Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Informatica Automazione di Test di Sistemi Embedded Sintesi Relatore: Prof. Mauro PEZZE Correlatori: Lorena SIMONI Giuseppe GORGOGLIONE Relazione della prova finale di: Carmine Carella matricola: telefono: Anno Accademico Appello di Laurea 15 Luglio 2010

2 Introduzione I sistemi embedded sono sistemi di elaborazione progettati per una determinata applicazione e supportati da una piattaforma hardware dedicata. La loro diffusione è inarrestabile, le analisi di mercato mostrano che sono ormai presenti in ogni apparato sia in modo evidente, il cellulare e i PDA né sono un esempio, sia in modo trasparente come accade per gli elettrodomestici o le automobili. Questi sistemi sono una combinazione di hardware e software, tra loro fortemente integrati. Dal punto di vista hardware generalmente un sistema embedded è costituito da soluzioni single-chip che incapsulano molte funzionalità di un normale computer su un singolo dispositivo. Il software può essere molto diversificato, in base alla potenza computazionale dell hardware. Nei sistemi con scarse risorse viene sviluppato, di solito, software ad-hoc dimensionato alla capacità di calcolo, invece nei sistemi che adottano hardware di classe superiore è possibile ospitare un sistema operativo e applicazioni, con interfacce utente evolute. Negli ultimi anni tali sistemi sono diventati molto complessi, ed il software contenuto in essi è diventato un elemento chiave, arrivando ad essere perfino più importante dell hardware stesso, in quanto è la componente che permette di aumentare le funzionalità del sistema e di ottenere un minimo di flessibilità, in questi sistemi caratterizzati dall essere poco versatili. Conseguenza diretta dell evoluzione e della criticità del software, è la crescita della complessità e dell importanza del processo di testing. Il testing è un processo costituito da diverse attività durante il ciclo di sviluppo del software e ha lo scopo di identificare e rimuovere i difetti per migliorare la qualità. L automazione del testing attraverso l utilizzo di strumenti permette di aumentare l efficacia e ridurre il costo di questo processo che spesso è più della metà del costo totale dello sviluppo software. I sistemi embedded sono sempre più utilizzati in ambiti critici come quello avionico e aerospaziale in cui la presenza di un difetto all interno del software può portare ad un fallimento del sistema e conseguentemente, compromettere la vita umana e provocare ingenti perdite economiche. Rispetto ad altri ambiti, quello embedded introduce requisiti di criticità nel sistema che hanno bisogno di maggiore attenzione. Il testing è uno degli elementi per garantire la qualità del sistema. Problema e Stato dell arte L ambito embedded introduce nuove sfide e problemi da affrontare. Esso ha delle caratteristiche peculiari che influenzano tutte le attività del processo di sviluppo. Il testing non è un eccezione. Questo dominio estremamente complesso ha: un processo di sviluppo che considera sia la parte 1

3 hardware che la parte software del sistema; specifiche complesse; vincoli platform-dependent (cpu, memoria, consumo energetico, periferiche); requisiti di qualità molto stringenti; costi contenuti e vincoli di tempo che specificano un time-to-market molto breve. Inoltre, anche la caratteristica di specificità dei sistemi embedded influenza il testing. Ogni singolo settore applicativo richiede di prendere in considerazione aspetti talmente peculiari da rendere difficile l identificazione di tecniche e strumenti di valenza davvero generale. La diretta conseguenza è lo sviluppo di approcci ad hoc. Ancora, l utilizzo di uno strumento di automazione è vincolato da una notevole personalizzazione in cui vengono eseguiti adattamenti di basso livello all architettura di uno specifico processore per rendere funzionante lo strumento. Data la complessità della personalizzazione, essa può concludersi con un successo o un insuccesso influenzando la raccolta e l analisi dei risultati per valutare e migliorare la qualità. La letteratura sul testing del software, contiene innumerevoli metodologie, tecniche e strumenti che supportano il processo di testing di software tradizionale, ma esiste ancora poco per il testing di software embedded. Negli ultimi anni sono aumentati i lavoro accademici e industriali, ma questa è un area di ricerca ancora da esplorare. Alcune domande attendono una risposta più precisa. Tra queste, quali sono i punti chiave del testing embedded?, in cosa differisce esattamente il testing embedded dal testing tradizionale? quali sono le soluzioni e gli strumenti da applicare?. Ad oggi, il testing di software di sistemi embedded è stato formalizzato solamente attraverso la creazione di tecniche e strumenti proprietari (molto costosi) e metodologie aziendali interne e di conseguenza non utilizzabili. Non esiste di fatto ancora un approccio generale, che inglobi al suo interno strumenti aventi licenze gratuite, e che raccolga pratiche comuni di test, attraverso le quali sia possibile garantire uno sviluppo software di qualità. L ambiente di sviluppo del software embedded è diverso dall ambiente di esecuzione, ovvero il software viene sviluppato su una macchina con risorse computazionali maggiori e architettura differente detta host, rispetto alla macchina detta target che coincide proprio con l architettura embedded per la quale il software viene creato e sulla quale deve essere eseguito. Questa suddivisione porta ad avere due ambienti per il testing in cui applicare tecniche diverse per valutare requisiti di qualità differenti. Questi due ambienti, nel testing di software tradizionale, non esistono in quanto l ambiente utilizzato per lo sviluppo è anche quello di esecuzione. Questa differenziazione porta al problema di definire la strategia di testing: quale test deve essere eseguito sull ambiente host e quale sull ambiente target? Un certo requisito di qualità deve essere valutato nell ambiente giusto. Naturalmente questo andrà ad influenzare le tecniche di testing da utilizzare sia nell ambiente host che nell ambiente target. Il testing del software embedded nell ambiente host, non evidenzia dif- 2

4 ferenze con il testing di software tradizionale. Nell ambiente host vengono verificate le caratteristiche funzionali del software in esecuzione in un ambiente che simula la piattaforma reale, attraverso le tecniche di testing utilizzate anche nel software tradizionale: test di unità e test d integrazione. Le maggiori differenze emergono con il testing nell ambiente target che è effettuato in quanto bisogna considerare le dipendenze del software con l hardware specifico per verificare che il codice operi correttamente sulla piattaforma sotto condizioni realistiche. Specialmente per i sistemi embedded è importante sviluppare tecniche e strumenti di testing per rilevare difetti nell interazione tra hardware e software. In quest ambiente devono essere verificate le caratteristiche funzionali del software, questa volta in esecuzione sulla piattaforma reale, dove le misure sono più affidabili, e le caratteristiche non funzionali che possono essere valutate soltanto in quest ambiente con l effettiva interazione del software con l hardware dedicato. Obiettivi della tesi La prevalenza di approcci poco concreti nella scarsa letteratura sul testing di software embedded, e la presenza di approcci ad-hoc e proprietari in ambito industriale, evidenzia la mancanza di tecniche e strumenti utilizzabili in contesti differenti. Questo aumenta la necessità di un approccio generale attraverso il quale sia possibile garantire uno sviluppo software di qualità. La tesi fornisce un contributo in questa direzione, per superare i problemi di specificità del testing in questo dominio, attraverso la sperimentazione in una realtà industriale complessa e affermata, di tecniche e strumenti per il testing di caratteristiche funzionali e non funzionali di software embedded. La tesi studia alcuni problemi di qualità specifici e propone delle tecniche di testing che possono essere applicate nell ambiente target per valutare classi di difetti rilevanti nei sistemi embedded. Inoltre, descrive l adattamento e l utilizzo di strumenti di automazione per applicare le tecniche, affrontando la scelta, in base a caratteristiche derivate dai vincoli imposti dall ambiente sperimentale, la personalizzazione e l analisi dei risultati. I risultati ottenuti dal lavoro di tesi possono essere riassunti come: un insieme di informazioni sulla personalizzazione degli strumenti per la piattaforma ARM. Il lavoro svolto, può essere un utile linea guida per personalizzare gli stessi strumenti su altre architetture. un insieme di informazioni per la comunità open-source sul funzionamento degli strumenti e sulla presenza di problemi da risolvere per migliorare l utilizzo sull architettura specifica. un insieme di risultati sperimentali, che convalidano le tecniche e gli strumenti di testing proposti. Il lavoro di tesi ha migliorato il pro- 3

5 cesso di testing utilizzato nell ambiente sperimentale, aumentandone il perimetro, attraverso l individuazione di aree di qualità non ancora esplorate e introducendo, per la valutazione di queste, strumenti di automazione che riduco i costi e i tempi del processo. Ambiente Sperimentale L ambiente sperimentale della tesi è quello della divisione Automotive di STMicroelectronics(STM), la quale ha ideato una nuova famiglia di Systemon-Chip dal nome Cartesio con un alto livello di integrazione di device su un singolo chip. Il core è costituito dal microcontrollore ARM che permette il supporto per un vasto insieme di periferiche e interfacce di I/O. Comprende un GPS engine che lo rende un prodotto ideale per navigatori satellitari e per l infotainment. Oltre al core viene effettuato lo sviluppo di board sperimentali che comprendono tutti i dispositivi e le interfacce con le quali il chip può interagire. La componente software è costituita dal porting del sistema operativo Linux per la piattaforma target, Baseport (BSP), che comprende principalmente lo sviluppo dei device driver necessari per la gestione dell hardware specifico. Tutto questo costituisce un ambiente di sperimentazione del chip completo e funzionante utile per mostrare le funzionalità offerte ai committenti. Il processo di testing del BSP Linux era inizialmente costituito da test per la verifica del corretto interfacciamento del software con i device, principalmente test funzionali per le periferiche supportate dalla piattaforma. Con il lavoro di tesi sono state introdotte tecniche di test e strumenti di automazione per la valutazione di altre classi di problemi. Le tecniche di test individuate sono state applicate con l obiettivo di valutare la qualità del codice platform-dependent. Ovvero dell intero sistema operativo Linux l attenzione del processo di testing è posta sull area dei device driver, sviluppati per la gestione delle componenti hardware specifiche. Tecniche e approcci per il test Il processo di sviluppo di un sistema embedded considera le peculiarità sia dell hardware che del software. Il testing, a sua volta, in una prima fase viene svolto separatamente per entrambe le componenti, e in una seconda fase si focalizza sulla verifica dell interazione tra l hardware e il software. La forte relazione tra queste due componenti del sistema embedded, in aggiunta alla presenza di vincoli real-time, rende pressoché impossibile sviluppare e testare il software indipendentemente dall hardware su cui dovrà essere eseguito. Di qui la necessità del testing nell ambiente target. Nell ambito del progetto Cartesio, sono stati sperimentati approcci e tecniche per il testing in ambiente target, utili all identificazione di classi di problemi di maggiore 4

6 importanza in ambito embedded, attraverso l utilizzo di strumenti di automazione opportunamente selezionati, in base a diversi criteri individuati nell ambiente sperimentale. Per ogni strumento è descritta in modo approfondito la personalizzazione, e in caso positivo l applicazione e l analisi dei risultati. Nell ambiente target, le tecniche di testing sperimentate sono le seguenti. Test di copertura. L analisi di copertura del codice per la verifica dell efficacia dei test funzionali esistenti. Prestazioni del codice. Il profiling (function tracing) per la valutazione della durata delle funzioni nel processo di boot. Uso e gestione della memoria. Verifica dell utilizzo della memoria da parte del software alla ricerca di problemi di memory leakage; Prestazioni di I/O su dispositivi a blocchi. Verifica delle prestazioni delle operazioni di I/O (lettura, scrittura) sui dispositivi a blocchi, disponibili sulla piattaforma target. L analisi di copertura ha l obiettivo di valutare l efficacia dei test funzionali esistenti, in termini di quantità di copertura del kernel, identificando il cosiddetto dead code dei device driver platform-dependent, il codice che non viene esercitato durante l esecuzione dei test. I risultati sono utili alla creazione di casi di test addizionali per esercitare il codice, quindi incrementare la copertura dello stesso e anche il livello di qualità dei device driver platformspecific sviluppati. Lo strumento scelto è Gcov. Gcov è un framework per l analisi di copertura fornito dal compilatore Gnu Gcc. Il function tracing è una tecnica di profiling utilizzata nel caso specifico per valutare le prestazioni delle funzioni del kernel eseguite nella fase di boot del sistema. L obiettivo è individuare le aree del processo di boot con i maggiori problemi di prestazioni, in particolare identificare le funzioni relative alla parte di codice platform-dependent eseguite nella fase iniziale del kernel, per poter intervenire e migliorare i tempi di boot, requisito importante in ambito embedded. Lo strumento utilizzato è il Function Duration Tracer che si basa sul framework di tracing di Linux, Ftrace. Il memory leakage è il principale difetto della classe degli aging-related bugs, relativo all uso non corretto della memoria che provoca fallimenti del sistema. La causa principale di questi difetti è legata a errori di programmazione. Nei sistemi embedded, la limitata quantità di memoria fisica disponibile e il fallimento del sistema, che può avere conseguenze catastrofiche, rendono il memory leakage un problema su cui soffermarsi maggiormente in quest ambito rispetto ad altri. Lo strumento utilizzato è kmemleak per la rilevazione nello spazio del kernel. La valutazione delle prestazioni di I/O (operazioni di lettura e scrittura) sui dispositivi a blocchi, periferiche con tecnologia a stato solido (Flash) 5

7 utilizzate come supporti di memorizzazione di massa nei sistemi embedded, ha l obiettivo di individuare possibili problemi di efficienza nei relativi device driver, misurando le velocità di trasferimento dei dati. Lo strumento utilizzato in questo caso è IOzone. Risultati Per lo strumento di analisi di copertura, Gcov, la personalizzazione ha impedito l utilizzo e la raccolta dei dati sulla copertura. In alternativa è stata effettuata un analisi sulle cause, che ha portato alla scoperta di un bug relativo alla parte platform dependent ARM del compilatore Gcc, che esclude un problema nell architettura stessa dello strumento. Le informazioni ottenute sono state pubblicate e inserite su Bugzilla Gcc, affinché i responsabili dello sviluppo del compilatore possano risolvere il problema e permettere l utilizzo di Gcov anche sui sistemi embedded con architettura ARM. Il Function Duration Tracer, tra tutti gli strumenti, ha una personalizzazione che è la più difficile. Il risultato ottenuto è stato soddisfacente. Con i dati raccolti, infatti, abbiamo scoperto che la fase di boot del BSP kernel, può essere ottimizzata escludendo in fase di produzione del prodotto l inizializzazione dei driver della porta seriale, un device che è principalmente utilizzato in fase di produzione per sviluppo, testing e debugging. Inoltre il lavoro è un contributo valido per l integrazione diretta dello strumento nel framework Ftrace nelle future versioni del kernel e ha permesso di aggiungere al BSP il supporto per il function tracing. Kmemleak per la rilevazione dei memory leakage nel kernel, non ha avuto nessun problema per quanto riguarda la personalizzazione. Per mostrare l utilità dello strumento abbiamo studiato e individuato i principali errori di programmazione che possono essere commessi nello sviluppo di un driver e che causano difetti di memory leak. L applicazione dello strumento si basa sulla rilevazione di memory leak causati dagli errori identificati. Per Iozone, utile alla valutazione delle prestazioni di I/O, la personalizzazione è molto semplice. Lo strumento è stato utilizzato per verificare il miglioramento di prestazioni dei device driver tra release successive di sviluppo. In particolare è mostrata l applicazione su una versione migliorata del driver MMC (MultiMedia Card). Organizzazione Tesi Il capitolo 1, è una breve introduzione al mondo dei sistemi embedded, presentandone le caratteristiche, fortemente condizionate dal settore applicativo, per poi delineare le principali differenze con i sistemi desktop e gli aspetti basilari da considerare nella progettazione. Saranno presentati, inoltre, alcuni dati di mercato che testimoniano la crescita del settore embedded nel 6

8 mercato globale, e in particolare il progresso che ha avuto in questo ambito lo sviluppo del software ed il suo utilizzo nei sistemi operativi open source, come Linux. In seguito, sarà presentata una delle principali architetture hardware e le caratteristiche del software utilizzato nei sistemi embedded. La parte finale del capitolo mostra le peculiarità, l architettura e i principi di sviluppo dei sistemi Linux embedded. Il capitolo 2, introduce inizialmente le fasi del processo di testing dei sistemi embedded, focalizzandosi poi sulla fase di prototipazione e sul testing della componente software. Successivamente, delinea le differenze con il testing di software tradizionale. Vengono approfondite le tecniche di test che possono essere applicate nell ambiente target. Vengono poi introdotti i livelli software di un sistema embedded, per identificare su quale concentrare maggiormente il controllo di qualità nel porting di un sistema operativo. Infine, viene descritta l automazione del testing e la personalizzazione degli strumenti. Nel capitolo 3 è descritto l ambiente sperimentale di STMicroelectronics. Inizialmente viene introdotto l ambito automotive e il progetto Cartesio. Successivamente viene descritto lo sviluppo del sistema embedded, approfondendo l ambiente utilizzato, e la componente hardware e software. Viene descritto, poi, il processo di testing e le tecniche adottate. Successivamente vengono delineati i punti di miglioramento del processo di testing, tra cui copertura di nuove classi di problemi e aumento dell automazione. Infine sono mostrati i criteri utilizzati per la scelta degli strumenti, utili per effettuare il testing delle classi di problemi individuate. Il capitolo 4 è dedicato all analisi dell efficacia del test. Dopo una breve introduzione al code coverage, vengono descritti gli obiettivi dell analisi di copertura nell ambiente sperimentale e la scelta dello strumento. Infine viene fornita una descrizione approfondita di Gcov e della personalizzazione per l architettura ARM. Il capitolo 5 è dedicato alla valutazione delle prestazioni del codice nella fase di boot del kernel. Vengono descritti gli obiettivi nell ambiente sperimentale e la scelta dello strumento. Successivamente viene introdotto il framework Ftrace e descritto in modo approfondito il Function Graph Tracer, attraverso la personalizzazione per l architettura ARM, l utilizzo e l analisi dei risultati sperimentali. Nel capitolo 6 viene inizialmente introdotto il software aging, e poi presentato il problema del memory leakage e le sue conseguenze. Successivamente, viene descritta la scelta dello strumento e in modo dettagliato il Kernel Memory Leak Detector (Kmemleak). Infine vengono analizzati gli errori, causa di memory leakage, che possono essere commessi nello sviluppo dei device driver e la rilevazione di questi da parte di Kmemleak. Il capitolo 7 è dedicato alla valutazione delle prestazioni di I/O sui dispositivi a blocchi. Vengono presentati gli obiettivi nell ambiente sperimentale e la scelta dello strumento. Successivamente viene descritto IOzone e la per- 7

9 sonalizzazione per l architettura ARM. Infine viene descritta l applicazione per valutare un driver specifico e l analisi dei risultati sperimentali. Infine l appendice A, descrive in modo approfondito il processo di boot del kernel, focalizzandosi però sulla parte platform-dependent dell architettura Cartesio. Questa appendice è di supporto in modo principale per il capitolo 6, ma anche per approfondire aspetti citati in altri punti della tesi. 8

Automazione di Test di Sistemi Embedded

Automazione di Test di Sistemi Embedded UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Informatica Automazione

Dettagli

Sistemi embedded un dispositivo incapsulato progettato per una determinata applicazione

Sistemi embedded un dispositivo incapsulato progettato per una determinata applicazione Sistemi embedded esistono molte definizioni nessuna universalmente riconosciuta. In generale con sistema embedded si intende un dispositivo incapsulato all'interno del sistema da controllare progettato

Dettagli

Laureando: Damiano Vittor. Relatore: Dott. Ing. Massimiliano Nolich

Laureando: Damiano Vittor. Relatore: Dott. Ing. Massimiliano Nolich Università degli studi di Trieste Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica ed Informatica Sviluppo di un Driver per il Controllo di un Robot Mobile in Ambiente Multipiattaforma

Dettagli

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica Relatore:

Dettagli

«Ability, la meta-distribuzione Abinsula per il mondo Embedded»

«Ability, la meta-distribuzione Abinsula per il mondo Embedded» INUXDAY «Ability, la meta-distribuzione Abinsula per il mondo Embedded» About Abinsula Azienda che propone soluzioni nel campo dei sistemi Embedded, nel campo della Sicurezza Informatica e delle applicazioni

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Sistemi Operativi C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010 Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Introduzione Prof. Mario Di Raimondo Sistemi Operativi 9 CFU (72 ore)

Dettagli

Prefazione. Contenuti

Prefazione. Contenuti Prefazione Il sistema operativo costituisce uno dei componenti fondamentali di ogni sistema di elaborazione, in particolare è quello con cui l utente entra direttamente in contatto quando accede al sistema,

Dettagli

Marco Cesati Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Marco Cesati Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione E4 sistema bare-metal Sistemi operativi open-source, embedded e real-time 22 ottobre 2013 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SOSERT

Dettagli

Lezione E5. Sistemi embedded e real-time

Lezione E5. Sistemi embedded e real-time Lezione E5 sistema bare-metal Sistemi embedded e real-time 25 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E5.1 Di cosa parliamo

Dettagli

Come valutare e scegliere un Sistema Operativo Embedded

Come valutare e scegliere un Sistema Operativo Embedded Come valutare e scegliere un Sistema Operativo Embedded Valter Minute Adeneo Embedded vminute@adeneo-embedded.com ARM e sistemi operativi Milioni di dispositivi contengono processori ARM Per sfruttare

Dettagli

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro Introduzione alle tecnologie informatiche Strumenti mentali per il futuro Panoramica Affronteremo i seguenti argomenti. I vari tipi di computer e il loro uso Il funzionamento dei computer Il futuro delle

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time Lezione E1 Sistemi embedded e real-time 3 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E1.1 Di cosa parliamo in questa lezione?

Dettagli

ASPETTI GENERALI DI LINUX. Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX

ASPETTI GENERALI DI LINUX. Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX 76 4. ASPETTI GENERALI DEL SISTEMA OPERATIVO LINUX La funzione generale svolta da un Sistema Operativo può essere definita come la gestione dell Hardware orientata

Dettagli

Sviluppo di applicazioni mobili su piattaforma Maemo

Sviluppo di applicazioni mobili su piattaforma Maemo tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Giovanni Fortini Matr. 534/2169 Contesto e contributo Sistemi operativi per dispositivi mobili Sviluppo di un applicazione

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing tesi di laurea Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore ing. Marcello Cinque candidato Vittorio

Dettagli

Porting su architettura ARM Marvell 88F6281 ed analisi comparativa delle patch real-time RTAI e Xenomai per il kernel Linux

Porting su architettura ARM Marvell 88F6281 ed analisi comparativa delle patch real-time RTAI e Xenomai per il kernel Linux UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica Porting su architettura ARM Marvell 88F6281 ed analisi comparativa delle patch real-time

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

Il sistema operativo. Sistema operativo. Multiprogrammazione. Il sistema operativo. Gestione della CPU

Il sistema operativo. Sistema operativo. Multiprogrammazione. Il sistema operativo. Gestione della CPU Il sistema operativo Sistema operativo Gestione della CPU Primi elaboratori: Monoprogrammati: un solo programma in memoria centrale Privi di sistema operativo Gestione dell hardware da parte degli utenti

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Applied Research & Technology Dept.

Applied Research & Technology Dept. 17/12/08 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Software Open Source per sistemi embedded

Software Open Source per sistemi embedded Software Open Source per sistemi embedded Alberto Ferrante OSLab ALaRI, Facoltà di Informatica Università della Svizzera italiana ferrante@alari.ch Outline Introduzione Perché usare il software OS in ambito

Dettagli

Analisi sperimentale di software aging nel kernel Linux

Analisi sperimentale di software aging nel kernel Linux Tesi di laurea specialistica Anno Accademico 2008/09 Relatore Ch.mo Prof. Stefano Russo Correlatori Ing. Roberto Natella Ing. Roberto Pietrantuono Candidato Berniero Volzone Matr.: 885/288 1 Contesto Software

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

Unipi EPrints, l'archivio istituzionale dell'università di Pisa

Unipi EPrints, l'archivio istituzionale dell'università di Pisa DOPO BERLIN 3: POLITICHE DI ACCESSO APERTO ALLA LETTERATURA DI RICERCA Pisa, Aula magna della facoltà di Scienze politiche Giovedì 16 febbraio 2006, h. 15.00 Unipi EPrints, Barbara Pistoia bpistoia@dcci.unipi.it

Dettagli

Pieces of Technology at your service. dottesttm

Pieces of Technology at your service. dottesttm Pieces of Technology at your service dottesttm DOTNET - AUTOMATIZZAZIONE DELL ANALISI STATICA, CODE REVIEW, TEST UNIT dottest è una soluzione di test di sviluppo integrato per automatizzare una vasta gamma

Dettagli

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi Introduzione Funzionamento di un SO La Struttura di un SO Sistemi Operativi con Struttura Monolitica Progettazione a Livelli di un SO 4.2 1 Introduzione (cont.)

Dettagli

REDPITAYA: IL LABORATORIO ELETTRONICO OPEN SOURCE

REDPITAYA: IL LABORATORIO ELETTRONICO OPEN SOURCE REDPITAYA: IL LABORATORIO ELETTRONICO OPEN SOURCE di MARCO MAGAGNIN Presentiamo uno strumento programmabile di misura ed acquisizione dati, open source, realizzato utilizzando il SoC Xilinx Zynq 7010,

Dettagli

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera CPU Memoria principale Il Sistema Operativo Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 ALU Unità di controllo Registri A indirizzi

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Introduzione alla Virtualizzazione

Introduzione alla Virtualizzazione Introduzione alla Virtualizzazione Dott. Luca Tasquier E-mail: luca.tasquier@unina2.it Virtualizzazione - 1 La virtualizzazione è una tecnologia software che sta cambiando il metodo d utilizzo delle risorse

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Implementazione di sistemi real time

Implementazione di sistemi real time Implementazione di sistemi real time Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO HARDWARE ABSTRACTION LAYER IMPLEMENTAZIONE EVENT-DRIVEN IMPLEMENTAZIONE TIME-DRIVEN SISTEMI DI

Dettagli

Realizzazione di un sistema di logging prototipale per la piattaforma

Realizzazione di un sistema di logging prototipale per la piattaforma tesi di laurea Realizzazione di un sistema di logging prototipale per la piattaforma Android Anno Accademico 2011 / 2012 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Dario De Meis Matr. 528 / 741 Smartphone

Dettagli

Linux Embedded un pinguino piccolo così

Linux Embedded un pinguino piccolo così Linux Embedded un pinguino piccolo così Fabrizio Vacca fabrizio.vacca@microc.it Agenda Introduzione Sistemi embedded: hardware Sistemi embedded: software Piccola panoramica di progetti Open Source DEMO

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Prestazioni CPU Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.

Prestazioni CPU Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella. Prestazioni CPU Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.net Prestazioni Si valutano in maniera diversa a seconda dell

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Il software Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline 1 Il software Outline Il software 1 Il software Algoritmo Sequenza di istruzioni la cui esecuzione consente di risolvere uno

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia

Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia Facoltà di Scienze MM, FF, NN. Corso di laurea : Informatica e T. P. S. Tesi di laurea in Ingegneria del Software Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia Relatore : Prof. Giuseppe

Dettagli

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore 1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore Insegnamento di Informatica Elisabetta Ronchieri Corso di Laurea di Economia, Universitá di Ferrara I semestre, anno 2014-2015 Elisabetta Ronchieri (Universitá)

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione INFORMATICA Corso di Laurea in Scienze dell'educazione Introduzione all Informatica Docente: Mario Alviano Studio: Dipartimento di Matematica Cubo 30B 2 Piano Ricevimento: giovedì 18:30 19:30 (avvisare

Dettagli

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB:

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: un caso di studio Anno accademico 2009 / 2010 Relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Correlatore Ch.mo Ing. Domenico

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Fondamenti di Informatica Modulo 1 Programma dell'a.a. 2003/2004 Luigi Romano Dipartimento di Informatica

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Il sistema operativo TinyOS

Il sistema operativo TinyOS tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo candidato Giovanni Chierchia Matr. 534 / 804 ::. Obiettivi del lavoro di tesi Studio del sistema operativo TinyOS Studio

Dettagli

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.1 R.

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Università degli Studi di Salerno

Università degli Studi di Salerno Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea Algoritmi basati su formule di quadratura interpolatorie per GPU ABSTRACT

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED DEFINIZIONE DI SISTEMA EMBEDDED SVILUPPO HW/SW DI SISTEMI EMBEDDED \ DEFINIZIONE DI SISTEMA EMBEDDED UN SISTEMA EMBEDDED È UN SISTEMA DI ELABORAZIONE (COMPUTER) SPECIALIZZATO

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Angelo Cognome Messina Ente/organizzazione di appartenenza STMicroelectronics s.r.l.

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica Analisi e Recupero Dati da Hard Disk in ambito Forense e studio delle metodologie con strumenti Hardware e Software Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

L informatica INTRODUZIONE. L informatica. Tassonomia: criteri. È la disciplina scientifica che studia

L informatica INTRODUZIONE. L informatica. Tassonomia: criteri. È la disciplina scientifica che studia L informatica È la disciplina scientifica che studia INTRODUZIONE I calcolatori, nati in risposta all esigenza di eseguire meccanicamente operazioni ripetitive Gli algoritmi, nati in risposta all esigenza

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA Presentazione Tesi di Laurea in Misure per l Automazione

Dettagli

Relazione sull attività didattica e scientifica del Ricercatore. (D.P.R. n. 382/1980)

Relazione sull attività didattica e scientifica del Ricercatore. (D.P.R. n. 382/1980) Relazione sull attività didattica e scientifica del Ricercatore (D.P.R. n. 382/1980) La sottoscritta Maria Giovanna Tongiani, nata a Massa (MS) il 07/05/1955, Ricercatore confermato (S.S.D. SECS-P/08 -

Dettagli

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security managing complexity Azienda Akhela è un azienda innovativa in rapida crescita che è diventata un attore importante e riconosciuto nel mercato IT italiano e che si sta affacciando con successo nel mercato

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Linux nella scuola...proviamo!

Linux nella scuola...proviamo! Il software opensource per la didattica Linux nella scuola...proviamo! V. Candiani, G. Caruso, L. Ferlino, M. Ott, M. Tavella Il problema dei sw didattici protetti da copyright Alti costi per le licenze;

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Esercizi su. Funzioni

Esercizi su. Funzioni Esercizi su Funzioni ๒ Varie Tracce extra Sul sito del corso ๓ Esercizi funz_max.cc funz_fattoriale.cc ๔ Documentazione Il codice va documentato (commentato) Leggibilità Riduzione degli errori Manutenibilità

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

PAES. Laurea Specialistica in Informatica. Analisi e sviluppo di un implementazione parallela dell AES per. architetture eterogenee multi/many-core

PAES. Laurea Specialistica in Informatica. Analisi e sviluppo di un implementazione parallela dell AES per. architetture eterogenee multi/many-core PAES Analisi e sviluppo di un implementazione parallela dell AES per architetture eterogenee multi/many-core Candidato Paolo Bernardi Relatore Osvaldo Gervasi Laurea Specialistica in Informatica Contesto

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Confronto sperimentale tra tecniche di testing automatico per applicazioni Android

Confronto sperimentale tra tecniche di testing automatico per applicazioni Android Tesi di laurea in Ingegneria del Software Confronto sperimentale tra tecniche di testing automatico per applicazioni Anno Accademico 2011/2012 Relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Correlatore Ing.

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM:

Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM: Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM: Introduzione Stefano Salvatori Università degli Studi Roma Tre (stefano.salvatori@uniroma3.it) Università degli Studi Roma Tre Microelettronica 2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze economico aziendalimanagement

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze economico aziendalimanagement UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze economico aziendalimanagement Relatore: Prof.ssa Maria Emilia Garbelli Correlatore: Prof. Silvio Brondoni Tesi di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli