CMJ 2.1: TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE DELL ARTO INFERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CMJ 2.1: TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE DELL ARTO INFERIORE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE Scuola di Dottorato in Scienze Morfologiche, Fisiologiche e dello Sport Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute Corso di Dottorato in Scienze dello Sport XXV Ciclo CMJ 2.1: TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE DELL ARTO INFERIORE Docente Tutor Prof. Giampietro ALBERTI Coordinatore del Corso di Dottorato Chiar.mo Prof. Livio LUZI Tesi di Dottorato di Ricerca Gabriele BOCCOLINI Matricola: R08505 Triennio Accademico 2010/2012

2 to my mother and marvi

3 ABSTRACT Introduction: Although several methods have been proposed to assess bilateral asymmetry of the lower limbs (most of the tests require very expensive equipment), they do not reproduce the functionality of movements and are difficult to perform. Purpose: The aim of this study was to determine if the new functional test Countermovement Jump 2.1 (CMJ 2.1) was able to characterize the level of athletes and if it was able to determine functional deficits in injured athletes. Moreover, the purpose of this study was to analyze the reliability of CMJ 2.1 test and to compare it with other tests. Forty-nine subjects took part of this study (N=39 basketball players; N=10 soccer players). Methods: 3 different tests were used for this research: Hop & Stop Test, CMJ Test (both bipodalic and mopododalic jumps) and the proposed CMJ 2.1 Test consisting of countermovement jump with both legs and landing on one leg. Intraclass correlation coefficient was 0.92 ( ) for CMJ 2.1 landing on right leg, and 0.94 ( ) for CMJ 2.1 landing on left leg. The first three studies examined the difference between CMJ 2.1 Test and CMJ Test taking in consideration: (i) all subjects (N=49; age: 21.0±7.0 yr; height: 187.1±8.0 cm; weight: 80.3±9.9 kg), (ii) the difference between High Level group (N=26; age: 16.3±1.3 yr; height: 189.9±7.0 cm; weight: 81.0±9.8 kg) and Low Level group (N=23; age: 26.6±6.9 yr; height: 184.3±8.0 cm; weight: 79.5±10.2 kg); (iii) the difference between No Injured group (N=38; age: 20.2±7.3 yr; height: 187.3±7.8 cm; weight: 79.6±8.5 kg) and Injured group (N=11; age: 23.7±4.9 yr; height: 186.7±9.0 cm; weight: 82.4±13.9 kg) (major injuries happened at least 12 months before the study). Moreover, in according with other studies, bilateral asymmetry was calculated as [(stronger leg - weaker leg)/stronger leg] x 100. A positive sign indicates a stronger right leg; a negative sign indicates a stronger left leg. A (iv) fourth study examined the correlation between CMJ 2.1 and Hop & Stop Test, first considering all subjects then taking in consideration only Injured group. For this research, each subject did three trials of CMJ Test with both legs and six trials with one leg (three with right leg and three with left one), six trials of CMJ 2.1 Test (three times landing on right leg and three times landing on left leg) and one trial of Hop & 3

4 Stop Test protocol. Results: First Study: During CMJ 2.1 subjects reached lower height than CMJ with both legs (p < 0.001). However, no significant differences were found between CMJ 2.1 landing on right leg and CMJ 2.1 landing on left leg. Second Study: Significant difference were found between High Level and Low Level group in CMJ with right leg (p < 0.001) and CMJ with left leg (p < 0.001), where High Level reached higher height than Low Level. No difference was found in CMJ with both legs. Moreover, the results obtained in the first study between CMJ 2.1 and CMJ with both legs were found in the second one. Third Study: Regarding the No Injured group, in CMJ 2.1 Test subjects reached lower height than CMJ with both legs (p < 0.001). However, no significant differences were found within CMJ 2.1 Test (landing on right and on left leg). The main results were found in Injured group: during CMJ 2.1 Test subjects reached lower height than CMJ with both legs (p < 0.001). Furthermore, significant differences were found between CMJ 2.1 with no injured leg and CMJ 2.1 with injured leg (p < 0.001), where injured leg reached lower height than no injured. The range of normal bilateral asymmetry (2.5th to 97.5th percentiles) was -6.6% to 6.2%. Fourth Study: Interesting correlations were found between CMJ 2.1 and Hop & Stop Test, however, the very large confidence limits make the correlation not acceptable. Probably, it would be useful to repeat this analysis by expanding the study sample. Conclusions: The functional test CMJ 2.1 is reliable and efficient to discriminate the injured leg from no injured. CMJ 2.1 is easy to execute, it does not need expensive equipment and respect the functionality of movement. For these reasons, it may be useful for coach, strength and conditioning coach and sports scientist to evaluate an injured athlete or athlete who is making a post-injury rehabilitation. Key Words: CMJ 2.1, strength asymmetry, functional test, injured athlete Running Title: CMJ 2.1: Test di Valutazione Funzionale 4

5 INDICE INDICE... 3 STUDIO PRELIMINARE... 6 Scopo... 7 Soggetti, Materiali e Metodi... 8 Soggetti... 8 Materiali... 8 Optojump... 8 CMJ Test... 9 Libra... 9 Balance Test... 9 Analisi Statistica Verifica della Ripetibilità Risultati e Discussione Conclusioni INTRODUZIONE Infortuni e Sport Valutazione Infortuni Screening e Rischio di Infortuni Fattori determinanti lo Standing Long Jump SCOPO SOGGETTI, MATERIALI E METODI Soggetti Materiali Optojump Next Fotocamera CASIO EXILIM EX-F Analisi Video Metodi Vertical Jump Test CMJ bipodalico CMJ monopodalico Nuova Proposta di Valutazione CMJ Hop & Stop Test Hop Test Onto Test Analisi Statistica Verifica della Ripetibilità RISULTATI E DISCUSSIONE Risultati Studio 1: Valutazione Soggetti Risultati Studio 2: High Level vs Low Level Risultati Studio 3: Sani vs Non Sani Risultati Studio 4: CMJ 2.1 vs Hop & Stop L angolo al ginocchio durante la fase di atterraggio CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

6 STUDIO PRELIMINARE Gli esercizi di resistance training (RT) e di balance training (BT) sono spesso utilizzati anche in ambito riabilitativo e al fine di prevenire infortuni. Alcuni autori hanno dimostrato l efficacia dell applicazione di questi mezzi di allenamento sulla riduzione d infortuni (21,27,46,48,49). In particolare, l utilizzo del balance training, ovvero l allenamento mirato al miglioramento della capacità di equilibrio, è stato studiato come mezzo utile al miglioramento del controllo posturale e della forza degli arti inferiori: alcuni studi suggeriscono che il BT può essere usato al fine di migliorare la forza (32), la massima contrazione volontaria isometrica dei flesso-estensori del ginocchio in soggetti adulti e giovani (29,53) e la massima contrazione volontaria isometrica alla leg press in giovani atleti di élite (43), mentre altri autori rilevano che l allenamento in disequilibrio non ha alcun effetto nell incremento di questi parametri fisici (13,26,28). In definitiva, dall analisi della letteratura, è possibile affermare che sia per atleti di alto livello (26,53,71) che per soggetti adulti mediamente allenati, il BT non ha effetto sul miglioramento della forza degli arti inferiori; per contro la capacità forza aumenta significativamente per i soggetti giovani o per i sedentari (32). In quasi tutte le discipline sportive, il gesto tecnico è più efficace e facile da eseguire in una situazione di equilibrio stabile. D'altra parte, gli atleti devono eseguire la maggior parte dei gesti tecnici in situazioni di scarso equilibrio e in situazioni dove serve produrre rapidamente forza (come: saltare, eseguire uno sprint, calciare, ecc.). Ad esempio, due atleti con la stessa capacità di salto verticale in un campo bagnato o durante un contrasto con l'avversario, otterranno performance differenti: il soggetto con la migliore capacità di equilibrio salterà, probabilmente, più in alto in quanto dotato di migliore controllo in tali situazioni. Per queste ragioni, capacità di forza muscolare ed equilibrio devono essere espresse in modo ottimale in ogni situazione delle differenti discipline sportive. Per questo motivo, durante i tre anni del corso di Dottorato di Ricerca, si è cercato di incrementare le conoscenze riguardanti la capacita di salto verticale e di equilibrio. Nello 6

7 stesso tempo, uno degli obiettivi è stato quello di capire quale fosse la relazione tra equilibrio e capacità di salto verticale. Scopo Lo scopo di questo studio è stato dunque di valutare l eventuale correlazione tra la capacità di salto verticale e la capacità di equilibrio. La presenza di una relazione tra queste due capacità potrebbe indicare se l allenamento di una, possa portare indirettamente ad un miglioramento dell altra. Questo legame potrebbe aiutare a comprendere se l atleta con capacità di equilibrio migliore, in condizioni di disequilibrio, esprimerà migliore elevazione perché maggiormente in grado di governare i fattori che influenzano il suo equilibrio. 7

8 CMJ 2.1: Test di Valutazione Funzionale Soggetti, Materiali e Metodi Soggetti Nell arco dei tre anni di dottorato, è stata valutata la capacità di salto verticale e di equilibrio su circa 1435 soggetti, ma questo studio preliminare, si occupa dei soggetti (N: 479; età media: 14.6±5.4; M: 407; F: 72) praticanti calcio, basket e pallavolo. È stata analizzata la correlazione tra le due capacità su un totale di 479 soggetti (Età media: 14.6±5.4; M: 407; F: 72). Materiali Per valutare la capacità di salto verticale e la capacità di equilibrio, sono stati utilizzati rispettivamente gli strumenti Optojump (Microgate, Bolzano, Italia) e Libra (Easytech, Prato, Italia). Ogni soggetto ha eseguito un numero totale di 3 prove valide per ogni test. Optojump I test di salto verticale sono stati valutati con il sistema Optojump. Il sistema è costituito da due barre (ricevitore e trasmettitore: 100 x 4 x 3 cm), poste parallele alla distanza di 1 m. La barra trasmettitrice contiene 32 diodi ad emissione di luce, distanziati di cm, e a 0.3 centimetri dal suolo. Le barre dell Optojump sono collegate ad un personal computer e il software dedicato (software Optojump, versione ) permette di quantificare l altezza del salto verticale. Il sistema Optojump misura il tempo di volo durante un salto verticale con una precisione di 1/1000 secondi (1 khz). L altezza del salto viene indirettamente stimata tramite la formula 9.81 (flight time) 2 /8 (12). 8

9 CMJ Test Per analizzare la capacità di salto verticale è stato utilizzato il test di Counter Movement Jump bipodalico (CMJ bip), test correlato con la velocità di sprint, la massima forza in ½ squat (76) e la potenza muscolare (68). Il protocollo del test CMJ bipodalico prevede la partenza dalla posizione eretta, in appoggio su entrambi gli arti inferiori e le mani sui fianchi. Da questa posizione, i soggetti sono stati istruiti a piegare velocemente le gambe fino ad un angolo approssimativamente di 90 per poi eseguire un salto verticale e cercare di esprimere la massima capacità di elevazione. Durante la fase di volo non era consentito flettere le ginocchia e la fase di atterraggio doveva essere eseguita approssimativamente nello stesso punto di stacco. Libra La Libra è una pedana basculante elettronica a raggio variabile. Le prove che possono essere eseguite con questo tipo di strumento si basano sul controllo dell equilibrio per un tempo prestabilito e seguendo un percorso personalizzabile in base al livello di difficoltà. Sono previsti tre profili di basculamento intercambiabili (5, 12, 20 cm); la pedana è quindi dotata di un encoder per la rilevazione della posizione, azionato da una levetta in contatto col pavimento e collegato a una scheda elettronica che provvede alla rilevazione dell angolo del piano della tavoletta rispetto al pavimento su cui è appoggiata ed ad inviare i dati ad un software installato su un personal computer tramite porta USB. Lo strumento è in grado di misurare il risultato della prestazione in termini grafici e numerici. Il valore di feedback dato dal software si avvicina a 0 (unità arbitraria), quanto più la prestazione si avvicina alla perfezione. Balance Test Il protocollo del Balance test (BAL bip) prevede l appoggio bipodalico sulla pedana Libra. Il soggetto è stato istruito ad eseguire la prova mantenendo lo sguardo su un punto fisso posto alla distanza di circa 3 metri e all altezza degli occhi. Inoltre il soggetto doveva mantenere le 9

10 ginocchia sbloccate e le braccia libere per tutta la durata della prova. La durata della singola prova è stata stabilita essere di 30 secondi. Se il soggetto scendeva dalla pedana o appoggiava le mani sui fianchi, la prova era considerata nulla. Analisi Statistica L analisi statistica è stata eseguita utilizzando il programma Aabel (versione 3.0.3; Gigawiz Ltd. Co., Tulsa, OK, USA). Tutti i dati sono mostrati come Media ± ds (Deviazione Standard). Per verificare la ripetibilità dei test, è stato utilizzato l Intraclass Correlation Coefficient (ICC) (4) con i Limiti di Confidenza (CI) al 95% ed il Coefficiente di Variazione (CVs) espresso in percentuale. Per studiare l eventuale correlazione tra le due capacità analizzate, è stato utilizzato il test di correlazione di Pearson con i Limiti di Confidenza (CI) al 95%. Verifica della Ripetibilità Dall analisi della ripetibilità, come mostrato in tabella 1, è possibile dimostrare che i test eseguiti in questo studio risultano avere una ripetibilità accettabile. ICC (95% CI) CV (%) CMJ bip 0.97 ( ) 2.0 BAL bip 0.85 ( ) 2.3 Tabella 1. Valori di ICC (95% Cl: 95% Confidence Limits) e di %CV (CV: Coefficient of Variation) del test CMJ e BAL. Risultati e Discussione Nella seguente tabella (Tabella 2) sono mostrati i valori relativi al test CMJ bip e al test BAL bip. Test Media ds CMJ bip (cm) BAL bip (a.u.) Tabella 2. Valori Medi ± ds relativi al test CMJ bip e BAL bip. 10

11 Per quanto riguarda l interpretazione della correlazione tra la capacità di salto verticale e la capacità di equilibrio, è stato utilizzata la scala di magnitudo proposta da Hopkins WG in la quale si basa sui seguenti indici di valutazione: < 0.1, trivial; , small; , moderate; , large; , very large; > 0.9, nearly perfect. Dall analisi statistica, è emersa una correlazione large pari a (Lower Confidence Limit: -0.61; Upper Confidence Limit: -0.71). Figura 1. Scatter plot tra BAL bip e CMJ bip Conclusioni Secondo questo studio preliminare parrebbe esserci una correlazione tra capacità di equilibrio e capacità di salto verticale in soggetti che praticano sport di squadra. Sebbene in letteratura vi siano dei pareri contrastanti (13,26,28,32,71), l alta correlazione riscontrata potrebbe accreditare l ipotesi che il BT influisca positivamente sulla capacità di salto verticale. Molto più verosimilmente le due capacità (salto verticale ed equilibrio) sembrano entrambe influenzate da altri fattori, come dimostra il grafico della figura 1: la relazione tra le due capacità non è di tipo lineare, ma esponenziale. 11

12 Si rende quindi necessario individuare e studiare un test che non trascuri l aspetto funzionale del gesto sportivo, la relazione tra salto verticale ed equilibrio e sia adatto a valutare soggetti sani, infortunati o in fase di recupero post infortunio. 12

13 INTRODUZIONE La maggior parte degli atleti si sottopone ai differenti test atletici per verificare lo stato di forma e programmare i cicli di allenamenti successivi. Ogni sport è caratterizzato da un modello prestativo specifico, che ne caratterizza gli aspetti tecnici, tattici, condizionali e coordinativi. Il modello prestativo è differente tra gli sport di squadra e gli sport individuali, così come differisce tra gli stessi sport di squadra. Per quanto riguarda il calcio è noto dalla letteratura scientifica che il calciatore percorre circa km eseguendo circa 1300 attività diverse lungo l arco dei 90 minuti (8,64). La successione di movimenti di tipo aciclico, osservati nell attività dei calciatori è caratterizzata da imprevedibilità e comprende cambi d intensità, direzione e movimento. Dal punto di vista organico, l intensità metabolica media è di circa il 70% del VO 2 max e il 90% dell energia necessaria deriva dal meccanismo aerobico (7,8). Dai modelli di prestazione (7,64,66,70) emerge che nel gioco del calcio è fondamentale, a parità di capacità tecnica e tattica, possedere elevati livelli di fitness aerobica, di forza e velocità, esprimendo elevati livelli di questi parametri per tutto l arco della gara. Anche per questo motivo, il calcio è uno sport nel quale la potenza muscolare costituisce una dote determinante ed è stato dimostrato come un giocatore esegue un cambio di direzione ogni secondi per un totale di cambi di direzione durante la partita (63). Anche il gioco del basket è uno sport che impegna alternativamente il metabolismo aerobico e anaerobico; prevede azioni ad alta intensità con recupero casuale e richiede elevati livelli di forza e coordinazione specifica. Le attività in questione possono essere situazioni di sprint, corsa indietro, salti, scivolamenti e arresti. È stato dimostrato che durante un intera partita, i giocatori di basket di livello internazionale trascorrono il 17.8% del tempo ad una HR > 95% e il 59.1% del tempo ad una HR compresa tra l 85 e il 95%, eseguono circa 42.0 ± 7.0 salti e 63.0 ± 17.0 sprint (10), ed eseguono circa ± cambi di attività, ovvero un cambio di attività ogni 2.0 secondi di gioco effettivo (47). 13

14 Come già ricordato, oltre alla componente aerobica o anaerobica, molti sport individuali e di squadra sono caratterizzati da situazioni di gioco in cui l atleta deve esprimere elevati livelli di forza con i muscoli degli arti inferiori. Ad esempio: nel gioco del calcio durante uno sprint, uno stacco di testa o un contrasto con un avversario; nel basket durante un tiro in sospensione, un rimbalzo offensivo o difensivo; nel gioco della pallavolo durante un azione di schiacciata o di muro a rete; nel tennis durante uno sprint seguito da un arresto e un cambio di direzione, oppure nella ginnastica artistica durante esercitazioni a corpo libero in pedana. Infortuni e Sport La maggior parte degli infortuni tende a verificarsi alla fine di un evento sportivo, quando gli atleti vanno incontro alla fatica cronica (17,22,56). L incidenza degli infortuni nei giovani atleti (n infortuni/1000h di attività) varia rispetto alla disciplina sportiva: tra 1.6 e 2.5/1000 h nella ginnastica (6), 2.3/1000 h di attività nel tennis (33), 3.4/1000 h nel basketball (50) e tra 5.6 e 10.4/1000 h nel calcio (21,25). Sulla base di questi risultati, si potrebbe concludere che non vi sia una differenza significativa sul rischio di infortunio tra gli sport di squadra e gli sport individuali. Tuttavia, queste discipline sportive hanno caratteristiche diverse. Nel calcio e nel basket come nella maggior parte degli sport di squadra, due gruppi si oppongono l'un l'altro sul campo di gioco, con la possibilità di avere un contatto diretto tra gli atleti rispetto alla maggior parte degli sport individuali, aumentando cosi il rischio d infortunio. Alcuni studi hanno dimostrato come il tipo e l entità dell infortunio varia a seconda del tipo di sport. Emery CA et al. (2005) (21) hanno dimostrato che nell High School, gli infortuni più gravi di sono verificati negli sport di squadra come il basket, l hockey e il calcio. In uno studio prospettico di follow-up presso il National Collegiate Athletic Association (NCAA), Hootman JM et al. (2007) (34), hanno mostrato che la differenza tra il numero di infortuni avvenuti in partita e in allenamento, era maggiore negli sport di contatto (Figura 2). 14

15 Figura 2. Numero di infortuni in allenamento e in partita su 15 sport differenti. National Collegiate Athletic Association, dal al (35) Inoltre, in questo studio, è stato dimostrato che durante la partita, il 58.0% degli infortuni sono causati da un contatto tra gli atleti, per il 20.0% sono causati dal contatto tra l atleta e un secondo oggetto, mentre per il 17.7% e per il 4.3%, sono causati rispettivamente da un non contatto o da cause sconosciute (Figura 3). Durante gli allenamenti invece, gli infortuni causati da un non contatto sono più alti del 20.0% rispetto alla partita, mentre gli infortuni causati dal contatto tra i giocatori diminuiscono del 16.4%. Rimangono pressoché uguali gli infortuni avvenuti per cause sconosciute (6.2%) o dal contatto con un secondo oggetto (15.4%) (Figura 3). 15

16 Figura 3. Distribuzione percentuale del meccanismo che ha portato all infortunio. National Collegiate Athletic Association, dal al (35) Infine, questo studio, ha dimostrato che in gara come in allenamento, la maggior parte degli infortuni sono a carico degli arti inferiori (53.8% in gara; 53.7% in allenamento) (Figura 4). Figura 4. Distribuzione percentuale della zona di infortunio. National Collegiate Athletic Association, dal al (35) Un altra ricerca effettuata da Theisen D et al (2012) (72), ha valutato l incidenza degli infortuni in giovani atleti di alto livello sia di sport di squadra (N=4) che di sport individuali (N=12). Su un totale di 279 atleti, il 74% ha subito almeno una volta nell arco delle due stagioni un infortunio, per un totale di 483 infortuni: il 63.0% negli sport di squadra. In particolare, negli sport di squadra sono stati evidenziati 6.16 infortuni/1000 h di attività, mentre negli sport individuali l incidenza diminuisce a 2.88 infortuni/1000 h di attività. Infine, entrando più nel dettaglio, sia negli sport di squadra che negli sport individuali, la percentuale più alta di infortuni risulta a carico gli arti inferiori (sport di squadra: 77.9%; 16

17 sport individuali: 61.4%), in particolare muscoli e tendini (sport di squadra: 35.1%; sport individuali: 45.1%) (Tabella 3) Tabella 3. Caratteristiche degli infortuni in sport di squadra e individuali. (72) Risultati simili sono stati riscontrati in uno studio effettuato esclusivamente nel calcio da Ekstrand J et al. (2011) (19). In questo lavoro, sono stati analizzati i tipi e la quantità d infortuni di 23 squadre europee di alto livello (e.g.: Arsenal FC; FC Barcellona; ACF Ajax; ecc.) per un totale di 7 stagioni consecutive (dal 2001 al 2008). Sulla base dei dati raccolti, è stato dimostrato che durante la partita, il numero degli infortuni aumenta con il passare dei minuti, sia nel primo che nel secondo tempo (Figura 5) e con una maggiore percentuale di infortuni riscontrati durante la partita rispetto alle sedute di allenamento (Figura 6). Figura 5. Distribuzione delle lesioni traumatiche durante una partita (dati delle stagioni 2006/07 e 2007/08). (15) 17

18 Figura 6. Incidenza degli infortuni/1000 h. (19) Nel basket giovanile, entrando più nel dettaglio, il distretto più colpito sono gli arti inferiori (36.9% 92.0%), in particolare la caviglia (16.6% %). Il ginocchio è la seconda area maggiormente colpita (5.0% 20.0%), ma con una differenza tra i sessi: 9.0% % per i maschi e 13.0% 20.0% per le femmine (31). Belechri et al. (2001) (9), analizzando i dati di 5 campionati europei diversi, indicano un range di infortuni per gli arti inferiori del 19.8% 26.0%, con un interesse della caviglia del 8.2% %, e del ginocchio del 4.1% - 7.7%. Risultati simili sono stati riscontrati in un lavoro australiano (24) che riporta una percentuale di infortuni agli arti inferiori del 25.1%. Anche nel basket il rischio d infortuni è maggiore in partita rispetto all allenamento. In uno studio effettuato su bambini di età 5 12 anni, il 90% degli infortuni è avvenuto durante la partita, con un rischio relativo di 16.9:1 (partita:allenamento) (30). Tuttavia, in uno studio danese più ampio che ha analizzato 302 giocatori di basket di età compresa tra i 6 18 anni, è stato dimostrato esserci un rischio relativo di 2.4:1 (partita=5.7/1000h; allenamento= 2.4/1000h) (81). Diversi studi hanno poi esaminato quale fosse l attività o l azione durante la quale si verificano gli infortuni nel basket giovanile, includendo il contatto con un altro giocatore (36.7% %), la corsa (33%), il tiro (29%), le azioni di twisting (31.8%). Inoltre, sono state analizzate le interazioni tra azione e localizzazione dell infortunio. Yde J e Nielsen AB (1990) (81) hanno riscontrato che, sebbene solo il 29% degli infortuni si sono verificati durante il tiro a canestro, questa azione ha causato per il 60% infortuni alla caviglia. Powell JW e Barber-Foss KD (2000) (62) hanno appurato che pei i maschi si verificano più 18

19 infortuni durante le azioni di tiro, mentre per le femmine si verificano più infortuni durante le azioni di dribbling. Infine, dato molto interessante, Piasecki DP et al (2003) (60) riportano che la maggior parte di infortuni al LCA (62.0% per i maschi; 71.0% per le femmine) sono causati da un non contatto con un altro giocatore. Valutazione Infortuni Soprattutto nel campo riabilitativo, i test isocinetici sono considerati delle procedure standard per la valutazione della forza muscolare degli arti inferiori (72) e degli arti superiori (40), a causa della possibilità di controllare il range of motion (ROM), la resistenza e la velocità del movimento (23,40,45). Tuttavia, alcuni studi hanno riportato come l utilizzo di questo test per valutare la forza degli arti inferiori può essere influenzato semplicemente dalla posizione del corpo o dall angolo del ginocchio (23,40,45). La valutazione isocinetica, permette di valutare la forza degli arti inferiori a velocità costante, mentre la velocità di movimento dell'arto durante movimenti naturali è in continua variazione. Inoltre, il vincolo della velocità è imposta dalla strumentazione, eliminando la funzionalità e l'onere del controllo da parte del soggetto. È anche necessario sottolineare che la valutazione isocinetica è spesso effettuata solo per le azioni muscolari concentriche mentre le azioni eccentriche qualificano la fase di decelerazione e sono fondamentali per il controllo del movimento effettivo. La forza espressa in condizioni eccentriche caratterizza molti movimenti di molteplici sport, ad esempio: cambi di direzione nel calcio, atterraggio dopo un salto nel basket o nella pallavolo. La necessità di valutare questo comportamento, quindi, è di fondamentale importanza ma non sempre presente nei test isocinetici. Per i motivi sopra citati, test funzionali dinamici, consentono di valutare e misurare la performance di molte esigenze funzionali anche della vita quotidiana, come ad esempio correre, salire le scale o saltare (14,73). 19

20 Screening e Rischio di Infortuni Considerando il disagio degli atleti infortunati durante la vita quotidiana, le conseguenze invalidanti e i costi elevati inerenti all iter riabilitativo, è evidente l'importanza del prevenire ogni tipo d infortunio. Da questo punto di vista, è importante conoscere quali strumenti di screening possono identificare gli atleti che sono a rischio di lesioni per l estremità inferiori. In una recente review, Dalinga JM et al. (2012) (15), hanno cercato di determinare quali valori ricavati da test antropometrici e funzionali possono essere predittivi per le lesioni agli arti inferiori negli sport di squadra; in particolare, le lesioni del ginocchio, del legamento crociato anteriore del ginocchio (LCA), ischio-crurali e caviglia. Sulla base di una revisione bibliografica condotta su studi pubblicati dal 1966 al 2011, gli autori hanno evidenziato che esistono diversi strumenti di screening che potrebbero essere predittivi per le lesioni precedentemente citate. Nel test Star Excursion Balance Test (SEBT) una differenza maggiore di 4 cm tra la distanza anteriore raggiunta con la gamba destra e la distanza raggiunta con la gamba sinistra, potrebbe essere considerata predittiva per le lesioni agli arti inferiori nelle atlete di sesso femminile, cosi come un composite score minore del 4% (61). Inoltre, ci sono delle evidenze scientifiche che dimostrano che con l aumento dell età e del BMI, aumenta rispettivamente il rischio d infortunio degli ischio-crurali e delle caviglie (15). Per quanto riguarda invece le asimmetrie di forza degli arti inferiori, sono diversi gli studi che hanno indagato questa capacità condizionale sempre per prevenire gli infortuni degli arti inferiori (5,36,38). In uno studio effettuato nel 2007, Impellizzeri F et al. (36), hanno proposto un nuovo test per la valutazione delle asimmetrie di forza degli arti inferiori: Vertical Jump Force Test. Per effettuare questo test, i soggetti dovevano eseguire un CMJ bipodalico posizionando un piede sopra la piattaforma di forza e l altro piede sopra una piattaforma di legno, come mostrato in figura 7. 20

21 Figura 7. VJFT con piede destro sulla piattaforma di forza e piede sinistro sulla piattaforma di legno. (36) L asimmetria di forza bilaterale è stata calcolata tramite la formula [(gamba più forte-gamba più debole)/gamba più forte] x 100. Un valore positivo indicava l arto destro come gamba più forte, mentre un valore negativo indicava l arto sinistro come gamba più forte. Dalle analisi, gli autori suggeriscono che un range di asimmetria da -15% a +15% può essere considerato normale (dal 2.5th al 97.5th percentile). In uno studio meno recente, gli autori Augustsson J et al. (2004) (5) hanno dimostrato che nei soggetti che hanno subito una ricostruzione del LCA, il single leg-hop test risente delle condizioni di affaticamento indotto da un protocollo di pre-affaticamento alla leg-extension. Per questo motivo, gli autori suggeriscono di valutare l aspetto funzionale degli arti inferiori, sia in condizioni di riposo che in condizioni di affaticamento. Tuttavia, in quest ultimo studio, l utilizzo di una macchina isotonica come la leg-extension minimizza l aspetto funzionale del movimento e della valutazione del soggetto che ha subito una ricostruzione del LCA. Lo svantaggio dell analisi proposta da Impellizzeri F et al. (2007) invece, pur considerando un movimento più funzionale e di facile realizzazione come il CMJ, risiede nel fatto che bisognerebbe utilizzare comunque uno strumento molto costoso e da laboratorio come la piattaforma di forza. Per questo motivo, sarebbe più utile utilizzare un test che prende in considerazione l aspetto funzionale della valutazione, abbia caratteristiche di praticità e se possibile anche di limitazione dei costi degli strumenti da utilizzare. Uno dei test presenti in letteratura è il LESS Test (Landing Error Scoring System) (11,55,57,58,69). Partendo da un box dell altezza di 30 cm, si esegue un salto in avanti della 21

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie

Dettagli

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro Relatore MARCO ARMENISE: preparatore fisico Pallacanestro Varese La scelta dello studio Molti

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Optojump Next rende possibile: > valutare la performance e le condizioni di un atleta

Optojump Next rende possibile: > valutare la performance e le condizioni di un atleta PERFORMANCE Optojump Next rivoluziona la metodologia di allenamento e preparazione atletica nello sport. È un innovativo sistema di analisi e misurazione che introduce una nuova filosofia di valutazione

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato

Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato Traduzione F. Sassi Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato Iñigo Mujika, Juanma Santisteban, Paco Angulo, Sabino Padilla Il normale allenamento

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali?

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali? INTERVISTA A ROBERTO SASSI Di Ferretto Ferretti Roberto Sassi è uno dei più noti preparatori atletici del calcio. Oltre che in molte squadre italiane di serie A (Lecce, Lazio, Torino, Verona, Fiorentina,

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics. Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila

Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics. Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila Introduzione Da diversi anni la pratica dello stretching viene studiata e gode

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

"Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter."

Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter. "Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter." A tutte le giocatrci In vista di un lungo ed intenso campionato di basket,che affronteremo insieme, nella prossima

Dettagli

FORZE. Punto d applicazione Intensità Direzione e verso

FORZE. Punto d applicazione Intensità Direzione e verso Pedana di forza FORZE La forza è data da qualsiasi causa capace di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Una forza è l azione di un corpo su di un altro. Per descrivere una forza applicata,

Dettagli

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo 1^FASE PUBERALE FEMMINE 11/12 13/14 1^FASE PUBERALE MASCHI 12/13 14/15 2^FASE PUBERALE FEMMINE 13/14 17/18 2^FASE PUBERALE MASCHI

Dettagli

LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa

LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013 enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa IL PORTIERE E IL GIOCO DEL CALCIO nel gioco del calcio quello dell

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale SOGGETTO E ALCUNI DATI Età: 28 SESSO: M Sport praticato: ex giocatore di basket di livello dilettantistico (fino al 2010);

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

La valutazione funzionale nella pallavolo

La valutazione funzionale nella pallavolo La valutazione funzionale nella pallavolo Antonio Gianfelici La pallavolo nell ambito della classificazione fisiologica delle attività sportive è definita quale attività ad impegno aerobico-anaerobico

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE di Matteo Bisoffi La valutazione fisico/funzionale degli atleti è un passaggio obbligatorio al fine di impostare correttamente gli allenamenti; una preparazione fisica

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Otto esercizi per tonificare e rassodare gambe e glutei.

Otto esercizi per tonificare e rassodare gambe e glutei. Otto esercizi per tonificare e rassodare gambe e glutei. Erano gli anni 40 quando, con buona pace di occhi neri e blu, il Trio Lescano celebrava con un ritornello ad hoc l'importanza delle gambe femminili.

Dettagli

I tre passi per la valutazione biomeccanica: Test Analisi Report

I tre passi per la valutazione biomeccanica: Test Analisi Report ITA I tre passi per la valutazione biomeccanica: 1 2 3 Test Analisi Report Optogait è un sistema innovativo di analisi del movimento e di valutazione funzionale di un individuo in condizioni normali o

Dettagli

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico.

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico. articolo N.38 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

DESCRIZIONE E MODALITA DI ESECUZIONE DEI TEST ANTROPOMETRICI E PRESTAZIONALI:

DESCRIZIONE E MODALITA DI ESECUZIONE DEI TEST ANTROPOMETRICI E PRESTAZIONALI: DESCRIZIONE E MODALITA DI ESECUZIONE DEI TEST ANTROPOMETRICI E PRESTAZIONALI: Test fisici ed antropometrici. Le rilevazioni richieste nel foglio test fisici ed antropometrici sono di sei tipi ; dati antropometrici;

Dettagli

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO enrico sarli massofisioterapista allenatore di base i portieri sono gente particolari, che non smettono di volare tra un palo e l altro, tra

Dettagli

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES PREPARAZIONE PRECAMPIONATO Obiettivi prima settimana Incremento di capacità e potenza aerobica Miglioramento della capacità di

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

Materia : Scienze Motorie e Sportive

Materia : Scienze Motorie e Sportive Materia : Scienze Motorie e Sportive Docente Prof. Mauro Marras Testo in adozione Altri testi o fonti utilizzate N. ore settimanali Manuale Illustrato dell educazione Fisica Scolastica Fotocopie Proiezione

Dettagli

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Daniela Longo(1), Ario Federici(1) e Emanuele Lattanzi(2) (1) Facoltà di Scienze Motorie Università di Urbino (2) Istituto di Scienze

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it Programma di lavoro Dott. Rodolfo Malberti illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it 2013 - rudydoc@tin.it La necessità di essere in forma è ormai una consuetudine nel gergo comune. Ci si incontra

Dettagli

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia Indice 1. Componenti dell unità AinS... pag. 3 Componenti 1 Cinghia di ancoraggio 5 3 6 1 2 3 4 2. Ancoraggi e regolazioni... pag. 4 2 Fasce principali 3. Avvertenze... pag. 5 3 Moschettone di collegamento

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

Il programma d allenamento «L 11». Le vostre domande le nostre risposte. Per allenatori

Il programma d allenamento «L 11». Le vostre domande le nostre risposte. Per allenatori Il programma d allenamento «L 11». Le vostre domande le nostre risposte. Per allenatori Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Casella postale, 6002 Lucerna Per informazioni:

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE ERGO TESTER ERGOJUMP BOSCO SYSTEM Ergo Tester Ergo Tester offre molteplici e fondamentali possibilità di valutazione e controllo dell allenamento al fine di migliorare

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

Sviluppo della tecnica del salto in lungo nelle categorie giovanili Development of long jump technique in young athletes

Sviluppo della tecnica del salto in lungo nelle categorie giovanili Development of long jump technique in young athletes Università degli studi di Roma Foro Italico Dottorato di ricerca in Scienze dello sport, dell esercizio fisico e dell ergonomia XXIV ciclo Sviluppo della tecnica del salto in lungo nelle categorie giovanili

Dettagli

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI BEATRICE NERVO TESINA DI ATLETICA LEGGERA - CORSO ISTRUTTORI FIDAL 2009-2010 TITOLO: PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI COS E L ALLENAMENTO? L

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia.

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia. ANDREA GUARNACCIA 3 TENNIS TRAINING PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA PERIODO FONDAMENTALE 2 DICEMBRE GENNAIO www.tennisworlditalia.com Andrea Guarnaccia Titolo TENNIS

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE TecnoBody Rehabilitation Systems TM ISOMOVE L Isocinetica elastica In natura sappiamo che il movimento isocinetico non esiste ma è stato costruito in laboratorio per ottimizzare il processo di recupero.

Dettagli

2parte articolo. Autori: Roberto Colli, Antonio Buglione, Luigi Lucarini,Vito Azzone

2parte articolo. Autori: Roberto Colli, Antonio Buglione, Luigi Lucarini,Vito Azzone 2parte articolo Autori: Roberto Colli, Antonio Buglione, Luigi Lucarini,Vito Azzone ABSTRACT : la seconda parte dell articolo analizza nel dettaglio cosa accade ai parametri dinamici e cinematici durante

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Formazione del Giocatore Silvano Garbin L Allenamento Sportivo Processo pedagogico-educativo

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli