DPPS 4.0 METODOLOGIA DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DPPS 4.0 METODOLOGIA DI LAVORO"

Transcript

1 DPPS 4.0 METODOLOGIA DI LAVORO INDICE Test di Valutazione pag. 1 Monitoraggio Test.. pag. 2 Interpretazione dei risultati - Referto Stabilità... pag. 3 Interpretazione dei risultati - Referto Strategie. pag. 4

2 TEST di VALUTAZIONE Si tratta di 5 test che indagano l influenza dell informazione propriocettiva, visiva e vestibolare sul controllo posturale e sul movimento in varie situazioni sensoriali e di appoggio (statico e dinamico, monopodalico, bipodalico, seduto e marciando sul posto). TEST DI VALUTAZIONE 1. Test di Riva statico 2. Test di Riva dinamico 3. Test di Riva-Botta 4. Test di Fukuda-Alpini (marcia sul posto) 5. Test stabilometrico (bipodalico) durata Descrizione Valuta il rischio di caduta e se la stabilità del soggetto nella deambulazione è dipendente dall informazione visiva Valuta le strategie di controllo posturale, le capacità coordinative di base coinvolte nei movimenti antigravitari, la stabilità funzionale dell arto inferiore e l azione posturale della spalla E una variante del precedente e può essere proposto solo successivamente ad esso. Valuta la stabilità funzionale dell arto inferiore e consente di monitorare la fatica neuroendocrina e la disponibilità al carico di allenamento degli atleti. Valuta la stabilità della testa e la coordinazione testa-tronco durante la marcia sul posto in differenti condizioni sensoriali (occhi chiusi e aperti) Valuta la stabilità della stazione eretta in appoggio bipodalico in differenti condizioni sensoriali 6. Test di Riva dinamico seduto 8 Valuta la stabilità funzionale e le strategie di controllo posturale del rachide TEST di FOLLOW-UP Test di Riva dinamico_follow-up Test di Riva-Botta_follow-up Test di Riva dinamico seduto_follow-up durata Descrizione Consente di monitorare con un test più breve le variabili indicate nel Test di Riva dinamico (che deve essere sempre proposto come 1 test dinamico qualunque sia l età o lo stato funzionale del soggetto). Consente di monitorare la stabilità funzionale dell arto inferiore ad es. dopo ricostruzione del LCA. Negli atleti monitorizza la fatica neuroendocrina e la disponibilità al carico di allenamento prevenendo l overtraining (sovrallenamento). Consente di monitorare con un test più breve le variabili indicate nel Test di Riva dinamico seduto (che deve essere sempre proposto come 1 test dinamico seduto qualunque sia l età o lo stato funzionale del soggetto). Metodologia Delos DPPS 4.0 1

3 MONITORAGGIO TEST Consente di rappresentare graficamente l andamento di una serie di test omogenei e di aggiungere poi in modo automatico al grafico i nuovi test che vengono effettuati. E possibile in tal modo seguire le variazioni funzionali del soggetto e fare previsioni di tendenza. Selezionare il tipo di Test da monitorare (Test di Riva dinamico V02 e V02F; Test di Riva statico V01; Test di Riva-Botta V03; Test di Riva dinamico seduto V20) ed evidenziare le prove che si desiderano analizzare. Andamento Test (calcolato sulla prova migliore come da esempio o sulla media delle prove) Confronto Test (calcolato sulla prova migliore come da esempio o sulla media delle prove) Consente di analizzare: il primo Test effettuato con il Test migliore; il Test migliore con l ultimo Test Metodologia Delos DPPS 4.0 2

4 INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI REFERTO STABILITA Al termine di un Protocollo di Valutazione è possibile ottenere un interpretazione immediata dei risultati cliccando sul pulsante di scelta rapida ( Test Analizza ) presente sulla barra degli strumenti. Il programma analizza tutte le prove in quel momento aperte e presenti sullo schermo. Per ottenere il Referto Stabilità selezionare il pulsante corrispondente. L analisi dei dati registrati ed il confronto con le curve percentili di riferimento sono applicabili ai seguenti Protocolli di Valutazione: 1. V01 - Test di Riva statico 2. V02 - Test di Riva dinamico 3. V02F - Test di Riva dinamico_follow-up 4. V03 - Test di Riva-Botta 5. V04 - Test di Fukuda-Alpini 6. V05 - Test Stabilometrico Bipodalico 7. V20 - Test di Riva dinamico seduto 8. V20F - Test di Riva dinamico seduto_follow-up Test V01, V02, V02F, V03, V20 e V20F Apparirà sul monitor l anteprima di stampa del referto con grafici e relativi commenti proposti in automatico dal programma, a cui è possibile aggiungere (e salvare per un successivo utilizzo) un proprio commento personale, modificabile in ogni momento. Test V04 - Test di Fukuda-Alpini Il referto analizza il rapporto di stabilità testa-tronco (ad occhi APERTI e ad occhi CHIUSI) sul piano frontale specificando i gradi di inclinazione della testa rispetto alla verticale ed i gradi di disallineamento testa-tronco. Per valori negativi la testa è inclinata a sinistra, per valori positivi a destra. Tutti i risultati vengono confrontati con i valori normali di riferimento (v.n.) Test V05 - Test Stabilometrico Bipodalico La stabilità del soggetto in appoggio bipodalico viene valutata in differenti condizioni sensoriali (ad occhi aperti, ad occhi chiusi, con capo iperesteso e su gomma). Il confronto fra i dati delle differenti prove evidenzia la presenza di: dipendenza visiva (guadagno visivo, Indice di Romberg); effetto paradosso visivo; effetto paradosso vestibolare; Tutti i risultati vengono confrontati con i valori normali di riferimento (v.n.) La funzione Salva Report consente di salvare il documento di refertazione direttamente all interno della cartella Reports (Percorso: C:\Delos\User\Reports). Il programma propone automaticamente il nome del file da salvare che comprende: Cognome Nome dell utente; tipo di Test (Test di Riva Statico, Dinamico, Dinamico Seduto, etc); data del test. Metodologia Delos DPPS 4.0 3

5 INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI REFERTO STRATEGIE L analisi delle strategie utilizzate è applicabile ai seguenti Protocolli di Valutazione: 1. V01 - Test di Riva statico 2. V02 - Test di Riva dinamico 3. V02F - Test di Riva dinamico_follow-up 4. V03 - Test di Riva-Botta STRATEGIE POSTURALI STATICHE (in appoggio monopodalico) V01 Test di Riva statico Un soggetto in appoggio monopodalico statico gestisce le situazioni di instabilità (ad occhi aperti e ad occhi chiusi) utilizzando differenti strategie: precauzionale, visiva, propriocettiva e vestibolare. Dal confronto dei risultati di un semplice test statico eseguito in appoggio monopodalico a terra in due differenti condizioni sensoriali (Occhi Aperti ed Occhi Chiusi) è possibile valutare: la strategia precauzionale, che entra in gioco nel momento in cui il soggetto (normalmente con bassi livelli di motricità o con livelli di stabilità funzionale altamente compromessi) non è in grado di gestire autonomamente l appoggio monopodalico statico senza l aiuto di un supporto esterno (barra-sensore); la strategia visiva che consente una quantificazione del guadagno visivo (o dipendenza visiva) cioè quanto la stabilità del soggetto dipenda dall informazione visiva; l intervento della strategia propriocettiva che è la base del controllo posturale l intervento della strategia vestibolare (capacità di gestire le situazioni di emergenza/attivazione del sistema vestibolare di emergenza). Il referto identifica quindi: la strategia posturale statica prevalente; i livelli di intervento della strategia propriocettiva (nella norma, superiori/inferiori alla norma, etc.); la dipendenza visiva (assente, bassa, media, elevata, etc.); la strategia vestibolare (capacità di attivazione del sistema vestibolare) (presente, assente). STRATEGIE POSTURALI DINAMICHE (in appoggio monopodalico) V02 Test di Riva dinamico (+V02F +V03) Un soggetto in appoggio monopodalico dinamico gestisce le situazioni di instabilità utilizzando differenti strategie: la strategia precauzionale, che entra in gioco nel momento in cui il soggetto (normalmente con bassi livelli di motricità o con livelli di stabilità funzionale altamente compromessi) non è in grado di gestire autonomamente l appoggio monopodalico dinamico senza l aiuto di un supporto esterno (barrasensore); la strategia visuo-propriocettiva è quella che consente il controllo posturale più raffinato. E una caratteristica costante dei grandi campioni dello sport, ma può essere facilmente acquisita da tutti. Il soggetto mantiene la testa ed il tronco quasi immobili mentre l arto inferiore in appoggio trasla ad alta frequenza per gestire la situazione di instabilità. L apparato vestibolare viene messo in stato di quiete e non interferisce con la raffinata gestione del comportamento motorio basata sulla congruenza dei segnali provenienti dagli altri due sistemi informativi. La quantificazione della strategia visuo-propriocettiva consente così di valutare l entropia (disordine) del sistema. la strategia vestibolare, i rapidi cambiamenti di posizione e le accelerazioni a cui è sottoposta la testa fanno prendere il sopravvento a questo sistema che diventa pertanto il gestore primario dell instabilità. Si tratta di un controllo impreciso, con latenze superiori, basato su continui movimenti e contromovimenti del tronco, delle anche e degli arti superiori, sempre eccessivi rispetto alla situazione biomeccanica da gestire Il referto identifica quindi: i livelli di autonomia nella gestione dell instabilità (assente, completa, inadeguata, etc.); la strategia posturale dinamica prevalente; la capacità di utilizzo della strategia visuo-propriocettiva (ottima, buona, insufficiente, etc.); i livelli di entropia (disordine) del sistema (bassa, media, elevata, etc.); la strategia vestibolare in condizioni dinamiche (capacità di attivazione del sistema vestibolare) (inadeguata attivazione massimale, capacità di attivazione presente). Tutti i risultati vengono confrontati con i valori normali di riferimento (v.n.). Metodologia Delos DPPS 4.0 4

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro Relatore MARCO ARMENISE: preparatore fisico Pallacanestro Varese La scelta dello studio Molti

Dettagli

DPPS 4.0 ESEMPI REFERTI

DPPS 4.0 ESEMPI REFERTI DPPS 4.0 ESEMPI REFERTI I referti riportati di seguito sono stati elaborati partendo da alcuni protocolli di esempio presenti nella cartella Esempi della direttrice Trials - Archivio generale. Possono

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Roma, 23 febbraio 2008 DARIO RIVA. *SUISM - UNIVERSITÀ DI TORINO - ITALY International Society of Proprioception and Posture

Roma, 23 febbraio 2008 DARIO RIVA. *SUISM - UNIVERSITÀ DI TORINO - ITALY International Society of Proprioception and Posture Roma, 23 febbraio 2008 DARIO RIVA *SUISM - UNIVERSITÀ DI TORINO - ITALY International Society of Proprioception and Posture ZOOM OUT Interazione con la gravità (camminare, correre, saltare, pattinare,

Dettagli

Valutazioni posturali computerizzate

Valutazioni posturali computerizzate Valutazioni posturali computerizzate Sistema D.B.I.S. L'esame biometrico digitalizzato è effettuato con il Sistema D.B.I.S. (Digital Biometry Images Scanning) che integra i dati acquisiti da varie strumentazioni

Dettagli

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Daniela Longo(1), Ario Federici(1) e Emanuele Lattanzi(2) (1) Facoltà di Scienze Motorie Università di Urbino (2) Istituto di Scienze

Dettagli

La gestione del disequilibrio nella vela

La gestione del disequilibrio nella vela Dario Riva, Centro Ricerche della Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino; Claudio Scotton, Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università

Dettagli

Torino, 21-22 Novembre 2015. Hotel HOLIDAY INN TURIN **** RIVA METHOD CERTIFIED PROGRAM. 10 corso. Corso di formazione teorico-pratica

Torino, 21-22 Novembre 2015. Hotel HOLIDAY INN TURIN **** RIVA METHOD CERTIFIED PROGRAM. 10 corso. Corso di formazione teorico-pratica Torino, 21-22 Novembre 2015 Hotel HOLIDAY INN TURIN **** RIVA METHOD CERTIFIED PROGRAM RIVA METHOD CERTIFIED EXPERTS intermediate level 10 corso 1 Corso di formazione teorico-pratica ISPP e DELOS srl presentano

Dettagli

Strumento di valutazione delle prestazioni motorie: CoreMeter

Strumento di valutazione delle prestazioni motorie: CoreMeter Strumento di valutazione delle prestazioni motorie: CoreMeter Stefano Vando Novembre 2011 Premessa L esigenza di quali e quantificare un attività motoria e verificarne i cambiamenti nel continuo ha portato,

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

AUMENTO DELLA FORZA ESPRIMIBILE

AUMENTO DELLA FORZA ESPRIMIBILE AUMENTO DELLA FORZA ESPRIMIBILE Dario Riva M.D. Professore a contratto di Medicina dello Sport Direttore Centro Ricerche sul Movimento Umano SUISM - Università di Torino Indirizzo: Dr. Dario Riva Centro

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

REAL POWER VALUTAZIONE DELLA POTENZA PER LO SPORT, LA RIABILITAZIONE E L ALLENAMENTO SPORTIVO

REAL POWER VALUTAZIONE DELLA POTENZA PER LO SPORT, LA RIABILITAZIONE E L ALLENAMENTO SPORTIVO REAL POWER VALUTAZIONE DELLA POTENZA PER LO SPORT, LA RIABILITAZIONE E L ALLENAMENTO SPORTIVO 1 LEG PRESS 2 FUNZIONI * VALUTAZIONE * TRAINING * RIABILITAZIONE SPORTIVA 3 TRAINING Il Real Power consente

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS Livello Avanzato n.1 Il primo livello avanzato permette agli operatori del benessere di arricchire le capacità di approccio al

Dettagli

EVOLUZIONE DEL LANCIO ETA -CORRELATA

EVOLUZIONE DEL LANCIO ETA -CORRELATA EVOLUZIONE DEL LANCIO ETA -CORRELATA Dott. Nicola de Gasperis Dott. Giovanni Di Giacomo Dott. Alberto Costantini Dott. Andrea De Vita Concordia Hospital for Special Surgery Rome - Italy Per gettare un

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale SOGGETTO E ALCUNI DATI Età: 28 SESSO: M Sport praticato: ex giocatore di basket di livello dilettantistico (fino al 2010);

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

TecnoBody Rehabilitation Systems

TecnoBody Rehabilitation Systems TecnoBody Rehabilitation Systems TM Pro-Kin Line - Stability Line Te In questi anni TecnoBody è diventata un punto di riferimento nello sviluppo di sistemi riabilitativi-valutativi di nuova concezione.

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DELOS SYSTEMS 4.02.28

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DELOS SYSTEMS 4.02.28 GUIDA ALL INSTALLAZIONE DELOS SYSTEMS 4.02.28 Requisiti minimi (sistema operativo hardware).... pag. 1 Procedura di disinstallazione e installazione del software Delos Systems 4.02.28.. pag. 2 Salvare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN

CORSO DI FORMAZIONE IN Centro Ricerche Diasu CORSO DI FORMAZIONE IN BAROPODOMETRIA STABILOMETRIA RASTEREOGRAFIA DIRETTORE DEL CORSO PROF. CIRO VILLANI BAROPODOMETRIA, STABILOMETRIA, RASTEREOGRAFIA NOTA INTRODUTTIVA Lo studio

Dettagli

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009 Istituto Comprensivo di LORIA Educazione Motoria Attività di aggiornamento Secondo incontro Loria, 2 marzo 2009 1 ARGOMENTI: Parte Teorica Sintesi primo incontro Programmazione: definizione degli obiettivi

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CARTELLA DIDATTICO-RIABILITATIVA Anno Accademico STUDENTE SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA

Dettagli

THEMIX. Gestione del laboratorio analisi. Manuale d uso. VERSIONE 2.0 BETA release

THEMIX. Gestione del laboratorio analisi. Manuale d uso. VERSIONE 2.0 BETA release THEMIX WLAB Gestione del laboratorio analisi Manuale d uso VERSIONE 2.0 BETA release CONFIGURAZIONI GENERALI DEL PROGRAMMA 3 Configurazione degli esami 4 Inserimento nuovi esami 5 Configurazione dei test

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

Gestione Annunci Cliccare sul pulsante "Annunci, si apre la maschera degli annunci con il relativo motore di ricerca.

Gestione Annunci Cliccare sul pulsante Annunci, si apre la maschera degli annunci con il relativo motore di ricerca. SOMMARIO Attivazione prodotto... 3 Gestione Annunci... 3 Maschera di ricerca annunci... 4 Inserimento di un annuncio... 5 Comune e località... 6 Indirizzo e Mappa... 7 Altri campi... 7 Descrizioni aggiuntive...

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres A cura di Rossana Tatangelo dott.ssa in Fisioterapia Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres Controllo antigravitario

Dettagli

Associazione Europea Disgrafie - A.E.D. LABORATORIO MOTRICITÀ FINE: MANUALITÀ, IMPUGNATURA E SCRITTURA

Associazione Europea Disgrafie - A.E.D. LABORATORIO MOTRICITÀ FINE: MANUALITÀ, IMPUGNATURA E SCRITTURA Associazione Europea Disgrafie - A.E.D. LABORATORIO MOTRICITÀ FINE: MANUALITÀ, IMPUGNATURA E SCRITTURA Chi scorge la differenza tra spirito e corpo non possiede né l uno né l altro (Oscar Wilde) A cura

Dettagli

Manuale Telemonitoraggio Intensivo

Manuale Telemonitoraggio Intensivo Manuale Telemonitoraggio Intensivo Tel. Centro Servizi HTN: 030/2272180 FAX: 030/2272111 e-mail: Gilenya@e-htn.it Sito internet: www.e-htn.it Numeri d emergenza in caso di irraggiungibilità del numero

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

plantari sportivi plantari calzature sportive plantari sport calzature sport scarpe sportivi Plantari a lievitazione: Diagnostica posturale Contatti

plantari sportivi plantari calzature sportive plantari sport calzature sport scarpe sportivi Plantari a lievitazione: Diagnostica posturale Contatti plantari sportivi plantari calzature sportive plantari sport calzature sport scarpe sportivi Home Azienda Plantari a lievitazione: Diagnostica posturale Contatti WALKABLE REFLECTION è il marchio che contraddistingue

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia Indice 1. Componenti dell unità AinS... pag. 3 Componenti 1 Cinghia di ancoraggio 5 3 6 1 2 3 4 2. Ancoraggi e regolazioni... pag. 4 2 Fasce principali 3. Avvertenze... pag. 5 3 Moschettone di collegamento

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

DID On-line Personale Scolastico - Procedura Operativa - Provincia di Milano

DID On-line Personale Scolastico - Procedura Operativa - Provincia di Milano DID On-line Personale Scolastico - Procedura Operativa - Provincia di Milano Maggio 2012 Accedere al sistema SINTESI digitando l indirizzo: http://sintesi.provincia.milano.it/ E cliccare su «Area Personale».

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Personal Best Personal Best preparatore atletico ti Personal Best PALLAVOLO Come ti può aiutare in questo Personal Best?

Personal Best Personal Best preparatore atletico ti Personal Best PALLAVOLO Come ti può aiutare in questo Personal Best? Personal Best è un centro specializzato nella preparazione atletica individuale o di squadra. Qualunque sia il tuo profilo atletico (sedentario, sportivo amatoriale, semiprofessionista o professionista)

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Verifica finale corso di Guida sicura

Verifica finale corso di Guida sicura Verifica finale corso di Guida sicura NOTA BENE: le soluzioni si trovano in fondo al documento 1. Quali sono gli scopi di una buona posizione di guida? (barrare tutte le risposte corrette) A) evitare che

Dettagli

RIABILITAZIONE DIMENSIONI DIMENSIONI

RIABILITAZIONE DIMENSIONI DIMENSIONI RIABILITAZIONE SPALLIERE E CORRIMANO Le spalliere sono attrezzi classici in una palestra. Oltre che per esercizi tradizionali, offrono appoggi a diverse altezze per l arto superiore. Sono in legno, disponibili

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

Piattaforma software mfp

Piattaforma software mfp Piattaforma software mfp MANUALE UTENTE DELL APPLICATIVO LABORATORY Introduzione Il presente manuale ha l obiettivo di presentare le funzionalità dell applicativo AGENDA inserito nella piattaforma informatica

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

ISTRUZIONI XCODE. Autore: Luca Florio (luca.floriopolimi.it)

ISTRUZIONI XCODE. Autore: Luca Florio (luca.florio<at>polimi.it) ISTRUZIONI XCODE Autore: Luca Florio (luca.floriopolimi.it) XCode è l ambiente di sviluppo fornito da Apple che permette la creazione di applicazioni OSX e iphone. In questa guida vedremo come installarlo

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere formetric 3D/4D Analisi posturale tridimensionale tramite Spinometria veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE Un largo spettro applicativo

Dettagli

Tutorial per Registro del Docente ICARO Ver 4.0.0

Tutorial per Registro del Docente ICARO Ver 4.0.0 Tutorial per Registro del Docente ICARO Ver 4.0.0 1. INIZIALIZZAZIONE DEL REGISTRO E PRIMO ACCESSO Ogni docente della scuola riceverà un file contenente il proprio registro personalizzato (per tutte le

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

IL SOFTWARE GESTIONALE PER PALESTRE E CENTRI SPORTIVI

IL SOFTWARE GESTIONALE PER PALESTRE E CENTRI SPORTIVI GymTool IL SOFTWARE GESTIONALE PER PALESTRE E CENTRI SPORTIVI GymTool GymTool IL SOFTWARE GESTIONALE PER PALESTRE E CENTRI SPORTIVI Gymtool è un progetto nato dalle esigenze di più personal trainer che,unendo

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

La schermata è divisa in due parti: a sinistra per registrarsi come nuovo utente ed a destra per fare il login se ci si è già registrati.

La schermata è divisa in due parti: a sinistra per registrarsi come nuovo utente ed a destra per fare il login se ci si è già registrati. INTRODUZIONE Il nostro sito www.vstrade.it è stato realizzato come strumento ad uso dei rivenditori. I prezzi esposti sono orientativi per la vendita al pubblico e servono solo come riferimento ai piccoli

Dettagli

Un buon allineamento riduce in gran parte i costi operativi delle macchine rotanti.

Un buon allineamento riduce in gran parte i costi operativi delle macchine rotanti. PRUFTECHNIK, inventore dei sistemi di allineamento laser, da oltre 30 anni produce e sviluppa strumenti, sistemi, servizi per la manutenzione predittiva e apparecchiature di controlli non distruttivi per

Dettagli

CREARE IL SITO DI UN UFFICIO/STRUTTURA AMMINISTRATIVA

CREARE IL SITO DI UN UFFICIO/STRUTTURA AMMINISTRATIVA CREARE IL SITO DI UN UFFICIO/STRUTTURA AMMINISTRATIVA A. Come accedere alla propria area di lavoro B. Creare una nuova pagina C. Creare un sotto-sito D. Modificare lo stile dei menù E. Pubblicare le pagine

Dettagli

INTERPRETAZIONE DELLA STABILOMETRIA DINAMICA SU BASCULA DI BESSOU IN CONFRONTO ALLA MISURAZIONE STATICA MEDIANTE CYBER SABOT (IPOTESI INTERPRETATIVA)

INTERPRETAZIONE DELLA STABILOMETRIA DINAMICA SU BASCULA DI BESSOU IN CONFRONTO ALLA MISURAZIONE STATICA MEDIANTE CYBER SABOT (IPOTESI INTERPRETATIVA) INTERPRETAZIONE DELLA STABILOMETRIA DINAMICA SU BASCULA DI BESSOU IN CONFRONTO ALLA MISURAZIONE STATICA MEDIANTE CYBER SABOT (IPOTESI INTERPRETATIVA) Dott Sergio Ettore Salteri salteriposturologia@gmail.com

Dettagli

COSTER. Import/Export su SWC701. SwcImportExport

COSTER. Import/Export su SWC701. SwcImportExport SwcImportExport 1 Con SWC701 è possibile esportare ed importare degli impianti dal vostro database in modo da tenere aggiornati più Pc non in rete o non facente capo allo stesso DataBase. Il caso più comune

Dettagli

LA FINESTRA DI GOAL (SCHERMATA PRINCIPALE E PANNELLO DEI COMANDI)

LA FINESTRA DI GOAL (SCHERMATA PRINCIPALE E PANNELLO DEI COMANDI) FUNZIONI DEL PROGRAMMA GOAL Il programma GOAL consente all utilizzatore di creare animazioni grafiche rappresentanti schemi, esercitazioni e contrapposizioni tattiche. Le animazioni create possono essere

Dettagli

Indice generale GUIDA AL SITO

Indice generale GUIDA AL SITO Indice generale Accesso al sito...2 Accesso alle notizie...3 Leggere le notizie...4 Cercare una circolare particolare...5 Cambio dati e PASSWORD...6 Utilizzo del FORUM...7 Aggiornare i profilo personale...8

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

I Servizi self-service: Procedura di assegnazione PIN per funzionari incaricati

I Servizi self-service: Procedura di assegnazione PIN per funzionari incaricati I Servizi self-service: Procedura di assegnazione PIN per funzionari incaricati Per accedere ai servizi Self-service sul Portale Stipendi PA è necessario che ciascun dipendente sia: registrato sul Portale

Dettagli

MISSION 02 TECNICI E LABORATORI 04 SERVIZI BIOMECCANICI DI BASE: MISURAZIONE CICLISTA 06 MISURAZIONE E REGOLAZIONE BICICLETTA 07

MISSION 02 TECNICI E LABORATORI 04 SERVIZI BIOMECCANICI DI BASE: MISURAZIONE CICLISTA 06 MISURAZIONE E REGOLAZIONE BICICLETTA 07 MISURATI NEL FUTURO MISSION 02 TECNICI E LABORATORI 04 SERVIZI BIOMECCANICI DI BASE: MISURAZIONE CICLISTA 06 MISURAZIONE E REGOLAZIONE BICICLETTA 07 SOLVELO PERSONALIZZATE 08 SCELTA E REGOLAZIONE APPOGGI

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo

LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo Partendo dall esercizio si descrive come si è arrivati alla teoria neuro cognitiva e sulla base di essa si analizzano gli elementi che costituiscono

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

CENTRO DOCUMENTAZIONE VIDEO

CENTRO DOCUMENTAZIONE VIDEO CENTRO DOCUMENTAZIONE VIDEO FIHP-SIPaR La Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio è lieta di comunicare un lavoro di restyling di tutto il materiale video del Settore Corsa. La SIPaR ha riversato su

Dettagli

Software presenze allenamenti

Software presenze allenamenti Software presenze allenamenti La gestione delle presenze tramite il portale della FIDAF rappresenta il modo ideale per automatizzare i processi di rilevazione, controllo e gestione dei dati relativi a

Dettagli

Come funziona? www.vocationaltraining.it. Registrazione utente. Acquisto. Lezioni. Attestato

Come funziona? www.vocationaltraining.it. Registrazione utente. Acquisto. Lezioni. Attestato Come funziona? Registrazione utente Acquisto Lezioni Attestato www.vocationaltraining.it 1 Registrazione utente Per poter accedere ai servizi della piattaforma occorre registrarsi sul sito www.vocationaltraining.it

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

MANUALE UTENTE. Analyser v2 Banco flussaggio Turbocompressori

MANUALE UTENTE. Analyser v2 Banco flussaggio Turbocompressori MANUALE UTENTE Analyser v2 Banco flussaggio Turbocompressori VISIONE ARTIFICIALE PER LA REGOLAZIONE DELL ATTUATORE PNEUMATICO DESIGN ERGONOMICO E INNOVATIVO INTERFACCIA SEMPLICE E INTUITIVA SPURGO AUTOMATICO

Dettagli

L analisi biomeccanica nella scherma

L analisi biomeccanica nella scherma L analisi biomeccanica nella scherma Maestro Alberto Bernacchi, tecnico federale di Scherma alle tre armi presso l Associazione sportiva Scherma Desio (MI), dal 2002 responsabile del sito web www.professionescherma.org

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Guida alla personalizzazione delle stampe per Scrutinio 10 e Lode e ScrutiniOnLine

Guida alla personalizzazione delle stampe per Scrutinio 10 e Lode e ScrutiniOnLine Guida alla personalizzazione delle stampe per Scrutinio 10 e Lode e ScrutiniOnLine Quali stampe sono personalizzabili? In Scrutino 10 e Lode: 1. Verbale I periodo (2 varianti) 2. Verbale Sessione Finale

Dettagli

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO F24 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Importazione dati da anno precedente 3 1.2 Inserimento di una nuova anagrafica

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli