Verona, ottobre 2013!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verona, 29-30 ottobre 2013!"

Transcript

1 Verona, ottobre 2013!

2 L utilizzo dei protocolli di comunicazione per una efficace integrazione delle utenze elettriche nel DCS SAVE 2013 Luigi Aurelio Borghi Verona 30 Ottobre 2013 PUBLIC INFORMATION Rev 5058-CO900E

3 2

4 3 Agenda Necessità e scopi dell'integrazione Peculiarità dello ECS, del DCS e degli IED L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia cablata L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Interfacce dati per reti elettriche industriali Soluzioni, problematiche, vantaggi e svantaggi La proposta Rockwell Automation Struttura del sistema e tempi di risposta Conclusioni

5 4 Necessità e scopi dell'integrazione Peculiarità dello ECS come definito nelle DEP SHELL Lo scopo di un sistema di supervisione e controllo per le reti elettriche viene definito in due specifiche con lo stesso titolo e due implementazioni: ELECTRICAL NETWORK MONITORING AND CONTROL SYSTEM FOR INDUSTRIAL NETWORKS SPECIFICATION DEP Gen. December 2008 APPLICATION DEP Gen. August 2009 In general, the objective of an ENMC system is to manage the operation of an industrial electrical network in terms of cost, safety, availability and power quality. The ENMC system shall in principle be limited to the control and monitoring of the on-site electrical network. As far as distribution is concerned, the ENMC system will generally be limited to the high voltage ( 1.000V) systems, but monitoring of low voltage incomers and bus-section switches and where applicable emergency generator systems may also be included.

6 5 Necessità e scopi dell'integrazione Le esigenze delle reti industriali sono diverse da quelle delle utilities Neither DEP Gen nor DEP Gen. cover the specific requirements for large generation and transmission systems such as power plants and electrical networks operated by Public Utility companies. If the need arises to design and install such a system, the Principal shall seek advice from specialist consultants in this field. The ENMC system and its components shall, where relevant, be designed in accordance with the applicable IEC publications, in particular IEC NOTE: The IEC series predominantly deals with systems in substations that are part of (large) transmission and distribution power networks of (Public) Utility companies. In view of the specific nature of industrial power networks, the Principal and Manufacturer may mutually agree to deviate from these IEC standards where applicable.

7 6 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS come definito nelle DEP SHELL SPECIFICATION DEP Gen. December 2008 INTEGRATION WITH DCS The Principal shall decide whether the Human Machine Interface (HMI) and engineering facilities of the ENMC will be integrated with the DCS. An option could be that similar functions are implemented in both the ENMC system and the DCS. Details of this shall be advised by Principal in the enquiry stage. Process related controls, e.g. starting and stopping of electric motors, controlling the speed of a VSDS, and running up of generator sets etc. shall normally be accomplished from the DCS. The operation philosophy shall describe in detail the split of control between DCS and ENMC. In cases where control from both systems is deemed to be required, e.g. initiating the synchronising of generators, the hierarchy shall be clearly defined. The operating philosophy document shall be available at the enquiry stage (2.4.1). The Distributed Control System (DCS) controls and monitors the process equipment and systems.

8 7 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS come definito nelle DEP SHELL APPLICATION DEP Gen. August 2009 INTEGRATION WITH DCS It is in principle possible to integrate the HMI of the ENMC system with the DCS. When considering this option, full agreement shall be reached with process control and operation specialists / management. This shall be decided prior to sending out enquiries to selected Manufacturers, reference is made to (Part I, 3.2) Integration of the entire ENMC with the DCS is presently not possible owing to the specific performance requirements, in particular response times and sample frequency In most installations a number of overview displays are duplicated from the ENMC to the HMI of the DCS. The Principal / Contractor shall advise details to the Manufacturer in the implementation phase, but the requirement shall be covered in the contract.

9 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS tramite lo IMCS IMCS (Integrated Motor Control System) to control, protect and monitor both motors and feeders. Appendix 1 - DEP Gen. February 2011 The IMCS shall be a microprocessor based motor/feeder protection, control and monitoring system generally comprising: MCUs and FCUs mounted in or adjacent to the Functional Units (starter or feeder compartments) of the Assembly. A CCU arrangement per Substation linking the MCUs and FCUs, in that substation, able to be connected to at least one EWS and shall provide separate serial connections to the plant DCS and SCADA systems via a serial link or an Ethernet connection. IMCS designed by the various Manufacturers differ from each other in terms of hardware, software and communication protocols. The Manufacturer should give appropriate details in his quotation and confirm that the functionality as requested in this Appendix and the requisition for IMCS is met.

10 9 Necessità e scopi dell'integrazione La specificità dell interfaccia con gli IED nell'integrazione ECS/DCS Gli strumenti elettronici disponibili per il controllo e la protezione delle apparecchiature elettriche, detti Intelligent Electronic Devices (IED) oppure Integrated Protection and Control Devices (IPCD) diventano sempre più potenti e: Consentono il comando tramite collegamento seriale invece che cablato Mettono a disposizione una quantità di dati che permettono di sviluppare applicazioni di analisi della rete, gestione della manutenzione e analisi dei guasti Richiedono strumenti sofisticati per l acquisizione, gestione e utilizzo della mole di dati disponibili in modo da dare un vero valore aggiunto all impianto in termini di efficienza e riduzione di costi Sono la base per la gestione del Total Cost of Ownership (TCO)

11 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS per ridurre il TCO Il Total Cost of Ownership (TCO) è dato dal costo di acquisto dell'impianto a cui vanno aggiunti TUTTI i costi per la gestione dell'impianto stesso e gli impianti per l'industria petrolifera sono progettati per una vita di almeno 30 anni

12 Necessità e scopi dell'integrazione L'integrazione ECS/DCS per ridurre il TCO L'utilizzo degli IED integrati con i dati del DCS consente di: Acquisire misure: per utilizzare gli impianti nel punto di massimo rendimento per ottimizzare il consumo di energia per valutare i Key Performance Indicators (KPI) di processo per valutare gli Energy Performance Indicators (EnPI) per ridurre l'impatto ambientale Gestire allarmi: per individuare i punti critici per facilitare il lavoro degli operatori per ridurre il tempo di indisponibilità Ottimizzare l'uso della rete elettrica Confronto del funzionamento reale con il modello teorico Correzione dei fattori che provocano scarso rendimento Migliorare la manutenzione Raccolta e analisi delle Sequenze degli Eventi e dei tracciati Raccolta e tracciatura dei parametri delle protezioni

13 12 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia cablata Tutti i segnali hardwired Svantaggi Progettazione complessa (morsettiere di interfaccia, interconnection diagrams, revisioni in corso d'opera) Grandi quadri di interfaccia, grandi quadri di controllo, grandi spazi occupati Grandi quantità di cavi (costo di acquisto, posa, collaudo, manutenzione, durata) Necessità di convertitori di segnale (digitali e analogici) da cui: Ulteriore complicazioni nel progetto, nella realizzazione, nel collaudo e nell'utilizzo Quadri di interfaccia ancora più grandi e complessi Limitato numero di informazioni per limitare i costi Complessità nella manutenzione con necessità di calibrazione periodica Costo di acquisto elevato Costo di collaudo e messa in servizio elevato Total Cost of Ownership elevato Vantaggi 1. Adatto per essere manutenuto da personale di vecchia generazione

14 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Dalla metà degli anni '80 si cominciano ad usare i PLC per sostituire le logiche cablate nei quadri elettrici Dalla fine degli anni '80 cominciano a diffondersi le unità di IO distribuite utilizzando reti proprietarie (Profibus, RIO, Genius, DH485 ecc) ad "alta" velocità per il controllo di processo Dalla metà degli anni '90 comincia a diffondersi l'uso degli strumenti di protezione a microprocessore che usano la comunicazione soprattutto per trasferire misure e dati con protocolli non specifici per il controllo di processo Dagli anni 2000 Ethernet supera la "diffidenza" causata dal suo "non-determinismo" e si diffonde sempre più come supporto standard per le comunicazioni industriali estese anche al controllo di processo La diffusione di Ethernet ha un grande impatto anche sui sistemi di trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica che, negli stessi anni, cambiano modello di business passando da una struttura di rete tradizionale alla smart-grid che richiede una distribuzione di controllo capillare Proprio per gestire le smart-grid nasce il protocollo IEC agli inizi del 2000

15 14 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione in reti industriali Nell'interfaccia con il DCS i segnali sono trasmessi con un protocollo Vantaggi Riduzione e semplicità di cablaggio Semplificare gli impianti Ridurre i tempi di sviluppo Semplificare la messa in servizio Avere a disposizione grandi quantità di dati per diverse applicazioni Consente il controllo remoto (problemi di cyber security) Svantaggi Richiede personale di manutenzione con una preparazione non "tradizionale" Warning Gestire la ridondanza In sede di progetto chiarezza nella specifica delle interfacce (HW e SW) Documentazione ha contenuti diversi dai tradizionali Pensare alla manutenzione (mantenitiva ed evolutiva) sia della parte elettrica che del DCS Pensare alla cyber security

16 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione L interfaccia fra gli IED e l'enmcs e il DCS deve avere caratteristiche fra loro in contraddizione: Una buona velocità di risposta per eseguire con sicurezza e nei tempi richiesti i comandi (DCS) Una buona potenza elaborativa e capacità di storage per gestire tutti i dati messi a disposizione dagli strumenti di protezione e controllo Possibilità di integrare strumenti di case diverse con protocolli diversi Considerando anche la necessità della affidabilità del sistema questi problemi vengono risolti con efficacia utilizzando interfacce di supervisione e controllo ridondanti e veicolate attraverso gateway di comunicazione che permettono comunicazioni ottimizzate fra DCS ed ECS indipendenti dal protocollo di comunicazione dei singoli strumenti elettronici separando I due mondi che possono essere sviluppati separatamente. Attenzione alla chiara definizione della interfaccia!

17 16 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Simplified block diagram of IMCS DEP GEN February 2011 Appendix 1 - Page 38

18 17 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione Caratteristica Campo di applicazione Indirizzamento dei dati Time stamp con il dato Trasmissione Possibilità Host multipli Sequence of Events Serie di dati (oscillo) Lettura/scrittura parametri Scambio dati orizzontale Indipendenza dal fornitore Modbus-RTU o TCP Telecontrollo IEC Supervisione protezioni IEC Telecontrollo DNP3 Telecontrollo IEC Substation & feeder automation Indice indice indice indice Nomi gerarchici SI macchinoso SI SI SI SI Master to slave Ciclica o spontanea Ciclica o spontanea Ciclica o spontanea Ciclica o spontanea SI in TCP NO SI SI SI SI macchinoso Si Si Si SI (report) SI macchinoso SI SI SI SI SI macchinoso SI SI SI WEB Server NO NO NO NO GOOSE NO NO NO NO SI nomi standard

19 18 L'interfaccia fra ECS e DCS Interfaccia dati e protocolli di comunicazione La struttura dei dati in Ogni IED è composto da una serie di "device logici" ciascuno composto da "nodi logici" con proprietà e metodi definiti dallo standard sia come nomenclatura che come funzionalità. Questo approccio sposta l'attenzione e l'impegno dello sviluppatore dello SCADA dalla problematica della acquisizione del dato ("in che tabella di questo relè di questo costruttore trovo il dato e che formato ha?") alla gestione dell'informazione. IEC definisce dei modelli di informazione standard fra i diversi costruttori e un linguaggio standard di configurazione della trasmissione delle informazioni (SCL - Substation Configuration Language) La disponibilità di una comunicazione orizzontale fra i diversi IED e la presenza di un "process bus" aprono la strada per una automazione distribuita della distribuzione elettrica.

20 19 Come realizzare reti Ethernet per comunicare con IED installati all'interno di: quadri a colonne o cubicoli fissi Quadri a cassetti estraibili

21 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi N.B.: Tutti gli IED devono avere la funzione di data switch integrata

22 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi PUBLIC INFORMATION Se si perde la comunicazione con un IED (p.e. si spengono gli ausiliari di cella) tutti gli altri relè comunicano grazie alla ridondanza dell'anello

23 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi PUBLIC INFORMATION ma se si spengono due IED in celle non contigue non si ha più possibilità di comunicare con quelli posti fra i due spenti!!!

24 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi questa soluzione risolve tutti i problemi pur avendo una certa complessità di cablaggio legata anche alle esigenze delle unità di trasporto

25 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a colonne o cubicoli fissi PUBLIC INFORMATION e se si spengono due IED in celle non contigue la comunicazione con gli altri IED funziona regolarmente

26 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili PUBLIC INFORMATION applicare la soluzione radiale ad un quadro a cassetti estraibili garantisce la funzionalità ma richiede complicazioni di cablaggio (soprattutto considerando gli spazi nei canali di risalita e le dimensioni e il costo dei connettori Ethernet ad innesto)

27 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili Con questa soluzione i cassetti possono essere estratti senza problemi; ricordiamo, però, che per avere la ridondanza gli IED nei cassetti debbono avere doppia porta

28 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili Applicare ad un quadro a cassetti estraibili la struttura ad anello sembrerebbe molto semplice ma funziona solamente quando tutti i cassetti sono inseriti. N.B.: Tutti gli IED devono avere due porte e la funzione di data switch integrata

29 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili ma se ci sono dei cassetti estratti, come accade normalmente durante il commissioning e spesso anche durante il normale funzionamento dell'impianto (si pensi agli spare) è impossibile avere una comunicazione affidabile

30 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili La soluzione al problema è di installare un data switch in corrispondenza di ogni cassetto, in questo caso gli IED possono avere una sola porta ma si capisce la complessità e il costo della soluzione; inoltre ci si trova in presenza di un numero elevato di switch che devono essere alimentati e, quindi, le possibili cause di rottura o malfunzionamento aumentano pur considerando l'elevato MTBF degli switch

31 Interfacce dati per reti elettriche industriali La realizzazione di una rete per quadri a cassetti estraibili Una soluzione alternativa ai data switch è l'utilizzo di "by-pass hub"; questi sono componenti passivi rispetto ad Ethernet ma devono essere alimentati tramite un contatto di "cassetto inserito" che alimenta un relè che corto-circuita i fili della rete Ethernet in caso di cassetto estratto; soluzione più economica ma lo MTBF dello hub e del contatto di cassetto estratto è molto inferiore a quello degli switch. N.B.: Tutti gli IED devono avere doppia porta e la funzione di data switch integrata

32 Interfacce dati per reti elettriche industriali Tempi di risposta in Modbus/TCP

33 Interfacce dati per reti elettriche industriali Tempi di risposta in Modbus-Rs485

34 33 Interfacce dati per reti elettriche industriali Soluzioni, problematiche, vantaggi e svantaggi Le interfacce per il controllo di reti di distribuzione industriale interfacciate con il DCS e altri sistemi devono: Garantire l'affidabilità della comunicazione Fornire tempi di risposta compatibili con le esigenze del processo Presentare al DCS una interfaccia di scambio dati che: eviti ogni problematica relativa alla gestione di strumenti di diversi fornitori gestisca in modo autonomo le problematiche relative a possibili errori di comunicazione fornisca le informazioni su tabelle in modo che il DCS non debba accedere al singolo strumento presente in campo mantenga la stessa struttura dei dati indipendentemente dalla posizione fisica dell'utenza da controllare se possibile presenti la stessa configurazione dei dati anche per utenze di tipo diverso (p.e. un motore oppure una partenza feeder o heater) Essere potenti ma sufficientemente semplici da realizzare e, soprattutto, da manutenere Dare la possibilità di trasferire diversi set di dati a diverse applicazioni del DCS Dare la possibilità ad altri sistemi (ENMCS, PMS, DMS) di accedere a informazioni disponibili negli IED non interessanti per il DCS

35 34 La proposta Rockwell Automation L'interfaccia per il quadro di Media Per garantire la ridondanza e l'affidabilità della comunicazione i due bus vengono attrezzati ciascuno con due data switch a cui sono collegati gli IED della sbarra corrispondente; nel caso di IED con una sola porta si deve intraporre un ulteriore data switch (come fatto per la colonna AB)

36 La proposta Rockwell Automation L'interfaccia per il quadro MCC Nel caso dei quadri di bassa tensione gli incomer e i bus-tie possono essere collegati in IEC alla CCU; i motori di bassa sono controllati da IED che comunicano in Modbus-Rs485 collegati su reti ad anello divise per sbarra; nessun hardware aggiuntivo viene installato nel quadro PUBLIC INFORMATION 35

37 36 La proposta Rockwell Automation La Central Control Unit di sottostazione Una tipica CCU comunica con tutti i quadri e i sistemi ausiliari presenti in una sottostazione via IEC-61850, Modbus-RTU; altri protocolli (Modbus/TCP, 104, Profibus/DP, DeviceNet) possono essere gestiti con schede aggiuntive

38 La proposta Rockwell Automation Il sistema esteso ad un impianto con diverse sottostazioni PUBLIC INFORMATION Nel caso di impianti complessi che richiedono il Load Shedding si utilizza un PLC separato che comunica con le sottostazioni periferiche utilizzando una coppia di fibre diversa da quella usata per la supervisione del sistema in modo da garantire una totale indipendenza 37

39 La proposta Rockwell Automation I tempi di risposta ai comandi del DCS PUBLIC INFORMATION Risultato di test eseguiti su impianti reali con la CCU che comunica con tutti i motori presenti; nel caso in alto sono riportati i tempi di risposta del cambio di stato del contattore e del ritorno seriale; nel caso in basso solamente il ritorno seriale (total loop response time) 38

40 39 La proposta Rockwell Automation Alcune referenze di integrazione ENMCS - DCS project controlled substations IED's MV switchb. LV switchb. Kazakhstan Kazakhstan UAE UAE UAE

41 40

42 41 L'integrazione delle utenze elettriche nel DCS Conclusioni - le funzioni base L'interfaccia fra il sistema ECS e il DCS solitamente viene utilizzata per comandare i motori e altre utenze elettriche di servizio (p.e. trace heating) e, pertanto, l'interazione fra i due sistemi deve rispondere ad una esigenza di relativa velocità di risposta coniugata ad una ottima affidabilità delle linee di comunicazione. Per ottenere questo risultato si deve utilizzare un gateway di comunicazione che garantisca la semplicità della integrazione mettendo a disposizione del DCS: Standardizzazione della struttura dati indipendente dal costruttore del quadro elettrico (i motori possono essere controllati da IPCD di diversi costruttori) e del protocollo di comunicazione degli strumenti Eliminazione delle problematiche relative alla comunicazione con il singolo strumento (timeout, cassetto estratto, ecc.) Possibilità di variare la disposizione degli IPCD nel(i) quadro(i) (spostamento di linea seriale, cambiamento di indirizzo, ecc.) senza dover riconfigurare il DCS Riduzione e semplicità dei cablaggi Riduzione del traffico di comunicazione (mappe di scambio dati) Gestione della ridondanza delle linee di comunicazione

43 42 L'integrazione delle utenze elettriche nel DCS Conclusioni - le funzioni avanzate L'interfaccia fra il sistema ECS e il DCS può (deve!) essere utilizzata anche per sviluppare una serie di funzionalità tese a: Valutare il Total Cost of Ownership dell'impianto Alimentare un sistema di Asset Lifetime Management esteso a tutti i componenti presenti nell'impianto Alimentare un sistema di gestione degli allarmi e della manutenzione Ottimizzare il funzionamento delle macchine elettriche confrontando i dati in tempo reale con quelli ottenuti dal modello di rete Valutare gli Energy Performance Indicators oltre ai Key performance Indicators I dati necessari per questo tipo di applicazioni sono molto più numerosi di quelli necessari per il controllo delle utenze, vengono utilizzati in procedure di tipo informatico basate su data-base e necessitano, quindi, di protocolli diversi da quelli preferiti per la gestione del processo.

44 43 L'integrazione delle utenze elettriche nel DCS Conclusioni Il gateway di comunicazione oggetto di questa presentazione supporta sia le funzioni base del controllo di processo che le necessità delle funzioni avanzate di gestione grazie a: La possibilità di comunicare con gli IPCD a diversi livelli di tensione per mezzo di diversi protocolli su diverse tipologie di rete completamente ridondanti (IEC-61850, Modbus) oppure non ridondanti a livello di bassa tensione (Profibus/DP, DeviceNet) Una interfaccia semplice e funzionale verso gli IPCD installati nei cassetti estraibili Una buona velocità di risposta verso gli strumenti in Modbus-Rs485 grazie alle capacità di parallel computing e alla funzionalità del firmware dei coprocessori di comunicazione seriale La possibilità di comunicare con il DCS e con altre applicazioni attraverso diversi protocolli contemporaneamente sia su Ethernet che su Rs-485 La possibilità di sincronizzarsi a server temporali diversi e di oro-datare gli eventi con precisione < 1ms La possibilità di integrare segnali hardwired e seriali presentando al DCS una mappa di scambio dati uniforme La semplicità della installazione e della manutenzione

45 Grazie dell'attenzione! Per informazioni contattare Luigi A. Borghi PUBLIC INFORMATION Follow ROKAutomation on Facebook & Twitter. Connect with us on LinkedIn. Rev 5058-CO900E

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

AUTOMATION AND PROCESS CONTROL

AUTOMATION AND PROCESS CONTROL AUTOMATION AND PROCESS CONTROL THE CONTROL TECHNOLOGY GROUP FAST GROUP Dal 1982, anno di fondazione, FAST rappresenta nel panorama internazionale un punto di riferimento costante per forniture di sistemi

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

PlantStruxure: la piattaforma per l automazione di processo

PlantStruxure: la piattaforma per l automazione di processo PlantStruxure: la piattaforma per l automazione di processo Venerdì 16 Novembre 2012 Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - BG Massimo Daniele Marketing Manager Plant Solutions Schneider Electric

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti. Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS

Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti. Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS Answers for industry. SIPLUS HCS la risposta alle esigenze termiche

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

SOFTWARE QUADRISTICA UTILIZZATORI ENERGIE DISTRIBUZIONE

SOFTWARE QUADRISTICA UTILIZZATORI ENERGIE DISTRIBUZIONE Company Profile SOFTWARE UTILIZZATORI QUADRISTICA ENERGIE DISTRIBUZIONE IL VALORE DELL ENERGIA Il corpo umano ci ispira costantemente ad una continua ricerca dell impianto perfetto, partendo dall idea,

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin Merlin Gerin Figurato Amperometri e voltmetri digitali 182 Centrali di misura Power Meter 182 Centrali di misura Circuit Monitor 182 Micro Power Server 183 Gateway Ethernet EGX 183 Software SMS 183 Software

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS /2 Introduzione /5 Soft Starter ES /8 Biblioteca di blocchi softstarter SIRIUS RW44 per SIMATIC PCS 7 /10 Motor Starter ES /1 Biblioteca di

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli