premessa Indirizzi generali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "premessa Indirizzi generali"

Transcript

1 INDIRIZZI GENERALI PER LA REGOLAMENTAZIONE DELL ARREDO URBANO NELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO Approvati dalla Giunta Comunale in seduta 11 febbraio 2009 (estratto verbale n di protocollo del 9/3/2009) premessa Il centro storico della città di Como, classificato nel Piano Regolatore Generale Zona omogenea A rappresenta il sistema consolidato della città e del suo territorio. Esso costituisce patrimonio della collettività da salvaguardare per il valore etico civile che si manifesta nell architettura del costruito, nella tessitura degli isolati, nell articolarsi dei suoi elementi, edifici, piazze, strade. Questa proposta vuole porre l attenzione sull utilizzo delle aree pubbliche cittadine, a seguito del rilascio di concessioni di occupazione del suolo pubblico temporanee o permanenti nelle vie e piazze del centro storico della città da parte degli operatori commerciali e, in taluni casi, dei privati. Considerato che sempre più frequentemente pervengono richieste, da parte degli operatori commerciali, finalizzate all occupazione di aree pubbliche dove svolgere l attività di somministrazione di alimenti e bevande, e consapevoli della vocazione turistica della città ed in particolare del centro storico, si è ritenuto necessario prenderne in considerazione l aspetto estetico formale. Indirizzi generali Fermo restando il rispetto delle norme, prescrizioni, e regolamenti, in materia di urbanistica, di edilizia, di viabilità, di ordine e sicurezza, di commercio, e di igiene e sanità, questa proposta ha lo scopo di dare ordine e coerenza tipologica all uso di materiali, forme e colori nella scelta e nell impiego di arredi e altri elementi necessari allo svolgimento dell attività commerciale. Tipologia degli oggetti di arredo OMBRELLONI OMBRELLONI-TENDA TAVOLI E SEDIE FIORIERE E VASI GRIGLIATI PANNELLI ANTIVENTO TRASPARENTI E NON SOSTEGNI VARI ( porta menù /promozioni ecc.) IRRADIATORI DI CALORE PEDANE e TAPPETI PORTARIFIUTI ESPOSITORI DISTRIBUTORI AUTOMATICI CONTENITORI DI VARIO GENERE ALTRI OGGETTI

2 Ogni altro elemento o struttura non presente nell elenco sopra esteso e nella tabella che segue è da ritenersi estraneo e non ammissibile. Prescrizioni I. L occupazione di suolo pubblico, da parte di esercizi quali, bar,ristoranti, locali di ritrovo e simili non deve, recare pregiudizio estetico o di decoro alcuno, in ambiti di particolare pregio monumentale ambientale - paesaggistico che interessino edifici e aree vincolate dal D.Lgs n 42 del 22/01/2004, Codi ce Urbani nè in ambiti che pur non soggetti a vincoli rivestano carattere storico, artistico, monumentale o ambientale. Per tale aspetto, ma anche per la diversità delle caratteristiche di piazze, strade, slarghi, marciapiedi, portici, ecc.. si è ritenuto necessario procedere ad una mappatura, dove sono individuati i diversi ambiti di applicazione del regolamento. In nessun ambito della città storica sono ammessi elementi di arredo realizzati con materiali plastici, ne recanti scritte o marchi. II. Gli arredi non devono pregiudicare visuali monumentali o paesaggistiche, devono garantire l aspetto di provvisorietà e avere caratteristiche di montaggio / smontaggio e rimozione rapido. III. Gli ingombri e le forme devono inserirsi armonicamente nel contesto circostante sia dal punto di vista della percezione dello spazio, sia dal punto di vista della lettura e della salvaguardia di pavimentazioni di particolare disegno e pregio. IV. La scelta dei materiali, deve essere rivolta a quelli di tipo tradizionale come ferro, ghisa, acciaio (escludendo l inox)) satinato o verniciabile, legno, pietra, cotto, e per quanto riguarda i tessuti quelli di fibre naturali. V. La scelta dei colori deve concorrere all ambientazione più idonea, dell elemento di arredo, valutando l intorno e privilegiando tinte unite non sgargianti o fosforescenti.

3 ELEMENTO DI ARREDO OMBRELLONE con sostegno centrale AMBITO D INTERESSE STORICO Ad esclusione delle aree porticate AMBITO SOGGETTO A VINCOLO Ad esclusione delle aree porticate PIAZZE DI PARTICOLARE PREGIO Ad esclusione delle aree porticate Note OMBRELLONE-TENDA A DOPPIA FALDA con struttura di appoggio longitudinale Quando la situazione lo consente, ma non a ridosso degli edifici e a condizione che non pregiudichi la lettura del contesto architettonico ambientale Quando la situazione lo consente, ma non a ridosso degli edifici e a condizione che non pregiudichi la lettura del contesto architettonico ambientale NON ad eccezione di Piazza Volta, dove l ampiezza dell area consente la collocazione non a ridosso degli edifici e nel rispetto delle visuali monumentali e paesaggistiche TAVOLI, SEDIE a disegno semplice FIORIERE E VASI Solo come elemento ornamentale degli ingressi e/o con funzione di sostegno degli ombrelloni. Solo come elemento ornamentale degli ingressi e/o con funzione di sostegno degli ombrelloni. Solo come elemento ornamentale degli ingressi e/o con funzione di sostegno degli ombrelloni. Devono essere ben curati. Non devono avere funzione di perimetrazione o separazione dell area occupata. Con tali funzioni sono ammessi, in numero strettamente necessario, solo in aree non soggette a traffico limitato, a protezione di avventori e arredi. PANNELLI GRIGLIATI VERTICALI PANNELLI ANTI VENTO NON NON NON NON NON NON

4 SOSTEGNI PORTA MENU e LAVAGNETTE Solo uno, e quando sia valutato che posto all interno dell esercizio non assolva sufficientemente la funzione Solo uno, e quando sia valutato che posto all interno dell esercizio non assolva sufficientemente la funzione Solo uno, e quando sia valutato che posto all interno dell esercizio non assolva sufficientemente la funzione Sono ammessi solo per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (esclusi tassativamente uffici, negozi,laboratori ecc.. anche se trattano prodotti alimentari) IRRADIATORI DI CALORE PER ESTERNO in numero limitato in numero limitato in numero limitato n. 1 ogni (..tot mq.) PEDANE (tappeti vedi nota) solo su occupazioni di sede stradale con manto asfaltato, con la sola funzione di eliminare eventuali dislivelli. solo su occupazioni di sede stradale con manto asfaltato, con la sola funzione di eliminare eventuali dislivelli. NON I tappeti ( in moquette, sughero o materiali simili) a copertura di pavimentazione stradale non sono ammessi. PORTA RIFIUTI Esclusivamente agli esercizi di vendita di alimentari, a condizione che siano per tipologia uniformi a quelli dell arredo urbano pubblico. Esclusivamente agli esercizi di vendita di alimentari, a condizione che siano per tipologia uniformi a quelli dell arredo urbano pubblico. NON Sono tassativamente esclusi i porta rifiuti di forme fantasiose o bizzarre o di dimensioni eccessive (es. coni gelato, pupazzi, e simili) ESPOSITORI di merci NON NON NON Ad eccezione di negozi di Fiori e Piante, vendita di cartoline, e rivendite di giornali, ma limitatamente a singoli elementi e solo quando lo stato dei luoghi lo consenta.

5 DISTRIBUTORI AUTOMATICI NON NON NON CONTENITORI diversi Fissi o mobili NON NON NON ALTRI OGGETTI NON NON NON Non sono inoltre ammesse macchinette varie di genere, comprese quelle per la produzione o erogazione di gelati, granite, bibite ecc né apparecchi frigoriferi o altra attrezzatura similare. Da escludere, anche nelle aree destinate alla somministrazione, la collocazione di mobili porta biancheria/ stoviglie / vivande, frigoriferi, contenitori gelati, porta rifiuti dalla forma bizzarra e dimensione eccessiva Non è ammesso qualunque altro elemento non considerato in questa tabella Individuazione degli ambiti (vedi cartografia) allegata AMBITO D INTERESSE STORICO AMBITO SOGGETTO A VINCOLO PIAZZE DI PARTICOLARE PREGIO piazza Duomo, piazza San Fedele, piazza Cavour, piazza Volta, piazza Mazzini

6

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE Art. 1. CONTENUTI E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Nell ambito della riqualificazione del centro di

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

COMUNE DI BARGE. REGOLAMENTO di individuazione delle aree e delle caratteristiche per l installazione di strutture temporanee ad uso dehor

COMUNE DI BARGE. REGOLAMENTO di individuazione delle aree e delle caratteristiche per l installazione di strutture temporanee ad uso dehor REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI BARGE REGOLAMENTO di individuazione delle aree e delle caratteristiche per l installazione di strutture temporanee ad uso dehor Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS

REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS COMUNE DI CATTOLICA Assessorato all'urbanistica REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 29/06/2015 1 di 5 REGOLAMENTO COMUNALE DEHORS Articolo 1) Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI CAVAION VERONESE

COMUNE DI CAVAION VERONESE REGOLAMENTO E CRITERI TECNICI PER L INSTALLAZIONE DEGLI ELEMENTI DI ARREDO A DEFINIZIONE DEI PLATEATICI ANNESSI AI LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO

COMUNE DI SAN GIMIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE L ATTIVITA DEGLI ARTISTI IN STRADA E NUOVE NORME SULL ARREDO URBANO IN RELAZIONE ALL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO I REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

C I T T A' D I T E R R A C I N A

C I T T A' D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a REGOLAMENTO DISCIPLINA SUL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER L OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO DA PARTE DEGLI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato

Dettagli

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI L.P. 5 SETTEMBRE 1991, N. 22 articolo 99, comma 1, lettera e bis) INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI (testo approvato con deliberazione della Giunta provinciale n.

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori Linee guida per dissuasori Linee guida per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni Documento di indirizzi per la progettazione di qualità Comune di Genova direzione territorio, sviluppo

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DEL CENTRO STORICO PER RISTORO ALL APERTO (DEHORS)

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DEL CENTRO STORICO PER RISTORO ALL APERTO (DEHORS) REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DEL CENTRO STORICO PER RISTORO ALL APERTO (DEHORS) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 11/03/2014 Si attesta che il presente

Dettagli

L INSTALLAZIONE DEI PANNELLI TERMICI E FOTOVOLTAICI

L INSTALLAZIONE DEI PANNELLI TERMICI E FOTOVOLTAICI PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PREDAZZO PIANO REGOLATORE GENERALE D E L C O M U N E D I PREDAZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEI PANNELLI TERMICI E FOTOVOLTAICI Arch. Luca Eccheli Via Cavour,

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA RISORSE AMBIENTALI, SMART CITY E INNOVAZIONE UNITA OPERATIVA EDILIZIA SCOLASTICA VERDE E SPORT

COMUNE DI PERUGIA AREA RISORSE AMBIENTALI, SMART CITY E INNOVAZIONE UNITA OPERATIVA EDILIZIA SCOLASTICA VERDE E SPORT Allegato 1 COMUNE DI PERUGIA AREA RISORSE AMBIENTALI, SMART CITY E INNOVAZIONE UNITA OPERATIVA EDILIZIA SCOLASTICA VERDE E SPORT Avviso Pubblico per l'assegnazione stagionale di spazi per attività di rivitalizzazione,

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO

PIANO PARTICOLAREGGIATO COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO DI PRIMA ED ANTICA FORMAZIONE Allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n del Elaborato Abaco Spazi Pubblici Tavola 16

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP.

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. FIERA DI SAN GIUSEPPE EDIZIONE 2010 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E COMMERCIO PIANO COMUNALE PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E COMMERCIO PIANO COMUNALE PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E COMMERCIO PIANO COMUNALE PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 1 Disposizioni Generali Il Piano Comunale dei pubblici esercizi viene adottato

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CON SPAZIO ACCESSORIO

LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CON SPAZIO ACCESSORIO LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CON SPAZIO ACCESSORIO A CURA DEL SETTORE QUALITA URBANA LINEE GUIDA PER L ARMONIZZAZIONE DEGLI ARREDI NELL OCCUPAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI (approvato con deliberazione consiliare n. 36 del 29.05.2008) 1 Indice

Dettagli

CITTÀ di VITTORIA PROVINCIA RAGUSA C.A.P. 97019

CITTÀ di VITTORIA PROVINCIA RAGUSA C.A.P. 97019 CITTÀ di VITTORIA PROVINCIA RAGUSA C.A.P. 97019 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE U.O. Ufficio del Piano ORDINANZA SINDACALE N _34 del _14 giugno 2013 OGGETTO: Istituzione area pedonale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

Art. 1 (Oggetto, definizioni e tipologie)

Art. 1 (Oggetto, definizioni e tipologie) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA COLLOCAZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO DI VARIA TIPOLOGIA SU SUOLO PUBBLICO OVVERO PRIVATO GRAVATO DI SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO Art. 1 (Oggetto, definizioni e tipologie)

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

NORME INTEGRATIVE PER PUBBLICI ESERCIZI, ATTIVITA ARTIGIANALI E COMMERCIALI, NONCHE PER IL DECORO DI EDIFICI E CANTIERI

NORME INTEGRATIVE PER PUBBLICI ESERCIZI, ATTIVITA ARTIGIANALI E COMMERCIALI, NONCHE PER IL DECORO DI EDIFICI E CANTIERI ALLEGATO AL REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA NORME INTEGRATIVE PER PUBBLICI ESERCIZI, ATTIVITA ARTIGIANALI E COMMERCIALI, NONCHE PER IL

Dettagli

ai sensi dell art. 26 del vigente Regolamento comunale per il commercio nella Città di Prato: attività di vendita in sede fissa

ai sensi dell art. 26 del vigente Regolamento comunale per il commercio nella Città di Prato: attività di vendita in sede fissa Disciplina per l insediamento nel centro storico (come delimitato dalle mura cittadine) delle attività commerciali, artigianali di produzione alimentare e non alimentare e di vendita al dettaglio da parte

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. Tipo attività svolta. con sede nel Comune di CAP Prov. Via/Piazza n.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. Tipo attività svolta. con sede nel Comune di CAP Prov. Via/Piazza n. Modello P3 DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA CONCESSIONE PERMANENTE DI SUOLO PUBBLICO Chioschi - Dehors Tipo 4 e Dehors Tipo 5 (art 31 C.C. n. 131 del 20.12.2012 del Comune di Cesena) in possesso del titolo

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO Via Marco Polo, 1 09010 PORTOSCUSO (CI)

COMUNE DI PORTOSCUSO Via Marco Polo, 1 09010 PORTOSCUSO (CI) ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINANTZIAS E URBANISTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA Diretzione generale de sa pianificatzione urbanìstica territoriale e de sa vigilàntzia edilìtzia

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A)

Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A) Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A) Queste zone sono costituite dalle parti del territorio comunale interessate da agglomerati

Dettagli

CITTA DI COSSATO Provincia di Biella

CITTA DI COSSATO Provincia di Biella CITTA DI COSSATO Provincia di Biella PROGETTI UNITARI DI INTERVENTO PER LE ESTERIORITA DEI NEGOZI LINEA DI INTERVENTO E.1 Redatto da Comune di Cossato Assessorato alle Attività Economiche in collaborazione

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012.

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012. DISCIPLINA SULL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E/O PRIVATO ALL ESTERNO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, PUBBLICI ESERCIZI ED ESERCIZI SIMILARI E DETERMINAZIONE DEI LIMITI E DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE DELLA

Dettagli

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO * Definiscono gli interventi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE DI STRUTTURE PROVVISORIE ESTIVE ED INVERNALI "DÉHORS" PREMESSA ART. 1 DEFINIZIONE

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE DI STRUTTURE PROVVISORIE ESTIVE ED INVERNALI DÉHORS PREMESSA ART. 1 DEFINIZIONE REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE DI STRUTTURE PROVVISORIE ESTIVE ED INVERNALI "DÉHORS" PREMESSA Il presente regolamento disciplina gli aspetti estetico-architettonici e di insediamento ambientale fermo

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Provincia di Modena. Delibera di Giunta n. 61 del 5 Luglio 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Provincia di Modena. Delibera di Giunta n. 61 del 5 Luglio 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Provincia di Modena Programma d intervento locale per l attivazione e la promozione dei centri commerciali naturali. Delibera di Giunta n. 61 del 5 Luglio 2012 Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI DEHORS STAGIONALI E CONTINUATIVI ALLEGATO TECNICO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI DEHORS STAGIONALI E CONTINUATIVI ALLEGATO TECNICO CITTA DI BORDIGHERA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI DEHORS STAGIONALI E CONTINUATIVI 3 ALLEGATO TECNICO INDICAZIONI TECNICO AMBIENTALI RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEHORS Bordighera, 06 giugno 2008

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI PUBBLICISTICA PRIVATA CAPO I COMPLEMENTI DI ARREDO URBANO

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI PUBBLICISTICA PRIVATA CAPO I COMPLEMENTI DI ARREDO URBANO ALLEGATO A REGOLAMENTO DI PUBBLICISTICA PRIVATA CAPO I COMPLEMENTI DI ARREDO URBANO Art. 1 - Definizione di complementi di arredo urbano. 1. I complementi di arredo urbano sono disciplinati distintamente

Dettagli

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese COMUNE PROVINCIA DI CAVALESE DI TRENTO Norme di Attuazione Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese Cavalese, aprile 2014 Il Tecnico EDILSTUDIO Via Coronelle 9 38033 Cavalese Tel. 0462/342820

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

Regolamento per l arredo urbano del Centro Storico

Regolamento per l arredo urbano del Centro Storico Allegato sub B) alla delibera di C.C. n. del 22/12/2009 COMUNE DI MAROSTICA VIA TEMPESTA, 17-36063 MAROSTICA (VICENZA) Codice Fiscale 82000830248 Sito internet: www.comune.marostica.vi.it e-mail: tributi.comune@infomarostica.it

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A REGOLAMENTO ARREDI DELLE AREE PERTINENZIALI Atto collegato

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Al Comune di Como Settore Urbanistica, Edilizia privata e S.U.A.P. Ufficio S.U.A.P. Via Odescalchi, 13 22100 Como

Al Comune di Como Settore Urbanistica, Edilizia privata e S.U.A.P. Ufficio S.U.A.P. Via Odescalchi, 13 22100 Como Al Comune di Como Settore Urbanistica, Edilizia privata e S.U.A.P. Ufficio S.U.A.P. Via Odescalchi, 13 22100 Como Marca da bollo 16.00 OSP/SUAP suap@comune.pec.como.it www.comune.como.it Class.VI/ Ver.

Dettagli

Altre attività di vendita Carburanti

Altre attività di vendita Carburanti Altre attività di vendita Carburanti Descrizione Per impianto di distribuzione dei carburanti si intende quel complesso unitario costituito da uno o più distributori e dai serbatoi dei carburanti erogabili,

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento Edilizio comunale. Integrazione normativa all art. 27 e modifica dell art. 33.4. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO il Regolamento Edilizio comunale vigente approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Martin Design. Fioriere. Tavoli. Pareti verticali. Pavimenti. Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten

Martin Design. Fioriere. Tavoli. Pareti verticali. Pavimenti. Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten Fioriere Tavoli Pareti verticali Pavimenti Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten Rivestimenti in Cover-art Via S. Agata, 65 22066 Mariano Comense (CO) Tel. 031 748768 Fax 031

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ARREDO ESTERNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI DEL CENTRO STORICO DI CORTONA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ARREDO ESTERNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI DEL CENTRO STORICO DI CORTONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ARREDO ESTERNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI DEL CENTRO STORICO DI CORTONA Articolo 1 - NORME DI ARREDO 1. Il presente Regolamento disciplina le occupazioni di suolo

Dettagli

CITTA DI OTRANTO Provincia di Lecce

CITTA DI OTRANTO Provincia di Lecce CITTA DI OTRANTO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE L ARREDO URBANO IN RELAZIONE ALL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PRIVATE ESTERNE Approvato con deliberazione C.C. n. 37 del

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura.

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura. COMUNE DI FERRARA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI ESISTENTI E TITOLI EDILIZI RICHIESTI Principali casistiche per gli interventi sull edilizia esistente, a partire dal 1 luglio 2008

Dettagli

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO.

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO. Provincia autonoma di Trento Servizio urbanistica e tutela del paesaggio. Incarico speciale di supporto in materia di paesaggio Legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 - articolo 4. Contributi per gli interventi

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

REGOLAMENTO. Città di Follonica. Unico per l'installazione delle opere precarie e dei complementi di arredo urbano e di pubblicistica

REGOLAMENTO. Città di Follonica. Unico per l'installazione delle opere precarie e dei complementi di arredo urbano e di pubblicistica Città di Follonica Unico per l'installazione delle opere precarie e dei complementi di arredo urbano e di pubblicistica Delibera del Consiglio Comunale n. 30 del 17 marzo 2008 REGOLAMENTO INDICE INDICE

Dettagli

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti Categoria: Commercio Descrizione: Per impianto di distribuzione carburanti si intende un unico complesso commerciale costituito da uno o più apparecchi di erogazione per uso di autotrazione con le annesse

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO DI DEHORS CON STRUTTURE PREFABBRICATE

OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO DI DEHORS CON STRUTTURE PREFABBRICATE mod. TribOsap-016 rev. 1 del 03/10 Egregio Signor Sindaco del Comune di Desenzano del Garda SETTORE TRIBUTI Marca da bollo Euro 14,62 OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO

Dettagli

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO E SCELTE STRATEGICHE: 2 3 4 2 5 1 5 4 7 7 6 6 8 1) INTERVENTO SU AREA SPORTIVA - CREAZIONE DI NUOVO GIARDINO, PARCHEGGIO E LOCALI DI SERVIZIO PER LE MANIFESTAZIONI SVOLTE IN PROSSIMITA DELLA ROCCA NUOVA

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, DEI CARTELLI PUBBLICITARI E DELLE TENDE SOLARI NEGLI AMBITI DI CONSERVAZIONE

REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, DEI CARTELLI PUBBLICITARI E DELLE TENDE SOLARI NEGLI AMBITI DI CONSERVAZIONE COMUNE di SARSINA PROVINCIA di FORLI' - CESENA Adottato Approvato con Del. C. C. n.20 del 03.04.2008 con Del. C. C. n. REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO, DEI CARTELLI PUBBLICITARI

Dettagli

modulari a due falde Un tetto ovunque

modulari a due falde Un tetto ovunque Tendostrutture modulari a due falde Un tetto ovunque Tendostrutture al servizio degli eventi, capaci di adattarsi alle dimensioni delle vostre location, dai castelli ai grandi spazi delle fi ere internazionali.

Dettagli

Piazza Martiri della Libertà n. 1 12039 Verzuolo Tel. 0175 255141 Fax. 0175 255119

Piazza Martiri della Libertà n. 1 12039 Verzuolo Tel. 0175 255141 Fax. 0175 255119 COMUNE di VERZUOLO Provincia di CUNEO Piazza Martiri della Libertà n. 1 12039 Verzuolo Tel. 0175 255141 Fax. 0175 255119 P.Q.U. Programma di Qualificazione Urbana (accreditamento della Regione Piemonte

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri SERVIZIO MOBILITA, STRADE, CENTRO STORICO E CIMITERI P.zza Mercatale, 31 59100 Prato Fax 0574.183.7368 www.comune.prato.it Orario di apertura al pubblico Lunedì 9.00 13.00 Giovedì 9.00-13.00 e 15.00-17.00

Dettagli

A. Definizione delle serre fotovoltaiche e caratteristiche strutturali.

A. Definizione delle serre fotovoltaiche e caratteristiche strutturali. CIRCOLARE n. 1/2012 CRITERI, MODALITÀ E PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CONNESSI ALL AUTORIZZAZIONE PER LE REALIZZAZIONE DI SERRE FOTOVOLTAICHE SUL TERRITORIO REGIONALE. La Regione Puglia con legge regionale

Dettagli

Determinazione dei criteri per la classificazione degli esercizi pubblici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1977, numero 246.

Determinazione dei criteri per la classificazione degli esercizi pubblici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1977, numero 246. D.M. 22 luglio 1977. Determinazione dei criteri per la classificazione degli esercizi pubblici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1977, numero 246. IL MINISTRO PER L'INTERNO di concerto con IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Comune di Pitigliano (Provincia di Grosseto) Comune di Pitigliano Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 40 del 28.09.2010 Il Segretario Comunale F.to Sommovigo M.P. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI MERCATINI di NATALE IN ZONA 1 * * * * Art. 1 Oggetto

BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI MERCATINI di NATALE IN ZONA 1 * * * * Art. 1 Oggetto Settore Zona 1 BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI MERCATINI di NATALE IN ZONA 1 * * * * Art. 1 Oggetto Il Consiglio di Zona 1, con deliberazione n 257 del 16/10/2012, ha deciso di promuovere la realizzazione

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO UFFICIO TRIBUTI TARIFFE 2013 1 DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507) (Allegato alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

COMUNE DI TORTORA (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI TORTORA (Provincia di Cosenza) ALLEGATO A COMUNE DI TORTORA (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL OCCUPAZIONE TEMPORANEA DI SUOLO PUBBLICO PER SPAZI DI RISTORO ALL APERTO ANNESSI A LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE 2015 Ai sensi dell art. 29 Lr 20/2000 e s.m. NORME ALLEGATO 5a (ex Allegato 2.5)

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE 2015 Ai sensi dell art. 29 Lr 20/2000 e s.m. NORME ALLEGATO 5a (ex Allegato 2.5) COMUNE di SARSINA PROVINCIA di FORLI' - CESENA ADOTTATA con Del. C. C. n. APPROVATA con Del. C. C. n. del del REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO il Sindaco Luigino Mengaccini il Progettista arch. Carlo Lazzari

Dettagli

TESTO EMENDATO COMUNE DI PALERMO

TESTO EMENDATO COMUNE DI PALERMO TESTO EMENDATO COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SUOLO PUBBLICO PER ATTIVITA DI RISTORO ALL APERTO INDICE CAPO I DISPOSIZIONI TECNICHE Art. 1 Definizioni Art. 2 Zonizzazione Art. 3 Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI ANCONA Area Risorse Finanziarie e New Economy

COMUNE DI ANCONA Area Risorse Finanziarie e New Economy COMUNE DI ANCONA Area Risorse Finanziarie e New Economy SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE Regolamento per la disciplina di installazione e gestione di dehors. INDICE Art. 1 - Oggetto e finalita Art.

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

COMUNE DI CESENA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI

COMUNE DI CESENA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI Allegato A all Atto C.C. n. 68 del 15.5.2008 1 COMUNE DI CESENA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI Approvato con Delibera di C.C. n.169 del 30-07-2001 modificato con Delibera di C.C. n. 50 del

Dettagli

O M I S S I S RELAZIONE

O M I S S I S RELAZIONE O M I S S I S Durante la trattazione del presente argomento risultano presenti in aula n 27 Consiglieri: Bimbatti, Borgato, Buson, Fiorenzato, Frigato, Guarnieri, Guerrato, Libralon, Maldi, Masin, Montagnolo,

Dettagli