1. TEST FUNZIONALI O TEST GENETICI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. TEST FUNZIONALI O TEST GENETICI?"

Transcript

1 RUOLO E LIMITI DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO ROUTINARIA PER IL RISCHIO TROMBOTICO (TEST FUNZIONALI E GENETICI): PREDITTIVITA E AFFIDABILITA DEI TEST Cristina Legnani 1, Armando Tripodi 2, Daniela Tormene 3 1 Laboratorio Specialistico di Coagulazione, U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli, Policlinico S. Orsola Malpighi, Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna; 2 Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, Università degli Studi di Milano; 3 Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Clinica Medica 2, Azienda Ospedaliera Università di Padova 1. TEST FUNZIONALI O TEST GENETICI? Le alterazioni trombofiliche possono essere congenite [difetti degli inibitori fisiologici della coagulazione, mutazione R506Q del Fattore V (FV) Leiden, mutazione G20210A della protrombina], miste (iperomocisteinemia) o acquisite [Lupus Anticoagulant (LAC), anticorpi antifosfolipidi)]. Numerose sono le mutazioni geniche che sottendono ai difetti eredofamiliari degli inibitori fisiologici [Antitrombina (AT), Proteina C (PC) e Proteina S (PS)] [1-3]: a scopo diagnostico è quindi impossibile eseguire l analisi del DNA per verificarne la presenza. Per questa ragione la diagnosi di difetto degli inibitori fisiologici viene eseguita attraverso l analisi del fenotipo, ovvero la misurazione dei livelli degli inibitori stessi. In caso di riscontro di riduzione dei livelli, il risultato deve essere comunque confermato in un secondo controllo e deve essere esclusa la presenza di condizioni associate a riduzioni acquisite. Per fare diagnosi di difetto eredofamiliare è indispensabile identificare la stessa alterazione in almeno un altro consanguineo. Per quanto riguarda la mutazione R506Q FV Leiden, è possibile discriminare tra soggetti portatori e non di questa mutazione tramite l impiego di un test funzionale coagulativo, detto test di resistenza alla Proteina C attivata (PCa). Va ricordato che un dato alterato di questo test deve però sempre essere seguito dall analisi del DNA per verificare la presenza della mutazione stessa [4]. Al contrario, non esiste per la mutazione G20210A della protrombina un analogo test funzionale di screening. Questa mutazione è, in realtà, associata ad aumento dei livelli della protrombina ma data la notevole sovrapposizione dei livelli della protrombina in soggetti portatori e non portatori della mutazione [5] questo dosaggio non può essere utilizzato come test per identificare i soggetti che con maggiore probabilità potrebbero essere portatori della mutazione. L iperomocisteinemia è invece una condizione mista; i determinanti dei livelli dell omocisteina sono infatti sia tipo ambientale che genetico. Diverse mutazioni e polimorfismi a carico dei geni che codificano per i numerosi enzimi coinvolti nel metabolismo dell omocisteina sono associate ad aumentati livelli [cistationina betasintetasi, metilen-tetra-idrofolato-reduttasi (MTHFR), metionina sintetasi e gli enzimi coinvolti nel metabolismo della vitamina B12]. In particolare, la ricerca della forma omozigote TT del polimorfismo C677T della MTHFR, ad alta prevalenza nelle popolazioni caucasiche (oltre il 10%), è spesso inserita nello screening trombofilico. In realtà è stato osservato che questo polimorfismo può essere associato ad aumento dei livelli dell omocisteina in soggetti con basso livello di acido folico, anche se non è stato dimostrato che esso rappresenti per se un fattore di rischio per trombosi [6]. Quindi non è né consigliabile né necessario eseguire la ricerca di questo e altri polimorfismi a carico dei

2 geni che codificano per gli enzimi coinvolti nel metabolismo dell omocisteina. La misura dell omocisteina plasmatica è di per se sufficiente per identificare i soggetti a rischio. 2. PROBLEMI LEGATI ALLA FASE PRE-ANALITICA La maggior parte delle variabili pre-analitiche che influenzano la qualità dei risultati dei test per la ricerca di alterazioni trombofiliche sono le stesse osservate per gli altri test dell emostasi. Per ottenere un campione di buona qualità, si raccomandano le seguenti procedure: uso di sodio citrato alla concentrazione di M come anticoagulante; esecuzione del prelievo con minima stasi e scarto dei primi 2-3 ml di sangue (per evitare contaminazioni con fluidi tessutali); uso di aghi 19- o 21-gauge (per evitare prelievi indaginosi e quindi conseguente attivazione); sangue immediatamente e delicatamente mescolato all anticoagulante (per evitare coagulazione del prelievo); centrifugazione entro 4 ore dell esecuzione del prelievo e conservazione del sangue a temperatura ambiente controllata (18-21 C) (per evitare perdita di sostanze termolabili e attivazione da freddo); centrifugazione a 2000g per 15 min (per eliminare piastrine o frammenti piastrinici; nel caso della ricerca del LAC è indispensabile la doppia centrifugazione); conservazione dei campioni in provette di plastica tappate (per evitare perdita di CO 2 e conseguente modificazione del ph), congelamento rapido (meglio se in azoto liquido), conservazione a 70 C e scongelamento rapido prima dell analisi. L ispezione del prelievo da parte del personale addetto è fondamentale in quanto campioni itterici, emolizzati, iperlipemici o coagulati non sono idonei (tutte queste condizioni possono interferire pesantemente sul risultato dei test); l ispezione inoltre consente di identificare campioni con basso/alto ematocrito e quindi aggiustare la quantità di sodio citrato usato come anticoagulante. Per quanto riguarda l omocisteina in genere si usa EDTA come anticoagulante, ma si può usare anche il citrato. Va tenuto presente che l omocisteina è contenuta nei globuli rossi e da essi può essere rilasciata nel plasma, così che il suo livello può continuare ad aumentare (fino al 10% per ora a temperatura ambiente) dopo la raccolta dei campioni se il plasma non viene subito separato dalla parte corpuscolata. Se non è possibile eseguire una centrifugazione immediata dei campioni, è consigliabile mantenere i campioni in ghiaccio e separare il plasma entro 1 ora. Generalmente è raccomandato di eseguire il prelievo a digiuno (indispensabile per l omocisteina) o dopo leggera colazione. 3. ANTITROMBINA L AT è un inibitore fisiologico della coagulazione a sintesi epatica. In particolare inibisce il Fattore X attivato (FXa) e la trombina Quali metodi Per il dosaggio della AT è raccomandato l impiego di metodi funzionali basati sull impiego di substrati cromogenici che misurano l attività dell AT come cofattore dell eparina, i soli in grado di identificare tutti i tipi di difetti [tipo I (riduzione della proteina) e tipo II (produzione di proteina disfunzionale) [7]. Questi metodi possono utilizzare come enzima target il FXa o la trombina. E stato osservato che test che impiegano il FXa consentono una più agevole discriminazione tra portatori e non portatori di difetti eredofamiliari rispetto a quelli basati sull uso della trombina [8]; questo perché i metodi che impiegano trombina possono risentire dell effetto del cofattore eparinico II (HCII), che è in grado di inibire la trombina ma non il FXa; è stato però osservato che l interferenza dovuta all HCII è minima se si impiega trombina bovina al posto di trombina umana. D altra parte sono stati descritti rari difetti di

3 AT di tipo II identificabili solo attraverso l uso di metodi che impiegano la trombina [9]. Poiché però le discrepanze tra i due metodi, riportate in letteratura, sono rare non sembra indispensabile eseguire entrambi i test in fase di screening [4] Riproducibilità dei metodi I risultati dei diversi programmi di valutazione esterna di qualità attualmente disponibili hanno dimostrato che tra i test per la trombofilia il dosaggio della AT è il meno problematico e il più riproducibile. I coefficienti di variazione (CV) inter-laboratorio sono in genere compresi tra il 5% e il 10%, con una percentuale (%) di errori diagnostici (ED, falsipositivi o falsi-negativi), inferiore al 5% [10-13]. Come atteso, i CV più alti e la più alta probabilità di ED sono stati registrati per i campioni con livello di AT ai limiti inferiori della norma [13] Intervalli di riferimento Nell adulto l intervallo di riferimento dell AT è abbastanza stretto (generalmente compreso tra 80 e 120%) [14]. Non sono state evidenziate differenze significative rispetto al sesso anche se i livelli di AT sono leggermente più bassi nelle donne in pre-menopausa rispetto agli uomini di pari età [14]. I livelli sono invece significativamente più bassi nel neonato, raggiungendo il livello dell adulto solo dopo 1 anno di età; i livelli sono inoltre generalmente più alti rispetto all adulto fino a 16 anni di età [15]. I livelli diminuiscono invece dopo la menopausa, ma non sembra che questo influisca in modo significativo sull intervallo di riferimento [14] Interferenze I metodi che impiegano trombina determinano una sovrastima dei livelli di AT in pazienti trattati con inibitori diretti della trombina (es. irudina) e quindi non devono essere utilizzati [16] Alterazioni acquisite Una marcata riduzione dei livelli di AT si può osservare per ridotta sintesi (ridotta funzionalità epatica, malnutrizione, estese ustioni, malattie infiammatorie intestinali) o per aumentato consumo [fase acuta di un processo trombotico, coagulazione intravascolare disseminata (CID), reazione emolitica da trasfusione, tumori, terapia con L-asparaginasi, sindrome nefrosica] [7, 17]. Una modesta riduzione dei livelli di AT è stata dimostrata durante il trattamento ormonale specialmente con l uso di pillole di terza generazione [14, 18]. Non sono state invece dimostrate variazioni significative durante la gravidanza [14, 19]. Diminuzioni significative dei livelli sono state osservate durante il trattamento prolungato con eparina [7]. In soggetti con ridotta AT è consigliabile eseguire test di funzionalità epatica per escludere la carenza acquisita Quando eseguire i test E preferibile non eseguire il dosaggio della AT durante la fase acuta di un processo trombotico o dopo un intervento chirurgico. Il test dovrebbe essere eseguito dopo almeno 5 giorni dalla sospensione dell eparina. 4. PROTEINA C La PC è un inibitore fisiologico della coagulazione a sintesi epatica vitamina K dipendente. In particolare inibisce le forme attivate del FV e del Fattore (FVIII).

4 4.1. Quali metodi La determinazione dei livelli di PC viene eseguita attraverso l impiego di metodi funzionali in quanto sono i soli in grado di identificare sia i difetti di tipo I che quelli di tipo II. Questi metodi possono essere di tipo coagulativo (in genere basati su un aptt modificato), o cromogenici, tramite l impiego di substrati sintetici. In linea generale l impiego di metodi coagulativi sarebbe preferibile in quanto questi riproducono meglio in vitro le condizioni di attivazione che si verificano in vivo; d altra parte è stato dimostrato che questi metodi possono produrre risultati falsamente ridotti in presenza di altre condizioni, quali aumento dei livelli di FVIII [20], presenza della mutazione R506Q FV Leiden [21]; la presenza di LAC può invece essere associata a livelli falsamente ridotti o aumentati [22]. A scopo di screening sembrano quindi preferibili i metodi cromogenici, in quanto più semplici, riproducibili e specifici [23] anche se non in grado di identificare rari difetti di tipo II (prevalenza circa 1% di tutti i difetti), caratterizzati da una alterazione del sito della PC che interagisce con i substrati (FV e FVIII), la PS, i fosfolipidi e gli ioni calcio [24, 25] Riproducibilità dei metodi I risultati dei programmi di valutazione esterna di qualità hanno dimostrato, per il dosaggio della PC, CV inter-laboratorio intermedi, in genere inferiori al 10%, con un ED inferiore al 10% [10-13]. CV ed ED sono risultati significativamente più alti per i metodi coagulativi, specialmente in campioni con mutazione R506Q FV Leiden [11, 12, 26]. Anche in questo caso, i più alti CV e la più alta probabilità di ED sono stati registrati per i campioni con livello di PC ai limiti inferiori della norma [13] Intervalli di riferimento E stata dimostrata un importante sovrapposizione tra i livelli di PC misurati in soggetti portatori e non portatori di difetto eredofamiliare [27]; di conseguenza l intervallo di riferimento risulta piuttosto ampio (60-140%). Sono state dimostrate differenze significative dei livelli di PC in relazione all età (valori più bassi nei giovani) e al sesso [14], in parte dovuti ai livelli dei trigliceridi [28]. I livelli di PC sono sensibilmente ridotti nel neonato e nei bambini (20-30%) e aumentano con l età, raggiungendo valori simili a quelli dell adulto nell adolescenza [15]. Valori significativamente aumentati si osservano nelle donne dopo la menopausa Interferenze Come già riportato al paragrafo 4.1. risultati non attendibili possono essere ottenuti con l impiego di test coagulativi in soggetti con alti livelli di FVIII, presenza della mutazione R506Q FV Leiden, presenza di LAC Alterazioni acquisite Ridotti livelli di PC possono essere presenti in caso di ridotta sintesi (ridotta funzionalità epatica, in corso di terapia anticoagulante orale o in caso di ridotta assunzione o assorbimento di vitamina K) o per aumentato turnover (CID, insufficienza renale, durante la fase acuta di un processo trombotico, nel periodo post-operatorio, ARDS, plasma exchange, emorragia massiva) [29]. Un aumento dei livelli della PC si può osservare durante la gravidanza [29], in corso di trattamento ormonale [18] e in pazienti con sindrome nefrosica, diabete e cardiopatia ischemica. Non è noto se l aumento dei livelli di PC osservato nelle circostanze sopraindicate abbia un qualche significato clinico, se non per il fatto che può mascherare la presenza di un difetto di PC [29]. In soggetti con ridotta PC è consigliabile eseguire test di funzionalità epatica ed escludere l assunzione di farmaci anticoagulanti o presenza di LAC.

5 4.6. Quando eseguire i test E preferibile non eseguire il dosaggio della PC durante la fase acuta di un processo trombotico o dopo un intervento chirurgico. Il test dovrebbe essere eseguito dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale. Non è consigliabile eseguire il dosaggio durante la gravidanza o in corso di terapia ormonale, in quanto l aumento della PC associata a queste condizioni può mascherare la presenza di un eventuale difetto. 5. PROTEINA S La PS è una proteina vitamina K dipendente sintetizzata nel fegato, megacariociti e cellule endoteliali. Circa il 60% della PS è legato al C4b Binding Protein (C4bBP) e in questa forma la PS è funzionalmente inattiva; la forma non legata al C4bBP (PS libera) agisce invece come cofattore della PC attivata ed è indispensabile per l attività anticoagulante di quest ultima Quali metodi In teoria, per il dosaggio della PS dovrebbero essere utilizzati metodi funzionali che misurano l attività della PS libera come cofattore della PC attivata nella degradazione dei fattori Va e VIIIa. Questi metodi però, di tipo coagulativo, si sono dimostrati poco specifici soprattutto a causa della importante interferenza dovuta alla presenza della mutazione R506Q FV Leiden [30, 31], ma anche in caso di presenza di LAC e aumento del FVIII (metodi coagulativi basati sull aptt) o presenza di Fattore VII attivato (metodi coagulativi basati sul PT). Per questa ragione e fino a quando non saranno disponibili metodi funzionali più specifici, si preferisce come test di screening l uso di metodi immunologici che misurano i livelli della PS libera e non risentono delle suddette interferenze [4] Riproducibilità dei metodi I risultati dei programmi di valutazione esterna di qualità hanno dimostrato che il dosaggio della PS è il più problematico tra quelli per la trombofilia, con CV inter-laboratorio che possono arrivare al 40-50%, e con un alta % di ED (fino al 20%) [10-13, 32]. Come per il dosaggio della PC, CV e ED sono risultati significativamente più alti per i metodi coagulativi, specialmente in campioni con mutazione R506Q FV Leiden [11, 12, 26]. I CV più alti e la più alta probabilità di ED sono stati registrati per i campioni con livello di PS ai limiti inferiori della norma ma anche per campioni con basso livello di PS, specialmente con l uso di metodi coagulativi [13] Intervalli di riferimento L intervallo di riferimento della PS risulta piuttosto ampio, con limite inferiore intorno al 60%. I livelli sono lievemente più alti negli uomini rispetto alle donne in età fertile. I livelli aumentano invece dopo la menopausa; nell uomo invece non state evidenziate variazioni con l età. I livelli sono significativamente ridotti nei neonati (intorno al 30%) ma aumentano a livello di quelli dell adulto dopo 1 anno di età Interferenze Come già riportato al paragrafo 5.1. risultati non attendibili possono essere ottenuti con l impiego di test funzionali coagulativi in soggetti portatori della mutazione R506Q FV Leiden, in caso di presenza di LAC, aumento del FVIII o presenza di Fattore VIIa.

6 5.5. Alterazioni acquisite Ridotti livelli di PS si possono osservare per ridotta sintesi (ridotta funzionalità epatica, in corso di terapia anticoagulante orale, in caso di ridotta assunzione o assorbimento di vitamina K) e per aumentato turnover (CID). Poiché il C4bBP è una proteina della fase acuta, in tutte le condizioni ove si verifichi un aumento del C4bBP si osserva un aumento della PS legata al C4bBP con conseguente parallela riduzione della PS libera e della sua attività (fase acuta di un processo trombotico, periodo post-operatorio, ecc) [33]. I livelli si riducono in modo significativo durante la gravidanza e in corso di terapia ormonale, specialmente con l impiego di pillole di terza generazione [18]. In soggetti con ridotta PS è consigliabile eseguire test di funzionalità epatica ed escludere l assunzione di farmaci anticoagulanti e la presenza del LAC Quando eseguire i test E preferibile non eseguire il dosaggio della PS durante la fase acuta di un processo trombotico, dopo un intervento chirurgico e in tutte le situazioni che sono associate ad aumento delle proteine della fase acuta. Il test dovrebbe essere eseguito dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale. Non è consigliabile eseguire il test durante la gravidanza e in corso di terapia ormonale, in quanto la riduzione della PS associata a queste condizioni può essere causa di errori diagnostici. 6. RESISTENZA ALLA PROTEINA C ATTIVATA L aggiunta di PCa ad un plasma normale determina un allungamento dei tempi di coagulazione, per effetto della inibizione del FVa e del FVIIIa. In alcuni soggetti questo allungamento non si registra o è minore rispetto a quanto atteso, da cui il termine di resistenza alla PCa. In oltre il 90% dei casi un alterato test di resistenza è dovuto alla presenza della mutazione R506Q FV Leiden. Altre mutazioni o polimorfismi sono stati descritti in letteratura (aplotipo HR2, FV Cambridge) [34, 35]. Secondo alcuni studi la presenza di una resistenza alla PCa in assenza della mutazione R506Q FV Leiden è un fattore di rischio per tromboembolismo venoso (33-34). 6.1.Quali metodi Tra i test di prima generazione, quello più comunemente usato per valutare la resistenza alla PCa è basato sull aptt, che viene eseguito in presenza e assenza di PCa [36]. Numerose fonti di variabilità sono state descritte per questi metodi (contaminazione del plasma con piastrine, presenza di piastrine attivate, uso di plasma fresco o congelato, tipo di strumento utilizzato, concentrazione della PCa e di ioni calcio, tipo di reagente, ecc) [23]. E stato dimostrato che i test di prima generazione basati sull aptt non forniscono risultati attendibili in pazienti con un prolungamento dell aptt basale (per terapia anticoagulante orale, difetto di fattori coagulativi, presenza di LAC, presenza di eparina) [7]. A causa delle numerose interferenze questi test presentano un ampio range di sensibilità (50-90%) e specificità (75-98%) per la mutazione R506Q FV Leiden [23]. Recentemente si sono resi disponibili anche test basati su principi diversi dall aptt (PT, Fattore X attivato, uso di veleni di serpenti come il veleno di vipera Russell, generazione di trombina) [4] che sembrano risentire meno delle soprariportate interferenze. I test di seconda generazione prevedono una pre-diluizione del campione con un plasma carente di FV; questa modifica permette l esecuzione del test anche nel caso in cui l aptt di base sia prolungato per la terapia anticoagulante orale o per carenza di fattori. Questa modifica consente inoltre di aumentare significativamente la specificità di questi test per la presenza della mutazione R506Q FV Leiden, che risulta così prossima al 100% [37-39]. Rimane invece irrisolto il problema delle interferenze dovute alla presenza di LAC; in

7 soggetti con LAC si sconsiglia quindi di eseguire il test di resistenza e passare direttamente all analisi genetica per la ricerca della mutazione R506Q FV Leiden [40]. Data la minore specificità, i test di prima generazione rispetto a quelli di seconda generazione hanno il vantaggio di identificare condizioni di resistenza alla PCa acquisite (es. aumento FVIII, o del FII) o comunque dovute a polimorfismi o mutazioni diverse dalla mutazione R506Q FV Leiden (aplotipo HR2, FV Cambridge). Va tenuto presente che la presenza di una resistenza alla PCa, anche in assenza della mutazione R506Q FV Leiden, è associata a significativo aumento del rischio di tromboembolia venosa, [34, 35] [41]. I risultati del test di resistenza alla PCa sono generalmente espressi in rapporto (tempo di coagulazione del campioni in presenza/assenza di PCa). Era stato suggerito che l espressione dei risultati come rapporto normalizzato (rapporto del campione/rapporto di un pool di plasmi normali) potesse ridurre la variabilità di questi metodi [42]. In realtà non sembra che la normalizzazione migliori la riproducibilità e il potere di discriminazione per la mutazione R506Q FV Leiden; al contrario l impiego nella normalizzazione di un pool di plasmi normali preparato utilizzando campioni di soggetti portatori della mutazione R506Q FV Leiden può interferire sul risultato del test [43] Riproducibilità dei metodi I risultati dei programmi di valutazione esterna di qualità hanno dimostrato, per il test di resistenza alla PCa, CV inter-laboratorio intermedi, in genere inferiori al 20%, con un ED normalmente inferiore al 5%, però largamente dipendente dal tipo di test utilizzato [11-13, 44-46]. Sono stati registrati CV più bassi per metodi che usano la pre-diluizione con plasma carente di FV (CV < 15% vs CV fino a 40% per i metodi senza pre-diluizione) [11]. La % di ED è risultata più alta per i metodi basati su l aptt [11]. In generale, sembra che i metodi basati sull impiego del veleno di vipera Russell (anche se eseguiti senza prediluizione con plasma carente di FV) siano migliori nel discriminare soggetti portatori della mutazione R056Q FV Leiden rispetto ai metodi basati sull aptt [47] Interferenze Come già riportato al paragrafo 6.1. i test di prima generazione non forniscono risultati attendibili in soggetti con aptt allungato (carenza di fattori, presenza di LAC, terapia anticoagulante). I test di seconda generazione possono invece essere eseguiti in soggetti con aptt prolungato (per carenza di fattori) e anche in corso di terapia anticoagulante; non è invece consigliabile il loro impiego in soggetti LAC-positivi Alterazioni acquisite Numerose sono le condizioni associate ad alterazione acquisita del test di resistenza alla PCa (aumento di FVIII, del Fattore XII, del Fattore II e FX) [23]. In particolare, il test risulta alterato durante la gravidanza e in corso di terapia ormonale [23], soprattutto con pillole di terza generazione [18]. Queste interferenze sono particolarmente marcate se si impiegano test di prima generazione, è però prudente, anche con l uso di test di seconda generazione, eseguire anche un PT e un aptt [7, 23] Quando eseguire i test E preferibile non eseguire il test di resistenza alla PCa durante la fase acuta di un processo trombotico, dopo un intervento chirurgico e in tutte le situazioni che sono associate ad aumento delle proteine della fase acuta (interferenza dovuta ad aumento del FVIII). I test di prima generazione dovrebbero essere eseguiti dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale. E sconsigliabile eseguire il test in corso di gravidanza e terapia ormonale.

8 7. MUTAZIONE R506Q FATTORE V LEIDEN E MUTAZIONE G20210A PROTROMBINA In presenza della mutazione R506Q FV Leiden il FV è resistente alla inattivazione operata dalla PCa [48], e come già riportato, questo produce un mancato/ridotto allungamento dei test coagulativi a seguito dell aggiunta di PCa al plasma (fenomeno di resistenza alla PCa). La mutazione G20210A è invece associata ad un aumento dei livelli della protrombina plasmatica [49]. Mentre il test di resistenza alla PCa può essere utilizzato come test di screening per identificare i soggetti portatori della mutazione (vedi paragrafo 4), non esiste un analogo test di screening per la mutazione G20210A della protrombina Quali metodi La tecnica RFLP (Restriction Fragment Length Polymorphism Analysis) è il primo metodo messo a punto e si basa sul fatto che la presenza di una mutazione crea un nuovo sito di taglio per l enzima di restrizione; i frammenti di restrizione vengono separati mediante elettroforesi su gel d'agarosio. L analisi RFLP è un metodo robusto, sensibile, e non richiede strumenti automatici costosi [50, 51]. Tuttavia, poiché le numerose operazioni post-amplificazione (digestione con enzimi di restrizione ed elettroforesi su gel) richiedono tempo e impegno da parte del personale, l uso dell analisi RFLP è stato progressivamente sostituito da analisi più nuove che non utilizzano enzimi di restrizione [Amplification- Refractory Mutation System (ARMS); Single-Strand Conformational Polymorphism (SSCP); Allele Specific Oligonucleotide (ASO)] [50]. Anche queste metodiche sono però piuttosto impegnative per il personale, hanno costi elevati e non possono essere automatizzate. In molti laboratori clinici sono state quindi progressivamente sostituite da tecnologie più nuove, semi-automatiche e meno costose, che combinano l automazione con l amplificazione single-tube e la definizione della mutazione. In particolare, lo sviluppo della real-time PCR ha reso possibile analizzare un vasto numero di campioni in un tempo relativamente breve. Sebbene questa tecnica sia ampiamente applicata e sia una metodica robusta e rapida, le sue maggiori limitazioni sono i costi elevati dei reagenti e la necessità di una strumentazione dedicata [16, 50, 51]. La metodica Invader (Third Wave Tecnologies) non richiede PCR e si basa sull amplificazione lineare del segnale. Sebbene questa tecnologia abbia alcuni punti di vulnerabilità, quali la necessità di alte quantità di DNA di buona qualità, è una metodica rapida e accurata che, non richiedendo PCR, elimina problemi dovuti a contaminazione [16, 51, 52]. La tecnologia dei DNA microarray sta avendo un impatto sempre maggiore nella diagnostica molecolare; offre il vantaggio di analizzare in maniera automatizzata molti campioni contemporaneamente, usando piccole quantità di campioni e di reagenti; è però al momento attuale una tecnologia molto costosa [50, 51] Riproducibilità dei metodi Spesso i test sul DNA sono preferiti ai test fenotipici (test funzionali), poiché è generalmente ritenuto che questi test siano infallibili e quindi esenti da errore analitico e interpretativo. In realtà i risultati di alcuni programmi di valutazione esterna di qualità hanno dimostrato che l ED non è irrilevante (3-6%) [53-56]; l ED è risultato particolarmente alto per le forme omozigoti [15% nel caso della mutazione R506Q FV Leiden [55], e 17% per la mutazione G20210A della protrombina [54]]. Errori analitici e di trascrizione sembrano essere quelli più frequenti [53]; è stata inoltre registrata una % di ED più alta in caso di impiego di metodi non commerciali [54]. Non sembra inoltre che la % di ED si sia ridotta negli anni [55]. Questa scarsa performance è particolarmente preoccupante perché il test sul DNA genera, per sua natura, un senso di sicurezza e

9 induce a non ripetere la determinazione. In considerazione di questo fatto è raccomandabile riconfermare la positività per la mutazione su un secondo campione Interferenze I test sul DNA possono dare risultati inaccurati, nel caso in cui reagenti o campioni vengano contaminati con DNA estraneo. E quindi indispensabile mettere in atto tutte quelle procedure che riducono al minimo la probabilità di inquinamenti e contaminazioni (es. area pre- e post-pcr separate, uso di guanti e puntali con filtro, ecc.) [16]. 8. LUPUS ANTICOAGULANT E ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La presenza di LAC e/o degli anticorpi antifosfolipidi sono alterazioni trombofiliche acquisite, dovute alla comparsa di autoanticorpi diretti verso i fosfolipidi a carica negativa. La presenza di questi anticorpi si associa ad allungamento dei test coagulativi fosfolipidodipendenti (in particolare l aptt) Quali metodi LAC: a causa della impossibilità di identificare con un singolo test le diverse classi di LAC, i sottocomitati per standardizzazione dei metodi della Società Internazione di Trombosi ed Emostasi (ISTH), hanno stabilito che occorre eseguire almeno due test possibilmente basati su principi differenti (es. aptt, KCT, SCT, DRVVT). Nell ultima riunione (luglio 2008) dei sottocomitati per la standardizzazione dei metodi della Società Internazione di Trombosi ed Emostasi (ISTH) è stato raccomandato di utilizzare sempre un DRVVT e un altro metodo a scelta tra aptt, KCT o SCT; la positività anche di un solo test è sufficiente per la diagnosi. I sottocomitati hanno inoltre indicato una strategia diagnostica basata su tre criteri principali. Il primo impone che uno (o più) dei test fosfolipidi-dipendenti sia prolungato oltre i limiti della norma (test di screening). Il secondo consiste nell esecuzione di un test di miscela che consente di dimostrare che il prolungamento è dovuto alla presenza di un anticoagulante circolante. Il terzo criterio impone di dimostrare che l'inibitore sia diretto contro i fosfolipidi (test di conferma) [57-59]. Per quanto riguarda l espressione dei risultati l uso della ratio (tempo di coagulazione del paziente/tempo di coagulazione di un plasma normale) sembra essere il più appropriato per ridurre la variabilità intra- e inter-assay [60]. Anticorpi antifosfolipidi: la misurazione dei livelli degli anticorpi antifofolipidi si deve limitare al dosaggio degli anticorpi anticardiolipina (ACA) e anti ß2 Glicoproteina I (agpi) (solo IgG ed IgM), mediante l impiego di metodi immunologici standardizzati [61-63]. In caso di positività del LAC e/o degli ACA e/o degli agpi i test devono essere ripetuti a distanza di almeno 12 settimane per confermare la diagnosi [59] Riproducibilità dei metodi I risultati dei programmi di valutazione esterna di qualità hanno registrato per i test per la ricerca del fenomeno LAC CV inter-laboratorio intermedi (in genere < del 20%), con una notevole variabilità in base al tipo di test utilizzato [11, 12, 64, 65]. Anche la % di ED è diversa in base al tipo di metodologia, ma poiché i laboratori utilizzano non un solo test ma un pannello di più test per questa diagnostica, globalmente l ED è moderato (in genere < del 10%) [66]. E stato però osservato che mentre la sensibilità è in genere buona (bassa % di falsi negativi), la specificità può essere piuttosto bassa, con conseguente alta % di falsi positivi (25-30%) [67, 68]. E stato dimostrato che la disponibilità di plasmi di riferimento e la partecipazione assidua ai programmi di valutazione esterna di qualità,

10 unitamente alla applicazione rigorosa delle linee guida diagnostiche aumenta la standardizzazione di questi test [67, 69]. I test per il dosaggio degli agpi e soprattutto degli ACA si sono dimostrati ancora meno standardizzati dei test per LAC, con CV inter-laboratorio che possono arrivare anche ad oltre il 50% [61, 70-75]. L alta variabilità dipende da diversi fattori [calibratore, unità di misura, cut-off ed altri aspetti metodologici (tipo di piastre, concentrazione e tipo di ß2 Glicoproteina I usata, ecc)] Interferenze La presenza di eparina e/o anticoagulanti orali interferisce in modo importante con i test per la ricerca del LAC; recentemente si sono resi disponibili kit commerciali che contengono un inibitore dell eparina e che quindi potrebbero in teoria essere utilizzati in corso di terapia eparinica. In pazienti in corso di terapia con anticoagulanti orali non è raccomandato eseguire questi test [76]. La presenza di crioglobuline o fattore reumatoide può causare false positività dei test per il dosaggio degli ACA e degli agpi di tipo IgM Quando eseguire i test E preferibile non eseguire i test per il LAC e il dosaggio degli ACA e degli agpi durante la fase acuta di un processo trombotico, dopo un intervento chirurgico e in tutte le situazioni che sono associate ad aumento delle proteine della fase acuta. I test per la ricerca del LAC dovrebbero essere eseguiti dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale e almeno 24 ore dalla sospensione della terapia eparinica (anche se si tratta di eparina a basso peso molecolare). 9. OMOCISTEINA L omocisteina è un aminoacido solforato prodotto a seguito dalla demetilazione della metionina introdotta con la dieta. Solo il 2% è presente in forma libera; la maggior parte è legata alle proteine, soprattutto albumina, oppure come dimero (omocistina) o disolfuro misto (cisteina-omocisteina) Quali metodi I metodi per il dosaggio dell omocisteina totale prevedono come trattamento iniziale l aggiunta di reagenti riducenti che consentono di convertire l omocisteina legata alle proteine, l omocistina e il disolfuro misto a omocisteina ridotta. Segue poi la misura basata su diversi metodi: HPLC (con rilevazione fluorogenica, elettrochimica o colorimetrica), analisi aminoacidica, elettroforesi capillare, gas-cromatografia, cromatografia liquida, spettrometria di massa (ESI-tandem mass), metodi immunologici [77]. I metodi immunologici attualmente in commercio si basano su diversi principi (FPIA, ELISA, metodi di agglutinazione) e data la loro semplicità d uso, la possibilità di automazione e la loro buona riproducibilità sono quelli attualmente più utilizzati Riproducibilità dei metodi I risultati dei programmi di valutazione esterna di qualità hanno registrato per i test per il dosaggio dell omocisteina CV inter-laboratorio moderati (in genere inferiori al 15%) [78-80]. E stata però osservata una certa differenza tra metodi; in particolare i metodi immunologici basati su tecnologia FPIA hanno mostrato una migliore precisione interlaboratorio (CV < 5%) [79, 81-83] rispetto ai metodi in HPLC (CV < 15%) [79, 81, 82, 84] e ai metodi ELISA (CV = 20-24%) [82]. E stato anche dimostrato che l uso di un calibratore comune riduce significativamente la variabilità inter-laboratorio e inter-metodo [82]. Negli

11 esercizi eseguiti durante gli ultimi 2 anni, nell ambito del programma di valutazione esterna di qualità inglese (NEQAS), l ED è risultato inferiore al 10%; una più alta probabilità di ED (fino al 30%) è stata registrata per i campioni con livello di omocisteina ai limiti superiori della norma [13] Intervalli di riferimento e fattori che influenzano i livelli di omocisteina Generalmente l intervallo di riferimento è compreso tra 5 e 15 µm, ma varia in funzione della popolazione, soprattutto in relazione ai numerosi fattori acquisiti che ne influenzano i livelli, con particolare riferimento all alimentazione (soprattutto per il contenuto di metionina e vitamine) [77, 85]. Fattori fisiologici e stili di vita La concentrazione dell omocisteina varia in funzione di età e sesso. Tende ad aumentare con l età (soprattutto nelle donne dopo la menopausa) ed è più bassa nelle donne rispetto agli uomini di pari età, probabilmente a causa della minore massa muscolare. Per questa ragione è raccomandato l uso di intervalli di riferimento differenziati. Durante la gravidanza l omocisteina si riduce del 30-50% e ritorna a livello normale dopo 2-4 giorni dal parto. Un altro importante fattore di variabilità è rappresentato della quantità di vitamine (acido folico, vitamina B6 e B12) e metionina assunta con la dieta. Diete povere in vitamine e ricche in proteine sono infatti associate ad aumento del livello dell omocisteina. Aumenti dell omocisteina sono stati segnalati associati a fumo, consumo di caffeina, scarsa attività fisica e alto consumo di alcolici, mentre un moderato consumo sembra invece essere associato a livelli più bassi. Farmaci Diversi farmaci, che in genere agiscono interferendo con l assorbimento dell acido folico e delle vitamine B12 e B6, sono stati segnalati essere associati ad aumento del livello dell omocisteina (chemioterapici, antiepilettici, L-Dopa, ciclosporine, corticosteroidi, colestiramine, niacina). Al contrario l assunzione di contraccettivi orali, terapia ormonale sostitutiva e tamoxifene determina una riduzione dei livelli dell omocisteina. Patologie associate Aumenti dell omocisteina sono associati alla presenza di insufficienza renale moderata o severa, a diabete mellito, psoriasi severa, tumori (leucemie e tumori solidi), ipotiroidismo, insufficienza epatica. Un aumento dei livelli è stato anche segnalato nella fase acuta dopo un infarto miocardico e dopo stroke Quando eseguire il test Non è consigliabile eseguire il test nella fase acuta di un evento trombotico (che può essere associata ad aumento dell omocisteina) e durante un trattamento vitaminico con acido folico e vitamine del gruppo B, in quanto associato a riduzione dei livelli (come in corso di gravidanza). Il risultato dovrebbe essere valutato tenendo in considerazione i numerosi fattori acquisiti (riportati al paragrafo 9.4.), che possono influenzare i livelli dell omocisteina. COMMENTO Data la complessità e la variabilità dei metodi per la ricerca di alterazioni trombofiliche (dovute alle possibili interferenze sul risultato finale di variabili preanalitiche, analitiche, fattori fisiologici, patologie associate e assunzione di farmaci), con il rischio di diagnosi errate e conseguente improprio management del paziente, è raccomandabile che questi test siano eseguiti presso laboratori qualificati, dotati di personale ben addestrato, formato e con esperienza nel campo dell emostasi. E indispensabile, inoltre, che questi laboratori assicurino una costante partecipazione a specifici programmi di valutazione esterna di

12 qualità, che consente di controllare e migliorare sensibilmente la performance del laboratorio stesso.

13 BIBLIOGRAFIA 1. Lane DA, Bayston T, Olds RJ, Fitches AC, Cooper DN, Millar DS, Jochmans K, Perry DJ, Okajima K, Thein SL, Emmerich J. Antithrombin mutation database: 2nd (1997) update - for the plasma coagulation inhibitors subcommittee of the scientific and standardization committee of the international society on thrombosis and haemostasis. Thromb Haemost 1997; 77: Reitsma PH, Bernardi F, Doig RG, Gandrille S, Greengard JS, Ireland H, Krawczak M, Lind B, Long GL, Poort SR, Saito H, Sala N, Witt I, Cooper DN. Protein c deficiency: a database of mutations, 1995 update. Thromb Haemost 1995; 73: Gandrille S, Borgel D, Sala N, EspinosaParrilla Y, Simmonds R, Rezende S, Lind B, Mannhalter C, Pabinger I, Reitsma PH, Formstone C, Cooper DN, Saito H, Suzuki K, Bernardi F, Aiach M. Protein S deficiency: A database of mutations - Summary of the first update. Thromb Haemost 2000; 84: Tripodi A. A review of the clinical and diagnostic utility of laboratory tests for the detection of congenital thrombophilia. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Tripodi A, Mannucci PM. Laboratory investigation of thrombophilia. Clin Chem 2001; 47: Cattaneo M. Hyperhomocysteinemia, atherosclerosis and thrombosis. Thromb Haemost 1999; 81: Walker ID, Greaves M, Preston FE. Investigation and management of heritable thrombophilia. Br J Haematol 2001; 114: Demers C, Henderson P, Blajchman MA, Wells MJ, Mitchell L, Johnston M, Ofosu FA, Fernandezrachubinski F, Andrew M, Hirsh J, Ginsberg JS. An antithrombin-iii assay based on factor-xa inhibition provides a more reliable test to identify congenital antithrombin-iii deficiency than an assay based on thrombin inhibition. Thromb Haemost 1993; 69: Perry DJ, Daly ME, Tait RC, Walker ID, Brown K, Beauchamp NJ, Preston FE, Gyde H, Harper PL, Carrell RW. Antithrombin cambridge II (ala384ser): clinical, functional and haplotype analysis of 18 families. Thromb Haemost 1998; 79: Meijer P, Kluft C, Haverkate F, De Maat MP. The long-term within- and betweenlaboratory variability for assay of antithrombin, and proteins C and S: results derived from the external quality assessment program for thrombophilia screening of the ECAT Foundation. J Thromb Haemost 2003; 1: Favaloro EJ, Bonar R, Sioufi J, Wheeler M, Low J, Aboud M, Duncan E, Smith J, Exner T, Lloyd J, Marsden K. Multilaboratory testing of thrombophilia: Current and past practice in Australasia as assessed through the Royal College of Pathologists of Australasia Quality Assurance Program for Hematology. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Jennings I, Kitchen S, Woods TAL, Preston FE. Multilaboratory testing in thrombophilia through the United Kingdom National External Quality Assessment Scheme (Blood coagulation) Quality Assurance Program. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Meijer P, Haverkate F. External quality assessment and the laboratory diagnosis of thrombophilia. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Tait RC, Walker ID, Islam SIAM, McCall F, Conkie JA, Mitchell R, Davidson JF. Influence of demographic factors on antithrombin-iii activity in a healthy population. Br J Haematol 1993; 84: Andrew M, Vegh P, Johnston M, Bowker J, Ofosu F, Mitchell L. Maturation of the Hemostatic System During Childhood. Blood 1992; 80: Mackie I, Cooper P, Kitchen S. Quality assurance issues and interpretation of assays. Semin Hematol 2007; 44:

14 17. KottkeMarchant K, Duncan A. Antithrombin deficiency issues in laboratory diagnosis. Arch Pathol Lab Med 2002; 126: Tchaikovski SN, Tans G, Rosing J. Venous thrombosis and oral contraceptives: current status. Women's Health 2006; 2: Weiner CP, Brandt J. Plasma antithrombin III activity in normal pregnancy. Obstet Gynecol 1980; 56: de Moerloose P, Reber G, Bouvier CA. Spuriously low levels of protein C with a Protac activation clotting assay. Thromb Haemost 1988; 59: Faioni EM, Franchi F, Asti D, Mannucci PM. Resistance to activated protein c mimicking dysfunctional protein c: diagnostic approach. Blood Coagul Fibrinolysis 1996; 7: Simioni P, Lazzaro A, Zanardi S, Girolami A. Spurious Protein-C Deficiency Due to Antiphospholipid Antibodies. Am J Hematol 1991; 36: Jennings I, Cooper P. Screening for thrombophilia: a laboratory perspective. Br J Biomed Sci 2003; 60: Faioni EM, Hermida J, Rovida E, Razzari C, Asti D, Zeinali S, Mannucci PM. Type II protein C deficiency: identification and molecular modelling of two natural mutants with low anticoagulant and normal amidolytic activity. Br J Haematol 2000; 108: Bovill EG, Tomczak JA, Grant B, Bhushan F, Pillemer E, Rainville IR, Long GL. Protein- CVermont - Symptomatic Type-II Protein-C Deficiency Associated with Two GLA Domain Mutations. Blood 1992; 79: Jennings I, Kitchen S, Cooper PC, Rimmer JE, Woods TAL, Preston FE. Further evidence that activated protein C resistance affects protein C coagulant activity assays. Thromb Haemost 2000; 83: Allaart CF, Poort SR, Rosendaal FR, Reitsma PH, Bertina RM, Briet E. Increased risk of venous thrombosis in carriers of hereditary protein-c deficiency defect. Lancet 1993; 341: Rodeghiero F, Tosetto A. The epidemiology of inherited thrombophilia: the VITA project. Thromb Haemost 1997; 78: KottkeMarchant K, Comp P. Laboratory issues in diagnosing abnormalities of protein C, thrombomodulin, and endothelial cell protein C receptor. Arch Pathol Lab Med 2002; 126: Faioni EM, Franchi F, Asti D, Sacchi E, Bernardi F, Mannucci PM. Resistance to activated protein c in nine thrombophilic families - interference in a protein s functional assay. Thromb Haemost 1993; 70: Cooper PC, Hampton KK, Makris M, Abuzenadah A, Paul B, Preston FE. Further evidence that activated protein c resistance can be misdiagnosed as inherited functional protein s deficiency. Br J Haematol 1994; 88: Jennings I, Kitchen S, Cooper P, Makris M, Preston FE. Sensitivity of functional protein S assays to protein S deficiency: a comparative study of three commercial kits. J Thromb Haemost 2003; 1: Goodwin AJ, Rosendaal FR, KottkeMarchant K, Bovill EG. A review of the technical, diagnostic, and epidemiologic considerations for protein S assays. Arch Pathol Lab Med 2002; 126: devisser MCH, Rosendaal FR, Bertina RM. A reduced sensitivity for activated protein C in the absence of factor V Leiden increases the risk of venous thrombosis. Blood 1999; 93: Rodeghiero F, Tosetto A. Activated protein C resistance and factor V Leiden mutation are independent risk factors for venous thromboembolism. Ann Intern Med 1999; 130: 643+.

15 36. Dahlback B, Carlsson M, Svensson PJ. Familial thrombophilia due to a previously unrecognized mechanism characterized by poor anticoagulant response to activated protein-c - prediction of a cofactor to activated protein-c. Proc Natl Acad Sci U S A 1993; 90: deronde H, Bertina RM. Careful selection of sample dilution and factor-v-deficient plasma makes the modified activated protein C resistance test highly specific for the factor V Leiden mutation. Blood Coagul Fibrinolysis 1999; 10: Svensson PJ, Zoller B, Dahlback B. Evaluation of original and modified APCresistance tests in unselected outpatients with clinically suspected thrombosis and in healthy controls. Thromb Haemost 1997; 77: Tripodi A, Negri B, Bertina RM, Mannucci PM. Screening for the FV:q(506) mutation - evaluation of thirteen plasma-based methods for their diagnostic efficacy in comparison with DNA analysis. Thromb Haemost 1997; 77: Rosendorff A, Dorfman DM. Activated protein C resistance and factor V Leiden - A review. Arch Pathol Lab Med 2007; 131: Legnani C, Cini M, Cosmi B, Mattarozzi S, LoManto G, Palareti G. Oral contraceptive use in women with poor anticoagulant response to activated protein C but not carrying the factor V Leiden mutation increases the risk of venous thrombosis. Thromb Haemost 2004; 91: Rosen S, Johansson K, Lindberg K, Dahlback B. Multicenter evaluation of a kit for activated protein c resistance on various coagulation instruments using plasmas from healthy individuals. Thromb Haemost 1994; 72: Tripodi A, Chantarangkul V, Negri B, Mannucci PM. Standardization of the APC resistance test. effects of normalization of results by means of pooled normal plasma. Thromb Haemost 1998; 79: Favaloro EJ, Mirochnik O, McDonald D. Functional activated protein C resistance assays: correlation with factor V DNA analysis is better with RVVT- than APTT-based assays. Br J Biomed Sci 1999; 56: Jennings I, Kitchen S, Woods TAL, Preston FE. Normalization does not improve between-laboratory agreement but may improve specificity of some assays for activated protein C resistance. Blood Coagul Fibrinolysis 1999; 10: Favaloro EJ, Orsag I, Bukuya W, McDonald D. A 9-year retrospective assessment of laboratory testing for activated protein C resistance: evolution of a novel approach to thrombophilia investigations. Pathology (Phila) 2002; 34: Favaloro EJ. Learning from peer assessment: The role of the external quality assurance multilaboratory thrombophilia test process. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Bertina RM, Koeleman BPC, Koster T, Rosendaal FR, Dirven RJ, Deronde H, Vandervelden PA, Reitsma PH. Mutation in blood coagulation factor v associated with resistance to activated protein C. Nature 1994; 369: Poort SR, Rosendaal FR, Reitsma PH, Bertina RM. A common genetic variation in the 3'-untranslated region of the prothrombin gene is associated with elevated plasma prothrombin levels and an increase in venous thrombosis. Blood 1996; 88: Hertzberg MS. Genetic testing for thrombophilia mutations. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Xu B, Tubbs RR, KottkeMarchant K. Molecular genetic testing of polymorphisms associated with venous thrombosis - A review of molecular technologies. Diagn Mol Pathol 2005; 14: McGlennen RC, Key NS. Clinical and laboratory management of the prothrombin G20210A mutation. Arch Pathol Lab Med 2002; 126:

16 53. Preston FE, Kitchen S, Jennings I, Woods TAL. A UK national External Quality Assessment scheme (UK NEQAS) for molecular genetic testing for the diagnosis of familial thrombophilia. Thromb Haemost 1999; 82: Tripodi A, Peyvandi F, Chantarangkul V, Menegatti M, Mannucci PM. Relatively poor performance of clinical laboratories for DNA analyses in the detection of two thrombophilic mutations - A cause for concern. Thromb Haemost 2002; 88: Hertzberg M, Neville S, Favaloro E, McDonald D. External quality assurance of DNA testing for thrombophilia mutations. Am J Clin Pathol 2005; 123: Tripodi A, Chantarangkul V, Menegatti M, Tagliabue L, Peyvandi F. Performance of clinical laboratories for DNA analyses to detect thrombophilia mutations. Clin Chem 2005; 51: Brandt JT, Triplett DA, Alving B, Scharrer I. Criteria for the diagnosis of lupus anticoagulants: an update. Thromb Haemost 1995; 74: Wisloff F, Jacobsen EM, Liestol S. Laboratory diagnosis of the antiphospholipid syndrome. Thromb Res 2002; 108: Miyakis S, Lockshin MD, Atsumi T, Branch DW, Brey RL, Cervera R, Derksen RH, De Groot PG, Koike T, Meroni PL, Reber G, Shoenfeld Y, Tincani A, Vlachoyiannopoulos PG, Krilis SA. International consensus statement on an update of the classification criteria for definite antiphospholipid syndrome (APS). J Thromb Haemost 2006; 4: Greaves M, Cohen H, Machin SJ, Mackie I. Guidelines on the investigation and management of the antiphospholipid syndrome. Br J Haematol 2000; 109: Tincani A, Allegri F, Sanmarco M, Cinquini M, Taglietti M, Balestrieri G, Koike T, Ichikawa K, Meroni P, Boffa MC. Anticardiolipin antibody assay: a methodological analysis for a better consensus in routine determinations - A cooperative project of the European Antiphospholipid Forum. Thromb Haemost 2001; 86: Reber G, Tincani A, Sanmarco M, de Moerloose P, Boffa MC. Proposals for the measurement of anti-beta2-glycoprotein I antibodies. Standardization group of the European Forum on Antiphospholipid Antibodies. J Thromb Haemost 2004; 2: Wong RCW, Gillis D, Adelstein S, Baumgart K, Favaloro EJ, Hendle MJ, Homes P, Pollock W, Smith S, Steele RH, Sturgess A, Wilson RJ. Consensus guidelines on anticardiolipin antibody testing and reporting. (Vol 36, pg 63, 2004). Pathology (Phila) 2004; 36: Jennings I, Kitchen S, Woods TAL, Preston FE, Greaves M. Potentially clinically important inaccuracies in testing for the lupus anticoagulant: an analysis of results from three surveys of the UK national external quality assessment scheme (NEQAS) for blood coagulation. Thromb Haemost 1997; 77: Jennings I, Greaves M, Mackie IJ, Kitchen S, Woods TAL, Preston FE. Lupus anticoagulant testing: improvements in performance in a UKNEQAS proficiency testing exercise after dissemination of national guidelines on laboratory methods. Br J Haematol 2002; 119: Jennings I, Mackie I, Arnout J, Preston FE. Lupus anticoagulant testing using plasma spiked with monoclonal antibodies: performance in the UK NEQAS proficiency testing programme. J Thromb Haemost 2004; 2: Tripodi A, Biasiolo A, Chantarangkul V, Peng V. Lupus anticoagulant (LA) testing: Performance of clinical laboratories assessed by a national survey using lyophilized affinity-purified immunoglobulin with LA activity. Clin Chem 2003; 49: Pengo V, Biasiolo A, Gresele P, Marongiu F, Erba N, Veschi F, Ghirarduzzi A, de Candia E, Montaruli B, Testa S, Barcellona D, Tripodi A. Survey of lupus anticoagulant diagnosis by central evaluation of positive plasma samples. J Thromb Haemost 2007; 5:

17 69. Arnout J, Meijer P, Vermylen J. Lupus anticoagulant testing in Europe: An analysis of results from the first European concerted action on thrombophilia (ECAT) survey using plasmas spiked with monoclonal antibodies against human beta(2)-glycoprotein I. Thromb Haemost 1999; 81: Favaloro EJ, Silvestrini R, Mohammed A. Clinical utility of anticardiolipin antibody assays: High inter-laboratory variation and limited consensus by participants of external quality assurance programs signals a cautious approach. Pathology (Phila) 1999; 31: Favaloro EJ, Silvestrini R. Assessing the usefulness of anticardiolipin antibody assays - A cautious approach is suggested by high variation and limited consensus in multilaboratory testing. Am J Clin Pathol 2002; 118: Reber G, Schousboe I, Tincani A, Sanmarco M, Kveder T, demoerloose P, Boffa MC, Arvieux J. Inter-laboratory variability of anti-beta 2-glycoprotein I measurement - A collaborative study in the frame of the European forum on antiphospholipid antibodies standardization group. Thromb Haemost 2002; 88: Favaloro EJ, Wong RCW, Silvestrini R, McEvoy R, Jovanovich S, RobertsThomson P. A multilaboratory peer assessment quality assurance program-based evaluation of anticardiolipin antibody, and beta(2)-glycoprotein I antibody testing. Semin Thromb Hemost 2005; 31: Reber G, Tincani A, Sanmarco M, demoerloose P, Boffa MC. Variability of anti-beta(2) glycoprotein I antibodies measurement by commercial assays - A collaborative study in the frame of the European Forum on Antiphospholipid Antibodies Standardization Group. Thromb Haemost 2005; 94: Favaloro EJ, Wong RCW, Jovanovich S, RobertsThomson P. A review of beta 2- glycoprotein-i antibody testing results from a peer-driven multilaboratory quality assurance program. Am J Clin Pathol 2007; 127: Tripodi A, Chantarangkul V, Clerici M, Mannucci PM. Laboratory diagnosis of lupus anticoagulants for patients on oral anticoagulant treatment - Performance of dilute Russell viper venom test and silica clotting time in comparison with Staclot (R) LA. Thromb Haemost 2002; 88: Rasmussen K, Moller J. Total homocysteine measurement in clinical practice. Ann Clin Biochem 2000; 37: Eliason SC, Ritter D, Chung HD, Creer M. Interlaboratory variability for total homocysteine analysis in plasma. Clin Chem 1999; 45: Moller J, Rasmussen K, Christensen L. External quality assessment of methylmalonic acid and total homocysteine. Clin Chem 1999; 45: Jennings I, Kitchen S, Smith J, Woods TAL, Preston FE. Between-centre agreement in homocysteine assays: Experience from the UK NEQAS proficiency testing scheme. Thromb Haemost 2002; 87: Pfeiffer CM, Huff DL, Smith SJ, Miller DT, Gunter EW. Comparison of plasma total homocysteine measurements in 14 laboratories: An international study. Clin Chem 1999; 45: Tripodi A, Chantarangkul V, Lombardi R, Lecchi A, Mannucci PM, Cattaneo M. Multicenter study of homocysteine measurement-performance characteristics of different methods, influence of standards on interlaboratory agreement of results. Thromb Haemost 2001; 85: Hanson NQ, Eckfeldt JH, Schwichtenberg K, Aras O, Tsai MY. Interlaboratory variation of plasma total homocysteine measurements: Results of three successive homocysteine proficiency testing surveys. Clin Chem 2002; 48:

18 84. Moller J, Christensen L, Rasmussen K. An external quality assessment study on the analysis of methylmalonic acid and total homocysteine in plasma. Scand J Clin Lab Invest 1997; 57: Fokkema MR, Weijer JM, DijckBrouwer DAJ, vandoormaal JJ, Muskiet FAJ. Influence of vitamin-optimized plasma homocysteine cutoff values on the prevalence of hyperhomocysteinemia in healthy adults. Clin Chem 2001; 47:

19 Scheda riassuntiva per gli inibitori fisiologici Antitrombina (AT) Proteina C (PC) Proteina S (PS) Quali metodi Test funzionali cromogenici (FXa o Trombina) Preferibili test funzionali cromogenici rispetto a test coagulativi Preferibili test immunologici per il dosaggio della frazione libera rispetto a test funzionali coagulativi Riproducibilità dei metodi CV = 5-10% ED = < 5% CV ed ED più alti per valori borderline di AT CV = < 10% ED = < 10% CV ed ED più alti per test coagulativi e valori borderline di PC CV = 40-50% ED = < 20% CV ed ED più alti per valori bassi e borderline di PS CV e ED più bassi per test immunologico per frazione libera Intervalli di riferimento Livelli più bassi nel neonato Non differenze significative tra sessi Livelli più bassi nelle donne Aumento con l età Livelli bassi nel neonato e nei bambini fino all adolescenza Livelli più bassi nelle donne Aumento con l età nelle donne Livelli bassi nel neonato fino ad 1 anno Interferenze Alterazioni acquisite Quando eseguire i test Solo per test che impiegano trombina: sovrastima in soggetti trattati con inibitori diretti della trombina Solo su test coagulativi: presenza mutazione R506Q FV Leiden, LAC, aumento FVIII Solo su test coagulativi: presenza mutazione R506Q FV Leiden, LAC, aumento FVIII, aumento Fattore VII attivato Bassi livelli per: 1. ridotta sintesi (epatopatia, malnutrizione, estese ustioni, malattie infiammatorie intestinali) 2. aumentato consumo (fase acuta di un processo trombotico, CID, reazione emolitica da trasfusione, tumori, terapia con L-asparaginasi, sindrome nefrosica, terapia eparinica) Riduzione dei livelli per: 1. ridotta sintesi (epatopatia, terapia anticoagulante, ridotto assorbimento/assunzione vitamina K) 2. aumentato consumo (CID, insufficienza renale, fase acuta di un processo trombotico, post-operatorio, ARDS, plasma exchange, emorragia massiva) Aumento livelli: durante gravidanza e trattamento ormonale, sindrome nefrosica, diabete e cardiopatia ischemica Riduzione dei livelli per: 1. ridotta sintesi (epatopatia, terapia anticoagulante, ridotto assorbimento/assunzione vitamina K) 2. aumentato consumo (CID) e fase acuta (processo trombotico acuto, periodo postoperatorio) Riduzione livelli: durante gravidanza e trattamento ormonale Non eseguire durante la fase acuta di un processo trombotico o dopo un intervento chirurgico. Eseguire dopo almeno 5 giorni dalla sospensione dell eparina. Non eseguire durante la fase acuta di un processo trombotico o dopo un intervento chirurgico, durante la gravidanza o in corso di terapia ormonale. Eseguire dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale. Non eseguire durante la fase acuta di un processo trombotico, dopo un intervento chirurgico, e in tutte le condizioni associate ad aumento delle proteine della fase acuta; durante la gravidanza o in corso di terapia ormonale. Eseguire dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale. CV = coefficienti di variazione inter-laboratorio ED = errore diagnostico (falsi-positivi o falsi-negativi)

20 Scheda riassuntiva per test di Resistenza alla Proteina C attivata, mutazioni R506Q del FV Leiden e G20210A della Protrombina Resistenza alla Proteina C attivata Quali metodi Test di 1 generazione (eventualmente eseguire test di 2 generazione in caso di risultato alterato) o test di generazione. In caso di risultato alterato di uno o entrambi i test eseguire l analisi genetica per la mutazione R506Q FV Leiden Riproducibilità dei metodi CV = < 20% ED = < 5% CV ed ED più bassi per test di 2 generazione e test basati su principi diversi dall aptt Interferenze Alterazioni acquisite Quando eseguire i test Su test di 1 generazione: allungamento dell aptt (carenza fattori, presenza LAC, terapia anticoagulante) Su test 2 generazione: presenza LAC Alterazioni del test (soprattutto di 1 generazione) per: aumento FVIII, FX, Fattore II e XII; durante la gravidanza e in corso di terapia ormonale Non eseguire durante la fase acuta di un processo trombotico, dopo un intervento chirurgico, e in tutte le condizioni associate ad aumento delle proteine della fase acuta; durante la gravidanza o in corso di terapia ormonale. Eseguire dopo almeno 20 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale (con la possibile eccezione dei test di II generazione). Mutazione R506Q del FV Leiden Mutazione G20210A della Protrombina Quali metodi Riproducibilità dei metodi Interferenze Restriction Fragment Length Polymorphism Analysis (RFLP); Amplification- Refractory Mutation System (ARMS); Single-Strand Conformational Polymorphism (SSCP); Allele Specific Oligonucleotide (ASO); Real-time PCR; Third Wave Tecnologies; Microarray ED = 3-6% (15-17% per omozigosi) Contaminazione reagenti e/o campioni con DNA estreneo CV = coefficienti di variazione inter-laboratorio ED = errore diagnostico (falsi-positivi o falsi-negativi)

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione Anna Paola Cellai 29.10.2014 Centro di Riferimento Sicurezza di Qualità Valutazione esterna di qualità V.E.Q. Coagulazione 2013 Laboratori partecipanti:

Dettagli

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Spoleto, 8 maggio 2009 Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Nicola Bizzaro Laboratorio di Patologia Clinica Ospedale Civile Tolmezzo Tridimensional structure of human

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Lupus Anticoagulant:

Lupus Anticoagulant: Lupus Anticoagulant: Diagnostica di laboratorio Agatina Alessandrello Liotta AOU Careggi- Firenze SOD Malattie Aterotrombotiche CRR per lo Studio della Trombosi Lupus anticoagulant Famiglia eterogenea

Dettagli

L interpretazione del dato autoanticorpale nella sindrome da anti-fosfolipidi

L interpretazione del dato autoanticorpale nella sindrome da anti-fosfolipidi RIMeL / IJLaM 2006; 2 97 L interpretazione del dato autoanticorpale nella sindrome da anti-fosfolipidi N. Bizzaro Laboratorio di Patologia Clinica, Ospedale Civile, Tolmezzo (UD) Riassunto La misurazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SCREENING DEI PAZIENTI TROMBOFILICI

LINEE GUIDA PER LO SCREENING DEI PAZIENTI TROMBOFILICI LINEE GUIDA PER LO SCREENING DEI PAZIENTI TROMBOFILICI Armando Tripodi Centro Emofilia e Trombosi "A. Bianchi Bonomi", Istituto di Medicina Interna, Università e IRCCS - Ospedale Maggiore, Milano. La fonte

Dettagli

Programma di Valutazione Esterna di Qualità UK NEQAS. U.K. National External Quality Assessment. Blood Coagulation GENERAL INFORMATION 2004/2005

Programma di Valutazione Esterna di Qualità UK NEQAS. U.K. National External Quality Assessment. Blood Coagulation GENERAL INFORMATION 2004/2005 Programma di Valutazione Esterna di Qualità UK NEQAS U.K. National External Quality Assessment Blood Coagulation GENERAL INFORMATION 2004/2005 Revised: 19 th July 2004 Distribuito in Italia da: CODEX srl

Dettagli

Prevalenza di trombosi arteriose e venose in presenza delle mutazioni G20210A del gene della protrombina e R506Q del gene del fattore V (Leiden)

Prevalenza di trombosi arteriose e venose in presenza delle mutazioni G20210A del gene della protrombina e R506Q del gene del fattore V (Leiden) Bollettino della Società Medico Chirurgica di Pavia 126(2):455-460 Comunicazione presentata all adunanza del 19 aprile 2013 Prevalenza di trombosi arteriose e venose in presenza delle mutazioni G20210A

Dettagli

Cristina Legnani, Nicola Ciavarella

Cristina Legnani, Nicola Ciavarella La trombofilia e i suoi percorsi diagnostici Cristina Legnani, Nicola Ciavarella Milano, 9 Giugno 2011 Quali alterazioni trombofiliche ricercare Quali test eseguire Quando eseguire i testt Quali soggetti

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell

Dettagli

COAGULOMETRO ACL 7000

COAGULOMETRO ACL 7000 COAGULOMETRO ACL 7000 CARATTERISTE GENERALI Il coagulometro ACL 7000 è un analizzatore computerizzato automatico per uso clinico per la determinazione in vitro, con metodo coagulativo, cromogenico ed immunologico,

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell emostasi e trombosi Promosso da PROGRAMMA

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

Gli esami e la contraccezione

Gli esami e la contraccezione Gli esami e la contraccezione 1 Ottobre 2011 dott.ssa Sara Mazzoldi Dottore, che esami devo fare per la pillola? ü Proteina C ü Proteina S ü Fattore di Leiden/APC resistance ü Antitrombina III ü PT ü PTT

Dettagli

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO Telefono +39 02 48195432 Fax

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

La diagnosi richiede la combinazione di almeno un criterio clinico e un criterio di laboratorio.

La diagnosi richiede la combinazione di almeno un criterio clinico e un criterio di laboratorio. Gli anticorpi antifosfolipidi (apl) Gruppo eterogeneo di autoanticorpi specifici per: complessi fosfolipide-proteina cofattori fosfolipidi anionici Sono associati alla sindrome da anticorpi apl (APS):

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Osservatorio. Valutazione del rischio trombofilico in una coorte di pazienti con trombosi venosa profonda

Osservatorio. Valutazione del rischio trombofilico in una coorte di pazienti con trombosi venosa profonda Osservatorio Vol. 99, N. 7-8, Luglio-Agosto 2008 Pagg. 348-353 Valutazione del rischio trombofilico in una coorte di pazienti con trombosi venosa profonda Sara Valverde 1, Francesco Antico 1, Ernesto Trabuio

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

PATOLOGIA CLINICA DELL EMOSTASI. VICENZA 28-29 MAGGIO 2009 Villa Valmarana Morosini (Altavilla Vicentina) 24 CONVEGNO INTERREGIONALE DI STUDIO

PATOLOGIA CLINICA DELL EMOSTASI. VICENZA 28-29 MAGGIO 2009 Villa Valmarana Morosini (Altavilla Vicentina) 24 CONVEGNO INTERREGIONALE DI STUDIO 24 CONVEGNO INTERREGIONALE DI STUDIO VICENZA 28-29 MAGGIO 2009 Villa Valmarana Morosini (Altavilla Vicentina) PATOLOGIA CLINICA DELL EMOSTASI SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA DI LABORATORIO Sezioni: Veneto,

Dettagli

Sensibility and specificity for pregnancy morbidity of anti-β2-glycoprotein I antibodies in antiphospholipid syndrome

Sensibility and specificity for pregnancy morbidity of anti-β2-glycoprotein I antibodies in antiphospholipid syndrome LAVORO ORIGINALE Reumatismo, 2005; 57(4):262-266 Sensibilità e specificità degli anticorpi anti-β2-glicoproteina I per l impegno ostetrico della sindrome da anticorpi antifosfolipidi Sensibility and specificity

Dettagli

ACTICLOT dpt REF 824. C i. Test del tempo di protrombina diluito per la determinazione di Lupus Anticoagulants (LA) (codice CPT n.

ACTICLOT dpt REF 824. C i. Test del tempo di protrombina diluito per la determinazione di Lupus Anticoagulants (LA) (codice CPT n. M Sekisui Diagnostics, LLC 500 West Avenue, Stamford, CT 06902 Tel. (203) 602-7777 Fax (203) 602-2221 Email: questions@sekisui-dx.com www.sekisuidiagnostics.com FINALITÀ D'USO ACTICLOT dpt è un test previsto

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DELLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DELLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA INTRODUZIONE La trombosi è l espressione della rottura dell equilibrio emostatico, in cui è predominante la componente procoagulante rispetto al sistema degli inibitori e ai processi fibrinolitici. E un

Dettagli

Instrumentation Laboratory soddisfa oggi i bisogni di domani.

Instrumentation Laboratory soddisfa oggi i bisogni di domani. Catalogo Emostasi La rilevazione del tempo di coagulazione è un elemento fondamentale all interno del percorso diagnostico delle patologie dell emostasi, del monitoraggio della terapia anticoagulante

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

La miscelazione automatica del campione per una standardizzazione delle operazioni manuali in ambito preanalitico

La miscelazione automatica del campione per una standardizzazione delle operazioni manuali in ambito preanalitico La miscelazione automatica del campione per una standardizzazione delle operazioni manuali in ambito preanalitico P.Allori S.C. Analisi Cliniche - Ospedale Regionale U. Parini- Aosta Direttore Dr. M. Di

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina a Chirurgia. Trombofilie. Prof. Giovanni Davì

Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina a Chirurgia. Trombofilie. Prof. Giovanni Davì Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina a Chirurgia Trombofilie Prof. Giovanni Davì Trombofilia Tendenza a sviluppare trombosi come conseguenza di fattori predisponenti che possono

Dettagli

Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico

Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico Trombosi ed Emostasi in Ostetricia e Ginecologia. Varese, 22 settembre 2012 Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico Alessandro Squizzato Research Center on Thromboembolic Disorders and Antithrombotic

Dettagli

TROMBOFILIE CONGENITE E ACQUISITE Pier Mannuccio Mannucci

TROMBOFILIE CONGENITE E ACQUISITE Pier Mannuccio Mannucci TROMBOFILIE CONGENITE E ACQUISITE Pier Mannuccio Mannucci Dipartimento di Medicina Interna, Università degli Studi di Milano e Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, IRCCS Ospedale Maggiore

Dettagli

Fisiologia dell emostasi

Fisiologia dell emostasi 1 STRATEGIE DIAGNOSTICHE PER L EMOFILIA A DEL CANE Marco Caldin DVM, PhD, ECVCP Diplomate 2 Fisiologia dell emostasi 1 3 Fisiologia dell emostasi 4 Attivazione emostatica 2 5 Emostasi primaria 6 Emostasi

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

Cattedra e U.O.C. di Reumatologia, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Padova, Padova; 2

Cattedra e U.O.C. di Reumatologia, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Padova, Padova; 2 LAVORO ORIGINALE Reumatismo, 2010; 62(2):107-112 Significato clinico degli anticorpi anti acido lisobisfosfatidico nei pazienti con sindrome da antifosfolipidi primaria Clinical value of antibodies to

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Menarini Foundation Symposia: 194 FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI XXXIV Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: cardiovascolari PROGRAMMA Milano, 20-21

Dettagli

IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE. A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE)

IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE. A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE) IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE) PREMESSE La Biologia Molecolare e l applicazione l delle sue tecnologie, in

Dettagli

L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga

L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica e Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia Pag.1/5 PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia e necessarie 3 impegnative riportanti le seguenti Screening trombofilia 3 Screening trombofilia in TAO e Ricerca LAC (DT) Proteina C attività

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

OMOCISTEINA PLASMATICA in LC/MS Codice LC09010 H H COO - H H H

OMOCISTEINA PLASMATICA in LC/MS Codice LC09010 H H COO - H H H OMOCISTEINA PLASMATICA in LC/MS Codice LC09010 INTRODUZIONE L Omocisteina ( HCY ) è un aminoacido solforato prodotto dalla demetilazione della Metionina ( fig. 1 ). OMOCISTEINA H H COO - + HS C C C NH

Dettagli

Lo stato dell'arte in Farmacogenetica e Farmacogenomica

Lo stato dell'arte in Farmacogenetica e Farmacogenomica Lo stato dell'arte in Farmacogenetica e Farmacogenomica Maria Cristina Rosatelli Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologie Università degli Studi di Cagliari XXXI Congresso nazionale Variabilità

Dettagli

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici Walter Bertolino Patologie ostetriche che si associano alle 3 mutazioni più frequenti Tipo di deficit Patologia gravidica associata Iperomocisteinemia In omozigosi

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001 EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA P.F. Tropeano Pronto soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliera S.M. degli Angeli Pordenone PORDENONE, 20 Aprile 2001

Dettagli

Chiarezza, accuratezza e semplicità negli esami genetici

Chiarezza, accuratezza e semplicità negli esami genetici Chiarezza, accuratezza e semplicità negli esami genetici 1 La IHG Pharmaco Ltd è una società associata all Università di Bristol che opera da 10 anni nel campo della ricerca ed ha ricevuto due premi SMART

Dettagli

CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO

CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO MARIO BAZZAN Referente SISET Piemonte e Valle d Aostad Unità di Ematologia e Malattie Trombotiche, Cellini Humanitas, Consulente CMID Osp. Giovanni Bosco, Consulente

Dettagli

Omocisteina. Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo. Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Omocisteina. Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo. Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano Omocisteina Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano Vincent du Vigneaud, un biochimico americano, vincitoredel premionobel per la chimicanel1955,

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani Giuristi&diritto.it dirittoi fattori che influenzano il risultato derivante da test preliminari su matrice

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA

ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA ERRORI IN LABORATORIO LA RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE NELLA FASE PREANALITICA 1 2 Compito laboratori clinici FORNIRE: Informazioni clinicamente utili per la diagnosi,la terapia il monitoraggio e la

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XXXIX Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: Gravidanza e Trombosi Promosso da FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI PROGRAMMA, 21-22 novembre 2013 Aula Magna

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

UN MARCATORE BIOLOGICO PER LA DIAGNOSI DI ABUSO ALCOLICO: CDT

UN MARCATORE BIOLOGICO PER LA DIAGNOSI DI ABUSO ALCOLICO: CDT UN MARCATORE BIOLOGICO PER LA DIAGNOSI DI ABUSO ALCOLICO: CDT Valeria Crespi, Ursula Andreotta Laboratorio di Tossicologia UO Medicina del Lavoro e Preventiva AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

Una bambina con Diabete Mellito tipo 1 e la madre con 13 episodi di TIA?!

Una bambina con Diabete Mellito tipo 1 e la madre con 13 episodi di TIA?! Una bambina con Diabete Mellito tipo 1 e la madre con 13 episodi di TIA?! Caserta, 15 settembre 2012 Dott.ssa Alessandra Cocca Seconda Università - Napoli Dipartimento di Pediatria Servizio di Diabetologia

Dettagli

LE TERAPIE ANTICOAGULANTI:

LE TERAPIE ANTICOAGULANTI: CONVEGNO LE TERAPIE ANTICOAGULANTI: Dallo stato dell arte alla pratica clinica attraverso l autorità regolatoria Cremona, venerdì 14 marzo 2014 Azienda Istituti Ospitalieri Aula Magna La recente introduzione

Dettagli

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR METODO NAZIONALE STANDARD SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR VSOP 26 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no.3 Data di revisione 05.03.08 Emesso

Dettagli

un problema prioritario di Sanità Pubblica per i costi sociali che comporta

un problema prioritario di Sanità Pubblica per i costi sociali che comporta I problemi alcolcorrelati: diagnostica ed intervento Conoscere e collaborare con i Club degli Alcolisti in trattamento Diagnostica dell intossicazione acuta e cronica Luigi Carlo Bottaro Dipartimento InterAziendale

Dettagli

TROMBOFILIA EREDITARIA

TROMBOFILIA EREDITARIA TROMBOFILIA EREDITARIA Le trombofilie ereditarie (predisposizione genetica alla trombosi) sono un gruppo di patologie caratterizzate dalla tendenza a soffrire di episodi trombotici. Si ha un evento trombotico,

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO

INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO Barbara Montaruli Laboratorio Analisi Ospedale Evangelico Valdese, Torino Fasi processo emostatico ADESIONE PIASTRINICA Fasi processo

Dettagli

Chiedi al tuo medico

Chiedi al tuo medico Esame del sangue semplice e sicuro per risultati altamente sensibili Test avanzato e non invasivo per la diagnosi della trisomia fetale e del cromosoma Y Chiedi al tuo medico Le seguenti informazioni hanno

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza

La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza Giorn. It. Ost. Gin. Vol. XXIX - n. 4 Aprile 2007 La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza A. MILITELLO, M. ROMANO, R. GIORDANO, E. LO MAGNO, N.C. PLACENTI, C. NAPOLI RIASSUNTO: La sindrome

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Validazione dei test HPV Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova

Validazione dei test HPV Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova GISCi 2014 Giornata precongressuale Workshop ONS Firenze, 11 giugno 2014 Validazione dei test HPV Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova Programma di Screening organizzato L

Dettagli

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Metodologie utilizzate

Dettagli

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari L emostasi in scena Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1 N. Ciavarella M. Petronelli Bari 1 La disfida di Barletta 13 febbraio 1503 2 La coagulazione come la disfida di Barletta Fattore XI Fattore

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA

CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mola Marina Data di nascita 15/09/1979 ESPERIENZE LAVORATIVE Nome e indirizzo datore di lavoro Laboratorio Analisi dell Azienda Ospedaliera Universitaria

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

Dott.ssa Elisa Danese. Curriculum Vitae

Dott.ssa Elisa Danese. Curriculum Vitae Curriculum Vitae Cenni Biografici La Dott.ssa Elisa Danese è nata a Verona il 07.06.81 Nel 2000 ha conseguito la maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. Fraccastoro di Verona. Nel 2005

Dettagli

Indice generale. Presentazione...

Indice generale. Presentazione... Indice generale Presentazione... III Brevi cenni di chimica generale... 1 Unità di misura... 1 Soluzioni... 1 Acqua e soluzioni... 2 Dissociazione elettrolitica... 2 Idrolisi... 3 Acidi e basi... 3 pk...

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base.

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Frusca, T., Soregaroli, M., Lojacono A., Enterri, L., Platto, C., Bianchi U.A.

Dettagli