Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Informatica Automazione di Test di Sistemi Embedded Sintesi Relatore: Prof. Mauro PEZZE Correlatori: Lorena SIMONI Giuseppe GORGOGLIONE Relazione della prova finale di: Carmine Carella matricola: telefono: Anno Accademico Appello di Laurea 15 Luglio 2010

2 Introduzione I sistemi embedded sono sistemi di elaborazione progettati per una determinata applicazione e supportati da una piattaforma hardware dedicata. La loro diffusione è inarrestabile, le analisi di mercato mostrano che sono ormai presenti in ogni apparato sia in modo evidente, il cellulare e i PDA né sono un esempio, sia in modo trasparente come accade per gli elettrodomestici o le automobili. Questi sistemi sono una combinazione di hardware e software, tra loro fortemente integrati. Dal punto di vista hardware generalmente un sistema embedded è costituito da soluzioni single-chip che incapsulano molte funzionalità di un normale computer su un singolo dispositivo. Il software può essere molto diversificato, in base alla potenza computazionale dell hardware. Nei sistemi con scarse risorse viene sviluppato, di solito, software ad-hoc dimensionato alla capacità di calcolo, invece nei sistemi che adottano hardware di classe superiore è possibile ospitare un sistema operativo e applicazioni, con interfacce utente evolute. Negli ultimi anni tali sistemi sono diventati molto complessi, ed il software contenuto in essi è diventato un elemento chiave, arrivando ad essere perfino più importante dell hardware stesso, in quanto è la componente che permette di aumentare le funzionalità del sistema e di ottenere un minimo di flessibilità, in questi sistemi caratterizzati dall essere poco versatili. Conseguenza diretta dell evoluzione e della criticità del software, è la crescita della complessità e dell importanza del processo di testing. Il testing è un processo costituito da diverse attività durante il ciclo di sviluppo del software e ha lo scopo di identificare e rimuovere i difetti per migliorare la qualità. L automazione del testing attraverso l utilizzo di strumenti permette di aumentare l efficacia e ridurre il costo di questo processo che spesso è più della metà del costo totale dello sviluppo software. I sistemi embedded sono sempre più utilizzati in ambiti critici come quello avionico e aerospaziale in cui la presenza di un difetto all interno del software può portare ad un fallimento del sistema e conseguentemente, compromettere la vita umana e provocare ingenti perdite economiche. Rispetto ad altri ambiti, quello embedded introduce requisiti di criticità nel sistema che hanno bisogno di maggiore attenzione. Il testing è uno degli elementi per garantire la qualità del sistema. Problema e Stato dell arte L ambito embedded introduce nuove sfide e problemi da affrontare. Esso ha delle caratteristiche peculiari che influenzano tutte le attività del processo di sviluppo. Il testing non è un eccezione. Questo dominio estremamente complesso ha: un processo di sviluppo che considera sia la parte 1

3 hardware che la parte software del sistema; specifiche complesse; vincoli platform-dependent (cpu, memoria, consumo energetico, periferiche); requisiti di qualità molto stringenti; costi contenuti e vincoli di tempo che specificano un time-to-market molto breve. Inoltre, anche la caratteristica di specificità dei sistemi embedded influenza il testing. Ogni singolo settore applicativo richiede di prendere in considerazione aspetti talmente peculiari da rendere difficile l identificazione di tecniche e strumenti di valenza davvero generale. La diretta conseguenza è lo sviluppo di approcci ad hoc. Ancora, l utilizzo di uno strumento di automazione è vincolato da una notevole personalizzazione in cui vengono eseguiti adattamenti di basso livello all architettura di uno specifico processore per rendere funzionante lo strumento. Data la complessità della personalizzazione, essa può concludersi con un successo o un insuccesso influenzando la raccolta e l analisi dei risultati per valutare e migliorare la qualità. La letteratura sul testing del software, contiene innumerevoli metodologie, tecniche e strumenti che supportano il processo di testing di software tradizionale, ma esiste ancora poco per il testing di software embedded. Negli ultimi anni sono aumentati i lavoro accademici e industriali, ma questa è un area di ricerca ancora da esplorare. Alcune domande attendono una risposta più precisa. Tra queste, quali sono i punti chiave del testing embedded?, in cosa differisce esattamente il testing embedded dal testing tradizionale? quali sono le soluzioni e gli strumenti da applicare?. Ad oggi, il testing di software di sistemi embedded è stato formalizzato solamente attraverso la creazione di tecniche e strumenti proprietari (molto costosi) e metodologie aziendali interne e di conseguenza non utilizzabili. Non esiste di fatto ancora un approccio generale, che inglobi al suo interno strumenti aventi licenze gratuite, e che raccolga pratiche comuni di test, attraverso le quali sia possibile garantire uno sviluppo software di qualità. L ambiente di sviluppo del software embedded è diverso dall ambiente di esecuzione, ovvero il software viene sviluppato su una macchina con risorse computazionali maggiori e architettura differente detta host, rispetto alla macchina detta target che coincide proprio con l architettura embedded per la quale il software viene creato e sulla quale deve essere eseguito. Questa suddivisione porta ad avere due ambienti per il testing in cui applicare tecniche diverse per valutare requisiti di qualità differenti. Questi due ambienti, nel testing di software tradizionale, non esistono in quanto l ambiente utilizzato per lo sviluppo è anche quello di esecuzione. Questa differenziazione porta al problema di definire la strategia di testing: quale test deve essere eseguito sull ambiente host e quale sull ambiente target? Un certo requisito di qualità deve essere valutato nell ambiente giusto. Naturalmente questo andrà ad influenzare le tecniche di testing da utilizzare sia nell ambiente host che nell ambiente target. Il testing del software embedded nell ambiente host, non evidenzia dif- 2

4 ferenze con il testing di software tradizionale. Nell ambiente host vengono verificate le caratteristiche funzionali del software in esecuzione in un ambiente che simula la piattaforma reale, attraverso le tecniche di testing utilizzate anche nel software tradizionale: test di unità e test d integrazione. Le maggiori differenze emergono con il testing nell ambiente target che è effettuato in quanto bisogna considerare le dipendenze del software con l hardware specifico per verificare che il codice operi correttamente sulla piattaforma sotto condizioni realistiche. Specialmente per i sistemi embedded è importante sviluppare tecniche e strumenti di testing per rilevare difetti nell interazione tra hardware e software. In quest ambiente devono essere verificate le caratteristiche funzionali del software, questa volta in esecuzione sulla piattaforma reale, dove le misure sono più affidabili, e le caratteristiche non funzionali che possono essere valutate soltanto in quest ambiente con l effettiva interazione del software con l hardware dedicato. Obiettivi della tesi La prevalenza di approcci poco concreti nella scarsa letteratura sul testing di software embedded, e la presenza di approcci ad-hoc e proprietari in ambito industriale, evidenzia la mancanza di tecniche e strumenti utilizzabili in contesti differenti. Questo aumenta la necessità di un approccio generale attraverso il quale sia possibile garantire uno sviluppo software di qualità. La tesi fornisce un contributo in questa direzione, per superare i problemi di specificità del testing in questo dominio, attraverso la sperimentazione in una realtà industriale complessa e affermata, di tecniche e strumenti per il testing di caratteristiche funzionali e non funzionali di software embedded. La tesi studia alcuni problemi di qualità specifici e propone delle tecniche di testing che possono essere applicate nell ambiente target per valutare classi di difetti rilevanti nei sistemi embedded. Inoltre, descrive l adattamento e l utilizzo di strumenti di automazione per applicare le tecniche, affrontando la scelta, in base a caratteristiche derivate dai vincoli imposti dall ambiente sperimentale, la personalizzazione e l analisi dei risultati. I risultati ottenuti dal lavoro di tesi possono essere riassunti come: un insieme di informazioni sulla personalizzazione degli strumenti per la piattaforma ARM. Il lavoro svolto, può essere un utile linea guida per personalizzare gli stessi strumenti su altre architetture. un insieme di informazioni per la comunità open-source sul funzionamento degli strumenti e sulla presenza di problemi da risolvere per migliorare l utilizzo sull architettura specifica. un insieme di risultati sperimentali, che convalidano le tecniche e gli strumenti di testing proposti. Il lavoro di tesi ha migliorato il pro- 3

5 cesso di testing utilizzato nell ambiente sperimentale, aumentandone il perimetro, attraverso l individuazione di aree di qualità non ancora esplorate e introducendo, per la valutazione di queste, strumenti di automazione che riduco i costi e i tempi del processo. Ambiente Sperimentale L ambiente sperimentale della tesi è quello della divisione Automotive di STMicroelectronics(STM), la quale ha ideato una nuova famiglia di Systemon-Chip dal nome Cartesio con un alto livello di integrazione di device su un singolo chip. Il core è costituito dal microcontrollore ARM che permette il supporto per un vasto insieme di periferiche e interfacce di I/O. Comprende un GPS engine che lo rende un prodotto ideale per navigatori satellitari e per l infotainment. Oltre al core viene effettuato lo sviluppo di board sperimentali che comprendono tutti i dispositivi e le interfacce con le quali il chip può interagire. La componente software è costituita dal porting del sistema operativo Linux per la piattaforma target, Baseport (BSP), che comprende principalmente lo sviluppo dei device driver necessari per la gestione dell hardware specifico. Tutto questo costituisce un ambiente di sperimentazione del chip completo e funzionante utile per mostrare le funzionalità offerte ai committenti. Il processo di testing del BSP Linux era inizialmente costituito da test per la verifica del corretto interfacciamento del software con i device, principalmente test funzionali per le periferiche supportate dalla piattaforma. Con il lavoro di tesi sono state introdotte tecniche di test e strumenti di automazione per la valutazione di altre classi di problemi. Le tecniche di test individuate sono state applicate con l obiettivo di valutare la qualità del codice platform-dependent. Ovvero dell intero sistema operativo Linux l attenzione del processo di testing è posta sull area dei device driver, sviluppati per la gestione delle componenti hardware specifiche. Tecniche e approcci per il test Il processo di sviluppo di un sistema embedded considera le peculiarità sia dell hardware che del software. Il testing, a sua volta, in una prima fase viene svolto separatamente per entrambe le componenti, e in una seconda fase si focalizza sulla verifica dell interazione tra l hardware e il software. La forte relazione tra queste due componenti del sistema embedded, in aggiunta alla presenza di vincoli real-time, rende pressoché impossibile sviluppare e testare il software indipendentemente dall hardware su cui dovrà essere eseguito. Di qui la necessità del testing nell ambiente target. Nell ambito del progetto Cartesio, sono stati sperimentati approcci e tecniche per il testing in ambiente target, utili all identificazione di classi di problemi di maggiore 4

6 importanza in ambito embedded, attraverso l utilizzo di strumenti di automazione opportunamente selezionati, in base a diversi criteri individuati nell ambiente sperimentale. Per ogni strumento è descritta in modo approfondito la personalizzazione, e in caso positivo l applicazione e l analisi dei risultati. Nell ambiente target, le tecniche di testing sperimentate sono le seguenti. Test di copertura. L analisi di copertura del codice per la verifica dell efficacia dei test funzionali esistenti. Prestazioni del codice. Il profiling (function tracing) per la valutazione della durata delle funzioni nel processo di boot. Uso e gestione della memoria. Verifica dell utilizzo della memoria da parte del software alla ricerca di problemi di memory leakage; Prestazioni di I/O su dispositivi a blocchi. Verifica delle prestazioni delle operazioni di I/O (lettura, scrittura) sui dispositivi a blocchi, disponibili sulla piattaforma target. L analisi di copertura ha l obiettivo di valutare l efficacia dei test funzionali esistenti, in termini di quantità di copertura del kernel, identificando il cosiddetto dead code dei device driver platform-dependent, il codice che non viene esercitato durante l esecuzione dei test. I risultati sono utili alla creazione di casi di test addizionali per esercitare il codice, quindi incrementare la copertura dello stesso e anche il livello di qualità dei device driver platformspecific sviluppati. Lo strumento scelto è Gcov. Gcov è un framework per l analisi di copertura fornito dal compilatore Gnu Gcc. Il function tracing è una tecnica di profiling utilizzata nel caso specifico per valutare le prestazioni delle funzioni del kernel eseguite nella fase di boot del sistema. L obiettivo è individuare le aree del processo di boot con i maggiori problemi di prestazioni, in particolare identificare le funzioni relative alla parte di codice platform-dependent eseguite nella fase iniziale del kernel, per poter intervenire e migliorare i tempi di boot, requisito importante in ambito embedded. Lo strumento utilizzato è il Function Duration Tracer che si basa sul framework di tracing di Linux, Ftrace. Il memory leakage è il principale difetto della classe degli aging-related bugs, relativo all uso non corretto della memoria che provoca fallimenti del sistema. La causa principale di questi difetti è legata a errori di programmazione. Nei sistemi embedded, la limitata quantità di memoria fisica disponibile e il fallimento del sistema, che può avere conseguenze catastrofiche, rendono il memory leakage un problema su cui soffermarsi maggiormente in quest ambito rispetto ad altri. Lo strumento utilizzato è kmemleak per la rilevazione nello spazio del kernel. La valutazione delle prestazioni di I/O (operazioni di lettura e scrittura) sui dispositivi a blocchi, periferiche con tecnologia a stato solido (Flash) 5

7 utilizzate come supporti di memorizzazione di massa nei sistemi embedded, ha l obiettivo di individuare possibili problemi di efficienza nei relativi device driver, misurando le velocità di trasferimento dei dati. Lo strumento utilizzato in questo caso è IOzone. Risultati Per lo strumento di analisi di copertura, Gcov, la personalizzazione ha impedito l utilizzo e la raccolta dei dati sulla copertura. In alternativa è stata effettuata un analisi sulle cause, che ha portato alla scoperta di un bug relativo alla parte platform dependent ARM del compilatore Gcc, che esclude un problema nell architettura stessa dello strumento. Le informazioni ottenute sono state pubblicate e inserite su Bugzilla Gcc, affinché i responsabili dello sviluppo del compilatore possano risolvere il problema e permettere l utilizzo di Gcov anche sui sistemi embedded con architettura ARM. Il Function Duration Tracer, tra tutti gli strumenti, ha una personalizzazione che è la più difficile. Il risultato ottenuto è stato soddisfacente. Con i dati raccolti, infatti, abbiamo scoperto che la fase di boot del BSP kernel, può essere ottimizzata escludendo in fase di produzione del prodotto l inizializzazione dei driver della porta seriale, un device che è principalmente utilizzato in fase di produzione per sviluppo, testing e debugging. Inoltre il lavoro è un contributo valido per l integrazione diretta dello strumento nel framework Ftrace nelle future versioni del kernel e ha permesso di aggiungere al BSP il supporto per il function tracing. Kmemleak per la rilevazione dei memory leakage nel kernel, non ha avuto nessun problema per quanto riguarda la personalizzazione. Per mostrare l utilità dello strumento abbiamo studiato e individuato i principali errori di programmazione che possono essere commessi nello sviluppo di un driver e che causano difetti di memory leak. L applicazione dello strumento si basa sulla rilevazione di memory leak causati dagli errori identificati. Per Iozone, utile alla valutazione delle prestazioni di I/O, la personalizzazione è molto semplice. Lo strumento è stato utilizzato per verificare il miglioramento di prestazioni dei device driver tra release successive di sviluppo. In particolare è mostrata l applicazione su una versione migliorata del driver MMC (MultiMedia Card). Organizzazione Tesi Il capitolo 1, è una breve introduzione al mondo dei sistemi embedded, presentandone le caratteristiche, fortemente condizionate dal settore applicativo, per poi delineare le principali differenze con i sistemi desktop e gli aspetti basilari da considerare nella progettazione. Saranno presentati, inoltre, alcuni dati di mercato che testimoniano la crescita del settore embedded nel 6

8 mercato globale, e in particolare il progresso che ha avuto in questo ambito lo sviluppo del software ed il suo utilizzo nei sistemi operativi open source, come Linux. In seguito, sarà presentata una delle principali architetture hardware e le caratteristiche del software utilizzato nei sistemi embedded. La parte finale del capitolo mostra le peculiarità, l architettura e i principi di sviluppo dei sistemi Linux embedded. Il capitolo 2, introduce inizialmente le fasi del processo di testing dei sistemi embedded, focalizzandosi poi sulla fase di prototipazione e sul testing della componente software. Successivamente, delinea le differenze con il testing di software tradizionale. Vengono approfondite le tecniche di test che possono essere applicate nell ambiente target. Vengono poi introdotti i livelli software di un sistema embedded, per identificare su quale concentrare maggiormente il controllo di qualità nel porting di un sistema operativo. Infine, viene descritta l automazione del testing e la personalizzazione degli strumenti. Nel capitolo 3 è descritto l ambiente sperimentale di STMicroelectronics. Inizialmente viene introdotto l ambito automotive e il progetto Cartesio. Successivamente viene descritto lo sviluppo del sistema embedded, approfondendo l ambiente utilizzato, e la componente hardware e software. Viene descritto, poi, il processo di testing e le tecniche adottate. Successivamente vengono delineati i punti di miglioramento del processo di testing, tra cui copertura di nuove classi di problemi e aumento dell automazione. Infine sono mostrati i criteri utilizzati per la scelta degli strumenti, utili per effettuare il testing delle classi di problemi individuate. Il capitolo 4 è dedicato all analisi dell efficacia del test. Dopo una breve introduzione al code coverage, vengono descritti gli obiettivi dell analisi di copertura nell ambiente sperimentale e la scelta dello strumento. Infine viene fornita una descrizione approfondita di Gcov e della personalizzazione per l architettura ARM. Il capitolo 5 è dedicato alla valutazione delle prestazioni del codice nella fase di boot del kernel. Vengono descritti gli obiettivi nell ambiente sperimentale e la scelta dello strumento. Successivamente viene introdotto il framework Ftrace e descritto in modo approfondito il Function Graph Tracer, attraverso la personalizzazione per l architettura ARM, l utilizzo e l analisi dei risultati sperimentali. Nel capitolo 6 viene inizialmente introdotto il software aging, e poi presentato il problema del memory leakage e le sue conseguenze. Successivamente, viene descritta la scelta dello strumento e in modo dettagliato il Kernel Memory Leak Detector (Kmemleak). Infine vengono analizzati gli errori, causa di memory leakage, che possono essere commessi nello sviluppo dei device driver e la rilevazione di questi da parte di Kmemleak. Il capitolo 7 è dedicato alla valutazione delle prestazioni di I/O sui dispositivi a blocchi. Vengono presentati gli obiettivi nell ambiente sperimentale e la scelta dello strumento. Successivamente viene descritto IOzone e la per- 7

9 sonalizzazione per l architettura ARM. Infine viene descritta l applicazione per valutare un driver specifico e l analisi dei risultati sperimentali. Infine l appendice A, descrive in modo approfondito il processo di boot del kernel, focalizzandosi però sulla parte platform-dependent dell architettura Cartesio. Questa appendice è di supporto in modo principale per il capitolo 6, ma anche per approfondire aspetti citati in altri punti della tesi. 8

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Introduzione prof. Stefano Salvatori A.A. 2014/2015 Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo documento sono

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS MondoGIS_59 29-03-2007 10:31 Pagina 62 Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS OPEN SOURCE È UN TERMINE ORMAI DI MODA, ANCHE IN AMBITO GEOGRAFICO. I VANTAGGI DEL SOFTWARE

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Informatica. PARSeC Research Group

Informatica. PARSeC Research Group Informatica Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta Formazione Europea e Mediterranea Jean Monnet PARSeC Research Group Introduzione: L informatica

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

DESIGNA Portfolio. italiano

DESIGNA Portfolio. italiano DESIGNA Portfolio italiano ///02/03 Stefan Ille CTO DESIGNA Dr. Thomas Waibel CEO DESIGNA Intro Un futuro con radici profonde. Saper cambiare modo di pensare. Saper cambiare modo di operare. Continuando

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli