Introduzione. Sistemi intelligenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Sistemi intelligenti"

Transcript

1 Sistemi Introduzione Sistemi Intelligenti I sistemi Dardo per il controllo centralizzato dell illuminazione d emergenza prevedono una centralina che verifica gli apparecchi collegati tramite una linea polarizzata, permettendo di individuare in modo semplice ed immediato le anomalie ed i guasti. Gli apparecchi sono dotati di un apposito circuito che dialoga con la centralina e che consente di effettuare periodicamente test automatici di funzionamento segnalando eventuali anomalie, oppure di stampare un rapporto scritto sull esito delle verifiche. Per avere la certezza che un impianto rispetti tutti i requisiti tecnici e normativi, e che soprattutto mantenga nel tempo tutte le caratteristiche di sicurezza e di prestazioni, è necessario stabilire i criteri delle verifiche periodiche. I Sistemi Dardo sono ideali anche per rispettare quanto richiesto dalle norme EN ed UNI CEI Sistemi di illuminazione di sicurezza, che ha stabilito una serie di procedure da seguire per mantenere in efficienza l impianto di illuminazione di sicurezza; la norma prescrive che le verifiche di routine, i risultati dei test, i difetti ed eventuali altre alterazioni dell impianto, oltre ad ogni intervento di manutenzione, siano annotate su di un registro per i controlli periodici (Log Book). La stampa degli esiti dei test (quando disponibile) corredata di giorno e ora, può quindi essere allegata al registro dei controlli periodici, a disposizione per le eventuali ispezioni. Oltre alla EN ci sono altre norme e decreti legislativi che obbligano i responsabili della gestione di molti ambienti a tenere una documentazione completa ed aggiornata, un registro delle verifiche periodiche in pratica, in cui sia possibile controllare l effettiva manutenzione dell impianto di sicurezza. I Sistemi Dardo sono nati proprio per rispondere in modo completo e prestazionale alle esigenze più importanti connesse alla progettazione, alla gestione e al controllo degli impianti per illuminazione d emergenza. Service Pack L illuminazione di emergenza è fondamentale per mantenere un adeguato livello di sicurezza negli ambienti frequentati dal pubblico. È essenziale che la luce d emergenza sia conforme a quanto richiesto dalle norme e dai decreti legislativi che trattano in modo specifico la sicurezza. Il livello di sicurezza può essere notevolmente aumentato se, oltre all impianto di emergenza, ci si assicura del suo funzionamento e dello stato di efficienza complessivo, dotandolo, ad esempio, di un sistema che lo controlli in modo automatico. Il contratto di assistenza e manutenzione Service Pack permette di usufruire di un anno di garanzia aggiuntivo e di visite programmate, per poter verificare periodicamente che il vostro sistema sia sempre efficiente e garantire luce in caso di blackout. Il Service Pack è un servizio dedicato ai sistemi ed è disponibile in due versioni: bbservice Pack per centraline Dardo2 e Dardo Plus (codice OVA50209) bbservice Pack per sistemi centralizzati con Soccorritori e/o Sistema (codice OVA50208). Il Service Pack è abbinato ad una singola centralina o soccorritore e dà diritto ai seguenti servizi aggiuntivi: bbmessa in funzione della centralina o del soccorritore e del sistema ad esso legato; bbestensione della garanzia di 1 anno; bbdue visite di controllo della centralina o del soccorritore da programmare entro l anno successivo alla messa in funzione. 104

2 Sistemi Dardo Plus e dardo2 Dardo plus è il sistema per la diagnosi ed il controllo centralizzato d impianti costituiti da apparecchi per illuminazione e segnalazione di sicurezza autoalimentati o da apparecchi per illuminazione e segnalazione di sicurezza alimentati da Soccorritori Powersin. Funzionamento Dardo Plus esegue automaticamente test periodici, funzionali o di autonomia, sugli apparecchi autonomi della serie Dardo o alimentati da soccorritore, con segnalazione immediata di eventuali anomalie direttamente sul display; gli stessi test possono essere richiamati anche manualmente dai comandi della tastiera, semplici ed intuitivi. Vantaggi Dardo Plus è ideale anche per impianti di piccola estensione, favorendo la tempestiva risoluzione dei problemi e il mantenimento in piena efficienza dell impianto di sicurezza. opzioni Collegando il Modulo Dardo Plus Printer, una stampante opzionale inserita in un quadro, è possibile avere un documento stampato con il rapporto sullo stato dell impianto. Supervisione Dardo Plus può essere collegato direttamente ad un PC per la supervisione di più impianti, anche distanti tra loro, tramite il software Dardo Pc Lite o Dardo Pc Map. Dardo2 E un sistema intelligente per il controllo centralizzato di lampade d emergenza autonome Dardo, che permette di eseguire automaticamente test periodici per la verifica dell impianto. Funzionamento Una centralina di controllo, la Dardo Box2, verifica gli apparecchi tramite test funzionali e di autonomia periodici ed automatici, stampando gli esiti su di una stampante incorporata. Vantaggi Il sistema riduce drasticamente il tempo richiesto per i controlli da parte del personale responsabile della manutenzione, consentendo di intervenire tempestivamente in caso di guasto, e quindi mantenere l impianto in linea con le norme di sicurezza. Supervisione Collegando un PC è possibile la supervisione e la gestione a distanza dell impianto di emergenza, utilizzando i software dedicati Dardo Pc Lite e Dardo Pc Map. Il sistema si può integrare facilmente con altri apparati di supervisione (controllo di allarmi, ecc.) Schema di principio sistema Dardo 105

3 Sistemi Introduzione Sistema Acl Apparato per la divisione e la protezione selettiva delle linee di distribuzione energia per impianti d illuminazione di emergenza alimentati da soccorritori Powersin e Mastersin. Funzionamento L riceve la linea permanente in uscita dal soccorritore e la divide in due rami indipendenti con protezione selettiva per un carico massimo di 3,4 A su ogni linea, proteggendo il soccorritore da eventuali sovraccarichi o cortocircuiti presenti sull impianto a valle dell apparato. Vantaggi In caso di cortocircuito è garantito il sezionamento automatico per ogni linea, sia nel caso in cui il carico è alimentato dalla linea permanente direttamente da rete, sia in condizioni di emergenza con alimentazione da soccorritore. Nel caso in cui si verifichi una condizione di sovraccarico pericolosa per il funzionamento del soccorritore con conseguente interruzione dell erogazione di corrente, la linea responsabile dell anomalia viene aperta, evitando così al soccorritore di erogare in condizioni irregolari o addirittura di autoproteggersi spegnendosi. Espandibilitá Nei casi in cui sia necessario suddividere l uscita del soccorritore in più di due linee, è possibile collegare più in parallelo. Utilizzando in abbinamento all i moduli MCL (Modulo Controllo Linea) e MCP (Modulo Controllo Punto luce), è possibile effettuare la lettura della presenza rete di zona e l intervento automatico in emergenza, su ciascuna delle 2 linee, in modo indipendente, oppure l accensione/ spegnimento del singolo punto luce. Linea permanente Powersin L1 max 3,4 A L2 max 3,4 A Apparecchio Permanente Apparecchio Permanente Uscite Permanenti con protezione selettiva Apparecchio Permanente Apparecchio Permanente Powersin 106

4 Sistemi Interfaccia per la supervisione locale o remota di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo con Dardo Plus, Dardo2, Powersin,. Funzionamento Collegato ai sistemi di supervisone per l illuminazione di emergenza si possono gestire da un unico punto test e verifiche, con possibilità di visualizzare lo stato dell impianto sia attraverso i software Dardo PC Lite e Dardo PC MAP sia attraverso un intuitiva interfaccia WEB Internet. Vantaggi Unico modulo per la gestione centralizzata locale o remota. Convertitore RS232/485 e /Ethernet integrato bbmessaggi di allerta tramite o SMS (con modem GSM). Connessioni per la supervisione bblocale su linea RS232 bbremota via LAN Ethernet bbtramite Modem Analogico bbtramite Modem GSM. (1) da 1 a 100 unità da 1 a 32 unità di controllo RS232 (1) da 1 a 100 unità da 1 a 32 unità di controllo (1) Una stampante per quattro centraline Dardo Plus. 107

5 Sistemi Introduzione DLM Interfaccia per il controllo e l integrazione con sistema L di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo con Dardo Plus, Dardo2, Powersin,. Funzionamento Collegato ai sistemi di controllo per l illuminazione di emergenza, permette l integrazione diretta con le reti L di supervisione. Vantaggi Integrazione diretta dell illuminazione di emergenza con le reti L Possibilità di monitorare i sistemi di illuminazione di emergenza tramite software Schneider VISTA Le informazioni vengono convertite direttamente e rese disponibili sull'interfaccia di gestione centralizzata dell'edificio (Es. messaggi di allerta manutenzione) Connessioni Collegamento ai sistemi di controllo tramite linee seriali RS232 e. 108

6 Software di supervisione "Dardo pc lite Server e dardo pc map Server : software di gestione di una o più centraline dardo plus oppure dardo 2 tramite pc. Dardo PC LITE e Dardo PC MAP sono programmi per la supervisione dei sistemi realizzati con centraline Dardo Plus e Dardo 2 che garantiscono un concreto aiuto all utente nell'organizzazione delle manutenzioni e nella verifica degli impianti per illuminazione di sicurezza attraverso un personal computer. I programmi possono controllare fino ad un massimo di 32 centraline Dardo (64 con ripetitore), di qualsiasi tipo e comunicano con le centraline Dardo dell impianto tramite una linea dedicata. Dardo PC Lite Server Dardo PC Map Server Dardo PC LITE Server Funzionamento Dardo PC LITEpermette la supervisione dei sistemi OVA realizzati con centraline Dardo Plus e Dardo 2, assistendo l utente nell'organizzazione delle manutenzioni. La gestione da posizione remota permette sia di realizzare test di verifica sia di visualizzare in modo estremamente preciso lo stato dell impianto, consentendo di effettuare interventi mirati, con l esatta identificazione della lampada interessata e del tipo di guasto intervenuto. Vantaggi Nella realizzazione di impianti particolarmente complessi, Dardo PC LITE risulta la soluzione migliore per la diagnosi e la pianificazione degli interventi di manutenzione. Connessioni Dardo PC LITE consente sia la supervisione di impianti collegati localmente sia di sistemi realizzati nell ambito di una connessione ethernet. Dardo PC MAP Server Funzionamento Dardo PC MAP permette la supervisione dei sistemi OVA realizzati con centraline Dardo Plus o Dardo2, assistendo l utente nell'organizzazione delle manutenzioni. Con questo software l utente può inserire le planimetrie dell impianto in formato BMP, JPG o GIF su cui posizionare in modo preciso gli apparecchi di emergenza, in caso di guasto di uno o più apparecchi il programma evidenzierà sulla pianta le lampade in anomalia. Vantaggi L impiego del programma Dardo PC MAP è particolarmente conveniente per la diagnosi di impianti molto estesi, fornendo la localizzazione esatta degli apparecchi guasti e il tipo di problema riscontrato. Connessioni Dardo PC MAP consente sia la supervisione di impianti collegati localmente sia di sistemi realizzati nell ambito di una connessione ethernet. 109

7 Sistemi Guida alla scelta Gamma Dardo Plus Dardo2 Caratteristiche tecniche Controllo apparecchi autonomi b b Controllo apparecchi centralizzati b Controllo del carico in corrente Max corrente controllata 3,4 A (consigliata 3,2) Funzione SE - SA 2 linee di uscita b 1 linea di uscita b Stampante incorporata b Dimensioni (mm) A C A: 159 b: 90 c: 73 d: 45 B A: 240 b: 340 c: 150 Pagina

8 Apparato Controllo Linea Modulo MCL Modulo MCP (Dardo Connection Module) DLM (Dardo L Module) Modulo MCL Modulo Modulo MCP Modulo DCL b b b b bbb(mcl) b b A C A C B D A: 468 B b: 128 c: 116 d: 437 E: 97 F: 116 A: 159 b: 90 c: 73 d: 45 A: 72 b: 80,8 c: 65,8 A C B A: 235 b: 40 c:

9 Sistemi Dardo Plus Sistema per il controllo centralizzato di apparecchi per l illuminazione di emergenza Dimensioni Dardo Plus Printer. Caratteristiche tecniche bbalimentazione 230 V - 50H z bbbatteria interna ricaricabile 6 V 0,8 Ah Ni-Cd bbtempo di ricarica 24 ore bbassorbimento 2 VA bblinee di uscita 1 bbmax numero apparecchi collegabili: 100 bbmax distanza tra lampade dardo e Dardo Plus 600 m cavo 2 x 2,5 mm 400 m con cavo 2 x 1,5 mm m con cavo 2 x 1 mm 2 bbmax estensione cumulativa della linea di controllo dardo lampade: 1000 m bbpeso 0,735 kg. Caratteristiche della linea di supervisione bbmax estensione delle linee di interconnessione stampante e supervisione: 1200 m con cavo AWG24 (1) 1-3 coppie schermato; schermo a massa in un solo punto della tratta bbcollegamento modem con cavo fornito bbcollegamento PC LITE (opzionale): 1200 m con AWG24 (1) 2 coppie schermato; schermo a massa in un solo punto della tratta; (max 32 Centraline). (1) Cavo schermato, twistato con 1,2 o 3 coppie e sezione 0,51 mm 2 con filo rigido oppure 0,16 mm 2 con filo flessibile. Accessori Descrizione Interfaccia per la supervisione locale o remota di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo con Dardo Plus, Dardo2, Powersin, DLM Interfaccia per il controllo e l integrazione con sistema L di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo con Dardo Plus, Dardo2, Powersin, Modulo Dardo Plus Printer (opzionale) Fotocircuito Master Eye Composizione Sistema dardo plus Il Modulo Dardo Plus Printer è un componente opzionale che prevede una stampante, inserita in un quadro, predisposta specificamente per essere collegata alle centraline Dardo Plus. Collegando il Modulo Dardo Plus Printer è possibile avere un documento stampato con il rapporto sullo stato dell impianto, oltre a tutti gli eventi significativi gestiti dal sistema. Nel caso di apparecchi d illuminazione guasti viene fornita, in tempo reale ed in modo univoco, l indicazione numerica di quelli in anomalia. Il Modulo Dardo Plus Printer può essere utilizzato come unica stampante per un massimo di 4 centraline Dardo Plus interconnesse tra loro. Il Modulo Dardo Plus Printer è predisposto per l installazione a parete, utilizzando i fori e le asole presenti sul fondo del contenitore. Il fotocircuito Master Eye riconosce con assoluta precisione in quale apparecchio si sia verificato il guasto. è sufficiente equipaggiare le prafoniere (standard) con il fotocircuito Master Eye, collegato con una semplice linea bifilare alla centralina. L identificazione delle lampade viene stabilita dall utente impostando da 01 a 00 i due commutatori decimali presenti sul fotocircuito. Ogni apparecchio è identificato dalla centralina attraverso il codice impostato nel fotocircuito. Modello Codice Centralina Dardo Plus OVA34109 Centralina Dardo Plus Hospital OVA34150 Modulo Dardo Plus Printer OVA52204 OVA52215 DLM OVA52214 Dardo PC LITE Server OVA52003 Dardo PC MAP Server OVA52403 Master Eye OVA52914 Con apparecchi alimentati da soccorritore Powersin / Mastersin Duo OVA17011 MCL OVA17010 MCP OVA

10 /BATT. DARDO PLUS PRINTER Print Feed Display per la visualizzazione immediata di anomalie e guasti. Morsettiera per ingressi e segnalazioni remote. Architettura del sistema Il Sistema Il Dardo Plus è un sistema automatico che permette di controllare tre tipi di apparecchi: bbautoalimentati con batteria interna (lampade della serie Dardo o N.Everlux Dardo) bbalimentati da soccorritore (lampade della serie MCS o rese tali con modulo Master Eye) bbalimentati da soccorritore e controllati da MCL o MCP. Apparecchi Dardo In questi apparecchi viene utilizzato un circuito d interfaccia che dialoga con la centralina e che consente all utente di assegnare un numero ad ogni singola lampada. Questo numero identifica in modo univoco l apparecchio e sarà riportato nei messaggi di guasto generati dalla centralina Dardo Plus in caso di anomalie. L assegnazione del numero può essere impostato su qualsiasi valore compreso tra 01 e 00 (dove 00 rappresenta il n 100), perchè 100 è il numero massimo di lampade che la centralina è in grado di controllare. Anche i kit di emergenza per lampade fluorescenti (normalmente conosciuti col nome commerciale di Everlux) hanno una versione Dardo compatibile col sistema Dardo Plus. Centralina Dardo Plus La centralina Dardo Plus esegue i controlli per mezzo di: bbtest manuali immediati richiamabili da tastiera. bbtest automatici programmati secondo calendari impostati dall utente. Nel caso di anomalie o guasti la centralina Dardo Plus genera un rapporto scritto sul display con indicazione del numero d identificazione dell apparecchio e del tipo di guasto riscontrato. Nel collegamento con le lampade è importante mantenere uniformi le tipologie di controllo. Ad una centralina Dardo Plus possono essere collegati solo apparecchi dello stesso tipo: o apparecchi autoalimentati o apparecchi alimentati da Soccorritori. Oltre alla centralina standard è previsto il modello Dardo Plus Hospital che permette di gestire tutti gli apparecchi Dardo con 2 h o 3 h di autonomia adatte per l utilizzo in ambienti ospedalieri. Opzioni Collegando il Modulo Dardo Plus Printer, una stampante opzionale inserita in un quadro, è possibile avere un documento stampato con il rapporto sullo stato dell impianto. è inoltre possibile monitorare l intero impianto e gestire le principali funzioni da posizione remota, tramite PC e software dedicato Dardo PC LITE o PC MAP fornibili a richiesta. Morsettiera per interconnessione e supervisione. Collegamento con apparecchi autoalimentati Uscita 230 V da Powersin MCL Dispositivo per la divisione delle linee RS232 Max 15 m Powersin Apparecchi MCS alimentati da Powersin Collegamento con apparecchi alimentati da soccorritore Powersin Dardo Plus Modulo Printer (opzionale) 113

11 Print Feed Sistemi Dardo Plus Sistema per il controllo centralizzato di apparecchi per l illuminazione di emergenza Interconnessione e supervisione Per sistemi di dimensioni più importanti è possibile collegare tra loro fino a un massimo di quattro Dardo Plus, che funzionano in modo praticamente indipendente, salvo per il fatto che condividono l'uso di una sola stampante (Modulo Dardo Plus Printer), con notevole risparmio. In questo caso le lampade controllate possono raggiungere il numero di 400. L interconnessione tra le centraline viene effettuata tramite linea seriale e cavo schermato - twistato - 1 coppia, tipo AWG24. Dardo Plus può essere collegato direttamente ad un PC per la supervisione di più impianti, anche distanti tra loro, tramite, software di tipo grafico ed interattivo; il collegamento tra Dardo Plus e PC avviene tramite bus seriale, e attraverso i software Dardo PC LITE o Dardo PC MAP sono gestibili fino a 32 centraline per impianto. Le informazioni riportate sul PC in modo grafico (con sinottici o mappe) riguardano: lo stato dell impianto, la configurazione delle lampade, lo stato della comunicazione, lo stato di funzionamento e di autonomia di ciascuna lampada. Interconnessione di 4 centraline Dardo Plus L interconnessione si effettua con linea. /BATT. DARDO PLUS PRINTER Supervisione con linea Il PC e le Centraline sono posizionate in locali diversi dello stesso edificio. 114

12 Gestione remota Supervisione da unica postazione, con PC e software dedicato, d impianti anche geograficamente distanti tramite rete Ethernet. Oltre alla gestione locale, Dardo Plus può essere facilmente interfacciato, utilizzando specifici supporti di connessione, ad una rete Ethernet in modo da gestire e controllare agevolmente l impianto. In questo esempio viene rappresentata la possibilità di gestire da un unica postazione PC alcuni impianti anche distanti. Oltre a visualizzare le eventuali anomalie, il software permette di eseguire da posizione remota tutti i comandi e le funzioni normalmente attuabili direttamente sulle centraline. 115

13 Sistemi Dardo2 Sistema per il controllo centralizzato di apparecchi per l illuminazione di emergenza autonomi Caratteristiche tecniche bbsistema di controllo centralizzato per apparecchi di illuminazione di emergenza autonomi con autonomia di 1h o di 3h. bbalimentazione 230 V 50 Hz bbassorbimento 15 VA bbclasse d'isolamento I bbgrado di protezione IP40 bbbatterie interne 12 V 3 Ah Pb bbautonomia Max 10 h bblinee di collegamento con lampade Dardo: 2 bbnumero max di lampade Dardo per linea 96 bbnumero max di zone per linea 96 bbdistanza max tra Dardo Box2 e lampade Dardo 400 m per linea con cavo 2 x 1,5 mm m per linea con cavo 2 x 2,5 mm 2 bbmax estensione linee lampade Dardo m. Accessori Descrizione Interfaccia per la supervisione locale o remota di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo con Dardo Plus, Dardo2, Powersin, DLM Interfaccia per il controllo e l integrazione con sistema L di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo con Dardo Plus, Dardo2, Powersin, Dardo box2 C/Printer (in contenitore a parete e/o quadro). Dardo box2 (in contenitore a parete e/o quadro). Centralina Dardo Box2 (senza Printer) La centralina Dardo Box2 senza Printer ha un funzionamento analogo a quella dotata di stampante, e deve essere utilizzata in interconnessione con una centralina con printer quando nell impianto sono previsti più di 192 apparecchi. Pannello di controllo con sinottico e tastiera. Composizione Sistema Dardo2 Modello Dardo Box2 Dardo Box2 c/printer Dardo PC Lite Dardo PC Map DLM Codice OVA34077 OVA34078 OVA52003 OVA52403 OVA52215 OVA

14 Architettura del sistema Il sistema di controllo per l Illuminazione di Emergenza Dardo2 è in grado di eseguire test periodici, sia funzionali sia di autonomia e di rilasciare, tramite la stampante incorporata, rapporti scritti sullo stato dell impianto con indicazione numerica delle lampade guaste o fuori autonomia. Gli esiti si possono visualizzare anche su personal computer con i Software Dardo Pc Lite e Dardo Pc Map. La Centralina Dardo2 è in grado di controllare solo apparecchi Dardo con autonomia di 1h o 3 h. Apparecchi Dardo In questi apparecchi viene utilizzato un circuito d interfaccia che dialoga con la centralina e che consente all utente di assegnare un numero ad ogni singola lampada. Questo numero identifica in modo univoco l apparecchio e sarà riportato nei messaggi di guasto generati e stampati dalla centralina Dardo Box2 in caso di anomalie. L assegnazione del numero può essere impostata su qualsiasi valore compreso tra 01 e 96, perché 96 è il numero massimo di lampade che la centralina è in grado di controllare su ognuna delle due linee di controllo disponibili. Anche i kit di emergenza per lampade fluorescenti (normalmente conosciuti col nome commerciale di Everlux) hanno una versione Dardo compatibile col sistema Dardo2. Centralina Dardo Box2 è la centralina che controlla il funzionamento d'insieme, gestisce gli eventi temporizzati, interroga le lampade, memorizza i dati e fa funzionare la stampante. Dalla Dardo Box2 hanno origine due linee che consentono il dialogo con le lampade, è possibile collegare un massimo di 96 lampade per linea, per un totale di 192 apparecchi controllabili. La centralina esegue automaticamente il test funzionale e di autonomia di ciascuna lampada, fornendo direttamente i risultati dei test tramite una stampante già incorporata nella centralina stessa.tramite il pannello di segnalazione e comandi, posto sul frontale della centralina, si possono richiedere test funzionali o di autonomia immediati per le lampade di ciascuna linea, con stampa locale dei risultati e visualizzazione tramite LED dello stato di buon funzionamento o di guasto delle linee. La stampante fornisce oltre all identificazione delle singole lampade guaste, anche la data e l'ora di ogni evento significativo. Opzioni Oltre alla centralina già dotata di stampante è disponibile la Dardo box2 senza printer, utilizzabile quando più centraline devono essere interconnesse tra loro. è Inoltre possibile monitorare l intero impianto e gestire le principali funzioni da posizione remota, tramite PC e software dedicato Dardo pc lite o Pc Map fornibili a richiesta. Collegamento con apparecchi Dardo. 117

15 Sistemi Dardo2 Sistema per il controllo centralizzato di apparecchi per l illuminazione di emergenza autonomi Interconnessione e supervisione Per sistemi di dimensioni più importanti e possibile collegare tra loro fino a un massimo di quattro Dardo Box2 (una con printer e tre senza printer), che funzionano in modo praticamente indipendente, salvo per il fatto che condividono l'uso di una sola stampante, con notevole risparmio. In questo caso le lampade controllate possono raggiungere il numero di 768. L interconnessione tra le centraline viene effettuata tramite linea bifilare. Dardo2 può essere collegato direttamente, o via modem, ad un PC per la supervisione di più impianti, anche geograficamente distanti tra loro, tramite, software di tipo grafico ed interattivo; il collegamento tra Dardobox2 e PC avviene tramite bus seriale, e attraverso i software Dardo Pc Lite o Dardo Pc Map sono gestibili fino a 32 Centraline per impianto. Le informazioni riportate sul PC in modo grafico (con sinottici o mappe) riguardano: lo stato dell impianto, la configurazione delle lampade, lo stato della comunicazione, lo stato di funzionamento e di autonomia di ciascuna lampada. Interconnessione di centraline Dardo Box2 Supervisione con linea Il PC e le Centraline sono posizionate in locali diversi dello stesso edificio. 118

16 Supervisione dei Sistemi Dardo Esempio di controllo integrato e supervisione con unico PC dei sistemi formati da centraline Dardo Plus e Dardo2. 119

17 Sistemi Apparato Controllo Linea Apparato per la divisione e la protezione selettiva delle linee di distribuzione energia per impianti di illuminazione di emergenza alimentati da soccorritori Powersin Caratteristiche tecniche bbalimentazione: 230 V 50 Hz bbbatteria interna ricaricabile: 6 V 1500 mah bbassorbimento:15 VA bbclasse di isolamento: I bbn Uscite disponibili: 2 bbstep di selezione corrente: 1,6 A; 2,5 A; 3,4 A (corrente consigliata: 1,5 A; 2,3 A; 3,2 A) Caratteristiche delle linee di interconnessione bbcollegamento con Powersin: 1200 m con cavo AWG24 Sinottico con stato dell'impianto e del soccorritore. Vista inferiore. Vista superiore. Sui lati superiore ed inferiore dell apparato sono previste le morsettiere per i collegamenti di potenza, delle segnalazioni, della supervisione e i dispositivi per le impostazioni di controllo e supervisione. N. B.: supporti registrabili per l'installazione a quadro elettrico non inclusi. Accessori Modulo MCL Modulo MCP Descrizione Il modulo MCL(Modulo Controllo Linea) è un dispositivo che riceve in ingresso la linea permanente proveniente dall apparato e, in caso di avaria locale (ad esempio mancanza rete al quadro di zona), permette l alimentazione in emergenza della linea collegata a valle del dispositivo; la max. corrente controllata è di 3,4 A sinusoidale. MCL, ad esempio, rileva la presenza di rete e lo stato di accensione (-OFF) su una linea di illuminazione ordinaria accendendo le lampade in modo permanente; mentre in caso di guasto coordina l intervento e la commutazione dell alimentazione sulla linea di soccorso alimentando gli apparecchi in emergenza. Inoltre, in presenza di un comando test funzionale o del comando da interruttore, il modulo esegue l accensione di tutti i punti luce collegati alla linea di uscita. Il dispositivo MCL abbinato alla centralina Dardo Plus esegue la diagnosi della linea, segnalandone lo stato ed eventuali anomalie in locale, direttamente sul pannello frontale attraverso un LED multicolore. É anche possibile visualizzare le stesse segnalazioni sulla centralina Dardo Plus e, nel caso in cui siano utilizzati i software Dardo PC Lite o Dardo PC Map per la supervisione, anche su di un PC. Il modulo MCP (Modulo Controllo Punto Luce) è un dispositivo che riceve in ingresso la linea permanente proveniente dall apparato e, in caso di avaria locale (ad esempio mancanza rete al quadro di zona), permette l accensione in emergenza del punto luce collegato a valle del dispositivo; la max. corrente controllata è di 0,4 A sinusoidale. MCP rileva, ad esempio, la presenza di rete e lo stato di accensione (-OFF) su un punto luce di illuminazione ordinaria accendendo la lampada in modo permanente; mentre in caso di guasto commuta l alimentazione sulla linea di soccorso alimentando l apparecchio in emergenza. Inoltre, in presenza di un comando test funzionale o del comando da interruttore, il modulo esegue l accensione del punto luce collegato alla linea di uscita. Il dispositivo MCP abbinato alla centralina Dardo Plus esegue la diagnosi del punto luce, segnalandone lo stato ed eventuali anomalie in locale, attraverso un LED multicolore. É anche possibile visualizzare le stesse segnalazioni sulla centralina Dardo Plus e, nel caso in cui siano utilizzati i software Dardo PC Lite o Dardo PC Map per la supervisione, anche su di un PC. Composizione Sistema Modello MCL MCP Codice OVA17011 OVA17010 OVA

18 Funzionamento Sistema Acl Generalità L unità denominata (Apparato Controllo Linee) è un dispositivo per la divisione, il controllo e la protezione selettiva delle linee di distribuzione energia per impianti d illuminazione di emergenza alimentati da soccorritori Schneider Electric. L riceve la linea permanente in uscita dal soccorritore e la divide in due rami indipendenti con protezione selettiva, proteggendo il soccorritore da eventuali sovraccarichi o cortocircuiti presenti sull impianto a valle dell apparato. La massima corrente controllata è di 3,4A. Protezioni In caso di cortocircuito è garantito il sezionamento automatico per ogni linea, sia nel caso in cui il carico è alimentato dalla linea permanente direttamente da rete, sia in condizioni di emergenza con alimentazione da soccorritore. Nel caso in cui si verifichi una condizione di sovraccarico pericolosa per il funzionamento del soccorritore con conseguente interruzione dell erogazione di corrente, la linea responsabile dell anomalia viene aperta, evitando così al soccorritore di erogare in condizioni irregolari o addirittura di autoproteggersi spegnendosi. Segnalazioni prevede una serie di segnalazioni luminose direttamente sul sinottico frontale, inerenti lo stato del soccorritore e dell impianto collegato alle due linee di uscita; le segnalazioni possono essere anche acustiche. è anche possibile remotizzare tutte le segnalazioni realizzate in locale, attraverso l utilizzo di un PC su cui sono installati i software Dardo PC Lite o Dardo PC Map, oppure delle morsettiere, presenti sull apparato stesso, tramite cui si rendono disponibili comandi open collector. Espandibilità Nei casi in cui sia necessario suddividere l uscita del soccorritore in più di due linee, è possibile collegare più in parallelo. Utilizzando in abbinamento all i moduli MCL (Modulo Controllo Linea) e MCP (Modulo Controllo Punto luce), è possibile effettuare la lettura della presenza rete di zona e l intervento automatico in emergenza, su ciascuna delle 2 linee, in modo indipendente, oppure l accensione/ spegnimento del singolo punto luce. Collegamento Linea permanente Powersin L1 max 3,4 A L2 max 3,4 A Apparecchio Permanente Apparecchio Permanente Uscite Permanenti con protezione selettiva Apparecchio Permanente Apparecchio Permanente Powersin Schemi puramente indicativi Reattore Tubi fluorescenti lineari tabella di dimensionamento Numero di lampade per linea Tubi fluorescenti compatti Numero di lampade per linea 3,2 A 2,3 A 1,5 A MCL MCP 3,2 A 2,3 A 1,5 A MCL MCP Elettronico 18 W W cosj 0,95 36 W W W W W N.B.: La tabella è puramente indicativa ed è stata costruita facendo riferimento ai dati forniti dai costruttori di Ballast più diffusi. I calcoli sono stati fatti supponendo che le batterie operino nelle condizioni di uso definite dal costruttore. 121

19 /BATT. DARDO PLUS PRINTER Print Feed /BATT. DARDO PLUS PRINTER Print Feed Sistemi Apparato Controllo Linea Apparato per la divisione e la protezione selettiva delle linee di distribuzione energia per impianti di illuminazione di emergenza alimentati da soccorritori Powersin Linea permanente Powersin Collegamento con MCL RS232 L1 max 3,4 A Max 15 m L2 max 3,4 A MCL1 Linea Dardo di controllo MCL 2 MCL Presenza rete -OFF 230 V Accensione MCL lampade Presenza rete Apparecchio Permanente VA Apparecchio Permanente max 3,4 A Solo Emergenza VA max 3,4 A Permanente/Non Permanente Apparecchio Permanente Apparecchio Permanente Powersin Dardo Plus Modulo Printer (opzionale) Collegamento con MCP LAN Ethernet Line permanente Powersin L1 max 3,4 VA L2 max 3,4 VA Illuminazione ordinaria -OFF 230 V MCL MCL Dardo PC-LITE Dardo PC MAP Stampante Supervisione con software opzionale Max 15 m RS232 RS232 Max 15 m Linea controllo Dardo 01 Presenza rete MCP -OFF 230 V Presenza rete 02 Illuminazione ordinaria/emergenza Dardo Plus MCP -OFF 230 V Presenza rete 03 Illuminazione ordinaria/emergenza Powersin Modulo Printer (opzionale) Schemi puramente indicativi 122

20 Sistemi (Dardo Connection Module) Interfacce di supervisione Interfaccia per la supervisione locale o remota di impianti per illuminazione di emergenza gestiti da sistemi di controllo =SE= (Dardo Plus, Dardo2, Powersin, ). Caratteristiche Tecniche bbalimentazione 24 Vdc ±10% ma bbcollegamento diretto al PC tramite cavo crossing (non compreso) bbconnessione RS232 (RJ45) bbconnessione (morsettiera 5 poli) bbbatteria interna al Litio per memorizzazione data e ora bbconvertitore RS232/485 e /Ethernet integrato. Accessori Alimentatore Modem GSM (Zelio SR2 Mod 02) Descrizione Permette di alimentare a 24 V in corrente continua l apparato Interfaccia modem - GSM appositamente studiato per la connessione con i sistemi di supervisione Schneider-Electric Funzionamento Collegato ai sistemi di gestione e controllo per l illuminazione di emergenza si possono gestire da un unico punto test e verifiche, con possibilità di visualizzare lo stato dell impianto sia attraverso i software Dardo PC Lite e Dardo PC MAP sia attraverso un intuitiva interfaccia WEB Internet. Collegamento Il collegamento ai componenti dei sistemi di gestione e controllo si effettua tramite linea seriale e RS232, mentre per la supervisione si possono utilizzare la linea RS232 per controllo locale e/o la rete Ethernet in remoto. Configurazione e Supervisione Un può controllare fino a 32 apparati: Dardo Plus, Dardo2 e sulla linea e Powersin sulla linea RS232. La supervisione può essere Locale o remota. Per la supervisione Locale si utilizza la linea RS232, collegando un PC ed utilizzando i software Dardo PC Lite o Dardo PC MAP. La presa per la RS232 può essere utilizzata o per il collegamento al Powersin o per la supervisione locale La supervisione remota si effettua con i software Dardo PC Lite o Dardo PC MAP o con un semplice WEB Browser, grazie alla funzione WEB server integrata nell interfaccia. La connessione remota si può effettuare tramite: bblan Ethernet bbmodem Analogico bbmodem GSM WEB Server L interfaccia Web permette ai sistemi Schneider Electric di essere configurati e monitorati da posizione remota, con accesso da qualsiasi PC con connessione Internet. La funzione WEB Server è utilizzabile con i più comuni browser di internet, non servono software specifici e permette: bbinvio di comandi agli apparecchi collegati e configurati bbcontrollo dello stato degli apparecchi e delle lampade bbmessaggi di allerta tramite o SMS (con modem GSM) bbfino a 4 indirizzi e 10 numeri telefonici bbregistrazione degli eventi degli apparecchi configurati quando il non è in comunicazione con altri controlli esterni (PC Modem) bb2 livelli di accesso per la configurazione di sicurezza: livello amministratore e livello utilizzatore 123

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili.

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili. Made in Italy Sistemi gestione code MS32 Il sistema può utilizzare : - la documentazione eventi, numero di operazioni per servizio e postazione e dei tempi medi di attesa, con il programma MSW - il servizio

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin Merlin Gerin Figurato Amperometri e voltmetri digitali 182 Centrali di misura Power Meter 182 Centrali di misura Circuit Monitor 182 Micro Power Server 183 Gateway Ethernet EGX 183 Software SMS 183 Software

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ 2010 by Orderman GmbH Bachstraße 59, 5023 Salisburgo Austria www.orderman.it Salvo errori e refusi. Non è consentita la copia - anche di estratti - senza l'autorizzazione

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Risoluzione di altri problemi di stampa

Risoluzione di altri problemi di stampa di altri problemi di stampa Nella tabella riportata di seguito sono indicate le soluzioni ad altri problemi di stampa. 1 Il display del pannello operatore è vuoto o contiene solo simboli di diamanti. La

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

Attivatore Telefonico GSM

Attivatore Telefonico GSM Part. U1991B - 10/09-01 PC Attivatore Telefonico GSM art. F462 Istruzioni d uso INFORMAZIONI PER LA SICUREZZA L'impiego dell'attivatore GSM art. F462 in componenti o sistemi per supporto vita non è consentito

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Unico. Completo. Compatibile. highlights unico CELOS di DMG MORI dall idea al prodotto finito. Le APP CELOS consentono all utente di gestire, documentare e

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Istruzioni per l uso GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Significato dei simboli sullo strumento Isolamento continuo doppio o rinforzato Segnalazione di un pericolo, (Attenzione, consultare

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Guida Rapida caratteristiche 1. Introduzione InReach SE è il comunicatore satellitare che consente di digitare, inviare/ricevere

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli