SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI"

Transcript

1 SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

2 Il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico è basato sulla scelta dei riproduttori. La valutazione dei riproduttori si può distinguere in: a) fenotipica: morfologia dell animale; b) funzionale: produttività; c) genotipica: origine e potenzialità genetiche.

3 In effetti la valutazione di un riproduttore è una valutazione geno-morfo-funzionale (o integrale) che tiene conto contemporaneamente: a) genealogia (caratteristiche e produttività dei suoi ascendenti); b) sue caratteristiche e perfomances; c) caratteristiche morfologiche, produttive e genetiche che trasmette ai propri discendenti.

4 INDIVIDUAZIONE DEL RIPRODUTTORE Quando si prevede di impiegare un determinato animale per la riproduzione è indispensabile la sua identificazione: 1) risalire ai suoi ascendenti per definirne la purezza di razza (certificato genealogico); 2) accertare la paternità e la maternità (conferma dei genitori); 3) controllare che sia sano.

5 CERTIFICATO GENEALOGICO Per la maggior parte delle specie animali di interesse zootecnico sono funzionanti i Libri Genealogici (L.G.). Il certificato genealogico rappresenta la documentazione ufficiale dell identità dell animale, della razza di appartenenza, della data di nascita e dei contrassegni che lo contraddistinguono (marche auricolari, tatuaggi, segni particolari, pezzature o fotografia). Inoltre si può rilevare la genealogia evidenziando: nomi, caratteristiche morfologiche (punteggiatura) e produttive (kg di latte per lattazione; accrescimenti medi giornalieri e/o pesi alle diverse età; performances funzionali) degli ascendenti fino alla 4 a -5 a generazione.

6 CONTROLLO DELLA PATERNITA E un controllo fondamentale per salvaguardare la purezza delle razze iscritte ai Libri Genealogici e le azioni di miglioramento, evitando errori di registrazione o frodi per sostituzione di soggetti, con attribuzione di paternità o maternità errate. I Libri Genealogici pretendono che tutti i riproduttori, o meglio la terna figlio-padre-madre, sia sottoposta al test del DNA o al controllo dei gruppi sanguigni.

7 CONTROLLO SANITARIO I soggetti di entrambi i sessi da destinare alla riproduzione devono essere sani, esenti da malattie infettive o diffusive (afta, tubercolosi, brucellosi, anemia infettiva equina, morva, etc.) e da malattie della sfera genitale (tricomoniasi, leptospirosi, vibriosi, morbo coitale maligno, etc.). I riproduttori maschi inoltre devono essere sottoposti ad accurata visita dei genitali ed a valutazione del materiale seminale (fertility test, esame morfometrico, etc.).

8 VALUTAZIONE FENOTIPICA Il fenotipo è il complesso delle caratteristiche che l individuo manifesta con la sua esteriore conformazione e con le sue performances relativamente ai caratteri morfologici, fisiologici e funzionali propri della razza e del ceppo o linea di appartenenza. Pertanto il fenotipo di un riproduttore deve avvicinarsi al tipo ideale della sua razza sia morfologicamente che attitudinalmente.

9 La sua valutazione si realizzerà con un esame diretto valutando i parametri propri: della specie della razza o TGA tipo morfologico tipo costituzionale tipo funzionale o attitudinale.

10

11

12 Marchigiana

13

14

15 Si ricorre a rilevazioni morfologiche (peso, statura, proporzioni diametriche, etc.), fisiologiche (sviluppo, precocità, controllo sanitario, etc.) e di funzionalità (nei maschi: scioltezza dei movimenti e dell impennata, la mascolinità, l assenza di difetti nell apparato riproduttore).

16

17

18

19 Per la valutazione si deve tener conto degli standards di razza, delle punteggiature effettuate dagli esperti di razza e delle qualifiche assegnate, delle caratteristiche morfologiche e di funzionalità richieste dai L.G. di appartenenza.

20

21 VALUTAZIONE FUNZIONALE E fatta tenendo conto delle capacità produttive dell animale. Non tutte le produzioni, però, sono valutabili nel maschio (es. il latte), per cui in tal caso la valutazione funzionale è fatta indirettamente evidenziando le produzioni delle ascendenti in linea femminile. La valutazione funzionale si basa sui controlli funzionali, cioè sul controllo periodico delle produzioni, eseguito per tutta la durata della carriera produttiva dell animale.

22 Nel caso del latte, si controlla, a scadenze mensili, la produzione delle mungiture effettuate nell arco delle 24 ore, rilevando con una campionatura anche il tenore in grasso e proteine. A fine controlli la produzione è calcolata per l intera lattazione indicandone: l anno del controllo, la progressione (1 a - 2 a lattazione), l età del parto, i Kg di latte prodotto, il contenuto medio percentuale in grasso, i corrispettivi Kg di grasso, il contenuto medio percentuale di proteine, il numero delle mungiture giornaliere.

23 Nel caso della carne i controlli funzionali mirano a definire la velocità di accrescimento, la precocità e gli accrescimenti giornalieri, oltre che la produzione totale di carne a fine carriera.

24 Nel caso della valutazione funzionale dei cavalli da corsa (trottatori e galoppatori) i controlli funzionali sono rappresentati dalle corse classiche cui gli stessi animali partecipano. La scelta del cavallo futuro stallone si avvale dello studio delle performances (numero delle corse effettuate, numero delle vittorie, numero di piazzamenti, la categoria delle corse disputate, le somme vinte in carriera) rilevate nel corso della carriera agonistica, fatte salve le pregiudiziali di ordine fenotipico e genealogico.

25 VALUTAZIONE GENOTIPICA Il valore genetico di un individuo è determinato dai geni che esso trasmette ai suoi discendenti e si stima in base all effetto medio che questi geni hanno nella discendenza (ottenuta in accoppiamenti a caso). La valutazione genotipica di un riproduttore tende ad evidenziare il suo genotipo, cioè a definire se le sue caratteristiche fenotipiche sono trasmissibili alla propria discendenza. La valutazione del valore genetico di un animale, per quanto riguarda un carattere quantitativo, è possibile attraverso l esame del fenotipo dell animale stesso e/o dei suoi parenti.

26 TEST DI VALUTAZIONE 1) Indice pedigree: si basa sulle performances produttive e le caratteristiche genetiche e morfologiche degli ascendenti; 2) Performance test (o prova individuale): si basa sulle performances di un animale rispetto ad altri soggetti mantenuti nelle stesse condizioni di allevamento e alimentazione; 3) Sib test (o prova dei fratelli): si basa sulle performances e le caratteristiche genetiche e morfologiche dei suoi collaterali;

27 4) Progeny test: si basa sulle performances e le caratteristiche genetiche e morfologiche dei suoi discendenti; 5) Combined test: si basa sulle performances e le caratteristiche genetiche e morfologiche dello stesso individuo, dei suoi ascendenti, collaterali e discendenti; 6) Animal model: si basa sulle performances e le caratteristiche genetiche e morfologiche di tutti i riproduttori, controllati, della stessa popolazione di appartenenza del soggetto.

28 INDICE PEDIGREE (EBV Estimated Breeding Value) E la stima del valore genetico di un individuo valutata in base al contributo che ci si attende abbia ricevuto dal padre e dalla madre. EBV i = ½ (EBV p + EBV m )

29 E spesso utilizzato per individuare quali animali devono essere avviati ad una prova di progenie o di performance. Solo produzioni che si ripetono nelle varie generazioni possono considerarsi trasmissibili alla discendenza; produzioni elevate sporadiche possono dipendere da fattori ambientali e soprattutto da regimi alimentari di forzatura. Ricorda il coefficiente di consanguineità!!!

30 IL PERFORMANCE TEST E il metodo di stima del presunto valore genetico di un animale sulla base delle caratteristiche che egli presenta e delle prestazioni (o produzioni), che egli sa dare. E attendibile solo per i caratteri di media o alta ereditabilità, cioè caratteri per i quali si può avere quasi la certezza della loro trasmissione ai discendenti (velocità di accrescimento, indici di conversione, etc.).

31 E idoneo per i caratteri suscettibili di misurazione diretta come gli accrescimenti ponderali giornalieri, la rapidità di accrescimento e la precocità, l indice di conversione degli alimenti, e nei suini per la valutazione delle caratteristiche delle carcasse attraverso lo spessore del lardo dorsale misurato con sonde meccaniche o elettriche ad ultrasuoni alle varie età di ingrassamento.

32 E impiegato per la valutazione dei tori di razze da carne o degli arieti. Si esegue rilevando gli accrescimenti ponderali e gli indici di conversione di un certo numero di soggetti della stessa età, scelti secondo i criteri di selezione programmata ed allevati nelle medesime condizioni ambientali. Saranno selezionati gli animali che hanno avuto le migliori performances e che ovviamente hanno le migliori caratteristiche morfologiche e funzionali.

33 E adatto anche per la scelta dei torelli di razze lattifere da mettere in prove di progenie. Infatti anche nelle razze lattifere si richiede velocità di accrescimento e soprattutto precocità. Il performance test è un test di semplice realizzazione, dai costi limitati e dai tempi di attuazione inferiori rispetto agli altri test.

34 IL SIB TEST Definito anche Prova dei fratelli, è un test che consente di stimare in modo indiretto il valore genetico di un riproduttore attraverso la valutazione dei suoi collaterali in linea diretta (fratelli o sorelle piene, contemporanei), sulla base che questi hanno gli stessi ascendenti (e quindi parte dei geni in comune) e che sugli stessi si possono fare anche prove post mortem relative alle rese di macellazione.

35 E adottato dall ANAS per la valutazione genetica dei verri. Le rilevazioni sono effettuate su un fratello pieno, castrato (che deve essere il secondo miglior maschio della nidiata), e le due migliori sorelle piene del soggetto da testare. I fratelli pieni (costituenti una banda) devono essere della stessa nidiata, avere lo stesso peso vivo iniziale e finale (155 kg) e sono controllati nello stesso periodo, dalla nascita fino alla macellazione.

36 I controlli interessano la velocità di accrescimento ed il consumo di alimenti, da vivi e quindi le rese di macellazione, la percentuale di tagli carnosi, i pesi delle cosce, coppe con osso, lombate e spalle a caldo, lo spessore del lardo; e dopo la consegna delle cosce al prosciuttificio, il peso delle stesse prima e dopo la prima fase di salatura.

37 I dati produttivi di due sorelle ed un fratello pieno di ogni verro candidato vengono raccolti presso un centro genetico e analizzati con un Multiple Trait- BLUP Animal Model con diversi modelli per ciascun carattere. Il valore di ciascun carattere sarà espresso da un indice definito parziale.

38 1.Indice Incremento Medio Giornaliero: il valore genetico del verro per la velocità di accrescimento durante la prova rispetto alla media dei valori genetici dei verri nati nel 1993 (base fissa). E espresso in grammi. 2. Indice Lardo: il valore genetico del verro per lo spessore del lardo misurato al macello sulla mezzena in corrispondenza del muscolo gluteo medio. E espresso in mm ed è riferito alla base Indice Tagli Magri: il valore genetico del verro per il peso totale di coppa e lombi. E espresso in kg ed è riferito alla base Indice Calo: il valore genetico del verro per la perdita del peso delle cosce durante la prima salagione in prosciuttificio. E espresso in grammi ed è riferito alla base 1993.

39 5. Indice Cosce: il valore genetico del verro per il peso delle cosce a caldo. E espresso in kg ed è riferito alla base Non entra nella formazione dell Indice genetico totale. 6. Indice di Conversione Alimentare: il valore genetico del verro per il rapporto tra peso del mangime consumato e accrescimento ponderale. E espresso in unità ed è riferito alla base Non entra nella formazione dell Indice genetico totale. 7. Indice Grasso Intermuscolare Visibile: il valore genetico del verro per la probabilità di avere cosce con grasso intermuscolare visibile (Grassinatura). E espresso in unità di deviazione standard ed è riferito alla base genetica E calcolato solo per la razza Duroc italiana per la quale fa parte dell Indice genetico totale.

40 Indice Genetico Totale o Indice di Selezione Esprime il valore genetico di un candidato per un genotipo aggregato che combina caratteri di economia di allevamento (Incremento Medio Giornaliero), di qualità della carcassa (Tagli Magri e Lardo) e di qualità della carne (Calo di prima salagione e Grasso Intermuscolare Visibile) in proporzioni che corrispondono agli obiettivi di selezione del Libro genealogico. E espresso in unità di deviazione standard senza alcun riferimento ad una base genetica (base mobile). La media di popolazione dell indice di selezione è sempre 0,67.

41 PROGENY TEST o PROVA DI PROGENIE Si basa sulla stima del valore genetico di un individuo mediante il controllo di un gruppo di figli e/o figlie. Si adatta per i caratteri a bassa ereditabilità e per quelli che si esprimono in un solo sesso (es. latte e uova). Il Progeny test è oggi alla base della scelta dei tori di razza lattifera.

42 nascita: reclutato in base all indice pedigree 2 mesi: inizio performance test 12 mesi: scelta in base al performance test Vitello in Performance test da 12 a 24 mesi: prelievo e distribuzione seme (devono essere inseminate almeno 600 vacche scelte a caso) Toro in Progeny test da 2 a circa 6 anni: nascita delle figlie, parto delle figlie e chiusura lattazione delle figlie Toro in attesa esito Progeny test dopo i 5/6 anni: valutazione del riproduttore e successiva distribuzione del materiale seminale se la valutazione è positiva

43 Il valore genetico dei riproduttori stimato con il Progeny test, riguarda sia la quantità di latte che il titolo in grasso e il contenuto in proteine, senza trascurare l aspetto morfologico e funzionale. Dal momento che la lattazione di una bovina e la qualità del latte prodotto sono la risultante del valore genetico del padre, del valore genetico della madre e delle influenze dovute alle condizioni ambientali: il Progeny test deve isolare solo l influenza del valore genetico del padre.

44 Per questo, la prova deve essere condotta su un elevato numero di figlie, nate da altrettante madri inseminate casualmente (senza sceglierle) e allevate in più allevamenti. Si paragona la produzione media della prima lattazione delle figlie del toro da testare con le produzioni medie delle loro coetanee e contemporanee al parto, allevate nello stesso allevamento (o nella stessa zona), figlie di altri tori.

45 Per quanto riguarda il confronto figlie/contemporanee relativamente alla morfologia, i dati sono ottenuti usando un sistema di elaborazione analogo a quello utilizzato per il latte ed i caratteri presi in considerazione sono quelli rilevati dagli esperti di razza in fase di punteggiatura e riguardano l aspetto generale, la conformazione e l apparato mammario.

46 IL COMBINED TEST Permette la valutazione genetica di un riproduttore attraverso la rilevazione delle caratteristiche del suo fenotipo e di quello dei suoi ascendenti, collaterali e discendenti, dando un differente peso alle deviazioni rilevate in ciascun individuo. E il caso della valutazione delle lattifere in cui si tiene conto oltre che dei suoi dati fenotipici, di quelle delle figlie e delle collaterali (sorellastre e zie).

47 BLUP - ANIMAL MODEL BLUP: Best Linear Unbiased Prediction cioè la migliore previsione lineare non distorta. Il BLUP è un metodo che riesce a stimare contemporaneamente il valore genetico (per i caratteri fenotipici quantitativi oggetto di esame) di tutti gli individui (di entrambi i sessi) di una popolazione, basandosi: 1) sulle relazioni di parentela di tutti gli animali 2) su tutte le informazioni disponibili (produttive, morfologiche o altro) di tutti gli animali controllati

48 tenendo nello stesso tempo conto: a) dell effetto ambientale b) dell effetto genetico individuale. In tal modo si isolano gli effetti ereditari (trasmissibili) da quelli ambientali (non trasmissibili). Il modello statistico ottimale da utilizzare con il metodo BLUP si è dimostrato l Animal Model, che includendo la matrice di parentela di tutti gli animali della popolazione, fornisce l indicazione del valore genetico di tutti i riproduttori presenti.

49 La metodologia BLUP Animal Model è usata per la valutazione genetica simultanea di riproduttori della stessa razza per i caratteri quantità latte, % grasso e proteine ed anche per quanto riguarda i caratteri morfologici, la mungibilità delle vacche, etc.

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

La selezione in Italia è strutturata su 2 livelli:

La selezione in Italia è strutturata su 2 livelli: La selezione in Italia è strutturata su 2 livelli: 1 ASSOCIAZIONI DI RAZZA O SPECIE: es.: ANAFI razza bovina Frisona italiana ANARB razza bovina Bruna italiana ANABIC bovini italiani da carne ANAPRI razza

Dettagli

SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI

SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI Si riferisce alla possibilità di riconoscere delle caratteristiche fenotipiche comuni tra animali diversi, dovute alla loro parentela. PARENTELA Due individui si dicono parenti

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO

IL MIGLIORAMENTO GENETICO 444 SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) IL MIGLIORAMENTO GENETICO Relatore: Prof. Carlo

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

La selezione delle razze del suino pesante

La selezione delle razze del suino pesante Mantova, 22 maggio 2009 La selezione delle razze del suino pesante Luca Buttazzoni & Maurizio Gallo Il Libro genealogico ha scelto di orientare i propri schemi di miglioramento genetico alla qualità delle

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

Allevamento del Bufalo

Allevamento del Bufalo Allevamento del Bufalo Dott. Francesco Vacirca Cenni storici Incremento numerico in Italia (Zicarelli 2001) 1948 12.000 capi 2001 200.000 capi (1700 % ) Secondo al mondo dopo il Brasile (1900 %) Animale

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012.

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. Allegato Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. La selezione ed il miglioramento genetico hanno un significato economico, assumendo un carattere strutturale

Dettagli

TECNICA DEGLI ACCOPPIAMENTI

TECNICA DEGLI ACCOPPIAMENTI TECNICA DEGLI ACCOPPIAMENTI La creazione di un ceppo NOZIONI GENERALI Gli obiettivi che un sistema razionale di accoppiamenti si propone di conseguire sono essenzialmente due: - ottenere soggetti con caratteristiche

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE Il miglioramento genetico delle produzioni animali, realizzato sino ad ora, è frutto dell elaborazione elaborazione e applicazioni della teoria

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Andrea Albera ANABORAPI Incontri Assistenza Tecnica Zootecnica Provincia di Novara Programma Obiettivi e sistema di selezione Risultati ottenuti Quali informazioni

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

Bovini d Allevamento dall Austria

Bovini d Allevamento dall Austria RINDERZUCHT AUSTRIA Bovini d Allevamento dall Austria ZAR - Associazione nazionale allevatori bovini austriaci Grazie alle condizioni naturali di produ zione l industria zootecnica austriaca vanta una

Dettagli

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Programma d'esame CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA

Dettagli

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009 Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI OGGETTO: Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Con la presente si ha il piacere di comunicare

Dettagli

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh. Guida BrunaNet Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.ch Indice Generalità... 3 Iscrizione... 3 Il mio conto... 3 Ultime pagine

Dettagli

SIPS Società Italiana Pro Segugio L. Zacchetti

SIPS Società Italiana Pro Segugio L. Zacchetti NORME TECNICHE LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA REGISTRI DEGLI ALLEVATORI E DEI PROPRIETARI Art. 1 1. Al Registro degli allevatori previsto all'art. 7 lett. a), del disciplinare del Libro genealogico

Dettagli

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana Ente Nazionale della Cinofilia Italiana NORME TECNICHE LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA Decreto Ministeriale 21203 8 marzo 2005 REGISTRI DEGLI ALLEVATORI E DEI PROPRIETARI Art. 1 1. Al registro degli

Dettagli

DEFINIZIONE. E la riproduzione fra due animali con diverso. tra loro per almeno un paio di geni o un

DEFINIZIONE. E la riproduzione fra due animali con diverso. tra loro per almeno un paio di geni o un INCROCIO DEFINIZIONE E la riproduzione fra due animali con diverso patrimonio ereditario ossia che differiscono tra loro per almeno un paio di geni o un carattere geneticamente puro. Incrocio INTRARAZZIALE

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

LIBRO GENEALOGICO LA RACCOLTA DATI, L'IDENTIFICAZIONE DEI SUINI E L'EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI LIBRO GENEALOGICO

LIBRO GENEALOGICO LA RACCOLTA DATI, L'IDENTIFICAZIONE DEI SUINI E L'EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI LIBRO GENEALOGICO LIBRO GENEALOGICO NORME OPERATIVE PER: LA RACCOLTA DATI, L'IDENTIFICAZIONE DEI SUINI E L'EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI LIBRO GENEALOGICO L'ISCRIZIONE DEI RIPRODUTTORI APPARTENENTI A LIBRI GENEALOGICI ESTERI

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE STATO DELLE REVISIONI Rev. N. SEZIONI REVISIONATE

Dettagli

EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali

EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali Verona 10 Febbraio 006 Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte Alessandro Bagnato Dipartimento Veterinaria per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano

Dettagli

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea Nazione Italia Francia Grecia Israele Portogallo Spagna Tunisia n. pecore 6.104.900 1.235.000

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CAVALLO TROTTATORE ITALIANO

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CAVALLO TROTTATORE ITALIANO DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CAVALLO TROTTATORE ITALIANO CAPITOLO I Organizzazione del Libro genealogico Art. 1 1. Ai sensi dell art. 3 della legge 15 gennaio 1991 n. 30, il libro genealogico

Dettagli

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Art. 1 Il marchio CARNE PODOLICA - BASILICATA è riservato alla carne bovina, prodotta da animali provenienti da allevamenti della Basilicata,

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

mezzora Perché uno strumento per valorizzare le partite di suini A. Rossi, A. Bertolini con l esperto

mezzora Perché uno strumento per valorizzare le partite di suini A. Rossi, A. Bertolini con l esperto Perché uno Rassegna Suinicola Internazionale 50 a edizione mezzora con l esperto A. Rossi, A. Bertolini Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. Fiere di Reggio Emilia, 16-17 aprile 2009 Giovedì

Dettagli

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS Associazione Italiana Allevatori LA SELEZIONE GENOMICA IMMAGINE NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS RICCARDO NEGRINI riccardo.negrini@unicatt.it negrini.r@aia.it Trend del mercato della carne nei Paesi

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI Cap. I Prodotti della Zootecnia a) Bovini da vita, da latte, da macello Sommario COMMERCIO DEL BESTIAME BOVINI Art. 1 - Forma del contratto. Art. 2 - Termini e condizioni

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA

LA GENETICA MENDELIANA LA GENETICA MENDELIANA A partire dal 1856, Johann Gregor Mendel (1822 1884) iniziò una lunga serie di esperimenti sulle piante di pisello (Pisum sativum), con le quali era facile effettuare incroci ed

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax: 0257605250 Docente Materia Classi

Dettagli

NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA

NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA ENCI Ente Nazionale Cinofilia Italiana NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA (DM 21203 del 8.3.2005 con modifiche DM 8403 del 16.4.2012) ENCI VIALE CORSICA 20 20137 MILANO WWW.ENCI.IT

Dettagli

DESTINAZIONI STALLONI 2015

DESTINAZIONI STALLONI 2015 PARCO STALLONI DI LG (PSLG) 2015 Ormai da circa un decennio ANACAITPR ha proceduto all acquisto di stalloni con cui costituire il proprio parco riproduttori. Attualmente il PSLG è in fase di ristrutturazione,

Dettagli

Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto

Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto L interesse zootecnico e le potenzialità di questa razza di MATTEOBIANCARDI( 1 ) CARLOANGELOSGOIFOROSSI( 2 ) La nazionale della Limousine a Cremona è certamente

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di Laurea Magistrale:Scienze Zootecniche Anno di Corso: I Semestre: II Insegnamento: Miglioramento genetico CFU: 9 Ore complesve di attività con il docente: 90 (63

Dettagli

MANUALE BANCA DATI INTERNET PER GESTIONE SCRAPIE E DNA

MANUALE BANCA DATI INTERNET PER GESTIONE SCRAPIE E DNA MANUALE BANCA DATI INTERNET PER GESTIONE SCRAPIE E DNA A cura di Giovanni Sleiter INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Introduzione pag. 3 2. Il sito Asso.Na.Pa. pag. 3 3. La Banca Dati pag. 3 4. ID Utente e password

Dettagli

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl.

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl. Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime Contesto Il rispetto dei fabbisogni e degli equilibri nutrizionali in gestazione

Dettagli

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme Test n.8 Dalle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2002 PARTE TERZA Le 5 domande di questa parte riguardano il medesimo argomento e sono introdotte da un breve testo e da uno schema. In una razza bovina il

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

Presentazione dell iniziativa

Presentazione dell iniziativa Presentazione dell iniziativa L istanza per il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta D.O.P. al prodotto Lonza delle Marche e della quale la presente relazione tecnica costituisce allegato,

Dettagli

VISTO il decreto ministeriale n.22383 del 3 giugno 2003 con il quale sono state apportate alcune modifiche alle predette norme tecniche;

VISTO il decreto ministeriale n.22383 del 3 giugno 2003 con il quale sono state apportate alcune modifiche alle predette norme tecniche; Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E LA TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

1. SPECIE EQUINA: FECONDAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

1. SPECIE EQUINA: FECONDAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Allegato A Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale, del regolamento d esecuzione adottato con decreto del Ministero delle Politiche Agricole

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 IL SUINO (filogenesi) ORDINE: SOTTORDINE: FAMIGLIA: GENERE: SPECIE: Artiodattili Suiformi Suidae Sus Sus scrofa

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO ART. 1 Ai sensi dell'articolo 3 della legge del 15 Gennaio 1991 n.30 sulla Disciplina della riproduzione animale il Libro Genealogico dei bufali di razza Mediterranea

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA Legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale (in G.U. n. 24 del 29.1.1991, pag. 3) Capo I: Libri genealogici e Registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1 DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE Art.1 1. Ai sensi dell articolo 3 della Legge 15 gennaio 1991 n. 30 sulla disciplina della riproduzione animale, il libro Genealogico

Dettagli

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A ALLEGATO A Disciplina della riproduzione animale. Applicazione in sede regionale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010

Dettagli

GENI LETALI E SUBLETALI

GENI LETALI E SUBLETALI GENI LETALI E SUBLETALI Si definiscono geni letali quelli che provocano la morte della progenie soprattutto nei primi stadi di vita. Invece i geni subvitali sono quelli che determinano la comparsa di anomalie

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014

REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 A) PREMESSE AMMISSIONI DISPOSIZIONI GENERALI 1) Sono ammessi all'asta i capi di proprietà dei soci in possesso di

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

Allevamento del futuro

Allevamento del futuro Allevamento del futuro I nostri collaboratori italiani: AVANZI ARTURO & C. sas P.le Massari, 9 20125 Milano Tel. 02/69311642 r.a. Fax: 02/69311634 E-mail: aravanz@tin.it www.porc-ex.it Form & Farve DK.

Dettagli

GENETICA GENERALE ED UMANA LA GENETICA E LA SCIENZA DELL EREDITARIETA, CIOE STUDIA LA TRASMISSIONE DELLE CARATTERISTICHE EREDITARIE, CHE DISTINGUONO UN SOGGETTO DALL ALTRO. NEGLI ULTIMI DECENNI LA GENETICA,

Dettagli

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame L. 15-01-1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 gennaio 1991, n. 24. Epigrafe Capo I Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA PARTE GENERALE

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA PARTE GENERALE DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA Articolo 1 Il Libro genealogico della razza bovina Grigio Alpina è gestito, ai sensi dell art. 3 della Legge n. 30 del 15 gennaio 1991, dall

Dettagli

'(//,%52*(1($/2*,&2 '(//$5$==$%29,1$5(1'(1$

'(//,%52*(1($/2*,&2 '(//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5( '(//,%52*(1($/2*,&2 '(//$5$==$%29,1$5(1'(1$ 22 giugno 1994 Approvato con D.M. n. 23346 del 10.08.1995 Art. 1 Ai sensi dell art. 3 della legge 15 gennaio 1991, n. 30, sulla Disciplina della

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 4 APRILE 2015 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG MUD 2015: ULTIMO AVVISO BCC CREDITO COOPERATIVO

la newsletter degli allevatori n. 4 APRILE 2015 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG MUD 2015: ULTIMO AVVISO BCC CREDITO COOPERATIVO SUININews la newsletter degli allevatori n. 4 RILE 2015 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario INCONTRI TECNICI IN SUINICOLTUR 2015: È STRTEICO INFORMRSI E FORMRSI MUD 2015: ULTIMO VVISO

Dettagli

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto.

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Tenuta del Varco La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Adagiata in posizione naturale particolarmente privilegiata, a circa

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked Trasmissione ereditaria di un singolo gene (eredità monofattoriale) Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Dettagli

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni.

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni. carni suine L Azienda Mec Carni è uno dei più moderni macelli, riconosciuti a livello internazionale, specializzato nella macellazione e sezionamento di carni suine. L Azienda, nata nel 1976 a sostegno

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE 28.1.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 23/35 DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 24 gennaio 2014 relativa all autorizzazione di metodi di classificazione delle carcasse

Dettagli

INTRODUZIONE. al fine di escludere soggetti con anomalie congenite o acquisite

INTRODUZIONE. al fine di escludere soggetti con anomalie congenite o acquisite INTRODUZIONE Schema della valutazione della potenziale fertilità del toro Identificazione e segnalamento Anamnesi riproduttiva Esame obiettivo generale Esame obiettivo particolare Prelievo ed analisi del

Dettagli

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis È la tecnica che consente di incrementare il livello delle performance delle nuove generazioni rispetto alla generazione

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

D I S C I P L I N A R E Mettere copertina disciplinare cartaceo PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA VALDOSTANA

D I S C I P L I N A R E Mettere copertina disciplinare cartaceo PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA VALDOSTANA D I S C I P L I N A R E Mettere copertina disciplinare cartaceo PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA VALDOSTANA Art. 1 Ai sensi dell'art. 3 della Legge 15 gennaio 1991, n 30, sulla Disciplina della riproduzione

Dettagli

Le strategie mendeliane

Le strategie mendeliane Le strategie mendeliane Il punto di partenza: il rompicapo sull eredità e come l approccio sperimentale innovativo di Mendel aiutò a risolverlo. Il lavoro vero e proprio: l analisi genetica secondo Mendel,compresa

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Zoognostica. (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici. v i. esteriori FENOTIPO

Zoognostica. (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici. v i. esteriori FENOTIPO Zoognostica (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici esteriori v i FENOTIPO Valutazione morfo-funzionale del cane CINOGNOSTICA Cino=cane Gnostica=conoscenza

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Misura A.1.6 Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico

Misura A.1.6 Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico ALLEGATO A Misura A.1.6 Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento delle specie e razze di interesse zootecnico Azione b Incentivazione all acquisto e all impiego

Dettagli

L Indennizzo degli animali

L Indennizzo degli animali L Indennizzo degli animali Linee Guida e Modulistica 1 Sommario Premessa..3 Documentazione indennizzo L. 218/88....4 Documentazione indennizzo L. 33/68....5 Modello delega riscossione indennizzo....6 Modello

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 33 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE)

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) Allegato A. 3 Scheda III Indagine epidemiologica focolaio ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA ALLEVAMENTO COMUNE. Pagina 1 di 16 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli