Valutazione post-traumatica della limitazione funzionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione post-traumatica della limitazione funzionale"

Transcript

1 Valutazione post-traumatica della limitazione funzionale Dopo un trauma muscolare non esistono test o prove funzionali che siano in grado di fornirci i dati della limitazione funzionale derminata dal trauma. Un insieme di prove funzionali, saranno in grado di fornire informazioni utili. Disporre di un maggior numero di informazioni significa avere un quadro sempre più chiaro e delineato della situazione funzionale nella quale versa il paziente che permetterà di conseguenza una maggiore e più efficace possibilltà d'intervento. Test isocinetico Il test principale è sempre stato ed è tuttora il test isocinetico. Ma I'isocinetica non è una metodica valutativa veramente affidabile e non può fornire le informazioni necessarie per il tipo di movimento che l'atleta stesso si troverà ad affrontare sul campo. Infatti I'isocinetica ha indubbiamente consentito un significativo progresso. Limiti dei test isocinetici Per comprendere a fondo i limiti del test isocinetico è necessario capire la differenza che esiste tra la contrazione isocinetica e quella naturale. Nella contrazione isocinetica il muscolo si contrae a velocità costante, in quella naturale, abbiamo una fase di accellerazione. Inoltre nella contrazione naturale abbiamo una fase di contrazione eccentrica, poiuna fase di stabilizzazione e quindi una fase di contrazione concentrica. Questo particolare tipo di attivazione è comunemente definito come ciclo stiramento accorciamento (SSC). A una fase di prestiramento, immediatamente seguita da una contrazione concentrica, consegue un accumulo d'energia elastica potenziale a carico del complesso muscolo-tendineo che è restituita, sotto forma di lavoro meccanico, durante la fase concentrica del movimento. Nel corso di un esercizio o di un test isocinetico, l'accumulo d'energia elastica durante la fase eccentrica del movimento è, di fatto, impedito dalla resistenza dell apparecchiatura, che è proporzionale alla forza espressa dal soggetto. Questo fa sì che non sia necessario esercitare alcuna forza eccentrica per frenare il carico, che di per sé non tende a ritornare alla posizione di partenza per effetto della forza di gravità. A tutto ciò si uniscono anche le marcate differenze nel tracciato elettromiografico registrato durante una contrazione isocinetica e una di tipo eterotonico (ossia naturale), che sottolineano ulteriormente le diversità tra i pattern di attivazione dei due tipi di movimento. Vi sono, però, anche altri punti che meritano di essere sottolineati e che rinforzano I'idea dell'inadeguatezza della valutazione isocinetica soprattutto in ambito sportivo. 1

2 Velocità costante La condizione isocinetica, ossia il rispetto della velocità costante, non è sempre osservata durante un movimento definito come tale. Infatti, durante la fase iniziale (fase oscillatoria), I'apparecchiafura isocinetica richiede un certo intervallo di tempo per regolare la velocità impostata e, durante questo intervallo di tempo, il movimento non avviene a velocità costante. Durante la fase oscillatoria, inoltre, quanto maggiore risulta essere la velocità impostata, tanto maggiore e il tempo necessario al controllo dl quest ultima da parte dell'apparecchiatura. Ne consegue che, se la velocità impostata e relativamente elevata, la velocità effettivamente raggiunta durante la prima fase del movimento può, in effetti, essere maggiore anche del 50% rispetto a quella effettivamente programmata. La condizione isocinetica non viene rispettata nemmeno nella fase finale del movimento (fase decelerativa). Ci si trova perciò di fronte a un movimento che avviene in forma ibrida e non ben definibile e che costituisce un melange tra movimento a isovelocità e movimento a velocità variabile. Produzione di potenza La produzione di potenza durante un test isocinetico viene sistematicamente sottostimata. Dal momento che, nei migliori dinamometri isocinetici, le massime velocità angolari ottenibili sono dell'ordine di circa s-1, a fronte di velocità massimali che sono ben oltre i 1000 s-1, come nel caso dell'articolazione della spalla, è facilmente comprensibile come, durante una valutazione isocinetica, la massima potenza del gruppo muscolare testato sia sistematicamente sottostimata. Picco di forza Il momento nel quale si registra il picco di forza in un movimento isocinetico differisce totalmente dal momento in cui si verifica la massima espressione di forza nel corso di un movimento isotonico. Nell'esercizio isotonico, meglio definibile con i termini di eterotonico o auxotonico, dal momento che a differenti angoli del movimento corrispondono diversi valori di forza, il movimento delle leve ossee avviene a velocità variabile e a carico costante: per tale motivo, un movimento di questo genere può essere anche definito isoinerziale, in ragione della costanza dell inerzia gravitazionale del carico durante tutto I'arco del movimento stesso. In tale movimento, poiché alla variazione della leva articolare corrisponde una variazione dell'espressione di forza muscolare, il massimo valore di quest'ultima si registra nel momento più sfavorevole della leva stessa. Nelle apparecchiature isocinetiche, la forza muscolare viene espressa come momento di forza e corrisponde quindi al prodotto tra la forza e la distanza tra il punto di applicazione della forza e il centro di rotazione. Per questo motivo, durante un movimento isocinetico il picco del momento di forza (eur o peak torque) viene registrato nel punto più favorevole della leva articolare, al contrario di quanto avviene durante un movimento auxotonico. 2

3 Forza eccentrica In molti tipi di apparecchiature isocinetiche è possibile effettuare una registrazione dei valori di forza eccentrica della muscolatura testata. Questo tipo di indagine risulterebbe in effetti particolarmente interessante soprattutto per quei muscoli, per esempio i muscoli flessori della coscia, che vengono particolarmente sollecitati in contrazione eccentrica durante i movimenti naturali. Tuttavia, come d'altro canto avviene anche durante la modalità concentrica, il valore di forza eccentrica che viene così registrato si riferisce a un movimento eccentrico effettuato a velocità costante, modalità di comportamento muscolare che differisce molto da quella osservabile durante un movimento eccentrico naturale, che si svolge invece a velocità di allungamento muscolare variabile. Queste considerazioni devono quindi indurre a una seria riflessione sull opportunità dell'utilizzo dei test isocinetici nell ambito della riabilitazione funzionale dell'atleta. Resta, infatti, molto discutibile il fatto di poter trarre indicazioni idonee a un efficace recupero funzionale da un tipo di valutazione che comporta un pattern di attivazione muscolare molto diverso rispetto a quello che l atleta ritrova durante il gesto naturale, quando il pieno recupero di quest'ultimo è, in definitiva, I'obiettivo del programma di riabilitazione. Valutazione isoinerziale Un atleta necessita, ancor più di un sedentario, di una metodica valutativa atta a mettere in luce gli eventuali deficit funzionali nell ambito del pattern di attivazione neuromuscolare che si ritrovano poi nel gesto tecnico specifico. Per questo motivo, la metodica di tipo isoinerziale costituisce senza dubbio la più affidabile tecnica valutativa in ambito funzionale. La valutazione isoinerziale e il concetto del puzzle", ossia la costruzione attraverso più test, ognuno specifico per un determinato tipo di comportamento neuromuscolare, costituiscono quindi la nuova chiave interpretativa del concetto di diagnosi funzionale dello sportivo, ovviamente estendibile anche a chi non pratica alcuno sport. I tasselli dell'ipotetico "puzzle funzionale" messi a punto sinora sono costituiti da otto diversì test : work test, quantifica la produzione di forza e di potenza, la velocità di contrazione e la capacità di lavoro dell'arto leso e confronta i suddetti parametri con gli equivalenti dell'arto controlaterale sano; bí-test, abbina l'elettromiografia di superficie alla dinamometria isometrica e permette, in tal modo, di indagare il pattern di attivazione neuromuscolare dei due arti; test FVR (force velocity relationship), prova funzionale che permette di costruire Ia relazione forza/velocità dell'arto leso e di confrontarla con quella dell'arto contro laterale sano; 3

4 test- elasticity, da cui si ricavano i valori percentuali di restituzione di energia elastica nelle sue diverse componenti (aumento deli'impulso di forza, di velocita di contrazione e di produzione di potenza media) ; fatigue test,indica il possibile cambiamento relativo alla tipologia delle fibre muscolari dell'arto traumatizzalo in seguito al periodo di lmmobllizzazione e di riabilitazione successivo al trauma; power test, attraverso il quale è possibile costruire le relazioni forza/potenza e velocltà/potenza sia per l'arto leso sia per l'arto controlaterale sano; stiffness test, permette di calcolare la rigidità del complesso muscolo-tendineo (espressa in n. m-1.kg 1). Si è rivelato particolarmente adatto e innovativo nell'ambito di alcune patologie specifiche come, per esemplo, le lesioni al tendine di Achille; syncro plates, ulllizza una doppia piattaforma di forza sincronizzata e permette, attraverso una particolare analisi del segnale di forza registrato, di ripercorrere e di interpretare, in un'ottica riabilitativa, la sequenza dei diversi pattern di attivazione neuromuscolare che si susseguono durante il più tipico dei movimenti balistici, il salto. Visione d'insieme Cominciando ad assemblare virtualmente il puzzle, al fine di razionalizzare il più possibile la valutazione funzionale Work Test Il primo dei tasselli da utilizzare è costituito dal work test: questo tipo di prova funzionale permette di quantificare, attraverso un movimento effettuato in catena cinetica sia chiusa sia aperta, la produzione di forza e di potenza,la velocità di contrazione e la quantità di lavoro dell'arto lesionato e di confrontarle con quelle relative all'arto contro laterale sano. Si ottiene così una visione d'insieme delle principali caratteristiche biomeccaniche del movimento che può orientare il riabilitatore sugli aspetti piu deficitari dal punto di vista funzionale e che, dunque, meritano un ulteriore approfondimento, effettuabile in un secondo momento con un tipo di test più specifico che costituirà, quindi, un ulteriore tassello in grado di rendere ancora più chiara e intelligibile la situazione funzionale da indagare. Nell'ambito di un piano riabilitativo ottimale, è di grande importanza poter monitorare, con un metodo obiettivo e non soggettivo (ossia non legato alla sola manualità del terapista), i fondamentali parametri biomeccanici dell'azione muscolare. Inoltre, in caso di valutazione funzionale di un atleta, è particolarmente importante poter eseguire prove funzionali che utilizzino lo stesso pattern di attivazione che l'atleta ritrova eseguendo il gesto tecnico specifico, il che giustifica pienamente la preferenza da accordare ai test isoinerziali rispetto ai test isocinetici. 4

5 Il verificarsi di un evento traumatico a livello artromuscolare comporta, di norma, una marcata amiotrofia della muscolatura offesa e una perdita di funzionalità sia muscolare sia articolare. Nel caso, per esempio, di rottura traumatica isolata o associata del legamento crociato anteriore (LCA), cui consegua una sua ricostruzione chirurgica - normalmente effettuata in artroscopia utilizzando il tendine rotuleo si verifica una marcata amiotrofia della muscolatura della coscia. L'ipotonotrofia muscolare coinvolge sia la muscolatura flessoria sia quella estensoria, anche se la sofferenza a carico dei muscoli estensori sembra notevolmente maggiore. La lesione associata del menisco interno sembra aggravare il deficit funzionale dinamico in flessione, mentre le lesioni a carico del menisco esterno aggraverebbero il quadro funzionale dinamico estensorio. La perdita di tono muscolare, registrabile soprattutto a carico del muscolo quadricipite femorale, si traduce in una perdita di capacità contrattile durante la contrazione muscolare effettuata sia con modalità isocinetica sia con quella isometrica. La perdita di forza a carico dei muscoli estensori, in pazienti che hanno subìto un intervento di chirurgia ricostruttiva del LCA, appare correlata alla velocità di contrazione richiesta e diverrebbe particolarmente evidente a basse velocità di contrazione muscolare. Il quadro di ipofunzionalità che si viene a creare comporta quindi una perdita di forza, potenza e lavoro (inteso come l'integrale della curva forza/spostamento) dell'arto leso rispetto all'arto sano. In questo caso il work test, grazie a una specifica apparecchiatura e a un programma software dedicato, permette di quantificare in modo agevole e obiettivo l'entità di tale deficit. Il protocollo del test prevede in primo luogo che il paziente esegua con I'arto leso una serie di ripetizioni a esaurimento muscolare completo, con un carico determinato dal terapista; successivamente, lo stesso carico e lo stesso numero di ripetizioni sono riproposte sull'arto sano. In tal modo viene calcolato il deficit percentuale a carico della forza, della potenza, della velocità e della capacità di lavoro dell'arto leso rispetto all'arto contro laterale sano. Nel caso di riabilitazione successiva a ricostruzione artroscopica del LCA l'atleta può ragionevolmente pensare a una graduale ripresa dell'attività sportiva quando i suddetti parametri (arto leso,/arto controlaterale sano) non differiscono di una percentuale maggiore del 50%; oltre tale valore limite, I'arto leso non è ancora da considerarsi pienamente funzionale. Bi-test Anche se ll work test è in grado di fornire una visione globale dell ipofunzionalità del paziente, è comunque spesso necessario, soprattutto in presenza di procedure di riabilitazione particolarmente delicate, come appunto nel caso di un atleta, approfondire alcuni aspetti essenziali del meccanismo di attivazione neuromuscolare, come per esempio il diverso grado di attivazione dei gruppi muscolari sinergici, attivi durante il movimento considerato. Preoccuparsi solo di quantificare dinamometricamente la produzione di forza nell'arto leso e nell'arto controlaterale sano, senza indagare i meccanismi neuromuscolari che sottendono a tale produzione, significa ignorare un aspetto fondamentale della problematica riabilitativa, esponendo il paziente a notevoli rischi. Il bi-test, mettendo in relazione il segnale elettromiografico di superficie con il segnale dinamometrico, chiarisce e quantifica l'intervento dei diversi gruppi muscolari implicati nel movimento e permette, quindi, di mettere a confronto i pattern di attivazione neuromuscolare dei due arti. 5

6 ELETTROMIOGRAFIA Il segnale elettromiografico ricavabile attraverso la tecnica dell'elettromiografia di superficie dipende, a ogni istante, dal numero di unità motorie (UM) attive, dalla loro frequenza di scarica, dal loro grado di sincronizzazione e dalla forma del loro potenziale di azione. L'insulto traumatico subito a livello muscolare può essere la causa di un'alterazione del segnale EMG, in particolare della ratio F/EMG Forza/EMG), a carico dell'arto leso nei confronti di quello registrabile nell'arto contro laterale sano. Questa alterazione del segnale EMG può essere causata essenzialmente da due tipi di meccanismi: il primo è legato alla sensazione dolorosa percepita durante la contrazione stessa. La risposta nocicettiva può essere, infatti, responsabile di un'alterazione della risposta di un numero più o meno importante di pool motoneuronici, la cui attivazione sarebbe condizionata sia dal sito anatomico della lesione muscolare subita, sia dall intensità della sensazione dolorosa percepita. il secondo non è necessariamente legato alla percezione dolorosa da parte del paziente. Effettivamente in alcuni casi, la severità della lesione e la conseguente limitazione funzionale a essa correlate non sono accompagnate da una sensazione dolorosa di pari gravità. Nell ambito di questo particolare quadro clinico, l alterazione della ratio F/EMG a carico dell arto leso rispetto I'arto controlaterale sano può essere imputabile a un aumento del numero di motoneuroni reclutati al fine di compensare il deficit di forza del gruppo muscolare leso. Questo particolare tipo di meccanismo compensativo può interessare alcune UM appartenenti a un'area dello stesso gruppo muscolare non direttamente toccata dall'insulto traumatico, oppure coinvolgere un certo numero di UM appartenenti ad altri gruppi muscolari sinergici, che siano in grado di svolgere lo stesso tipo di azione biomeccanica. Per ritornare all'esempio di ricostruzione del LCA, già utilizzato nel caso del work test, l'ipotonotrofia e la conseguente perdita di forza colpirebbero soprattutto il muscolo vasto mediale oblique, fatto che potrebbe comportare un alterazione della ratio EMG/vasto mediale obliquo/vasto laterale compromettendo in tal modo il pattern di attivazione neuromuscolare statico e dimamico. In effetti una delle principali cause di instabilità del ginocchio in seguito a intervento ricostruttivo dopo una sua rottura, isolate o associate, è costituita proprio dall ipotonia e dall ipotrofia del muscolo quadricipite femorale. Diviene sopratutto interessante, ai fini diagnostici e preventivi, poter mettere a confronto la ratio VMO/VL dell'arto sano con quella dell'arto controlaterale leso. Un'alterazione di quest'ultima comporta, infatti, una contemporanea alterazione dei pattern di attivazione neuromuscolare che potrebbe, in ultima analisi, esporre l'arto leso al rischio di una recidiva traumatica, soprattutto nella fase in cui, alla fine del periodo di riabilitazione, il paziente si appresta a riprendere l'attività sportiva. Infatti, la semplice riacquisizione di forza dell'arto leso nei confronti dell arto controlaterale sano, rilevabile attraverso modalità isometriche, isotoniche o isocinetiche, non garantisce un parallelo ripristino dei pattern di attivazione neuromuscolare, che potrebbero essere comunque sostanzialmente diversi, anche in presenza di un'eguale espressione di forza, grazie all'esistenza di meccanismi muscolari di compenso. Una contemporanea valutazione dinamometrica ed elettromiografica, effettuata grazie al bi-test, permette invece di disporre di un quadro valutativo della situazione artromuscolare sicuramente più completo, attendibile e scevro da possibili rischi. 6

7 Duplice aspetto Alla luce di quanto esposto, l'esempio del puzzle forse ora non appare più così banale come poteva sembrare a prima vista. Esso, se non altro, è servito a chiarire come nella valutazione funzionale non esista un test esaustivo, che possa rendere completamente edotti sulla situazione fisiologica indagata; occorre al contrario, con molta più pazienza, mettere insieme numerosi tasselli che permettano una visione d'insieme flnale chiara e coerente. La logica di utllizzo, e conseguentemente di lettura funzionale, dei due primi tasselli del puzzle - work-test e bitest - è quella secondo cui I'equilibrio artromuscolare di un arto deve essere necessariamente inteso sia sotto l'aspetto delle capacità contrattili sia considerando il pattern di attivazione neuromuscolare attraverso il quale si esprime la contrattilità muscolare. Solo se si considera il problema sotto questo duplice aspetto, l'approccio riabilitativo puo considerarsi veramente completo. 7

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie

Dettagli

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Cos è il legamento crociato anteriore e a che cosa serve All interno dell articolazione del ginocchio vi sono due legamenti interposti

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti generali - Stretching - Facilitazione Neuromuscolare Propriocettiva (P.N.F.) - Contrazione-Rilasciamento-Contrazione dei muscoli agonisti

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE (LCA): APPROCCIO CHINESIOLOGICO a cura di Dino Caprara

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE (LCA): APPROCCIO CHINESIOLOGICO a cura di Dino Caprara RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE (LCA): APPROCCIO CHINESIOLOGICO a cura di Dino Caprara INTRODUZIONE Dopo la fase post-operatoria di ricostruzione del legamento

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

FORZA RAPIDA (o veloce)

FORZA RAPIDA (o veloce) FORZA RAPIDA (o veloce) Per FORZA RAPIDA (o VELOCE) si intende la capacità del sistema neuromuscolare di superare resistenze con un elevata velocità di contrazione. Viene definita: - Forza esplosiva quando

Dettagli

PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo - I muscoli per saltare e per muoversi con rapidità - Forza Rapida e Forza Massima nella pallavolo - Gli esercizi per gli arti inferiori

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO - METODO TRADIZIONALE a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO - METODO TRADIZIONALE a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO - METODO TRADIZIONALE a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli Introduzione Il ginocchio è sicuramente l'articolazione che nell'ultimo ventennio ha goduto dei maggiori vantaggi

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Muscolo Scheletrico 2. Biomeccanica muscolare

Muscolo Scheletrico 2. Biomeccanica muscolare Muscolo Scheletrico 2. Biomeccanica muscolare Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Definizione dei determinanti della potenza

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

I MUSCOLI L APPARATO MUSCOLARE

I MUSCOLI L APPARATO MUSCOLARE IL GINOCCHIO Il ginocchio la più grande articolazione dell uomo è un articolazione doppia, che si costituisce grazie all intersezione di 3 diverse ossa: - Rotula - Perone - Femore La parte più robusta

Dettagli

GLOBUS EVALUATION SYSTEM e il CONCETTO DI PUZZLE

GLOBUS EVALUATION SYSTEM e il CONCETTO DI PUZZLE 1 GLOBUS EVALUATION SYSTEM e il CONCETTO DI PUZZLE Su che tipo di approccio concettuale deve basarsi la valutazione funzionale dell atleta? Un atleta necessita, ancor più di quanto non sia per un sedentario,

Dettagli

emiplegico in fase acuta

emiplegico in fase acuta Il pre-occuparsi terapeutico Il trattamento del paziente emiplegico in fase acuta Associazione RMP Elementi basilare dell approccio terapeutico Conoscenza delle varie forme di emiplegia Conoscenza per

Dettagli

METODO DI KINESI CONTRORESISTENZA CON ELASTICI - 1

METODO DI KINESI CONTRORESISTENZA CON ELASTICI - 1 METODO DI KINESI CONTRORESISTENZA CON ELASTICI - 1 Tecniche rieducative basate sull'uso degli elastici per la riabilitazione funzionale di gruppi muscolari o di articolazioni di atleti infortunati o operati

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione

Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione Implicazioni Propriocettive nella Riabilitazione La Capsula Articolare Rigidità Vs Patolassità Roma 23 Febbraio 2008 M. Bertoni,, M.D. Sport Clinic Center Università di Firenze Propriocettiva 1 Hall of

Dettagli

Meccanica muscolare. Tensione muscolare: Forza esercitata dal muscolo / area di sezione (N/m 2 ) Carico: Forza esercitata da un peso sul muscolo

Meccanica muscolare. Tensione muscolare: Forza esercitata dal muscolo / area di sezione (N/m 2 ) Carico: Forza esercitata da un peso sul muscolo Meccanica muscolare Tensione muscolare: Forza esercitata dal muscolo / area di sezione (N/m 2 ) Carico: Forza esercitata da un peso sul muscolo Quando i muscoli si contraggono sviluppano forza (spesso

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo)

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) ESERCIZI CON GLI ELASTICI Consentono di eseguire una vastissima gamma di esercizi per tutti i gruppi muscolari del corpo

Dettagli

Propriocezione: istruzioni per l uso

Propriocezione: istruzioni per l uso Propriocezione: istruzioni per l uso Dario Riva Paola Trevisson Roberto Minoletti Nicolò Venturin Ornella Ottino Centro Ricerche Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie Università di Torino

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

RIABILITAZIONE SPALLA DOLOROSA. C.Fusco

RIABILITAZIONE SPALLA DOLOROSA. C.Fusco RIABILITAZIONE SPALLA DOLOROSA C.Fusco RIABILITAZIONE IMPORTANZA DEI SINGOLI RUOLI PREPARAZIONE CULTURALE SPECIFICA E FONDAMENTALE E LA COMUNICAZIONE FRA: -MEDICO DI BASE -CHIRURGO ORTOPEDICO -FISIATRA

Dettagli

PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING

PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING La continua voglia di migliorarsi in quel magico processo di confronto uomo macchina determinato dalla competizione, i gesti

Dettagli

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE a cura di ELISABETTA INTROINI COORDINATRICE SETTORE JUNIORES VELOCITA FICK con la collaborazione di ANTONIO CANNONE SOMMARIO 1. Cosa è la mobilità funzionale e

Dettagli

Metodiche di allenamento della forza

Metodiche di allenamento della forza Metodiche di allenamento della forza Alessandro Brunello Predazzo 9 maggio 2015 ALLENAMENTO DELLA FORZA: diversi metodi diversi mezzi diverse ricerche Ambiente ischemico ed ipossico favorisce aumento

Dettagli

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING LO STRETCHING Le tecniche di allungamento passivo sono molto diffuse perché efficaci e prive di effetti nocivi sull'apparato muscolo-tendineo. In particolare lo stretching consiste nel portare un gruppo

Dettagli

di vincere una resistenza

di vincere una resistenza Valutazioni funzionali II L atleta (C) Fabio Manfredini Supporto didattico Nicola Lamberti Il muscolo scheletrico Rappresenta il 35-40% della massa corporea totale Sostiene l attività fisica contrazione,

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

ASPETTI MECCANICI DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE. FGE aa.2015-16

ASPETTI MECCANICI DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE. FGE aa.2015-16 ASPETTI MECCANICI DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE FGE aa.2015-16 ARGOMENTI INNERVAZIONE DEL MUSCOLO SCHELETRICO PLACCA NEURO MUSCOLARE UNITÀ NEURO MOTORIE TIPI DI CONTRAZIONE SCOSSE SEMPLICI RELAZIONI TENSIONE-LUNGHEZZA

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

La riatle)zzazione dopo intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore

La riatle)zzazione dopo intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PALERMO Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali. Corso di laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive classe L-22 Dipartimento di Scienze Giuridiche, della

Dettagli

Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI

Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI la corsa, come qualsiasi altro movimento del nostro corpo è una sinergia di forze e allungamento un gioco di muscoli agonisti

Dettagli

LA SINDROME DEGLI HAMSTRING

LA SINDROME DEGLI HAMSTRING LA SINDROME DEGLI HAMSTRING DEFINIZIONE LA SINDROME DEGLI HAMSTRING (HS), O SINDROME DEGLI ISCHIOCRURALI, È UNA PATOLOGIA DI FREQUENTE RISCONTRO NEGLI SPORTIVI. PUÒ ESSERE CAUSA DI LUNGHI PERIODI DI INTERRUZIONE

Dettagli

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE TecnoBody Rehabilitation Systems TM ISOMOVE L Isocinetica elastica In natura sappiamo che il movimento isocinetico non esiste ma è stato costruito in laboratorio per ottimizzare il processo di recupero.

Dettagli

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

ANATOMIA DEL GINOCCHIO IL GINOCCHIO ANATOMIA DEL GINOCCHIO Il ginocchio è formato da tre ossa il femore, la tibia e la rotula che costituiscono due articolazioni femoro tibiale femoro rotulea ANATOMIA DEL GINOCCHIO L articolazione

Dettagli

di R. LUCCHESI M.T. MARCANIO

di R. LUCCHESI M.T. MARCANIO Istituto Chirurgico Ortopedico Traumatologico di Latina Direttore: Prof. Marco Pasquali Lasagni PROTOCOLLO RIABILITATIVO NEGLI INTERVENTI DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI di R. LUCCHESI M.T.

Dettagli

METODOLOGIA ALLENAMENTO MA12 A.A. 2009/20010 Martedì 23 Febbraio 8:30 10 II metodologico

METODOLOGIA ALLENAMENTO MA12 A.A. 2009/20010 Martedì 23 Febbraio 8:30 10 II metodologico METODOLOGIA ALLENAMENTO MA12 A.A. 2009/20010 Martedì 23 Febbraio 8:30 10 II metodologico La forza efficace è quella perpendicolare al braccio di leva. Nel ciclismo ad un angolo di 90 del pedale con il

Dettagli

PATOLOGIA DEL PORTIERE

PATOLOGIA DEL PORTIERE PATOLOGIA DEL PORTIERE PATOLOGIE DELLA MANO E DEL POLSO: trattamento e riabilitazione Dott. P. Odorizzi, Dott I. Dakovic Infortuni da sport alla mano 1/4 degli infortuni sportivi 10% degli infortuni calcistici

Dettagli

Muscoli e Apparato Locomotore. prof.francescomurtas@alice.it

Muscoli e Apparato Locomotore. prof.francescomurtas@alice.it Muscoli e Apparato Locomotore 1 I 3 tipi di tessuto muscolare scheletrico: si inserisce con i tendini nelle ossa e muove parti dello scheletro 2 I 3 tipi di tessuto muscolare cardiaco: si trova unicamente

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

STUDIO SULLA SIMMETRIA DI SPINTA DEGLI ARTI INFERIORI E PROGRAMMA DI COMPENSO

STUDIO SULLA SIMMETRIA DI SPINTA DEGLI ARTI INFERIORI E PROGRAMMA DI COMPENSO STUDIO SULLA SIMMETRIA DI SPINTA DEGLI ARTI INFERIORI E PROGRAMMA DI COMPENSO Rosario Bellia - Fisioterapista Negli ultimi due decenni sono stati studiati diversi indici di asimmetria di forza degli arti

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA

LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA UU.OO. Ortopedia e Traumatologia Direttore Prof.Biagio Moretti Azienda Ospedaliera Policlinico LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA Dott.ssa Angela

Dettagli

Aumentare la forza muscolare

Aumentare la forza muscolare Una delle migliori vie per migliorare il proprio rendimento in salita, è allenare la forza resistente. La forza resistente si allena principalmente in due modi: 1. aumentare il grado di forza dei muscoli

Dettagli

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO Una breve rassegna sui più importanti studi MECCANISMI DELLA FORZA La possibilità per un atleta di produrre forza e velocità sempre più elevata dipende

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE

RELAZIONE TECNICA INERENTE Introduzione RELAZIONE TECNICA INERENTE L ATTREZZO PER ALLENAMENTO DI FORZA: SEMI BAR Nel 1996 fui colpito da una pubblicazione di Stuart McRobert (Tecnica di allenamento con i pesi Sandro Ciccarelli Editore,1996)

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali?

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali? INTERVISTA A ROBERTO SASSI Di Ferretto Ferretti Roberto Sassi è uno dei più noti preparatori atletici del calcio. Oltre che in molte squadre italiane di serie A (Lecce, Lazio, Torino, Verona, Fiorentina,

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLE METODICHE RIABILITATIVE IN CHIRURGIA DEL GINOCCHIO. di R. LUCCHESI

CONSIDERAZIONI SULLE METODICHE RIABILITATIVE IN CHIRURGIA DEL GINOCCHIO. di R. LUCCHESI Istituto Chirurgico Ortopedico Traumatologico di Latina Direttore: Prof. Marco Pasquali Lasagni CONSIDERAZIONI SULLE METODICHE RIABILITATIVE IN CHIRURGIA DEL GINOCCHIO di R. LUCCHESI L'evoluzione delle

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie Prima parte: la cervicale Per impostare un programma di lavoro che abbia la massima efficacia su una rachialgia dobbiamo

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT INDICE PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT Principali teorie che influenzano l allenamento della forza nello sport:

Dettagli

MODENA 11 Maggio 2006 1 CORSO NAZIONALE PER ALLENATORE DI BEACH VOLLEY TRAUMI ACUTI DEGLI ARTI INFERIORI

MODENA 11 Maggio 2006 1 CORSO NAZIONALE PER ALLENATORE DI BEACH VOLLEY TRAUMI ACUTI DEGLI ARTI INFERIORI MODENA 11 Maggio 2006 1 CORSO NAZIONALE PER ALLENATORE DI BEACH VOLLEY TRAUMI ACUTI DEGLI ARTI INFERIORI TRAUMI ACUTI DEI TESSUTI MOLLI lesioni muscolari lesioni tendinee TRAUMI OSTEO-ARTICOLARI distorsioni

Dettagli

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Milano, 26 novembre 15 La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Moreno Mascheroni Fisioterapista Club Italia femminile Nazionale U20 femminile contenuto del corso cenni di anatomia e cinesiologia

Dettagli

Obiettivi della lezione scorsa

Obiettivi della lezione scorsa Obiettivi della lezione scorsa 1) Imparare il significato dei termini contrazione, tensione, carico, scossa. 2) Esaminare la differenza fra una contrazione isotonica ed isometrica. 3) Capire la differenza

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE Testo e disegni di Stelvio Beraldo La regione posteriore delle cosce ("faccia" posteriore) è formata dai muscoli (Farina A.: Atlante di anatomia umana descrittiva

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore

La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore Manuale sintetico per Medici, Fisioterapisti e Pazienti A cura di D. Comba, L. Molino, R. Peretti 1 Dr. Daniele Comba

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) MECCANISMI ALLA BASE DELLA PLASTICITÀ DEL S.N.C. 1 RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PERDUTE O UTILIZZAZIONE DI ALTRE AREE CORTICALI (Lurija)

Dettagli

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE

TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE TRAUMATOLOGIA DELL APPARATO LOCOMOTORE Come abbiamo visto nelle precedenti lezioni, l apparato locomotore è quell insieme di organi e di strutture anatomiche del nostro corpo che realizza il MOVIMENTO

Dettagli

Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013

Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013 Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013 LE LESIONI MUSCOLARI SONO TRA I PIU COMUNI TRAUMI IN MEDICINA

Dettagli

ESAME NEUROLOGICO ESAME DELLA MOTILITA ESAME DELLA FORZA

ESAME NEUROLOGICO ESAME DELLA MOTILITA ESAME DELLA FORZA ESAME NEUROLOGICO ESAME DELLA MOTILITA ESAME DELLA FORZA Una modesta e diffusa riduzione della forza ha scarso significato clinico rispetto ad una condizione di deficit localizzato ad un solo distretto

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI Dr Ft Valerio Massimi Ridondanza muscolare: possibilità di sacrificare un muscolo per destinarlo ad altra funzione. Non fa perdere il movimento originario. es.: muscoli

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico.

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico. articolo N.38 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado

Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado gessate (milano( milano) ) 21-11 11-04 Il potenziamento muscolare nella pallavolo, con particolare riferimento agli arti inferiori Relatore:

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

LA SINDROME DEL COMPARTIMENTO ANTERIORE DELLA GAMBA, UN MALE CHE AFFLIGGE TANTI PATTINATORI.

LA SINDROME DEL COMPARTIMENTO ANTERIORE DELLA GAMBA, UN MALE CHE AFFLIGGE TANTI PATTINATORI. LA SINDROME DEL COMPARTIMENTO ANTERIORE DELLA GAMBA, UN MALE CHE AFFLIGGE TANTI PATTINATORI. Revisione febbraio 2006 Rosario Bellia Fisioterapista F.I.H.P. COS E, COME SI PUO CURARE, COME SI DEVE PREVENIRE.

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISIOTERAPICO DELLA LESIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI

IL TRATTAMENTO FISIOTERAPICO DELLA LESIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI IL TRATTAMENTO FISIOTERAPICO DELLA LESIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI E la causa più frequente di dolore alla spalla nell elevazione elevazione dell arto superiore e

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO NEI TRAUMI DA SPORT

APPROCCIO RIABILITATIVO NEI TRAUMI DA SPORT APPROCCIO RIABILITATIVO NEI TRAUMI DA SPORT LESIONI MUSCOLARI Il calcio è lo sport più popolare in Europa: si stima infatti che sia praticato da circa 22 milioni di persone. Di conseguenza la maggior parte

Dettagli

La Storia. Design meccanico e software impareggiabili

La Storia. Design meccanico e software impareggiabili La Storia Design meccanico e software impareggiabili CSMI è orgogliosa di presentare il nuovo sistema per test e riabilitazione HUMAC NORM. Acquisendo i diritti di produzione Cybex, CSMI è ora in grado

Dettagli

Protesi mioelettriche. utilizzando l'energia fornita da accumulatori elettrici e batterie.

Protesi mioelettriche. utilizzando l'energia fornita da accumulatori elettrici e batterie. Le protesi mioelettriche sono protesi elettromeccaniche ad energia extracorporea, quindi dispositivi che realizzano vari movimenti utilizzando l'energia fornita da accumulatori elettrici e batterie.

Dettagli

LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI.

LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI. LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI. Emanuela Gardenghi Casa di Cura «S.Anna», specializzata nelle terapie riabilitative,

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

Modello del fuso neuromuscolare

Modello del fuso neuromuscolare Modello del fuso neuromuscolare Il fuso neuromuscolare è rappresentabile attraverso un elemento in grado di ricevere input di due diversi tipi: uno di natura elettrica, che rappresenta la frequenza di

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli