GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI"

Transcript

1 GUIDA ALL INSTALLAZIONE CENTRALTEST BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi di tipo autoalimentato CENTRALSYSTEM BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi alimentati da sorgente centralizzata SISTEMI PER ILLUMINAZIONE D EMERGENZA DOTATI TI DI AUTODIAGNOSI CENTRALIZZATA

2

3 INDICE INSTALLAZIONE DEL SISTEMA CENTRALTEST TEST Descrizione del Sistema pag 1 Collegamenti e verifiche della linea Bus pag 2 Posa delle lampade pag 3 Partizione dell impianto pag 5 Note esempio applicativo pag 6 Attivazione finale dell impianto pag 6 INSTALLAZIONE DEL SISTEMA CENTRALSYSTEM Descrizione del Sistema pag 8 Collegamento della sorgente pag 10 Collegamento della Centrale pag 12 Collegamento dell Interfaccia CTS pag 13 Collegamento delle lampade pag 16 Collegamento del KIT CTS pag 18 Verifica preliminare del funzionamento del Sistema pag 20 Nota sulla partizione dell impianto pag 21 Note esempio applicativo pag 21 Attivazione finale dell impianto pag 21 INSTALLAZIONE SISTEMA MISTO CENTRALTEST TEST E CENTRALSYSTEM Descrizione del Sistema pag 23 Note per l installazione pag 23 Note esempio applicativo pag 23 Attivazione finale dell impianto pag 23 INDICE

4 INSTALLAZIONE DEL CENTRALTEST TEST DESCRIZIONE DEL SISTEMA Il CentralTest è un Sistema per illuminazione di emergenza composto da apposite lampade di tipo autoalimentato connesse mediante una linea di comunicazione ad una Centrale di controllo che permette di verificarne l efficienza. Sia le lampade che la Centrale sono appositamente costruite e non sono collegabili agli apparecchi tradizionali. La Centrale di controllo svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia degli apparecchi abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza comando di accensione incondizionata degli apparecchi Il Sistema può controllare fino a 1024 apparecchi del tipo autoalimentato (batteria interna). Gli apparecchi garantiscono l'accensione in emergenza a prescindere da guasti alla Centrale o al Sistema di trasmissione dati. Ogni apparecchio viene fornito dal costruttore dotato di un identificatore a 6 cifre (riportato su una coppia di etichette fornite con il prodotto) che la distingue in modo univoco da ogni altro prodotto. Gli apparecchi possono differire per tipologia di funzionamento (non permanente SE, permanente SA), per autonomia (1h - 3h), tipologia della batteria (NiCd, NiMH, PB). Ogni massimo 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati. La Centrale può supportare un massimo di 64 interfacce. È possibile integrare CentralTest Beghelli all interno di un Sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo remoto del Sistema mediante modem telefonico. La Centrale è in grado di effettuare in automatico il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la Centrale registra il numero di lampade che compongono l impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. I test di controllo (funzionale e di autonomia) vengono eseguiti dalla Centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell operatore e hanno lo scopo di verificare il funzionamento dell intero Sistema. L intervallo di tempo fra due test automatici e l ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla Centrale dall utilizzatore dell impianto. Durante il test la lampada viene accesa, allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente e della batteria. La Centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore le segnala all operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla Centrale riporta giorno e ora in cui il test à stato eseguito e la tipologia dei guasti; l identificazione della lampada guasta è facilitata dall accensione di un led giallo (errore tubo) rosso (errore batteria) posto sulla parabola dell apparecchio. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Descrizione del Sistema 1

5 COLLEGAMENTI E VERIFICHE DELLA LINEA BUS Linea Bus Nello schema riportato di seguito si nota che nel Sistema CentrlaTest ci sono due tipi di Bus: a) Collegamento tra Lampade e Interfaccia realizzato con un bus a tre fili (A, B, C). le lampade sono collegate in parallelo su questo bus. b) Collegamento tra Centrale e interfacce realizzato con un bus a cinque fili (A, B, C, D, Comune). Le interfacce sono collegate in serie su questo bus. Per il collegamento fra le centrali CentralTest, le interfacce e le lampade, in alternativa ai conduttori twistati e schermati 5 x 0,35 o 3 x 0,35 (che restano in ogni caso quelli ottimali), si possono utilizzare conduttori di pari isolamento e di pari caratteristiche tecniche a quelli usati per le linee d alimentazione delle lampade in modo da consentirne la posa entro le vie cavi di alimentazione (a titolo esemplificativo: H07-VK, H05-VK, N1VVK ) riducendo sensibilmente i costi installativi. Tali conduttori possono essere utilizzati sia in formazione unipolare sia multipolare, purché di sezione non inferiore a 0.5mmq. Si raccomoda di utilizzare cavi di colore diverso per i fili dei bus e mantenere gli stessi colori nella realizzazione dell intero impianto. Interfaccia Qualora la distanza tra le lampade più lontane e il punto in cui viene collocata la Centrale fosse inferiore a 1.5Km di cavo si consiglia di posizionare le interfacce in prossimità della Centrale riducendo così la stesura del bus a 5 fili. Controllo collegamenti Interfaccia Un controllo immediato può essere eseguito effettuando alcune misure su ciascuna delle morsettiere di ingresso e di uscita del bus a 5 fili presenti sulle interfacce. Prima di effettuare la misura accertarsi che la linea dati sia connessa alla Centrale e che questa sia accesa in condizioni di Centrale non configurata. Se il collegamento è ben fatto si devono riscontare i seguenti valori indicativi ( il morsetto negativo è identificato dal filo COMUNE): Tensione A-comune = 3.1Vcc Tensione B-comune = 1.65Vcc Tensione C-comune = 3.1Vcc Tensione D-comune = 1.65Vcc (se questi valori oscillano significa che la Centrale è già stata configurata, per bloccare l oscillazione o azzerare la configurazione o spostare la Centrale da pagina zero in una pagina qualsiasi) Controllo uscita dell interfaccia Lasciando tutto come descritto sopra e staccando la linea dati eventualmente già collegata proveniente dalle lampade verificare la presenza dei seguenti livelli di tensione (il morsetto negativo è identificato con lettera C): Tensione A-C = 3.1Vcc Tensione B-C = 1.65Vcc RETE 230V ALIMENTAZIONE DELL'INTERFACCIA ALLE LAMPADE N P A B C A B C D Fig. 1 ALL'INTERFACCIA SUCCESSIVA COMUNE D C B A COMUNE DALLA CENTRALE O DALL'INTERFACCIA PRECEDENTE INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Collegamento linea BUS 2

6 POSA IN OPERA DELLE LAMPADE ADE Montare i supporti Lampada (staffe, carcasse ), collegare i cavi Fase e Neutro (l alimentazione deve essere prelevata dal quadro di zona più vicino), collegare la linea dati A, B, C ai rispettivi morsetti. E' opportuno eseguire le connessioni del parallelo di linea su scatole di derivazione anziché direttamente sui morsetti degli apparecchi, specialmente se vengono utilizzate grosse sezioni. E molto importante non commettere errori in questa fase dell installazione (inversione tra A, B e C, cortocircuiti tra linee, ecc.). Agganciare tutte le lampade nella loro sede definitiva, avendo cura di mantenere visibile l etichetta che ne riporta il Codice Identificativo. Verificare l alimentazione e il corretto stato di funzionamento di ciascuna lampada installata controllando che la spia luminosa di colore giallo sia accesa e lampeggi. Questa segnalazione indica che la lampada è azzerata e potrà essere collegata alla Centrale. Controllo delle linee bus verso le lampade A, B, C. Per un corretto funzionamento del Sistema è indispensabile che: a) Nel caso di più interfacce non devono verificarsi connessioni tra le diverse linee dati (anelli). b) Su ogni lampada la linea dati A, B, C sia stata collegata correttamente c) Non devono esserci cortocircuiti sulla linea dati A, B, C. Anche in questo caso è possibile effettuare un controllo immediato direttamente sulle linee dati in partenza dalle interfacce (le linee non devono essere collegate all interfaccia). Prima di effettuare le misure accertarsi che le lampade siano correttamente alimentate. Se la linea dati lampade - interfacce è ben fatta si devono riscontare i seguenti valori indicativi (il morsetto negativo è identificato con la lettera C): Tensione A-C = 3.0Vcc Tensione B-C = 1.5Vcc (Non è possibile che il valore della tensione misurata tra B e C sia superiore a quella misurata tra A e C). Qualora i valori misurati non coincidessero con quelli sopra riportati si può comunque provare a collegare la linea dati (solo quella incriminata lasciando scollegate eventuali altre linee) alla propria interfaccia e lanciare la configurazione da Centrale. Se il problema è dovuto solo a inversione di collegamenti sulla morsettiera delle lampade, la Centrale dovrebbe comunque rintracciare quelle correttamente collegate. Il caso di più lunga risoluzione si ha quando si evidenzia un cortocircuito sulla linea ABC (quando almeno una delle tensioni A- C, B-C risulta essere uguale a zero). In questo caso si deve procedere a sezionare la linea dati e ripetendo le misure descritte sopra si deve arrivare a circoscrivere la parte di impianto incriminata in cui si deve trovare il punto di corto circuito. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Posa delle lampade 3

7 LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC Fig. 2 INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Schema elettrico linea BUS 4

8 PARTIZIONE DELL IMPIANTO Scegliere l'ubicazione dei corpi illuminanti in maniera tradizionale disegnandola sulla piantina del locale sulla quale indicare anche il Codice Identificativo di fabbrica riportato per ogni corpo illuminate su due apposite etichette. In questa fase della realizzazione dell'impianto definire (riportandolo sulla piantina vicino al codice identificativo di lampada) la numerazione delle Lampade seguendo una suddivisione logica del locale, per esempio associare allo stesso numero di zona uno o più locali che avranno le stesse esigenze di gestione quali esecuzione test, inibizione emergenza. Si ricorda che si può suddividere l'impianto fino a 16 zone e numerarle all interno della zona da 1 a 64. Si consiglia utilizzare la seguente annotazione per identificare le Lampade: Z01 L01 per la Lampada 1 della Zona 1 Z01 L02 per la Lampada 2 della Zona 1 Z16 L64 per la Lampada 64 della Zona 16 Non avendo a disposizione la carta topografica dell impianto è possibile realizzare una tabella nella quale riportare il Codice Identificativo di ciascuna lampada, alcuni semplici riferimenti che ne identificano la posizione all interno dell impianto, il numero di zona e il numero all interno della zona. Ad esempio : N Tipo Codice Identificativo Posizione all interno dell edificio Zona Numero 1 OLCTS8W Primo piano, corridoio a destra OLCTS24W Quinto piano Questa fase di documentazione è molto importante e serve per poter individuare, all occorrenza, la collocazione di una qualunque lampada all interno dell impianto, in modo veloce e preciso. Le lampade del Sistema CentralTest possono essere installate subito e non necessitano di alcuna programmazione preliminare. Dal momento dell installazione, pur non essendo ancora gestite dalla Centrale, le lampade sono in grado di assolvere autonomamente la funzione di emergenza. La partizione Zona e Numeri da Voi definita, seguendo i criteri sopra esposti, sarà assegnata ai dispositivi durante la procedura di attivazione dell impianto. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Partizione dell impianto 5

9 NOTE ESEMPIO APPLICATIVO Nell esempio applicativo, riportato nella pagina seguente, è contemplato il caso di un impianto CentralTest in cui sono presenti due centrali distinte controllate da un unica postazione remota mediante un personal computer. Come già spiegato precedentemente possiamo notare che: a) Partendo dalla Centrale mediante bus a 5 fili si collegano tutte le interfacce CT in serie (Max 64 PZ.). b) Da ogni interfaccia parte la linea bus a 3 fili ABC alla quale è possibile collegare fino ad un massimo di 64 lampade CT. c) Le linee di alimentazione delle lampade vengono prelevate dai quadri di zona. d) Le lampade di tipo SA se oltre a ricevere la linee emergenza ricevono anche un ulteriore linea possono essere abilitate o disabilitate all occorrenza (spegnendo le lampade nelle ore in cui l accensione non è necessaria si allunga la vita del prodotto e della batteria). Per effettuare il controllo remoto da un'unica postazione delle due centrali, non potendo realizzare un parallelo tra le connessioni di tipo RS232 (connessione per sua natura del tipo punto punto) abbiamo due possibilità a) Conversione in RS422 (quella descritta nello schema) La connessione RS422 consente di mettere in parallelo più oggetti che devono trasmettersi dati. Occorre pertanto collegare ad ogni Centrale e al personal computer un apposito accessorio che consente di convertire l uscita RS232 in un uscita RS422 (Art. Beghelli 9427 cod ). A questo punto mediante un conduttore a 4 fili viene poi eseguito il parallelo tra le uscite di tipo RS422 (1km distanza massima tra convertitori utilizzando cavo di sezione pari a 0.5mmq). Per una buona immunità è opportuno utilizzare cavetto schermato. b) Collegamento con linea telefonica In alternativa ai convertitori RS232/422 è possibile collegare ad ogni Centrale e al personal computer un modem telefonico (Art. Beghelli MODEM V90 cod ), ciascuno dotato di propria linea telefonica. ATTIVAZIONE FINALE DELL IMPIANTO Al termine dell installazione non resta che procedere nell attivazione finale dell impianto. Siete a questo punto invitati a prendere visione delle modalità previste per la richiesta di messa in funzione dei Sistemi intelligenti Beghelli. Lo stesso modulo allegato alla presente guida contiene oltre alle modalità anche un apposita scheda di richiesta attivazione. Per ogni ulteriore chiarimento o necessità che si rendessero necessari non esitate a contattare il servizio assistenza della Beghelli INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Esempio applicativo 6

10 Ufficio Progetti Via Mozzeghine 13/15 Beghelli S.p.A Monteveglio (BO) Tel. 051/ Fax. 051/ DESCRIZIONE SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO CENTRALTEST Tav. n.1 COMMITTENTE POS. VVF: SCALA: DATA: DISEGNATORE 1: OTTOBRE 99 GRANDI MASSIMILIANO N.RO DATA DISEGNO GM FIRMA CONTENUTO Firma tecnico 1 2 MODIFICA Firma committente RS232 PARTICOLARE "A" RS232 RS232 RS232 RS232 ALIMENTAZIONE 230 V PARTICOLARE "A" CONVERTITORE RS232/422 LINEA LUCE ORDINARIA LINEA EMERGENZA LINEA EMERGENZA QUADRO DI ZONA PARTICOLARE "B" QUADRO DI ZONA ALIMENTAZIONE 230 V LINEA LUCE ORDINARIA LINEA EMERGENZA LINEA EMERGENZA QUADRO DI ZONA QUADRO DI ZONA PARTICOLARE "B" PARTICOLARE "B" QUADRO DI ZONA TEST Int. Differenziale Int. 16A prese Int. 10A luce PERSONAL COMPUTER POSTAZIONE REMOTA Int. 16A emerg. TX RX RS TX RS RS422 RS422 TX RX TX RS RS TX RX TX RS RS Beghelli CentralSystem CENTRALE CENTRALTEST N 1 Int. Differenziale Beghelli CentralSystem CENTRALE CENTRALTEST N 2 Int. Differenziale Beghelli Int. Differenziale SE ZONA 1 LAMPADA 1 SA ZONA 16 LAMPADA 1 ZONA 16 LAMPADA 2 Int. Differenziale MAX 64 INTERFACCIE CT Int. Differenziale Beghelli Beghelli SE ZONA 1 LAMPADA 1 SA ZONA 16 LAMPADA 1 ZONA 16 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 63 ZONA 1 LAMPADA 64 ZONA 16 LAMPADA 63 ZONA 16 LAMPADA 64 TX RX TX RS ON Beghelli RS RS232 PARTICOLARE "C" INTERFACCIA CT Beghelli ZONA 1 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 63 ZONA 1 LAMPADA 64 ZONA 16 LAMPADA 63 ZONA 16 LAMPADA 64 RX RS232 Beghelli ON TEST RX Int. 16A prese RS232 Int. 10A luce Beghelli Int. 16A emerg. ON TEST Int. 16A prese Int. 10A luce RX RS232 Int. 16A emerg. TEST Beghelli ON Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. Int. Differenziale TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. RX MAX 64 DISP. CT MAX 64 DISP. CT PARTICOLARE "C" MAX 64 DISP. CT MAX 64 DISP. CT PARTICOLARE "C" Beghelli MAX 64 INTERFACCIE CT NOTA 1: ogni impianto CentralTest può gestire fino ad un massimo di 1024 apparecchi (lampadeautoalimentate/inverter), suddivisi in 16 zone logiche da 64 dispositivi ciascuna. INSTALLAZIONE CENTRALTEST 7

11 INSTALLAZIONE DEL CENTRALSYSTEM DESCRIZIONE DEL SISTEMA CentralSystem è un Sistema per illuminazione d emergenza di tipo centralizzato con autodiagnosi. Sia la sorgente di alimentazione (soccorritore in corrente alternata sinusoidale famiglia SCASE/SA) che il Sistema di controllo sono di tipo centralizzato. Il controllo svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia della sorgente (o più sorgenti) test di funzionamento degli apparecchi abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza comando di accensione incondizionata degli apparecchi Il Sistema può controllare fino a 1024 apparecchi e fino ad un massimo di 10 soccorritori con uscita in corrente alternata (SoccorGroup SCASE/SA). Tutti gli apparecchi Beghelli previsti per il CentralSystem a seconda del tipo di collegamento possono svolgere la funzione non permanente (SE), permanente (SA), e possono essere programmati per funzionare in emergenza per 1h o 3h. Ogni massimo 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati. Inoltre l interfaccia mediante un sensore di presenza rete consente l intervento a zone dell impianto di emergenza (si consiglia pertanto l utilizzo di una interfaccia in corrispondenza di ogni quadro principale di piano). La Centrale può supportare un massimo di 64 interfacce. E possibile integrare CentralSystem Beghelli all interno di un Sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo a distanza, tramite linea telefonica, del funzionamento degli apparecchi. La Centrale è in grado di effettuare in automatico il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la Centrale registra il numero di lampade che compongono l impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. I test di controllo (funzionale e di autonomia) vengono eseguiti dalla Centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell operatore e hanno lo scopo di verificare il funzionamento della sorgente di alimentazione, dell impianto elettrico di emergenza e delle lampade. L intervallo di tempo fra due test automatici e l ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla Centrale dall utilizzatore dell impianto. Durante il test la lampada viene accesa, allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente, e il SoccorGroup lavora in funzionamento da inverter per verificare il funzionamento e l efficienza di tutta l apparecchiatura. La Centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore sia relativi alla sorgente che alle lampade e le segnala all operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla Centrale riporta giorno e ora in cui il test à stato eseguito e la tipologia dei guasti; l identificazione della lampada guasta è facilitata dall accensione di un led giallo posto sulla parabola dell apparecchio. Il Sistema è principalmente composto dai seguenti elementi: Centrale di controllo Soccorritore Interfaccia CTS Lampade CTS o KIT CTS inseriti in lampade ordinarie. Nella figura 3 è illustrato un esempio applicativo. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Descrizione del Sistema 8

12 LINEE FORZA MOTRICE INT. PRINCIPALE DI PIANO LINEA ILLUMINAZIONE ORDINARIA PRIMO PIANO LINEE FORZA MOTRICE INT. PRINCIPALE DI PIANO LINEA ILLUMINAZIONE ORDINARIA PIANO TERRA LINEA BUS SOCCORGROUP CENTRALE CENTRALSYSTEM PRIMO PIANO LAMPADA PER ILLUMINAZIONE CENTRALSYSTEM SE/SA INTERFACCIA CENTRALSYSTEM LAMPADA PER ILLUMINAZIONE ORDINARIA SCATOLA DI DERIVAZIONE LINEA ALIMENTAZIONE DA SOCCORRITORE SOCCORGROUP CORRENTE ALTERNATA RS232 LAMPADA PER ILLUMINAZIONE ORDINARIA EMERGENZA CON CTS KIT LINEA TRASMISSIONE DATI Fig. 3 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Impianto tipo 9

13 COLLEGAMENTO DELLA SORGENTE Collegamenti delle linee di alimentazione (circuiti cuiti di sicurezza) Come si evince dal manuale del SoccorGroup (al quale rimandiamo per le funzionalità e le caratteristiche specifiche della sorgente) il soccorritore è dotato di apposita morsettiera per gli allacciamenti (vedi figura 4). R N C1 C1 C2 C2 (R) (N) INGRESSO RETE (R3) (N3) CARICO "SA" (R4) (N4) CARICO "SE" MORSETTIERA ALLACCIAMENTO AUSILIARI MORSETTIERA ALLACCIAMENTO "MR1" SoccorGroup SCASE/SA DB 9 (M) RS232 (sul fianco) RS422 Fig. 4 I SoccorGroup SCASE/SA hanno tutti ingresso monofase (morsetti R,N ingresso rete). Naturalmente la linea di alimentazione deve essere opportunamente dimensionata e protetta in funzione della potenza della macchina. Per quanto riguarda il differenziale prevedere un modello differenziale selettivo con IDn = 0.3A (300mA). I soccorritori sono dotati di due uscite distinte carico SA morsetti C1C1 e carico SE morsetti C2C2: nel Sistema CentralSystem si utilizza solo l uscita di tipo SA. Si consiglia di realizzare all esterno del soccorritore un quadretto di distribuzione da cui derivare le linee che passando per le interfacce vanno poi ad alimentare i dispositivi di emergenza presenti nell impianto (prevedere cioè una linea diretta tra ciascuna interfaccia e la sorgente). Le interfacce CentralSystem sono dotate di appositi interruttori che proteggono la linea di potenza a valle verso le lampade. Per la protezione delle tratte di collegamento a monte dell interfaccia si consiglia l utilizzo di fusibili o di magnetotermici tradizionali opportunamente dimensionati. Si ricorda che i collegamenti tra soccorritore e lampade costituiscono i cosiddetti CIRCUITI DI SICUREZZA, come è ovvio tali circuiti sono vitali per il funzionamento del Sistema, pertanto devono essere realizzati in conformità a tutte le prescrizioni previste dalle normative (cavi resistenti all incendio, posa in canali separati ecc.). N.B. Qualora nell impianto fossero presenti più soccorritori è assolutamente vietato effettuare collegamenti in parallelo tra le uscite; ogni soccorritore alimenterà un certo numero di interfacce in modo autonomo e isolato dagli altri soccorritori presenti nell impianto. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento della sorgente 10

14 Collegamento tra SoccorGroup oup e Centrale di controllo ollo Collegamento tra una Centrale e un SoccorGroup Nel caso base in cui nell impianto è presente un solo soccorritore il collegamento con la Centrale è molto semplice; si tratta infatti di collegare tra loro l uscita seriale RS232 predisposta sul gruppo soccorritore con una delle due porte seriali disponibili sulla Centrale (nella Centrale sono denominate con le sigle CN2 e CN3). Per tale collegamento si consiglia di utilizzare un cavo di connessione conforme a quello riportato nello schema di figura 5 (si tratta di uno standard RS232 in cui si utilizzano solo i fili Tx, Rx, e SG). SOCCORGROUP Lato da collegare alla CENTRALE RS232 DTE FEMMINA RS232 DTE FEMMINA 9 Lato da collegare al SOCCORGROUP Fig. 5 Collegamento tra una Centrale e più di un SoccorGroup oup Nell ipotesi che nell impianto vi siano più soccorritori non è più possibile utilizzare la connessione RS232, che come noto è una connessione point to point, occorre passare ad un Sistema di trasmissione RS422 che permette il funzionamento multidrop. Per passare al Sistema RS422 occorre dotare la Centrale di apposito convertitore RS232/422 (cod. ord. 3014), e settare l uscita del soccorritore modificandola da RS232 a RS 422 (vedere manuale SoccorGroup). Le uscite dei soccorritori (slave) saranno tutti cablati in parallelo rispetto al convertitore della Centrale (master), vedi disegno riportato nella figura 6. Per il collegamento multidrop ogni soccorritore deve essere indirizzato con un numero da 0 a 9 (quindi una Centrale può gestire un massimo di 10 soccorritori); per la programmazione di tale indirizzo si rimanda al manuale specifico del SoccorGroup (la programmazione si effettua in fase di configurazione del Sistema). convertitore TX - RX + RX RX RTS COM - TX + TX COM RS232 DTE FEMMINA 9 Da Collegare Alla Centrale SOCCORGROUP SOCCORGROUP RS232 DTE FEMMINA 9 da collegare al SOCCORGROUP indirizzo 0 RS232 DTE FEMMINA 9 da collegare al SOCCORGROUP indirizzo 9 Fig. 6 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento tra Soccorgroup e Centrale 11

15 COLLEGAMENTO DELLA CENTRALE Per tutte le centrali, indipendentemente dal modello (console da tavolo, versione rack o modulo Centrale) sono valide le connessioni descritte nei paragrafi seguenti che devono essere realizzate con la massima cura. Collegamento alla Rete La Centrale viene fornita con apposito cavo di alimentazione per il collegamento ad una normale presa di alimentazione a 230Vac. Per un corretto funzionamento del Sistema alimentare la Centrale sulla linea proveniente dall uscita SA del SoccorGroup come il resto dell intero Sistema. Una volta applicata la tensione a questa presa la Centrale si accende ed è pronta per l'uso. Per questo tipo di collegamento si rimanda al paragrafo 2.2 Collegamento con il SoccorGroup oup Collegamento con le Interfacce La linea dati (Bus a 5 fili) per il dialogo tra la Centrale e le interfacce è denominata con le lettere A, B, C, D, Com. In dotazione alla Centrale viene fornito un cavetto che da un lato è dotato di connettore DB9 da fissare sulla porta posta sul retro della Centrale siglata con CN1 (uscita bus), dall altro lato si trovano i fili sfusi siglati come segue: - numero 5 che corrisponde al Com - numero 6 che corrisponde al D - numero 7 che corrisponde al C - numero 8 che corrisponde al B - numero 9 che corrisponde all A Se la prima interfaccia è posizionata nelle immediate vicinanze della Centrale si può collegare tale cavetto nell apposito morsetto di ingresso bus predisposto nell interfaccia (vedi collegamento delle interfacce capitolo 4). Il collegamento prosegue poi in modo seriale, dalla prima interfaccia partirà la linea bus che raggiungerà la seconda e così a seguire per le altre interfacce presenti nell impianto. Si raccomanda, specialmente quando le interfacce sono posizionate molto distanti fra loro, di utilizzare cavi di colori distinti per ciascuno dei fili che compongono il bus e di stare molto attenti durante l esecuzione della stesura delle linee e nella realizzazione delle connessioni in corrispondenza delle diverse interfacce. Un controllo immediato può essere eseguito effettuando alcune misure su ciascuna delle morsettiere di ingresso e di uscita del bus a 5 fili presenti sulle interfacce. Prima di effettuare la misura accertarsi che la linea dati sia connessa alla Centrale e che questa sia accesa in condizione di Centrale non configurata. Se il collegamento è ben fatto si devono riscontare i seguenti valori indicativi (il morsetto negativo è identificato dal filo Com): Tensione A - Com = 3Vcc Tensione B - Com = 1.5Vcc Tensione C - Com = 3Vcc Tensione D - Com = 1.5Vcc (se questi valori oscillano significa che la Centrale è già stata configurata, per bloccare l oscillazione o azzerare la configurazione o spostare la Centrale da pagina zero in una pagina qualsiasi) Collegamento con Host remotor Il collegamento tra la Centrale e il computer di controllo può essere realizzato in due modi: a) Mediante modem standard interconnessi utilizzando normali linea telefoniche. b) Mediante linea diretta RS232 qualora il collegamento avvenga tra una Centrale ed un PC posto nelle immediate vicinanze o tramite convertitori RS232/422, interconnessi utilizzando linee dedicate a 5 fili (distanza massima 1 Km), nel caso di connessioni multidrop tra un PC e più centrali. In entrambi i casi si utilizza una delle due porte seriali CN2 o CN3, nella fattispecie si utilizzerà l unica porta ancora disponibile, quella cioè non occupata per il collegamento con il SoccorGroup. Per la configurazione delle porta seriale vedere il MANUALE D USO della Centrale. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento della Centrale 12

16 COLLEGAMENTO DELL INTERF INTERFACCIA CTS Nel Sistema CentralSystem l interfaccia (vedi figura 7) svolge un ruolo fondamentale e vitale per il corretto funzionamento dell impianto di emergenza. Essa svolge fondamentalmente tre funzioni così riassumibili: 1 Propagazione dei dati: ogni interfaccia amplifica i segnali dati che riceve dall interfaccia che la precede sia nei confronti delle lampade connesse ad essa che delle interfacce che la seguono. Tale funzione è molto utile per realizzare impianti molto estesi. Nello stesso tempo oltre ad amplificare crea dei domini elettrici optoisolati mantenendo localizzati eventuali malfunzionamenti delle linee bus. 2 Intervento a zone dell impianto: Mediante un apposito sensore di rete l interfaccia, in modo autonomo dalla Centrale di controllo, comanda lo stato di funzionamento (NORMALE / EMERGENZA) che devono mantenere i dispositivi ad essa connessi. Con tale potenzialità si può realizzare un impianto centralizzato nel quale l intervento in ogni area viene vincolato allo stato dell alimentazione del quadro di zona e non allo stato dell alimentazione della sorgente di alimentazione dell impianto di sicurezza. 3 Controllo delle linee di sicurezza: Collegandosi in parallelo all interruttore che protegge la linea di sicurezza delle lampade ad essa connesse (collegamento a monte e a valle dell interruttore) l interfaccia è in grado di comunicare tempestivamente lo stato di tale protezione alla Centrale di controllo. Per precisare meglio: all interruttore è affidato il compito vero e proprio di protezione della linea, quindi di aprire in caso di guasto così da non compromettere il funzionamento delle altre linee, mentre all interfaccia è affidato il compito di tenere informata la Centrale sullo stato della protezione. LED COD. ORDINE 3006 Fig. 7 Collegamento linea Bus Centrale - Interfacce Sul lato superiore destro dell interfaccia (vedi schema figura 8) è prevista una morsettiera a 5 poli siglata con le lettere A, B, C, D, Com, sulla quale connettere la linea Bus a cinque fili che proviene o dalla Centrale di controllo od a un altra interfaccia. Nel lato inferiore destro è prevista una morsettiera simile, anch essa siglata con le lettere A, B, C, D, Com, sulla quale connettere la linea Bus a cinque fili che viene portata all interfaccia successiva. Per gli aspetti elettrici e le verifiche sulla corretta stesura e connessione della linea bus vedere quanto già detto nel paragrafo 3.3. N.B. UN ERRATO COLLEGAMENTO DI UNO QUALSIASI DEI CINQUE FILI IN UNA QUALSIASI DELLE INTERFACCE PRESENTI NELL IMPIANTO COMPROMETTE LA POSSIBILITÀ DI METTERE IN FUNZIONE IL SISTEMA. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento dell Interfaccia 13

17 230 Vac N P LINEA SOCCORRITORE DALLA CENTRALE DALLE INTERFACCE INTERRUTTORE MAGNETOIDRAULICO P N SOCC. PROT. A B C D COM. P N INTERFACCIA 3006 ORD. DATI B A LED COM. D C B A 230 Vac P N LINEA ORDINARIA P N ALLE INTERFACCE ALLE LAMPADE Fig. 8 Collegamento alla linea del SoccorGroup oup e alla protezione della linea Come illustrato nello schema riportato in figura 8 sul lato superiore sinistro è previsto un morsetto a 4 poli composto dalle coppie siglate con i nomi SOCC. e PROT.. L ingresso SOCC. viene collegato sull ingresso dell interruttore di protezione della linea di sicurezza direttamente in parallelo alla linea proveniente dall uscita SA del SoccorGroup. Attraverso questo collegamento l interfaccia riceve alimentazione direttamente dal SoccorGroup e può continuare a rimanere alimentata anche in caso di apertura dell interruttore di protezione. L ingresso PROT. viene collegato sull uscita dell interruttore di protezione della linea di sicurezza direttamente in parallelo alla linea che va poi ad alimentare i dispositivi CentralSystem. Attraverso questo collegamento l interfaccia è in grado di controllare lo stato della tensione a valle dell interruttore di protezione e di conseguenza informare la Centrale di controllo nel caso di intervento della protezione. Interruttore di protezione: In dotazione alla Centrale viene fornito un interruttore di protezione che si differenzia dai classici interruttori per uso civile semplicemente per il tipo di caratteristica della curva di intervento. Normalmente in caso di corto circuito, durante il funzionamento da inverter le correnti di guasto che il soccorritore è in grado di erogare sono molto piccole (1.25 la corrente nominale del SoccorGroup) pertanto per avere aperture tempestive delle protezioni occorre utilizzare interruttori con caratteristiche adeguate. Come standard viene fornita una protezione con corrente nominale 10A che è in grado di intervenire tempestivamente con correnti dell ordine dei 20A (circa il doppio della corrente nominale). Tale scelta presuppone che su ogni linea si colleghi mediamente un carico massimo di circa 6 7 A. Qualora tale dimensionamento risultasse errato nell applicazione specifica si consiglia di contattare il SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA BEGHELLI che provvederà ad indicarvi la protezione più idonea. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento alla linea 14

18 Collegamento del Sensore e di Rete Come illustrato nello schema riportato in figura 8 sul lato inferiore sinistro è previsto un morsetto a 2 poli siglato con il nome ORD. Si tratta dell ingresso della linea ordinaria a 230Vac che l interfaccia utilizza per monitorare lo stato della linea elettrica ordinaria dell impianto. Quando ai capi di questi morsetti l interfaccia non rileva la presenza della rete elettrica 230Vac si porta immediatamente nello stato di funzionamento di emergenza e comunica a tutti i dispositivi CentralSystem ad essa connessi di portarsi a loro volta nel funzionamento in emergenza, il tutto si realizza in tempi minori o uguali a 500ms. Per un corretto funzionamento dell impianto di emergenza la linea del sensore di rete deve essere collegata al quadro elettrico di zona che alimenta l impianto di illuminazione ordinario dell area di competenza dell interfaccia. Così facendo nel caso di intervento di un generale di zona, a causa di un malfunzionamento, si ha l effetto dell intervento dell impianto di emergenza solo nella zona interessata dal guasto (si recupera quindi uno dei vantaggi dell impianto realizzato con lampade di tipo autonomo). Nel caso in cui l interfaccia controlli dispositivi installati in più domini elettrici (non è prevista un interfaccia per ogni quadro di zona ma una per più quadri) mediante l utilizzo di contatti ausiliari è comunque possibile vincolare l intervento in emergenza dell interfaccia allo scattare di uno qualsiasi degli interruttori generali presenti nei diversi quadri di zona. Collegamento della linea Bus verso i dispositivi CentralSystem Per il collegamento fra le interfacce e i dispositivi CentralSystem è prevista una linea Bus a due fili siglata con le lettere A, B. Il punto di partenza della linea bus è previsto in un morsetto siglato appunto con A e B posto sul lato inferiore dell interfaccia in posizione Centrale vedi figura 6. Una volta che l interfaccia viene alimentata (ingresso Socc connesso con 230Vac presente) ai capi della linea bus senza dispositivi connessi, si deve misurare una tensione continua fissa del valore di circa Vab = 4.8Vcc. Procedendo nel collegamento dei dispositivi CentralSystem tale valore di polarizzazione del Bus tende a calare. Nel caso limite di 64 dispositivi connessi la differenza di potenziale tra i due fili Vab non dovrebbe comunque scendere sotto il valore di 3Vcc. Si consiglia, durante l installazione dei dispositivi, di effettuare misure del valore di tale tensione per verificare la corretta installazione. N.B.: Se al termine dell installazione (con interfaccia alimentata) ai capi della linea bus si misura una tensione Vab= 0 Vcc, significa che si è in presenza di un cortocircuito sulla linea AB. In questo caso si deve procedere a sezionare la linea dati e ripetendo la misure si deve trovare il punto di corto circuito. Fintanto che tale punto non viene individuato non è possibile dialogare con nessuna delle lampade connesse all interfaccia. Nota sul tipo di cavo: in alternativa ai conduttori twistati e schermati 2 x 0,35 (che restano in ogni caso quelli ottimali), si possono utilizzare conduttori tradizionali uguali a quelli usati per le linee d alimentazione degli impianti d illuminazione in modo da consentirne la posa entro le medesime vie in cui vengono posati anche i circuiti di sicurezza che alimentano le lampade di emergenza (a titolo esemplificativo: H07-VK, H05-VK, N1VVK ) riducendo sensibilmente i costi installativi. Tali conduttori possono essere utilizzati sia in formazione unipolare sia multipolare, purché di sezione non inferiore a 0.5 mmq. Si raccomoda di utilizzare cavi di colore diverso per i fili del bus e mantenere gli stessi colori nella realizzazione dell intero impianto. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento sensore rete 15

19 COLLEGAMENTO DELLE LAMPADE ADE Tutte le lampade predisposte per il Sistema CentralSystem sono progettate per poter funzionare sia in modalità SE (lampada che si accende solo in caso di emergenza) che in modalità SA (lampada che si accende sia in presenza che in assenza di rete). La funzione che deve svolgere la lampada viene definita in fase di installazione semplicemente eseguendo un opportuno collegamento (vedi paragrafi seguenti). In fase di attivazione del Sistema è inoltre possibile associare un tempo di autonomia ad ogni singolo dispositivo. Per tempo di autonomia si intende il tempo per il quale il dispositivo deve rimanere acceso in caso di funzionamento in emergenza. Con tale opzione ad esempio si possono programmare i dispositivi antipanico per un ora di autonomia, i dispositivi addetti all illuminazione delle vie di fuga per due ore mentre la segnaletica a tre ore di autonomia. N.B. Ogni dispositivo è dotato di un proprio codice identificativo composto da un numero esadecimale di 6 cifre; tale codice è riportato su due etichette ben visibili sull apparecchio. E molto importante non staccare tale identificativo ma riportarlo durante l installazione sulla planimetria dell edificio (vedi paragrafo partizione dell impianto). Conoscere tali codici è fondamentale per poter utilizzare il Sistema di controllo. Collegamento SE In questo caso ogni dispositivo riceverà la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P e la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B (vedi figura 9). Se la linea dati viene collegata al contrario non sarà possibile il dialogo tra la Centrale e la lampada. COLLEGAMENTO LAMPADA SOLO EMERGENZA - SE P2 N2 B A N1 P1 N P A B Fig. 9 A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore Collegamento SA Anche in questo caso ogni dispositivo riceverà la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P e la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B. Per ottenere il funzionamento SA permanente (lampada accesa 24h al giorno) è sufficiente alimentare sempre con la medesima linea di potenza anche l ingresso siglato con le lettere N1 P1. Per realizzare tale collegamento, come illustrato nella figura 8, è sufficiente mettere in parallelo i due ingressi N P ed N1 P1 mediante semplici ponticelli. Naturalmente anche in questo caso se la linea dati viene collegata al contrario non sarà possibile il dialogo tra la Centrale e la lampada. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento delle lampade 16

20 COLLEGAMENTO LAMPADA SEMPRE ACCESA - SA P2N2 BA N1P1N P AB A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore Fig. 10 Collegamento SA con interruttor uttore Questa tipologia di collegamento a differenza del normale collegamento SA ha il vantaggio di consentire all utente di poter accendere o spegnere il dispositivo a propria discrezione pur lasciando sempre attiva la funzionalità di emergenza (tipica esigenza di un dispositivo utilizzato sia per illuminazione ordinaria che per illuminazione di emergenza). Per tale funzionalità, come si vede dallo schema di connessione, ogni dispositivo riceverà: la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P, la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B, ed una linea 230V ordinaria dotata di interruttore che servirà per pilotare l accensione o lo spegnimento del funzionamento SA collegata ai morsetti siglati con N1 P1. COLLEGAMENTO LAMPADA SEMPRE ACCESA - SA CON INTERRUTTORE P2 N2 N1 P1 B A C N P A B N1 P1 A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore P1-N1= Linea Ordinaria A-B= Linea Dati Fig. 11 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento delle lampade 17

GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI

GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI GUIDA ALL INSTALLAZIONE CENTRALTEST BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi di tipo autoalimentato CENTRALSYSTEM BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi alimentati da sorgente centralizzata SISTEMI

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE CENTRALTEST BEGHELLI AD ONDE CONVOGLIATE Sistema intelligente con apparecchi di tipo autoalimentato SISTEMA PER ILLUMINAZIONE D EMERGENZA CON AUTODIAGNOSI CENTRALIZZATA AD ONDE

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere!

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere! ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA La manutenzione, un esigenza e un dovere! La vostra guida alla responsabilità e alla prevenzione I Ed. novembre 2014 a cura di Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Installazione del quadro di distribuzione

Installazione del quadro di distribuzione 10 Installazione del quadro di distribuzione Dopo aver realizzato l intero impianto, si conosce il numero di circuiti e dei punti di utilizzo. Questo permette di determinare il numero dei dispositivi di

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

Sistema DaisaTest. Funzioni del Sistema DaisaTest. Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza

Sistema DaisaTest. Funzioni del Sistema DaisaTest. Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza Sistema DaisaTest Funzioni del Sistema DaisaTest Il Sistema DaisaTest è un tipo di impianto di Illuminazione di Emergenza in grado di monitorare

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

Introduzione. Questo marchio identifica un dispositivo DALI compatibile.

Introduzione. Questo marchio identifica un dispositivo DALI compatibile. IL PROTOCOLLO DALI Introduzione DALI è acronimo di "Digital Addressable Lighting Interface". E' di fatto un protocollo standard internazionale (emendamento della Norma IEC60929 E4) per il controllo del

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA Gruppi di continuità UPS Line Interactive PC Star EA Modelli: 650VA ~ 1500VA MANUALE D USO Rev. 01-121009 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza... 1 Principi di funzionamento... 2 In modalità presenza

Dettagli

Stampante DIN BEGHELLI ISTRUZIONI PER L USOL. Stampante per Sistemi Centralizzati e Logica Beghelli

Stampante DIN BEGHELLI ISTRUZIONI PER L USOL. Stampante per Sistemi Centralizzati e Logica Beghelli Stampante DIN BEGHELLI Stampante per Sistemi Centralizzati e Logica Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Vista esterna anteriore 1 LED segnalazione Stato 2 Leve apertura coperchio 3Vano rotolo carta 4 Pannello

Dettagli

SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA BEGHELLI

SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA BEGHELLI SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA BEGHELLI Codice 15320 Sistema di Protezie di Interfaccia per impianti fotovoltaici Dispositivo cforme CEI 0-21 (giugno 2012) ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO

Dettagli

Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V

Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V Importato da: Paoletti Ferrero S.r.l. Via Pratese 24 50145 Firenze Tel. 055/319367 319437 319528 fax 055/319551 E-mail: info@paolettiferrero.it

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Centrale d allarme monozona Mod. EA-104

Centrale d allarme monozona Mod. EA-104 XON Electronics Manuale Utente EA104 Centrale d allarme monozona Mod. EA104! Attenzione prodotto alimentato a 220V prima di utilizzare, leggere attentamente il manuale e particolarmente le Avvertenze a

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIE EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0274V3.2-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale... pag.

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

RSPC 20 REGOLATORE DI CARICA Regolatore di carica La massima corrente di ricarica è 20 A, ma qualora l impianto ha una potenza da fotovoltaico superiore ai 20 A è possibile connettere più regolatori RSPC20

Dettagli

LEC. Procedura di avviamento LEC. Termoregolatore. Funzionamento di base/configurazione avanzata/ Interventi di ripristino C K. Versione 1.

LEC. Procedura di avviamento LEC. Termoregolatore. Funzionamento di base/configurazione avanzata/ Interventi di ripristino C K. Versione 1. Procedura di avviamento LEC Ciclo a secco stampo, applicare la massima forza di chiusura, ripetere - volte (chiudere tutti i conduttori prima di iniziare). Accendere l interruttore principale (posizione

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

Accendi il risparmio. Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi

Accendi il risparmio. Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi Accendi il risparmio Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi Spegni la luce, accendi il risparmio Il continuo aumento dei costi energetici e del numero di normative

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO DESCRIZIONE Il GSM-CB33 è un combinatore telefonico GSM a 3 ingressi di allarme per la trasmissione di 3 messaggi vocali + 3 messaggi SMS (prioritari) relativi agli ingressi

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE

Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE MANUALE DI INSTALLAZIONE SONDA LUMINANZA DEBILITANTE Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE RMTC04I8 rev. 8 1013 1. INSTALLAZIONE Attenzione: ogni operazione di installazione, gestione e manutenzione DEVE ESSERE

Dettagli

PowerMust 400/600/1000 di tipo Offline Gruppo di continuità

PowerMust 400/600/1000 di tipo Offline Gruppo di continuità MANUALE DELL UTENTE IT PowerMust 400/600/1000 di tipo Offline Gruppo di continuità 1 IMPORTANTI ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA CONSERVARE QUESTE ISTRUZIONI Questo manuale contiene importanti istruzioni per

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Alimentatore con controllo remoto per Protezione Catodica Mod. CT36

Alimentatore con controllo remoto per Protezione Catodica Mod. CT36 Alimentatore con controllo remoto per Protezione Catodica Mod. CT36 Telemagnetica S.r.l. Via Teocrito, 36-20128 Milano Tel. +39-022552900 - Fax +39-022553097 E-Mail: info@telemagnetica.com Http:\\ Gennaio

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE

BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI >ITALIANO MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE TAU srl via E. Fermi, 43-36066 Sandrigo (VI) Italia - Tel ++390444750190

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM MANUALE DEL CONTROLLO ELETTRONICO UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM Il sistema di controllo elettronico presente a bordo delle unità

Dettagli

Impianti d illuminazione di sicurezza. Procedure per la verifica e la manutenzione periodica.

Impianti d illuminazione di sicurezza. Procedure per la verifica e la manutenzione periodica. Impianti d illuminazione di sicurezza Procedure per la verifica e la manutenzione periodica. Leggi e Norme di riferimento Leggi e Norme di riferimento Rispetto della legge e della norma tecnica I parametri

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Manuale semplificato

Manuale semplificato Dispositivo per l aggiornamento dei lettori di banconote FLASHER Manuale semplificato PAYMAN2-0012 REV. 0 08/09/2014 PAYPRINT S.r.l. Via Monti, 115 41123 MODENA Italy Tel.: +39 059 826627 Fax: +39 059

Dettagli

EK2T: Convertitore doppio canale per Termocoppia programmabile via Software

EK2T: Convertitore doppio canale per Termocoppia programmabile via Software EK2T: Convertitore doppio canale per Termocoppia programmabile via Software DESCRIZIONE GENERALE Il dispositivo EK2T converte e linearizza, con elevata precisione, un segnale analogico da Termocoppia e

Dettagli

FASTModem. un passo avanti

FASTModem. un passo avanti FASTModem un passo avanti www.fastweb.it Indice Contenuto della Confezione pag. 4 Che cos è il FASTModem pag. 5 Collegamento alla Rete FASTWEB pag. 9 Collegamento del Telefono pag. 10 Collegamento del

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

Introduzione. Sistemi intelligenti

Introduzione. Sistemi intelligenti Sistemi Introduzione Sistemi Intelligenti I sistemi Dardo per il controllo centralizzato dell illuminazione d emergenza prevedono una centralina che verifica gli apparecchi collegati tramite una linea

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1.

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1. MANUALE D ISTRUZIONE TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783 http://www.tecsystem.it R. 1.1 01/01/12 1) SPECIFICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE Valori nominali 24 VAC-DC ±10%

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

0051-CPD-0330 ACS028. Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente

0051-CPD-0330 ACS028. Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente 0051-CPD-0330 ACS028 Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente ACS028 Copyright Manuale utente Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà riservata di BPT S.p.A..

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni riportate in questo manuale.

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

LM2002. Manuale d installazione

LM2002. Manuale d installazione LM2002 Manuale d installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso Yes, you can. Invacare REM 550 Comando Manuale d uso Indice Capitolo Pagina 1 La consolle di guida REM 550 4 2 1.1 Struttura della consolle di guida...4 1.2 Display di stato...7 1.2.1 Indicatore livello

Dettagli

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA MANUALE OPERATIVO PREMESSA Con l acquisto del convertitore DC/DC il cliente si impegna a prendere visione del presente manuale e a rispettare e far

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

TD 609 AGGREGATORE DI TRAFFICO DATI

TD 609 AGGREGATORE DI TRAFFICO DATI TD 609 AGGREGATORE DI TRAFFICO DATI MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 229 REV. 2.1 1 di 10 INDICE CARATTERISTICHE PRINCIPALI APPARATO 3 COSTITUZIONE 3 CONNETTORI 4 CONNETTORE G.703 4

Dettagli

Capitolo 8 Documenti di progetto

Capitolo 8 Documenti di progetto Capitolo 8 Documenti di progetto (8.1) Guida CEI 0-2 In questo capitolo è riportata la descrizione dei documenti richiesti dalla Guida CEI 0-2 (Guida per la definizione della documentazione di progetto

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

FUNZIONAMENTO E DATI TECNICI

FUNZIONAMENTO E DATI TECNICI FUNZIONAMENTO E DATI TECNICI SEGNALAZIONI I simboli visualizzati sul display a 7 segmenti e i led presenti su emettitore e ricevitore, vengono visualizzati a seconda della fase di funzionamento del sistema.

Dettagli

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM ATTENZIONE: QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE COLLEGATO A TERRA IMPORTANTE I conduttori del

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso I PA100 Pulsante manuale a riarmo wireless DS80SB32001 LBT80856 Manuale Installazione/Uso DESCRIZIONE GENERALE Il pulsante manuale a riarmo wireless PA100 è un dispositivo che consente di generare una

Dettagli

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 Pagina 1 di 31 I.B.S. Intelligent Building System Pagina 2 di 31 INDICE I.B.S. INTELLIGENT BUILDING SYSTEM 1. Cosa è I.B.S. Descrizione pag. 4 2. Componenti

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

KIT RIVELATORI DI GAS

KIT RIVELATORI DI GAS SEZIONE 4 KIT RIVELATORI DI GAS attivato guasto allarme sensore esaurito test Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. MT140-001_sez.4.pdf MT140-001 sez.4 1 INDICE SEZIONE 4 CONTROLLO

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Il sole ci da l energia,

Il sole ci da l energia, Il sole ci da l energia, SANTON la sicurezza E fuori discussione che i sistemi fotovoltaici siano fra le opzioni più interessanti quando si tratta di produrre energia. Il sole splende tutti i giorni e

Dettagli

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM EL35.002 Telecontrollo GSM MANUALE UTENTE Il dispositivo EL35.002 incorpora un engine GSM Dual Band di ultima generazione. Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Simple8 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO

Simple8 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO Simple8 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO 1 CARATTERISTICHE DISPOSITIVI A BORDO Presa di comando con chiave elettronica (mod. INS/P) Tastiera ad 12 tasti per la programmazione e per le esclusioni.

Dettagli

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5240 MA-5120 MA-5060 MIXER AMPLIFICATO

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5240 MA-5120 MA-5060 MIXER AMPLIFICATO MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5240 MA-5120 MA-5060 MIXER AMPLIFICATO ATTENZIONE: QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE COLLEGATO A TERRA IMPORTANTE I conduttori del cavo di alimentazione di rete sono colorati secondo

Dettagli

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso Q71A CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso 230V ac Q71A Centrale di gestione per cancello battente 230Vac ad 1 o 2 ante Programmazione semplificata del ciclo di funzionamento

Dettagli

PANNELLO A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485

PANNELLO A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485 P_003 rev.02 Pag. 1 PANNELLO A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485 TRASDUTTORE ASITA CVM-MINI MANUALE UTENTE italiano P_003 rev.02 Pag. 2 P_003 rev.02 Pag. 3 INDICE Pag. 1. AVVERTENZE 4 2. DESCRIZIONE

Dettagli

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN GW 90 823 A 1 2 3 4 RF 5 1 Pulsante di programmazione 2 Morsetto ponticello programmazione 3 LED presenza alimentazione 4 LED di programmazione

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High Simply8 Cod. 27951 Centrale filare Simply8 High Manuale d uso v. 1.0 INTRODUZIONE Zone di allarme temporizzabili e parzializzabili con linee configurabili come N.C., N.A., bilanciate e ad impulsi (es.

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

230Vac - 50Hz 10 W IP 20. Guida DIN 12 moduli

230Vac - 50Hz 10 W IP 20. Guida DIN 12 moduli DESCRIZIONE DI CAPIOLAO Centrale di Supervisione MINI PLUS per impianti di illuminazione di sicurezza, munita di microprocessore in grado di eseguire automaticamente controlli centralizzati periodici per

Dettagli