GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI"

Transcript

1 GUIDA ALL INSTALLAZIONE CENTRALTEST BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi di tipo autoalimentato CENTRALSYSTEM BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi alimentati da sorgente centralizzata SISTEMI PER ILLUMINAZIONE D EMERGENZA DOTATI TI DI AUTODIAGNOSI CENTRALIZZATA

2

3 INDICE INSTALLAZIONE DEL SISTEMA CENTRALTEST TEST Descrizione del Sistema pag 1 Collegamenti e verifiche della linea Bus pag 2 Posa delle lampade pag 3 Partizione dell impianto pag 5 Note esempio applicativo pag 6 Attivazione finale dell impianto pag 6 INSTALLAZIONE DEL SISTEMA CENTRALSYSTEM Descrizione del Sistema pag 8 Collegamento della sorgente pag 10 Collegamento della Centrale pag 12 Collegamento dell Interfaccia CTS pag 13 Collegamento delle lampade pag 16 Collegamento del KIT CTS pag 18 Verifica preliminare del funzionamento del Sistema pag 20 Nota sulla partizione dell impianto pag 21 Note esempio applicativo pag 21 Attivazione finale dell impianto pag 21 INSTALLAZIONE SISTEMA MISTO CENTRALTEST TEST E CENTRALSYSTEM Descrizione del Sistema pag 23 Note per l installazione pag 23 Note esempio applicativo pag 23 Attivazione finale dell impianto pag 23 INDICE

4 INSTALLAZIONE DEL CENTRALTEST TEST DESCRIZIONE DEL SISTEMA Il CentralTest è un Sistema per illuminazione di emergenza composto da apposite lampade di tipo autoalimentato connesse mediante una linea di comunicazione ad una Centrale di controllo che permette di verificarne l efficienza. Sia le lampade che la Centrale sono appositamente costruite e non sono collegabili agli apparecchi tradizionali. La Centrale di controllo svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia degli apparecchi abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza comando di accensione incondizionata degli apparecchi Il Sistema può controllare fino a 1024 apparecchi del tipo autoalimentato (batteria interna). Gli apparecchi garantiscono l'accensione in emergenza a prescindere da guasti alla Centrale o al Sistema di trasmissione dati. Ogni apparecchio viene fornito dal costruttore dotato di un identificatore a 6 cifre (riportato su una coppia di etichette fornite con il prodotto) che la distingue in modo univoco da ogni altro prodotto. Gli apparecchi possono differire per tipologia di funzionamento (non permanente SE, permanente SA), per autonomia (1h - 3h), tipologia della batteria (NiCd, NiMH, PB). Ogni massimo 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati. La Centrale può supportare un massimo di 64 interfacce. È possibile integrare CentralTest Beghelli all interno di un Sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo remoto del Sistema mediante modem telefonico. La Centrale è in grado di effettuare in automatico il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la Centrale registra il numero di lampade che compongono l impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. I test di controllo (funzionale e di autonomia) vengono eseguiti dalla Centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell operatore e hanno lo scopo di verificare il funzionamento dell intero Sistema. L intervallo di tempo fra due test automatici e l ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla Centrale dall utilizzatore dell impianto. Durante il test la lampada viene accesa, allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente e della batteria. La Centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore le segnala all operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla Centrale riporta giorno e ora in cui il test à stato eseguito e la tipologia dei guasti; l identificazione della lampada guasta è facilitata dall accensione di un led giallo (errore tubo) rosso (errore batteria) posto sulla parabola dell apparecchio. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Descrizione del Sistema 1

5 COLLEGAMENTI E VERIFICHE DELLA LINEA BUS Linea Bus Nello schema riportato di seguito si nota che nel Sistema CentrlaTest ci sono due tipi di Bus: a) Collegamento tra Lampade e Interfaccia realizzato con un bus a tre fili (A, B, C). le lampade sono collegate in parallelo su questo bus. b) Collegamento tra Centrale e interfacce realizzato con un bus a cinque fili (A, B, C, D, Comune). Le interfacce sono collegate in serie su questo bus. Per il collegamento fra le centrali CentralTest, le interfacce e le lampade, in alternativa ai conduttori twistati e schermati 5 x 0,35 o 3 x 0,35 (che restano in ogni caso quelli ottimali), si possono utilizzare conduttori di pari isolamento e di pari caratteristiche tecniche a quelli usati per le linee d alimentazione delle lampade in modo da consentirne la posa entro le vie cavi di alimentazione (a titolo esemplificativo: H07-VK, H05-VK, N1VVK ) riducendo sensibilmente i costi installativi. Tali conduttori possono essere utilizzati sia in formazione unipolare sia multipolare, purché di sezione non inferiore a 0.5mmq. Si raccomoda di utilizzare cavi di colore diverso per i fili dei bus e mantenere gli stessi colori nella realizzazione dell intero impianto. Interfaccia Qualora la distanza tra le lampade più lontane e il punto in cui viene collocata la Centrale fosse inferiore a 1.5Km di cavo si consiglia di posizionare le interfacce in prossimità della Centrale riducendo così la stesura del bus a 5 fili. Controllo collegamenti Interfaccia Un controllo immediato può essere eseguito effettuando alcune misure su ciascuna delle morsettiere di ingresso e di uscita del bus a 5 fili presenti sulle interfacce. Prima di effettuare la misura accertarsi che la linea dati sia connessa alla Centrale e che questa sia accesa in condizioni di Centrale non configurata. Se il collegamento è ben fatto si devono riscontare i seguenti valori indicativi ( il morsetto negativo è identificato dal filo COMUNE): Tensione A-comune = 3.1Vcc Tensione B-comune = 1.65Vcc Tensione C-comune = 3.1Vcc Tensione D-comune = 1.65Vcc (se questi valori oscillano significa che la Centrale è già stata configurata, per bloccare l oscillazione o azzerare la configurazione o spostare la Centrale da pagina zero in una pagina qualsiasi) Controllo uscita dell interfaccia Lasciando tutto come descritto sopra e staccando la linea dati eventualmente già collegata proveniente dalle lampade verificare la presenza dei seguenti livelli di tensione (il morsetto negativo è identificato con lettera C): Tensione A-C = 3.1Vcc Tensione B-C = 1.65Vcc RETE 230V ALIMENTAZIONE DELL'INTERFACCIA ALLE LAMPADE N P A B C A B C D Fig. 1 ALL'INTERFACCIA SUCCESSIVA COMUNE D C B A COMUNE DALLA CENTRALE O DALL'INTERFACCIA PRECEDENTE INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Collegamento linea BUS 2

6 POSA IN OPERA DELLE LAMPADE ADE Montare i supporti Lampada (staffe, carcasse ), collegare i cavi Fase e Neutro (l alimentazione deve essere prelevata dal quadro di zona più vicino), collegare la linea dati A, B, C ai rispettivi morsetti. E' opportuno eseguire le connessioni del parallelo di linea su scatole di derivazione anziché direttamente sui morsetti degli apparecchi, specialmente se vengono utilizzate grosse sezioni. E molto importante non commettere errori in questa fase dell installazione (inversione tra A, B e C, cortocircuiti tra linee, ecc.). Agganciare tutte le lampade nella loro sede definitiva, avendo cura di mantenere visibile l etichetta che ne riporta il Codice Identificativo. Verificare l alimentazione e il corretto stato di funzionamento di ciascuna lampada installata controllando che la spia luminosa di colore giallo sia accesa e lampeggi. Questa segnalazione indica che la lampada è azzerata e potrà essere collegata alla Centrale. Controllo delle linee bus verso le lampade A, B, C. Per un corretto funzionamento del Sistema è indispensabile che: a) Nel caso di più interfacce non devono verificarsi connessioni tra le diverse linee dati (anelli). b) Su ogni lampada la linea dati A, B, C sia stata collegata correttamente c) Non devono esserci cortocircuiti sulla linea dati A, B, C. Anche in questo caso è possibile effettuare un controllo immediato direttamente sulle linee dati in partenza dalle interfacce (le linee non devono essere collegate all interfaccia). Prima di effettuare le misure accertarsi che le lampade siano correttamente alimentate. Se la linea dati lampade - interfacce è ben fatta si devono riscontare i seguenti valori indicativi (il morsetto negativo è identificato con la lettera C): Tensione A-C = 3.0Vcc Tensione B-C = 1.5Vcc (Non è possibile che il valore della tensione misurata tra B e C sia superiore a quella misurata tra A e C). Qualora i valori misurati non coincidessero con quelli sopra riportati si può comunque provare a collegare la linea dati (solo quella incriminata lasciando scollegate eventuali altre linee) alla propria interfaccia e lanciare la configurazione da Centrale. Se il problema è dovuto solo a inversione di collegamenti sulla morsettiera delle lampade, la Centrale dovrebbe comunque rintracciare quelle correttamente collegate. Il caso di più lunga risoluzione si ha quando si evidenzia un cortocircuito sulla linea ABC (quando almeno una delle tensioni A- C, B-C risulta essere uguale a zero). In questo caso si deve procedere a sezionare la linea dati e ripetendo le misure descritte sopra si deve arrivare a circoscrivere la parte di impianto incriminata in cui si deve trovare il punto di corto circuito. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Posa delle lampade 3

7 LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC Fig. 2 INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Schema elettrico linea BUS 4

8 PARTIZIONE DELL IMPIANTO Scegliere l'ubicazione dei corpi illuminanti in maniera tradizionale disegnandola sulla piantina del locale sulla quale indicare anche il Codice Identificativo di fabbrica riportato per ogni corpo illuminate su due apposite etichette. In questa fase della realizzazione dell'impianto definire (riportandolo sulla piantina vicino al codice identificativo di lampada) la numerazione delle Lampade seguendo una suddivisione logica del locale, per esempio associare allo stesso numero di zona uno o più locali che avranno le stesse esigenze di gestione quali esecuzione test, inibizione emergenza. Si ricorda che si può suddividere l'impianto fino a 16 zone e numerarle all interno della zona da 1 a 64. Si consiglia utilizzare la seguente annotazione per identificare le Lampade: Z01 L01 per la Lampada 1 della Zona 1 Z01 L02 per la Lampada 2 della Zona 1 Z16 L64 per la Lampada 64 della Zona 16 Non avendo a disposizione la carta topografica dell impianto è possibile realizzare una tabella nella quale riportare il Codice Identificativo di ciascuna lampada, alcuni semplici riferimenti che ne identificano la posizione all interno dell impianto, il numero di zona e il numero all interno della zona. Ad esempio : N Tipo Codice Identificativo Posizione all interno dell edificio Zona Numero 1 OLCTS8W Primo piano, corridoio a destra OLCTS24W Quinto piano Questa fase di documentazione è molto importante e serve per poter individuare, all occorrenza, la collocazione di una qualunque lampada all interno dell impianto, in modo veloce e preciso. Le lampade del Sistema CentralTest possono essere installate subito e non necessitano di alcuna programmazione preliminare. Dal momento dell installazione, pur non essendo ancora gestite dalla Centrale, le lampade sono in grado di assolvere autonomamente la funzione di emergenza. La partizione Zona e Numeri da Voi definita, seguendo i criteri sopra esposti, sarà assegnata ai dispositivi durante la procedura di attivazione dell impianto. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Partizione dell impianto 5

