SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali."

Transcript

1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali SCHEDE PER I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO MATERIALI Sara Anastasi Bologna 17 Ottobre 2013 Sala Mascagni Pad. 36 Ore

2 Le schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali e accessori di sollevamento Il documento offre utili indicazioni al datore di lavoro per garantire gli interventi di controllo, non straordinari (cfr. art. 71 comma 8 lett. b) punto 2), da condurre, secondo frequenze prestabilite, per assicurare la permanenza nel tempo dei requisiti di sicurezza e garantire un uso ininterrotto dell attrezzatura. Il documento si propone come guida per il datore di lavoro nella pianificazione di procedure di controllo e manutenzione in sicurezza, perché detti interventi vengano realizzati in tempi congrui con lo stato dell arte e comunque non oltre i limiti previsti dalle norme, da personale formato, competente ed informato e considerando tutti i prevedibili rischi.

3 I destinatari del documento Il documento, indirizzato ai datori di lavoro, riguarda esclusivamente quelle attrezzature per le quali la documentazione prevista dal fabbricante risulti non disponibile (perché trattasi di macchina immessa sul mercato o messa in servizio prima del 21 settembre 1996, data di entrata in vigore in Italia della Direttiva Macchine, o perché il manuale risulta smarrito ed il fabbricante dell attrezzatura non è in grado di fornirne copia). Laddove, infatti, il manuale del fabbricante risulti disponibile o comunque reperibile, le indicazioni in esso contenute costituiscono il riferimento principe per il datore di lavoro. La direttiva Macchine prevede che: Articolo 5 Immissione sul mercato e messa in servizio 1. Il fabbricante o il suo mandatario, prima di immettere sul mercato e/o mettere in servizio una macchina:..; c) fornisce in particolare le informazioni necessarie, quali ad esempio le istruzioni; Allegato I Istruzioni Ogni macchina deve essere accompagnata da istruzioni per l uso nella o nelle lingue comunitarie ufficiali dello Stato membro in cui la macchina è immessa sul mercato e/o messa in servizio. Art. 71. (Obblighi del datore di lavoro) 4. Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché: a) le attrezzature di lavoro siano: 1) installate ed utilizzate in conformità alle istruzioni d uso; 2) oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza di cui all articolo 70 e siano corredate, ove necessario, da apposite istruzioni d uso e libretto di manutenzione; 3) assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza stabilite con specifico provvedimento regolamentare adottato in relazione alle prescrizioni di cui all articolo 18, comma 1, lettera z); b) siano curati la tenuta e l aggiornamento del registro di controllo delle attrezzature di lavoro per cui lo stesso é previsto.

4 Il campo di applicazione APPARECCHIO DI SOLLEVAMENTO: apparecchio a funzionamento discontinuo, destinato a sollevare e movimentare nello spazio carichi sospesi mediante gancio o altri organi di presa.

5 Il campo di applicazione APPARECCHIO DI SOLLEVAMENTO: apparecchio a funzionamento discontinuo, destinato a sollevare e movimentare nello spazio carichi sospesi mediante gancio o altri organi di presa.

6 Il campo di applicazione ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO: componenti o attrezzature non collegate alle macchine per il sollevamento, che consentono la presa del carico, disposti tra la macchina e il carico oppure sul carico stesso, oppure destinati a divenire parte integrante del carico e ad essere immessi sul mercato separatamente; anche le imbracature e le loro componenti sono considerate accessori di sollevamento. ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Quelli rappresentati a fianco sono altri esempi di accessori di sollevamento, ma risultando integrati nel carico In modo permanente, ad es. mediante saldatura, non sono stati considerati parte dall attrezzatura. Ovviamente l imbracatore dovrà provvedere anche per questi accessori ad un controllo d integrità giornaliero..

7 Le schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali e accessori di sollevamento

8 Le schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali e accessori di sollevamento v oggetto del controllo tipologia dell intervento personale incaricato metodo di controllo contenuti del controllo

9 La tipologia dei controlli Il documento tratta esclusivamente interventi che l attuale stato dell arte prevede vengano effettuati con una periodicità non superiore all anno. Poiché una delle discriminanti dei diversi controlli è la frequenza con la quale vanno eseguiti, non sono trattate: l ispezione eccezionale la verifica speciale ISPEZIONE GIORNALIERA: TIPOLOGIA DI CONTROLLO [ISO 9927 e ISO ] ispezione condotta giornalmente dal conduttore di gru o dall imbracatore prima di iniziare le operazioni di sollevamento; consiste in un ispezione visiva o in test funzionali. ISPEZIONE FREQUENTE: ispezione condotta sulla base della frequenza e della severità di utilizzo dell attrezzatura e dell ambiente di lavoro, entro intervalli di tempo non superiori a tre mesi (a meno di periodi di inattività). ISPEZIONE PERIODICA : ispezione condotta sulla base dell ambiente di lavoro, della frequenza e della severità di utilizzo dell attrezzatura, entro intervalli di tempo non superiori a 12 mesi (a meno di periodi di inattività).

10 Il personale incaricato L art. 71 comma 8 prevede genericamente che i controlli necessari vengano realizzati da persona competente ; il documento riporta le competenze che le norme assegnano a ciascuna figura. Le figure sotto descritte non devono necessariamente essere distinte tra loro: più controlli, infatti, possono essere eseguiti dalla stessa persona, purché in possesso di tutte le competenze specifiche per eseguirli, come previsto dall art. 71 comma 8 lett. c). v PITTOGRAMMA PROFILO DEL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI CONTROLLO PROFILO CONDUTTORE DI GRU: (identificabile con l operatore di cui all art. 69 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) persona che fa funzionare la gru al fine di posizionare dei carichi. E responsabile della manovra corretta dell attrezzatura. Deve essere adeguatamente addestrato per la specifica tipologia di gru ed avere una sufficiente conoscenza della gru, dei suoi comandi e dei suoi dispositivi di sicurezza. [EN ]. IMBRACATORE: (identificabile con l operatore di cui all art. 69 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) responsabile dell attacco e dello sgancio del carico al e dall organo di presa della gru, così pure dell utilizzo della corretta attrezzatura di sollevamento in conformità con la pianificazione della manovra per il buon posizionamento dei carichi. [EN ]. PERSONALE DI MANUTENZIONE: [identificabile con l operatore di cui all art. 69 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. se specificatamente qualificato secondo quanto previsto all art. 71 comma 7 lett. b)] personale responsabile della manutenzione della gru e del suo sicuro e soddisfacente funzionamento. E tenuto ad effettuare ogni manutenzione necessaria. Deve avere piena familiarità con l attrezzatura ed i rischi che essa presenta e con le procedure di intervento previste. [EN ]. TECNICO ESPERTO [identificabile con l operatore di cui all art. 69 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. se in possesso delle competenze necessarie come previsto all art. 71 comma 8 lett. c)] persona che, per la sua preparazione ed esperienza, possiede capacità e conoscenze nel campo delle gru e sufficiente familiarità con le principali regolamentazioni per poter determinare eventuali scostamenti dalle condizioni previste.[iso 9927].

11 Il personale incaricato I TECNICI DEI SOGGETTI ABILITATI NON POSSONO EFFETTUARE I CONTROLLI PREVISTI DALL ARTICOLO 71 COMMA 8 DEL D.LGS. 81/08 E S.M.I..

12 I metodi di controllo Descrizione delle modalità e degli strumenti necessari per procedere con i controlli previsti. Si tratta delle competenze richieste per il personale che il datore di lavoro dovrà scegliere per l esecuzione dei controlli. ESAME VISIVO: METODI DI ISPEZIONE [ISO 9927] esame condotto allo scopo di individuare eventuali anomalie o scostamenti rispetto alle normali condizioni mediante controlli visivi, ad esempio un hammering test e misurazioni. Generalmente l esame viene condotto senza smontare l attrezzatura, a meno di particolari necessità che dovessero presentarsi. CONTROLLI NON DISTRUTTIVI: si fa riferimento ad esami quali liquidi penetranti, ultrasuoni, particelle magnetiche, radiografie, che potrebbero rendersi necessari a valle dell esame visivo. TEST FUNZIONALI : riguardano i comandi, gli interruttori e gli indicatori. Per quanto concerne, invece, il sistema elettrico e/o idraulico il test va condotto, solo se necessario. TEST OPERATIVI: include prove con e senza carico e prove funzionali dei dispositivi limitatori ed indicatori.

13 Le schede di controllo per le diverse tipologie di attrezzature

14 Le schede di controllo per le diverse tipologie di attrezzature Le schede sono strutturate individuando, oltre ad una prima parte di carattere generale, dei macro settori per le diverse tipologie di attrezzature; taluni di questi riguardano tutte le tipologie di attrezzature: unità di sollevamento unità di traslazione mentre altri sono specifici della tipologia dell attrezzatura: Unità di scorrimento Unità di rotazione Stabilizzatori attrezzature di tipo fisso attrezzature di tipo mobile e trasferibile attrezzature di tipo mobile Ciascuna di esse è poi strutturata, esplicitandone i principali componenti.

15 Le schede di controllo per le diverse tipologie di attrezzature Art. 71. (Obblighi del datore di lavoro) 8. Fermo restando quanto disposto al comma 4, il datore di lavoro, secondo le indicazioni fornite dai fabbricanti ovvero, in assenza di queste, dalle pertinenti norme tecniche o dalle buone prassi o da linee guida, provvede affinché: a) le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione siano sottoposte a un controllo iniziale (dopo l installazione e prima della messa in esercizio) e ad un controllo dopo ogni montaggio in un nuovo cantiere o in una nuova località di impianto, al fine di assicurarne l installazione corretta e il buon funzionamento;

16 Il registro di controllo Art. 71. (Obblighi del datore di lavoro) 9. I risultati dei controlli di cui al comma 8 devono essere riportati per iscritto e, almeno quelli relativi agli ultimi tre anni, devono essere conservati e tenuti a disposizione degli organi di vigilanza.

17 Il registro di controllo La Direttiva Macchine prescrive che il fabbricante indichi almeno i contenuti del registro di controllo, in particolare individuando le operazioni di manutenzioni preventiva con le relative periodicità: CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE DELLA GRU LISTA ISPEZIONI DOCUMENTI D INSTALLAZIONE PROVE DI CARICO DISPOSITIVI DI SICUREZZA INSTALLATI

18 Il registro di controllo

19 Il registro di controllo DATI CARATTERISTICHE DELL APPARECCHIO DI SOLLEVAMENTO TIPOLOGIA APPARECCHIO ANNO DI COSTRUZIONE NUMERO DI FABBRICA COSTRUTTORE MOMENTO MAX DI SOLLEVAMENTO (kn m) NUMERO DICH. CONFORMITÀ CE MATRICOLA ISPESL/INAIL PORTATA MASSIMA (Kg) UNITÀ DI SOLLEVAMENTO UNITÀ DI TRASLAZIONE ALLESTITORE (ove previsto) DATA MESSA IN SERVIZIO

20 Schede per personale incaricato dei controlli La scheda riassume gli interventi che ciascuna figura è chiamata a condurre sulla specifica attrezzatura, raggruppati in base alla frequenza dell intervento. Per i diversi componenti della macchina è descritto il controllo che deve condursi, l esito del quale deve essere riportato nell ultima colonna.

21 Unità di sollevamento: Argano a fune Unità di traslazione: Carrello elettrico bitrave Il dettaglio dei controlli APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO L appendice B del documento presenta un esploso dei controlli per i principali componenti, indicando a fianco la figura Giornaliera Frequente Periodica incaricata dell intervento. Oggetto del controllo Motori traslazione di Motori di sollevamento Competen za Metodo Test funzionali Test funzionali Finalità Controlli generali di funzionalità e dell assenza di rumorosità anomale Controlli generali di funzionalità e dell assenza di rumorosità anomale Competen za TIPOLOGIA DI CONTROLLO Metodo Finalità Competen za Metodo Test funzionali ed esame visivo Test funzionali ed esame visivo Finalità Controlli generali di funzionalità. [controllare in particolare le aperture di ventilazione, la temperatura della carcassa, l isolamento, il collettore e le spazzole] Controlli generali di funzionalità. [controllare in particolare le aperture di ventilazione, la temperatura della carcassa, l isolamento, il collettore e le spazzole]

22 Il dettaglio dei controlli L appendice B del documento presenta un esploso dei controlli per i principali componenti, indicando a fianco la figura incaricata dell intervento.

23 Grazie per l attenzione Ing. Sara Anastasi office fax

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Progetto assistenza alle imprese USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Pag. 1 di 12 Legislazione Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA Presentazione docente Dott. Ing. Michele Toni, amministratore unico di E.C.S. S.r.l. Europe Certification Service, via Solferino, 7 46100- Mantova www: ECS-CERTIFICATION.COM

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE Convegno 02/10/2015 GIS Piacenza. LA MANUTENZIONE E L AGGIORNAMENTO DEI REQUISITI DI SICUREZZA INDICAZIONI NORMATIVE E OBBLIGHI GIURIDICI. IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche. L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche. L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato una parziale Revisione della normativa in tema di controlli e verifiche degli apparecchi di sollevamento

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI AI PIANI DI SICUREZZA (A CURA DELL IMPRESA APPALTATRICE)

DICHIARAZIONE RELATIVA AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI AI PIANI DI SICUREZZA (A CURA DELL IMPRESA APPALTATRICE) DICHIARAZIONE RELATIVA AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI AI PIANI DI SICUREZZA (A CURA DELL APPALTATRICE) OGGETTO: Appalto per realizzazione sistema di accumulo calore presso la Centrale termica di integrazione

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC Inquadramento giuridico D.Lgs. 81/08 s.m.i. : Titolo 111,

Dettagli

Seminario: Sicurezza delle PLE

Seminario: Sicurezza delle PLE Seminario: Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche L'importanza della manutenzione P t t d M P t i h P TWG IPAF R Q lità Si CTE S A Presentato da: Mauro Potrich -

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE 1/36 Scopo della Direttiva UNIFORMARE: Lo scopo delle direttive comunitarie del nuovo approccio è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Sicurezza - Uso delle forche di sollevamento in edilizia

Sicurezza - Uso delle forche di sollevamento in edilizia Sicurezza - Uso delle forche di sollevamento in edilizia Sollevamento in quota di carichi su pallet all interno dei cantieri temporanei e mobili La presente guida per chiarire e analizzare i requisiti

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

Carrelli semoventi a braccio telescopico

Carrelli semoventi a braccio telescopico ISTRUZIONI PER LA PRIMA VERIFICA PERIODICA Ai sensi dell articolo 71 comma 11 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. e del Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 11 aprile

Dettagli

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI La formazione vincente. CFRM CENTRO FORMAZIONE E RICERCA MACCHINE Una formazione adeguata è fondamentale per realizzare una prevenzione effi cace.

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie

Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo 11, comma 5, del d.lgs.

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

Gru ed apparecchi di sollevamento

Gru ed apparecchi di sollevamento Il Decreto Ministeriale 12/09/1959 è attualmente in vigore e stabilisce che alcune macchine tra cui: -le scale aeree ad inclinazione variabile -i ponti mobili sviluppabili su carro -i ponti sospesi muniti

Dettagli

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo fisso e relativi accessori di sollevamento

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo fisso e relativi accessori di sollevamento Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo fisso e relativi accessori di sollevamento [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 s.m.i.] Ricerca Edizione

Dettagli

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 s.m.i.] Ricerca Edizione

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO 18 maggio 2005 Asl 13 S.Pre.S.A.L. I.s.p.e.s.l. Biella Legislazione Da un punto di vista normativo per le macchine (apparecchi di sollevamento) si fa riferimento: alla legislazione

Dettagli

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo trasferibile e relativi accessori di sollevamento

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo trasferibile e relativi accessori di sollevamento Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo trasferibile e relativi accessori di sollevamento [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 s.m.i.] Ricerca Edizione

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano Apparecchi di sollevamento Ing. Paolo Magliano Gru a torre Definizione La gru a torre è un apparecchio di sollevamento azionato da un proprio motore e costituito da una torre verticale munita nella parte

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

La Rete MECQ S.r.l. ATS S.r.l. Water Weights Italy Sic Up S.r.l. Safety Service

La Rete MECQ S.r.l. ATS S.r.l. Water Weights Italy Sic Up S.r.l. Safety Service La Nostra Missione Quanti fornitori sono in grado di dare un servizio di sicurezza e manutenzione che copra tutte le esigenze, dalla fase ingegneristica alla consulenza legislativa, dall effettuazione

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento

Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento Schede per la definizione di piani per i controlli di apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 s.m.i.] Ricerca Edizione

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO per Addetto alla conduzione Gru su autocarro Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012

CORSO di AGGIORNAMENTO per Addetto alla conduzione Gru su autocarro Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012 Data di avvio: 24 marzo 2015 Area: Sicurezza CORSO di AGGIORNAMENTO per Addetto alla conduzione Gru su autocarro Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012 PRESENTAZIONE OBIETTIVI DESTINATARI L aggiornamento

Dettagli

Corso di formazione per operatori di carroponte

Corso di formazione per operatori di carroponte Windows XP, Vista, 7 Explorer 8 o superiori Settembre 2013 SICUREZZA Supporti per la formazione Supporti per la formazione Corso di formazione per operatori di carroponte altri titoli Il CD Rom contiene:

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli su impianti termici e a

Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli su impianti termici e a CONTROLLI E VERIFICHE DI A.S. A SECONDO IL D.lgs. 81/08 Dott. Ing. Mauro Meistro Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

Appunti sulla circolare n 30 del 24/12/2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Appunti sulla circolare n 30 del 24/12/2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Appunti sulla circolare n 30 del 24/12/2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Con la suddetta circolare, il Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali ha ritenuto di meglio precisare

Dettagli

Apparecchi di sollevamento: i controlli e le verifiche secondo le prescrizioni del TU

Apparecchi di sollevamento: i controlli e le verifiche secondo le prescrizioni del TU l Nuove disposizioni hanno chiarito alcuni aspetti su compiti e responsabilità Apparecchi di sollevamento: i controlli e le verifiche secondo le prescrizioni del TU in vigore del decreto legislativo 9

Dettagli

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 PARANCO 2.2 FUNE 2.3 GANCIO 2.4 QUADRO ELETTRICO E PULSANTIERA 2.5 STRUTTURA DI SUPPORTO 3. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Regione Lombardia Sanità Linea Guida per l utilizzo di scale portatili nei cantieri temporanei e mobili Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Riferimenti normativi

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

CESI SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 597 scadenza: 31/12/2010 - Documento scaricato il 28/10/2010

CESI SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 597 scadenza: 31/12/2010 - Documento scaricato il 28/10/2010 This document was created with FrameMaker 4.0.4 CESI SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 597 scadenza: 31/12/2010 - Documento scaricato il 28/10/2010 NORMA ITALIANA Apparecchi di sollevamento Ispezioni

Dettagli

Accordo Stato-Regioni del 22 Febbraio 2012

Accordo Stato-Regioni del 22 Febbraio 2012 Accordo Stato-Regioni del 22 Febbraio 2012 individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, modalità per il riconoscimento di tale abilitazione,

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

LE GRU A TORRE. ing. Antonino Ughettini

LE GRU A TORRE. ing. Antonino Ughettini LE GRU A TORRE 1 GLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Con il termine generico gru si descrive l insieme delle apparecchiature di sollevamento che per mezzo di un braccio permettono una dislocazione dell oggetto

Dettagli

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Indicazioni procedurali ed operative Settore Ricerca, Sviluppo e Tutela nel Lavoro 1 Esercizio delle attrezzature

Dettagli

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE NUOVA DIRETTIVA D.Lgs. 17/2010 Del 27 gennaio 2010 DIRETTIVA ING. AVIO FERRARESI 2006/42/CE NUOVA DIRETTIVA ADOTTATA: 17 MAGGIO 2006 PUBBLICATA GUCE: 9 GIUGNO 2006 ENTRATA IN VIGORE: 29 GIUGNO 2006 TRASPOSIZIONE

Dettagli

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Workshop 2012 Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di TERAMO Workshop 2012 I settori: -Sicurezza -Automazione

Dettagli

Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo. Pubblicazione 13044.i

Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo. Pubblicazione 13044.i Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo Pubblicazione 13044.i Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo Choc sul cantiere di una casa plurifamiliare: Cédric P. (23)* perde la

Dettagli

GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI SICUREZZA SUL LAVORO

GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI SICUREZZA SUL LAVORO GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI 2014 SICUREZZA SUL LAVORO AULE CORSI Via Provinciale 61 Alzano Lombardo (BG) 346.2891923 info@gestedil.eu gestedil.infad.net WWW.GESTEDIL.EU WWW.CORSISICUREZZA.BG.IT

Dettagli

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO CARRELLI ELEVATORI CIRCOLARE N 26 - OTTOBRE 2010 CARRELLI ELEVATORI I carrelli elevatori si utilizzano ormai in quasi tutte le aziende ma... sono ancora troppi gli infortuni anche mortali e sono ancora

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

I PONTI MOBILI SVILUPPABILI

I PONTI MOBILI SVILUPPABILI I PONTI MOBILI SVILUPPABILI Requisiti di sicurezza e informazioni utili 1 FONTI E RIFERIMENTI D.Lgs 81/08 e smi DM 11/04/2011 DPR 547/55 Circolari ENPI, ISPESL e Ministero LPS Norme tecniche CEI/UNI/EN/ISO

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo miniescavatore. è conforme alla legislazione comunitaria?

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo miniescavatore. è conforme alla legislazione comunitaria? Guida per l individuazione delle macchine non conformi Questo miniescavatore è conforme alla legislazione comunitaria? Introduzione Le macchine da costruzione, per poter essere legalmente immesse sul mercato

Dettagli

della gru matr. (ENPI, ISPESL, INAIL)..

della gru matr. (ENPI, ISPESL, INAIL).. Modalità di possibile invio: - E-mail Servizio Impiantistico : impiantistica@aslvallecamonicasebino.it - Fax Servizio Impiantistico n. 0364.540332 - Raccomandata A.R. Spett. le A. S. L. di VallecamonicaSebino

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Adempimenti per gli operatori di gru interferenti

Adempimenti per gli operatori di gru interferenti Adempimenti per gli operatori di gru interferenti Sono sempre più frequenti le imprese che si rivolgono agli Uffici del CPT per ricevere chiarimenti in merito agli adempimenti connessi alla gestione della

Dettagli

Presentazione. Posizione e copertura

Presentazione. Posizione e copertura Carta dei servizi Presentazione GUBIMEC S.r.l. nasce nel 2012 come frutto di un attenta analisi del mercato e delle esigenze dell industria nazionale. L azienda cresce costantemente anche grazie alla sempre

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

Le attrezzature per il sollevamento di materiali e persone nei cantieri mobili temporanei. Conseguenze di un uso improprio

Le attrezzature per il sollevamento di materiali e persone nei cantieri mobili temporanei. Conseguenze di un uso improprio Le attrezzature per il sollevamento di materiali e persone nei cantieri mobili temporanei Conseguenze di un uso improprio Ing. Costantino SAVANI Istruttore Senior Centro di formazione IPAF GIANFRANCO SAVANI

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

FORMAZIONE ATTREZZATURE IN RIFERIMENTO ALL ACCORDO STATO REGIONI 22/02/2012

FORMAZIONE ATTREZZATURE IN RIFERIMENTO ALL ACCORDO STATO REGIONI 22/02/2012 FORMAZIONE ATTREZZATURE IN RIFERIMENTO ALL ACCORDO STATO REGIONI 22/02/2012 In attuazione del D.Lgs. 81/08, è stato approvato l Accordo Stato-Regioni,, in merito alla formazione dei lavoratori che impiegano

Dettagli

ALLEGATO 2 - Tabelle di raffronto per la verifica dell equivalenza formativa Al quesito Formedil prot. 600/12

ALLEGATO 2 - Tabelle di raffronto per la verifica dell equivalenza formativa Al quesito Formedil prot. 600/12 ALLEGATO 2 - Tabelle di raffronto per la verifica dell equivalenza formativa Al quesito Formedil prot. 600/12 MICS Abilitazioni Attrezzature di lavoro per il cantiere edile e stradale: l architettura formativa

Dettagli

MISURE DI DISICUREZZA NEI LAVORI IN IN QUOTA SU EDIFICI DANNEGGIATI DAGLI EVENTI SISMICI

MISURE DI DISICUREZZA NEI LAVORI IN IN QUOTA SU EDIFICI DANNEGGIATI DAGLI EVENTI SISMICI EVENTI SISMICI DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 RICOSTRUIRE IN SICUREZZA Incontro tecnico di presentazione del documento: MISURE DI DISICUREZZA NEI LAVORI IN IN QUOTA SU EDIFICI DANNEGGIATI DAGLI EVENTI SISMICI

Dettagli

TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo del 20/02/2012 Da Pubblicare in GU In vigore 12 mesi dopo la pubblicazione

Dettagli

impianti e accessori di sollevamento macchine per lavorazione lamiera prodotti per impianti industriali

impianti e accessori di sollevamento macchine per lavorazione lamiera prodotti per impianti industriali impianti e accessori di sollevamento macchine per lavorazione lamiera prodotti per impianti industriali divisione sollevamento La Cecchini Service offre alla propria clientela una completa gamma di prodotti

Dettagli

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Rovigo 23 giugno 20914 Sicurezza nei cantieri: Novità in tema di sicurezza cantieri L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Mauro Potrich e Francesco Maria Spini Comitato

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4 Oggetto: D.Lgs 81/08 Verifiche ed ispezione approfondita sugli apparecchi di sollevamento- interpretazione del Decreto e delle Norme attinenti. Competenze esclusive dell Ingegnere. In riferimento al Decreto

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all.

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. XII PSC Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100-101 e allegato XV QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese Cantieri

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE LEGISLATIVI I corsi di formazione risultano conformi (per contenuti e durata) a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 (e s.m.i.)

Dettagli

PROCEDURE DI VERIFICA DI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (approvate dal Gruppo di lavoro regionale nella riunione del 3/11/2009)

PROCEDURE DI VERIFICA DI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (approvate dal Gruppo di lavoro regionale nella riunione del 3/11/2009) REGIONE LOMBARDIA DG Sanità UO Governo della prevenzione PROCEDURE DI VERIFICA DI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (approvate dal Gruppo di lavoro regionale nella riunione del 3/11/2009) PREMESSA Il D. Lgs.

Dettagli

4. Formazione macchinari

4. Formazione macchinari . Formazione macchinari operatori macchine movimento terra per la formazione dell operatore di macchine movimento terra (escavatori e miniescavatori, pale e minipale, terne, dozer, grader, dumper, rulli

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento Ing. Laura Tomassini ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dettagli

Attrezzature di lavoro e abilitazione degli operatori: contenuti e modalità della specifica formazione

Attrezzature di lavoro e abilitazione degli operatori: contenuti e modalità della specifica formazione Attrezzature di lavoro e abilitazione degli operatori: contenuti e modalità della specifica formazione Incontro informativo Milano, 28 febbraio 2013 Assimpredil Ance Via San Maurilio 21 Indice interventi:

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento;

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento; FAQ INAIL Settore edilizia 1. Cosa deve contenere la Descrizione complessiva del progetto? Deve contenere la descrizione degli interventi (massimo tre) per cui si richiede il finanziamento in funzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA MOVIMENTAZIONE IN QUOTA, ALL INTERNO DEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI, DI PALLET ATTRAVERSO L USO DI FORCHE

LINEE GUIDA PER LA MOVIMENTAZIONE IN QUOTA, ALL INTERNO DEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI, DI PALLET ATTRAVERSO L USO DI FORCHE Pag. 1 di 31 LINEE GUIDA PER LA MOVIMENTAZIONE IN QUOTA, ALL INTERNO DEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI, DI PALLET ATTRAVERSO L USO DI FORCHE PO-SOLL. 1. SCOPO...2 PO-SOLL. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 PO-SOLL.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

un azienda che crea BREVETTA e REALIZZA soluzioni per la movimentazione A NORMA di LEGGE

un azienda che crea BREVETTA e REALIZZA soluzioni per la movimentazione A NORMA di LEGGE un azienda che crea BREVETTA e REALIZZA soluzioni per la movimentazione a NORMA di LEGGE A NORMA di LEGGE L utilizzo dei legacci di tondino per sollevare il carico non è ammesso dalla Legge in quanto non

Dettagli

Accordo Stato-Regioni 22 febbraio 2012 sulle attrezzature di lavoro 2049

Accordo Stato-Regioni 22 febbraio 2012 sulle attrezzature di lavoro 2049 Accordo Stato-Regioni 22 febbraio 2012 sulle attrezzature di lavoro 2049 Accordo Stato-Regioni 22 febbraio 2012 (1) Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 tra

Dettagli

Nuove norme e buone prassi nel sollevamento carichi e sollevamento persone: Il punto di vista degli organi di vigilanza

Nuove norme e buone prassi nel sollevamento carichi e sollevamento persone: Il punto di vista degli organi di vigilanza Nuove norme e buone prassi nel sollevamento carichi e sollevamento persone: Il punto di vista degli organi di vigilanza Maria Rosaria Libone Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 12 Viareggio Lucca,

Dettagli

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA IMPRESE MASSA CARRARA GSQ CON LA COLLABORAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI INTRODUZIONE La movimentazione

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli