io attorno a me vedo tovaglie prodotte da aziende che hanno dato lavoro a moltissime persone, vedo cibo coltivato che fa guadagnare ingrossi, trasportatori e coltivatori. Vedo business, vedo persone che parlano di affari, vedo soldi che si muovono, opportunità che passano avanti ai miei occhi. Guarda quel piatto di pesce, è il prodotti di una filiera che parte dalla pesca, passa per la costruzione di navi, di porti, di infrastrutture stradali per trasportare il pesce appena pescato. Qualsiasi cosa intorno a te è business, tu non fai soldi perché non li vedi. Buon appetito».

10 LEZIONE 7 - L ambiente è inquinato Ho raccontato ad Angela tutto quello che sto vivendo. Ho notato che lei non riesce proprio a capire, è bloccata dalla paura. Il discorso sulla sicurezza e sulla libertà è quanto mai giusto. Angela cerca la sicurezza, l hanno convinta che quella è sinonimo di felicità e così lei vive nel sistema, non riesco a farle aprire gli occhi e questo mi dispiace molto. Ho anche parlato con mia madre, non accetta questa mia scelta, voleva fare causa al signor De Lorenzi perché mi ha licenziato. Dice che mi sta sfruttando. I miei amici mi prendono in giro per quello che faccio, dicono che sono diventato completamente pazzo e che mi faccio raggirare come un calzino da De Lorenzi. Su questo ho riflettuto in questi giorni e ho deciso di mandare una al mio mentore: buongiorno signor De Lorenzi, la ringrazio per il tempo che mi dedicherà leggendo questo messaggio, voglio scriverle una riflessione che ho fatto: le persone che abbiamo intorno a noi e che influenzano la nostra vita spesso sono come delle ancore che ci tengono fermi e non permettono alla nostra nave di partire. Mi rendo conto che continuando a frequentare solo gli amici che vogliono parlare di calcio non riuscirò mai a vedere il mondo come me l ha fatto vedere lei. Massimo Al mattino, verso le quattro mi arriva la sua risposta: Buongiorno Massimo! Complimenti! Hai fatto un passo importante, festeggialo. Ti sei reso conto che l ambiente ti influenza. Ti svelo un segreto: tu sei la media delle ambizioni, convinzioni, credenze, valori e redditi delle 5 persone che frequenti di più. Tienilo a mente per qualsiasi obiettivo tu voglia raggiungere nella vita. Un abbraccio. LEZIONE 8 - Il tuo obiettivo Ormai ho un certo rapporto con il signor De Lorenzi. In azienda nessuno capisce perché sono diventato amico di uno che mi ha licenziato. Non importa, so quale è l ambiente in cui voglio stare e da cui voglio lasciarmi influenzare. Con il signor De Lorenzi mi sentivo spesso, gli mandavo o messaggi per evitare di disturbarlo. Oggi devo incontrarlo alle 15:00, mi preparo, indosso il vestito migliore e più elegante, metto più soldi possibili nel portafogli e vado da lui. Faccio così perché ho deciso che cercare di comportarmi da ricco mi aiuterà sicuramente a raggiungere il mio obiettivo. Quando entro nel suo ufficio mi saluta con il suo classico sorriso, apre una cartella, tira fuori un foglio:

11 LEZIONE 9 - Impara a vendere! Ero tornato a casa. Seduto al tavolo in cucina, con una luce puntata su di me, tenevo la testa fra le mani. Il mio capo penzolava sopra quel foglio, quasi fosse un secondo lampadario che però non emetteva luce, al contrario: proiettava ombra. Guardavo quel foglio e fissavo la frase Gli ostacoli non mi fermano. Ogni ostacolo si sottomette alla rigida determinazione. Chi guarda fisso verso le stelle non cambia idea. Mi soffermavo su ogni parola cercando di assaporare e sentire dentro di me tutta la carica di energia e di emozioni che poteva scatenarmi ogni singola parola. Quando mi sono sentito stracolmo, pieno di vita e pronto ho compilato il foglio. L obiettivo era di guadagnare euro al mese entro sei mesi a partire da oggi. Volevo farlo perché mi avrebbero permesso di avere del capitale da investire e da far fruttare e poi un altra parte per far vivere bene la mia famiglia. Ho fotocopiato quel foglio, prima di scriverci sopra, e sulla copia ho scritto che l obiettivo mio è guadagnare euro al mese entro 5 anni a partire da oggi. Ricordo che il signor De Lorenzi mi disse che quando fissi un obiettivo e dai una scadenza temporale, è come se avessi girato una clessidra, il tempo inizia subito a scorrere e tu devi agire subito. L ho chiamato e gli ho chiesto un appuntamento. Ora sono da lui. Mi fa attendere più del solito, entro e mi dice che ha avuto una giornata difficile, sbuffa, fa uscire tutto il grigio che ha dentro, poi sorride e torna sereno. «Oggi ti svelo l abilità più importante che hanno tutte le persone ricche. E una cosa che devi imparare se vuoi diventarlo anche tu. Altrimenti lascia stare». Mi fissa, con lo sguardo di quando sta per dirmi una cosa veramente importante: «devi imparare a vendere». Storco subito la fronte, le mie sopracciglia quasi si accavallano: «io sono laureato in economia, non voglio andare a fare il venditore!». Lui sorride, come se gli avessi detto una stupidaggine, mi domanda: «ci hai mai provato con una ragazza?» so già dove vuole arrivare: «mi piaceva!» sorride di nuovo. «i clienti devono piacerti. Ciò che voglio farti notare è che tu per piacere a lei non le hai raccontato i tuoi difetti peggiori, semmai quelli buffi. Le hai raccontato cose di te per sembrare un bravo ragazzo, per piacerle. Ti sei venduto a lei. Ripensa a tutte le volte in cui hai provato a convincere una persona. Hai venduto un idea o hai venduto un altra persona se stavi tentando di convincere Tizio che Caio è davvero in gamba. Quando sei venuto a chiedermi un aumento hai - in maniera orribile - tentato di vendere te stesso. Ecco, puoi diventare ricco vendendo tre cose: I. Vendendo te stesso II. Vendendo un tuo sogno III. Vendendo il sogno di un altro L abilità in comune è quella di saper vendere. Ciò che vendi poi non importa, puoi sceglierlo tu. Sceglilo ora» non so che sguardo ho adesso, ma mi sento davvero spaccato a metà, De Lorenzi mi ha nuovamente aperto un mondo. Sono confuso, gli chiedo: «come faccio a scegliere? Come si vende un sogno?» Lui si aggiusta sulla sedia, guarda in basso, raccoglie il respiro, raccoglie le forze e probabilmente anche le idee: «tu sei fallito come professionista perché non ti sapevi vendere, altrimenti saresti riuscito a convincermi ad assumerti o a pagarti di più. Se invece avevi un sogno, come me, avresti potuto fare un azienda per vendere il tuo sogno. Facebook vende il sogno di un mondo di persone connesse tra loro. Un posto dove puoi stare costantemente in contatto con i tuoi amici e condividere con loro esperienze ed emozioni. Zuckerberg ha deciso di vendere il suo sogno e ne è valsa la pena. Se tu hai un sogno puoi fare la sua stessa cosa. Se non hai un sogno, o non sai come costruire un azienda per venderlo allora puoi entrare in un Network Marketing. Le altre 4 persone importanti che ci sono nella tua vita molto probabilmente ti consiglieranno di stare alla larga dai sistemi piramidali ma se mi lasci essere la quinta persona che influenzerà i tuoi risultati sappi che il Network Marketing è uno strumento e solo questo: non devi credere agli invasati che sembrano entrati in una setta, ma neppure agli ignoranti che non lo conoscono.

12 Esistono delle aziende che hanno un sogno e che vogliono condividerlo con più persone possibili, dunque sono disposte a formare gratuitamente chiunque per insegnargli a vendere e ad essere un leader. In un azienda di Network Marketing puoi imparare a vendere te stesso e il tuo prodotto, vieni seguito e puoi imparare tutte le abilità di cui ha bisogno un imprenditore. Lì trovi un ambiente motivante e di persone che ottengono risultati. Se non hai un tuo sogno o non hai abilità e capitali per realizzarlo è la scelta migliore. Se vuoi creare tu l azienda e il sogno fa pure: dovrai solo darti da fare molto di più. Adesso decidi quale è la scelta migliore per te, scegli cosa vuoi vendere ed inizia a vendere. Non tornare finché non avrai provato a vendere qualcosa ad almeno dieci persone. E sappi che dovrai trovare tu quelle persone.» CAPITOLO 10 - Fallimento n. 1 Torno da De Lorenzi, come gli ho scritto nel messaggio sono fortemente demotivato. Avevo visto un offerta, la possibilità di partecipare ad un colloquio. Mi sono promesso che il giorno dopo mi sarei presentato e invece era troppo tardi. Sold out! Vado da De Lorenzi e gli dico: «mi sembra impossibile quello che mi è successo, è evidente che il mondo ce l ha con me. Questa non può che chiamarsi sfortuna! Mi sono impegnato a cambiare, a pensare in modo diverso e poi appena trovo l opportunità cosa mi succede? Per qualche ora la perdo! E assurdo.» Lui sprofonda in una delle sue classiche risate, questa mi irrita, lui ride ancora di più. Mi innervosisco, diventa serio: «Questa è la tua vera prima lezione, Massimo. Cosa puoi imparare da quello che è successo?» Ci penso, in realtà sono stato io stupido a non sbrigarmi. «che devo agire subito?» sorride, non più per prendermi in giro, perché è contento che ho capito: «bravo. A presto!» Fallimento n. 2 Passarono due mesi di tentativi, azioni, piani di marketing: passai in rassegna ben dieci network marketing differenti per trovare il mio, nel mentre lavoravo a rimborso spese presso un agenzia immobiliare e nei ritagli di tempo cercavo di piazzare spazi pubblicitari sulla rivista di un mio amico. Era stato un mese intenso, fatto di alti e bassi dal punto di vista emotivo ma quegli sforzi finalmente stavano per ripagare: nell agenzia immobiliare presso cui collaboravo avrebbero venduto una casa ed io avevo contribuito a trovare il cliente. Non stavo più nella pelle: le provvigioni di vendita erano pari al 2% del valore d acquisto dell immobile e io ne avrei guadagnato secco il 20% per il contributo. La proposta d acquisto era stata fissata a euro e ciò significava una fetta per me di 400 con una sola vendita: non molto, ma qualcosa che mi dava la forza di continuare a crederci! Avevo chiesto un appuntamento al mio mentore il giorno previsto per l accettazione della proposta, volevo festeggiare con lui il mio primo guadagno da venditore, e invece, poco prima del nostro appuntamento, avevo ricevuto dall agenzia un sms che mi informava che la trattativa era saltata. Non stavo in me dalla delusione. Il signor De Lorenzi mi ricevette in quel momento e io sbottai: «Stavolta davvero non ce la faccio più! Lo ammetta, è sfortuna. Non è possibile: ho agito subito! Ho collaborato per due agenzie di vendita contemporaneamente, iniziato altre tre attività differenti e sono fallito in tutte e cinque le iniziative! Ma come è possibile!? All università ho sempre studiato che devo diversificare per abbassare il rischio, ora mi metto in cinque settori e mi vanno male tutti e cinque!? Non ce la faccio, questa strada non fa per me. La ringrazio per le belle parole ma davvero non posso continuare così!» De Lorenzi mi guarda, irrigidisce lo sguardo: «Non farti più vedere. Vattene!». «Come?» Domando io. «se vuoi mollare esci da questa stanza e non entrare più. Ho speso del tempo con te, perché credo che puoi farcela. Io credo in te, ma se non ci credi tu per primo non servirà a nulla tutto quello che fai.»

13 Mi sento più vittima che colpevole, ho la coscienza a posto: «ma come è possibile che?» mi interrompe: «tu dici che sei entrato in cinque settori e ti sembra impossibile che sia fallito in tutti e cinque!? A me sarebbe parso impossibile il contrario! Hai ricevuto una splendida lezione, Massimo. Hai imparato che devi focalizzarti. La ricchezza è come una torta, si compone di ingredienti, non puoi buttarli tutti insieme e frullarli. Occorre seguire scrupolosamente la ricetta. Decidi di fare una cosa e focalizzati solo su quella.» Fallimento n. 3 Sono passati tre mesi dall ultimo incontro. Vado da De Lorenzi, stufo delle attese, stufo di attendere lui e di attendere il momento in cui arrivino i primi guadagni. Entro nel suo ufficio mentre sta incontrando delle persone. Lui si alza in piedi, mi viene vicino e mi chiede cosa sia successo: «sono entrato in quell azienda di Network Marketing che mi ha detto lei da ben tre mesi e non ho ancora visto un euro, sono stufo di partecipare a quegli stupidi eventi dove mi dicono tutti che guadagnano! Io non ho visto un euro!» Mi guarda, mi chiede di aspettare: «No, non aspetto ancora. Devo aspettare per sentirmi dire cosa? Che devo aspettare ancora? Vuole dirmi che ho sbagliato ancora qualcosa?». Si gira, torna a posto. Ho i nervi alle stelle, mi avvicino e gli chiedo ancora cosa devo aspettare questa volta. «Niente. Hai tutto; ma non sai usarlo. Scommettiamo? Dimmi la verità, hai seguito tutto, esattamente tutto quello che ti hanno insegnato? Hai seguito pedissequamente la ricetta?» gli dico la verità: «no, alcune cose mi sembrano davvero stupide e inutili, credo si possa fare meglio in meno tempo!». Sorride: «Hai ragione. Eppure non sei riuscito a fare nulla lo stesso con quel tempo in più. Hai bisogno di fare proprio quegli errori che hai voluto evitare. Vedi, ci sono cose che posso insegnarti e cose che posso solo farti imparare, ma tu non vuoi seguire la ricetta così come è scritta: vuoi subito mangiare la torta prima che lieviti E per questo che preferisco lavorare con le donne. Gli uomini hanno un eccesso di ego, pensano di essere più furbi degli altri, di avere il metodo per far più velocemente. Torna indietro, segui esattamente i passi indicati, sbaglia, fallisci, impara, sbaglia di nuovo, impara ancora, sbaglia meglio e guadagna! Poi torna a sbagliare. Ricordati di sbagliare, è molto importante! Altrimenti non riuscirai ad imparare ed a migliorarti.» Fallimento n. 4 E passato un altro mese, da tutta questa storia ho guadagnato poco più di cinquanta euro. Ora, di nuovo, devo iniziare da capo. Ho fallito nuovamente, chiamo De Lorenzi, cosa potrà inventarsi questa volta? Gli racconto la situazione. Mi aspetto una risposta incredibile come al solito. Ma credo che le abbia esaurite tutte, ci manca solo che mi dice che ho fatto bene a fallire. Ormai non vedo altre possibilità. «Massimo, questo è davvero un buon fallimento! Bravo!» non credo alle mie orecchie. Me l ha detto sul serio. Come ho fatto per mesi a fidarmi di questo scemo!? Ma è possibile dire ad una persona che fallisce per la quarta volta che finalmente ha fatto un buon fallimento?. No, non voglio crederci. «Bravo, hai agito subito, ti sei focalizzato e hai rispettato il piano. Hai fallito, anche questo fa parte del piano. Molto bene, questa è l ultima prova che devi affrontare, se continuerai, se persisterai e se accetterai che anche nella peggiore salita prima o poi arriverai all ultimo gradino da salire... ti garantisco che otterrai risultati!» poi mi invita a casa sua a cena, per la prima volta c è anche la sua famiglia. Li conosco, sono persone semplici, mi raccontano le loro origini e i loro sacrifici, i tanti momenti bassi e il continuo desiderio di andare avanti. Mi dicono che solo se hai un grande motivo per agire riesci a superare le difficoltà. Tutte cose che non molto tempo fa avrei bollato come filosofiaspicciolalavitarealeèaltracosa. Passo la notte a pensare a cosa voglio veramente nella vita. Ho scritto sul soffitto quella frase di Leonardo Da Vinci «Gli ostacoli non mi fermano. Ogni ostacolo si sottomette alla rigida determinazione. Chi guarda fisso verso le stelle non cambia mai idea», la fisso ogni sera prima di addormentarmi.

14 CAPITOLO 11 Per Te, TUTTO inizia ORA! Il giorno dopo mi sveglia un sms del Signor De Lorenzi; mi dice che per un po non potrà più seguirmi. Ci rimango male, anche se mi spiega che la Sua presenza è richiesta all estero in una filiale dell Est che rischia di chiudere e molte famiglie rischiano di ritrovarsi senza un lavoro; se penso a come è iniziata tutta questa storia mi viene da sorridere, e forse sarò scemo ma mi sento speciale a sapere che l uomo che mi ha licenziato per aiutarmi corre dall altra parte del mondo per salvare il posto di lavoro ad altri in cui forse non vede quello che ha visto in me. Il testo dell SMS terminava così: «Adesso inizi veramente. Hai dedicato tempo a fallire, ora inizi a costruire la tua ricchezza e soprattutto la tua libertà. Sono fiero di te, festeggia questo tuo primo successo. Non sei ancora ricco, hai moltissima strada avanti a te. Dovrai fallire ancora e forse perderai tutto il capitale che stai per accumulare. Ma ciò che nessuno potrà mai toglierti, è ciò che stai per diventare. Nessuna tempesta potrà sradicare il tuo nuovo modo di vedere il mondo più bello, pieno di possibilità e di opportunità per tutti. Nessuna crisi potrà spazzare via la tua conoscenza in ambito finanziario, forse dimenticherai come fare gli integrali o come studiare i flussi economici delle macro zone continentali, ma saprai sempre come costruirti una rendita e guadagnare abbastanza per poterti sposare e vivere libero da questo sistema che ci vuole poveri. Sono fiero di te, Massimo. Sei una delle imprese che mi sono riuscite meglio! ;)». Ti lascio con orgoglio, ma non ti lascio da solo: in allegato a questo messaggio troverai il biglietto da visita di una persona per me molto importante: è un Coach molto valido, gli ho parlato di Te e lui mi ha detto che è disposto a NON OFFRIRTI nulla di particolare se non quello che offre a tutti: una Sessione di Coaching a Tu per Tu; se vorrai servirtene, dì che ti mando io: Lui capirà! La persona che ti ha dato questo ebook può metterti in contatto con il coach in questione. Contattala adesso, ti servirà molto!!! La sfida più grossa che hai è sfidare la tua insicurezza e la tua pigrizia. Sono la tua insicurezza e la tua pigrizia che definiscono e limitano chi sei. Se vuoi cambiare chi sei, devi tenere testa alla tua insicurezza e alla tua pigrizia. Sono loro che ti mantengono piccolo. Sono loro che ti negano la vita che vuoi. Non c'è nessuno che ti ostacola, tranne te e i tuoi dubbi!!! È facile rimanere lo stesso Il difficile è cambiare!!! La maggior parte della gente sceglie di restare nello stesso modo per tutta la vita. Se affronterai l'insicurezza e la pigrizia, troverai la porta per la libertà. Contatta adesso la persona che ti ha regalato questo ebook.

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

Il pensiero positivo! www.skilla.com

Il pensiero positivo! www.skilla.com Il pensiero positivo! www. Come accrescere la propria autostima fronteggiando le situazioni difficili. Il pensiero positivo! L avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge. Gustave

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

CREA LA SFIDA DEL TUO FUTURO PROFESSIONALE

CREA LA SFIDA DEL TUO FUTURO PROFESSIONALE www.certificatocasa.it GUIDA PRONTA ALL USO PER NEO LAUREATI Tutti i diritti riservati 1 La professione del Progettista è cambiata, l'approccio tecnico va combinato con un modo di presentare le soluzioni

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it L attore entra in silenzio. Mentre entra si allarga l occhio di bue. Una

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Ciao Sono Loris Comisso Creatore del Programma Professionista Libero l unico sistema per smettere di lavorare 15 ore al

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli