ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA"

Transcript

1 AREA FINANZA

2 DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto La Pianificazione Finanziaria ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

3 La pianificazione Finanziaria Prima di poter decidere come investire il nostro risparmio, è importante individuare quali sono i nostri bisogni finanziari presenti e futuri e quali risorse presenti e future possiamo utilizzare. Il primo passo per l impiego ottimale del risparmio è quello di elaborare un piano finanziario efficace, che sappia allocare le risorse disponibili nella quantità e nel momento giusto, e quindi massimizzare l utilità dell investimento. La scelta dell investimento e della sua forma più vantaggiosa è solo la fase terminale di un processo più grande che qui chiamiamo pianificazione finanziaria (financial planning); il portafoglio titoli è poi una delle forme possibili d investimento, sicuramente la più diffusa, ma certamente non la migliore, anche se tende a divenire la forma più versatile alle esigenze dei risparmiatori. Con la pianificazione si elabora un piano finanziario, ossia uno schema semplice, facilmente leggibile e revisionabile che riporta tutti i flussi finanziari (entrate e uscite certe e presunte) che caratterizzano la nostra vita economica, come gli stipendi, le rendite, i lasciti ereditari, la pensione, l acquisto di una casa o di un automobile, le spese di affitto, le spese impreviste e quelle di tutti i giorni. Una volta redatto, il piano finanziario va aggiornato e corretto nel tempo tutte le volte in cui mutano le nostre esigenze o si verificano eventi non previsti, o semplicemente per annotare i flussi finanziari che hanno avuto la loro manifestazione. Con il piano finanziario è possibile dimensionare il risparmio attuale e futuro, e programmare consumi presenti e futuri ottimizzando l impiego delle risorse a disposizione. Molto spesso siamo portati a risparmiare in modo sommario senza preoccuparci di ciò che possono essere le nostre esigenze future, forse anche perché non siamo in grado di elaborare un piano semplice e nel minor tempo possibile, in realtà non è poi così complicato se disponiamo di un foglio di calcolo, in ogni caso se abbiamo interesse a ottimizzare la scelta di un portafoglio finanziario è necessario prima, impegnarsi ad elaborare un piano finanziario. Nei paragrafi che seguono, prendendo spunto dalle tecniche fondamentali della gestione della finanza aziendale, si forniranno alcune nozioni di base e gli strumenti necessari per redigere un piano finanziario e quindi un metodo di approccio alle decisioni d investimento. Prospetto Fonti e Impieghi A fotografare la struttura finanziaria del nostro patrimonio è il prospetto Fonti e Impieghi, che riportiamo qui di seguito nella forma più comune. 2

4 La colonna di sinistra degli IMPIEGHI elenca l insieme dei beni di proprietà; essa rappresenta la ricchezza a nostra disposizione collocata nelle diverse forme d impiego e raggruppate secondo i criteri di destinazione temporale. La colonna di destra delle FONTI elenca l insieme delle fonti di ricchezza; essa rappresenta sempre la ricchezza a nostra disposizione distinguendo però fra ricchezza di proprietà e ricchezza da debiti, questi ultimi raggruppati secondo i criteri di destinazione temporale. Quindi, se la colonna degli impieghi ci mostra come è distribuita la nostra ricchezza, la colonna delle fonti ci mostra come abbiamo raccolto la nostra ricchezza a disposizione. Le due colonne VALORE riportano il corrispondente importo delle voci elencate. In sostanza le due colonne hanno per oggetto la stessa cosa: la ricchezza. Questa viene osservata da due prospettive differenti: come è stata raccolta (FONTI) come viene impiegata (IMPIEGHI), E per questo che il totale degli impieghi deve essere necessariamente uguale al totale delle fonti. Gli Impieghi sono stati raggruppati in tre sezioni fondamentali: 1. A lungo termine: raggruppano tutte quelle voci di beni destinati a manifestare la loro utilità per molti anni, questo vuol dire che il loro disinvestimento è programmato solo dopo molti anni; 2. A medio termine: raggruppano tutte quelle voci di beni destinati a manifestare la loro utilità solo per pochi anni, in genere si fa riferimento ad un anno, massimo 5 anni; 3. A breve termine: raggruppano tutte quelle voci di beni destinati a manifestare la loro utilità per pochi giorni o mesi, al massimo un anno. Questo raggruppamento nasce soprattutto dall esigenza di distinguere i beni di cui si può apprezzare il beneficio economico solo dopo un arco temporale sufficientemente grande, dai beni che invece bruciano il loro beneficio economico in poco tempo. 3

5 Le Fonti sono raggruppate in tre sezioni fondamentali: 1. Capitale proprio: è quella ricchezza che ha origine dalle nostre risorse: come i familiari (eredità), la nostra capacità di produrre reddito (retribuzione), la nostra capacità di far fruttare gli investimenti (finanziari e non) o semplicemente la nostra fortuna (vincite); 2. Debiti a medio/lungo termine: è quella ricchezza che ha origine dalle risorse di terzi e che ci viene resa disponibile per un certo intervallo di tempo. In genere la ricchezza prestata ha un costo da corrispondere al proprietario sotto forma di interessi; 3. Debiti a breve: si tratta di quella ricchezza che nasce semplicemente da momentanei squilibri dei flussi di cassa, ad esempio, lo scoperto bancario è un debito che nasce da momentanei insufficienze di denaro, anche solo perché i prelievi hanno momentaneamente anticipato i versamenti. Questo raggruppamento nasce dall esigenza di distinguere la ricchezza che risulta da noi pienamente disponibile nel tempo, dalla ricchezza che è destinata ad essere restituita alle scadenze prefissate. Ecco i 5 passi necessari per redigere il primo Prospetto Fonti e Impieghi: 1. Elencare tutti i beni a nostra disposizione con il loro relativo valore. Non occorre individuare le minuzie, ad esempio alla voce Libri è sufficiente associare una stima del loro valore complessivo; se questo poi risultasse esiguo, si può sempre trascurare la voce Libri e sommare il loro valore alla voce Articoli di svago comprendendo anche CD, videocassette, ecc.; 2. Classificare le voci dell elenco secondo il criterio della destinazione temporale: a lungo, a medio o a breve termine; 3. Elencare le fonti della nostra ricchezza con i relativi valori; 4. Classificare le fonti secondo l appartenenza (capitale proprio o di debito) e di destinazione temporale: debiti a medio/lungo o a breve termine; 5. Compilare il prospetto Fonti e Impieghi su un foglio di calcolo nella stessa forma riportata nel nostro esempio. Per analizzare la nostra situazione finanziaria occorre ora individuare i generatori dei flussi finanziari, ossia dobbiamo individuare le origini e le cause di quei flussi che modificano i valori riportati nel prospetto Fonti e Impieghi rendendolo dinamico nel tempo. I Flussi Finanziari Le voci riportate nel prospetto Fonti e Impieghi, devono essere considerati intuitivamente come tanti recipienti di acqua; il loro livello d acqua è variabile nel tempo perché di tanto in tanto qualcuno preleva dell acqua e qualcun altro gliela immette: Analogamente, i flussi finanziari possono essere positivi (entranti) se apportano un incremento del valore delle voci e negative (uscenti) se decrementano il valore delle voci. I flussi finanziari sono dunque spostamenti di ricchezza e come tali hanno un origine ed una destinazione. L origine o la destinazione del flusso può essere a sua volta interna od esterna: 4

6 Mentre il flusso finanziario esterno positivo aumenta il totale della ricchezza (incremento del valore totale delle Fonti e degli Impieghi), il flusso finanziario interno sposta ricchezza da una voce ad un altra senza modificare il totale della ricchezza. Per fare un esempio, supponiamo di vendere l automobile, in questo caso il valore alla voce Automobile verrà diminuito di 35, quindi il nuovo valore sarà 0 e il flusso finanziario generato sarà 35; la destinazione del flusso in questo caso può essere la voce Assegni che dal valore 0.5 passa a Il flusso generato non comporta un aumento del totale della ricchezza, quindi è un flusso interno. Se lo stesso assegno viene girato per pagare un mutuo allora avremo un flusso verso l esterno che porterà in diminuzione sia la voce Assegni sia la voce Mutui e quindi anche il totale della ricchezza per un valore di 35; il prospetto Fonti e Impieghi risulta così modificato: Ricordiamo quindi che la differenza sostanziale fra i flussi interni e i flussi esterni è che i flussi interni generano solo un trasferimento di ricchezza da una voce all altra senza modificare il totale Impieghi e il totale Fonti (che devono essere sempre uguali), i flussi esterni invece creano o distruggono ricchezza e quindi modificano il totale Impieghi e il totale Fonti. È importante notare che se immaginiamo il totale Impieghi come un unico recipiente che raccoglie tutti i valori della colonna Impieghi, anche il totale Fonti è immaginabile come un unico recipiente; entrambi rappresentano la stessa ricchezza quindi in realtà è lo stesso recipiente con un unico valore e tutti i flussi che vi entrano o vi escono sono sempre flussi esterni, questo vuol dire anche: se un flusso 5

7 esterno riduce il totale Impieghi allora anche il totale Fonti si riduce (il pagamento del mutuo con un assegno è l esempio di questo caso). I flussi esterni sono dunque i più importanti perché modificano la ricchezza a nostra disposizione e la sua distribuzione fra le varie voci. Questi oltre ad avere la semplice natura finanziaria (pagamento del mutuo con l assegno), possono avere anche natura economica. Un flusso esterno di natura economica è un flusso generato da un Costo o da un Ricavo, questi vengono elencati nel Prospetto Economico. Prospetto Economico Il concetto di costo e di ricavo che qui intendiamo, vuol dire rispettivamente bruciare ricchezza e creare ricchezza, pertanto i costi e i ricavi sono flussi esterni (di natura economica). Il prospetto che segue è quello economico e riporta una serie di Costi e di Ricavi tipici. Il prospetto Economico va compilato con i suoi valori avendo cura di inserire solo quei ricavi e quei costi che determinano entrate o uscite di denaro, ossia generano un flusso di ricchezza in aumento o diminuzione della ricchezza a disposizione. La svalutazione economica dei beni come l ammortamento della casa o la perdita di un credito v/amici, non vengono considerati come flussi esterni di natura economica, ma di natura finanziaria, quindi vanno riportati solamente sul prospetto Fonti e Impieghi. Il RICAVO NETTO è la differenza fra il totale dei Ricavi e il totale dei Costi, questo se positivo vuol dire che un flusso di ricchezza positivo esterno ha portato in aumento la nostra ricchezza a disposizione. Mentre il prospetto Fondi e Impieghi fotografa la nostra situazione patrimoniale in un dato momento, il prospetto Economico evidenzia dei flussi che si manifestano in un determinato intervallo di tempo e che chiameremo Periodo di calcolo dei flussi. 6

8 Prospetto dei flussi Per calcolare i flussi interni ed esterni (di natura finanziaria o economici), occorre definire un intervallo di tempo da prendere a riferimento. Il periodo di calcolo più frequentemente utilizzato per l analisi infra-annuale è quello mensile, mentre il trimestre e il semestre per le analisi di lungo periodo. Definito il periodo di calcolo dei flussi, il Prospetto dei Flussi è redatto nei 5 passi seguenti: 1. Compilare il prospetto Economico su un foglio di calcolo nella stessa forma riportata nel nostro esempio. Non occorre individuare le minuzie, è sufficiente elencare le voci più significative associando stime attendibili dei valori sia per i Ricavi sia per i costi; le voci elencate nel nostro esempio sono quelle tipicamente usate. 2. Individuare la lista delle operazioni riportate sul Calendario Operazioni che generano flussi interni ed esterni di natura finanziaria relative al periodo di calcolo (i flussi esterni di natura economica sono già riportati nel prospetto Economico). Il Calendario Operazioni è trattato nel paragrafo dedicato al Piano Finanziario. Riprendiamo la lista delle operazioni già citate nel nostro esempio e assegniamole allo stesso periodo di calcolo: - vendita dell automobile per un valore di 35 con pagamento in Assegni; - pagamento del mutuo girando un assegno di 35; - ripartizione del Ricavo netto. 3. Ricopiare il prospetto Fonti e Impieghi su un foglio di calcolo limitandoci alle sole voci. Questo nuovo prospetto viene chiamato Prospetto dei Flussi e riporta nelle due colonne VALORE i flussi interni ed esterni relativi al periodo di calcolo. 4. Ad ogni operazione della lista aggiornare il Prospetto dei Flussi registrando opportunamente il valore dei flussi alle voci interessate dall operazione. Di seguito riportiamo il Prospetto dei Flussi aggiornato alle operazioni del nostro esempio. Da notare che il Ricavo netto è opportunamente ripartito per le Fonti alle voci Ricavi accumulati da investimenti e Ricavi accumulati da retribuzione, per gli Impieghi tutto nella voce Contanti (la ripartizione del Ricavo netto nella colonna Impieghi e nella colonna Fonti non ha regole, è sufficiente usare il buon senso). 7

9 Il prospetto dei flussi è utile per analizzare la dinamica del nostro patrimonio nel tempo e serve in particolare alla determinazione del prospetto Fonti e Impieghi che si presenterà all inizio del periodo di calcolo successivo. Seguendo nel nostro esempio, il prospetto Fonti e Impieghi aggiornato per il periodo di calcolo successivo è il seguente: 8

10 Il Piano Finanziario Il piano finanziario è diviso in due sezioni: 1. il Piano di lungo termine che riporta i flussi finanziari e le relative operazioni che modificano sostanzialmente la struttura del patrimonio; qui viene considerato un arco temporale lungo (ad esempio un decennio o anche più) suddiviso poi in periodi più piccoli (un biennio o anche un anno). 2. Il Piano a breve termine che riporta i flussi finanziari e le relative operazioni che non modificano sostanzialmente la struttura del patrimonio, ma ne permettono la gestione; in genere il piano è biennale o annuale a secondo della suddivisione scelta per il piano a lungo termine, e quindi suddiviso ulteriormente in periodi più piccoli (in genere mensili). 9

11 Il Piano finanziario di lungo termine È caratterizzato da due prospetti: il Piano dei flussi e il Calendario Operazioni di seguito riportati. CP = Capitale Proprio DML = Debiti a medio/lungo termine DBT = Debiti a breve termine ILT = Impieghi a lungo termine IMT = Impieghi a medio termine IBT = Impieghi a breve termine MS = Margine di Struttura MT = Margine di Tesoreria Il Piano dei flussi e il Calendario operazioni vanno compilati contemporaneamente, ogni operazione finanziaria che viene iscritta nel calendario deve subito aggiornare il Piano dei flussi. Nel Piano dei flussi abbiamo suddiviso il quinquennio in 5 anni in modo da poter registrare i flussi finanziari annuali. Ciascuna riga fa riferimento ad una sezione del prospetto Fonti e Impieghi, tranne il Margine di Struttura e il Margine di Tesoreria che sono degli indici di valutazione. Le prime operazioni da inserire sono quelle non controllabili o parzialmente controllabili, in genere si è soliti cominciare con la stima del Ricavo Netto desumibile dal prospetto Economico su un periodo di calcolo annuo. Il Ricavo Netto è un flusso parzialmente controllabile, in particolare vi sono alcune voci fra i costi che non possono essere controllati perché necessari, il valore del flusso generato da queste voci può essere stimato con buona precisione (Affitto, Assicurazione, Manutenzioni vari), così anche alcuni ricavi (retribuzione, interessi su titoli free risk). Una possibilità è quella di stimare un Ricavo Netto non controllabile, e da questo poi agire sulle voci controllabili per determinare un Ricavo Netto massimo e minimo. Nel nostro esempio, se il prospetto Economico fa riferimento ad un periodo di calcolo pari ad un mese e il valore ottenuto del Ricavo Netto lo si considera una stima attendibile, in un anno avremo 1,5*12=18 (altresì immaginiamo che si stabilizzi a 20 a partire dal 3 anno). Immaginiamo di vendere l automobile il primo anno per 35 con pagamento in assegni, il secondo anno utilizziamo lo stesso assegno per pagare il mutuo per 35. In particolare dobbiamo tenere conto che: - le registrazioni dei flussi sul Piano dei Flussi vanno limitate alle voci riportate; - il segno del flusso è importante (positivo se la voce va in aumento, negativo se va in diminuzione); - le due righe con il segno = riportano rispettivamente la differenza algebrica dei due flussi posti alle righe superiori, i Margini sono invece calcolati sommando algebricamente il margine dell anno precedente con il flusso riportato nella casella adiacente in alto. 10

12 Le operazioni che hanno generato i flussi sono state riportate sul Calendario Operazioni. Ogni operazione aggiunta al Calendario operazioni deve subito modificare il Piano dei flussi, così da mantenerlo in ogni istante aggiornato, questo perché si possano subito evidenziare i due Margini che ci serviranno per l analisi finanziaria. È importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. L analisi va fatta dopo ogni operazione affinché ogni operazione successiva venga scelta accuratamente e quelle precedentemente inserite eventualmente modificate. È chiaro quindi che la pianificazione va fatta iterativamente, aggiungendo o modificando le operazioni (quelle controllabili in particolare), fin quando i Margini non raggiungono il valore desiderato. Il piano va anche aggiornato e aggiustato nel tempo, man mano che nuove stime e nuovi eventi e nuove informazioni si avvicendano. Analisi del Piano di lungo termine Il Margine di Struttura MS > 0 che vuol dire anche Capitale proprio > Impieghi a lungo termine Questa condizione garantisce la stabilità della struttura patrimoniale. Gli impieghi a lungo termine sono beni destinanti a perdurare per lungo tempo prima di essere sostituiti sia perché soddisfano bisogni importanti, sia perché la loro utilità ne risulta massimizzata. Ad esempio: - se vendiamo la casa di residenza dopo pochi anni dall acquisto, ciò comporta non poche spese per la famiglia (spese di trasloco, spese di vendita, spese di allestimento, spese impreviste), nonché una notevole perdita di tempo; - se vendiamo l automobile comprata nuova un anno prima, il valore di vendita risulterebbe molto più basso del valore effettivo, questo perché risulta declassata come auto usata; - se vendiamo dei titoli azionari acquistati qualche anno prima allo stesso prezzo, ci rimetteremo le spese per le commissioni di compravendita (peggio se il prezzo risultasse minore). Per evitare questi spiacevoli fastidi e dissesti patrimoniali, è importante che gli impieghi a lungo termine siano coperti per intero dal capitale proprio; se così non fosse allora vuol dire che una parte dei debiti a medio/lungo termine è destinata a finanziare gli impieghi a lungo termine, questa situazione non è infrequente, spesso richiediamo un mutuo per comprare la casa, ma tutti sappiamo che se i nostri Ricavi netti non sono sufficienti per pagare le rate del mutuo e i relativi interessi, allora iniziano i problemi. Questo ci dice che finanziare gli Impieghi a lungo termine con un debito a medio/lungo termine può essere rischioso ed è tanto più rischioso quanto più lungo e sostanzioso è il debito che acquisiamo e il relativo tasso di interessi. Qualora questa condizione non è verificata in partenza o si ha l intenzione di non rispettarla perché vogliamo fare necessariamente degli acquisti, allora è importante programmare un flusso finanziario che ci riporti alla condizione di stabilità. Nella finanza aziendale questa condizione di stabilità è misurata attraverso degli indici, fra questi il più importante è il Margine di struttura : [MS] = [CP] [ILT] MS = Margine di Struttura CP = Capitale proprio ILT = Impieghi a lungo termine Il consiglio è di mantenere questo indice sufficientemente alto; se è negativo non superare i 5 anni. 11

13 Il Margine di Tesoreria MT > 0 che vuol dire anche Impieghi a breve termine > Debiti a breve termine Questa condizione garantisce la liquidità necessaria per far fronte ai debiti a breve scadenza. Quando il margine di tesoreria è negativo, lo squilibrio finanziario viene subito percepito quando non si riesce ad onorare i debiti di breve scadenza, in particolare se il debito da rimborsare è di medio/lungo termine e scade a giorni, allora il ritardo di pagamento può causare forti perdite per interessi di mora e penalità varie. Per rendere l indice significativo nella valutazione della liquidità necessaria, è importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. Pertanto il consiglio è di mantenerlo sempre alto per cautelarsi da esborsi improvvisi o nel caso in cui sono previste operazioni finanziarie con esborsi elevati, è importante quindi stabilire quali periodi necessitano di maggiore liquidità. Nella finanza aziendale il Margine di Tesoreria misura la capacità dell azienda di far fronte ai debiti commerciali e in generale ai debiti di breve scadenza; se consideriamo la notevole mole di operazioni finanziarie di breve termine che un azienda commerciale può generare, ci si rende conto quanto importante sia questo indice. [MT] = [IBT] [DBT] MT = Margine di Tesoreria IBT = Impieghi a breve termine DBT = Debiti a breve termine Il Piano finanziario di breve termine È caratterizzato da due prospetti: il Piano dei flussi e il Calendario Operazioni di seguito riportati. CP = Capitale Proprio DML = Debiti a medio/lungo termine DBT = Debiti a breve termine ILT = Impieghi a lungo termine IMT = Impieghi a medio termine IBT = Impieghi a breve termine MT = Margine di Tesoreria Il Piano dei flussi e il Calendario operazioni vanno compilati contemporaneamente; ogni operazione finanziaria che viene iscritta nel calendario deve subito aggiornare il Piano dei flussi. Nel Piano dei flussi abbiamo considerato solo i primi 5 mesi dell anno per non appesantire la grafica. 12

14 Le prime due righe del Piano dei flussi fanno riferimento alle due sezioni del prospetto Fonti e Impieghi, la terza riga è il Margine di Tesoreria e ci servirà come indice di valutazione. Si consiglia di stimare le voci del prospetto Economico dal primo mese all ultimo mese dell anno (per bimestre se il Piano finanziario di breve termine è redatto per bimestre). Il metodo di calcolo dei Piano dei flussi a breve termine è analogo a quello a lungo termine. Ogni operazione aggiunta al Calendario deve subito modificare il Piano dei flussi, così da mantenerlo in ogni istante aggiornato, questo perché si possa subito evidenziare il margine di Tesoreria. È importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. L analisi va fatta dopo ogni operazione, affinché ogni operazione successiva venga scelta accuratamente e quelle precedentemente inserite eventualmente modificate. È chiaro quindi che la pianificazione va fatta aggiungendo o modificando le operazioni, fin quando i Margini non raggiungono il valore desiderato. Il piano va anche aggiornato e aggiustato nel tempo, man mano che nuove stime e nuovi eventi e nuove informazioni si avvicendano. Analisi del Piano di breve termine Il Margine di Tesoreria MT > 0 che vuol dire anche Capitale a breve termine > Impieghi a breve termine Questa condizione garantisce la liquidità necessaria per far fronte ai debiti a breve scadenza. Quando il margine di tesoreria è negativo, lo squilibrio finanziario viene subito percepito quando non si riesce ad onorare i debiti di breve scadenza, in particolare se il debito da rimborsare è di medio/lungo termine e scade a giorni, allora il ritardo di pagamento può causare forti perdite per interessi di mora e penalità varie. Per rendere l indice significativo nella valutazione della liquidità necessaria, è importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. Pertanto il nostro consiglio è quello di mantenerlo sempre alto per cautelarsi da esborsi improvvisi o nel caso in cui sono previste operazioni finanziarie con esborsi elevati, è importante quindi stabilire quali periodi necessitano di maggiore liquidità. Nella finanza aziendale il Margine di Tesoreria misura la capacità dell azienda di far fronte ai debiti commerciali e in generale ai debiti di breve scadenza; se consideriamo la notevole mole di operazioni finanziarie di breve termine che un azienda commerciale può generare, ci si rende conto di quanto importante sia questo indice. [MT] = [IBT] [DBT] MT = Margine di Tesoreria IBT = Impieghi a breve termine DBT = Debiti a breve termine 13

15 L allocazione delle risorse Quando si parla di allocazione delle risorse, ci si riferisce al problema di ridistribuire la ricchezza disponibile fra gli Impieghi di lungo/medio/breve termine. Con la pianificazione finanziaria abbiamo evidenziato l importanza dei Margini di Struttura e di Tesoreria per la stabilità patrimoniale, abbiamo anche suggerito come dimensionare le sezioni del prospetto Fonti e Impieghi, ma non abbiamo parlato di come ridistribuire la ricchezza all interno delle sezioni. La scelta delle operazioni controllabili da inserire nel Piano finanziario, in realtà non modifica solo le dimensioni delle sezioni, ma anche le voci all interno delle sezioni stesse, quindi nella pianificazione occorre scegliere fra tutte le possibili operazioni disponibili quelle che consentono una buona distribuzione della ricchezza fra le voci di una stessa sezione. Non vogliamo qui imporre particolari metodi di scelta, anche perché le esigenze e le preferenze dei singoli è assai diversa, ci limitiamo semplicemente a fare un esempio per evidenziare un criterio che ci sembra comune a tutti. Se nel conto corrente bancario abbiamo una somma sovradimensionata per le normali esigenze di liquidità, sarebbe opportuno prenderne una parte e destinarla alla sezione di lungo e medio termine. La domanda che ci poniamo è: quale bene acquistare? Le scelte più comuni possono essere le seguenti: 1. Acquisto l automobile (o altro) perché mi serve. 2. Acquisto la moto perché l ho sempre desiderata. 3. Investo in beni reali per guadagnare soldi. 4. Investo in un portafoglio titoli per guadagnare soldi. In ogni caso, per una qualsiasi delle scelte elencate, il nostro consiglio è quello di tenere d occhio le spese di gestione, ossia quelle spese che servono per mantenere funzionale il bene che si vuole acquistare: per l automobile e la moto bisogna tener conto delle tasse e soprattasse, delle spese di manutenzione ecc.; ma anche il portafoglio titoli richiede delle spese di gestione, primo fra tutti il tempo per la ricerca delle informazioni; in altre parole, bisogna conoscere tutte le caratteristiche dell investimento, sia che si tratti di beni reali, sia che si tratti di un portafoglio titoli La pianificazione da sola non è sufficiente per dimensionare il portafoglio titoli, ma è sicuramente necessaria; di ogni investimento dobbiamo prima conoscere le sue caratteristiche e le spese di gestione per poter decidere e scegliere con piena consapevolezza dei vantaggi e degli svantaggi. 14

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Cosa e' la percentuale e come si calcola

Cosa e' la percentuale e come si calcola Cosa e' la percentuale e come si calcola La percentuale e' un calcolo molto semplice che permette di valutare la forza di un evento questo simbolo % si legge percento. il 20% di 90 si calcola cosi 20/100*90

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli