Cristina Legnani, Nicola Ciavarella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cristina Legnani, Nicola Ciavarella"

Transcript

1 La trombofilia e i suoi percorsi diagnostici Cristina Legnani, Nicola Ciavarella Milano, 9 Giugno 2011

2 Quali alterazioni trombofiliche ricercare Quali test eseguire Quando eseguire i testt Quali soggetti esaminare Quali soggetti esaminare Caratteristiche dei Centri

3 Quali alterazioni trombofiliche ricercare

4 Quali alterazioni trombofiliche ricercare Difetto di Antitrombina Difetto di Proteina C Difetto di Proteina S Mutazione Fattore V Leiden Mutazione G20210A della protrombina Lupus Anticoagulant e anticorpi antifosfolipidi

5 Altre alterazioni trombofiliche/ fattori di rischio Disfibrinogenemia Aumento Fattore VIII Iperomocisteina (opzionale per tromboembolia venosa e complicanze gravidanza, da eseguire per patologia arteriosa)

6 Test da non eseguire Polimorfismi della MTHFR PAI-1 (dosaggio e polimorfismi) Fattore XIII (dosaggio e polimorfismi) Plasminogeno e t-pa TAFI TFPI Cofattore eparinico II Fattore VII, IX, XI, XII e altri Polimorfismi della Trombomodulina Aplotipo HR2

7 Raccomandato l uso di un profilo Comprende TUTTI i test t per l identificazione delle alterazioni trombofiliche accertate - migliore interpretazione dei risultati di lab - migliore valutazione del rischio Può essere e aggiornato ato in base ai dati della letteratura Evita la richiesta di test non appropriati o test non necessari

8 Livelli di Proteina S in soggetti portatori della mutazione Fattore V Leiden % A B C D E F Metodi

9 Alterazioni combinate: incidenza di TEV PC F.V PC + F.V TEV (%) Incidenza AT F. V AT + F.V (Koeleman et al., Blood 1994) 100 TEV (%) Incidenza (Van Boven et al, Thromb Haemost 1996)

10 Richiesta test non appropriati/non necessari Dosaggi funzionali Proteina C e Proteina S Dosaggi immunologici Proteina C e Proteina S totale Ricerca mutazione Fattore V Leiden e G20210A Protrombina Dosaggi coagulativi Fattore V e II Ricerca LAC ma non degli anticorpi ACA e anti GPI Dosaggio omocisteina Ricerca mutazione C677T della MTHFR

11 Omocisteina plasmatica: variante termolabile della MTHFR µmo ol/l Ala/Ala Val/Ala Val/Val Ala/Ala Val/Ala Val/Val Folati < 15.4 nmol/l Folati 15.4 nmol/l La mutazione in forma omozigote: La mutazione in forma omozigote: Può essere causa di iperomocisteinemia moderata (se folati bassi) Non è stata inequivocabilmente identificata come fattore di rischio indipendente per trombosi

12 Conferma di una alterazione Ripetere dosaggio AT, PC e PS in caso di valori alterati su un campione indipendente Diagnosi di eredofamiliarità solo se difetto presente in almeno un altro consanguineo Ripetere i test per LAC, ACA e anti ß2 GPI dopo almeno 12 settimane Riconfermare la positività per la mutazione Riconfermare la positività per la mutazione su un secondo campione

13 Test genetici Errore diagnostico Mutazione R506Q Fattore V Leiden Mutazione G20210A della Protrombina 3-6% (15-17% 17% per omozigosi) Preston et al, 1999; Hertzberg et al, 2005; Tripodi et al, 2002 e 2005 Risultati migliorati negli ultimi anni ma errore diagnostico rimane elevato ( 1-4%)

14 Quali test eseguire

15 Quali test eseguire (1) Antitrombina (dosaggio funzionale cromogenico) Proteina C (dosaggio funzionale cromogenico) Proteina S (immunologico della frazione libera) Resistenza PC attivata o mutaz. Fattore V Leiden Mutaz. G20210A della protrombina Ricerca LAC (Pengo et al, JTH 2009) Dosaggio anticorpi i anticardiolipina i e anti ß2 Glicoproteina I (IgG ed IgM) Raccomandati anche PT, aptt ed emocromo, completo

16 Quali test eseguire (2) Proteina C (dosaggio funzionale coagulativo) Proteina S (dosaggio funzionale coagulativo, se usato come test di 1 livello necessaria una conferma con test t immunologico della frazione libera) Dosaggio immunologico di Antitrombina, Proteina C e Proteina S totale (per tipizzazione difetti)

17 Quando eseguire i test

18 Alterazioni acquisite che possono determinare false positività Erronea diagnosi di presenza di una alterazione trombofilica Epatopatia, malnutrizione, estese ustioni, malattie infiammatorie intestinali, terapia anticoagulante, ridotto assorbimento/assunzione n ione vitamina K, gravidanza a e trattamento ormonale, fase acuta di un processo trombotico, CID, reazione emolitica da trasfusione, tumori, terapia con L-asparaginasi, sindrome nefrosica e insufficienza renale, terapia eparinica, periodo post- operatorio, ARDS, plasma exchange, emorragia massiva, aumento FVIII, FX, Fattore II e XII

19 Modificazioni aspecifiche dovute a: Evento acuto Terapia eparinica Anticoagulanti orali Gravidanza Estroprogestinici Riduzione AT, PC, PS, Omocys; Aumento FVIII Riduzione AT; Interferenza su dosaggio PC, PS, test APCR e ricerca LAC Riduzione PC e PS; Interferenza su test APCR Riduzione PS, Omocys; Aumento PC e FVIII; Alterazione test APCR Riduzione PS, Omocys; Aumento FVIII; Alterazione test APCR

20 Proteina S e gravidanza Proteina S ridotta in 80/139 (57.6%) donne esaminate durante la gravidanza 62 donne riesaminate dopo il puerperio => tutte con Proteina S normale 1 trim. 2 trim. 3 trim. Ridotta Proteina S 57.9% 59.4% 58.1%

21 Proteina S e estroprogestinici Proteina S ridotta 113/753 donne esaminate durante un trattamento estroprogestinico (15.0%) 76 donne riesaminate dopo la sospensione => tutte con Proteina S normale

22 Tchaikovsky, Women s Tchaikovsky, Women s Health 2006

23 Alterazioni acquisite che possono determinare false negatività Mancata diagnosi di carenza di Proteina C Gravidanza e trattamento ormonale, sindrome nefrosica, diabete e cardiopatia ischemica

24 Proteina C e gravidanza (1) Donna di 36 anni esaminata alla 25 settimana di gravidanza Il padre in trattamento anticoagulante per 2 pregressi episodi di TEV (1 TVP prossimale a 30 anni dopo gesso e recidiva idiopatica di TVP a 62 anni) Livello della Proteina C durante la gravidanza Livello della Proteina C durante la gravidanza = 66% (n.v. > 68%)

25 Proteina C e gravidanza (2) 2 anni dopo il parto: Proteina C attività = 47% Proteina C antigene = 51% Conferma del difetto di Proteina C nello Conferma del difetto di Proteina C nello zio paterno

26 Quando NON eseguire i test Trombosi acuta (eseguire la diagnostica per la HIT, se presente sospetto) Durante le terapie anticoagulanti Gravidanza o terapia ormonale In tutte le condizioni associate ad aumento delle proteine della fase acuta (post-chirurgia, mal. infiammatorie) Se indispensabile, test genetici i sempre eseguibili, ma in genere non sono consigliabili screening parziali

27 Quando eseguire i test Dopo 3 mesi dall evento trombotico venoso/arterioso Dopo almeno 48 ore dalla sospensione di eparina e derivati Dopo 30 giorni dalla sospensione della terapia anticoagulante orale Dopo almeno 2 mesi dal parto Dopo almeno 1 mese dalla sospensione della terapia ormonale

28 Quali soggetti esaminare

29 Quali soggetti esaminare (1) Soggetti sintomatici per: Uno o più precedenti episodi di TEV -idiopatica - dopo stimoli di modesta entità - con storia familiare positiva per TEV Trombosi venose superficiali recidivanti su vena sana Trombosi venose in sedi non usuali (escluse le occlusioni venose retiniche) occlusioni venose retiniche) Necrosi cutanea indotta da anticoagulanti orali Porpora fulminante neonatale

30 Quali soggetti esaminare (2) Soggetti sintomatici per: Patologia arteriosa in età giovanile (< 55 anni) Limitatamente a: - LAC - Anticorpi anticardiolipina, anti ß2 Glicoproteina I (IgG ed IgM) - Omocisteina Le alterazioni trombofiliche eredofamiliari possono essere ricercate solo in casi selezionati (es. pazienti con pregresso ictus o TIA secondario a FOP)

31 Quali soggetti esaminare (3) Soggetti sintomatici per: Pregressa patologia della gravidanza - aborti ricorrenti ( 3, o 2 con almeno un cariotipo fetale normale) - morte endouterina fetale - pre-eclampsia - HELP syndrome -ritardo di accrescimento intrauterino t i - abruptio placentae Linee guida SISET, 2009 (raccomandazioni con diversi livelli di evidenza)

32 Quali soggetti esaminare (4) Soggetti asintomatici Non indicato in soggetti non selezionati per prevenire episodi tromboembolici e/o complicanze della gravidanza Indicato prima dell esposizione a situazioni a rischio trombotico ti particolare (terapia ormonale, gravidanza, ecc) in soggetti: con storia familiare chiaramente positiva per tromboembolia venosa (ma non per complicanze della gravidanza) familiari di 1 grado di portatori di trombofilia eredofamiliare

33 Familiari di portatori di trombofilia eredofamiliare Screening trombofilico completo Eseguire la ricerca della alterazione dimostrata nel proposito e almeno anche la ricerca delle due mutazioni i (Fattore V Leiden e G2021A della protrombina)

34 Caratteristiche dei Centri

35 Complessità del problema Problemi di standardizzazione fase preanalitica (raccolta, manipolazione e conservazione del prelievo) Problemi di scelta dei metodi, relativa scarsa riproducibilità e probabilità di elevati errori diagnostici Possibili rilevanti interferenze di parecchi fattori sui risultati ti dei test t (patologie concomitanti, farmaci, ecc)

36 Test funzionali e immunologici: coefficienti di variazione inter-labs CV % Antitrombina 5-10% Proteina C < 10% Proteina S 20-25% (test coagulativi) APCR < 15% (frazione libera) < 20% (test 1 generazione) < 15% (test 2 generazione) LAC 40-50% ACA/anti ß2 GPI 40-50% Omocisteina < 20% In generale la riproducibilità è peggiore per valori alterati o borderline

37 Test funzionali e immunologici: errore diagnostico Errore diagnostico (% falsi positivi) Antitrombina < 5% Proteina C < 10% Proteina S < 20% APCR <5% LAC < 20% ACA/anti ß2 GPI? Omocisteina < 15%

38 Cosa i centri devono garantire (1) La presenza di personale ben addestrato, formato e con esperienza nel campo dell emostasi La determinazione i locale l i range di riferimento i ed la calibrazione del plasma usato per le curve contro uno standard d internazionale i (se disponibile) ibil L esecuzione di un controllo di qualità interno per almeno due livelli (normale e patologico) La costante partecipazione a specifici programmi di p p p p g valutazione esterna di qualità

39 Cosa i centri devono garantire (2) L esecuzione dei test solo previa raccolta dell anamnesi del paziente (farmaci, patologie associate, storia personale/familiare di trombosi) Il fornire a conclusione dell iter diagnostico una relazione/commento con esplicita interpretazione dei risultati e/o eventuali approfondimenti da eseguire per raggiungere una diagnosi conclusiva Il fornire un adeguato counseling per informazione equilibrata, evitare allarmismi, i misure profilattiche da adottare in situazioni a rischio, ecc

40

41 Coordinamento dei Centri per la Trombofilia della regione Emilia-Romagna Bologna Ferrara Modena Reggio Emilia Parma Piacenza Area Vasta Romagna Palareti Gualtiero (coordinatore) Legnani Cristina Mari Rosella Moratelli Stefano Serino Maria Luisa Marietta Marco Simoni Luisa Pilia Annalisa Silingardi Mauro Quintavalla Roberto Ippolito Luigi Giorgi Pierfranceschi Matteo Croci Ezio Argento Antonio Biasoli Chiara Poletti Giovanni Tiraferri Eros

42 La coagulazione come la disfida di Barletta Fattore XI Fattore XII Fattore VII protrombina Fattore IX Fattore V Fattore von Willebrand Fattore VIII fibrinogeno Fattore X Ca++ fosfolipidi Fattore XIII Ciavarella Petronelli 2011

43 I Unità Didattica Test di screening e loro interpretazione

44 C i t i tt i t t di Come orientarsi attraverso i test di screening dell emostasi

45 Caso n.2 PT aptt PLT 1.8 Ratio 2.5 Ratio /uL ipotesi diagnostica Deficit X,V,II e FBG (via comune) Paziente in TAO (VII,X,IX,II) XIXII) Deficit congeniti combinati (V + VIII) oppure (VII,X,IX,II) Ciavarella Petronelli 2011

46 Algoritmo storia emorragica /emorragia in atto Test di screening (PT,aPTT,PLT) normali alterati Normale TE/CT allungato Test specifici Malattia di von Willebrand (vw:ricof,vw:ag, FVIII:C) Piastrinopatia (aggr. piastrinica,nucleotidi,serotonina) Ciavarella Petronelli 2011

47 II Unità Didattica Malattia di von Willebrand e Trombocitopatie

48 VON WILLEBRAND FACTOR (VWF): Proteolisi da parte dell ADAMTS-13 Peptide Segnale H 2 N Propeptide D1 22 D2 D 763 FVIII Sito di azione dell ADAMTS-13 (Y1605- S-S M1606) Multimeri D3 S-SS Dimero A1 A2 A3 D4 B1 B2 B3 C1 C2 CK GP Ibα Collagene I & III Collagene VI Eparina GP IIb/IIIa COOH 2813

49 La carenza congenita o anticorpi contro l ADAMTS-13 causano la Porpora Trombotica Trombocitopenica

50 Lo Score emorragico Tosetto et al JTH 2006 Validato in 300 controlli normali e 753 pazienti e familiari con tipo 1 (MCMDM-1VWD):): BS nei normali = - BS nei normali 1/ 0

51 VWF:RCo (ELISA) anti-gpibα MoAb rgpibα Diluted Plasma + Ristocetin Anti-VWF-HRP Conjugated Polyclonal Antibody Add substrate Read OD 492 nm anti VWF VWF AI anti VWF VWF AI VWF AI A B C D E

52 III Unità Didattica Rischio tromboembolico e terapie anticoagulanti

53 Il significato del D-Dimero Livelli dei D-Dimeri nei pazienti con sospetta TVP ed EP 1000 D-dimer (ng/ml) pazienti senza trombosi hanno livelli D-Dimeri normali o 250 Dm elevati L assenza di elevati livelli di D-Dimeri indica che non vi è trombosi Al contrario Cut-off tutti i pazienti con trombosi hanno elevati livelli D- Dimeri 0 0,5 0,7 0,9 1,1 1,3 1,5 1,7 1,9 2,1 2,3 2,5 Assenza trombosi Con trombosi M.Colucci1999

54 In 283 patients with suspected DVT, low- moderate pre-test DVT score and negative d- dimer only 1 (NPV 99.6%) had DVT over next 3 months DVT D-Dimer Sensitive d-dimer testing can rule out DVT in lowmoderate risk patients Bates SM, Kearon C, Crowther M, et al. Ann Intern Med. 2003;138:787-94

55 eparine: struttura, proprietà generali Titolo diagramma eparine non frazionate p.m dalton (polisaccaridi) sale sodico e calcico maggiore attività anti-iia frazionate p.m dalton (oligosaccaridi) sale calcico maggiore attività anti-xa

56 eparine frazionate: caratteristiche ti meccanismi: i vantaggi: inferiore legame alle proteine plasmatiche risposta anticoagulante predicibile minore legame endoteliale migliore biodisponibilità minore legame ai macrofagi clearance dose- indipendente maggiore emivita

57 eparina: farmacocinetica (infusione continua e.v. con pompa elettronica) % c. P l a s m a t i c a ' 30' 1h 3h 6h 9h 12h 15h 18h 21h 24h tempo

58 Eparina: farmacocinetica (somministrazione sottocutanea) % c. P l a s m a t i c a C (%) o n c ' 2h 4h 6h 8h 12h 14h 18h 22h 24h tempo

59 terapia con ENF controllo di laboratorio aptt R= volte il valore basale

60 Indicazione profilassi TVP somministrazione trattamento TVP posologia monitoraggio UFH nessuno 2-3 volte al dì aptt aggiustata su aptt LMWH nessuno una volta al ldì nessuno 2 volte/dì aggiustata su peso corporeo

61 ENF: monitoraggio Infusione continua e.v. sottocute ogni 6 ore (induzione) ogni ore (mantenimento) ogni i24 ore

62 consensus: raccomandazioni eparine a basso peso molecolare (EBPM) La profilassi del tromboembolismo non richiede alcun controllo di laboratorio (livello 1) pazienti non complicati, trattati con dose fissa di EBPM aggiustata al peso corporeo non richiedono controllo di laboratorio (livello 1) il controllo di laboratorio (anti-xa) può essere indicato in alcune situazioni a rischio (insufficienza renale, gravidanza, ecc.)

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia Pag.1/5 PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia e necessarie 3 impegnative riportanti le seguenti Screening trombofilia 3 Screening trombofilia in TAO e Ricerca LAC (DT) Proteina C attività

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici Walter Bertolino Patologie ostetriche che si associano alle 3 mutazioni più frequenti Tipo di deficit Patologia gravidica associata Iperomocisteinemia In omozigosi

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari L emostasi in scena Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1 N. Ciavarella M. Petronelli Bari 1 La disfida di Barletta 13 febbraio 1503 2 La coagulazione come la disfida di Barletta Fattore XI Fattore

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti Ed.II Rev.1del 25/11/2012 Pag. 1 di 10 Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia I SERVIZI OFFERTI L U.O. di Medicina Trasfusionale di Macerata ha anche la funzione di Centro

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

INAPPROPRIATEZZA nella Diagnosi delle Malattie Tromboemboliche: Ruolo del Laboratorio

INAPPROPRIATEZZA nella Diagnosi delle Malattie Tromboemboliche: Ruolo del Laboratorio INAPPROPRIATEZZA nella Diagnosi delle Malattie Tromboemboliche: Ruolo del Laboratorio Michele Bertini U.O.C. Patologia Clinica A.C.O. S.F.Neri - Roma Da un estremo Uomo di 35aa ricoverato per ictus. RMN:

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DELLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DELLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA INTRODUZIONE La trombosi è l espressione della rottura dell equilibrio emostatico, in cui è predominante la componente procoagulante rispetto al sistema degli inibitori e ai processi fibrinolitici. E un

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina a Chirurgia. Trombofilie. Prof. Giovanni Davì

Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina a Chirurgia. Trombofilie. Prof. Giovanni Davì Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina a Chirurgia Trombofilie Prof. Giovanni Davì Trombofilia Tendenza a sviluppare trombosi come conseguenza di fattori predisponenti che possono

Dettagli

COAGULOMETRO ACL 7000

COAGULOMETRO ACL 7000 COAGULOMETRO ACL 7000 CARATTERISTE GENERALI Il coagulometro ACL 7000 è un analizzatore computerizzato automatico per uso clinico per la determinazione in vitro, con metodo coagulativo, cromogenico ed immunologico,

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

LINEE GUIDA SULL'IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO

LINEE GUIDA SULL'IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO LINEE GUIDA SULL'IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO Manuela Caizzi (1); E.Gianoli (2); Giorgio Paladini (1,2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. Dipartimento

Dettagli

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM)

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Le EBPM e il Fondaparinux sono stati approvati inizialmente per la prevenzione del

Dettagli

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione Anna Paola Cellai 29.10.2014 Centro di Riferimento Sicurezza di Qualità Valutazione esterna di qualità V.E.Q. Coagulazione 2013 Laboratori partecipanti:

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE Modulo di Diagnostica Vascolare Azienda Ospedaliera - Universitaria Arcispedale S. Anna CONA - FERRARA - INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

Dettagli

TROMBOFILIA EREDITARIA

TROMBOFILIA EREDITARIA TROMBOFILIA EREDITARIA Le trombofilie ereditarie (predisposizione genetica alla trombosi) sono un gruppo di patologie caratterizzate dalla tendenza a soffrire di episodi trombotici. Si ha un evento trombotico,

Dettagli

PTT NORMALE PT ALLUNGATO PT NORMALE ALLUNGATO NORMALE ALLUNGATO Situazione normale Deficit F VII Deficit F VIII Deficit F X, V, II Non si può escludere AutoAnticorpi F IX, XI, XII Fibrinogeno Deficit di

Dettagli

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione

Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Come interpretare le alterazioni più frequenti del laboratorio: La Coagulazione Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Metodologie utilizzate

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell emostasi e trombosi Promosso da PROGRAMMA

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

Livelli di interventi del laboratorio

Livelli di interventi del laboratorio Livelli di interventi del laboratorio Anamnesi Esame fisico Esami diagnostici di base Esame obiettivo di laboratorio Esami d urgenza Esami diagnostici di approfondimento DECISIONE CLINICA Esami di monitorggio

Dettagli

PATOLOGIA CLINICA DELL EMOSTASI. VICENZA 28-29 MAGGIO 2009 Villa Valmarana Morosini (Altavilla Vicentina) 24 CONVEGNO INTERREGIONALE DI STUDIO

PATOLOGIA CLINICA DELL EMOSTASI. VICENZA 28-29 MAGGIO 2009 Villa Valmarana Morosini (Altavilla Vicentina) 24 CONVEGNO INTERREGIONALE DI STUDIO 24 CONVEGNO INTERREGIONALE DI STUDIO VICENZA 28-29 MAGGIO 2009 Villa Valmarana Morosini (Altavilla Vicentina) PATOLOGIA CLINICA DELL EMOSTASI SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA DI LABORATORIO Sezioni: Veneto,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001 EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA P.F. Tropeano Pronto soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliera S.M. degli Angeli Pordenone PORDENONE, 20 Aprile 2001

Dettagli

La diagnosi richiede la combinazione di almeno un criterio clinico e un criterio di laboratorio.

La diagnosi richiede la combinazione di almeno un criterio clinico e un criterio di laboratorio. Gli anticorpi antifosfolipidi (apl) Gruppo eterogeneo di autoanticorpi specifici per: complessi fosfolipide-proteina cofattori fosfolipidi anionici Sono associati alla sindrome da anticorpi apl (APS):

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

1ª Medicina Interna Centro Emostasi e Trombosi Direttore I. Iori Ostetricia Ginecologia Centro Sterilità P. Bertocchi Direttore G.B.

1ª Medicina Interna Centro Emostasi e Trombosi Direttore I. Iori Ostetricia Ginecologia Centro Sterilità P. Bertocchi Direttore G.B. Convegno Interregionale Con il patrocinio di: AGUI (Associazione Ginecologi Universitari Italiani) FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti) FIOG (Federazione Italiana

Dettagli

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA Pietro F. Tropeano Ambulatorio di Emostasi e Trombosi, Dipartimento di Medicina

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

- Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente

- Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente - Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente redatto da E. Cimmino, G Albano, A. Di Meglio, N. Pacilio L aborto

Dettagli

Lupus Anticoagulant:

Lupus Anticoagulant: Lupus Anticoagulant: Diagnostica di laboratorio Agatina Alessandrello Liotta AOU Careggi- Firenze SOD Malattie Aterotrombotiche CRR per lo Studio della Trombosi Lupus anticoagulant Famiglia eterogenea

Dettagli

Prevalenza di trombosi arteriose e venose in presenza delle mutazioni G20210A del gene della protrombina e R506Q del gene del fattore V (Leiden)

Prevalenza di trombosi arteriose e venose in presenza delle mutazioni G20210A del gene della protrombina e R506Q del gene del fattore V (Leiden) Bollettino della Società Medico Chirurgica di Pavia 126(2):455-460 Comunicazione presentata all adunanza del 19 aprile 2013 Prevalenza di trombosi arteriose e venose in presenza delle mutazioni G20210A

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO

INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO Barbara Montaruli Laboratorio Analisi Ospedale Evangelico Valdese, Torino Fasi processo emostatico ADESIONE PIASTRINICA Fasi processo

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

Instrumentation Laboratory soddisfa oggi i bisogni di domani.

Instrumentation Laboratory soddisfa oggi i bisogni di domani. Catalogo Emostasi La rilevazione del tempo di coagulazione è un elemento fondamentale all interno del percorso diagnostico delle patologie dell emostasi, del monitoraggio della terapia anticoagulante

Dettagli

La celiachia vista dal medico

La celiachia vista dal medico a cura del Centro Regionale di Formazione per l Area delle Cure Primarie Anno XIII / N. 2 - Aprile-Giugno 2009 La prevenzione delle complicanze trombotiche associate all uso di estro-progestinici in età

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

SOMMARIO. -Introduzione pag.2. -Il Fenomeno della Coagulazione...pag.5. -Mutazione del Gene della Protrombina.. pag.13

SOMMARIO. -Introduzione pag.2. -Il Fenomeno della Coagulazione...pag.5. -Mutazione del Gene della Protrombina.. pag.13 SOMMARIO -Introduzione pag.2 -Il Fenomeno della Coagulazione...pag.5 -Mutazione del Gene della Protrombina.. pag.13 -Mutazione del Fattore V (Leiden)..pag.14 -Cap.I:Trombofilìa Congenita e Gravidanza pag.20

Dettagli

Bollettino. dell Ordine Provinciale dei Medici Chirughi e degli Odontoiatri di Siena. Nuova Serie - N. 1 Anno 2013

Bollettino. dell Ordine Provinciale dei Medici Chirughi e degli Odontoiatri di Siena. Nuova Serie - N. 1 Anno 2013 Bollettino dell Ordine Provinciale dei Medici Chirughi e degli Odontoiatri di Siena Nuova Serie - N. 1 Anno 2013 1 CONSIGLIO DIRETTIVO Bollettino Dell Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Dettagli

I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE

I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE COME FUNZIONANO: L EFFETTO CONTRACCETTIVO I contraccettivi ormonali sono farmaci generalmente contenenti estrogeni (o derivati) e progestinici di diverso tipo

Dettagli

PROFILO CEFALEE CENTRO CEFALEE ASL CN2

PROFILO CEFALEE CENTRO CEFALEE ASL CN2 PROFILO CEFALEE CENTRO CEFALEE ASL CN2 (documento del settembre 2013) Dal 2002 il centro usufruisce di un gruppo di specialisti di varie specialità che collabora attivamente per la valutazione e gestione

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali H. Matisse - La danza BARI, 6 MARZO 2015 Sala Convegni Ospedale San Paolo Razionale Scientifico Numerosi farmaci utilizzati

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

SANTA CHIARA ISTITUTO POLIDIAGNOSTICO. www.analisisantachiara.it

SANTA CHIARA ISTITUTO POLIDIAGNOSTICO. www.analisisantachiara.it www.analisisantachiara.it MUTAZIONI GENETICHE E POLIABORTIVITA Le trombofilie ereditarie (predisposizione genetica alla trombosi) sono un gruppo di patologie caratterizzate dalla tendenza a soffrire di

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia

ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia PROGRAMMA DI PREVENZIONE E SORVEGLIANZA SANITARIA La patologia deve rappresentare per frequenza

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

VI RISK MANAGEMENT SU TROMBOSI E COMPLICANZE EMORRAGICHE. BARI 11-12 aprile 2014 Villa Romanazzi Carducci. Convegno Nazionale

VI RISK MANAGEMENT SU TROMBOSI E COMPLICANZE EMORRAGICHE. BARI 11-12 aprile 2014 Villa Romanazzi Carducci. Convegno Nazionale T.T.T. Tavolo Tecnico sulla Trombosi HTA-ARES-PUGLIA Università degli Studi di Convegno Nazionale VI RISK MANAGEMENT SU TROMBOSI E COMPLICANZE EMORRAGICHE BARI 11-12 aprile 2014 Villa Romanazzi Carducci

Dettagli

CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO

CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO MARIO BAZZAN Referente SISET Piemonte e Valle d Aostad Unità di Ematologia e Malattie Trombotiche, Cellini Humanitas, Consulente CMID Osp. Giovanni Bosco, Consulente

Dettagli

Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico

Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico Trombosi ed Emostasi in Ostetricia e Ginecologia. Varese, 22 settembre 2012 Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico Alessandro Squizzato Research Center on Thromboembolic Disorders and Antithrombotic

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XXXIX Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: Gravidanza e Trombosi Promosso da FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI PROGRAMMA, 21-22 novembre 2013 Aula Magna

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

trombosi antitrombotici

trombosi antitrombotici trombosi e antitrombotici La medicina è una scienza sociale e la politica non è altro che medicina su larga scala 4000 la lista della spesa 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 a b c d e f g h i j k

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta SINOPSI DELLE RACCOMANDAZIONI DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta Contesti clinici in cui i è comproata eidenza dell utilità del dosaggio del D-dimero: 1) sospetto di trombosi enosa

Dettagli

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 1 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA A cura

Dettagli

Linee guida sull impiego clinico del D-Dimero. U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna b

Linee guida sull impiego clinico del D-Dimero. U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna b Riv Med Lab - JLM, Vol. 5, N. 3, 2004 225 Comitato Italiano per la Standardizzazione dei Metodi Ematologici e di Laboratorio. CISMEL Linee guida sull impiego clinico del D-Dimero C. Legnani a, G. Palareti

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DIAGNOSI E TERAPIA DELLE TROMBOSI NEONATALI

RACCOMANDAZIONI DIAGNOSI E TERAPIA DELLE TROMBOSI NEONATALI RACCOMANDAZIONI DIAGNOSI E TERAPIA DELLE TROMBOSI NEONATALI A cura del Gruppo di Ematologia Neonatale (GIEN) della Società Italiana di Neonatologia (SIN) e del Comitato Strategico di Studio Coagulazione

Dettagli

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Protocollo di studio TEVere Fattori di rischio e diagnosi di tromboembolismo venoso (TEV). Studio osservazionale nei Reparti di

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

TROMBOFILIE CONGENITE E ACQUISITE Pier Mannuccio Mannucci

TROMBOFILIE CONGENITE E ACQUISITE Pier Mannuccio Mannucci TROMBOFILIE CONGENITE E ACQUISITE Pier Mannuccio Mannucci Dipartimento di Medicina Interna, Università degli Studi di Milano e Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, IRCCS Ospedale Maggiore

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Osservatorio. Valutazione del rischio trombofilico in una coorte di pazienti con trombosi venosa profonda

Osservatorio. Valutazione del rischio trombofilico in una coorte di pazienti con trombosi venosa profonda Osservatorio Vol. 99, N. 7-8, Luglio-Agosto 2008 Pagg. 348-353 Valutazione del rischio trombofilico in una coorte di pazienti con trombosi venosa profonda Sara Valverde 1, Francesco Antico 1, Ernesto Trabuio

Dettagli

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Spoleto, 8 maggio 2009 Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Nicola Bizzaro Laboratorio di Patologia Clinica Ospedale Civile Tolmezzo Tridimensional structure of human

Dettagli