ELIO GERMANO (CLAUDIO), RAOUL BOVA (PIERO), ISABELLA RAGONESE (ELENA), MARIUS IGNAT (ANDREI), AWA LY (CELESTE), EMILIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELIO GERMANO (CLAUDIO), RAOUL BOVA (PIERO), ISABELLA RAGONESE (ELENA), MARIUS IGNAT (ANDREI), AWA LY (CELESTE), EMILIANO"

Transcript

1

2 scheda tecnica durata: nazionalità: 95 MINUTI ITALIA anno: 2010 regia: sceneggiatura: fotografia: scenografia: costumi: montaggio: musica: produzione: distribuzione: DANIELE LUCHETTI DANIELE LUCHETTI, SANDRO PETRAGLIA, STEFANO RULLI CLAUDIO COLLEPICCOLO GIANCARLO BASILI MARIA RITA BARBERA MIRCO GARRONE FRANCO PIERSANTI MARCO CHIMENZ, FABIO CONVERSI, GIOVANNI STABILINI, RICCARDO TOZZI 01 DISTRIBUTION attori: ELIO GERMANO (CLAUDIO), RAOUL BOVA (PIERO), ISABELLA RAGONESE (ELENA), LUCA ZINGARETTI (ARI), STEFANIA MONTORSI (LILIANA), GIORGIO COLANGELI (PORCARI), ALINA MADALINA BERZUNTEANU (GABRIELA), MARIUS IGNAT (ANDREI), AWA LY (CELESTE), EMILIANO CAMPAGNOLA (VITTORIO) la parola ai protagonisti Luciana Morelli intervista Daniele Luchetti Signor Luchetti, il tema dell'integrazione nell'ultimo anno è stato forse quello più toccato dal cinema italiano e anche nel suo film è uno degli aspetti più interessanti, sia per il realismo usato nel raccontarlo che per l'interessante chiave sentimentale e non moralistico-politicante... Spesso il proletariato è stato raccontato dal nostro cinema in modo quasi sprezzante, sempre guardato dall'alto in basso per prenderne le distanze o caricaturale per sottolinearne le situazioni più buffe, anche negli anni '60 i proletari erano gli ignoranti che si arrabattavano, le persone di cattivo gusto. In alternativa si è spesso strumentalizzato come dimostrazione politica di un qualcosa, i proletari sono stati spesso quelli che se avessero studiato di più sarebbero diventati qualcuno, usati a mo' di lamentela e commiserazione. Io ho cercato di trattare tutti allo stesso modo, sia i personaggi italiani che stranieri, spesso mi sono immedesimato in uno di loro per costruire al meglio la sceneggiatura.

3 Quindi la realtà è stato il suo asso nella manica? Credo che lo sguardo originale del film stia proprio in questo, nel raccontarli al loro livello, senza sconti nè celebrazioni e soprattutto senza dover per forza dimostrare che la realtà è molto diversa dai fatti di cronaca che riportano i giornali. Tutto quello che vedete nel film è tratto dalla realtà che ho visto e sentito con i miei occhi, tutti sono ispirati a persone vere che ho conosciuto. In questo contesto torna però anche il tema della paternità, molte volte apparso nei suoi film e nel cinema nostrano, un argomento che ne La nostra vita trova la sua massima celebrazione... E' un tema fondamentale, il protagonista ha trent'anni, è già padre di tre figli maschi e il film è tutto incentrato sulla mancanza della figura femminile, figura di raccordo tra padre e figli, mediatrice e donatrice di sentimenti. Quando viene a mancare lei il papà sembra non sapere più cosa fare, i bambini diventano per lui come pacchi postali, non c'è più dialogo. Il pregio di questa storia è quello di evitare ogni clichè, non vedete mai i bambini fare gli adulti al contrario di quel che spesso accade. L'essere padre l'ha ispirata nel modo di raccontare questo legame? L'essere padre mi ha aiutato ad analizzare meglio il modo in cui trattiamo i nostri figli, spesso li facciamo sentire di peso e non ci accorgiamo neanche minimamente di quello che provano. Essere padre mi ha aiutato molto anche a capire come girare certe scene con dolore e maggior pudore come quella del funerale, in quella sequenza ho cercato di immaginare la disperazione su di me e ho deciso di non mostrare i volti dei bambini che hanno perso la loro mamma, volevo usare più delicatezza possibile. Inutile nascondersi, quella in cui mi sono cacciato è una materia che è facile banalizzare, basta un niente. Cosa ci dice di questa nuova esperienza al fianco di Elio Germano, come lo ha scelto per il ruolo di protagonista? E' stata una scelta nata praticamente insieme al copione, ho pensato subito che potesse spingere ancora di più dal punto di vista emotivo rispetto a Mio fratello è figlio unico. Sapevo che con lui mi potevo avventurare in soluzioni dolorose senza cadere nel ricattatorio, avevo bisogno che tutto fosse autentico e quando lui soffre sembra che soffra veramente. E poi ha una ferocia comica unica, lavoriamo bene insieme e quando entra in un personaggio lo fa suo improvvisando in continuazione senza mai sbagliare di una virgola, può cambiare interamente una battuta rispetto al copione senza che il senso cambi di un millimetro. Quanti ciak sono stati fatti sulla scena del funerale in cui nel mezzo della cerimonia funebre grida al mondo la sua disperazione cantando alla moglie Anima fragile di Vasco Rossi?

4 Sono stati fatti non più di due o tre ciak su di lui e quella che vedete nel film è frutto del secondo. Per quella scena si è preparato a lungo, si è autosuggestionato a lungo, nel copione non l'avevo prevista così forte, ricordo di avergli detto "vai, e spingi più che puoi". Gli è venuta così e ho scelto di non staccargli la macchina di dosso e di indugiare l'inquadratura su di lui senza spaziare intorno andando sulla gente. D'altronde è la scena più forte del film, la spinta emotiva che ti dà te la porti fino alla fine. La canzone di Vasco Rossi che Claudio canta insieme alla moglie all'inizio del film e poi in chiesa al funerale è stata scelta subito oppure è stata frutto di una selezione? Come le è venuta l'idea di un funerale cantato? Una volta ho assistito al funerale struggente di una ragazza tossicodipendente ad Ostia, il cui desiderio era quello di far risuonare in chiesa le note di Like a Virgin di Madonna. Fu una scena straziante che mai dimenticherò. Avevamo selezionato molti titoli di canzoni popolari e di forte impatto emotivo, ma Anima Fragile ha vinto perché è delicata ed era quella che stava meglio sulle immagini. L'ho scelta due settimane prima della fine delle riprese. Come le è venuto in mente di scegliere Zingaretti e Bova per due ruoli per loro così insoliti? Nel film sono l'opposto di quello che sono normalmente, in una storia in cui il protagonista funziona il contorno può anche insolito. Volevo metterli alla prova con due personaggi nuovi, che potessero tirar loro fuori qualcosa che appartiene loro ma che di solito non viene in superficie. Sono tutti attori a cui voglio molto bene, la Montorsi è la mia ex-moglie, c'è mio figlio in un piccolo ruolo e poi il ragazzo rumeno che non è un attore ma l'ho preso dalla strada. Sul copione il suo personaggio era completamente diverso ma alla fine si è trasformato un po' nell'analista personale del protagonista, teoricamente avrebbe dovuto essere il più sprovveduto ma alla fine è l'unico che dice la verità e che mette tutti di fronte all'ineluttabilità delle cose. Il suo è un film che colpisce dritto allo stomaco, che scatena rabbia ed emozioni forti, impossibile per lo spettatore non riconoscersi e non identificarsi nel protagonista ma ad un certo punto è il ragazzo rumeno che fa la riflessione più graffiante di tutto il film dicendo "se io capissi cosa ho da dirti non troverei le parole e se le trovassi tu comunque non mi capiresti". Si sente di condividere l'idea che il suo è soprattutto un film sull'incomunicabilità e sull'impoverimento linguistico, culturale e sentimentale del nostro Paese? Il flusso nascosto di questo film è proprio questo: questa storia è popolata di persone che non parlano mai di niente. Alla domanda "come stai?" nessuno sa come rispondere, tutti sono intrappolati nell'avere e pensano a cosa si può comprare. Può sembrare banale parlare in termini di 'società di oggi' ma lo devo fare, avevo 33 anni quando persi mio padre e mi resi conto di essere del tutto impreparato a quell'evento. Nessuno oggi ci fa più i conti con la morte, ma neanche con le separazioni, con le nascite, con i traslochi, con i cambiamenti. Di fronte anche al più banale degli imprevisti spesso ci troviamo inermi, quello che ci interessa è vivere bene

5 finché dura senza pensare che all'improvviso qualcosa può turbare il nostro equilibrio temporaneo. La verità è che non sappiamo neanche più raccontare le nostre mozioni né a vivere appieno la nostra vita. Quello che lei dice è lampante nel momento in cui il protagonista trovandosi in difficoltà chiede i soldi per portare a termine il suo progetto all'unica persona cui non li dovrebbe chiedere, ad uno che gioca scorretto perché forse dentro di sé sa già che si comporterà anche lui in modo scorretto per arrivare al suo scopo... Come dicevo prima anche il proletariato è cambiato negli anni, Claudio non chiede aiuto alla sua famiglia in prima battuta ma usa la famosa scorciatoia, quella che anche tutti noi almeno una volta abbiamo battuto, in Italia è la prassi. Chi di noi non ha mai pagato in nero operai per riverniciare la casa pur di risparmiare qualcosa? Non mi interessava sottolineare le piccole grandi 'scorciatoie' ma la naturalezza con cui il nostro paese fa queste scelte senza battere ciglio. Il suo film è girato nelle periferie di Roma, ci racconta cos'ha visto girando in questi quartieri e perché la scelta di girare sempre di giorno? Quando decisi di girare questo film andai a vedere di persona dove finisce la città e sono finito in quei quartieri che sembrano tutti uguali, che hanno quella strana luce e quella strana realtà, sono dei non-luoghi completamente avulsi dalla metropoli. Ho semplicemente guardato, sentito e preso quel che il sole ci regalava. Claudio Collepiccolo, il direttore della fotografia, ha cercato di cambiare il meno possibile la luce naturale che avevamo catturato, volevamo evitare qualsiasi tipo di forzatura. Lo vedo come un film solare nonostante il lutto di solito ce lo si immagina cupo, spento, buio. C'è vita in questa storia, c'è luce, è stata una scelta istintiva quella di girare sempre di giorno, non calcolata. La paternità, la famiglia, il lutto ma anche il lavoro nero e il precariato. Come ha unito tutti questi temi per arrivare a questa analisi sociologica così amara? Tutte queste cose hanno sempre viaggiato di pari passo, il meccanismo lavorativo in cui si infila il protagonista è stata una delle scelta primarie che ho fatto all'inizio. Ho molti amici che lavorano nei cantieri edili, sia tra i responsabili che tra i manovali, mi sono procurato informazioni di prima mano, ho raccolto appunti sul campo, un'operazione interessante e divertente durante la quale ho imparato molte cose che non sapevo come l'esistenza di squadre di emergenza che intervengono ad un certo punto, quando si è troppo in ritardo con i tempi. Sono composte da italiani che si mantengono con un altro lavoro e che non hanno bisogno di pagamenti immediati, al contrario degli extracomunitari che ci devono mangiare con quei soldi. Una manodopera che accetta di essere pagata dopo e che sfrutta lo sfruttabile rigorosamente in nero. Hanno tempo ma costano il triplo.

6 Il personaggio di Elio Germano ad un certo punto dice "ma tu guarda questi stranieri, noi andiamo all'estero per fare soldi e loro vengono qui", è forse questo il suo modo di giustificare le sue scelte discutibili? Dice anche "sto a diventà io lo straniero vostro", come se per lui straniero fosse sinonimo di schiavo. Trovo brillantissima questa sua battuta, ricca di significato, in questi dialoghi traspare un razzismo che definirei 'di convenienza', come quello che il protagonista prova nei confronti delle donne, la sua dopo tutto è una famiglia in cui le donne cucinano e fanno figli. Lei racconta un pezzo di vita di queste persone, come ha lavorato in fase di montaggio per restituire allo spettatore il ritmo naturale della vita dei protagonisti? Mi sono affidato a Mirko Garrone, posso girare in questo modo solo perché so che poi sarà lui a montare. Tiro sempre fuori un materiale disordinato e incasinato ma so che il suo occhio aggiusterà tutto come si deve, il talento di un regista si riconosce anche dalla capacità di circondarsi dei talenti giusti. Il girato somigliava a un documentario pur non essendo un documentario, è grazie al suo intuito che siamo riusciti a fare questo film che lui stesso ha definito "un film che non ammette tradimenti nei confronti dello spettatore". Con la comicità non puoi in alcun modo alleggerirlo un film del genere, c'erano molte più situazioni divertenti ma abbiamo scelto di lasciare solo le battute che sgorgavano dai personaggi. Tutto doveva sembrare vita, sempre. Per fare questo avevo bisogno di un occhio esterno, del distacco del montatore, uno che non sta sul set e che è sempre pronto a sorprendersi. Posso dire che alla fine il film somiglia abbastanza al copione che avevo scritto, lui è il primo spettatore del film e quando mi dice "qui togliamo!" io cerco di stringere i denti e di fidarmi di lui. Nel film più volte gli italiani sono accusati di pensare solo ai soldi e al mostrarsi, una verità dura ma importante con cui tutti dobbiamo fare in conti, un qualcosa che trascende il proletariato... Non è un caso che siano gli stranieri a mettere in risalto questa cosa, la caduta del muro di Berlino ha accompagnato quella delle ideologie e ha unificato tutta l'europa in materia di denaro. Quando c'è quello tutto il resto perde di significato, la nostra qualità della vita è di fatto è superiore come beni al passato ma si è notevolmente abbassata a livello umano. Quando due donne, una africana e una rumena, arrivano a dire "voi italiani pensate sempre ai soldi, ma dov'è finito l'amore?", significa che veramente qualcosa non va. Veniamo all'attualità, in questo momento il cinema italiano è in guerra con la politica e con il governo, Bondi ha appena dichiarato che non sarà a Cannes come protesta contro Draquila, il documentario della Guzzanti, cosa si sente di dire in proposito?

7 Bondi contro Draquila mi suona come un titolo alla Tarantino, un titolo da B-movie. L'immagine che il cinema italiano da all'estero è quella di un gruppo di artisti liberi, non c'è niente di più sacro di un artista che non ha paura di essere ostacolato dal potere e si ribella spogliandosi del ruolo di quello che sputa nel piatto in cui mangia. Un ministro del nostro governo che si vergogna di un film libero e di rappresentare un artista libero sinceramente si definisce da solo... Il suo film sarà in concorso a Cannes, un concorso di livello altissimo. Con quanta emozione affronterà i riflettori e gli occhi di tutto il mondo del cinema? Quando presenti un film a Cannes, che io considero l'ombelico del mondo che ama di più il cinema, non c'è mai niente di scontato, non ci si fa mai l'abitudine a questo battage. Andrò in un Paese che fa 300 film all'anno mentre noi ne facciamo 50 o 60 al massimo. Noi italiani siamo bravi a festeggiare le politiche culturali degli altri. Cannes è un festival molto serio in cui c'è grande attenzione del pubblico e della critica per ogni singolo film, anche per il più piccolo, non a caso si svolge nella capitale del paese del cinema per eccellenza che è la Francia. Daniele Luchetti Figlio di un ottimo scrittore e nipote di un noto pittore, Daniele Luchetti è nato a Roma il 27 luglio 1960 e ha studiato Lettere e Storia dell'arte, frequentando la scuola di cinema Gaumont, dove ha partecipato alla realizzazione del film collettivo Juke Box nel 1985, con Barbara De Rossi, Philippe Leroy, Franco Interlenghi e Didi Perego. Molto amico di Nanni Moretti, è stato prima suo attore in Bianca (1983) e poi è diventato il suo aiuto regista in La messa è finita (1985), passando alla regia di spot pubblicitari (Suzuki, Fiat e Galbani) ed esordendo come sceneggiatore e regista in Domani accadrà (1988), dove dirigerà una delle sue attrici feticcio: Margherita Buy. La pellicola che tratta le disavventure di due furfanti nell'italia mazziniana, gli permette di vincere il David di Donatello come miglior regista esordiente. Un buon inizio per questa stella del cinema italiano. Seguiranno, sempre con la Buy, La settimana della sfinge (1990), dove il regista strizza l'occhio al suo autore francese preferito (Truffaut) e Arriva la bufera (1993). Tornerà attore, sempre per Nanni Moretti, in Palombella rossa (1989), mentre due anni più tardi firmerà il suo più grande successo: Il portaborse. Pellicola che raccoglie sul set Silvio Orlando, l'amico Nanni, Angela Finocchiaro, Giulio Brogi, Ivano Marescotti, Renato Carpentieri e Giulio Base, e che narra le corruzioni politiche dell'italia fine anni Ottanta. La pellicola viene accolta bene in Italia (dove Luchetti vince il David per la migliore sceneggiatura) e viene addirittura osannata in Francia. Sarà poi la volta del buon risultato de La scuola (1995) e, dopo una piccola parentesi come attore in Il cielo è sempre più blu (1995) di Antonio Luigi Grimaldi, eccolo dirigere Stefano Accorsi ne I piccoli maestri (1998). Collaborerà con altri autori nel film collettivo Un altro mondo è possibile (2001), seguito dalla commedia leggera e dalla sceneggiatura brillantissima Dillo con

8 parole mie (2003) che però, disgraziatamente, è passato quasi inosservato. Si rifarà con Mio fratello è figlio unico (2007) con Elio Germano e Riccardo Scamarcio, ispirato al romanzo di Antonio Pennacchi "Il fasciocomunista", ma non è da dimenticare 12 pomeriggi (1999), memorabile cortometraggio sull'arte accompagnato da delle splendide musiche. Nel 2008 fa parte del progetto All Human Rights for All con il corto Articolo 15 - La lettera, realizzato in occasione del 60 anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani. Torna dietro la macchina da presa nel 2010 con La nostra vita, unico italiano in concorso a Cannes, di nuovo scegliendo come protagonista Elio Germano, stavolta nei panni di Un italiano come tanti, che fa cose disoneste, imbroglia e sfrutta gli altri. Filmografia (1983) Juke-box (ep. Nei dintorni di mezzanotte ) (1983) Bianca (attore) (1985) La messa è finita (aiuto-regista) (1988) Domani accadrà (1989) Palombella rossa (attore) (1990) La settimana della sfinge (1991) Il portaborse (1992) Arriva la bufera (1995) La scuola (1995) Il cielo è sempre più blu (attore) (1998) I piccoli maestri (1999) 12 pomeriggi (cortometraggio) (2001) Un altro mondo è possibile (film collettivo) (2003) Dillo con parole mie (2005) Il dono di Gabriel (2007) Mio fratello è figlio unico (2008) Articolo 15 - La Lettera (cortometraggio) (2010) La nostra vita Elio Germano Nato il 25 settembre 1980 nel quartiere romano di Monteverde Nuovo ma originario di Duronia (Campobasso), la stella è l'unicogenito di un architetto e di un'impiegata di banca. Sin da bambino fa emergere il suo amore per la recitazione, prendendo parte agli spettacolini estivi allestiti dai villaggi turistici, dove era solito soggiornare con la famiglia. In seguito, assieme agli amici, nel paese natale dei genitori (Duronia), il piccolo Elio si sbizzarrisce nelle assurde scenette imparate in vacanza. Non ancora tredicenne debutta nelle pestifere vesti di Andrea, intonando "Ci Hai Rotto Papà!", in sella alla sua Mountain Bike. Entra in alcune compagnie no profit come il Colosseo, il Furio Camillo e il Teatro dei Cocci. Durante il liceo scientifico, inoltre, frequenta un corso presso il Teatro Azione diretto da Isabella Del Bianco e Cristiano Censi. Il palcoscenico consente a Germano di sviluppare le notevoli abilità di immedesimazione; per la carica umana che è in grado di infondere nelle rappresentazioni, l'artista trascende ogni altro attore in ascesa, grazie alla radicale passione nonché a quella intensità emozionale che innesta nelle sue performance. Rifiutato dalla scuola per fumettisti, il ragazzo si inscrive, per un breve lasso di

9 tempo, alla facoltà di Lettere e Filosofia. Nel 1999, è un adolescenziale Ricky Tognazzi ne Il cielo in una stanza di Carlo Vanzina. Ha inizio, cosi, un frenetico percorso che si divide tra cinema, tv, palcoscenico e letteratura: Elio adora stilare racconti e, in quel periodo, riesce a pubblicarne tre, uno dei quali "Scrittura Fresca" - vince il concorso regionale promosso dal Comune di Roma. Successivamente, è un pischello poco raccomandabile che si fa chiamare "Er Pasticca" in Un medico in famiglia 2 e colleziona figurine del Fantacalcio nella serie tv Via Zanardi 33. Tra il 2001/04 indossa i panni del figlio di Abatantuono in Concorrenza sleale di Ettore Scola, si immerge nelle terre siciliane in Respiro, guadagnandosi una nomination al David di Donatello e ai Nastri d'argento, grazie al liceale coatto in Che ne sarà di noi. Colpiti da quel trasformismo e dalla predisposizione ad imitare i dialetti, i registi fanno a gara per contenderselo. È davanti alla cinepresa di Gabriele Salvatores nel noir Quo vadis, baby? e a quella di Michele Placido nel pluripremiato Romanzo criminale. Nel 2006, incarna lo scrivano che sogna segretamente di uccidere il Napoleone di Paolo Virzì. Dodici mesi più tardi, la sfacciata interpretazione del fratellino fascista di Scamarcio in Mio fratello è figlio unico gli frutta un David come Migliore Attore Protagonista. Gira, poi, pesanti scene di nudo integrale nell'ostico Nessuna qualità agli eroi. Il 2008 lo vede cimentarsi nel conduttore radiofonico Marco Baldini, in Il mattino ha l'oro in bocca. Venditore dinamico in Tutta la vita davanti, eccolo tra gli Italians, trapiantati all'estero, di Giovanni Veronesi. Brillante allievo di giurisprudenza in Il passato è una terra straniera, Germano è un delinquente soprannominato "Quattro Formaggi" in Come Dio comanda. Riesce ad entrare nel cast stellare del musical Nine (2009) di Rob Marshall, riadattamento del felliniano 8 e ½. ½ È poi il protagonista dell'unico film italiano presente in concorso a Cannes 2010, La nostra vita di Daniele Luchetti. Filmografia (1993) Ci hai rotto papà (1999) Il cielo in una stanza (2000) Padre Pio (2000) Un medico in famiglia 2 (serie tv) (2001) Via Zanardi 33 (2001) Concorrenza sleale (2002) Respiro (2003) Liberi (2003) Ora o mai più (2003) Enzo Ferrari (film tv) (2004) Paolo Borsellino (film tv) (2004) Che ne sarà di noi (2005) Chiamami Salomè (2005) Padiglione 22 (2005) Melissa P. (2005) Quo vadis, Baby? (2005) Romanzo criminale (2005) Ti piace Hitchcock? (2006) N Io e Napoleone (2006) Sangue (2007) Mio fratello è figlio unico (2007) Nessuna qualità agli eroi (2007) Il mattino ha l oro in bocca (2008) Tutta la vita davanti (2008) Come Dio Comanda (2008) Il passato è una terra straniera (2009) Nine (2010) La nostra vita

10 Recensioni Gian Luigi Rondi - Il Tempo Ancora famiglie per Daniele Luchetti. Secondo una voga, del resto, ormai abbastanza diffusa nel cinema italiano. Questa Volta, però, a differenza di «Mio fratello è figlio unico» che si riferiva al passato, o comunque agli anni roventi del dopo 68, con uno sguardo decisamente rivolto al presente, anzi all attualità di questi nostri armi così contraddittori e turbati. Eppure si comincia con un idillio; Claudio ed Elena, giovani sposi con due figli piccoli, che si amano teneramente. Con un solo problema, la scarsità di denaro perché lui lavora in una impresa edile dove, nonostante un gestore corrotto, non cede un solo momento alle lusinghe di comportamenti disonesti e redditizi. Ma ecco che tutto si rovescia. La moglie muore di parto lasciandogli tra le braccia un terzo bambino e Claudio, per rifarsi e vincere il suo lutto, decide di far molti soldi ricorrendo addirittura a un ricatto per costringere il gestore dell impresa a concedergli in subappalto certi lavori nei cantiere. Contrae molti, debiti, sfrutta cinicamente con compensi in nero degli indifesi operai quasi tutti extracomunitari, ma, pur agli inizi vincendo, tira troppo la corda e rischierebbe il tracollo se non intervenissero parenti ed amici a metterlo in condizione di riprendersi. Sempre, però, passando sopra a qualsiasi principio di onestà. Lo lasciamo così, senza che intenzionalmente ci si dica se, mentre torna a godersi l affetto dei figli, una presa di coscienza possa metterlo in futuro su strade più giuste. Luchetti il testo se l è scritto con Rulli e Petraglia e, pur dando spazi, con tutta l attenzione possibile, a quel radicale mutamento di intenzioni e di gesti del protagonista, gli ha costruito attorno, con accenti colorati e felici, una galleria di personaggi solo in apparenza secondari, ma capace ciascuno di dare il suo contributo al procedere dell azione. Con pagine in cui poi la regia, quasi sempre guidata dalla macchina a mano, ha mostrato di saper alternare i ritmi più affannati e spesso anche angoscianti a pause di intensa emozione. Come la scena muta e distante in cui Claudio apprende la morte della moglie o quella, concisa ma intensa, che lo induce a svelare a un giovane sempre pronto a fidarsi di lui il suo colpevole silenzio su un incidente nel cantiere che aveva provocato la morte di suo padre. Qualche scompenso narrativo e una certa insistenza in situazioni solo marginali sono comunque riscattati da una interpretazione sempre salda e felice a cominciare da quella di Elio Germano, un protagonista di una gestualità e di una mimica mobilissime e prodighe di espressioni anche forti. Fra gli altri, Isabella Ragonese, la moglie, Raoul Bova, un fratello, Giorgio Colangeli, il gestore, Luca Zingaretti, Stefania Montorsi.. Tuffi guidati con meditata sapienza. Michele Anselmi - Il Riformista Oggi in concorso a Cannes, unico film italiano in campo per la Palma d oro, e domani nelle sale. E La nostra vita di Daniele Luchetti, titolo altamente simbolico, che spiega molto se non tutto. Pur avendo inviato in extremis gli auguri, suoi personali e a nome del popolo italiano (sempre esagerato), il ministro Bondi difficilmente apprezzerà il film, peraltro valutato «di interesse culturale nazionale». Possibile, infatti, che trovi discutibile anche il punto di vista di Luchetti su quest Italia vorace e disonesta, tutta scorciatoie, piccoli e grandi strappi alla legalità. Del resto, nel suo memorabile scritto critico sul Giornale, il ministro non ha forse

11 sancito che il nostro cinema, tutto, è «pieno di pessimismo e di mestizia, incapace di raccontare grandi storie e grandi uomini, sempre alle prese con l infelicità e le recriminazioni di un Italia che viene rappresentata solo con il luogo della volgarità e della bruttura e del latrocinio»? Gli ha dato man forte il sottosegretario cinefilo Francesco Giro, per il quale - testuale - «nel cinema italiano si fanno solo film intimisti, fragili, stupidi e recitati male». In compenso, nel comunicato di ieri, Bondi auspica, promettendo la solita riforma a favore dei giovani e degli esordienti, «che il cinema sia libero da ogni condizionamento della politica e dello Stato». Con questo bel viatico, La nostra vita debutta sulla Croisette dopo l applaudita anteprima stampa di ieri sera. E sarebbe bello che il pubblico italiano rispondesse all appello di Luchetti: perché il film, prodotto da Cattleya insieme a Raicinema, è intenso, toccante, magari un po urlato, ma di sicuro non convenzionale o prevedibile. Spiega il regista: «Diciamo la verità, chi di noi non ha riverniciato o sistemato casa rigorosamente in nero, evitando fatture per risparmiare quattrini? Il protagonista del mio film lo fa perché l intero Paese lo fa». Appunto, la nostra vita, benché osservata da un punto di vista particolare: quella di un operaio edile trentenne, cioè Elio Germano, che vive nella periferia romana verso Tivoli, in uno di quei quartieri satellite, tutt altro che degradati, di sicuro lontani da una certa iconografia pasoliniana stile Accattone. Claudio, una passionaccia per il Vasco Rossi di Anima fragile eletto a filosofia di vita, aspetta il terzo figlio dalla moglie Isabelle Ragonese, amata e sessualmente desiderata. La loro è una vita tranquilla, complice, piena, senza affanni, fatta di serate davanti alla tv o sabati nei centri commerciali. Quando lei muore in sala parto, la vita crolla addosso all uomo. Incapace di reagire, di stringersi attorno ai figli, sposta il dolore verso la direzione sbagliata: fare quattrini, soddisfare ogni capriccio dei figli, cacciandosi in un impresa troppo grande per lui. «L unica cosa che devo elaborare... sono i soldi. Al giorno d oggi fa vedé è tutto», grida, nella preoccupazione della materna sorella Stefania Montorsi e del timido, pure imbranato, fratello Raoul Bova. Il film scandisce, con ruvide annotazioni d ambiente, questa sorta di discesa agli inferi: mollati i figli prima alla sorella e poi a un amica, l operaio si improvvisa piccolo padroncino, prende in sub-appalto la costruzione di una palazzina, si trova nei guai con gli operai immigrati professionalmente inadeguati, per rispettare i tempi di consegna si rivolge all amico pusher sulla sedia a rotelle Luca Zingaretti (irriconoscibile con baffi e capelli in stile Monnezza), resta comunque solo, alla fine non gli resta che ingaggiare «quelli di Frosinone», cioè carpentieri italiani super specializzati, quindi molto costosi, per salvare la situazione prima del disastro. Sostiene Luchetti: «La nostra vita è un film allo stesso tempo furioso e vitale. Stavolta mi sono preoccupato meno di alleggerire toni, non ho usato trucchetti per compiacere il pubblico, volevo raccontare l Italia attraverso lo sguardo di un personaggio non edulcorato, un operaio ambizioso, energico, disonesto». Insomma, il denaro - per acquistare oggetti, prenotare vacanze, esibire un certo status symbol - come antidoto a un dolore rimosso, col quale il giovane proletario non riesce a fare i conti. «Più che la storia delle sue difficoltà, è la storia di un Paese intero», suggerisce Luchetti. Magari esagerando un po. Ma certo in La nostra vita, scritto dal regista insieme a Rulli e Petraglia, ben recitato da una compatta squadra d attori riunita attorno alla fisicità febbricitante di Elio Germano (mai visto un Raoul Bova così inedito e misurato), è un film che sbriciola parecchi cliché, senza propone teoremi sociologici, neanche sulla condizione dura degli immigrati o degli italiani intrappolati nel culto dell avere, mettendosi, in una parola, al livello dei loro occhi, sposandone lo sguardo, anche quando irrompe l infamia di una morte bianca in cantiere. Poi, certo, è anche un film sulla paternità imperfetta, sulla sottrazione drammatica dell elemento femminile, sull incapacità

12 del protagonista di confrontarsi con i figli, se non sul piano dell emergenza. Pure sull incapacità di parlarsi. C è una frase chiave, detta dal giovane romeno al quale nessuno racconta la verità sulla morte del padre. «Cosa penso? Se lo sapessi non lo saprei spiegare, se lo sapessi spiegare tu non capiresti». Alessio Guzzano - City Un operaio forse non specializzato ma bravo. Neanche 30 anni, moglie, due figli più uno in arrivo, un solo stipendio. Ieri sarebbe stato un proletario, oggi è un aspirante borghese piccolo piccolo che vive in un trilocale di borgata romana, dove i centri commerciali hanno preso il posto delle piazze. Tuta giallorossa, sogna la Sardegna. Canta e battezza in nome di Vasco: a un inaspettato funerale ci fa tremare commossi (interpretazione da antologia). La sua anima fragile reagisce al lutto lanciandosi nell'ambizione. Ricatta, ottiene un subappalto, lotta con(tro) i suoi operai romeni («Sto a diventà io lo straniero vostro»), quasi ne adotta uno a cui non ha rivelato che suo padre è morto e seppellito in cantiere. S'indebita a strozzo dall'irriconoscibile Luca Zingaretti, crolla, risorge grazie alla famiglia e alla manodopera made in Frosinone: «Lavoramo a nero, semo ggente perbene noi». Non è cattivo, è avido rabbioso: è un figlio di buona donna, è un italiano. Una creatura dei meglio sceneggiatori tricolori Rulli&Petraglia. Non lascia vincere i figli alla Wii, ma sa tenerli vicino/vicino. Daniele Luchetti edifica un perfetto spaccato italiano. Unico film italiano a concorso in Cannes, uno dei film più italiani mai visti. Elio Germano è da tempo il miglior attore italiano. Lietta Tornabuoni - L'Espresso Parabola moralistica per un bel film caldo, affettuoso, di un realismo di grande naturalezza. La giovane famiglia di un operaio edile romano viene travolta dal dolore per la morte di parto della moglie ragazza; come per vendicarsi della sfortuna e della pena, lui si concentra sui soldi e sulle cose, si vuole piccolo imprenditore, non riesce; si indebita, fallisce, mentre le sue disavventure esemplificano rapporti e illegalità del settore; rinuncia e ritrova una serenità. Nulla di straordinario, ma tutto il film (l unico a rappresentare l Italia in concorso al Festival di Cannes) ha una vitalità e una schiettezza rare, commoventi. Vediamo il pusher, figura immancabile nella periferia quanto nel centro di Roma. È Luca Zingaretti, con i capelli lunghi sulle spalle: in lui nulla di torbido nè di oscuro, è un buon uomo e un buon amico, sa badare a un neonato, cucinare, prestare soldi. La banalità è bandita dal personaggio, cosi come è bandita dalla giovane coppia coniugale protagonista amorosa, vivace, sensuale, complice, o dai rapporti sinceri del padre con i figli bambini. Non sono banali i parenti né gli amici: la sorella troppo materna, il fratello Raoul Bova vigile urbano cauto e solidale, la grande nigeriana convivente del pusher, la straniera che sbuffa -sempre soldi soldi soldi, voi italiani non pensate ad altro», le domeniche a tavola nella casetta al mare, l interesse e l aiuto reciproco. Anche se la sceneggiatura di Rulli e Petraglia è solida, ben costruita (appena moralistica, si è detto), i pregi del film appartengono soprattutto al regista, al suo amore comprensivo per i personaggi, alla sua ricerca di verità non stereotipate, alla sua attenzione per ambienti popolari niente affatto ovvii. Gli interpreti ben scelti e ben diretti, oltre al protagonista perfetto Elio Germano, sono bravi; bisogna ricordare la grazia energica di Isabella Ragonese, giovane moglie troppo poco presente. Valerio Caprara - Il Mattino

13 Elio Germano, diventato celebre presso le persone che del cinema di solito se ne sbattono, ha dichiarato a Cannes di dedicare il premio di migliore attore ex aequo agli italiani che sono molto migliori della loro classe dirigente (ma quale, quella di sempre o quella degli ultimi 5, 10, 15 anni? E solo di quella nazionale o anche di quella regionale o municipale, metti della Campania come della Puglia, del Piemonte come della Toscana?). Intanto in «La nostra vita» interpreta con partecipata veemenza il ruolo di un italiano non proprio esemplare, portatore di comportamenti equivoci e pronto a tuffarsi in un mondo di compromessi e d'illegalità; un protagonista sin troppo carico sul piano simbolico, visto che deve incarnare l'inestricabile mix d'ingenuità e determinazione, onestà e furfanteria che caratterizzerebbe il ceto ex proletario in bilico tra lavoro nero e imprenditoria fai-da-te. Si può dire subito che il film di Daniele Luchetti non passa inosservato, ha una bella grinta e, soprattutto nella prima parte, dispone bene i suoi personaggi sullo sfondo di una Roma nient'affatto glamour ma neanche miserabile, un'enorme distesa di dignitosi conglomerati dove la nuova periferia senza identità cerca di mascherarsi da appagato quartiere residenziale. Claudio (Germano), marito e padre felice, è il perno dello spaccato drammaturgico perché proprio a lui capita la disgrazia che fa crollare il castello di carte sociale scatenandolo in un'ansia di riscatto basata sui soldi e i beni da mettere a tutti i costi disposizione dei figlioletti. Più che di neo-neorealismo, si tratta di un taglio teso, sincopato, attento, incollato ai volti e ai gesti come per catturarne il senso profondo, per cogliere nella loro apparente casualità il leitmotiv di paura e solitudine urbane, un po' sulla linea del cinema indipendente newyorkese a cavallo del 1970 che ha il suo nume tutelare in John Cassavetes. A poco a poco, però, il film inizia a spegnersi, a ripetersi, a ritrovarsi addosso l'ingombro di una sgradevolezza che doveva restare a carico di Claudio, della sorella in cassa integrazione (Montorsi), del fratello scapolo (Raoul Bova) e dell'inquietante vicino di casa Ari (Zingaretti). La sceneggiatura del duo storico Rulli-Petraglia esagera nel suggerire una serie di sottolineature inutili, pedanti e a tratti persino grottesche (il ragazzo rumeno che fa la lezioncina all'italiano cinico) che non servono a causa della loro sbrigatività didascalica: in Italia impera il consumismo, il culto dell'apparenza dilaga, la classe operaia non è più quella di un tempo e, anziché leggere i giornali o impegnarsi in politica, preferisce i raid di fine settimana nei centri commerciali. Il finale consolatorio rischia di lasciare tutti gli spettatori scontenti: i furiosi perché non picchia duro come «Draquila», i normali perché la troppa carne a cuocere sembra ancora cruda e anche un po' bruciacchiata. Paola Casella - Europa «C'è poco tempo e poco guadagno», avverte l'imprenditore edile (e ovviamente faccendiere) Porcari (nomen est omen) prima di affidare un cantiere a Claudio, l'antieroe di La nostra vita, con cui Daniele Luchetti ha partecipato in concorso al festival di Cannes. È questo il dramma dell'italia di oggi: lavori precari da svolgere in fretta e furia per cavarne il minimo indispensabile, perché, come dice Claudio (Elio Germano), «i soldi veri li fanno solo i figli de 'na mignotta». È questa realtà, raccontata ad altezza uomo attraverso un operaio "libero professionista" (ovvero uno che, non avendo uno stipendio, non emette fatture), il centro della nostra vita, come dice il titolo. L'altro centro, più vitale, più ricco di soddisfazioni, ma sempre più spesso chiamato a sostituire uno Stato assente, è la famiglia, qui raccontata attraverso una moglie innamorata (Isabella Ragonese) e tre figli maschi sotto i dieci anni, una sorella sposata in cassa integrazione (la bravissima Stefania Montorsi), un fratello scapolone (Raoul Bova, una sorpresa) dal cuore troppo gentile. «Questo è un

14 film che non ammette tradimenti: deve sembrare vita sempre», ha detto Luchetti alla presentazione stampa. E infatti questo sembra: vita, quotidiana, dolorosa, priva di coerenza, ricca di conversazioni non sequitur (i dialoghi, di Rulli e Petraglia come tutta la sceneggiatura, sono eccezionalmente realistici), di comportamenti ambigui e contradditori. Elio Germano è perfetto nel rendere questa coesistenza di brava persona e potenziale farabutto: è arrabbiato e frustrato al punto giusto per scollinare dalla parte del Male, ma riesce sempre a mantenere una traccia di umana dignità, dove riaffiora quell'orizzonte morale scomparso quando la moglie sparisce di scena e il ritratto delle donne ne La nostra vita, pur raccontato attraverso l'ottica maschilista di Claudio e compagni, è un ritratto di quotidiana invincibilità, di buon senso capace di resistere alle peggiori derive sociali, di profonda onestà («Noi non rubiamo», stabilisce Elena come regola base per marito e figli) Intorno ai nuclei familiari della storia quello di Claudio, ma anche quello della sorella Loredana, quello del vicino di casa Ari (Luca Zingaretti, irriconoscibile) e quello della vedova rumena (Alina Madalina Berzunteanu) di un "morto bianco" ruotano tanti maschi soli, da Porcari agli operai immigrati che svaniscono dal cantiere ogni volta che si avvicina una volante della polizia, alla manovalanza qualificata di Frosinone che compare in una scena chiave del film, a rappresentare un'altra virilità italiana: quella che, dopo essere stata professionalmente umiliata, si è organizzata e ha trovato un sistema per salvare lavoro e margini di profitto, senza uscire (troppo) dalla legalità. Perché alla fine quello che è in gioco, in questa Italia di quotidiane connivenze e piccoli crimini per la sopravvivenza, del «tutto s'aggiusta» e del «qualcosa me invento», è la figura paterna, messa a dura prova da una realtà lavorativa che depaupera il "capofamiglia" del suo ruolo tradizionale («Voi siete fatte per fare figli, è uno spreco mettervi a lavorare», dice Claudio guardando la moglie, e nel suo sessismo c'è una nota di nostalgia per una mansione perduta) minandone la capacità di fare da modello maschile per i propri figli. E poiché viviamo in un'italia dominata dal culto del denaro e del consumo "necessari" per mantenere le apparenze («In Italia vi piace far pensare agli altri che avete soldi», dice un extracomunitario, cui Claudio risponde, tronfio: «Oggi fa vedè è tutto»), Claudio tenta di recuperare terreno con regali costosi ai figli. Sarà un ragazzo rumeno (Marius Ignat, un non-attore meraviglioso nella sua naturalezza) a fargli presente che non tutto "s'aggiusta" soprattutto con i soldi. Nella sua capacità di ritrarre l'italia di oggi al suo minimo comun denominatore, La nostra vita ricorda il neorealismo italiano (citazione di Ladri di biciclette compresa). Finalmente qualcuno sta raccontando al cinema che la gente in Italia si vende gli ori di famiglia per pagare il mutuo, che le automobili sono comprate a rate, che i centri commerciali sono pieni di quasi-povera gente che cerca disperatamente di assomigliare alle famiglie felici della pubblicità. Qualcuno ritrae l'italia come è, non come ce la racconta il presidente del consiglio. E ci ricorda che, come ha detto Bruno Pupparo, il fonico di presa diretta per cui La nostra vita è stato l'ultimo film, «all'omini je puoi toje tutto, ma nun il lavoro».

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Students' voices and activecitizenship: cultural issues emerging from blogs

Students' voices and activecitizenship: cultural issues emerging from blogs Workshop n.3 Students' voices and activecitizenship: cultural issues emerging from blogs La voce degli studenti e la cittadinanza attiva: i temi culturali emergenti dai blog Esperti: Prof.ssa Gioia Di

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse.

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto Bazan La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto ama definirsi piuttosto "Fotografo Poeta" e basta davvero poco per

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Giovanni Veronesi spiega che ne sarà di noi giovani italiani

Giovanni Veronesi spiega che ne sarà di noi giovani italiani Giovanni Veronesi spiega che ne sarà di noi giovani italiani di Agnese Maugeri - 20, dic, 2014 http://www.siciliajournal.it/giovanni-veronesi-spiega-che-ne-sara-di-noi-giovani-italiani/ 1 / 6 2 / 6 di

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana Testi delle prove di ascolto dei livelli A1, A2, B1 Juniores. A1 (prima parte) Situazione: voce maschile (M)

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

Claudio Baglioni A modo mio

Claudio Baglioni A modo mio Claudio Baglioni A modo mio Contenuti: revisione passato prossimo, lessico, espressioni italiane. Livello QCER: B1 Tempo: 2 h Claudio Baglioni è un grande cantautore italiano, è nato a Roma il 16 maggio

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli