Test Automation Strategy based on Manual Test

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test Automation Strategy based on Manual Test"

Transcript

1 Test Automation Strategy based on Manual Test Identificazione del set di test da automatizzare, sincronizzazione del cicli di test manuali ed automatici per il massimo mutuo beneficio. Michael Abou Jaoude, Ivo Pellegrini, Giovanni Pistarini, Riccardo Rosci Poste Italiane Versione 2015/06/16

2 Abstract intervento Test Automation Strategy based on Manual Test Identificare quali test automatizzare e sincronizzare il ciclo dei test manuali e dei test automatici, per il massimo mutuo beneficio Nell ambito dei Servizi IT di Poste Italiane sono presenti due consolidate realtà, entrambe illustrate nel corso degli ultimi STF e relativi alla presenza spinta della automazione del testing per i test funzionali (GUI) e alla forte attenzione all implementazione di standard documentali e operativi per la progettazione dei test funzionali e la loro gestione (test e defect management). Viene naturale pensare come questi ambiti siano naturalmente tra loro fortemente collegati, al fine di garantire il massimo mutuo beneficio: l automazione dei test consente di accelerare le attività di test, ridurne i costi in particolari condizioni e, se realizzata con le opportune tecniche, garantire una più ampia copertura delle condizioni di test; una buona progettazione dei casi di test, basata su standard condivisi, garantisce il massimo risultato dal test e non può che agevolare la realizzazione della test automation, soprattutto in presenza di un test management supportato da strumenti adeguati e competenze certificate. Nella realtà esistono diversi ostacoli da superare, in primis come mantenere allineati i test manuali con i relativi test automatici, al fine da governare e gestire il progetto di test indifferentemente dalla presenza dell automazione, ma sfruttandola al massimo possibile, e realizzare e mantenere l automazione efficacemente,con il massimo ritorno. Si devono considerare alcuni aspetti caratteristici della realizzazione di un test automatico, dove per convenienza un singolo script di test spesso si estende su più funzionalità e condizioni di test, modificandone le pre e post condizioni originali e rendendo estremamente difficoltoso un qualsiasi mapping con i test manuali. Per questi motivi in Poste Italiane, e probabilmente anche in altre organizzazioni, molto spesso il prezioso asset costituito dai test manuali e dal set di test automatici corrono su binari paralleli, seguendo evoluzioni e manutenzioni diverse, con diverse analisi e visioni di copertura dei requisiti del progetto. La presentazione che si propone descrive come è stato affrontato il tema specifico della sincronizzazione del ciclo di vita del test manuale con il ciclo del test automatico, descrivendo le problematiche affrontate e la soluzione adottata per ottenere il massimo mutuo beneficio. Non è obiettivo della presentazione evidenziare i già noti, e molto presenti in letteratura tecnica, aspetti classici della test automation, quali le tecniche, i benefici o il ROI, ma porre l attenzione sulle difficoltà dell approccio alla strategia di test automation (TAS) basata sul ciclo del test manuale, oltre che della analisi dei requisiti, come descritto dal recente syllabus Expert Test Automation Engineering (Synchronization between TAS and SUT). Un ulteriore aspetto presentato è la metodologia adottata per identificare i candidati migliori per l automazione, tra i test manuali che rispettano dei precisi requisiti minimi, in modo da ottenere il massimo risultato rispetto ai costi che la test automation impone, mai da sottovalutare. L approccio definito ed implementato in PI è stato definito con il termine Automation Candidate Ranking (acronimo ACR) e presenta caratteristiche probabilmente innovative nel già ricco panorama della test automation. Infine si rimarca la necessità di una gestione dell automazione, anticipando forse alcuni temi per uno dei prossimi syllabi allo studio (Test Automation Management). Si evidenziano gli attuali margini di crescita richiesti agli attuali strumenti di test presenti sul mercato e gli interventi custom realizzati per ottenere la massima automazione anche per la gestione dei test. Slide di Approfondimento 2

3 Indice degli argomenti Contesto Test Governance e Test Automation in Poste Italiane Nuovo modello proposto: Approccio ibrido Test Manuale - Test Automatico Demo Evidenza dei benefici 3

4 Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è la più grande infrastruttura di servizi in Italia Oggi fornisce servizi logistico-postali, di risparmio e pagamento, assicurativi e di comunicazione digitale a oltre 32 milioni di clienti. Ogni giorno un milione e mezzo di persone entra nei uffici postali presenti sul territorio, dove sono movimentati oltre 23 milioni di oggetti e realizzate 20 milioni di transazioni finanziarie in tempo reale. La presenza di Poste Italiane al STF è un occasione per sottolineare l importanza del testing e della qualità, condividendo esperienze viste dal lato di una multi azienda, rappresentativa a tutto campo delle realtà italiane. Grande complessità, livello di integrazione e innovazione Portafoglio applicativo contenente circa 900 pacchetti Servizi offerti ad oltre 32 milioni di clienti IT a supporto del business e dell Italia Grande esposizione e livello di attenzione nazionale 4

5 Test Governance: Standard, Metodi e Strumenti Poste Italiane, attraverso la struttura di Governance di, dispone ed utilizza metodi e standard per il testing, con il supporto di strumenti per la gestione dei test e dei difetti. Attività di test gestite e governate Linee guida comuni e strumenti specifici, contestualizzati per progetto Standard per la progettazione Casi di test progettati secondo standard, per tutte le iniziative di sviluppo ed evoluzione del software (circa 500/anno) Casi di test strutturati tracciabilità, ripetibilità, riproducibilità, oggettività ed indipendenza 5

6 Test Automation: 15 anni di esperienza Dal 1999 la test automation è presente in Poste Italiane nell ambito delle attività di certificazione del software. Contesto: certificazione di rilasci con alto impatto ( sportelli, UP,.) Target: esecuzione di cicli di test di regressione in un contesto integrato e scalato alla produzione Strategia di automazione: selezione accurata dei test e funzionalità idonei all obiettivo Utilizzo dell automazione: esecuzione frequente ed estesa ai sistemi coinvolti Benefici immediati: confidenza dell integrità dei sistemi a fronte di nuovi rilasci SVILUPPO System Test e Collaudo Funzionale 100% Test Manuali (al 2014 presenti casi di test realizzati) Collaborazione nel working group ISTQB Expert di Test Automation ESERCIZIO Certificazione e Test di Non regressione dei sistemi Test Automatici (al 2014 presenti casi di test automatici) 6

7 Obiettivo 2015: Ciclo di automazione in ambito Sviluppo L obiettivo di oggi è realizzare un ciclo di test automation nell ambito dello sviluppo e collaudo, sfruttando la maturata esperienza nella Test Governance e nella realizzazione dei test automatici. Contesto: timing stretti di rilascio e bassa disponibilità di tempo/risorse per il regression test Target: aumentare la qualità eseguendo più cicli di regressione grazie all automazione Strategia di automazione: analisi della test list prioritizzata (ACR) per indentificare i test candidati, seguita da progressiva automazione Utilizzo dell automazione: strettamente integrata ai test manuali, avviata in parallelo ai test manuali e trasparente per il Test Manager Test Manuali Test Automatici Risultato Progetto di Test Benefici immediati: riduzione dei difetti a timeline invariata, maggiore affidabilità, riduzione costi di test, ripetibilità su ambienti differenti SVILUPPO System Test e Collaudo Funzionale 100% Test Manuali (al 2014 presenti casi di test realizzati) I TA sono realizzati e utilizzati in Sviluppo Mutuo Beneficio ESERCIZIO Certificazione e Test di Non regressione dei sistemi Test Automatici (al 2014 presenti casi di test automatici) I TA sono riutilizzati, disponibili immediatamente e offrono una maggiore copertura 7

8 Ciclo di Automazione e Synchronization secondo ISTQB Il modello proposto si basa sui concetti esposti all interno dell Expert Level Syllabus di ISTQB relativo ai temi di Test Automation Engineering. Figure 4 shows a hybrid approach with both manual and automated testing. Whenever manual tests are used before the tests are automated or whenever manual and automated tests are used together, the TAS (Test Automation Solution) analysis should be based both on the SUT (System Under Test) design and the manual tests. In this way, the TAS is synchronized with both. The second major synchronization point for such an approach is as before: the SUT testing requires deployed tests, which in the case of manual tests could just be the manual test procedures to be followed. SDLC for SUT SDLC for manual testing SDLC for automated testing? 8

9 Expert Level Syllabus Test Automation Slide di Approfondimento 9

10 Approccio Ibrido Test manuale Test automatico Introduzione di una forte sinergia tra i test manuali e i test automatici, per trarne il massimo mutuo beneficio secondo i seguenti assunti: Test & Defect Management sempre basato sui test manuali No test automatici senza test manuali Le criticità affrontate per realizzazione un legame tra i test manuali e i test automatici sono diverse: TM Test Manuali (TM): Test Automatici (TA): TA 1. Basati sulla scomposizione funzionale 1. Basati su scenari end-to-end e catene di test 2. Un caso di test per ogni condizione di test 2. Un test automatico per diverse condizioni di test 3. Interpretazione del Risultati atteso 4. Precondizioni manuali 5. Necessità di intercettare e documentare nuove condizioni coperte (nuovi test) dal TA 6. Necessità di revisionare i casi di test per il loro consolidamento prima della automazione 3. Oggettività del Risultati atteso 4. Automazione anche delle precondizioni 5. Facilità di estensione delle condizioni di test (data driven) 6. Necessità di mantenere il Test Automatico all evolversi dei test manuali Il TA rappresentano un acceleratore dei TM e aumentano la copertura del test I TM rappresentato le specifiche del TA e guidano al maggior beneficio possibile 10

11 Strumenti e Rapporto Test Manuali Test Automatici Dal punto di vista degli strumenti di test esiste la possibilità di integrare i test manuali (presenti sullo strumento di test management) con i diversi strumenti di test automation di mercato, open o propri. Tipicamente si può associare test manuale e test automatico nel rapporto 1:1,e decidere con quale modalità eseguirlo (manuale o automatica). Nella realtà è necessario gestire un rapporto molti a molti mantenendo un unica regia, e rendondosi indipendente dalla modalità di esecuzione del test automatico (standaalone o dallo strumento di Test Management) TM Test Manuali (TM): Test Automatici (TA): TA La progettazione dei test (manuali) basate sulle specifiche e sulla scomposizione funzionale porta ad indentificare un test per ogni condizione (soprattutto per quelle negative) e per ogni funzionalità La strategia di realizzazione dei test automatici(manuali) efficienti e mantenibili, porta ad automatizzare in un solo test più funzionalità e condizioni di test, con una relazione molti a molti con i test manuali Test Manuale e possibilità di sua automazione, collegandolo nel rapporto 1:1 con uno specifico test e script automatico Slide di Approfondimento 11

12 Approccio Ibrido - Modello Operativo Progettazione Automazione Organizzazione Archivio dei Test organizzato per processi/funzionalità/scenari Candidabilità Assegnazione ranking per automazione (fattori oggettivi e soggettivi) Consolidamento Selezione set auto consistente di CdT Realizzazione Sviluppo script per Test Automation Centralizzazione Test Mngt tool - single source of truth Mapping Identificazione legame TM vs TA (n:1) Governo Metodo Linee Guida, Procedure e Standard Controllo Strumenti, Metriche e Reportistica Sync Powered by Organicità, controllo e completezza della fase di collaudo attraverso la sincronizzazione dei piani e delle esecuzioni dei test manuali e dei test automatici 12

13 Approccio Ibrido - Quali e Quanti test automatizzare Quali Test CRITERI DI SCELTA (ACR) Si valutano i test manuali consolidati per la loro opportunità di automazione, in termini di beneficio assoluto. Quanti Test OBIETTIVO INIZIO PROGETTO: Si definisce un obiettivo in relazione al contesto, sulla base dei numero di test manuali consolidati (es %). MAX ANALISI DEI CANDIDATI Numero di test con ACR = 10 Numero di test con ACR >= 5 Numero di test con ACR > 0 Numero di test con ACR <= 0 REALE BENEFICIO AUTOMAZIONE L analisi dei candidati è utilizzata per confermare / modificare l obiettivo dell automazione da realizzare con effettivo beneficio (cutline) Avvio Ciclo di Automazione Monitoraggio Avanzamento Automazione Progettazione / revisione Test (manuali) Test Consolidati (numero di test manuali presenti) Analisi Test Candidati e Vincoli Test Harness (Virtualization) CUT LINE Ciclo di Automazione Esecuzione test manuali Automazione progressiva da opportunità (ACR) Esecuzione test automatici Obiettivo Automazione (scelta dei test da automatizzare) Test Candidati (ACR) 13

14 Criteri di scelta ACR Fattori di Ranking ACR: rappresenta la modalità di lavoro e collaborazione tra i team, ha lo scopo di prioritizzare la realizzazione della automazione per ottenere il massimo beneficio. Viene calcolato sulla base di diversi fattori, alcuni oggettivi e calcolabili, altri introdotti dall analista e altri ancora basati sui precedenti (contesto), che concorrono per determinare dinamicamente l ACR di ogni test. Ad ogni categoria di fattori è associto un range di valore min/max, successivamente normalizzato sul valore complessivo. Valutazioni OGGETTIVE dal Piano di Test Numero ricicli, test lungo, rischio, ciclo smoke/regressione, Valutazioni OGGETTIVE dall Esecuzione dei Test Numero riesecuzioni, fallimenti e difetti aperti, Valutazioni SOGGETTIVE del Team di Test/Analisi Copertura funzionale, conoscenza del sistema, Valutazioni CONTESTO Numero test / media ACR per la funzione Min Max ACR Risultante (normalizzato) Slide di Approfondimento 14

15 Criteri di scelta ACR Fattori di Ranking I fattori che concorrono all ACR sono molteplici, sulla base della progettazione dei test prima e sui riscontri esecutivi in seguito, per identificare continuamente la best list prioritizzata dei test sul quale risulta vantaggiosa l automazione. Alcuni criteri da elaborare sono: Test ripetuti (presenti nei cicli di smoke e regression test), già in progettazione. Test critici (rischio rappresentato) e test rappresentativi o in catene di test, difetti associati. Test tediosi per esecuzione manuali (numero elevato di ricicli e step), già in progettazione. Stabilità della componente sotto test (se la gui è in evoluzione non si procede). Copertura funzionale: la test list è validata anche dal punto di vista della copertura funzionale. Esempio di modello di calcolo attraverso pesi configurabili su ogni fattore di influenza: FATTORI DA PIANO (Oggettivi e Soggettivi) ACR (Automation Candidate Ranking) FATTORI DA RUN (Oggettivi e Soggettivi) Slide di Approfondimento 15

16 Criteri di scelta ACR Fattori di Ranking Esempio di test list prioritizzata (ACR Automated Candidate Ranking) per candidabilità alla test automation, su fattori OGGETTIVI di PIANIFICAZIONE ed ESECUZIONE: Dinamico Nota: Il ranking è ricalcolato dinamicamente ogni giorno per acquisire i fattori legati alle esecuzioni ed esiti dei test In presenza di test non sufficientemente strutturati e definiti, si procedere con la riprogettazione degli stessi Slide di Approfondimento 16

17 Approccio Ibrido - Come, prima del test 1 2 Piano Esecuzione Silk Ranking ACR TA Realizzazione Test Manuale Status Test Manuale ACR Test Manuale Test Automatico TC_01 Test A TC_02 Test B TC_03 Test C Manuale Automatizzato Manuale Manuale Automatizzato TC_ TC_ TC_ TC_03 TC_06 TC_01 TA01 TC_04 Test D TC_05 Test E TC_06 Test F Manuale Manuale Manuale Automatizzato TC_ TC_ TC_ Nella fase di Progettazione dei casi di test si attribuisce ad ogni CdT un indicatore di idoneità all automazione (ACR), definito in pianificazione e aggiornato costantemente da fattori dinamici di esecuzione. Ne viene di seguito validato il rating ed applicata una classifica di candidabilità (ranking) all automazione. Sulla base del ranking, si effettua un analisi complessiva, si selezionano i test e si stabilisce la strategia di automazione. Uno script automatico efficiente ricopre in generale scenari presenti in più test manuali (1:n). Contestualmente allo sviluppo dello script dei test «candidati» con un ACR elevato, il team di TA può valutare conveniente automatizzare anche CdT con un ACR inferiore. 17

18 Run TM Run TA Approccio Ibrido - Come, durante il test Piattaforma Silk (Test Management) Piattaforma Automazione Test Manuali TC_01 Test A TC_02 Test B TC_03 Test C TC_04 Test D TC_05 Test E TC_06 Test F 5 TC_07 Test G Status Passed Automatizzato By Test Automation Failed Manuale Passed Automatizzato By Test Automation Passed Manuale Passed Manuale Failed Automatizzato By Test Automation Da aggiungere L insieme dei test è adesso completo e disponibile per l esecuzione, sulle piattaforme di Test Management. Test Manuale TC_03 TC_06 TC_01 5 TC_07 Test Automatico TA01 Il team di test esegue sia i test manuali sia i test automatici. 1 L esito dei test manuali viene registrato manualmente in Silk. L esito dei test automatici viene registrato su un log della piattaforma di automazione. 2 DB SCTM 4 Allineamento Sync Normalizzazione Il Sync in automatico normalizza le informazioni contenute nel log, gestisce l allineamento degli esiti su Silk e 3 5 segnala i nuovi test aggiunti in fase di automazione e da includere nel piano di test complessivo. 18

19 Approccio Ibrido - Come, durante il test Run TM Run TA Piattaforma Silk (Test Management) Piattaforma Automazione Test Manuali TC_01 Test A TC_02 Test B TC_03 Test C TC_04 Test D TC_05 Test E TC_06 Test F 5 TC_07 Test G Status Passed Automatizzato By Test Automation Failed Manuale Passed Automatizzato By Test Automation Passed Manuale Passed Manuale Failed Automatizzato By Test Automation Da aggiungere L insieme dei test è adesso completo e disponibile per l esecuzione, sulle piattaforme di Test Management. Test Manuale TC_03 TC_06 TC_01 5 TC_07 Test Automatico TA01 Il team di test esegue sia i test manuali sia i test automatici. 1 L esito dei test manuali viene registrato manualmente in Silk. L esito dei test automatici viene registrato su un log della piattaforma di automazione Allineamento Passed by TA La sincronizzazione Sync permette di Normalizzazione avere un set di dati 30% 30% DB Passed by TM sempre aggiornato, indipendentemente dalla modalità di SCTM Failed by TA Il Sync in automatico normalizza esecuzione le informazioni dei test. contenute nel log, gestisce Failed by TM l allineamento La nuova degli reportistica esiti su Silk garantisce e al test manager una 8% TBE 6% 26% vista unica di avanzamento. segnala i nuovi test aggiunti in fase di automazione e da includere nel piano di test complessivo. 3 19

20 Demo Video: Test Automatici e Sync Test Manuali Training Video 6: Esecuzione Test Automatici e Sync Test manuali Link al video demo 3m:30s 20

21 ScreenShoot1 Video: TM di non regressione da rieseguire Slide di Approfondimento 21

22 ScreenShoot2 Video: TM di non regressione in esecuzione Caso di test Manuale non disponibile come TA Casi di test Manuale disponibili come TA. Slide di Approfondimento 22

23 ScreenShoot3 Video: TA eseguito sulla applicazione Slide di Approfondimento 23

24 ScreenShoot4 Video: TA eseguito e TM sincronizzati Il test manager mantiene la vista unica del suo piano di test (manuali) e verifica costantemente l avanzamento reale dei test e del lavoro rimasto in carico ai tester I tester utilizzano l interfaccia facilitata per l esecuzione dei test manuali, e possono riscontrare il risultato sui test manuali eseguiti automaticamente. Slide di Approfondimento 24

25 ScreenShoot5 Video: Test Falliti e azioni comuni del tester L obiettivo di utilizzare i massimi benefici della automazione e della gestione del proprio test plan (test manuali) è raggiunto, superando la difficoltà di correlare l esecuzione di un solo test automatico con decine di test manuali. Slide di Approfondimento 25

26 Test Automation Evidenza dei Benefici (Report Executive) L esecuzione di test automatici interviene a ciclo di test (manuali) avviato e consente di recuperare capacità di esecuzione (aumenta la velocità a parità costi TM), aumentare la copertura (nuovi test introdotti dall automazione a costo 0) e l obiettivo del test (qualità del rilascio per maggiori difetti rilevati, riduzione del rischio, aumento della confidenza). Avvio esecuzione TA in aggiunta ai TM Obiettivo Rischio 100% eseguiti con maggiore copertura (20 nuovi test da TA a costo 0) Obiettivo Qualità Più attenzione ai bug residui, test di conferma e regressione completa Obiettivo Costi Il team non è potenziato e ha lavorato al massimo. Maggiori esecuzioni effettuate grazie ai TA 26

27 Evidenza dei Benefici (Report Executive) Scenario solo con Test Manuali Progettati 100 test e 12 giorni di piano, si stima un rate massimo di 15 esecuzioni / giorno (150 esecuzioni senza interruzioni), i tempi sono stretti e rischi alti! A tre giorni dall avvio si riscontrano criticità elevate che bloccano l esecuzione e il team di test rimane in standby per 3 giorni, mettendo a rischio la pianificazione. Alla risoluzione delle criticità (8 giorno) si ipotizza di riprendere senza ulteriori interruzioni al massimo della capacità, ma non si riesce a completare il test plan previsto con margine di rischio residuo. Scenario con Test Manuali e Test Automatici in Sync Si avvia la test automation parallelamente, con l obiettivo di una copertura del 35% (35 test manuali) utilizzando la metodologia definita (ACR e SYNC TM-TA) Alla ripresa dei test manuali (8 giorno) sono già stati realizzati automatizzati 25 casi test, di cui alla data 15 risultano mai eseguiti. Sono eseguiti insieme ai test manuali consentendo di recuperare in velocità di esecuzione. La realizzazione dei test automatici ha permesso di introdurre 25 nuovi casi di test a costo 0 per il team di test, l esecuzione dei nuovi test consente di rilevare nuove anomalie che diversamente non sarebbero state rilevate. All ultimo giorno del collaudo sono rieseguiti i test automatici per una regressione finale, aumentando il grado di confidenza sul rischio residuo e la qualità raggiunta. Esecuzione con solo Test Manuali (100) Esecuzione con Test Automatici (35 manuali + 25 nuovi) Slide di Approfondimento 27

28 Conclusioni Sfide continue per ottenere massimi benefici dal test Parlare di qualità nel software significa porre la massima attenzione a tutte le attività di verifica e validazione nel corso del progetto, con la convinzione che ci vuole meno tempo a fare bene una cosa che a spiegare perché la si è fatta male piuttosto che gestire il progetto con l idea che non c è mai tempo per fare bene le cose ma c è sempre tempo per rifarle Henry W. Longfellow Poeta educatore, linguista;portland 1807 Cambridge 1882 Aspetti psicologici del testing Sintonia e collaborazione Competenze professionali Defect Removal Efficiency (DRE) Portale report dinamici Tecnologie (Mobile automation, Service Virtualization) 28

Il dilemma del test: Manuale o Automatico? Fabio Milanese Sales Account Manager Borland Solutions Micro Focus Italy

Il dilemma del test: Manuale o Automatico? Fabio Milanese Sales Account Manager Borland Solutions Micro Focus Italy Il dilemma del test: Manuale o Automatico? Fabio Milanese Sales Account Manager Borland Solutions Micro Focus Italy V 1.0 Micro Focus International 20,000+ CUSTOMERS 4,500 EMPLOYEES WORLDWIDE $1.4 ANNUAL

Dettagli

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014 TXT e-solutions Passion for Quality Marzo 2014 TXT e-solutions S.p.A. Fornitore Internazionale di prodotti e soluzioni software dedicati a Grandi Clienti Un azienda solida, con budget raggiunti e bilanci

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Relatore Felice Del Mauro Roma, Cosa è la Continuous Integration A software development practice where members of a team integrate their

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Software testing. Lezione 6 Test Management Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga

Software testing. Lezione 6 Test Management Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga 1 Software testing Lezione 6 Test Management Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga Test Process V & V 2 3 Deliverable del processo di test Il testing è un processo;

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Integrazione dei processi relativi a salute, sicurezza, ambiente nella gestione del lavoro e degli

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N Dan Vesset Program Vice President, Business Analytics B e s t P ractice p e r u n a strategia di B usiness I n t e l l i g e n c e e B usiness An a l yt i c s Febbraio

Dettagli

ITAlian Software Testing Qualifications Board Simulazione d Esame. Livello Foundation. Versione 2011

ITAlian Software Testing Qualifications Board Simulazione d Esame. Livello Foundation. Versione 2011 ITAlian Software Testing Qualifications Board Simulazione d Esame Livello Foundation Versione 2011 DATI IDENTIFICATIVI CODICE DOCUMENTO DATA DI EMISSIONE STATO ITASTQB-EXAMSIM-FOUND-01 15/01/2012 REDATTA

Dettagli

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ.

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. ANALISI 12 Luglio 2012 I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. Le sfide a cui deve rispondere l IT e i tool di ICT Management Analisi a cura di Andrea Cavazza,

Dettagli

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI Monica RIZZO (*), Paolo SCALIA (*), Riccardo SCANO (*), Alessandro

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Giorgio Brajnik e Andrea Baruzzo Dip. di Matematica e Informatica Università di Udine e Interaction Design Solutions srl

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele Qualità del Software Quality Assurance per tutte le esigenze Web Site Testing Mobile Application

Dettagli

La piattaforma CPM di STAR

La piattaforma CPM di STAR La piattaforma CPM di STAR Soluzioni di settore per il Controlled Corporate Process Management Trasferimento del traffico su rotaia con STAR James STAR Group Your single-source provider for corporate product

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Studio, progettazione e realizzazione di un sistema di tracciabilità industriale per Indesit Company

Studio, progettazione e realizzazione di un sistema di tracciabilità industriale per Indesit Company Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica per la Gestione d Azienda TESI DI LAUREA Studio, progettazione e realizzazione di un sistema di tracciabilità industriale per

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management Enterprise Content Management SOLUZIONI PER LA COLLABORAZIONE SOCIAL Condividi l informazione, snellisci I flussi, ottimizza la produttività Solgenia Freedoc è un applicazione documentale multicanale per

Dettagli

The approach to the application security in the cloud space

The approach to the application security in the cloud space Service Line The approach to the application security in the cloud space Manuel Allara CISSP CSSLP Roma 28 Ottobre 2010 Copyright 2010 Accenture All Rights Reserved. Accenture, its logo, and High Performance

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Ing. Filippo Ermini Ing. Andrea Pini Chi è Boehringer Ingelheim MONDO: Medicina umana e veterinaria Ingelheim

Dettagli

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 NET STUDIO 2015 Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration,

Dettagli

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Il nuovo posizionamento strategico di Lowendalmasaї Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? Un caso di successo Lowendalmasaї è

Dettagli

RANDY RICE ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

RANDY RICE ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA RANDY RICE STRUCTURED USER ACCEPTANCE TESTING APPROCCI INNOVATIVI AL SOFTWARE TESTING ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Business white paper Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Indice 3 Sommario esecutivo 3 Introduzione 3 Best practice a livello aziendale 5 Best practice a

Dettagli

IT Quality e Circolare 263

IT Quality e Circolare 263 IT Quality e Circolare 263 Trasformarsi per tempo puntando su Controllo dei Processi e Test Strutturato «Voi Siete Qui»: continuità ed elementi di novità Crisi 2008-09: nuovi modelli regolatori e normative

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Semplificare la gestione delle password per il service desk IT SOLUTION WHITE PAPER

Semplificare la gestione delle password per il service desk IT SOLUTION WHITE PAPER Semplificare la gestione delle password per il service desk IT SOLUTION WHITE PAPER Sommario Introduzione...1 L importanza dell automazione...2 Il ruolo della gestione delle password nelle aziende moderne...3

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management Enterprise Content Management SOLUZIONI PER LA COLLABORAZIONE SOCIAL Condividi l informazione, snellisci I flussi, ottimizza la produttività Freedoc è un applicazione documentale multicanale per il trattamento

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese:

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: Come scegliere la soluzione ottimale per il service desk e migliorare il ROI Sommario

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2.

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2. Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA ED ATTIVA DEI DATI IMMOBILIARI: UN CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA DEL MERCATO

LA GESTIONE INTEGRATA ED ATTIVA DEI DATI IMMOBILIARI: UN CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA DEL MERCATO La gestione strutturata dei dati immobiliari: dall elaborazione della perizia al monitoraggio delle garanzie Luca Marco Fiumara Roma, 23 novembre 2011 1 LA GESTIONE INTEGRATA ED ATTIVA DEI DATI IMMOBILIARI:

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

Monitoraggio e gestione dell IDoc per i sistemi SAP

Monitoraggio e gestione dell IDoc per i sistemi SAP Libelle EDIMON Monitoraggio e gestione dell IDoc per i sistemi SAP Versione documento: 3.0 Un operazione IDoc correttamente funzionante e senza interruzioni è una parte essenziale dell esecuzione dei processi

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Quando parliamo di analisi dei rischi esaminiamo il cosiddetto concetto di information security risk management. Per

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Università degli Studi di Catania

Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania APPALTO CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DELL'INFORMATIZZAZIONE DEI PROCESSI AMMINISTRATIVI ALLEGATO TECNICO Università degli Studi di Catania- Allegato Tecnico - p. 1 1

Dettagli

PARTNER BRIEF: CA VIRTUAL FOUNDATION SUITE

PARTNER BRIEF: CA VIRTUAL FOUNDATION SUITE PARTNER BRIEF: CA VIRTUAL FOUNDATION SUITE i clienti possono contare sull'aiuto dei partner di CA Technologies per superare il blocco verso la virtualizzazione e accelerare il passaggio a un livello di

Dettagli

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012 Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative Le attività di Internal Auditing sull antiriciclaggio tramite sistemi evoluti:

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

Indice. Ingegneria dei requisiti e gestione agile. User-Centered Development Esempi di artefatti. Domain Driven Design. Design for Testability

Indice. Ingegneria dei requisiti e gestione agile. User-Centered Development Esempi di artefatti. Domain Driven Design. Design for Testability Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Esempi di artefatti Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio

Banca Popolare di Sondrio Banca Popolare di Sondrio Governo e Qualità dei Dati: l impostazione organizzativa e progettuale a copertura delle esigenze aziendali 1 Giugno 2015 Ver 3.0 Indice Generale La normativa Soluzione organizzativa

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER BUSINESS INTEGRATION ANDARE OLTRE L APPLICATION INTEGRATION E LA SOA ROMA 10-12 OTTOBRE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca

Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca Ing. Roberto Lorini Executive Vice President VP Tech Convegno ABI Banche e Sicurezza 2009 Roma, 9 giugno 2009 Agenda Gli orientamenti

Dettagli

Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano 14 dicembre 2006

Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano 14 dicembre 2006 Dai requisiti, alla convalida di software per la gestione della calibrazione e manutenzione Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough 1 Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT SIMPLE ENGINEERING simplesoad SOA/BPO ARCHITECT TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SA_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

Soluzioni ABB per l efficienza energetica

Soluzioni ABB per l efficienza energetica Sammy Saba, ABB Energy Efficiency Country Team, Novembre 2013 Soluzioni ABB per l efficienza energetica Il sistema di misura come strumento per la gestione dell energia novembre 21, 2013 Slide 1 Fasi del

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors 20141 Milano Via Valla, 16 Tel. +39/02/84742365-70608405 Fax +39/02/700507644 E-mail: aiea@aiea.it P.IVA 10899720154 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Verona Gentili Associati Il Consiglio Direttivo

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

B14 DMS IT Governance Business Competence

B14 DMS IT Governance Business Competence B14 DMS IT Governance Business Competence B14 DMS E un Document Management System che consente di gestire l archiviazione di documenti in modo semplice e intuitivo. Le soluzioni di gestione documentale

Dettagli

Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati. Group

Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati. Group powered by Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati Un Processo di Comunicazione a supporto dei team di lavoro Tecniche e Strumenti di lavoro (utilities)

Dettagli

CST Consulting Documentazione di prodotto: la gestione integrata del processo di sviluppo - dal concept al lancio sul mercato. Il caso Fonderie Sime

CST Consulting Documentazione di prodotto: la gestione integrata del processo di sviluppo - dal concept al lancio sul mercato. Il caso Fonderie Sime CST Consulting Documentazione di prodotto: la gestione integrata del processo di sviluppo - dal concept al lancio sul mercato. Il caso Fonderie Sime Luciano Balzarini CEO CST Consulting CST Consulting

Dettagli

ICT Governance: l anello debole della catena fra Business & IT. Franco Mastrorilli Quint Wellington Redwood Italia

ICT Governance: l anello debole della catena fra Business & IT. Franco Mastrorilli Quint Wellington Redwood Italia ICT Governance: l anello debole della catena fra Business & IT Franco Mastrorilli Redwood Italia Agenda Corporate Governance ICT Governance BPM e ITSM Perché l anello debole Le competenze Qual è la principale

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012 Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? FORUM PA 2012 Roma, venerdì 18 maggio 2012 MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi Contenuti Contesto di riferimento

Dettagli

La strada per sviluppare più rapidamente: Unit Test & Continuous Integration

La strada per sviluppare più rapidamente: Unit Test & Continuous Integration La strada per sviluppare più rapidamente: Unit Test & Continuous Integration by Enrico Zimuel Senior Consultant & Architect Zend Technologies Email: enrico.z@zend.com Blog: http://www.zimuel.it/blog Copyright

Dettagli

Soluzioni ABB per l efficienza energetica

Soluzioni ABB per l efficienza energetica Flavio Beretta, Senior Vice President ABB Full Service and Global Consulting, Aprile 2013 Soluzioni ABB per l efficienza energetica Il sistema di misura come strumento per la gestione dell energia Dicembre

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Jack Heine Research Vice President Gartner, Inc. Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors 20141 Milano Via Valla, 16 Tel. +39/02/84742365-70608405 Fax +39/02/700507644 E-mail: aiea@aiea.it P.IVA 10899720154 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Verona Gentili Associati Il Consiglio Direttivo

Dettagli

Software testing. Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F.

Software testing. Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F. 1 Software testing Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F.Spiga 2 Functional Testing Sotto la dicitura funzionale si raccolgono i criteri

Dettagli