ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE"

Transcript

1 ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 1 di 20

2 Indice 1 CICLI DI VITA Ciclo di Sviluppo Ciclo di Manutenzione LE FASI PROGETTUALI Requisiti Progettazione Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia Specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni Definizione delle specifiche tecniche del software Realizzazione e test del software Realizzazione del software Test delle componenti software Modalità di Realizzazione Modalità di test Integrazione e Validazione...10 Test di accettazione Criterio di fine fase CONTENUTI DEI PRODOTTI DI FASE Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali Specifiche di architettura applicativa e basi dati Specifiche funzionali del software Specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni Piano dei test di sviluppo Checklist di sviluppo Piano dei test e checklist di collaudo con RL Specifiche tecniche del software Specifiche di dettaglio della base dati Componenti software Software release notes Checklist di sviluppo (nuova versione) Codice di test Documenti per la predisposizione della manualistica utente e dei documenti di gestione Manuale utente Help on line Manuale operativo Risultati dei test di componente Release notes di Sviluppo ULTERIORE DOCUMENTAZIONE Misurazione in Function Point Documentazione delle procedure batch Convalida sulla tecnologia...20 Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 2 di 20

3 1 CICLI DI VITA Nel seguito vengono descritti i modelli di cicli di vita che possono essere richiesti al Fornitore nell ambito di ogni singolo intervento. 1.1 Ciclo di Sviluppo Il ciclo di Sviluppo è di norma applicato per tutti gli interventi la cui macroclasse di fornitura è Sviluppo. Il ciclo di Sviluppo è di tipo incrementale. La tabella 1 presenta le fasi e le attività del ciclo di Sviluppo ed i relativi prodotti di fase. In determinate situazioni progettuali LI, in accordo con il Fornitore, potrà richiedere l'impiego di un modello di ciclo di vita differente. Il ciclo di vita potrà riferirsi a diversi modelli di produzione quali ad esempio: a cascata; evolutivo (es.: modello ISO, UP); metodologie agili. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 3 di 20

4 Fase Attività Prodotto di fase Requisiti (nota: erogata dalla macro classe di fornitura Supporto Analisi dei Processi ) Progettazione Individuazione delle esigenze di Regione Lombardia Definizione dei requisiti Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo Definizione delle specifiche tecniche del software - specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali - specifiche di architettura applicativa e basi dati - specifiche funzionali del software - specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni (ove applicabili) - misurazione in FP (quando richiesto) - piano dei test di sviluppo - checklist di sviluppo - piano dei test e checklist di collaudo con RL (quando richiesto) - specifiche tecniche del software - specifiche di dettaglio della base dati - componenti software - software release notes - checklist di sviluppo (nuova versione) Realizzazione e Test del software Realizzazione del software Test delle componenti software - codice di test - documenti per la predisposizione della manualistica utente e dei documenti di gestione - help on-line (quando richiesto) - misurazione in FP (quando richiesto) - risultati dei test di componente Integrazione e Validazione Test di accettazione Test di integrazione Test di pre-produzione - release notes di sviluppo - piano dei test e checklist di integrazione - risultati dei test di integrazione - release notes di integrazione - sistema funzionante in ambiente di integrazione - piano dei test e checklist di pre-produzione - risultati dei test di pre-produzione Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 4 di 20

5 - release notes di pre-produzione - sistema funzionante in ambiente di preproduzione Validazione interna - verbale di validazione interna - autorizzazione del rilascio formale a DTS Tabella 1: Ciclo di Sviluppo A seguito della Validazione interna la soluzione informatica viene sottoposta al Collaudo con Regione Lombardia, nei casi in cui ciò sia richiesto. 1.2 Ciclo di Manutenzione Il ciclo di Manutenzione è di norma applicato per tutti gli interventi la cui macroclasse di fornitura è Manutenzione. Il ciclo di Manutenzione è di tipo a cascata. La tabella 2 presenta le fasi e le attività del ciclo di Manutenzione ed i relativi prodotti di fase. In determinate situazioni progettuali LI, in accordo con il Fornitore, potrà richiedere l'impiego di un modello di ciclo di vita differente. Fase Attività Prodotto di fase Requisiti/input Progettazione Realizzazione e Test del software Richieste di attività (ticket) Definizione dei requisiti Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo Definizione delle specifiche tecniche del software Realizzazione del software Test delle componenti software - richiesta di attività (via SGF) - specifiche funzionali del software - specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni (ove applicabili) - piano dei test di sviluppo (quando richiesto) - checklist di sviluppo - specifiche tecniche del software - specifiche di dettaglio della base dati - componenti software - software release notes - checklist di sviluppo (nuova versione) - codice di test - documenti per la predisposizione della manualistica utente e dei documenti di gestione - help on-line (quando richiesto) - risultati dei test di componente Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 5 di 20

6 Integrazione e Validazione Test di accettazione Test di integrazione Test di pre-produzione Validazione interna - release notes di sviluppo - piano dei test di integrazione (quando richiesto) - checklist e risultati dei dei test di integrazione (quando richiesto) - release notes di integrazione - sistema funzionante in ambiente di integrazione - piano dei test di pre-produzione (quando richiesto) - checklist e risultati dei test di preproduzione (quando richiesto) - sistema funzionante in ambiente di preproduzione - verbale di validazione interna - autorizzazione del rilascio formale a DTS Tabella 2: Ciclo di Manutenzione Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 6 di 20

7 2 LE FASI PROGETTUALI Di seguito vengono riepilogati lo scopo ed i contenuti di ciascuna fase, calate nel contesto del ciclo di Sviluppo. Nel ciclo di Manutenzione vengono svolte le stesse attività del ciclo di Sviluppo, ovviamente ridimensionate sulla minore entità del lavoro di manutenzione. I prodotti di fase del ciclo di Manutenzione sono gli stessi generati nel ciclo di Sviluppo, aggiornati con quanto previsto nella richiesta di manutenzione. 2.1 Requisiti La fase Requisiti è volta a identificare e dettagliare le effettive esigenze di Regione Lombardia al fine di giungere alla definizione dei requisiti organizzativi, architetturali, funzionali e non funzionali (sicurezza, gestione, assistenza, prestazionali, ecc.) che guideranno tutte le restanti fasi del ciclo di vita del software. Si precisa che le attività della fase di Requisiti sono tra quelle previste nella macroclasse di fornitura Analisi dei Processi. 2.2 Progettazione Nel corso della Progettazione, le attività di Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati, Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia, Definizione delle specifiche tecniche del software sono volte a definire in modo completo ed esaustivo l applicazione e/o le funzioni da realizzare e/o modificare, con riferimento ai processi individuati e alle modalità con cui tali processi risulteranno visibili all utente. Durante l attività di Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo vengono altresì definiti tutti i test necessari per l accettazione del software e formalizzati nel prodotto di fase Piano dei test e checklist di sviluppo. Il Piano dei test e checklist di collaudo con RL viene prodotto solo nei casi in cui Regione Lombardia richieda a LI un evidenza del piano dei test in anticipo rispetto alle realizzazione del software Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati Le attività fondamentali svolte durante la Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati sono: l approfondimento dei requisiti definiti nella fase precedente; l individuazione delle principali componenti software (nuove componenti o impatti sulle componenti esistenti) coinvolte nella soluzione informatica da sviluppare; la definizione del modello concettuale ed i vincoli per il modello logico e fisico delle base dati di riferimento; la definizione delle specifiche di esercibilità; la definizione delle specifiche di sicurezza. L input di questa attività sono i requisiti determinati dalle Direzioni di Demand nella fase precedente di Requisiti. Il risultato complessivo di questa attività è la definizione di una architettura applicativa della soluzione informatica, che possa guidare le successive fasi di analisi funzionale, progettazione tecnica, realizzazione e test. Tale risultato è contenuto nelle Specifiche di architettura applicativa e basi dati. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 7 di 20

8 Una attività importante svolta durante la Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati è l aggiornamento del Dizionario dei Dati, in cui confluiscono i modelli dei dati generati dai gruppi di sviluppo. La definizione dell architettura applicativa comprende la definizione delle specifiche di esercibilità, il cui obiettivo è di definire nel dettaglio le caratteristiche tecniche a cui la soluzione informatica dovrà conformarsi per permettere al personale di assistenza e gestione una accurata ed efficiente esecuzione delle proprie attività, una volta che il sistema finale sia giunto in produzione. Le specifiche di esercibilità avranno un impatto sul software da sviluppare, nonché sulle specifiche funzionali del software, specifiche tecniche del software, piano e checklist dei test di sviluppo. La Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati è svolta da LI per gli interventi la cui macro-classe di fornitura è Sviluppo. Nelle necessarie condizioni progettuali, essa può essere svolta da LI anche per gli interventi la cui macro-classe di fornitura è Manutenzione Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia Durante l Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia vengono specificate le caratteristiche essenziali della soluzioni da produrre, in termini di: funzionalità software da rilasciare, modello logico delle basi dati di riferimento, aspetti di interfaccia utente. La definizione del modello logico della base dati avviene attraverso la collaborazione tra i gruppi di sviluppo e l Area Architettura Applicativa e Basi Dati. Qualora tecnicamente e funzionalmente possibile, le specifiche funzionali potranno, su richiesta di LI, essere corredate dalla realizzazione di un prototipo che rappresenti almeno le modalità di navigazione e il layout delle interfacce Specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni Le Specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni sono prodotte in tutti quei casi dove è necessario esporre ad utenti esterni un interfaccia programmabile dei servizi prodotti da LI. Ciò si applica, per esempio, per l integrazione dei sistemi informativi degli aderenti al Progetto CRS-SISS Definizione delle specifiche tecniche del software L attività di Definizione delle specifiche tecniche del software è volta a tradurre tutte le caratteristiche della soluzione in specifiche tecniche di dettaglio necessarie alla realizazzione del software. Viene inoltre definito il modello fisico della base dati che sarà utilizzato durante la realizzazione del software. Potrebbe essere necessaria la revisione di uno o più prodotti delle attività delle fasi precedenti, quale ad esempio una nuova versione delle specifiche funzionali del software. 2.3 Realizzazione e test del software L attività di Realizzazione del software è volta a generare i componenti software e la base dati che costituiscono il sistema. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 8 di 20

9 2.3.1 Realizzazione del software La Realizzazione del software ha lo scopo di produrre le componenti software corredate da adeguata documentazione interna. Ogni consegna di software da parte del Fornitore deve essere accompagnata da: uno specifico documento con la specifica dei contenuti del rilascio corrente (cfr. par. Software release notes); una nuova versione della Checklist di sviluppo, come raffinamento di quella definita al momento della pianificazione dei test; i documenti per la predisposizione della manualistica utente e dei documenti di gestione Inoltre potrebbe essere necessaria la revisione di uno o più prodotti delle attività delle fasi precedenti, quale ad esempio una nuova versione delle specifiche tecniche del software o di specifiche di dettaglio della base dati. Nel caso di fornitura di classe Parametrizzazione e personalizzazione di software/soluzioni commerciali e/o personalizzazione e riuso di software esistente, il prodotto fondamentale dell attività di Realizzazione del software consiste negli script, nelle procedure e nelle interfacce utente relative a dette parametrizzazioni e/o personalizzazioni Test delle componenti software Nell ambito della fase Realizzazione e Test del software, devono essere svolte, se possibile tramite strumenti automatici, tutte le attività di verifica previste dal Piano dei Test di Sviluppo: test di componente: funzionale, di prestazione, di sicurezza, di compatibilità, di usabilità, di stress o di carico del sistema, ecc. Con questa attività vengono prodotti: i Risultati dei test di componente, che dà evidenza dei test effettuati sulla componente software Modalità di Realizzazione La Realizzazione del software deve avvenire seguendo: le linee guida e gli standard previsti per lo specifico linguaggio o ambiente di programmazione in LI le linee guida e gli standard previsti dal Configuration Management di LI; Tali documenti verranno consegnati da LI al Fornitore alla richiesta di intervento. Sono utilizzate le piattaforme descritte nell Allegato 1.6 Ambiti Tecnologici. Negli specifici ambiti tecnologici, il Fornitore dovrà impiegare i framework applicativi e tecnologici standard esistenti in LI (esempio: Underground) per la creazione di nuove applicazioni o la revisione di applicazioni esistenti. Nell ambito delle verifiche da effettuare per l accettazione del software, verranno stabilite nel Piano di Qualità specifiche metriche per la misurazione dell aderenza a linee guida e standard di realizzazione. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 9 di 20

10 2.3.4 Modalità di test Automazione del Test L automazione dei test (test automatizzato) deve essere realizzata con modalità determinate nel Piano dei Test e sulla base delle specifiche esigenze e caratteristiche del progetto. I casi di test, proceduralizzati ed automatizzati, devono essere progettati, eseguiti e documentati conformemente agli standard e agli indirizzi metodologici che saranno indicati da LI e con caratteristiche di autoconsistenza, quindi oggettivi, ripetibili nell ambiente LI, riproducibili ed indipendenti da chi li ha realizzati e chi li esegue Test prestazionale Per test prestazionale del sistema si intendono tre forme distinte di test finalizzate a certificare il corretto funzionamento del sistema stesso in differenti condizioni. Il Performance Testing è volto a determinare se il tempo di risposta di una singola transazione rispetta il Livello di Servizio definito. Il Load Testing permette di valutare le prestazioni del sistema nelle normali condizioni operative, in funzione di obiettivi prestazionali previsti. Il load test consiste quindi nella generazione di un carico crescente (in modo regolare) di transazioni sul sistema fino al raggiungimento di un obiettivo previsto (transazioni per minuto, tempi di risposta, numero di utenti contemporanei connessi al sistema). Lo Stress Testing permette di valutare come si comporta il sistema in condizioni di massimo carico o condizioni critiche, ovvero serve per individuare colli di bottiglia del sistema e per individuare il punto di rottura delle singole componenti. Per quello che riguarda i test legati ad aspetti prestazionali il Fornitore dovrà impiegare lo stesso strumento di load and stress test posseduto da LI, ovvero LoadRunner di HP Test di non regressione Nell ambito di ogni attività di modifica del software, il test delle componenti rilasciate deve prevedere l esecuzione del test di non regressione sull intero prodotto software modificato. Per test di non regressione si intende la verifica che l inserimento di nuove componenti o componenti modificate non comporti il manifestarsi di errori su altre componenti, non modificate, del sistema Verifica del modello fisico della base dati Nell ambito di ogni attività di modifica del software, deve essere prevista la consegna del modello fisico e delle procedure di accesso alla base dati. Questi verranno sottoposti ad una verifica qualitativa da parte dell Area Architettura Applicativa e Basi Dati, volta a misurare, relativamente alla struttura dati prodotta e ai relativi meccanismi di accesso, efficienza e conformità agli standard ed alla linee guida di riferimento LI. 2.4 Integrazione e Validazione La fase di Integrazione e Validazione del software realizzato comprende le seguenti attività: Test di accettazione, che comprende le attività di verifica della qualità statica del codice e test di accettazione della componente sviluppata dal Fornitore. Integrazione tecnica delle componenti software e costruzione del sistema che sarà oggetto del test; Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 10 di 20

11 Esecuzione dei test di integrazione (o system test) nelle varie tipologie: funzionali, prestazionali, di sicurezza, di compatibilità, di usabilità, di stress o di carico del sistema; Validazione (interna) della soluzione, ovvero certificazione che le caratteristiche della soluzione proposta siano pienamente rispondenti ai requisiti esistenti; A seguito della Validazione interna la soluzione informatica viene sottoposta al Collaudo con Regione Lombardia, nei casi in cui ciò sia richiesto. Durante la fase di Integrazione e Validazione saranno oggetto delle attività di verifica tutti i prodotti della fasi precedenti Test di accettazione Il Test di accettazione comprende le attività di verifica della qualità statica del codice e il test di accettazione della componente dal Fornitore Al termine di questa attività vengono prodotte da LI: le Release notes di Sviluppo (di norma come integrazione di Software release notes provenienti da una o più linee di sviluppo). Solo componenti software testate e corredate delle Release notes di Sviluppo di LI possono essere oggetto delle successive attività della fase di Integrazione e Validazione Verifica della qualità statica del codice Durante il Test di accettazione, LI effettuerà dei test sulla qualità statica del codice rilasciato dal Fornitore, utilizzando la piattaforma dedicata, descritta nel Capitolato. L attività è a cura della struttura organizzativa di LI responsabile operativo dell intervento e del gruppo di Configuration Management. I controlli sulla qualità statica del codice sono volti a verificare che la componente rilasciata rispetti: le linee guida e gli standard previsti per lo specifico linguaggio o ambiente di programmazione in LI le linee guida e gli standard previsti dal Configuration Management di LI i Livelli di Servizio concordati specifici per la qualità del codice consegnato dal Fornitore (rif. All. 1.3 Piano di Qualità e Livelli di Servizio) A giudizio insindacabile di LI, qualsiasi componente software sviluppata dal Fornitore potrà essere rifiutata, nel caso in cui i controlli sulla qualità statica del codice non siano superati e non siano state rispettate le prescrizioni delle linee guida fornite Test di accettazione della componente Durante il Test di accettazione, il Referente Operativo dell Intervento di LI (o suo delegato) effettuerà dei test di accettazione della componente sviluppata dal Fornitore. L attività è a cura della struttura organizzativa di LI responsabile operativo dell intervento. I test di accettazione della componente sono volti a verificare che la componente rilasciata rispetti: i requisiti definiti da LI le specifiche definite nelle fasi precedenti ed approvate da LI i Livelli di Servizio concordati specifici per l accettazione del software consegnato dal Fornitore la compatibilità della componente rilasciata con il sistema pre-esistente Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 11 di 20

12 A giudizio insindacabile di LI, qualsiasi componente software sviluppata dal Fornitore potrà essere rifiutata, nel caso in cui i test di accettazione della componente non siano superati. 2.5 Criterio di fine fase La fine di ogni fase descritta è definita con la consegna dei documenti e dei prodotti di fase previsti. Si sottolinea che l avvenuta consegna dei prodotti di fase non implica l'accettazione e non esclude la possibilità di dover apportare modifiche, in tempi successivi alla fine della fase, a fronte delle verifiche effettuate. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 12 di 20

13 3 CONTENUTI DEI PRODOTTI DI FASE I prodotti di fase sono evidenze formali del lavoro svolto dal Fornitore durante le fasi del processo di sviluppo. Essi sono di tue tipologie: software e documentazione. Il software dovrà essere redatto in conformità agli standard LI e comunque sempre secondo le indicazioni presenti nella documentazione ufficiale dei linguaggi utilizzati. Esso dovrà essere accuratamente commentato e corredato da un intestazione standard che specifichi autori, data, scopo, motivo delle modifiche etc. Si rimanda al par. Componenti software del presente documento per ulteriori dettagli. Per quanto attiene alla documentazione, essa dovrà essere particolarmente curata negli aspetti di: Leggibilità; Accuratezza; Adeguatezza; Modificabilità. Tutti i prodotti di fase sotto elencati (software o documentazione) devono essere generati in conformità agli standard definiti nel Piano di Qualità. Tutta la documentazione deve essere scritta nel linguaggio naturale specificato da LI. LI si riserva di utilizzare strumenti per il supporto alle attività del ciclo di vita del software (es.: Modellazione, Gestione del test, etc.). In questo caso il Fornitore dovrà adeguarsi all impiego di tali strumenti per lo sviluppo collaborativo e la generazione automatica dei documenti di fase. Nel seguito viene fornita una sintesi dello scopo e dei contenuti dei prodotti di fase attinenti alle fasi/attività che possono essere attribuite al Fornitore come parte di un Intervento (non sono pertanto descritti i prodotti delle fasi Requisiti e Integrazione e Validazione ; i prodotti dell attività Definizione dell architettura applicativa e delle basi dati vengono elencati solo per esigenze di esposizione). Il contenuto dettagliato di questi ultime tipologie di documenti sarà fornito da LI a seguito dell aggiudicazione. 3.1 Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali I documenti contengono la descrizione dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali emersi nella fase di Requisiti. 3.2 Specifiche di architettura applicativa e basi dati Tali specifiche contengono la descrizione delle soluzioni di architettura applicativa da adottare e delle componenti di cui è previsto il riutilizzo per far fronte ad un requisito di sviluppo. Lo sviluppo della soluzione software potrà richiedere (ove disponibili) l utilizzo integrato di differenti layer software, sfruttando le opportunità di componenti, applicativi o architetturali, già realizzati. Le specifiche sono espresse in funzione di un possibile riuso delle soluzioni. Le specifiche di architettura applicativa e basi dati comprendono: Richiamo ai requisiti cogenti; Identificazione delle componenti software principali impattate o da realizzare; Architettura generale della soluzione (diagramma di interazione delle componenti software); Modello concettuale, vincoli sul modello logico e fisico della base dati; Specifiche di esercibilità. Devono essere garantiti il riscontro e la corrispondenza dei contenuti delle Specifiche di architettura applicativa e basi dati con le Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 13 di 20

14 3.3 Specifiche funzionali del software Le Specifiche funzionali del software comprendono in modo completo ed esaustivo: l analisi funzionale dei processi e delle modalità con cui tali processi risulteranno visibili agli utenti finali; il disegno logico dei dati secondo il modello relazionale; gli aspetti non funzionali (richiamo all architettura applicativa, aspetti di sicurezza e accessibilità, vincoli prestazionali, integrazione con altri sistemi interni ed esterni, ecc.); specifica delle interfacce utente (layout delle principali schermate utente, ecc.); descrizione del prototipo, nei casi in cui questo sia previsto. Il livello di completezza richiesto deve essere tale da: consentire l approvazione delle funzionalità da parte di LI e dell utente; consentire la produzione del piano dei test senza necessità di ulteriori approfondimenti; consentire lo svolgimento delle successive fasi di Definizione delle specifiche tecniche e Realizzazione software; consentire la misurazione in Function Point del volume di software da sviluppare e/o da modificare; garantire la tracciabilità con quanto descritto nelle Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali e nelle Specifiche di architettura applicativa e basi dati. Devono essere garantiti il riscontro e la corrispondenza dei contenuti delle Specifiche funzionali del software con le Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali e le Specifiche di architettura applicativa e basi dati. 3.4 Specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni Questa documentazione riguarda eventuali scambi di dati attraverso flussi informativi (regole tecniche) tra applicazioni o tra queste e le applicazioni di altri organismi, enti o strutture. Essa deve contenere almeno le seguenti informazioni: descrizione del contesto organizzativo e tecnico; tecnologia impiegata; scopo e funzionalità espresse dal servizio; tracciati record in input ed in output; dizionario dei dati impiegati; algoritmi particolari impiegati; controlli, messaggistica ed azioni collegate. Devono essere garantiti il riscontro e la corrispondenza dei contenuti delle Specifiche di interfaccia dei servizi verso i sistemi informativi esterni con le Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali, le Specifiche di architettura applicativa e basi dati e le Specifiche funzionali del software. 3.5 Piano dei test di sviluppo Il Piano dei test di sviluppo è un prodotto della attività di Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo della fase di Progettazione finalizzato alla descrizione delle modalità, degli ambienti e delle responsabilità per i test delle componenti software realizzate. Questo documento accompagna ogni Intervento lungo tutto il ciclo di vita, ed è pertanto un documento che evolve nel tempo. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 14 di 20

15 Devono essere garantiti il riscontro e la corrispondenza dei contenuti del Piano dei test di sviluppo con le Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali, Specifiche di architettura applicativa e basi dati, Specifiche funzionali del software e Specifiche tecniche del software. 3.6 Checklist di sviluppo La Checklist di sviluppo è un prodotto della attività di Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo della fase di Progettazione. La Checklist di sviluppo contiene l elenco dei test da effettuare su una componente software secondo le modalità descritte nel Piano dei test di sviluppo. 3.7 Piano dei test e checklist di collaudo con RL Il Piano dei test e checklist di collaudo con RL viene prodotto solo nei casi in cui Regione Lombardia richieda a LI un evidenza del piano dei test in anticipo rispetto alle realizzazione del software. I contenuti di questo documento provengono dal Piano dei test di sviluppo e dalle relative Checklist di sviluppo. 3.8 Specifiche tecniche del software Le Specifiche tecniche del software approfondiscono gli aspetti architetturali, funzionali e di interfaccia delle componenti software da progettare. I documenti prodotti contengono una specifica in cui le funzionalità sono trasformate ed organizzate in componenti software. La documentazione di ogni componente software comprende i seguenti aspetti: descrizione delle funzioni espletate; tipologia (on-line, batch, ecc.); indicazioni sulla riutilizzabilità del componente; parametri scambiati con altri componenti; parametri di attivazione; accessi agli archivi/base dati; controlli e diagnostica; algoritmi di calcolo per ciascuna entità. Tali descrizioni sono di norma accompagnate da modelli dell applicazioni software da produrre. La rappresentazione di tali modelli avviene in UML sotto forma di: Class diagrams; Sequence e collaboration diagrams; Data flow diagrams; State e activity diagrams. Qualora applicabile, le specifiche tecniche devono comprendere la descrizione delle soluzioni di modellazione transitorie e il percorso per il raggiungimento del target. Devono essere garantiti il riscontro e la corrispondenza dei contenuti delle Specifiche tecniche del software con le Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali, le Specifiche di architettura applicativa e basi dati e le Specifiche funzionali del software. 3.9 Specifiche di dettaglio della base dati Le specifiche di dettaglio della base dati descrivono gli aspetti implementativi della base dati di riferimento per la realizzazione software. Esse comprendono: Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 15 di 20

16 Il modello fisico della struttura della base dati; La definizione degli aspetti prestazionali legati all accesso della base dati; I criteri per il dimensionamento dello spazio fisico e la pianificazione della crescita della base dati; Le necessità di caricamento iniziale o di conversioni della base dati; Aspetti organizzativi legati alla necessità di aggiornamento del database delle codifiche di LI. Nei casi critici, per dimensioni delle basi dati e/o frequenza di utilizzo, deve essere indicata la frequenza prevista per il tipo d uso che la componente fa degli archivi/basi dati, le frequenze totali per tipo d uso relative a ciascun archivio/tabella della base dati, le frequenze totali per tipo d uso per ciascun componente. Per quanto riguarda il caricamento iniziale dei dati, dovranno essere indicati: gli archivi fisici/basi dati da dove prendere i dati e il loro tracciato; i tracciati dei dati da caricare manualmente; le relazioni tra archivi fisici/basi dati e schemi logici; i volumi trattati, con dettaglio sulla occupazione di memoria e spazio disco; le modalità di inizializzazione degli archivi/basi dati; eventuali regole di trasformazione dalla base dati di partenza a quella di arrivo. Deve comunque essere garantita la tracciabilità dei contenuti delle specifiche di dettaglio della base dati con le Specifiche dei requisiti organizzativi, architetturali e funzionali, le Specifiche di architettura applicativa e basi dati, le Specifiche funzionali del software e le Specifiche tecniche del software Componenti software Le Componenti software sono il prodotto principale dell attività di Realizzazione del software e sono consegnate in formato codice sorgente. Per codice sorgente si intende genericamente l insieme degli oggetti software, realizzati o sottoposti a manutenzione, che sono soggetti ad esecuzione da parte di un compilatore (o analogo strumento di program preparation ) o di un interprete (es. job control program, query manager ), a titolo esemplificativo e non esaustivo quindi: codice nei diversi linguaggi di programmazione; tracciati e definizioni dati; schermi di input/output; pagine web; procedure; job; query; script (anche gli script relativi ai test automatizzati); utility di creazione/modifica/aggiornamento dati. Fanno parte del codice sorgente le procedure di consegna e trasferimento oggetti per gli ambienti di Configuration Management (esempio: script Maven), nonché le procedure di creazione delle tabelle ed i relativi job di caricamento dati (per intero DB e/o porzioni secondo criteri definiti) per gli ambienti di sviluppo, test, pre-produzione e produzione. Fanno parte del codice sorgente, inoltre, l help on-line e l eventuale manualistica on-line, nonché l eventuale codice di test. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 16 di 20

17 Per le applicazioni distribuite il codice sorgente dovrà comprendere anche il codice per la distribuzione automatizzata. Tale codice dovrà comprendere: procedura di installazione (setup applicazione e/o patch); procedura di disinstallazione; parametri di configurazione dell ambiente su cui l applicazione si deve installare. Il codice sorgente di nuova realizzazione (anche nuovo codice all interno di programmi preesistenti) dovrà essere redatto in conformità agli standard LI, ove previsti, e comunque sempre secondo le indicazioni presenti nella documentazione ufficiale dei linguaggi utilizzati. Non è consentito l uso di istruzioni (o funzioni) proprietarie o caratteristiche di singole piattaforme. I richiami, dall interno dei programmi, dei vari sottosistemi (transaction monitor, data base, rete, ecc.) dovrà avvenire tramite comandi o interfacce standard disponibili nei singoli linguaggi/prodotti utilizzati. Si richiama inoltre l attenzione al rispetto, nella stesura del codice, agli standard in vigore, sia per formalismi di redazione, sia per l adozione dei prodotti individuati da LI. Gli oggetti software necessari alla predisposizione degli ambienti (test, integrazione, esercizio, ecc.) dovranno essere consegnati almeno tre giorni prima dello scadere del termine previsto per la consegna del codice sorgente Software release notes Ogni consegna di software del Fornitore deve essere accompagnata dal documento di Software release notes (Note di Rilascio), redatto secondo lo standard che sarà comunicato da LI. Tale documentazione documenta completamente il software consegnato in termini di: contenuti della release, espressi in codici e descrizioni di requisiti/anomalie che hanno indotto le realizzazioni richieste; i contenuti devono essere organizzati per: nuove funzionalità; malfunzionamenti risolti; recupero di limiti noti; funzionalità previste e non rilasciate; malfunzionamenti noti presenti nella release; prerequisiti/configurazioni necessari per l esecuzione nell ambiente operativo previsto; procedure di gestione/installazione Checklist di sviluppo (nuova versione) Come descritto al par.3.6, la Checklist di sviluppo è un prodotto della attività di Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo della fase di Progettazione. Al termine dell attività di Realizzazione del software, tuttavia, per ogni Componente software consegnata viene prodotta una nuova versione della Checklist di sviluppo, come raffinamento di quella definita al momento della pianificazione dei test Codice di test Il codice di test (casi di test, script, set up dati di prova, ecc.) relativo agli interventi di sviluppo, dovrà essere consegnato come parte integrante della fornitura, come prodotto dell attività di Realizzazione software, per essere catalogato e riusato nell ambito delle attività di manutenzione. Nel caso di manutenzione su applicazioni per le quali sia stato già prodotto il codice Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 17 di 20

18 di test, questo dovrà essere riutilizzato, aggiornato e riconsegnato a fronte dell intervento di manutenzione effettuato Documenti per la predisposizione della manualistica utente e dei documenti di gestione La documentazione rivolta all utente finale delle applicazioni è composta dal Manuale utente e dall help on line. L attività di Realizzazione del software deve sempre prevedere, come prodotto di fase, non già il manuale utente finale, bensì un documento di contenuti applicativi che consenta ad altri gruppi specialistici la redazione del manuale utente finale. Analogamente, l attività di Realizzazione del software deve sempre prevedere, come prodotto di fase, non già il manuale operativo finale, bensì un documento di contenuti tecnici che consenta alla Direzione Tecnologie e Servizi di LI la redazione del manuale operativo finale (cfr. Documenti per la predisposizione della manualistica utente, Tabella 1). Nel seguito vengono fornite le sintesi dei contenuti di Manuale utente, Help on line e Manuale operativo Manuale utente Il manuale utente deve fornire una descrizione generale dell applicazione e una guida all utilizzo delle singole funzionalità utilizzabili. La descrizione deve contemplare: la tipologia di utenza cui è destinata e le funzioni abilitate a ciascuna tipologia; gli eventuali flussi di dati scambiati con altri sistemi informativi o con specifiche tipologie di utenze; le modalità di attivazione e chiusura della sessione di lavoro ; descrizione delle funzioni e della navigazione tra di esse; la spiegazione dettagliata dell uso delle singole funzioni di interfaccia utente (comprensiva della funzione di richiamo dell help); qualora pertinente, la descrizione degli algoritmi di calcolo utilizzati; la descrizione dei contenuti degli output della applicazione (es. stampe). La descrizione delle funzionalità disponibili deve essere completata dell elenco di tutti i codici d errore previsti, della messaggistica ad essi associata e delle azioni da intraprendere a fronte di ciascuna segnalazione. Nel caso in cui l applicazione preveda un utilizzo diretto dei dati da parte dell utente, deve essere inserita anche la descrizione dettagliata della struttura dei dati interessati Help on line Le applicazioni interattive prevedono le funzioni di help on line, anch esso prodotto dell attività di Realizzazione del software Manuale operativo Il Manuale operativo è lo strumento necessario alle strutture preposte all installazione ed esercizio dell applicazione. È un manuale rivolto a personale tecnico. Tale manuale dovrà essere corredato di uno schema riepilogativo contenente informazioni anagrafiche relative all applicazione, la dimensione e tipologia del DB, la dipendenza con altre applicazioni, i modelli di interfaccia, i tool utilizzati per lo sviluppo, ecc. Il documento dovrà esplicitare i parametri di personalizzazione dei prodotti, le modalità di attuazione dei livelli di protezione dei dati, le modalità di accesso al sistema e alle transazioni, le soluzioni tecniche necessarie alla realizzazione di tali modalità. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 18 di 20

19 Il documento deve contenere la descrizione delle attività di trasferimento ed installazione in ambiente di pre-produzione e produzione Risultati dei test di componente Il documento Risultati dei test di componente contiene i risultati dei test effettuati nell attività di test delle componenti, sulla base di una Checklist di sviluppo. Ogni consegna di software del Fornitore dovrà essere accompagnata dal documento di Risultati dei test di componente Release notes di Sviluppo Sulla base delle Software release notes associate ad ogni singola consegna di software, ed integrando i contenuti in queste presenti, al termine dell attività di Test di accettazione, LI redige le Release notes di Sviluppo, che consentono di documentare completamente i contenuti del software per la successiva attività di Integrazione tecnica. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 19 di 20

20 4 ULTERIORE DOCUMENTAZIONE 4.1 Misurazione in Function Point Le misure in FP prodotte dal Fornitore nei vari momenti previsti dai modelli di erogazione dovranno essere consegnate secondo quanto previsto nel documento All.1.2 Metodologia e Linee Guida di misura dei Function Point. 4.2 Documentazione delle procedure batch La documentazione delle procedure off line (batch, job, stored procedure, script, ecc.) è destinata ai gruppi di gestione sistemi quale supporto alle loro attività ordinarie. Tale documentazione deve comprendere: elenco di tutti i componenti che la costituiscono (job, stored procedure, ecc.); diagramma di flusso dei componenti (flow chart); matrice componenti/base dati; per ogni componente, parametri da fornire in input per l esecuzione, l elenco di tutti gli output e del loro significato (file, stampe, ecc.), l elenco dei codici di errore, vincoli fisici di schedulazione e le istruzioni operative in caso di malfunzionamento (es. job di recovery, possibilità di eliminazione, ecc.); gli eventuali flussi di dati scambiati con altri sistemi informativi o con specifiche tipologie di utenze; le modalità di attivazione e chiusura della sessione di lavoro ; descrizione delle funzioni e della navigazione tra di esse; qualora pertinente, la descrizione degli algoritmi di calcolo utilizzati. La descrizione delle funzionalità disponibili deve essere completata dell elenco di tutti i codici d errore previsti, della messaggistica ad essi associata e delle azioni da intraprendere a fronte di ciascuna segnalazione. 4.3 Convalida sulla tecnologia Ogni intervento, modifica o personalizzazione di applicazioni che faccia uso di specifiche ed individuate tecnologie/prodotti (come riportati nel Piano della qualità dell Appalto Specifico) dovrà produrre, oltre a quanto specifico dell intervento e documentato nell ambito dei deliverable delle varie fasi, un documento attestante la conformità di quanto realizzato / modificato / personalizzato alle indicazioni del produttore della tecnologia / prodotto stesso. Tale documento dovrà esplicitare: il nome e la release dei prodotti utilizzati; i puntuali riferimenti (manualistica, best practices, indicazioni specifiche, ecc.) su cui è stata basata la realizzazione; la dichiarazione di utilizzo dei prodotti secondo le specifiche valide per le release indicate. Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 20 di 20

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Dizionario delle Forniture ICT

Dizionario delle Forniture ICT Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale operativo Dizionario delle Forniture ICT Classe di Fornitura Gestione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Capitolato Tecnico COOPERAZIONE APPLICATIVA SIA-AFIS SOMMARIO

Capitolato Tecnico COOPERAZIONE APPLICATIVA SIA-AFIS SOMMARIO CAPITOLATO TECNICO SVILUPPO SOFTWARE PER LA COOPERAZIONE APPLICATIVA TRA IL SIA E L APFIS PER LA CONDIVISIONE DELLA PROCEDURA DI ACQUISIZIONE DELLE IMPRONTE DIGITALI SOMMARIO 1 PREMESSA... 5 2 OGGETTO

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Unico. Completo. Compatibile. highlights unico CELOS di DMG MORI dall idea al prodotto finito. Le APP CELOS consentono all utente di gestire, documentare e

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli