GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL INSTALLAZIONE BEGHELLI"

Transcript

1 GUIDA ALL INSTALLAZIONE CENTRALTEST BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi di tipo autoalimentato CENTRALSYSTEM BEGHELLI Sistema intelligente con apparecchi alimentati da sorgente centralizzata SISTEMI PER ILLUMINAZIONE D EMERGENZA DOTATI TI DI AUTODIAGNOSI CENTRALIZZATA

2

3 INDICE INSTALLAZIONE DEL SISTEMA CENTRALTEST TEST Descrizione del Sistema pag 1 Collegamenti e verifiche della linea Bus pag 2 Posa delle lampade pag 3 Partizione dell impianto pag 5 Note esempio applicativo pag 6 Attivazione finale dell impianto pag 6 INSTALLAZIONE DEL SISTEMA CENTRALSYSTEM Descrizione del Sistema pag 8 Collegamento della sorgente pag 10 Collegamento della Centrale pag 12 Collegamento dell Interfaccia CTS pag 13 Collegamento delle lampade pag 16 Collegamento del KIT CTS pag 18 Verifica preliminare del funzionamento del Sistema pag 20 Nota sulla partizione dell impianto pag 21 Note esempio applicativo pag 21 Attivazione finale dell impianto pag 21 INSTALLAZIONE SISTEMA MISTO CENTRALTEST TEST E CENTRALSYSTEM Descrizione del Sistema pag 23 Note per l installazione pag 23 Note esempio applicativo pag 23 Attivazione finale dell impianto pag 23 INDICE

4 INSTALLAZIONE DEL CENTRALTEST TEST DESCRIZIONE DEL SISTEMA Il CentralTest è un Sistema per illuminazione di emergenza composto da apposite lampade di tipo autoalimentato connesse mediante una linea di comunicazione ad una Centrale di controllo che permette di verificarne l efficienza. Sia le lampade che la Centrale sono appositamente costruite e non sono collegabili agli apparecchi tradizionali. La Centrale di controllo svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia degli apparecchi abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza comando di accensione incondizionata degli apparecchi Il Sistema può controllare fino a 1024 apparecchi del tipo autoalimentato (batteria interna). Gli apparecchi garantiscono l'accensione in emergenza a prescindere da guasti alla Centrale o al Sistema di trasmissione dati. Ogni apparecchio viene fornito dal costruttore dotato di un identificatore a 6 cifre (riportato su una coppia di etichette fornite con il prodotto) che la distingue in modo univoco da ogni altro prodotto. Gli apparecchi possono differire per tipologia di funzionamento (non permanente SE, permanente SA), per autonomia (1h - 3h), tipologia della batteria (NiCd, NiMH, PB). Ogni massimo 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati. La Centrale può supportare un massimo di 64 interfacce. È possibile integrare CentralTest Beghelli all interno di un Sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo remoto del Sistema mediante modem telefonico. La Centrale è in grado di effettuare in automatico il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la Centrale registra il numero di lampade che compongono l impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. I test di controllo (funzionale e di autonomia) vengono eseguiti dalla Centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell operatore e hanno lo scopo di verificare il funzionamento dell intero Sistema. L intervallo di tempo fra due test automatici e l ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla Centrale dall utilizzatore dell impianto. Durante il test la lampada viene accesa, allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente e della batteria. La Centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore le segnala all operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla Centrale riporta giorno e ora in cui il test à stato eseguito e la tipologia dei guasti; l identificazione della lampada guasta è facilitata dall accensione di un led giallo (errore tubo) rosso (errore batteria) posto sulla parabola dell apparecchio. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Descrizione del Sistema 1

5 COLLEGAMENTI E VERIFICHE DELLA LINEA BUS Linea Bus Nello schema riportato di seguito si nota che nel Sistema CentrlaTest ci sono due tipi di Bus: a) Collegamento tra Lampade e Interfaccia realizzato con un bus a tre fili (A, B, C). le lampade sono collegate in parallelo su questo bus. b) Collegamento tra Centrale e interfacce realizzato con un bus a cinque fili (A, B, C, D, Comune). Le interfacce sono collegate in serie su questo bus. Per il collegamento fra le centrali CentralTest, le interfacce e le lampade, in alternativa ai conduttori twistati e schermati 5 x 0,35 o 3 x 0,35 (che restano in ogni caso quelli ottimali), si possono utilizzare conduttori di pari isolamento e di pari caratteristiche tecniche a quelli usati per le linee d alimentazione delle lampade in modo da consentirne la posa entro le vie cavi di alimentazione (a titolo esemplificativo: H07-VK, H05-VK, N1VVK ) riducendo sensibilmente i costi installativi. Tali conduttori possono essere utilizzati sia in formazione unipolare sia multipolare, purché di sezione non inferiore a 0.5mmq. Si raccomoda di utilizzare cavi di colore diverso per i fili dei bus e mantenere gli stessi colori nella realizzazione dell intero impianto. Interfaccia Qualora la distanza tra le lampade più lontane e il punto in cui viene collocata la Centrale fosse inferiore a 1.5Km di cavo si consiglia di posizionare le interfacce in prossimità della Centrale riducendo così la stesura del bus a 5 fili. Controllo collegamenti Interfaccia Un controllo immediato può essere eseguito effettuando alcune misure su ciascuna delle morsettiere di ingresso e di uscita del bus a 5 fili presenti sulle interfacce. Prima di effettuare la misura accertarsi che la linea dati sia connessa alla Centrale e che questa sia accesa in condizioni di Centrale non configurata. Se il collegamento è ben fatto si devono riscontare i seguenti valori indicativi ( il morsetto negativo è identificato dal filo COMUNE): Tensione A-comune = 3.1Vcc Tensione B-comune = 1.65Vcc Tensione C-comune = 3.1Vcc Tensione D-comune = 1.65Vcc (se questi valori oscillano significa che la Centrale è già stata configurata, per bloccare l oscillazione o azzerare la configurazione o spostare la Centrale da pagina zero in una pagina qualsiasi) Controllo uscita dell interfaccia Lasciando tutto come descritto sopra e staccando la linea dati eventualmente già collegata proveniente dalle lampade verificare la presenza dei seguenti livelli di tensione (il morsetto negativo è identificato con lettera C): Tensione A-C = 3.1Vcc Tensione B-C = 1.65Vcc RETE 230V ALIMENTAZIONE DELL'INTERFACCIA ALLE LAMPADE N P A B C A B C D Fig. 1 ALL'INTERFACCIA SUCCESSIVA COMUNE D C B A COMUNE DALLA CENTRALE O DALL'INTERFACCIA PRECEDENTE INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Collegamento linea BUS 2

6 POSA IN OPERA DELLE LAMPADE ADE Montare i supporti Lampada (staffe, carcasse ), collegare i cavi Fase e Neutro (l alimentazione deve essere prelevata dal quadro di zona più vicino), collegare la linea dati A, B, C ai rispettivi morsetti. E' opportuno eseguire le connessioni del parallelo di linea su scatole di derivazione anziché direttamente sui morsetti degli apparecchi, specialmente se vengono utilizzate grosse sezioni. E molto importante non commettere errori in questa fase dell installazione (inversione tra A, B e C, cortocircuiti tra linee, ecc.). Agganciare tutte le lampade nella loro sede definitiva, avendo cura di mantenere visibile l etichetta che ne riporta il Codice Identificativo. Verificare l alimentazione e il corretto stato di funzionamento di ciascuna lampada installata controllando che la spia luminosa di colore giallo sia accesa e lampeggi. Questa segnalazione indica che la lampada è azzerata e potrà essere collegata alla Centrale. Controllo delle linee bus verso le lampade A, B, C. Per un corretto funzionamento del Sistema è indispensabile che: a) Nel caso di più interfacce non devono verificarsi connessioni tra le diverse linee dati (anelli). b) Su ogni lampada la linea dati A, B, C sia stata collegata correttamente c) Non devono esserci cortocircuiti sulla linea dati A, B, C. Anche in questo caso è possibile effettuare un controllo immediato direttamente sulle linee dati in partenza dalle interfacce (le linee non devono essere collegate all interfaccia). Prima di effettuare le misure accertarsi che le lampade siano correttamente alimentate. Se la linea dati lampade - interfacce è ben fatta si devono riscontare i seguenti valori indicativi (il morsetto negativo è identificato con la lettera C): Tensione A-C = 3.0Vcc Tensione B-C = 1.5Vcc (Non è possibile che il valore della tensione misurata tra B e C sia superiore a quella misurata tra A e C). Qualora i valori misurati non coincidessero con quelli sopra riportati si può comunque provare a collegare la linea dati (solo quella incriminata lasciando scollegate eventuali altre linee) alla propria interfaccia e lanciare la configurazione da Centrale. Se il problema è dovuto solo a inversione di collegamenti sulla morsettiera delle lampade, la Centrale dovrebbe comunque rintracciare quelle correttamente collegate. Il caso di più lunga risoluzione si ha quando si evidenzia un cortocircuito sulla linea ABC (quando almeno una delle tensioni A- C, B-C risulta essere uguale a zero). In questo caso si deve procedere a sezionare la linea dati e ripetendo le misure descritte sopra si deve arrivare a circoscrivere la parte di impianto incriminata in cui si deve trovare il punto di corto circuito. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Posa delle lampade 3

7 LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE LINEA - A LINEA - B LINEA - C LINEA - D COMUNE ABC ABC ABC Fig. 2 INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Schema elettrico linea BUS 4

8 PARTIZIONE DELL IMPIANTO Scegliere l'ubicazione dei corpi illuminanti in maniera tradizionale disegnandola sulla piantina del locale sulla quale indicare anche il Codice Identificativo di fabbrica riportato per ogni corpo illuminate su due apposite etichette. In questa fase della realizzazione dell'impianto definire (riportandolo sulla piantina vicino al codice identificativo di lampada) la numerazione delle Lampade seguendo una suddivisione logica del locale, per esempio associare allo stesso numero di zona uno o più locali che avranno le stesse esigenze di gestione quali esecuzione test, inibizione emergenza. Si ricorda che si può suddividere l'impianto fino a 16 zone e numerarle all interno della zona da 1 a 64. Si consiglia utilizzare la seguente annotazione per identificare le Lampade: Z01 L01 per la Lampada 1 della Zona 1 Z01 L02 per la Lampada 2 della Zona 1 Z16 L64 per la Lampada 64 della Zona 16 Non avendo a disposizione la carta topografica dell impianto è possibile realizzare una tabella nella quale riportare il Codice Identificativo di ciascuna lampada, alcuni semplici riferimenti che ne identificano la posizione all interno dell impianto, il numero di zona e il numero all interno della zona. Ad esempio : N Tipo Codice Identificativo Posizione all interno dell edificio Zona Numero 1 OLCTS8W Primo piano, corridoio a destra OLCTS24W Quinto piano Questa fase di documentazione è molto importante e serve per poter individuare, all occorrenza, la collocazione di una qualunque lampada all interno dell impianto, in modo veloce e preciso. Le lampade del Sistema CentralTest possono essere installate subito e non necessitano di alcuna programmazione preliminare. Dal momento dell installazione, pur non essendo ancora gestite dalla Centrale, le lampade sono in grado di assolvere autonomamente la funzione di emergenza. La partizione Zona e Numeri da Voi definita, seguendo i criteri sopra esposti, sarà assegnata ai dispositivi durante la procedura di attivazione dell impianto. INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Partizione dell impianto 5

9 NOTE ESEMPIO APPLICATIVO Nell esempio applicativo, riportato nella pagina seguente, è contemplato il caso di un impianto CentralTest in cui sono presenti due centrali distinte controllate da un unica postazione remota mediante un personal computer. Come già spiegato precedentemente possiamo notare che: a) Partendo dalla Centrale mediante bus a 5 fili si collegano tutte le interfacce CT in serie (Max 64 PZ.). b) Da ogni interfaccia parte la linea bus a 3 fili ABC alla quale è possibile collegare fino ad un massimo di 64 lampade CT. c) Le linee di alimentazione delle lampade vengono prelevate dai quadri di zona. d) Le lampade di tipo SA se oltre a ricevere la linee emergenza ricevono anche un ulteriore linea possono essere abilitate o disabilitate all occorrenza (spegnendo le lampade nelle ore in cui l accensione non è necessaria si allunga la vita del prodotto e della batteria). Per effettuare il controllo remoto da un'unica postazione delle due centrali, non potendo realizzare un parallelo tra le connessioni di tipo RS232 (connessione per sua natura del tipo punto punto) abbiamo due possibilità a) Conversione in RS422 (quella descritta nello schema) La connessione RS422 consente di mettere in parallelo più oggetti che devono trasmettersi dati. Occorre pertanto collegare ad ogni Centrale e al personal computer un apposito accessorio che consente di convertire l uscita RS232 in un uscita RS422 (Art. Beghelli 9427 cod ). A questo punto mediante un conduttore a 4 fili viene poi eseguito il parallelo tra le uscite di tipo RS422 (1km distanza massima tra convertitori utilizzando cavo di sezione pari a 0.5mmq). Per una buona immunità è opportuno utilizzare cavetto schermato. b) Collegamento con linea telefonica In alternativa ai convertitori RS232/422 è possibile collegare ad ogni Centrale e al personal computer un modem telefonico (Art. Beghelli MODEM V90 cod ), ciascuno dotato di propria linea telefonica. ATTIVAZIONE FINALE DELL IMPIANTO Al termine dell installazione non resta che procedere nell attivazione finale dell impianto. Siete a questo punto invitati a prendere visione delle modalità previste per la richiesta di messa in funzione dei Sistemi intelligenti Beghelli. Lo stesso modulo allegato alla presente guida contiene oltre alle modalità anche un apposita scheda di richiesta attivazione. Per ogni ulteriore chiarimento o necessità che si rendessero necessari non esitate a contattare il servizio assistenza della Beghelli INSTALLAZIONE CENTRALTEST - Esempio applicativo 6

10 Ufficio Progetti Via Mozzeghine 13/15 Beghelli S.p.A Monteveglio (BO) Tel. 051/ Fax. 051/ DESCRIZIONE SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO CENTRALTEST Tav. n.1 COMMITTENTE POS. VVF: SCALA: DATA: DISEGNATORE 1: OTTOBRE 99 GRANDI MASSIMILIANO N.RO DATA DISEGNO GM FIRMA CONTENUTO Firma tecnico 1 2 MODIFICA Firma committente RS232 PARTICOLARE "A" RS232 RS232 RS232 RS232 ALIMENTAZIONE 230 V PARTICOLARE "A" CONVERTITORE RS232/422 LINEA LUCE ORDINARIA LINEA EMERGENZA LINEA EMERGENZA QUADRO DI ZONA PARTICOLARE "B" QUADRO DI ZONA ALIMENTAZIONE 230 V LINEA LUCE ORDINARIA LINEA EMERGENZA LINEA EMERGENZA QUADRO DI ZONA QUADRO DI ZONA PARTICOLARE "B" PARTICOLARE "B" QUADRO DI ZONA TEST Int. Differenziale Int. 16A prese Int. 10A luce PERSONAL COMPUTER POSTAZIONE REMOTA Int. 16A emerg. TX RX RS TX RS RS422 RS422 TX RX TX RS RS TX RX TX RS RS Beghelli CentralSystem CENTRALE CENTRALTEST N 1 Int. Differenziale Beghelli CentralSystem CENTRALE CENTRALTEST N 2 Int. Differenziale Beghelli Int. Differenziale SE ZONA 1 LAMPADA 1 SA ZONA 16 LAMPADA 1 ZONA 16 LAMPADA 2 Int. Differenziale MAX 64 INTERFACCIE CT Int. Differenziale Beghelli Beghelli SE ZONA 1 LAMPADA 1 SA ZONA 16 LAMPADA 1 ZONA 16 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 63 ZONA 1 LAMPADA 64 ZONA 16 LAMPADA 63 ZONA 16 LAMPADA 64 TX RX TX RS ON Beghelli RS RS232 PARTICOLARE "C" INTERFACCIA CT Beghelli ZONA 1 LAMPADA 2 ZONA 1 LAMPADA 63 ZONA 1 LAMPADA 64 ZONA 16 LAMPADA 63 ZONA 16 LAMPADA 64 RX RS232 Beghelli ON TEST RX Int. 16A prese RS232 Int. 10A luce Beghelli Int. 16A emerg. ON TEST Int. 16A prese Int. 10A luce RX RS232 Int. 16A emerg. TEST Beghelli ON Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. Int. Differenziale TEST Int. 16A prese Int. 10A luce Int. 16A emerg. RX MAX 64 DISP. CT MAX 64 DISP. CT PARTICOLARE "C" MAX 64 DISP. CT MAX 64 DISP. CT PARTICOLARE "C" Beghelli MAX 64 INTERFACCIE CT NOTA 1: ogni impianto CentralTest può gestire fino ad un massimo di 1024 apparecchi (lampadeautoalimentate/inverter), suddivisi in 16 zone logiche da 64 dispositivi ciascuna. INSTALLAZIONE CENTRALTEST 7

11 INSTALLAZIONE DEL CENTRALSYSTEM DESCRIZIONE DEL SISTEMA CentralSystem è un Sistema per illuminazione d emergenza di tipo centralizzato con autodiagnosi. Sia la sorgente di alimentazione (soccorritore in corrente alternata sinusoidale famiglia SCASE/SA) che il Sistema di controllo sono di tipo centralizzato. Il controllo svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia della sorgente (o più sorgenti) test di funzionamento degli apparecchi abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza comando di accensione incondizionata degli apparecchi Il Sistema può controllare fino a 1024 apparecchi e fino ad un massimo di 10 soccorritori con uscita in corrente alternata (SoccorGroup SCASE/SA). Tutti gli apparecchi Beghelli previsti per il CentralSystem a seconda del tipo di collegamento possono svolgere la funzione non permanente (SE), permanente (SA), e possono essere programmati per funzionare in emergenza per 1h o 3h. Ogni massimo 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati. Inoltre l interfaccia mediante un sensore di presenza rete consente l intervento a zone dell impianto di emergenza (si consiglia pertanto l utilizzo di una interfaccia in corrispondenza di ogni quadro principale di piano). La Centrale può supportare un massimo di 64 interfacce. E possibile integrare CentralSystem Beghelli all interno di un Sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo a distanza, tramite linea telefonica, del funzionamento degli apparecchi. La Centrale è in grado di effettuare in automatico il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la Centrale registra il numero di lampade che compongono l impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. I test di controllo (funzionale e di autonomia) vengono eseguiti dalla Centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell operatore e hanno lo scopo di verificare il funzionamento della sorgente di alimentazione, dell impianto elettrico di emergenza e delle lampade. L intervallo di tempo fra due test automatici e l ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla Centrale dall utilizzatore dell impianto. Durante il test la lampada viene accesa, allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente, e il SoccorGroup lavora in funzionamento da inverter per verificare il funzionamento e l efficienza di tutta l apparecchiatura. La Centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore sia relativi alla sorgente che alle lampade e le segnala all operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla Centrale riporta giorno e ora in cui il test à stato eseguito e la tipologia dei guasti; l identificazione della lampada guasta è facilitata dall accensione di un led giallo posto sulla parabola dell apparecchio. Il Sistema è principalmente composto dai seguenti elementi: Centrale di controllo Soccorritore Interfaccia CTS Lampade CTS o KIT CTS inseriti in lampade ordinarie. Nella figura 3 è illustrato un esempio applicativo. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Descrizione del Sistema 8

12 LINEE FORZA MOTRICE INT. PRINCIPALE DI PIANO LINEA ILLUMINAZIONE ORDINARIA PRIMO PIANO LINEE FORZA MOTRICE INT. PRINCIPALE DI PIANO LINEA ILLUMINAZIONE ORDINARIA PIANO TERRA LINEA BUS SOCCORGROUP CENTRALE CENTRALSYSTEM PRIMO PIANO LAMPADA PER ILLUMINAZIONE CENTRALSYSTEM SE/SA INTERFACCIA CENTRALSYSTEM LAMPADA PER ILLUMINAZIONE ORDINARIA SCATOLA DI DERIVAZIONE LINEA ALIMENTAZIONE DA SOCCORRITORE SOCCORGROUP CORRENTE ALTERNATA RS232 LAMPADA PER ILLUMINAZIONE ORDINARIA EMERGENZA CON CTS KIT LINEA TRASMISSIONE DATI Fig. 3 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Impianto tipo 9

13 COLLEGAMENTO DELLA SORGENTE Collegamenti delle linee di alimentazione (circuiti cuiti di sicurezza) Come si evince dal manuale del SoccorGroup (al quale rimandiamo per le funzionalità e le caratteristiche specifiche della sorgente) il soccorritore è dotato di apposita morsettiera per gli allacciamenti (vedi figura 4). R N C1 C1 C2 C2 (R) (N) INGRESSO RETE (R3) (N3) CARICO "SA" (R4) (N4) CARICO "SE" MORSETTIERA ALLACCIAMENTO AUSILIARI MORSETTIERA ALLACCIAMENTO "MR1" SoccorGroup SCASE/SA DB 9 (M) RS232 (sul fianco) RS422 Fig. 4 I SoccorGroup SCASE/SA hanno tutti ingresso monofase (morsetti R,N ingresso rete). Naturalmente la linea di alimentazione deve essere opportunamente dimensionata e protetta in funzione della potenza della macchina. Per quanto riguarda il differenziale prevedere un modello differenziale selettivo con IDn = 0.3A (300mA). I soccorritori sono dotati di due uscite distinte carico SA morsetti C1C1 e carico SE morsetti C2C2: nel Sistema CentralSystem si utilizza solo l uscita di tipo SA. Si consiglia di realizzare all esterno del soccorritore un quadretto di distribuzione da cui derivare le linee che passando per le interfacce vanno poi ad alimentare i dispositivi di emergenza presenti nell impianto (prevedere cioè una linea diretta tra ciascuna interfaccia e la sorgente). Le interfacce CentralSystem sono dotate di appositi interruttori che proteggono la linea di potenza a valle verso le lampade. Per la protezione delle tratte di collegamento a monte dell interfaccia si consiglia l utilizzo di fusibili o di magnetotermici tradizionali opportunamente dimensionati. Si ricorda che i collegamenti tra soccorritore e lampade costituiscono i cosiddetti CIRCUITI DI SICUREZZA, come è ovvio tali circuiti sono vitali per il funzionamento del Sistema, pertanto devono essere realizzati in conformità a tutte le prescrizioni previste dalle normative (cavi resistenti all incendio, posa in canali separati ecc.). N.B. Qualora nell impianto fossero presenti più soccorritori è assolutamente vietato effettuare collegamenti in parallelo tra le uscite; ogni soccorritore alimenterà un certo numero di interfacce in modo autonomo e isolato dagli altri soccorritori presenti nell impianto. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento della sorgente 10

14 Collegamento tra SoccorGroup oup e Centrale di controllo ollo Collegamento tra una Centrale e un SoccorGroup Nel caso base in cui nell impianto è presente un solo soccorritore il collegamento con la Centrale è molto semplice; si tratta infatti di collegare tra loro l uscita seriale RS232 predisposta sul gruppo soccorritore con una delle due porte seriali disponibili sulla Centrale (nella Centrale sono denominate con le sigle CN2 e CN3). Per tale collegamento si consiglia di utilizzare un cavo di connessione conforme a quello riportato nello schema di figura 5 (si tratta di uno standard RS232 in cui si utilizzano solo i fili Tx, Rx, e SG). SOCCORGROUP Lato da collegare alla CENTRALE RS232 DTE FEMMINA RS232 DTE FEMMINA 9 Lato da collegare al SOCCORGROUP Fig. 5 Collegamento tra una Centrale e più di un SoccorGroup oup Nell ipotesi che nell impianto vi siano più soccorritori non è più possibile utilizzare la connessione RS232, che come noto è una connessione point to point, occorre passare ad un Sistema di trasmissione RS422 che permette il funzionamento multidrop. Per passare al Sistema RS422 occorre dotare la Centrale di apposito convertitore RS232/422 (cod. ord. 3014), e settare l uscita del soccorritore modificandola da RS232 a RS 422 (vedere manuale SoccorGroup). Le uscite dei soccorritori (slave) saranno tutti cablati in parallelo rispetto al convertitore della Centrale (master), vedi disegno riportato nella figura 6. Per il collegamento multidrop ogni soccorritore deve essere indirizzato con un numero da 0 a 9 (quindi una Centrale può gestire un massimo di 10 soccorritori); per la programmazione di tale indirizzo si rimanda al manuale specifico del SoccorGroup (la programmazione si effettua in fase di configurazione del Sistema). convertitore TX - RX + RX RX RTS COM - TX + TX COM RS232 DTE FEMMINA 9 Da Collegare Alla Centrale SOCCORGROUP SOCCORGROUP RS232 DTE FEMMINA 9 da collegare al SOCCORGROUP indirizzo 0 RS232 DTE FEMMINA 9 da collegare al SOCCORGROUP indirizzo 9 Fig. 6 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento tra Soccorgroup e Centrale 11

15 COLLEGAMENTO DELLA CENTRALE Per tutte le centrali, indipendentemente dal modello (console da tavolo, versione rack o modulo Centrale) sono valide le connessioni descritte nei paragrafi seguenti che devono essere realizzate con la massima cura. Collegamento alla Rete La Centrale viene fornita con apposito cavo di alimentazione per il collegamento ad una normale presa di alimentazione a 230Vac. Per un corretto funzionamento del Sistema alimentare la Centrale sulla linea proveniente dall uscita SA del SoccorGroup come il resto dell intero Sistema. Una volta applicata la tensione a questa presa la Centrale si accende ed è pronta per l'uso. Per questo tipo di collegamento si rimanda al paragrafo 2.2 Collegamento con il SoccorGroup oup Collegamento con le Interfacce La linea dati (Bus a 5 fili) per il dialogo tra la Centrale e le interfacce è denominata con le lettere A, B, C, D, Com. In dotazione alla Centrale viene fornito un cavetto che da un lato è dotato di connettore DB9 da fissare sulla porta posta sul retro della Centrale siglata con CN1 (uscita bus), dall altro lato si trovano i fili sfusi siglati come segue: - numero 5 che corrisponde al Com - numero 6 che corrisponde al D - numero 7 che corrisponde al C - numero 8 che corrisponde al B - numero 9 che corrisponde all A Se la prima interfaccia è posizionata nelle immediate vicinanze della Centrale si può collegare tale cavetto nell apposito morsetto di ingresso bus predisposto nell interfaccia (vedi collegamento delle interfacce capitolo 4). Il collegamento prosegue poi in modo seriale, dalla prima interfaccia partirà la linea bus che raggiungerà la seconda e così a seguire per le altre interfacce presenti nell impianto. Si raccomanda, specialmente quando le interfacce sono posizionate molto distanti fra loro, di utilizzare cavi di colori distinti per ciascuno dei fili che compongono il bus e di stare molto attenti durante l esecuzione della stesura delle linee e nella realizzazione delle connessioni in corrispondenza delle diverse interfacce. Un controllo immediato può essere eseguito effettuando alcune misure su ciascuna delle morsettiere di ingresso e di uscita del bus a 5 fili presenti sulle interfacce. Prima di effettuare la misura accertarsi che la linea dati sia connessa alla Centrale e che questa sia accesa in condizione di Centrale non configurata. Se il collegamento è ben fatto si devono riscontare i seguenti valori indicativi (il morsetto negativo è identificato dal filo Com): Tensione A - Com = 3Vcc Tensione B - Com = 1.5Vcc Tensione C - Com = 3Vcc Tensione D - Com = 1.5Vcc (se questi valori oscillano significa che la Centrale è già stata configurata, per bloccare l oscillazione o azzerare la configurazione o spostare la Centrale da pagina zero in una pagina qualsiasi) Collegamento con Host remotor Il collegamento tra la Centrale e il computer di controllo può essere realizzato in due modi: a) Mediante modem standard interconnessi utilizzando normali linea telefoniche. b) Mediante linea diretta RS232 qualora il collegamento avvenga tra una Centrale ed un PC posto nelle immediate vicinanze o tramite convertitori RS232/422, interconnessi utilizzando linee dedicate a 5 fili (distanza massima 1 Km), nel caso di connessioni multidrop tra un PC e più centrali. In entrambi i casi si utilizza una delle due porte seriali CN2 o CN3, nella fattispecie si utilizzerà l unica porta ancora disponibile, quella cioè non occupata per il collegamento con il SoccorGroup. Per la configurazione delle porta seriale vedere il MANUALE D USO della Centrale. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento della Centrale 12

16 COLLEGAMENTO DELL INTERF INTERFACCIA CTS Nel Sistema CentralSystem l interfaccia (vedi figura 7) svolge un ruolo fondamentale e vitale per il corretto funzionamento dell impianto di emergenza. Essa svolge fondamentalmente tre funzioni così riassumibili: 1 Propagazione dei dati: ogni interfaccia amplifica i segnali dati che riceve dall interfaccia che la precede sia nei confronti delle lampade connesse ad essa che delle interfacce che la seguono. Tale funzione è molto utile per realizzare impianti molto estesi. Nello stesso tempo oltre ad amplificare crea dei domini elettrici optoisolati mantenendo localizzati eventuali malfunzionamenti delle linee bus. 2 Intervento a zone dell impianto: Mediante un apposito sensore di rete l interfaccia, in modo autonomo dalla Centrale di controllo, comanda lo stato di funzionamento (NORMALE / EMERGENZA) che devono mantenere i dispositivi ad essa connessi. Con tale potenzialità si può realizzare un impianto centralizzato nel quale l intervento in ogni area viene vincolato allo stato dell alimentazione del quadro di zona e non allo stato dell alimentazione della sorgente di alimentazione dell impianto di sicurezza. 3 Controllo delle linee di sicurezza: Collegandosi in parallelo all interruttore che protegge la linea di sicurezza delle lampade ad essa connesse (collegamento a monte e a valle dell interruttore) l interfaccia è in grado di comunicare tempestivamente lo stato di tale protezione alla Centrale di controllo. Per precisare meglio: all interruttore è affidato il compito vero e proprio di protezione della linea, quindi di aprire in caso di guasto così da non compromettere il funzionamento delle altre linee, mentre all interfaccia è affidato il compito di tenere informata la Centrale sullo stato della protezione. LED COD. ORDINE 3006 Fig. 7 Collegamento linea Bus Centrale - Interfacce Sul lato superiore destro dell interfaccia (vedi schema figura 8) è prevista una morsettiera a 5 poli siglata con le lettere A, B, C, D, Com, sulla quale connettere la linea Bus a cinque fili che proviene o dalla Centrale di controllo od a un altra interfaccia. Nel lato inferiore destro è prevista una morsettiera simile, anch essa siglata con le lettere A, B, C, D, Com, sulla quale connettere la linea Bus a cinque fili che viene portata all interfaccia successiva. Per gli aspetti elettrici e le verifiche sulla corretta stesura e connessione della linea bus vedere quanto già detto nel paragrafo 3.3. N.B. UN ERRATO COLLEGAMENTO DI UNO QUALSIASI DEI CINQUE FILI IN UNA QUALSIASI DELLE INTERFACCE PRESENTI NELL IMPIANTO COMPROMETTE LA POSSIBILITÀ DI METTERE IN FUNZIONE IL SISTEMA. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento dell Interfaccia 13

17 230 Vac N P LINEA SOCCORRITORE DALLA CENTRALE DALLE INTERFACCE INTERRUTTORE MAGNETOIDRAULICO P N SOCC. PROT. A B C D COM. P N INTERFACCIA 3006 ORD. DATI B A LED COM. D C B A 230 Vac P N LINEA ORDINARIA P N ALLE INTERFACCE ALLE LAMPADE Fig. 8 Collegamento alla linea del SoccorGroup oup e alla protezione della linea Come illustrato nello schema riportato in figura 8 sul lato superiore sinistro è previsto un morsetto a 4 poli composto dalle coppie siglate con i nomi SOCC. e PROT.. L ingresso SOCC. viene collegato sull ingresso dell interruttore di protezione della linea di sicurezza direttamente in parallelo alla linea proveniente dall uscita SA del SoccorGroup. Attraverso questo collegamento l interfaccia riceve alimentazione direttamente dal SoccorGroup e può continuare a rimanere alimentata anche in caso di apertura dell interruttore di protezione. L ingresso PROT. viene collegato sull uscita dell interruttore di protezione della linea di sicurezza direttamente in parallelo alla linea che va poi ad alimentare i dispositivi CentralSystem. Attraverso questo collegamento l interfaccia è in grado di controllare lo stato della tensione a valle dell interruttore di protezione e di conseguenza informare la Centrale di controllo nel caso di intervento della protezione. Interruttore di protezione: In dotazione alla Centrale viene fornito un interruttore di protezione che si differenzia dai classici interruttori per uso civile semplicemente per il tipo di caratteristica della curva di intervento. Normalmente in caso di corto circuito, durante il funzionamento da inverter le correnti di guasto che il soccorritore è in grado di erogare sono molto piccole (1.25 la corrente nominale del SoccorGroup) pertanto per avere aperture tempestive delle protezioni occorre utilizzare interruttori con caratteristiche adeguate. Come standard viene fornita una protezione con corrente nominale 10A che è in grado di intervenire tempestivamente con correnti dell ordine dei 20A (circa il doppio della corrente nominale). Tale scelta presuppone che su ogni linea si colleghi mediamente un carico massimo di circa 6 7 A. Qualora tale dimensionamento risultasse errato nell applicazione specifica si consiglia di contattare il SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA BEGHELLI che provvederà ad indicarvi la protezione più idonea. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento alla linea 14

18 Collegamento del Sensore e di Rete Come illustrato nello schema riportato in figura 8 sul lato inferiore sinistro è previsto un morsetto a 2 poli siglato con il nome ORD. Si tratta dell ingresso della linea ordinaria a 230Vac che l interfaccia utilizza per monitorare lo stato della linea elettrica ordinaria dell impianto. Quando ai capi di questi morsetti l interfaccia non rileva la presenza della rete elettrica 230Vac si porta immediatamente nello stato di funzionamento di emergenza e comunica a tutti i dispositivi CentralSystem ad essa connessi di portarsi a loro volta nel funzionamento in emergenza, il tutto si realizza in tempi minori o uguali a 500ms. Per un corretto funzionamento dell impianto di emergenza la linea del sensore di rete deve essere collegata al quadro elettrico di zona che alimenta l impianto di illuminazione ordinario dell area di competenza dell interfaccia. Così facendo nel caso di intervento di un generale di zona, a causa di un malfunzionamento, si ha l effetto dell intervento dell impianto di emergenza solo nella zona interessata dal guasto (si recupera quindi uno dei vantaggi dell impianto realizzato con lampade di tipo autonomo). Nel caso in cui l interfaccia controlli dispositivi installati in più domini elettrici (non è prevista un interfaccia per ogni quadro di zona ma una per più quadri) mediante l utilizzo di contatti ausiliari è comunque possibile vincolare l intervento in emergenza dell interfaccia allo scattare di uno qualsiasi degli interruttori generali presenti nei diversi quadri di zona. Collegamento della linea Bus verso i dispositivi CentralSystem Per il collegamento fra le interfacce e i dispositivi CentralSystem è prevista una linea Bus a due fili siglata con le lettere A, B. Il punto di partenza della linea bus è previsto in un morsetto siglato appunto con A e B posto sul lato inferiore dell interfaccia in posizione Centrale vedi figura 6. Una volta che l interfaccia viene alimentata (ingresso Socc connesso con 230Vac presente) ai capi della linea bus senza dispositivi connessi, si deve misurare una tensione continua fissa del valore di circa Vab = 4.8Vcc. Procedendo nel collegamento dei dispositivi CentralSystem tale valore di polarizzazione del Bus tende a calare. Nel caso limite di 64 dispositivi connessi la differenza di potenziale tra i due fili Vab non dovrebbe comunque scendere sotto il valore di 3Vcc. Si consiglia, durante l installazione dei dispositivi, di effettuare misure del valore di tale tensione per verificare la corretta installazione. N.B.: Se al termine dell installazione (con interfaccia alimentata) ai capi della linea bus si misura una tensione Vab= 0 Vcc, significa che si è in presenza di un cortocircuito sulla linea AB. In questo caso si deve procedere a sezionare la linea dati e ripetendo la misure si deve trovare il punto di corto circuito. Fintanto che tale punto non viene individuato non è possibile dialogare con nessuna delle lampade connesse all interfaccia. Nota sul tipo di cavo: in alternativa ai conduttori twistati e schermati 2 x 0,35 (che restano in ogni caso quelli ottimali), si possono utilizzare conduttori tradizionali uguali a quelli usati per le linee d alimentazione degli impianti d illuminazione in modo da consentirne la posa entro le medesime vie in cui vengono posati anche i circuiti di sicurezza che alimentano le lampade di emergenza (a titolo esemplificativo: H07-VK, H05-VK, N1VVK ) riducendo sensibilmente i costi installativi. Tali conduttori possono essere utilizzati sia in formazione unipolare sia multipolare, purché di sezione non inferiore a 0.5 mmq. Si raccomoda di utilizzare cavi di colore diverso per i fili del bus e mantenere gli stessi colori nella realizzazione dell intero impianto. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento sensore rete 15

19 COLLEGAMENTO DELLE LAMPADE ADE Tutte le lampade predisposte per il Sistema CentralSystem sono progettate per poter funzionare sia in modalità SE (lampada che si accende solo in caso di emergenza) che in modalità SA (lampada che si accende sia in presenza che in assenza di rete). La funzione che deve svolgere la lampada viene definita in fase di installazione semplicemente eseguendo un opportuno collegamento (vedi paragrafi seguenti). In fase di attivazione del Sistema è inoltre possibile associare un tempo di autonomia ad ogni singolo dispositivo. Per tempo di autonomia si intende il tempo per il quale il dispositivo deve rimanere acceso in caso di funzionamento in emergenza. Con tale opzione ad esempio si possono programmare i dispositivi antipanico per un ora di autonomia, i dispositivi addetti all illuminazione delle vie di fuga per due ore mentre la segnaletica a tre ore di autonomia. N.B. Ogni dispositivo è dotato di un proprio codice identificativo composto da un numero esadecimale di 6 cifre; tale codice è riportato su due etichette ben visibili sull apparecchio. E molto importante non staccare tale identificativo ma riportarlo durante l installazione sulla planimetria dell edificio (vedi paragrafo partizione dell impianto). Conoscere tali codici è fondamentale per poter utilizzare il Sistema di controllo. Collegamento SE In questo caso ogni dispositivo riceverà la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P e la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B (vedi figura 9). Se la linea dati viene collegata al contrario non sarà possibile il dialogo tra la Centrale e la lampada. COLLEGAMENTO LAMPADA SOLO EMERGENZA - SE P2 N2 B A N1 P1 N P A B Fig. 9 A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore Collegamento SA Anche in questo caso ogni dispositivo riceverà la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P e la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B. Per ottenere il funzionamento SA permanente (lampada accesa 24h al giorno) è sufficiente alimentare sempre con la medesima linea di potenza anche l ingresso siglato con le lettere N1 P1. Per realizzare tale collegamento, come illustrato nella figura 8, è sufficiente mettere in parallelo i due ingressi N P ed N1 P1 mediante semplici ponticelli. Naturalmente anche in questo caso se la linea dati viene collegata al contrario non sarà possibile il dialogo tra la Centrale e la lampada. INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento delle lampade 16

20 COLLEGAMENTO LAMPADA SEMPRE ACCESA - SA P2N2 BA N1P1N P AB A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore Fig. 10 Collegamento SA con interruttor uttore Questa tipologia di collegamento a differenza del normale collegamento SA ha il vantaggio di consentire all utente di poter accendere o spegnere il dispositivo a propria discrezione pur lasciando sempre attiva la funzionalità di emergenza (tipica esigenza di un dispositivo utilizzato sia per illuminazione ordinaria che per illuminazione di emergenza). Per tale funzionalità, come si vede dallo schema di connessione, ogni dispositivo riceverà: la linea di potenza proveniente dall interruttore di protezione (linea di sicurezza da SoccorGroup) che deve essere collegata ai morsetti siglati con le lettere N P, la linea dati A B che deve essere portata nell apposito morsetto siglato anch esso con le lettere A B, ed una linea 230V ordinaria dotata di interruttore che servirà per pilotare l accensione o lo spegnimento del funzionamento SA collegata ai morsetti siglati con N1 P1. COLLEGAMENTO LAMPADA SEMPRE ACCESA - SA CON INTERRUTTORE P2 N2 N1 P1 B A C N P A B N1 P1 A-B= Linea Dati P2-N2= Linea Soccorritore P1-N1= Linea Ordinaria A-B= Linea Dati Fig. 11 INSTALLAZIONE CENTRALSYSTEM - Collegamento delle lampade 17

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE CENTRALTEST BEGHELLI AD ONDE CONVOGLIATE Sistema intelligente con apparecchi di tipo autoalimentato SISTEMA PER ILLUMINAZIONE D EMERGENZA CON AUTODIAGNOSI CENTRALIZZATA AD ONDE

Dettagli

Introduzione. Questo marchio identifica un dispositivo DALI compatibile.

Introduzione. Questo marchio identifica un dispositivo DALI compatibile. IL PROTOCOLLO DALI Introduzione DALI è acronimo di "Digital Addressable Lighting Interface". E' di fatto un protocollo standard internazionale (emendamento della Norma IEC60929 E4) per il controllo del

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA Gruppi di continuità UPS Line Interactive PC Star EA Modelli: 650VA ~ 1500VA MANUALE D USO Rev. 01-121009 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza... 1 Principi di funzionamento... 2 In modalità presenza

Dettagli

Introduzione. Sistemi intelligenti

Introduzione. Sistemi intelligenti Sistemi Introduzione Sistemi Intelligenti I sistemi Dardo per il controllo centralizzato dell illuminazione d emergenza prevedono una centralina che verifica gli apparecchi collegati tramite una linea

Dettagli

Stampante DIN BEGHELLI ISTRUZIONI PER L USOL. Stampante per Sistemi Centralizzati e Logica Beghelli

Stampante DIN BEGHELLI ISTRUZIONI PER L USOL. Stampante per Sistemi Centralizzati e Logica Beghelli Stampante DIN BEGHELLI Stampante per Sistemi Centralizzati e Logica Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Vista esterna anteriore 1 LED segnalazione Stato 2 Leve apertura coperchio 3Vano rotolo carta 4 Pannello

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere!

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere! ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA La manutenzione, un esigenza e un dovere! La vostra guida alla responsabilità e alla prevenzione I Ed. novembre 2014 a cura di Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

Dettagli

2000-3000 VA MANUALE D'USO

2000-3000 VA MANUALE D'USO Gruppi di continuità UPS Line Interactive EA SIN 2000-3000 VA MANUALE D'USO Rev. 01-130111 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza...1 Principi di funzionamento...2 Caratteristiche principali...3 Funzione

Dettagli

SUWIRA QUADRO DI COMANDO PER TENDE DA SOLE ISTRUZIONI PER L USO

SUWIRA QUADRO DI COMANDO PER TENDE DA SOLE ISTRUZIONI PER L USO QUADRO DI COMANDO PER TENDE DA SOLE ISTRUZIONI PER L USO IS_04_06_IT INDICE 1. 2. INTRODUZIONE...3 INSTALLAZIONE...4 2.1 ALLACCIAMENTO ELETTRICO...4 2.2 ANTENNA RADIO... 4 3 PANNELLO DI CONTROLLO...5 4

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli

ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI

ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI P A R T. T37 B Sistema Gestione Energia 3 5 6 7 8 8-5 5 - - + + kw Istruzioni d uso /8 - CI 8 5-5 + - + - Sistema Gestione Energia. ISTRUZII PER L UTENTE. Generalità del sistema Il sistema è in grado di

Dettagli

INTELLIGENT BEGHELLI. SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE Rivelatore assenza rete elettrica ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO

INTELLIGENT BEGHELLI. SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE Rivelatore assenza rete elettrica ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO INTELLIGENT BEGHELLI SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE Rivelatore assenza rete elettrica Beghelli IMPORTANTE: LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE PRIMA DI UTILIZZARE IL PRODOTTO. CSERVARE C CURA IL

Dettagli

Sistema DaisaTest. Funzioni del Sistema DaisaTest. Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza

Sistema DaisaTest. Funzioni del Sistema DaisaTest. Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza Sistema di controllo per impianti di illuminazione di emergenza Sistema DaisaTest Funzioni del Sistema DaisaTest Il Sistema DaisaTest è un tipo di impianto di Illuminazione di Emergenza in grado di monitorare

Dettagli

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM MANUALE DEL CONTROLLO ELETTRONICO UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM Il sistema di controllo elettronico presente a bordo delle unità

Dettagli

Manuale d installazione e programmazione

Manuale d installazione e programmazione Combinatore telefonico per linea urbana e rete GSM Combivox GSM III Combivox 2003 Manuale d installazione e programmazione RIVENDITORE AUTORIZZATO Combivox S.r.l. Via Suor Marcella Arosio, 15 70019 TRIGGIANO

Dettagli

Beghelli presenta. La lampada di emergenza si trasforma: il doppio della luce, il triplo dell'autonomia e non ti lascia mai al buio

Beghelli presenta. La lampada di emergenza si trasforma: il doppio della luce, il triplo dell'autonomia e non ti lascia mai al buio Beghelli presenta La lampada di emergenza si trasforma: il doppio della luce, il triplo dell'autonomia e non ti lascia mai al buio A U T O R I P A R A Il Sistema brevettato di emergenza LED con elettronica

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

BEGHELLI TELEALLARMEVITA ISTRUZIONI PER L USO L E L INSTALLAZIONE AVVERTENZE ORE A SINTESI VOCALE, PER L'INVIO TELEFONICO DI UN MESSAGGIO DI SOCCORSO

BEGHELLI TELEALLARMEVITA ISTRUZIONI PER L USO L E L INSTALLAZIONE AVVERTENZE ORE A SINTESI VOCALE, PER L'INVIO TELEFONICO DI UN MESSAGGIO DI SOCCORSO AVVERTENZE - Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all uso per il quale è stato costruito. Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso. Il costruttore non può essere considerato

Dettagli

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO 1 CARATTERISTICHE DISPOSITIVI A BORDO Presa di comando con chiave elettronica (mod. INS/P) Tastiera ad 8 tasti per la programmazione ed esclusione

Dettagli

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High Simply8 Cod. 27951 Centrale filare Simply8 High Manuale d uso v. 1.0 INTRODUZIONE Zone di allarme temporizzabili e parzializzabili con linee configurabili come N.C., N.A., bilanciate e ad impulsi (es.

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

EMI1 CONVERTITORE SERIALE MULTIFUNZIONE EIA RS-232 / RS 422-485

EMI1 CONVERTITORE SERIALE MULTIFUNZIONE EIA RS-232 / RS 422-485 MANUALE ISTUZIONI IM60-I v. EMI CONVETITOE SEIALE MULTIFUNZIONE EIA S- / S -85 GENEALITA Il convertitore seriale multifunzione EMI trova applicazione in tutti i casi in cui necessita convertire o gestire

Dettagli

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO MC-62 Vintage Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO Manuale di Istruzioni TRE i SYSTEMS S.r.l. Via del Melograno N. 13-00040 Ariccia, Roma Italy

Dettagli

LEC. Procedura di avviamento LEC. Termoregolatore. Funzionamento di base/configurazione avanzata/ Interventi di ripristino C K. Versione 1.

LEC. Procedura di avviamento LEC. Termoregolatore. Funzionamento di base/configurazione avanzata/ Interventi di ripristino C K. Versione 1. Procedura di avviamento LEC Ciclo a secco stampo, applicare la massima forza di chiusura, ripetere - volte (chiudere tutti i conduttori prima di iniziare). Accendere l interruttore principale (posizione

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DOCUMENTO DIVULGATIVO Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DDPL04I2 rev.2 0511 Pag. 1 di 14 S O M M A R I O 1. GENERALITA 3 2. MONITORAGGI E COMANDI UTILIZZABILI NEL SISTEMA

Dettagli

ORION-S - MANUALE D USO - Centrale trifase/monofase 380/220V fino a 2CV. Principali applicazioni: AUTOMAZIONI A UN MOTORE CANCELLI SCORREVOLI

ORION-S - MANUALE D USO - Centrale trifase/monofase 380/220V fino a 2CV. Principali applicazioni: AUTOMAZIONI A UN MOTORE CANCELLI SCORREVOLI ORION-S - MANUALE D USO - Centrale trifase/monofase 380/220V fino a 2CV Principali applicazioni: AUTOMAZIONI A UN MOTORE CANCELLI SCORREVOLI PORTE AD IMPACCHETTAMENTO Alcune caratteristiche: RILEVAZIONE

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326)

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Vista D insieme.. Visualizzazione

Dettagli

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione 1. INFORMAZIONI UTILI ALLA SICUREZZA 1.1 ALIMENTAZIONE La derivazione del sistema dovrà avvenire da circuito con presenza di tensione permanente a 230 Vca, 50 Hz con classe di isolamento I. Il morsetto

Dettagli

Controllo di fiamma a microprocessore con comunicazione seriale CONFORME ALLA NORMA EN 298

Controllo di fiamma a microprocessore con comunicazione seriale CONFORME ALLA NORMA EN 298 Serie CF1 Controllo di fiamma a microprocessore con comunicazione seriale ISTRUZIONI E CARATTERISTICHE SAITEK srl www.saitek.it saitek@tsc4.com Sassuolo (MO) ITALY Tel. +39 536 996322 Fax +39 536 808414

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B ISTRUZIONE TECNICA CENTRALI 5 e 10 ZONE Rev.B Indice manuale tecnico Principi generali di funzionamento pag. 03 Installazione meccanica. pag. 06 Descrizione del frontale della centrale pag. 08 Chiave elettromeccanica.

Dettagli

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 (versione firmware: BY10850-M1-V2) La presente documentazione è di proprietà esclusiva

Dettagli

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO INDICE Il sistema di monitoraggio energia da Fotovoltaico La ditta RASOTTO si propone al mercato con un nuovo prodotto per il monitoraggio dell energia prodotta da un

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCC276V42C. Manuale di installazione

Gruppo di alimentazione ALSCC276V42C. Manuale di installazione Gruppo di alimentazione ALSCC276V42C Manuale di installazione PAGINA 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCC276V42C è stato progettato in conformità alla normativa EN 54-4 ed. 1999.

Dettagli

BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE

BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE BRAVO 15C REGOLATORE DI CARICA A MICROPROCESSORE PER MODULI FOTOVOLTAICI >ITALIANO MANUALE D USO E DI INSTALLAZIONE PER IL SETTORE CIVILE TAU srl via E. Fermi, 43-36066 Sandrigo (VI) Italia - Tel ++390444750190

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

DISPLAY A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485

DISPLAY A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485 P_003 rev.06 Pag. 1 DISPLAY A LED PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO INGRESSO RS485 MANUALE UTENTE italiano P_003 rev.06 Pag. 2 P_003 rev.06 Pag. 3 INDICE Pag. 1. AVVERTENZE 4 2. DESCRIZIONE APPARECCHIO 4 3. DESCRIZIONE

Dettagli

DUAL SYSTEM BEGHELLI INTELLIGENT CENTRALE INTELLIGENT DUAL SYSTEM INSTALLAZIONE ISTRUZIONI PER L USO L SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE

DUAL SYSTEM BEGHELLI INTELLIGENT CENTRALE INTELLIGENT DUAL SYSTEM INSTALLAZIONE ISTRUZIONI PER L USO L SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE INTELLIGENT DUAL SYSTEM BEGHELLI SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE CENTRALE INTELLIGENT DUAL SYSTEM ISTRUZIONI PER L USO L E L INSTL INSTALLAZIONE INDICE COS È INTELLIGENT DUAL SYSTEM BEGHELLI pag.

Dettagli

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICUREZZA COMPAGNIA RIUNITE S.p.A. Manuale d uso CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICOR S.p.A. Sede Comm. Amm.: Via Pisacane N 23/A 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39-023539041

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

SEO 2SEV/4S-AA DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO -

SEO 2SEV/4S-AA DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO - IP65 C 11 0051-CPD-0315 DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO - L installazione deve essere effettuata da personale specializzato rispettando le

Dettagli

CTDBS. Combinatore Telefonico Digitale BIDIREZIONALE per centrali AL20S+, AL32S, AL128S, AL16S, AL16F, ECO 832, ECO 896. www.progetto2000srl.

CTDBS. Combinatore Telefonico Digitale BIDIREZIONALE per centrali AL20S+, AL32S, AL128S, AL16S, AL16F, ECO 832, ECO 896. www.progetto2000srl. www.progetto2000srl.it CTDBS Combinatore Telefonico Digitale BIDIREZIONALE per centrali AL20S+, AL32S, AL128S, AL16S, AL16F, ECO 832, ECO 896 INTRODUZIONE Il Combinatore Telefonico Digitale CTDBS può essere

Dettagli

FASTModem. un passo avanti

FASTModem. un passo avanti FASTModem un passo avanti www.fastweb.it Indice Contenuto della Confezione pag. 4 Che cos è il FASTModem pag. 5 Collegamento alla Rete FASTWEB pag. 9 Collegamento del Telefono pag. 10 Collegamento del

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM INDICE Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la sicurezza... 2 Inserimento della SIM (operazione da eseguire con spento)...

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM ATTENZIONE: QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE COLLEGATO A TERRA IMPORTANTE I conduttori del

Dettagli

Accendi il risparmio. Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi

Accendi il risparmio. Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi Accendi il risparmio Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi Spegni la luce, accendi il risparmio Il continuo aumento dei costi energetici e del numero di normative

Dettagli

WarmBoy. by Alter Energy

WarmBoy. by Alter Energy WarmBoy by Alter Energy WarmBoy è un dispositivo che permette di accendere o spegnere il riscaldamento a distanza, mediante una chiamata ad un numero GSM. E possibile collegare un ingresso del WarmBoy

Dettagli

SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800

SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800 GZ-1800 Proactive SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800 Sistema Digitale Per il Monitoraggio Continuo MANUALE OPERATIVO MANUALE OPERATIVO Pagina 1 di 7 rev. 1.1 - NOTE PRELIMINARI E DI

Dettagli

Guida all illuminazione di sicurezza

Guida all illuminazione di sicurezza Guida all illuminazione di sicurezza Apparecchi: guida alla scelta 334 Settori di applicazione degli apparecchi 336 Apparecchi idonei per Segnaletica (Distanze di visibilità) 340 Guida all installazione

Dettagli

Telecontrolo GSM - TELXXC

Telecontrolo GSM - TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it Telecontrolo GSM - TELXXC Sistema per controllo remoto GSM tramite messaggi SMS Manuale Utente: uso Per i comandi SMS e telefonici Vedere il MANUALE

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

Manuale d uso. Regolatore di carica REGDUO. per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO

Manuale d uso. Regolatore di carica REGDUO. per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO Manuale d uso Regolatore di carica REGDUO per camper, caravan, barche, bus e altri mezzi in movimento ITALIANO INSTALLAZIONE È consigliabile utilizzare cavi di lunghezza più corta possibile, per ridurre

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO DESCRIZIONE Il GSM-CB33 è un combinatore telefonico GSM a 3 ingressi di allarme per la trasmissione di 3 messaggi vocali + 3 messaggi SMS (prioritari) relativi agli ingressi

Dettagli

FASTModem. un passo avanti

FASTModem. un passo avanti FASTModem un passo avanti www.fastweb.it Indice Contenuto della Confezione pag. 4 Che cos è il FASTModem pag. 5 Collegamento alla Rete FASTWEB pag. 9 Collegamento del Telefono pag. 10 Collegamento del

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

EASYREMOTE. Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017

EASYREMOTE. Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017 Manuale di Istruzioni controllo remoto EASYREMOTE EASYREMOTE - RAD - ITA - MAN.INST - 1010B - 40-00017 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY INFORMAZIONI GENERALI Caratteristiche

Dettagli

the digital connection company Domotica e Building Automation

the digital connection company Domotica e Building Automation Soluzioni e Vantaggi del Bus di controllo Gestione intelligente illuminazione, condizionamento, riscaldamento e apparecchi elettrici Costi contenuti per - uso minore dei cavi di collegamento - risparmio

Dettagli

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3 Indice 1. Descrizione del sistema...1 1.1 Descrizione del sistema...1 1.2 Utilizzo del Monitoring System 1502...1 1.2.1 Modalità seminatrice a grano singolo con trasduttore ottico (conteggio dei grani)...1

Dettagli

MANUALE D'ISTRUZIONI BOOSTER PER BATTERIE CON ACCUMULATORE LITIO-POLIMERO 9000mAh

MANUALE D'ISTRUZIONI BOOSTER PER BATTERIE CON ACCUMULATORE LITIO-POLIMERO 9000mAh MANUALE D'ISTRUZIONI BOOSTER PER BATTERIE CON ACCUMULATORE LITIO-POLIMERO 9000mAh Codice articolo Megamotor: BC027 Leggete questo manuale d'istruzioni prima dell uso. Caricate il dispositivo per 24 ore

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti:

MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti: MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti: ITALIANO Z-PC Z-PASS1-0 Modbus Ethernet/Serial Gateway and Serial Device Server with VPN 1. AVVERTENZE PRELIMINARI 2. ISTRUZIONI

Dettagli

Manuale d installazione ed uso

Manuale d installazione ed uso Combinatore per rete GSM COMBINET III + Cod. 11.710 Combivox 2004 Manuale d installazione ed uso RIVENDITORE AUTORIZZATO Combivox S.r.l. Via Suor Marcella Arosio, 15 70019 TRIGGIANO - BA Tel. + 39 080/4686111

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

MU SPC20 SPC20. Manuale installatore. Regolatore di carica per batteria da pannelli fotovoltaici

MU SPC20 SPC20. Manuale installatore. Regolatore di carica per batteria da pannelli fotovoltaici MU SPC SPC Manuale installatore Regolatore di carica per batteria da pannelli fotovoltaici Descrizione generale SPC... Algoritmo di ricarica... Configurazioni... Installazione... Messa in funzione dell

Dettagli

BEGHELLI INVERTER 2100WP ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO AVVERTENZE - GARANZIA CARATTERISTICHE TECNICHE

BEGHELLI INVERTER 2100WP ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO AVVERTENZE - GARANZIA CARATTERISTICHE TECNICHE - AGGANCIARE L'INVERTER ALLE VITI SUPERIORI FISSATE SUL RADIATORE, FACENDO ATTENZIONE AD INSERIRE I DUE LEMBI DELLA STAFFA A MURO NELLO SPAZIO TRA LE ALETTE INDICATE IN FIGURA. - APPOGGIARE L'INVERTER

Dettagli

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE 1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE NO. TM0011 1 Pagine Preliminari: I numeri in grassetto identificano la sezione di accesso: 1 area incendio, 2 area intrusione,

Dettagli

PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001

PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001 PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001 ART.48BFA000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il terminale 48BFA000 permette di

Dettagli

Pannello comandi a distanza

Pannello comandi a distanza Pannello comandi a distanza Istruzioni d uso caldaie INDICE Informazioni generali... 4 Descrizione del pannello comandi... 6 Descrizione dei tasti... 6 Descrizione del display... 7 Utilizzo del pannello

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Manuale di installazione

Manuale di installazione LMLM-IP Manuale di installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

Prestare particolare attenzione alle istruzioni precedute dalle simbologie di seguito riportate:

Prestare particolare attenzione alle istruzioni precedute dalle simbologie di seguito riportate: PER GARANTIRE CONDIZIONI DI LAVORO ASSOLUTAMENTE SICURE È INDISPENSABILE LEGGERE ATTENTAMENTE QUESTO MANUALE E RISPETTARE LE ISTRUZIONI ED I DIVIETI IN ESSO CONTENUTI PRIMA DI EFFETTUARE QUALSIASI OPERAZIONE

Dettagli

COMBINATORE TELEFONICO SA031

COMBINATORE TELEFONICO SA031 COMBINATORE TELEFONICO SA0 INTRODUZIONE Il binatore telefonico modello SA0 è stato progettato per essere collegato alle più uni centrali d allarme, consentendo all occorrenza l invio di telefonate verso

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA 1. FACILE FORMATI Facile si può trovare in tre diversi formati, a seconda delle diverse metrature che può coprire. FACILE SMALL: Centrale FACILE con GPRS integrato. Alloggiata in contenitore in ABS. Ideale

Dettagli

DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE INSTALLAZIONE HARDWARE (VERSIONE 1.4) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso

DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE INSTALLAZIONE HARDWARE (VERSIONE 1.4) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso EzyDriveCAM DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE INSTALLAZIONE HARDWARE (VERSIONE 1.4) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM EL35.002 Telecontrollo GSM MANUALE UTENTE Il dispositivo EL35.002 incorpora un engine GSM Dual Band di ultima generazione. Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni

Dettagli

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17 PREMESSA MANUALE D USO QUADRO ELETTRICO E LINEE DI DISTRIBUZIONE TERMINALI : PRESE IMPIANTI RILEVAZIONE E ALLARME INCENDIO IMPIANTO TELEFONICO IMPIANTO DI MESSA A TERRA UPS GRUPPO DI CONTINUITA IMPIANTO

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Tebis TS. Guide de configuration. Bedienungsanleitung. Operating instructions Configuratiegids. Manuale di configurazione. Manual de configuração

Tebis TS. Guide de configuration. Bedienungsanleitung. Operating instructions Configuratiegids. Manuale di configurazione. Manual de configuração Tebis TS F B CH Sommaire page D A CH Inhalt Seite 6 GB Summary page 8 NL B Inhoud pagina 0 I CH Sommario pàgina 9 F B CH Guide de configuration P Sumário página D A CH Bedienungsanleitung GB NL B Operating

Dettagli

Ricambi e accessori BMW

Ricambi e accessori BMW Ricambi e accessori BMW Istruzioni di montaggio del kit TRACKING SYSTEM 3 per vetture Serie 5 E60 E61 Cat. 99 99 0 443 729 Modulo CAN Cat. 99 99 0 432 705 Sistema allarme satellitare con tecnologia GPS

Dettagli

E-Box Quadri di campo fotovoltaico

E-Box Quadri di campo fotovoltaico Cabur Solar Pagina 3 Quadri di campo fotovoltaico Quadri di stringa con elettronica integrata per monitoraggio e misura potenza/energia CABUR, sempre attenta alle nuove esigenze del mercato, ha sviluppato

Dettagli