ARGOMENTI DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARGOMENTI DI TERAPIA OCCUPAZIONALE"

Transcript

1 A06 157

2

3 ARGOMENTI DI TERAPIA OCCUPAZIONALE VOLUME III a cura di Giacomo Bazzini Franco Franchignoni Marcello Imbriani

4 Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: giugno 2011

5 Indice 7 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale di Giacomo Bazzini, Francesco Sartorio, Stefano Vercelli, Renata Spalek 41 Il cammino: elementi cinesiologici di base di Franco Franchignoni, Susana Munoz Lasa, Giorgio Ferriero, Elisa Brigatti, Katerina Christodoulou 61 Ergonomia ed ausili per il disabile al lavoro di Giacomo Bazzini 79 La Terapia Occupazionale nella paralisi periferica del nervo faciale di Elena Dalla Toffola, Chiara Pavese, Annamaria Quarenghi, Claudia Erminia Scartabelli 95 I sollevatori per l assistenza e la movimentazione dei pazienti in ambito ospedaliero di Edda Maria Capodaglio 135 Aspetti ergonomici del letto di degenza di Edda Maria Capodaglio, Franco Franchignoni 5

6 6 Argomenti di Terapia Occupazionale 161 I sistemi antidecubito di Edda Maria Capodaglio 217 Le Animal Assisted Interventions in Medicina Fisica e Riabilitativa e in Terapia Occupazionale di Franco Franchignoni, Susana Munoz Lasa, Elisa Brigatti, Giorgio Ferriero 235 Lombalgia: approccio clinico, riabilitativo, occupazionale e cognitivo comportamentale di Marco Monticone, Fulvio Dal Farra, Alberto Novara 263 La Terapia Occupazionale in Europa di Maria Pia Massimiani

7 Argomenti di Terapia Occupazionale ISBN DOI / pp (maggio 2011) La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale Giacomo Bazzini *, Francesco Sartorio ** Stefano Vercelli **, Renata Spalek *** Introduzione Negli ultimi anni l approccio del mondo riabilitativo nei confronti della disabilità è passato da una visione in negativo di ciò che il paziente non era in grado di fare a un approccio biopsicosociale positivo, legato alle sue capacità residue (1). Si è sviluppata pertanto la necessità di valutare le capacità funzionali nei pazienti con disabilità motorie ai fini di un eventuale loro reinserimento lavorativo, reso oggi più realizzabile anche dalle accresciute possibilità terapeutiche e dall introduzione di nuove tecnologie informatiche e ausili specifici. L intervento riabilitativo deve mirare ad assicurare ai pazienti, qualunque sia la natura e l origine della disabilità, la miglior autonomia e la migliore partecipazione possibile alla vita sociale ed economica (2 3). Da ciò si comprende come il ripristino di un adeguata attività lavorativa ove possibile sia un punto fondamentale della piena reintegrazione del paziente adulto nel suo ambiente (4 7). * Servizio di Fisiatria Occupazionale ed Ergonomia, Istituto Scientifico di Riabilitazione di Pavia e di Montescano (PV), Fondazione Salvatore Maugeri, Clinica del Lavoro e della Riabilitazione IRCCS ** Servizio di Fisiatria Occupazionale ed Ergonomia, Istituto Scientifico di Riabilitazione di Veruno (NO), Fondazione Salvatore Maugeri, Clinica del Lavoro e della Riabilitazione IRCCS *** Coordinatrice del Corso di Laurea in Terapia Occupazionale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Sede di Moncrivello (VC) 7

8 8 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek La valutazione delle capacità lavorative, residue e potenziali, è di conseguenza una componente fondamentale del processo atto ad impostare un programma riabilitativo globale di questi soggetti. Tale analisi è destinata a fornire importanti indicazioni per l allenamento fisico, per la prescrizione di ortesi e ausili e per la definizione di altre procedure di trattamento. Un impostazione terapeutica di questo genere è in grado di influenzare positivamente le aspettative (e in modo indiretto anche le prospettive di successo) del paziente, mentre un abbandono di ogni pur limitata attività lavorativa è spesso destinato a produrre gravi conseguenze psicologiche e sociali (8). Dopo un esame clinico iniziale, necessario a formulare una prognosi relativa alla menomazione ed alle disabilità generali del paziente, la valutazione si focalizza sulle cosiddette capacità funzionali residue della persona: a) abilità (9) ; b) interessi lavorativi; c) funzioni psico intellettive; d) capacità fisiche ed esecutive (10 12). Queste valutazioni richiedono un approccio multidisciplinare, che vede coinvolti oltre a fisiatri, fisioterapisti e terapisti occupazionali, anche medici di altre discipline, psicologi e tecnici di discipline sociali (13). Occorre segnalare che molti dei sistemi valutativi presenti nel panorama internazionale sono disponibili solamente in lingua inglese. Abilità. Le abilità sono quantificate tramite batterie di test come il General Aptitude Test Battery (GATB), che misura 9 parametri rispetto ai quali si presuppone possano essere raggruppate le diverse mansioni lavorative: abilità generale di apprendimento, abilità verbale, numerica e spaziale, percezione delle forme, capacità esecutive, coordinazione motoria, destrezza digitale e manuale. Queste ultime vanno distinte dalla perizia, che è invece un esperienza acquisita con l esercizio in una particolare attività (11).

9 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 9 Interessi lavorativi. Gli interessi lavorativi sono rilevati per mezzo di questionari: Strong Campbell Interest Inventory, Career Assessment Inventory, Kuder Occupational Interest Survey sono tra quelli più utilizzati. Ciascuno di essi è costituito da scale contenenti domande legate ad un tipo di professione, che paragonano le aspettative individuali con quelle di una popolazione che pratica lo stesso lavoro. I primi due misurano anche le preferenze individuali in talune aree generali (ad es. scienza, sport, arte) (10). È inoltre indispensabile una revisione delle attività lavorative e non svolte prima della lesione, comprese le eventuali attività scolastiche e quelle del tempo libero. Funzioni psico intellettive. Le funzioni psico intellettive sono valutate tramite test di intelligenza (ad es. il Wechsler Adult Intelligence Scale, WAIS) e di personalità (ad es. il Minnesota Multiphasic Personality Inventory, MMPI), analizzando inoltre fattori psicologici e psicodinamici quali interessi e bisogni, motivazione al lavoro ed eventuali disincentivi allo stesso, comportamenti lavorativi, propensione ai rapporti interpersonali, sostegno dell ambiente familiare, ecc. (10). Capacità fisiche ed esecutive. Le capacità fisiche ed esecutive, comunemente conosciute in letteratura con il termine anglosassone di Functional Capacity Evaluation (FCE) ed oggetto principale del presente capitolo, sono rappresentate dalle risorse motorie necessarie a far fronte alle richieste esecutive delle mansioni lavorative (ad esempio la capacità di sopportare un determinato sforzo lavorativo ad una frequenza stabilita per un dato periodo di tempo). Per quantificare la FCE del lavoratore disabile sono state sviluppate specifiche batterie di test, in osservanza delle raccomandazioni di autorevoli organismi come l Istituto Nazionale della Sicurezza e della Salute Occupazionale degli USA (NIOSH), l Ergonomic Rehabilitation Research Society e il US Department of Labour, Employment and Training Administration Revised Dictionary of Occupational Titles (DOT) (15 18). La scelta di un test rispetto ad un altro è legata al tipo di patologia e di mansione lavorativa, ma in ogni caso dovranno essere soddisfatte le seguenti proprietà di base:

10 10 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek 1) sicurezza: la valutazione richiede cautela e conoscenza da parte dell esaminatore delle prove che si intendono somministrare ed un aderenza rigorosa a procedure standard, in grado di evitare situazioni che possano rappresentare un rischio potenziale per il sistema muscoloscheletrico; 2) affidabilità: definita come il grado di ripetibilità dei valori della prova nel tempo, tra individui differenti e durante fasi diverse dello stesso test; 3) validità: è l evidenza che un test misura le variabili che si suppone debba misurare. In questi casi si tratta di una validità di contenuto, supportata cioè da un giudizio professionale (basato sull analisi dettagliata e sistematica dell attività lavorativa), che attesta la stretta relazione tra le misurazioni del test di simulazione e le effettive richieste lavorative; 4) praticità: la prova deve essere ragionevolmente semplice da eseguirsi, ben accettata dall esaminato e dai costi ragionevoli. La valutazione della FCE, secondo Matheson (6), può essere suddivisa in quattro dimensioni principali: 1) capacità fisiche elementari, 2) performance e destrezza motoria, 3) forza e resistenza, 4) capacità lavorativa durante lavori complessi. Una visita fisiatrica iniziale è necessaria a individuare quei soggetti che, presentando fattori di rischio (ad esempio con pressione arteriosa > 160/100 mmhg o con frequenza cardiaca a riposo >90 b/min), non possono essere sottoposti alle valutazioni successive. Nei casi ove il medico lo ritenga necessario, inoltre, la FCE è valutata con la rilevazione costante dei parametri vitali (non è consigliato oltrepassare la soglia dell 85% della massima frequenza cardiaca teorica). In alternativa si può scegliere di utilizzare la scala di valutazione dello sforzo percepito di Borg (RPE) (19), presentata in Tabella 1.

11 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 11 TABELLA 1. Scala di Borg per la valutazione soggettiva dello sforzo percepito 0 nullo 0.5 appena percettibile 1 molto leggero 2 leggero 3 moderato 4 piuttosto pesante 5 pesante 6 7 molto pesante estremamente pesante massimo insopportabile Per completezza ricordiamo che gli aspetti esaminati nel presente lavoro sono centrati soprattutto sulla componente neuro motoria; resta pur tuttavia utile procedere con una valutazione preliminare globale della persona, considerandone tutti gli aspetti fisici come viene sintetizzato a solo titolo di esempio nella Tabella 2. TABELLA 2. Sintesi dei principali ambiti indagati con le valutazioni pre lavorative indagini generali per la determinazione della capacità lavorativa nel soggetto con disabilità con maggior frequenza aspetti neuromotori del disabile indagati con maggior frequenza funzionalità cardiaca: livello della disabilità 1) ECG funzioni cognitive verbali 2) frequenza cardiaca sensibilità e funzioni sensoriali 3) pressione arteriosa abilità motorie (articolarità, forza, resistenza) 4) tempo di recupero dopo esercizio componenti psicologiche ed emotive funzionalità polmonare: necessità di ausili 1) capacità vitale aspetti di tipo educativo professionale 2) massima capacità respiratoria aspetti organizzativo gestionali 3) volume espiratorio forzato possibilità di trasporto autonomo metabolismo energetico: motivazione, attitudine, costanza, ecc. 1) massimo consumo di ossigeno 2) debito di ossigeno 3) tempo di recupero dopo esercizio 4) emogasanalisi

12 12 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek 1. Capacità fisiche elementari Nelle capacità fisiche elementari sono comprese sia le abilità motorie di base che la tolleranza a diverse posizioni (20). La classificazione tassonomica delle mansioni lavorative (circa ) che l U.S. Department of Labour, Employment and Training Administration ha inizialmente proposto nel 1939 e rivisto nella sua 4 a edizione nel 1991, denominata DOT, si basa proprio sulle capacità fisiche elementari (cfr. Tabella 3) (16, 17, 21). In base ai pesi o alle forze che il lavoratore è chiamato a sostenere più o meno frequentemente durante il proprio lavoro, è inoltre possibile classificare le diverse mansioni secondo 5 livelli ordinali: DOT1: sedentario (segretaria, dirigente d azienda, psicologo), DOT2: leggero (insegnante di scuola elementare, receptionist, operatore informatico), DOT3: moderato (infermiere, ingegnere, carpentiere, meccanico), DOT4: pesante (panettiere, fattore), DOT5: estenuante (muratore, contadino) (17). Per quanto riguarda invece la valutazione clinica della FCE, le capacità fisiche elementari più frequentemente prese in considerazione sono il sollevamento, il cammino, la salita delle scale e l equilibrio. Sollevamento. La prova di sollevamento serve per determinare il MAW (Maximum Acceptable Weight), ovvero il massimo peso che il soggetto reputa di poter sollevare (nel breve e nel lungo termine) senza avvertire sensazioni di disagio, dolore o fatica, in condizioni controllate e standardizzate (dimensioni e traiettoria di disloca- TABELLA 3. Principali attività e posture da valutare secondo il DOT 4th Edition, ) stare in piedi 10) stare piegato in avanti (curvato) 2) camminare 11) inginocchiarsi 3) stare seduto 12) stare accovacciato 4) sollevare 13) camminare carponi 5) trasportare 14) raggiungere con gli arti superiori 6) spingere 15) maneggiare 7) tirare 16) manipolare 8) salire, arrampicarsi 17) avvertire sensazioni 9) stare in equilibrio

13 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 13 mento dell oggetto, frequenza di spostamento, ecc.) e tramite una procedura per tentativi ripetuti. La prova può essere effettuata con cassette di peso crescente delle dimensioni di 28x44x9 cm, da sollevarsi su di un piano alto 86 cm con frequenza di un sollevamento ogni 5 minuti (figura 1a); oppure mediante strumentazioni dinamometriche (Biodex System3, BTE WorkSimulator II o analoghi) (figura 1b). La prova con le cassette è effettuata con pesi crescenti ad intervalli di 1,13 kg (senza rendere noto il peso solleva- Figura 1a e 1b. Test del sollevamento mediante LidoLift (a destra) e mediante BTE ER (sotto).

14 14 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek to, si aggiungono di volta in volta delle barre da 1,13 kg nel doppio fondo della cassetta). Dopo ogni sollevamento il soggetto esprime una valutazione dello sforzo percepito su una scala analogica da 0 a 10 e la prova termina quando, per due tentativi consecutivi (in genere dopo 45' 60'), ritiene di aver raggiunto il MAW. Le prove eseguite mediante le strumentazioni dinamometriche sono simili e guidate direttamente dal software. Cammino. Il test, effettuato sul tapis roulant, è suddiviso in due momenti. Il primo consiste in una prova incrementale in cui si chiede al soggetto di camminare 1' a 0,5 km/h, 1' a 1 km/h, per poi salire di 1 km/h ogni 20", fino ad un massimo di 8 km/h. Se la velocità massima non è raggiungibile, l ultimo livello è ridotto di 0,5 km/h e mantenuto per 1'. Successivamente si eseguirà una prova a velocità fissa (2,5 km/h) con pendenze incrementali del % per una durata di 5' ciascuna. Viene valutata sia la risposta cardiovascolare che la tolleranza psicofisica (definendo anche la velocità accettabile per l individuo). In alternativa può essere effettuato il 6 Minute Walking test (22), che consiste nel camminare su percorso piano e misurato per 6 minuti il più velocemente possibile. Dai risultati del test è possibile calcolare un indice di allenamento delle condizioni cardiorespiratorie. Salita di scale. Vengono eseguite tre differenti prove a tempo, registrando eventuali difficoltà incontrate dall esaminato: 1) salita di sei rampe di 9 scalini ciascuna; 2) salita e discesa (in avanti e all indietro) di una scala portatile interna a 3 gradini, senza utilizzare le mani; 3) salita di una scala esterna appoggiata al muro sino a 2,50 m di altezza, aiutandosi con le mani. Equilibrio. Una valutazione sommaria può essere effettuata tramite due test da campo tratti dall Ataxia Test Battery di Fregly e coll. (23), nei quali il soggetto deve mantenere l equilibrio:

15 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 15 1) per 1' in stazione eretta con le braccia conserte, gli occhi chiusi e un piede allineato dietro l altro (posizione di Romberg); 2) per 30" in stazione eretta e in appoggio sul solo arto dominante, ad occhi chiusi e braccia conserte. Esistono altresì test strumentali computerizzati (figura 2) in grado di rilevare numerosi parametri dipendenti Figura 2. Test dell equilibrio. dall equilibrio ed acquisendo il cosiddetto stabilogramma. 2. Performance e destrezza motoria Per destrezza motoria si intende l abilità nella manipolazione rapida ed accurata di strumenti ed oggetti di varie misure e forme, con l intento di predire la performance lavorativa. Seguendo la Classificazione internazionale del funzionamento, della salute e della disabilità (ICF) proposta dall Organizzazione Mondiale della Salute, i test proposti dalla letteratura per questo aspetto sono centrati sulle attività che il paziente è in grado di svolgere, siano esse bi manuali o unimanuali. I valori ottenuti sono solitamente comparati con dati normativi ricavati da gruppi di lavoratori industriali. Quelle che seguono sono solo alcune tra le scelte possibili: la selezione è stata fatta sulla base dei requisiti psicometrici posseduti dai differenti test (24, 25). Valpar 8 Simulated Assembly (figura 3, p. 16). Si tratta di un test di simulazione lavorativa che richiede un processo di assemblaggio

16 16 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek ripetitivo di tre parti con l impiego simultaneo di entrambe le mani. Il soggetto prende un piccolo cilindro metallico e due dischetti di plastica forati (uno bianco e l altro nero, grandi all incirca quanto una pedina) da un ripiano posto all altezza delle anche, quindi inserisce il puntello in uno dei fori posti su di un cerchio ruotante all altezza del torace e dentro il puntello posiziona i due cilindri (prima il nero Figura 3. Valpar 8 Simulated Assembly. poi il bianco). Il test misura la tolleranza alla posizione in piedi (o seduta) prolungata, al mantenimento delle braccia flesse in avanti, ai movimenti ripetitivi di prono supinazione dell avambraccio ed alle manipolazioni ripetitive. Si registra il numero di pezzi assemblati ogni 5', per un totale complessivo di 20'. I militari dell aviazione americana sono in grado di assemblare mediamente 270 pezzi in 20'. Molti soggetti incrementano o quantomeno mantengono la velocità di esecuzione nel corso della prova, mentre un decremento del 5% per ciclo di 5' è considerato un segno significativo di affaticamento. Minnesota Rate of Manipulation Test (figura 4). È un insieme di 5 sub test (Placing, Turninig, Displacing, One Hand Turning and Placing e Two Hand Turning and Placing) per la valuazione della destrezza bi manuale (26) e richiede un elevata coordinazione oculo manuale. Durante ciascuna prova il soggetto, in posizione eretta di fronte ad un tavolo di altezza determinata (70 80 cm), deve manipolare, secondo uno schema standardizzato, 60 gettoni colorati inserendoli in altrettanti alloggiamenti posti su una tavola di legno, mantenendo le braccia distese in avanti a 30 (Turning, Displacing) e a 60 cm di distanza dal tronco (Placing, One Hand Turning e Placing, Two Hand Turning and Placing) facendo ripetitivamente delle leggere prese a pinza, e ripetute prono supinazioni dell avambraccio (Turning).

17 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 17 Una recente revisione (25) ha evidenziato solide proprietà psicometriche ed una elevata correlazione con altre misure di disabilità della mano (26). I lunghi tempi di somministrazione, se da una parte sono visti come un limite, possono tuttavia rivelarsi utili per evidenziare le intolleranze a ripetitive e prolungate flessioni anteriori di braccia e per valutare soggetti con pato- Figura 4. Minnesota Rate of Manipulation. logie coinvolgenti avambraccio, polso e primo dito. Jebsen Taylor Hand Function Test (JTHFT) (figura 5). Prevede 7 compiti rappresentativi di differenti attività funzionali della mano (26, 27) : a) scrivere una semplice frase composta da 24 lettere; b) girare 5 cartoncini di dimensioni 7,6 x 12,7 cm, simulando l atto di voltare le pagine; c) raccogliere piccoli oggetti comuni e depositarli in un contenitore cilindrico (lattina di caffè vuota) posta in maniera speculare all arto valutato; d) simulare l atto di nutrirsi; e) impilare 4 pedine di una dama; f) raccogliere e spostare 5 lattine vuote (confezione di pelati); g) raccogliere e spostare 5 lattine piene (cfr. Allegato 1, p. 18). Figura 5. Jebsen Taylor Hand Function Test.

18 18 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek g Jebsen-Taylor Hand Function Test Prova n. 1: scrittura ND INGRESSO: DIMISSIONE: CONTROLLO: data data data sec. sec. sec. Prova n. 2: girare cartoncini D ND D Prova n. 3: Prendere oggetti di taglia differente e riporli dentro una scatola. ND D Prova n.4: raccogliere fagioli e riporli in una scatola ND D Prova n.5: Impilare le pedine della dama Prova n.6: spostare oggetti grossi e leggeri Prova n.7: spostare oggetti grossi e pesanti MEDIA DEI VALORI % (rispetto alla norma) ND D ND D ND D ND D ALLEGATO 1

19 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 19 I compiti vengono presentati sempre nella stessa sequenza ed eseguiti prima con la mano non dominante e poi con quella dominante. Per ciascuno viene registrato il tempo di esecuzione mediante un cronometro. Mediamente, il tempo necessario per la somministrazione è circa 15'. Considerato fino a pochi anni fa il gold standard della destrezza manuale, le proprietà psicometriche del JTHFT sono state recentemente messe in discussione (24, 25). Functional Dexterity Test (FDT). È stato proposto nel 1983 da una terapista occupazionale americana (28) e permette di indagare la manipolazione digitale unilaterale, in particolare delle prime tre dita della mano. Ha mostrato di possedere buoni standard psicometrici (buona validità e ottima affidabilità intraoperatore), facilità di somministrazione e tempo di esecuzione contenuto. Schoneveld et al. (24) lo considerano il best rating tra i vari test dedicati alla destrezza digitale. La strumentazione (figura 6a) è costituita da una tavola di legno quadrata (ogni lato è lungo 20,6 cm e alto 3,7 cm) e da 16 cilindri di legno alti 4 cm dal diametro di 2,2 cm. I cilindri devono essere posizionati secondo una precisa sequenza in altrettanti fori del diametro di 2,5 cm e profondi 3 cm, disposti su quattro file e distanti ciascuno 2 cm. Ciascun cilindro ha la faccia superiore di colore rosso, quella inferiore di colore blu. Il kit originale è disponibile sul mercato Figure 6a e 6b. FDT (sopra) e misure per la realizzazione dell FDT (a destra).

20 20 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek (North Coast Medical, CA USA), ma può anche essere ricavato artigianalmente basandosi sulle precise indicazioni e sul materiale iconografico forniti dagli autori (figura 6b, p. 19) (26, 28). Il test comincia con la mano sana e, se la lesione è bilaterale, con quella dominante. Il soggetto deve afferrare il cilindretto posto all angolo in alto sul lato opposto alla mano, estrarlo, ruotarlo sottosopra con le dita (senza supinazione dell avambraccio) e reinserirlo nel proprio foro, seguendo il percorso stabilito dal manuale d istruzione per i restanti 15 fori nel minor tempo possibile. Sono inoltre previste delle penalità se il paziente supina l avambraccio, si aiuta toccando la scatola (5") o fa cadere un piolo (10"). L esame si conclude quando la prova è stata eseguita con entrambe le mani, nel tempo limite consentito di 2'. Due sono i punteggi ottenibili: il tempo netto (velocità d esecuzione) e quello lordo, che comprende anche le eventuali penalità (utilizzato per determinare la qualità della performance, ovvero del livello funzionale) (cfr. Allegato 2). 3. Forza e resistenza Per quantificare la forza muscolare vi sono sul mercato strumenti più o meno complessi: da quelli a molle ai dispositivi elettronici, da quelli portatili, i cosiddetti hand held dynamometer, a quelli robotizzati. Le valutazioni analitiche, effettuate isolatamente su di un gruppo muscolare, sono effettuate con strumenti come il Newman (Lafayette Instrument Co. IN USA), l Hammersmith Myometer (Vickers Medical Ltd, Hampshire, UK) e il Nicholas Manual Muscle Tester (Lafayette Instrument Co. IN USA). Per i movimenti più complessi legati per lo più alla valutazione dell arto superiore, come ad esempio la presa palmare e le pinze digitali citiamo il Jamar (Preston Corp, MI USA), il B&L (B&L Engineering, CA USA), il Preston Pinch Gauge (Preston Corp, MI USA), il Dexter Hand Evaluation and Therapy System (Cedaron Medical, CA USA), il BTE WorkSimulator II, ER e Primus (Baltimore Therapeutic Equipment, MD USA) e il Biodex (Biodex Medical System, NY USA) (27).

21 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 21 Allegato 2: Functional Dexterity Test Fondazione Salvatore Maugeri Clinica del Lavoro e della Riabilitazione I.R.C.C.S. Istituto Scientifico di Veruno VALUTAZIONE FUNZIONALE DELLA MANO - FDT Servizio di Fisiatria Occupazionale e Ergonomia Cognome e Nome: Cartella Clinica: PROVA PENALITÀ TOTALE BASALE data: CONTROLLO data: mano destra mano sinistra mano destra mano sinistra CONTROLLO mano destra data: mano sinistra Tempo in secondi. Arto dominante: Patologia: Osservazioni: L Esaminatore ALLEGATO 2

22 22 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek Figure 7a e 7b. Grip Test, Jamar (a sinistra); forza sviluppata a differenti lunghezze delle leve del Jamar (sopra). Presa palmare e pinze digitali. Per misurare la forza della presa palmare lo strumento più affidabile e diffuso è il dinamometro Jamar (29) (figura 7a). L impugnatura può essere regolata in 5 differenti posizioni per adattarsi alle variazioni anatomiche della mano e rendere confortevole ed efficace la presa. I dati sperimentali hanno mostrato che per sviluppare la forza massima la distanza ideale fra le leve dell impugnatura dovrebbe essere di mm per le femmine e mm per i maschi (37). In letteratura sono reperibili anche valori di riferimento percentuali per le prese eseguite con l impugnatura a diverse distanze (figura 7b) (38). Il Jamar è in grado di rilevare fino a un massimo di 90 kg, con incrementi di 2 kg per volta. La forza delle pinze digitali (termino terminale, termino laterale e a 3 punti ) può essere efficacemente misurata con dinamometri portatili appositamente disegnati come il Preston o il B&L Pinch Gauges (30,31) (figura 8), in grado di rilevare forze fino a 27 kg con incrementi singoli di 0,5 kg. Tutti e tre i dinamometri sopra citati sono disponibili sia nella versione economica (idraulica o con tensiometro) che in quella più costosa, interfacciata ad un calcolatore con software integrato (figura 9) (32). Per quanto riguarda le procedure Figura 8. Pinch Test, B&L. di esecuzione sia di presa palmare

23 La valutazione delle capacità funzionali in Terapia Occupazionale 23 che della pinze digitali gli autori non hanno un opinione comune e condivisa: per fare un esempio, secondo Mathiowetz e colleghi (33) i valori più elevati si ottengono mantenendo il gomito flesso a 90, ma vi è anche chi afferma il contrario (34). I metodi di somministrazione qui di seguito descritti sono quelli che più di altri hanno ottenuto un consenso internazionale. Il paziente viene fatto sedere su una sedia alta 45 cm circa, con i piedi leggermente divaricati, il tronco in posizione neutra ed appoggiato allo schienale, le spalle addotte e allineate tra loro sul piano frontale, il gomito flesso a 90 e l avambraccio in posizione neutra, Figura 9. Dinamometro Dexter con Jamar, Pinch Gauge e goniometro elettronico. il polso in estensione compresa tra 0 e 20 e con una deviazione ulnare compresa tra 0 e 15. L esecuzione del test ad avambraccio supinato o pronato potrebbe fornire valori alterati, specie nelle prove di pinza termino terminale e termino laterale (29). Teraoka (35) ha studiato le eventuali variazioni di forza al variare della posizione del corpo (con gomito esteso), riscontrando una progressiva diminuzione passando dalla posizione in piedi, a quella seduta, a quella supina. Il dinamometro è sostenuto dalla mano dell operatore e, dopo due prove di riscaldamento ad intensità sottomassimale durante le quali gli eventuali compensi vengono corretti (come ad esempio un estensione eccessiva del polso), comincia il test vero e proprio. Si parte dal lato dominante con tre ripetizioni massimali della durata di 5 secondi l una ed intervallate da 10 secondi (30). Dopo ogni contrazione il valore ottenuto (in kg) viene registrato nella scheda dati e la lancetta del dinamometro azzerata. Finita la prova si calcola la media aritmetica delle 3 ripetizioni e si passa al lato non dominante. Il tempo di somministrazione varia tra i 10 e i 15 minuti circa.

24 24 G. Bazzini, F. Sartorio, S. Vercelli, R. Spalek Altri fattori, legati alla strumentazione, all età e al tipo di contrazione muscolare, potrebbero influenzare la quantità di forza massima sviluppata (36). A esempio, secondo Benaglia e colleghi (37) la contrazione isometrica produce valori più elevati rispetto a quella isocinetica, con differenze che vanno dal 34% della presa palmare, al 18% della pinza a 3 punti, al 13% di quella termino terminale, al 7% della termino laterale. Test di forza per l avambraccio. Da qualche anno sono comparsi sul mercato i dinamometri ad attuatore robotico (DAR) (figure 10a e 10b), che consentono un accurata valutazione biomeccanica seriata dell apparato mio scheletrico anche in condizioni dinamiche (contrazioni isocinetiche e isotoniche in modalità concentrica o eccentrica) (38). Per l arto superiore sono necessarie una serie di prove che quantifichino forza e resistenza durante specifici movimenti: prono supinazione del polso, flesso estensione del gomito (figura 11) e movimenti di spinta e tiro (figura 12) (39). Tra gli strumenti più diffusi vi sono il Dexter Hand Evaluation and Therapy System, il BTE Work Simulator II e Primus (figura 10a) e il Biodex (figura 10b). Interfacciati con un computer, permettono di raccogliere, visualizzare e confrontare diversi parametri di performance quali: posizione angolare, momento di forza, potenza e lavoro. La possibilità Figure 10a e 10b. DAR BTE Primus (a sinistra) e DAR Biodex System3 (a destra).

IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO: ATTUALITA E PROSPETTIVE. L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF DELL OMS

IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO: ATTUALITA E PROSPETTIVE. L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF DELL OMS Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente, Milano. DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE: DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO:

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI Le terapie riabilitative nelle fasi precoci dell Artrite Reumatoide Clinical guideline for the diagnosis and management of early rheumatoid

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE Soggetto promotore: Responsabile progetto: Obiettivi dello studio: Protocollo del test: Utilizzo dei dati raccolti: Diritti dei soggetti partecipanti:

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno MONTAGGIO, ASSEMBLAGGIO, CABLAGGIO (materie plastiche, metalli preziosi, bigiotteria, metalmeccanica,

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia Lojer è uno dei più grandi produttori per fisioterapia e rieducazione Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg LOJER PULLEY (Pulley) I pulley e

Dettagli

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE

ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE ALLEGATO 1/g ORIENTAMENTI PER LA ADEGUATA PROGETTAZIONE E SISTEMAZIONE DEI POSTI DI LAVORO AL FINE DI CONTENERE IL RISCHIO DI POSTURE INCONGRUE Al fine di lavorare in posizioni corrette (degli arti superiori

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Attrezzature per Fisioterapia

Attrezzature per Fisioterapia Attrezzature per Fisioterapia Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg PULLEY (Pulley) I pulley e i loro accessori sono considerati come l attrezzatura per riabilitazione più versatile

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

MOVIMENTO E BENESSERE

MOVIMENTO E BENESSERE Corso di aggiornamento 2011-2012 MOVIMENTO E BENESSERE I fisioterapisti della S.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Direttore ff Dott. Franzè Franco In collaborazione con Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net e-mail: info@giobbe.net I brillanti

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm PULLEY ACCESSORI R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm 402021 Fascia imbottita coscia/spalla/ testa 55 x 8 cm 402022 Fascia imbottita da

Dettagli

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 Addestramento e valutazione quantitativa del passo Velocità di scorrimento adattata ai parametri funzionali del passo Inserendo l età, il sesso e l altezza, il software propone

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

L economia articolare in reumatologia

L economia articolare in reumatologia L economia articolare in reumatologia Dott. Tonino Mele Fisioterapista - Pedagogista UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CENTRO MEDICO SANT

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di valutazione movimentazione manuale dei carichi (cod. 300.23) DIMOSTRATIVO MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Modello di

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità 3. Misure comportamentali di prevenzione Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità della forma e delle funzioni statiche e dinamiche del rachide. Tali proprietà sono uniche nel regno

Dettagli

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Daniela Longo(1), Ario Federici(1) e Emanuele Lattanzi(2) (1) Facoltà di Scienze Motorie Università di Urbino (2) Istituto di Scienze

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte Dati e prospettive Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE LAVORATIVA Nei prossimi anni si prevede un invecchiamento della popolazione

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 Prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DELLE CAPACITA RESIDUE: STATO DELL ARTE

LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DELLE CAPACITA RESIDUE: STATO DELL ARTE LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DELLE CAPACITA RESIDUE: STATO DELL ARTE (Tratto da D. Orlandini A. Amoresano) Il danno, la disabilità e l handicap sono i pilastri fondamentali della riabilitazione, i concetti

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

EL24L1-EL30R9 EL24L1D-EL30R9D

EL24L1-EL30R9 EL24L1D-EL30R9D Piede Elite2 EL24L1-EL30R9 EL24L1D-EL30R9D endolite 7 130mm 24/28=70mm 29/30=80mm 10mm Scelta del set di lamine Livello di Impatto basso: Attività quotidiane che normalmente prevedono una camminata leggera

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE Docente: Giacomo Colzani 07 Aprile 2010 OBIETTIVI DELLA GIORNATA Identificare i criteri principali

Dettagli

INDICE PRINCIPI 4 DISPOSITIVO 5 MONTAGGIO 8 POSIZIONAMENTO PER GLI ESERCIZI 11 REGOLAZIONI 16

INDICE PRINCIPI 4 DISPOSITIVO 5 MONTAGGIO 8 POSIZIONAMENTO PER GLI ESERCIZI 11 REGOLAZIONI 16 INDICE PRINCIPI 4 DISPOSITIVO 5 MONTAGGIO 8 POSIZIONAMENTO PER GLI ESERCIZI 11 REGOLAZIONI 16 Istruzioni relative al montaggio, alle precauzioni e all utilizzo del dispositivo: leggere e conservare 2 HAPPY

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area Unità di Riabilitazione Gravi Disabilità dell Età Evolutiva Az.Osp. S.Maria Nuova Reggio Emilia Direttore prof. Adriano Ferrari In riabilitazione

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "EINSTEIN" Torino (TO) La movimentazione manuale dei carichi Note informative per la sicurezza e la salute sul lavoro Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Procedura

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

Dinamometro idraulico per la mano art. 01378

Dinamometro idraulico per la mano art. 01378 Dinamometro idraulico per la mano art. 01378 Manuale di Funzionamento 1 CARATTERISTICHE Il dinamometro idraulico per la mano SAEHAN offre numerose possibilità per il lavoro di screening nonché per la valutazione

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli