ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA"

Transcript

1 AREA FINANZA

2 DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto La Pianificazione Finanziaria ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

3 La pianificazione Finanziaria Prima di poter decidere come investire il nostro risparmio, è importante individuare quali sono i nostri bisogni finanziari presenti e futuri e quali risorse presenti e future possiamo utilizzare. Il primo passo per l impiego ottimale del risparmio è quello di elaborare un piano finanziario efficace, che sappia allocare le risorse disponibili nella quantità e nel momento giusto, e quindi massimizzare l utilità dell investimento. La scelta dell investimento e della sua forma più vantaggiosa è solo la fase terminale di un processo più grande che qui chiamiamo pianificazione finanziaria (financial planning); il portafoglio titoli è poi una delle forme possibili d investimento, sicuramente la più diffusa, ma certamente non la migliore, anche se tende a divenire la forma più versatile alle esigenze dei risparmiatori. Con la pianificazione si elabora un piano finanziario, ossia uno schema semplice, facilmente leggibile e revisionabile che riporta tutti i flussi finanziari (entrate e uscite certe e presunte) che caratterizzano la nostra vita economica, come gli stipendi, le rendite, i lasciti ereditari, la pensione, l acquisto di una casa o di un automobile, le spese di affitto, le spese impreviste e quelle di tutti i giorni. Una volta redatto, il piano finanziario va aggiornato e corretto nel tempo tutte le volte in cui mutano le nostre esigenze o si verificano eventi non previsti, o semplicemente per annotare i flussi finanziari che hanno avuto la loro manifestazione. Con il piano finanziario è possibile dimensionare il risparmio attuale e futuro, e programmare consumi presenti e futuri ottimizzando l impiego delle risorse a disposizione. Molto spesso siamo portati a risparmiare in modo sommario senza preoccuparci di ciò che possono essere le nostre esigenze future, forse anche perché non siamo in grado di elaborare un piano semplice e nel minor tempo possibile, in realtà non è poi così complicato se disponiamo di un foglio di calcolo, in ogni caso se abbiamo interesse a ottimizzare la scelta di un portafoglio finanziario è necessario prima, impegnarsi ad elaborare un piano finanziario. Nei paragrafi che seguono, prendendo spunto dalle tecniche fondamentali della gestione della finanza aziendale, si forniranno alcune nozioni di base e gli strumenti necessari per redigere un piano finanziario e quindi un metodo di approccio alle decisioni d investimento. Prospetto Fonti e Impieghi A fotografare la struttura finanziaria del nostro patrimonio è il prospetto Fonti e Impieghi, che riportiamo qui di seguito nella forma più comune. 2

4 La colonna di sinistra degli IMPIEGHI elenca l insieme dei beni di proprietà; essa rappresenta la ricchezza a nostra disposizione collocata nelle diverse forme d impiego e raggruppate secondo i criteri di destinazione temporale. La colonna di destra delle FONTI elenca l insieme delle fonti di ricchezza; essa rappresenta sempre la ricchezza a nostra disposizione distinguendo però fra ricchezza di proprietà e ricchezza da debiti, questi ultimi raggruppati secondo i criteri di destinazione temporale. Quindi, se la colonna degli impieghi ci mostra come è distribuita la nostra ricchezza, la colonna delle fonti ci mostra come abbiamo raccolto la nostra ricchezza a disposizione. Le due colonne VALORE riportano il corrispondente importo delle voci elencate. In sostanza le due colonne hanno per oggetto la stessa cosa: la ricchezza. Questa viene osservata da due prospettive differenti: come è stata raccolta (FONTI) come viene impiegata (IMPIEGHI), E per questo che il totale degli impieghi deve essere necessariamente uguale al totale delle fonti. Gli Impieghi sono stati raggruppati in tre sezioni fondamentali: 1. A lungo termine: raggruppano tutte quelle voci di beni destinati a manifestare la loro utilità per molti anni, questo vuol dire che il loro disinvestimento è programmato solo dopo molti anni; 2. A medio termine: raggruppano tutte quelle voci di beni destinati a manifestare la loro utilità solo per pochi anni, in genere si fa riferimento ad un anno, massimo 5 anni; 3. A breve termine: raggruppano tutte quelle voci di beni destinati a manifestare la loro utilità per pochi giorni o mesi, al massimo un anno. Questo raggruppamento nasce soprattutto dall esigenza di distinguere i beni di cui si può apprezzare il beneficio economico solo dopo un arco temporale sufficientemente grande, dai beni che invece bruciano il loro beneficio economico in poco tempo. 3

5 Le Fonti sono raggruppate in tre sezioni fondamentali: 1. Capitale proprio: è quella ricchezza che ha origine dalle nostre risorse: come i familiari (eredità), la nostra capacità di produrre reddito (retribuzione), la nostra capacità di far fruttare gli investimenti (finanziari e non) o semplicemente la nostra fortuna (vincite); 2. Debiti a medio/lungo termine: è quella ricchezza che ha origine dalle risorse di terzi e che ci viene resa disponibile per un certo intervallo di tempo. In genere la ricchezza prestata ha un costo da corrispondere al proprietario sotto forma di interessi; 3. Debiti a breve: si tratta di quella ricchezza che nasce semplicemente da momentanei squilibri dei flussi di cassa, ad esempio, lo scoperto bancario è un debito che nasce da momentanei insufficienze di denaro, anche solo perché i prelievi hanno momentaneamente anticipato i versamenti. Questo raggruppamento nasce dall esigenza di distinguere la ricchezza che risulta da noi pienamente disponibile nel tempo, dalla ricchezza che è destinata ad essere restituita alle scadenze prefissate. Ecco i 5 passi necessari per redigere il primo Prospetto Fonti e Impieghi: 1. Elencare tutti i beni a nostra disposizione con il loro relativo valore. Non occorre individuare le minuzie, ad esempio alla voce Libri è sufficiente associare una stima del loro valore complessivo; se questo poi risultasse esiguo, si può sempre trascurare la voce Libri e sommare il loro valore alla voce Articoli di svago comprendendo anche CD, videocassette, ecc.; 2. Classificare le voci dell elenco secondo il criterio della destinazione temporale: a lungo, a medio o a breve termine; 3. Elencare le fonti della nostra ricchezza con i relativi valori; 4. Classificare le fonti secondo l appartenenza (capitale proprio o di debito) e di destinazione temporale: debiti a medio/lungo o a breve termine; 5. Compilare il prospetto Fonti e Impieghi su un foglio di calcolo nella stessa forma riportata nel nostro esempio. Per analizzare la nostra situazione finanziaria occorre ora individuare i generatori dei flussi finanziari, ossia dobbiamo individuare le origini e le cause di quei flussi che modificano i valori riportati nel prospetto Fonti e Impieghi rendendolo dinamico nel tempo. I Flussi Finanziari Le voci riportate nel prospetto Fonti e Impieghi, devono essere considerati intuitivamente come tanti recipienti di acqua; il loro livello d acqua è variabile nel tempo perché di tanto in tanto qualcuno preleva dell acqua e qualcun altro gliela immette: Analogamente, i flussi finanziari possono essere positivi (entranti) se apportano un incremento del valore delle voci e negative (uscenti) se decrementano il valore delle voci. I flussi finanziari sono dunque spostamenti di ricchezza e come tali hanno un origine ed una destinazione. L origine o la destinazione del flusso può essere a sua volta interna od esterna: 4

6 Mentre il flusso finanziario esterno positivo aumenta il totale della ricchezza (incremento del valore totale delle Fonti e degli Impieghi), il flusso finanziario interno sposta ricchezza da una voce ad un altra senza modificare il totale della ricchezza. Per fare un esempio, supponiamo di vendere l automobile, in questo caso il valore alla voce Automobile verrà diminuito di 35, quindi il nuovo valore sarà 0 e il flusso finanziario generato sarà 35; la destinazione del flusso in questo caso può essere la voce Assegni che dal valore 0.5 passa a Il flusso generato non comporta un aumento del totale della ricchezza, quindi è un flusso interno. Se lo stesso assegno viene girato per pagare un mutuo allora avremo un flusso verso l esterno che porterà in diminuzione sia la voce Assegni sia la voce Mutui e quindi anche il totale della ricchezza per un valore di 35; il prospetto Fonti e Impieghi risulta così modificato: Ricordiamo quindi che la differenza sostanziale fra i flussi interni e i flussi esterni è che i flussi interni generano solo un trasferimento di ricchezza da una voce all altra senza modificare il totale Impieghi e il totale Fonti (che devono essere sempre uguali), i flussi esterni invece creano o distruggono ricchezza e quindi modificano il totale Impieghi e il totale Fonti. È importante notare che se immaginiamo il totale Impieghi come un unico recipiente che raccoglie tutti i valori della colonna Impieghi, anche il totale Fonti è immaginabile come un unico recipiente; entrambi rappresentano la stessa ricchezza quindi in realtà è lo stesso recipiente con un unico valore e tutti i flussi che vi entrano o vi escono sono sempre flussi esterni, questo vuol dire anche: se un flusso 5

7 esterno riduce il totale Impieghi allora anche il totale Fonti si riduce (il pagamento del mutuo con un assegno è l esempio di questo caso). I flussi esterni sono dunque i più importanti perché modificano la ricchezza a nostra disposizione e la sua distribuzione fra le varie voci. Questi oltre ad avere la semplice natura finanziaria (pagamento del mutuo con l assegno), possono avere anche natura economica. Un flusso esterno di natura economica è un flusso generato da un Costo o da un Ricavo, questi vengono elencati nel Prospetto Economico. Prospetto Economico Il concetto di costo e di ricavo che qui intendiamo, vuol dire rispettivamente bruciare ricchezza e creare ricchezza, pertanto i costi e i ricavi sono flussi esterni (di natura economica). Il prospetto che segue è quello economico e riporta una serie di Costi e di Ricavi tipici. Il prospetto Economico va compilato con i suoi valori avendo cura di inserire solo quei ricavi e quei costi che determinano entrate o uscite di denaro, ossia generano un flusso di ricchezza in aumento o diminuzione della ricchezza a disposizione. La svalutazione economica dei beni come l ammortamento della casa o la perdita di un credito v/amici, non vengono considerati come flussi esterni di natura economica, ma di natura finanziaria, quindi vanno riportati solamente sul prospetto Fonti e Impieghi. Il RICAVO NETTO è la differenza fra il totale dei Ricavi e il totale dei Costi, questo se positivo vuol dire che un flusso di ricchezza positivo esterno ha portato in aumento la nostra ricchezza a disposizione. Mentre il prospetto Fondi e Impieghi fotografa la nostra situazione patrimoniale in un dato momento, il prospetto Economico evidenzia dei flussi che si manifestano in un determinato intervallo di tempo e che chiameremo Periodo di calcolo dei flussi. 6

8 Prospetto dei flussi Per calcolare i flussi interni ed esterni (di natura finanziaria o economici), occorre definire un intervallo di tempo da prendere a riferimento. Il periodo di calcolo più frequentemente utilizzato per l analisi infra-annuale è quello mensile, mentre il trimestre e il semestre per le analisi di lungo periodo. Definito il periodo di calcolo dei flussi, il Prospetto dei Flussi è redatto nei 5 passi seguenti: 1. Compilare il prospetto Economico su un foglio di calcolo nella stessa forma riportata nel nostro esempio. Non occorre individuare le minuzie, è sufficiente elencare le voci più significative associando stime attendibili dei valori sia per i Ricavi sia per i costi; le voci elencate nel nostro esempio sono quelle tipicamente usate. 2. Individuare la lista delle operazioni riportate sul Calendario Operazioni che generano flussi interni ed esterni di natura finanziaria relative al periodo di calcolo (i flussi esterni di natura economica sono già riportati nel prospetto Economico). Il Calendario Operazioni è trattato nel paragrafo dedicato al Piano Finanziario. Riprendiamo la lista delle operazioni già citate nel nostro esempio e assegniamole allo stesso periodo di calcolo: - vendita dell automobile per un valore di 35 con pagamento in Assegni; - pagamento del mutuo girando un assegno di 35; - ripartizione del Ricavo netto. 3. Ricopiare il prospetto Fonti e Impieghi su un foglio di calcolo limitandoci alle sole voci. Questo nuovo prospetto viene chiamato Prospetto dei Flussi e riporta nelle due colonne VALORE i flussi interni ed esterni relativi al periodo di calcolo. 4. Ad ogni operazione della lista aggiornare il Prospetto dei Flussi registrando opportunamente il valore dei flussi alle voci interessate dall operazione. Di seguito riportiamo il Prospetto dei Flussi aggiornato alle operazioni del nostro esempio. Da notare che il Ricavo netto è opportunamente ripartito per le Fonti alle voci Ricavi accumulati da investimenti e Ricavi accumulati da retribuzione, per gli Impieghi tutto nella voce Contanti (la ripartizione del Ricavo netto nella colonna Impieghi e nella colonna Fonti non ha regole, è sufficiente usare il buon senso). 7

9 Il prospetto dei flussi è utile per analizzare la dinamica del nostro patrimonio nel tempo e serve in particolare alla determinazione del prospetto Fonti e Impieghi che si presenterà all inizio del periodo di calcolo successivo. Seguendo nel nostro esempio, il prospetto Fonti e Impieghi aggiornato per il periodo di calcolo successivo è il seguente: 8

10 Il Piano Finanziario Il piano finanziario è diviso in due sezioni: 1. il Piano di lungo termine che riporta i flussi finanziari e le relative operazioni che modificano sostanzialmente la struttura del patrimonio; qui viene considerato un arco temporale lungo (ad esempio un decennio o anche più) suddiviso poi in periodi più piccoli (un biennio o anche un anno). 2. Il Piano a breve termine che riporta i flussi finanziari e le relative operazioni che non modificano sostanzialmente la struttura del patrimonio, ma ne permettono la gestione; in genere il piano è biennale o annuale a secondo della suddivisione scelta per il piano a lungo termine, e quindi suddiviso ulteriormente in periodi più piccoli (in genere mensili). 9

11 Il Piano finanziario di lungo termine È caratterizzato da due prospetti: il Piano dei flussi e il Calendario Operazioni di seguito riportati. CP = Capitale Proprio DML = Debiti a medio/lungo termine DBT = Debiti a breve termine ILT = Impieghi a lungo termine IMT = Impieghi a medio termine IBT = Impieghi a breve termine MS = Margine di Struttura MT = Margine di Tesoreria Il Piano dei flussi e il Calendario operazioni vanno compilati contemporaneamente, ogni operazione finanziaria che viene iscritta nel calendario deve subito aggiornare il Piano dei flussi. Nel Piano dei flussi abbiamo suddiviso il quinquennio in 5 anni in modo da poter registrare i flussi finanziari annuali. Ciascuna riga fa riferimento ad una sezione del prospetto Fonti e Impieghi, tranne il Margine di Struttura e il Margine di Tesoreria che sono degli indici di valutazione. Le prime operazioni da inserire sono quelle non controllabili o parzialmente controllabili, in genere si è soliti cominciare con la stima del Ricavo Netto desumibile dal prospetto Economico su un periodo di calcolo annuo. Il Ricavo Netto è un flusso parzialmente controllabile, in particolare vi sono alcune voci fra i costi che non possono essere controllati perché necessari, il valore del flusso generato da queste voci può essere stimato con buona precisione (Affitto, Assicurazione, Manutenzioni vari), così anche alcuni ricavi (retribuzione, interessi su titoli free risk). Una possibilità è quella di stimare un Ricavo Netto non controllabile, e da questo poi agire sulle voci controllabili per determinare un Ricavo Netto massimo e minimo. Nel nostro esempio, se il prospetto Economico fa riferimento ad un periodo di calcolo pari ad un mese e il valore ottenuto del Ricavo Netto lo si considera una stima attendibile, in un anno avremo 1,5*12=18 (altresì immaginiamo che si stabilizzi a 20 a partire dal 3 anno). Immaginiamo di vendere l automobile il primo anno per 35 con pagamento in assegni, il secondo anno utilizziamo lo stesso assegno per pagare il mutuo per 35. In particolare dobbiamo tenere conto che: - le registrazioni dei flussi sul Piano dei Flussi vanno limitate alle voci riportate; - il segno del flusso è importante (positivo se la voce va in aumento, negativo se va in diminuzione); - le due righe con il segno = riportano rispettivamente la differenza algebrica dei due flussi posti alle righe superiori, i Margini sono invece calcolati sommando algebricamente il margine dell anno precedente con il flusso riportato nella casella adiacente in alto. 10

12 Le operazioni che hanno generato i flussi sono state riportate sul Calendario Operazioni. Ogni operazione aggiunta al Calendario operazioni deve subito modificare il Piano dei flussi, così da mantenerlo in ogni istante aggiornato, questo perché si possano subito evidenziare i due Margini che ci serviranno per l analisi finanziaria. È importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. L analisi va fatta dopo ogni operazione affinché ogni operazione successiva venga scelta accuratamente e quelle precedentemente inserite eventualmente modificate. È chiaro quindi che la pianificazione va fatta iterativamente, aggiungendo o modificando le operazioni (quelle controllabili in particolare), fin quando i Margini non raggiungono il valore desiderato. Il piano va anche aggiornato e aggiustato nel tempo, man mano che nuove stime e nuovi eventi e nuove informazioni si avvicendano. Analisi del Piano di lungo termine Il Margine di Struttura MS > 0 che vuol dire anche Capitale proprio > Impieghi a lungo termine Questa condizione garantisce la stabilità della struttura patrimoniale. Gli impieghi a lungo termine sono beni destinanti a perdurare per lungo tempo prima di essere sostituiti sia perché soddisfano bisogni importanti, sia perché la loro utilità ne risulta massimizzata. Ad esempio: - se vendiamo la casa di residenza dopo pochi anni dall acquisto, ciò comporta non poche spese per la famiglia (spese di trasloco, spese di vendita, spese di allestimento, spese impreviste), nonché una notevole perdita di tempo; - se vendiamo l automobile comprata nuova un anno prima, il valore di vendita risulterebbe molto più basso del valore effettivo, questo perché risulta declassata come auto usata; - se vendiamo dei titoli azionari acquistati qualche anno prima allo stesso prezzo, ci rimetteremo le spese per le commissioni di compravendita (peggio se il prezzo risultasse minore). Per evitare questi spiacevoli fastidi e dissesti patrimoniali, è importante che gli impieghi a lungo termine siano coperti per intero dal capitale proprio; se così non fosse allora vuol dire che una parte dei debiti a medio/lungo termine è destinata a finanziare gli impieghi a lungo termine, questa situazione non è infrequente, spesso richiediamo un mutuo per comprare la casa, ma tutti sappiamo che se i nostri Ricavi netti non sono sufficienti per pagare le rate del mutuo e i relativi interessi, allora iniziano i problemi. Questo ci dice che finanziare gli Impieghi a lungo termine con un debito a medio/lungo termine può essere rischioso ed è tanto più rischioso quanto più lungo e sostanzioso è il debito che acquisiamo e il relativo tasso di interessi. Qualora questa condizione non è verificata in partenza o si ha l intenzione di non rispettarla perché vogliamo fare necessariamente degli acquisti, allora è importante programmare un flusso finanziario che ci riporti alla condizione di stabilità. Nella finanza aziendale questa condizione di stabilità è misurata attraverso degli indici, fra questi il più importante è il Margine di struttura : [MS] = [CP] [ILT] MS = Margine di Struttura CP = Capitale proprio ILT = Impieghi a lungo termine Il consiglio è di mantenere questo indice sufficientemente alto; se è negativo non superare i 5 anni. 11

13 Il Margine di Tesoreria MT > 0 che vuol dire anche Impieghi a breve termine > Debiti a breve termine Questa condizione garantisce la liquidità necessaria per far fronte ai debiti a breve scadenza. Quando il margine di tesoreria è negativo, lo squilibrio finanziario viene subito percepito quando non si riesce ad onorare i debiti di breve scadenza, in particolare se il debito da rimborsare è di medio/lungo termine e scade a giorni, allora il ritardo di pagamento può causare forti perdite per interessi di mora e penalità varie. Per rendere l indice significativo nella valutazione della liquidità necessaria, è importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. Pertanto il consiglio è di mantenerlo sempre alto per cautelarsi da esborsi improvvisi o nel caso in cui sono previste operazioni finanziarie con esborsi elevati, è importante quindi stabilire quali periodi necessitano di maggiore liquidità. Nella finanza aziendale il Margine di Tesoreria misura la capacità dell azienda di far fronte ai debiti commerciali e in generale ai debiti di breve scadenza; se consideriamo la notevole mole di operazioni finanziarie di breve termine che un azienda commerciale può generare, ci si rende conto quanto importante sia questo indice. [MT] = [IBT] [DBT] MT = Margine di Tesoreria IBT = Impieghi a breve termine DBT = Debiti a breve termine Il Piano finanziario di breve termine È caratterizzato da due prospetti: il Piano dei flussi e il Calendario Operazioni di seguito riportati. CP = Capitale Proprio DML = Debiti a medio/lungo termine DBT = Debiti a breve termine ILT = Impieghi a lungo termine IMT = Impieghi a medio termine IBT = Impieghi a breve termine MT = Margine di Tesoreria Il Piano dei flussi e il Calendario operazioni vanno compilati contemporaneamente; ogni operazione finanziaria che viene iscritta nel calendario deve subito aggiornare il Piano dei flussi. Nel Piano dei flussi abbiamo considerato solo i primi 5 mesi dell anno per non appesantire la grafica. 12

14 Le prime due righe del Piano dei flussi fanno riferimento alle due sezioni del prospetto Fonti e Impieghi, la terza riga è il Margine di Tesoreria e ci servirà come indice di valutazione. Si consiglia di stimare le voci del prospetto Economico dal primo mese all ultimo mese dell anno (per bimestre se il Piano finanziario di breve termine è redatto per bimestre). Il metodo di calcolo dei Piano dei flussi a breve termine è analogo a quello a lungo termine. Ogni operazione aggiunta al Calendario deve subito modificare il Piano dei flussi, così da mantenerlo in ogni istante aggiornato, questo perché si possa subito evidenziare il margine di Tesoreria. È importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. L analisi va fatta dopo ogni operazione, affinché ogni operazione successiva venga scelta accuratamente e quelle precedentemente inserite eventualmente modificate. È chiaro quindi che la pianificazione va fatta aggiungendo o modificando le operazioni, fin quando i Margini non raggiungono il valore desiderato. Il piano va anche aggiornato e aggiustato nel tempo, man mano che nuove stime e nuovi eventi e nuove informazioni si avvicendano. Analisi del Piano di breve termine Il Margine di Tesoreria MT > 0 che vuol dire anche Capitale a breve termine > Impieghi a breve termine Questa condizione garantisce la liquidità necessaria per far fronte ai debiti a breve scadenza. Quando il margine di tesoreria è negativo, lo squilibrio finanziario viene subito percepito quando non si riesce ad onorare i debiti di breve scadenza, in particolare se il debito da rimborsare è di medio/lungo termine e scade a giorni, allora il ritardo di pagamento può causare forti perdite per interessi di mora e penalità varie. Per rendere l indice significativo nella valutazione della liquidità necessaria, è importante ricordarsi di inserire nel Piano finanziario quelle operazioni di trasferimento del debito di medio/lungo termine verso il debito di breve termine per l importo dei debiti prossimi alla scadenza, con ciò si riequilibra la struttura patrimoniale secondo il criterio della destinazione temporale. Pertanto il nostro consiglio è quello di mantenerlo sempre alto per cautelarsi da esborsi improvvisi o nel caso in cui sono previste operazioni finanziarie con esborsi elevati, è importante quindi stabilire quali periodi necessitano di maggiore liquidità. Nella finanza aziendale il Margine di Tesoreria misura la capacità dell azienda di far fronte ai debiti commerciali e in generale ai debiti di breve scadenza; se consideriamo la notevole mole di operazioni finanziarie di breve termine che un azienda commerciale può generare, ci si rende conto di quanto importante sia questo indice. [MT] = [IBT] [DBT] MT = Margine di Tesoreria IBT = Impieghi a breve termine DBT = Debiti a breve termine 13

15 L allocazione delle risorse Quando si parla di allocazione delle risorse, ci si riferisce al problema di ridistribuire la ricchezza disponibile fra gli Impieghi di lungo/medio/breve termine. Con la pianificazione finanziaria abbiamo evidenziato l importanza dei Margini di Struttura e di Tesoreria per la stabilità patrimoniale, abbiamo anche suggerito come dimensionare le sezioni del prospetto Fonti e Impieghi, ma non abbiamo parlato di come ridistribuire la ricchezza all interno delle sezioni. La scelta delle operazioni controllabili da inserire nel Piano finanziario, in realtà non modifica solo le dimensioni delle sezioni, ma anche le voci all interno delle sezioni stesse, quindi nella pianificazione occorre scegliere fra tutte le possibili operazioni disponibili quelle che consentono una buona distribuzione della ricchezza fra le voci di una stessa sezione. Non vogliamo qui imporre particolari metodi di scelta, anche perché le esigenze e le preferenze dei singoli è assai diversa, ci limitiamo semplicemente a fare un esempio per evidenziare un criterio che ci sembra comune a tutti. Se nel conto corrente bancario abbiamo una somma sovradimensionata per le normali esigenze di liquidità, sarebbe opportuno prenderne una parte e destinarla alla sezione di lungo e medio termine. La domanda che ci poniamo è: quale bene acquistare? Le scelte più comuni possono essere le seguenti: 1. Acquisto l automobile (o altro) perché mi serve. 2. Acquisto la moto perché l ho sempre desiderata. 3. Investo in beni reali per guadagnare soldi. 4. Investo in un portafoglio titoli per guadagnare soldi. In ogni caso, per una qualsiasi delle scelte elencate, il nostro consiglio è quello di tenere d occhio le spese di gestione, ossia quelle spese che servono per mantenere funzionale il bene che si vuole acquistare: per l automobile e la moto bisogna tener conto delle tasse e soprattasse, delle spese di manutenzione ecc.; ma anche il portafoglio titoli richiede delle spese di gestione, primo fra tutti il tempo per la ricerca delle informazioni; in altre parole, bisogna conoscere tutte le caratteristiche dell investimento, sia che si tratti di beni reali, sia che si tratti di un portafoglio titoli La pianificazione da sola non è sufficiente per dimensionare il portafoglio titoli, ma è sicuramente necessaria; di ogni investimento dobbiamo prima conoscere le sue caratteristiche e le spese di gestione per poter decidere e scegliere con piena consapevolezza dei vantaggi e degli svantaggi. 14

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL ESERCITAZIONE GUIDATA: LE RENDITE 1. Il montante di una rendita immediata posticipata Utilizzando Excel, calcoliamo il montante di una

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati.

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Esiste un metodo semplice per ottenere i Costi sotto

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 4

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 4 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi 4 Piani di ammortamento Esercizio 1. Un debito di 1000e viene rimborsato a tasso annuo i = 10%

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Materiali redatti da Stefano Favallesi e Pietro Ramirez INDICE FUNZIONALITA

Dettagli

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa. Le operazioni con le banche

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa. Le operazioni con le banche DISPENSA MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Dispensa Le operazioni con le banche ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Le operazioni con le banche

Dettagli

Lo schema di rilevazione. +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci

Lo schema di rilevazione. +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci Lo schema di rilevazione +/- fattori produttivi +/- prodotti/servizi +/- merci +/- costi acquisto +/- costi acquisto/utilizzo + costi d utilizzo + ricavi della produzione +/- ricavi di vendita/produzione

Dettagli

Schede di conto Appunti di contabilità mezzi liquidi e schede di conto. Luca Dossena - Docente

Schede di conto Appunti di contabilità mezzi liquidi e schede di conto. Luca Dossena - Docente Appunti di contabilità mezzi liquidi e schede di conto Luca Dossena - Docente Capitolo: Sommario Definizioni importanti... 3 Finanziamento... 3 Investimento... 3 Definanziamento... 4 Disinvestimento:...

Dettagli

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria

Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria !"#$%&'()* +,,-+,,./001%+,,./+,,.* 2 Note per la corretta compilazione dell analisi finanziaria Il piano economico e finanziario è uno studio previsionale che prende in considerazione le diverse azioni

Dettagli

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA 1 CONOSCERE PER DECIDERE I soggetti coinvolti nella vita dell azienda hanno il diritto e il dovere di conoscere le condizioni del suo svolgimento,

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Classificazione del passivo secondo parametri finanziari

Classificazione del passivo secondo parametri finanziari Classificazione del passivo secondo parametri finanziari Con riferimento ai sistemi aziendali da cui i flussi di ricchezza traggono origine, distinguiamo le FONTI in: Fonti endogene Fonti esogene Nelle

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento L ANALISI DI BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Il concetto di Dare/Avere

Il concetto di Dare/Avere NISABA SOLUTION Il concetto di Dare/Avere Comprendere i fondamenti delle registrazioni in Partita Doppia Sara Mazza Edizione 2012 Sommario Introduzione... 3 Il Bilancio d Esercizio... 4 Stato Patrimoniale...

Dettagli

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa I RATEI ED I RISCONTI

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa I RATEI ED I RISCONTI DISPENSA MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Dispensa I RATEI ED I RISCONTI ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE I Ratei ed i Risconti...3

Dettagli

Capitolo 4 L analisi per flussi

Capitolo 4 L analisi per flussi Capitolo 4 L analisi per flussi Sommario 1. Flussi e fondi di valori. - 2. Rapporto tra flussi e fondi. Esemplificazioni. - 3. La classificazione dei flussi e dei fondi. - 4. I flussi e i fondi nella contabilità

Dettagli

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ]

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Il programma che ti aiuta a pianificare i flussi finanziari in modo semplice, veloce ed intuitivo. La flessibilità di MS Excel senza il

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni CAPITOLO 2 Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni Semplici PROBLEMI 1. a. Negativo; b. VA = C 1 /(1 + r); c. VAN = C 0 + [C 1 /(1 + r)]; d. r è la remunerazione a cui si

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

Le basi della Partita Doppia in 1.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis.

Le basi della Partita Doppia in 1.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. Le basi della Partita Doppia in 1.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. Qual è la differenza tra Dare e Avere? E tra Stato Patrimoniale e Conto Economico? In 1.000 parole riuscirete a comprendere

Dettagli

LA REALTA SEMPLIFICATA NEL MODELLO

LA REALTA SEMPLIFICATA NEL MODELLO Il meccanismo del prestito è basato sul concetto dei punti di risparmio, punti che vengono accumulati nei periodi di risparmio e consumati nei periodi in cui si accede al prestito. L'idea di base che rende

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

CAPITOLO QUARTO L ANALISI PER FLUSSI

CAPITOLO QUARTO L ANALISI PER FLUSSI CAPITOLO QUARTO L ANALISI PER FLUSSI Sommario: 1. Flussi e fondi di valori. - 2. Rapporto tra flussi e fondi. Esemplificazioni. - 3. La classificazione dei flussi e dei fondi. - 4. I flussi e i fondi nella

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti Il BUDGET di CASSA (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA comprendente il complesso di analisi e valutazioni con le quali il management si prefigge di verificare scelte

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Sistema Energia Famiglie New BIOEDILIZIA tasso variabile

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Sistema Energia Famiglie New BIOEDILIZIA tasso variabile 1. Identità e contatti della Banca Finanziatore Indirizzo BCC DI ROMA VIA SARDEGNA, 129 00187 - ROMA (RM) Telefono 06/5286 1 Email info@roma.bcc.it Fax 06/52863305 Sito web www.bccroma.it 2. Caratteristiche

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

La Finanza PROTEGGITI DAL CONFLITTO D INTERESSE INDIPENDENTE N. 16 ANNO IV

La Finanza PROTEGGITI DAL CONFLITTO D INTERESSE INDIPENDENTE N. 16 ANNO IV INSERTO Speciale Risparmiatori La Finanza INDIPENDENTE N. 16 ANNO IV PROTEGGITI DAL CONFLITTO D INTERESSE Che cos è il conflitto di interesse Se ne sente parlare ogni giorno ma quali rischi comporta per

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

Investitore Immobiliare GLOSSARIO

Investitore Immobiliare GLOSSARIO InvestitoreInves Immobiliare InvImm App per iphone, Ipad, Mac Investitore Immobiliare http://bit.ly/invimm Tratta gli immobili da Professionista! GLOSSARIO ACCONTO: E' il capitale proprio iniziale da sborsare

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

A T U T T I I S O C I

A T U T T I I S O C I Siena, 18 Agosto 2006 Circolare n.1032 A T U T T I I S O C I Oggetto: Sovvenzioni ai Soci Informiamo i nostri Soci che il Consiglio di Amministrazione di questa Cassa Mutua ha deciso di articolare le sovvenzioni

Dettagli

Cassa pensione e proprietà abitativa/

Cassa pensione e proprietà abitativa/ Promozione della proprietà abitativa (PPA) Cassa pensione e proprietà abitativa/ Prelievo anticipato e costituzione in pegno di fondi del 2 pilastro Sommario Reperimento di capitale per l acquisto di un

Dettagli

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 Sintesi della ricerca L Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 è un progetto del Centro Einaudi e di

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

02/12/2012 LABORATORIO DI INFORMATICA

02/12/2012 LABORATORIO DI INFORMATICA LABORATORIO DI INFORMATICA ESERCITAZIONE: Tabelle Pivot Diagramma di Gantt Bilancio di Esercizio Corso di Laurea Magistrale in finanza delle aziende e dei mercati Facoltà di Scienze Politiche A.A.2012/2013

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Interessante potenziale di rendimento Poiché il vostro investimento viene allocato in fondi di prim ordine, potete inoltre

Interessante potenziale di rendimento Poiché il vostro investimento viene allocato in fondi di prim ordine, potete inoltre TwinStar Income Plus / TwinStar Income Piano di pagamento flessibile con garanzia/ Con TwinStar Income Plus e TwinStar Income, AXA vi offre una soluzione previdenziale sicura con un allettante potenziale

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING

IL PROCESSO DI BUDGETING IL PROCESSO DI BUDGETING DAI BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI AL MASTER BUDGET BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI OGGETTO Tutte le aree funzionali non direttamente coinvolte nel ciclo operativo: amministrazione,

Dettagli

professoressa: SPALLINI

professoressa: SPALLINI ECONOMIA E COMMERCIO corso: E-N A cura di: Anna Rita GIANDOMENICO professoressa: SPALLINI BILANCIO DI ESERCIZIO: documento imposto all azienda per la rendicontazione di tipo fiscale, richiesto anche dalla

Dettagli

In banca! Parte I: preparazione. Fotocopia e distribuisci il foglio dei vocabolario da fare insieme agli studenti: Parte II Role-play

In banca! Parte I: preparazione. Fotocopia e distribuisci il foglio dei vocabolario da fare insieme agli studenti: Parte II Role-play In banca! Parte I: preparazione Fotocopia e distribuisci il foglio dei vocabolario da fare insieme agli studenti: Parte II Role-play Dividi la classe in 2 gruppi: bancari e clienti. Dai a ogni cliente

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S L AMMORTAMENTO Gli ammortamenti sono un altra apllicazione delle rendite. Il prestito è un operazione finanziaria caratterizzata da un flusso di cassa positivo (mi prendo i soldi in prestito) seguito da

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

EASY BUSINESS PLAN. Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel

EASY BUSINESS PLAN. Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel EASY BUSINESS PLAN Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel Il foglio di calcolo utilizzato per lo sviluppo del Business Plan oggetto della seguente guida, denominato EASY BUSINESS

Dettagli

Indici di bilancio. a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro?

Indici di bilancio. a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro? Analisi per indici Indici di bilancio a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro? 2 a. Cosa sono Relazioni fra grandezze

Dettagli