Verona, ottobre 2013!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verona, 29-30 ottobre 2013!"

Transcript

1 Verona, ottobre 2013!

2 L utilizzo dei protocolli di comunicazione per una efficace integrazione delle utenze elettriche nel DCS SAVE 2013 Luigi Aurelio Borghi Verona 30 Ottobre 2013 PUBLIC INFORMATION Rev 5058-CO900E

3 2

4 3 Agenda Necessità e scopi dell'integrazione Peculiarità dello ECS, del DCS e degli IED L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia cablata L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Interfacce dati per reti elettriche industriali Soluzioni, problematiche, vantaggi e svantaggi La proposta Rockwell Automation Struttura del sistema e tempi di risposta Conclusioni

5 4 Necessità e scopi dell'integrazione Peculiarità dello ECS come definito nelle DEP SHELL Lo scopo di un sistema di supervisione e controllo per le reti elettriche viene definito in due specifiche con lo stesso titolo e due implementazioni: ELECTRICAL NETWORK MONITORING AND CONTROL SYSTEM FOR INDUSTRIAL NETWORKS SPECIFICATION DEP Gen. December 2008 APPLICATION DEP Gen. August 2009 In general, the objective of an ENMC system is to manage the operation of an industrial electrical network in terms of cost, safety, availability and power quality. The ENMC system shall in principle be limited to the control and monitoring of the on-site electrical network. As far as distribution is concerned, the ENMC system will generally be limited to the high voltage ( 1.000V) systems, but monitoring of low voltage incomers and bus-section switches and where applicable emergency generator systems may also be included.

6 5 Necessità e scopi dell'integrazione Le esigenze delle reti industriali sono diverse da quelle delle utilities Neither DEP Gen nor DEP Gen. cover the specific requirements for large generation and transmission systems such as power plants and electrical networks operated by Public Utility companies. If the need arises to design and install such a system, the Principal shall seek advice from specialist consultants in this field. The ENMC system and its components shall, where relevant, be designed in accordance with the applicable IEC publications, in particular IEC NOTE: The IEC series predominantly deals with systems in substations that are part of (large) transmission and distribution power networks of (Public) Utility companies. In view of the specific nature of industrial power networks, the Principal and Manufacturer may mutually agree to deviate from these IEC standards where applicable.

7 6 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS come definito nelle DEP SHELL SPECIFICATION DEP Gen. December 2008 INTEGRATION WITH DCS The Principal shall decide whether the Human Machine Interface (HMI) and engineering facilities of the ENMC will be integrated with the DCS. An option could be that similar functions are implemented in both the ENMC system and the DCS. Details of this shall be advised by Principal in the enquiry stage. Process related controls, e.g. starting and stopping of electric motors, controlling the speed of a VSDS, and running up of generator sets etc. shall normally be accomplished from the DCS. The operation philosophy shall describe in detail the split of control between DCS and ENMC. In cases where control from both systems is deemed to be required, e.g. initiating the synchronising of generators, the hierarchy shall be clearly defined. The operating philosophy document shall be available at the enquiry stage (2.4.1). The Distributed Control System (DCS) controls and monitors the process equipment and systems.

8 7 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS come definito nelle DEP SHELL APPLICATION DEP Gen. August 2009 INTEGRATION WITH DCS It is in principle possible to integrate the HMI of the ENMC system with the DCS. When considering this option, full agreement shall be reached with process control and operation specialists / management. This shall be decided prior to sending out enquiries to selected Manufacturers, reference is made to (Part I, 3.2) Integration of the entire ENMC with the DCS is presently not possible owing to the specific performance requirements, in particular response times and sample frequency In most installations a number of overview displays are duplicated from the ENMC to the HMI of the DCS. The Principal / Contractor shall advise details to the Manufacturer in the implementation phase, but the requirement shall be covered in the contract.

9 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS tramite lo IMCS IMCS (Integrated Motor Control System) to control, protect and monitor both motors and feeders. Appendix 1 - DEP Gen. February 2011 The IMCS shall be a microprocessor based motor/feeder protection, control and monitoring system generally comprising: MCUs and FCUs mounted in or adjacent to the Functional Units (starter or feeder compartments) of the Assembly. A CCU arrangement per Substation linking the MCUs and FCUs, in that substation, able to be connected to at least one EWS and shall provide separate serial connections to the plant DCS and SCADA systems via a serial link or an Ethernet connection. IMCS designed by the various Manufacturers differ from each other in terms of hardware, software and communication protocols. The Manufacturer should give appropriate details in his quotation and confirm that the functionality as requested in this Appendix and the requisition for IMCS is met.

10 9 Necessità e scopi dell'integrazione La specificità dell interfaccia con gli IED nell'integrazione ECS/DCS Gli strumenti elettronici disponibili per il controllo e la protezione delle apparecchiature elettriche, detti Intelligent Electronic Devices (IED) oppure Integrated Protection and Control Devices (IPCD) diventano sempre più potenti e: Consentono il comando tramite collegamento seriale invece che cablato Mettono a disposizione una quantità di dati che permettono di sviluppare applicazioni di analisi della rete, gestione della manutenzione e analisi dei guasti Richiedono strumenti sofisticati per l acquisizione, gestione e utilizzo della mole di dati disponibili in modo da dare un vero valore aggiunto all impianto in termini di efficienza e riduzione di costi Sono la base per la gestione del Total Cost of Ownership (TCO)

11 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS per ridurre il TCO Il Total Cost of Ownership (TCO) è dato dal costo di acquisto dell'impianto a cui vanno aggiunti TUTTI i costi per la gestione dell'impianto stesso e gli impianti per l'industria petrolifera sono progettati per una vita di almeno 30 anni

12 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS per ridurre il TCO L'utilizzo degli IED integrati con i dati del DCS consente di: Acquisire misure: per utilizzare gli impianti nel punto di massimo rendimento per ottimizzare il consumo di energia per valutare i Key Performance Indicators (KPI) di processo per valutare gli Energy Performance Indicators (EnPI) per ridurre l'impatto ambientale Gestire allarmi: per individuare i punti critici per facilitare il lavoro degli operatori per ridurre il tempo di indisponibilità Ottimizzare l'uso della rete elettrica Confronto del funzionamento reale con il modello teorico Correzione dei fattori che provocano scarso rendimento Migliorare la manutenzione Raccolta e analisi delle Sequenze degli Eventi e dei tracciati Raccolta e tracciatura dei parametri delle protezioni

13 12 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia cablata Tutti i segnali hardwired Svantaggi Progettazione complessa (morsettiere di interfaccia, interconnection diagrams, revisioni in corso d'opera) Grandi quadri di interfaccia, grandi quadri di controllo, grandi spazi occupati Grandi quantità di cavi (costo di acquisto, posa, collaudo, manutenzione, durata) Necessità di convertitori di segnale (digitali e analogici) da cui: Ulteriore complicazioni nel progetto, nella realizzazione, nel collaudo e nell'utilizzo Quadri di interfaccia ancora più grandi e complessi Limitato numero di informazioni per limitare i costi Complessità nella manutenzione con necessità di calibrazione periodica Costo di acquisto elevato Costo di collaudo e messa in servizio elevato Total Cost of Ownership elevato Vantaggi 1. Adatto per essere manutenuto da personale di vecchia generazione

14 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Dalla metà degli anni '80 si cominciano ad usare i PLC per sostituire le logiche cablate nei quadri elettrici Dalla fine degli anni '80 cominciano a diffondersi le unità di IO distribuite utilizzando reti proprietarie (Profibus, RIO, Genius, DH485 ecc) ad "alta" velocità per il controllo di processo Dalla metà degli anni '90 comincia a diffondersi l'uso degli strumenti di protezione a microprocessore che usano la comunicazione soprattutto per trasferire misure e dati con protocolli non specifici per il controllo di processo Dagli anni 2000 Ethernet supera la "diffidenza" causata dal suo "non-determinismo" e si diffonde sempre più come supporto standard per le comunicazioni industriali estese anche al controllo di processo La diffusione di Ethernet ha un grande impatto anche sui sistemi di trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica che, negli stessi anni, cambiano modello di business passando da una struttura di rete tradizionale alla smart-grid che richiede una distribuzione di controllo capillare Proprio per gestire le smart-grid nasce il protocollo IEC agli inizi del 2000

15 14 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione in reti industriali Nell'interfaccia con il DCS i segnali sono trasmessi con un protocollo Vantaggi Riduzione e semplicità di cablaggio Semplificare gli impianti Ridurre i tempi di sviluppo Semplificare la messa in servizio Avere a disposizione grandi quantità di dati per diverse applicazioni Consente il controllo remoto (problemi di cyber security) Svantaggi Richiede personale di manutenzione con una preparazione non "tradizionale" Warning Gestire la ridondanza In sede di progetto chiarezza nella specifica delle interfacce (HW e SW) Documentazione ha contenuti diversi dai tradizionali Pensare alla manutenzione (mantenitiva ed evolutiva) sia della parte elettrica che del DCS Pensare alla cyber security

16 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione L interfaccia fra gli IED e l'enmcs e il DCS deve avere caratteristiche fra loro in contraddizione: Una buona velocità di risposta per eseguire con sicurezza e nei tempi richiesti i comandi (DCS) Una buona potenza elaborativa e capacità di storage per gestire tutti i dati messi a disposizione dagli strumenti di protezione e controllo Possibilità di integrare strumenti di case diverse con protocolli diversi Considerando anche la necessità della affidabilità del sistema questi problemi vengono risolti con efficacia utilizzando interfacce di supervisione e controllo ridondanti e veicolate attraverso gateway di comunicazione che permettono comunicazioni ottimizzate fra DCS ed ECS indipendenti dal protocollo di comunicazione dei singoli strumenti elettronici separando I due mondi che possono essere sviluppati separatamente. Attenzione alla chiara definizione della interfaccia!

17 16 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Simplified block diagram of IMCS DEP GEN February 2011 Appendix 1 - Page 38

18 17 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Caratteristica Campo di applicazione Indirizzamento dei dati Time stamp con il dato Trasmissione Possibilità Host multipli Sequence of Events Serie di dati (oscillo) Lettura/scrittura parametri Scambio dati orizzontale Indipendenza dal fornitore Modbus-RTU o TCP Telecontrollo IEC Supervisione protezioni IEC Telecontrollo DNP3 Telecontrollo IEC Substation & feeder automation Indice indice indice indice Nomi gerarchici SI macchinoso SI SI SI SI Master to slave Ciclica o spontanea Ciclica o spontanea Ciclica o spontanea Ciclica o spontanea SI in TCP NO SI SI SI SI macchinoso Si Si Si SI (report) SI macchinoso SI SI SI SI SI macchinoso SI SI SI WEB Server NO NO NO NO GOOSE NO NO NO NO SI nomi standard

19 18 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione La struttura dei dati in Ogni IED è composto da una serie di "device logici" ciascuno composto da "nodi logici" con proprietà e metodi definiti dallo standard sia come nomenclatura che come funzionalità. Questo approccio sposta l'attenzione e l'impegno dello sviluppatore dello SCADA dalla problematica della acquisizione del dato ("in che tabella di questo relè di questo costruttore trovo il dato e che formato ha?") alla gestione dell'informazione. IEC definisce dei modelli di informazione standard fra i diversi costruttori e un linguaggio standard di configurazione della trasmissione delle informazioni (SCL - Substation Configuration Language) La disponibilità di una comunicazione orizzontale fra i diversi IED e la presenza di un "process bus" aprono la strada per una automazione distribuita della distribuzione elettrica.

20 19 Come realizzare reti Ethernet per comunicare con IED installati all'interno di: quadri a colonne o cubicoli fissi Quadri a cassetti estraibili

21 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi N.B.: Tutti gli IED devono avere la funzione di data switch integrata

22 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi PUBLIC INFORMATION Se si perde la comunicazione con un IED (p.e. si spengono gli ausiliari di cella) tutti gli altri relè comunicano grazie alla ridondanza dell'anello

23 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi PUBLIC INFORMATION ma se si spengono due IED in celle non contigue non si ha più possibilità di comunicare con quelli posti fra i due spenti!!!

24 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi questa soluzione risolve tutti i problemi pur avendo una certa complessità di cablaggio legata anche alle esigenze delle unità di trasporto

25 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi PUBLIC INFORMATION e se si spengono due IED in celle non contigue la comunicazione con gli altri IED funziona regolarmente

26 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili PUBLIC INFORMATION applicare la soluzione radiale ad un quadro a cassetti estraibili garantisce la funzionalità ma richiede complicazioni di cablaggio (soprattutto considerando gli spazi nei canali di risalita e le dimensioni e il costo dei connettori Ethernet ad innesto)

27 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili Con questa soluzione i cassetti possono essere estratti senza problemi; ricordiamo, però, che per avere la ridondanza gli IED nei cassetti debbono avere doppia porta

28 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili Applicare ad un quadro a cassetti estraibili la struttura ad anello sembrerebbe molto semplice ma funziona solamente quando tutti i cassetti sono inseriti. N.B.: Tutti gli IED devono avere due porte e la funzione di data switch integrata

29 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili ma se ci sono dei cassetti estratti, come accade normalmente durante il commissioning e spesso anche durante il normale funzionamento dell'impianto (si pensi agli spare) è impossibile avere una comunicazione affidabile

30 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili La soluzione al problema è di installare un data switch in corrispondenza di ogni cassetto, in questo caso gli IED possono avere una sola porta ma si capisce la complessità e il costo della soluzione; inoltre ci si trova in presenza di un numero elevato di switch che devono essere alimentati e, quindi, le possibili cause di rottura o malfunzionamento aumentano pur considerando l'elevato MTBF degli switch

31 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili Una soluzione alternativa ai data switch è l'utilizzo di "by-pass hub"; questi sono componenti passivi rispetto ad Ethernet ma devono essere alimentati tramite un contatto di "cassetto inserito" che alimenta un relè che corto-circuita i fili della rete Ethernet in caso di cassetto estratto; soluzione più economica ma lo MTBF dello hub e del contatto di cassetto estratto è molto inferiore a quello degli switch. N.B.: Tutti gli IED devono avere doppia porta e la funzione di data switch integrata

32 Interfacce dati per reti elettriche industriali Tempi di risposta in Modbus/TCP

33 Interfacce dati per reti elettriche industriali Tempi di risposta in Modbus-Rs485

34 33 Interfacce dati per reti elettriche industriali Soluzioni, problematiche, vantaggi e svantaggi Le interfacce per il controllo di reti di distribuzione industriale interfacciate con il DCS e altri sistemi devono: Garantire l'affidabilità della comunicazione Fornire tempi di risposta compatibili con le esigenze del processo Presentare al DCS una interfaccia di scambio dati che: eviti ogni problematica relativa alla gestione di strumenti di diversi fornitori gestisca in modo autonomo le problematiche relative a possibili errori di comunicazione fornisca le informazioni su tabelle in modo che il DCS non debba accedere al singolo strumento presente in campo mantenga la stessa struttura dei dati indipendentemente dalla posizione fisica dell'utenza da controllare se possibile presenti la stessa configurazione dei dati anche per utenze di tipo diverso (p.e. un motore oppure una partenza feeder o heater) Essere potenti ma sufficientemente semplici da realizzare e, soprattutto, da manutenere Dare la possibilità di trasferire diversi set di dati a diverse applicazioni del DCS Dare la possibilità ad altri sistemi (ENMCS, PMS, DMS) di accedere a informazioni disponibili negli IED non interessanti per il DCS

35 34 La proposta Rockwell Automation L'interfaccia per il quadro di Media Per garantire la ridondanza e l'affidabilità della comunicazione i due bus vengono attrezzati ciascuno con due data switch a cui sono collegati gli IED della sbarra corrispondente; nel caso di IED con una sola porta si deve intraporre un ulteriore data switch (come fatto per la colonna AB)

36 La proposta Rockwell Automation L'interfaccia per il quadro MCC Nel caso dei quadri di bassa tensione gli incomer e i bus-tie possono essere collegati in IEC alla CCU; i motori di bassa sono controllati da IED che comunicano in Modbus-Rs485 collegati su reti ad anello divise per sbarra; nessun hardware aggiuntivo viene installato nel quadro PUBLIC INFORMATION 35

37 36 La proposta Rockwell Automation La Central Control Unit di sottostazione Una tipica CCU comunica con tutti i quadri e i sistemi ausiliari presenti in una sottostazione via IEC-61850, Modbus-RTU; altri protocolli (Modbus/TCP, 104, Profibus/DP, DeviceNet) possono essere gestiti con schede aggiuntive

38 La proposta Rockwell Automation Il sistema esteso ad un impianto con diverse sottostazioni PUBLIC INFORMATION Nel caso di impianti complessi che richiedono il Load Shedding si utilizza un PLC separato che comunica con le sottostazioni periferiche utilizzando una coppia di fibre diversa da quella usata per la supervisione del sistema in modo da garantire una totale indipendenza 37

39 La proposta Rockwell Automation I tempi di risposta ai comandi del DCS PUBLIC INFORMATION Risultato di test eseguiti su impianti reali con la CCU che comunica con tutti i motori presenti; nel caso in alto sono riportati i tempi di risposta del cambio di stato del contattore e del ritorno seriale; nel caso in basso solamente il ritorno seriale (total loop response time) 38

40 39 La proposta Rockwell Automation Alcune referenze di integrazione ENMCS - DCS project controlled substations IED's MV switchb. LV switchb. Kazakhstan Kazakhstan UAE UAE UAE

41 40

42 41 L'integrazione delle utenze elettriche nel DCS Conclusioni - le funzioni base L'interfaccia fra il sistema ECS e il DCS solitamente viene utilizzata per comandare i motori e altre utenze elettriche di servizio (p.e. trace heating) e, pertanto, l'interazione fra i due sistemi deve rispondere ad una esigenza di relativa velocità di risposta coniugata ad una ottima affidabilità delle linee di comunicazione. Per ottenere questo risultato si deve utilizzare un gateway di comunicazione che garantisca la semplicità della integrazione mettendo a disposizione del DCS: Standardizzazione della struttura dati indipendente dal costruttore del quadro elettrico (i motori possono essere controllati da IPCD di diversi costruttori) e del protocollo di comunicazione degli strumenti Eliminazione delle problematiche relative alla comunicazione con il singolo strumento (timeout, cassetto estratto, ecc.) Possibilità di variare la disposizione degli IPCD nel(i) quadro(i) (spostamento di linea seriale, cambiamento di indirizzo, ecc.) senza dover riconfigurare il DCS Riduzione e semplicità dei cablaggi Riduzione del traffico di comunicazione (mappe di scambio dati) Gestione della ridondanza delle linee di comunicazione

43 42 L'integrazione delle utenze elettriche nel DCS Conclusioni - le funzioni avanzate L'interfaccia fra il sistema ECS e il DCS può (deve!) essere utilizzata anche per sviluppare una serie di funzionalità tese a: Valutare il Total Cost of Ownership dell'impianto Alimentare un sistema di Asset Lifetime Management esteso a tutti i componenti presenti nell'impianto Alimentare un sistema di gestione degli allarmi e della manutenzione Ottimizzare il funzionamento delle macchine elettriche confrontando i dati in tempo reale con quelli ottenuti dal modello di rete Valutare gli Energy Performance Indicators oltre ai Key performance Indicators I dati necessari per questo tipo di applicazioni sono molto più numerosi di quelli necessari per il controllo delle utenze, vengono utilizzati in procedure di tipo informatico basate su data-base e necessitano, quindi, di protocolli diversi da quelli preferiti per la gestione del processo.

44 43 L'integrazione delle utenze elettriche nel DCS Conclusioni Il gateway di comunicazione oggetto di questa presentazione supporta sia le funzioni base del controllo di processo che le necessità delle funzioni avanzate di gestione grazie a: La possibilità di comunicare con gli IPCD a diversi livelli di tensione per mezzo di diversi protocolli su diverse tipologie di rete completamente ridondanti (IEC-61850, Modbus) oppure non ridondanti a livello di bassa tensione (Profibus/DP, DeviceNet) Una interfaccia semplice e funzionale verso gli IPCD installati nei cassetti estraibili Una buona velocità di risposta verso gli strumenti in Modbus-Rs485 grazie alle capacità di parallel computing e alla funzionalità del firmware dei coprocessori di comunicazione seriale La possibilità di comunicare con il DCS e con altre applicazioni attraverso diversi protocolli contemporaneamente sia su Ethernet che su Rs-485 La possibilità di sincronizzarsi a server temporali diversi e di oro-datare gli eventi con precisione < 1ms La possibilità di integrare segnali hardwired e seriali presentando al DCS una mappa di scambio dati uniforme La semplicità della installazione e della manutenzione

45 Grazie dell'attenzione! Per informazioni contattare Luigi A. Borghi PUBLIC INFORMATION Follow ROKAutomation on Facebook & Twitter. Connect with us on LinkedIn. Rev 5058-CO900E

Sistema integrato di gestione dei carichi elettrici nel settore OIL&GAS

Sistema integrato di gestione dei carichi elettrici nel settore OIL&GAS Sistema integrato di gestione dei carichi elettrici nel settore OIL&GAS Luigi A. Borghi (Didelme) Federico Marguati (Wonderware Invensys) Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Un sistema innovativo per la gestione delle sottostazioni elettriche

Un sistema innovativo per la gestione delle sottostazioni elettriche Memoria presentata al Forum Telecontrollo Bologna 6-7 Novembre 2013 Relatori: Luigi Aurelio Borghi Skema Didelme Maurizio Cappelletti Rockwell Automation Sommario Viene presentata una soluzione, realizzata

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! L interfaccia tra i sistemi di controllo ed i sistemi elettrici: nuove architetture basate su reti e/o bus di comunicazione Andrea Bazzani Michele Monaco Sergio Guardiano SISTEMI

Dettagli

La migliore soluzione Ethernet per l automazione!

La migliore soluzione Ethernet per l automazione! PROFINET La migliore soluzione Ethernet per l automazione! Unrestricted Siemens AG 2014 All rights reserved. Siemens.it/packteam PROFINET è la soluzione ideale per ogni applicazione PROFINET NON TEME CONFRONTI!

Dettagli

trasmissione/distribuzione?

trasmissione/distribuzione? Come rendere smart una rete di trasmissione/distribuzione? Il contributo degli specialisti software nell implementazione di smart grid. Giuseppe Menin - COPA-DATA GmbH giuseppe.menin@copadata.it 11.2010

Dettagli

L integrazione DCS-ECS: un passo fondamentale verso l eccellenza dell impianto petrolchimico

L integrazione DCS-ECS: un passo fondamentale verso l eccellenza dell impianto petrolchimico L integrazione DCS-ECS: un passo fondamentale verso l eccellenza dell impianto petrolchimico Agenda Chi siamo L ECS (Electrical Control System) visto da Skema Didelme L interfaccia con il DCS: lo stato

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

PlantPAx : interfaccia per dispositivi di campo e asset management

PlantPAx : interfaccia per dispositivi di campo e asset management PlantPAx : interfaccia per dispositivi di campo e asset management Simone Cerizza Commercial Engineer Process Italian Region Agenda Cenni generali fieldbus digitale Tecnologia FDT/DTM Piattaforma di integrazione

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

La soluzione specifica per la Substation Automation

La soluzione specifica per la Substation Automation La soluzione specifica per la Substation Automation Giuseppe Menin giuseppe.menin@copadata.it www.copadata.it Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre 2009 L esperienza insegna

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

Smart Lab: struttura unica nel suo genere dedicata alla sperimentazione, alla ricerca ed alla dimostrazione di tecnologie innovative

Smart Lab: struttura unica nel suo genere dedicata alla sperimentazione, alla ricerca ed alla dimostrazione di tecnologie innovative : struttura unica nel suo genere dedicata alla sperimentazione, alla ricerca ed alla dimostrazione di tecnologie innovative Affrontare le sfide della società nell era del consumo sostenibile Aiutare i

Dettagli

OMNI3 Powered by OMNICON Srl Via Petrarca 14/a 20843 Verano Brianza (MB) lunedì 18 novembre 13

OMNI3 Powered by OMNICON Srl Via Petrarca 14/a 20843 Verano Brianza (MB) lunedì 18 novembre 13 1 Monitoraggio Impianti Fotovoltaici e servizi relativi l energia Centro servizi per la gestione dei consumi 2 OMNI3 Il monitoraggio degli impianti Il tema della sostenibilità ambientale diventa sempre

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

Soluzioni ABB per l efficienza energetica

Soluzioni ABB per l efficienza energetica Flavio Beretta, Senior Vice President ABB Full Service and Global Consulting, Aprile 2013 Soluzioni ABB per l efficienza energetica Il sistema di misura come strumento per la gestione dell energia Dicembre

Dettagli

Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale

Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale Reti per l Automazione Stefano Panzieri Lan e Bus di Campo - 1 Stefano Panzieri Al livello più basso Misura e acquisizione delle grandezze di interesse

Dettagli

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione La gestione dell IP dinamico in rete GPRS con utilizzo del protocollo IEC60870: il concetto di Plc Gprs Manager, nella comunicazione wireless con standard IEC, applicato alle reti idriche geograficamente

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

SIMATIC PCS 7. PCS 7: PROFINET per Process Automation

SIMATIC PCS 7. PCS 7: PROFINET per Process Automation SIMATIC PCS 7 PCS 7: PROFINET per Process Automation Page 2 L automazione industriale nelle diverse industrie PCS Processo 7 Discreto Step 7 Industrie di processo Industrie ibride Industrie manifatturiere

Dettagli

L utilizzo del protocollo standard IEC60870-104, via GPRS su reti VPN, come risposta alle esigenze di telecontrollo nel settore idrico.

L utilizzo del protocollo standard IEC60870-104, via GPRS su reti VPN, come risposta alle esigenze di telecontrollo nel settore idrico. L utilizzo del protocollo standard IEC60870-104, via GPRS su reti VPN, come risposta alle esigenze di telecontrollo nel settore idrico. Ing. Vittorio Agostinelli Product Manager Factory Automation Phone:

Dettagli

Convertitori di frequenza PowerFlex Funzioni e applicazioni avanzate (AUD 09)

Convertitori di frequenza PowerFlex Funzioni e applicazioni avanzate (AUD 09) Rev 5058-CO900E Copyright 2015 Rockwell Automation, Inc. All rights reserved. Convertitori di frequenza PowerFlex Funzioni e applicazioni avanzate (AUD 09) Automation University, Parma Marzo 2015 PUBLIC

Dettagli

Diego Pagnoncelli, LPM Smart Grid, Distribution Automation PPMV 21/05/2014 Smart Grids Reti Elettriche e Reti Dati

Diego Pagnoncelli, LPM Smart Grid, Distribution Automation PPMV 21/05/2014 Smart Grids Reti Elettriche e Reti Dati Diego Pagnoncelli, LPM Smart Grid, Distribution Automation PPMV 21/05/2014 Smart Grids Reti Elettriche e Reti Dati Smart Grids Un radicale cambio di paradigma L attuale rete di distribuzione è stata progettata

Dettagli

The distribution energy resources impact

The distribution energy resources impact LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS Fiera Milano 8 maggio 2014 Il ruolo dell accumulo visto da una società di distribuzione ENEL Distribuzione

Dettagli

Scheda di rete 10/100/1000Mbps USB3.0, USB Hub

Scheda di rete 10/100/1000Mbps USB3.0, USB Hub USB-0502 Versione H/w: 1 Scheda di rete 10/100/1000Mbps USB3.0, USB Hub Connessione facile e veloce con l\\\'usb L\\\'adattatore di rete Gigabit USB LevelOne con Hub a 3 Porte USB consente di collegarsi

Dettagli

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Dare vita ad un network intelligente di impianti distribuiti sul territorio, migliorando la sostenibilità e massimizzando la competitività globale. Laura Graci e Domenico

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

Installazione della turbina TURBEC T100 presso la piattaforma ZECOMIX. M. Nobili, A. Assettati, G. Messina, L. Pagliari. Report RdS/PAR2013/267

Installazione della turbina TURBEC T100 presso la piattaforma ZECOMIX. M. Nobili, A. Assettati, G. Messina, L. Pagliari. Report RdS/PAR2013/267 c Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Installazione della turbina TURBEC T100 presso la piattaforma ZECOMIX M. Nobili,

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

the digital connection company Full Lighting Management

the digital connection company Full Lighting Management Ailux S.r.l. è una realtà tecnologica che ha come strategia aziendale la connettività. L azienda ed il suo management si riconoscono e amano identificarsi come una digital connection. L unione di un management

Dettagli

Tecnologia IntelliCENTER con EtherNet/IP. Centri controllo motori CENTERLINE 2100 e CENTERLINE 2500

Tecnologia IntelliCENTER con EtherNet/IP. Centri controllo motori CENTERLINE 2100 e CENTERLINE 2500 Tecnologia IntelliCENTER con EtherNet/IP Centri controllo motori CENTERLINE 2100 e CENTERLINE 2500 EtherNet/IP per la tecnologia IntelliCENTER Integrato, intelligente e intuitivo sono gli aggettivi che

Dettagli

Soluzioni per l Efficienza Produttiva

Soluzioni per l Efficienza Produttiva Soluzioni per l Efficienza Produttiva Venerdì 16 Novembre 2012 Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - BG Massimo Daniele Marketing Manager Plant Solutions Schneider Electric può aiutare al di

Dettagli

WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE

WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE 1 INTRODUZIONE I sistemi di telecontrollo ed il monitoraggio diventano sempre più importanti nell'ampliamento delle reti di distribuzione idrica ed in particolar

Dettagli

GPM Green System. Descrizione Generale. Soluzioni per il Telecontrollo Elettrico

GPM Green System. Descrizione Generale. Soluzioni per il Telecontrollo Elettrico Soluzioni per il Telecontrollo Elettrico GPM Green System Descrizione Generale GPM Green System è la più innovativa soluzione per il Telecontrollo di Sottostazioni Elettriche o Cabine di Trasformazione

Dettagli

ODP piattaforma per concetti aperti di telecontrollo via GPRS

ODP piattaforma per concetti aperti di telecontrollo via GPRS ODP piattaforma per concetti aperti di telecontrollo via GPRS trasmissione sicura via GPRS uso di componenti standard (PLC e modem) uso di protocolli e interfacce standard struttura aperta per la connessione

Dettagli

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto Telecontrollo Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto AUTORE: Andrea Borroni Weidmüller S.r.l. Tel. 0266068.1 Fax.026124945 aborroni@weidmuller.it www.weidmuller.it Ethernet nelle

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, Modbus TCP a Modbus RTU serie deltadue

Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, Modbus TCP a Modbus RTU serie deltadue BT. 02.30 DXDY/I Gateway da PROFIBUS DP, DeviceNet, CANopen, TCP a serie deltadue Integra le linee di strumentazione ASCON nel tuo sistema DX 5000 Convertitore di linea RS232/ Ripetitore / Adattatore di

Dettagli

Oltre lo S.C.E.D.E. Il sistema centralizzato di elaborazione dati energetici come coordinatore della Trazione Elettrica (TE)

Oltre lo S.C.E.D.E. Il sistema centralizzato di elaborazione dati energetici come coordinatore della Trazione Elettrica (TE) Oltre lo S.C.E.D.E. Il sistema centralizzato di elaborazione dati energetici come coordinatore della Trazione Elettrica (TE) Relatore : Ing. Andrea Pertici Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche

Dettagli

Verso infrastrutture intelligenti per le utility. Vincenzo.Lecchi@Alcatel-Lucent.com 22 Aprile 2010

Verso infrastrutture intelligenti per le utility. Vincenzo.Lecchi@Alcatel-Lucent.com 22 Aprile 2010 Verso infrastrutture intelligenti per le utility Vincenzo.Lecchi@Alcatel-Lucent.com 22 Aprile 2010 L ambiziosa iniziativa Green Touch @ mira a limitare di un fattore 1.000 le future emissioni legate alla

Dettagli

Sistemi di Supervisione e Controllo

Sistemi di Supervisione e Controllo Sistemi di Supervisione e Controllo Argomento Docente - Sistemi di Controllo Distribuito (DCS) - Prof. Elio USAI eusai@diee.unica.it Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Collegamento semplice ed immediato ad ogni sistema di supervisione

Collegamento semplice ed immediato ad ogni sistema di supervisione Collegamento semplice ed immediato ad ogni sistema di supervisione > Sistema di comunicazione Acti 9 Con Acti 9 i vostri clienti avranno il controllo totale dei loro impianti 100% Esclusiva Schneider Electric

Dettagli

introduzione introduzione soluzione acquisizione dati elaborazione e archiviazione dati interfaccia utente personalizzazioni

introduzione introduzione soluzione acquisizione dati elaborazione e archiviazione dati interfaccia utente personalizzazioni In un impianto fotovoltaico una corretta manutenzione e un efficiente sistema di monitoraggio sono fondamentali per la rilevazione di guasti o malfunzionamenti. I fattori che influiscono sul corretto funzionamento

Dettagli

SMART GRIDS: DELL ENERGIA ELETTRICA

SMART GRIDS: DELL ENERGIA ELETTRICA SMART GRIDS: RIVOLUZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Nuovi scenari di sviluppo dell automazione e della generazione diffusa e occasioni per l industria 3 a Sessione: Sviluppo tecnologico

Dettagli

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini

PLC. I/O Analogici. www.webalice.it/s.pollini PLC I/O Analogici 1 I/O Analogici Acquisizione e gestione di segnali fisici variabili nel tempo da un valore minimo ad un valore massimo 2 I/O Analogici Trasduttori: attivi - passivi 3 I/O Analogici Trasduttori:

Dettagli

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI Strumenti dedicati a particolari fasi operative (esempio: analizzatori di bus di campo, sniffer, strumenti per il monitoraggio della distribuzione dell energia,..)

Dettagli

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO Logiche di controllo LOGICA DI CONTROLLO Una automazione può, oggi, essere realizzata secondo due diverse tecnologie. In passato la logica di controllo era implementata (realizzata) attraverso la tecnologia

Dettagli

HMI GOT1000 di Mitsubishi Electric: funzioni avanzate per la messa in servizio, la supervisione e la manutenzione delle linee produttive

HMI GOT1000 di Mitsubishi Electric: funzioni avanzate per la messa in servizio, la supervisione e la manutenzione delle linee produttive HMI GOT1000 di Mitsubishi Electric: funzioni avanzate per la messa in servizio, la supervisione e la manutenzione delle linee produttive Le sfide della produzione Varietà di prodotti ed opzioni Quantità

Dettagli

SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011

SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011 SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011 Questo documento illustra in modo sintetico le possibili soluzioni di Automazione & Controllo, utilizzando i prodotti CJB

Dettagli

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Carlo Perassi carlo@linux.it Un breve documento, utile per la presentazione dei principali protocolli di livello Sessione dello stack TCP/IP e dei principali

Dettagli

Efficienza Energetica

Efficienza Energetica Efficienza Energetica Opportunità di Risparmio Energetico con l utilizzo di inverter PowerFlex Diego Marazzini Rockwell Automation PUBLIC INFORMATION Rev 5058-CO900E Motivazione Motivazione 0-0-0 Obbiettivi

Dettagli

Gli Standard applicati alle Soluzioni di Telecontrollo: dal ciclo idrico integrato alla raccolta differenziata, con l orizzonte nella smart community

Gli Standard applicati alle Soluzioni di Telecontrollo: dal ciclo idrico integrato alla raccolta differenziata, con l orizzonte nella smart community Ing. Vittorio Agostinelli Product Manager Factory Automation Gli Standard applicati alle Soluzioni di Telecontrollo: dal ciclo idrico integrato alla raccolta differenziata, con l orizzonte nella smart

Dettagli

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO HSRIO_BROCHURE.DOC HSRIO HIGH SPEED REMOTE INPUT OUTPUT Nome documento: Hsrio_Brochure.doc Responsabile: Bassignana Luigi Data: 01/04/2008 1 DESCRIZIONE Sistema modulare di IO remoto ad alta velocità,

Dettagli

AUD05 Utilizzate e ottimizzate il vostro impianto

AUD05 Utilizzate e ottimizzate il vostro impianto AUD05 Utilizzate e ottimizzate il vostro impianto Visibilità di tutto l impianto grazie a un unica soluzione integrata, personalizzata in base alle vostre esigenze Rev 5058-CO900D Copyright 2013 Rockwell

Dettagli

" Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 "

 Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 " Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 " Obiettivi Prevenzione malfunzionamenti riduzione disservizi conformità a standard minimi

Dettagli

SAFETY AT WORK PRODOTTI E SOLUZIONI PER LA SICUREZZA

SAFETY AT WORK PRODOTTI E SOLUZIONI PER LA SICUREZZA SAFETY AT WORK PRODOTTI E SOLUZIONI PER LA SICUREZZA FINO AD ORA: MSS BASIC Sistema di sicurezza modulare 3RK3 Basic: - è un dispositivo di sicurezza modulare e parametrizzabile tramite software - offre

Dettagli

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO RETI INDUSTRIALI Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it\fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi GERARCHIA DI CONTROLLO Ing. F.M.

Dettagli

Collaborazione Multidisciplinare Dal Concept al Commissioning

Collaborazione Multidisciplinare Dal Concept al Commissioning Collaborazione Multidisciplinare Dal Concept al Commissioning radu.simionescu@siemens.com Contenuti PLM Product LifeCycle Management & Digital Factory Collaborazione multi-disciplinare Concept Virtual

Dettagli

Asset management per centrali di produzione da fonti rinnovabili.

Asset management per centrali di produzione da fonti rinnovabili. Asset management per centrali di produzione da fonti rinnovabili. Vantaggi dell utilizzo di sensor networks wireless M. Giannettoni, P. Pinceti, M. Caserza Magro Università di Genova E. Montanari IB Group

Dettagli

Architetture di rete Profinet per performance d eccellenza! Profinet network architectures for top performance

Architetture di rete Profinet per performance d eccellenza! Profinet network architectures for top performance Paolo Ferrari Università di Brescia, Via Branze 38-25123 Brescia (Italy) Tel: +39-030-3715445 fax: +39-030-380014 Architetture di rete Profinet per performance d eccellenza! Profinet network architectures

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE

CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE CONTROLLO GRU REALIZZATO CON P.L.C. SIEMENS S7 REVAMPING GRU MOBILI PORTUALI MHC FANTUZZI -REGGIANE Le gru mobili portuali offrono soluzioni flessibili alla movimentazione dei carichi all interno dei porti,

Dettagli

Industrial Ethernet. Indice. Introduzione. Introduzione Campi d impiego di Industrial Ethernet A.2 Industria automobilistica A.4

Industrial Ethernet. Indice. Introduzione. Introduzione Campi d impiego di Industrial Ethernet A.2 Industria automobilistica A.4 Indice Industrial Ethernet.2 Industria automobilistica.4 Meccanica generale.5 Macchine - In dettaglio.6 Processo.8.1 La tendenza al collegamento in rete dei componenti degli impianti industriali con protocolli

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

OCS Open Control System

OCS Open Control System OCS Open Control System L OCS è una applicazione software innovativa di supervisione e controllo, progettata e realizzata da Strhold S.p.A. per consentire la gestione centralizzata di sottosistemi periferici.

Dettagli

Multicom 301/302. Agente di rete NetMan 101/102 Plus. Convertitore di protocollo. Duplicatore di seriale Multicom 351/352.

Multicom 301/302. Agente di rete NetMan 101/102 Plus. Convertitore di protocollo. Duplicatore di seriale Multicom 351/352. Agente di rete NetMan 101/102 Plus L agente di rete NetMan plus consente la gestione dell UPS collegato direttamente su LAN 10/100 Mb utilizzando i principali protocolli di comunicazione di rete (TCP/IP,

Dettagli

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus Micaela Caserza Magro Genoa Fieldbus Competence Centre srl Via Greto di Cornigliano 6r/38 16152 Genova

Dettagli

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM CIM = Computer Integrated Manufacturing Fabbrica completamente automatizzata fabbrica ottimizzata Obiettivi di una strategia CIM incremento della qualità del prodotto

Dettagli

Soluzioni intelligenti per l integrazione di servizi tecnici in un ospedale 2011-1. Ronny Scherf

Soluzioni intelligenti per l integrazione di servizi tecnici in un ospedale 2011-1. Ronny Scherf 2011-1 Ronny Scherf Product Marketing Manager CentraLine c/o Honeywell GmbH Soluzioni intelligenti per In Europa gli edifici rappresentano il 40% del consumo energetico complessivo. Gli ospedali, in particolare,

Dettagli

Gestione allarmi Trends

Gestione allarmi Trends Il sistema di visualizzazione rappresenta una soluzione semplice e compatta per accedere alle principali funzionalità di controllo di un abitazione. Composto di uno schermo LCD touch screen retroilluminato

Dettagli

Get connected! Connecting Devices

Get connected! Connecting Devices Get connected! Connecting Devices Tecnologia Anybus di HMS Industrial Networks La gamma di prodotti Anybus di HMS Industrial Networks, che include gateway, interfacce embedded ultra-compatte e sistemi

Dettagli

«Messa in sicurezza di uno stabilimento per acque minerali tramite soluzioni integrate di networking e telecontrollo»

«Messa in sicurezza di uno stabilimento per acque minerali tramite soluzioni integrate di networking e telecontrollo» AssoAutomazione Associazione Italiana Automazione e Misura «Messa in sicurezza di uno stabilimento per acque minerali tramite soluzioni integrate di networking e telecontrollo» Relatori: Ing. Antonio Allocca

Dettagli

Diode Array 7440 SD. Apparecchio NIR per analisi in linea. Affidabile, Accurato, Immediato

Diode Array 7440 SD. Apparecchio NIR per analisi in linea. Affidabile, Accurato, Immediato Diode Array 7440 SD Apparecchio NIR per analisi in linea Tutti i tipi di Snack Food Umidità, Grassi, sale Design industriale e sanitario Interfaccia basata su Web Affidabile, Accurato, Immediato Il controllo

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

eeplc Applicazioni SlimLine Labelling Realtime Module per L'altro modo di etichettare

eeplc Applicazioni SlimLine Labelling Realtime Module per L'altro modo di etichettare Labelling Realtime Module per eeplc L'altro modo di etichettare : eeplc + Modulo Software Labelling Realtime 29 settembre 2008 Pag. 1 di 18. Premesse Dall'esperienza nella tecnologia Full Digital e nel

Dettagli

ArgoMatic. Rexroth. Hai mai pensato al Retrofit? Integrated Automation. Bosch Group. System Integrator. DeLorean-BackToTheFuture - Fred Ottens

ArgoMatic. Rexroth. Hai mai pensato al Retrofit? Integrated Automation. Bosch Group. System Integrator. DeLorean-BackToTheFuture - Fred Ottens ArgoMatic Integrated Automation Rexroth Bosch Group System Integrator Hai mai pensato al Retrofit? DeLorean-BackToTheFuture - Fred Ottens 2 - Argomatic Argomatic - 3 Retrofit / Modernizzazione: portarsi

Dettagli

Trasmissione e raccolta dati

Trasmissione e raccolta dati Trasmissione e raccolta dati Esempi applicativi Gestione dati macchina Il sistema di acquisizione dati descritto nel seguito, utilizza una rete Ethernet/CANBus come supporto per integrare i dati all'interno

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Protocolli per L Automazione Industriale

Protocolli per L Automazione Industriale Protocolli per L Automazione Industriale Manufacturing Automation Protocol Manufacturing Message Specification Virtual Manufacturing Device Technical and Office Protocol Stefano Panzieri MAP-TOP - 1 Produzione

Dettagli

Industrial Automation. Siemens HMI. Standardizzazione dell'interfaccia utente per massimizzare l'efficienza. SIEMENS S.p.A. IA - AS - Gruppo HMI

Industrial Automation. Siemens HMI. Standardizzazione dell'interfaccia utente per massimizzare l'efficienza. SIEMENS S.p.A. IA - AS - Gruppo HMI Siemens HMI Standardizzazione dell'interfaccia utente per massimizzare l'efficienza Hardware L introduzione di nuove tecnologie sia hardware che software e la diminuzione dei costi dei componenti ha modificato

Dettagli

Loredana Sales IBM IOD Centre of Excellence

Loredana Sales IBM IOD Centre of Excellence Loredana Sales IBM IOD Centre of Excellence IBM è impegnata nel portare intelligenza nelle utility per ottimizzare la rete e ridurre i costi per i clienti coordinando l installazione di 7 degli 11 sistemi

Dettagli

Telex telecomunicazioni. Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali

Telex telecomunicazioni. Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali Telex telecomunicazioni Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali Agenda 1 azienda 2 organizzazione 3 offerta 4 partner 5 referenze Storia Azienda Nasce 30 anni fa Specializzata

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Sistemi, tecnologie e soluzioni per l evoluzione della rete. Guido Fiesoli, Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Pisa - 4 luglio 2013

Sistemi, tecnologie e soluzioni per l evoluzione della rete. Guido Fiesoli, Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Pisa - 4 luglio 2013 Sistemi, tecnologie e soluzioni per l evoluzione della rete Guido Fiesoli, Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Pisa - 4 luglio 2013 ANIE Energia Chi siamo Rappresenta 337 aziende associate (oltre 20.000

Dettagli

PSS 4000 e SafetyNET p: l'automazione diventa semplice

PSS 4000 e SafetyNET p: l'automazione diventa semplice PSS 4000 e SafetyNET p: l'automazione diventa semplice SPS/IPC/DRIVES Italia 24 Maggio 2012 Pilz Italia srl Alberto Confalonieri Application Engineer Scenario: Studi di settore Costi di progettazione elettronica

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Telecontrollo con soluzione PLC GPRS Manager per le reti di Pubblica Utilità.

Telecontrollo con soluzione PLC GPRS Manager per le reti di Pubblica Utilità. Relatore: Ing. Recchia Simone Responsabile Tecnico Panasonic Electric Works Italia Telecontrollo con soluzione PLC Manager per le reti di Pubblica Utilità. Case history di un automazione distribuita per

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE S. Grillo (1), L. Cicognani (2), S. Massucco (1), S. Scalari (3), P. Scalera (2), F. Silvestro (1) stefano.massucco@unige.it

Dettagli

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE:

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE: per impianti fotovoltaici APPLICATION NOTE: SISTEMA DI TELEGESTIONE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 200907ANN01 @ MMIX, INGECO WWW.COM2000.IT Pagina 1 di 8 Sommario Introduzione...3 I vantaggi del sistema di

Dettagli

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it ICT e SmartGrid Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it Sommario Introduzione Nuove Architetture dei Sistemi Elettrici Motivazioni, requisiti, caratteristiche Comunicazioni Dispositivi Un esempio Applicazioni

Dettagli

il progetto Milano Wi-Power

il progetto Milano Wi-Power 22 Aprile 2010 - Roma Verso infrastrutture intelligenti per le utility Telecomunicazioni innovative nel controllo e protezione della GD: D. Falabretti,, G. Monfredini, V. Olivieri, M. Pozzi Dipartimento

Dettagli