ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE"

Transcript

1 ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Palermo, Luglio 2014

2 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Studi CE sulle piccole razze QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: BOVINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: MODICANA (inclusa SICILIANA).. Nome Internazionale: MODICANA. A Elementi demografici 1) Numero totale di riproduttrici... _3.715_ 2) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice _ 3) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 219 _ 4) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al Registro Anagrafico. _1.462 _ 5) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico)... 6) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico) e dove la razza è in maggioranza.. _ 149_ _ 149 _ 7) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza _ 30 _ 8) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate (iscritte al L.G.) accoppiate con un maschio della stessa razza _ 40 _ 9) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al Registro Anagrafico.... _ 120 _ a) attivi nella monta naturale.. _ 80 _ b) attivi nella inseminazione artificiale.. 12 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _500 c) inattivi, in riserva genetica. _ 0 _ 10) Numero di embrioni congelati _ 0

3 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) DI FORTE IMPALCATURA SCHELETRICA E DI NOTEVOLE RUSTICITÀ. OTTIMA PASCOLATRICE, PARTICOLARMENTE ADATTA ALLE DIFFICILI CONDIZIONI AMBIENTALI E DI ALLEVAMENTO DELLE AREE INTERNE DELLA SICILIA. MANTELLO DAL FROMENTINO AL ROSSO, DAL ROSSO SCURO CON ACCENTUAZIONI FINO AL NERO. I MANTELLI PIU SCURI SONO MAGGIORMENTE FREQUENTI NELLA VARIETA SICILIANA. TAGLIA MEDIO-GRANDE. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO KG. F / M PRODUZIONE LATTE KG IN 200 GG. 2) Area geografica di diffusione TUTTO IL TERRITORIO DELLA SICILIA. MAGGIORE PRESENZA NELLE AREE INTERNE CON CONDIZIONI AMBIENTALI PARTICOLARMENTE DIFFICILI. 3) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE CARNE. ELEVATA FREQUENZA DELL ALLELE B DELLA K-CASEINA CHE CONFERISCE AL LATTE MIGLIORI CARATTERISTICHE CASEARIE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) RAZZA AUTOCTONA. L ANALISI FILOGENETICA LA COLLOCA FRA LE RAZZE BOVINE DI ORIGINE PODOLICA. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE SEMI-BRADO E BRADO. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - RAGUSANO - PROVOLA RAGUSANA - CANESTRATO SICILIANO - CACIOCAVALLO PALERMITANO - VASTEDDA PALERMITANA - PROVOLA SICILIANA - PROVOLA DEI NEBRODI - PROVOLA DELLE MADONIE Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

4 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: BOVINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: CINISARA. Nome Internazionale: CINISARA. A Elementi demografici 0) Numero totale di riproduttrici... _2.619_ 1) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice.. 193_ 2) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 193 _ 3) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al Registro Anagrafico _1.245 _ 4) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico) ) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico) e dove la razza è in maggioranza... _ 135 _ _ 135 _ 6) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 50_ 7) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate (iscritte al Registro Anagrafico) accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 60 _ 8) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al Registro Anagrafico. _ 150 _ a) attivi nella monta naturale... _90 _ b) attivi nella inseminazione artificiale.. 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 9) Numero di embrioni congelati. _ 0

5 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) POPOLAZIONE CARATTERIZZATA DA NOTEVOLE RUSTICITÀ. PARTICOLARMENTE ADATTA ALLO SFRUTTAMENTO DEI PASCOLI DELLE AREE MARGINALI COSTIERE ED INTERNE DELLA SICILIA. MANTELLO NERO UNIFORME. TAGLIA MEDIA. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO KG. F / M PRODUZIONE LATTE KG IN 200 GG. 2) Area geografica di diffusione AREE AGRICOLE E MARGINALI COSTIERE ED INTERNE DELLE ZONE DI CINISI MEZZOJUSO S.GIUSEPPE JATO CORLEONE (PROV. DI PALERMO) CON PRESENZE SPARSE NELLE PROVINCE DI TRAPANI - ENNA MESSINA. 3) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE - CARNE. ELEVATA FREQUENZA DELL ALLELE B DELLA K-CASEINA CHE CONFERISCE AL LATTE MIGLIORI CARATTERISTICHE CASEARIE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) POPOLAZIONE AUTOCTONA. L ANALISI FILOGENETICA LA RICONDUCE AL GRUPPO DELLE POPOLAZIONI BOVINE ITALIANE DI ORIGINE PODOLICA. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE SEMI-BRADO E BRADO. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - CACIOCAVALLO PALERMITANO - VASTEDDA PALERMITANA - CANESTRATO SICILIANO - PROVOLA SICILIANA Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

6 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: OVINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: BARBARESCA SICILIANA... Nome Internazionale: BARBARESCA SICILIANA... A Elementi demografici 1) Numero totale di riproduttrici... _1.153 _ 2) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice.. 16 _ 3) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 12 _ 4) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al Libro Genealogico... _599_ 5) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Libro Genealogico)..... _ 8 _ 6) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Libro Genealogico) e dove la razza è in maggioranza... _ 8 _ 7) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 70 _ 8) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate (iscritte al Libro Genealogico) accoppiate con un maschio della stessa razza _ 80 _ 9) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al Libro Genealogico. _ 30 _ a) attivi nella monta naturale... _ 20 _ b) attivi nella inseminazione artificiale.. 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 10) Numero di embrioni congelati. _ 0

7 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) RAZZA RUSTICA. PARTICOLARMENTE ADATTA ALLO SFRUTTAMENTO DEI PASCOLI DELLE AREE MARGINALI ED INTERNE DELLA SICILIA. TAGLIA: MEDIO-GRANDE. TESTA ROBUSTA, PROFILO MONTONINO, PICCHIETTATA DI NERO. ACORNE IN ENTRAMBI I SESSI. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO KG. F / M >100 PRODUZIONE LATTE: LT.140 IN 210 GG. 2) Area geografica di diffusione ATTUALMENTE VIENE ALLEVATA NELLE ZONE COLLINARI INTERNE DELLE PROVINCE DI CALTANISSETTA E AGRIGENTO. PRESENZE SPARSE IN PROVINCIA DI PALERMO ED ENNA. 3) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE CARNE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) RAZZA AUTOCTONA. DERIVA DA LONTANI E PROGRESSIVI INCROCI DI SOSTITUZIONE UTILIZZANDO ARIETI DELLA RAZZA BARBARESCA DEL NORD-AFRICA (BARBERIN, A CODA GRASSA) E PECORE DELLA RAZZA PINZIRITA, AUTOCTONA DELLA SICILIA; RAZZE CONSIDERATE AFFINI E CARATTERIZZATE DA FILOGENESI COMUNE. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE SEMISTABULATO IN PICCOLI E MEDI ALLEVAMENTI. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - PECORINO SICILIANO - PECORINO PEPATO - CANESTRATO SICILIANO MISTO Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

8 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: OVINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: NOTICIANA... Nome Internazionale: NOTICIANA... A Elementi demografici 11) Numero totale di riproduttrici... _3.500 _ 12) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice.. 40 _ 13) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 30 _ 14) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al Registro Anagrafico... _0_ 15) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico)..... _ 0_ 16) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico) e dove la razza è in maggioranza.. _ 0_ 17) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza _ 65 _ 18) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate (iscritte al Registro Anagrafico) accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 0_ 19) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al Registro Anagrafico. _ 0_ a) attivi nella monta naturale..... _0 b) attivi nella inseminazione artificiale.. 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 20) Numero di embrioni congelati. _ 0

9 b Elementi di caratterizzazione della razza 7) Breve descrizione della razza (standard) POPOLAZIONE RUSTICA. PARTICOLARMENTE ADATTA ALLO SFRUTTAMENTO DEI PASCOLI DELLE AREE MARGINALI INTERNE E COSTIERE DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA E DELLE PROVINCE VICINE. TAGLIA MEDIA. TESTA MEDIAMENTE FINE E LEGGERA DI COLORE ROSSO MATTONE; PROFILO RETTO O LIEVEMENTE MONTONINO; LA PIGMENTAZIONE, UNIFORME, SI ESTENDE AL COLLO FINO ALLA ZONA GIUGULO-STERNALE; ACORNE IN ENTRAMBI I SESSI. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO KG. F / M PRODUZIONE LATTE: LT.80 IN 200 GG. 8) Area geografica di diffusione VIENE ALLEVATA NELLE ZONE COLLINARI COSTIERE ED INTERNE DELLE PROVINCE DI SIRACUSA, RAGUSA, CALTANISSETTA E CATANIA. 9) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE CARNE. 10) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) POPOLAZIONE AUTOCTONA. ORIGINA DA SPECIFICA SELEZIONE LOCALE DI SOGGETTI DERIVATI DALLA RAZZA COMISANA. 11) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE SEMISTABULATO IN PICCOLI E MEDI ALLEVAMENTI. 12) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - PECORINO SICILIANO - PECORINO PEPATO - CANESTRATO SICILIANO MISTO Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

10 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: CAPRINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: GIRGENTANA... Nome Internazionale: GIRGENTANA... A Elementi demografici 1) Numero totale di riproduttrici... _871 _ 2) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice.. 38 _ 3) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 30 _ 4) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al Libro Genealogico.. _ 590 _ 5) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Libro Genealogico).. 6) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Libro Genealogico) e dove la razza è in maggioranza.. _ 21 _ _ 21 _ 7) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza.. _ 80 _ 8) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate accoppiate con un maschio della stessa razza.. _ 90 _ 9) Numero totale dei maschi disponibili _ 40 _ a) attivi nella monta naturale... _ 30 _ b) attivi nella inseminazione artificiale... 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 10) Numero di embrioni congelati _ 0

11 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) RAZZA RUSTICA, ADATTA AL PASCOLAMENTO NELLE AREE MARGINALI ED INTERNE DELLA SICILIA. TAGLIA MEDIA. MANTELLO BIANCO, TESTA PICCOLA PROVVISTA DI CARATTERISTICHE CORNA, CON LA FRONTE ED I MASCELLARI DI COLORE FULVO TENDENTE AL MARRONE. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO KG. F / M PRODUZIONE LATTE: LT.250 IN 210 GG. 2) Area geografica di diffusione VIENE ALLEVATA PRINCIPALMENTE IN PROVINCIA DI AGRIGENTO CON PRESENZE SPARSE IN PROVINCIA DI PALERMO E CATANIA. 3) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE - CARNE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) RAZZA AUTOCTONA. DERIVA DA CAPRINI ORIGINARI DEL VERSANTE MEDIO-ORIENTALE DEL BACINO DEL MEDITERRANEO. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE SEMISTABULATO E STABULATO IN PICCOLI E MEDI ALLEVAMENTI. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - CAPRINO GIRGENTANO - CAPRINO SICILIANO - CAPRINI FRESCHI - CANESTRATO SICILIANO MISTO Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

12 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: CAPRINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: ARGENTATA DELL ETNA... Nome Internazionale: ARGENTATA DELL ETNA... A Elementi demografici 1) Numero totale di riproduttrici... _1.749 _ 2) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice.. 50 _ 3) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 45 _ 4) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al registro anagrafico _ _ 5) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al registro anagrafico)..... _ 39 _ 6) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al registro anagrafico) e dove la razza è in maggioranza.. _ 39 _ 7) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 30 _ 8) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate accoppiate con un maschio della stessa razza _ 60 _ 9) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al registro anagrafico. _ 50 _ a) attivi nella monta naturale... _ 40 _ b) attivi nella inseminazione artificiale.. 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 10) Numero di embrioni congelati. _ 0

13 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) POPOLAZIONE MOLTO RUSTICA, PARTICOLARMENTE ADATTA ALLO SFRUTTAMENTO DEI PASCOLI DELLE AREE MARGINALI. TAGLIA MEDIA. MANTELLO GRIGIO CARATTERISTICO CON RIFLESSI ARGENTEI. TESTA PICCOLA, PROVVISTA DI CORNA IN ENTRAMBI I SESSI. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO KG. F / M PRODUZIONE LATTE: LT.160 IN 210 GG. 2) Area geografica di diffusione PREVELENTEMENTE ALLEVATA NELLE ZONE MONTANE DELLE PROVINCE DI MESSINA, ENNA, CATANIA E PALERMO CON PRESENZE SPARSE IN ALTRE PROVINCE DELLA SICILIA. 3) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE - CARNE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) POPOLAZIONE AUTOCTONA CON CARATTERI BEN FISSATI (MANTELLO ARGENTEO) ORIGINARIA DELLE ZONE MONTANE DELL AREA ETNEA. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE SEMI-BRADO, BRADO IN PICCOLI E MEDI ALLEVAMENTI. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - CAPRINO SICILIANO - MAIORCHINO - CANESTRATO SICILIANO MISTO Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

14 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: SUINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: SUINO NERO SICILIANO... Nome Internazionale: SUINO NERO SICILIANO... A Elementi demografici 1) Numero totale di riproduttrici... _ _ 2) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice.. 88 _ 3) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 76 _ 4) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al registro anagrafico... _ 497 _ 5) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al registro anagrafico)..... _ 57 _ 6) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata e dove la razza è in maggioranza... _ 57 _ 7) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 70 _ 8) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate accoppiate con un maschio della stessa razza _ 90 _ 9) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al registro anagrafico.. _ 80 _ a) attivi nella monta naturale... _ 50 _ b) attivi nella inseminazione artificiale.. 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 10) Numero di embrioni congelati. _ 0

15 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) POPOLAZIONE MOLTO RUSTICA, PARTICOLARMENTE ADATTA ALLO SFRUTTAMENTO DEI PASCOLI DELLE AREE MONTANE. TAGLIA MEDIA. PELLE DI COLORE NERO, COMPLETAMENTE RIVESTITA DI ROBUSTE SETOLE. TESTA CON PROFILO RETTILINEO CON PRESENZA DI TETTOLE. FACCIA AMPIA E LUNGA CON GRUGNO STRETTO E INCLINATO. ARTI MOLTO ROBUSTI. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F / M PESO ADULTI KG. F / M ) Area geografica di diffusione PREVELENTEMENTE ALLEVATA NELLE ZONE MONTANE DELLE PROVINCE DI MESSINA, ENNA PRESENZE SPARSE IN ALTRE PROVINCE DELLA SICILIA. E PALERMO CON 3) Principali attitudini zootecniche CARNE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) POPOLAZIONE AUTOCTONA CON CARATTERI BEN FISSATI ORIGINARIA DELLE ZONE MONTANE DEI NEBRODI (ME) E DELLE MADONIE (PA), RUSTICA E RESISTENTE ALLE MALATTIE. SCROFE CON SPICCATO SENSO MATERNO. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE BRADO E SEMI-BRADO. A CARATTERE TIPICAMENTE FAMILIARE. LE PRINCIPALI RISORSE ALIMENTARI SONO RAPPRESENTATE DAL PASCOLO, DAI PRODOTTI DEL BOSCO E DEL SOTTOBOSCO, DAI RESIDUI E SOTTOPRODOTTI DELLE PRODUZIONI AGRICOLE, ZOOTECNICHE E CASEARIE. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento - CARNI CON SPICCATE CARATTERISTICHE DI QUALITA E GENUINITA - SALAME DI S.ANGELO DI BROLO (ME) - SALAME DI S.MARCO D ALUNZIO (ME) - FELLATA DI SUINO NERO SICILIANO - PROSCIUTTO DI NICOSIA (EN) - PANCETTE TRADIZIONALI LOCALI - SALUMI TRADIZIONALI LOCALI - PROSCIUTTO CRUDO DEI NEBRODI Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/324727

16 QUESTIONARIO Paese: ITALIA... Specie: CAPRINA Dati collettivi relativi all anno 2013 Razza: MESSINESE... Nome Internazionale: MESSINESE... A Elementi demografici 1) Numero totale di riproduttrici... _9.443 _ 2) Numero di allevamenti comprendenti almeno una riproduttrice _ 3) Numero totale degli allevamenti dove la razza è in maggioranza. 80 _ 4) Numero delle riproduttrici controllate e/o registrate iscritte al Registro Anagrafico... _6.266_ 5) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico)..... _ 70_ 6) Numero degli allevamenti comprendenti almeno una femmina controllata e/o registrata (iscritta al Registro Anagrafico) e dove la razza è in maggioranza.. _ 60_ 7) Percentuale delle riproduttrici accoppiate con un maschio della stessa razza _ 70 _ 8) Percentuale delle riproduttrici controllate e/o registrate (iscritte al Registro Anagrafico) accoppiate con un maschio della stessa razza. _ 75_ 9) Numero totale dei maschi disponibili iscritti al Registro Anagrafico. _ 170_ a) attivi nella monta naturale..... _140 b) attivi nella inseminazione artificiale.. 0 _ numero medio di dosi per maschio (b)... _ 0 c) inattivi, in riserva genetica.. 0 _ 10) Numero di embrioni congelati. _ 0

17 b Elementi di caratterizzazione della razza 1) Breve descrizione della razza (standard) POPOLAZIONE RUSTICA. PARTICOLARMENTE ADATTA ALLO SFRUTTAMENTO DELLE AREE MARGINALI MONTANE E SUB-MONTANE DELLA PROVINCIA DI MESSINA E DELLE PROVINCE LIMITROFE. TAGLIA MEDIO-PICCOLA; TESTA PICOLA,LEGGERA, PIU GROSSA E TRIANGOLARE NEL MASCHIO; PROFILO FRONTO- NASALE RETTILINEO; CORNA PRESENTI IN ENTRAMBI I SESSI, NEI MASCHI MOLTO PIU SVILUPPATE; MANTELLO ETEROGENEO: UNIFORME, PEZZATO E SCREZIATO; DI COLORE NERO, BIANCO, MARRONE E ROSSO NELLE VARIE COMBINAZIONI E SFUMATURE. PELO GENERALMENTE LUNGO. ALTEZZA AL GARRESE ADULTI: F 67/ M 72; PESO KG. F 38 / M 55. PRODUZIONE LATTE PLURIPARE: LT.120 IN 180 GG. 2) Area geografica di diffusione VIENE ALLEVATA NELLE ZONE MONTANE E SUB-MONTANE DELLA PROVINCIA DI MESSINA E DELLE PROVINCE LIMITROFE DI ENNA, PALERMO E CATANIA. 3) Principali attitudini zootecniche DUPLICE ATTITUDINE: LATTE CARNE. 4) Caratteristiche genetiche (filogenesi, caratteri genetici) POPOLAZIONE AUTOCTONA DEI MONTI PELORITANI E NEBRODI. ORIGINA DA SPECIFICA SELEZIONE ADATTATIVA LOCALE DI SOGGETTI AUTOCTONI. 5) Breve descrizione dei sistemi di allevamento PREVALENTEMENTE BRADO E SEMI-BRADO IN ALLEVAMENTI DI CONSISTENZA MEDIO-GRANDE. 6) Prodotti specifici della razza e della zona tradizionale di allevamento FORMAGGI: - CAPRINO SICILIANO - CANESTRATO SICILIANO MISTO - MAIORCHINO RICOTTA: - FRESCA - SALATA - INFORNATA TIPICA MESSINESE Organismo responsabile della gestione della razza ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA SICILIA Via Principe di Belmonte n Palermo Tel. 091/ Fax 091/

Schede descrittive delle razze autoctone siciliane a rischio di estinzione o di abbandono

Schede descrittive delle razze autoctone siciliane a rischio di estinzione o di abbandono REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ALLEGATO 2 PSR SICILIA 2007/2013 Schede descrittive delle razze autoctone siciliane a rischio di estinzione o di abbandono

Dettagli

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 IL SUINO (filogenesi) ORDINE: SOTTORDINE: FAMIGLIA: GENERE: SPECIE: Artiodattili Suiformi Suidae Sus Sus scrofa

Dettagli

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012.

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. Allegato Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. La selezione ed il miglioramento genetico hanno un significato economico, assumendo un carattere strutturale

Dettagli

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea Nazione Italia Francia Grecia Israele Portogallo Spagna Tunisia n. pecore 6.104.900 1.235.000

Dettagli

Sicilia Ma si tenta di fronteggiare i problemi

Sicilia Ma si tenta di fronteggiare i problemi Malgrado numerose difficoltà, la zootecnia locale punta sugli ovicaprini e sulla linea vacca vitello nelle aree interne. E sulle vacche da latte nelle pianure e nell altopiano ragusano Sicilia Ma si tenta

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Tabella razze animali minacciate da erosione genetica e loro areali

Tabella razze animali minacciate da erosione genetica e loro areali REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 MISURA 214 Pagamenti agroambientali AVVISO PUBBLICO

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Disciplinare di allevamento della. Capra Girgentana PRESIDIO SLOW FOOD. Art.1 Nome del prodotto La denominazione della razza è Capra Girgentana.

Disciplinare di allevamento della. Capra Girgentana PRESIDIO SLOW FOOD. Art.1 Nome del prodotto La denominazione della razza è Capra Girgentana. Disciplinare di allevamento della Capra Girgentana PRESIDIO SLOW FOOD Art.1 Nome del prodotto La denominazione della razza è Capra Girgentana. Art. 2 Zona geografica La zona di allevamento della capra

Dettagli

Il Salumificio Lombardo

Il Salumificio Lombardo Catalogo prodotti Stabilimento: Zona ASI - C.da Archi 98044 San Filippo del Mela - Me Tel./ Fax 090 93 85 569 www.salumificiolombardo.it info@salumificiolombardo.it ordini@salumificiolombardo.it Il Salumificio

Dettagli

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo EURECA Cryoconservation WP2 Italia Rapporto riassuntivo In Italia sono presenti 23 razze locali con meno di 6500 bovine, tra queste 12 hanno meno di 1000 bovine (Tabella 1). Secondo la classificazione

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Medicina Veterinaria Dipartimento di Scienze Veterinarie

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Medicina Veterinaria Dipartimento di Scienze Veterinarie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Medicina Veterinaria Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN ZOOTECNICA GENERALE E MIGLIORAMENTO GENETICO

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino"

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. cularino è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino" salame s. angelo i.g.p. "cularino" È un insaccato di pura carne suina a grana grossa, tagliata a punta di coltello

Dettagli

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; Colore bianco impuro Becchi più severo macchie nere, più grandi

Dettagli

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto.

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Tenuta del Varco La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Adagiata in posizione naturale particolarmente privilegiata, a circa

Dettagli

SELEZIONE CARNI ROSSE

SELEZIONE CARNI ROSSE CARNI ROSSE SELEZIONE CARNI ROSSE Lem seleziona solo i migliori prodotti DICHIARAZIONE di ATTIVITA di AUTOCONTROLLO (HACCP) Si informa che la LEM CARNI SpA realizza una vasta gamma di prodotti carnei

Dettagli

E GIORGIO ZANATTA TECNICO SPECIALISTA SATA GUIDO BRUNI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

E GIORGIO ZANATTA TECNICO SPECIALISTA SATA GUIDO BRUNI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE : LA CONSERVAZIONE

Dettagli

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A ALLEGATO A Disciplina della riproduzione animale. Applicazione in sede regionale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

CACIO IN FESTA 2013 sesta edizione domenica 16 giugno 2013

CACIO IN FESTA 2013 sesta edizione domenica 16 giugno 2013 CACIO IN FESTA 2013 sesta edizione domenica 16 giugno 2013 LE AZIENDE ADERENTI Ecco l elenco delle aziende aderenti a Cacio in Festa 2013 con il relativo programma delle attività. PROVINCIA DE L AQUILA

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

Natale 2015. Catalogo

Natale 2015. Catalogo Natale 2015 Catalogo I PRODOTTI DI NONNA CARLI Nonna Carli produce artigianalmente salumi con le carni dei maiali che alleva, allo stato semibrado nei boschi della Castagna, a Mele. Le nostre ricette provengono

Dettagli

Riproduzione animale: le regole in Lombardia

Riproduzione animale: le regole in Lombardia Riproduzione animale: le regole in Lombardia 1. Interventi di fecondazione artificiale La fecondazione artificiale può essere svolta esclusivamente da operatori iscritti all apposito albo regionale (sia

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI. REGISTRO ANAGRAFICO delle razze BOVINE autoctone a limitata diffusione

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI. REGISTRO ANAGRAFICO delle razze BOVINE autoctone a limitata diffusione ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI REGISTRO ANAGRAFICO delle razze BOVINE autoctone a limitata diffusione In copertina: Giovanni Fattori Bovi bianchi al carro, 1867-1870 DISCIPLINARE DEL REGISTRO ANAGRAFICO

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE COME SI ALLEVA LA CINTA SENESE

CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE COME SI ALLEVA LA CINTA SENESE CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE L Azienda Agricola Praticino è specializzata nella produzione di carni in Cinta Senese. L azienda alleva nei propri possedimenti questa razza, originaria delle

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA Legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale (in G.U. n. 24 del 29.1.1991, pag. 3) Capo I: Libri genealogici e Registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009 Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI OGGETTO: Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Con la presente si ha il piacere di comunicare

Dettagli

Bovini d Allevamento dall Austria

Bovini d Allevamento dall Austria RINDERZUCHT AUSTRIA Bovini d Allevamento dall Austria ZAR - Associazione nazionale allevatori bovini austriaci Grazie alle condizioni naturali di produ zione l industria zootecnica austriaca vanta una

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

Edizione di Catania Pag. 8 22 luglio 2011

Edizione di Catania Pag. 8 22 luglio 2011 Edizione di Catania Pag. 8 22 luglio 2011 100 di 190 Edizione di Enna Pag. 33 22 luglio 2011 101 di 190 Edizione di Palermo Pag. 20 22 luglio 2011 102 di 190 Edizione Palermo Pag. 21 22 luglio 2011 103

Dettagli

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010

Dettagli

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Modenese:Layout 9-07-00 6: Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano

Dettagli

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo Cenni Storici All inizio dell Ottocento era già nota l usanza calabrese di allevare i maiali. Lo dimostra uno scritto di Luigi Prato, scrittore e viaggiatore dell epoca, il quale, in un racconto che descrive

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO

CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO 3^ Parte Associazione di Volontariato del Cane Lupino del Gigante Località Costa de Grassi, Castelnovo

Dettagli

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE ALLEGATO A DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE 1.STRUTTURE/ATTIVITA DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE OPERANTI IN AMBITO NAZIONALE 1.1

Dettagli

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame L. 15-01-1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 gennaio 1991, n. 24. Epigrafe Capo I Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni

Dettagli

BRESCIA Baliotti Frisona (15-30 gg.) 60,00 90,00 Incroci (15-30 gg.) 170,00 250,00

BRESCIA Baliotti Frisona (15-30 gg.) 60,00 90,00 Incroci (15-30 gg.) 170,00 250,00 NORD - OVEST CUNEO Baliotti Piemontese o incroci (15/30 gg). femmine 280,00 350,00 Piemontese o incroci (15/30 gg) maschi 400,00 550,00 P. Della Coscia (25/40 gg.) femmine 650,00 800,00 500,00 650,00 P.

Dettagli

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( )

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( ) ALLEGATO 1 MODELLO 1 codice 52 06 09 - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli - PEC: dg06.uod09@pec.regione.campania.it Oggetto: Richiesta autorizzazione a gestire una stazione di monta naturale

Dettagli

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina Modello 1 Alla Regione Campania A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Sperimentazione Informazione Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli Oggetto:

Dettagli

Presentazione dell iniziativa

Presentazione dell iniziativa Presentazione dell iniziativa L istanza per il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta D.O.P. al prodotto Lonza delle Marche e della quale la presente relazione tecnica costituisce allegato,

Dettagli

La selezione delle razze del suino pesante

La selezione delle razze del suino pesante Mantova, 22 maggio 2009 La selezione delle razze del suino pesante Luca Buttazzoni & Maurizio Gallo Il Libro genealogico ha scelto di orientare i propri schemi di miglioramento genetico alla qualità delle

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2013 - N. 35 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 5 Settembre

Dettagli

VACCA MARCHIGIANA. Origine e zona di diffusione. Evoluzione e selezione

VACCA MARCHIGIANA. Origine e zona di diffusione. Evoluzione e selezione VACCA MARCHIGIANA Origine e zona di diffusione La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna giunto in Italia nel VI sec. d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Oggi la razza ha

Dettagli

Salumi di Suino Nero L unione fra Tradizione e Maestria Artigiana. Catalogo. 100% Suino Nero

Salumi di Suino Nero L unione fra Tradizione e Maestria Artigiana. Catalogo. 100% Suino Nero Salumi di Suino Nero L unione fra Tradizione e Maestria Artigiana Catalogo Catalogo 2 0 12012 2 100% Suino Nero www.nerocalabrese.it Guanciale Taglio: Taglio: guancia guancia. di Suino Nero Calabrese.

Dettagli

Prodotto n 4.2.1 Attività di studio per la selezione, il recupero e la certificazione di razze ovine autoctone.

Prodotto n 4.2.1 Attività di studio per la selezione, il recupero e la certificazione di razze ovine autoctone. Prodotto n 4.2.1 Attività di studio per la selezione, il recupero e la certificazione di razze ovine autoctone. Fase n. 4 Caratterizzazione delle lane locali ottenute da razze ovine e caprine autoctone

Dettagli

Piano di monitoraggio sulle principali cause di morte degli ovini e dei caprini adulti in Regione Campania

Piano di monitoraggio sulle principali cause di morte degli ovini e dei caprini adulti in Regione Campania 2013 Piano di monitoraggio sulle principali cause di morte degli ovini e dei caprini adulti in Regione Campania Piano di monitoraggio sulle principali cause di morte degli ovini e dei caprini adulti in

Dettagli

Ceste Regalo S i c i l i a n W i n e & T y p i c a l F o o d

Ceste Regalo S i c i l i a n W i n e & T y p i c a l F o o d Ceste Regalo Verde Pistacchio, un colore ed un frutto diventati magicamente espressione di una terra a me cara, la Sicilia. Ogni prodotto è frutto di un accurata selezione delle migliori aziende artigianali

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI ISCRITTI AI LIBRI GENEALOGICI (LG) DELLE

PIANO DI GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI ISCRITTI AI LIBRI GENEALOGICI (LG) DELLE PIANO DI GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI ISCRITTI AI LIBRI GENEALOGICI (LG) DELLE 5 RAZZE ITALIANE DA CARNE, FINALIZZATO AL RISANAMENTO DAL VIRUS RESPONSABILE DELLA RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1 DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE Art.1 1. Ai sensi dell articolo 3 della Legge 15 gennaio 1991 n. 30 sulla disciplina della riproduzione animale, il libro Genealogico

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli

CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA

CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA Il cervo sika dybowski é originario di Manciuria e Corea, nei tempi d oggi

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 33 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda Gusto Valtellinese Gusto Valtellinese L esigenza di nuovi spazi portò l azienda a trasferirsi nell attuale sede di Montagna in Valtellina: ed è nel cuore delle alpi lombarde che Alberto, spinto dall entusiasmo

Dettagli

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE ZOOTECNIA E DEIEZIONI ANIMALI PROBLEMA O OPPORTUNITÀ????? SEMINARIO 10.03.2009 FACOLTÀ DI AGRARIA MOSCIANO S.A. TERAMO DOTT. AGR. ANGELO

Dettagli

Home Formaggi Salumi Pane Olio Dolci Miele Vini Liquori Cesti Macomer. Home

Home Formaggi Salumi Pane Olio Dolci Miele Vini Liquori Cesti Macomer. Home Vera Sardegna Home Formaggi Salumi Pane Olio Dolci Miele Vini Liquori Cesti Macomer Home La Sarda Agroalimentari (Vera Sardegna) nasce dall idea di allargare i confini di conoscenza dei nostri naturali

Dettagli

FORMAGGI IN CONFEZIONI REGALO

FORMAGGI IN CONFEZIONI REGALO Tagliere Buongustaio Cod. 2054 15,62 + Iva Giglio Sardo Flow Pack 200 gr Formaggio pecorino semistagionato prodotto in Sardegna a pasta compatta, cruda, bianca lievemente occhiata non elastica dal gusto

Dettagli

SANTORO AZIENDAAGRICOLA

SANTORO AZIENDAAGRICOLA AZIENDAAGRICOLA SANTORO SEDE Contrada Fiumara 85047 Moliterno (Pz) Tel.. +39 0975 67035 Fax: +39 0975 67035 Cell.: +39 329 4626095 WEB, E-MAIL webtiscali.it/aziendasantoro azienda.santoro@tiscali.it ANNO

Dettagli

L.R. 33/1996, art. 2, c. 1 B.U.R. 4/12/2002, n. 49. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 novembre 2002, n. 0336/Pres.

L.R. 33/1996, art. 2, c. 1 B.U.R. 4/12/2002, n. 49. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 novembre 2002, n. 0336/Pres. L.R. 33/1996, art. 2, c. 1 B.U.R. 4/12/2002, n. 49 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 novembre 2002, n. 0336/Pres. Regolamento di attuazione dell articolo 2, comma 1, della legge regionale 26 agosto

Dettagli

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale Tecnici Veterinari SATA Direttive della Normativa Comunitaria creazione di una base normativa

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

Inquadramento Tassonomico

Inquadramento Tassonomico LE RAZZE SUINE Inquadramento Tassonomico Suino domestico Classe Mammiferi Ordine Artiodattili Sottordine Suiformi Famiglia Suidi Genere Sus Specie scrofa domesticus Suinicoltura Italiana - peculiarità

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Classificazione scientifica

Classificazione scientifica RAZZE BOVINE Classificazione scientifica Regno: Animalia Classe: Mammalia Ordine: Artiodactyla Sottordine: Ruminantia Famiglia: Bovidae Genere: Bos Specie: Bos Taurus Bos Indicus Tipologie di bovini allevati:

Dettagli

Vista la legge 15 gennaio 1991 n. 30 recante "disciplina della riproduzione animale";

Vista la legge 15 gennaio 1991 n. 30 recante disciplina della riproduzione animale; REGIONE PIEMONTE BU16 17/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 marzo 2014, n. 33-7300 Disciplina della riproduzione animale. Modifica delle istruzioni per l'applicazione in Piemonte del D.M.

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

Buoni Naturalmente!!

Buoni Naturalmente!! Buoni Naturalmente!! Situata in terra Dauna, ai piedi del famoso promontorio del Gargano, nasce nel 1994 l Azienda artigiana ANTICHI SAPORI del GARGANO, che opera in una struttura moderna, producendo e

Dettagli

SICILIA Dati e rapporti sul turismo in Sicilia. Leonardo Mercatanti

SICILIA Dati e rapporti sul turismo in Sicilia. Leonardo Mercatanti SICILIA Dati e rapporti sul turismo in Sicilia Leonardo Mercatanti La Sicilia È la più grande isola del Mediterraneo È la più estesa regione d Italia È la più bella terra del mondo Alcuni dati Superficie:

Dettagli

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE STATO DELLE REVISIONI Rev. N. SEZIONI REVISIONATE

Dettagli

I Presìdi sono progetti di Slow Food che tutelano piccole produzioni di qualità da salvaguardare, realizzate secondo pratiche tradizionali.

I Presìdi sono progetti di Slow Food che tutelano piccole produzioni di qualità da salvaguardare, realizzate secondo pratiche tradizionali. I Presidi Slow Food della Romagna I Presìdi sono progetti di Slow Food che tutelano piccole produzioni di qualità da salvaguardare, realizzate secondo pratiche tradizionali. www.presidislowfood.it Razza

Dettagli

Un ristorante che è un estensione della nostra cucina di casa.

Un ristorante che è un estensione della nostra cucina di casa. + Un ristorante che è un estensione della nostra cucina di casa. Uno spazio gastronomico che lo chef Angelo Pumilia interpreta tra le trame della nostra tradizione familiare, i sapori puri del territorio,

Dettagli

Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo

Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo Il luogo L'azienda nata nel 2002, è situata nella conca di Vararo, frazione montana di Cittiglio, posta a 750 m. di altezza s.l.m.. L'asprezza

Dettagli

Luogo Fisico Comune Provincia Altro. Territori di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Catania, Palermo. Allevamento della Capra Girgentana

Luogo Fisico Comune Provincia Altro. Territori di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Catania, Palermo. Allevamento della Capra Girgentana Categoria Sottocategoria Valenza Lim Luogo Fisico Comune Provincia Altro I luoghi storici del gusto 1. I luoghi della produzione degli ingredienti Allevamento della Capra Girgentana Territori di Agrigento,

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

La tracciabilità dei prodotti di origine animale. Dott.sa Chiara Dalvit

La tracciabilità dei prodotti di origine animale. Dott.sa Chiara Dalvit La tracciabilità dei prodotti di origine animale Dott.sa Chiara Dalvit La tracciabilità è la capacità di risalire alla storia e all uso o alla collocazione di un prodotto o di un attività attraverso identificazioni

Dettagli

FOUR BREEDS WHICH ABSOLUTELY NEED TO BE PROTECTED

FOUR BREEDS WHICH ABSOLUTELY NEED TO BE PROTECTED Il Divulgatore n 11-12/2011 BIODIVERSITÀ IN AGRICOLTURA Quattro razze in cerca di allevatore La biodiversità in ambito zootecnico e vegetale è sempre più minacciata dalle interferenze operate dall uomo

Dettagli

Il biologico in Sicilia

Il biologico in Sicilia Quaderno della Il biologico in Sicilia 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione AGRINOVA e una cooperativa agricola di produttori e tecnici agronomi ed ha come scopo sociale la diffusione

Dettagli

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO 1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO AREA DI ORIGINE: Regione Veneto. TIPO ED INDIRIZZO PRODUTTIVO: Tacchino rustico di taglia media, precoce e a rapido impennamento. Ottimo pascolatore,si presta molto bene

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Giovanni Piredda Santa Cristina Paulilatino (OR) 20 maggio 2009 www.sardegnaagricoltura.it/innovazionericerca

Dettagli

Rimodulazione dei costi standard da apportare al manuale per il finanziamento dell attività di tenuta dei LLGG e dei CCFF.

Rimodulazione dei costi standard da apportare al manuale per il finanziamento dell attività di tenuta dei LLGG e dei CCFF. All.3-2012 Rimodulazione dei costi standard da apportare al manuale per il finanziamento dell attività di tenuta dei LLGG e dei CCFF. Anno 2011-2012 1. Aggiornamento capo grosso: tenendo a riferimento

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DEL VENETO MEETING REGIONALE DELLA RAZZA : FRISONA ITALIANA SABATO 18 APRILE 2015 AZIENDA AGRICOLA BOTTONA ISIDORO & ADRIANO VIA POSSESSION LOC. BOI PESINA CAPRINO VERONESE

Dettagli