SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE"

Transcript

1 SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE DEFINIZIONE: LA SCOLIOSI (DISMORFISMO) E UNA DEVIAZIONE DELLA COLONNA NEI TRE PIANI DELLO SPAZIO. 1 sul piano frontale si manifesta con una deflessione laterale 2 sul piano sagittale si manifesta con una alterazione-inversione delle curve ( raddrizzamento vertebrale ) 3 sul piano trasversale con una rotazione con conseguente gibbosita l integrazione di questi tre movimenti determina la torsione vertebrale. se nel tempo i punti 2 e 3 dovessero mancare o risultare irrilevanti allora si può parlare di: ATTEGGIAMENTO SCOLIOTICO (PARAMORFISMO) SCOLIOSI IDIOPATICA MINORE - Quando la deviazione rachidea non supera il valore angolare di 30 - La componente rotatoria sia minima - La componente di raddrizzamento sul piano sagittale sia limitata

2 - Non sia indispensabile un trattamento ortopedico e quindi sia possibile intervenire solo con la cinesiterapia ATTEGGIAMENTO SOLIOTICO E una deviazione reversibile del rachide con la sola componente di deviazione sul piano frontale e con scarsa o nulla deviazione sul piano trasverso e sagittale ( foto sotto) Tre possibili atteggiamenti scoliotici :a) arto inferiore dx più corto/ b) ipogenesia dell emibacino di dx ; c) da contrattura - accorciamento della muscolatura laterale della gb dx I fattori causali possono essere : - Fattori statici e non posturali - Posturali ma divisibili fra statici e dinamici - Antalgici - Psichici

3 Fattori statici e non posturali - Bacino livellato per un arto inferiore più corto - Stesso per un ipogenesia di in emibacino - Per cause muscolari ( contratture o paresi asimmetriche del muscolo psoas ; quadrato dei lombi ; dentato posteriore e inferiore ; diaframma, medio gluteo, TFL; ischio crurali; ) : tensioni muscolari degli arti agiscono al livello lombopelvico che possono provocare asimmetrie nella flessione anteriore del tronco simulando scoliosi idiopatiche. - Per cause dovute a traumi ( un arto superiore ingessato) Fattori posturali - Fattori statici :cattive abitudini mantenute a lungo ( cause lavoro ) : fattori statici - Fattori dinamici: movimenti frequenti abitudinari che creano poi schemi motori difficilmente removibili Fattori antalgici Ernie discali o problemi alla schiena a lungo invalidanti Fattori psichici Depressioni, o malattie psichiche ; alterazione dello schema corporeo; Operatività: L apprendimento propriocettivo è la base dell azione : non si tratta di operare attraverso la scelta della combinazione meccanica delle parti con puri esercizi fisici ma piuttosto presuppone la progettazione del movimento che esalta la componente programmatica esecutiva : l intenzione ( starter ) che anticipa il movimento ( realizzazione ). Psichismo e motricità si fondono : situazioni stimolo per approdare al processo motorio

4 SVILUPPO DI UN MODELLO DEL PERCORSO DI APPRENDIMENTO MOTORIO

5 CAMPO D AZIONE : DISLOCAZIONE E SCOPERTA DEI PUNTI DI CONTATTO CORPOREO CON MAGGIORE PRESSIONE AL SUOLO IN POSIZIONE SUPINA Si chiama sistema di controllo della postura che possa intervenire ogni volta che si ha bisogno. Il sistema di controllo è organizzato a più livelli ( 1= centri superiori; 2= centri spinali ; 3= sistema muscolo scheletrico )

6 VALUTAZIONE COME PREMESSA AL TRATTAMENTO RIEDUCATIVO PUNTI IMPORTANTI DA CONSIDERARE Si visita posteriormente per verificare: l equilibrio della curvatura della schiena posizione delle spalle triangolo della taglia Forward bending : verifica la presenza del gibbo ( espressione clinica della rotazione vertebrale e quindi scoliosi pericolosa ) Visione laterale : regolarità ed equilibrio delle curve in lordosi, cifosi Altri fattori : peso, statura, eventuale sport praticato, e in particolare le prestazioni respiratorie sotto sforzo, familiarietà Si completa la visita con l esame radiologico in cui si determina l angolo e le inclinazioni definite in gradi per determinarne il trattamento idoneo. SECONDO NEGRINI - SALLERI : 1. Osservazione posteriore, laterale e frontale: - Sopraelevazione di una spalla delle scapole; - Livello del bacino per valutarne eventuali asimmetrie a carico degli arti inferiori : si valuta un eventuale eterometria ( lunghezza simmetrica degli arti inferiori. Questa valutazione viene fatta o in carico ( in piedi ) oppure in scarico ( sul lettino supini). - Triangolo della taglia per l obliquità e rotazione del bacino - Deviazione (rotazione) delle spinose viste lateralmente e gibbosità in carico - Misurazione dell assetto frontale (strapiombo) e sagittale ( frecce ) usando il filo a piombo : filo posizionato nella prominenza della C7 e fatto cadere attraverso la linea interglutea. - Lordosi cervicale e lombare, cifosi dorsale, inversione delle curve ( frecce sagittali ) i vari strapiombi

7 foto : i vari strapiombi e la forza muscolare ( pivetta) - Torace: piatto, con depressione contro sternale, rachitico, ad imbuto, carenato. - Statica delle ginocchia : valgismo, varismo, piattismo - Segni di maturazione sessuale secondaria ( scala di Tanner )

8 Foto : scala di Tanner 2 valutazione radiologica - Il test di Risser : valuta il grado di ossificazione della cresta iliaca per stabilire l età ossea. L ossificazione inizia dalla spina iliaca anteriore superiore e procedendo posteriormente fino alla spina iliaca posteriore superiore fino a concludere con la fusione completa con l ala iliaca. Dagli anni nelle ragazze e nei maschi. Da 0-5 sono i stadi di maturazione ossea: R-1 assenza del nucleo fino alla comparsa R-2 formazione di più nuclei R-3 fusione della cresta R-4 estensione mediale

9 R-5 fusione con l osso iliaco. Lo stadio di crescita di ossificazione compare dopo qualche anno dall inizio della pubertà, quando la crescita scheletrica è ormai in fase calante. Si monitorizza anche in abbinamento alla misurazione della crescita staturale ( ogni 3 mesi circa). Alla maturazione dello scheletro (R-5) l evoluzione della curva dovrebbe arrestarsi. Ma nelle scoliosi più gravi continuano fino a provocare danni anatomofunzionali con lesioni neurologiche. Il test si verifica attraverso radiogrammi come routine per controllare la progressione scoliotica TEST DELL ANGOLO DI COBB Permette di valutare la l deflessione laterale delle vertebre. La misurazione del grado di curvatura secondo Cobb si misura attraverso l angolo compreso fra la perpendicolare al piatto superiore della vertebra limite superiore e la perpendicolare del piatto inferiore della vertebra limite inferiore

10 Cobb > 5 = si possono già considerare casi scoliotici Cobb 5-30 = costituisce la maggior parte delle scoliosi Cobb > 30 curva preoccupante Ancora con la radiografia : - Si misurano le alterazioni di forma del corpo vertebrale, primitive congenite e quindi causa della curvatura stessa o secondarie prodotto delle deformità che si sono sviluppate nel corpo, nelle apofisi e nei peduncoli vertebrali - La sede della curva definita considerando le vertebre limitanti e le vertebre apicali - Si rende più preciso il test di eterometrie dei femori attraverso lo studio delle teste femorali. Uno studio sulla flessibilità della colonna consente di evidenziare uno dei principali obiettivi terapeutici della rieducazione. Una studiosa francese Duval afferma che la flessibilità della curva scoliotica risulta dalla somma di 2 valori totalmente diversi fra loro : l indice di riducibilità e il cedimento posturale L indice di riducibilità : questo valore si ottiene fra una radiografia da supino ed una da supino in correzione. Dipende dalla componente elastica della deformazione strutturale e da una certa estensibilità dei tessuti del lato concavo Il cedimento posturale :anche questo valore viene attenuto attraverso differenza fra radiografia in carico e una da supino non in correzione, ma è correlato al difetto del tono posturale e all estensibilità dei tessuti dal lato convesso. Si tratta quindi di un danno funziona le di tipo neuromuscolare. E un fattore importante da valutare dato che durante il mantenimento della postura corretta avvengono numerosi micro aggiustamenti. L esercizio rieducativo di tipo fisico deve cercare di ridurre il cedimento posturale e di offrire maggiore stabilità al sistema : educazione al controllo neuro muscolare della colonna vertebrale sottoposta a carico e imparare a organizzare una posizione più efficace in termini antigravitari.

11 3 Valutazione funzionale : - Forward bending :valutazione i flessione completa del busto e si può osservare sia posteriormente sia anteriormente per il riscontro di alterazioni del rachide sul piano orizzontale, loro entità e localizzazione. Con il bending anteriore si valuta anche il grado di rigidità delle curve : flettere il paziente di circa 80 avanti e poi farlo spostare a dx e sx facendo effettuare fino al massimo la flessione vs il lato convesso. Si possono avere 3 possibilità: a) Scoliosi iniziale : Inversione della curva in cui il gibbo si trova dal lato opposto a quando si è in flessione anteriore (foto 2) b) Scoliosi + avanzata o parzialmente strutturata : il gibbo quasi scompare (foto 3) c) Scoliosi molto avanzata : il gibbo permane al lato della convessità e la curva non si riduce. (foto 4 )

12 Test di Adams : forward bending con capo chino e braccia rilassate e mani unite con le dita intrecciate. Si evidenziano i gibbi che si misurano nel punto in cui il punto tra i 2 emilati è maggiore ponendo una livella con lo 0 sull apofisi spinosa della vertebra apicale e si misura l altezza del dislivello tra concavità e convessità della curva ad una distanza uguale tra la spinosa e l apice del gibbo. Con il forward bending si misura anche il gibbo sacrale - Si misurano le frecce sagittali : retroversione del bacino e retrazione del mento. utile per valutare la componente posturale e il grado di riducibilità delle curve strutturali - Elevazione sugli avampiedi : valutare la volta plantare - Decubito supino : valutazione dell estensibilità degli ischio crurali, psoas, solei - Seduto a bacino bloccat : valutare l estensibilità dei pettorali. - Valutazione della deambulazione e dell equilibrio e del controllo neuromotorio. - Valutazione dell elasticità del rachide e di alcuni gruppi muscolari - Osservazione del soggetto supino per valutarne la conformazione del rachide generale e il trofismo della muscolatura paravertebrale. Trazionando il soggetto per la testa e facendogli fare movimenti di lateralità del tronco: si valuta l elasticità o il grado di correggibilità. - Verifica della rigidità che consente l analisi evolutiva della scoliosi e di determinare se risponderà efficacemente a una correzione ( funzione muscolare ) 4 Tecnica di valutazione teletermografica Misura nello specifico il calore emesso dai muscoli della colonna. Negli scoliotici si hanno intensità differenti di lavoro muscolare tra un emidorso e l altro. I controlli termografici sono utili soprattutto per monitorizzarne l asimmetria e verificarne la progressione della malattia. EZIOLOGA DELLE SCOLIOSI Per comprendere con esattezza l approccio educativo è necessario distinguere le varie eziologie e comprendere la natura delle curve. a. Eziologie di tipo biomeccanico b. Eziologie di tipo neurofisiologico c. Eziologie di tipo psicomotorio a. Scoliosi con caratteristiche biomeccaniche : Sono deviazioni della colonna vertebrale che trattando con rieducazione motoria evidenziano scarsi segni di coinvolgimento sia delle strutture nervose

13 deputate all equilibrio e alla postura, sia anormalità dello sviluppo psicomotorio. Il danno rimane solo al livello della componente anatomo-meccanica. Mostrano soprattutto imperfezioni sul piano frontale. La scelta degli esercizi sarà quindi focalizzata su caratteristiche biomeccaniche. b. Scoliosi con caratteristiche neuro fisiologiche : In queste deviazioni vertebrali non esistono segni di ritardi psicomotori ma piuttosto disfunzioni a carico dei sistemi di equilibrio ( recettori vestibolari ). Sono importanti valutazioni vestibolari attraverso semplici esercizi di equilibrio, oppure nello specifico con l elettronistamografia. Esercizi da privilegiare rimangono quelli per educare all equilibrio e alla coordinazione.

14

15 c. Scoliosi psicomotorie Si manifestano al momento dell esame alcuni deficit psicomotori. Per identificarli sono necessarie prove psicomotorie. All anamnesi il soggetto risulta pigro con scarso interesse per il movimento, scarsa coordinazione, incapaci di gestirsi da solo (soprattutto nella vestizione); mantengono posture fisse nel tempo e ripetono movimenti senza variazioni ; ritardi nel camminare al momento dell apprendimento.

16 Tutto questo ha causato atteggiamenti di introversione ed indifferenza del mondo esterno, degli amici e ambiente. Si ricorrerà ad un analisi del QPM ( quoziente psicomotorio ) che rappresenta il rapporto fra età psicomotoria e età reale. I 6 aspetti della valutazione psicomotoria: Coordinazione statica Coordinazione dinamica braccia-mani Coordinazione dinamica generale Rapidità e precisione nei movimenti Simultaneità nei movimenti Esistenza o meni di sincinesie ( movimenti involontari che accompagnano alcuni atti volontari ) Esercizi idonei di valutazione I. Lancio e presa di una palla o di un bastone da una mano all altra. si misurano differenti ampiezze di esecuzione II. Salita e discesa da uno sgabello III. Cammino su un asse di equilibrio o su ceppi distribuiti nel percorso IV.Salti di un asticella tenuta a diverse altezze V. Presa di una palla alternativamente con una mano e l altra. VI.Stesso esercizio mentre si cammina COSA È UNA CURVA PRIMARIA? E LE CURVE DI COMPENSO? La curva primaria è la curva meno riducibile di entità più ampia e che presenta maggiore rotazione dei corpi vertebrali. La curva di compenso presenta angolazione e rotazione minore riducibilità. Le due semicurve permettono il riallineamento del rachide al di sopra e al di sotto della curva strutturale. Le scoliosi con curva primaria ( 70 % dei casi ) le scoliosi toraciche (circa il 25%) : convessità destra, oltre ad una curva di compenso lombare che diventa rapidamente strutturata le scoliosi toraco-lombari (circa il 19%) : una convessità destra e due emicurve di compenso le scoliosi lombari. (circa il 25%). Sono abitualmente sinistro-convesse le scoliosi cervico-toraciche (circa 1%). Di solito la convessità è sinistra e le curve di compenso toracica o toraco-lombare tendono a strutturarsi. scoliosi con doppia curva primaria (circa il 30% dei casi). le scoliosi con curva toracica e lombare (circa il 23%). Sono le più frequenti, e determinano generalmente una convessità toracica destra e lombare sinistra le scoliosi con doppia curva toracica. Le vertebre limitanti sono, di solito, T1 e T6 per la curva superiore, e T6 e T12 per quella inferiore.

17 le scoliosi con curva toracica e toraco-lombare.

18 DALLA VALUTAZIONE AL TRATTAMENTO TRATTAMENTO DELLA SCOLIOSI MINORE rieducazione posturale con presa di coscienza del corpo e dell auto correzione sui tre piani dello spazio. l auto correzione è fondamentale che deve essere associato a tutti gli esercizi proposti esercizi di rafforzamento muscolare che mirano a sviluppare le fibre tonico posturali esercizi per l equilibrio su piani stabili( sempre in autocorrezione) Esercizi controindicati eccessiva mobilizzazione perché questa facilita l aggravamento delle curve scoliotiche tutti quelli che tendono a ridurre le curve sagittali ; esempio estensione dorsale ( nelle scoliosi dorsali o dorso-lombari) o rounded spine ( nelle scoliosi lombari ) ogni 2 /3 mesi deve cambiare il programma di lavoro. Per riadattarlo e intensificarlo BASI FONDAMENTALI DELLA EDUCAZIONE MOTORIA 1 Importanza di evidenziare la curva principale e ( se dovesse presentarsi) la curva di compenso 2 Aggredire la curva principale 3 Accertarsi di avere fatto un esame obiettivo che metta in risalto la presenza o meno di strapiombi a carico del bacino o del tronco : le asimmetrie e gli strapiombi si producono su tutti e tre i piani dello spazio compreso il piano sagittale sul quali i muscoli di controllo del rachide ( soprattutto dal lato concavo quali paravertebrali ) possono parzialmente recuperare una funzionalità elastica, tonica e fasica : questo solo nelle scoliosi minori. 4 Nell esame muscolare si metta in evidenza i muscoli spinali profondi e superficiali e muscoli ileopsoas importante soprattutto nella parte inferiore del rachide per i movimenti quotidiani 5 Rilevare nelle prove la capacità funzionale del muscolo ileopsoas rispetto ai muscoli spinali profondi e superficiali attraverso prove di attività elettrica ( AEM) es :

19 Dalla posizione seduta a tronco flesso, raddrizzare il tronco ( roll up controllato) : ileospoas AEM = 1,1/ spinali profondi AEM = 1,7 / spinali superficiali AEM = 1,9- Movimento di antiversione del bacino da in piedi : ileo psoas AEM = 2,4 / spinali profondi AEM = 2,5 / spinali superficiali AEM= 2,6 Sollevare il tronco, estensione, dal decubito prono : ileo psoas AEM= 2,8 / spinali profondi AEM= 3,5 / spinali superficiali AEM= 3,6 Estensione da proni contro resistenza : ileo psoas AEM= 3,3 / spinali profondi AEM 4,0 / spinali superficiali AEM = 4,0. 6 Modalità di contrazione : isometrica, concentrica, eccentrica isocinetica Contrazione concentrica completa ad accorciamento totale = CCC Contrazione concentrica incompleta lunga provocata da 1 solo capo articolare = CCIL Contrazione concentrica incompleta breve quando la posizione di partenza è già riduttiva della massima escursione articolare = CCIB Invertendo la posizione di partenza e di arrivo in caso di contrazioni eccentriche si hanno : contrazione eccentrica completa CEC ; contrazione eccentrica incompleta lunga CEIL ; contrazione eccentrica incompleta breve CEIB Nella scheda che segue sono evidenziati questi tipi di contrazione riferiti ai muscoli quadricipite ed estensori del rachide.

20

21 7 portare attenzione all esecuzione degli esercizi possibilmente senza compensi 8 considerare la specificità o scelta funzionale dei muscoli che eseguono attivamente l esercizio terapeutico 9 evitare contrazioni isometriche di gruppi muscolari che si utilizzano come fissatori che finirebbe per rafforzarli e non sarebbe vantaggioso. In questo caso come fissatori si possono utilizzare mezzi meccanici 10 non escludere mai la componente propriocettiva ( es: gioco sugli equilibri per la stimolazione diretta dei recettori articolari e di controllo volontario ) 11 non si deve parlare di esercizi simmetrici o asimmetrici ma piuttosto: - lavoro in estensione simmetrico - lavoro in cifosi simmetrico : nelle scoliosi prevalentemente dorsali e dorsolombari dove l inversione dei curva causa flessione laterale e rotazione - lavoro in flessione e iperestensione laterale e asimmetrico : in cui si deve tenere conto dei vari decubiti, delle varie posizioni della o delle curve. per esempio Pivetta suggerisce nelle posizioni di decubito laterale confrontando con la stazione eretta, alcuni accorgimenti : o in caso di scoliosi sx, nel decubiti laterale dx con movimenti vs sx il movimento correttivo viene fatto contro gravità mentre il ritorno il lavoro muscolare paravertebrale di dx è assente in quanto lavora a favore della gravità

22 o in caso di doppia curva il lavoro a carico è ancora meno consigliabile per la facilità con la quale si instaurano compensi. Quindi ad es in una scoliosi dorsale sx e lombare dx per i lavori in decubito laterale si suggerisce di tenere l arto inferiore dx flesso, mentre per la stazione eretta ci si inclina vs sx con il busto allungando il braccio dx verso l alto.( Pivetta) - lavoro di elongazione simmetrico : movimenti che tendono ad allontanare i metameri vertebrali tentando di ridurre i contatti prodotti dalla torsione. valido il metodo Niederhoffer che si basa sul lavoro agonista dei muscoli sul lato concavo ( trasversali ) sulla muscolatura debole del lato convesso : ripercorrere le facilitazioni neuromuscolari propriocettive del Kabat.

23 Lavoro in 4 fasi di circa 4 ciascuna e ripetuto circa 3 /4 volte con massima partecipazione del soggetto per l applicazione della forza necessaria e la concentrazione a mantenere il massimo rilassamento della parte convessa. nelle prime sedute gli esercizi si consiglia di eseguirli proni ; le sedute vanno alternate a sedute di educazione respiratoria. 1 fase : trazione o resistenza applicata all arto con resistenza da parte del soggetto dal lato concavo 2 fase : contrazione statica o massimo accorciamento ( plateau) 3 fase : inizio graduale di decontrazione senza mollare completamente 4 fase: recupero

24 - lavoro di detorsione asimmetrico : è una pratica meno facile perché è proprio complicata le proposte di esercizi terapeutici. Si lavora sulla muscolatura addominale con contrazioni concentriche ed isometriche simmetriche della muscolatura addominale Esistono moltissime scuole di lavoro e citandone alcune escono nomi illustri come Bobarth, Kabat, Klapp ; Von Niederhoffer, Mèziéres, Souchard ect tutti gli autori hanno sviluppato idee di lavoro differenti che vale la pena osservare e studiare per poi acquisire consapevolezza per poi adattare l esercizio e la metodologia al soggetto ed indirizzare a sviluppare comportamenti corretti : migliorare la forza, il tono muscolare, migliorare la capacità vitale ed il portamento.

25

26 PER CUI PER BASI DELLA RIEDUCAZIONE CINESITERAPICA SI INTENDONO PERIODIZZAZIONI E PRIORITA NELLE APPLICAZIONI PREVENZIONE PRIMARIA Generalmente si applica la prevenzione primaria a patologia lieve. Quando cioè è compromessa la funzionalità : danno funzionale ( Cobb, 10 Cobb danno anatomico). In questa fase si applica il trattamento libero in cui un trattamento terapeutico sia considerato anche una prevenzione primaria. PREVENZIONE SECONDARIA In questa fase si cerca di evitare i danni della presenza conclamata della patologia: fase terapeutica a cavallo fra competenza medica e figure più professionali. Lo scopo primario di questa fase è quello di evitare l aggravamento e quindi di curare la malattia : ortesi con intervento cinesiterapico, psicologico e educativo. PREVENZIONE TERZIARIA Momento tipico del post intervento o del trattamento della scoliosi nell adulto. OBIETTIVI DELLA RIEDUCAZIONE L attività di recupero o cinesiterapia è volta soprattutto a ridurre i danni funzionali. Gli esercizi sono quelli, quindi, rivolti allo sviluppo e rafforzamento di : equilibrio ( migliorare l equilibrio assiale del tronco statico e dinamico) controllo posturale ( presa di coscienza del corpo e autocorrezione) stabilità assiale del rachide il trofismo muscolare ( sviluppare le fibre toniche dei muscoli antigravitaricorsetto muscolare per stabilizzare la colonna ) funzione respiratoria ( miglioramento della capacità vitale attraverso esercizi specifici e globali come attività motorie di tipo sportivo : in forma ricreativa dove non sono considerati automatismi ripetitivi) mobilizzazione dei cingoli ( controindicata quella del rachide in fase evolutiva ma contemplata solo in preparazione all ortensi, mentre in fase adulta e già stabilizzata è favorita dipende da autori -)

27 OBIETTIVI TERAPEUTICI: TECNICA 1) rieducazione posturale presa di coscienza del corpo ( rachide) lavoro di contrazione rilassamento : contatti del corpo nelle varie posture, dei vari distretti del corpo, della capacità respiratoria ( mobilizzazione diaframmatica ) autocorrezione 2) mobilizzazione delle cerniere vertebrali dei cingoli 3) rafforzamento dei muscoli paravertebrali : muscoli intrinseci lunghi longitudinali = ileocostale, lunghissimo e spinale muscoli intrinseci obliqui = trasversario spinoso, rotatori brevi e lunghi, multifido e semispinale

28 muscoli addominali muscoli degli arti inferiori ( con carichi) con contrazioni isometriche

29 4) equilibrio 5) integrazione neuromotoria = associazione dell autocorrezione nei movimenti globali e ai gesti della vita quotidiana 6) valorizzazione funzionale = cardio respiratoria, circolatoria e metabolica MATERIALE DIDATTICO palline sufficientemente semi morbide da utilizzare : o sotto i piedi per gli esercizi di equilibrio, controllo posturale e consapevolezza di autocorrezione ( in caso di rotazione vertebrale provare a posizionare le palline anteriori da una parte e posteriori dall altra e cambiare ) o fra le gambe in abbinamento con diversi stimoli di reclutamento muscolare o sotto le scapole per la presa di coscienza del cingolo scapolare e la sua relazione con gli arti superiori ; per educare alla meccanica respiratoria o sotto i glutei per facilitare il rinforzo addominale e liberare le gambe e muoverle meglio o sotto le ginocchia per stimolare i lavori in quadrupedia di destabilizzazione o come massaggio del corpo. bande elastiche gymball soffici woodpole roller ( o mezzi roller ) weight balls METODOLOGIA metodo Feldenkrais metodo Pilates ( matwork e grandi attrezzi :Reformer, Cadillac, chair ) rieducazione contro resistenza (con un operatore )

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA Stefano Negrini, Umberto Selleri 53 L origine della cura della scoliosi risale agli albori della medicina, mentre la cinesiterapia come trattamento

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO Il Nuoto Può sembrar facile pensare che nuotare sia una attività motoria come tutte le altre. Può essere suggestivo accostare la vita fetale all adattamento all acqua. Apprendere poco a poco tutti gli

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie

Facoltà di Scienze Motorie UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute Organizzazione e gestione del settore giovanile (dai 6 ai 15 anni) nell atletica leggera Relatore:

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI 1 LIVELLO IN FISIOTERAPIA Presidente: Prof. Andrea Ferretti LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DELLA LOMBALGIA Relatore Prof.ssa Maria Chiara

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia.

DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia. DISPLASIA NEL CANE Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia. [(La displasia del cane è una patologia di frequente riscontro nell esercizio della pratica clinica veterinaria. Fa scorrere fiumi

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O Allegato A) LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O 7,00% TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA FRATTURA SFENOIDE FRATTURA OSSO ZIGOMATICO

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

PROPR MOTOR. 104 Olympian s News

PROPR MOTOR. 104 Olympian s News PROPR MOTOR Non c è dubbio che la genetica giochi un ruolo di primo piano nella predisposizione personale alla forza muscolare e all ipertrofia. Quasi tutti gli autori riconoscono la necessità di un livello

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

QUANDO LA COLONNA VERTEBRALE CROLLA

QUANDO LA COLONNA VERTEBRALE CROLLA QUANDO LA COLONNA VERTEBRALE CROLLA Presentazione La Giornata Mondiale dell Osteoporosi (World Osteoporosis Day: WOD) celebrata il 20 ottobre di ogni anno è divenuta un evento di straordinaria popolarità

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

TEORIA TECNICA DIDATTICA DELL ATTIVITÀ MOTORIA RICREATIVA E DEL TEMPO LIBERO

TEORIA TECNICA DIDATTICA DELL ATTIVITÀ MOTORIA RICREATIVA E DEL TEMPO LIBERO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURUGIA - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLE ATTIVIT À MOTORIE E SPORTIVE TEORIA TECNICA DIDATTICA DELL ATTIVITÀ MOTORIA RICREATIVA E DEL TEMPO LIBERO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli