Specialità: Avastin (Roche spa)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specialità: Avastin (Roche spa)"

Transcript

1 BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine. ( ) Specialità: Avastin (Roche spa) Forma farmaceutica: 1 flaconcino, soluzione per infusione 400mg in 16ml - Prezzo: euro flaconcino, soluzione per infusione 100mg in 4ml - Prezzo: euro 504 ATC: L01XC07 Categoria terapeutica: Citostatici: anticorpi monoclonali Fascia di rimborsabilità: H OSP-1 Indicazioni ministeriali: Avastin (Bevacizumab) in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine è indicato per il trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto. Avastin in combinazione con paclitaxel è indicato per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico. Avastin, in aggiunta a chemioterapia a base di platino, è indicato per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta, con istologia a predominanza non squamocellulare. Avastin in combinazione con interferone alfa-2a è indicato per il trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico. Decisioni PTORV Data riunione: Decisione: Allargamento indicazioni Commenti: La Commissione decide di autorizzare il trattamento in II linea perché i dati dimostrano un aumento della sopravvivenza sia complessiva che libera da progressione, mentre nella I linea i dati sono meno solidi in quanto l unica differenza significativa si è osservata sulla sopravvivenza libera da progressione, risultata poco più di un mese. Ritiene, pertanto, di non autorizzare tale allargamento. Caratteristiche del prodotto Bevacizumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato, registrato con procedura centralizzata a livello europeo. E' inibitore dell angioneogenesi e agisce legando il fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), impedendo così l interazione di questo ai recettori VEGF- 1 e VEGF-2 presenti sulle cellule endoteliali. L espressione del recettore VERG è molto bassa nei tessuti normali, mentre risulta importante in molti tumori incluso quello del colon-retto, mammella, polmone, rene. L azione di bevacizumab di neutralizzazione del VEGF si traduce in una relativamente specifica inibizione dell angiogenesi a livello tumorale e quindi della crescita e sviluppo tumorali[1]. Inquadramento della patologia Il carcinoma del colon retto rappresenta uno dei tumori solidi più frequenti nel mondo: nei paesi sviluppati circa una persona su venti è affetta da tale patologia, con circa nuovi casi/l anno e decessi/anno. L intervento chirurgico rappresenta la prima linea di trattamento nel 75% dei casi ed offre le maggiori possibilità di cura. Tuttavia, anche quando la resezione chirurgica viene considerata curativa, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è solo del 50%. Purtroppo, circa il 30% dei pazienti si presenta, alla prima diagnosi, già con malattia in fase metastatica. La prognosi è limitata: il tasso di sopravvivenza a 5 anni, per i pazienti con malattia in stadio avanzato, è del 5% circa (78 % nei pazienti allo stadio II e 54% nei pazienti alla stadio III) [1,2].

2 Trattamenti alternativi Cetuximab, farmaco registrato, in combinazione con irinotecan, per il trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon-retto esprimente il recettore per l epidermal growth factor (EGFR) dopo fallimento di terapia citotossica contenente irinotecan (seconda linea). Si segnala, tuttavia, che anche cetuximab è stato recentemente approvato dall EMEA (maggio 2008) in monoterapia per il trattamento del carcinoma colorettale metastatico dopo fallimento di regimi chemioterapici contenenti oxaliplatino e irinotecan o nei pazienti con intolleranza ad irinotecan, nel caso in cui i tumori presentino il gene KRAS wild-type. Gli schemi chemioterapici sono numerosi. Tra le alternative disponibili troviamo ad esempio gli schemi: FOLFOX, FOLFIRI, XELOX o altri schemi con oxaliplatino, capecitabina, irinotecan. Linee guida di trattamento esistenti Le recenti linee guida del National Comprehensive Cancer Network (2008) per il trattamento del carcinoma al colon metastatico e per il trattamento del carcinoma al retto metastatico raccomandano come trattamento di prima linea bevacizumab in associazione a diversi regimi chemioterapici [3]. In particolare, per i pazienti in grado di tollerare una terapia chemioterapica intensiva i trattamenti raccomandati come prima linea sono rappresentati da: - bevacizumab + capecitabina-oxaliplatino o bevacizumab + FOLFOX (entrambi grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia possono passare al trattamento con irinotecan oppure con un regime a base di FOLFIRI (entrambi grado di raccomandazione 2A) o con cetuximab + FOLFIRI (grado di raccomandazione 2B). I pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con irinotecan o FOLFIRI possono passare al trattamento con cetuximab + irinotecan. Panitumumab è consentito come terza linea solo nei pazienti che non tollerano l associazione cetuximab+irinotecan. - bevacizumab + FOLFIRI (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia possono passare al trattamento con capecitabina-oxaliplatino oppure con FOLFOX o con cetuximab + irinotecan (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con capecitabina-oxaliplatino o FOLFOX possono passare al trattamento con cetuximab + irinotecan. Panitumumab è consentito come seconda o terza linea solo nei pazienti che non tollerano l associazione cetuximab+irinotecan. - bevacizumab + 5 FU/leucovorin (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia possono passare al trattamento con irinotecan oppure FOLFIRI oppure capecitabina-oxaliplatino oppure FOLFOX (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con irinotecan o FOLFIRI possono passare al trattamento con cetuximab + irinotecan; i pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con capecitabina-oxaliplatino o FOLFOX possono passare al trattamento con irinotecan e quindi all associazione cetuximab + irinotecan. Anche in questo caso, panitumumab è consentito solo nei pazienti che non tollerano l associazione cetuximab+irinotecan. Dati di efficacia Il farmaco era già autorizzato all'uso in combinazione con 5-fluorouracile/acido folinico endovena o 5- fluorouracile/acido folinico/irinotecan endovena è indicato per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma del colon e del retto metastatico e a supporto di tale indicazione erano già stati pubblicati due studi di fase II e uno studio pivotal di fase III [4-6]. Tale indicazione viene oggi estesa anche a linee successive alla prima e a regimi di associazione che comprendano fluoropirimidine sulla base della pubblicazione di due grossi studi di fase III. Lo studio nei pazienti naive con malattia metastatica, era inizialmente stato sviluppato con disegno RCT a due bracci che doveva confrontare la non inferiorità tra regime standard FOLFOX-4 con il regime di combinazione capecitabina e oxaliplatino (XELOX). Dopo la pubblicazione dello studio pivotal con bevacizumab [6], però, tale protocollo è stato emendato trasformandolo in uno studio randomizzato, con disegno fattoriale 2x2 e con due obiettivi coprimari. Il primo obiettivo coprimario era quello di mostrare la non inferiorità nella progression free survival (PFS) del regime XELOX, con o senza bevacizumab vs FOLFOX-4 con o senza bevacizumab. Il secondo obiettivo coprimario era invece quello di valutare gli effetti sulla PFS del bevacizumab rispetto al placebo quando utilizzato in regime di associazione con chemioterapia a base oxaliplatino (XELOS o FOLFOX-4).La pubblicazione dei risultati è avvenuta in due pubblicazioni separate [7,8]. Per quanto riguarda la valutazione del primo obiettivo coprimario, è stata valutata la popolazione intention to treat costituita da 2034 pazienti: 634 provenienti dall'arruolamento nel protocollo originale sommati ai 1400 arruolati nello studio emendato con disegno fattoriale 2x2. Il PFS mediano è stato di 8 mesi nel braccio XELOX e 8,5 mesi nel braccio FOLFOX. Anche la sopravvivenza mediana non è risultata differente (19.8 vs 19.6 rispettivamente) [7].

3 Per quanto riguarda, invece, l'efficacia dell'aggiunta di bevacizumab ai due regimi contenenti oxaliplatino, la PFS mediana è risultata significativamente maggiore nel gruppo bevacizumab (p=0.0023) con una differenza però soltanto di 1,4 mesi, la sopravvivenza mediana non è risultata, invece, significativamente diversa tra i gruppi (p= 0.077). Anche le percentuali di risposta sono risultate simili tra i due gruppi. Lo studio relativo ai pazienti precedentemente trattati per carcinoma colon-retto metastatico con fluoropirimidine e irinotecan, ha invece valutato l'efficacia di bevacizumab associato a FOLFOX-4 vs FOLFOX-4 o bevacizumab in monoterapia. End-point primario era la sopravvivenza complessiva mediana che è risultata significativamente maggiore nel gruppo sperimentale rispetto a FOLFOX-4 (12.9 vs 10.8 mesi p=0.0011) e anche vs il solo bevacizumab (10.2 mesi). Anche la PFS mediana e la percentuale di risposta complessiva è risultata significativamente superiore per il regime bevacizumab + FOLFOX-4 vs FOLFOX-4 e vs bevacizumab da solo.

4 Referenza Pazienti e trattamento Disegno Fase Misure di esito Risultati principali Parte A: J Cassidy J Clin Oncol 2008 [7] Parte B: L.B. Saltz J Clin Oncol 2008 [8] B.J. Gianantonio J Clin Oncol 2007 [9] Numero pazienti totale: 2035 con carcinoma colon-rettale inoperabile metastatico, naive al trattamento per malattia metastatica così suddivisi: Prima emendamento: 634 pazienti. Trattamento: XELOX (oxaliplatino IV 130mg/m 2 nel giorno 1 + capecitabina orale 1,000mg/m 2 due volte al gg per 2 settimane in cicli di 3 settimane) [N=317]; FOLFOX-4( oxaliplatino IV 85 mg/m 2 nel giorno 1; leucovorin 200 mg/m 2 nei giorni 1 and 2 in infusione per 2 ore, fluorouracile 400mg/m 2 come iniezione nel bolo nei giorni 1 e 2, seguito da fluorouracile in infusione 600 mg/m 2 per due giorni consecutivi ogni 2 settimane) [N=317]. Dopo emendamento: 1401 pazienti. Trattamento: XELOX + placebo [N=350]; XELOX+ Bevacizumab IV 7.5mg/kg ogni 3 settimane IV [N=350]; FOLFOX-4 + placebo [N=351]; FOLFOX-4 + Bevacizumab IV 5m/kg ogni 2 settimane [N=350]. Durata trattamento: fino a progressione o per 48 settimane Numero pazienti: 829 con carcinoma colon-retto metastatico precedentemente trattati con fluoropirimidine e irinotecan Trattamenti: bevacizumab (10 mg/kg giorno 1 infusione in min )+ FOLFOX-4 ( oxaliplatino IV 85 mg/m 2 nel giorno 1; leucovorin 200 mg/m 2 nei giorni 1 and 2 in infusione per 2 ore, fluorouracile 400mg/m 2 come iniezione nel bolo nei giorni 1 e 2, seguito da fluorouracile in infusione 600 mg/m 2 per due giorni consecutivi ogni 2 settimane) vs FOLFOX-4 vs Bevacizumab (10 mg/kg giorno 1 infusione in min) Randomizzato, multicentrico, 2X2 fattoriale, doppio cieco, di confronto regimi: XELOX+bevacizumab, XELOX+placebo, FOLFOX-4+bevacizumab, FOLFOX-4+placebo Randomizzato, controllato, multicentrico, in aperto III III Parte A End-point coprimario: dimostrare la non inferiorità del trattamento XELOX rispetto al trattamento FOLFOX-4 relativamente PFS. Parte B End-point coprimario:dimostrare la superiorità di bevacizumab (associato ad un regime contenente oxaliplatino) rispetto a placebo relativamente al PFS. End-point primario:sopravvivenza globale mediana Secondari: PFS mediana e % risposta complessiva Parte A: n= 2034 PFS mediana: 8 mesi XELOX vs 8.5 mesi FOLFOX-4; sopravvivenza complessiva mediana: 19.8 XELOX vs 19.6 FOFOX-4 FOLFOX-4 maggiore neutropenia, granulocitopenia e neutropenia febbrile grado 3/4; XELOX maggiore diarrea e eritrodisestesia palmo-plantare di grado 3 Parte B: n= 1401 PFS mediana: 9.4 mesi Bevacizumab vs 8 mesi placebo p=0.0023; sopravvivenza complessiva mediana 21.3 mesi bevacizumab vs 19.9 mesi placebo p=0.077; percentuali di risposta simili nei due gruppi. Soltanto il 29% pz bevacizumab e 47% pz placebo sono stati trattati fino a progressione Sopravvivenza mediana globale: 12.9 mesi bevacizumab+folfox-4 vs 10.8 mesi FOLFOX-4 (p=0.0011) vs 10.2 mesi bevacizumab; PFS mediana: 7.3 mesi bevacizumab+folfox-4 vs 4.7 mesi FOLFOX-4 (p<0.0001) vs 2.7 mesi bevacizumab; RC complessiva: 22.7%bevacizumab+FOLFOX-4 vs 8.6% FOLFOX-4 (p<0.0001) vs 3.3%bevacizumab. L'uso di bevacizumab è stato associato a ipertensione, vomito, sanguinamento. Jadad score * Parte A:3 Parte B: 5 *Jadad Scale: strumento per la verifica della qualità della pubblicazione; tra si basa sulla considerazione che i tre elementi principali che devono essere riportati per avere maggiori garanzie sulla buona qualità di uno studio clinico siano la randomizzazione, la condizione di doppia cecità, e la gestione dei drop-out. Si considerano buone le pubblicazioni che ottengono almeno 3 punti, mentre si considerano di scarsa qualità quelle che raggiungono un punteggio uguale o inferiore a due.

5 Valutazione della qualità degli studi La differenza che si osserva nella valutazione della qualità dello studio nei pazienti naive tra parte A e parte B è correlata al fatto che la parte A di confronto tra regime XELOX e regime FOLFOX è in aperto mentre il confronto della parte B tra bevacizumab e placebo è in doppio cieco. Dati di sicurezza Il profilo di tossicità osservato per bevacizumab in combinazione con terapie contenenti oxaliplatino / fluoropirimidine è confrontabile a quello osservato in precedenti studi di fase II e III in combinazione con regimi a base di 5 FU (5 FU/LV e IFL). La maggior parte degli eventi avversi sono descritti nei pazienti che ricevono chemioterapia ad es. costipazione, diarrea, artralgia, alopecia, rash, stanchezza/astenia, nausea e vomito. Si sono verificati più frequentemente nel gruppo bevacizumab eventi avversi che sono strettamente correlati al farmaco (similmente ad altri studi con bevacizumab): maggiore incidenza di sanguinamento, ipertensione, epistassi, mal di testa e proteinuria. Gli eventi avversi più gravi (grado 3/4) che si sono verificati negli studi principali con maggiore incidenza nei gruppi trattati con bevacizumab sono stati: problemi gastrointestinali, problemi vascolari, vomito, sindrome "mano-piede", problemi cardiaci ed embolia polmonare, ipertensione, sanguinamenti (grado 3-5) e perforazioni gastrointestinali (grado 3-5), eventi tromboembolici venosi (grado 3-5) [1, 7, 8, 9]. Indicazione studi in corso Numerosi sono gli studi in corso già in fase III che stanno valutando l'efficacia di bevacizumab aggiunto a diversi schemi di trattamento per il carcinoma metastatico [15,16]. Sono anche in corso alcuni studi nella fase più precoce della malattia, i cui risultati, se favorevoli potrebbero portare ad allargare ulteriormente le indicazioni. Gli studi sono descritti in tabella.

6 Registro / Nazione clinicaltrials.gov clinicaltrials.gov clinicaltrials.gov Pazienti e trattamento Disegno Fase Pz sottoposti a intervento chirurgico per cancro del colonretto di stadio II o III [N=3450] I pz sono stati randomizzati a ricevere: - bevacizumab + Xelox (capecitabina + oxaliplatino) o Folfox-4 (Oxaliplatino + Leucovorin + Fluorouracile) nella terapia adiuvante -Folfox-4(Oxaliplatino + Leucovorin + Fluorouracile) nella terapia adiuvante Pz sottoposti a intervento chirurgico per cancro del colonretto di stadio II o III [N=238] I pz sono stati randomizzati a ricevere: -terapia adiuvante convenzionale: leucovorin + fluorouracile + oxaliplatino - bevacizumab + leucovorin + fluorouracile + oxaliplatino Pz sottoposti a intervento chirurgico per cancro del colonretto di stadio II o III [N=2100] I pz sono stati randomizzati a ricevere: - oxaliplatino + leucovorin + fluorouracile - bevacizumab + leucovorin + oxaliplatino + fluorouracile RCT RCT con controllo attivo RCT III III III Misure di esito primarie sopravvivenza libera da malattia DFS (sopravvivenza libera da malattia) OS (sopravvivenza globale) Note Attivato, non in reclutamento Attivato, non in reclutamento In reclutamento

7 Altri report HTA E' disponibile per l'indicazione oggetto di valutazione il report dello Scottish Medicines Consortium (SMC) che non ne raccomanda l'uso a carico del SS Scozzese. Infatti, sebbene da un degli studi condotti sia stato evidenziato un piccolo vantaggio di bevacizumab + chemioterapia standard vs chemioterapia standard in termini di efficacia, lo SMC non ha considerato sufficientemente solida l'analisi economica presentata dalla ditta produttrice. Relativamente all'analisi costo utilità presentata dalla ditta che ha confrontato Bevacizumab + CAPOX (capecitabina + oxaliplatino) vs FOLFOX4, con un orizzonte temporale di tutta la vita. Il costo per QALY guadagnato stimato è stato di Pur avendo lo studio principale analizzato anche BFOLFOX4 vs FOLFOX4 la ditta non ha effettuato l'analisi costo utilità in confronto a queste alternative, perché un'analisi economica preliminare ha mostrato che non risultava costo-efficace. Le problematiche sollevate dallo Scottish Medicines Consortium sono legate al fatto che il trattamento standard è principalmente rappresentato da CAPOX e non da FOLFOX4 e pertanto un confronto Bevacizumab + CAPOX vs CAPOX sarebbe stato maggiormente adeguato (10). Per quanto riguarda la popolazione target il report riporta che tutti i pazienti inclusi nello studio pivotal erano relativamente giovani e presentavano un performance status ECOG inferiore o uguale a 1. Il registro tumori scozzese riportava il 73% della popolazione con carcinoma del colon-retto di almeno 65 anni e il 59% oltre i 70. Pertanto i benefici osservati nello studio potrebbero essere differenti a quelli osservati nella popolazione scozzese elegibile per il trattamento. Il NICE ha pubblicato all'inizio del 2007 una valutazione relativa a bevacizumab e cetuximab nel trattamento del colon-retto metastatico. Il NICE non raccomanda l'uso di bevacizumab in combinazione a 5FU/LV con o senza irinotecan (indicazione già precedentemente autorizzata) nel trattamento di prima linea del carcinoma colonrettale metastatico (11). E' inoltre disponibile il report di HTA prodotto dall'hta Programme del National Institute for Health Research inglese che riporta una revisione sistematica e una analisi economica dell'uso di bevacizumab e cetuximab per il trattamento del carcinoma del colon-retto metastatico. L'analisi relativa a bevacizumab è stata anche pubblicata dallo stesso autore e viene dettagliatamente descritta nella sezione relativa agli studi di farmacoeconomia (12). Analisi economiche Sono ad oggi pubblicate tre analisi costo efficacia, una che ha valutato l'impatto del farmaco in Inghilterra e in Galles, una riportata nel report dello Scottish Medicines Consortium (già riportata nella sezione altri report HTA) e una relativa all'ambito extraeuropeo, il Giappone. Lo studio inglese è andato a valutare il costo per QALY guadagnato relativo all'aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia in pazienti con carcinoma del colonretto metastatici mai trattati. I trattamenti di confronto erano rappresentati dalla sola chemioterapia (irinotecan + FU/LV oppure il solo 5 FU/LV). Il modello utilizzato assumeva che i costi e la qualità della vita fossero dipendenti soprattutto dalla presenza o assenza di progressione della malattia. Il modello prevedeva tre stati di salute: vivo senza progressione della malattia; vivo con progressione della malattia, morto. I pazienti entravano nel modello al punto in cui erano eleggibili per il trattamento con bevacizumab (vivi senza progressione della malattia) e venivano trattati con uno dei regimi terapeutici fino a che successivamente presentavano progressione della malattia. Il modello assumeva che dopo progressione documentata i pazienti entrassero nella fase di post-progressione, in cui una percentuale di pazienti si assumeva ricevessero oxaliplatino + 5 FU/LV come trattamento di II linea e una piccola percentuale di pazienti successivamente si assumeva ricevessero mitomicina C associato a 5FU/LV in trattamento prolungato come III linea. Successivamente si assumeva che il paziente ricevesse la miglior terapia di supporto fino alla morte (13). Come evidenziato in tabella, i rapporti costo-efficacia e costo-utilità incrementali sono molto elevati, e non sono favorevoli al rimborso di bevacizumab da parte del servizio sanitario inglese. Questo risultato e' dovuto principalmente all'alto costo di acquisizione di bevacizumab in relazione al piccolo beneficio clinico. Lo studio riporta il costo a mg di bevacizumab usato nello studio che è molto simile al costo per mg in Italia (2,84 Inghilterra, al cambio con la sterlina, vs 3,06 in Italia). Lo studio giapponese, (14), che aveva anch'esso come punto di vista quello del Servizio Sanitario, ha effettuato l'analisi di efficacia per anno di vita guadagnato e non per QALY: tale scelta viene giustificata dagli autori in quanto la misura del QALY sarebbe stata effettuata utilizzando valori di utilità non misurati in Giappone. I valori di LYG sono risultati sovrapponibili a quelli dello studio di Tappenden (13). Il costo incrementale dell'aggiunta di bevacizumab ai diversi regimi di chemioterapia vs i rispettivi regimi è risultato elevatissimo, circa $ o superiore ad eccezione dell'associazione con capecitabina/oxaliplatino che comunque è risultata costare $ per LYG; l'analisi di sensitività ha mostrato che il costo incrementale non era sensibile ai costi della terapia palliativa. A conferma del risultato dello studio inglese, anche nello studio Giapponese il trattamento con bevacizumab non e' risultato costo efficace. Oltre alla considerazione sull'elevato costo del farmaco in relazione al piccolo beneficio clinico, i due studi di farmacoeconomica descritti offrono lo spunto per le seguenti considerazioni: - gli studi di efficacia, da cui sono estrapolati i dati per il calcolo degli anni di vita guadagnati, non sono condotti in popolazioni rappresentative delle popolazioni colpite da carcinoma del colon retto metastatico (pazienti più giovani e con un più favorevole performance status). Sono necessari ulteriori dati su

8 popolazioni con diverse caratteristiche per poter condurre una analisi farmacoeconomica trasferibile alla pratica clinica - non sono disponibili stime di qualità della vita correlate all'uso di bevacizumab: le stime utilizzate nello studio inglese sono stime indirette di utilità di pazienti colpiti da carcinoma metastatico del colon retto nei diversi stati di malattia - per condurre una analisi farmacoeconomica affidabile nel contesto descritto, sono necessari dati reali sul reale consumo di risorse legato all'uso di bevacizumab.

9 Referenza Tappenden, Eur J Cancer 2007 (13) Shiroiwa, Clin Ter 2007 (14) Metodologia/tipo di analisi Analisi costo efficacia e costo utilità Analisi costo efficacia (modello di regressione Weibull) Confronti aggiunta di bevacizumab ai seguenti due regimi chemioterapici: irinotecan + FU/LV (IFL) oppure 5-FU/LV da solo aggiunta di bevacizumab a diversi regimi di chemioterapia vs regimi chemioterapia regimi I linea: IFL, FU/LV, FOLFOX6, bfol (bolo FU/LV/Oxaliplatino), CAPOX (capecitabina/oxaliplatino); regime di II linea: FOLFOX4 Nazione/Punto di vista Inghilterra e Galles/ SSN Giappone/SSN Pazienti/time horizon pazienti non precedentement e trattati per carcinoma rettale metastatico Lifetime carcinoma colonretto metastatico Misura di costo costi diretti sanitari: acquisizione dei farmaci, somministrazione, trattamento degli effetti collaterali, test diagnostici ed imaging, visite specialistiche, ospedalizzazione, costi della miglior terapia di supporto; costi medici diretti costo del farmaco, terapie di supporto, visite di controllo, diagnostica per immagini e analisi di laboratorio, pompa di infusione, costo farmacia Risultati aggiunta di bevacizumab a IFL per QALY guadagnato ( LYG); aggiunta di bevacizumab a 5FU/LV per QALY guadagnato ( LYG). I linea: aggiunta bevacizumab comporta un ICER per LYG: $ IFL; $ FU/LV; $ FOLFOX6; $ b FOL; $ CAPOX II linea: aggiunta bevacizumab comporta un ICER per LYG:$ FOLFOX4

10 Analisi dei costi (costi delle alternative, potenziale impatto di budget etc.) Principio attivo Dosaggio Costo all'ospedale per ciclo di terapia (senza risk sharing) Spreco di farmaco per ciclo di terapia Costo all'ospedale per anno di terapia Note BEVACIZUMAB 15mg/kg ogni 3 settimane (2 fl da 400mg e 3 fl da 100mg) 3.366,38 (CICLO DI 3 SETTIMANE) 50mg= 152, il costo all'anno è stato valutato secondo la seguente modalità di rimborso fornita dalla ditta: primi 2 cicli di terapia: risk sharing al 50% cicli dal 3 al 10 a carico dell'ssn i cicli successivi a carico della ditta produttrice il costo all'anno è stato valutato secondo la seguente modalità di rimborso fornita dalla ditta: BEVACIZUMAB 10mg/kg ogni 2 settimane (1fl da 400mg e 3 fl da 100mg) 2.141,83 (CICLO DI 2 SETTIMANE) primi 3 cicli di terapia: risk sharing al 50% cicli dal 4 al 14 a carico dell'ssn i cicli successivi a carico della ditta produttrice BEVACIZUMAB 7,5mg/kg ogni 3 settimane (1 fl da 400mg e 2 fl da 100mg) 1.836,07 (CICLO DI 3 SETTIMANE) 75 mg 229, il costo all'anno tiene conto che i primi due cicli di terapia (prime 6 settimane di terapia) prevedono il risk sharing al 50% BEVACIZUMAB 5mg/kg ogni 2 settimane (1 fl da 400mg) 1.224,55 (CICLO DI 2 SETTIMANE) 50mg il costo all'anno tiene conto che i primi tre cicli di terapia (prime 6 settimane di terapia) prevedono il risk sharing al 50% 152,88 prezzi forniti da ditta produttrice Bevacizumab a basso dosaggio non va impiegato in monoterapia e può essere associato ad uno dei seguenti schemi: Xelox, Folofox-4, Folfiri-b Bevacizumab ad alto dosaggio va impiegato nella terapia di mantenimento dopo il trattamento in associazione e nel caso di associazione con 5FU e Leucovorin (costo per ciclo: 120,00) o con Capecitabina (costo per ciclo: 285,00) Prezzi di alcuni degli schemi chemioterapici usati come alternative terapeutiche

11 Principio attivo Dosaggio Costo all'ospedale per ciclo di terapia Spreco di farmaco per ciclo di terapia Costo all'ospedale per anno di terapia Note XELOX: ciclo di 3 settimane. CAPECITABINA* 1000mg/m 2 2 volte al giorno per 2 settimane (3 cpr da 500 mg e 2 cpr da 150mg per ogni somministrazione) OXALIPLATINO : 130mg/m 2 IV nel giorno 1(2 fl da 100mg e 1 fl da 50 mg) 1.166,81 oxaliplatino:16mg 59, LEUCOVORIN 200mg/m 2 nei giorni 1 e 2 (2 fl da 175mg al giorno) FOLFOX-4: ciclo di 2 settimane 5-FLUOROURACILE 400mg/m 2 come iniezione nel bolo (1 fl da 1000mg al giorno) e 600mg/m 2 in infusione (1 fl da 1000mg e 1 fl da 500mg al giorno) nei giorni 1 e 2 OXALIPLATINO 85mg/m 2 IV nel giorno 1 (1fl da 100mg e 1 fl da 50mg) fluorouracile:1400 mg 3, ,78 IRINOTECAN + CETUXIMAB cicli di 2 settimane IRINOTECAN : 180mg/m 2 in cicli da 2 settimane CETUXIMAB*: prima dose 400mg/m 2, dosi successive 250 mg/m 2 in cicli di una settimana 2.394,52( PER 1 CICLO) 2.035,32(PER CICLI SUCCESSIVI) IRINOTECAN:16mg CETUXIMAB:nei cicli successivi al 1 vengono sprecati 50mg di farmaco ,18 IRINOTECAN : 180mg/m 2 in cicli da 2 settimane FOLFIRI-B ciclo da 2 settimane LEUCOVORIN 200mg/m 2 nei giorni 1 e 2 (2 fl da 175mg al giorno) 5-FLUOROURACILE 400mg/m 2 come iniezione nel bolo (1 fl da 1000mg al giorno) e 600mg/m 2 in infusione nei giorni 1 e 2 (1 fl da 1000mg e 1 fl da 500mg al giorno) * prezzi ex factory forniti da ditta produttrice prezzi al 50% iva esclusa da banca dati Farmadati ,98 5-fluorouracile:1400 mg 3, ,48

12 Bibliografia 1) Scientific Discussion EMEA Avastin n. EMEA/H/C/000582/II/0014 2) Bonadonna et al " MEDICINA ONCOLOGICA" VII Edizione - Masson Editore 3) Linee Guida NCCN v (accesso 13/08/2008) 4) Kabbinavar F. et al, J Clin Oncol 2003; 21(1): ) Kabbinavar F. et al, J Clin Oncol 2005; 23(16): ) Hurwitz H. et al, N Engl J Med 2004; 350(23): ) Cassidy J. et al, J Clin Oncol 2008; 26: ) Salz L.B. et al, J Clin Oncol 2008; 26: ) Gianantonio B.J. et al, J Clin Oncol 2007: ) accesso il 13/08/ ) accesso 26/08/ ) accesso il 13/08/ ) Tappeneden P. et al, Eur J Cancer 2007; 43: ) Shiroiwa T. et al, Clin Ther 2007; 29 (10) ) (accesso 31/08/2008) 16) (accesso 31/08/2008) SINTESI Caratteristiche del prodotto Bevacizumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato, registrato con procedura centralizzata a livello europeo. E' inibitore dell angioneogenesi e agisce legando il fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), impedendo così l interazione di questo ai recettori VEGF- 1 e VEGF-2 presenti sulle cellule endoteliali. Inquadramento della patologia Il carcinoma del colon retto rappresenta uno dei tumori solidi più frequenti nel mondo: nei paesi sviluppati circa una persona su venti è affetta da tale patologia, con circa nuovi casi/l anno e decessi/anno. Purtroppo, circa il 30% dei pazienti si presenta, alla prima diagnosi, già con malattia in fase metastatica. La prognosi è limitata: il tasso di sopravvivenza a 5 anni, per i pazienti con malattia in stadio avanzato, è del 5% circa (78 % nei pazienti allo stadio II e 54% nei pazienti alla stadio III). Trattamenti alternativi Gli schemi chemioterapici per il trattamento del carcinoma colonretto metastatico sono numerosi. Tra le alternative disponibili troviamo ad esempio gli schemi: FOLFOX, FOLFIRI, XELOX o altri schemi con oxaliplatino, capecitabina, irinotecan. Cetuximab è registrato, in combinazione con irinotecan, per il trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon-retto esprimente il recettore per l epidermal growth factor (EGFR) dopo fallimento di terapia citotossica contenente irinotecan (seconda linea). Linee guida di trattamento esistenti Le recenti linee guida del National Comprehensive Cancer Network (2008) per il trattamento del carcinoma al colon metastatico e per il trattamento del carcinoma al retto metastatico raccomandano come trattamento di prima linea bevacizumab in associazione a diversi regimi chemioterapici: bevacizumab + capecitabina-oxaliplatino o bevacizumab + FOLFOX (entrambi grado di raccomandazione 2A); bevacizumab + FOLFIRI (grado di raccomandazione 2A); bevacizumab + 5 FU/leucovorin (grado di raccomandazione 2A). Dati di efficacia L'indicazione nel carcinoma colon-retto già autorizzata viene estesa anche a linee successive alla prima e a regimi di associazione che comprendano fluoropirimidine sulla base della pubblicazione di due grossi studi di fase III. Lo studio nei pazienti naive con malattia metastatica, era inizialmente stato sviluppato con disegno RCT a due bracci che doveva confrontare la non inferiorità tra regime standard FOLFOX-4 con il regime di combinazione capecitabina e oxaliplatino (XELOX). Dopo la pubblicazione dello studio e la registrazione del farmaco, però, tale protocollo è stato emendato trasformandolo in uno studio randomizzato, con disegno fattoriale 2x2 e con due obiettivi coprimari. Il primo obiettivo coprimario era quello di mostrare la non inferiorità nella progression free survival (PFS) del regime XELOX, con o senza bevacizumab vs FOLFOX-4 con o senza bevacizumab. Il secondo obiettivo coprimario era invece quello di valutare gli effetti sulla PFS del bevacizumab rispetto al placebo quando utilizzato in regime di associazione con chemioterapia a base oxaliplatino (XELOS o FOLFOX-4).La pubblicazione dei risultati è avvenuta in due pubblicazioni separate.

13 Per quanto riguarda la valutazione del primo obiettivo coprimario, è stata valutata la popolazione intention to treat costituita da 2034 pazienti: 634 provenienti dall'arruolamento nel protocollo originale sommati ai 1400 arruolati nello studio emendato con disegno fattoriale 2x2. Il PFS mediano e la sopravvivenza mediana non sono risultati differenti. Per quanto riguarda, invece, l'efficacia dell'aggiunta di bevacizumab ai due regimi contenenti oxaliplatino, la PFS mediana è risultata significativamente maggiore nel gruppo bevacizumab (p=0.0023) con una differenza però soltanto di 1,4 mesi, la sopravvivenza mediana non è risultata, invece, significativamente diversa tra i gruppi (p= 0.077). Anche le percentuali di risposta sono risultate simili tra i due gruppi. Lo studio relativo ai pazienti precedentemente trattati per carcinoma colon-retto metastatico con fluoropirimidine e irinotecan, ha invece valutato l'efficacia di bevacizumab associato a FOLFOX-4 vs FOLFOX-4 o bevacizumab in monoterapia. End-point primario era la sopravvivenza complessiva mediana che è risultata significativamente maggiore nel gruppo sperimentale rispetto a FOLFOX-4 (12.9 vs 10.8 mesi p=0.0011) e anche vs il solo bevacizumab (10.2 mesi). Anche la PFS mediana e la percentuale di risposta complessiva è risultata significativamente superiore per il regime bevacizumab + FOLFOX-4 vs FOLFOX-4 e vs bevacizumab da solo. Dati di sicurezza Il profilo di tossicità osservato per bevacizumab in combinazione con terapie contenenti oxaliplatino / fluoropirimidine è confrontabile a quello osservato in precedenti studi di fase II e III in combinazione con regimi a base di 5 FU (5 FU/LV e IFL). Nei gruppi trattati con bevacizumab si sono verificati eventi avversi, che sono correlati al farmaco, con frequenza maggiore rispetto ai controlli: incidenza di sanguinamento, ipertensione, epistassi, mal di testa e proteinuria. Gli eventi avversi più gravi (grado 3/4) che si sono verificati negli studi principali con maggiore incidenza nei gruppi trattati con bevacizumab sono stati: problemi gastrointestinali, problemi vascolari, vomito, sindrome "mano-piede", problemi cardiaci ed embolia polmonare, ipertensione, sanguinamenti (grado 3-5) e perforazioni gastrointestinali (grado 3-5), eventi tromboembolici venosi (grado 3-5). Altri report HTA E' disponibile per l'indicazione oggetto di valutazione il report dello Scottish Medicines Consortium (SMC) che non ne raccomanda l'uso a carico del SS Scozzese. Infatti, sebbene da uno degli studi condotti sia stato evidenziato un piccolo vantaggio di bevacizumab + chemioterapia standard vs chemioterapia standard in termini di efficacia, lo SMC non ha considerato sufficientemente solida l'analisi economica presentata dalla ditta produttrice (Bevacizumab+CAPOX vs FOLFOX4). Le problematiche sollevate dallo Scottish Medicines Consortium sono legate al fatto che il trattamento standard è principalmente rappresentato da CAPOX e non da FOLFOX4 e pertanto un confronto Bevacizumab+CAPOX vs CAPOX sarebbe stato maggiormente adeguato. Il NICE ha pubblicato all'inizio del 2007 una valutazione relativa a bevacizumab e cetuximab nel trattamento del colon-retto metastatico. Il report è però relativo all'indicazione del colon-retto già precedentemente registrata e non per il nuovo allargamento. Il NICE non raccomanda l'uso di bevacizumab in combinazione a 5FU/LV con o senza irinotecan nel trattamento di prima linea del carcinoma colonrettale metastatico. Analisi economiche Sono ad oggi pubblicate tre analisi costo efficacia, una che ha valutato l'impatto del farmaco in Inghilterra e in Galles, una riportata nel report dello Scottish Medicines Consortium (già riportata nella sezione altri report HTA) e una relativa all'ambito extraeuropeo, il Giappone. Lo studio inglese è andato a valutare il costo per QALY guadagnato relativo all'aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia in pazienti con carcinoma del colonretto metastatici mai trattati. I trattamenti di confronto erano rappresentati dalla sola chemioterapia (irinotecan + FU/LV oppure il solo 5 FU/LV). I rapporti costo-efficacia e costo-utilita' incrementali sono molto elevati, e non sono favorevoli al rimborso di bevacizumab da parte del servizio sanitario inglese. Questo risultato e' dovuto principalmente all'alto costo di acquisizione di bevacizumab in relazione al piccolo beneficio clinico. Lo studio giapponese ha invece effettuato l'analisi di efficacia per anno di vita guadagnato e non per QALY. Il costo incrementale dell'aggiunta di bevacizumab ai diversi regimi di chemioterapia vs i rispettivi regimi è risultato elevatissimo e pertanto non costo-efficace. Analisi dei costi (costi delle alternative, potenziale impatto di budget etc.) Il costo del trattamento per un anno è di circa cui va sommato il costo del trattamento standard. Per il farmaco l'aifa ha contrattato la seguente modalità di rimborso: cicli di 3 settimane: primi 2 cicli di terapia: risk sharing al 50% (solo per il primo anno), cicli dal 3 al 10 a carico dell'ssn,i cicli successivi a carico della ditta produttrice fino ad 1 anno di terapia (solo per il dosaggio più elevato); cicli di 2 settimane: primi 3 cicli di terapia: risk sharing al 50% (solo per il primo anno), cicli dal 4 al 14 a carico dell'ssn, i cicli successivi a carico della ditta produttrice fino ad 1 anno di terapia (solo per il dosaggio più elevato).

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico in combinazione con interferone alfa-2a. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa)

Dettagli

Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01

Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01 CETUXIMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti affetti da carcinoma metastatico del colon-retto con espressione del recettore per EGF e con gene KRAS non mutato (27-10-2009) Specialità: ERBITUX (Merck

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008)

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Specialità: Nexavar (Bayer spa) Forma farmaceutica: 112 compresse 200 mg - Prezzo: euro 5.305 ATC: L01XE05 Categoria terapeutica: Citostatici: inibitori

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd Decisione: Inserito CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PRINCIPIO ATTIVO: Pazopanib NOME COMMERCIALE: Votrient DITTA PRODUTTRICE: Glaxosmithkline

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5)

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5) Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 1 di 5) PANITUMUMAB Indicazioni del nuovo principio attivo Come monoterapia per il trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009)

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) Specialità: Alimta (Eli lilly italia spa) Forma farmaceutica: 1 fl di polvere per

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

CAPECITABINA (29-10-2008)

CAPECITABINA (29-10-2008) CAPECITABINA (29-10-2008) Specialità: Xeloda(Roche spa) Forma farmaceutica: 60 CPR 150 mg - Prezzo: euro 84.57 120 CPR 500mg - Prezzo: euro 561 ATC: L01BC06 Categoria terapeutica: Antineoplastici, antimetaboliti-analoghi

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica Neoplasie dell apparato gastroenterico Terapia medica Tumori del colon-retto COLON - Anatomia e vascolarizzazione FLESSURA EPATICA FLESSURA SPLENICA COLON TRASVERSO Mid colic a. Inf. mes. v. Sup. mes

Dettagli

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011)

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) Specialità: HERCEPTIN(ROCHE) Forma farmaceutica: polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione:17/04/2012 Decisione: Non Inserito Motivazioni: il farmaco, pur avendo dimostrato di prolungare la sopravvivenza di 2,4 mesi rispetto al fd mitoxantrone,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. A cura di Sara Lonardi, Francasaca Bergamo, Vittorina Zagonel L approccio multidisciplinare integrato è la migliore

Dettagli

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa)

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa) TOPOTECAN per l'indicazione: pazienti affetti da carcinoma polmonare a piccole cellule recidivante per i quali non à considerato appropriato un ulteriore trattamento con il regime terapeutico di prima

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 05/06/2013 e 23/11/2012 Decisione: farmaco inserito con nota Nota ufficiale: con compilazione della scheda di monitoraggio regionale fd CARATTERISTICHE

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Maria Sofia Rosati (2008)

Maria Sofia Rosati (2008) RUOLO DELLA CHEMIOTERAPIA NELLA GESTIONE DELLE RECIDIVE PELVICHE NEL CARCINOMA DEL RETTO Maria Sofia Rosati (2008) 1 Progressi terapeutici nel tumore del colon-retto metastatico (mcrc) Sopravvivenza mediana

Dettagli

Gefitinib (23-09-2010)

Gefitinib (23-09-2010) Gefitinib (23-09-2010) Specialità: Iressa(Astrazeneca Spa) Forma farmaceutica: 30 CPR 250 mg - Prezzo: euro 3.615 ATC: L01XE02 Categoria terapeutica: Inibitori della proteina chinasi Fascia di rimborsabilità:

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Avastin 25 mg/ml concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml contiene

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea SORAFENIB RUOLO INCERTO Inibitori della proteina chinasi L01XE05 Nexavar Bayer 200 mg 112 cpr riv 3.214,71 (prezzo ex factory IVA esclusa) Sconto obbligatorio sulle forniture cedute alle strutture pubbliche

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

Prot.GOIM 2802 TRATTAMENTO DI I LINEA CON BEVACIZUMAB + FOLFOX4 O XELOX2 NEL CARCINOMA COLORETTALE. STUDIO DI FASE II RANDOMIZZATO

Prot.GOIM 2802 TRATTAMENTO DI I LINEA CON BEVACIZUMAB + FOLFOX4 O XELOX2 NEL CARCINOMA COLORETTALE. STUDIO DI FASE II RANDOMIZZATO 1 Prot.GOIM 2802 TRATTAMENTO DI I LINEA CON BEVACIZUMAB + FOLFOX4 O XELOX2 NEL CARCINOMA COLORETTALE. STUDIO DI FASE II RANDOMIZZATO Ricercatore responsabile: Evaristo Maiello Dipartimento di Oncoematologia

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

A l l eg ato 2. del 31 gennaio 2012 Monitoraggio dei farmaci oncologici ad alto costo: de-

A l l eg ato 2. del 31 gennaio 2012 Monitoraggio dei farmaci oncologici ad alto costo: de- 114 Ambiente familiare problematico Valutazione del livello di cura riabilitativo Presenza condizioni psicosociali che permettono di passare bilitativa Day hospital Ricovero Recupero o mantenimento del

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

BEVACIZUMAB - AVASTIN

BEVACIZUMAB - AVASTIN giunta regionale Allegato B al Decreto n. 139 del 3 giugno 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED BEVACIZUMAB - AVASTIN Indicazione in esame: Bevacizumab

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CABAZITAXEL - JEVTANA

CABAZITAXEL - JEVTANA giunta regionale Allegato F al Decreto n. 139 del 3 giugno 2015 pag. 1/7 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED CABAZITAXEL - JEVTANA Indicazione in esame: in combinazione

Dettagli

TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010)

TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010) TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010) Specialità: Yondelis (PharmaMar) ATC: L01CX01 Categoria terapeutica: Altri alcaloidi derivati da piante e prodotti naturali Fascia di rimborsabilità: Indicazioni

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

ATAZANAVIR SOLFATO (03-07-2009)

ATAZANAVIR SOLFATO (03-07-2009) ATAZANAVIR SOLFATO (03-07-2009) Specialità: Reyataz (Bristol Myers Squibb) Forma farmaceutica: 60 cps 150 mg - Prezzo: euro 611.48 30 cps 300 mg - Prezzo: euro 611.48 ATC: J05AE08 Categoria terapeutica:

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR )

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) 1/10 MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) Nome Commerciale DIFICLIR Principio Attivo Fidaxomicina Ditta Produttrice Astellas Pharma SpA ATC A07AA12 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 200 mg

Dettagli

Specialità: ABILIFY(Bristol-Myers Squibb) Forma farmaceutica:

Specialità: ABILIFY(Bristol-Myers Squibb) Forma farmaceutica: ARIPIPRAZOLO per l'indicazione: trattamento degli episodi maniacali di grado da moderato a severo del disturbo bipolare di Tipo I e per la prevenzione di un nuovo episodio maniacale (0-07-2009) Specialità:

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Vectibix 20 mg/ml concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml di

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

METILNALTREXONE BROMURO (08-06-2010)

METILNALTREXONE BROMURO (08-06-2010) METILNALTREXONE BROMURO (08-06-2010) Specialità: Relistor(Wyeth lederle spa) Forma farmaceutica: 7 FL SOTTOCUTE 12MG/0,6ML - Prezzo: euro 318.28 ATC: A06AH01 Categoria terapeutica: Antagonisti dei recettori

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

NAB PACLITAXEL - ABRAXANE

NAB PACLITAXEL - ABRAXANE giunta regionale Allegato A al Decreto n. 291 del 7 ottobre 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED NAB PACLITAXEL - ABRAXANE Indicazione in esame: in associazione

Dettagli

Farmaci e scheduleinnovative

Farmaci e scheduleinnovative MALATTIA METASTATICA DEL CARCINOMA DEL GROSSO INTESTINO. TECNICHE E TERAPIE INNOVATIVE Sabato 29 ottobre 2011 - Aula Magna delle Nuove Cliniche II Sessione Trattamenti sistemici e approcci integrati: quali

Dettagli

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Campo obbligatorio ai fini dell'eleggibilità Campo obbligatorio ABRAXAN (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Abraxane in associazione con gemcitabina è indicato per il trattamento di prima linea

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco LAPATINIB

Commissione Regionale Farmaco LAPATINIB Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490 dell 11 aprile 2011) Documento relativo a: LAPATINIB Settembre 2011 Indicazioni registrate Lapatinib Il lapatinib ha ricevuto la seguente estensione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI 10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI ECONOMICHE Questa valutazione economica può aiutarvi? 1 Esistono prove valide che gli interventi sono efficaci? 2 Di quale tipo di analisi economica si tratta? Studio costo-conseguenze

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Progetti di ricerca e collaborazioni

Progetti di ricerca e collaborazioni 2 Congresso Nazionale Firenze 12 14 Giugno 2014 Progetti di ricerca e collaborazioni La valutazione degli esiti nella pratica reale in oncologia: studio di sopravvivenza nel carcinoma del colon retto metastatico

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Erbitux 5 mg/ml soluzione per infusione 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml di soluzione per infusione

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Farmaci biologici per il trattamento del tumore renale metastatico o non operabile in tutte le linee di terapia

Farmaci biologici per il trattamento del tumore renale metastatico o non operabile in tutte le linee di terapia Raccomandazioni evidence-based Farmaci biologici per il trattamento del tumore renale metastatico o non operabile in tutte le linee di terapia Sunitinib, temsirolimus, bevacizumab, pazopanib, sorafenib

Dettagli