INDICAZIONI PER LA PRIMA ATTUAZIONE DELL ESERCIZIO SALTUARIO DEL SERVIZIO DI OSPITALITA DENOMINATO BED & BREAKFAST (LEGGI REGIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICAZIONI PER LA PRIMA ATTUAZIONE DELL ESERCIZIO SALTUARIO DEL SERVIZIO DI OSPITALITA DENOMINATO BED & BREAKFAST (LEGGI REGIONALI"

Transcript

1 Circolare n Al Presidente del Consiglio Regionale Ai Sindaci dei Comuni della Regione Piemonte Ai Presidenti delle Province della Regione Piemonte All Agenzia regionale per la promozione turistica del Piemonte Alle Agenzie di accoglienza e promozione turistica locale del Piemonte LORO SEDI INDICAZIONI PER LA PRIMA ATTUAZIONE DELL ESERCIZIO SALTUARIO DEL SERVIZIO DI OSPITALITA DENOMINATO BED & BREAKFAST (LEGGI REGIONALI 20/2000; 31/1985; 34/1988). La L.R. 13/3/2000 N 20, che va ad integrare la L.R.n 31/85 Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere consente di offrire esercizio saltuario di ospitalità a turisti in case di civile abitazione, sede della propria residenza, e di utilizzare per questa attività un massimo di tre camere ed un totale di sei posti letto. (L.R.20/2000 art.1, comma 3). L esercizio saltuario del servizio di ospitalità denominato Bed and Breakfast va svolto quindi esclusivamente nell alloggio sede della propria abitazione mettendo a disposizione del cliente da una a tre camere e fornendo la prima colazione. (L.R.20/2000 art.1, comma 1). La destinazione di un unità immobiliare, catastalmente indipendente da quella sede della propria residenza, allo specifico uso di Bed and Breakfast non può non essere individuata come organizzazione di mezzi indice di attività imprenditoriale soggetta pertanto al regime dell I.V.A. ed esclusa quindi dal campo di applicazione della L.R.20/2000. RESIDENZA 1

2 La residenza è un vincolo fondamentale. L esercizio dell attività di Bed and Breakfast essendo un attività saltuaria potrebbe altrimenti essere svolta in più appartamenti di proprietà, nella seconda casa in campagna, o in montagna, e pertanto trasformarsi in un attività imprenditoriale. Non essendo indispensabile la Partita I.V.A., sembra quanto mai opportuno garantire che il servizio sia svolto come previsto dalla Legge in modo saltuario e non professionale (L.R. 20/2000 art.1 comma 1, art.1 comma 7). In alternativa dovrebbero essere poste in essere, sia dalle Amministrazioni regionali e comunali, che da quella Finanziaria, forme di controllo, anche se a campione, estremamente più complesse al fine di garantire il rispetto delle norme sia della L.R.31/85 che fiscali il che evidentemente non in linea con lo spirito della legge di estrema semplificazione delle procedure. COMUNICAZIONE DI INIZIO ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI OSPITALITA DENOMINATO BED & BREAKFAST La denuncia di inizio attività deve essere presentata al Comune, ( L.R. 20/2000 art.1, comma 2). territorialmente competente, su modulo, conforme al modello regionale, fornito dall Agenzia di accoglienza e promozione turistica locale (A.T.L.), di cui al capo III della legge regionale 22 ottobre 1996, n 75 e in copia all A.T.L. stessa. Alla comunicazione occorre trasmettere in allegato (Determinazione n 77 del 28/3/2000): a) piantina catastale (in copia di cui si autocertifica la conformità all originale) o piantina redatta da un tecnico iscritto all albo, relativa all alloggio con distinzione tra i locali ad uso B&B e quelli destinati al nucleo familiare. b) certificato catastale di proprietà; c) copia del contratto di locazione od altro titolo di disponibilità dei locali; d) assenso del proprietario o dei comproprietari dell immobile all esercizio del B&B; e) presa d atto dell esercizio dell attività da parte dell amministratore del condominio; I documenti b) e c) possono essere autocertificati. E inoltre richiesta autocertificazione del dichiarante (Determinazione n 77 del 28/3/2000): 1) di residenza e di stato di famiglia; 2) attestante la certificazione di abitabilità dei locali oggetto dell attività; 3) di essere in possesso delle certificazioni di adeguamento dell impiantistica in generale alle norme di sicurezza vigenti; 4) dei requisiti soggettivi (come da modello allegato alla comunicazione di inizio esercizio). 2

3 ALTRI OBBLIGHI DELL ESERCENTE L esercente l attività deve garantire (L.R. 20/2000 art.1 comma 13): a) la pulizia quotidiana dei locali; b) la fornitura e il cambio della biancheria, compresa quella da bagno, ad ogni cambio di cliente e comunque almeno due volte alla settimana; c) la fornitura di energia elettrica, acqua calda e fredda e riscaldamento; d) la sicurezza alimentare dei cibi e delle bevande messe a disposizione per la prima colazione. Per i lavori di pulizia dei locali e di preparazione della colazione, non è possibile utilizzare personale appositamente assunto anche a ore. La Legge regionale prescrive tassativamente l utilizzo della normale organizzazione familiare. Il ricorso ad apposito personale configura chiaramente un organizzazione di mezzi e persone, indice di attività imprenditoriale. (L.R.20/2000 art.1; comma 1). ACCERTAMENTO DEI REQUISITI Il Comune provvede alla presa d atto per l esercizio di B&B dopo aver accertato che sussistono i requisiti strutturali, nonché i requisiti soggettivi del titolare previsti dagli art.11 e 12 del T.U.L.P.S. approvato con R.D.L. 18 giugno 1931, n 773 e ne trasmette una copia alla Regione. (L.R.31/85 art. 19). L accertamento dei requisiti strutturali viene effettuato sulla base delle indicazioni contenute nella comunicazione di inizio esercizio effettuando un apposito sopralluogo. (L.R.31/85 art. 19 ; L.R. 20/2000 art.1, comma 8). RINNOVI E DICHIARAZIONI ANNUALI La comunicazione di inizio esercizio viene rinnovata annualmente mediante la presentazione di una semplice dichiarazione al Comune salvo modifiche delle caratteristiche della struttura. In quest ultimo caso deve essere ripresentato al Comune il modello iniziale (L.R. 31/85 art.20) DIFFIDA, SOSPENSIONE, REVOCA E CESSAZIONE Il Comune può procedere a diffidare e a vietare temporaneamente o definitivamente l attività in qualsiasi momento, venendo meno alcuno dei requisiti esistenti al momento della presa d atto, quando l attività sia ritenuta dannosa o contraria agli scopi fissati dalla legge, per motivi di Pubblica Sicurezza, e nel caso di irregolarità minori (L.R. 31/85 art.21) SANZIONI 3

4 Chiunque fa funzionare un Bed & Breakfast senza averne fatta preventiva dichiarazione, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento della somma da a L omessa esposizione di tabelle e cartellini prezzi comporta la sanzione amministrativa del pagamento da a L applicazione di prezzi superiori a quelli denunciati, comporta, fatto salvo quanto disposto dalla normativa statale in materia prezzi, la sanzione amministrativa del pagamento della somma da a Il superamento della capacità ricettiva consentita, comporta la sanzione amministrativa del pagamento della somma da a In caso di recidiva le sanzioni previste ai commi precedenti sono raddoppiate e nei casi più gravi può procedersi alla sospensione dell attività. Resta ferma l applicazione delle disposizioni del Codice Penale, ove le violazioni costituiscono reato. L accertamento delle violazioni e la irrogazione delle sanzioni sono effettuati secondo le procedure di cui alla legge , n 689. I rapporti di accertata violazione alle norme della L.R.31/85 e alle norme della L.R.20/2000 sono presentati alla Regione cui sono devoluti i proventi delle sanzioni previste dall art.28 L.R.31/85 DISPOSIZIONI FISCALI APPLICABILI In merito al trattamento fiscale dell esercizio dell attività di Bed & Breakfast, il Ministero delle Finanze è intervenuto con Risoluzione n 180 del in cui precisa che ai sensi dell art.4, DPR n. 633/72, il presupposto soggettivo di imponibilità all I.V.A. sussiste qualora le prestazioni di servizi siano non occasionali e cioè rientranti in un attività esercitata per professione abituale. Pertanto il carattere saltuario dell attività di fornitura di alloggio e prima colazione, che si identifica sostanzialmente con quello della occasionalità ne consente, in linea generale, l esclusione dal campo di applicazione dell I.V.A. Ciò semprechè, ovviamente, tale attività anche se esercitata periodicamente, non sia svolta in modo sistematico, con un carattere di stabilità, evidenziando una opportuna organizzazione di mezzi che è indice della professionalità dell esercizio dell attività stessa. L operatore di Bed & Breakfast che svolge l attività saltuariamente e in modo non professionale sarà dunque un privato che, operando senza l obbligo della Partita I.V.A., è esonerato da tutta una serie di adempimenti legati alla natura imprenditoriale dell attività: tenuta della contabilità I.V.A., iscrizione al REC,...(L.R.20/2000 art.1; comma 7). Il privato che intende intraprendere l attività di Bed & Breakfast ha l obbligo di rilasciare al cliente una ricevuta di quietanza di cui dovrà trattenere una copia da esibire all Amministrazione Finanziaria in caso di eventuale controllo. L esercizio dell attività di Bed & Breakfast è assoggettato alla normativa fiscale vigente così come i redditi derivanti. REQUISITI TECNICI ED IGIENICO-SANITARI 4

5 Le abitazioni utilizzate per l esercizio dell attività di B&B devono possedere i medesimi requisiti tecnici ed attenersi alle stesse norme igienico-sanitarie previste per i locali di abitazione dal regolamento igienico-edilizio comunale. Devono altresì essere rispettate le norme previste dalla L.R.31/85 modificata con L.R.34/88 e cioè: Superfici delle camere da letto: Le camere da letto devono avere una superficie minima, al netto di ogni altro ambiente accessorio, di mq.8 se con un posto letto e di mq.14 se con due posti letto; per ogni posto letto in più la superficie minima della camera a due posti letto deve essere aumentata di mq.6. Per le strutture ubicate ad altitudine superiore a 700 metri, le superfici minime di cui al comma precedente sono ridotte a mq.12 per le camere a due posti letto; per ogni posto letto in più la superficie minima delle camere a due posti letto deve essere aumentata di mq.4. Ciascuna camera da letto non può essere dotata di più di 4 posti letto. In deroga ai limiti di superficie indicati ai commi precedenti è consentito aggiungere un posto letto nelle camere, nel caso in cui venga utilizzato da una persona di età inferiore a 15 anni. Alle camere da letto si deve poter accedere comodamente senza attraversare le camere da letto od i servizi destinati alla famiglia o ad altro ospite. L arredamento minimo deve essere costituito da letto, sedia o sgabello per persona, armadio e cestino rifiuti. Altezza e volume : L altezza minima delle camere da letto e delle unità abitative è quella prevista dalle norme e dai regolamenti igienico-edilizi comunali. La L.R. 20/2000 collega in modo forte l esercizio del Bed & Breakfast alla destinazione residenziale dei locali e quindi sotto tale profilo si possono intendere prevalenti le disposizioni vigenti valide per i locali ad uso residenziale (Decreto 9 giugno 1999 del Ministero della Sanità modificazioni in materia dell altezza minima e dei requisiti igienico-sanitari principali dei locali di abitazione ), pertanto le abitazioni private in possesso della prescritta abitabilità possono essere autorizzate all uso turistico-ricettivo anche se hanno altezze inferiori a quelle previste dalla L.R.34/88 ed anche se i w.c. non sono dotati di anti w.c. Requisito principale e prevalente per l esercizio dell attività è quindi l abitabilità dei locali (L.R.20/2000 art.1; comma 5). Deve in ogni caso essere garantita un altezza minima interna utile dei nuovi locali di metri 2,70, riducibile a metri 2,40 per i vani accessori. Nei comuni montani al di sopra dei 1000 metri sul livello del mare può essere consentita, tenuto conto delle condizioni climatiche locali e della locale tipologia edilizia, una riduzione 5

6 dell altezza minima dei locali abitabili a metri 2,55, ulteriormente riducibili a metri 2,40 per le strutture esistenti. Nel caso di altezze non uniformi, ogni locale deve avere un altezza media non inferiore ai limiti stabiliti ai commi precedenti. Il volume minimo delle camere da letto è determinato dal prodotto tra superfici e altezze minime fissate dalla legge (L.R.34/88 art.4). Soppalchi Qualora l unità abitativa sia realizzata su due livelli mediante soppalco dovranno essere rispettate le seguenti condizioni: a) l altezza minima di ognuno dei due vani non deve essere inferiore a metri 2,20; b) la superficie soppalcata non deve essere superiore al 50% della superficie totale; c) il soppalco non deve interessare le superfici finestrate; d) il volume minimo non deve essere inferiore a quello per unità abitative sistemate su un unico livello (L.R.34/88 art.5). Servizi igienico-sanitari dei nuovi locali I servizi igienico-sanitari annessi alle camere da letto possono comunicare direttamente con le camere stesse e devono essere dotati di ventilazione naturale o forzata meccanica; la ventilazione forzata deve avere un funzionamento che garantisca un adeguato ricambio orario d aria, eventualmente modulato in due diverse intensità di estrazione, una minimale continua o a intermittenza temporale e l altra intensificata al momento dell utilizzazione del servizio. I servizi igienico-sanitari comuni devono essere dotati di anti-wc, qualora si acceda direttamente da aree abitabili; sia il w.c. che l anti w.c. devono essere dotati di ventilazione naturale o forzata. Le pareti dei servizi igienico-sanitari devono essere rivestite fino a due metri di altezza di materiale lavabile ed impermeabile, preferibilmente di piastrelle in ceramica. I servizi igienico-sanitari privati o comuni delle camere da letto si intendono completi se dotati di w.c. con cacciata d acqua, lavabo, specchio, vasca da bagno o piatto doccia, anche posti in vani separati (L.R.34/88 art. 7 commi 1,2,3,5). Qualora l attività venga svolta in più di due stanze, devono essere garantiti almeno due locali destinati a servizi igienici. (L.R.20/2000 art.1; comma 12). Servizi igienico-sanitari dei locali già esistenti Qualora l attività venga svolta in locali già esistenti, soprattutto negli edifici con caratteristiche di tipicità, in particolare nell ambito di comunità montane, devono essere garantite, in relazione al numero degli occupanti, idonee condizioni igienico- 6

7 sanitarie dell alloggio prevedendo la possibilità di una adeguata ventilazione naturale favorita dalla dimensione e tipologia delle finestre, dai riscontri d aria trasversali e dall impiego di mezzi di ventilazione naturale ausiliaria. (Decreto 9 giugno 1999 del Ministero della Sanità). BARRIERE ARCHITETTONICHE Per quanto riguarda i locali di nuova costruzione o in fase di ristrutturazione occorre attenersi alle norme della Legge 9 gennaio 1989 n 13 e relativo D.M. 14/6/89 n 236 nonché alla circolare 22/6/89 n 1669/U.L. esplicativa della Legge 13 e Legge 104 del 5/2/1992. TARIFFE APPLICABILI Dalla entrata in vigore della L.25 agosto 1991, n 284 Liberalizzazione dei prezzi del settore turistico e interventi di sostegno alle imprese turistiche i prezzi dei servizi alberghieri e delle altre strutture ricettive sono liberamente determinati dai singoli operatori. Ciascun operatore comunica entro il 1 ottobre di ogni anno all A.T.L. locale i prezzi che intende applicare rispettivamente dal 1 gennaio dell anno successivo. E fatta salva la facoltà prevista dalla L.25 agosto 1991, n art.1, comma 3 di comunicare entro il 1 marzo, le variazioni dei prezzi che si intende applicare dal 1 giugno dell anno in corso. AUTORIZZAZIONE SANITARIA (Parere dell Assessorato alla Sanità) La volontà di non prevedere il rilascio dell autorizzazione sanitaria per il servizio di prima colazione ha preso spunto dalle considerazioni di seguito espresse in modo sintetico: 7

8 1) l esercizio dell attività di Bed & Breakfast non comporta l obbligo di iscrizione nella sezione speciale degli esercenti il commercio e non costituisce, pertanto, attività di impresa, presupposto essenziale ai fini del rilascio dell autorizzazione sanitaria; 2) l attività in esame si svolge in modo saltuario e per non più di sei persone; 3) i controlli sull abitabilità e sulle dotazioni igieniche e funzionali minime previste per l alloggiamento delle persone consentono di verificare la qualità del servizio offerto; 4) la legge regionale non accenna intenzionalmente ad attività di ristorazione o di somministrazione ma richiama l obbligo di assicurare il corretto approvigionamento e conservazione (sicurezza alimentare) di cibi e bevande che sono messe a disposizione degli ospiti; 5) il rilascio di autorizzazione sanitaria ai sensi dell art.2 della Legge 283/62 è subordinato al possesso dei requisiti minimi e delle procedure indicate dal DPR 327/80; nel caso dei bed and breakfast sarebbe difficile definire l ambito dell autorizzazione trattandosi di attività che poggia esclusivamente sulle dotazioni domestiche private (frigorifero, cucina, tavoli, lavelli ecc...); ENZO GHIGO Il Direttore L.M. L Assessore E.R. 8

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST"

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA N. 26 del 14 maggio 2001 IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02. COMUNE DI TAURIANOVA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.2003 N 2 Approvato con

Dettagli

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA "BED AND BREAKFAST" Approvato con Deliberazione

Dettagli

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ.

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ. BED & BREAKFAST PICCOLO VADEMECUM PER CHI VUOLE APRIRE NELLE MARCHE UN BED & BREAKFAST O CAMERA & COLAZIONE CHE DIR SI VOGLIA, MEGLIO NOTO CON LA SIGLA B&B. IL B&B CREA LA POSSIBILITÀ DI OFFRIRE OSPITALITÀ

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere.

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 108 del 6 agosto 1993 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Città di Mondragone Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 29.04.2005 INDICE pag. Art.

Dettagli

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI C I T T À DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI BED AND BREAKFAST Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 04.11.2003 1 INDICE

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività www.sistema24edilizia.ilsole24ore.com Regione Molise Legge regionale 12 luglio 2002, n. 13 Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16 Norme in materia di attività ricettiva alla produzione di

Dettagli

Attività ricettive non alberghiere

Attività ricettive non alberghiere Attività ricettive non alberghiere Le attività: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE; CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE; BED & BREAKFAST sono classificate come "attività ricettive non alberghiere", ai sensi della vigente

Dettagli

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere Provincia di Salerno regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere approvato con deliberazione consiliare n. 15 del 16/4/2004

Dettagli

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI VARIAZIONI NELL ATTIVITA DI AFFITTACAMERE (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) Il presente modello può essere presentato con le seguenti

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo suape@pec.comune.perugia.it, a mezzo posta

Dettagli

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PRESSO LA COMUNITÀ MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE S.C.I.A - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ESERCIZIO DI BED & BREAKFAST Al Comune di

Dettagli

L AVVIO E LA GESTIONE DI BED&BREAKFAST modulo 4. 17/01/2008 La gestione economica di un bed&breakfast Finanziamenti agevolati Arcangelo Adriani

L AVVIO E LA GESTIONE DI BED&BREAKFAST modulo 4. 17/01/2008 La gestione economica di un bed&breakfast Finanziamenti agevolati Arcangelo Adriani L AVVIO E LA GESTIONE DI BED&BREAKFAST modulo 4 17/01/2008 La gestione economica di un bed&breakfast Finanziamenti agevolati Arcangelo Adriani B&B Normativa regionale Legge Regionale n. 17 del 24/7/2001

Dettagli

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445)

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) Allegato A Modello di segnalazione certificata di inizio attività per l'esercizio saltuario di alloggio e prima colazione Bed and Breakfast ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445)

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) Al Comune di IMOLA Serv. Interventi Economici SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (S.C.I.A.) PER L'ESERCIZIO SALTUARIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE BED AND BREAKFAST (ART. 19 L. 241/90 e L.R.

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) I BE AN BREAKFAST Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo comune.bastiaumbra@postacert.umbra.it

Dettagli

Linee guida per l esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione (B&B). SOMMARIO

Linee guida per l esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione (B&B). SOMMARIO Allegato alla Delib.G.R. n. 10/43 del 21.2.2013 Linee guida per l esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione (B&B). SOMMARIO Premessa Articolo 1: Caratteristiche distintive dei Bed

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) I AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo comune.bastiaumbra@postacert.umbra.it a

Dettagli

AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA Applicare qui Marca da bollo da 14,62 OBBLIGATORIA Spazio per timbro Ufficio Protocollo AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA OGGETTO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER ESERCITARE L ATTIVITA di AFFITTACAMERE

Dettagli

l sottoscritt nat _ a il residente in via Società con sede in Prov. via CF iscritta alla CCIAA di n.

l sottoscritt nat _ a il residente in via Società con sede in Prov. via CF iscritta alla CCIAA di n. Al COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di LECCE) Servizio SUAP -ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' l sottoscritt nat _ a il residente in via n. C.F., titolare dell omonima

Dettagli

REGIONE MARCHE COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA Servizio Commercio. BED AND BREAKFAST Comunicazione delle Attrezzature e dei Prezzi per l Anno

REGIONE MARCHE COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA Servizio Commercio. BED AND BREAKFAST Comunicazione delle Attrezzature e dei Prezzi per l Anno DENUNCIA di INIZIO ATTIVITA di BED & BREAKFAST meglio noto come B & B Al Sig. Sindaco del Comune di Acquaviva Picena...l sottoscritt.. nat a il... residente in. Via.. telefono n. -Cod.Fisc.: come prescrive

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine COMUNE DI RUDA Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE ALBO OPERATORI NELL ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST Allegato alla delibera C.C. N. 13 del 25.02.2000 INDICE Articolo 1 Esercizio dell attività di Bed

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

Bed & Breakfast in Lombardia

Bed & Breakfast in Lombardia Bed & Breakfast in Lombardia Angelo Zito Struttura Sistemi Turistici ed Imprese Direzione Generale Commercio, Turismo e Servizi Regione Lombardia e-mail: Angelo_Zito@regione.lombardia.it Bed and Breakfast,

Dettagli

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità Disegno di legge concernente Disciplina dell attività ricettiva di bed and breakfast (B&B B&B). Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE Art. 1 Generalità 1. La Regione Sardegna al fine

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2 COMUNE di Ufficio DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2 Il/la sottoscritto/a di cittadinanza nato/a il a Provincia di CF. residente a C.A.P. in via/piazza n. In qualità di:

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Segnalazione Certificata di Inizio Attività Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Legge Regionale n. 5/2001 Disciplina dell attività Allo Sportello Unico per le attività produttive del Comune di Torre del

Dettagli

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 AL SIGNOR SINDACO Attività Produttive DEL COMUNE DI MATTINATA SEGNALAZIONE

Dettagli

La normativa dei Bed & Breakfast inlombardia

La normativa dei Bed & Breakfast inlombardia La normativa dei Bed & Breakfast inlombardia Luca Mambretti U.O. Sviluppo di iniziative per la Promozione dell Offerta Turistica Direzione Generale Commercio, Turismo e Servizi Regione Lombardia e-mail:

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

Il/La sottoscritto/a: Cognome.. Nome... C. F. nato/a a.. in data... residente in. Via, Piazza, ecc... n...

Il/La sottoscritto/a: Cognome.. Nome... C. F. nato/a a.. in data... residente in. Via, Piazza, ecc... n... Al Sig. Sindaco del Comune di 84021 BUCCINO SA ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST - L.R. 10 maggio 2001, n. 5 Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) / Trasferimento di sede / Ampliamento o Riduzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA Disciplina dell'attività di accoglienza ricettiva a conduzione familiare denominata "Bed and Breakfast" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

Dettagli

APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI

APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI Luca Mambretti Unità Organizzativa Turismo Programmazione e sviluppo iniziative a supporto dell'attrattività turistica del territorio e-mail: Luca_Mamabretti@regione.lombardia.it

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A DUE STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015 (L.R.

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2 AL COMUNE di POZZUOLO DEL FRIULI UFFICIO COMMERCIO ED ATTIVITA PRODUTTIVE DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE 1 L.R. 16 gennaio 2002 n.2 Il/la sottoscritto/a di cittadinanza nato/a il a Provincia

Dettagli

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE. (L. r. 7 agosto 2013, n.27 e L n. 241/1990, art. 19) data di nascita / / cittadinanza sesso: M. F.

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE. (L. r. 7 agosto 2013, n.27 e L n. 241/1990, art. 19) data di nascita / / cittadinanza sesso: M. F. Mod. SCIA B & B familiare REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO DEI SAPERI E DEI TALENTI SERVIZIO TURISMO Al COMUNE DI TARANTO Sportello Unico per le Attività produttive (SUAP)

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero

Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ STRUTTURE RICETTIVE EXTRA-ALBERGHIERE con caratteristiche di Civile Abitazione AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE non PROFESSIONALE CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE

Dettagli

Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004. Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004. Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004 Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la legge regionale L.R. 28 luglio 2004, n. 16: "Disciplina

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato a (prov. ) il / /, residente in (prov. ) via n. int., cittadinanza, C.F. tel. cell. fax e-mail PEC

Il/La sottoscritto/a nato a (prov. ) il / /, residente in (prov. ) via n. int., cittadinanza, C.F. tel. cell. fax e-mail PEC SCIA TURISMO CLASSIFICAZIONE N. /20 Spazio riservato al protocollo Al III DIPARTIMENTO - 2 SERVIZIO POLITICHE CULTURALI DEL TURISMO E DELLO SPORT della PROVINCIA REGIONALE di CATANIA Via Nuovaluce 67/A

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

LEGGE REGIONALE UMBRIA

LEGGE REGIONALE UMBRIA LEGGE REGIONALE UMBRIA N. 39 DEL 13-08-1987 Disciplina delle strutture ricettive extra - alberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA N. 58 del 19 agosto 1987 Il Commissario Regionale

Dettagli

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG)

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG) S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del di SCANZOROSCIATE (BG) 1.Dati impresa SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE ALBO OPERATORI NELL ATTIVITA DEI BED AND BREAKFAST

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE ALBO OPERATORI NELL ATTIVITA DEI BED AND BREAKFAST Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE ALBO OPERATORI NELL ATTIVITA DEI BED AND BREAKFAST Adottato con deliberazione consiliare n.44 dd.27 settembre 1999 ART.1 Esercizio dell attività

Dettagli

Legge Regionale Sicilia 23/12/2000 n.32, B.U.R. 23/12/2000 n.61

Legge Regionale Sicilia 23/12/2000 n.32, B.U.R. 23/12/2000 n.61 Legge Regionale Sicilia 23/12/2000 n.32, B.U.R. 23/12/2000 n.61 (con modifiche e aggiunte L.R. n. 6 del 03/05/01, L. R. n. 26/03/02 e L. R. n. 4 del 16/04/03) DISPOSIZIONI PER L'ATTUAZIONE DEL POR 2000-2006

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA Capo 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Principi generali. 1. Il presente regolamento disciplina le attività di polizia amministrativa

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CASE E APPARTAMENTI PER VACANZA

STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CASE E APPARTAMENTI PER VACANZA STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CASE E APPARTAMENTI PER VACANZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (art. 52 L.R. 27 dicembre 2006,n. 18 Legislazione turistica regionale modificata con L.R.

Dettagli

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015. Classificazione per l esercizio

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. Il presente regolamento stabilisce gli indirizzi per assicurare livelli minimi di uniformità sul territorio

Dettagli

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze :

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze : in forma non imprenditoriale ed in forma imprenditoriale Pag. 1 di 8 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Dettagli

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:23/09/2015 ALLEGATO B-33sexies Modello di autocertificazione di classificazione Hostel o Ostelli Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 e s.m.i. Regolamento

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 26 giugno 2003, n. 8) CAPO I. Art. 1 Finalità

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 26 giugno 2003, n. 8) CAPO I. Art. 1 Finalità LEGGE REGIONALE 26 febbraio 2003, n. 2 Disciplina dell attività di accoglienza ricettiva a conduzione familiare denominata Bed and Breakfast. (BUR n. 4 dell 1 marzo 2003, supplemento straordinario n. 1)

Dettagli

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI ARTICOLO 1 Generalità 1. La Regione Puglia favorisce lo sviluppo e la presenza su tutto il territorio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. BeB 1_2011 (Modello 0091 Versione 001-2014) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST Allo Sportello Unico delle Attività Produttive

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA Legge Regionale 24 novembre 2001, n. 17 DISCIPLINA DELLE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: CAPITOLO

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Segnalazione Certificata di Inizio Attività A.G.C. Turismo e Beni Culturali Settore Strutture Ricettive e Infrastrutture Turistiche Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Legge regionale n. 5/2001 Disciplina

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 12 DEL 11-05-1995 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disciplina dell' affitto di camere ed appartamenti ammobiliati per ferie

LEGGE PROVINCIALE N. 12 DEL 11-05-1995 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disciplina dell' affitto di camere ed appartamenti ammobiliati per ferie LEGGE PROVINCIALE N. 12 DEL 11-05-1995 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disciplina dell' affitto di camere ed appartamenti ammobiliati per ferie Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BOLZANO (Prov.) N. 25 del

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

BED AND BREAKFAST. Città di Alghero ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO Servizio Polizia Amministrativa Ufficio Aziende Ricettive.

BED AND BREAKFAST. Città di Alghero ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO Servizio Polizia Amministrativa Ufficio Aziende Ricettive. Città di Alghero ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO Servizio Polizia Amministrativa Ufficio Aziende Ricettive BED AND BREAKFAST Descrizione Il bed and breakfast è l'attività di ospitalità e somministrazione

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO VIII DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO COMMERCIALE ARTIGIANALE E TURISTICO Servizio Polizia Amministrativa REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI "BED & BREAKFAST" ART. 1 FINALITA In armonia con gli indirizzi

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA BED & BREAKFAST Legge Regionale 17/2001 Art. 19 Legge 241/90

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA BED & BREAKFAST Legge Regionale 17/2001 Art. 19 Legge 241/90 Al Responsabile Ufficio SUAP Via Cesare Battisti n.4 (72022) Città di Latiano SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA BED & BREAKFAST Legge Regione 17/2001 Art. 19 Legge 241/90 Il/La sottoscritto/a Data

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

COMUNE DI MODICA Prov. di Ragusa Sportello Unico Attività Produttive

COMUNE DI MODICA Prov. di Ragusa Sportello Unico Attività Produttive Data di avvio del Procedimento PROTOCOLLO Responsabile del procedimento COMUNE DI MODICA Prov. di Ragusa Sportello Unico Attività Produttive S.U.A.P. Numero di pratica / SUAP Sportello Unico Attività Produttive

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

per una delle seguenti attività:

per una delle seguenti attività: STRUTTURA RICETTIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA - SCIA n. 4 copie in carta semplice AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regionale 1 marzo 2003, n. 4 - Supplemento Straordinario 3 marzo 2003, n. n. 1. [Preambolo] Finalità

Bollettino Ufficiale Regionale 1 marzo 2003, n. 4 - Supplemento Straordinario 3 marzo 2003, n. n. 1. [Preambolo] Finalità www.lex24.ilsole24ore.com Regione Calabria Legge regionale 26 febbraio 2003, n. 2 Bollettino Ufficiale Regionale 1 marzo 2003, n. 4 - Supplemento Straordinario 3 marzo 2003, n. n. 1 Disciplina dell'attività

Dettagli

ai sensi dell art.19 della Legge 241/90, dell art.34 della L.R. 9/2006 e della D.G.R. n.378 del 19/04/2007

ai sensi dell art.19 della Legge 241/90, dell art.34 della L.R. 9/2006 e della D.G.R. n.378 del 19/04/2007 ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA ECONOMICHE SERVIZIO LICENZE DEL COMUNE DI GABICCE MARE OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per Bed & Breakfast. Il/la sottoscritto/a nato/a a il, cittadinanza

Dettagli

Il/La sottoscritt, nat a il / /, residente a, in di cittadinanza, C.F. con sede a, in Via Prov. CAP

Il/La sottoscritt, nat a il / /, residente a, in di cittadinanza, C.F. con sede a, in Via Prov. CAP Protocollo Generale Mod. B DIA affittacamere AL COMUNE DI POGGIO RENATICO Sportello Unico per le Attività Produttive per l inoltro al: SERVIZIO TURISMO Via de Romei, 3 44100 FERRARA FE DICHIARAZIONE DI

Dettagli

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita')

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita') Legge regionale 23 marzo 1995, n. 38. (Testo coordinato) Disciplina dell'agriturismo. (B.U. 24 marzo 1995, suppl. al n. 12) Modificata da l.r. 38/2009 Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 Titolo I. Generalita'

Dettagli

Per quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni si fa riferimento alla normativa vigente.

Per quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni si fa riferimento alla normativa vigente. Per quanto non espressamente previsto dalle presenti disposizioni si fa riferimento alla normativa vigente. Allegato D Elenco dei requisiti da rispettare nelle strutture ricettive: a) Registrazione pulizia

Dettagli

L attività di affittacamere è disciplinata dalla Legge n.1111 del 16 giugno 1939. Per il suo esercizio non è previsto alcun

L attività di affittacamere è disciplinata dalla Legge n.1111 del 16 giugno 1939. Per il suo esercizio non è previsto alcun EXPO 2015 UN OPPORTUNITA DI BUSINESS: L ATTIVITA DI AFFITTACAMERE APPROFONDIMENTO TEMATICO DEL 16 MARZO 2015 a cura del Dott. Giuseppe Mancini L ATTIVITA DI AFFITTACAMERE Gli adempimenti civilistici e

Dettagli

Telefono Fax Posta elettronica

Telefono Fax Posta elettronica DA PRESENTARE IN TRIPLICE COPIA Al comune di CENTOLA Spazio riservato al Protocollo Spazio riservato al Comune Si restituisce copia della SCIA da esporre nella zona di ricevimento degli ospiti. SPETT.LE

Dettagli

Raccolta normativa sul Bed & Breakfast

Raccolta normativa sul Bed & Breakfast Raccolta normativa sul Bed & Breakfast LEGGI E CIRCOLARI REGIONALI Lr. 15 aprile 1985, n. 31, «Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere» Lr. 14 aprile 1988, n. 34, «Modifiche ed integrazioni

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI ANACAPRI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITÀ DI «BED AND BREAKFAST»

REGOLAMENTO COMUNE DI ANACAPRI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITÀ DI «BED AND BREAKFAST» COMUNE DI ANACAPRI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITÀ DI «BED AND BREAKFAST» Vista la L.R. n.5 del 10-5-2001 - Disciplina dell attività di «Bed and Breakfast» il Consiglio Comunale, ritenendo opportuno

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT (Approvato con deliberazione C.C. n.52 adottata nella seduta del 29.10.2011)

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE Allegato C Dgr n. del pag. 1 /5 ALLEGATOC alla Dgr n. 807 del 7 maggio 014 giunta regionale 9^ legislatura REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA RICETTIVA EXTRALBERGHIERA Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale,

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 9 del 28 febbraio 2001 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO CITTÀ DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO APPROVATO CON ATTO C.C. N. 38 DEL 07/07/2008 Il presente Regolamento è entrato in vigore il 07/07/2008 INDICE Art. 1 Definizione

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE

SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

SEGNALAZIONE PER VARIAZIONE ATTIVITA AFFITTACAMERE (Legge regionale 15 aprile 1985, n.31 e s.m.i.)

SEGNALAZIONE PER VARIAZIONE ATTIVITA AFFITTACAMERE (Legge regionale 15 aprile 1985, n.31 e s.m.i.) SEGNALAZIONE PER VARIAZIONE ATTIVITA AFFITTACAMERE (Legge regionale 15 aprile 1985, n.31 e s.m.i.) N Prot. VARIAZIONE..del (da compilarsi a cura dell ufficio competente) Allo Sportello Unico Attività Produttive

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di autorizzazione apertura esercizio di case e appartamenti per vacanze (ai sensi dell art. 31della L.R. 27 Dicembre 2006 n.18).

OGGETTO: Richiesta di autorizzazione apertura esercizio di case e appartamenti per vacanze (ai sensi dell art. 31della L.R. 27 Dicembre 2006 n.18). Protocollo Bollo Euro 14,62 Al Comune di Magione Sportello Unico Per le Attività Produttive Piazza Carpine n. 1 06063 MAGIONE (PG) OGGETTO: Richiesta di autorizzazione apertura esercizio di case e appartamenti

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 27 novembre 2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 13, concernente

Dettagli

AFFITTA CAMERE. AUTOCERTIFICAZIONE DI REQUISITI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE della STRUTTURA RICETTIVA ExtrAlberghiera di

AFFITTA CAMERE. AUTOCERTIFICAZIONE DI REQUISITI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE della STRUTTURA RICETTIVA ExtrAlberghiera di AUTOCERTIFICAZIONE DI REQUISITI MINIMI PER LA della STRUTTURA RICETTIVA ExtrAlberghiera di Dichiarazione resa ai sensi degli Artt.,6 e 7 D.P.R. n.5 del 8 dicembre 000 dal Legale Rappresentante della società

Dettagli

Provincia di Trapani Settore Sport Turismo Spettacolo

Provincia di Trapani Settore Sport Turismo Spettacolo Provincia di Trapani Settore Sport Turismo Spettacolo Regolamento per lo sviluppo della Città Albergo Art. 1 L Amministrazione Comunale di Alcamo, allo scopo di incentivare lo sviluppo turistico della

Dettagli