I destinatari del libro e la Good Practice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I destinatari del libro e la Good Practice"

Transcript

1

2 I destinatari del libro e la Good Practice Il libro è un testo di tecnica d esame e interpretazione di base che per le precisazioni e le metodologiche che contiene, per il linguaggio e la registrazione dei dati che trovano una loro necessaria codifica, per le accurate definizioni, i numerosi esempi ed i preziosi suggerimenti clinici, costituisce un testo fondamentale per lo sviluppo professionale delle figure sanitarie ed ausiliarie che si occupano di visione e benessere. Il testo costituisce una Good Practice, una linea guida di buona pratica professionale per l esame di base. Lo studente beneficia dello schema logico e descrittivo di questo testo che lo accompagna nel maturare schemi mentali efficaci. Nei primi anni di studio e di professione necessita di precisi riferimenti metodologici e di utili suggerimenti per gestire la maggior parte degli esami visivi ed imparare a prescrivere in sicurezza acquisendo con ulteriori studi le competenze necessarie a categorizzare i disturbi visivi e comprendere i casi più complessi. Il professionista vi trova elementi per chiarire dubbi metodologici di base, beneficia di schemi di comprensione dei meccanismi d esame, ha finalmente a disposizione il razionale dei dati di riferimento di ogni test, riscontra le proprie consuetudini con il linguaggio e la corretta terminologia di ogni componente dei test. I docenti di materie visive e di tecniche d esame e refrazione possono trovare nel testo una guida precisa, verificata e validata nella sua efficacia. Possono contare su di uno schema logico e pedagogico ben collaudato che risulta funzionale all apprendimento dei propri studenti nello sviluppare metodologie corrette. Essi infatti vanno da subito abituati a controllare il peso delle variabili rappresentate dagli errori casuali e sistematici derivanti da metodologie non codificate. In questo senso il testo è una linea guida per l esame di base. Una Good Practice validata. Gli esperti di analisi dei deterioramenti visivi di tipo funzionale beneficiano dei numerosi riferimenti metodologici per il controllo delle variabili nell effettuazione dei test. La prevenzione delle variabili non controllate in una tecnica d esame è infatti un fattore imprescindibile per l affidabilità dei risultati. Gli Operatori di altre professioni quali ad esempio le Discipline posturologiche e riabilitative, l Osteopatia, la Chiropratica, la Gnatologia ed anche, per motivi differenti, la Psicologia dell apprendimento, per le quali il sistema visivo è un fattore che contribuisce in modo importante ed alle volte critico al benessere del proprio Utente, trovano nel testo una preziosa guida allo sviluppo applicativo di metodologie condivisibili in modo interdisciplinare. Comprendere il metodo con cui viene effettuato un test visivo ed il significato dei risultati, può assumere un grande valore clinico e fornire preziose indicazioni preventive e riabilitative. In tal senso questo libro favorisce la crescita professionale dell Operatore a beneficio dell Utente finale. 11

3 I N D I C E Prefazione allografa... 4 Prefazione autoriale... 4 I destinatari del libro e la Good Practice... 5 INDICE... 6 Come leggere il testo I tre argomenti del libro Struttura, Esclusioni, Dati clinici SEZIONE I Condizioni essenziali per un esame visivo corretto La comprensione del caso in esame Integrazione tra esame refrattivo e test funzionali Esami sbagliati e affidabilità dei dati I 5 principi metodologici essenziali per un esame visivo corretto La standardizzazione dei test Occhiale di prova e Forottero La Scheda d esame Sequenza d esame semplificata e Sequenza d esame completa L inizio dell esame visivo (Osservazione iniziale) L Anamnesi Motivo della visita Situazione visiva attuale Occupazione e Ambiente Sport e Hobby Anamnesi sanitaria personale, passata e recente Anamnesi familiare Scheda d esame Esame obiettivo generale Osservazione generale dell aspetto, della postura e delle asimmetrie facciali ed orbitarie Asimmetrie facciali e/o orbitarie Posizione anomala del capo (PAC) Esame della compensazione ottica in uso Esame obiettivo oculare Utilità Test visivi preliminari

4 L esame visivo efficace Oggettività del vizio refrattivo Autorefrattometria Schiascopia Lontano Cheratometria o Oftalmometria Visus Lontano, Vicino e Visus alla abituale distanza occupazionale Modalità di rilevazione dell acutezza visiva da Lontano Procedura di rilevazione dell acutezza visiva da Vicino Procedura di rilevazione dell acutezza visiva alla distanza abituale di lavoro Valutazione dell acutezza visiva mediante foro stenopeico Distanze interpupillari e controllo centrature occhiali in uso Procedura di rilevamento delle distanze pupillari tramite interpupillometro Rilevamento delle asimmetrie orbitarie tramite interpupillometro Valutazione del recupero fusionale tramite interpupillometro Rilevamento delle anomalie binoculari tramite interpupillometro Test dei riflessi luminosi corneali (RLC) o test di Hirschberg Dominanza oculare Valutazione della cooperazione binoculare Cover test Cover test di copertura Cover test di scopertura Cover test alternante: evidenzia maggiormente l eventuale deviazione Cover test soggettivo Tecnica di Von Graefe per la quantificazione dell eteroforia orizzontale Test delle quattro luci di Worth Luci di Worth lontano e vicino in dinamica Test del filtro rosso Test della Stereopsi da vicino Il punto prossimo di convergenza (PPC) Test per la valutazione della funzionalità accomodativa Punto Prossimo di visione Nitida (PPN) (*) e Punto Prossimo di Accomodazione (PPA) Test della flessibilità accomodativa con flipper sferico positivo e negativo (±) SEZIONE II Posizione, assetto e inserimento lenti dell occhiale di prova Sequenza del test Soggettivo a distanza Fase monoculare: test #7m, #7mx e #7am Test bicromatico Sequenza di annebbiamento Significato didattico della sequenza annebbiamento Esempio di sequenza di annebbiamento in OS Test della lente prima del rimpicciolimento percettivo (#7mx)

5 Indice Controllo della componente cilindrica della correzione Il quadrante per astigmatici Test del quadrante per astigmatici Controllo della componente cilindrica della correzione: la lente del #7am Test della sonda Cilindri crociati di Jackson Vedere il paragrafo: Principio di funzionamento del cilindro crociato di Jackson (JCC) Cilindri crociati di Jackson: sequenza di valutazione Principio di funzionamento del cilindro crociato di Jackson (JCC) Test del bilanciamento percettivo o dissociato Test del bilanciamento percettivo con dissociazione prismatica Test del bilanciamento percettivo con dissociazione prismatica Casi particolari Test del bilanciamento percettivo con dissociazione polarizzata Fase binoculare: test del #7B, #7A e #7X Il test percettivo #7X Equivalente sferico Scegliere la lente di prescrizione da lontano La gestione della prescrizione da lontano o a permanenza Casi particolari Prescrizione dell ipermetrope non presbite Miope e la prescrizione di lenti per guida notturna Soggetto con fragilità binoculare Anisometropia: considerazioni e criteri pratici di trattamento Esame per vicino Test per la valutazione dell accomodazione relativa positiva e negativa Accomodazione relativa utilizzata per il soggetto non presbite Intervallo di addizione da vicino per il soggetto presbite Casi clinici di soggetti presbiti (emmetrope, ipermetrope, miope) Test dei cilindri crociati fusi (#14B) Prescrizione per vicino SEZIONE III Anamnesi Sintomatologia soggettiva Principali disturbi visivi Riduzione dell acutezza visiva Disturbi irritativi Disturbi generali associati Cefalea, cervicalgia e algie posturali Correlazione tra Cefalea, Algia cervicale e Affaticamento visivo al computer Cefalea Cervicalgia e algie posturali

6 L esame visivo efficace Esame obiettivo generale Osservazione Eziologia e frequenza della PAC PAC Vs Torcicollo Oculare Migliorare l acutezza visiva sia in termini di decimi, sia di sensibilità al contrasto Realizzare la visione binoculare e/o evitare la diplopia o soppressione Osservazione e iter valutativo durante l esame del soggetto con Posizione Anomala del Capo (PAC) Oggettività del vizio refrattivo: autorefrattometria - schiascopia Autorefrattometria Schiascopia Dettagli e consigli sull esecuzione del test della schiascopia Meridiano di potere e meridiano di asse Definire il vizio refrattivo Procedura per il raggiungimento dell immagine neutra Vizio refrattivo ipermetropico Vizio refrattivo miopico Vizio refrattivo di ipermetropia e astigmatismo Cheratometria o oftalmometria Valutazione dell astigmatismo corneale Valutazione del Visus da lontano, vicino e alla distanza abituale di lavoro Decimo di visus Acutezze visive Tipologia degli ottotipi Modalità di presentazione degli ottotipi Progressione delle dimensioni degli ottotipi Utilizzo dei valori di acutezza ai fini di ricerca Posizione schermo proiettore Acutezza visiva e distanza abituale di lavoro Acuità da vicino Distanze interpupillari e controllo centrature occhiali in uso Confronto distanze pupillari reali Vs. centrature abituali dell occhiale in uso Tarare le distanze pupillari dell occhiale di prova e/o del forottero Rilevamento asimmetrie orbitarie Rilevamento anomalie binoculari Interpupillometro e valutazione del recupero fusionale Suggerimenti sull utilizzo dell interpupillometro Test dei riflessi luminosi corneali (RLC) o test di Hirschberg Dominanza oculare I test della dominanza Dominanza di fissazione o puntamento Ricerca sulla ripetibilità dei test della dominanza di fissazione e sensibilità alla diplopia fisiologica Tavola di plexiglas forata Vs. cartone forato

7 Indice Test del Tubo Test della lente neutra con crocifilo Dominanza di rivalità o sensoriale Filtro rosso e dominanza sensoriale Lente positiva da sf D a sf D Test del bilanciamento e dominanza sensoriale Dominanza di acutezza Dominanza visiva e dominanza posturale Dominanza di fissazione incerta Valutazione della funzione visiva Collaborazione binoculare Visione binoculare Corrispondenza retinica Requisiti per la fusione Interferenze sulla fusione Regole base per tutti i test Test che interrompono la visione binoculare Test che mantengono la visione binoculare Modalità per identificare correttamente la tipologia di un test di collaborazione binoculare. 209 Valutazione e quantificazione dell eteroforia Deviazione - definizione Eterotropia - definizione Eteroforia - definizione Eteroforia e visione binoculare Significato clinico della foria Direzione dell eteroforia Valori di eteroforia da lontano e vicino Eteroforia verticale I test che indagano le forie Cover test Basi fisiologiche del cover test Indicazioni di base Posizione della mira di osservazione Scelta della mira di osservazione Posizione del soggetto Movimento dell occlusore Tipologie di occlusori Sensibilità del cover test Modalità di effettuazione del test A. Cover test di copertura: determina la presenza o assenza di strabismo B. Cover test di Scopertura: determina la presenza o assenza di eteroforia C. Cover test alternante: evidenzia maggiormente l eventuale deviazione Cover test soggettivo Utilità, suggerimenti e considerazioni per tutte le fasi del cover test

8 L esame visivo efficace Test di Von Graefe Principi di funzionamento Funzionamento del prisma verticale Posizione delle mire e direzione eteroforica Metodo per la quantificazione dell eteroforia orizzontale mediante prismi sciolti I test della fusione Test delle luci di Worth Modalità di effettuazione Test delle luci di Worth statico e dinamico Test del filtro rosso Test del filtro rosso associato al punto prossimo di convergenza Sintomatologia in condizione di fragilità binoculare Test della Stereopsi da vicino Stereopsi locale e stereopsi globale Valori previsionali In pratica Distribuzione della sensibilità stereoscopica centrale con periferica Stereopsi e anisoacuità Stereopsi e ambliopia Il punto prossimo di convergenza (PPC) Clinica del test del punto prossimo di convergenza (PPC) In pratica PPC: valutazione della velocità e ampiezza Casi clinici Test per la valutazione della funzionalità accomodativa Test per la valutazione dell ampiezza accomodativa Test per la valutazione della flessibilità accomodativa con flipper sferico +/ Differenze dall esecuzione standard Considerazioni sui valori di riferimento Flessibilità accomodativa e anomalie dell accomodazione Considerazioni, utilità e suggerimenti Scheda d esame Abbreviazioni, sigle e simboli Bibliografia

9 Come leggere il testo L iter valutativo della funzione visiva è qui suddiviso in 3 Sezioni distinte ma correlate tra loro. Sezione I Sezione II Sezione III SEQUENZA D ESAME E TEST PRELIMINARI REFRAZIONE LONTANO E VICINO SPIEGAZIONE DELLA SEZIONE I E TEST AGGIUNTIVI La Sezione I contiene la sequenza dei test e consente di effettuare subito l esame senza consultare gli approfondimenti che sono contenuti nella Sezione III. In particolare: sintetizza i principi fondamentali secondo i quali si effettua un esame visivo funzionale; discute la Scheda di esame per la registrazione dei dati utili a focalizzare il caso ed al tempo stesso per avere a disposizione uno storico che costituisce la base di confronto dei successivi servizi erogati all Utente; presenta i test Preliminari della sequenza nella Scheda d esame specificandone scopo, tipo, materiale, illuminamento, distanza, condizioni refrattive, procedura d azione, valori di riferimento e modalità di registrazione dei dati; riporta un box informativo alla fine dei test, che rimanda agli approfondimenti in Sezione III. La Sezione II dettaglia in ogni sua parte la procedura per identificare il vizio refrattivo lontano e vicino mediante l occhiale di prova, con frequenti richiami all uso del forottero. Per ogni test vengono forniti considerazioni pratiche ed utili suggerimenti basati sull esperienza clinica degli Autori. All interno di questa Sezione è stato inserito il capitolo sulla prescrizione in cui è spiegata una interessante modalità clinica e di relazione visuo-posturale, per giungere al dato sfero-cilindrico da prescrivere. La Sezione III spiega, approfondisce e dettaglia tutti i test contenuti nella prima parte mettendoli poi in rapporto con le possibili scelte prescrittive e con l individuazione delle soluzioni ottiche più adeguate; gli esempi di casi clinici ne arricchiscono quindi il contenuto. In questa sezione si vuole anche rispondere alle domande: Perché fare questo test?, Che informazioni utili posso trarre?, Come posso relazionare un test con un altro?, Quali sono le potenzialità e i limiti del test che somministro?. Si tratta di domande che sorgono nella clinica quotidiana e lasciano dubbi che qui si possono in gran parte dirimere. In particolare la Sezione III entra nel dettaglio di ogni singolo test presentato in Sezione I approfondendone i principi ottici basilari, la corretta modalità di esecuzione, il significato di ogni passaggio, i limiti di ogni test, l interpretazione dei risultati e la possibile correlazione con altri test. Glossario e voci contrassegnate da (*) nel testo Le voci contrassegnate da un asterisco (*) sono sviluppate nel Glossario che precede la bibliografia. L asterisco caratterizza la prima volta in cui la voce compare nel testo. Indice Analitico È una forma efficace di tracciabilità dei termini fondamentali utilizzati nel testo, mediante il rimando alle pagine in cui sono presenti. 19

10 I tre argomenti del libro 1 Fare un esame visivo strutturato, rapido ed efficace Si definiscono metodologia e significato dei test per un esame visivo rapido, sicuro ed efficace La prima e la seconda Sezione del libro sono essenzialmente pratici e presentano una sequenza di test visivi scelti con lo scopo di effettuare un esame della vista di qualità in minuti. I test indagano la funzione visiva in termini di collaborazione binoculare, di equilibrio fusionale e accomodativo, di valutazione del vizio refrattivo in rapporto al grado di confortevolezza che può produrre una corretta prescrizione. La terza Sezione del libro consente di approfondire i test e ne propone altri per poterli selezionare in funzione dell anamnesi e delle evidenze che emergono durante l esame stesso. 2 Terminologia e Nomenclatura come base di un linguaggio comune e condiviso Si definiscono i termini ed i codici con cui si esprimono i test visivi e se ne scrivono i risultati Nel contesto italiano delle scienze della visione si avverte da molto tempo la necessità di un linguaggio e di una metodologia comuni. Le recenti condivisioni interdisciplinari ne obbligano ora l adozione. Uno degli obiettivi di questo testo è di precisare terminologia e nomenclatura così che contribuiscano all adozione di un linguaggio di corretto e condiviso. Si tratta di favorire la trasmissione e la diffusione del sapere tecnico attraverso la definizione di risorse terminologiche coerenti e riconosciute. I professionisti agiscono infatti su basi comuni comunicando tra loro in una continua crescita di competenze a vantaggio della propria professione e del servizio al cittadino. Questo processo è largamente favorito da un linguaggio scientifico condiviso che riduce gli errori interpretativi, sviluppa l intesa clinica, predispone al confronto ed all approfondimento, consente di confrontare vantaggi e limiti delle varie metodologie, favorisce l adozione di comportamenti condivisi a tutto vantaggio della sperimentazione di modelli sempre più efficaci ed interdisciplinari. La nomenclatura (*), qui particolarmente curata per definire la modalità di registrazione dei dati, è un elemento che caratterizza una professione quotidianamente esercitata in modo empirico (*) e razionale (*), e la sua normalizzazione (*) elimina le ridondanze terminologiche ottimizzando ed accordando le definizioni ed i metodi in modo che siano interscambiabili, sicuri, efficaci e riproducibili. 3 Qualità e affidabilità dei test visivi Si definiscono le procedure di effettuazione di vari test visivi e si approfondisce il loro significato Utilizzare test d esame che rispondono ad uno standard di qualità significa avvalersi di uno strumento operativo validato nella sua efficacia e nel controllo delle variabili che possono inficiare la validità dei test stessi. Usare una procedura controllata che si avvale di valori di riferimento aggiornati alle più recenti acquisizioni scientifiche, aumenta l affidabilità ed il valore intrinseco dei test e favorisce il confronto e la collaborazione professionale tra colleghi i quali possono beneficiare della sovrapponibilità dei test stessi. Non ultimo, un test effettuato con uno standard favorisce il dialogo e la ricerca tra figure professionali diverse. 21

11 Sezione I Sequenza d esame e Test preliminari IL PRINCIPIO D ESAME LA COMPRENSIONE DEL CASO OGGETTO D ESAME L AFFIDABILITÀ DEI DATI D ESAME PRINCIPIO D ESAME E DI CONCLUSIONE STANDARDIZZAZIONE DEI TEST OCCHIALE DI PROVA E FOROTTERO LA SCHEDA D ESAME SEQUENZA D ESAME SEMPLIFICATA E SEQUENZA D ESAME COMPLETA L INIZIO DELL ESAME VISIVO (OSSERVAZIONE INIZIALE) L ANAMNESI ESAME OBIETTIVO GENERALE OSSERVAZIONE GENERALE DELL ASPETTO, DELLA POSTURA E DELLE ASIMMETRIE FACCIALI ED ORBITARIE ESAME DELLA COMPENSAZIONE OTTICA IN USO ESAME OBIETTIVO OCULARE TEST VISIVI PRELIMINARI OGGETTIVITÀ DEL VIZIO REFRATTIVO AUTOREFRATTOMETRIA SCHIASCOPIA CHERATOMETRIA O OFTALMOMETRIA VALUTAZIONE DEL VISUS DA LONTANO, VICINO E ALLA DISTANZA ABITUALE DI LAVORO VALUTAZIONE DEL VISUS CON FORO STENOPEICO DISTANZE INTERPUPILLARI E CONTROLLO CENTRATURE OCCHIALI IN USO UTILIZZO DIVERSIFICATO DELL INTERPUPILLOMETRO TEST DEI RIFLESSI LUMINOSI CORNEALI (RLC) O TEST DI HIRSCHBERG DOMINANZA OCULARE VALUTAZIONE DELLA COOPERAZIONE BINOCULARE COVER TEST VALUTAZIONE DELL ETEROFORIA TEST DELLE QUATTRO LUCI DI WORTH TEST DEL FILTRO ROSSO TEST DELLA STEREOPSI DA VICINO TEST DEL PUNTO PROSSIMO DI CONVERGENZA TEST PER LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITÀ ACCOMODATIVA PUNTO PROSSIMO DI VISIONE NITIDA E PUNTO PROSSIMO DI ACCOMODAZIONE TEST DELLA FLESSIBILITA ACCOMODATIVA 25

12 Sezione I - Sequenza d esame e Test preliminari L inizio dell esame visivo (Osservazione iniziale) L esame visivo si avvia dal momento in cui il clinico ha l accortezza di osservare l Utente fin dall inizio poiché la sua fisionomia, la sua mimica, la posizione del capo e la sua postura mentre entra in studio e si dirige verso la scrivania o la poltrona d esame possono essere preziose fonti di informazioni circa la presenza di alterazioni percettive, disfunzioni oculomotorie e visuo posturali. Esempi: una postura eccessivamente anteriorizzata; un disallineamento di appoggio podalico nella deambulazione; uno scarso svincolo dei movimenti oculari da quelli del capo; una limitazione nella rotazione della testa; una posizione anomala del capo ed altro. L osservazione iniziale del soggetto confluisce nel così detto Esame obiettivo generale (segue) costituito da una osservazione generale che poco dopo l anamnesi sarà seguita dall Esame obiettivo oculare ovvero dalla ispezione specificatamente indirizzata agli occhi ed agli annessi oculari. L Anamnesi Il colloquio con l Utente è mirato ad indagare quegli elementi che provocano o sostengono il problema visivo per il quale il soggetto viene in studio. Questo colloquio prende il nome di Anamnesi e costituisce un momento di fondamentale importanza nel percorso che porterà alla valutazione del problema ed alla identificazione della soluzione più appropriata. L anamnesi è talvolta considerata alla stregua di una semplice chiacchierata introduttiva utile soprattutto a rompere il ghiaccio con l utente; in realtà, se ben condotta, risulta oltremodo preziosa per guidare il successivo esame semeiologico (esame dei segni) il cui svolgimento dipende, oltre che dall esperienza dell osservatore, anche dalla precisione dell indagine anamnestica. Non si sottolineerà mai abbastanza quanto l anamnesi sia essenziale per creare un clima positivo con l Utente, così da renderlo più disponibile nel raccontare le informazioni, che divengono essenziali per identificare i nessi tra il problema lamentato e le sue cause, oltre che per orientare le conclusioni che si possono estendere a suggerimenti di tipo ergonomico, posturale e consulti specialistici. Per questi motivi risulta indispensabile dedicare il tempo sufficiente al dialogo e considerare la possibilità di riprenderlo durante l esame stesso se dovesse emergere la necessità di approfondire elementi nuovi o non sufficientemente considerati nel colloquio iniziale. Esempio sulla necessità di riprendere l anamnesi durante l esame visivo: se durante l esame si evidenziasse al Cover test (figura 1-02 e 1-03) o al Von Graefe test un significativo aumento dell esoforia nello sguardo verso il basso, è raccomandabile indagare ulteriormente le condizioni ergonomiche e posturali del soggetto durante lo svolgimento della sua attività prevalente così da identificare i fattori che concorrono a generare l astenopia e le eventuali algie muscolo tendinee. Nella figura 1-04 osserviamo infatti, sia la generale postura scorretta sia il foglio posizionato tra la tastiera ed il petto che, ovviamente, inducono un eccesso di convergenza. Nonostante il monitor e la tastiera siano allineati frontalmente all ope- 35

13 L esame visivo efficace Fig CT e foria-esoforia OD nella posizione di sguardo sul monitor del computer. L occhiale del soggetto è a geometria monofocale. Fig Aumento dell ampiezza dell esoforia di OD abbassando lo sguardo. Utile indicazione clinica se si adottassero lenti a geometria progressiva. ratrice, la sua postura risulta scorretta, perché troppo alta rispetto al piano di lavoro e questo la obbliga ad un notevole impegno di convergenza per leggere il foglio sotto il viso. Il prolungato utilizzo della convergenza con lo sguardo in basso ed il viso in asse con il monitor provoca nella giovane operatrice della fig un astenopia caratterizzata da senso di pesantezza oculare, fastidio visivo dopo due ore di lavoro al computer, mal di testa, arrossamento congiuntivale e tutta una serie di altri segni e sintomi di tipo posturale e visivo. In linea di principio l anamnesi mirata ad effettuare un esame visivo si articola nei 6 punti seguenti: Motivo della visita (lamento principale e problemi aggiuntivi) Situazione visiva attuale (disagi, inefficienze, correlazioni con altri disturbi) Occupazione e Ambiente (ambiente, impegno visivo e posturale nel lavoro e/o nello studio) Sport e Hobby (necessità visive e abilità del soggetto) Anamnesi sanitaria personale, passata e recente (stato generale e situazione oculare) Anamnesi familiare (informazioni visive ed altre congruenti all esame visivo) Fig Postazione VDU. Naturalmente ognuno di questi punti viene indagato sviluppando le correlazioni che emergono durante il dialogo, privilegiando un ascolto attento e intuitivo inframezzato da brevi domande che guidano l Utente a sviluppare gli argomenti che ci interessano, evitando di creare situazioni in cui egli si sente sommerso da una raffica di domande prive di una accogliente partecipazione al suo problema. All inizio è quindi molto utile favorire il racconto spontaneo dell utente, anche se bambino, ed intervenire solo in un secondo tempo a precisare e puntualizzare gli aspetti che appaiono significativi o che si suppone siano stati trascurati o taciuti. Motivo della visita Anche definito lamento principale, è il fattore che determina la principale focalizzazione dell indagine visiva ed il problema a cui dare risposta prima di congedare l Utente. 36

14 Sezione I - Sequenza d esame e Test preliminari Tecnica di Von Graefe per la quantificazione dell eteroforia orizzontale Il test di Von Graefe o test dissociante con prisma a base verticale è uno dei test per la valutazione e quantificazione dell entità eteroforica orizzontale. Viene qui presentato perché è il test di foria più utilizzato nell ambito dell esame visivo tradizionale. Scopo Tipologia del test Materiale Illuminazione Distanza d esame Condizione refrattiva Mira di osservazione Quantificare l eventuale eteroforia orizzontale. Nel contempo consente di accertare l assenza della soppressione rilevando la presenza della diplopia. Soggettivo Mira morfoscopica (lettere o numeri) Prisma a base alta di 8dp da lontano e da vicino per ottenere la dissociazione, e prismi a base orizzontale per la quantificazione della foria. Per la valutazione dello stato eteroforico da Fig Quantificazione dell eteroforia orizzontale con tecnica di Von Graefe da lontano con prisma verticale e stecca di prismi di Berens vicino con l uso di lenti progressive standard (distanza 39cm) si utilizza il Foriametro-Disparometro Intervision TM - C.O.I. che può essere utilizzato anche nella valutazione di ogni foria evitando in tal modo l utilizzo dei prismi per la sua quantificazione. Luce ambiente in funzione della luminanza che rende manifesto il disagio visivo. Lontano e vicino e/o alla distanza e direzione abituale di lavoro. Correzione abitualmente utilizzata dal soggetto alla distanza d esame. Linea verticale di lettere con acutezza inferiore di 0.2 rispetto alla migliore percepita. Modalità di effettuazione Si invita il soggetto a mantenere aperti i due occhi ed a fissare la mira indicata. Si colloca il prisma con la base alta sull occhio dominante. Appena posizionato il prisma domandare al soggetto: Ci sono due scritte, una sopra e una sotto?. In assenza di soppressione l Utente riferirà di vedere due mire. Si determina ora la loro posizione reciproca chiedendo: La scritta in basso rispetto a quella in alto è spostata a destra o a sinistra?. Oppure per evitare riferimenti spaziali che presuppongono il possesso di una corretta direzionalità chiedere: Le due scritte sono allineate come i bottoni di una camicia o quella sotto è spostata? In caso di disallineamento identificare la direzione dell eteroforia orizzontale e quantificarne il valore con l anteposizione di prismi a base nasale per l EXOforia, o base tempiale per compensare l ESOforia. (la spiegazione tecnica della quantificazione è consultabile nella Sezione III) Il test va eseguito con la compensazione ottica (occhiali, lac) abitualmente utilizzata per la distanza d esame. Risposte percettive Esprimono la posizione della mira percepita tramite l occhio davanti al quale è anteposto il prisma: Mire allineate in verticale ortoforia O (lontano) O (vicino) Mira spostata dalla stessa parte al prisma esoforia E (lontano) E (vicino) Mira spostata dalla parte opposta al prisma exoforia X (lontano) X (vicino) 62

15 L esame visivo efficace Valori previsionali Consultare la spiegazione nella Sezione III del libro Annotazione dati Foria VG L: Foria VG V ( cm): Significato Test di Von Graefe da Lontano Test di Von Graefe da Vicino (specificare la distanza in cm) Nomenclatura e suo significato Abbreviazioni delle deviazioni orizzontali di uso corrente nella letteratura Per Lontano Ortoforia Lont Esoforia Lont exoforia Lont O oppure orto E X Per vicino si aggiunge un apostrofo dopo la lettera corrispondente alla direzione eteroforica Ortoforia Vic O oppure orto Esoforia Vic E exoforia Vic X Per convenzione le esoforie hanno valore positivo, le exoforie negativo Instabile Si inserisce qualora la deviazione tra le due mire rimanga instabile Esempi di annotazione Foria VG L: E +4dp (neutralizzazione della esoforia da lontano con 4 diottrie prismatiche base esterna) Foria VG V: X -3dp a 40cm (neutralizzazione della exoforia con 3 diottrie prismatiche base interna) Foria VG V: X -3dp instabile a 40cm (neutralizzazione della exoforia con 3 diottrie prismatiche base interna che però risultano instabili) Approfondimento nella Sezione III Principio di funzionamento del prisma verticale Valori di eteroforia da lontano e vicino con il metodo Von Graefe I test che indagano l eteroforia Regola base per tutti i test Visione binoculare, corrispondenza retinica e requisiti della fusione Definizioni di deviazione, eteroforia, significato clinico dell eteroforia Il trucco per ricordarsi la base del prisma che quantifica la foria Casi clinici 63

16 Sezione I - Sequenza d esame e Test preliminari Test del filtro rosso Il test del filtro rosso è un test utilizzabile per lontano e per vicino. Data la sua versatilità è possibile effettuarlo in tutte le posizioni di sguardo indagando così la funzionalità binoculare in rapporto alla motilità oculare estrinseca. Scopo Tipologia del test Materiale Illuminazione Distanza d esame Condizione refrattiva Mira di osservazione Valutare la stabilità fusionale (quindi la qualità) della visione binoculare a diverse distanze e nelle diverse posizioni di sguardo. Anche se è poco specifico, il test del Filtro rosso può accertare la presenza o l assenza di sospensione o di soppressione di tipo monolaterale e alternante. Soggettivo Penna luminosa (Pen light) per il test vicino, piccolo spot luminoso per lontano (con proiettore o una torcia), filtro rosso manuale (meglio se sotto forma di paletta rossa) per entrambe le distanze. Il test si effettua al buio o con un intensità di luce minima tale che con i filtri anteposti gli occhi non possano percepire alcun oggetto del campo visivo periferico e sia in tal modo assicurata l assenza di indizi binoculari periferici. Qualora il soggetto percepisca diplopia (2 luci distinte) si esegue il test anche in luce ambiente per assicurare il rinforzo fusionale periferico e indagare se in tal modo il soggetto mantiene la fusione. Il test si somministra da lontano oltre i 4m e da vicino alla distanza di 35cm per l adulto. Per lo studente ed il bambino si suggerisce di indagare anche a 20 cm. Per lontano utilizzare la compensazione ottica abitualmente utilizzata da lontano Per vicino eseguire il test sia senza occhiale sia con quest ultimo se in uso Luce puntiforme Fig Quantificazione dell eteroforia orizzontale con tecnica di Von Graefe da lontano con prisma verticale e stecca di prismi di Berens Modalità di effettuazione Lontano. Predisporre l illuminazione, proiettare la mira luminosa puntiforme (o accendere la torcia con un piccolo spot luminoso bianco) Vicino. Nel caso di deficit fusionale risulta opportuno confermare la presenza di diplopia con il test delle luci di Worth, anche in accordo con il principio di indagare una funzione anche tramite altri test (vedere I 5 principi metodologici essenziali per un esame visivo corretto, principio n. 4). Per vicino, si associa con i valori ottenuti con il test del punto prossimo di convergenza il quale, però, indica un deficit primariamente di fusione motoria (*). Per far comprendere meglio al soggetto la differenza cromatica della luce senza e con il filtro rosso anteposto sull occhio dominante, si suggerisce di seguire la procedura indicata nella Sezione III del libro. 68

17 L esame visivo efficace Valori previsionali La percezione di una luce mista dei due colori indica la presenza di una normale fusione binoculare, quindi di una Visione Binoculare Singola e ciò succede nella maggioranza dei casi. In caso di risposta percettiva che indica una alterazione della fusione binoculare, si può avere la percezione di 2 luci, una rossa e una bianca, distinte e separate, e ciò indica sia l assenza di fusione binoculare per la posizione e la distanza del test sia, deduttivamente, l assenza di soppressione che se fosse presente produrrebbe la percezione di una sola luce completamente bianca o completamente rossa. La percezione di diplopia consente di comprendere se trattasi di posizione Exo o Eso degli occhi o anche di deviazioni verticali, in base alla specifica posizione delle mire che il soggetto riferisce di percepire. Risposte percettive Quadro normale: Percezione di una luce mista dei due colori: visione binoculare singola. Percezione di una luce di colori velocemente alternanti: visione binoculare singola con rivalità retinica. Quadro alterato: a) Se non c è fusione si ha la percezione di due luci distinte e staccate: una luce rossa e una bianca La mancanza di fusione con assenza di soppressione evidenzia la presenza di diplopia, quindi il soggetto risulta strabico durante l esecuzione del test (la foria non è direttamente implicata perché il test mantiene attivo il riflesso di fusione). b) Se è presente soppressione si ha la percezione di una sola luce totalmente bianca o rossa. Il test del filtro rosso non è però indicato per la valutazione della sospensione e della soppressione foveale. In caso di quadro clinico di sospetta alterazione della partecipazione binoculare si consiglia l utilizzo del test delle luci di Worth con stimolo maculare (vale a dire che la distanza tra le luci deve essere piccola). Nomenclatura e suo significato VBS Instabile Diplopia EXO Diplopia ESO CRA Ineseguibile Visione Binoculare Singola: quadro normale percezione di 1 luce alternata a 2 luci distinte e separate percezione di 2 luci con diplopia crociata (per es. luce rossa a sx e filtro rosso a dx) percezione di 2 luci con diplopia omonima (per es. luce rossa a dx e filtro rosso a dx) Corrispondenza Retinica Anomala: percezione di 1 luce mista dei due colori (risposta normale) ma in soggetto strabico (lo strabismo è generalmente di piccolo angolo e si rileva al Cover test ed altri test specifici) Impossibilità ad eseguire il test (per es.) per una scarsa acutezza visiva monolaterale. Annotazione dati FR L: FR V ( cm): FR 9P: Significato Test del filtro rosso da Lontano Test del filtro rosso da Vicino (p.e. 40cm) Test del filtro rosso nelle nove posizioni diagnostiche per la valutazione della MOE 69

18 Sezione I - Sequenza d esame e Test preliminari Esempi di annotazione FR L: VBS FR V: Instabile EXO significa la percezione di 1 luce mista dei due colori. significa che con filtro anaglifico con rosso su occhio destro: il soggetto percepisce a tratti 1 o 2 luci con la luce rossa che si sposta alla sua sinistra. FR 9P: (nella tabella sottostante si inseriscono le valutazioni nelle diverse posizioni diagnostiche) Fig A,B Posizioni diagnostiche al test del filtro rosso Tabella A: In alto si specifica su quale occhio è stato anteposto il filtro rosso e la distanza di esecuzione. Nei nove riquadri, corrispondenti alle nove posizioni di sguardo (figura B), si inseriscono i risultati del test del filtro rosso. La procedura di inserimento è descritta nella sessione III. Approfondimento nella Sezione III I test della fusione test del filtro rosso. Test del filtro rosso associato al punto prossimo di convergenza. 70

19 Sezione II Refrazione lontano e vicino POSIZIONE, ASSETTO E INSERIMENTO LENTI DELL OCCHIALE DI PROVA SEQUENZA DEL SOGGETTIVO A DISTANZA ANNEBBIAMENTO MONOCULARE: TEST #7M, #7MX E #7AM TEST BICROMATICO SEQUENZA DI ANNEBBIAMENTO TEST DELLA LENTE PRIMA DEL RIMPICCIOLIMENTO PERCETTIVO (#7MX) CONTROLLO DELLA COMPONENTE CILINDRICA DELLA CORREZIONE: IL QUADRANTE PER ASTIGMATICI CONTROLLO DELLA LENTE CILINDRICA DI CORREZIONE: LA LENTE DEL #7AM METODO DELLA SONDA CILINDRI CROCIATI DI JACKSON TEST DEL BILANCIAMENTO PERCETTIVO O DISSOCIATO FASE BINOCULARE: TEST DEL #7B, #7A, #7X EQUIVALENTE SFERICO SCEGLIERE LA LENTE DI PRESCRIZIONE DA LONTANO ESAME DEL VICINO TEST PER LA VALUTAZIONE DELL ACCOMODAZIONE RELATIVA POSITIVA E NEGATIVA TEST PER IL NON PRESBITE TEST PER IL PRESBITE TEST DEI CILINDRI CROCIATI DISSOCIATI E FUSI PRESCRIZIONE PER VICINO In questa parte del libro viene spiegata la procedura per identificare il vizio refrattivo da lontano e vicino mediante l occhialino di prova e con richiami all uso del forottero. Per ogni test vengono inserite specifiche considerazioni pratiche, utilità e suggerimenti basate sull esperienza clinica degli Autori e raffinate durante gli anni di formazione specialistica di Intervision che fanno del manuale un compendio di alta efficacia. All interno di questa sessione è stato inserito anche il capitolo sulla prescrizione dove è dettagliata una interessante modalità clinica e di relazione visuo-posturale per valutare l accettazione delle lenti scelte per la nuova prescrizione. 81

20 L esame visivo efficace Posizione, assetto e inserimento lenti dell occhiale di prova Prima di entrare nel merito della sequenza di test per l identificazione del vizio refrattivo, è necessario posizionare l occhiale di prova sul viso del soggetto affinché siano rispettate alcune condizioni: 1. Posizione dell occhiale di prova: deve essere tale che il piano delle lenti assuma un angolo pantoscopico zero cioè che il frontale sia in posizione verticale e perpendicolare al piano di sguardo (Fig. 2-01). Solo in questa posizione la successione delle lenti inserite negli spazi dell occhiale di prova mantiene coassiali i centri ottici delle lenti. Se l occhiale fosse posizionato inclinato, il centro ottico della lente più distante dall occhio avrebbe una posizione più bassa rispetto alla lente inserita più vicino e ciò introdurrebbe variazioni prismatiche non quantificabili e favorirebbe l aumento delle aberrazioni ottiche. 2. Centratura: regolare le altezze dei cerchi della montatura in modo tale che le croci di riferimento passino per i centri pupillari degli occhi o per la distanza assi visuali (DAV). Solo in questa posizione si eliminata l interferenza prismatica indotta dall anteposizione delle lenti (Fig. 2-02). Fig e 2-02 Assetto dell occhiale di prova su viso dell utente e controllo della posizione dei cerchi della montatura tramite le lenti crocifilo. Modalità di inserimento delle lenti Gli occhiali di prova hanno generalmente quattro o cinque spazi per l inserimento lenti: uno o due dietro il cerchio della montatura e tre sul supporto rotante anteriore per l orientamento dell asse dell astigmatismo. La modalità di inserimento delle lenti della cassetta di prova si effettua inserendo le lenti sferiche di maggiore potenza e/o le lenti sferiche di prescrizione dietro l anello della montatura ossia più vicine all occhio. In questo modo si riproduce maggiormente la distanza apice corneale lente di 12 14mm generalmente utilizzata dalle aziende costruttrici di lenti oftalmiche. Le lenti cilindriche e successivamente quelle prismatiche, vanno inserite nei tre spazi dopo il cerchio della montatura partendo dallo spazio più vicino al goniometro per astigmatismo. 81

Informazioni tecniche e scientifiche Istituto Scientifico Intervision - Milano ricerca@intervisionitalia.com

Informazioni tecniche e scientifiche Istituto Scientifico Intervision - Milano ricerca@intervisionitalia.com Un testo fondamentale Ogni clinico tende a perfezionare la conduzione di un esame visivo rapido, sicuro ed efficace. In tal senso questo è un testo fondamentale di base per gli studenti, i professionisti

Dettagli

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO Relatore: Silvio Maffioletti La fase monoculare Sistemare il forottero davanti al soggetto Metterlo in bolla Regolare la distanza interpupillare Controllare la distanza

Dettagli

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL VIDEOTERMINALE

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL VIDEOTERMINALE Universita degli Studi di Milano - Bicocca Facolta di Medicina e Chirurgia Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI AL VIDEOTERMINALE 12 MARZO 2009 Definizioni D.Lgs. 81/08

Dettagli

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale)

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale) Ovvero le ametropie che possiamo riscontrare nell occhio Ametropia Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza

Dettagli

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D I VIZI DI REFRAZIONE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria EMMETROPIA Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno

Dettagli

Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria

Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria Ateneo Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corso di laurea triennale in Ottica e Optometria A.A. 2011-2012 Programma dell insegnamento di Tecniche Fisiche per l Optometria Prof. Paolo Carelli e Laboratorio

Dettagli

Analisi Visiva. Conoscere la potenzialità dell apparato ottico

Analisi Visiva. Conoscere la potenzialità dell apparato ottico Analisi Visiva "M.I.R.VI." non è una medicina e nemmeno una terapia. Lo scopo primario sta nel rieducare al naturale funzionamento l occhio e la mente. È una tecnica non invasiva: non utilizza e non prescrive

Dettagli

Codice Fiscale dell'utente in esame: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email:

Codice Fiscale dell'utente in esame: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email: Analisi della funzione visiva secondo il Data: Professionista rilevatore: Raccolta dati Utente Dati Aagnrafici dell'utente in esame Cognome: Nome: Codice Fiscale: Telefono fisso e/o cellulare: Email: Dichiarazioni

Dettagli

Lombalgia e motilità oculare Nuove prospettive di riabilitazione. Rosa Anna Bisio Cristina Maria Guidi

Lombalgia e motilità oculare Nuove prospettive di riabilitazione. Rosa Anna Bisio Cristina Maria Guidi Lombalgia e motilità oculare Nuove prospettive di riabilitazione Rosa Anna Bisio Cristina Maria Guidi Esiste davvero un rapporto tra occhio e mal di schiena? posturologia Charles Bell 1774-1842 Come può

Dettagli

Lenti multifocali: come misurare l estensione e la posizione dell area nitida del vicino

Lenti multifocali: come misurare l estensione e la posizione dell area nitida del vicino Lenti multifocali: come misurare l estensione e la posizione dell area nitida del vicino Un test veloce, efficace e di grande utilità pratica Dr. Luca Giannelli Ottico optometrista, dottore in ortottica.

Dettagli

Screening oculistico-ortottico nei bambini in età scolare: prevenire e migliorare le cure

Screening oculistico-ortottico nei bambini in età scolare: prevenire e migliorare le cure Presidio Ospedaliero S. Liberatore Atri - Unità Operativa di Oculistica Associazione per la vista Teramo Atri ONLUS Screening oculistico-ortottico nei bambini in età scolare: prevenire e migliorare le

Dettagli

F. Casalboni 1 ANISOMETROPIA

F. Casalboni 1 ANISOMETROPIA F. Casalboni 1 ANISOMETROPIA 1 - GENERALITA Il termine anisometropia indica la situazione in cui il soggetto presenta una differenza di stato refrattivo nei due occhi; nella pratica clinica è difficile

Dettagli

Nuove metodiche nella determinazione del visus per lontano

Nuove metodiche nella determinazione del visus per lontano Nuove metodiche nella determinazione del visus per lontano Autore Andrea Maiocchi Ottico-Optometrista, libero professionista specializzato in refrazione e contattologia; relatore in molti corsi ECM, formatore

Dettagli

OFP - 2012 Ipermetropia e deviazione strabica 1

OFP - 2012 Ipermetropia e deviazione strabica 1 Ipermetropia e deviazione strabica 1 R. Frosini Influenza dell ipermetropia nella deviazione strabica Bosisio Parini 17 marzo 2012 Ipermetropia e deviazione strabica 2 il nostro progetto brevi cenni introduttivi

Dettagli

Carta dei servizi di oftalmologia

Carta dei servizi di oftalmologia INTERVISION Istituto Scientifico Carta dei servizi di oftalmologia Sommario: Centro specializzato nell approccio multidisciplinare 2 Presentazione dei servizi 3 Esame visivo completo 4 Esame visivo pediatrico

Dettagli

L ESAME VISIVO PER LONTANO CON L OCCHIALE DI PROVA O COL FOROTTERO

L ESAME VISIVO PER LONTANO CON L OCCHIALE DI PROVA O COL FOROTTERO P RO FESSIONE OT T ICO L ESAME VISIVO PER LONTANO CON L OCCHIALE DI PROVA O COL FOROTTERO Dr. Andrea Maiocchi, Ottico Optometrista, Relatore in corsi ECM e libero professionista nel campo della refrazione

Dettagli

PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo

PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo PRINCIPIO ESPLICATIVO DEL FUNZIONAMENTO DEI CILINDRI CROCIATI Prof. Luciano Pietropaolo Viene esposto il principio su cui si basa il funzionamento dei cilindri crociati, per l analisi dell astigmatismo

Dettagli

PROGETTO A ME GLI OCCHI 8 ANNO SCOLASTICO 2010/2011

PROGETTO A ME GLI OCCHI 8 ANNO SCOLASTICO 2010/2011 UNIONE ITALIANA CIECHI e IPOVEDENTI O.N.L.U.S. Sezione di Biella Via E. Bona 2 13900 Biella Tel. 015/30231 20355 Cell. 347 2565208 e-mail uicbi@uiciechi.it CROCE ROSSA ITALIANA Sezioni Femminili Biella

Dettagli

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio

Strabismo Lo sviluppo della capacita' visiva Sistema sensoriale e sistema motorio Lo sviluppo della capacita' visiva: Il sistema visivo completa il proprio sviluppo nei primi anni di vita del bambino, grazie alla progressiva maturazione delle strutture che collegano occhio e cervello.

Dettagli

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione sino a provocare

Dettagli

Programma dell incontro

Programma dell incontro Corso di formazione professionale post-diploma in Ottica e Optometria PRESENTAZIONE Anno scolastico 2012-2013 Materia www.centrostudi.it Programma dell incontro Presentazione Piano di studi e relativi

Dettagli

Diplopia nello strabismo concomitante

Diplopia nello strabismo concomitante Diplopia nello strabismo concomitante Costantino Schiavi U.O. di Oftalmologia Universitaria Ospedale S.Orsola-Malpighi Bologna La diplopia: dal sintomo alla diagnosi XVII Incontro di Strabologia Bosisio

Dettagli

www.jekoopto.webnode.it

www.jekoopto.webnode.it www.jekoopto.webnode.it K y O R D S Complesso Per vicino Sincinesia Accomodazione - convergenza Rapporto AC/A Dott.ssa Serena Santoro Optometrista Lenti a contatto multifocali nelle esotropie accomodative

Dettagli

M.O.S. -Ottotipo -Test di performance visiva -Visual training -Filmati -Software per esercizi a domicilio

M.O.S. -Ottotipo -Test di performance visiva -Visual training -Filmati -Software per esercizi a domicilio Multi Opti System -Ottotipo -Test di performance visiva -Visual training -Filmati -Software per esercizi a domicilio Multi Opti System M.O.S. Un unico concetto diverse soluzioni hardware Il progetto MOS

Dettagli

Nuove metodiche nella determinazione del visus per vicino

Nuove metodiche nella determinazione del visus per vicino Nuove metodiche nella determinazione del visus per vicino Autore Andrea Maiocchi Ottico-Optometrista, libero professionista specializzato in refrazione e contattologia; relatore in molti corsi ECM, formatore

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I APPROCCIO RAZIONALE AL PAZIENTE OCULISTICO AMBULATORIALE CARTELLA ANAMNESI ESAME OBBIETTIVO ESAME FUNZIONALE ACCERTAMENTI SUPPLEMENTARI PRESCRIZIONE

Dettagli

Eteroforia, test di Schober e guida notturna

Eteroforia, test di Schober e guida notturna Luca Giannelli optometrista ortottista formatore ECM Intervision Eteroforia, test di Schober e guida notturna Un test utile per la gestione del soggetto che riferisce difficoltà visive a distanza Nell

Dettagli

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 Bruno Oldani, Direttore SC Oculistica, AO Mauriziano Umberto I di Torino Cinzia Orlandi, Ortottica e Assistenza Oftalmologica Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 SVILUPPO DELLA VISTA NEL BAMBINO

Dettagli

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L ESAME DEL FONDO OCULARE ESAME OCULISTICO DEL BAMBINO 1 L OCCHIO 2

Dettagli

MKH. Mess und Korrektionmetodik von Haase

MKH. Mess und Korrektionmetodik von Haase MKH Mess und Korrektionmetodik von Haase di Gian Andrea Ianese Introduzione Da sempre i professionisti della visione sono alla ricerca di soluzioni per offrire il migliore benessere visivo. Attualmente

Dettagli

VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA

VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA MEDICO SPECIALISTA IN OFTALMOLOGIA DOTT.: Luogo Visita: Data: / / VISITA DI PREVENZIONE OFTALMOLOGICA PROMOSSA DALL ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELLE AZIENDE DEL GRUPPO

Dettagli

VICINO-INTERMEDIO. le lenti dinamiche per ambiente operativo

VICINO-INTERMEDIO. le lenti dinamiche per ambiente operativo VICINO-INTERMEDIO le lenti dinamiche per ambiente operativo Divel Italia Tutte le lenti di costruzione Divel sono progettate e costruite in Italia COMPENSAZIONE DEL VICINO-INTERMEDIO 1.1 Introduzione Le

Dettagli

5. LA VISIONE BINOCULARE

5. LA VISIONE BINOCULARE 5. LA VISIONE BINOCULARE 1. LA BINOCULARITA. Uno dei più alti gradi si specializzazione raggiunti dagli esseri viventi nel loro percorso evolutivo è rappresentato dalla capacità di utilizzare cerebralmente

Dettagli

Trattamento ottico dell anisometropia

Trattamento ottico dell anisometropia ANISEICONIA L aniseiconia è per definizione la differenza di grandezza retinica nei due occhi dovuta al diverso ingrandimento prodotto dalla correzione tempiale. La differenza aumenta con: l aumento della

Dettagli

4. LA CORREZIONE OFTALMICA

4. LA CORREZIONE OFTALMICA Capitolo 4 4. A COEZIOE OFTAMICA DEE AMETOPIE 1. GEEAITÀ a correzione ottica delle ametropie avviene ponendo davanti all occhio ametrope una lente correttiva di grado adeguato e nella posizione adeguata,

Dettagli

Ottica visuale. Corso di laurea in Ottica ed Optometria. Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista

Ottica visuale. Corso di laurea in Ottica ed Optometria. Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista Ottica visuale Parte 4 Le ametropie e la loro correzione Corso di laurea in Ottica ed Optometria Facoltà di Scienze M.F.N. Università del Salento Vincenzo Martella optometrista Contatti: 0833/541063 392

Dettagli

Secondo biennio e quinto anno

Secondo biennio e quinto anno Attività e insegnamenti dell indirizzo Sociosanitario articolazione: Arti ausiliarie delle professioni sanitarie - Ottico Disciplina: DISCIPLINE SANITARIE (ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE E IGIENE) Il

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONE L Astigmatismo Roberto VOLPE roberto.volpe@unifi.it ASTIGMATISMO è un Ametropia molto frequente Il nome deriva dal Greco ove stígma indica punto e a è inteso come elemento privativo, e si traduce

Dettagli

L occhio è simile ad una sfera di circa 2.5 cm. di diametro.

L occhio è simile ad una sfera di circa 2.5 cm. di diametro. L occhio e la visione - Richiami anatomici Lo studio della funzione visiva è molto complesso in quanto si basa su conoscenze diverse: - fisica: lo stimolo specifico è la luce visibile, - anatomia e fisiologia

Dettagli

Descrizione e pratica clinica dei test optometrici

Descrizione e pratica clinica dei test optometrici Silvio Maffioletti Descrizione e pratica clinica dei test optometrici Anno Accademico 2002-2003 Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli Studi di Milano Bicocca DESCRIZIONE E PRATICA CLINICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LATTARI

PROGRAMMAZIONE LATTARI PROGRAMMAZIONE LATTARI 1T ESERCITAZIONE DI LENTI OFTALMICHE Modulo 1: cenni di anatomia oculare: Unità didattica 1: le tre tonache che rivestono il bulbo oculare Unità didattica 2: gli organi accessori

Dettagli

Specificità visita oculistica pediatrica

Specificità visita oculistica pediatrica Oftalmologia pediatrica Specificità visita oculistica pediatrica Nei bambini il periodo che va dai 6 mesi fino ai 10-12 anni è decisivo per il raggiungimento della stabilità visiva I danni che si verificano

Dettagli

ALTA TECNOLOGIA PER LA VISTA

ALTA TECNOLOGIA PER LA VISTA ALTA TECNOLOGIA PER LA VISTA LENTI A CONTATTO LENTI PROGRESSIVE SISTEMI INGRANDENTI PER CHIRURGIA OCCHIALI CHIRURGICI SUSSIDI PER IPOVEDENTI OCCHIALI DA SOLE OCCHIALI CORRETTIVI DA SPORT OCCHIALI DA SOLE

Dettagli

Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia.

Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia. Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia. LA PRESBIOPIA La presbiopia è una modificazione fisiologica, di tipo funzionale, di una struttura oculare: il cristallino.

Dettagli

3. LE AMETROPIE VISIVE

3. LE AMETROPIE VISIVE 3. LE METROPIE VISIVE. CLSSIFICZIOE Si definisce ametropia la condizione oculare in cui la potenza del sistema diottrico dell occhio non è proporzionata alla distanza che separa il piano principale dal

Dettagli

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI Gianluca Sotis (UPP-CNR, Roma) Definizioni (art. 173) Videoterminale: schermo alfa numerico o grafico Per lavoratore che utilizza videoterminali si intende un soggetto

Dettagli

2. OTTICA FISIOLOGICA

2. OTTICA FISIOLOGICA 2. OTTICA FISIOLOGICA 1. MODELLI DELL OCCHIO L occhio è costituito da una serie di diottri con curvature non propriamente sferiche. Gli indici di rifrazione sono diversi tra individuo e individuo e molto

Dettagli

Carlo Chiesi Libero professionista, già Ricercatore SSD MED30 c/o Clinica Oculistica dell Università - Modena e Reggio Emilia

Carlo Chiesi Libero professionista, già Ricercatore SSD MED30 c/o Clinica Oculistica dell Università - Modena e Reggio Emilia 2 GLI STRABISMI Capitolo 2 Gli strabismi 95 Carlo Chiesi Libero professionista, già Ricercatore SSD MED30 c/o Clinica Oculistica dell Università - Modena e Reggio Emilia Exotropie concomitanti Per exodeviazione

Dettagli

Applicazione di lenti a contatto su cornee operate di chirurgia refrattiva per la correzione della presbiopia in soggetti ipermetropi

Applicazione di lenti a contatto su cornee operate di chirurgia refrattiva per la correzione della presbiopia in soggetti ipermetropi In collaborazione con Società Optometrica Italiana SOPTI II PARTE Applicazione di lenti a contatto su cornee operate di chirurgia refrattiva per la correzione della presbiopia in soggetti ipermetropi Charles

Dettagli

2Win Refrattometro Binoculare Mobile e Vision Analyzer

2Win Refrattometro Binoculare Mobile e Vision Analyzer 2Win Refrattometro Binoculare Mobile e Vision Analyzer Il modo più intelligente e facile per rilevare errori di refrazione e difetti visivi Adaptica è stata fondata nel 2009 come spin-off dell Università

Dettagli

Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail

Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail cctpadova@prociechi.org 1 Tiflodidattica Disciplina che studia

Dettagli

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente ASTIGMATISMO Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente rilassata focalizzerà l immagine di un punto posto ipoteticamente all infinito in due focali rappresentate da due linee

Dettagli

CASERTA, 12 settembre 2012 SOCIETA ITALIANA DI PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE La prevenzione in oftalmologia pediatrica Proposta di linee guida per la prevenzione delle malattie oculari in età pediatrica

Dettagli

Diplopia e confusione: cosa fare?

Diplopia e confusione: cosa fare? 8 ASPETTI MEDICO-LEGALI Capitolo 8 Aspetti medico-legali 395 Emilio C. Campos Professore Ordinario di Malattie dell Apparato Visivo Direttore, Scuola di Specializzazione in Oftalmologia Alma Mater Studiorum

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

MOS by dueffe tecnovision -------------------- info@2ftecnovision.it

MOS by dueffe tecnovision -------------------- info@2ftecnovision.it ACUITA' MOROSCOPICA Le mire di questo test sono costituite da lettere dell'alfabeto disegnate secondo uno standard suggerito da Snellen; le lettere scelte sono quelle indicate dalla normativa BS 4724 e/o

Dettagli

SVILUPPO DEL SISTEMA VISIVO

SVILUPPO DEL SISTEMA VISIVO SVILUPPO DEL SISTEMA VISIVO Tappe dello sviluppo: SVILUPPO INTRAUTERINO MATURAZIONE POST-NATALE Il normale sviluppo neurosensoriale e del sistema oculomotore post-natale necessitano di stimoli visivi adeguati

Dettagli

Oculista : Ranieri Floriana Ortottista: Mancuso Annamaria Rita Tarantino Maria Pilar Le Pera

Oculista : Ranieri Floriana Ortottista: Mancuso Annamaria Rita Tarantino Maria Pilar Le Pera UNO SGUARDO AMICO screening per la prevenzione della patologia oculare in età evolutiva U.O. Oftalmologia Dir. Dott. Michele Iansiti U.O. Pedriatria di Comunità Dott. ssarosa Anfosso Premessa La prevalenza

Dettagli

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni Ipermetropia e Lenti a Contatto Fabio Casalboni Ci eravamo lasciati I vantaggi delle lenti a contatto Estetici/Psicologici Funzionali - Riduzione Aberrazioni - Movimenti oculari - Visione prossimale -

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA Università degli studi di Padova DIPARTIMENTO DI FISICA E ASTRONOMIA CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA Tesi di laurea Postura e anisometropia: correlazione che si stabilisce tra i banchi di scuola?

Dettagli

OTTICA DELLA VISIONE Mauro Zuppardo 2015

OTTICA DELLA VISIONE Mauro Zuppardo 2015 OTTICA DELLA VISIONE OTTICA DELLA VISIONE STIGMATICO ASTIGMATICO OTTICA DELLA VISIONE 90 SUPERFICIE TOROIDALE Disco di Minima Confusione Intervallo di Sturm Asso O=co OTTICA DELLA VISIONE Disco di Minima

Dettagli

Ottica ed Optometria

Ottica ed Optometria UNIVERSITA del SALENTO Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Tecniche Fisiche per l Optometria - I Docente a Contratto : DOMENICO BRIGIDA E- mail: @libero.it domenico.brigida@unile.it

Dettagli

ECM Formazione A Distanza

ECM Formazione A Distanza ECM Formazione A Distanza Con questo numero dell OTTICO continua anche per il 2008 in virtù della proroga accordata dal Ministero e dalla Regione Lombardia, una grande iniziativa formativa che completa

Dettagli

GUIDA D ADATTAMENTO VARILUX QUALCHE REGOLA PER L'ADATTAMENTO DI LENTI VARILUX

GUIDA D ADATTAMENTO VARILUX QUALCHE REGOLA PER L'ADATTAMENTO DI LENTI VARILUX GUIDA D ADATTAMENTO VARILUX QUALCHE REGOLA PER L'ADATTAMENTO DI LENTI VARILUX BENVENUTI Siamo lieti di presentarvi questa guida che contiene utili suggerimenti per un buon adattamento alle lenti progressive

Dettagli

FEMTOCCHIALI. Relazione presentata il 16/92011 a Torino. La refrazione in rapporto alla MO ed alla VB. Ortottiste Cavuoti - Vanni

FEMTOCCHIALI. Relazione presentata il 16/92011 a Torino. La refrazione in rapporto alla MO ed alla VB. Ortottiste Cavuoti - Vanni FEMTOCCHIALI Relazione presentata il 16/92011 a Torino La refrazione in rapporto alla MO ed alla VB. Ortottiste Cavuoti - Vanni Visione binoculare normale Meccanismo corticale che consente di vedere una

Dettagli

LEGISLAZIONE precedente D. Lvo 626/94. DPR 319/90art. 12

LEGISLAZIONE precedente D. Lvo 626/94. DPR 319/90art. 12 LEGISLAZIONE precedente D. Lvo 626/94 DPR 319/90art. 12 nei primi tre mesi di gravidanza le lavoratrici madri non possono essere adibite ai videoterminali CIRCOLARE 22/2/91 N. 71911/10.0.296 linee guida

Dettagli

Questo case report segue la parte introduttiva

Questo case report segue la parte introduttiva In collaborazione con Società Optometrica Italiana S.OPT.I. Parte 2 Case Report - segue dallo scorso numero Insufficienza di convergenza nell adulto: analisi e trattamento Gaia Brigida* Questo case report

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

Disciplina: OTTICA, OTTICA APPLICATA - PRIMO BIENNIO

Disciplina: OTTICA, OTTICA APPLICATA - PRIMO BIENNIO DIPARTIMENTO DI FISICA Disciplina: OTTICA, OTTICA APPLICATA - PRIMO BIENNIO PROGRAMMAZIONE ANNUALE - CLASSE PRIMA L AZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA NEL PRIMO BIENNIO PERSEGUE L OBIETTIVO PRIORITARIO DI FAR

Dettagli

LE SOLUZIONI OTTICHE

LE SOLUZIONI OTTICHE CARTA SERVIZI LE SOLUZIONI OTTICHE e PROTETTIVE PERSONALIZZATE DI ULTIMA GENERAZIONE info@isolani.com www.isolani.com Tecnologie innovative personalizzate LENTI MONOFOCALI BIASFERICHE pag. 1 LENTI DINAMICHE

Dettagli

STRABISMO NEL BAMBINO AMBLIOPIA BENDAGGIO

STRABISMO NEL BAMBINO AMBLIOPIA BENDAGGIO STUDIO PEDROTTI MALATTIE DEGLI OCCHI DOMANDE FREQUENTI STRABISMO NEL BAMBINO AMBLIOPIA BENDAGGIO Via Mazzini,11 Vicenza 36100 Tel. 0444 541000 mail: info@studiopedrotti.it sito: www.studiopedrotti.it AMBLIOPIA

Dettagli

Applicare MF con Successo. Sabrina Lotto Professional Service Manager Coopervision Italia

Applicare MF con Successo. Sabrina Lotto Professional Service Manager Coopervision Italia Applicare MF con Successo Sabrina Lotto Professional Service Manager Coopervision Italia Roma 28 Novembre 2011 I presbiti 2 Il bacino potenziale dei portatori miopi presbiti astigmatici ipermetropi 3 Cosa

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

Gli occhi dei bambini

Gli occhi dei bambini Gli occhi dei bambini Osservare gli occhi del bambino per individuare se ha un difetto visivo Fondation Asile des aveugles Un dono per la vista, un dono per la vita. CCP 10-2707-0 Concezione e redazione:

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Le patologie legate all'uso di videoterminali Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Benvenuto nel modulo "Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi" Effetti

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ANNO FORMATIVO 2008/2010 TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ANNO FORMATIVO 2008/2010 TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA SEDE DI BOLOGNA Via Ghirardini 17, 40141 ANNO FORMATIVO 2008/2010 TESI POSSIBILITA DI RECUPERO DEL VISUS,

Dettagli

La compensazione con lenti progressive

La compensazione con lenti progressive 2 capitolo La compensazione con lenti progressive Ezio Bottegal, Docente a contratto presso l Istituto B. Zaccagnini, Bologna. Il testo è un estratto delle pubblicazioni dell Istituto B. Zaccagnini. La

Dettagli

Screening della presbiopia

Screening della presbiopia Screening della presbiopia Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il CISS, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico all interno dei Comuni associati,

Dettagli

OTTICA, OTTICA APPLICATA

OTTICA, OTTICA APPLICATA OTTICA, OTTICA APPLICATA PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: DACCA ADRIANA BENEDUCE LUCIA CLASSE: IIIB Ott SETTORE: Servizi INDIRIZZO: Servizi Socio Sanitari articolazione Ottici

Dettagli

LO SVILUPPO VISIVO DEL BAMBINO

LO SVILUPPO VISIVO DEL BAMBINO LO SVILUPPO VISIVO DEL BAMBINO Psicopatologia dello sviluppo UniRomaTRE Dott.ssa Antonella De Luca Dott.ssa Elisabetta Luschi Ortottista - Assistente in Oftalmologia Presidente AIOrAO Toscana (Associazione

Dettagli

LENTE A CONTATTO VS CORREZIONE OFTALMICA:

LENTE A CONTATTO VS CORREZIONE OFTALMICA: PLATFORM optic REVIEW PROFESSIONAL IN COLLABORAZIONE CON SOPTI - SOCIETÀ OPTOMETRICA ITALIANA LENTE A CONTATTO VS CORREZIONE OFTALMICA: implicazioni refrattive, accomodative e binoculari PARTE 1: IMPLICAZIONI

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Classe 3 O.M.O. Materia: OTTICA, Ottica APPLICATA Anno Scolastico: 2015/2016

PIANO DI LAVORO. Classe 3 O.M.O. Materia: OTTICA, Ottica APPLICATA Anno Scolastico: 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Istituto Professionale Statale per l Industria e l Artigianato. E. M a j o r a n a Bari- Palese Sede: S. Paolo (BA) PIANO DI LAVORO Classe 3 O.M.O. Materia: OTTICA,

Dettagli

Tutti i bambini si meritano 10. Decimi.

Tutti i bambini si meritano 10. Decimi. Tutti i bambini si meritano 10. Decimi. I bambini cominciano prestissimo a sviluppare i 5 sensi: per esempio cominciano già a percepire i suoni nella pancia della mamma. Il tatto, il gusto e l olfatto

Dettagli

I MOVIMENTI OCULARI. Funzione CLASSIFICAZIONE. Roberto Volpe. CONDURRE LA FOVEA SUL BERSAGLIO e MANTENERLA SU DI ESSO per il tempo necessario

I MOVIMENTI OCULARI. Funzione CLASSIFICAZIONE. Roberto Volpe. CONDURRE LA FOVEA SUL BERSAGLIO e MANTENERLA SU DI ESSO per il tempo necessario Funzione I MOVIMENTI OCULARI Roberto Volpe roberto.volpe@unifi.it CONDURRE LA FOVEA SUL BERSAGLIO e MANTENERLA SU DI ESSO per il tempo necessario DIRIGERE la fovea sui vari particolari dell ambiente circostante

Dettagli

Risultati Esercizi volume Ottica Visuale

Risultati Esercizi volume Ottica Visuale Risultati Esercizi volume Ottica Visuale Zeri F, Rossetti A, Fossetti A, Calossi A. Capitolo 2 Es.2.1: Effettuare il calcolo del potere della cornea, attraverso la formula per lenti sottili usando i dati

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

L esame visuo-posturale

L esame visuo-posturale Formazione 2015 Nella pratica clinica del centro ottico Primo modulo Domenica 19 Aprile - orario 9:30-17:00 - Milano L esame visuo - posturale di base Ruolo della funzione visiva nelle disfunzioni posturali

Dettagli

REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE

REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE ALLEGATO I (articolo 27) REQUISITI DI IDONEITA PARAGRAFO 1 MALATTIE INVALIDANTI E CONDIZIONI DI COMPATIBILITA PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DELLE PATENTI NAUTICHE Possono conseguire le patenti nautiche

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP)

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) Data: Informazioni fornite da: Responsabile del trattamento chirurgico:. I difetti visivi,

Dettagli

ROBERTO CARNEVALI LE ABERRAZIONI OTTICHE

ROBERTO CARNEVALI LE ABERRAZIONI OTTICHE ROBERTO CARNEVALI LE ABERRAZIONI OTTICHE 1 ROBERTO CARNEVALI LE ABERRAZIONI OTTICHE 2 Indice La caustica -------------------------------------------------------------------------------------- 4 Il defocus

Dettagli

ABILITÀ VISIVE nella DISGRAFIA

ABILITÀ VISIVE nella DISGRAFIA FABIO MIGNANELLI, Optometrista Studio di Optometria Comportamentale ABILITÀ VISIVE nella DISGRAFIA ANCONA Jesi Civitanova M. DISGRAFIA Difficoltà strumentale di scrivere correttamente e nella giusta fluidità,

Dettagli