Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando."

Transcript

1 Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. Telemedicina: L esperienza di Fondazione Maugeri Dr.ssa Simonetta Scalvini Responsabile del Servizio di Telemedicina IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri Istituto di Lumezzane (Brescia) Bologna Quartiere Fieristico, 27 maggio 2010 Palazzo dei Congressi Sala Azzurra

2 Gli Istituti di Fondazione Maugeri

3

4 Cardiologia Pneumologia Psicologia Reumatologia Geriatria Neurologia Radiologia Diabetologia MMG Psicologo Nutrizionista Fisioterapista Terapia medica INFERMIERE TUTOR Terapia fisica Supporti, ausili e monitoraggi

5 Arruolamento del paziente L attivazione del servizio può essere proposta: dal MMG per i propri pazienti eligibili al servizio: il MMG dopo aver sentito il paziente - propone alla Struttura Ospedaliera l attivazione del servizio e la Struttura accetta/rifiuta la proposta, in base alla verifica della sussistenza dei requisiti dalle strutture ospedaliere: il medico ospedaliero, in fase di dimissione o in occasione della visita ambulatoriale dopo aver sentito il paziente propone l attivazione del servizio al MMG che dà l assenso o rifiuta la proposta il paziente firma un consenso informato e accetta di seguire il percorso

6 Realizzazione Realizzazione della della continuità continuità assistenziale assistenziale attraverso attraverso la la telemedicina telemedicina MMG MMG Strutture Strutture Ospedaliere Ospedaliere Centro CentroServizi Servizi Triage Triageinfermieristico infermieristico Specialisti Specialisti

7 Educazione sanitaria al paziente e familiare Insegnamento, stimolo e verifica dell aderenza del paziente Compiti della figura infermieristica specialistica Precoce riconoscimento delle instabilizzazioni Raccolta dati follow-up Monitorizzazione dei segnali elettrocardiografici Monitorizzazione esami ematochimici Aspetti organizzativi

8 Il centro servizi come hub Il Centro Servizi è organizzato come un: call-center (servizi principalmente in voce) contact center (con web-services multimediali fax, , video) La centrale operativa è assimilabile ad un ASP, Application Service Provider in grado di supportare, in tempo reale e per via telematica, flussi di informazioni sanitarie (in voce, dati, immagini).

9 Il centro servizi Utilizza un avanzata piattaforma tecnologica multimediale web-based connessa in banda larga ridondata (HDSL), dotata di: data-base server (con hardware ridondante per evitare interruzioni d attività) terminal server WEB server firewall edaccess gateway per la sicurezza delle connessioni centralino telefonico computerizzato con funzioni di call center postazioni di lavoro in rete LAN

10 Aspetti organizzativi ed asset Il centro servizi: è un team di risorse umane, tecnico-professionali, formate e dedicate fornisce un servizio di risposta all utente attivo 24/24 ore per l intero anno organizza il network di comunicazione tra i diversi utenti: ospedali, strutture universitarie, MMG, paziente garantisce la sicurezza (protezione dati sensibili, registrazione conversazioni professionali) fornisce qualità certificata ISO 9000 (formazione interna continua) supporta la ricerca scientifica gestisce innovativi modelli di telelavoro per le figure professionali coinvolte (in modalità terminal server, web-based, mobile)

11 Cosa stiamo facendo dal punto di vista tecnologico? Nuova piattaforma di telemedicina (Personal Health Record+Videoconference) Nuovi device a trasmissione wireless

12 Come funziona TelMed Platform è in grado di gestire le seguenti fasi del processo di gestione del paziente: 1. Acquisizione, automatica o manuale, dei segnali biologici del paziente 2. Contatto con l operatore di Call Center 3. Forward allo specialista (infermiere e/o medico) con accesso automatico ai dati clinici di dettaglio 4. Archiviazione delle informazioni e dei segnali acquisiti all interno della scheda sanitaria del paziente 5. Refertazione 6. Comunicazione a sistemi esterni (sistemi sanitari regionali, sistemi informativi ospedalieri) delle informazioni rilevanti lo specifico intervento 7. Reportistica

13 Teleriab Video Solution Il software costituisce un sistema che permette ad un operatore di teleriabilitazione medica l esecuzione da remoto di alcuni tipi di terapia, seguendo, dall interno della struttura ospedaliera, uno o più pazienti al proprio domicilio o presso un altra struttura L operatore di teleriabilitazione visualizza sul monitor della propria postazione un mosaico composto dai video di ciascun paziente partecipante alla sessione. Il paziente invece visualizzerà esclusivamente il video dell operatore Per entrambi sono a disposizione delle funzionalità per operare sui flussi audio e video, come ad esempio la disattivazione del microfono e la visualizzazione di un video a schermo intero

14 Come funziona

15 Come funziona

16 Come funziona

17 Il device per il monitoraggio della PA

18 Elderly Monitoring World wide: 260 million elders Disease Management Home Automation Lights Doors windows Motion / Activity Bed Drawers Kitchen Bathroom Personal Health System Fitness Equipment STB CELL PHONE Disease Management Service Elderly Monitoring Service Professional Caregivers Elderly Monitoring Elderly or independent living individual System, sensors and natural UI to assist in daily tasks Medication minders Activity prompts Vital sign data collection for monitoring and early warning Increasing social connectedness Overlap with CE devices Automated dietician Emergency response Real time alerts and communication

19 Personal Tele-health System SENSORS Cholesterol Monitor AGGREGATION COMPUTATION Weight Scale Bloodpressure PC Glucose Meter Bed / Chair Sensors Thermometer Implant Monitors Pulse Oximeter Personal Health System Cell Phone Baby Monitors SERVICES Spirometer Medication Tracking ETHERNET PERS Pedometer Consumer Electronics Fitness Equipment GRID Aggregator NETWORK (POTS, GSM, BB) Home sensing & control CONNECTIVITY Healthcare Provider Service Disease Management Service Diet or Fitness Service Personal Health Record Service Implant Monitoring Service

20 WASP project Body Sensor Network (BSN) Ambient Sensor Network (ASN) Monitoring of Activities of Daily Living

21 Il network di Telemedicina della Fondazione Salvatore Maugeri La teleassistenza integrata per il paziente cronico Paziente 2 opinion Pneumologia, cardiologia, neurologia, psicologia, farmacologia Devices Network: MMG, Paziente, Infermiere tutor, centro servizi

22 La nostra esperienza Telesorveglianza nello Scompenso Cardiaco Telesorveglianza nel paziente con patologie respiratorie croniche Ospedalizzazione domiciliare post- cardiochirurgico Event Record per la valutazione del cardiopalmo accessionale Telesorveglianza per il paziente con sclerosi laterale amiotrofica Telesorveglianza per il paziente post-ictus per il pazienti con dolore cervicale cronico

23 Telesorveglianza per il paziente cronico Telemonitoraggio (contatto programmato) (Dati clinici, es. ematochimici, terapia, ECG) Teleassistenza (contatto occasionale) (Sintomi, ECG) Teleconsulto (programmato/occasionale)

24 Dal progetto di ricerca alla messa a regime di percorsi sanitari innovativi Il caso di Nuove Reti Sanitarie CRITERIA - concluso 3 strutture (2 IRCCS F.S.Maugeri, Cardiologico Monzino, 1 AO Busto Arsizio) - N 269 pazienti PIANO URBANO - concluso 3 strutture di Milano Città (AO Niguarda, AO Sacco, AO San Carlo) - N 275 pazienti TELEMACO - in corso 6 stutture in distretti con piccoli Comuni N 113 Pazienti arruolati al NRS Nuove Reti Sanitarie - PTS in corso 34 strutture già attive su tutta la Lombardia N 850 Pazienti conclusi al

25

26 PTS per pazienti con Scompenso cardiaco Cronico (402 pazienti arruolati) Paziente Attori coinvolti nel percorso: Regione Lombardia Cardiologo FSM Infermiere tutor Fisioterapista Medico di Medicina Generale Specialista Centro Servizi Infermiere

27 Multicenter randomised trial on home based telemanagement to prevent hospital readmission of tients with chronic heart failure A Giordano et al. IJC 2009;131: pazienti con SC venivano seguiti telefonicamente per un anno e monitorati attraverso un tracciato ECG 230 pazienti con SC (usual care) costituivano il gruppo di controllo Età media 57±10 anni; FE 27±6%; VO ml/kg/min Nel gruppo seguito dal Servizio di Telemedicina si osservava riduzione del: numero totale di riammissioni ospedaliere (~ 36%) numero totale di episodi di instabilizzazione (~ 31%) costi (-35%)

28 TELEMACO TELEMedicina Ai piccoli COmuni lombardi Percorso di Telesorveglianza Sanitaria Domiciliare per pazienti affetti da BPCO

29 Descrizione del flusso Paziente MMG Pneumologo Centro Servizi SITO INTERNET società servizi Triage infermieristico

30 Percorso di Telesorveglianza Sanitaria Domiciliare per pazienti affetti da BPCO Dati relativi al progetto in corso Avvio del progetto: 1 paziente arruolato in data 01/02/2009 Ad oggi arruolati 43 Pazienti Attori coinvolti nel progetto: Pneumologo Psicologo IP Tutor telemedicina Fisioterapista respiratorio Medico Medicina Generale

31 Journal of Telemedicine and Telecare 2006; 12: Request of reimbursement! Enrolled patients: 307

32 Randomised trial on Telemedicine to save health care requests for patient with severe chronic respiratory failure M Vitacca & FSM Telemedicine Network. Eur Res J 2009:33: CRF patients were randomised Main Diagnosis: COPD (46%) and neuromuscular (23%) diseases, more than 70% with HMV. Groups: no differences in age, diagnosis, mechanical ventilation use or in overall functional status in TM and control group Mortality [TM (18%) vs control (23%)] and Survival Functions Number of ER admissions were not statistically Gruppo arruolamento different groups. 1,0 controllo telemedicina TM vs control group showed reduction in: controllo-censored 0,8 l a0,6 v i v r u S m u0,4 C 0,2 0, Giorni liberi da ospedalizzazione Hospitalization 400 otelemedicinahospitalisations (-36%, p<0.02) censored o GP urgent calls (-65%, p<0.002) o home relapses (-71%, p<0.0001) with a higher probability to be free from first: hospitalisation (p<0.015), ER admission (p<0.002), GP urgent call (p< 0.015), home relapse (p<0.015) Calls from patient to TM staff: 36±25 times Reasons: clinical instability or therapy modification. Resolution: 63% by nurses alone. Patient and caregiver s satisfaction: very high in > 92%. Average overall direct cost per each TM: reduction of 33% with respect to usual care.

33 Randomised trial on Telemedicine to save health care requests for patient with severe chronic respiratory failure (118 TM vs 102 controls) M Vitacca & FSM Telemedicine Network. Eur Res J 2009:33: After deduction of TM costs, the average overall cost per each patient was 33% less than that for usual care

34 Teleassistance in chronic respiratory failure: patient s characterization and staff workload of 5-year activity M Vitacca et al. Telemedicine & E-Health 2010;16(3): Scopo: ottimizzare l utilizzo della tecnologia fornite dal servizio di Telemedicina per stabilire la modalità più efficiente di operare in questo contesto clinico Evidenze ottenute: 1. i pazienti più rappresentativi sono soggetti affetti da BPCO, pazienti in ventilazione meccanica e pazienti con sindrome laterale amiotrofica 2. lo steady state dell attività del servizio si raggiunge con 4 anni di lavoro 3. numero di pazienti e chiamate aumentano progressivamente nel tempo 4. il carico di lavoro dell infermiere tutor aumenta significativamente, diversamente l impegno dello specialista diminuisce consentendo una riduzione dei costi dello staff del 39%.

35 Cardiopalmo ed Event Recorder (558 pazienti studiati) Cardiologo 3 Telelavoro Paziente sintomatico 1 Centro Servizi 2 Triage infermieristico

36 Il Percorso Domiciliare

37 POD (percorso di ospedalizzazione domiciliare riabilitativa post-cardiochirurgica) Dati relativi al percorso Ad oggi arruolati : 87 pazienti Attori coinvolti nel percorso : Divisione di cardio-chirurgia Infermiere Tutor Cardiologo FSM Terapista della riabilitazione

38 OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE Home-based exercise rehabilitation with telemedicine following cardiac surgery S Scalvini et al. JTT 2009;15:

39 Telesorveglianza domiciliare per il paziente con Post-Stoke (10 pazienti arruolati) Centro Servizi 3 4 Informazioni cliniche 2 Paziente/caregiver 1 Device e cellulari per la trasmissione dei dati clinici o biologici 5 Consulto infermieristico e medico specialistico

40 PROGETTO FSM - AISLA Presidi forniti al paziente arruolato nel progetto Air stacking with AMBU balloon and cough assistance with manual manoeuvres In Exoflator ( On demand ) Sat.+modem ( On demand )

41 PROGETTO FSM - AISLA Dati relativi al progetto in corso Avvio del progetto: 1 paziente arruolato in data 07/11/2006 Ad oggi arruolati: 80 pazienti Attori coinvolti nel progetto: Neurologo Pneumologo Psicologo IP Tutor telemedicina Fisioterapista respiratorio Medico Medicina Generale

42 A pilot trial of telemedicine-assisted, integrated care for patients with advanced amyotrophic lateral scclerosis and their caregiver M Vitacca et al. JTT 2010;16:83-88 Metodi. Sono stati arruolati in FSM -in un periodo di circa 2 anni40 pazienti affetti da SLA. Questi pazienti sono stati seguiti per un periodo medio di 8.6±3.8 mesi. L assistenza attraverso il Servizio di Telemedicina è stata proposta come modello multidisciplinare per pazienti e caregiver. Il team vedeva particolarmente coinvolti l infermiere- tutor, il pneumologo e fisioterapista della respirazione ed il neurologo. I pazienti monitoravano giornalmente attraverso un device portatile l ossimetria alle cui variazioni faceva seguito un contatto telefonico con il centro servizi. Dopo 6 mesi i pazienti compilavano un Questionario di Soddisfazione.

43 Psychological Elaboration Initial symptoms Diagnosis, Breaking the news Secretions Motor Disability Dysphagia Implementation of Home Devices Respiratory Relapses Indication for MV PATIENT S DISEASE STEPS Sialorrhea. Symptomatic Drugs Drugs Trials Tetraplegia Reduction of autonomies Palliativity, End of Life gastrostomy ARF Advanced directives meeting Clinical Meetings Communication devices Postmortem Meeting Caregiver Involvement Death Start TAIC In hospital consultants Neurologist Tele-assistance nurse tutor Psychologist Pulmonologist/Intensivist Physiotherapist Cardiologist Swallowing/Speech therapist Respiratory therapist Nutritionist General surgeon HOME General Practitioner Home Nurse on demand Community social service on demand Out hospital Palliativist consultants

44 At home and on demand mechanical cough assistance program for patients with amyotrophic lateral sclerosis M Vitacca et al. Am J Phys Med Rehabil 2010;89:

45 SUMMA Founded: Ministero della Salute (Programma di ricerca ex art.12, lett.b) D.Lgs. n 502/92 Coordinator: Regione Lombardia D.G. Sanità Programmazione Dicembre 2003 THE SUMMA PROJECT: A FEASIBILITY STUDY ON TELEMEDICINE IN SELECTED ITALIAN AREAS Simonetta Scalvini, Caterina Tridico, Fulvio Glisenti, Amerigo Giordano,Silvia Pirini, Paolo Peduzzi and Francesco Auxilia Telemedicine & E-Health, 2009:15 (3):1-9

46 Carichi di lavoro infermieristici (Fotografia al 15/04/2010 ) Coordinatore infermieristico Tutor 1 ER : 10 pazienti attivi Monitoraggio PA con tecnologia BT: 10 pazienti Formazione Stutture ospedaliere: 12 pazienti (gennaio-febbraio 2010) Tutor 3 Tutor 2 SLA : 34 Privati: 2 DPP : 4 NRS:4 Totale : 44 SLA : 9 DPC: 3 DPP: 3 NRS : 5 Post.Ictus : 1 Privati : 14 Totale : 35 NRS :6 DPP : 7 Post.Ictus:3 OD : 4 Dolore cervicale : 13 Totale : 33

47 Telecardiology in Italy: Benefits from a telemedicine network connecting chronic patients, General Practitioners and Health Provider Organisations 160, s 120,000 80,000 40, present value of cumulative costs present value of cumulative benefits The economic impact of extending telecardiology across the whole Lombardy Region, steadily over about six years up to 2012, is material. Much of the investment needed in information and communication technology, electrocardiogram equipment and service infrastructure has already been set in place by Health Telematic Network. The total net benefits are considerable, with an estimated annual benefit cost ratio of more than 3.3:1 by 2012

48 Our understanding of market: the future now R&D Projects Operations Cash flows from Projects still finance a large amount of operating activities.probably, it will take 5 years to reverse this structure. Mostly, it depends on the speed of expansion of reimbursment, in terms of number of services and number of types of services. Projects R&D Remb. Operations Remb. Projects R&D 3/5 yy 2/3 yy Remb. Operations

49 Un futuro diverso, nuove professionalità e nuovi modi di gestione della continuità assistenziale... In alcumi casi un presente!!!

LA SOCIETÀ. HEALTH TELEMATIC NETWORK s.r.l. Progettazione ed Erogazione di Servizi di Telemedicina.

LA SOCIETÀ. HEALTH TELEMATIC NETWORK s.r.l. Progettazione ed Erogazione di Servizi di Telemedicina. LA SOCIETÀ HEALTH TELEMATIC NETWORK s.r.l. Progettazione ed Erogazione di Servizi di Telemedicina. Nata alla fine degli anni '90 dalla realizzazione del progetto di ricerca Boario Home Care (premiato dalla

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: continuità assistenziale tra Ospedale e Territorio Michelangelo Bartolo Dirigente Responsabile UOS Telemedicina Azienda Ospedaliera

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Gli indirizzi programmatori

Gli indirizzi programmatori Percorsi in Rete attivi in Regione Lombardia Gabriella Borghi e Silvia Pirini - CEFRIEL EXPOSANITA - Bologna 28 Maggio 2008 Agenda Origine ed evoluzione dei percorsi Contesto normativo regionale Caratteristiche

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

"L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario".

L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario. Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. "L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio

Dettagli

Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione sociale

Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione sociale Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione

Dettagli

Unico La farmacia dei farmacisti. Servizi di Telemedicina HTN per Farmacie. Proposta di collaborazione

Unico La farmacia dei farmacisti. Servizi di Telemedicina HTN per Farmacie. Proposta di collaborazione Unico La farmacia dei farmacisti Servizi di Telemedicina HTN per Farmacie Proposta di collaborazione Spettabile Farmacia cliente di UNICO Oggetto: Servizi di Telemedicina HTN per le Farmacie clienti di

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE NUOVE RETI SANITARIE TELESORVEGLIANZA SANITARIA DOMICILIARE PER PAZIENTI CON BPCO

CORSO DI FORMAZIONE NUOVE RETI SANITARIE TELESORVEGLIANZA SANITARIA DOMICILIARE PER PAZIENTI CON BPCO CORSO DI FORMAZIONE NUOVE RETI SANITARIE TELESORVEGLIANZA SANITARIA DOMICILIARE PER PAZIENTI CON BPCO Codice evento: SDS 11126/AI Sede: Scuola di Direzione in Sanità, Via Copernico nr. 38 20125 Milano

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED l e v o l u z i o n e d e l l a t e l e m e d i c i n a Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED 2 Telemedicina E la pratica della medicina che si

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO Dott. Maurizio Marzegalli Commissione Cardiologica Regione Lombardia

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Modello organizzativo gestionale delle UCCP Tra tradizione e innovazione La Telemedicina nelle UCCP Da decreto e legge Balduzzi

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni alla medicina, in modo da garantire servizi sanitari a distanza e la trasmissione in tempo reale di

tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni alla medicina, in modo da garantire servizi sanitari a distanza e la trasmissione in tempo reale di Dr. Antonio Lamanna Direttore del Dipartimento dell'emergenza Direttore U.O.C. Anestesia e Rianimazione II Ospedale Generale Regionale "F. Miulli" - Ente Ecclesiastico Acquaviva delle Fonti (Ba) icubed@libero.it

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

INTRODUZIONE AL CONVEGNO

INTRODUZIONE AL CONVEGNO La persona fragile e il suo Caregiver: cura, assistenza, o presa in carico globale? Milano, 9 Ottobre 2010 Auditorium Giorgio Gaber - Regione Lombardia INTRODUZIONE AL CONVEGNO MicheleVitacca Responsabile

Dettagli

DAHMS Tecnologie ed Exploitation DAHMS Tecnologie ed Exploitation

DAHMS Tecnologie ed Exploitation DAHMS Tecnologie ed Exploitation DAHMS Tecnologie Ing. Giuliano Salcito R&D Division Hitachi Systems CBT S.p.A. Prototypes R&D Partners 1) Drugs and Food Management Unit DAS - Hitachi Systems CBT - Delta Software a) Drugs scheduling implementation

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario L'innovazione dell'ict per una Sanità che cambia Ivo Saccardo

Dettagli

Assessment of Rehabilitation Protocols in home care CLEAR

Assessment of Rehabilitation Protocols in home care CLEAR Clinical i l Leading Environment for the Assessment of Rehabilitation Protocols in home care CLEAR Giornata nazionale sul programma CIP ICT Policy Support Bando 2009 18 febbraio 2009 Grand Hotel Trento,

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e Progetto scompenso Infermiere di Famiglia Dal documento HEALTH 21 OMS 1998: obiettivo XV L integrazione del settore sanitario In molti stati membri è necessaria una maggiore integrazione del settore sanitario

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie Convegno del 27/11/2013 L impatto dei sistemi di Patient Relationship Management (PRM): l esperienza nei Paesi Baschi Relatore: Roberto Giordano - Accenture Leadership,

Dettagli

from cure to care patient support program Home Care network

from cure to care patient support program Home Care network from cure to care patient support program Home Care network disease management disease management Dal 1993 siamo il punto di riferimento dell assistenza domiciliare privata in Italia. italiassistenza privatassistenza

Dettagli

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione III - Creare la rete territoriale per la continuità assistenziale: modelli organizzativi I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire

Dettagli

Le reti ecare e SOLE della regione Emilia-Romagna: una nuova era per la Sanità ed il Welfare

Le reti ecare e SOLE della regione Emilia-Romagna: una nuova era per la Sanità ed il Welfare Le reti ecare e SOLE della regione Emilia-Romagna: una nuova era per la Sanità ed il Welfare Giovanni Rinaldi CUP2000 La Telemedicina come nuova risorsa delle Cure Primarie Il contesto attuale Wellbeing

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Gianni Commissione Nazionale FIMMG per la Telemedicina LE CURE PRIMARIE Cure Primarie

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

La dimissione difficile: il modello FSM nel paziente pneumologico complesso Michele Vitacca

La dimissione difficile: il modello FSM nel paziente pneumologico complesso Michele Vitacca La dimissione difficile: il modello FSM nel paziente pneumologico complesso Michele Vitacca Divisione di Pneumologia Riabilitativa IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri Lumezzane (BS) 3 Igiene Posizione seduta

Dettagli

Il Gruppo Filo diretto presenta

Il Gruppo Filo diretto presenta Il Gruppo Filo diretto presenta Agenda Il Gruppo Filo diretto: visione e valori La sfida di Filo diretto Filmato e demo Modello di business e target groups Domande e risposte Profilo Il Gruppo Filo diretto,

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

L Ospedalizzazione a Domicilio. V. Tibaldi. TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Venerdì 30 Maggio 2015

L Ospedalizzazione a Domicilio. V. Tibaldi. TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Venerdì 30 Maggio 2015 TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Venerdì 30 Maggio 2015 L Ospedalizzazione a Domicilio V. Tibaldi S.C. Geriatria e Malattie Metaboliche dell'osso (Prof.

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

NATHCARE (Networking Alpine health for continuity of CARE) progetto pilota transnazionale nella gestione del diabete mellito tipo 2

NATHCARE (Networking Alpine health for continuity of CARE) progetto pilota transnazionale nella gestione del diabete mellito tipo 2 NATHCARE (Networking Alpine health for continuity of CARE) progetto pilota transnazionale nella gestione del diabete mellito tipo 2 Alberto Zucchi, ASL BERGAMO Giorgio Barbaglio*, Antonio C. Bossi, Giulia

Dettagli

e-health, TELEMEDICINA E NUOVI SERVIZI SANITARI

e-health, TELEMEDICINA E NUOVI SERVIZI SANITARI e-health, TELEMEDICINA E NUOVI SERVIZI SANITARI 1 Presidente IITM, Istituto Internazionale di TeleMedicina Università Degli Studi di Milano Bicocca INFORMATICA MEDICA E TELEMEDICINA Focus sui dati del

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano

Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano Daniele Sancarlo Laboratorio di Geriatria e Gerontologia, IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo (FG) Informatica

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Teleassistenza cardiologica in una rete integrata di RSA: l esperienza dell IRCCS San Raffaele di Roma Maurizio Volterrani IRCCS San Raffaele

Dettagli

Nuvola IT Home Doctor

Nuvola IT Home Doctor Nuvola IT Home Doctor Esperienze di Medicina Telematica 12 Settembre 2011 - III Giornata Nazionale delle Cure a Casa Ospedale S. Giovanni Calibita Fatebenefratelli - Isola Tiberina, Roma Il ruolo Telecom

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 L - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 i presupposti Per portare a compimento il sistema delle cure primarie, la RER ha progettato la realizzazione delle Case della Salute ( CdS ),

Dettagli

Nuove Reti Sanitarie

Nuove Reti Sanitarie Incontro con i Clinici delle Strutture Autorizzate ai percorsi di Ospedalizzazione Domiciliare post-cardiochirurgica ai sensi DGR n.viii/2471 dell 11.5.2006 Milano, 2 ottobre 2008 Agenda POD - Analisi

Dettagli

MANUALE DEVICE A&D UA-767 PLUS BT (misuratore pressione arteriosa)

MANUALE DEVICE A&D UA-767 PLUS BT (misuratore pressione arteriosa) MANUALE DEVICE A&D UA-767 PLUS BT (misuratore pressione arteriosa) Tel. Centro Servizi HTN: 030/227227 FAX: 030/2272111 e-mail: callcenter@e-htn.it Sito internet: www.e-htn.it Numeri d emergenza in caso

Dettagli

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi Source: EHRA WhiteBook 2012 2011 Italy CRTP CRTD CRT tot ICD PM 2.000 10.380 12.380 11.970

Dettagli

Adriana Olivares Allegato 2: Elenco di Partecipazioni a Corsi e Congressi

Adriana Olivares Allegato 2: Elenco di Partecipazioni a Corsi e Congressi Pagina 1 di 5 Anni 1989-2000 1. AITELAB - Convegno di Studio per Tecnici di Laboratorio Biomedico: "Il ruolo del Laboratorio nella Prevenzione e nel Monitoraggio". Brescia, 17-19 Maggio 1989. 2. Corso

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari FOLLOW UP DEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEL TELEMONITORAGGIO E DELL INTEGRAZIONE CON I SUPERGRUPPI

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Smart Home L evoluzione digitale dell ambiente domestico Marco Canesi M2M Sales & Marketing Manager Italy Home & Building 29 Ottobre 2013 1 Le abitazioni e gli edifici stanno

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

LA SFIDA DI FILO DIRETTO. G. Ventura

LA SFIDA DI FILO DIRETTO. G. Ventura LA SFIDA DI FILO DIRETTO Lo scenario attuale Assicurazioni Pubblico Contributo finanziario Erogazione Servizi Carenza/Assenza erogazione di Servizi Crescente carenza risorse finanziarie Il modello: as

Dettagli

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I social media come strumento di promozione della salute Penetrazione di Internet e dei nuovi media

Dettagli

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale stato dell arte e prospettive future A cura di: Costantina Regazzo Docente di Organizzazione Aziendale presso l Università

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

SWEETAGE1. La telemedicina per la terza età: Esperienze e Risultati

SWEETAGE1. La telemedicina per la terza età: Esperienze e Risultati SWEETAGE1 La telemedicina per la terza età: Esperienze e Risultati AZIENDA EVOLVO S.r.l. nasce per volontà di un gruppo di professionisti con un esperienza consolidata nel contesto dell informatica applicata

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma

Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Una modalità assistenziale E sostenibile quando: E EFFICIENTE:

Dettagli

Recenti scenari europei in tema d integrazione sociosanitaria. Marco d Angelantonio Health Information Management, Bruxelles

Recenti scenari europei in tema d integrazione sociosanitaria. Marco d Angelantonio Health Information Management, Bruxelles Recenti scenari europei in tema d integrazione sociosanitaria Marco d Angelantonio Health Information Management, Bruxelles ATOUTS PRINCIPALI Nata a Bruxelles nel 1997, nel corso degli anni HIM S.A. ha

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

Il Welfare integrato:

Il Welfare integrato: Il Welfare integrato: possibili alternative per le imprese ed il territorio L opzione assicurativa Torino, 14/06/2012 Europ Assistance Group Il Gruppo ha registrato nel 2010 un incremento della propria

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Organizzare e gestire. servizi di. Telemedicina Web based

Organizzare e gestire. servizi di. Telemedicina Web based Meditel: la mission Organizzare e gestire servizi di Telemedicina Web based Servizi in Telemedicina Applicazioni Cardiologiche Telecardiologia: i servizi Interpretazione remota di ECG 12 derivazioni Interpretazione

Dettagli

PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse

PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse Il caso della SLA Paola Chesi Fondazione ISTUD Con il supporto Incondizionato di Laboratorio FIASO Le premesse: il progetto SLANCIO 2010

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

Manuale Telemonitoraggio Intensivo

Manuale Telemonitoraggio Intensivo Manuale Telemonitoraggio Intensivo Tel. Centro Servizi HTN: 030/2272180 FAX: 030/2272111 e-mail: Gilenya@e-htn.it Sito internet: www.e-htn.it Numeri d emergenza in caso di irraggiungibilità del numero

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

La Pia&aforma PHEBO. Pun2 di forza

La Pia&aforma PHEBO. Pun2 di forza La Pia&aforma PHEBO PHEBO (Pla$orm for Hi- tech / Hi- touch Evalua5on of Biometrics Observa5ons) è un sistema innova5vo di «e- Health Care» a supporto dei servizi di tele monitoraggio sul territorio. Il

Dettagli

Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure

Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure L Ambulatorio Infermieristico Cardiologico Territoriale Donatella Radini

Dettagli

05 Novembre 2008 Servizi Mobili di localizzazione: il telefono cellulare diventa apparato di localizzazione e centrale di controllo

05 Novembre 2008 Servizi Mobili di localizzazione: il telefono cellulare diventa apparato di localizzazione e centrale di controllo 05 Novembre 2008 Servizi Mobili di localizzazione: il telefono cellulare diventa apparato di localizzazione e centrale di controllo Nicola De Mattia Amministratore Delegato UbiEst SpA Location Based Services

Dettagli

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV)

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Ing Vincenzo Gullà ADiTech Srl- L evoluzione in termini di crescita numerica della popolazione Europea

Dettagli

I nuovi sistemi di monitoraggio Maglietta MagIC: Ricercatore Polo Tecnologico, Fondazione Don Carlo Gnocchi Milano

I nuovi sistemi di monitoraggio Maglietta MagIC: Ricercatore Polo Tecnologico, Fondazione Don Carlo Gnocchi Milano Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel I nuovi sistemi di monitoraggio Maglietta MagIC: il monitoraggio dei segnali biologici (live demo) Marco Di Rienzo

Dettagli

Crescita irreversibile della popolazione > 65. Aumento degli anziani che vivono da soli. Percezione di una migliore qualità della vita del paziente

Crescita irreversibile della popolazione > 65. Aumento degli anziani che vivono da soli. Percezione di una migliore qualità della vita del paziente Roma 19-02-2013 ADiTech è stata creata nel 2006 in collaborazione con un gruppo di aziende Austriache ScottyGroup e Zydacron Austria, come punto di riferimento per la progettazione ed integrazione di sistemi

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis Direzione Sanitaria II Distretto Dott. Fabio De Angelis COMPLESSITA ORGANIZZATIVA Necessità di modelli organizzativi più coerenti ed efficaci per la gestione dei pazienti domiciliari COMPLESSITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Regional Health Information System

Regional Health Information System Al servizio di gente unica Regional Health Information System Trieste, July 11, 2013 Servizio sistemi informativi ed e-government Regional Health Information System Regional Health System 7.800 km sqare

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli