TEST CARDIOPOLMONARE DA SFORZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEST CARDIOPOLMONARE DA SFORZO"

Transcript

1 TEST CARDIOPOLMONARE DA SFORZO Mario Caputi Ordinario di Malattie Respiratorie Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione Respiratoria

2 ERGOSPIROMETRIA O CARDIOPULMONARY EXERCISE TEST (CPET) Il test da sforzo cardio-polmonare è una metodica relativamente non invasiva che fornisce una valutazione delle risposte integrate dei seguenti organi ed apparati: Apparato respiratorio Apparato cardiovascolare Apparato muscoloscheletrico emopoietico neuro-psicologico Il CPET viene utilizzato in quanto i test funzionali cardiaci e polmonari a riposo non predicono e non correlano con la capacità di esercizio di un individuo

3 INDICAZIONI AL CPET Valutazione della tolleranza all esercizio e determinazione del grado di impairment funzionale (VO2 di picco) Determinazione dei fattori limitanti l esercizio Sintomi sproporzionati al grado di compromissione mostrato dalle prove funzionali cardiache e respiratorie a riposo (es: diagnosi di origine della dispnea) Determinazione della magnitudo della ipossiemia ai fini di una corretta prescrizione dell O2 terapia Valutazione pre-operatoria per LVRS e per il trapianto polmonare Corretta prescrizione dell esercizio in riabilitazione cardica e respiratoria

4 CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE al CPET Recente infarto del miocardio Aritmia non controllata e sintomatica Endocardite, miocardite e pericardite Angina instabile Insufficienza cardiaca scompensata Sospetto aneurisma dissecante Stenosi aortica severa Affezioni acute in atto che possono compromettere l esercizio o essere aggravate dall esercizio (infezioni, insufficienza renale, tireotossicosi etc.) Trombosi venosa arti inferiori Embolia o infarto polmonare in fase acuta Asma non controllato Edema polmonare Desaturazione a riposo <85% Insufficienza respiratoria

5 CONTROIDICAZIONI RELATIVE al CPET Stenosi dell arteria coronarica sinistra o suo equivalente Stenosi valvolare cardiaca moderata Alterazioni elettrolitiche Ipertensione arteriosa severa non controllata Ipertensione polmonare significativa Tachiaritmie e bradiaritmie Cardiomiopatia ipertrofica Blocco atrioventricolare di grado elevato Gravidanza complicata o avanzata Alterazioni ortopediche che compromettono lo svolgimento dell esercizio

6 CPET Esistono due tipi di CPET, il test incrementale massimale (o submassimale) e il test a carico costante I test possono essere condotti con l ausilio di un cicloergometro (da preferire) o di un treadmill L analisi dei gas espirati va eseguita preferibilmente con un sistema breath by breath e con l ausilio di un computer appositamente dedicato Il test incrementale massimale va eseguito preferibilmente con la metodica a rampa in modo da incrementare il carico di lavoro in maniera più fisiologica L analisi dei gas ematici prevede l inserimento di un catetere arterioso; alternative sono la misura della SaO2 o EGA seriali

7 TEST MASSIMALE INCREMENTALE dopo alcuni minuti di riposo 2 minuti di riscaldamento (pedalata senza carico) incremento del carico di lavoro ogni minuto (test a rampa) fino a raggiungere la massima tollerabilità dell individuo (incapacità a mantenere la pedalata a rpm) il recupero avviene in un tempo variabile tra 2 e 6 minuti la durata ottimale del test deve essere intorno a 8-12 minuti l incremento del carico di lavoro viene scelto sull età e sul grado presunto di allenamento nei pazienti con dispnea da sforzo si utilizzano incrementi tra 5 e 15 W/min al termine, si valutano i sintomi che hanno determinato la fine dell esercizio (es: scala di Borg per la fatica muscolare e la dispnea)

8 TEST A CARICO COSTANTE permette una analisi dettagliata della: cinetica della ventilazione degli scambi gassosi nei soggetti normali e nei pazienti con malattie cardiovascolari e polmonari permettendo una validazione di dati ottenuti precedentemente in un test incrementale permette una analisi dettagliata delle curve flusso-volume sotto sforzo per la valutazione della iperinflazione dinamica nella BPCO

9 TEST A CARICO COSTANTE la durata dell esercizio è di solito di 6 minuti in pazienti con malattie respiratorie croniche e risposta ventilatoria rallentata può essere allungata a 8-10 minuti il carico di lavoro influenza la risposta cardiovascolare e ventilatoria allo sforzo in genere si utilizzano carichi tra il 50 e il 70% del massimo carico sostenuto durante un test incrementale precedente per carichi di lavoro moderati, in assenza di aumento sensibile del lattato arterioso, si assiste al raggiungimento di uno stato di steady state delle variabili cardiovascolari e ventilatorie dopo alcuni minuti tali carichi possono essere sostenuti per periodi prolungati di tempo

10 ANALISI DEI DATI Numerica Grafica Solo una attenta valutazione dei dati numerici e simultaneamente dei grafici ci indicano come un dato parametro si modifica nel corso del test e ci permette di giungere ad una corretta interpretazione I dati numerici vengono comunemente confrontati con valori di riferimento di una popolazione generale sedentaria L ATS ha fortemente raccomandato l uso di almeno nove grafici per una corretta interpretazione dell andamento dei vari parametri in corso di TSCP

11 I PARAMETRI VALUTABILI CON IL CPET SONO: Determinazione non invasiva Determinazione invasiva Lavoro Work rate Risposta Metabolica VO2, VCO2, RER, SOGLIA ANAEROBICA (AT) Lattato Risposta Cardiovascolare HR, ECG, BP, polso di O2 Risposta Ventilatoria VE, Vt, FR, Riserva respiratoria Scambi Gassosi Equilibrio acido-base SaO2, VE/VCO2, VE/VO2 PaO2, P(A-a)O2 PETO2, PETCO2, Vd/Vt ph, PaCO2, HCO3- Sintomi dispnea, fatica, dolore toracico

12 WORK RATE Relazione tra consumo di O2 e lavoro svolto (VO2-WR). Esprime l incremento di VO2 per carico lavorativo (watt) svolto durante un test incrementale con step ogni minuto o con modalità a rampa. (N.B. protocolli di esercizio con incrementi lavorativi superiori e prolungati determinano brusche variazioni del VO2, rendendo meno chiara la relazione VO2 WR). La pendenza della relazione VO2-WR esprime l efficienza lavorativa aerobica. Nei soggetti sani, l andamento del VO2 per incremento di carico sviluppato è definito dalla seguente relazione: Work rate = (VO2 picco VO2 al termine della fase di riscaldamento) / Watt per minuti moltiplicato (durata dell esercizio 0.75). Dove 0.75 è un fattore di correzione che considera il ritardo fra l inizio del lavoro e l esordio della relazione lineare VO2 WR. Il valore ottenuto è di 10.2 ml di O2 / min / Watt. Superata la soglia anaerobica, soprattutto nel soggetto sano, si assiste ad un incremento della pendenza di VO2 WR dovuto al maggior coinvolgimento muscolare periferico, al reclutamento dei muscoli respiratori accessori, impegnati ad elevati livelli di ventilazione, e alla conversione metabolica di acido lattico in glicogeno, attraverso il ciclo di Cori. In definitiva, la pendenza della relazione VO2 WR dipende dal tipo di esame, dalla sua durata e dalla condizione fisica del paziente.

13 CONSUMO DI O2 (VO2) Esprime la quantità di O2 consumata dal soggetto. A riposo un soggetto sano ha un consumo di circa L/min o di circa ml /min/kg. Durante lo sforzo il VO2 può superare i 4 L/min. CONSUMO MASSIMO DI O2 (VO2Max) Esprime il massimo conumo di O2 raggiunto durante esercizio affaticante che coinvolge ampie masse muscolari. Il VO2max viene raggiunto quando il consumo di O2 non aumenta (plateau), nonostante la prosecuzione dello sforzo. Il VO2Max viene generalmente raggiunto nel soggetto sano, soprattutto se allenato, cosa che invece non si verifica nel soggetto decondizionato, nei pazienti cardiopatici e in quelli pneumopatici a causa della precoce comparsa di sintomi o per la concomitanza presenza di problemi muscolari o osteoarticolari. VO2 picco Esprime il consumo di O2 misurato al picco dello sforzo in assenza di una fase di plateau. La mancata determinazione del VO2Max non esclude che il test sia massimale, soprattutto se il paziente appare esausto, se la frequenza cardiaca e la ventilazione al picco dell esercizio sono massimali o quasi, se il quoziente respiratorio (VCO2/VO2 è superiore a 1.1. Talora il VO2 picco è più elevato nei secondi immediatamente successivi all interruzione dello sforzo

14 VCO2 Esprime la quantità di CO2 prodotta ed è espressione diretta dello stato metabolico. La VCO2 nell persona sana a riposo è di circa 0:20 L/min. Nell individuo allenato può raggiungere i 4 L/min a livelli dello sforzo massimale.

15 QUOZIENTE RESPIRATORIO (RQ o RER) Il rapporto VCO2/VO2 è conosciuto con il termine di quoziente respiratorio (RQ) o respiratory exchange ratio (RER) quando questo rapporto è misurato tramite i gas espirati. Misurato in condizioni di steady state è un indice piuttosto grossolano del tipo di nutrienti prevalentemente utilizzati; un RQ= 1 indica prevalentemente il catabolismo di carboidrati; RQ=0.7 indica una mistura di carboidrati e lipidi; RQ=0.8 indica una mistura di carboidrati e proteine. Durante test incrementale il raggiungimento di un RQ> è indice di un grado di sforzo massimale.

16 POLSO DI O2 (O2 PULSE) Il rapporto VO2/HR è detto polso di O2 e riflette il consumo di O2 per ogni battito cardiaco; nel soggetto normale esso è utilizzato come stima di massima dello stroke volume (gittata cardiaca); nel soggetto normale il polso di O2 aumenta in maniera lineare per bassi carichi di lavoro e tende a formare un plateau ai carichi di lavoro più alti (normale limite cardiovascolare allo sforzo). I alcuni pazienti come quelli con BPCO il polso di O2 ha in genere un valore basso poiché il paziente presenta un limite ventilatorio allo sforzo anche se nei pazienti con malattia lieve esso può risultare nei limiti della norma. In realtà più che valutare il valore assoluto è importante seguire l andamento grafico del polso di O2; infatti un valore basso con un plateau precoce può indicare una compromissione della circolazione polmonare soprattutto se associata a desaturazione sotto sforzo.

17 SOGLIA ANAEROBICA (AT) Esprime il livello di sforzo o di consumo di O2 oltre il quale si evidenzia un incremento ematico di acido lattico con passaggio dal metabolismo aerobico a quello anaerobico. Essa può essere identificata in modo invasivo, mediante il monitoraggio dell acido lattico e/o dei bicarbonati standard su sangue arterioso, venoso e venoso misto, o non invasivo. DETERMINAZIONE NON INVASIVA Il metodo convenzionale per l identificazione non invasiva della soglia anaerobica si avvale dell analisi simultanea degli equivalenti ventilatori per l ossigeno (VE/VCO2) e per l anidride carbonica (VE/VCO2), del quoziente respiratorio (VCO2/VO2) e della pressione di fine respiro per l ossigeno (PET O2) e l anidride carbonica (PET CO2) durante esercizio.

18 La comparsa della soglia anaerobica si definisce quando la risposta iperventilatoria conseguente all incremento di produzione di CO2 si accompagna a un aumento di VE/VO2 e PETO2in assenza di variazione di VE/VCO2 e di PET CO2 in quanto l andamento della VE è consensuale a quello del VCO2: questa è la fase isocapnica dell esercizio in cui l acidosi respiratoria non si è ancora sviluppata. Successivamente, la prosecuzione dell esercizio e il derivante incremento della lattacidemia determinano un ulteriore aumento della VE, sproporzionato rispetto alla VCO2, che caratterizza un incremento del VE/VCO2 e un calo del PETCO2: a ciò corrisponde una VCO2 in eccesso rispetto al VO2, e il conseguimento di un quoziente respiratorio (VCO2/VO2) superiore a 1.

19 Il metodo precedentemente descritto, si basa sulla risposta ventilatoria conseguente all incremento della VCO2. Siccome tale risposta può essere alterata in presenza di disturbi del controllo del respiro e/o di patologie meccaniche polmonari, è stato introdotto un metodo alternativo definito metodo V-slope Utilizza l andamento del VCO2 e la sua relazione con il VO2 Al di sotto della soglia anaerobica esiste una relazione lineare fra VCO2 e VO2 mentre, superata la sogli anaerobica, l incremento della lattacidemia determina un addizionale VCO2 con conseguente variazione della pendenza della relazione VCO2-VO2 Il metodo V-slope esige il campionamento breath by breath. VCO VO2 La pendenza della relazione VCO2 VO2, prima della soglia anaerobica è uguale a 1 e corrisponde ad una retta parallela (linea di identità) all ipotenusa di un triangolo isoscele, raggiunta la soglia anaerobica, la relazione VCO2 VO2 si discosta dalla linea di identità e il VO2 corrispondente al punto di flessione rappresenta il valore della soglia anaerobica ventilatoria (SAV).

20 VENTILAZIONE MINUTO (VE) Esprime il volume totale di gas espirato al minuto. Un soggetto normale respira da 5 a 10 L/min a riposo. Durante lo sforzo questo valore può superare i 100 L/min e può raggiungere i 200 L/min nel soggetto allenato. VOLUME TIDAL (Vt) Esprime il volume di aria mobilizzato per ogni atto respiratorio ed è pari a 500 ml FREQUENZA RESPIRATORIA (FR) Numeri di atti respiratori in un minuto VENTILAZIONE MINUTO (VE) Esprime il volume totale di gas espirato al minuto. Un soggetto normale respira da 5 a 10b L/min a riposo. Durante lo sforzo questo valoe può superare i 100 L/min e può aggiungere i 200 L/min nel soggetto allenato

21 EQUIVALENTE VENTILATORIO PER LA CO2 (VE/VCO2) Esprime il rapporto tra i litri di ventilazione e i litri di CO2 prodotti al minuto ed è calcolato dividendo la VE per la CO2. Nelle perone sane il rapporo varia da 25 a 35 litri/litri di VCO2. EQUIVALENTE VENTILATORIO PER L O2 (VE/VO2) Esprime il rapporto tra i litri di ventilazione e i litri di O2 consumai al minuto ed è calcolato dividendo la VE per il O2. Nelle persone sane il rapporto rimane compreso nell intervallo da 20 a 30 litri/litro di O2 fino a che non sono stati raggiunti i più alti livelli di lavoro. Quando si oltrepassa la soglia anaerobica, per pareggiare la maggiore produzione di CO2 si ha anche un aumento dell equivalente ventilatorio per l O2.

22 PETCO2 Esprime la pressione di CO2 di fine espirazione misurata alla bocca e può essere considerata nel soggetto normale uguale alla pressione parziale alveolare media di CO2 (PACO2) e alla pressione arteriosa di CO2 (PaCO2). Nel soggetto normale la PaCO2 e la PETCO2 presentano un gradiente che oscilla tra 1 e 5. PETO2 Esprime la pressione di O2 nell aria di fine espirazione misurata alla bocca

23 RAPPORTO VENTILAZIONE SPAZIO MORTO E VOLUME CORRENTE (Vd/Vt) Esprime il rapporto tra la ventilazione dello spazio morto e il volume Tidal. Nel soggetto adulto il rapporto varia tra Insieme alla differenza di pressione parziale di O2 alveolare e arteriosa (PA-aO2) e quella di CO2 arteriosa e di fine espirazione (Pa-PETCO2) sono utilizzati nella valutazione del rapporto ventilazione-perfusione polmonare in esercizio e quindi contribuiscono a definire il ruolo delle patologie respiratorie vascolari e interstiziali nella genesi della limitazione funzionale o nella comparsa di sintomi. I limiti di questi parametri sono legati alla difficoltà di misurazione, che attualmente non può prescindere dalla determinazione invasiva delle pressioni parziali di O2 e di CO2 e dalla necessità di una stabilità metabolica in esercizio.

24 RELAZIONE CONSUMO DI O2 E LAVORO SVOLTO (VO2-WR) Esprime l incremento di VO2 per carico lavorativo (watt) svolto durante un test incrementale con step ogni minuto o con modalità a rampa. Protocolli di esercizio con incrementi lavorativi superiori e prolungati determinano brusche variazioni del VO2, rendendo meno chiara la relazione VO2-WR. La pendenza della relazione VO2-WR esprime l efficienza lavorativa aerobica. In soggetti sani, l andamento di VO2 per incremento di carico sviluppato è definito dalla seguente relazione: VO2-WR = (VO2 picco VO2 al termine della fase di riscaldamento) / Watt per min. per durata dell esercizio 0.75) Dove 0.75 è un fattore di correzione che considera il ritardo fra l inizio del lavoro e l esordio della relazione lineare VO2 WR. Il valore ottenuto è di ml O2/min/watt. Superata la soglia anaerobica, soprattutto nel soggetto sano, si assiste ad un incremento della pendenza di VO2 WR dovuto al maggior coinvolgimento muscolare periferico, al reclutamento dei muscoli respiratori accessori, impegnati a elevati livelli di ventilazione, e alla conversione metabolica di acido lattico in glicogeno, attraverso il ciclo di Cori. In definitiva, la pendenza della relazione VO2-WR dipende dal tipo di esame, dalla durata e dalla condizione fisica del paziente.

25 VALORI DI NORMALITA VO2 max o di picco 84% del predetto Soglia anaerobica >40% VO2 max predetto (ampio range 40-80%) Frequenza cardiaca Riserva cardiaca >90% del predetto per età <15 battiti/min Pressione arteriosa <220/90 Polso di O2 (VO2/FC) >80% del predetto Riserva ventilatoria Vemax/MVVx100: <85% Frequenza respiratoria <60 atti/min VE/VCO2 alla AT <34 Vd/Vt PaO2 P(A-a)O2 <0.28; <0.30 per età >40 anni >80 mm Hg <35 mm Hg

26 PARAMETRI COPD ILD PVD CHF OBESITY DECONDITIONATED VO2 Max / Peak 1 decreased 1 decreased 1 decreased 1 decreased 1 decreased for 1 decreased actual, normal for ideal weight AT 1 normal 2 decreased 3 indeterminated 1 normal 2 decreased 1 decreased 1 decreased 1 normal 1 normal 2 decreased PEAK HR 1 decreased 2 normal in mild PATTERNS DI RISPOSTA AL CPET 1 decreased 1 normal 2 slightly decreased 1 variable 2 normal in mid 1 normal 2 slightly decreased 1 normal 2 slightly decreased O2 PULSE 1 normal 1 normal 1 normal 1 decreased 1 normal 1 decreased 2 decreased 2 decreased 2 decreased (VE/MVV) % 1 increased 1 normal 1 normal 1 normal 1 normal 1 normal 2 increased 2 increased 2 decreased 2 increased VE/VCO2 (at 1 increased 1 increased 1 increased 1 increased 1 normal 1 normal AT) Vd/Vt 1 increased 1 increased 1 increased 1 increased 1 increased 1 normal PaO2 1 variable 1 decreased 1 decreased 1 normal 1 normal, may 1 normal increase P(A-a) O2 1variable 2 usually increased 1 increased 1 increased 1 usually normal 1 may decrease 1 normal Legenda: COPD, chronic obstructive pulmonary disease; ILD, interstitial lung disease; PVD, pulmonary vascular disease; CHF, chronic heart failure.

27 INTERPRETAZIONE DEL CPET 1. Risposta Metabolica 2. Risposta Cardiovascolare 3. Risposta Ventilatoria 4. Scambi Gassosi Polmonari 5. Sintomi

28 1. RISPOSTA METABOLICA Consumo di Ossigeno Produzione di CO2 Relazione VO2-Work rate Quoziente respiratorio Soglia anaerobica VO2 VCO2 VO2-WR RR o RER AT

29 RISPOSTA METABOLICA CONSUMO DI O2 (VO2) Nel soggetto normale il valore di VO2 plottato contro il lavoro svolto (Work Rate o WR) aumenta in maniera piuttosto lineare fino a raggiungere un plateau che è detto VO2max; talvolta l esercizio termina prima del raggiungimento del plateau per il sopraggiungere di sintomi e il valore massimo di VO2 raggiunto è allora detto VO2 di picco Nel soggetto con BPCO il VO2 di picco può essere: 1) nei limiti della norma (>84% del predetto) o più frequentemente 2) inferiore al valore predetto per il sopraggiungere di un limite prevalentemente ventilatorio allo sforzo fisico

30 RISPOSTA METABOLICA PRODUZIONE DI CO2 (VCO2) Nel soggetto normale il valore di VCO2 plottato contro il lavoro svolto (Work Rate o WR) aumenta in maniera piuttosto lineare fino al raggiungimento della fase di metabolismo anaerobico A questo livello si assiste ad un ulteriore incremento della VCO2; ciò è particolarmente evidente nella relazione VCO2/VO2 in cui i due valori aumentano in maniera simile e lineare fino al punto in cui la VCO2 si impenna, per il sopravvenire del metabolismo anaerobico a livello muscolare, determinando un cambio netto della pendenza della relazione.

31 RISPOSTA METABOLICA RELAZIONE VO2 -WORK RATE (VO2 -WR) Lo slope VO2/ WR riflette l efficienza della conversione metabolica dei nutrienti in lavoro meccanico e stima l efficienza meccanica del sistema muscolo-scheletrico; tale valore è indipendente da sesso, età e altezza ed è pari a ml/min per watt. Nel soggetto con BPCO lo slope VO2/ WR può essere: 1) nei limiti della norma 2) o inferiore al predetto per un inadeguato apporto di O2 ai muscoli.

32 SOGGETTO SANO: RELAZIONE VO2 - LAVORO

33 BPCO: RELAZIONE VO2 - LAVORO

34 RISPOSTA METABOLICA QUOZIENTE RESPIRATORIO (RQ o RER) Il rapporto VCO2/VO2 è conosciuto con il termine di: quoziente respiratorio (RQ) o respiratory exchange ratio (RER) quando questo rapporto è misurato tramite i gas espirati. Misurato in condizioni di steady state è un indice piuttosto grossolano del tipo di nutrienti prevalentemente utilizzati; un RQ= 1 indica prevalentemente il catabolismo di carboidrati; RQ=0.7 indica una mistura di carboidrati e lipidi; RQ=0.8 indica una mistura di carboidrati e proteine. Durante test incrementale il raggiungimento di un RQ> è indice di un grado di sforzo massimale.

35 SOGGETTO SANO: QUOZIENTE RESPIRATORIO

36 BPCO: QUOZIENTE RESPIRATORIO

37 RISPOSTA METABOLICA SOGLIA ANAEROBICA (AT) Nel soggetto normale la soglia anaerobica viene raggiunta approssimativamente al di sopra del 40% del VO2 max. La determinazione del raggiungimento della soglia anaerobica può essere: 1) invasiva (valutazione dei lattati o dei bicarbonati ematici) 2) o non invasiva (metodo del V-slope o degli Equivalenti Ventilatori).

38 Nel soggetto con BPCO la soglia anaerobica può essere nei limiti della norma precoce o addirittura non raggiunta. Il raggiungimento precoce indica un precoce inizio del metabolismo anaerobico a livello muscolare che può dipendere da diversi meccanismi che possono tra di loro sommarsi: 1) un inadeguato apporto di O2 ai muscoli, 2) un alterazione del metabolismo ossidativo muscolare 3) o un coesistente decondizionamento fisico

39 SOGGETTO SANO: SOGLIA ANAEROBICA METODO DEL V - SLOPE

40 BPCO: SOGLIA ANAEROBICA METODO DEL V- SLOPE

41 RISPOSTA CARDIOVASCOLARE a. Frequenza cardiaca HR e Relazione HR -VO2 b. Polso di O2 O2 pulse c. Risposta pressoria BPR d. Risposta ECG

42 RISPOSTA CARDIOVASCOLARE FREQUENZA CARDIACA (HR) E RELAZIONE HR-VO2 Nel soggetto normale la HR (Heart Rate) aumenta in maniera piuttosto lineare con l incremento del VO2 fino a raggiungere un valore massimo che in genere è pari a età o (età x 0.65). Al termine dell esercizio il raggiungimento del VO2 teorico, della massima frequenza cardiaca e l assenza di riserva cardiaca indicano uno sforzo massimale e un normale limite cardiovascolare allo sforzo. In genere nel paziente con BPCO la HR sale in maniera normale rispetto al VO2 sebbene, soprattutto nei pazienti più compromessi, possa esserci riserva cardiaca significativa ad indicare il sopraggiungere di un limite ventilatorio allo sforzo.

43 RISPOSTA CARDIOVASCOLARE POLSO DI O2 (O2 PULSE) Il rapporto VO2/HR è detto polso di O2 e riflette il consumo di O2 per ogni battito cardiaco; Nel soggetto normale esso è utilizzato come stima di massima dello stroke volume (gittata cardiaca); Nel soggetto normale il polso di O2 aumenta in maniera lineare per bassi carichi di lavoro e tende a formare un plateau ai carichi di lavoro più alti (normale limite cardiovascolare allo sforzo). Nel soggetto con BPCO il polso di O2 ha in genere un valore basso poiché il paziente presenta un limite ventilatorio allo sforzo, ma nei pazienti con malattia lieve esso può risultare nei limiti della norma; Più del valore assoluto è importante valutare l andamento grafico del polso di O2; infatti un valore basso con un plateau precoce può indicare una compromissione della circolazione polmonare, soprattutto se associata a desaturazione sotto sforzo.

44 SOGGETTO SANO: RISPOSTA CARDIOVASCOLARE

45 BPCO: RISPOSTA CARDIOVASCOLARE

46 RISPOSTA PRESSORIA (BPR) La pressione arteriosa sistolica aumenta in maniera lineare con l incremento dell esercizio fino a raggiungere un valore massimo, mentre la pressione diastolica si mantiene costante. Una risposta anomala può prevedere un incremento eccessivo, o una caduta della pressione con l esercizio. Un eccessivo incremento si verifica in soggetti con ipertensione; Una caduta della pressione durante esercizio è un indicazione all interruzione dell esercizio stesso in quanto essa potrebbe dipendere da scompenso cardiaco acuto, ischemia, stenosi aortica, malattia vascolare polmonare o ostruzione venosa centrale. Nel soggetto con BPCOla rispos ta pressoria è per lo più nei limiti della norma.

47 RISPOSTA VENTILATORIA Domanda e Capacità Ventilatoria Pattern e timing ventilatorio Riserva Ventilatoria Relazioni VE vs VO2 e VE vs VCO2 Equivalenti ventilatori per VO2 e VCO2 End tidal PO2 e PCO2 Tecniche emergenti per la valutazione della limitazione ventilatoria

48 RISPOSTA VENTILATORIA DOMANDA E CAPACITA VENTILATORIA La domanda ventilatoria è dipendente da diversi fattori quali la richiesta metabolica, il grado di acidosi lattica, la ventilazione dello spazio morto, decondizionamento fisico, peso corporeo etc. La VE è direttamente proporzionale a VCO2 La capacità ventilatoria è tradizionalmente misurata a riposo come Massima Ventilazione Volontaria (MVV) Oggi si tende però ad utilizzare la formula FEV1x37.5 che è più riproducibile ed attendibile della MVV Nel BPCO la domanda ventilatoria a riposo e ad ogni dato livello di esercizio è incrementata e la capacità ventilatoria è invece ridotta.

49 RISPOSTA VENTILATORIA PATTERN E TIMING VENTILATORIO L aumento di VE con l esercizio è associato sia all incremento del Volume tidal (Vt) che della Frequenza Respiratoria (FR); l incremento avviene prima a carico del Vt e poi in un secondo momento, quando l esercizio è al 70-80% del picco massimo, avviene l incremento della FR; Vt arriva ad un plateau in genere al 50-60% del valore di CV. Vt aumenta da 3 a 5 volte nei giovani e da 2 a 4 volte negli anziani; la FR aumenta 2 o 3 volte nella maggior parte dei soggetti, negli atleti anche 6 o 7 volte. Nei soggetti sani l incremento di Vt è legato alla riduzione dell End Expiratory Lung Volume (EELV) e ad un incremento maggiore dell End Inspiratory Lung Volume (EILV); l incremento della FR determina un incremento del rapporto Ti/Ttot (per riduzione progressiva del Te) da 0.4 a riposo fino a al picco di esercizio.

50 PATTERN E TIMING VENTILATORIO Nel soggetto con BPCO può verificarsi iperinflazione polmonare dinamica a causa della limitazione al flusso espiratorio: in questo caso l aumento del Vt non può normalmente verificarsi e si assiste all aumento dell EELV e alla riduzione della capacità inspiratoria con conseguente incremento della dispnea.

51 RISPOSTA VENTILATORIA RISERVA VENTILATORIA La riserva ventilatoria equivale alla differenza esistente tra MVV e VEmax raggiunta al picco dell esercizio; la MVV può essere misurata direttamente o può essere stimata con la formula FEV1x37,5; normalmente VEmax/MVVx100 <85% con ampio range di normalità (72 ± 15). Nel soggetto con BPCO la riserva ventilatoria può essere ridotta o totalmente esaurita ad indicare un limite ventilatorio allo sforzo

52 SOGGETTO SANO: STRATEGIA VENTILATORIA

53 BPCO: STRATEGIA VENTILATORIA

54 RISPOSTA VENTILATORIA RELAZIONI VE vs VO2 e VE vs VCO2 La relazione VE -VO2 e soprattutto quella VE -VCO2 analizzano la risposta ventilatoria alla richiesta metabolica durante esercizio; nel soggetto sano all acme dell esercizio necessitano L di VE per eliminare 1 L di CO2 ed incrementi possono segnalarci la presenza di alterazioni del rapporto Vd/Vt (es. BPCO) o che il set point per la PaCO2 è basso.

55 SOGGETTO SANO: RELAZIONE VE - VO2

56 BPCO: RELAZIONE VE - VO2

57 SOGGETTO SANO: RELAZIONE VE - VCO2

58 BPCO: RELAZIONE VE - VCO2

59 RISPOSTA VENTILATORIA EQUIVALENTI VENTILATORI PER O2 e CO2 I rapporti VE/VO2 e VE/VCO2 sono detti equivalenti ventilatori e indicano quanti litri di ventilazione sono necessari per assumere rispettivamente 1 litro di O2 e eliminarne 1 di CO2; Vengono plottati contro il valore di VO2 o di Work rate.

60 Gli equivalenti ventilatori hanno un trend in discesa iperbolica fino a raggiungere un valore minimo o nadir al livello della AT; Poi aumenta prima solo VE/VO2 per l inserirsi del metabolismo anaerobico, e il conseguente incremento di produzione di CO2 e della ventilazione; Per questo stesso motivo l equivalente ventilatorio per la CO2 si mantiene invece costante; Successivamente incrementa anche VE/VCO2 per il normale compenso ventilatorio all acidosi metabolica; alti valori di VE/VCO2 al nadir indicano alterazioni di Vd/Vt e alterazioni del rapporto ventilo-perfusivo e sono la regola nel soggetto BPCO.

61 SOGGETTO SANO: EQUIVALENTI VENTILATORI

62 BPCO: EQUIVALENTI VENTILATORI

63 RISPOSTA VENTILATORIA END TIDAL O2 e CO2 (PETO2 e PETCO2) PET CO2 aumenta durante il test incrementale fino al raggiungimento della AT; dopo il raggingimento di AT si stabilizza e infine cade quando VE/VCO2 aumenta; il periodo in cui PET CO2 è stabile è detto tamponamento isocapnico. PET O2 si riduce durante il test incrementale, poi inizia ad aumentare con il raggiungimento della AT e con il susseguente incremento di VE/VO2. Una caduta di PET CO2 quando VE/VCO2 è alto indica iperventilazione mentre un valore di PET CO2 stabile quando VE/VCO2 è alto indica un incremento di ventilazione dello spazio morto.

64 SOGGETTO SANO: END TIDAL O2 e CO2

65 BPCO: END TIDAL O2 e CO2

66 RISPOSTA VENTILATORIA TECNICHE EMERGENTI PER LA VALUTAZIONE DELLA LIMITAZIONE VENTILATORIA La valutazione delle curve flusso volume del tidal volume (extfvl) durante esercizio in relazione alla curva flusso volume massimale (MFVL) è un indice visuale affidabile della relazione esistente tra domanda ventilatoria e capacità ventilatoria nel paziente con BPCO e non solo; viene valutato molto bene il fenomeno della iperinflazione dinamica

67 CURVE FLUSSO VOLUME TIDAL DURANTE ESERCIZIO vs CURVA FLUSSO VOLUME MASSIMALE: SOGGETTI SANI

68 CURVE FLUSSO VOLUME TIDAL DURANTE ESERCIZIO vs CURVA FLUSSO VOLUME MASSIMALE: BPCO

69 IPERINFLAZIONE POLMONARE DINAMICA: BPCO

70 FLUSSO LIMITAZIONE SENZA IPERINFLAZIONE: BPCO

71 SCAMBI GASSOSI POLMONARI PaO2 e PaCO2 Gradiente alveolo-arterioso di O2. P(A-a)O2 Rapporto tra volume dello spazio morto e volume tidal. Vd/Vt

72 SCAMBI GASSOSI POLMONARI GRADIENTE ALVEOLO-ARTERIOSO DI O2. PA-aO2 Il gradiente alveolo arterioso di O2 è utilizzato per comprendere i meccanismi di una caduta del livello di PaO2 durante esercizio; infatti un gradiente nella norma in presenza di una caduta di PaO2 indica una ipoventilazione o un alterata risposta della meccanica ventilatoria all esercizio; un incremento del gradiente in presenza di una caduta di PaO2 è associata ad alterazioni del rapporto V/Q, alterazioni della diffusione, shunt o ad un meccanismo misto. Normalmente il gradiente si incrementa sotto sforzo fino ad un massimo di 35 mm Hg; oltre tale valore e soprattutto al di sopra di 50 mm Hg le anomalie di scambio sono la regola. Nel paziente con BPCO è possibile mediante TSCP valutare attentamente l ipossiemia e i meccanismi sottostanti.

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza (Cosa fare e/o non fare in assenza e/o in attesa dell esperto) A cura di E. Bigi S. Baroncini - C. Coniglio - G. Desiderio A. Guidetti M. Liberti M. Menarini

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli