[ dbm] = 0 dbm " 0,2 #100 db = " 20 dbm

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[ dbm] = 0 dbm " 0,2 #100 db = " 20 dbm"

Transcript

1 Esercizi di comunicazioni ottiche (SNR, Q, BER) Consideriamo il caso di una linea in fibra ottica lunga 00 km con attenuazione di 0, db/km e dispersione cromatica compensata. Supponiamo poi di avere una trasmissione STM-64 (ovvero con cadenza di circa 0 Gb/s) alla lunghezza d onda di 550 nm, con modulazione binaria d intensità di formato NRZ-OOK. La potenza trasmessa in corrispondenza dei bit è pari a mw (ovvero 0 dbm), mentre si annulla in corrispondenza dei bit 0. Il ricevitore è costituito da un fotodiodo PIN (efficienza 0,6) seguito da un circuito elettrico di amplificazione. Il ricevitore in questione è caratterizzato da una banda elettrica bilatera B m 0 GHz e da una potenza equivalente di rumore (NEP) di 30 pw/ Hz. Vogliamo determinare il valore di SNR elettrico dopo il ricevitore, il parametro di qualità Q di tale sistema di comunicazione ed il tasso di errore sul bit (BER, bit error rate). La potenza ottica di segnale (bit ) al ricevitore in dbm vale: P s [ dbm] 0 dbm " 0, #00 db " 0 dbm Tenendo conto che P s { [ ]} [ dbm] 0 " log 0 P s mw si ottiene in milliwatt: P s P s [ dbm] 0 [ mw] 0 mw 0 " mw La potenza al ricevitore, dopo l attenuazione del tratto di fibra di 00 km, è quindi di 0 µw. Valutiamo l SNR come rapporto tra media al quadrato e varianza di fotoconteggio, cioè di numero di fotoelettroni misurati in un tempo di osservazione T o pari all inverso della banda elettrica del ricevitore (T o coincide poi con la durata temporale dello slot di un bit): T o 00 ps B m 0 GHz

2 Si può scrivere: SNR " shot + " thermal La media di fotoconteggio di segnale è pari al count-rate moltiplicato per il tempo T o : "P s #T o "P s # B m $ h% P s # B m Tenendo presente che l energia di un fotone alla lunghezza d onda di 550 nm è pari a 0,8 ev, si ottiene 0,6 0,8",6 "0 #9 "0#5 "0 #0 4,6875"0 3 La deviazione standard di conteggio dovuta allo shot-noise è uguale alla radice quadrata della media di fotoconteggio di segnale: " shot 4,6875#0 3 68,47 Per determinare la deviazione standard di conteggio generata dal rumore termico del ricevitore abbiamo bisogno della corrente equivalente di rumore (NEC) del ricevitore, che è il prodotto della responsivity del fotodiodo per la potenza equivalente di rumore: NEC R " NEP #e 0,6 A " NEP h$ 0,8 W " 30 pw Hz,5 pa Hz La deviazione standard di conteggio dovuta al rumore termico del ricevitore è poi data da " thermal NEC # B m # e #T o NEC # B m # e # NEC # B m e,5#0 $ 0 $0,4065#0 3 B m,6 #0 $9

3 e si vede che il rumore termico è dominante sullo shot-noise. L SNR elettrico è quindi SNR 4687,5 68, ,5,085 Per determinare l SNR abbiamo valutato la media di fotoconteggio di segnale e le deviazioni standard di fotoconteggio dei contributi di rumore perché queste grandezze ci servono per determinare il parametro Q, definito come: Q µ " µ 0 # + # 0 Nel nostro caso di modulazione OOK-NRZ e rivelazione diretta si ha µ µ 0 0 " + " thermal " 0 " thermal e quindi Q 4687,5, , , ,5 Si può poi determinare il BER a partire dal parametro Q utilizzando la seguente espressione: BER " Q # exp % $ Q ( ' * & ) Nel nostro sistema si ottiene quindi un tasso di errore BER ",666 # exp % ' & $,666 ( * " 6 +0 $ ) che è troppo elevato. 3

4 Tipicamente si considera accettabile un BER minore o uguale a 0-9, che corrisponde ad un parametro Q maggiore o uguale di 6. Nel caso poi di modulazione OOK-NRZ e rivelazione diretta con rumore termico dominante (come in questo esercizio) un Q di 6 corrisponde ad un SNR di 44. Nel caso qui considerato abbiamo << " thermal da cui si vede che il rumore termico del ricevitore è dominante sul rumore shot. In tal caso valgono le approssimazioni SNR " shot # + " thermal " thermal Q " # thermal e quindi valgono con buona approssimazione le relazioni Q " SNR SNR " 4Q Nel nostro esercizio otteniamo SNR " µ $ s 4687,5 ' & ) % 406,5( # thermal, con un piccolo errore dello 0,% rispetto al caso esatto. Per quanto riguarda il parametro Q risulta: Q " SNR,667 con un errore minore dello 0,%. 4

5 ATTENZIONE: in tutte le espressioni precedenti abbiamo calcolato l SNR considerando la potenza ottica in corrispondenza del bit (che è il doppio della potenza ottica media). Per risolvere l esercizio si può anche calcolare l SNR usando l espressione in termini di count-rate e poi, una volta verificato che il rumore termico è dominante, determinare il parametro Q direttamente daall SNR. Può essere istruttivo derivare questa espressione a partire da quella vista prima come rapporto tra quadrato della media e varianza di fotoconteggio. SNR " shot + " thermal + " thermal + " thermal L SNR limitato dal rumore shot (cioè con rumore termico trascurabile) è SNR shot "P s B m #P s h$ B m L SNR al limite quantico coincide con l SNR limitato dal rumore shot quando l efficienza quantica vale, quindi SNR QL P s h" B m Risulta SNR QL 0 "5 0,8#,6 #0 "9 #0"0 7,85#0 4 Si può scrivere poi SNR shot " #SNR QL SNR " #SNR QL # + $ thermal 5

6 Si vede che il rumore termico deprime l SNR rispetto al limite quantico. Introducendo il count-rate n s per il segnale in corrispondenza del bit, si ha n s " B m e quindi n s 4,6875"0 3 s # La varianza di fotoconteggio dovuta al rumore termico è poi " thermal NEC e # B m Introducendo la grandezza $ ' n J NEC &,5"0# ) s #,9775"0 6 s # e %,6 "0 #9 ( che ha le stesse dimensioni [s - ] di un count-rate, si ottiene finalmente la seguente espressione dell SNR: SNR " #SNR QL # + n J n s " #SNR QL # + NEC # h$ e "P s Sostituendo i valori numerici: SNR 0,6 " 78,5" + 97,75 0, ,5" + 4,87,085 6

7 NOTA: nel caso di ricevitore costituito da una resistenza equivalente in parallelo al fotodiodo, si avrebbe una corrente equivalente di rumore pari alla radice della densità dello spettro di corrente di rumore termico (o Johnson) NEC R,T N 0c "T R Considerando poi R 50 Ω, a temperatura ambiente, si otterrebbe N 0c "T R # 5 mev 50 $ 0%3 #,6 #0-9 A Hz 3 pa Hz 7

8 Per migliorare le prestazioni del sistema di comunicazioni ottiche descritto nell esercizio precedente, si sostituisca il fotodiodo PIN con un fotodiodo a valanga (APD) di guadagno medio g 7, fattore di merito F ed efficienza η 0,6. Il circuito elettrico del ricevitore posto a valle del fotodiodo APD rimane inalterato, quindi il ricevitore ha la stessa NEC dell esercizio precedente (mentre la NEP è divisa per g ). Si calcoli SNR, Q e BER. Possiamo calcolare l SNR come rapporto tra il quadrato della media e la varianza del numero di fotoelettroni generati dal ricevitore in un tempo T o (B m ). Il numero medio di fotoelettroni è aumentato di un fattore g 7, sostituendo il PIN con l APD: g "P s B m 3,85#0 4 La varianza del numero di fotoelettroni dovuta al rumore shot è : " shot g Ps F g Ps F g Bm Bm µ s e quindi la deviazione standard è " shot F g # 7 # 3,85#0 4 6,7777 #0 La deviazione standard del numero di fotoelettroni dovuta al rumore termico non cambia sostituendo il PIN con l APD a parità di NEC: " thermal NEC e B m,4065#0 3 L SNR vale poi SNR " shot + " thermal 38,5 677, ,5 44,8 8

9 ed è notevolmente aumentato rispetto al caso di fotodiodo PIN. Il rumore termico è ancora prevalente sul rumore shot, anche se quest ultimo non è più trascurabile. Il parametro Q vale: Q " shot + " thermal + " thermal 38,5,06 677, , ,5 Il BER è talmente basso che il sistema è in pratica error-free: BER ",06 # exp % ' & $,06 ( * < 0 $0 ) Abbiamo visto che sostituendo il PIN con l APD risulta che µ s è moltiplicato per è moltiplicato per shot thermal rimane inalterato g g F g e quindi SNR shot è diviso per F SNR è moltiplicato per thermal g. L impiego dell APD al posto del PIN migliora l SNR quando il rumore termico è prevalente sul rumore shot, mentre lo peggiora quando è dominante il rumore shot. Il massimo miglioramento dell SNR (di un fattore g ) si ha quando il rumore termico è dominante. Nel nostro caso si ha un miglioramento dell SNR di un fattore circa 44/40 che è un po inferiore a g 49 poiché per effetto dell APD il rumore shot non è più trascurabile rispetto al rumore termico, anche se minore. 9

10 Per risolvere l esercizio si può anche utilizzare direttamente l espressione dell SNR: SNR " #SNR QL # F + n J n s L SNR al limite quantico vale SNR QL P s h" B m da cui SNR QL 0 "5,8#0 "9 #0"0 7,85#0 4 Il count-rate di fotoelettroni primari, che vengono poi moltiplicati dall APD, vale n s "P s # h$ P s 0,6 %0&5,8%0 &9 s& 4,6875%0 3 s & (NOTA: nel calcolo di n s NON devo considerare il guadagno medio dell APD) Il parametro n J che tiene conto del rumore elettrico introdotto dal ricevitore dopo la fotorivelazione, ed ha le dimensioni di un count-rate, vale $ ' n J NEC &,5"0# ) s # 4,0357 "0 4 s # g e % 7 ",6 "0 #9 ( Tale parametro in presenza di fotodiodo APD, rispetto al caso di fotodiodo PIN a parità di circuito elettrico di amplificazione, cioè a pari NEC, si riduce di un fattore g pari al quadrato del guadagno medio. Quindi l APD (rispetto al PIN) riduce il peso del rumore termico di un fattore g, mentre aumenta il peso del rumore shot di un fattore F (excess-noise factor). Nel caso di rumore dominante di tipo termico con 0

11 fotodiodo PIN, allora il passaggio ad un fotodiodo APD è chiaramente vantaggioso, come in questo esempio. Sostituendo i valori numerici: SNR 0,6 " 78,5" + 4, ,5" + 8, ,8 Vediamo che il peso del rumore termico è maggiore del peso del rumore shot (8,6 contro ), però quest ultimo non è completamente trascurabile. Proviamo ora a valutare il Q con l espressione approssimata, valida per rumore termico dominante: Q " 44,8 0,5 Questo valore è un po più basso del valore esatto di,06 (errore per difetto del 5%), ma praticamente accettabile per una stima delle prestazioni del sistema.

12 Si consideri ora di aggiungere al sistema di comunicazioni ottiche precedente un ulteriore tratto di fibra di 00 km, in modo da avere una lunghezza complessiva del collegamento pari a 00 km. Si calcoli l SNR elettrico al ricevitore (fotodiodo APD più amplificatore a transimpedenza con NEC,5 pa/ Hz ). Dopo 00 km di fibra l attenuazione complessiva è di 40 db e quindi la potenza di segnale sul bit che arriva al ricevitore è di soli -40 dbm, cioè 0, µw. Con questo livello di potenza così basso il rumore dominante è quello termico introdotto dal circuito elettrico. Precedentemente abbiamo ottenuto un SNR di nel caso di fotodiodo PIN e con una potenza al ricevitore 00 volte maggiore (solo 00 km di fibra). Riducendo la potenza ottica ricevuta di un fattore /00, si ha una riduzione dell SNR di un fattore 0-4. Poi la sostituzione del PIN con l APD, in condizione di rumore termico dominante, comporta un miglioramento dell SNR di un fattore g 49. Quindi otteniamo SNR 0 " ,054 che è un valore bassissimo, pertanto è praticamente impossibile ricevere il segnale ottico.

13 Per migliorare l SNR si aggiunga al ricevitore un preamplificatore ottico di tipo EDFA con guadagno G30 db e fattore d inversione di popolazione n sp,5. Per filtrare l ASE fuori dalla banda del segnale si introduca un filtro ottico di larghezza di banda B o 30 GHz. Si calcoli ora SNR, Q e BER nel caso sia di fotodiodo PIN che APD (più il solito circuito elettrico di amplificazione con NEC,5 pa/ Hz ). Calcoliamo l SNR come rapporto tra il quadrato della media e la varianza del numero di fotoelettroni in un tempo T (B ) : SNR + µ ASE + µ ASE M + µ µ ASE s M + " thermal o m La varianza totale a denominatore è la somma dei contributi dovuti rispettivamente al rumore shot di segnale, al rumore shot di ASE, al rumore di battimento dell ASE con se stesso, al rumore di battimento tra segnale ed ASE e al rumore termico del circuito elettrico. Il parametro M indica il numero totale di modi. Essendo in fibra ottica monomodale il numero di modi spaziali è. Il numero di modi temporali è il rapporto tra la banda ottica e la banda elettrica bilatera. Ci sono poi due modi di polarizzazione dato che l ASE emesso dall amplificatore ottico è depolarizzato. Quindi M B B m 30 GHz 0 GHz o 6 Consideriamo dapprima il caso di fotodiodo PIN. La potenza ottica all ingresso del fotodiodo P s è pari alla potenza all ingresso del preamplificatore ottico P r moltiplicata per un fattore 000 dato dal guadagno G. Tenendo conto dell attenuazione di 40 db della fibra, si ottiene una potenza di segnale d ingresso al preamplificatore ottico, in corrispondenza dei bit, pari a " 4 P r 0 mw 0-7 W e quindi 3-7 P s 0 0 W 0-4 W 3

14 Il numero medio di fotoconteggi di segnale è µ $ " 4 " 0 4 s % Ps Ps 0 0 4,7 0 " 9 Bm h# Bm 0,8,6 0 0,6 Vediamo ora di calcolare il numero medio di fotoconteggi di ASE, sapendo che la densità spettrale di potenza dell ASE per singolo modo di polarizzazione è: N sp h" # ( G $) # n sp Il numero medio di fotoconteggi ASE è, tenendo conti dei due modi di polarizzazione dell ASE depolarizzato: µ ASE " # N sp # B o # B m $ h% # N sp # M $ # G & ( ) # n sp # M e quindi µ 3 ASE 0,6 999,5 6 5,4 0 Valutiamo ora i vari contributi alla varianza di fotoconteggio: rumore shot battimento ASE-ASE battimento segnale-ase rumore termico µ µ 4 s + µ ASE " ASE M " 5 0 µ ASE M " 85#0 6 " thermal NEC e # B m ( ) $ #0 6 Si vede come il contributo principale sia dato dal battimento segnale- ASE, anche se non sono trascurabili né il battimento ASE-ASE né il rumore termico. Il contributo del rumore termico è comunque piccolo, inoltre il contributo del rumore shot può essere ignorato. Sostituendo nell espressione dell SNR si ottiene SNR ( 4,7 "0 4 ) ( ) "

15 Per valutare il parametro Q, teniamo conto che µ + µ ASE µ 0 µ ASE " + µ ASE + µ ASE M + µ µ ASE s M + " thermal " 0 µ ASE + µ ASE M + " thermal Ignorando lo shot-noise si ottiene Q µ " µ 0 # + # 0 4,7 $ $ $0 3 3,8 E interessante notare come il battimento segnale-ase dia il contributo maggiore alla valutazione della deviazione standard di fotoconteggio per bit, mentre si annulli per bit 0. Il contributo maggiore alla valutazione della deviazione standard di fotoconteggio per bit 0 è invece dato dal battimento ASE-ASE. Il BER è poi in questo caso: BER " 3,8 # exp % ' $ 3,8 & ( * 8+0 $5 ) Il preamplificatore ottico ha quindi aumentato di molto il livello di segnale ricevuto dal fotodiodo PIN, ma ha anche introdotto un rumore di tipo ottico dovuto all ASE. Nel sistema di comunicazione considerato la potenza del segnale all ingresso del preamplificatore ottico non è comunque sufficiente per poter ottenere un BER di 0-9. La sostituzione del PIN con un APD migliora solo di poco le prestazioni. Infatti l APD deprime di un fattore g il contributo alla varianza di fotoconteggio dato dal rumore termico, rispetto ai contributi sia del battimento segnale-ase che del battimento ASE-ASE. L APD rende quindi trascurabile il rumore termico, che tuttavia nel caso del PIN era già meno rilevante dei rumori di battimento segnale-ase ed ASE-ASE. 5

16 Facendo i conti ignorando anche il rumore termico, oltre che il rumore shot, si ottiene SNR Q 4 ( 4,7 "0 ) ( ) "0 6 4,5 4,7 " " "0 3 4,0 BER " 4 # exp % $ 4 ( ' * 3+0 $5 & ) Il vantaggio di usare un APD al posto di un PIN è effettivamente piccolo in presenza di un preamplificatore ottico. 6

17 Si possono poi determinare delle espressioni approssimate per SNR e Q nell ipotesi di considerare per i bit un rumore dominante di battimento segnale-ase e per i bit 0 un rumore dominante di battimento ASE-ASE. Si può notare come µ s e µ ASE siano direttamente proporzionali al guadagno G. Di conseguenza i contributi alla varianza dati dai termini di battimento dipendono quadraticamente da G, i contributi di shot-noise dipendono linearmente da G ed il contributo di rumore termico è indipendente da G. Per valori di guadagno elevati ( G >> ) si possono effettivamente trascurare lo shot-noise ed il rumore termico, ottenendo l espressione SNR " µ ASE M + µ µ ASE s M M # # µ ASE + µ ASE Per avere un accettabile qualità di trasmissione l SNR deve essere grande rispetto a, quindi µ s grande rispetto a µ ASE. Si può quindi considerare l espressione approssimata SNR " M # µ ASE Risulta poi " h# P s B m " h# GP r B m " $ G $ SNR QL [ ] r µ ASE " h# $ N $ M " $ G % sp ( ) $ n sp $ M " $ G $ n sp $ M e quindi sostituendo nell SNR: [ SNR " SNR QL] r n sp L SNR per un ricevitore preamplificato otticamente è con buona approssimazione dato dal rapporto tra l SNR quantum-limited all ingresso del preamplificatore e il doppio del fattore d inversione di 7

18 popolazione. Si dice che n sp è la cifra di rumore dell amplificatore ottico. Il fattore n sp può essere anche interpretato come il numero equivalente di fotoni di rumore per modo all ingresso dell amplificatore ottico. Nel caso di rumore ottico di tipo ASE dominante, valgono le seguenti relazioni approssimate: SNR " Q + M # Q Q " # M + SNR + M 4 E possibile ricavare l SNR richiesto per avere un dato Q e quindi un dato BER. Ad esempio per avere BER 0-9, ovvero Q 6, deve essere, a seconda del numero di modi: M SNR 4 44, , Ritorniamo al nostro esercizio e vediamo i risultati che si ottengono con queste espressioni approssimate. L SNR quantum-limited relativo alla potenza ottica d ingresso del preamplificatore ottico vale [ SNR QL ] P r r h" B m 0 #7 0,8$,6 $0 #9 0#0 78,5 L SNR elettrico al ricevitore è quindi approssimabile come [ SNR " SNR QL] r " 78 n sp 3 6 che si discosta poco da quello ottenuto esattamente come rapporto tra media al quadrato e varianza di fotoconteggio, sia nel caso di PIN che di APD. Il parametro Q può essere calcolato poi come 8

19 Q " SNR + M 4 # M 6 +,5 # 0,5$ 6 4,0 " 4 e quindi il BER è BER " 4 # exp % $ 4 ( ' * " 3+0 $5 & ) 9

20 Per cercare di ottenere un BER di 0-9 dopo 00 km in fibra ottica, con dispersione cromatica compensata, si consideri il collegamento composto da due tratte di 00 km con alla fine di ognuna un amplificatore ottico di guadagno 0 db, che compensa esattamente l attenuazione della tratta, e fattore d inversione di popolazione n,5. sp La potenza ottica di segnale, in corrispondenza dei bit, all ingresso dell ultimo amplificatore ottico è di -0 dbm. Quindi l SNR al limite quantico prima dell ultimo amplificatore ottico è [ SNR QL ] P r r h" B m 0 #5 0,8$,6 $0 #9 0#0 7,8$0 3 Quest ultimo amplificatore introduce un rumore dovuto all ASE, generando in uscita un numero G " ( ) n sp di fotoni di ASE per modo, che vengono rivelati dal fotodiodo in aggiunta a quelli di segnale. Anche il primo amplificatore genera alla propria uscita un numero ( G ") n sp di fotoni di ASE per modo. Siccome per ogni tratta l attenuazione della fibra è compensata esattamente dall amplificazione finale della tratta, risulta che il numero di fotoni di ASE del primo amplificatore che arrivano al fotodiodo è proprio uguale al numero di fotoni di ASE del secondo amplificatore. Quindi, ai fini dell SNR, il nostro collegamento composto da due tratte amplificate otticamente alla fine è equivalente ad avere una sola tratta amplificata, pur di raddoppiare il fattore n sp dell amplificatore ottico finale. Si ottiene: [ SNR " SNR QL] r 7,8#03 # n sp 6,30 #0 3 I valori di SNR e di Q sono elevatissimi ed il sistema è praticamente error-free. 0

21 Si determini ora, nel caso sempre di trasmissione OOK-NRZ a 0 Gb/s con 0 dbm di potenza trasmessa per i bit, la massima distanza raggiungibile per avere BER 0-9. Si ipotizzi di avere un collegamento composto da una serie di tratte in fibra lunghe 00 km, con amplificatori ottici alla fine della tratta di guadagno 0 db (in modo da compensare esattamente l attenuazione) e fattore d inversione di popolazione n sp. L ASE è poi depolarizzato ed è filtrato otticamente dopo ogni amplificatore con uno spettro idealmente rettangolare di banda B o 5 GHz. Detto K il numero di tratte, per calcolare l SNR possiamo considerare il nostro sistema equivalente ad avere una sola tratta con amplificatore ottico finale di fattore d inversione di popolazione pari a K n. Si ottiene [ SNR QL ] P r r h" # B m 0 $5 0,8#,6 #0 $9 0$0 7,8#0 3 sp e l SNR elettrico al ricevitore vale, considerando dominante il rumore di battimento segnale-ase per i bit ed il rumore di battimento ASE-ASE per i bit 0: [ SNR " SNR QL] r 7,8#03 K # n sp 4K Il numero di modi è poi,95#03 K M B B m 5 GHz 0 GHz o 5 Tenendo conto della relazione SNR " Q + M # Q risulta che per avere BER 0-9, ovvero Q 6, deve essere SNR " 49,4 Quindi il numero massimo di tratte per garantire questo SNR è

22 K,95"03 SNR,95"03 49,4 39,5 Contando un numero intero massimo di tratte pari a 39, si ottiene la seguente massima distanza raggiungibile L 39 "00 km 3900 km

23 Nel caso di collegamento in fibra di 00 km (attenuazione 0, db/km), con modulazione binaria d intensità di formato OOK-NRZ a 0 Gb/s e potenza trasmessa di 0 dbm per i bit, si consideri una rivelazione coerente omodina. L oscillatore locale ha una potenza di 3 dbm. Si valuti SNR, Q e BER nel caso sia di fotodiodo PIN(con η 0,7) che APD (con η 0,7, g 7 e F ). In entrambi il circuito elettrico a valle dei fotodiodi ha una corrente equivalente di rumore NEC 30 pa/ In generale l SNR per rivelazione coerente omodina vale Hz. SNR " #SNR omodino QL # F + n J n L ( ) è il count-rate dell oscillatore locale e dove n L "P L #P L h$ n J NEC ( e g ). Inoltre compare l SNR al limite quantico per rivelazione coerente omodina, che è il quadruplo dell SNR per rivelazione diretta: SNR omodino QL 4P s h" # B m In termini di numero di fotoelettroni l SNR è esprimibile come il rapporto tra la media al quadrato e la varianza. Nell ipotesi che la potenza ottica del segnale ricevuto sia piccola rispetto a quella dell oscillatore locale, la varianza del numero di fotoelettroni è la somma dei due contributi dati dal rumore shot dell oscillatore locale e dal rumore termico del circuito elettrico. Quindi SNR " shot, L + " thermal Si può notare come la varianza del numero di fotoelettroni sia indipendente dal segnale. Questo fatto implica, ai fini del calcolo del parametro Q, che le deviazioni standard del numero di fotoelettroni rispettivamente per bit e per bit 0 siano uguali tra di loro " " 0 " shot, L + " thermal 3

24 Il parametro Q è poi Q µ " µ 0 # + # 0 # shot, L Vale quindi la relazione + # thermal Q SNR Questa relazione vale per la rivelazione diretta solo nel caso di rumore termico dominante; infatti solo nel caso di rumore shot del segnale trascurabile la varianza del numero di fotoelettroni può essere considerata indipendente dal segnale. Possiamo ora risolvere il nostro esercizio. L SNR al limite quantico è SNR omodino QL 4P s h" Si ha poi B m 4 #0 $7 0,8#,6 #0 $9 #0$0 3 n L "P L #P L 0,7 % %0&3 h$ 0,8%,6 %0 &9 s&,09 %0 6 s & e nel caso di fotodiodo PIN $ n J NEC 30 ' "0# & ) s - 3,5 "0 6 s - e %,6 "0 #9 ( Risulta che il rumore termico è più forte del rumore shot dell oscillatore locale. L SNR ed il parametro Q valgono rispettivamente SNR 0,7 " 3 " + 3,5,09 0,7 " 3 " 4,3 5 Q 0,5" 5 3,6 4

25 Il BER vale quindi, nel caso di fotodiodo PIN BER " 3,6 # exp % $ 3,6 ( ' * +0 $4 & ) Sostituiamo ora il PIN con l APD. Il guadagno dell APD riduce il peso del rumore termico, però bisogna tener conto del parametro di merito F dell APD. Si ottiene SNR 0,7 " 3 " F + g " 3,5,09 0,7 " 3 " + 49 " 3,5,09 0,7 " 3 ",07 06 Con l APD migliora l SNR e diventa dominante il rumore shot dell oscillatore locale. Si ha poi Q 0,5" 06 5,5 BER " 5,5 # exp % ' $ 5,5 & ( * 0 $7 ) Il BER è diminuito con l APD, ma è ancora maggiore di 0-9. Per migliorare ulteriormente le prestazioni del sistema si può pensare di aumentare la potenza dell oscillatore locale. Questo aumento di potenza ridurrebbe il peso del rumore termico. Nel caso di fotodiodo PIN ci si avvicinerebbe al limite quantico (depresso dall efficienza del fotodiodo). Invece nel caso di fotodiodo APD ci si avvicinerebbe al limite quantico depresso però da /F (oltre che dall efficienza del fotodiodo). Quindi per potenze sufficientemente alte di oscillatore locale le prestazioni migliori si ottengono con il fotodiodo PIN. 5

26 Si aumenti la potenza dell oscillatore locale di 0 db rispetto all esercizio precedente, portandola quindi a 3 dbm. Si determinino i nuovi valori di SNR, Q e BER. Nel caso di fotodiodo PIN: SNR 0,7 " 3 " + 3,5 0 ",09 0,7 " 3 " + 0,3 65 L aumento della potenza di oscillatore locale ha reso il rumore termico inferiore al rumore shot dell oscillatore locale e l SNR è migliorato apprezzabilmente. Si ottiene poi: Q 0,5" 65 6,4 BER " 6,4 # exp % ' $ 6,4 & ( * 0,7 +0 $0 ) Il BER ora è diventato minore di 0-9. Nel caso di fotodiodo APD: SNR 0,7 " 3 " + 49 " 3,5 0 ",09 0,7 " 3 ",0 09 Q 0,5" 09 5, BER " 5, # exp % ' $ 5, & ( * 0,9 +0 $7 ) Poiché nel caso di APD il rumore shot dell oscillatore locale era già dominante con una potenza di oscillatore locale di 3 dbm, l aumento di tale potenza lascia praticamente inalterate le prestazioni del sistema. Inoltre l aumento della potenza di oscillatore locale a 3 dbm rende nel caso di fotodiodo PIN il rumore shot di oscillatore prevalente sul rumore termico. Tenendo poi conto che nel caso di APD il rumore shot è maggiore rispetto al PIN (a causa del parametro di merito) si capisce perché le prestazioni migliori si ottengano ora con il PIN. 6

[ dbm] = (3 " 0,2 # 50 " 3) dbm = "10 dbm

[ dbm] = (3  0,2 # 50  3) dbm = 10 dbm Esercizi di comunicazioni ottiche (SNR, Q, BER) Es. ) Consideriamo il caso di una linea in fibra ottica lunga 50 km con attenuazione di 0, db/km e dispersione cromatica compensata mediante un modulo di

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia Argomenti relativi alle fibre ottiche. Fibre ottiche: Costituzione delle fibre Propagazione di energia ottica Sorgenti e ricevitori Impiego delle fibre ottiche in telefonia Frequenza normalizata Apertura

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 6: Sistemi Ottici Parte 6.3: Componenti e sistemi ottici Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/25 Sistema di

Dettagli

Trasmissione dell informazione attraverso una fibra ottica

Trasmissione dell informazione attraverso una fibra ottica Trasmissione dell informazione attraverso una fibra ottica Porzione dello spettro elettromagnetico di interesse nelle comunicazioni ottiche Pag.1 Principio di propagazione in fibra ottica: legge di Snell

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato appresentazione grafica di un sistema retroazionato La f.d.t. di un.o. ha generalmente alcune decine di poli Il costruttore compensa il dispositivo in maniera da dotarlo di un singolo polo (polo dominante).

Dettagli

Dispositivi optoelettronici (1)

Dispositivi optoelettronici (1) Dispositivi optoelettronici (1) Sono dispositivi dove giocano un ruolo fondamentale sia le correnti elettriche che i fotoni, le particelle base della radiazione elettromagnetica. Le onde elettromagnetiche

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti LA GIUNZIONE PN Sulla base delle proprietà chimiche e della teoria di Bohr sulla struttura dell atomo (nucleo costituito da protoni e orbitali via via più esterni in cui si distribuiscono gli elettroni),

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

RICEVITORI OTTICI CONVENZIONALI E COERENTI

RICEVITORI OTTICI CONVENZIONALI E COERENTI 1 quando Beatrice in sul sinistro fianco vidi rivolta e riguardar nel sole: aquila sì non li s affisse unquanco. E sì come secondo raggio suole uscir del primo e risalire in suso, pur come pelegrin che

Dettagli

Laser Fabry-Perot Distributed Feedback Laser. Sorgenti ottiche. F. Poli. 22 aprile 2008. F. Poli Sorgenti ottiche

Laser Fabry-Perot Distributed Feedback Laser. Sorgenti ottiche. F. Poli. 22 aprile 2008. F. Poli Sorgenti ottiche Sorgenti ottiche F. Poli 22 aprile 2008 Outline Laser Fabry-Perot 1 Laser Fabry-Perot 2 Laser Fabry-Perot Proprietà: sorgente maggiormente utilizzata per i sistemi di telecomunicazione in fibra ottica:

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA FOTORIVELATORI

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA FOTORIVELATORI APPUNTI DI OPTOELETTRONICA (ad uso libero ed esclusivo degli studenti) FOTORIVELATORI Autore: Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Termopile Sfruttano il principio della termocoppia, nella quale il riscaldamento

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

La dispersione cromatica, Caratterizzazione e cause

La dispersione cromatica, Caratterizzazione e cause La dispersione cromatica, Caratterizzazione e cause Velocità e ritardo di ruppo La velocità di propaazione in fibra deli impulsi che portano i bit è detta velocità di ruppo. Il tempo di propaazione deli

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Date le specifiche, soprattutto dimensioni e velocità di modulazione, il diodo a emissione di luce (LED o LD) risulta il dispositivo adatto. I processi di integrazione consentono di produrre migliaia di

Dettagli

FIBRE OTTICHE 1 2 3 4 5 6 7 Le fibre ottiche monomodali sono caratterizzate da un diametro Dcr del core (nucleo) compreso tra 4 e 10 μm (micrometri o micron) e da un diametro Dcl del cladding (mantello)

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

Caratterizzazione di finestre da vuoto e radome. Modello circuitale delle finestre da vuoto e dei radome

Caratterizzazione di finestre da vuoto e radome. Modello circuitale delle finestre da vuoto e dei radome ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA OSSERVATORIO ASTROFISICO DI ARCETRI L.GO E. FERMI, 5, 50125 FIRENZE TEL. 39-055-27521; FAX: 39-055-220039 C.F./P.IVA: 97220210583 Caratterizzazione di finestre da vuoto

Dettagli

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA CAPITOLO III PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA III.1 Introduzione L attività scientifica sugli OEIC è iniziata nel 1979 con un grande progetto negli USA, per la realizzazione di circuiti

Dettagli

Basilio Catania - Luigi Sacchi. CSELT - Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni Via Reiss Romoli, 274-10148 TORINO. Abstract

Basilio Catania - Luigi Sacchi. CSELT - Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni Via Reiss Romoli, 274-10148 TORINO. Abstract Basilio Catania - Luigi Sacchi CSELT - Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni Via Reiss Romoli, 274-10148 TORINO PROGETTO DI COLLEGAMENTI NUMERICI IN FIBRA OTTICA [Atti del XXIII Convegno Internazionale

Dettagli

La linea di comunicazione ottica

La linea di comunicazione ottica ARCHITETTURA DEL SISTEMA Abbiamo considerato i componenti principali di un sistema di trasmissione a fibra ottica, cioè la fibra, il trasmettitore, il ricevitore, e l amplificatore. Si discute ora brevemente

Dettagli

Reti in fibra ottica. Cosa c è nella lezione. In questa lezione si parlerà di: Caratterizzazione analitica. Cause fisiche della dispersione.

Reti in fibra ottica. Cosa c è nella lezione. In questa lezione si parlerà di: Caratterizzazione analitica. Cause fisiche della dispersione. Reti in fibra ottica Cosa c è nella lezione In questa lezione si parlerà di: Caratterizzazione analitica Cause fisiche della dispersione. 2/41 Generalità La dispersione cromatica può limitare drasticamente

Dettagli

Fotorivelatori. La prima categoria è rappresentata da fotoresistenze, fotodiodi, fototransistori e CCD

Fotorivelatori. La prima categoria è rappresentata da fotoresistenze, fotodiodi, fototransistori e CCD Fotorivelatori Un fotorivelatore converte un segnale luminoso in in segnale elettrico, cioè tensione o corrente. Essi sono essenzialmente basati su: Fotogenerazione di coppie elettrone-lacuna nei semiconduttori

Dettagli

FACSIMILE prova scritta intercorso 1 (per allenamento)

FACSIMILE prova scritta intercorso 1 (per allenamento) FACSIMILE prova scritta intercorso 1 (per allenamento) Laurea in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico -3 Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione:

Dettagli

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it Il decibel Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Il concetto di decibel Il concetto di decibel entra in gioco ogni volta che ci troviamo a misurare una grandezza legata alla teoria del suono. L'orecchio

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

4.1 Considerazioni generali. 4. Amplificatore ottico

4.1 Considerazioni generali. 4. Amplificatore ottico 4. Amplificatore ottico Il principio di funzionamento del laser è alla base dell amplificatore ottico. Nelle telecomunicazioni l amplificatore ottico più utilizzato è quello ad erbio. Questo tipo di amplificatore

Dettagli

Capitolo 8. La valutazione del rapporto segnale/rumore (SNR) in rivelazione coerente

Capitolo 8. La valutazione del rapporto segnale/rumore (SNR) in rivelazione coerente Capitolo 8. La valutazione del rapporto segnale/rumore (SNR) in rivelazione coerente 8.1 La rivelazione coerente La rivelazione coerente è un meccanismo condiviso da tante applicazioni dell ottica, soprattutto

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione Laureando: Danijel Miletic 28/11/2008 1

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Fotoemettitori e Fotorivelatori ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi. Filippelli Maria Fortunata

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Fotoemettitori e Fotorivelatori ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi. Filippelli Maria Fortunata I..S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Fotoemettitori e Fotorivelatori ---- alunna Filippelli Maria Fortunata prof. Ing. Zumpano Luigi Fotoemettitori e fotorivelatori

Dettagli

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli La propagazione e la legge di Snell Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Link budget I cavi 11.2 Ci sono due ragioni importanti

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ]

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ] 1.6 I circuiti risonanti I circuiti risonanti, detti anche circuiti accordati o selettivi, sono strutture fondamentali per la progettazione dell elettronica analogica; con essi si realizzano oscillatori,

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Slide Cerbara parte1 5. Le distribuzioni teoriche

Slide Cerbara parte1 5. Le distribuzioni teoriche Slide Cerbara parte1 5 Le distribuzioni teoriche I fenomeni biologici, demografici, sociali ed economici, che sono il principale oggetto della statistica, non sono retti da leggi matematiche. Però dalle

Dettagli

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db 3.- CIRCUITI 3.1.- Combinazione dei componenti: Circuiti in serie e in parallelo di resistori, bobine, condensatori, trasformatori e diodi - Corrente e tensione nei circuiti Impedenza. 3.2.- Filtri: Filtri

Dettagli

Guide d onda. Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z

Guide d onda. Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z GUIDE D ONDA Guide d onda Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z Onde progressive e regressive Sostituendo nell equazione d onda ( essendo Valido anche per le onde regressive Equazione

Dettagli

Propagazione in fibra ottica

Propagazione in fibra ottica Propagazione in fibra ottica Struttura delle fibre ottiche In questa sezione si affronteranno: Modi in fibra ottica Dispersione multimodale Confronto multimodo-singolo modo. I modi in fibra ottica Il campo

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Soluzione del prof. Paolo Guidi

Soluzione del prof. Paolo Guidi Soluzione del prof. Paolo Guidi Lo schema elettrico del sistema formato dalla dinamo e dal motore asincrono trifase viene proposto in Fig. 1; Il motore asincrono trifase preleva la tensione di alimentazione

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

h R (6.2) da cui R s può essere espressa come: (6.3)

h R (6.2) da cui R s può essere espressa come: (6.3) Equation Chapter 6 Section 1CAPITOLO 6 - RIVELATORI OTTICI 6.1 Introduzione I rilevatori ottici possono essere di due tipi: termici o fotonici. Nei primi, l'assorbimento della luce provoca un aumento della

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop.

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop. 1 Cenni introduttivi sulle proprieta elementari del Feedback La tecnica del feedback e applicata molto estesamente nei circuiti analogici, ad es. il feedback negativo permette eleborazioni i segnali con

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 03

ELEMENTI DI ACUSTICA 03 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 01/013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni EEMENTI DI ACUSTICA 03 PROPAGAZIONE DE SUONO 0 DIRETTIVITA DEA SORGENTE FREQUENZA SONORA PROPAGAZIONE

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONE

RETI DI TELECOMUNICAZIONE RETI DI TELECOMUNICAZIONE SISTEMI M/G/1 e M/D/1 Sistemi M/G/1 Nei sistemi M/G/1: i clienti arrivano secondo un processo di Poisson con parametro λ i tempi di servizio hanno una distribuzione generale della

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza

Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza Capitolo 5 Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza 5. Introduzione In questo capitolo affrontiamo lo studio dei segnali aleatori nel dominio della frequenza. Prendiamo come esempio

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo umore Elettronico Sorgenti di rumore in Diodi, Js, MOSFEs umore equivalente all ingresso di amplificatori umore nel dominio del tempo 1 umore della Giunzione PN: Shot Noise La corrente che fluisce attraverso

Dettagli

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione Carlo Vignali, I4VIL FEEDBACK OSCILLATORE ARMSTRONG Tuned grid tuned plate

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente:

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: Questo sistema elementare si chiama ricevitore radio ad amplificazione accordata (TRF) o ad amplificazione diretta ed

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Sistemi di comunicazione in fibra ottica

Sistemi di comunicazione in fibra ottica Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso per la laurea di primo livello in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Trasmissioni Ottiche Prof. Maria-Gabriella Di Benedetto a.a. 2004/2005 Sistemi

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore 1.1 Introduzione La descrizione di un ricevitore HF comprende diversi parametri tecnici che devono illustrare la qualità di un blocco o di tutto il sistema HF. Per rendere più chiari tutti questi dati

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza.

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza. VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD Si definisce varianza campionaria l indice s 2 = 1 (x i x) 2 = 1 ( xi 2 n x 2) Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Sistemi di Radio-ricezione

Sistemi di Radio-ricezione Sistemi di Radio-ricezione Segnale RF B f 0 f B f 0 1 Formulazione analitica: cos sin cos s t V t t V t t V t t t RF I 0 Q 0 M 0 Inviluppo complesso (banda base): sbb t VI t jvq tvm texp jt Schema generale

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

Elettronica I Generatore equivalente; massimo trasferimento di potenza; sovrapposizione degli effetti

Elettronica I Generatore equivalente; massimo trasferimento di potenza; sovrapposizione degli effetti Elettronica I Generatore equivalente; massimo trasferimento di potenza; sovrapposizione degli effetti Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema email:

Dettagli