Nome... Cognome... Classe... Data...

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nome... Cognome... Classe... Data..."

Transcript

1 Unità 1 - Gnatologia 01 È chiamata gnatologia: A la scienza che si occupa della fisiologia del sistema masticatorio, dei suoi disturbi funzionali e delle terapie necessarie alla loro eliminazione. B la scienza che si occupa dello sviluppo di un corretto rapporto occlusale nel bambino. C la scienza che si occupa delle malformazioni dentali. D la scienza che studia la forma e il colore dei denti. 02 Le tre regole fondamentali che permettono una funzione fisiologicamente corretta del sistema masticatorio prevedono che siano sempre rispettate: A occlusione, morfologia, curve di compenso e stabilità disclusiva. B disclusione, anatomia, morfologia, curve di compenso e stabilità occlusale. C morfologia, curve di compenso, forma e colore. D curve di compenso, forma, massima intercuspidazione e piano di Camper. 03 La sigla D.AT.O. sintetizza le tre definizioni: A Disclusione, Altezza Totale, Overbite. B Disclusione, Allineamento Tridimensionale, Overbite. C Disclusione, Altezza Totale, Occlusione. D Disclusione, Allineamento Tridimensionale, Occlusione. 04 La disclusione si determina allorché: A i denti anteriori, entrando in contatto tra loro, provocano l intercuspidazione dei posteriori. B i denti posteriori, entrando in contatto tra loro, provocano l intercuspidazione degli anteriori. C i denti anteriori, entrando in contatto tra loro, provocano la perdita di contatto dei settori posteriori. D i denti posteriori, entrando in contatto tra loro, provocano la perdita di contatto dei denti anteriori. 05 A livello dei denti posteriori trova inserzione una muscolatura più potente di quella che agisce sui settori anteriori; in particolare, i due muscoli più potenti del sistema masticatorio, che sono: A temporale e pterigoideo esterno. B massetere e pterigoideo esterno. C massetere e temporale. D temporale e pterigoideo interno. 06 La mandibola si presenta come una leva di: A prima classe. B seconda classe. C terza classe. D quarta classe. 07 In una bocca priva di difetti funzionali, la protezione anteriore nel movimento di protrusiva è offerta: A dagli incisivi laterali. B dai canini. C dagli incisivi centrali. D dai denti posteriori. 08 In una bocca priva di difetti funzionali, la protezione anteriore nel movimento di lateralità è offerta: A dagli incisivi laterali. B dai canini. C dagli incisivi centrali. D dai denti posteriori. 09 Il piano di scivolamento che si crea nella disclusione tra le superfici a contatto dei denti anteriori superiori e inferiori si presenta simile ad un angolo di circa: A 0. B 10. C 40. D

2 Nome... Cognome... Classe... Data Le radici più lunghe dei denti anteriori: A garantiscono una migliore resistenza alle forze orizzontali in fase di occlusione. B garantiscono una migliore resistenza alle forze orizzontali in fase di disclusione. A garantiscono una migliore resistenza alle forze verticali in fase di occlusione. A garantiscono una migliore resistenza alle forze verticali in fase di disclusione. 11 Quale, tra le seguenti caratteristiche, non rappresenta un fattore di notevole importanza gnatologica del canino? A permette la disclusione. B facilita l individuazione della relazione centrica. C diminuisce gli attriti. D aiuta a determinare il tipo di intercuspidazione. 12 La diminuzione degli attriti, durante la disclusione, è essenzialmente garantita: A dalla particolare conformazione della superficie occlusale dei denti posteriori superiori. B dalla presenza di un azione muscolare riflessa. C dalla presenza delle creste marginali dei denti anteriori superiori. D dalla lingua. 13 Nel contesto gnatologico, il canino riveste un importanza fondamentale. Anche perché: A sprogramma l osso mascellare. B ha la radice più lunga di quella degli altri denti. C permette la disclusione nel movimento di protrusiva. D nessuna delle precedenti risposte è esatta. 14 Il contatto simultaneo dei quattro canini corrisponde in genere: A alla massima intercuspidazione. B alla relazione centrica. C alla massima protrusione. D alla massima retrusione. 15 L occlusione dente a dente: A è presente nel 5% circa della popolazione. B è presente nel 25% circa della popolazione. C è presente nel 50% circa della popolazione. D è presente nel 95% circa della popolazione. 16 Il minus incisale dei laterali superiori: A permette il passaggio degli incisivi centrali inferiori nel movimento di protrusiva. B permette il passaggio degli incisivi centrali inferiori nel movimento di lateralità. C permette il passaggio dei canini inferiori nel movimento di protrusiva. D permette il passaggio dei canini inferiori nel movimento di lateralità. 17 La curva di Wilson risulta maggiore: A nei settori anteriori. B nei settori posteriori. C nei denti superiori. D nei denti inferiori. 18 Denti posteriori che presentino cuspidi molto elevate e fosse notevolmente profonde generalmente necessitano di una quantità di disclusione: A maggiore rispetto a quella di denti caratterizzati da un tipo di intercuspidazione meno profonda. B minore rispetto a quella di denti caratterizzati da un tipo di intercuspidazione meno profonda. C uguale a quella di denti caratterizzati da un tipo di intercuspidazione meno profonda. D tutte le risposte precedenti sono errate, poiché dipende dai casi. 19 Un dente non allineato: A disclude, ma potrebbe non occludere. B sicuramente occlude e disclude. C occlude, ma potrebbe non discludere. D sicuramente non occlude né disclude. 56

3 20 Gli interventi impiegati per eliminare dei disallineamenti dentali si dividono essenzialmente in: A sottrattivi, additivi e correttivi. B permanenti, temporanei e definitivi. C occlusivi, disclusivi e ortodontici. D di prima, seconda e terza classe. 21 La particolare conformazione sferica delle singole unità occlusali garantisce: A minore attrito. B superfici di contatto minime e puntiformi. C l immediata disclusione. D tutte le risposte precedenti sono esatte. 22 Quale, tra i punti di contatto A-B-C definiti da Stuart, è quello situato più vicino alla faccia vestibolare del dente? A Il punto A. B Il punto B. C Il punto C. D Dipende dal tipo di dente. 23 Quale, tra i punti di contatto A-B-C definiti da Stuart, è quello che risulta essenziale per garantire la stabilità dell occlusione rispetto alle forze di traslazione palato-vestibolari? A Il punto A. B Il punto B. C Il punto C. D Dipende dal tipo di dente. 24 Di quale, tra i punti di contatto A-B-C definiti da Stuart, non si può assolutamente fare a meno? A Del punto A. B Del punto B. C Del punto C. D Si può fare a meno di uno qualunque dei tre punti, purché gli altri due siano realizzati correttamente. 25 I punti di contatto comunemente definiti stop di centrica sono quelli situati: A sui margini discendenti delle cuspidi, rivolti distalmente nell arcata inferiore e mesialmente in quella superiore. B sui margini discendenti delle cuspidi, rivolti mesialmente nell arcata inferiore e distalmente in quella superiore. C sulla sommità delle cuspidi, rivolti mesialmente nell arcata inferiore e distalmente in quella superiore. D sulla sommità delle cuspidi, rivolti distalmente nell arcata inferiore e mesialmente in quella superiore. 26 Nel dente, visto in visione prossimale, le cuspidi di dimensione maggiore risultano essere: A le cuspidi lavoranti. B le cuspidi bilancianti. C le cuspidi vestibolari. D le cuspidi palatali o linguali. 27 Nel dente, visto in visione prossimale, le cuspidi meno elevate risultano essere: A le cuspidi lavoranti. B le cuspidi bilancianti. C le cuspidi vestibolari. D le cuspidi palatali o linguali. 28 Le proporzioni anatomiche tra cuspidi lavoranti e bilancianti prevedono che, considerando 100% l equatore del dente, le cuspidi lavoranti occupino: A il 30% della dimensione del dente. B il 40% della dimensione del dente. C il 50% della dimensione del dente. D il 60% della dimensione del dente. 57

4 Nome... Cognome... Classe... Data Un precontatto deflettente può provocare: A una dislocazione della mandibola. C una dislocazione del mascellare superiore. B la distruzione della radice del dente. D uno qualunque dei fenomeni indicati nelle risposte A, B e C. 30 Quale, tra le seguenti, è la funzione esercitata da un fulcro anteriore? A Sprogrammare il paziente dall input dettato dall intercuspidazione dei denti anteriori. B Sprogrammare il paziente dall input dettato dalla posizione dei condili. C Sprogrammare il paziente dall input dettato dall intercuspidazione dei denti posteriori. D Sprogrammare il paziente dall input dettato dalla disclusione. 31 L interposizione tra i denti di un fulcro anteriore determina in genere: A una surtrusione, cioè una spinta all indietro di mandibola e condili. B una surtrusione, cioè una spinta in avanti di mandibola e condili. C una protrusione, cioè una spinta all indietro di mandibola e condili. D una protrusione, cioè una spinta in avanti di mandibola e condili. 32 L occlusione in relazione centrica prevede la presenza contemporanea di: A occlusione e disclusione. B massima protrusione e minima retrusione. C relazione centrica e massima intercuspidazione. D massima protrusione e relazione centrica. 33 La dimensione verticale è: A l altezza massima dei denti, dall apice coronale alla superficie occlusale. B l altezza massima del processo alveolare del mascellare. C l altezza massima del processo alveolare della mandibola. D la distanza tra l arcata mascellare e quella mandibolare. 34 In visione occlusale il margine incisale dei denti anteriori superiori divide: A il terzo vestibolare dai due terzi palatini. B il terzo palatino dai due terzi vestibolari. C la metà vestibolare da quella palatina. D il terzo cervicale dal terzo incisale. 35 In visione occlusale il margine incisale dei denti anteriori inferiori divide: A il terzo vestibolare dai due terzi linguali. B il terzo linguale dai due terzi vestibolari. C la metà vestibolare da quella linguale. D il terzo cervicale dal terzo incisale. 36 Nei denti anteriori la porzione del cingolo occupa, in visione linguale: A circa un quarto della lunghezza complessiva della corona. B circa un terzo della lunghezza complessiva della corona. C circa la metà della lunghezza complessiva della corona nei denti superiori, circa un terzo in quelli inferiori. D circa un terzo della lunghezza complessiva della corona nei denti superiori, e circa la metà in quelli inferiori. 37 L eventuale imprecisione delle preparazioni, può comportare, tra l altro: A l avulsione del dente. B difetti di occlusione. C la frattura delle ceramiche. D tutte le risposte precedenti sono esatte. 38 Abrasioni della superficie del dente di aspetto piatto e rettilineo generalmente sono indice: A di scarsa protezione anteriore nei movimenti di lateralità. B di scarsa protezione anteriore nel movimento di protrusiva. C di eccessiva protezione anteriore nei movimenti di lateralità. D di eccessiva protezione anteriore nel movimento di protrusiva. 58

5 39 Quale, tra i seguenti, è l aspetto delle faccette di usura che denota che le stesse sono frutto di patologie remote o di fasi precedenti della patologia in atto? A aspetto lucido. B aspetto opaco. C aspetto sinuoso. D aspetto rettilineo. 40 La presenza del fiordaliso in tarda età denota: A una disfunzione della protezione anteriore in lateralità. B una disfunzione della protezione anteriore in protrusiva. C un perfetto funzionamento della protezione anteriore in lateralità. D un perfetto funzionamento della protezione anteriore in protrusiva. 41 L alterazione della dimensione verticale può essere imputabile: A a un rallentamento della crescita in età adolescenziale. B a un contatto deflettente. C alla pressione esercitata dai denti attigui. D al bruxismo. 42 La presenza di una modifica del tipo di leva mandibolare può essere evidenziata: A da faccette di usura vestibolari. B da faccette di usura lucide. C da faccette di usura opache. D da faccette di usura che sui modelli non entrano in contatto con l antagonista. V F Patologie che originano da sistemi sottostanti possono arrivare a danneggiare il sistema masticatorio. Le patologie ascendenti sono quelle che, originando da piccoli problemi gnatologici, possono arrivare a interessare tutto l apparato masticatorio. Il lato verso cui si sposta la mandibola è detto bilanciante. Punti di contatto disallineati possono pregiudicare l occlusione, ma non hanno alcun effetto sulla disclusione. Nei denti superiori sono cuspidi lavoranti (di stampo) solo le cuspidi palatali. Il tavolato occlusale rappresenta circal 80% della massima circonferenza del dente. Se nel movimento di chiusura della mandibola si riuscisse ad ottenere il contatto simultaneo dei quattro canini, eliminando virtualmente gli altri denti e/o modificando a tale scopo i canini stessi, si raggiungerebbe una posizione dei condili corrispondente alla relazione centrica. Si definisce occlusione in relazione centrica la massima intercuspidazione del paziente, anche se tale posizione non corrisponde ad una corretta posizione anatomica dei condili e ad un corretto equilibrio neuromuscolare. La relazione centrica è la posizione dei condili più protrusa all interno delle cavità glenoidi. La relazione centrica è la posizione dei condili anatomicamente più confortevole per il paziente. La massima intercuspidazione avviene solo in relazione centrica. La realizzazione di protesi di dimensione verticale eccessiva può causare l aumento dello spazio libero funzionale, ovvero lo spazio libero normalmente presente tra le due arcate in posizione di riposo. Nella realizzazione degli elementi anteriori superiori si dovrebbe iniziare la modellazione dalla zona palatina, poiché essa costituisce la parte lavorante di questi denti. Nella riabilitazioni complete fisse in antagonismo, è opportuno prevedere modelli che possano essere scomposti in una zona anteriore e due posteriori, tutte asportabili all occorrenza. In genere, più le abrasioni si presentano di aspetto orizzontale, più il processo distruttivo degenera lentamente, a causa del minore attrito. La presenza del fiordaliso può essere imputabile alla mancanza di protezione in protrusiva. La recessione gengivale può talvolta essere imputabile a un problema gnatologico. 59

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GNATOLOGIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GNATOLOGIA G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GNATOLOGIA A.S. 2014/15 Classe 4 ODO A Docente: Angelo Lotrecchiano LIBRI DI TESTO

Dettagli

Programmazione annuale di anatomia

Programmazione annuale di anatomia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza, 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 E-mail: itismond@itismondo.it cnis02900p@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

Acry Plus NM. il Dente Neuromuscolare

Acry Plus NM. il Dente Neuromuscolare Acry Plus NM il Dente Neuromuscolare Acry Plus NM L uomo è un unità funzionale che può alterarsi per sostituizione o modifica dell occlusione. Acry Plus NM è il dente acrilico realizzato sulle basi della

Dettagli

Importanza della gnatologia

Importanza della gnatologia Importanza della gnatologia Il sistema masticatorio è un insieme di strutture anatomiche e di meccanismi fisiologici molto complessi, che vanno tenuti in considerazione e rispettati nell'esecuzione di

Dettagli

FIRENZE 27-28 Novembre 2003 III CONGRESSO NAZIONALE ASSOCIAZIONE ITALIANA PEDRO PLANAS

FIRENZE 27-28 Novembre 2003 III CONGRESSO NAZIONALE ASSOCIAZIONE ITALIANA PEDRO PLANAS FIRENZE 27-28 Novembre 2003 III CONGRESSO NAZIONALE ASSOCIAZIONE ITALIANA PEDRO PLANAS LA RIABILITAZIONE NEURO-OCCLUSALE NEI DISORDINI TEMPORO-MANDIBOLARI: ASPETTI EZIOPATOGENETICI E CLINICI Dott. VITTORIO

Dettagli

ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI

ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI 132 DENTI CANINI Topografia e nomenclatura degli elementi morfologici Vista linguale Apice della radice Vista vestibolare Radice Linea cervicale (o

Dettagli

La ceratura nella protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz

La ceratura nella protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz La ceratura nella protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876 www.hiluxsoluzionidentali.it

Dettagli

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO ISTITUTO PROFESSIONALE PER ODONTOTECNICI SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO PAOLO GOTTA (C130) - MATERIA: ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONI PROTESICHE PER INLAY DI II CLASSE ESEGUITE DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI COMPLETI CON LA ANALISI

Dettagli

Protesi mobile totale

Protesi mobile totale Anno scolastico 2012/13 Protesi mobile totale Cos è e come si realizza Luca Porru V^ B odo Istituto professionale Galileo Galilei Oristano Protesi mobile totale La protesi mobile totale è un dispositivo

Dettagli

Le principali malocclusioni

Le principali malocclusioni Le principali malocclusioni Articolo a cura di: Alberto Gentile/ Impaginazione a cura di: Mile Le arcate dentarie, le strutture ossee, la muscolatura della faccia dovrebbero essere tra di loro in un rapporto

Dettagli

Principi di funzionamento, progettazione e gestione delle apparecchiature funzionali di Planas

Principi di funzionamento, progettazione e gestione delle apparecchiature funzionali di Planas Principi di funzionamento, progettazione e gestione delle apparecchiature funzionali di Planas Anatomia dell articolazione temporo-mandibolare (a riposo) Attività del centro di ossificazione condilare

Dettagli

Bite terapeutici 1. Patologia orale Unità 15 Patologia orale generale

Bite terapeutici 1. Patologia orale Unità 15 Patologia orale generale Bite terapeutici 1 Lo stretto legame tra il sistema stomatognatico e le caratteristiche posturali può portare a disturbi funzionali che interessano vari distretti corporei. In particolare, alcune disfunzioni

Dettagli

Abstract corso pratico su riunito e su simulatori di gnatologia livello IV

Abstract corso pratico su riunito e su simulatori di gnatologia livello IV 1 CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI DI GNATOLOGIA LIVELLO IV IN FASE DI ACCREDITAMENTO Data del prossimo corso: Data in programmazione Il corso inizia alle ore 9.00 della prima giornata e termina

Dettagli

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione umberto buonanno I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione TESTO TERZA EDIZIONE Aggiornata ed ampliata SAB EDIZIONI LE PUBBLICAZIONI DI UMBERTO BUONANNO Nel 1980 viene pubblicato Morfologia e disegno

Dettagli

CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE

CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE 1 CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE CORSO COMPLETO (PARTE A + PARTE B): 30 CREDITI ECM PARTE A (Codice Ministeriale

Dettagli

Nella pubblicazione di alcuni miei articoli sul bite R.O.F. e

Nella pubblicazione di alcuni miei articoli sul bite R.O.F. e dental dialogue www.teamwork-media.com Visualizzazione tridimensionale dell occlusione Giorgio Borin Nella pubblicazione di alcuni miei articoli sul bite R.O.F. e sulla protesi totale, hanno suscitato

Dettagli

Estetica in odontoiatria.

Estetica in odontoiatria. Estetica in odontoiatria. Il tema Estetica viene trattato nei seguenti 8 Files. 1) Introduzione all Estetica in Odontoiatria. 2) Nozioni cliniche di estetica del sorriso, utili al paziente. 3) Analisi

Dettagli

Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico

Diagnosi Ortodontica - Il check-up Ortodontico Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico Articolo a cura di: Alberto Gentile / Impaginazione a cura di: Mile Sito web: www.albertogentile.it Per impostare un corretto piano di trattamento ortodontico

Dettagli

CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE

CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE 1 CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE CORSO COMPLETO (PARTE A + PARTE B): 30 CREDITI ECM PARTE A (Codice Ministeriale

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E MODELLAZIONE ODONTOTECNICA CLASSE 1 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E MODELLAZIONE ODONTOTECNICA CLASSE 1 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E MODELLAZIONE ODONTOTECNICA CLASSE 1 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 COMPETENZE PREREQUISITI ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI STRUMENTI METODOLOGIE VALUTAZIONE TEMPI Osservare,

Dettagli

Trasversalità dei principi gnatologici

Trasversalità dei principi gnatologici CAPITOLO 1 Trasversalità dei principi gnatologici Introduzione La gnatologia non deve essere considerata come una branca odontoiatrica a se stante, ma piuttosto come una disciplina trasversale a ogni settore

Dettagli

Sez. 4/1 PROTESI FISSA

Sez. 4/1 PROTESI FISSA Sez. 4/1 PROTESI FISSA La protesi fissa è un manufatto posizionato su denti preparati che una volta fissato può essere disinserito dall'odontoiatra mediante decementazione. E' definita protesi fisiologica

Dettagli

PalaMeter. Uno strumento di misurazione versatile per la protesi +J014660538170. That s prosthetics.

PalaMeter. Uno strumento di misurazione versatile per la protesi +J014660538170. That s prosthetics. PalaMeter Uno strumento di misurazione versatile per la protesi +J014660538170 PalaMeter è stato sviluppato in collaborazione tra Heraeus Dental e il Dr. Andreas Polei. Contact in Italy Heraeus Kulzer

Dettagli

Istruzioni del Sistema di Analisi Dento-Facciale di Kois Un arco facciale semplificato: maggiore estetica e funzionalità

Istruzioni del Sistema di Analisi Dento-Facciale di Kois Un arco facciale semplificato: maggiore estetica e funzionalità M Panadent Corporation 580 S. Rancho Avenue Colton, California 92324, USA Tel: (909) 783-1841 Istruzioni del Sistema di Analisi Dento-Facciale di Kois Un arco facciale semplificato: maggiore estetica e

Dettagli

SEZ. 4/3 PROTESI MOBILE TOTALE

SEZ. 4/3 PROTESI MOBILE TOTALE SEZ. 4/3 PROTESI MOBILE TOTALE La protesi mobile totale è una protesi sostitutiva in quanto riabilita l'intera arcata e afisiologica cioè interamente ad appoggio mucoso. Le STRUTTURE ANATOMICHE DI RIFERIMENTO

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Estetica e funzione nella routine quotidiana Utilizzo della tecnica PRESS per colorazione e stratificazione

Estetica e funzione nella routine quotidiana Utilizzo della tecnica PRESS per colorazione e stratificazione Estetica e funzione nella routine quotidiana Utilizzo della tecnica PRESS per colorazione e stratificazione Claudio Nannini LLe innovative tecniche PRESS e i nuovi materiali ceramici consentono la realizzazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse scientifico-tecnologico Il recupero di un relitto DOSSIER PER GLI ALLIEVI Prova esperta pluridisciplinare PRESENTAZIONE DEL CASO Un Istituto scolastico

Dettagli

I DENTI UMANI SCHEDE DI VERIFICA

I DENTI UMANI SCHEDE DI VERIFICA umberto buonanno I DENTI UMANI SCHEDE DI VERIFICA e di autoverifica Tutti i diritti sono riservati È vietata la riproduzione, in tutto o in parte, con qualunque mezzo sia meccanico che elettronico o fotografico,

Dettagli

Piano di lavoro. Docente : Roberto Margio Disciplina : rappresentazione e modellazione A.S. : 2012 / 13 classe : 2 A - OBIETTIVI DIDATTICI FINALI

Piano di lavoro. Docente : Roberto Margio Disciplina : rappresentazione e modellazione A.S. : 2012 / 13 classe : 2 A - OBIETTIVI DIDATTICI FINALI Piano di lavoro Docente : Roberto Margio Disciplina : rappresentazione e modellazione A.S. : 2012 / 13 classe : 2 A - OBIETTIVI DIDATTICI FINALI Morfologia dentale di tutti i denti Occlusioni denti anteriori

Dettagli

Dalla progettazione alla riabilitazione protesica. Odt. Benetollo Denis

Dalla progettazione alla riabilitazione protesica. Odt. Benetollo Denis Dalla progettazione alla riabilitazione protesica Odt. Benetollo Denis Protocollo di lavorazione Analisi Ceratura di diagnosi e duplicazione Mascherine in acetato e loro uso Provvisorio Trasferimento dei

Dettagli

La Gnatologia è la scienza che si occupa della chiusura dei denti (ovvero dei rapporti tra mandibola e mascella tramite l occlusione dentale).

La Gnatologia è la scienza che si occupa della chiusura dei denti (ovvero dei rapporti tra mandibola e mascella tramite l occlusione dentale). La Gnatologia è la scienza che si occupa della chiusura dei denti (ovvero dei rapporti tra mandibola e mascella tramite l occlusione dentale). Chiusura dei denti = Occlusione Dentale La chiusura dei denti

Dettagli

Le dentizioni nella specie umana

Le dentizioni nella specie umana Le dentizioni nella specie umana Le dentizioni nella specie umana - I a dentizione: decidua (da latte, temporanea) - II a dentizione: permanente (da adulto, definitiva) - dentizione mista La dentizione

Dettagli

Protesi totale neuromuscolare in paziente con paralisi facciale.

Protesi totale neuromuscolare in paziente con paralisi facciale. Protesi totale neuromuscolare in paziente con paralisi facciale. Il presente caso clinico vuol portare un contributo alla conferma della validità della metodica neuromuscolare, mutuata da Bernard Jankelson

Dettagli

Condyloform II NFC. Novità. La nuova dimensione nei settori latero-posteriori. www.candulor.com

Condyloform II NFC. Novità. La nuova dimensione nei settori latero-posteriori. www.candulor.com Condyloform II NFC Novità La nuova dimensione nei settori latero-posteriori www.candulor.com Sviluppo Il nuovo Condyloform II NFC Nella tradizione della casa Candulor lo sviluppo di innovazioni nel campo

Dettagli

CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE

CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE 1 CORSO PRATICO INTENSIVO SU RIUNITO, SU SIMULATORI E SU DENTI VERI DI PROTESI MOBILE PARZIALE CON ATTACCHI E PROTESI MOBILE TOTALE CORSO COMPLETO (PARTE A + PARTE B): 30 CREDITI ECM PARTE A (Codice Ministeriale

Dettagli

Dott. Carlo Bianchessi & Odt. Giuseppe Lucente Le restaurazioni provvisiorie

Dott. Carlo Bianchessi & Odt. Giuseppe Lucente Le restaurazioni provvisiorie Dott. Carlo Bianchessi & Odt. Giuseppe Lucente Le restaurazioni provvisiorie Se fino a poco tempo fa il provvisorio era un dispositivo che doveva solo proteggere i pilastri in attesa del definitivo, nei

Dettagli

TERAPIA. Requisiti della terapia con splint. Reversibile Non invasiva Confortevole Estetica Funzionale

TERAPIA. Requisiti della terapia con splint. Reversibile Non invasiva Confortevole Estetica Funzionale TERAPIA Terapia cognitiva comportamentale Fisioterapia Farmaci Splint Terapia occlusale Chirurgia Requisiti della terapia con splint Reversibile Non invasiva Confortevole Estetica Funzionale 1 Requisiti

Dettagli

CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI CON TESSUTI DI PROTESI FISSA LIVELLO II: INLAYS, ONLAYS, FACCETTE E PROTESI DI INTERE ARCATE

CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI CON TESSUTI DI PROTESI FISSA LIVELLO II: INLAYS, ONLAYS, FACCETTE E PROTESI DI INTERE ARCATE 1 CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI CON TESSUTI DI PROTESI FISSA LIVELLO II: INLAYS, ONLAYS, FACCETTE E PROTESI DI INTERE ARCATE CORSO COMPLETO (PARTE A + PARTE B): 30 CREDITI ECM PARTE A: 15 CREDITI

Dettagli

BASIC BANCHE DATI DENTALI

BASIC BANCHE DATI DENTALI L articolo presenta la libreria dentale virtuale Heroes Collection del software di modellazione Zirkonzahn.Modellier. Il software offre dieci set completi di denti, che si differenziano per i dettagli

Dettagli

INDICE DELLE SEQUENZE OPERATIVE DI PROTESI MOBILE

INDICE DELLE SEQUENZE OPERATIVE DI PROTESI MOBILE INDICE DELLE SEQUENZE OPERATIVE DI Sequenza operativa per scegliere un portaimpronte per arcata superiore Sequenza operativa per scegliere un portaimpronte per arcata inferiore Sequenza operativa per eseguire

Dettagli

APPROCCIO INTERDISCIPLINARE... 3 SCROSCI... 4 CLASSI... 5 PRECONTATTI... 6 INDICE

APPROCCIO INTERDISCIPLINARE... 3 SCROSCI... 4 CLASSI... 5 PRECONTATTI... 6 INDICE APPROCCIO INTERDISCIPLINARE... 3 SCROSCI... 4 CLASSI... 5 PRECONTATTI... 6 INDICE IL FISIOTERAPISTA NEL TRATTAMENTO DELL ATM E DELLE AREE COINVOLTE DALLA MASTICAZIONE MANDIBOLA APPROCCIO INTERDISCIPLINARE

Dettagli

LA STORIA. Da patologia della ARTICOLAZIONE TEMPOROMANDIBOLARE P.Cascone C. Di Paolo

LA STORIA. Da patologia della ARTICOLAZIONE TEMPOROMANDIBOLARE P.Cascone C. Di Paolo I PRESIDI OCCLUSALI LA STORIA LA FINALITA PRINCIPALE DEGLI SPLINT OCCLUSALI E QUELLA DI RICREARE UN EQUILIBRIO TRA LE COMPONENTI DELL APPARATO STOMATOGNATICO OTTENENDO COSI UNA CONDIZIONE DI STABILITA

Dettagli

Gianfrancesco CIGNA - Felice GARELLI G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401

Gianfrancesco CIGNA - Felice GARELLI G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 1 Gianfrancesco CIGNA - Felice GARELLI G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 PROGRAMMA DI RAPPRESENTAZIONE E MODELLAZIONE ODONTOTECNICA Anno scolastico

Dettagli

Digitale senza perdita di funzione.

Digitale senza perdita di funzione. IT Digitale senza perdita di funzione. DFP Protesica Funzionale Digitale DFP La sequenza odontotecnica di precisione Il termine DFP (Protesica Digitale Funzionale) significa per noi un procedimento ottimale

Dettagli

Clinical. Orthodontic. Meccaniche. Antonino G. Secchi DMD, MS. CCO System - Complete Clinical Orthodontics - Antonino G. Secchi

Clinical. Orthodontic. Meccaniche. Antonino G. Secchi DMD, MS. CCO System - Complete Clinical Orthodontics - Antonino G. Secchi Complete Clinical Orthodontic Antonino G. Secchi DMD, MS CCO System - Complete Clinical Orthodontics - Antonino G. Secchi Meccaniche I would like to dedicate this work to my family, specifically to my

Dettagli

ESTETICA E FUNZIONALITA NELLA PROTESI IN ORO RESINA

ESTETICA E FUNZIONALITA NELLA PROTESI IN ORO RESINA Accademia Belle Arti di Venezia TESI FINALE PAS C130 (Percorsi Abilitanti Speciali) ESTETICA E FUNZIONALITA NELLA PROTESI IN ORO RESINA di Benedetta Gentilucci SCENARIO Istituto Professionale di Stato

Dettagli

I.P.S.I.A EDMONDO DE AMICIS Roma

I.P.S.I.A EDMONDO DE AMICIS Roma I.P.S.I.A EDMONDO DE AMICIS Roma PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI GNATOLOGIA Prof. CLASSI IV ODONTOTECNICA Competenze finali da acquisire al termine del corso Al termine del corso l allievo, affrontando contenuti

Dettagli

MANUALE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO

MANUALE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO Andrea De Benedetto Alfredo Buttieri Luigi Galli MANUALE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO Dispositivi protesici dentali Seconda Edizione FRANCO LUCISANO EDITORE Andrea De Benedetto Alfredo Buttieri Luigi Galli

Dettagli

Corso formativo. teorico-pratico in PROTESI FISSA. Anno 2015 Coordinatore Dott. Attilio Bedendo

Corso formativo. teorico-pratico in PROTESI FISSA. Anno 2015 Coordinatore Dott. Attilio Bedendo Corso formativo teorico-pratico in PROTESI FISSA Anno 2015 Coordinatore Dott. Attilio Bedendo Corso formativo teorico-pratico in PROTESI FISSA PROGRAMMA DEL CORSO Teoria 1 incontro Il piano di trattamento

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Edmondo De Amicis Via Galvani Roma PROGRAMMAZIONE MODULARE PER QUARTO ANNO MODULO B

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Edmondo De Amicis Via Galvani Roma PROGRAMMAZIONE MODULARE PER QUARTO ANNO MODULO B Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Edmondo De Amicis Via Galvani Roma PROGRAMMAZIONE MODULARE PER QUARTO ANNO MODULO B AMBITO DISCIPLINARE RAPPRESENTAZIONE E MODELLAZIONE COMPETENZE

Dettagli

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico L implantologia dentale osteointegrata è diventata in questo ultimo ventennio discriminante nella formulazione del Piano di Trattamento

Dettagli

Semplificazione dei restauri diretti in composito in zona estetica

Semplificazione dei restauri diretti in composito in zona estetica Semplificazione dei restauri diretti in composito in zona estetica Autore_Ian E. Shuman, USA _Web Article Questo articolo è presente sul sito www.dental-tribune.com _La possibilità di creare restauri diretti

Dettagli

Ceratura. Ceratura. Protesi fissa. Friedrich Jetter Christian Pilz. Idee per il mondo dentale

Ceratura. Ceratura. Protesi fissa. Friedrich Jetter Christian Pilz. Idee per il mondo dentale Ceratura Ceratura Protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz Idee per il mondo dentale Apparecchi per la ceratura Apparecchi per la ceratura Waxlectric II Waxlectric II è uno strumento per modellare

Dettagli

ORTODONZIA: Gli elementi a molla

ORTODONZIA: Gli elementi a molla 1 ORTODONZIA: Gli elementi a molla di Donatella Govoni Lab. Ortodontico NORMOCCLUSION Estratto da: Bollettino di Informazioni Ortodontiche Leone nr. 52 curato da Filippo Francolini Tutte le molle per uso

Dettagli

VITA PHYSIODENS Guida per il montaggio

VITA PHYSIODENS Guida per il montaggio Guida per il montaggio VITA Farbkommunikation VITA Farbkommunikation VITA Presa del colore VITA Comunicazione del colore VITA Riproduzione del colore VITA Controllo del colore Data 07.13 VITA shade, VITA

Dettagli

Orthodontic. Antonino G. Secchi DMD, MS MECCANICHE

Orthodontic. Antonino G. Secchi DMD, MS MECCANICHE Complete C linical Orthodontic Antonino G. Secchi DMD, MS MECCANICHE CCO system m a n u a l on treatment mechanics II Edizione, 2012 Antonino G. Secchi DMD, MS Sommario INTRODUZIONE 6 CAPITOLO 1 1. BRACKETS

Dettagli

Corso formativo annuale. teorico-pratico in PROTESI FISSA. Anno 2016-2017 Coordinatore Dott. Attilio Bedendo

Corso formativo annuale. teorico-pratico in PROTESI FISSA. Anno 2016-2017 Coordinatore Dott. Attilio Bedendo Corso formativo annuale teorico-pratico in PROTESI FISSA Anno 2016-2017 Coordinatore Dott. Attilio Bedendo Corso formativo teorico-pratico in PROTESI FISSA Teoria PROGRAMMA DEL CORSO 1 incontro Il piano

Dettagli

TECNICA. www.odontotecnicamadeinitaly.it. www.siced.info. Fig. 4 Ceramica bianca training 1 Fig. 5 Ceramica bianca training 2

TECNICA. www.odontotecnicamadeinitaly.it. www.siced.info. Fig. 4 Ceramica bianca training 1 Fig. 5 Ceramica bianca training 2 www.siced.info TECNICA Fig. 4 Ceramica bianca training 1 Fig. 5 Ceramica bianca training 2 Fig. 6 Ceramica bianca training 3 Fig. 7 Ceramica dopo rifinitura Fig. 8 Ceramica dopo lucidatura le impiegato

Dettagli

1 Introduzione al disegno

1 Introduzione al disegno 1 Introduzione al disegno 01 Il disegno può rappresentare: A solo oggetti reali. B solo idee astratte. C oggetti reali e suoni. D oggetti reali e idee astratte. 02 Il disegno viene spesso definito come:

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

visio.lign neo.lign Belli come i denti naturali.

visio.lign neo.lign Belli come i denti naturali. visio.lign neo.lign Belli come i denti naturali. Estetica naturale dei design Armonia La base di partenza per lo sviluppo del sistema per il rivestimento estetico visio.lign sono i denti naturali. L estetica

Dettagli

KaVo Modelli didattici e denti. Perfettamente preparati per la didattica. Precisi fin nei minimi dettagli

KaVo Modelli didattici e denti. Perfettamente preparati per la didattica. Precisi fin nei minimi dettagli KaVo Modelli didattici e denti Perfettamente preparati per la didattica. Precisi fin nei minimi dettagli Modelli didattici e denti Incredibilmente umani. Modelli didattici e denti Modelli didattici completi

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 17-04-99 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

l Ortodonzia Paziente per il informazioni e spiegazioni

l Ortodonzia Paziente per il informazioni e spiegazioni l Ortodonzia informazioni e spiegazioni per il Paziente Giovanna Perrotti si dedica in maniera esclusiva all ortodonzia, in stretta collaborazione con le altre figure professionali dell odontoiatria e

Dettagli

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è la formulazione di ipotesi in modo sistematico, diretto

Dettagli

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia 73 CASI CLINICI Sono stati scelti tre casi clinici di riabilitazione impianto protesica postestrattiva. Due casi sono esempi didattici per dimostrare come spesso sia possibile risolvere situazioni di grave

Dettagli

Corso formativo teorico-pratico in 50 PROTESI FISSA. crediti formativi ECM. Anno 2016-2017. Relatore. Dott. Attilio Bedendo

Corso formativo teorico-pratico in 50 PROTESI FISSA. crediti formativi ECM. Anno 2016-2017. Relatore. Dott. Attilio Bedendo Corso formativo teorico-pratico in 50 PROTESI FISSA crediti formativi ECM Anno 2016-2017 Relatore Dott. Attilio Bedendo Corso formativo teorico-pratico in PROTESI FISSA PROGRAMMA 1 I L P I A N O D I T

Dettagli

Creopal Denti artificiali

Creopal Denti artificiali ITALIANO SIMPLY BRILLIANT Creopal Denti artificiali WWW.CREATION-WILLIGELLER.COM Esclusiva linea di denti in composito: un variegato gioco di forme e colori Molto estetici, economici, naturali e funzionali:

Dettagli

PROGRAMMA ORTOGNATODONZIA

PROGRAMMA ORTOGNATODONZIA PROGRAMMA ORTOGNATODONZIA SVILUPPO E CRESCITA DEL COMPLESSO CRANIO MAXILLOFACCIALE Concetti di crescita e sviluppo Sviluppo e crescita post natale della volta e della base cranica, del mascellare superiore

Dettagli

Risultati. Discussione

Risultati. Discussione Negli ultimi 8 anni nel nostro dipartimento abbiamo trattato circa 200 schisi del mascellare con il metodo tradizionale già descritto nei precedenti articoli. Dal 1966 abbiamo seguito la teoria di Skoog,

Dettagli

foto 2.1 foto 2.2 Visione destra e sinistra dove si nota l abrasione e l eruzione da mancanza di antagonista di 3.6 e 4.6

foto 2.1 foto 2.2 Visione destra e sinistra dove si nota l abrasione e l eruzione da mancanza di antagonista di 3.6 e 4.6 Il Corso del Giovedì di Rimini: Piani di trattamento - Caso 2 Maschio, 57 anni, diabetico e iperteso, poca compliance, pensionato Presenza di edema, infiammazione e tartaro Il diastema non è peggiorato

Dettagli

CASO CLINICO DICEMBRE APPROCCIO BIOESTETICO ALLA RIFINITURA ORTODONTICA - PARTE 1 DOTT. MASSIMILIANO LOMBARDO TEC. GIANLUCA DALLATANA

CASO CLINICO DICEMBRE APPROCCIO BIOESTETICO ALLA RIFINITURA ORTODONTICA - PARTE 1 DOTT. MASSIMILIANO LOMBARDO TEC. GIANLUCA DALLATANA CASO CLINICO DICEMBRE APPROCCIO BIOESTETICO ALLA RIFINITURA ORTODONTICA - PARTE 1 DOTT. MASSIMILIANO LOMBARDO Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l Università degli Studi di Milano Specializzazione

Dettagli

EFline. Educazione Funzionale e Comportamentale secondo la filosofia del Dr. Daniel Rollet. prepariamo il futuro

EFline. Educazione Funzionale e Comportamentale secondo la filosofia del Dr. Daniel Rollet. prepariamo il futuro EFline. Educazione Funzionale e Comportamentale secondo la filosofia del Dr. Daniel Rollet prepariamo il futuro Guida alla selezione secondo l età 4-8 anni Dentatura decidua e mista EF3 (II classe taglia

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

Che cosa dovete osservare?

Che cosa dovete osservare? Se il vostro bambino tiene abitualmente la bocca aperta perché non riesce - o riesce con difficoltà - ad avvicinare le labbra fra di loro: osservate se i due incisivi superiori sono disposti a punta e

Dettagli

AUTOLEGANTE PASSIVO. Distribuito da CONCETTO E TECNICA

AUTOLEGANTE PASSIVO. Distribuito da CONCETTO E TECNICA AUTOLEGANTE PASSIVO Distribuito da CONCETTO E TECNICA INDICE Introduzione 1 Anatomia del bracket 2 Tecnica di apertura e chiusura 3 Concetto e tecnica 4 Trasmissione delle forze 5 Protocollo di bondaggio

Dettagli

La protesi mobile secondo la dinamica linguale

La protesi mobile secondo la dinamica linguale dental dialogue www.colloquiumdental.com La protesi mobile secondo la dinamica linguale La bocca è come una piazza, il cui terreno può essere: erboso, ghiaioso, asfaltato, ciottolato, di porfido La protesi

Dettagli

Carrellata di disegni dentali

Carrellata di disegni dentali Carrellata di disegni dentali Tutti i disegni hanno una didascalia. Le animazioni sono segnalate con! www.fisiokinesiterapia.biz 1 Arterie della testa 2 Vene della testa. 3 Vasi linfatici della testa e

Dettagli

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Milano, 26 novembre 15 La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Moreno Mascheroni Fisioterapista Club Italia femminile Nazionale U20 femminile contenuto del corso cenni di anatomia e cinesiologia

Dettagli

In odontoiatria l estetica sempre più risulta essere

In odontoiatria l estetica sempre più risulta essere ODONTOMADEINITALY IMPORTANZA E FONDAMENTI DELLA MORFOLOGIA NEL RESTAURO ESTETICO DENTALE di Daniele Rondoni In odontoiatria l estetica sempre più risulta essere l argomento principe. Negli ultimi anni

Dettagli

CORSO PRECONGRESSUALE XXIX CONGRESSO INTERNAZIONALE AIOP, Bologna 18/11/2010

CORSO PRECONGRESSUALE XXIX CONGRESSO INTERNAZIONALE AIOP, Bologna 18/11/2010 CORSO PRECONGRESSUALE XXIX CONGRESSO INTERNAZIONALE AIOP, Bologna 18/11/2010 Dott. Odt Frank Spear DIAGNOSI, PIANO DI TRATTAMENTO E TERAPIA ESTETICA E FUNZIONALE DEI PAZIENTI CON GRAVI ED ESTESE USURE

Dettagli

Protocollo Edentulia Totale Mguide

Protocollo Edentulia Totale Mguide Protocollo Edentulia Totale Mguide Questo protocollo può essere utilizzato sia nel caso di un paziente portatore di protesi totale da ritenersi corretta, sia da un punto di vista funzionale che estetico

Dettagli

Nella tecnica a carico immediato o istantaneo si devono eseguire le seguenti fasi :

Nella tecnica a carico immediato o istantaneo si devono eseguire le seguenti fasi : Nella tecnica a carico immediato o istantaneo si devono eseguire le seguenti fasi : 1) Eseguire una impronta dove devono essere ben visibili i fornici e le inserzioni muscolari( impronta molto estesa)

Dettagli

I denti per protesi per il futuro. Pala. That s Prosthetics. That s prosthetics. www.heraeus-pala.com 1

I denti per protesi per il futuro. Pala. That s Prosthetics. That s prosthetics. www.heraeus-pala.com 1 I denti per protesi per il futuro. Pala. That s Prosthetics That s prosthetics. www.heraeus-pala.com 1 Lavorare mano nella mano verso una protesi innovativa. Come azienda dominante nel campo dentale a

Dettagli

Anatomia dentale INCISIVI 08/07/2013. Nomenclatura: Schema di Triadan. 207 Numero del dente nella fila. Molari. Tipi di dente - Canini

Anatomia dentale INCISIVI 08/07/2013. Nomenclatura: Schema di Triadan. 207 Numero del dente nella fila. Molari. Tipi di dente - Canini Tecniche radiografiche odontoveterinarie negli equidi Nomenclatura: Schema di Triadan mascella o mandibola sinistra o destra 207 Numero del dente nella fila Dott. Fulvio Laus Ricercatore Universitario

Dettagli

INDICE. L'esame radiografico Modelli di studio Rilevazione delle impronte Confezione dei modelli Scopo dei modelli diagnostici

INDICE. L'esame radiografico Modelli di studio Rilevazione delle impronte Confezione dei modelli Scopo dei modelli diagnostici INDICE 1. Protesi parziale rimovibile Definizione Costituenti essenziali delle PPR Scopi della PPR Ripristino estetico-fonetico Ripristino di una accettabile capacità masticatoria Ripristino di un corretto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE INTEROCCLUSALE

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE INTEROCCLUSALE Le seguenti istruzioni sono valide M Panadent Corporation per i seguenti prodotti: 580 S. Rancho Avenue Colton, California 92324, USA Tel: (909) 783-1841 h 1210, 1211, 1230, 1231 ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE

Dettagli

Istruzioni: Mascherina di registrazione mandibolare

Istruzioni: Mascherina di registrazione mandibolare Istruzioni: Mascherina di registrazione mandibolare Nel caso di improvvisi movimenti di propulsione notturni, l ancoraggio può scorrere nel congiuntore. In tal modo si evitano piegature e sovraccarico

Dettagli

UNITÀ 8 PROTESI A SUPPORTO IMPLANTARE

UNITÀ 8 PROTESI A SUPPORTO IMPLANTARE Unità 8 Protesi a supporto implantare 01 L intervento chirurgico implantare in genere consiste: A nell inserimento di un impianto nell osso mascellare o nella mandibola. B nell inserimento di un impianto

Dettagli

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie Prima parte: la cervicale Per impostare un programma di lavoro che abbia la massima efficacia su una rachialgia dobbiamo

Dettagli

ARTICOLO SPECIFICO: MAMMA LUCA

ARTICOLO SPECIFICO: MAMMA LUCA 1 ARTICOLO SPECIFICO: MAMMA LUCA Saga Zirkonia - Racconti dal mondo Zirkonzahn Aldo Zilio Il PRETTAU Bridge è un ponte in zirconio integrale per la ricostruzione implantare - garantito senza chipping (scheggiatura).

Dettagli

Titolo: L importanza della posizione mandibolare in ortodonzia Autore : Dr. Gabriele Galassini Trieste - Italia

Titolo: L importanza della posizione mandibolare in ortodonzia Autore : Dr. Gabriele Galassini Trieste - Italia Titolo: L importanza della posizione mandibolare in ortodonzia Autore : Dr. Gabriele Galassini Trieste - Italia Scopo Lo scopo di questa relazione è quello di sottolineare l importanza della posizione

Dettagli

Corso Annuale Teorico - Pratico di Protesi Fissa

Corso Annuale Teorico - Pratico di Protesi Fissa Corso Annuale Teorico - Pratico di Protesi Fissa - Alessandro Agnini 21-22 Maggio 2015 Il Programma del Corso propone un approccio sistematico alla riabilitazione protesica con lo scopo di aiutare il clinico

Dettagli

Ricette per Splendidi Sorrisi

Ricette per Splendidi Sorrisi Ricette per Splendidi Sorrisi Le ricette La collaborazione ideale 3M ESPE è leader nella conservativa grazie a tecnologie sempre all avanguardia. Grazie al costante dialogo con i professionisti nel campo

Dettagli

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it L OCCLUSIONE NEL CANE In medicina umana l ortodonzia si occupa del controllo e della correzione

Dettagli

05.2009- ANNO 6-N.8 IL BOLLETTINO DEL SISTEMA IMPLANTARE LEONE. L efficienza della semplicità

05.2009- ANNO 6-N.8 IL BOLLETTINO DEL SISTEMA IMPLANTARE LEONE. L efficienza della semplicità 05.2009- ANNO 6-N.8 IL BOLLETTINO DEL SISTEMA IMPLANTARE LEONE L efficienza della semplicità Approccio multidisciplinare nella sostituzione dell elemento dentale singolo in zona a valenza estetica Dott.ssa

Dettagli

Implantologia protesicamente guidata Procedura Ray Set Implant 3D 1

Implantologia protesicamente guidata Procedura Ray Set Implant 3D 1 Implantologia protesicamente guidata Procedura Ray Set Implant 3D 1 Protesi a carico immediato Il carico immediato su impianti, largamente suffragato dall evidenza scientifica dei principi biologici che

Dettagli

ROME REHABILITATION 2013

ROME REHABILITATION 2013 ROME REHABILITATION 2013 LA VALUTAZIONE ED IL TRATTAMENTO DEI DISORDINI CRANIO CERVICO MANDIBOLARI: TRATTAMENTO FISIOTERAPICO Relatori: Fisioterapista Paola Colonnelli Fisioterapista Danilo Niro 21 Giugno

Dettagli