9 NOTE ESEMPIO APPLICATIVO Nell esempio applicativo, riportato nella pagina seguente, è contemplato il caso di un impianto CentralTest in cui sono presenti due centrali distinte controllate da un unica postazione remota mediante un personal computer. Come già spiegato precedentemente possiamo notare che: a) Partendo dalla Centrale mediante bus a 5 fili si collegano tutte le interfacce CT in serie (Max 64 PZ.). b) Da ogni interfaccia parte la linea bus a 3 fili ABC alla quale è possibile collegare fino ad un massimo di 64 lampade CT. c) Le linee di alimentazione delle lampade vengono prelevate dai quadri di zona. d) Le lampade di tipo SA se oltre a ricevere la linee emergenza ricevono anche un ulteriore linea possono essere abilitate o disabilitate all occorrenza (spegnendo le lampade nelle ore in cui l accensione non è necessaria si allunga la vita del prodotto e della batteria). Per effettuare il controllo remoto da un'unica postazione delle due centrali, non potendo realizzare un parallelo tra le connessioni di tipo RS232 (connessione per sua natura del tipo punto punto) abbiamo due possibilità a) Conversione in RS422 (quella descritta nello schema) La connessione RS422 consente di mettere in parallelo più oggetti che devono trasmettersi dati. Occorre pertanto collegare ad ogni Centrale e al personal computer un apposito accessorio che consente di convertire l uscita RS232 in un uscita RS422 (Art. Beghelli 9427 cod ). A questo punto mediante un conduttore a 4 fili viene poi eseguito il parallelo tra le uscite di tipo RS422 (1km distanza massima tra convertitori utilizzando cavo di sezione pari a 0.5mmq). Per una buona immunità è opportuno utilizzare cavetto schermato. b) Collegamento con linea telefonica In alternativa ai convertitori RS232/422 è possibile collegare ad ogni Centrale e al personal computer un modem telefonico (Art. Beghelli MODEM V90 cod ), ciascuno dotato di propria linea telefonica. ATTIVAZIONE FINALE DELL IMPIANTO Al termine dell installazione non resta che procedere nell attivazione finale dell impianto. Siete a questo punto invitati a prendere visione delle modalità previste per la richiesta di messa in funzione dei Sistemi intelligenti Beghelli. Lo stesso modulo allegato alla presente guida contiene oltre alle modalità anche un apposita scheda di richiesta attivazione. Per ogni ulteriore chiarimento o necessità che si rendessero necessari non esitate a contattare il servizio assistenza della Beghelli INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Esempio applicativo 6

10 Ufficio Progetti Via Mozzeghine 13/15 Beghelli S.p.A Monteveglio (BO) Tel. 051/ Fax. 051/ DESCRIZIONE SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO CENTRALTEST Tav. n.1 COMMITTENTE POS. VVF: SCALA: DATA: DISEGNATORE 1: OTTOBRE 99 GRANDI MASSIMILIANO N.RO DATA DISEGNO GM FIRMA CONTENUTO Firma tecnico 1 2 MODIFICA Firma committente RS232 PARTICOLARE "A" RS232 RS232 RS232 RS232 ALIMENTAZIONE 230 V PARTICOLARE "A" CONVERTITORE RS232/422 LINEA LUCE ORDINARIA LINEA EMERGENZA LINEA EMERGENZA QUADRO DI ZONA PARTICOLARE "B" QUADRO DI ZONA ALIMENTAZIONE 230 V LINEA LUCE ORDINARIA LINEA EMERGENZA LINEA EMERGENZA QUADRO DI ZONA QUADRO DI ZONA PARTICOLARE "B" PARTICOLARE "B" QUADRO DI ZONA TEST Int. Differenziale Int. 16A prese Int. 10A luce PERSONAL COMPUTER POSTAZIONE REMOTA Int. 16A emerg. TX RX RS TX RS RS422 RS422 TX RX TX RS RS TX RX TX RS RS Beghelli CentralSystem CENTRALE CENTRALTEST N 1 Int. Differenziale Beghelli CentralSystem CENTRALE CENTRALTEST N 2 Int. Differenziale Beghelli Int. Differenziale SE ZONA 1 LAMPADA 1 SA ZONA 16 LAMPADA 1 ZONA 16 LAMPADA 2 Int. Differenziale MAX 64 INTERFACCIE CT Int. Differenziale Beghelli Beghelli SE ZONA 1 LAMPADA 1 SA ZONA 16 LAMPADA 1 ZONA 16 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 63 ZONA 1 LAMPADA 64 ZONA 16 LAMPADA 63 ZONA 16 LAMPADA 64 TX RX TX RS ON Beghelli RS RS232 PARTICOLARE "C" INTERFACCIA CT Beghelli ZONA 1 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 63 ZONA 1 LAMPADA 64 ZONA 16 LAMPADA 63 ZONA 16 LAMPADA 64 RX RS232 Beghelli ON TEST RX Int. 16A prese RS232 Int. 10A luce Beghelli Int. 16A emerg. ON TEST Int. 16A prese Int. 10A luce RX RS232 Int. 16A emerg. TEST Beghelli ON Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. Int. Differenziale TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. RX MAX 64 DISP. CT MAX 64 DISP. CT PARTICOLARE "C" MAX 64 DISP. CT MAX 64 DISP. CT PARTICOLARE "C" Beghelli MAX 64 INTERFACCIE CT NOTA 1: ogni impianto CentralTest può gestire fino ad un massimo di 1024 apparecchi (lampadeautoalimentate/inverter), suddivisi in 16 zone logiche da 64 dispositivi ciascuna. INSTALLAZIONE CENTRALTEST 7

11 INSTALLAZIONE DEL CENTRALSYSTEM DESCRIZIONE DEL SISTEMA CentralSystem è un Sistema per illuminazione d emergenza di tipo centralizzato con autodiagnosi. Sia la sorgente di alimentazione (soccorritore in corrente alternata sinusoidale famiglia SCASE/SA) che il Sistema di controllo sono di tipo centralizzato. Il controllo svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia della sorgente (o più sorgenti) test di funzionamento degli apparecchi abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza comando di accensione incondizionata degli apparecchi Il Sistema può controllare fino a 1024 apparecchi e fino ad un massimo di 10 soccorritori con uscita in corrente alternata (SoccorGroup SCASE/SA). Tutti gli apparecchi Beghelli previsti per il CentralSystem a seconda del tipo di collegamento possono svolgere la funzione non permanente (SE), permanente (SA), e possono essere programmati per funzionare in emergenza per 1h o 3h. Ogni massimo 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati. Inoltre l interfaccia mediante un sensore di presenza rete consente l intervento a zone dell impianto di emergenza (si consiglia pertanto l utilizzo di una interfaccia in corrispondenza di ogni quadro principale di piano). La Centrale può supportare un massimo di 64 interfacce. E possibile integrare CentralSystem Beghelli all interno di un Sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo a distanza, tramite linea telefonica, del funzionamento degli apparecchi. La Centrale è in grado di effettuare in automatico il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la Centrale registra il numero di lampade che compongono l impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. I test di controllo (funzionale e di autonomia) vengono eseguiti dalla Centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell operatore e hanno lo scopo di verificare il funzionamento della sorgente di alimentazione, dell impianto elettrico di emergenza e delle lampade. L intervallo di tempo fra due test automatici e l ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla Centrale dall utilizzatore dell impianto. Durante il test la lampada viene accesa, allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente, e il SoccorGroup lavora in funzionamento da inverter per verificare il funzionamento e l efficienza di tutta l apparecchiatura. La Centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore sia relativi alla sorgente che alle lampade e le segnala all operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla Centrale riporta giorno e ora in cui il test à stato eseguito e la tipologia dei guasti; l identificazione della lampada guasta è facilitata dall accensione di un led giallo posto sulla parabola dell apparecchio. Il Sistema è principalmente composto dai seguenti elementi: Centrale di controllo Soccorritore Interfaccia CTS Lampade CTS o KIT CTS inseriti in lampade ordinarie. Nella figura 3 è illustrato un esempio applicativo. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Descrizione del Sistema 8

12 LINEE FORZA MOTRICE INT. PRINCIPALE DI PIANO LINEA ILLUMINAZIONE ORDINARIA PRIMO PIANO LINEE FORZA MOTRICE INT. PRINCIPALE DI PIANO LINEA ILLUMINAZIONE ORDINARIA PIANO TERRA LINEA BUS SOCCORGROUP CENTRALE CENTRALSYSTEM PRIMO PIANO LAMPADA PER ILLUMINAZIONE CENTRALSYSTEM SE/SA INTERFACCIA CENTRALSYSTEM LAMPADA PER ILLUMINAZIONE ORDINARIA SCATOLA DI DERIVAZIONE LINEA ALIMENTAZIONE DA SOCCORRITORE SOCCORGROUP CORRENTE ALTERNATA RS232 LAMPADA PER ILLUMINAZIONE ORDINARIA EMERGENZA CON CTS KIT LINEA TRASMISSIONE DATI Fig. 3 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Impianto tipo 9

13 COLLEGAMENTO DELLA SORGENTE Collegamenti delle linee di alimentazione (circuiti cuiti di sicurezza) Come si evince dal manuale del SoccorGroup (al quale rimandiamo per le funzionalità e le caratteristiche specifiche della sorgente) il soccorritore è dotato di apposita morsettiera per gli allacciamenti (vedi figura 4). R N C1 C1 C2 C2 (R) (N) INGRESSO RETE (R3) (N3) CARICO "SA" (R4) (N4) CARICO "SE" MORSETTIERA ALLACCIAMENTO AUSILIARI MORSETTIERA ALLACCIAMENTO "MR1" SoccorGroup SCASE/SA DB 9 (M) RS232 (sul fianco) RS422 Fig. 4 I SoccorGroup SCASE/SA hanno tutti ingresso monofase (morsetti R,N ingresso rete). Naturalmente la linea di alimentazione deve essere opportunamente dimensionata e protetta in funzione della potenza della macchina. Per quanto riguarda il differenziale prevedere un modello differenziale selettivo con IDn = 0.3A (300mA). I soccorritori sono dotati di due uscite distinte carico SA morsetti C1C1 e carico SE morsetti C2C2: nel Sistema CentralSystem si utilizza solo l uscita di tipo SA. Si consiglia di realizzare all esterno del soccorritore un quadretto di distribuzione da cui derivare le linee che passando per le interfacce vanno poi ad alimentare i dispositivi di emergenza presenti nell impianto (prevedere cioè una linea diretta tra ciascuna interfaccia e la sorgente). Le interfacce CentralSystem sono dotate di appositi interruttori che proteggono la linea di potenza a valle verso le lampade. Per la protezione delle tratte di collegamento a monte dell interfaccia si consiglia l utilizzo di fusibili o di magnetotermici tradizionali opportunamente dimensionati. Si ricorda che i collegamenti tra soccorritore e lampade costituiscono i cosiddetti CIRCUITI DI SICUREZZA, come è ovvio tali circuiti sono vitali per il funzionamento del Sistema, pertanto devono essere realizzati in conformità a tutte le prescrizioni previste dalle normative (cavi resistenti all incendio, posa in canali separati ecc.). N.B. Qualora nell impianto fossero presenti più soccorritori è assolutamente vietato effettuare collegamenti in parallelo tra le uscite; ogni soccorritore alimenterà un certo numero di interfacce in modo autonomo e isolato dagli altri soccorritori presenti nell impianto. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento della sorgente 10

14 Collegamento tra SoccorGroup oup e Centrale di controllo ollo Collegamento tra una Centrale e un SoccorGroup Nel caso base in cui nell impianto è presente un solo soccorritore il collegamento con la Centrale è molto semplice; si tratta infatti di collegare tra loro l uscita seriale RS232 predisposta sul gruppo soccorritore con una delle due porte seriali disponibili sulla Centrale (nella Centrale sono denominate con le sigle CN2 e CN3). Per tale collegamento si consiglia di utilizzare un cavo di connessione conforme a quello riportato nello schema di figura 5 (si tratta di uno standard RS232 in cui si utilizzano solo i fili Tx, Rx, e SG). SOCCORGROUP Lato da collegare alla CENTRALE RS232 DTE FEMMINA RS232 DTE FEMMINA 9 Lato da collegare al SOCCORGROUP Fig. 5 Collegamento tra una Centrale e più di un SoccorGroup oup Nell ipotesi che nell impianto vi siano più soccorritori non è più possibile utilizzare la connessione RS232, che come noto è una connessione point to point, occorre passare ad un Sistema di trasmissione RS422 che permette il funzionamento multidrop. Per passare al Sistema RS422 occorre dotare la Centrale di apposito convertitore RS232/422 (cod. ord. 3014), e settare l uscita del soccorritore modificandola da RS232 a RS 422 (vedere manuale SoccorGroup). Le uscite dei soccorritori (slave) saranno tutti cablati in parallelo rispetto al convertitore della Centrale (master), vedi disegno riportato nella figura 6. Per il collegamento multidrop ogni soccorritore deve essere indirizzato con un numero da 0 a 9 (quindi una Centrale può gestire un massimo di 10 soccorritori); per la programmazione di tale indirizzo si rimanda al manuale specifico del SoccorGroup (la programmazione si effettua in fase di configurazione del Sistema). convertitore TX - RX + RX RX RTS COM - TX + TX COM RS232 DTE FEMMINA 9 Da Collegare Alla Centrale SOCCORGROUP SOCCORGROUP RS232 DTE FEMMINA 9 da collegare al SOCCORGROUP indirizzo 0 RS232 DTE FEMMINA 9 da collegare al SOCCORGROUP indirizzo 9 Fig. 6 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento tra Soccorgroup e Centrale 11

15 COLLEGAMENTO DELLA CENTRALE Per tutte le centrali, indipendentemente dal modello (console da tavolo, versione rack o modulo Centrale) sono valide le connessioni descritte nei paragrafi seguenti che devono essere realizzate con la massima cura. Collegamento alla Rete La Centrale viene fornita con apposito cavo di alimentazione per il collegamento ad una normale presa di alimentazione a 230Vac. Per un corretto funzionamento del Sistema alimentare la Centrale sulla linea proveniente dall uscita SA del SoccorGroup come il resto dell intero Sistema. Una volta applicata la tensione a questa presa la Centrale si accende ed è pronta per l'uso. Per questo tipo di collegamento si rimanda al paragrafo 2.2 Collegamento con il SoccorGroup oup Collegamento con le Interfacce La linea dati (Bus a 5 fili) per il dialogo tra la Centrale e le interfacce è denominata con le lettere A, B, C, D, Com. In dotazione alla Centrale viene fornito un cavetto che da un lato è dotato di connettore DB9 da fissare sulla porta posta sul retro della Centrale siglata con CN1 (uscita bus), dall altro lato si trovano i fili sfusi siglati come segue: - numero 5 che corrisponde al Com - numero 6 che corrisponde al D - numero 7 che corrisponde al C - numero 8 che corrisponde al B - numero 9 che corrisponde all A Se la prima interfaccia è posizionata nelle immediate vicinanze della Centrale si può collegare tale cavetto nell apposito morsetto di ingresso bus predisposto nell interfaccia (vedi collegamento delle interfacce capitolo 4). Il collegamento prosegue poi in modo seriale, dalla prima interfaccia partirà la linea bus che raggiungerà la seconda e così a seguire per le altre interfacce presenti nell impianto. Si raccomanda, specialmente quando le interfacce sono posizionate molto distanti fra loro, di utilizzare cavi di colori distinti per ciascuno dei fili che compongono il bus e di stare molto attenti durante l esecuzione della stesura delle linee e nella realizzazione delle connessioni in corrispondenza delle diverse interfacce. Un controllo immediato può essere eseguito effettuando alcune misure su ciascuna delle morsettiere di ingresso e di uscita del bus a 5 fili presenti sulle interfacce. Prima di effettuare la misura accertarsi che la linea dati sia connessa alla Centrale e che questa sia accesa in condizione di Centrale non configurata. Se il collegamento è ben fatto si devono riscontare i seguenti valori indicativi (il morsetto negativo è identificato dal filo Com): Tensione A - Com = 3Vcc Tensione B - Com = 1.5Vcc Tensione C - Com = 3Vcc Tensione D - Com = 1.5Vcc (se questi valori oscillano significa che la Centrale è già stata configurata, per bloccare l oscillazione o azzerare la configurazione o spostare la Centrale da pagina zero in una pagina qualsiasi) Collegamento con Host remotor Il collegamento tra la Centrale e il computer di controllo può essere realizzato in due modi: a) Mediante modem standard interconnessi utilizzando normali linea telefoniche. b) Mediante linea diretta RS232 qualora il collegamento avvenga tra una Centrale ed un PC posto nelle immediate vicinanze o tramite convertitori RS232/422, interconnessi utilizzando linee dedicate a 5 fili (distanza massima 1 Km), nel caso di connessioni multidrop tra un PC e più centrali. In entrambi i casi si utilizza una delle due porte seriali CN2 o CN3, nella fattispecie si utilizzerà l unica porta ancora disponibile, quella cioè non occupata per il collegamento con il SoccorGroup. Per la configurazione delle porta seriale vedere il MANUALE D USO della Centrale. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento della Centrale 12

16 COLLEGAMENTO DELL INTERF INTERFACCIA CTS Nel Sistema CentralSystem l interfaccia (vedi figura 7) svolge un ruolo fondamentale e vitale per il corretto funzionamento dell impianto di emergenza. Essa svolge fondamentalmente tre funzioni così riassumibili: 1 Propagazione dei dati: ogni interfaccia amplifica i segnali dati che riceve dall interfaccia che la precede sia nei confronti delle lampade connesse ad essa che delle interfacce che la seguono. Tale funzione è molto utile per realizzare impianti molto estesi. Nello stesso tempo oltre ad amplificare crea dei domini elettrici optoisolati mantenendo localizzati eventuali malfunzionamenti delle linee bus. 2 Intervento a zone dell impianto: Mediante un apposito sensore di rete l interfaccia, in modo autonomo dalla Centrale di controllo, comanda lo stato di funzionamento (NORMALE / EMERGENZA) che devono mantenere i dispositivi ad essa connessi. Con tale potenzialità si può realizzare un impianto centralizzato nel quale l intervento in ogni area viene vincolato allo stato dell alimentazione del quadro di zona e non allo stato dell alimentazione della sorgente di alimentazione dell impianto di sicurezza. 3 Controllo delle linee di sicurezza: Collegandosi in parallelo all interruttore che protegge la linea di sicurezza delle lampade ad essa connesse (collegamento a monte e a valle dell interruttore) l interfaccia è in grado di comunicare tempestivamente lo stato di tale protezione alla Centrale di controllo. Per precisare meglio: all interruttore è affidato il compito vero e proprio di protezione della linea, quindi di aprire in caso di guasto così da non compromettere il funzionamento delle altre linee, mentre all interfaccia è affidato il compito di tenere informata la Centrale sullo stato della protezione. LED COD. ORDINE 3006 Fig. 7 Collegamento linea Bus Centrale - Interfacce Sul lato superiore destro dell interfaccia (vedi schema figura 8) è prevista una morsettiera a 5 poli siglata con le lettere A, B, C, D, Com, sulla quale connettere la linea Bus a cinque fili che proviene o dalla Centrale di controllo od a un altra interfaccia. Nel lato inferiore destro è prevista una morsettiera simile, anch essa siglata con le lettere A, B, C, D, Com, sulla quale connettere la linea Bus a cinque fili che viene portata all interfaccia successiva. Per gli aspetti elettrici e le verifiche sulla corretta stesura e connessione della linea bus vedere quanto già detto nel paragrafo 3.3. N.B. UN ERRATO COLLEGAMENTO DI UNO QUALSIASI DEI CINQUE FILI IN UNA QUALSIASI DELLE INTERFACCE PRESENTI NELL IMPIANTO COMPROMETTE LA POSSIBILITÀ DI METTERE IN FUNZIONE IL SISTEMA. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento dell Interfaccia 13

17 230 Vac N P LINEA SOCCORRITORE DALLA CENTRALE DALLE INTERFACCE INTERRUTTORE MAGNETOIDRAULICO P N SOCC. PROT. A B C D COM. P N INTERFACCIA 3006 ORD. DATI B A LED COM. D C B A 230 Vac P N LINEA ORDINARIA P N ALLE INTERFACCE ALLE LAMPADE Fig. 8 Collegamento alla linea del SoccorGroup oup e alla protezione della linea Come illustrato nello schema riportato in figura 8 sul lato superiore sinistro è previsto un morsetto a 4 poli composto dalle coppie siglate con i nomi SOCC. e PROT.. L ingresso SOCC. viene collegato sull ingresso dell interruttore di protezione della linea di sicurezza direttamente in parallelo alla linea proveniente dall uscita SA del SoccorGroup. Attraverso questo collegamento l interfaccia riceve alimentazione direttamente dal SoccorGroup e può continuare a rimanere alimentata anche in caso di apertura dell interruttore di protezione. L ingresso PROT. viene collegato sull uscita dell interruttore di protezione della linea di sicurezza direttamente in parallelo alla linea che va poi ad alimentare i dispositivi CentralSystem. Attraverso questo collegamento l interfaccia è in grado di controllare lo stato della tensione a valle dell interruttore di protezione e di conseguenza informare la Centrale di controllo nel caso di intervento della protezione. Interruttore di protezione: In dotazione alla Centrale viene fornito un interruttore di protezione che si differenzia dai classici interruttori per uso civile semplicemente per il tipo di caratteristica della curva di intervento. Normalmente in caso di corto circuito, durante il funzionamento da inverter le correnti di guasto che il soccorritore è in grado di erogare sono molto piccole (1.25 la corrente nominale del SoccorGroup) pertanto per avere aperture tempestive delle protezioni occorre utilizzare interruttori con caratteristiche adeguate. Come standard viene fornita una protezione con corrente nominale 10A che è in grado di intervenire tempestivamente con correnti dell ordine dei 20A (circa il doppio della corrente nominale). Tale scelta presuppone che su ogni linea si colleghi mediamente un carico massimo di circa 6 7 A. Qualora tale dimensionamento risultasse errato nell applicazione specifica si consiglia di contattare il SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA BEGHELLI che provvederà ad indicarvi la protezione più idonea. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento alla linea 14

18 Collegamento del Sensore e di Rete Come illustrato nello schema riportato in figura 8 sul lato inferiore sinistro è previsto un morsetto a 2 poli siglato con il nome ORD. Si tratta dell ingresso della linea ordinaria a 230Vac che l interfaccia utilizza per monitorare lo stato della linea elettrica ordinaria dell impianto. Quando ai capi di questi morsetti l interfaccia non rileva la presenza della rete elettrica 230Vac si porta immediatamente nello stato di funzionamento di emergenza e comunica a tutti i dispositivi CentralSystem ad essa connessi di portarsi a loro volta nel funzionamento in emergenza, il tutto si realizza in tempi minori o uguali a 500ms. Per un corretto funzionamento dell impianto di emergenza la linea del sensore di rete deve essere collegata al quadro elettrico di zona che alimenta l impianto di illuminazione ordinario dell area di competenza dell interfaccia. Così facendo nel caso di intervento di un generale di zona, a causa di un malfunzionamento, si ha l effetto dell intervento dell impianto di emergenza solo nella zona interessata dal guasto (si recupera quindi uno dei vantaggi dell impianto realizzato con lampade di tipo autonomo). Nel caso in cui l interfaccia controlli dispositivi installati in più domini elettrici (non è prevista un interfaccia per ogni quadro di zona ma una per più quadri) mediante l utilizzo di contatti ausiliari è comunque possibile vincolare l intervento in emergenza dell interfaccia allo scattare di uno qualsiasi degli interruttori generali presenti nei diversi quadri di zona. Collegamento della linea Bus verso i dispositivi CentralSystem Per il collegamento fra le interfacce e i dispositivi CentralSystem è prevista una linea Bus a due fili siglata con le lettere A, B. Il punto di partenza della linea bus è previsto in un morsetto siglato appunto con A e B posto sul lato inferiore dell interfaccia in posizione Centrale vedi figura 6. Una volta che l interfaccia viene alimentata (ingresso Socc connesso con 230Vac presente) ai capi della linea bus senza dispositivi connessi, si deve misurare una tensione continua fissa del valore di circa Vab = 4.8Vcc. Procedendo nel collegamento dei dispositivi CentralSystem tale valore di polarizzazione del Bus tende a calare. Nel caso limite di 64 dispositivi connessi la differenza di potenziale tra i due fili Vab non dovrebbe comunque scendere sotto il valore di 3Vcc. Si consiglia, durante l installazione dei dispositivi, di effettuare misure del valore di tale tensione per verificare la corretta installazione. N.B.: Se al termine dell installazione (con interfaccia alimentata) ai capi della linea bus si misura una tensione Vab= 0 Vcc, significa che si è in presenza di un cortocircuito sulla linea AB. In questo caso si deve procedere a sezionare la linea dati e ripetendo la misure si deve trovare il punto di corto circuito. Fintanto che tale punto non viene individuato non è possibile dialogare con nessuna delle lampade connesse all interfaccia. Nota sul tipo di cavo: in alternativa ai conduttori twistati e schermati 2 x 0,35 (che restano in ogni caso quelli ottimali), si possono utilizzare conduttori tradizionali uguali a quelli usati per le linee d alimentazione degli impianti d illuminazione in modo da consentirne la posa entro le medesime vie in cui vengono posati anche i circuiti di sicurezza che alimentano le lampade di emergenza (a titolo esemplificativo: H07-VK, H05-VK, N1VVK ) riducendo sensibilmente i costi installativi. Tali conduttori possono essere utilizzati sia in formazione unipolare sia multipolare, purché di sezione non inferiore a 0.5 mmq. Si raccomoda di utilizzare cavi di colore diverso per i fili del bus e mantenere gli stessi colori nella realizzazione dell intero impianto. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento sensore rete 15

19 COLLEGAMENTO DELLE LAMPADE ADE Tutte le lampade predisposte per il Sistema CentralSystem sono progettate per poter funzionare sia in modalità SE (lampada che si accende solo in caso di emergenza) che in modalità SA (lampada che si accende sia in presenza che in assenza di rete). La funzione che deve svolgere la lampada viene definita in fase di installazione semplicemente eseguendo un opportuno collegamento (vedi paragrafi seguenti). In fase di attivazione del Sistema è inoltre possibile associare un tempo di autonomia ad ogni singolo dispositivo. Per tempo di autonomia si intende il tempo per il quale il dispositivo deve rimanere acceso in caso di funzionamento in emergenza. Con tale opzione ad esempio si possono programmare i dispositivi antipanico per un ora di autonomia, i dispositivi addetti all illuminazione delle vie di fuga per due ore mentre la segnaletica a tre ore di autonomia. N.B. Ogni dispositivo è dotato di un proprio codice identificativo composto da un numero esadecimale di 6 cifre; tale codice è riportato su due etichette ben visibili sull apparecchio. E molto importante non staccare tale identificativo ma riportarlo durante l installazione sulla planimetria dell edificio (vedi paragrafo partizione dell impianto). Conoscere tali codici è fondamentale per poter utilizzare il Sistema di controllo. Collegamento SE In questo caso ogni dispositivo riceverà la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P e la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B (vedi figura 9). Se la linea dati viene collegata al contrario non sarà possibile il dialogo tra la Centrale e la lampada. COLLEGAMENTO LAMPADA SOLO EMERGENZA - SE P2 N2 B A N1 P1 N P A B Fig. 9 A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore Collegamento SA Anche in questo caso ogni dispositivo riceverà la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P e la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B. Per ottenere il funzionamento SA permanente (lampada accesa 24h al giorno) è sufficiente alimentare sempre con la medesima linea di potenza anche l ingresso siglato con le lettere N1 P1. Per realizzare tale collegamento, come illustrato nella figura 8, è sufficiente mettere in parallelo i due ingressi N P ed N1 P1 mediante semplici ponticelli. Naturalmente anche in questo caso se la linea dati viene collegata al contrario non sarà possibile il dialogo tra la Centrale e la lampada. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento delle lampade 16

20 COLLEGAMENTO LAMPADA SEMPRE ACCESA - SA P2N2 BA N1P1N P AB A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore Fig. 10 Collegamento SA con interruttor uttore Questa tipologia di collegamento a differenza del normale collegamento SA ha il vantaggio di consentire all utente di poter accendere o spegnere il dispositivo a propria discrezione pur lasciando sempre attiva la funzionalità di emergenza (tipica esigenza di un dispositivo utilizzato sia per illuminazione ordinaria che per illuminazione di emergenza). Per tale funzionalità, come si vede dallo schema di connessione, ogni dispositivo riceverà: la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P, la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B, ed una linea 230V ordinaria dotata di interruttore che servirà per pilotare l accensione o lo spegnimento del funzionamento SA collegata ai morsetti siglati con N1 P1. COLLEGAMENTO LAMPADA SEMPRE ACCESA - SA CON INTERRUTTORE P2 N2 N1 P1 B A C N P A B N1 P1 A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore P1-N1= Linea Ordinaria A-B= Linea Dati Fig. 11 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento delle lampade 17

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista.

Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista. Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista. Nuove lampade di illuminazione e d emergenza. Serenità e sicurezza risplendono in tutta la casa. Avere più luce in casa aumenta prima di tutto la tranquillità

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 INDICE GENERALE 1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 4. COME DEVIARE LE CHIAMATE SU UN ALTRO APPARECCHIO...

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Manuale d Istruzioni Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica Extech EX820 da 1000 A RMS. Questo strumento misura

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Istruzioni per l uso GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Significato dei simboli sullo strumento Isolamento continuo doppio o rinforzato Segnalazione di un pericolo, (Attenzione, consultare

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli