basket Siena PROF. SANDRO BENCARDINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO"

Transcript

1 L allenamento funzionale nel basket Siena PROF. SANDRO BENCARDINO

2 PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici 3. Conoscere il potenziale funzionale degli atleti e la loro economia esecutiva

3

4 LAVORIAMOSULLA FORZA DINAMICA MASSIMA NON E NECESSARIO VALUTARE IL MASSIMALE DACOLLOCARE NELLE FASI INIZIALI DELLA SEDUTA DI PESI POCHE RIPETIZIONI SENZA STANCHEZZA VARIAMONELLA FRENATA L ANGOLO AL GINOCCHIO e FRENATE MONOPODALICHE(stimoli alla forza reattiva ) USIAMOCOMBINAZIONI TIPO SLANCI,VARIJU Il giocatore di basket lavora sempre in regimi di accelerazione e decelerazione 30,1 27,3 20,1 12,8 3,41, 90, ESERCITAZIONI A CARICO NATURALE. ALZATE OLIMPICHE. ESERCITAZIONI CON ELASTICI. ESERCITAZIONI SU PIANI INSTABILI ESERCITAZIONI CON I MANUBRI- PALLE MEDICHE

5 MODELLO PRESTATIVO NEL BASKET Basket gioco Intermittente - Range Frequenza cardiaca 80%-95% della F.C. max - La F.C. è sopra il 95% per il 15% del gioco - % utlizzazionevo2 70%-80% - Valore del VO2 max ml/kg/min - Lattato 4 7 mmol - Rapporto Gioco Pausa 1 : 1 le azioni con maggiore frequenza si attestano sui Cambi di attività cambio ogni 2 ( McInnes)

6 RUOLO LATTATO(mMol) Esterni Ruolo Lattato(mMol) Interni Ali Ali e Play fanno circa 4km a partita, Centro 3km Le Ali e Play sviluppano più azioni ad alta velocità I Centri e le Ali fanno molta difesa lato debole I Play e le Ali fanno molta difesa sulla palla

7 Appoggi prevalenti monopodalici Accelerazioni Decelerazioni Rapidità piedi e baricentro basso Modello gioco del basket Densità 1 : 1 Instabilità indotta dai contatti Torsioni

8 NEI GIOCHI DISQUADRA LA PREPARAZIONE FISICA DEVE ESSERE SICURA OGNI ATLETA E CONSIDERATO COME UN ENTITA GLOBALE

9 FUNZIONALITA MUSCOLARE VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA : - INDIVIDUARE PROBLEMI ALL APPARATO LOCOMOTORE - DETERMINARE GLI ESERCIZI CHE L ATLETA PUO SVOLGERE - MASSIMIZZARE LE PRESTAZIONI FISICHE

10 LA POSTURA è una interazione polisensoriale il cui fine è il mantenimento della stazione eretta in opposizione alla forza di gravità (cesarani) è la posizione del corpo nello spazio e la relazione spaziale tra i segmenti scheletrici, il cui fine è il mantenimento dell equilibrio sia in condizioni statiche che dinamiche.

11 DEFINIZIONI DI POSTURA la postura è un movimento fermato (Jakob) la postura è un equilibrio che si aggiusta di continuo (Hellebrandt) il movimento è il passaggio da una postura all altra (Sherrington) il movimento è un continuo cambiamento di postura (Bobath)

12

13 Ricordiamoci sempre che la postura viene adattata per un problema analitico che può essere sorto molto lontano. Una buona postura è data dall Una buona postura è data dall equilibrio sinergico tra le catene cinetiche.

14 CARATTERISTICHE DEL MOVIMENTO UMANO Pilastri fondamentali 1. Catene cinetiche funzionali 2. Propriocettivitàe controllo motorio 3. Attività della cintura addominale

15 CATENA CINETICA E UN SISTEMA DI MUSCOLI CHE INTERAGISCONO E CHE SI INFLUENZANO A VICENDA, SIA NELL ALLUNGAMENTO CHE NELL ACCORCIAMENTO LA COORDINAZIONE DELLE DIVERSE CATENE GOVERNA LA DINAMICA DI MOVIMENTO E L EQUILIBRIO POSTURALE.

16 Gruppi muscolari che partecipano ad una comune azione vengono definiti catene muscolari Le catene muscolari rappresentano circuiti in continuità di direzione e di piano attraverso i quali si propagano le forze organizzatrici del nostro corpo. Le catene muscolari sono sequenze di fasci e muscoli, al cui interno esiste un passaggio di tono.

17 CATENE MUSCOLARI

18 ORGANIZZAZIONE MUSCOLATURA TONICA (muscoli lenti, corti, monoarticolari, mantengono la postura in statica) Muscoli centrali (addominali, lombari, partecipano al controllo posturale) FASICA ( muscoli veloci, lunghi, biarticolari,sviluppano azioni dinamiche) Muscoli periferici (permettono ampiezza di movimento, muscoli di tipo dinamico)

19 MUSCOLI DI CHIUSURA MUSCOLI DI APERTURA Gruppi di muscoli che compiono flessione e rotazione interna Gruppi di muscoli che compiono estensione e rotazione esterna

20 MUSCOLI SOGGETTI AD ALLUNGAMENTO ED ACCORCIAMENTO Accorciamento (ileo-psoas, flessori dell anca, tensore f. lata, adduttori, ischio-crurali, retto femorale, tricipite surale. Piccolo e grande pettorale, parte supdel trapezio, deltoide, intrarotatori spalla) Indebolimento ( grande e piccolo gluteo, vasto mediale e interm, tibiale anteriori e peronieri. Retto e obliqui dell addome, extrarotatori spalla, parte inf e intermedia del trapezio)

21 CATENE CROCIATE Le catene crociate ci permettono di effettuare i movimenti di torsione Tanto le catene rette sono volte alla statica, tanto le catene crociate sono volte al movimento Questi due sistemi non son mai antagonisti ma complementari

22 Valutare sempre globalmente ed eseguire test analitici solo quando la globalità ci indica un malfunzionamento

23 TESTS D INGRESSO Valutazione iniziali al fine di identificare i carichi e le esercitazioni di squadra e individuali Misure antropometriche e plicometria Valutazione funzionale -squattest -single leg sqaut Valutazione posturale Valutazione fisica -cmjl -cmjl mono stiffness - test leger

24

25 PERCHE LO SQUAT? Lo Squat è un valido strumento di valutazione della funzionalità dell atleta elemento essenziale per poter programmare qualitativamente il lavoro fisico

26 SQUAT E un azione poliarticolare E alla base di alcuni gesti tecnici Facile da eseguire VALUTIAMO Mobilita attiva Azione muscoli stabilizzatori Equilibrio specifico Intervento segmenti articolari e catene muscolari

27 PROBLEMI NELLO SQUAT TEST MOBILITA ARTICOLARE TIBIO-TARSICA ROTAZIONE TIBIA FORZA E FLESSIBILITA QUADRICIPITE FLESSIBILITA ANCHE ISCHIO- CRURALI FORZA E TENUTA LOMBARE FORZA E MOBILITA SCAPOLO- OMERALE

28 VALUTAZIONE ANALITICA

29

30 ESAME MUSCOLARE

31 Movimenti di torsione nel basket Torcere : movimento di una parte del corpo attorno al proprio asse longitudinale mantenendo ferma una estremita. (Malavenda 88)

32 MOVIMENTI SUL PIANO TRASVERSO Allenare i movimenti con torsioni e rotazioni : - 87,5% dei muscoli hanno la rotazione come funzione -Il nostro corpo è stato creato per ruotare - In un allenamento funzionale utilizzare una quantità maggiore di movimenti sul piano trasverso Funzionali vuol dire essere coordinati, forti, flessibili, agili, l approccio deve essere globale.

33 Il Play compie una torsione ogni 7 22 La Guardia compie un torsione ogni 8 55 L Ala compie una torsione ogni 9 05 Il Centro compie una torsione ogni 9 51 I Piccoli compiono più torsioni dei Lunghi, le torsioni sono maggiori in attacco, gli Esterni compiono più torsioni offensive con palla, viceversa per gli Interni. E funzionale allenare le torsioni in appoggio monopodalico.

34 Funzione Trasferimento del Core Trasferisce le spinte degli arti inferiori Trasferisce gli slanci degli arti superiori Compatta il Sistema Previene gli infortuni Aumenta la percezione delle sinergie muscolari Migliora la prestazione

35 C O R E Gli addominali di un cestista lavorano in eccentrica partecipano notevolmente ai movimenti torsionali Lavorare meno con movimenti lineari (crunch) Il muscolo motore dell addome è il trasverso, il retto è subordinato al trasverso Con il lavoro per il trasverso soddisfo l azione del retto Il trasverso insieme al multifido proteggono il rachide lombare Muscoli che si attivano all inizio del movimento degli arti

36

37 Allenamento muscolare Allenamento funzionale -Muscoli -Carico -Forza -Muscoli addominali - Esercizi assistiti - Catene cinetiche -Tecnica -Movimento -Il Core -Controllo e propriocettività

38

39

40

41 - Controllo sensibilità propriocettiva -Dinamismo, cercare di migliorare la coordinazione intermuscolare - Utilizzo di diverse modalità di contrazione - Ampiezza ottimale di movimenti

42 Funzionalità e Controllo - Funzionalità e stabilizzazione devono essere sempre presenti negli allenamenti - Possono essere abbinati ai lavori di forza - Ridotti in fase di sviluppo ed aumentati successivamente - Rispetto specificità, fondamentali per i giovani

43

44 -L Allenamento funzionale non esclude le altre metodologie ma le completa e le rinforza -L Allenamento funzionale è l applicazione pratica dei principi fisiologici che regolano il movimento umano. -L allenamento funzionale attiva maggiormente i muscoli e rende qualitativamente migliore il movimento

45 LA FORZA CRESCE IN OGNUNO DINOI SOLO CRESCENDO I N S I E M E

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo 1^FASE PUBERALE FEMMINE 11/12 13/14 1^FASE PUBERALE MASCHI 12/13 14/15 2^FASE PUBERALE FEMMINE 13/14 17/18 2^FASE PUBERALE MASCHI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE 2 CORSO NAZIONALE PREPARATORI FISICI PALLAVOLO LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE GIACOMO TOLLINI NORCIA 20/21 GIUGNO 2005 FUNZIONALITA FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE CATENE CINETICHE POSTURA Metodi

Dettagli

Premessa. Non esiste un esercizio migliore di un altro, ma solo metodi di lavoro più efficaci. Francesco Cuzzolin.

Premessa. Non esiste un esercizio migliore di un altro, ma solo metodi di lavoro più efficaci. Francesco Cuzzolin. La funzionalità muscolo scheletrica: applicazioni per l attività motoria e lo sport www.francescocuzzolin.com Premessa Non esiste un esercizio migliore di un altro, ma solo metodi di lavoro più efficaci

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

Allenamento di base nella pallavolo Siena 3 settembre 2006

Allenamento di base nella pallavolo Siena 3 settembre 2006 Allenamento di base nella pallavolo Siena 3 settembre 2006 Rel. Paolo Borghi borghi.paolo1961@libero.it Materiale umano Scarsa motricità Scarsa plasticità delle qualità coordinative pallavolo Per mantenere

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Obiettivo del preparatore fisico Economizzare il più possibile il gesto tecnico

Dettagli

Programmazione fisica di un settore giovanile di Pallacanestro ORGANIZZAZIONE DELL ALLENAMENTO Prof. Claudio Mazzaufo

Programmazione fisica di un settore giovanile di Pallacanestro ORGANIZZAZIONE DELL ALLENAMENTO Prof. Claudio Mazzaufo Programmazione fisica di un settore giovanile di Pallacanestro ORGANIZZAZIONE DELL ALLENAMENTO Prof. Claudio Mazzaufo Sintesi dei 3 aspetti Tecnico/tattico Fisico Mentale UNA DEFINIZIONE di Coach Andrea

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda PILATES E LOMBALGIA Bologna 19 Novembre 2011 Rosalisa Lapomarda PILATES: IL METODO PILATES RICHIEDE UN TOTALE IMPEGNO DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO INSIEME:ARMONIA. E UNA FORMA DI BENESSERE CHE

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

PRIMA SETTIMANA. 1. Retto addominale : crunch 2. Lombari : ponte supino 3. Pettorali : piegamenti 4. Add. Profondi : Ponte prono

PRIMA SETTIMANA. 1. Retto addominale : crunch 2. Lombari : ponte supino 3. Pettorali : piegamenti 4. Add. Profondi : Ponte prono PRIMA SETTIMANA LUNEDI Riscaldamento : 20 Corsa 2 Mobilità articolare 6 Esercitazione tecnica 12 Parte centrale : 32 Circuit training forza tonificante busto 16 4 ad esercizio ( per ogni esercizio verranno

Dettagli

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta LIFETRAIL è un innovativo sistema concepito per la ginnastica dolce e riabilitativa della terza e quarta età. Si

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

La valutazione della funzionalità muscolo-articolare.! Scienza o esigenza?

La valutazione della funzionalità muscolo-articolare.! Scienza o esigenza? La valutazione della funzionalità muscolo-articolare.!! Scienza o esigenza? 1 Scienza o esigenza "Everything that can be counted does not necessarily count, everything that counts cannot necessarily be

Dettagli

emiplegico in fase acuta

emiplegico in fase acuta Il pre-occuparsi terapeutico Il trattamento del paziente emiplegico in fase acuta Associazione RMP Elementi basilare dell approccio terapeutico Conoscenza delle varie forme di emiplegia Conoscenza per

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

CORE TRAINING PER L ATLETICA LEGGERA

CORE TRAINING PER L ATLETICA LEGGERA CORE TRAINING PER L ATLETICA LEGGERA INTRODUZIONE AL CORE TRAINING Il termine CORE è utilizzato in inglese scientifico per indicare il centro dell energia in un corpo. Il nucleo centrale della terra è

Dettagli

Aspetti fondamentali ll ne allenament d o ell f a orza nell lla canoa Prof. Marco Marco Guazzini

Aspetti fondamentali ll ne allenament d o ell f a orza nell lla canoa Prof. Marco Marco Guazzini Aspetti fondamentali nell allenamento della forza nella canoa Prof. Marco Guazzini Premessa Il mio intervento sarà volutamente breve, perché dovrà servire a stimolare ulteriormente il dibattito, suscitato

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm.

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. La struttura del programma Il programma può essere strutturato

Dettagli

ESERCIZI FUNZIONALI E POSTURA: PROBLEMATICHE E POSSIBILI CONTROINDICAZIONI. Palermo 29.30 ottobre 2011

ESERCIZI FUNZIONALI E POSTURA: PROBLEMATICHE E POSSIBILI CONTROINDICAZIONI. Palermo 29.30 ottobre 2011 ESERCIZI FUNZIONALI E POSTURA: PROBLEMATICHE E POSSIBILI CONTROINDICAZIONI Palermo 29.30 ottobre 2011 TUTTO È VELENO; NIENTE È VELENO; È LA DOSE CHE FA IL VELENO!!!! ...???????????????? A sto punto

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico.

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico. articolo N.38 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper Linee guida della proposta di lavoro Giuliano Corradi - Marco Di Maggio Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti

Dettagli

Postura: equilibrio e stabilità. Liceo Classico «J. Stellini»

Postura: equilibrio e stabilità. Liceo Classico «J. Stellini» Postura: equilibrio e stabilità Liceo Classico «J. Stellini» classe 3^ C Evoluzione umana Dalla quadrupedia al bipedalismo Rappresentazione biomeccanica della forza di gravità applicata su L4 osservata

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA NUMERO 1 OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA TEST DA CAMPO PER LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DELL ATLETA INTRODUZIONE Prima di eseguire qualsiasi tipologia di allenamento si deve capire qual è lo

Dettagli

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE a cura di ELISABETTA INTROINI COORDINATRICE SETTORE JUNIORES VELOCITA FICK con la collaborazione di ANTONIO CANNONE SOMMARIO 1. Cosa è la mobilità funzionale e

Dettagli

L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini

L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini La spalla del nuotatore è una patologia infiammatoria dell articolazione scapolo omerale che

Dettagli

Lavoro in acqua: condizionamento e riabilitazione

Lavoro in acqua: condizionamento e riabilitazione Corso di specializzazione per preparatori fisici di pallavolo Norcia, 06-13 luglio 2004 Lavoro in acqua: condizionamento e riabilitazione Relatori: Farneti Sergio, Lucchetti Gian Luca, Mencaccini Simone,

Dettagli

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE Testo e disegni di Stelvio Beraldo La regione posteriore delle cosce ("faccia" posteriore) è formata dai muscoli (Farina A.: Atlante di anatomia umana descrittiva

Dettagli

Ruolo dei muscoli adduttori posteriori nella funzione posturale.

Ruolo dei muscoli adduttori posteriori nella funzione posturale. Ruolo dei muscoli adduttori posteriori nella funzione posturale. Emiliano Grossi Specialista in Rieducazione Posturale Globale; Roma. La muscolatura adduttoria degli arti inferiori, anche a riposo, si

Dettagli

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione

La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Milano, 26 novembre 15 La spalla del pallavolista: problematica e prevenzione Moreno Mascheroni Fisioterapista Club Italia femminile Nazionale U20 femminile contenuto del corso cenni di anatomia e cinesiologia

Dettagli

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING LO STRETCHING Le tecniche di allungamento passivo sono molto diffuse perché efficaci e prive di effetti nocivi sull'apparato muscolo-tendineo. In particolare lo stretching consiste nel portare un gruppo

Dettagli

Metodiche di allenamento della forza

Metodiche di allenamento della forza Metodiche di allenamento della forza Alessandro Brunello Predazzo 9 maggio 2015 ALLENAMENTO DELLA FORZA: diversi metodi diversi mezzi diverse ricerche Ambiente ischemico ed ipossico favorisce aumento

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi

GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi Revfin e' l attrezzo per l'allenamento in piscina ideale per chi vuole sfruttare la resistenza idrodinamica, la pressione

Dettagli

IL TRONCO LE CATENE RETTE DEL TRONCO

IL TRONCO LE CATENE RETTE DEL TRONCO IL TRONCO LE CATENE RETTE DEL TRONCO La flessione e l estensione del tronco dipendono dalle catene rette e avvengono in rapporto a due importanti assi miotensivi: uno anteriore e uno posteriore. L asse

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

LE BASI DELLA BIOMECCANICA. dott. Alessandro Ganzini

LE BASI DELLA BIOMECCANICA. dott. Alessandro Ganzini LE BASI DELLA BIOMECCANICA dott. Alessandro Ganzini LE LEVE La maggior parte dei muscoli del nostro corpo agisce tramite delle leve ossee. I muscoli che non agiscono tramite leve non intervengono nei movimenti

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

AZIONE E CONSEGUENZE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA AEROBICA, CORSA E CICLISMO, SUGLI APPARATI CARDIO-CIRCOLATORIO, MUSCOLO-SCHELETRICO E RESPIRATORIO

AZIONE E CONSEGUENZE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA AEROBICA, CORSA E CICLISMO, SUGLI APPARATI CARDIO-CIRCOLATORIO, MUSCOLO-SCHELETRICO E RESPIRATORIO AZIONE E CONSEGUENZE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA AEROBICA, CORSA E CICLISMO, SUGLI APPARATI CARDIO-CIRCOLATORIO, MUSCOLO-SCHELETRICO E RESPIRATORIO In generale una costante attività fisica apporta notevoli

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA

CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA (di D. Ercolessi - Supervolley dic 97) Non a torto il mal di schiena è stato definito come uno dei moli del secolo. Pur non essendo certo un pericolo per lo

Dettagli

Strategia di Valutazione EHFA (EAD 03) Ragione sociale dell Ente di formazione:

Strategia di Valutazione EHFA (EAD 03) Ragione sociale dell Ente di formazione: Strategia di Valutazione EHFA (EAD 03) Ragione sociale dell Ente di formazione: Introduzione Standard della European Health and Fitness Association (Associazione Europea di Salute e Fitness - EHFA) Sono

Dettagli

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) MECCANISMI ALLA BASE DELLA PLASTICITÀ DEL S.N.C. 1 RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PERDUTE O UTILIZZAZIONE DI ALTRE AREE CORTICALI (Lurija)

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Proposte di Programmazione e Controllo dell Allenamento del Calciatore

Proposte di Programmazione e Controllo dell Allenamento del Calciatore A.I.A.C. Arezzo.. Seminario Proposte di Programmazione e Controllo dell Allenamento del Calciatore Alessandro Scaia LUNEDI 03 FEBBRAIO 2014 Sansepolcro (AR) Com è possibile oggi allenare un calciatore

Dettagli

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie Prima parte: la cervicale Per impostare un programma di lavoro che abbia la massima efficacia su una rachialgia dobbiamo

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - raduno, rappresenta una fase fondamentale per creare i presupposti

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING

PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING La continua voglia di migliorarsi in quel magico processo di confronto uomo macchina determinato dalla competizione, i gesti

Dettagli

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia Indice 1. Componenti dell unità AinS... pag. 3 Componenti 1 Cinghia di ancoraggio 5 3 6 1 2 3 4 2. Ancoraggi e regolazioni... pag. 4 2 Fasce principali 3. Avvertenze... pag. 5 3 Moschettone di collegamento

Dettagli

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari ICOLLO COLLO Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari denominate triangolo anteriore e posteriore. Il triangolo anteriore è delimitato dalla mandibola, dallo sterno e dal

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

ABSTRACT RINGRAZIAMENTI

ABSTRACT RINGRAZIAMENTI ABSTRACT Il fascino e l interesse per la video analisi e la relativa carenza di informazioni in letteratura ci hanno motivato a studiare il rovescio a una e due mani. L obiettivo del project work è di

Dettagli

ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON

ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON ADDOMINALI TRAINING ARGOMENTO PAGINA ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON GYM BALL ESERCIZI

Dettagli

La preparazione fisica dell atleta Master di Guido Brunetti

La preparazione fisica dell atleta Master di Guido Brunetti La preparazione fisica dell atleta Master di Guido Brunetti Il settore master, nella scherma ma anche in molte altre attività sportive, è attualmente in forte espansione: c è una forte riscoperta del movimento,

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - campionato, rappresenta una fase fondamentale per

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE di Matteo Bisoffi La valutazione fisico/funzionale degli atleti è un passaggio obbligatorio al fine di impostare correttamente gli allenamenti; una preparazione fisica

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

Settore Tecnico A.I.A.

Settore Tecnico A.I.A. Settore Tecnico A.I.A. Corso Arbitro di Calcio Stagione Sportiva 2008/09 Associazione Italiana Arbitri: Corso Arbitro di Calcio Lezione n. 5 5.1. Proposta Routine Riscaldamento Pre-Gara 5.2. Valutazione

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE

RELAZIONE TECNICA INERENTE Introduzione RELAZIONE TECNICA INERENTE L ATTREZZO PER ALLENAMENTO DI FORZA: SEMI BAR Nel 1996 fui colpito da una pubblicazione di Stuart McRobert (Tecnica di allenamento con i pesi Sandro Ciccarelli Editore,1996)

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA NUMERO 0 OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA INTRODUZIONE : PREPARAZIONE FISICA NEI GIOVANI Premessa La formazione del Tecnico di Triathlon che opera con i Giovani e Giovanissimi è uno dei punti

Dettagli

FORZA RAPIDA (o veloce)

FORZA RAPIDA (o veloce) FORZA RAPIDA (o veloce) Per FORZA RAPIDA (o VELOCE) si intende la capacità del sistema neuromuscolare di superare resistenze con un elevata velocità di contrazione. Viene definita: - Forza esplosiva quando

Dettagli

INDICE 2.2 TAPPE DI SVILUPPO 11 2.3 METODOLOGIA D ALLENAMENTO 13 3 STRETCHING 15 3.1 PROPOSTE PRATICHE DI STRETCHING 16 BIBLIOGRAFIA 25

INDICE 2.2 TAPPE DI SVILUPPO 11 2.3 METODOLOGIA D ALLENAMENTO 13 3 STRETCHING 15 3.1 PROPOSTE PRATICHE DI STRETCHING 16 BIBLIOGRAFIA 25 FIHP - SIRI Ed 2014 C.O.N.I F.I.H.P. INDICE Capitolo Pagina INTRODUZIONE 2 1 IL RISCALDAMENTO MUSCOLARE 3 1.1 EFFETTI DEL RISCALDAMENTO MUSCOLARE 7 1.2 NORME DI RISCALDAMENTO 8 1.3 PROGRESSIONE PRATICA

Dettagli

Corso di POSTUROLOGIA APPLICATA

Corso di POSTUROLOGIA APPLICATA Sabato 23-03-2013 Corso di POSTUROLOGIA APPLICATA 1 Seminario di: Test muscolari e Kinesiologia applicata Hotel Mercure, Bologna 23/24-03/2013 08.30-09.30: Dimostrazione pratica del programma del corso

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali?

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali? INTERVISTA A ROBERTO SASSI Di Ferretto Ferretti Roberto Sassi è uno dei più noti preparatori atletici del calcio. Oltre che in molte squadre italiane di serie A (Lecce, Lazio, Torino, Verona, Fiorentina,

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

ALLENAMENTO. AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. la parola allenamento deriva dal latino

ALLENAMENTO. AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. la parola allenamento deriva dal latino ALLENAMENTO la parola allenamento deriva dal latino AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. La programmazione, l organizzazione e la scelta dei mezzi d allenamento derivano da diversi fattori,

Dettagli

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione.

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. IN CORPORE SANO FACE TO FACE: BATTLE REVIEWS Bologna 21 febbraio 2015 CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. Premesse La carenza di sviluppo

Dettagli

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini Train hard or go home Tecniche di Allenamento by Federico Focherini introduzione AVVERTENZA: Questa sezione ha finalità puramente informativa e descrive le tecniche di allenamento utilizzate da un atleta

Dettagli

Università degli studi di Verona Scienze Motorie Cordioli Eleonora

Università degli studi di Verona Scienze Motorie Cordioli Eleonora Università degli studi di Verona Dipartimento Scienze neurologiche e del movimento Scienze Motorie Tecnica e didattica dell attività motoria in acqua Cordioli Eleonora Verona, 24 novembre 2014 Aquafitness

Dettagli

06/12/2204 Corso allenatori di secondo grado Relatore : Maurizio Gardenghi LA PREPARAZIONE ATLETICA NELLA PALLAVOLO

06/12/2204 Corso allenatori di secondo grado Relatore : Maurizio Gardenghi LA PREPARAZIONE ATLETICA NELLA PALLAVOLO 06/12/2204 Corso allenatori di secondo grado Relatore : Maurizio Gardenghi LA PREPARAZIONE ATLETICA NELLA PALLAVOLO CHE TIPO DI SFORZO SI PRODUCE NEL SISTEMA PALLAVOLO? MASCHILE : AZIONE BREVE 1 4 SECONDI

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

I PARAMETRI TEMPORALI DEL CICLO DEL PASSO (GAIT CYCLE)

I PARAMETRI TEMPORALI DEL CICLO DEL PASSO (GAIT CYCLE) I PARAMETRI TEMPORALI DEL CICLO DEL PASSO (GAIT CYCLE) Stride time: durata del ciclo del passo Stance time: durata della fase di stance (dall appoggio del tallone di un piede al successivo sollevamento

Dettagli

PROGRAMMA D ALLENAMENTO

PROGRAMMA D ALLENAMENTO PROGRAMMA D ALLENAMENTO Prof. Marco Celia PRIMA SETTIMANA LUNEDI-GIOVEDI -SABATO CORSA CONTINUA 30 MINUTI VELOCITA 5 A KM PROGRESSIONI SUI 100 METRI 6 RIPETUTE CON 1 MIN.DI RECUPERO OPPURE 30 MINUTI DI

Dettagli

PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo - I muscoli per saltare e per muoversi con rapidità - Forza Rapida e Forza Massima nella pallavolo - Gli esercizi per gli arti inferiori

Dettagli