Gli studi di risonanza magnetica funzionale all Università Politecnica delle Marche, allora Università degli Studi di Ancona, iniziarono nel 1996,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli studi di risonanza magnetica funzionale all Università Politecnica delle Marche, allora Università degli Studi di Ancona, iniziarono nel 1996,"

Transcript

1 Gli studi di risonanza magnetica funzionale all Università Politecnica delle Marche, allora Università degli Studi di Ancona, iniziarono nel 1996, con una collaborazione tra la Cattedra di Neuroradiologia, l Istituto di Fisiologia ed il Centro Epilessia della Clinica Neurologica. Le prime ricerche affrontarono il problema della rappresentazione dei recettori cutanei della mano nella corteccia cerebrale. In particolare l attenzione era volta a rilevare un attivazione corticale, evocata dalla stimolazione tattile del palmo della mano e delle dita, nell area somatosensoriale secondaria (SII) dell emisfero contralaterale, ma anche di quello ipsilaterale alla mano stimolata, per verificare se nell uomo la situazione fosse paragonabile a quella descritta nei primati non umani da numerosi studi di elettrofisiologia e neuroanatomia, condotti anche nell Istituto di Fisiologia. Per questa ricerca furono molto utili i pazienti che avevano subito un intervento di resezione chirurgica, parziale o totale, del corpo calloso, per trattare forme di epilessia farmacoresistenti. Questi pazienti erano seguiti allora presso il Centro Epilessia dell Ospedale Umberto I di Ancona dal Dott. Quattrini, il quale fu ben lieto di collaborare alla ricerca, invitando i suoi pazienti a sottoporsi ad una seduta di risonanza magnetica funzionale. Per tutte le ricerche è stato chiesto ed ottenuto il parere favorevole da parte del Comitato Etico dell Università Politecnica delle Marche e dell Azienda Ospedaliera Universitaria Umberto I. Naturalmente prima di iniziare con i pazienti furono fatte sedute di verifica della validità della procedura sperimentale e del protocollo che avevamo messo a punto. Grazie alla collaborazione di alcuni volontari abbiamo prima cercato di riprodurre dati noti già pubblicati da altri gruppi di ricerca, ed abbiamo scelto di provare con un paradigma di attivazione da task motorio. Dopo aver constatato che i nostri risultati erano sovrapponibili con quelli ottenuti da altri gruppi di ricerca, abbiamo proceduto con il nostro studio. Abbiamo prima raccolto dati su un gruppo di soggetti volontari di controllo, e poi abbiamo proseguito lo studio con i pazienti callosotomizzati. Inizialmente abbiamo lavorato con un apparecchiatura di risonanza magnetica General Electric Signa Horizon in grado di generare un capo magnetico da 1 tesla (T) e fornita di gradienti di 23 mt/m. Poi, dal 2001 è stata disponibile un apparecchiatura General Electric Signa LX NV/i da 1,5 T fornita di gradienti da 50mT/m nelle tre dimensioni dello spazio e dotata di un pacchetto di sequenze di ricerca neurologica comprensivo di "Real time functional MR". I dati venivano inizialmente elaborati con il software Functool, General Electric, poi sono stati usati i pacchetti software BrainVoyager e SPM2. L 1

2 La pubblicazione dei primi studi sui pazienti callosotomizzati richiamò l interessse di molti ricercatori da varie parti d Italia e dall estero, interessati a studiare il cervello di questi pazienti così particolari. Questi studiosi sono venuti ad Ancona, anche più volte, per sottoporre i pazienti a test neuropsicologici specifici. In particolare è nata una collaborazione con il Prof. Michael Corballis, del Dipartimento di Psicologia dell Università di Auckland, Nuova Zelanda, che è interessato a studiare il trasferimento interemisferico degli stimoli visivi nei pazienti split-brain, ed il ruolo e i meccanismi dell attenzione selettiva nella percezione di tali stimoli. I Proff. Salvatore Aglioti, del Dipartimento di Psicologia, Università di Roma La Sapienza, e Giancarlo Tassinari, del Dipartimento di Scienze Neurologiche e della Visione dell Università di Verona, oltre a partecipare alle ricerche psicofisiche sulla sensibilità gustativa, hanno studiato, rispettivamente, i meccanismi di percezione della propria identità mediante la presentazione di facce chimeriche, e la modulazione dell alessia sinistra da parte di parametri fisici dello stimolo visivo. Il Prof. Carlo Alberto Marzi, del Dipartimento di Scienze Neurologiche e della Visione dell Università di Verona, ha studiato il ruolo del collicolo superiore nel trasferimento interemisferico di alcune caratteristiche degli stimoli visivi. Il Dott. Markus Hausmann, del Dipartimento di Biopsicologia dell Universitò di Bochum in Germania, ha studiato, nei pazienti split-brain, il trasferimento interemisferico delle informazioni uditive e la capacità di localizzare i suoni. Di seguito sono descritti brevemente gli argomenti delle ricerche svolte dal gruppo di Ancona. Attualmente sono in corso studi articolati in varie linee di ricerca: una ha lo scopo di determinare con maggior precisione l organizzazione funzionale del corpo calloso, un altra di definire una mappa dei sapori a livello della corteccia gustativa primaria, in un terzo filone viene affrontato lo studio funzionale della corteccia visiva in situazioni normali e patologiche. Questi studi vengono svolti in parte in collaborazione con alcuni ricercatori del Dipartimento di Neuroscienze e della Visione dell Università di Verona. Di recente è stata impostata una collaborazione con il Prof. E.A. Cabanis, del Centre Hospitalier Nationale d Ophtalmologie des XV-XX, Università Pierre et Marie Curie, Parigi. Desideriamo ringraziare tutti i volontari, i pazienti ed il personale del Dipartimento di Neuroscienze e dell Istituto di Radiologia che ha collaborato allo svolgimento delle ricerche descritte. Mara Fabri Tullio Manzoni Gabriele Polonara Ugo Salvolini 2

3 Argomenti delle ricerche Rappresentazione delle linee mediane del corpo nella corteccia somestesica 1 prima dell'uomo (pubblicazioni 6, 7). Uno altro dei primi problema problemi affrontato affrontati nell uomo mediantela la fmri fu fu la rappresentazione corticale dei recettori cutanei posti sulla linea mediana del tronco. Il gruppo diretto dal Prof. Manzoni aveva a lungo studiato questo tema nei mammiferi (gatti e scimmie), sia con tecniche elettrofisiologiche che neuroanatomiche. Con la fmri si voleva verificare se la rappresentazione dei recettori tattili in prossimità della linea mediana seguisse un pattern bilaterale nell area SI, come descritto in altri mammiferi, quale fosse eventualmente il meccanismo nervoso alla base di tale rappresentazione, e se nell uomo il corpo calloso abbia o meno la funzione di mediare le risposte ipsilaterali relative alla linea mediana dello spazio sensoriale. Dopo aver dimostrato che la stimolazione unilaterale dei recettori tattili posti sulla superficie ventrale del tronco, in prossimità della linea mediana, attivava l area SI di entrambi gli emisferi, si è applicato lo stesso protocollo sperimentale ad un gruppo di pazienti sottoposti in passato a sezione chirurgica del corpo calloso a scopo terapeutico. Nei pazienti callosotomizzati, l attivazione delle aree SI ed SII ipsilaterali era assente in seguito alla stimolazione della superficie ventro-laterale del tronco, come nei soggetti di controllo. La stimolazione della superficie ventro-mediale del tronco (linea mediana ventrale) ha provocato l attivazione dell area SI ipsilaterale in tutti i pazienti con callosotomia parziale, e nella maggioranza dei pazienti con callosotomia totale. In tutti i casi, l attivazione nell area SI era localizzata in una regione corrispondente alla rappresentazione della zona del tronco nota da altri studi sull uomo e sui primati non umani. I risultati di questo studio hanno dimostrato che nell uomo la stimolazione dei meccanocettori della superficie del tronco in prossimità della linea mediana dello spazio recettivo tattile provoca l attivazione dell area SI (e dell area SII) in entrambi gli emisferi, e che l attivazione delle aree somatosensoriali ipsilaterali è almeno in parte indipendente dal corpo calloso. FIGURA F 1. 3 Attivazione nell area SI evocata dalla stimolazione tattile della superficie ventrale del tronco in prossimità della linea mediana ventrale in un soggetto di controllo (A) ed in un paziente con sezione completa del corpo calloso (B). In entrambi i soggetti l attivazione è presente nell area SI dell emisfero contralaterale (A, freccia verde) ed in quello ipsilaterale (freccia rossa). 3

4 2. 1. Ruolo del corpo calloso nell attivazione bilaterale dell area SII: studio mediante fmri su pazienti con sezione chirurgica del corpo calloso (pubblicazioni 1-3, 5). La ricerca aveva lo scopo di verificare nell uomo mediante fmri se, in assenza del corpo calloso, la principale commessura interemisferica, la stimolazione unilaterale dei recettori tattili della mano attivasse solo l area somestesica seconda (SII) dell emisfero contralaterale, ovvero le aree SII di entrambi gli emisferi, come si verifica nei normali soggetti con nevrasse integro. Le indagini furono eseguite su un gruppo di soggetti normali volontari (gruppo di controllo) e su un gruppo di pazienti che erano stati sottoposti in precedenza a sezione chirurgica del corpo calloso per il trattamento dell epilessia farmaco-resistente. La stimolazione tattile dei soggetti di controllo e dei pazienti operati di callosotomia era eseguita manualmente mediante la stimolazione meccanica della superficie volare della mano. I risultati relativi all attivazione corticale venivano correlati con l estensione della sezione del corpo calloso, valutata su immagini MR delle sezioni mediosagittali di tutti i pazienti, anche per identificare la regione callosale attraverso la quale decorrono le fibre callosali destinate all area SII. Tutti i pazienti, inoltre, furono valutati per il livello del transfer interemisferico di informazioni tattili mediante un test di denominazione tattile (tactile naming test). L'identificazione degli oggetti presentati all'emisfero non dominante è considerato un buon indice del trasferimento interemisferico di informazioni tattili. E stato così possibile correlare i risultati ottenuti con la fmri relativi all'attivazione corticale dell area SII con quelli del tactile naming test. Uno studio analogo è stato eseguito poi su un paziente che doveva subire un secondo intervento di callosotomia. Dopo il primo intervento (callosotomia anteriore) questo paziente conservava intatta la parte centrale e posteriore del tronco del corpo calloso, dove, secondo quanto viene suggerito dallo studio precedentemente descritto, passano le fibre responsabili del trasferimento interemisferico delle informazioni tattili. A questo punto il paziente è stato studiato con la fmri, per visualizzare l attivazione corticale della corteccia parietale posteriore (PPC) e dell area SII in seguito a stimolazione tattile unilaterale della mano, e con la presentazione di tests neuropsicologici specifici per verificare il trasferimento interemisferico delle informazioni tattili: Tactile Naming Test (TNT), Same-Different Recognition Test (SDRT), e Tactile Finger Localization Test (TFLT), sia nella modalità intramanuale che intermanuale. I risultati ottenuti da questo unico paziente hanno confermato le previsioni attese: prima dell intervento l attivazione delle aree PPC ed SII alla stimolazione tattile era presente sia nell emisfero contralaterale alla mano stimolata che in quello ipsilaterale; in tutti i tests si otteneva una percentuale del 100% di risposte corrette. Dopo il secondo intervento di callosotomia, che ha interrotto le fibre callosali della regione posteriore della commessura, l attivazione delle aree SII e PPC nell emisfero ipsilaterale era assente; il test TNT era eseguito ancora senza errori con la mano destra; in tutti gli altri tests la risposta era scesa a valori di casualità. Successivamente è stato possibile completare lo studio neuropsicologico con la presentazione dei tests SDRT e TFLT ad altri 7 dei pazienti callosotomizzati, precedentemente studiati con la fmri e con il test TNT. In generale è stata osservata una buona correlazione fra la percentuale di risposte corrette nei tests e l estensione della parte posteriore del tronco del corpo calloso rimasta intatta. Anche questo studio conferma quindi che la parte posteriore del tronco del corpo calloso è essenziale per il trasferimento interemisferico delle informazioni tattili. L originalità del contributo portato da questi studi sta nella dimostrazione che la parte posteriore del tronco del corpo calloso è necessaria per il trasferimento interemisferico delle informazioni tattili. 4

5 FIGURA 2 Attivazione nell area SII evocata dalla stimolazione tattile della mano destra in un soggetto di controllo (A) ed in un paziente con sezione completa del corpo calloso (C). B e D rappresentano l incremento del segnale che si verifica nelle regioni di interesse indicate in A e C, rispettivamente, durante le fasi di presentazione dello stimolo. Nel soggetto con corpo calloso integro l attivazione è presente nell area SII dell emisfero contralaterale (A, freccia verde) ed in quello ipsilaterale (freccia rosa). Nel paziente l attivazione si può osservare solo nell emisfero contralaterale (C, freccia verde). Secondo la convenzione radiologica, l emisfero sinistro è raffigurato a destra. SS, solco di Silvio. 5

6 4. 3. Studio della rappresentazione della periferia cutanea nella corteccia somatosensoriale primaria e secondaria dell'uomo mediante la risonanza magnetica funzionale (pubblicazione 8). La periferia cutanea è rappresentata nei mammiferi, inclusi i primati non umani, nelle aree corticali somestesiche prima (SI) e seconda (SII). Nell uomo, l'area SI si trova nel giro postcentrale ed è suddivisa in 4 aree citoarchitettoniche. L area SII si trova nell opercolo parietale, nella profondità del solco di Silvio. Gli studi più recenti sono prevalentemente focalizzati sulla rappresentazione corticale della mano, talvolta del piede, della regione trigeminale e raramente del tronco. Attualmente è disponibile un solo studio completo della rappresentazione della periferia sensoriale cutanea nell area SI, eseguito con la magnetoencefalografia, una tecnica che ha dei limiti per quanto riguarda la risoluzione spaziale. La metodica che permette di ottenere informazioni con la migliore risoluzione spaziale è attualmente la fmri, ma i dati sulla rappresentazione della periferia sensoriale ottenuti con questa tecnica sono al momento incompleti. La ricerca ha avuto lo scopo di studiare nell'uomo l organizzazione somatotopica della rappresentazione della periferia cutanea nell area SI, e successivamente di verificare quali regioni della mappa del corpo siano rappresentate in entrambi gli emisferi ed in quali aree corticali. La ricerca è stata eseguita su un gruppo di soggetti normali volontari. L'attivazione corticale osservata nelle area SI è stata messa in relazione con la regione corporea stimolata, sia nell'emisfero contralaterale al lato stimolato che in quello ipsilaterale. La costruzione della mappa corporea somatosensoriale con la fmri può costituire un utile strumento diagnostico nei casi di alterazioni della rappresentazione dovute a lesioni centrali o periferiche e qualora siano necessari interventi di neurochirurgia. 6

7 FIGURA 3 Mappa delle attivazioni evocate nell area SI dalla stimolazione tattile di varie regioni della superficie corporea (aree colorate nella figurina) in soggetti di controllo, nell emisfero contralaterale al lato del corpo stimolato (A) ed in quello ipsilaterale (B). Le attivazioni sono riportate sulla superficie corticale che è stata prima gonfiata, per evidenziare le zone di norma nascoste nella profondità dei solchi (regioni in grigio scuro), e poi appiattita, per rappresentare le regioni attivate in un sistema di coordinate in due dimensioni. Le regioni in grigio chiaro corrispondono alle parti corticali normalmente esposte. CS, solco centrale; PCS, solco postcentrale; SS, solco di Silvio. 7

8 2. 4. Studio della rappresentazione corticale della sensibilità nocicettiva (pubblicazione 4). La rappresentazione corticale della sensibilità nocicettiva è stata studiata in sei soggetti di controllo ed in tre pazienti con resezione completa del corpo calloso; in entrambi i gruppi inoltre la rappresentazione corticale degli stimoli nocivi è stata confrontata con quella di stimoli tattili innocui. La stimolazione tattile è stata eseguita manualmente mediante la stimolazione meccanica della superficie volare della mano destra (e successivamente della sinistra). La stimolazione nocicettiva era costituita da stimoli acuminati applicati sul palmo della mano (destra e sinistra), in grado di evocare una chiara sensazione dolorifica, riferita verbalmente dal soggetto. In entrambi i gruppi la stimolazione nocicettiva attivava l area SI e la corteccia del giro del cingolo nell emisfero contralaterale, e bilateralmente l area SII e l insula. In questo studio è stato osservato che l attivazione bilaterale dell area SII e dell insula è, almeno in parte, indipendente dalla mediazione del corpo calloso, ed è probabilmente dovuta al coinvolgimento di vie sottocorticali. F FIGURA 4 Attivazione nell area SII evocata dalla stimolazione tattile(a) e dolorifica (B) della mano destra in un paziente con sezione completa del corpo calloso. C e D rappresentano l incremento del segnale che si verifica nelle regioni di interesse indicate in A e C, rispettivamente, durante le fasi di presentazione dello stimolo. La stimolazione tattile evoca attivazione solo nell area SII dell emisfero contralaterale (A, zona 1); la stimolazione dolorifica evoca attivazione sia nell area SII dell emisfero contralaterale (B, zona 2) che in quello ipsilaterale (B, zona 3). Secondo la convenzione radiologica, l emisfero sinistro è raffigurato a destra. SS, solco di Silvio. 8

9 5. Studio delle basi nervose della percezione gustativa in pazienti callosotomizzati ed in soggetti di controllo (comunicazioni a congressi 33, 35, 37, 38). Lo scopo della ricerca era lo studio della rappresentazione corticale degli stimoli gustativi in soggetti di controllo ed in soggetti con resezione del corpo calloso. Un particolare interesse è stato posto nel verificare se la rappresentazione corticale degli stimoli gustativi sia localizzata nell'emisfero ipsilaterale, come è stato descritto nei primati non umani, o in quello contralaterale al lato stimolato. Lo studio è stato condotto su un gruppo di soggetti di controllo ed un gruppo di pazienti con sezione del corpo calloso. In una fase preliminare i soggetti hanno identificato verbalmente stimoli gustativi (sostanze che evocano i quattro sapori fondamentali: saccarosio 10% = dolce, cloruro di chinino 0,002 M = amaro, NaCl 1M = salato, succo di limone = acido) erogati in piccole gocce alternativamente sull'emilingua destra e sull'emilingua sinistra. Accertata la capacità dei soggetti di discriminare i singoli gusti, si è proceduto a studiare l'attivazione della corteccia cerebrale evocata dalla somministrazione diegli stimoli sapidi su una delle due emilingue, ed a confrontarla con l'attivazione evocata dall'applicazione di uno stimolo non sapido (controllo = acqua distillata). I risultati di questo studio hanno dimostrato che la stimolazione unilaterale dei recettori gustativi attiva la corteccia gustativa primaria (GI) in entrambi gli emisferi cerebrali nei soggetti con cervello integro, mentre nei pazienti callosotomizzati si è osservato un pattern di attivazione più complesso, che evidenzia comunque un possibile ruolo del corpo calloso. FIGURA 5 Attivazione nell area GI evocata dalla stimolazione gustativa della metà sinistra della lingua con una soluzione satura di cloruro di sodio in un soggetto di controllo (A) ed in un paziente con sezione completa del corpo calloso (B). I grafici a e b rappresentano l incremento del segnale che si verifica nelle regioni di interesse indicate in A e B (frecce gialle), rispettivamente, durante le fasi di presentazione dello stimolo. Nel soggetto con corpo calloso integro l attivazione è presente nell area GI dell emisfero ipsilaterale (a, freccia) ed in quello contralaterale (a ). Nel paziente l attivazione si può osservare solo nell emisfero ipsilaterale (b). 9

10 6. Studio della topografia del corpo calloso dell uomo mediante la risonanza magnetica funzionale (comunicazioni a congressi 39, 40). Il corpo calloso è la principale commessura interemisferica. Attua il trasferimento e l integrazione interemisferica delle informazioni. Dagli studi eseguiti sui primati non umani mediante traccianti neuronali è stato dimostrato che il corpo calloso ha un organizzazione topografica, e può essere suddiviso in regioni con specifica modalità: le fibre che decorrono nella regione anteriore (rostro, ginocchio e metà anteriore del tronco) connettono i lobi frontali e sono coinvolte nel trasferimento di informazioni motorie; le fibre della porzione posteriore (metà posteriore del tronco, istmo e splenio) connettono i lobi parietali, temporali ed occipitali e verosimilmente trasferiscono rispettivamente informazioni somatosensoriali, uditive e visive. Nell uomo le attuali conoscenze derivano da studi post-mortem o dall analisi di deficit mostrati da pazienti con lesioni focali del corpo calloso, ovvero con sezione chirurgica parziale della commessura eseguita a scopo terapeutico. L organizzazione topografica delle fibre callosali messa in evidenza nei primati non umani sembra in linea generale confermata anche nell uomo, ma i dati non sono conclusivi. La presente ricerca ha lo scopo di studiare nell'uomo, mediante la fmri, l organizzazione topografica delle fibre che attraversano il corpo calloso. I dati sono stati raccolti durante studi sulla rappresentazione corticale tattile, gustativa e visiva eseguiti su 22 soggetti normali volontari, ai quali sono stati presentati stimoli sensoriali di varia natura (tattili, visivi, gustativi), alternativamente al lato sinistro o destro della periferia sensoriale, oppure contemporaneamente ai due lati del corpo (alle mani, agli occhi, alle due metà della lingua). In questo caso, gli stimoli potevano essere uguali o diversi, ed al soggetto veniva richiesto di confrontarli mentalmente senza produrre risposta verbale. Poiché questa condizione implica il trasferimento interemisferico di informazioni sensoriali, si presumeva di poter osservare l'attivazione delle regioni callosali dove decorrono le fibre reclutate. La costruzione della mappa di attivazione del corpo calloso potrebbe risultare un utile strumento diagnostico nei casi di alterazioni del trasferimento dovute a lesioni centrali e qualora siano necessari interventi di neurochirurgia. I primi risultati ottenuti indicano che è possibile rilevare mediante la fmri l attività della sostanza bianca, oltre che della grigia, e che nel corpo calloso dell uomo esiste una organizzazione topografica simile a quella descritta nei primati non umani. F FIGURA 6 Attivazione nel corpo calloso (frecce verdi) evocata dalla stimolazione gustativa della metà sinistra della lingua (a sinistra), dalla stimolazione tattile della mano sinistra (al centro) e dell emicampo visivo sinistro (a destra) in soggetti di controllo. 10

11 7. Studio dell organizzazione anatomo-funzionale delle vie visive in condizioni normali e patologiche (comunicazioni a congressi 20, 41). L avvento della RM ad alto campo in particolare ha permesso di ottenere immagini morfologiche ad alta risoluzione in vivo, e l uso della RM-funzionale ha consentito di mappare le vie della visione, evidenziando la specializzazione funzionale e la reciproca interazione dei componenti corticali. Si è dimostrato che anche nell uomo la corteccia occipitale è sede di diverse aree visive, ognuna delle quali presenta una rappresentazione del campo visivo. E stato quindi possibile identificare le singole aree visive mediante una procedura di mappaggio del campo visivo (mappaggio retinotopico). La frmi consente inoltre di analizzare le strutture sottocorticali dedicate alla trasmissione ed alla elaborazione della informazione visiva, come il corpo genicolato laterale, e di identificare l organizzazione gerarchica delle aree secondarie, che fanno parte delle vie visive dorsale e ventrale, e chiarire i loro aspetti funzionali e le loro interconnessioni. Un nuovo impulso agli studi della organizzazione sottocorticale e corticale deriva dalla applicazione di nuovi metodi di analisi RM-funzionale come il cosiddetto imaging del tensore di diffusione, che consente la dimostrazione delle connessioni della sostanza bianca proiettive (vie ottiche) ed associative (cortico-corticali), che collegano le singole strutture neurali dedicate alla visione. La ricerca descritta è stata effettuata in collaborazione con la Cattedra di Neuroradiologia della Università Federico II di Napoli, con l IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (FG) e con la Clinica di Oftalmologia dell Università Politecnica delle Marche, diretta dal Prof. Giovannini. F FIGURA 7 A, attivazione della corteccia occipitale dell emisfero sinistro (freccia) in seguito a presentazione di uno stimolo visivo (scacchiera) nella porzione laterale del campo visivo destro e, B, della corteccia occipitale di destra (freccia) in seguito a presentazione di uno stimolo visivo nella porzione laterale del campo visivo sinistro. 11

12 Ricerche in corso: Ricerche in corso 1. Studio delle strutture neurali attivate dalla presentazione di stimoli con diverso contenuto emotivo, in collaborazione con la Sezione di Psichiatria, Dipartimento di Neuroscienze (Dott. Bernardo Nardi, Dott.ssa Ilaria Capecci). Lo studio si propone di indagare, mediante la fmri, le attivazioni di strutture del SNC prodotte in volontari sani da stimoli emozionali esterni standardizzati, e di verificare se, passando dall esperienza in terza persona a quella in prima persona, si attivino o meno le stesse aree. Gli stimoli visivi utilizzati, facce umane con espressioni alterne di un emozione chiaramente positiva (gioia), una chiaramente negativa (rabbia) ed una neutra, sono presentati tramite occhiali appositi, compatibili con l ambiente della MRI, collegati ad un computer, al centro del campo visivo secondo un paradigma a blocchi. I dati ottenuti saranno confrontati con l organizzazione di personalità del soggetto e, all interno di questa, con la presenza di modalità di messa a fuoco dell esperienza di tipo inward o outward (dall interno o dall esterno). Questa fase intende verificare le correlazioni tra le attivazioni emozionali osservate mediante fmri e le organizzazione di personalità. Come documentato da recenti studi di fmri, a modalità inward od outward corrispondono pattern di attivazioni emozionali differenziati: nei soggetti inward, rispetto a quelli outward, si è osservata una maggiore attivazione dell amigdala e di altre strutture limbiche in conseguenza di stimoli emotivi. 2. Valutazione della riorganizzazione corticale in soggetti sottoposti a chirurgia ricostruttiva di lesione tendinea dell arto superiore, in collaborazione con la Sezione di Neuroriabilitazione, Dipartimento di Neuroscienze (Prof.ssa Maria Gabriella Ceravolo, Dott.ssa Maria Elena Collina). Lo studio si propone di valutare nel tempo la riorganizzazione della corteccia sensorimotoria in soggetti che hanno subito un intervento di chirurgia ricostruttiva in seguito a lesione tendinea dell arto superiore. A tale scopo, i pazienti saranno sottoposti a sedute di fmri prima dell inizio del trattamento di riabilitativo, dopo immobilizzazione dell arto di circa un mese, dopo 4 mesi di trattamento ed al termine della terapia. Durante la seduta il paziente dovrà eseguire semplici compiti motori con la mano integra e con la mano lesionata, e sarà sottoposto a stimolazione tattile di entrambi gli arti, secondo un paradigma a blocchi. Saranno valutate l attivazione corticale evocata nei due emisferi dalla stimolazione tattile e motoria dei due arti, e l organizzazione delle fibre nervose che collegano le aree sensoriali e motorie tra loro e con la periferia. 3. Valutazione della connettività corticale in soggetti affetti da patologie delle vie ottiche, in collaborazione con la Sezione di Oftalmologia, Dipartimento di Neuroscienze (Prof. Alfonso Giovannini, Dott. Simone Salvolini). Un nuovo impulso agli studi della organizzazione sottocorticale e corticale deriva dalla applicazione del tensore di diffusione, che consente la dimostrazione delle connessioni della sostanza bianca proiettive (vie ottiche) ed associative (cortico-corticali), che collegano le singole strutture neurali dedicate alla visione. Con questo metodo sarà possibile visualizzare, in fase acuta, subacuta e cronica, le variazioni strutturali delle fibre retino-corticali e le corrispondenti alterazioni della attivazione corticale in soggetti che hanno subito lesioni a diversi livelli delle vie ottiche, e valutare l evoluzione nel tempo anche in relazione con il trattamento. 12

13 Elenco delle pubblicazioni 1. Polonara G., Fabri M., Manzoni T., Salvolini U. Localization of the first (SI) and second (SII) somatic sensory areas in human cerebral cortex with fmri. AJNR Am. J. Neuroradiol., 20, , Abstract BACKGROUND AND PURPOSE: Our objective was to map by means of a conventional mid-field (1.0 T) MR imaging system the somatosensory areas activated by unilateral tactile stimulation of the hand, with particular attention to the areas of the ipsilateral hemisphere. METHODS: Singleshot echo-planar T2*-weighted imaging sequences were performed in 12 healthy volunteers to acquire 10 contiguous 7-mm-thick sections parallel to the coronal and axial planes during tactile stimulation of the hand. The stimulation paradigm consisted of brushing the subjects' palm and fingers with a rough sponge at a frequency of about 1 Hz. RESULTS: Stimulation provoked a signal increase (about 2% to 5%) that temporally corresponded to the stimulus in several cortical regions of both hemispheres. Contralaterally, activation foci were in the anterior parietal cortex in an area presumably corresponding to the hand representation zone of the first somatosensory cortex, in the posterior parietal cortex, and in the parietal opercular cortex forming the upper bank of the sylvian sulcus and probably corresponding to the second somatosensory cortex. Activation foci were also observed in the frontal cortex. Ipsilaterally, activated areas were in regions of the posterior parietal and opercular cortices roughly symmetrical to those activated in the contralateral hemisphere. The same activation pattern was observed in all subjects. CONCLUSION: The activated areas of the somatosensory cortex described in the present study corresponded to those reported in other studies with magnetoelectroencephalography, positron emission tomography, and higher-field functional MR imaging. An additional area of activation in the ipsilateral parietal operculum, unnoticed in other functional MR imaging studies, was also observed. Citato da Young J.P., Herath P., Eickhoff S., Choi J., Grefkes C., Zilles K., Roland P.E Somatotopy and attentional modulation of the human parietal and opercular regions. J. Neurosci., 24, , Brody A.L., Mandelkern M.A., London E.D., Childress A.R., Lee G.S., Bota R.G., Ho M.L., Saxena S., Baxter L.R. Jr, Madsen D., Jarvik M.E. Brain metabolic changes during cigarette craving. Arch. Gen. Psychiatry, 59, , Carey L.M., Abbott D.F., Puce A., Jackson G.D., Syngeniotis A., Donnan G.A. Reemergence of activation with poststroke somatosensory recovery: A serial fmri case study. Neurology, 59, , Ruben J., Schwiemann J., Deuchert M., Meyer R., Krause T., Curio G., Villringer K., Kurth R., Villringer A. Somatotopic organization of human secondary somatosensory cortex. Cereb Cortex, 11, , Olausson H., Ha B., Duncan G.H., Morin C., Ptito A., Ptito M., Marchand S., C. Bushnell M. Cortical activation by tactile and painful stimuli in hemispherectomized patients. Brain, 124, ,

14 2. Fabri M., Polonara G., Quatttrini A., Salvolini U., Del Pesce M., Manzoni T. Role of the corpus callosum in the somatosensory activation of the ipsilateral cerebral cortex: an fmri study of callosotomized patients. Eur. J. Neurosci. 11, , Abstract To verify whether the activation of the posterior parietal and parietal opercular cortices to tactile stimulation of the ipsilateral hand is mediated by the corpus callosum, a functional magnetic resonance imaging (fmri, 1.0 tesla) study was performed in 12 control and 12 callosotomized subjects (three with total and nine with partial resection). Eleven patients were also submitted to the tactile naming test. In all subjects, unilateral tactile stimulation provoked a signal increase temporally correlated with the stimulus in three cortical regions of the contralateral hemisphere. One corresponded to the first somatosensory area, the second was in the posterior parietal cortex, and the third in the parietal opercular cortex. In controls, activation was also observed in the ipsilateral posterior parietal and parietal opercular cortices, in regions anatomically corresponding to those activated contralaterally. In callosotomized subjects, activation in the ipsilateral hemisphere was observed only in two patients with splenium and posterior body intact. These two patients and another four with the entire splenium and variable portions of the posterior body unsectioned named objects explored with the right and left hand without errors. This ability was impaired in the other patients. The present physiological and anatomical data indicate that in humans activation of the posterior parietal and parietal opercular cortices in the hemisphere ipsilateral to the stimulated hand is mediated by the corpus callosum, and that the commissural fibres involved probably cross the midline in the posterior third of its body. Citato da: Nefs H.T., Kappers A.M.L., Koenderink J.J. Intermanual and intramanual tactual grating discrimination. Experimental Brain Research, 163:1, 123, Current awareness in NMR in biomedicine NMR in Biomedicine, 13:3, , Fabri M., Polonara G., Del Pesce M., Quatttrini A., Salvolini U., Manzoni T. Posterior corpus callosum and interhemispheric transfer of somatosensory information: an fmri and neuropsychological study of a partially callosotomized patient. J Cogn Neurosci. 13, , Abstract Interhemispheric somatosensory transfer was studied by functional magnetic resonance imaging (fmri) and neuropsychological tests in a patient who underwent resection of the corpus callosum (CC) for drug-resistant epilepsy in two stages. The first resection involved the anterior half of the body of CC and the second, its posterior half and the splenium. For the fmri study, the hand was stimulated with a rough sponge. The neuropsychological tests included: Tactile Naming Test (TNT), Same-Different Recognition Test (SDRT), and Tactile Finger Localization Test (intra- and intermanual tasks, TFLT). The patient was studied 1 week before and then 6 months and 1 year after the second surgery. Before this operation, unilateral tactile stimulation of either hand activated contralaterally the first (SI) and second (SII) somatosensory areas and the posterior parietal (PP) cortex, and SII and PP cortex ipsilaterally. All three tests were performed without errors. In both postoperative sessions, somatosensory activation was observed in contralateral SI, SII, and PP cortex, but not in ipsilateral SII and PP cortex. Performance was 100% correct in the TNT for the right hand, but below chance for the left; in the other tests, it was below chance except for TFLT in the intramanual task. This case provides the direct demonstration that activation of SII and PP cortex to stimulation of the ipsilateral hand and normal interhemispheric transfer of tactile information require the integrity of the posterior body of the CC. 14

15 Citato da: Schulte T., Sullivan E.V., Muller-Oehring E.M., Adalsteinsson E., Pfefferbaum A. Corpus callosal microstructural integrity influences interhemispheric processing: a diffusion tensor imaging study. Cereb Cortex, 15:9, , Ferretti A., Babiloni C., Gratta C.D., Caulo M., Tartaro A., Bonomo L., Rossini P.M., Romani G.L. Functional topography of the secondary somatosensory cortex for nonpainful and painful stimuli: an fmri study. Neuroimage, 20:3, , Corballis M.C., Corballis P.M., Fabri M. Redundancy gain in simple reaction time following partial and complete callosotomy. Neuropsychologia, psychology.gatech.edu, Fabri M., Polonara G., Quattrini A., Salvolini U. Mechanical noxious stimuli cause bilateral activation of parietal operculum in callosotomized subjects. Cerebral Cortex 12, , Abstract The patterns of cortical activation evoked by tactile and mechanical painful stimulation in six normal subjects and three patients with complete resection of the corpus callosum are described and compared, with emphasis on the parietal operculum. Stimulus-related cortical activation was investigated by functional magnetic resonance imaging. In both groups, painful stimulation activated the first somatosensory, insular and cingulate cortices in the contralateral hemisphere, and the parietal opercular cortex in both hemispheres. Comparison between the two patterns of cortical activation demonstrated that ipsilateral activation by unilateral painful stimulation is at least partially independent of the corpus callosum and suggests a different organization of the pain and touch systems. Citato da: Porro C.A. Functional Imaging and Pain: Behavior, Perception, and Modulation. Neuroscientist, 9:5, , Ferretti A., Babiloni C., Gratta C.D., Caulo M., Tartaro A., Bonomo L., Rossini P.M., Romani G.L. Functional topography of the secondary somatosensory cortex for nonpainful and painful stimuli: an fmri study. Neuroimage, 20:3, , Battaglia-Mayer A., Caminiti R., Lacquaniti F., Zago M. Multiple levels of representation of reaching in the parieto-frontal network. Cereb Cortex, 13:10, , Fabri M., Del Pesce M., Paggi A., Polonara G., Bartolini M., Salvolini U., Manzoni T. Contribution of the posterior corpus callosum to interhemispheric transfer of tactile information. Cogn. Brain Res. 24, 73-80, Abstract Three total and three partial callosotomy patients underwent neuropsychological testing to evaluate interhemispheric transfer of tactile information. Tactile transfer is required to name objects presented to the left hand, to compare objects held in either hand, and to transfer topological information between hands. Tactile Naming, Same-Different Recognition, and Tactile Finger Localization Tests (intra- and intermanual tasks) were administered as specific tools. Results 15

16 were compared with previous fmri data from the same subjects and with the performance of a control group (20 age-matched subjects). Total callosotomy patients performed modestly: mean correct responses were 93% and 30% (right and left hand, respectively) in Tactile Naming; 68% in Same-Different Recognition; 84% and 76% (right and left hand stimulation, respectively) in intermanual Tactile Finger Localization, and 100% in the intramanual task. Partial callosotomy patients achieved % accuracy: all have an intact splenium, and one, and possibly all, also an intact posterior callosal body. Controls scored 99% in Tactile Naming, both hands, and Same- Different Recognition; 100% in intramanual Tactile Finger Localization; and 96% and 95%, with right and left hand stimulation, respectively, in the intermanual task. Differences between the two callosotomy groups were significant, as were those between total callosotomy patients and controls. The partial callosotomy group scored like the control subjects. Neuropsychological data agree with previous functional findings, further demonstrating that interhemispheric tactile transfer requires posterior corpus callosum integrity. 6. Fabri M., Polonara G., Salvolini U., Manzoni T. Bilateral cortical representation of the trunk midline in human fisrt somatic sensory area. Hum. Brain Mapp. 25, , Abstract The cortical representation of the trunk zone in the human first somatosensory area was studied with functional magnetic resonance imaging (fmri) to establish whether the cutaneous regions close to the midline are represented in this area of both hemispheres. Cortical activation foci evoked by unilateral tactile stimulation of ventral trunk regions were detected in the postcentral gyrus of the contralateral hemisphere slightly medial to or just behind the omega-shaped region of the central sulcus and in the anterior bank of the postcentral sulcus. These regions probably correspond to the trunk ventral midline representation zones of areas 3a-3b and 1-2, respectively. Stimulation of cutaneous regions adjacent to the midline evoked activation foci also in the ipsilateral postcentral gyrus in regions symmetrical to those activated in the contralateral hemisphere. These data demonstrate that in humans, as in nonhuman primates, the cutaneous regions adjacent to the trunk midline are represented bilaterally in the first somatic sensory cortex. Whether the ipsilateral activation depends on callosal or extracallosal inputs remains to be elucidated. 7. Fabri M., Polonara G., Mascioli G., Paggi A., Salvolini U., Manzoni T. Contribution of the corpus callosum to bilateral representation of the trunk midline in the human brain: an fmri study of callosotomized patients. Eur. J. Neurosci. 23, , Abstract Human brain studies have shown that the cutaneous receptors of trunk regions close to the midline are represented in the first somatosensory cortex (SI) of both hemispheres. The present study aims to establish whether in humans, as in non-human primates, the bilateral representation of the trunk midline in area SI depends on the corpus callosum. Data were obtained from eight callosotomized patients: three with complete callosal resection, one with a partial posterior resection including the splenium and the callosal trunk, and four with partial anterior resections sparing the splenium and in one case also the posterior part of the callosal trunk. The investigation was carried out with functional magnetic resonance imaging. Unilateral tactile stimulation was applied by rubbing ventral trunk regions close to the midline (about 20 x 10 cm in width) with a soft cotton pad (frequency 1 Hz). Cortical activation foci elicited by unilateral stimulation of cutaneous regions adjacent to the midline were detected in the contralateral postcentral gyrus (PCG), in a region corresponding to the trunk ventral midline representation zone of area SI, as described in a previous study of intact subjects. In most patients, activation foci were also found in the ipsilateral PCG, again as in subjects with an intact corpus callosum. The data confirm that the skin regions adjacent to the trunk midline are represented bilaterally in SI, and indicate that ipsilateral activation is at least partially independent of the corpus callosum. 16

17 8. Polonara G., Mascioli G., Salvolini U., Manzoni T., Fabri M. Representation of cutaneous skin receptors in the anterior parietal cortex of man: a functional imaging study, inviato per la pubblicazione. Abstract The present research aims at studying the cortical representation of the body in the first somatosensory area of the human brain, to verify if a non-invasive diagnostic technique as the functional magnetic resonance imaging, performed with a medium-strenght magnet currently used for diagnostic purpose, can be a useful preoperative tool. The study has been carried out using a General Electric Signa LX NV/i magnet (1.5 Tesla, gradients 50mT/m). The images of 10 contiguous 5-mm-thick encephalic sections parallel to the axial plane have been acquired using an echo planar sequence. Unilateral tactile stimulation was applied by rubbing cutaneous regions with a soft cotton pad (frequency 1 Hz). The paradigm lasted 5 minutes and consisted of alternating periods of rest and stimulation. Data have been obtained from fourteen volunteers. Stimulation of different body regions activated topographically different cortical regions: foci evoked by foot, leg, trunk, arm, hand and face stimulation were arranged, respectively, in a medial-to-lateral fashion throughout the post-central gyrus of resulting somatotopic map are in agreement with previous human functional (PET and MEG) and monkey recording studies. Proximal body and hand activation foci were also present in the ipsilateral post-central gyrus. Present results confirm that in man, as in non-human primates, the cutaneous periphery be represented in a somatotopically organized fashion in the first somatic sensory cortex of the contralateral hemisphere and partially also in the ipsilateral. Altre pubblicazioni 1. Aglioti S.M., Tassinari G., Fabri M., Del Pesce M., Quattrini A., Manzoni T., Berlucchi G. Taste laterality in the split brain. Eur. J. Neurosci. 13, , Citato da: Hausmann M., Corballis M.C., Fabri M. Line bisection in the split brain. Neuropsychology, 17, , Berlucchi G., Moro V., Guerrini C., Aglioti S.M. Dissociation between taste and tactile extinction on the tongue after right brain damage. Neuropsychologia, 42, , Corballis M.C., Corballis P.M., Fabri M.. Redundancy gain in simple reaction time following partial anc complete callosotomy. Neuropsychologia 42, 71-81, Citato da: Corballis M.C., Barnett K.J., Fabri M., Paggi A., Corballis P.M. Hemispheric integration and differences in perception of a line-motion illusion in the divided brain. Neuropsychologia, , Weber, B., Treyer, V., Oberholzer, N., Jaermann, T., Boesiger, P., Brugger, P., Regard, M., (...), Marzi, C.A Attention and interhemispheric transfer: A behavioral and fmri study. Journal of Cognitive Neuroscience, 17 :1, , Hausmann M., Corballis M.C., Fabri M., Paggi A., Lewald J. Sound lateralization in subjects with callosotomy, callosal agenesis, or hemispherectomy. Cognitive Brain Research, 25 :2, ,

18 Corballis M.C., Corballis P.M., Fabri M., Paggi A., Manzoni T. Now you see it, now you don't: Variable hemineglect in a commissurotomized man Cognitive Brain Research, 25 :2, , Miller J., Adam J.J. Redundancy gain with static versus moving hands: A test of the hemispheric coactivation model. Acta Psychologica, 122:1, 1-1, Miller J. Exaggerated redundancy gain in the split brain: A hemispheric coactivation account. Cognitive Psychology, 49:2, , Schulte T., Chen S.H.A., Muller-Oehring E.M., Adalsteinsson E., Pfefferbaum A., Sullivan E.V. fmri evidence for individual differences in premotor modulation of extrastriatal visual-perceptual processing of redundant targets NeuroImage, 30 :3, , Schwarz W. On the relationship between the redundant signals effect and temporal order judgments: Parametric data and a new model Journal of Experimental Psychology: Human Perception and Performance, 32:3, , Tamietto M., Corazzini L.L., De Gelder B., Geminiani G. Functional asymmetry and interhemispheric cooperation in the perception of emotions from facial expressions. Experimental Brain Research, 171:3, , Savazzi S., Marzi C.A. The superior colliculus subserves interhemispheric neural summation in both normals and patients with a total section or agenesis of the corpus callosum. Neuropsychologia, 42 :12, , Schulte T., Sullivan E.V., Müller-Oehring E.M., Adalsteinsson E. Pfefferbaum A. Corpus callosal microstructural integrity influences interhemispheric processing: A diffusion tensor imaging study. Cerebral Cortex, 15:9, , Martuzzi R., Murray M.M., Maeder P.P., Fornari E., Thiran J.-P., Clarke S., Michel C.M., Meuli R.A. Visuo-motor pathways in humans revealed by event-related fmri. Experimental Brain Research, 170: 4, , Hausmann M., Corballis M.C., Fabri M. Line bisection in the split brain. Neuropsychology 17, , Corballis M.C., Barnett K.J., Fabri M., Paggi A., Corballis P.M. Hemispheric integration and differences in perception of a line-motion illusion in the divided brain. Neuropsychologia 42, , Citato da: Noudoost B., Afraz S.-R., Vaziri-Pashkam M., Esteky H. Visual spatial integrity in the absence of splenium. Brain Research, 1076:1, , Volpe P., Paladini D., Resta M., Stanziano A., Salvatore M., Quarantelli M., De Robertis V., Gentile M. Characteristics, associations and outcome of partial agenesis of the corpus callosum in the fetus. Ultrasound in Obstetrics and Gynecology, 27 :5, , Corballis M.C., Corballis P.M., Fabri M., Paggi A., Manzoni T. Now you see it, now you don t: variable hemineglect in a commissurotomized man. Cogn. Brain Res. 25, ,

19 6. Hausmann M., Corballis M.C., Fabri M., Paggi A., Lewald J. Sound lateralization in subjects with callosotomy, callosal agenesis, or hemispherectomy. Cogn. Brain Res. 25, , Savazzi S., Fabri M., Paggi A., Marzi C.A., Neuropsychologia, in stampa, Presentazioni a congressi e convegni Presentazioni a congressi e convegni 1. Fabri M., G. Polonara, U. Salvolini, T. Manzoni. Identification of the first and second somatic sensory areas in human cerebral cortex by functional magnetic resonance imaging. 24 th Spring Meeting of Soc. Ital. di Fisiologia, Firenze, March, Polonara G., M. Fabri, T. Manzoni, U. Salvolini. Localization of the first (SI) and second (SII) somatic sensory areas in human cerebral cortex with functional MR imaging. 35 th Annual Meeting of Am. Soc. Neuroradiol., Toronto, May 18-22, Polonara G., M. Fabri, T. Manzoni, U. Salvolini. FMRI e stimolazioni somatosensoriali. La risonanza magnetica e le neuroscienze. Corso Avanzato di Risonanza magnetica, Trani, giugno Polonara G., Fabri M., Quattrini A., Manzoni T., Salvolini U. Lack of somatosensory activation in ipsilateral cerebral cortex of split-brain patients as revealed by fmri. XXIII ESNR Congress, Oxford, September 1997, Neuroradiology 39 Suppl 1, S60, Fabri M., G. Polonara, A. Quatttrini, U. Salvolini, T. Manzoni. Pattern of activation of cortical somatosensory areas in callosotomized areas as revealed by fmri. 7 th National Congress of Italian Society of Neurosciences, Brescia, September 1997, TINS, 20, 9S, 38, Fabri M., G. Polonara, A. Quatttrini, U. Salvolini, T. Manzoni. Lack of somatosensory activation in ipsilateral cerebral cortex of split-brain patients as revealed by fmri. 27 th Annual Meeting of Society for Neuroscience, New Orleans October Abstr. 23, 1009, Polonara G., Fabri M., Quattrini A., Manzoni T., Salvolini U. Functional MR imaging detection of somatosensory cortical activation in normal and callosotomized subjects. 36 th Annual Meeting of Am. Soc. Neuroradiol, Philadelphia, May 17-21, Polonara G., Fabri M., Quattrini A., Manzoni T., Salvolini U. Attivazione della corteccia cerebrale somatosensoriale. Fisica e Neuroradiologia: Spettroscopia in vivo ed immagini funzionali con risonanza magnetica. Abstract Book p. 39, Perugia, 6-7 maggio Fabri M., G. Polonara, A. Quatttrini, U. Salvolini, T. Manzoni. Somatosensory cortical response to mechanical innocuous and noxious stimuli in normal and callosotomized subjects using functional magnetic resonance imaging. 8 th National Congress of the Italian Society of Neurosciences, Roma, September 1999, Neurosci. Lett. Supplement 52, S23,

20 10. Fabri M., G. Polonara, M. Del Pesce, A. Quattrini, U. Salvolini, T. Manzoni. Role of the corpus callosum in the interhemispheric transfer in the tactile modality. A case report. 27 th Spring Meeting of Società Italiana di Fisiologia, Firenze, 7-9 February 2000, Eur. J. Physol. 440, R32, Polonara G., M. Fabri, T. Manzoni, U. Salvolini. Videoconference: The corpus callosum, Neuroradiology Master Tools, Programma Europeo Leonardo Da Vinci, University of Ancona connected to the Universities of Brussels (Prof B. Balériaux), Toulouse (Prof C. Manelfe), Marseille (Prof C. Raybaud), San Francisco (Prof J Barkovich), May 15 th Polonara G., Fabri M., Del Pesce M., Quattrini A., Manzoni T., Salvolini U. The interhemispheric transfer in the tactile modality: the role of fmri. XXVI ESNR Congress, Oslo, September 2000, Neuroradiology 42 Suppl 1, p. 90, Quattrini A., Polonara G., Fabri M., DelPesce M., Salvolini U., Manzoni T. Role of the corpus callosum in the interhemispheric transfer in the tactile modality. I. A functional magnetic resonance study. 4 th European Congress on Epileptology Firenze, 7-12 October 2000, Epilepsia 41, Suppl. Florence, 31, Paggi A., Del Pesce M., Fabri M., Polonara G., Quattrini A., Salvolini U., Manzoni T. Role of the corpus callosum in the interhemispheric transfer in the tactile modality. II. A neuropsychological study. 4 th European Congress on Epileptology Firenze, 7-12 October 2000, Epilepsia 41, Suppl. Florence, 32, Aglioti S.M., Tassinari G., Fabri M., Manzoni T., Berlucchi G. Taste laterality in the split brain. 28 th Spring Meeting of Soc. Ital. di Fisiologia, Firenze, February, Polonara G., Fabri M., Manzoni T., Salvolini, U. Posterior corpus callosum and interhemispheric transfer of somatosensory information: an fmri study. XVII ESNR Congress, Ancona, settembre 2001, Neuroradiology 43 Suppl 1, S70, Polonara G. FMRI exploration of somatosensory system. International fmri Meeting and Autumn School. Sorrento, 1-4 novembre Tassinari G, Peru A, Fabri M, Lauro-Grotto R. Tachistoscopic reading in the left visual field of callosotomy patients. 3 rd Forum of Eur Soc Neurosciences, Paris, July Fabri M, Polonara G, Salvolini U, Manzoni T. Cortical representation of the trunk midline in the first somatic sensory area of the human brain. 3 rd Forum of Eur Soc Neurosciences, Paris, July 2002, Abstract Book p Salvolini U, Di Salle F, Scarabino T, Salvolini S. Morphological and functional imaging of visual pathways at 3T. Relazione su invito al XVII Symposium Neuroradiologicum, Parigi, agosto J. Neuroradiol. 29, 1S104-1s107, Fabri M, Polonara G, Salvolini U, Manzoni T. Cortical representation of the trunk zone in the somatosensory areas of the human brain. 53 rd Meeting of Soc. Ital. di Fisiologia, Ferrara,16-19 September 2002, Abstract Book p

AREE MOTORIE. Piero Paolo Battaglini

AREE MOTORIE. Piero Paolo Battaglini Corso di Neurofisiologia avanzato AREE MOTORIE Piero Paolo Battaglini Centro per le Neuroscienze BRAIN (Basic Research And Integrative Neuroscience) Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste

Dettagli

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di Marzo 2015 Piercarlo Mauri Curriculum Vitae Dati personali: Data di nascita: 23/12/1983 Luogo di nascita: Tradate (VA) - Italia Nazionalità: Italiana Telefono: +39 0303501594 E-mail: piercarlo.mauri@cognitiveneuroscience.it

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione. Dott.ssa Francesca Benassi

DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione. Dott.ssa Francesca Benassi DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione Dott.ssa Francesca Benassi Le abilità linguistiche nell autismo sono molto compromesse. Circa il 50% dei

Dettagli

MASSIMILIANO ZAMPINI

MASSIMILIANO ZAMPINI MASSIMILIANO ZAMPINI Curriculum vitae 1. Dati anagrafici Data di nascita: 26 Febbraio 1970. Luogo di nascita: Verona. Indirizzo: Via belvedere 4 37057 San Giovanni Lupatoto, Verona, E-mail: massimiliano.zampini@unitn.it

Dettagli

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC)

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC) Università degli Studi di Bologna Laurea Magistrale in Neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche

Dettagli

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Dr Lorenzo Fabrizi Dip. Neuroscienze, Fisiologia e Farmacologia University College London l.fabrizi@ucl.ac.uk Processi neurali del dolore (ovvero

Dettagli

2.Sistemi sensoriali 2 Le vie somatosensoriali

2.Sistemi sensoriali 2 Le vie somatosensoriali 2.Sistemi sensoriali 2 Le vie somatosensoriali Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Organizzazione generale delle vie

Dettagli

Il cervello dei minori abbandonati

Il cervello dei minori abbandonati Il cervello dei minori abbandonati Alterazioni di circuiti nervosi fondamentali, ma con l affidamento familiare il recupero è possibile di Francesco Bottaccioli* Un gruppo di ricerca dell Ospedale dei

Dettagli

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it Caserta, 16 ottobre 2014 1 CONGRESSO NAZIONALE A.

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

Curriculum Vitae et Studiorum

Curriculum Vitae et Studiorum Curriculum Vitae et Studiorum Matteo Baccarini Informazioni Personali Nato a: Milano (Italy) il: 31-08-1982 Indirizzo: Cellulare: E-Mail: Parole Chiave Filosofia della Scienza; Logica; Filosofia delle

Dettagli

Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica

Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica Asimmetria emisferica Esplorazione della asimmetria emisferica a) anatomica (autoptica e neuro-immagini) b) studio di lesioni c) test di

Dettagli

RM Funzionale: Studio con Brain Mapping nella Patologia Tumorale e nella Riabilitazione Post-ictus

RM Funzionale: Studio con Brain Mapping nella Patologia Tumorale e nella Riabilitazione Post-ictus OSPEDALE SANTA CORONA ASL 2 PIETRA LIGURE (SV) U.O. DI NEURORADIOLOGIA direttore: Dott. R.Padolecchia RM Funzionale: Studio con Brain Mapping nella Patologia Tumorale e nella Riabilitazione Post-ictus

Dettagli

PROFILO. Attività di Perfezionamento

PROFILO. Attività di Perfezionamento PROFILO Sono uno psicologo-psicoterapeuta con principale interesse nella neuropsicologia cognitiva dello sviluppo e nella riabilitazione neuropsicologica in età evolutiva. Sono nato in Italia nel 1967

Dettagli

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia Brain Connectivity Center, IRCCS Mondino I fondamenti psicologici dell esperienza musicale

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA Matteo Candidi a) Formazione a1) Formazione Scolastica e Universitaria: 1996: Diploma di maturità Classico-Sperimentale, votazione 56/60, presso il Liceo Virgilio

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dott. Maurizio Gorgoni. Ph.D. - Psicologo

CURRICULUM VITAE. Dott. Maurizio Gorgoni. Ph.D. - Psicologo CURRICULUM VITAE Dott. Maurizio Gorgoni Ph.D. - Psicologo STUDI SVOLTI, ATTIVITA FORMATIVA E PROFESSIONALE - Consegue il diploma presso l Istituto Tecnico Commerciale Antonietta Cezzi De Castro nell A.S.

Dettagli

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Optic radiation: anatomy Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Caratterizzati da emianopsia omonima.

Dettagli

Curriculum Vitae. Debora. Brignani. Posizione attuale. Iter formativo e abilitazioni. Attività di Ricerca in Italia e all estero

Curriculum Vitae. Debora. Brignani. Posizione attuale. Iter formativo e abilitazioni. Attività di Ricerca in Italia e all estero Debora Brignani Curriculum Vitae Luogo e data di nascita: Asola (MN), 1 Maggio 1977 Nazionalità: Italiana Stato civile: coniugata Telefono: +39 0303501597 E-mail: debora.brignani@cognitiveneuroscience.it

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore Prof. Paolo Perri Disturbi della vista e deficit cognitivi Dr.

Dettagli

Posta elettronica per gli studenti Email for the students

Posta elettronica per gli studenti Email for the students http://www.uninettunouniverstiy.net Posta elettronica per gli studenti Email for the students Ver. 1.0 Ultimo aggiornamento (last update): 10/09/2008 13.47 Informazioni sul Documento / Information on the

Dettagli

Il cervello tra determinismo e plas1cità. Alberto Oliverio Università di Roma Sapienza

Il cervello tra determinismo e plas1cità. Alberto Oliverio Università di Roma Sapienza Il cervello tra determinismo e plas1cità Alberto Oliverio Università di Roma Sapienza Alla ricerca del rapporto stru5ura- funzione Broca e Wernicke: aree motorie e sensoriali del linguaggio Paul Broca

Dettagli

CURRICULUM VITAE FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI

CURRICULUM VITAE FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME E NOME BORRONI MARTA DATA DI NASCITA 19/4/1953 AMMINISTRAZIONE INCARICO E STRUTTURA FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI DIRIGENTE I LIVELLO FISICA

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

Via IV NOVEMBRE 39, GROTTAFERRATA, (RM) salvatoremaria.aglioti@uniroma1.it pagina web: http://www.medicina.univr.

Via IV NOVEMBRE 39, GROTTAFERRATA, (RM) salvatoremaria.aglioti@uniroma1.it pagina web: http://www.medicina.univr. Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono SALVATORE MARIA AGLIOTI Via IV NOVEMBRE 39, GROTTAFERRATA, (RM) 347-9659530 E-mail Cittadinanza salvatoremaria.aglioti@uniroma1.it

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

5.Controllo Motorio SNC 1. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona

5.Controllo Motorio SNC 1. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona 5.Controllo Motorio SNC 1 Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Funzioni del tronco encefalico nel controllo della postura Vie

Dettagli

Dr. Franco Valzania Responsabile Servizio di Neurofisiopatologia

Dr. Franco Valzania Responsabile Servizio di Neurofisiopatologia Dr. Franco Valzania Responsabile Servizio di Neurofisiopatologia Dipartimento Neuroscienze Università di Modena-Reggio Emilia Ausl Modena Tecniche di NeuroStimolazione TENS (Transcutaneous Electrical Nerve

Dettagli

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO SNC2 telencefalo Telencefalo Sostanza nera 7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO utamen lobo allido Nucleo caudato In sezione frontale: Nuclei della base il corpo striato

Dettagli

NEUROSCIENZE CLINICHE

NEUROSCIENZE CLINICHE NEUROSCIENZE CLINICHE NEUROBIOLOGIA DELLE RELAZIONI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Prof.ssa Barbara De Marchi Il cervello! Nel corso dell'evoluzione il cervello dell'uomo, così come degli altri organismi viventi,

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

Basi Neurobiologiche del multi-tasking Fausto Caruana

Basi Neurobiologiche del multi-tasking Fausto Caruana Basi Neurobiologiche del multi-tasking Fausto Caruana ``We had many systems failures and they were in need of your constant attention. Many days I'd start an experiment in the morning to get it running

Dettagli

1983 Laurea in medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Milano con votazione 110/110 e lode

1983 Laurea in medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Milano con votazione 110/110 e lode CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Rango Mario Data di nascita 25/9/57 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico I livello Fondazione Ca Granda-Ospedale Policlinico Dirigente

Dettagli

ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc Appunti del corso 2010 caappuntibicoccaappuntibicoccaapp Matteo PS036

ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc Appunti del corso 2010 caappuntibicoccaappuntibicoccaapp Matteo PS036 AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt Il sistema nervoso centrale ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc Appunti

Dettagli

Giovanni BERLUCCHI - Curriculum Vitae et Studiorum

Giovanni BERLUCCHI - Curriculum Vitae et Studiorum Giovanni BERLUCCHI - Curriculum Vitae et Studiorum Titolo: Professore di Fisiologia Data di nascita: 25 maggio 1935 Luogo di nascita: Pavia Coniugato con Maria Luigia Botta, due figli (Filippo e Silvia)

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

Lateralizzazione e linguaggio

Lateralizzazione e linguaggio Lateralizzazione e linguaggio SCIENZE MOTORIE A.A. 2007-2008 Docente: M.Stella Valle SPLIT BRAIN Individuo normale Individuo con cervello diviso LATERALITA MANUALE E LATERALIZZAZIONE CEREBRALE 90% POPOLAZIONE

Dettagli

DOTT.SSA SIMONA DI GIOVANNI

DOTT.SSA SIMONA DI GIOVANNI DOTT.SSA SIMONA DI GIOVANNI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA PROFILO Il mio primo percorso formativo ha preso avvio nel contesto ospedaliero del Policlinico A. Gemelli. La possibilità di poter usufruire di contratti

Dettagli

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2 9788871929422 I_XX_Layout 1 13/02/13 15:56 Pagina V Prefazione Introduzione all edizione italiana XV XVII Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Titolo Studi mediante Risonanza Magnetica Nucleare delle caratteristiche anatomofunzionali della fisiologia cerebrale umana in vivo. Introduzione Il tomografo NMR 3T GE-MR750 è dal 2009 sito presso l Azienda

Dettagli

ANATOMIA... MULTIPLANARE DELL'ENCEFALO

ANATOMIA... MULTIPLANARE DELL'ENCEFALO ANATOMIA... MULTIPLANARE DELL'ENCEFALO SEGNALE RM DELL'ENCEFALO varia in relazione al tipo di sequenza ed all' intensità del campo magnetico dipende dalle diverse componenti macromolecolari che caratterizzano

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Titolo (Title): VIBRATION TEST ON FRIGOBOX T0056 Richiedente (Customer): Ente/Società (Dept./Firm): Sig. (Mr.): Indirizzo (Address): EUROENGEL S.R.L. C. SCAMARDELLA Via Ferrini,

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll link simulazione http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll username: studente bisazza password: bisazza La nocicezione, risultato di una somma algebrica L intensità dell informazione nocicettiva

Dettagli

I SETTE PRINCIPALI NEURO SISTEMI DELLE EMOZIONI DI JAAK PANKSEPP

I SETTE PRINCIPALI NEURO SISTEMI DELLE EMOZIONI DI JAAK PANKSEPP I SETTE PRINCIPALI NEURO SISTEMI DELLE EMOZIONI DI JAAK PANKSEPP Jaak Panksepp e le neuroscienze affettive Jaak Panksepp (1943) è uno psicologo americano, psicobiologo e ricercatore in neuroscienze, presso

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

DIPENDENZE. Sex, drug (food) and rock n roll. -Droga -Affetti -Sesso -Gioco -Lavoro -Sport -Acquisti compulsivi -Internet, Computer, TV -Cibo

DIPENDENZE. Sex, drug (food) and rock n roll. -Droga -Affetti -Sesso -Gioco -Lavoro -Sport -Acquisti compulsivi -Internet, Computer, TV -Cibo FOOD ADDICTION Roberto Gradini -Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università Sapienza, Roma -Dipartimento di Neurofarmacologia, Istituto Neuromed, Pozzilli -Master in Psiconeuroimmunologia, Università

Dettagli

Indice generale. Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1. 1 Orientamento...3. 2 Sviluppo...

Indice generale. Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1. 1 Orientamento...3. 2 Sviluppo... Indice generale Sezione I Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1 1 Orientamento...3 Bibliografia...3 2 Sviluppo... 7 Fasi precoci della morfogenesi...7 Formazione

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

Basi cognitive e neurali della discalculia evolutiva

Basi cognitive e neurali della discalculia evolutiva European Research Council http://ccnl.psy.unipd.it Basi cognitive e neurali della discalculia evolutiva Marco Zorzi Dipartimento di Psicologia Generale Centro interdipartimentale di Scienze Cognitive Università

Dettagli

Carlo Alberto Zerbini. albertozer@alice.it

Carlo Alberto Zerbini. albertozer@alice.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Carlo Alberto Zerbini Telefono 3398183520 Fax E-mail albertozer@alice.it Nazionalità Italiana Data di nascita 22/03/1979 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Indice delle illustrazioni Guida per lo studente Presentazione dell opera

Indice delle illustrazioni Guida per lo studente Presentazione dell opera xi INDICE GENERALE Indice delle illustrazioni Guida per lo studente Presentazione dell opera xiii xvii xviii SEZIONE A: ANATOMIA DESCRITTIVA 1 Visione d insieme 4 Midollo spinale 8 Tronco dell encefalo

Dettagli

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi Riv. It. Ost. Gin. - 2007 - Vol. 14 - Organizzazione di una Breast Unit: L esempio della Campania S. Burlizzi pag. 660 Organizzazione di una breast unit: l esempio della Campania Stefano Burlizzi Unità

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

J E K O. N E W s. Descrizione anatomo-funzionale del lobo frontale. Dr. Rosario E. Toscano Podologo

J E K O. N E W s. Descrizione anatomo-funzionale del lobo frontale. Dr. Rosario E. Toscano Podologo J K r. osario. Toscano Podologo N s escrizione anatomo-funzionale del lobo frontale Costituisce la parte anteriore del cervello e contiene l area corticale motoria e la corteccia premotoria. Qui, inoltre,

Dettagli

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15 VOLUME BASS HIGH. MAINOUT 90-245V JACK 50/60 Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic.

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15 VOLUME BASS HIGH. MAINOUT 90-245V JACK 50/60 Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. M12 X-4 Mixer Preamplifier INPUT VOICE VOICE VOICE VOICE CH 1 PIOITY A CH PIOITY AUX TUNE TAPE CD MASTE STEEO MAINOUT M12 X-4 1 1 1 1 1 1-1 +1-1 +1 1 1 1 CHANNE 1 CHANNE 2 CHANNE 3 CHANNE4 SOUCES VOUME

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

cimattidonatella@libero.it

cimattidonatella@libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DONATELLA CIMATTI Indirizzo Telefono 3472260828 Fax E-mail VIA DOZZA 20, 40013 CASTEL MAGGIORE (BO) cimattidonatella@libero.it Nazionalità

Dettagli

Tecniche principali. Corso di Psicologia dello Sport Il cervello motorio. Il cervello motorio. Capitolo 2 (seconda parte) Capitolo 2 (seconda parte)

Tecniche principali. Corso di Psicologia dello Sport Il cervello motorio. Il cervello motorio. Capitolo 2 (seconda parte) Capitolo 2 (seconda parte) Corso di Psicologia dello Sport Il cervello motorio Capitolo 2 (seconda parte) Sabrina Pitzalis Contatti: E-mail: sabrina.pitzalis@iusm.it Home-page: http://psicologia-uniroma4.it/sab/index.htm Sito di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Giacomo Koch giakoch@gmail.com Nazionalità italiana Data di nascita 03/12/1973 FONDAZIONE PTV POLICLINICO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI INDICATORI NEUROFISIOLOGICI GDL REGIONALE GCA REGIONALE GCA ARS TOSCANA Fase acuta Fase transizionale Fase protratta RECUPERO RECUPERO COSCIENZA STATO DI MINIMA COSCIENZA (MCS) STATO VEGETATIVO MCS CRONICO

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi.

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi. Diss. ETH N 13375 Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH for the degree of Doctor of Natural Science presented by

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Chiara Sgherbini

Dettagli

Neuroimaging nei bambini con deficit visivo centrale

Neuroimaging nei bambini con deficit visivo centrale Neuroimaging nei bambini con deficit visivo centrale F.Triulzi UOC di Radiologia e Neuroradiologia Pediatrica Ospedale dei Bambini V. Buzzi Milano CeSNE IRCCS E. Medea Bosisio Parini (LC) Overview Sviluppo

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE La sottoscritta Paola Rocchi, DICHIARA di avere il seguente curriculum formativo-professionale: -luglio 1984 conseguimento del diploma di maturità; -autunno 1984 iscrizione

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

Bristle test of different filaments based on the Brush "Record" - Toothbrush with whitening filaments, white filaments

Bristle test of different filaments based on the Brush Record - Toothbrush with whitening filaments, white filaments Bristle test of different filaments based on the Brush "Record" - Toothbrush with whitening filaments, white filaments As mentioned earlier all bristle test were carried out with two cleaning machines.

Dettagli

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15. MAIN OUT 90-245V JACK 50/60Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. line AUX TUNER TAPE CD

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15. MAIN OUT 90-245V JACK 50/60Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. line AUX TUNER TAPE CD M12 X-4 Mixer Preamplifier INPUT VOICE VOICE VOICE VOICE CH1 PIOITY A CH PIOITY AUX TUNE TAPE CD MASTE STEEO MAIN OUT M12 X-4 1 1 1 1 1 1-1 +1-1 +1 1 1 1 CHANNE 1 CHANNE 2 CHANNE3 CHANNE 4 SOUCES VOUME

Dettagli

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno 1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della Fondazione NEURECA Onlus Milano Rendiconto sull attività di ricerca finora svolta (scadenza 19 febbraio 2009) Il sottoscritto, Alfonso Fasano,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MEDICI VALENTINA Nazionalità italiana Data di nascita 17 GENNAIO 1980 ESPERIENZA LAVORATIVA Data Nome e indirizzo

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

1^ Congresso Nazionale SIEC * Pisa 18-19 settembre 2008 Nuove tecnologie e training in chirurgia e endoscopia Giorgio Sartoni - Unità Operativa di Chirurgia Generale 1^ Azienda Ospedaliera Universitaria

Dettagli

Predisposizione di una rete di osservatori amatoriali per l'osservazione di NEO e detriti spaziali

Predisposizione di una rete di osservatori amatoriali per l'osservazione di NEO e detriti spaziali Predisposizione di una rete di osservatori amatoriali per l'osservazione di NEO e detriti spaziali UAI Unione Astrofili Italiani Università Di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Roma La Sapienza

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 Secondo l International Association for the Study of Pain: Il dolore è un esperienza

Dettagli

http://www-5.unipv.it/eduroam/

http://www-5.unipv.it/eduroam/ EduRoam - UniPv http://www-5.unipv.it/eduroam/ Page 1 of 1 30/01/2014 EduRoam è un servizio internazionale che permette l'accesso alla rete wireless agli utenti mobili (roaming users) in tutte le organizzazioni

Dettagli

Test of palatability

Test of palatability Test of palatability Materials and methods The palatability of several dry-food (growth, struvite, renal, gastro-intestinal, oxalate and obesity) were compared in palatability trials versus at list 1 equivalent

Dettagli

ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari

ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari L impiego clinico della tossina botulinica nell arto superiore paretico in bambini affetti

Dettagli

EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO

EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO raffaella ada colombo Mese delle dipendenze Locarno- Lugano 20-27.11.2014 UTAH ADDICTION CENTER UNIVERSITY OF UTAH Barbara Sullivan Vie cerebrali

Dettagli

Risposte evocate od evento relate

Risposte evocate od evento relate Risposte evocate od evento relate è frequente lo studio di risposte fisiologiche evocate da un evento esterno (e.g., uno stimolo sensoriale) che può essere ripetuto un numero indefinito di volte anche

Dettagli

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT PROGRAMMA DI ASSICURAZIONE QUALITÀ QUALITY ASSURANCE PROGRAMM PROCEDURA DI QUALITÀ PQ 008 QUALITY PROCEDURE Pag. 1 di 6 REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION

Dettagli

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca DI COSA PARLEREMO? Struttura del cervello e tecniche per studiarlo Processi cognitivi implicati

Dettagli

ALESSANDRO SIMONATI. Alessandro Simonati. DATA di NASCITA 11 dicembre 1951 LUOGO di NASCITA Verona, Italia

ALESSANDRO SIMONATI. Alessandro Simonati. DATA di NASCITA 11 dicembre 1951 LUOGO di NASCITA Verona, Italia ALESSANDRO SIMONATI NOME Alessandro Simonati DATA di NASCITA 11 dicembre 1951 LUOGO di NASCITA Verona, Italia NAZIONALITA Italiana LAVORO Università degli Studi di Verona Dipartimento di Scienze Neurologiche,

Dettagli

Le basi Neuro-Psicopatologiche della Distorsione dell Immagine Corporea

Le basi Neuro-Psicopatologiche della Distorsione dell Immagine Corporea Le basi Neuro-Psicopatologiche della Distorsione dell Immagine Corporea Santino Gaudio M.D. Department of Neuroscience, Functional Pharmacology, Uppsala University Unità di ricerca di Diagnostica per Immagini,

Dettagli

ANNA FERTONANI - CURRICULUM VITAE

ANNA FERTONANI - CURRICULUM VITAE ANNA FERTONANI - CURRICULUM VITAE DETTAGLI PERSONALI: Data di nascita: 24 Settembre 1982 Luogo di nascita: Leno (BS) - Italia Residenza: via Grignole 61, 25070 Caino (BS), Italia Nazionalità: Italiana

Dettagli