INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E"

Transcript

1 INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la stabilità e la continuità dell impresa attraverso l assegnazione del bene produttivo, ma nel contempo salvaguardando le norme di diritto successorio Carattere derogatorio della disciplina. Il divieto dei patti successori e la modifica dell art. 458 c.c Segue. Patto di famiglia e patto successorio istitutivo Segue. Patto di famiglia, patto successorio dispositivo e patto successorio rinunziativo Contenuto dell art. 768-bis: la nozione di patto di famiglia La pluralità di soggetti coinvolti nell assegnazione del bene produttivo. Il carattere endofamiliare del negozio Presupposti soggettivi: il requisito della compatibilità con le disposizioni in materia di impresa familiare. Rinvio Segue. Il rispetto delle differenti tipologie societarie. Rinvio Segue. Il soggetto trasferente: «l imprenditore», nel caso in cui oggetto del patto di famiglia sia l azienda o un suo ramo, e «il titolare di partecipazioni societarie», nel caso in cui oggetto del patto di famiglia siano le partecipazioni societarie. Il problema della sua qualificazione Presupposti soggettivi: titolare di partecipazioni societarie e quote. La questione dell eventuale esistenza di limiti quantitativi in ordine alla partecipazione societaria ai fini dell applicabilità della normativa in oggetto Segue. Discendenti assegnatari dell azienda o delle partecipazioni sociali. Acquisto conseguito dall assegnatario e comunione legale Segue. La partecipazione al patto di famiglia dei legittimari non assegnatari dell azienda (art. 768-quater, 1 comma). Il coniuge e gli altri legittimari. Gli ascendenti. Acquisto conseguito dal non assegnatario e comunione legale Soggetti partecipanti al patto legalmente incapaci di agire I legittimari sopravvenuti. Rinvio La disciplina applicabile al patto Il patto di famiglia e le figure affini Segue. In particolare patto di famiglia e donazione

2 XVI INDICE SEZIONE II: L OGGETTO DEL PATTO DI FAMIGLIA E LA GOVERNANCE dell operazione. La compatibilità con le discipline di settore 18. Premessa: il sistema dei beni produttivi del disponente come oggetto del patto di famiglia Segue. Il diritto oggetto del trasferimento. Nuda proprietà dell azienda e diritto di usufrutto come oggetto del trasferimento Segue. Attribuzione di poteri di governance da parte del disponente Il requisito della compatibilità con le disposizioni in materia di impresa familiare Segue. La questione del rispetto del diritto alla prelazione a favore dei familiari che prestano la loro attività all interno dell impresa familiare (art. 230-bis, 4 e 5 comma) Il rispetto delle differenti tipologie societarie Segue. Il trasferimento di partecipazioni societarie avente ad oggetto società di persone Segue. Il trasferimento di partecipazioni societarie avente ad oggetto società di capitali SEZIONE III: IL PROFILO DEL TRASFERIMENTO. IL PATTO DI FAMIGLIA COME CONTRATTO NECESSARIAMENTE TRASLATIVO. GLI ELEMENTI ACCIDENTALI 26. Premessa: profili funzionali del patto di famiglia Effetto legale tipico: trasferimento dell azienda e/o delle partecipazioni sociali dall imprenditore-disponente all assegnatario (o beneficiario) Segue. Effetto traslativo immediato. Prevalenza del momento del patto rispetto al momento dell apertura della successione. La qualificazione degli effetti in termini di successione anticipata Segue. Il patto di famiglia come contratto necessariamente traslativo. Compatibilità con le pattuizioni accessorie Segue. Condizione ed effetto legale eventuale: trasferimento dell azienda solo quando saranno liquidati i non assegnatari Segue. Condizione di reversibilità in caso di cattiva gestione dell azienda da parte degli assegnatari Segue. Perdita di effetto del patto, in caso di nascita di un nuovo legittimario Segue. Divieto di alienazione dell azienda da parte degli assegnatari nei limiti dell art c.c Segue. La previsione di un modus a carico del beneficiario: grado di compatibilità con la rilevata natura gratuita dell attribuzione Art. 768-ter (Forma) 1. Il formalismo negoziale del patto di famiglia Segue. La presenza dei testimoni

3 INDICE XVII 3. Segue. L applicabilità dell art. 782, 1 comma, c.c. La specifica indicazione delle cose mobili Segue. Dell art. 782, 2 comma, c.c. La formazione progressiva del contratto La pubblicità del patto di famiglia Art. 768-quater (Partecipazione) SEZIONE I: NATURA GIURIDICA E PROFILI STRUTTURALI DEL PATTO DI FAMIGLIA (768-QUATER, 1 COMMA) 1. Premessa: la «partecipazione» dei legittimari e la struttura del patto di famiglia La causa del patto di famiglia Segue. Il profilo del trasferimento del complesso aziendale quale elemento imprescindibile dello schema negoziale Segue. La tacitazione «definitiva» delle ragioni dei legittimari non assegnatari e la sua incidenza sul profilo causale Segue. Il trasferimento dell azienda senza un corrispettivo: il carattere necessariamente gratuito del patto di famiglia Segue. L effetto legale del contratto (art. 768-quater, 4 comma). Rinvio I momenti essenziali del patto. Loro incidenza sul profilo di qualificazione della fattispecie La valorizzazione del tratto stipulativo: il momento del coinvolgimento dei legittimari e il momento della condivisione delle scelte Segue. Il patto di famiglia quale struttura semplice: eccezione alla regola generale Segue. Il patto di famiglia e la relativa struttura plurisoggettiva La questione della partecipazione al patto di famiglia dei legittimari non assegnatari dell azienda o delle partecipazioni sociali e la sua incidenza sul profilo causale Segue. La tesi del contratto bilaterale: la mancata partecipazione al patto del legittimario non assegnatario, e il regime dell inopponibilità della pattuizione al soggetto escluso Segue. Nell ambito della bilateralità: il patto di famiglia come atto a struttura bilaterale rispetto al quale verrebbe in rilievo un mero onere di convocazione dei legittimari Segue. Tesi che partendo dalla necessaria natura gratuita dell operazione, ravvisa nel patto di famiglia una donazione modale. Critica. L incapacità della donazione modale, sul piano del profilo causale, a spiegare la liquidazione dei partecipanti non assegnatari dell azienda e/o delle partecipazioni come elemento essenziale Segue. Tesi che attribuisce al patto di famiglia natura essenzialmente divisoria. Critica: principale tratto peculiare del negozio in questione ri-

4 XVIII INDICE siederebbe nel carattere anticipato della divisione, in relazione ad una successione non ancora aperta, e, quindi, ad una comunione ereditaria futura Segue. La ricostruzione del patto di famiglia come contratto a favore di terzo. Critica Segue. La ricostruzione in chiave procedimentale: il patto di famiglia come atto a struttura variabile in considerazione del profilo funzionale e della varietà degli interessi coinvolti Segue. La ricostruzione del patto come negozio a struttura plurisoggettiva: la partecipazione dei legittimari attuali come carattere qualificante del contratto. L impossibilità di realizzare un patto senza aver garantito attraverso la loro partecipazione il bilanciamento dei contrapposti interessi SEZIONE II: LA LIQUIDAZIONE DEI LEGITTIMARI (768-QUATER, 2 COMMA) 19. Effetto legale tipico: tacitazione «definitiva» dei legittimari non assegnatari attraverso l obbligo di liquidazione a carico dei beneficiari Segue. Determinazione del valore dell azienda da parte di tutti Segue. Effetto legale tipico: valore del bene trasferito all assegnatario e conversione della quota di legittima (natura reale) in quota di liquidazione (natura di diritto di credito). Applicazione nella determinazione della quota di liquidazione delle percentuali matematiche proporzionali pari alle quote indicate, negli artt. 536 ss., a seconda del concreto concorso tra legittimari Segue. Attribuzione di un diritto di credito ai legittimari non assegnatari intervenuti al patto e rilevanza delle regole dell inadempimento Segue. Le modalità di liquidazione dell obbligazione. Adempimento immediato dell obbligazione mediante il pagamento di una somma di danaro corrispondente al valore delle quote previste dagli artt. 536 ss. c.c Segue. Liquidazione alternativa: trasferimento dei beni in natura ai potenziali legittimari non assegnatari Segue. I soggetti obbligati alla liquidazione. Regola generale: obbligo di liquidazione a carico degli assegnatari Segue. Eccezione: obbligo di liquidazione a carico del disponente Segue. I tempi di liquidazione. L esecuzione immediata. L esecuzione differita attraverso il collegamento contrattuale. Presupposti dell assegnazione differita: «contratto successivo» e necessaria partecipazione degli stessi soggetti SEZIONE III: L IMPUTAZIONE EX SE NEL PATTO DI FAMIGLIA (768-QUATER, 3 COMMA) 28. Effetto legale tipico: imputazione ex se da parte dei partecipanti non assegnatari (art. 768-quater, 3 comma)

5 INDICE XIX 29. Segue. Possibile imputazione ex se del trasferimento di azienda o delle partecipazioni sociali alla quota di legittima del relativo assegnatario Effetto legale tipico: riunione fittizia delle assegnazioni effettuate a titolo di patto di famiglia. Grado di compatibilità tra il bene produttivo (oggetto del patto di famiglia) e la riunione fittizia al momento dell apertura della successione del disponente. La relazione fra la riunione fittizia e la imputazione ex se SEZIONE IV: L ESENZIONE DA RIDUZIONE E COLLAZIONE (768-QUATER, 4 COMMA) 31. Effetto legale tipico: disattivazione dei meccanismi di riduzione e collazione quale effetto legale del contratto Segue. Contenuto dell esenzione: rinunzia alla riduzione ed alla collazione Segue. L àmbito di applicazione dell esenzione: i beni produttivi oggetto del patto di famiglia e le assegnazioni fatte ai legittimari non assegnatari sottratti alle regole ordinarie di successione Segue. L esenzione della liquidazione posta in essere direttamente dal disponente: possibile interpretazione estensiva dell art. 768-quater, 4 comma Effetto legale tipico: conservazione da parte dei legittimari del diritto di esercitare l azione di riduzione e le regole di collazione sul restante patrimonio del de cuius Art. 768-quinquies (Vizi del consenso) 1. Premesse: rimedi contrattuali e patto di famiglia. Funzionalizzazione dei rimedi in relazione all interesse prevalente Segue. Applicabilità al patto di famiglia, sotto il profilo rimediale, della normativa generale in tema di contratto, sempre che le disposizioni siano compatibili con la struttura del nuovo contratto L invalidità del patto attraverso la forma della annullabilità. La pretesa annullabilità per errore sul valore Segue. La legittimazione a far valere l annullabilità del patto Segue. Impugnazione del patto di famiglia per i vizi del consenso e applicazione della disciplina dettata dal legislatore per i contratti in generale ex art c.c. Termine annuale ed eccezione alla regola quinquennale di prescrizione Segue. Le conseguenze della invalidazione del patto L invalidità del patto attraverso la forma della nullità Segue. La necessaria partecipazione dei legittimari non assegnatari e la sanzione della nullità ex art. 1418, c.c. per contrarietà alla norma imperativa Segue. La partecipazione ex art. 768-quater, 1 comma, come titolo di legittimazione a far valere la nullità del patto di famiglia

6 XX INDICE 10. Segue. Legittimazione ad impugnare dei legittimari «partecipanti» alla stipulazione, ma contrari al patto, e dei legittimari non «partecipanti», perché deliberatamente esclusi Segue. Mancanza di legittimazione ad impugnare dei legittimari non «partecipanti» al patto, ma regolarmente convocati. Differenze tra legittimari parte del contratto e legittimari terzi. Corollario: inopponibilità nei loro confronti degli effetti legali del patto e raggiunta stabilità dell effetto traslativo fino al momento dell apertura della successione del disponente Segue. Ratio da rintracciare nella necessaria partecipazione al patto e definitiva tacitazione delle ragioni dei legittimari come elementi qualificanti il profilo causale della fattispecie Segue. Lo statuto normativo della nullità del patto di famiglia stipulato senza il consenso dei legittimari non assegnatari. La possibile ricostruzione della nullità ex art. 768-quater, 1 comma, come nullità di protezione per i legittimari esclusi dalla stipulazione del patto. Critica. Ricostruzione della nullità in termini di nullità assoluta e totale del patto. Applicabilità dell art c.c., e legittimazione a far valere la nullità dei creditori dell impresa (oggetto del patto) Rimedi sinallagmatici: lo scioglimento del patto attraverso la rescissione e la risoluzione. Il problema dell applicabilità al patto della rescissione per lesione prevista dall art. 763 c.c. per la divisione ereditaria Segue. La disciplina della rescissione per lesione del patto di famiglia Art. 768-sexies (Rapporti con i terzi) 1. Art. 768-sexies: ratio della norma e sua valenza rispetto alle altre norme del patto di famiglia. Prevalenza della stabilità del patto di famiglia rispetto alle ragioni dei legittimari che non abbiano partecipato al patto, ai quali spetta una tutela meramente obbligatoria Àmbito di applicazione soggettivo: i «terzi» rispetto al patto di famiglia. I legittimari sopravvenuti e i legittimari (esistenti al momento del patto) non partecipanti. I soggetti sopravvenuti del rapporto obbligatorio nascente dall art. 768-sexies, 1 comma, e i soggetti che perdono la qualifica di legittimari Segue. Interpretazione della norma in senso restrittivo: regola riferibile esclusivamente ai legittimari sopraggiunti alla conclusione del patto Il caso dei legittimari di secondo grado Segue. Interpretazione della norma in senso estensivo: regola riferibile anche ai legittimari esistenti al tempo del patto, ma che non vi abbiano partecipato Segue. Ricostruzione della norma in chiave procedimentale Il novero dei soggetti «beneficiari del contratto» obbligati al pagamento della somma. Ricostruzione nel senso di comprendere tra i soggetti obbligati come condebitori solidali, ex art c.c. non solo l asse-

7 INDICE XXI gnatario dell azienda o delle partecipazioni, ma anche i legittimari che abbiano partecipato al contratto ricevendo denaro o beni a titolo di liquidazione delle relative quote La disciplina del credito ex art. 768-sexies, 1 comma. Valorizzazione del diverso riferimento temporale: momento dell apertura della successione rispetto al momento di stipulazione del patto. Il rischio di nuovi legittimari a confronto con la stabilità del patto Segue. Attribuzione ai legittimari sopravvenuti, in qualità di terzi, del diritto ad essere liquidati con il pagamento della somma prevista dal secondo comma dell art. 768-quater, aumentata degli interessi legali. Titolarità in capo al terzo di un diritto di credito che nasce automaticamente ex lege al momento della morte del disponente, ma che è determinato al momento della stipulazione del patto Segue. L oggetto della prestazione e i suoi criteri di determinazione: determinazione effettuata dal legislatore per relationem mediante l espresso rinvio contenuto nell art. 768-sexies, 1 comma, ai parametri oggettivi contenuti nell art. 768-quater, 2 comma. Somma calcolata con riguardo al valore dell azienda o della partecipazioni societarie trasferite riferita al momento della stipula del patto di famiglia Segue. Effetto preclusivo della riduzione e della collazione riguardo ai familiari non partecipanti al patto. I legittimari sopravvenuti come soggetti a cui spetta la quota di legittima liquidata in danaro (legittima in valore) sui beni produttivi e la quota di legittima (in natura) sui rimanenti beni Disciplina delle sopravvenienze in caso di inadempimento all obbligo di liquidazione ex art. 768-sexies, 1 comma. Il termine di prescrizione Ratio della norma: l inadempimento determina il passaggio da una tutela squisitamente obbligatoria per i legittimari sopravvenuti ad una tutela reale di impugnazione del patto, vanificando la stabilità e la definitività dell assegnazione del bene produttivo che il patto di famiglia aveva realizzato Segue. La legittimazione a far valere l annullabilità del patto attribuita dall art. 768-sexies, 2 comma, ai c.dd. legittimari non assegnatari sopravvenuti che hanno diritto alla liquidazione ex art. 768-sexies, 1 comma Segue. Sanzione dell annullabilità del patto in caso di inadempimento dell obbligazione di pagamento. Critica Ricostruzione della norma ai sensi dell art. 768-sexies, 2 comma, come forma di tutela del diritto di legittima. L impugnazione per vizi funzionali del patto o per mancata adesione al patto stipulato in suo favore Art. 768-septies (Scioglimento) 1. Lo scioglimento e la modifica del patto di famiglia (art. 768-septies).

8 XXII INDICE Lo scioglimento e la modifica a mezzo del «diverso contratto». Effetto legale tipico dello scioglimento Segue. Requisiti per l efficacia del negozio di scioglimento o di modificazione del patto di famiglia Lo scioglimento e la modifica del patto di famiglia a mezzo di recesso convenzionale. La mancanza di limiti alla facoltà di recedere Segue. La facoltà riconosciuta ai contraenti del patto di famiglia ex art. 768-septies, 1 comma, n. 2, c.c., di sciogliere o di modificare il contratto stesso in via unilaterale, purché tale possibilità sia espressamente pattuita nel contratto stesso. La portata applicativa del recesso: distinzione in ordine al recesso che spiega effetti solamente eliminativi sull originario patto di famiglia dal recesso che spiega effetti modificativi Segue. Il recesso eliminativo del patto di famiglia, come estensione della regola generale contenuta nell art c.c. che contempla, appunto, il recesso unilaterale di fonte convenzionale e non già legale. La possibilità di recedere dal patto come eccezione alla regola legale della preclusione del recesso nei contratti che abbiano avuto un principio di esecuzione Segue. Il recesso modificativo come ipotesi di attribuzione al soggetto, in favore del quale esso è previsto, del diritto di opzione ad adottare modifiche unilaterali all accordo iniziale. Presupposti di esercizio dello ius variandi Segue. Le modalità di esercizio del diritto di recesso Segue. Portata soggettiva: possibilità che il diritto di recesso possa essere convenzionalmente stipulato in favore di tutti i partecipanti al patto Segue. Effetto legale tipico dell esercizio del diritto di recesso Il problema della revocabilità per ingratitudine o sopravvenienza di figli Art. 768-octies (Controversie) 1. Gli organismi di conciliazione di cui al d.lgs. 17 gennaio 2003, n La clausola di conciliazione INDICI Indice degli autori Indice analitico

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI.

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. La legge 14 febbraio 2006, n. 55 ha introdotto l istituto del patto di famiglia. Il nuovo istituto

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa

La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa Avv. Silvia Salvati Fondazione Forense 15 dicembre 2012 Via Belmeloro n. 14 IL PATTO DI FAMIGLIA Legge 14 Febbraio 2006 n.55/2006 L' Italia

Dettagli

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa 1 PREMESSA La regolamentazione della successione nell impresa rappresenta da tempo una problematica ricca di interesse ed ha, per questo,

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

Note di aggiornamento Luglio 2008

Note di aggiornamento Luglio 2008 G. Zagrebelsky - G. Oberto - G. Stalla - C. Trucco COMPENDIO DI DIRITTO Note di aggiornamento Luglio 2008 1. Modifiche al codice civile in materia di patto di famiglia 2. Indennità di espropriazione delle

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI TITOLO III Delle successioni testamentarie CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 587. Testamento..................................... 1» 588. Disposizioni a

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione...

SOMMARIO. Prefazione... SOMMARIO Prefazione... IX Capitolo 1 - Una fase complessa: il trasferimento del proprio patrimonio in modo efficace e definitivo 1. Rilevanza del fenomeno, soprattutto societario e aziendale... 1 2. Strumenti

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO IX PREFAZIONE... PROFILO AUTORI... III VII CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Elisa de Belvis 1. La divisione e lo scioglimento della comunione... 1 2. La collocazione sistematica e l applicabilità

Dettagli

CAPITOLO II Sul lascito dell usufrutto generale dei beni ereditari... 23 di Michael Perreca

CAPITOLO II Sul lascito dell usufrutto generale dei beni ereditari... 23 di Michael Perreca INDICE SOMMARIO Prefazione.... Gli autori... V XIII CAPITOLO I Nuove regole in materia di filiazione: profili successori di Maria Giovanna Falzone Calvisi 1. Il quadro normativo attuale.............................

Dettagli

Parte Prima NOZIONI GENERALI. I SOGGETTI. Capitolo I L ordinamento giuridico

Parte Prima NOZIONI GENERALI. I SOGGETTI. Capitolo I L ordinamento giuridico INDICE SOMMARIO Parte Prima NOZIONI GENERALI. I SOGGETTI Capitolo I L ordinamento giuridico 1. L ordinamento....................................... 3 2. Ordinamento ed economia................................

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Il passaggio generazionale nella Famiglia e nell Impresa Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Paolo Ludovici Bergamo, 2 luglio 2013 Imposta sulle successioni e donazioni: aliquote

Dettagli

Indice sommario. Parte Prima Donazioni e atti gratuiti

Indice sommario. Parte Prima Donazioni e atti gratuiti Indice sommario Parte Prima Donazioni e atti gratuiti Capitolo I (di ENRICO DAMIANI) 3 Atto gratuito liberale e atto gratuito non liberale 1. Premessa. Profili di rilevanza applicativa della distinzione

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Le clausole limitative della circolazione delle partecipazioni sociali e Il contratto di mantenimento

Le clausole limitative della circolazione delle partecipazioni sociali e Il contratto di mantenimento ASSOCIAZIONE DI CULTURA GIURIDICA Centro Studi per la Formazione del Notariato Le clausole limitative della circolazione delle partecipazioni sociali e Il contratto di mantenimento Firenze, 12 marzo 2011

Dettagli

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE...

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... INDICE LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 5 NOZIONE E FONDAMENTO... 5 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 5 TERMINI... 5 EREDITA E LEGATO... 5 NOZIONE DI EREDITÀ E LEGATO... 5 RILEVANZA

Dettagli

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI prof. avv. DARIO STEVANATO Piacenza, 25 marzo 2006 1 IL PATTO DI FAMIGLIA Il nuovo patto di di famiglia (art. 768-bis c.c.) risponde

Dettagli

Della collazione Del pagamento dei debiti

Della collazione Del pagamento dei debiti Antonio Albanese Della collazione Del pagamento dei debiti GIUFFRE EDITORE Art. 737 ( (Soggetti tenuti alla collazione) 1. Cenni storici 4 2. Collazione e famiglia: fra tradizione e riforme 7 3. Collazione

Dettagli

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI...

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI... INDICE LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI... 6 EREDITÀ E LEGATO... 7 NOZIONE DI EREDITÀ E LEGATO... 7 RILEVANZA

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari)

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari) INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Art. 536 (Legittimari) CAPITOLO I: DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI E LINEE EVOLUTIVE DELLA SUCCESSIONE NECESSARIA 1. Successione necessaria fra tradizione

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL PATTO DI FAMIGLIA Legge 14 febbraio 2006, n. 55 Documento n. 7 del 29 marzo 2006 Scheda di lettura Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Dettagli

INDICE. Art. 1372 (Efficacia del contratto) CAPITOLO I: L EFFICACIA DEL CONTRATTO NEL PRIMO COMMA. Sezione I: L intangibilità del contratto

INDICE. Art. 1372 (Efficacia del contratto) CAPITOLO I: L EFFICACIA DEL CONTRATTO NEL PRIMO COMMA. Sezione I: L intangibilità del contratto INDICE Art. 1372 (Efficacia del contratto) CAPITOLO I: L EFFICACIA DEL CONTRATTO NEL PRIMO COMMA Sezione I: L intangibilità del contratto 1. L efficacia del contratto tra le parti......................

Dettagli

INDICE. Parte Prima LE SUCCESSIONI

INDICE. Parte Prima LE SUCCESSIONI Presentazione... Sigle e abbreviazioni.... V XVII Parte Prima LE SUCCESSIONI Capitolo I LE SUCCESSIONI MORTIS CAUSA IN GENERALE Silvia Teodora Masucci 1. Nozioni introduttive: la successione tra morte,

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del

INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del verbale procedurale; corso aggiornamento specialistico

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO Parte Prima INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto... pag. 1 2. Prescrizioni, regole, norme...» 3 3. L idea di «fonti del diritto»...» 7 4. L ordinamento giuridico...»

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... IX XI XIX PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI CAPITOLO I Le situazioni giuridiche. Gli strumenti di tutela 1. Il diritto

Dettagli

PATTO DI FAMIGLIA A) NOZIONE L'articolo 768 bis del codice civile definisce il patto di famiglia come "il contratto con cui, compatibilmente con le

PATTO DI FAMIGLIA A) NOZIONE L'articolo 768 bis del codice civile definisce il patto di famiglia come il contratto con cui, compatibilmente con le PATTO DI FAMIGLIA A) NOZIONE L'articolo 768 bis del codice civile definisce il patto di famiglia come "il contratto con cui, compatibilmente con le disposizioni in materia di impresa familiare e nel rispetto

Dettagli

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI 1) LA FORZA DELLA VOLONTÀ TESTAMENTARIA E I LIMITI DEL SISTEMA Autonomia privata e pianificazione successoria Volontà del disponente - Revocabile usque ad

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA Il problema Il passaggio generazionale è un momento delicato anche a causa delle differenze di vedute tra imprenditore e suoi successori L impresa è un bene costituzionalmente

Dettagli

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI BENI TRA CONIUGI 1. Premesse. Il rilievo sociale del regime di separazione dei beni... 3 2.

Dettagli

R Roma, 29 maggio 2013

R Roma, 29 maggio 2013 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa R Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: La tassazione degli atti notarili - Guida operativa - Testo unico dell imposta di registro, approvato con decreto del Presidente

Dettagli

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PROF. DOTT. ALBERTO

Dettagli

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione...

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione... INDICE Prefazione... XIX I LA SUCCESSIONE 1 L apertura delle successioni... 3 1.1 Introduzione... 4 1.2 L apertura della successione... 5 1.3 La dichiarazione di morte presunta... 6 1.4 L acquisto dell

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I INDICE-SOMMARIO Capitolo I LA SUCCESSIONE NECESSARIA ED IL SUO ÀMBITO DI RILEVANZA 1. Il limite al potere di disporre del testatore: il diritto alla legittima. Nozione e sua ratio. pag. 1 2. Volontà testamentaria

Dettagli

I. CONSIDERAZIONI GENERALI

I. CONSIDERAZIONI GENERALI Elenco delle principali abbreviazioni................................ XI I. CONSIDERAZIONI GENERALI 1. Premessa.......................................... 1 2. Le principali questioni in tema di trust interno.........................

Dettagli

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il

Dettagli

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1 INDICE Prefazione di Giovanni Lo Cascio.......................... Presentazione...................................... Gli Autori....................................... V VII IX Art. 2498 c.c. Continuità

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 DIRITTO E NORMA

INDICE SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 DIRITTO E NORMA INDICE SOMMARIO Parte prima INTRODUZIONE Capitolo 1 DIRITTO E NORMA 1. Premessa... pag. 1 2. Significato corrente di «diritto»...» 2 3. Prescrizioni e regole...» 3 4. Le regole di diritto...» 7 5. L ordinamento

Dettagli

Avv. Gian Carlo Sessa

Avv. Gian Carlo Sessa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE LITI SUCCESSORIE: LE CONTROVERSIE TIPICHE E QUELLE ATIPICHE, IN PARTICOLARE SOCIETARIE. (Le principali tipologie di liti tipiche e le liti atipiche ) Avv.

Dettagli

IL PATTO DI FAMIGLIA E IL FAMILY BUY OUT

IL PATTO DI FAMIGLIA E IL FAMILY BUY OUT S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI IL PATTO DI FAMIGLIA E IL FAMILY BUY OUT DARIO SCARPA 10 Dicembre 2012 - Sala

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO

INDICE PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO XV Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla decima edizione... VII IX XI PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO SEZIONE PRIMA PARTE GENERALE: IL SISTEMA DEL DIRITTO

Dettagli

SUCCESSIONI A CAUSA DI MORTE E DONAZIONI

SUCCESSIONI A CAUSA DI MORTE E DONAZIONI SCUOLA DI NOTARIATO "CINO DA PISTOIA" FIRENZE STRUMENTI ED ESPERIENZE NOTARILI BARBARA TOTI SUCCESSIONI A CAUSA DI MORTE E DONAZIONI MANUALE PRATICO SECONDA EDIZIONE CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MiLANI

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO IV DELLA DIVISIONE. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO TITOLO IV DELLA DIVISIONE. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXVII TITOLO IV DELLA DIVISIONE Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 713. Facoltà di domandare la divisione...

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI. Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXVII TITOLO III DEI SINGOLI CONTRATTI Capo I DELLA VENDITA Sezione I Disposizioni generali Art. 1470. Nozione...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4463 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARINELLO, GIOACCHINO ALFANO, BITONCI, CERONI, DE AN- GELIS, GARAGNANI, GAROFALO, GERMANÀ,

Dettagli

INDICE. Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva)

INDICE. Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva) INDICE Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva) 1. La condizione nel testamento: profili generali... 3 2. La condizione e il modus.... 7 3. Condizione sospensiva e risolutiva... 13 4. Incertezza e

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume settimo II edizione Aggiornato a: - Il danno tanatologico: la rimessione alle S.U. (Cass. civ., Sez. III, ord. 4

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011 9 luglio 2011 Le donazioni Contratti e atti onerosi gratuiti atti liberali atti non liberali donazioni comodato Atto di liberalità: atto diretto a realizzare in capo ad un terzo un arricchimento spontaneo

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL APPALTO. CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DI APPALTO E LE FIGURE AFFINI Lucio Valerio Moscarini

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL APPALTO. CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DI APPALTO E LE FIGURE AFFINI Lucio Valerio Moscarini INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL APPALTO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DI APPALTO E LE FIGURE AFFINI Lucio Valerio Moscarini 1. Definizione del tipo negoziale... p. 5 2. Appalto privato e appalto

Dettagli

LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA

LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA TUTELE A PROTEZIONE DEI LEGITTIMARI Azione di riduzione Divieto per il de cuius di pesi o condizioni sulla quota legittima AZIONE DI RIDUZIONE Spetta al legittimario

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

Il diritto civile in tasca

Il diritto civile in tasca Il diritto civile in tasca COMPENDIO DI DIRITTO CIVILE 2015 VI SOMMARIO CAPITOLO I L ATTIVITÀ GIURIDICA 1 1. Le situazioni giuridiche soggettive 1 2. Fatto, atto e negozio giuridico 3 3. La pubblicità

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 SOMMARIO CAPITOLO 1 LA FAMIGLIA 1. La famiglia naturale e di fatto... 1 1.1. Le coppie dello stesso sesso... 5 1.2. La poligamia ed il matrimonio fra clandestini: rinvio... 8 2. Oneri che derivano dal

Dettagli

Il patto di famiglia e il trust. Profili civilistici del patto di famiglia

Il patto di famiglia e il trust. Profili civilistici del patto di famiglia Il patto di famiglia e il trust 1 Profili civilistici del patto di famiglia 2 Oggetto del presente intervento è la normativa civilistica e fiscale sul Patto di Famiglia in seguito alla legge n. 55, 14

Dettagli

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Capitolo 1 - Il fondo patrimoniale nell ordinamento civilistico italiano 1.1 Cenni storici... 13 1.2 Considerazioni generali sulla riforma del diritto di famiglia... 15 1.3

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL Ottobre 2010 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV2 GUIDA/TRASF/SRL2

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Diritto, regola, norma... Pag. 1 2. L idea di «fonti del diritto»...» 3 3. L ordinamento giuridico...» 4 4. Le fonti del diritto

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima IL CONTRATTO DI AGENZIA

INDICE SOMMARIO. Parte Prima IL CONTRATTO DI AGENZIA VII Introduzione... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII XIX Parte Prima IL CONTRATTO DI AGENZIA CAPITOLO I AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

Alessio Reali Collaboratore dell Istituto di Diritto Civile dell Università degli Studi di Milano. 25.03.06 Alessio Reali PIACENZA

Alessio Reali Collaboratore dell Istituto di Diritto Civile dell Università degli Studi di Milano. 25.03.06 Alessio Reali PIACENZA PATTO DI FAMIGLIA E TRUST E DIVIETO DEI PATTI SUCCESSORI: SUPERAMENTO DELL INTANGIBILITA QUALITATIVA DELLA LEGITTIMA E STRUMENTI DI TACITAZIONE DEI LEGITTIMARI Alessio Reali Collaboratore dell Istituto

Dettagli

FAMIGLIA E SUCCESSIONI

FAMIGLIA E SUCCESSIONI Elena Bellisario Liliana Rossi Carleo Vincenzo Cuffaro FAMIGLIA E SUCCESSIONI LE FORME DI CIRCOLAZIONE DELLA RICCHEZZA FAMILIÄRE G. Giappichelli Editore - Torino INDICE IL CORSO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO

Dettagli

PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA. Capitolo I La compravendita in generale

PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA. Capitolo I La compravendita in generale Indice sommario Prefazione alla prima edizione............................... Prefazione alla seconda edizione.............................. VII IX PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA Capitolo I La compravendita

Dettagli

Giuseppe ZUCCARO PARERI

Giuseppe ZUCCARO PARERI Giuseppe ZUCCARO PARERI DI SOMMARIO SOGGETTI DI DIRITTO PARERE 1 I diritti civili dello straniero: il residuo ambito applicativo dell art. 16 delle preleggi 3 FAMIGLIA PARERE 2 La tutela del familiare

Dettagli

Patti di famiglia e morte del socio. Avv. Pietro Maria di Giovanni

Patti di famiglia e morte del socio. Avv. Pietro Maria di Giovanni Pescara 3 dicembre 2013 Avv. Pietro Maria di Giovanni www.studiolegaledigiovanni.com divieto di patti successori l'art. 458 c.c. vieta ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione

Dettagli

INDICE. Presentazione 11. Carmine Romano PROFILI EVOLUTIVI DELL AUTONOMIA TESTAMENTARIA. Roberto Calvo GERARCHIE SUCCESSORIE E VOLIZIONE

INDICE. Presentazione 11. Carmine Romano PROFILI EVOLUTIVI DELL AUTONOMIA TESTAMENTARIA. Roberto Calvo GERARCHIE SUCCESSORIE E VOLIZIONE INDICE Presentazione 11 Carmine Romano PROFILI EVOLUTIVI DELL AUTONOMIA TESTAMENTARIA 1. Considerazioni introduttive 15 2. L orientamento tradizionale: la funzione attributiva del testamento e la prevalenza

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

INDICE. Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO

INDICE. Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO XI Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... VII IX IX PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO SEZIONE PRIMA PARTE GENERALE: IL SISTEMA DEL DIRITTO

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

FORMULE INTRODUTTIVE APERTURA, DELAZIONE, ACQUISTO DI EREDITÀ

FORMULE INTRODUTTIVE APERTURA, DELAZIONE, ACQUISTO DI EREDITÀ INDICE SOMMARIO Premessa...................................................................................... 5 FORMULE INTRODUTTIVE 1. Dichiarazione di successione..........................................................

Dettagli

Art. 470 (Accettazione pura e semplice e accettazione col beneficio d inventario)

Art. 470 (Accettazione pura e semplice e accettazione col beneficio d inventario) INTRODUZIONE L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ: DEL SUO VALORE COSTI- TUTIVO, DEI PRESUPPOSTI, DELLA SUA AUTONOMIA RISPET- TO ALL ACQUISTO DELL EREDITÀ, DELLE IPOTESI ECCENTRI- CHE Sezione I: Il valore giuridico

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. IX Indice bibliografico...» XV ANTONIO ALBANESE LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI CAPO VIII DELLA CESSIONE DEL CONTRATTO...» 1 Indice analitico delle

Dettagli

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione SOMMARIO CAPITOLO 1 - Le trattative precontrattuali 1. Fase preparatoria 1.1. Gli atti prodromici 1.2. Il recesso dalle trattative 2. L oggetto delle trattative 2.1. Dovere di informazione e pubblicità

Dettagli

Allegato 1 -Tabella degli atti soggetti a trascrizione

Allegato 1 -Tabella degli atti soggetti a trascrizione Allegato 1 -Tabella degli atti soggetti a trascrizione Atti tra vivi Atto tra vivi 100 Accordo di mediazione che accerta l'usucapione 168 Affrancazione 101 Anticresi 102 Assegnazione a associato 172 Assegnazione

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE Imposte indirette Imposte dirette Imposte ipotecaria e catastale

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII INDICE Prefazione... XIII Schemi 1 Divieto di patti successori (art. 458 c.c.)... 3 2 Tutela possessoria dei beni ereditari prima dell accettazione dell eredità (artt. 460, c. 1, c.c.; 703 e 704 c.p.c.)...

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Indice. Prefazione p. VII

Indice. Prefazione p. VII Indice Prefazione p. VII Capitolo XVII - Il testamento (Pietro Boero) Sezione I Regole generali 1. Gli angusti limiti dell autonomia privata» 665 2. Nozione e natura giuridica del testamento» 667 3. Il

Dettagli

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA Trissino Sabato 10 aprile 2010 1 La definizione di TRUST rapporto fiduciario in virtù del

Dettagli

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 Le lezioni si svolgono al mercoledì (dalle 11 alle 12,30) ed il venerdì (dalle 11 alle 12,30). In questo anno accademico,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei. Articolo. 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie.

Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei. Articolo. 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie. Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei soci Articolo 1. Il capitale sociale è determinato in Euro 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie del valore nominale di euro

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

INDICE CAPITOLO I LA CIRCOLAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE

INDICE CAPITOLO I LA CIRCOLAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE CAPITOLO I LA CIRCOLAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE 1. Premessa e delimitazione dell indagine. La circolazione delle partecipazionisocietarie... 1 2. La circolazione delle partecipazioni societarie

Dettagli

Capitolo 1 Il rapporto Giuridico

Capitolo 1 Il rapporto Giuridico Capitolo 1 Il rapporto Giuridico 1. Fatti ed atti giuridici;2. Il rapporto giuridico; 3. Categorie di diritti soggettivi; 4. Ulteriori specificazioni relative ai diritti soggettivi; 5. Le cose e i beni;

Dettagli

EFFETTI DEL CONTRATTO

EFFETTI DEL CONTRATTO 21. Effetti del contratto (lezione ampia) 1 EFFETTI DEL CONTRATTO Per effetti del contratto, intendiamo le vicende che il contratto produce con riferimento alle posizioni soggettive delle parti; o meglio:

Dettagli

Conferimento e persona giuridica

Conferimento e persona giuridica conferimento atto con il quale i soci provvedono all organizzazione dei loro investimenti in modo funzionale all esercizio collettivo dell attività di impresa: vedi art. 2247 c.c. (Società) MA ANCHE conferimento

Dettagli