Test Automation Strategy based on Manual Test

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test Automation Strategy based on Manual Test"

Transcript

1 Test Automation Strategy based on Manual Test Identificazione del set di test da automatizzare, sincronizzazione del cicli di test manuali ed automatici per il massimo mutuo beneficio. Michael Abou Jaoude, Ivo Pellegrini, Giovanni Pistarini, Riccardo Rosci Poste Italiane Versione 2015/06/16

2 Abstract intervento Test Automation Strategy based on Manual Test Identificare quali test automatizzare e sincronizzare il ciclo dei test manuali e dei test automatici, per il massimo mutuo beneficio Nell ambito dei Servizi IT di Poste Italiane sono presenti due consolidate realtà, entrambe illustrate nel corso degli ultimi STF e relativi alla presenza spinta della automazione del testing per i test funzionali (GUI) e alla forte attenzione all implementazione di standard documentali e operativi per la progettazione dei test funzionali e la loro gestione (test e defect management). Viene naturale pensare come questi ambiti siano naturalmente tra loro fortemente collegati, al fine di garantire il massimo mutuo beneficio: l automazione dei test consente di accelerare le attività di test, ridurne i costi in particolari condizioni e, se realizzata con le opportune tecniche, garantire una più ampia copertura delle condizioni di test; una buona progettazione dei casi di test, basata su standard condivisi, garantisce il massimo risultato dal test e non può che agevolare la realizzazione della test automation, soprattutto in presenza di un test management supportato da strumenti adeguati e competenze certificate. Nella realtà esistono diversi ostacoli da superare, in primis come mantenere allineati i test manuali con i relativi test automatici, al fine da governare e gestire il progetto di test indifferentemente dalla presenza dell automazione, ma sfruttandola al massimo possibile, e realizzare e mantenere l automazione efficacemente,con il massimo ritorno. Si devono considerare alcuni aspetti caratteristici della realizzazione di un test automatico, dove per convenienza un singolo script di test spesso si estende su più funzionalità e condizioni di test, modificandone le pre e post condizioni originali e rendendo estremamente difficoltoso un qualsiasi mapping con i test manuali. Per questi motivi in Poste Italiane, e probabilmente anche in altre organizzazioni, molto spesso il prezioso asset costituito dai test manuali e dal set di test automatici corrono su binari paralleli, seguendo evoluzioni e manutenzioni diverse, con diverse analisi e visioni di copertura dei requisiti del progetto. La presentazione che si propone descrive come è stato affrontato il tema specifico della sincronizzazione del ciclo di vita del test manuale con il ciclo del test automatico, descrivendo le problematiche affrontate e la soluzione adottata per ottenere il massimo mutuo beneficio. Non è obiettivo della presentazione evidenziare i già noti, e molto presenti in letteratura tecnica, aspetti classici della test automation, quali le tecniche, i benefici o il ROI, ma porre l attenzione sulle difficoltà dell approccio alla strategia di test automation (TAS) basata sul ciclo del test manuale, oltre che della analisi dei requisiti, come descritto dal recente syllabus Expert Test Automation Engineering (Synchronization between TAS and SUT). Un ulteriore aspetto presentato è la metodologia adottata per identificare i candidati migliori per l automazione, tra i test manuali che rispettano dei precisi requisiti minimi, in modo da ottenere il massimo risultato rispetto ai costi che la test automation impone, mai da sottovalutare. L approccio definito ed implementato in PI è stato definito con il termine Automation Candidate Ranking (acronimo ACR) e presenta caratteristiche probabilmente innovative nel già ricco panorama della test automation. Infine si rimarca la necessità di una gestione dell automazione, anticipando forse alcuni temi per uno dei prossimi syllabi allo studio (Test Automation Management). Si evidenziano gli attuali margini di crescita richiesti agli attuali strumenti di test presenti sul mercato e gli interventi custom realizzati per ottenere la massima automazione anche per la gestione dei test. Slide di Approfondimento 2

3 Indice degli argomenti Contesto Test Governance e Test Automation in Poste Italiane Nuovo modello proposto: Approccio ibrido Test Manuale - Test Automatico Demo Evidenza dei benefici 3

4 Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è la più grande infrastruttura di servizi in Italia Oggi fornisce servizi logistico-postali, di risparmio e pagamento, assicurativi e di comunicazione digitale a oltre 32 milioni di clienti. Ogni giorno un milione e mezzo di persone entra nei uffici postali presenti sul territorio, dove sono movimentati oltre 23 milioni di oggetti e realizzate 20 milioni di transazioni finanziarie in tempo reale. La presenza di Poste Italiane al STF è un occasione per sottolineare l importanza del testing e della qualità, condividendo esperienze viste dal lato di una multi azienda, rappresentativa a tutto campo delle realtà italiane. Grande complessità, livello di integrazione e innovazione Portafoglio applicativo contenente circa 900 pacchetti Servizi offerti ad oltre 32 milioni di clienti IT a supporto del business e dell Italia Grande esposizione e livello di attenzione nazionale 4

5 Test Governance: Standard, Metodi e Strumenti Poste Italiane, attraverso la struttura di Governance di, dispone ed utilizza metodi e standard per il testing, con il supporto di strumenti per la gestione dei test e dei difetti. Attività di test gestite e governate Linee guida comuni e strumenti specifici, contestualizzati per progetto Standard per la progettazione Casi di test progettati secondo standard, per tutte le iniziative di sviluppo ed evoluzione del software (circa 500/anno) Casi di test strutturati tracciabilità, ripetibilità, riproducibilità, oggettività ed indipendenza 5

6 Test Automation: 15 anni di esperienza Dal 1999 la test automation è presente in Poste Italiane nell ambito delle attività di certificazione del software. Contesto: certificazione di rilasci con alto impatto ( sportelli, UP,.) Target: esecuzione di cicli di test di regressione in un contesto integrato e scalato alla produzione Strategia di automazione: selezione accurata dei test e funzionalità idonei all obiettivo Utilizzo dell automazione: esecuzione frequente ed estesa ai sistemi coinvolti Benefici immediati: confidenza dell integrità dei sistemi a fronte di nuovi rilasci SVILUPPO System Test e Collaudo Funzionale 100% Test Manuali (al 2014 presenti casi di test realizzati) Collaborazione nel working group ISTQB Expert di Test Automation ESERCIZIO Certificazione e Test di Non regressione dei sistemi Test Automatici (al 2014 presenti casi di test automatici) 6

7 Obiettivo 2015: Ciclo di automazione in ambito Sviluppo L obiettivo di oggi è realizzare un ciclo di test automation nell ambito dello sviluppo e collaudo, sfruttando la maturata esperienza nella Test Governance e nella realizzazione dei test automatici. Contesto: timing stretti di rilascio e bassa disponibilità di tempo/risorse per il regression test Target: aumentare la qualità eseguendo più cicli di regressione grazie all automazione Strategia di automazione: analisi della test list prioritizzata (ACR) per indentificare i test candidati, seguita da progressiva automazione Utilizzo dell automazione: strettamente integrata ai test manuali, avviata in parallelo ai test manuali e trasparente per il Test Manager Test Manuali Test Automatici Risultato Progetto di Test Benefici immediati: riduzione dei difetti a timeline invariata, maggiore affidabilità, riduzione costi di test, ripetibilità su ambienti differenti SVILUPPO System Test e Collaudo Funzionale 100% Test Manuali (al 2014 presenti casi di test realizzati) I TA sono realizzati e utilizzati in Sviluppo Mutuo Beneficio ESERCIZIO Certificazione e Test di Non regressione dei sistemi Test Automatici (al 2014 presenti casi di test automatici) I TA sono riutilizzati, disponibili immediatamente e offrono una maggiore copertura 7

8 Ciclo di Automazione e Synchronization secondo ISTQB Il modello proposto si basa sui concetti esposti all interno dell Expert Level Syllabus di ISTQB relativo ai temi di Test Automation Engineering. Figure 4 shows a hybrid approach with both manual and automated testing. Whenever manual tests are used before the tests are automated or whenever manual and automated tests are used together, the TAS (Test Automation Solution) analysis should be based both on the SUT (System Under Test) design and the manual tests. In this way, the TAS is synchronized with both. The second major synchronization point for such an approach is as before: the SUT testing requires deployed tests, which in the case of manual tests could just be the manual test procedures to be followed. SDLC for SUT SDLC for manual testing SDLC for automated testing? 8

9 Expert Level Syllabus Test Automation Slide di Approfondimento 9

10 Approccio Ibrido Test manuale Test automatico Introduzione di una forte sinergia tra i test manuali e i test automatici, per trarne il massimo mutuo beneficio secondo i seguenti assunti: Test & Defect Management sempre basato sui test manuali No test automatici senza test manuali Le criticità affrontate per realizzazione un legame tra i test manuali e i test automatici sono diverse: TM Test Manuali (TM): Test Automatici (TA): TA 1. Basati sulla scomposizione funzionale 1. Basati su scenari end-to-end e catene di test 2. Un caso di test per ogni condizione di test 2. Un test automatico per diverse condizioni di test 3. Interpretazione del Risultati atteso 4. Precondizioni manuali 5. Necessità di intercettare e documentare nuove condizioni coperte (nuovi test) dal TA 6. Necessità di revisionare i casi di test per il loro consolidamento prima della automazione 3. Oggettività del Risultati atteso 4. Automazione anche delle precondizioni 5. Facilità di estensione delle condizioni di test (data driven) 6. Necessità di mantenere il Test Automatico all evolversi dei test manuali Il TA rappresentano un acceleratore dei TM e aumentano la copertura del test I TM rappresentato le specifiche del TA e guidano al maggior beneficio possibile 10

11 Strumenti e Rapporto Test Manuali Test Automatici Dal punto di vista degli strumenti di test esiste la possibilità di integrare i test manuali (presenti sullo strumento di test management) con i diversi strumenti di test automation di mercato, open o propri. Tipicamente si può associare test manuale e test automatico nel rapporto 1:1,e decidere con quale modalità eseguirlo (manuale o automatica). Nella realtà è necessario gestire un rapporto molti a molti mantenendo un unica regia, e rendondosi indipendente dalla modalità di esecuzione del test automatico (standaalone o dallo strumento di Test Management) TM Test Manuali (TM): Test Automatici (TA): TA La progettazione dei test (manuali) basate sulle specifiche e sulla scomposizione funzionale porta ad indentificare un test per ogni condizione (soprattutto per quelle negative) e per ogni funzionalità La strategia di realizzazione dei test automatici(manuali) efficienti e mantenibili, porta ad automatizzare in un solo test più funzionalità e condizioni di test, con una relazione molti a molti con i test manuali Test Manuale e possibilità di sua automazione, collegandolo nel rapporto 1:1 con uno specifico test e script automatico Slide di Approfondimento 11

12 Approccio Ibrido - Modello Operativo Progettazione Automazione Organizzazione Archivio dei Test organizzato per processi/funzionalità/scenari Candidabilità Assegnazione ranking per automazione (fattori oggettivi e soggettivi) Consolidamento Selezione set auto consistente di CdT Realizzazione Sviluppo script per Test Automation Centralizzazione Test Mngt tool - single source of truth Mapping Identificazione legame TM vs TA (n:1) Governo Metodo Linee Guida, Procedure e Standard Controllo Strumenti, Metriche e Reportistica Sync Powered by Organicità, controllo e completezza della fase di collaudo attraverso la sincronizzazione dei piani e delle esecuzioni dei test manuali e dei test automatici 12

13 Approccio Ibrido - Quali e Quanti test automatizzare Quali Test CRITERI DI SCELTA (ACR) Si valutano i test manuali consolidati per la loro opportunità di automazione, in termini di beneficio assoluto. Quanti Test OBIETTIVO INIZIO PROGETTO: Si definisce un obiettivo in relazione al contesto, sulla base dei numero di test manuali consolidati (es %). MAX ANALISI DEI CANDIDATI Numero di test con ACR = 10 Numero di test con ACR >= 5 Numero di test con ACR > 0 Numero di test con ACR <= 0 REALE BENEFICIO AUTOMAZIONE L analisi dei candidati è utilizzata per confermare / modificare l obiettivo dell automazione da realizzare con effettivo beneficio (cutline) Avvio Ciclo di Automazione Monitoraggio Avanzamento Automazione Progettazione / revisione Test (manuali) Test Consolidati (numero di test manuali presenti) Analisi Test Candidati e Vincoli Test Harness (Virtualization) CUT LINE Ciclo di Automazione Esecuzione test manuali Automazione progressiva da opportunità (ACR) Esecuzione test automatici Obiettivo Automazione (scelta dei test da automatizzare) Test Candidati (ACR) 13

14 Criteri di scelta ACR Fattori di Ranking ACR: rappresenta la modalità di lavoro e collaborazione tra i team, ha lo scopo di prioritizzare la realizzazione della automazione per ottenere il massimo beneficio. Viene calcolato sulla base di diversi fattori, alcuni oggettivi e calcolabili, altri introdotti dall analista e altri ancora basati sui precedenti (contesto), che concorrono per determinare dinamicamente l ACR di ogni test. Ad ogni categoria di fattori è associto un range di valore min/max, successivamente normalizzato sul valore complessivo. Valutazioni OGGETTIVE dal Piano di Test Numero ricicli, test lungo, rischio, ciclo smoke/regressione, Valutazioni OGGETTIVE dall Esecuzione dei Test Numero riesecuzioni, fallimenti e difetti aperti, Valutazioni SOGGETTIVE del Team di Test/Analisi Copertura funzionale, conoscenza del sistema, Valutazioni CONTESTO Numero test / media ACR per la funzione Min Max ACR Risultante (normalizzato) Slide di Approfondimento 14

15 Criteri di scelta ACR Fattori di Ranking I fattori che concorrono all ACR sono molteplici, sulla base della progettazione dei test prima e sui riscontri esecutivi in seguito, per identificare continuamente la best list prioritizzata dei test sul quale risulta vantaggiosa l automazione. Alcuni criteri da elaborare sono: Test ripetuti (presenti nei cicli di smoke e regression test), già in progettazione. Test critici (rischio rappresentato) e test rappresentativi o in catene di test, difetti associati. Test tediosi per esecuzione manuali (numero elevato di ricicli e step), già in progettazione. Stabilità della componente sotto test (se la gui è in evoluzione non si procede). Copertura funzionale: la test list è validata anche dal punto di vista della copertura funzionale. Esempio di modello di calcolo attraverso pesi configurabili su ogni fattore di influenza: FATTORI DA PIANO (Oggettivi e Soggettivi) ACR (Automation Candidate Ranking) FATTORI DA RUN (Oggettivi e Soggettivi) Slide di Approfondimento 15

16 Criteri di scelta ACR Fattori di Ranking Esempio di test list prioritizzata (ACR Automated Candidate Ranking) per candidabilità alla test automation, su fattori OGGETTIVI di PIANIFICAZIONE ed ESECUZIONE: Dinamico Nota: Il ranking è ricalcolato dinamicamente ogni giorno per acquisire i fattori legati alle esecuzioni ed esiti dei test In presenza di test non sufficientemente strutturati e definiti, si procedere con la riprogettazione degli stessi Slide di Approfondimento 16

17 Approccio Ibrido - Come, prima del test 1 2 Piano Esecuzione Silk Ranking ACR TA Realizzazione Test Manuale Status Test Manuale ACR Test Manuale Test Automatico TC_01 Test A TC_02 Test B TC_03 Test C Manuale Automatizzato Manuale Manuale Automatizzato TC_ TC_ TC_ TC_03 TC_06 TC_01 TA01 TC_04 Test D TC_05 Test E TC_06 Test F Manuale Manuale Manuale Automatizzato TC_ TC_ TC_ Nella fase di Progettazione dei casi di test si attribuisce ad ogni CdT un indicatore di idoneità all automazione (ACR), definito in pianificazione e aggiornato costantemente da fattori dinamici di esecuzione. Ne viene di seguito validato il rating ed applicata una classifica di candidabilità (ranking) all automazione. Sulla base del ranking, si effettua un analisi complessiva, si selezionano i test e si stabilisce la strategia di automazione. Uno script automatico efficiente ricopre in generale scenari presenti in più test manuali (1:n). Contestualmente allo sviluppo dello script dei test «candidati» con un ACR elevato, il team di TA può valutare conveniente automatizzare anche CdT con un ACR inferiore. 17

18 Run TM Run TA Approccio Ibrido - Come, durante il test Piattaforma Silk (Test Management) Piattaforma Automazione Test Manuali TC_01 Test A TC_02 Test B TC_03 Test C TC_04 Test D TC_05 Test E TC_06 Test F 5 TC_07 Test G Status Passed Automatizzato By Test Automation Failed Manuale Passed Automatizzato By Test Automation Passed Manuale Passed Manuale Failed Automatizzato By Test Automation Da aggiungere L insieme dei test è adesso completo e disponibile per l esecuzione, sulle piattaforme di Test Management. Test Manuale TC_03 TC_06 TC_01 5 TC_07 Test Automatico TA01 Il team di test esegue sia i test manuali sia i test automatici. 1 L esito dei test manuali viene registrato manualmente in Silk. L esito dei test automatici viene registrato su un log della piattaforma di automazione. 2 DB SCTM 4 Allineamento Sync Normalizzazione Il Sync in automatico normalizza le informazioni contenute nel log, gestisce l allineamento degli esiti su Silk e 3 5 segnala i nuovi test aggiunti in fase di automazione e da includere nel piano di test complessivo. 18

19 Approccio Ibrido - Come, durante il test Run TM Run TA Piattaforma Silk (Test Management) Piattaforma Automazione Test Manuali TC_01 Test A TC_02 Test B TC_03 Test C TC_04 Test D TC_05 Test E TC_06 Test F 5 TC_07 Test G Status Passed Automatizzato By Test Automation Failed Manuale Passed Automatizzato By Test Automation Passed Manuale Passed Manuale Failed Automatizzato By Test Automation Da aggiungere L insieme dei test è adesso completo e disponibile per l esecuzione, sulle piattaforme di Test Management. Test Manuale TC_03 TC_06 TC_01 5 TC_07 Test Automatico TA01 Il team di test esegue sia i test manuali sia i test automatici. 1 L esito dei test manuali viene registrato manualmente in Silk. L esito dei test automatici viene registrato su un log della piattaforma di automazione Allineamento Passed by TA La sincronizzazione Sync permette di Normalizzazione avere un set di dati 30% 30% DB Passed by TM sempre aggiornato, indipendentemente dalla modalità di SCTM Failed by TA Il Sync in automatico normalizza esecuzione le informazioni dei test. contenute nel log, gestisce Failed by TM l allineamento La nuova degli reportistica esiti su Silk garantisce e al test manager una 8% TBE 6% 26% vista unica di avanzamento. segnala i nuovi test aggiunti in fase di automazione e da includere nel piano di test complessivo. 3 19

20 Demo Video: Test Automatici e Sync Test Manuali Training Video 6: Esecuzione Test Automatici e Sync Test manuali Link al video demo 3m:30s 20

21 ScreenShoot1 Video: TM di non regressione da rieseguire Slide di Approfondimento 21

22 ScreenShoot2 Video: TM di non regressione in esecuzione Caso di test Manuale non disponibile come TA Casi di test Manuale disponibili come TA. Slide di Approfondimento 22

23 ScreenShoot3 Video: TA eseguito sulla applicazione Slide di Approfondimento 23

24 ScreenShoot4 Video: TA eseguito e TM sincronizzati Il test manager mantiene la vista unica del suo piano di test (manuali) e verifica costantemente l avanzamento reale dei test e del lavoro rimasto in carico ai tester I tester utilizzano l interfaccia facilitata per l esecuzione dei test manuali, e possono riscontrare il risultato sui test manuali eseguiti automaticamente. Slide di Approfondimento 24

25 ScreenShoot5 Video: Test Falliti e azioni comuni del tester L obiettivo di utilizzare i massimi benefici della automazione e della gestione del proprio test plan (test manuali) è raggiunto, superando la difficoltà di correlare l esecuzione di un solo test automatico con decine di test manuali. Slide di Approfondimento 25

26 Test Automation Evidenza dei Benefici (Report Executive) L esecuzione di test automatici interviene a ciclo di test (manuali) avviato e consente di recuperare capacità di esecuzione (aumenta la velocità a parità costi TM), aumentare la copertura (nuovi test introdotti dall automazione a costo 0) e l obiettivo del test (qualità del rilascio per maggiori difetti rilevati, riduzione del rischio, aumento della confidenza). Avvio esecuzione TA in aggiunta ai TM Obiettivo Rischio 100% eseguiti con maggiore copertura (20 nuovi test da TA a costo 0) Obiettivo Qualità Più attenzione ai bug residui, test di conferma e regressione completa Obiettivo Costi Il team non è potenziato e ha lavorato al massimo. Maggiori esecuzioni effettuate grazie ai TA 26

27 Evidenza dei Benefici (Report Executive) Scenario solo con Test Manuali Progettati 100 test e 12 giorni di piano, si stima un rate massimo di 15 esecuzioni / giorno (150 esecuzioni senza interruzioni), i tempi sono stretti e rischi alti! A tre giorni dall avvio si riscontrano criticità elevate che bloccano l esecuzione e il team di test rimane in standby per 3 giorni, mettendo a rischio la pianificazione. Alla risoluzione delle criticità (8 giorno) si ipotizza di riprendere senza ulteriori interruzioni al massimo della capacità, ma non si riesce a completare il test plan previsto con margine di rischio residuo. Scenario con Test Manuali e Test Automatici in Sync Si avvia la test automation parallelamente, con l obiettivo di una copertura del 35% (35 test manuali) utilizzando la metodologia definita (ACR e SYNC TM-TA) Alla ripresa dei test manuali (8 giorno) sono già stati realizzati automatizzati 25 casi test, di cui alla data 15 risultano mai eseguiti. Sono eseguiti insieme ai test manuali consentendo di recuperare in velocità di esecuzione. La realizzazione dei test automatici ha permesso di introdurre 25 nuovi casi di test a costo 0 per il team di test, l esecuzione dei nuovi test consente di rilevare nuove anomalie che diversamente non sarebbero state rilevate. All ultimo giorno del collaudo sono rieseguiti i test automatici per una regressione finale, aumentando il grado di confidenza sul rischio residuo e la qualità raggiunta. Esecuzione con solo Test Manuali (100) Esecuzione con Test Automatici (35 manuali + 25 nuovi) Slide di Approfondimento 27

28 Conclusioni Sfide continue per ottenere massimi benefici dal test Parlare di qualità nel software significa porre la massima attenzione a tutte le attività di verifica e validazione nel corso del progetto, con la convinzione che ci vuole meno tempo a fare bene una cosa che a spiegare perché la si è fatta male piuttosto che gestire il progetto con l idea che non c è mai tempo per fare bene le cose ma c è sempre tempo per rifarle Henry W. Longfellow Poeta educatore, linguista;portland 1807 Cambridge 1882 Aspetti psicologici del testing Sintonia e collaborazione Competenze professionali Defect Removal Efficiency (DRE) Portale report dinamici Tecnologie (Mobile automation, Service Virtualization) 28

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

EMC Documentum xcp for Business Process Management

EMC Documentum xcp for Business Process Management Analisi dettagliata Abstract Oggi le aziende devono affrontare una sfida comune: ottimizzare i processi di business e la loro efficienza operativa. Per vincere questa sfida, EMC Documentum xcelerated Composition

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli