SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE"

Transcript

1 SCOLIOSI : ESAME POSTURALE E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE DEFINIZIONE: LA SCOLIOSI (DISMORFISMO) E UNA DEVIAZIONE DELLA COLONNA NEI TRE PIANI DELLO SPAZIO. 1 sul piano frontale si manifesta con una deflessione laterale 2 sul piano sagittale si manifesta con una alterazione-inversione delle curve ( raddrizzamento vertebrale ) 3 sul piano trasversale con una rotazione con conseguente gibbosita l integrazione di questi tre movimenti determina la torsione vertebrale. se nel tempo i punti 2 e 3 dovessero mancare o risultare irrilevanti allora si può parlare di: ATTEGGIAMENTO SCOLIOTICO (PARAMORFISMO) SCOLIOSI IDIOPATICA MINORE - Quando la deviazione rachidea non supera il valore angolare di 30 - La componente rotatoria sia minima - La componente di raddrizzamento sul piano sagittale sia limitata

2 - Non sia indispensabile un trattamento ortopedico e quindi sia possibile intervenire solo con la cinesiterapia ATTEGGIAMENTO SOLIOTICO E una deviazione reversibile del rachide con la sola componente di deviazione sul piano frontale e con scarsa o nulla deviazione sul piano trasverso e sagittale ( foto sotto) Tre possibili atteggiamenti scoliotici :a) arto inferiore dx più corto/ b) ipogenesia dell emibacino di dx ; c) da contrattura - accorciamento della muscolatura laterale della gb dx I fattori causali possono essere : - Fattori statici e non posturali - Posturali ma divisibili fra statici e dinamici - Antalgici - Psichici

3 Fattori statici e non posturali - Bacino livellato per un arto inferiore più corto - Stesso per un ipogenesia di in emibacino - Per cause muscolari ( contratture o paresi asimmetriche del muscolo psoas ; quadrato dei lombi ; dentato posteriore e inferiore ; diaframma, medio gluteo, TFL; ischio crurali; ) : tensioni muscolari degli arti agiscono al livello lombopelvico che possono provocare asimmetrie nella flessione anteriore del tronco simulando scoliosi idiopatiche. - Per cause dovute a traumi ( un arto superiore ingessato) Fattori posturali - Fattori statici :cattive abitudini mantenute a lungo ( cause lavoro ) : fattori statici - Fattori dinamici: movimenti frequenti abitudinari che creano poi schemi motori difficilmente removibili Fattori antalgici Ernie discali o problemi alla schiena a lungo invalidanti Fattori psichici Depressioni, o malattie psichiche ; alterazione dello schema corporeo; Operatività: L apprendimento propriocettivo è la base dell azione : non si tratta di operare attraverso la scelta della combinazione meccanica delle parti con puri esercizi fisici ma piuttosto presuppone la progettazione del movimento che esalta la componente programmatica esecutiva : l intenzione ( starter ) che anticipa il movimento ( realizzazione ). Psichismo e motricità si fondono : situazioni stimolo per approdare al processo motorio

4 SVILUPPO DI UN MODELLO DEL PERCORSO DI APPRENDIMENTO MOTORIO

5 CAMPO D AZIONE : DISLOCAZIONE E SCOPERTA DEI PUNTI DI CONTATTO CORPOREO CON MAGGIORE PRESSIONE AL SUOLO IN POSIZIONE SUPINA Si chiama sistema di controllo della postura che possa intervenire ogni volta che si ha bisogno. Il sistema di controllo è organizzato a più livelli ( 1= centri superiori; 2= centri spinali ; 3= sistema muscolo scheletrico )

6 VALUTAZIONE COME PREMESSA AL TRATTAMENTO RIEDUCATIVO PUNTI IMPORTANTI DA CONSIDERARE Si visita posteriormente per verificare: l equilibrio della curvatura della schiena posizione delle spalle triangolo della taglia Forward bending : verifica la presenza del gibbo ( espressione clinica della rotazione vertebrale e quindi scoliosi pericolosa ) Visione laterale : regolarità ed equilibrio delle curve in lordosi, cifosi Altri fattori : peso, statura, eventuale sport praticato, e in particolare le prestazioni respiratorie sotto sforzo, familiarietà Si completa la visita con l esame radiologico in cui si determina l angolo e le inclinazioni definite in gradi per determinarne il trattamento idoneo. SECONDO NEGRINI - SALLERI : 1. Osservazione posteriore, laterale e frontale: - Sopraelevazione di una spalla delle scapole; - Livello del bacino per valutarne eventuali asimmetrie a carico degli arti inferiori : si valuta un eventuale eterometria ( lunghezza simmetrica degli arti inferiori. Questa valutazione viene fatta o in carico ( in piedi ) oppure in scarico ( sul lettino supini). - Triangolo della taglia per l obliquità e rotazione del bacino - Deviazione (rotazione) delle spinose viste lateralmente e gibbosità in carico - Misurazione dell assetto frontale (strapiombo) e sagittale ( frecce ) usando il filo a piombo : filo posizionato nella prominenza della C7 e fatto cadere attraverso la linea interglutea. - Lordosi cervicale e lombare, cifosi dorsale, inversione delle curve ( frecce sagittali ) i vari strapiombi

7 foto : i vari strapiombi e la forza muscolare ( pivetta) - Torace: piatto, con depressione contro sternale, rachitico, ad imbuto, carenato. - Statica delle ginocchia : valgismo, varismo, piattismo - Segni di maturazione sessuale secondaria ( scala di Tanner )

8 Foto : scala di Tanner 2 valutazione radiologica - Il test di Risser : valuta il grado di ossificazione della cresta iliaca per stabilire l età ossea. L ossificazione inizia dalla spina iliaca anteriore superiore e procedendo posteriormente fino alla spina iliaca posteriore superiore fino a concludere con la fusione completa con l ala iliaca. Dagli anni nelle ragazze e nei maschi. Da 0-5 sono i stadi di maturazione ossea: R-1 assenza del nucleo fino alla comparsa R-2 formazione di più nuclei R-3 fusione della cresta R-4 estensione mediale

9 R-5 fusione con l osso iliaco. Lo stadio di crescita di ossificazione compare dopo qualche anno dall inizio della pubertà, quando la crescita scheletrica è ormai in fase calante. Si monitorizza anche in abbinamento alla misurazione della crescita staturale ( ogni 3 mesi circa). Alla maturazione dello scheletro (R-5) l evoluzione della curva dovrebbe arrestarsi. Ma nelle scoliosi più gravi continuano fino a provocare danni anatomofunzionali con lesioni neurologiche. Il test si verifica attraverso radiogrammi come routine per controllare la progressione scoliotica TEST DELL ANGOLO DI COBB Permette di valutare la l deflessione laterale delle vertebre. La misurazione del grado di curvatura secondo Cobb si misura attraverso l angolo compreso fra la perpendicolare al piatto superiore della vertebra limite superiore e la perpendicolare del piatto inferiore della vertebra limite inferiore

10 Cobb > 5 = si possono già considerare casi scoliotici Cobb 5-30 = costituisce la maggior parte delle scoliosi Cobb > 30 curva preoccupante Ancora con la radiografia : - Si misurano le alterazioni di forma del corpo vertebrale, primitive congenite e quindi causa della curvatura stessa o secondarie prodotto delle deformità che si sono sviluppate nel corpo, nelle apofisi e nei peduncoli vertebrali - La sede della curva definita considerando le vertebre limitanti e le vertebre apicali - Si rende più preciso il test di eterometrie dei femori attraverso lo studio delle teste femorali. Uno studio sulla flessibilità della colonna consente di evidenziare uno dei principali obiettivi terapeutici della rieducazione. Una studiosa francese Duval afferma che la flessibilità della curva scoliotica risulta dalla somma di 2 valori totalmente diversi fra loro : l indice di riducibilità e il cedimento posturale L indice di riducibilità : questo valore si ottiene fra una radiografia da supino ed una da supino in correzione. Dipende dalla componente elastica della deformazione strutturale e da una certa estensibilità dei tessuti del lato concavo Il cedimento posturale :anche questo valore viene attenuto attraverso differenza fra radiografia in carico e una da supino non in correzione, ma è correlato al difetto del tono posturale e all estensibilità dei tessuti dal lato convesso. Si tratta quindi di un danno funziona le di tipo neuromuscolare. E un fattore importante da valutare dato che durante il mantenimento della postura corretta avvengono numerosi micro aggiustamenti. L esercizio rieducativo di tipo fisico deve cercare di ridurre il cedimento posturale e di offrire maggiore stabilità al sistema : educazione al controllo neuro muscolare della colonna vertebrale sottoposta a carico e imparare a organizzare una posizione più efficace in termini antigravitari.

11 3 Valutazione funzionale : - Forward bending :valutazione i flessione completa del busto e si può osservare sia posteriormente sia anteriormente per il riscontro di alterazioni del rachide sul piano orizzontale, loro entità e localizzazione. Con il bending anteriore si valuta anche il grado di rigidità delle curve : flettere il paziente di circa 80 avanti e poi farlo spostare a dx e sx facendo effettuare fino al massimo la flessione vs il lato convesso. Si possono avere 3 possibilità: a) Scoliosi iniziale : Inversione della curva in cui il gibbo si trova dal lato opposto a quando si è in flessione anteriore (foto 2) b) Scoliosi + avanzata o parzialmente strutturata : il gibbo quasi scompare (foto 3) c) Scoliosi molto avanzata : il gibbo permane al lato della convessità e la curva non si riduce. (foto 4 )

12 Test di Adams : forward bending con capo chino e braccia rilassate e mani unite con le dita intrecciate. Si evidenziano i gibbi che si misurano nel punto in cui il punto tra i 2 emilati è maggiore ponendo una livella con lo 0 sull apofisi spinosa della vertebra apicale e si misura l altezza del dislivello tra concavità e convessità della curva ad una distanza uguale tra la spinosa e l apice del gibbo. Con il forward bending si misura anche il gibbo sacrale - Si misurano le frecce sagittali : retroversione del bacino e retrazione del mento. utile per valutare la componente posturale e il grado di riducibilità delle curve strutturali - Elevazione sugli avampiedi : valutare la volta plantare - Decubito supino : valutazione dell estensibilità degli ischio crurali, psoas, solei - Seduto a bacino bloccat : valutare l estensibilità dei pettorali. - Valutazione della deambulazione e dell equilibrio e del controllo neuromotorio. - Valutazione dell elasticità del rachide e di alcuni gruppi muscolari - Osservazione del soggetto supino per valutarne la conformazione del rachide generale e il trofismo della muscolatura paravertebrale. Trazionando il soggetto per la testa e facendogli fare movimenti di lateralità del tronco: si valuta l elasticità o il grado di correggibilità. - Verifica della rigidità che consente l analisi evolutiva della scoliosi e di determinare se risponderà efficacemente a una correzione ( funzione muscolare ) 4 Tecnica di valutazione teletermografica Misura nello specifico il calore emesso dai muscoli della colonna. Negli scoliotici si hanno intensità differenti di lavoro muscolare tra un emidorso e l altro. I controlli termografici sono utili soprattutto per monitorizzarne l asimmetria e verificarne la progressione della malattia. EZIOLOGA DELLE SCOLIOSI Per comprendere con esattezza l approccio educativo è necessario distinguere le varie eziologie e comprendere la natura delle curve. a. Eziologie di tipo biomeccanico b. Eziologie di tipo neurofisiologico c. Eziologie di tipo psicomotorio a. Scoliosi con caratteristiche biomeccaniche : Sono deviazioni della colonna vertebrale che trattando con rieducazione motoria evidenziano scarsi segni di coinvolgimento sia delle strutture nervose

13 deputate all equilibrio e alla postura, sia anormalità dello sviluppo psicomotorio. Il danno rimane solo al livello della componente anatomo-meccanica. Mostrano soprattutto imperfezioni sul piano frontale. La scelta degli esercizi sarà quindi focalizzata su caratteristiche biomeccaniche. b. Scoliosi con caratteristiche neuro fisiologiche : In queste deviazioni vertebrali non esistono segni di ritardi psicomotori ma piuttosto disfunzioni a carico dei sistemi di equilibrio ( recettori vestibolari ). Sono importanti valutazioni vestibolari attraverso semplici esercizi di equilibrio, oppure nello specifico con l elettronistamografia. Esercizi da privilegiare rimangono quelli per educare all equilibrio e alla coordinazione.

14

15 c. Scoliosi psicomotorie Si manifestano al momento dell esame alcuni deficit psicomotori. Per identificarli sono necessarie prove psicomotorie. All anamnesi il soggetto risulta pigro con scarso interesse per il movimento, scarsa coordinazione, incapaci di gestirsi da solo (soprattutto nella vestizione); mantengono posture fisse nel tempo e ripetono movimenti senza variazioni ; ritardi nel camminare al momento dell apprendimento.

16 Tutto questo ha causato atteggiamenti di introversione ed indifferenza del mondo esterno, degli amici e ambiente. Si ricorrerà ad un analisi del QPM ( quoziente psicomotorio ) che rappresenta il rapporto fra età psicomotoria e età reale. I 6 aspetti della valutazione psicomotoria: Coordinazione statica Coordinazione dinamica braccia-mani Coordinazione dinamica generale Rapidità e precisione nei movimenti Simultaneità nei movimenti Esistenza o meni di sincinesie ( movimenti involontari che accompagnano alcuni atti volontari ) Esercizi idonei di valutazione I. Lancio e presa di una palla o di un bastone da una mano all altra. si misurano differenti ampiezze di esecuzione II. Salita e discesa da uno sgabello III. Cammino su un asse di equilibrio o su ceppi distribuiti nel percorso IV.Salti di un asticella tenuta a diverse altezze V. Presa di una palla alternativamente con una mano e l altra. VI.Stesso esercizio mentre si cammina COSA È UNA CURVA PRIMARIA? E LE CURVE DI COMPENSO? La curva primaria è la curva meno riducibile di entità più ampia e che presenta maggiore rotazione dei corpi vertebrali. La curva di compenso presenta angolazione e rotazione minore riducibilità. Le due semicurve permettono il riallineamento del rachide al di sopra e al di sotto della curva strutturale. Le scoliosi con curva primaria ( 70 % dei casi ) le scoliosi toraciche (circa il 25%) : convessità destra, oltre ad una curva di compenso lombare che diventa rapidamente strutturata le scoliosi toraco-lombari (circa il 19%) : una convessità destra e due emicurve di compenso le scoliosi lombari. (circa il 25%). Sono abitualmente sinistro-convesse le scoliosi cervico-toraciche (circa 1%). Di solito la convessità è sinistra e le curve di compenso toracica o toraco-lombare tendono a strutturarsi. scoliosi con doppia curva primaria (circa il 30% dei casi). le scoliosi con curva toracica e lombare (circa il 23%). Sono le più frequenti, e determinano generalmente una convessità toracica destra e lombare sinistra le scoliosi con doppia curva toracica. Le vertebre limitanti sono, di solito, T1 e T6 per la curva superiore, e T6 e T12 per quella inferiore.

17 le scoliosi con curva toracica e toraco-lombare.

18 DALLA VALUTAZIONE AL TRATTAMENTO TRATTAMENTO DELLA SCOLIOSI MINORE rieducazione posturale con presa di coscienza del corpo e dell auto correzione sui tre piani dello spazio. l auto correzione è fondamentale che deve essere associato a tutti gli esercizi proposti esercizi di rafforzamento muscolare che mirano a sviluppare le fibre tonico posturali esercizi per l equilibrio su piani stabili( sempre in autocorrezione) Esercizi controindicati eccessiva mobilizzazione perché questa facilita l aggravamento delle curve scoliotiche tutti quelli che tendono a ridurre le curve sagittali ; esempio estensione dorsale ( nelle scoliosi dorsali o dorso-lombari) o rounded spine ( nelle scoliosi lombari ) ogni 2 /3 mesi deve cambiare il programma di lavoro. Per riadattarlo e intensificarlo BASI FONDAMENTALI DELLA EDUCAZIONE MOTORIA 1 Importanza di evidenziare la curva principale e ( se dovesse presentarsi) la curva di compenso 2 Aggredire la curva principale 3 Accertarsi di avere fatto un esame obiettivo che metta in risalto la presenza o meno di strapiombi a carico del bacino o del tronco : le asimmetrie e gli strapiombi si producono su tutti e tre i piani dello spazio compreso il piano sagittale sul quali i muscoli di controllo del rachide ( soprattutto dal lato concavo quali paravertebrali ) possono parzialmente recuperare una funzionalità elastica, tonica e fasica : questo solo nelle scoliosi minori. 4 Nell esame muscolare si metta in evidenza i muscoli spinali profondi e superficiali e muscoli ileopsoas importante soprattutto nella parte inferiore del rachide per i movimenti quotidiani 5 Rilevare nelle prove la capacità funzionale del muscolo ileopsoas rispetto ai muscoli spinali profondi e superficiali attraverso prove di attività elettrica ( AEM) es :

19 Dalla posizione seduta a tronco flesso, raddrizzare il tronco ( roll up controllato) : ileospoas AEM = 1,1/ spinali profondi AEM = 1,7 / spinali superficiali AEM = 1,9- Movimento di antiversione del bacino da in piedi : ileo psoas AEM = 2,4 / spinali profondi AEM = 2,5 / spinali superficiali AEM= 2,6 Sollevare il tronco, estensione, dal decubito prono : ileo psoas AEM= 2,8 / spinali profondi AEM= 3,5 / spinali superficiali AEM= 3,6 Estensione da proni contro resistenza : ileo psoas AEM= 3,3 / spinali profondi AEM 4,0 / spinali superficiali AEM = 4,0. 6 Modalità di contrazione : isometrica, concentrica, eccentrica isocinetica Contrazione concentrica completa ad accorciamento totale = CCC Contrazione concentrica incompleta lunga provocata da 1 solo capo articolare = CCIL Contrazione concentrica incompleta breve quando la posizione di partenza è già riduttiva della massima escursione articolare = CCIB Invertendo la posizione di partenza e di arrivo in caso di contrazioni eccentriche si hanno : contrazione eccentrica completa CEC ; contrazione eccentrica incompleta lunga CEIL ; contrazione eccentrica incompleta breve CEIB Nella scheda che segue sono evidenziati questi tipi di contrazione riferiti ai muscoli quadricipite ed estensori del rachide.

20

21 7 portare attenzione all esecuzione degli esercizi possibilmente senza compensi 8 considerare la specificità o scelta funzionale dei muscoli che eseguono attivamente l esercizio terapeutico 9 evitare contrazioni isometriche di gruppi muscolari che si utilizzano come fissatori che finirebbe per rafforzarli e non sarebbe vantaggioso. In questo caso come fissatori si possono utilizzare mezzi meccanici 10 non escludere mai la componente propriocettiva ( es: gioco sugli equilibri per la stimolazione diretta dei recettori articolari e di controllo volontario ) 11 non si deve parlare di esercizi simmetrici o asimmetrici ma piuttosto: - lavoro in estensione simmetrico - lavoro in cifosi simmetrico : nelle scoliosi prevalentemente dorsali e dorsolombari dove l inversione dei curva causa flessione laterale e rotazione - lavoro in flessione e iperestensione laterale e asimmetrico : in cui si deve tenere conto dei vari decubiti, delle varie posizioni della o delle curve. per esempio Pivetta suggerisce nelle posizioni di decubito laterale confrontando con la stazione eretta, alcuni accorgimenti : o in caso di scoliosi sx, nel decubiti laterale dx con movimenti vs sx il movimento correttivo viene fatto contro gravità mentre il ritorno il lavoro muscolare paravertebrale di dx è assente in quanto lavora a favore della gravità

22 o in caso di doppia curva il lavoro a carico è ancora meno consigliabile per la facilità con la quale si instaurano compensi. Quindi ad es in una scoliosi dorsale sx e lombare dx per i lavori in decubito laterale si suggerisce di tenere l arto inferiore dx flesso, mentre per la stazione eretta ci si inclina vs sx con il busto allungando il braccio dx verso l alto.( Pivetta) - lavoro di elongazione simmetrico : movimenti che tendono ad allontanare i metameri vertebrali tentando di ridurre i contatti prodotti dalla torsione. valido il metodo Niederhoffer che si basa sul lavoro agonista dei muscoli sul lato concavo ( trasversali ) sulla muscolatura debole del lato convesso : ripercorrere le facilitazioni neuromuscolari propriocettive del Kabat.

23 Lavoro in 4 fasi di circa 4 ciascuna e ripetuto circa 3 /4 volte con massima partecipazione del soggetto per l applicazione della forza necessaria e la concentrazione a mantenere il massimo rilassamento della parte convessa. nelle prime sedute gli esercizi si consiglia di eseguirli proni ; le sedute vanno alternate a sedute di educazione respiratoria. 1 fase : trazione o resistenza applicata all arto con resistenza da parte del soggetto dal lato concavo 2 fase : contrazione statica o massimo accorciamento ( plateau) 3 fase : inizio graduale di decontrazione senza mollare completamente 4 fase: recupero

24 - lavoro di detorsione asimmetrico : è una pratica meno facile perché è proprio complicata le proposte di esercizi terapeutici. Si lavora sulla muscolatura addominale con contrazioni concentriche ed isometriche simmetriche della muscolatura addominale Esistono moltissime scuole di lavoro e citandone alcune escono nomi illustri come Bobarth, Kabat, Klapp ; Von Niederhoffer, Mèziéres, Souchard ect tutti gli autori hanno sviluppato idee di lavoro differenti che vale la pena osservare e studiare per poi acquisire consapevolezza per poi adattare l esercizio e la metodologia al soggetto ed indirizzare a sviluppare comportamenti corretti : migliorare la forza, il tono muscolare, migliorare la capacità vitale ed il portamento.

25

26 PER CUI PER BASI DELLA RIEDUCAZIONE CINESITERAPICA SI INTENDONO PERIODIZZAZIONI E PRIORITA NELLE APPLICAZIONI PREVENZIONE PRIMARIA Generalmente si applica la prevenzione primaria a patologia lieve. Quando cioè è compromessa la funzionalità : danno funzionale ( Cobb, 10 Cobb danno anatomico). In questa fase si applica il trattamento libero in cui un trattamento terapeutico sia considerato anche una prevenzione primaria. PREVENZIONE SECONDARIA In questa fase si cerca di evitare i danni della presenza conclamata della patologia: fase terapeutica a cavallo fra competenza medica e figure più professionali. Lo scopo primario di questa fase è quello di evitare l aggravamento e quindi di curare la malattia : ortesi con intervento cinesiterapico, psicologico e educativo. PREVENZIONE TERZIARIA Momento tipico del post intervento o del trattamento della scoliosi nell adulto. OBIETTIVI DELLA RIEDUCAZIONE L attività di recupero o cinesiterapia è volta soprattutto a ridurre i danni funzionali. Gli esercizi sono quelli, quindi, rivolti allo sviluppo e rafforzamento di : equilibrio ( migliorare l equilibrio assiale del tronco statico e dinamico) controllo posturale ( presa di coscienza del corpo e autocorrezione) stabilità assiale del rachide il trofismo muscolare ( sviluppare le fibre toniche dei muscoli antigravitaricorsetto muscolare per stabilizzare la colonna ) funzione respiratoria ( miglioramento della capacità vitale attraverso esercizi specifici e globali come attività motorie di tipo sportivo : in forma ricreativa dove non sono considerati automatismi ripetitivi) mobilizzazione dei cingoli ( controindicata quella del rachide in fase evolutiva ma contemplata solo in preparazione all ortensi, mentre in fase adulta e già stabilizzata è favorita dipende da autori -)

27 OBIETTIVI TERAPEUTICI: TECNICA 1) rieducazione posturale presa di coscienza del corpo ( rachide) lavoro di contrazione rilassamento : contatti del corpo nelle varie posture, dei vari distretti del corpo, della capacità respiratoria ( mobilizzazione diaframmatica ) autocorrezione 2) mobilizzazione delle cerniere vertebrali dei cingoli 3) rafforzamento dei muscoli paravertebrali : muscoli intrinseci lunghi longitudinali = ileocostale, lunghissimo e spinale muscoli intrinseci obliqui = trasversario spinoso, rotatori brevi e lunghi, multifido e semispinale

28 muscoli addominali muscoli degli arti inferiori ( con carichi) con contrazioni isometriche

29 4) equilibrio 5) integrazione neuromotoria = associazione dell autocorrezione nei movimenti globali e ai gesti della vita quotidiana 6) valorizzazione funzionale = cardio respiratoria, circolatoria e metabolica MATERIALE DIDATTICO palline sufficientemente semi morbide da utilizzare : o sotto i piedi per gli esercizi di equilibrio, controllo posturale e consapevolezza di autocorrezione ( in caso di rotazione vertebrale provare a posizionare le palline anteriori da una parte e posteriori dall altra e cambiare ) o fra le gambe in abbinamento con diversi stimoli di reclutamento muscolare o sotto le scapole per la presa di coscienza del cingolo scapolare e la sua relazione con gli arti superiori ; per educare alla meccanica respiratoria o sotto i glutei per facilitare il rinforzo addominale e liberare le gambe e muoverle meglio o sotto le ginocchia per stimolare i lavori in quadrupedia di destabilizzazione o come massaggio del corpo. bande elastiche gymball soffici woodpole roller ( o mezzi roller ) weight balls METODOLOGIA metodo Feldenkrais metodo Pilates ( matwork e grandi attrezzi :Reformer, Cadillac, chair ) rieducazione contro resistenza (con un operatore )

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 Tecniche manipolative - Regole di applicazione- Le sette tecniche di base Vittorio Marcelli LESIONE DI BASE:

Dettagli

SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare. Marco Maria Mariani. Guido Barneschi. Pediatra di base Arezzo. Dir. Prof. M.

SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare. Marco Maria Mariani. Guido Barneschi. Pediatra di base Arezzo. Dir. Prof. M. SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare Guido Barneschi I Clinica Ortopedica Università di Firenze Dir. Prof. M.Innocenti Marco Maria Mariani Pediatra di base Arezzo Piano frontale LORDOSI CIFOSI

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

TEST MUSCOLO SCHELETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEL DISEQUILIBRIO MUSCOLARE NELLA SCOLIOSI.

TEST MUSCOLO SCHELETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEL DISEQUILIBRIO MUSCOLARE NELLA SCOLIOSI. TEST MUSCOLO SCHELETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEL DISEQUILIBRIO MUSCOLARE NELLA SCOLIOSI. 1. MUSCLE LENGTH TEST : - FLESSORI DELL ANCA - FEMORALI - FORWARD BENDING - TENSORI DELLA FASCIA LATA E BANDA ILEO

Dettagli

Figura 2. Corsetto Lionese. Figura 3. Il corsetto di Sibilla nella sua ultima evoluzione.

Figura 2. Corsetto Lionese. Figura 3. Il corsetto di Sibilla nella sua ultima evoluzione. Prescrizione e collaudo del corsetto secondo il concetto SpoRT (Symmetric Patientoriented Rigid Three-dimensional active): Sforzesco e Chêneau- Sibilla Negrini S, Marchini G, Merola G, Negrini Al, Parzini

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS Livello Avanzato n.1 Il primo livello avanzato permette agli operatori del benessere di arricchire le capacità di approccio al

Dettagli

I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali

I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali La scoliosi idiopatica scaricato da www.sunhope.it 1 Deviazioni del rachide nel piano frontale non strutturate: paramorfismi, atteggiamenti

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG

Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG Valentino Petruzzi Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG Scelta e prescrizione ortesica nel soggetto scoliotico SCOLIOSI alterazione dell assetto del rachide che si presenta incurvato

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale. RCCV 2013 ISSA Italia - all rights reserved

Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale. RCCV 2013 ISSA Italia - all rights reserved Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale VALUTAZIONE CURVE COLONNA Il rachide per definizione è l insieme delle vertebre che compongono quella struttura di sostegno alla quale si ancorano,

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo 1^FASE PUBERALE FEMMINE 11/12 13/14 1^FASE PUBERALE MASCHI 12/13 14/15 2^FASE PUBERALE FEMMINE 13/14 17/18 2^FASE PUBERALE MASCHI

Dettagli

GINNASTICA RESPIRATORIA

GINNASTICA RESPIRATORIA GINNASTICA RESPIRATORIA Corretto atteggiamento del corpo Un corretto atteggiamento del corpo è essenziale per il normale attuarsi della dinamica toracopolmonare e le attitudini difettose sono responsabili

Dettagli

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso C O M U N I C A T O S T A M P A Red! Edizioni presenta LA NECK SCHOOL UN PROGRAMMA COMPLETO PER PREVENIRE E CURARE LA CERVICALGIA di Benedetto Toso Collana: STD 041 Formato: 17x24 cm Pagine: 142 Prezzo:

Dettagli

TECNOLAB TECNO. Catalogo Produzione. Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche

TECNOLAB TECNO. Catalogo Produzione. Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche TECNO Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche Catalogo Produzione TecnoLab laboratorio tecnico di ortesi su misura; si occupa di fornire un supporto alle officine ortopediche nella fornitura di semi

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze

Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze Dr Paolo Fraschini IRCCS Medea Officine Ortopediche Rizzoli Metodologia di base presa di

Dettagli

Il mal di schiena nella scuola

Il mal di schiena nella scuola I.S.I.S.S. Morciano di Romagna Back School educazione posturale e prevenzione delle algie vertebrali A.S. 2011/12 Il mal di schiena nella scuola Risultati del questionario proposto agli studenti dell I.S.I.S.S.

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL MAL DI SCHIENA CENNI DI ERGONOMIA E DI RIABILITAZIONE POSTURALE

LA PREVENZIONE DEL MAL DI SCHIENA CENNI DI ERGONOMIA E DI RIABILITAZIONE POSTURALE LA PREVENZIONE DEL MAL DI SCHIENA CENNI DI ERGONOMIA E DI RIABILITAZIONE POSTURALE Dott. Innorta Giacomo Fisioterapista, Dottore Magistrale in Scienze Riabilitative 22/04/2013 Dott. Innorta Giacomo 1 Scopo

Dettagli

LA RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE RPG Ph. E. Souchard

LA RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE RPG Ph. E. Souchard LA RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE RPG Ph. E. Souchard La Rieducazione Posturale Globale, metodo originale e considerato come rivoluzionario, è nata con l uscita de Il campo chiuso, pubblicato nel 1980.

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere formetric 3D/4D Analisi posturale tridimensionale tramite Spinometria veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE Un largo spettro applicativo

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Centro Yoga Matsyendra

Centro Yoga Matsyendra SEMINARIO 13 MARZO 2011 YOGA PER LA SALUTE DELLA SCHIENA A cura di Margherita Buniva PREMESSA La salute della schiena dipende in buona parte dalla salute della colonna vertebrale. In assenza di patologie

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

ESERCIZI DI DECOMPRESSIONE DISCALE PER PREVENIRE TRAUMI ALLA COLONNA VERTEBRALE

ESERCIZI DI DECOMPRESSIONE DISCALE PER PREVENIRE TRAUMI ALLA COLONNA VERTEBRALE ESERCIZI DI DECOMPRESSIONE DISCALE PER PREVENIRE TRAUMI ALLA COLONNA VERTEBRALE Il "mal di schiena" colpisce circa l'80% degli adulti ma solo nel 20% dei casi deriva da vere e proprie patologie vertebrali

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

IL DOLORE VERTEBRALE

IL DOLORE VERTEBRALE IL DOLORE VERTEBRALE CAUSE DEL DOLORE VERTEBRALE Le cause che maggiormente incidono sull'origine delle algie vertebrali (80%) sono le posture e i movimenti scorretti. posizioni viziate e movimenti scorretti

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

Corso di Medicina Osteopatica: tecniche di trattamento integrato

Corso di Medicina Osteopatica: tecniche di trattamento integrato Corso di Medicina Osteopatica: tecniche di trattamento integrato Programma Provvisorio CE.S.TE.M. Centro Studi in Terapia manuale www.cestem.it infocestem@gmail.com Scopi del corso: presentazione, obiettivi

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Riequilibrarsi Naturalmente

Riequilibrarsi Naturalmente Riequilibrarsi Naturalmente di Maria Elisa Marchiani l Equilibrio Muscolare che dà voce al corpo! Liberarsi dalle tensioni muscolari, sentire l armonia del corpo, la libertà della schiena e il piacere

Dettagli

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE T.O. Francesco Mattogno ITOP Officine Ortopediche OBIETTIVI In FASE ACUTA: - Immobilizzare in modo efficace il tratto cervicale per

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA

CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA (di D. Ercolessi - Supervolley dic 97) Non a torto il mal di schiena è stato definito come uno dei moli del secolo. Pur non essendo certo un pericolo per lo

Dettagli

Patologie colonna. Cifosi. Esistono cifosi: Altri sintomi sono: La cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide.

Patologie colonna. Cifosi. Esistono cifosi: Altri sintomi sono: La cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Patologie colonna Cifosi La cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Esistono cifosi: posturali congenite (dalla nascita) idiopatiche (cuasa sconosciuta) acquisite

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI APPARATO LOCOMOTORE COLONNA VERTEBRALE Vertebre cervicali 7 VII a vertebra cervicale Atlante Vertebre toraciche 12 Epistrofeo Vertebre lombari

Dettagli

Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo

Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Informazione per Tecnici e Terapisti Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Premessa Free Walk - che significa cammino

Dettagli

ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON

ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON ADDOMINALI TRAINING ARGOMENTO PAGINA ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON GYM BALL ESERCIZI

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

Università degli Studi di Roma La Sapienza Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Medicina e Odontoiatria MASTER DI I LIVELLO IN Posturologia Anno Accademico 2011-2012 Tecar-Terapia e Back School a confronto nel trattamento delle

Dettagli

GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ALGIE VERTEBRALI

GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ALGIE VERTEBRALI Diego Sarto GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ALGIE VERTEBRALI Impara a conoscere e difendere la tua schiena Casa editrice PROGETTO MENS SANA IN CORPORE SANO ENTI PROMOTORI AUSER AVAS APIEF Associazione Provinciale

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

Alcuni esercizi per ripristinare equilibrio nel bacino ( A cura di Nawscimben Andrea Chinesiologo Master in Posturologia)

Alcuni esercizi per ripristinare equilibrio nel bacino ( A cura di Nawscimben Andrea Chinesiologo Master in Posturologia) Alcuni esercizi per ripristinare equilibrio nel bacino ( A cura di Nawscimben Andrea Chinesiologo Master in Posturologia) Il "mal di schiena" colpisce circa l'80% degli adulti ma solo nel 20% dei casi

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA Alessandro Biemmi Luca Risi Introduzione La Sclerosi Laterale Amiotrofica: è una malattia neurologica degenerativa determina una progressiva perdita

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I Metodica di applicazione del collare cervicale (tipo Nec-loc) Indicazioni: Il collare cervicale è un dispositivo semirigido in grado di ridurre notevolmente i movimenti

Dettagli

La foto 1 mostra l'esecuzione corretta degli esercizi per stimolare i muscoli addominali.

La foto 1 mostra l'esecuzione corretta degli esercizi per stimolare i muscoli addominali. ADDOMINALI LUNGHI È importante allenarli,ma in modo corretto, altrimenti si rischia di ricavare più problemi che benefici. Come effettuarli evitando gli errori più frequenti e sfatando qualche luogo comune.

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) MECCANISMI ALLA BASE DELLA PLASTICITÀ DEL S.N.C. 1 RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PERDUTE O UTILIZZAZIONE DI ALTRE AREE CORTICALI (Lurija)

Dettagli

Cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Esistono cifosi: posturali congenite (dalla nascita) idiopatiche

Cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Esistono cifosi: posturali congenite (dalla nascita) idiopatiche Cifosi consiste nell accentuazione della normale curvatura dorsale del rachide. Esistono cifosi: posturali congenite (dalla nascita) idiopatiche (causa sconosciuta) acquisite (traumi, infezioni, neoplasie,

Dettagli

Il Mal di Schiena Imparare a Prevenirlo

Il Mal di Schiena Imparare a Prevenirlo Dr. Umberto Donati Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano Specialista in Medicina Legale e Assicurazioni Medico Esperto in Omotossicologia www.ortopedicoabologna.it

Dettagli

Termine d iscrizione 10.09.2015 Il corso è a numero chiuso, con un massimo di 20 partecipanti per Anno Accademico.

Termine d iscrizione 10.09.2015 Il corso è a numero chiuso, con un massimo di 20 partecipanti per Anno Accademico. Terapia Funzionale Globale Tematiche Anatomia funzionale e meccanica articolare dei vari distretti dell apparato di movimento Anatomia palpatoria finalizzata alla conoscenza dei punti di repere principali

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

NOSTRA ESPERIENZA SUL TRATTAMENTO INCRUENTO DELLE SCOLIOSI: DIAGNOSI PRECOCE E SCREENING SCOLASTICO. di C. LA MAESTRA

NOSTRA ESPERIENZA SUL TRATTAMENTO INCRUENTO DELLE SCOLIOSI: DIAGNOSI PRECOCE E SCREENING SCOLASTICO. di C. LA MAESTRA Istituto Ortopedico del Mezzogiorno d'italia "F. Scalabrino" di Messina Direttore: Dott. Vincenzo Tedesco NOSTRA ESPERIENZA SUL TRATTAMENTO INCRUENTO DELLE SCOLIOSI: DIAGNOSI PRECOCE E SCREENING SCOLASTICO

Dettagli

FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara

FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara INTRODUZIONE Per una funzionalità fisiologica della spalla sono necessari i movimenti coordinati delle articolazioni sterno claveare, acromio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE MOVIMENTO E BENESSERE PER LA COLONNA VERTEBRALE

DIPARTIMENTO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE MOVIMENTO E BENESSERE PER LA COLONNA VERTEBRALE DIPARTIMENTO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE MOVIMENTO E BENESSERE PER LA COLONNA VERTEBRALE Chieri - gennaio 2007 INDICE Introduzione pag. 4 Cenni di anatomia pag. 5 Causa meccanica del dolore pag.

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli