3 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT"

Transcript

1 . 3 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT Anno 2005/2006 PROJECT WORK VALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE CONDIZIONALI IN ATLETI NAZIONALI GIOVANILI DI TENNIS CATEGORIE MASCHILI E FEMMINILI UNDER E 16 ANNI Autori: Giuseppe CARNOVALE Giovanni PAOLISSO Gianluca ROSSI Tutor: Dott. Antonio GIANFELICI Roma, 7-8 novembre

2 Indice Introduzione pag. 4 1-Il problema e il quadro di riferimento pag. 7 2-Il sistema delle competizioni giovanili nel tennis pag Le fasi dell allenamento giovanile pag Strategia generale dell allenamento del tennista dai 10 ai 16 anni con particolare riferimento allo sviluppo della tecnica. pag La tappa dai 10 ai 12 anni pag La tappa dai 12 ai 14 anni pag La tappa dai 14 ai 16 anni pag L allenamento di condizione nei giovani pag La velocità pag La forza pag La resistenza pag La mobilità articolare pag La capacità fisica del giocatore di tennis pag La ricerca pag I test motori pag Il controllo della forza pag Il controllo della resistenza aerobica pag Il controllo della mobilità articolare pag. 55 2

3 12-La descrizione dei test pag Squat jump pag Il counter movement jump pag Test Bosco-Vittori pag Salto quadruplo pag Corsa veloce su 20 mt pag Test a navetta pag Lancio della palla zavorrata all indietro. pag Mobilità articolare-flessione del tronco in avanti pag Test di Cooper pag Risultati e discussione pag Conclusione pag Tabelle pag Bibliografia pag

4 Introduzione Nella pratica sportiva, sia di tipo agonistico, a qualsiasi livello, che di genere amatoriale-ricreativa, il principale obbiettivo è il miglioramento della prestazione fisica. Tale miglioramento è da intendersi come incremento delle capacità prestative agonistiche nel caso degli atleti e come miglioramento della condizione generale e raggiungimento di un ottimale stato di benessere psico-fisico nel caso di praticanti amatoriali, ma in ambedue i casi tale processo passa primariamente attraverso la pratica di un allenamento idoneo e controllato. Proprio la non corretta programmazione dell allenamento rappresenta nella gran maggioranza dei casi l aspetto di più difficile soluzione e la causa primaria dei mancati miglioramenti, è infatti assai difficile per soggetti non esperti o non supportati da uno staff completo ( allenatore, preparatore atletico, medico, fisiologo,) ottenere ottimali condizionamenti fisici dalla pratica sportiva. Il presupposto basilare per stilare un programma di allenamento è infatti la individualizzazione del carico di allenamento, sia nella fase iniziale che durante lo svolgersi dello stesso. Si tratta in altri termini di conoscere le caratteristiche fisiche di base del soggetto e quindi, sulla base di queste, elaborare un piano di lavoro personalizzato. I successivi controlli permetteranno poi di modulare la progressione dell allenamento in funzione dell entità dei miglioramenti. Questo supporto scientifico all allenamento viene fornito agli allenatori attraverso i test di valutazione funzionale. 4

5 La valutazione della preparazione fisica degli atleti è una delle componenti del controllo complesso della pratica sportiva ed ha lo scopo di valutare alcuni parametri che caratterizzano lo stato dei sistemi metabolici, ovvero la funzione degli apparati cardiovascolare e respiratorio, quello neuro-muscolare ( ad esempio nelle varie componenti della forza: forza veloce, forza elastica, velocità della locomozione, mobilità articolare, ecc). La valutazione dei fattori condizionali prende in considerazione le caratteristiche che emergono dal modello funzionale dell attività sportiva. Sulla base del modello funzionale, vengono quindi individuati i test più appropriati per il monitoraggio a breve e lungo termine delle modificazioni dell allenamento. La scelta dei test, nonché l interpretazione e l analisi dei dati ottenuti deve poi tener conto dell età, del sesso, del livello di prestazione e degli altri parametri che compongono il nostro atleta. Sulla base di quanto detto, sono stati identificati alcuni test, ai quali sottoporre gli atleti ed i risultati di questo lavoro sono riportati in questo elaborato. La particolarità di questo elaborato è data dalla rilevanza dei dati riportati, in quanto si è potuto sottoporre ai test i migliori giocatori di livello internazionale, sia maschile che femminile, che hanno partecipato a selezioni delle relative Rappresentative Nazionali under della Federazione Italiana Tennis. 5

6 La nostra speranza è che i dati raccolti non rappresentino esclusivamente un elenco di numeri ma bensì lo stimolo affinché preparatori, maestri, tecnici e tutti quelli che vivono lo sport quotidianamente sul campo possano avere dei punti di confronto. Essi potrebbero altresì tornare utili nell identificazione di un modello funzionale giovanile, utile nell allenamento quotidiano quanto nella più complessa ricerca del talento sportivo. Pur consapevoli che un campione non è fatto solo di muscoli, e che molte altre capacità, non ultime la destrezza, l abilità tecnica, l anticipazione ideomotoria, sono indispensabili per farlo emergere poi nel quadro sportivo mondiale ci auguriamo che il nostro lavoro sia comunque di ausilio a tutti. 6

7 Il problema e il quadro di riferimento I dati sulle caratteristiche funzionali dei giocatori di tennis, sia di livello professionistico che quello giovanile elevato, nella letteratura internazionale sono in genere assai limitati. Un motivo, tra i tanti, è quello che, spesso, alla valutazione funzionale viene conferito un ruolo marginale in particolare per la difficoltà di svolgere test che sembrano avere aspetti economici rilevanti e talvolta non giustificati. Il giocatore di tennis di livello elevato è un professionista autonomo, che gestisce in proprio un equipe, costituita in genere dall allenatore, dal fisioterapista e, raramente, dal preparatore fisico; tutto ciò comporta costi elevati e sempre totalmente a proprio carico. Le Federazioni Internazionali, in generale, non partecipano alla gestione dell atleta, come, invece, avviene in altre discipline (ad esempio l atletica leggera) che hanno un controllo centralizzato sulla direzione dell allenamento. Risulta quindi difficile programmare test di valutazione e monitorare la condizione atletica del giocatore e rilevarne le relative richieste fisiologiche. Un altro motivo rilevante è l elevato numero di partecipazioni a competizioni da parte di tennisti di livello elevato; la forte pressione commerciale, la spinta dei mass media, sia televisione che carta stampata, hanno fatto si che il numero dei tornei internazionali importanti sia sempre più elevato e sia costantemente in aumento. 7

8 Tutto ciò complica non poco una razionale pianificazione dell allenamento e, di conseguenza, rende impossibile il controllo stesso dell allenamento. Nelle pagine successive viene riportato un esempio del calendario di gara di un giocatore italiano di alto livello: come si può ben notare il numero delle competizioni è di 32 tornei, giocati nei diversi Continenti, con una durata complessiva di oltre otto mesi di competizione. Tutto questo induce gli atleti ad avere scarsa disponibilità a compiere ulteriori spostamenti per poter effettuare test di valutazione in laboratorio, che peraltro non sono dislocati nelle vicinanze delle zone di residenza. E ciò avviene anche quando l allenatore comprende in pieno l importanza del monitoraggio delle caratteristiche funzionali. 8

9 CALENDARIO DI GARA 2004 Alto livello F. V. n32 settimane DATE TORNEI DATE TORNEI NOV 10 ALLENAMENTO GIUGNO 7 HALLE 17 ALLENAMENTO 14 ALLENAMENTO 24 ALLENAMENTO 21 WIMBLEDON DIC 1 ALLENAMENTO 28 ALLENAMENTO 8 ALLENAMENTO LUGLIO 5 BASTAD 15 ALLENAMENTO 12 STOCCARDA 22 ALLENAMENTO 19 UMAGO 29 ALLENAMENTO 26 TORONTO GENN. 5 DOHA AGOS. 2 CINCINNATI 12 SYDNEY 9 ALLENAMENTO 19 MELBOURNE 16 OLIMPIADI 26 ALLENAMENTO 23 ALLENAMENTO FEBB. 2 ALLENAMENTO 30 U.S.OPEN 9 VINA DEL MAR SETT. 6 ALLENAMENTO 16 BUENOS AIRES 13 BUCHAREST 23 BRASIL OPEN 20 COPPA DAVIS MARZO 1 ACAPULCO 27 PALERMO 8 INDIAN WELLS OTT. 4 LIONE 15 ALLENAMENTO 11 MOSCA 22 MIAMI 18 MADRID 29 ALLENAMENTO 25 BASILEA APRILE 5 COPPA DAVIS NOV 1 BERCY 12 ALLENAMENTO 8 VACANZA (TERME) 19 MONTECARLO 15 ALLENAMENTO 26 ALLENAMENTO 22 ALLENAMENTO MAGGIO 3 ROMA 29 ALLENAMENTO 10 AMBURGO DIC. 6 ALLENAMENTO 17 ST.POLTEN 13 ALLENAMENTO 24 ROLLAND GARROS 20 ALLENAMENTO 31 ALLENAMENTO 27 ALLENAMENTO 9

10 Per quanto riguarda l attività giovanile in Italia vi sono, invece, diverse problematiche legate all organizzazione delle società sportive in cui si pratica il tennis. Nel nostro Paese, a differenza, ad esempio, di quanto avviene in altre nazioni, i circoli di tennis sono principalmente associazioni finalizzate ad effettuare attività socializzanti e ricreative. All interno dei circoli, la pratica di questo sport a livello giovanile è gestita dalle scuole tennis che hanno, soprattutto, finalità commerciali più che di vero e proprio reclutamento con obiettivi agonistici; di conseguenza, nella maggior parte dei casi, le società stesse, non sono attrezzate in modo ottimale per poter realizzare l intero processo di allenamento in modo sistematico. Per contro, la qualificazione di un giovane giocatore di tennis verso l elevato livello pone notevoli problematiche gestionali a partire dalla partecipazione alle competizioni. Nelle pagine seguenti, vi sono riportati i calendari di gara di un giocatore e di una giocatrice under 16 Italiani di livello elevato; appare evidente che essi prevedevano una partecipazione a ben 28 tornei nazionali ed internazionali, per una durata complessiva di circa sette mesi di gara, con partite effettuate in ogni parte del mondo; anche in questo caso abbiamo a che fare con un intero anno di impegno nelle competizioni. 10

11 Inoltre, rispetto al giocatore professionista, i giovani atleti sono studenti e, di conseguenza, hanno la necessità di ritornare nella sede di residenza per proseguire gli studi; anche in questo caso, come per l alto livello, recarsi periodicamente nei centri medicosportivi per effettuare prove di valutazione funzionale diventa alquanto problematico. Tenendo conto di tutto ciò, si è cercato di elaborare un metodo di controllo piuttosto semplice, utilizzando per quanto possibile test che potessero essere eseguiti sul campo da qualsiasi preparatore fisico. Allo scopo si sono utilizzati test motori che hanno le seguenti caratteristiche: a. possono essere eseguiti in poco tempo, richiedono pochi materiali e le attrezzature sono facilmente trasportabili; b. la valutazione, inoltre, può essere effettuata rapidamente senza effettuare grandi calcoli, in parte possono essere adoperati anche come mezzi di allenamento, c. i dati ottenuti consentono di far riferimento ad una popolazione omogenea per età, sesso e livello di prestazione. 11

12 CALENDARIO DI GARA 2003 under 16 Maschile F. F. DATE TORNEI DATE TORNEI DIC 20 ALLENAMENTO LUGLIO 7 ALLENAMENTO 26 ALLENAMENTO 14 ALLENAMENTO GENN. 1 ALLENAMENTO 21 Campionati Euro U 16 6 ALLENAMENTO 28 Coppa Borotrà U16 13 ALLENAMENTO AGOS. 5 Coppa Borotra u 16 f 20 ALLENAMENTO 12 ALLENAMENTO 27 ALLENAMENTO 19 ALLENAMENTO FEBB. 3 ALLENAMENTO 25 CANADA junior U ASSUNCION U 18 SETT. 1 US OPEN JUNIOR 17 SANTIAGO U 18 8 ALLENAMENTO 24 MAR DEL PLATA U Junior Davis CupEssen MARZO 3 BANANA BOWL U ALLENAMENTO 10 ALLENAMENTO 29 SAT italy 7 ITF 17 ALGERIA U 18 OTT. 6 SAT italy 7 ITF 24 ALLENAMENTO 13 SAT italy 7 ITF APRILE 1 FUTURE ROMA ITF 20 SAT italy 7 ITF 7 CAP D'AIL U ALLENAMENTO 14 FIRENZE U 18 NOV 3 ALLENAMENTO 21 BEAULIEU U ALLENAMENTO 29 SALSOMAG. U ALLENAMENTO MAGGIO 5 FUT.valdengo ITF 24 ALLENAMENTO 12 SANTACROCE U 18 DIC. 1 EDDY HERR U BONFIGLIO MI U 18 8 WINTER CUP U ROLLAND GARROS JU 15 ORANGE BOWL U VAC ANZA GIUGNO 2 ALLENAMENTO 29 VAC ANZA 9 AVVENIRE MI U ALLENAMENTO 22 ROHEAMPTON U WIMBLEDON U 18 12

13 CALENDARIO DI GARA 2005 U 16 Femminile C.D. DATE TORNEI DATE TORNEI OTT 4 CAST.ITF $ ALLENAMENTO 11 SARD. ITF $ ALLENAMENTO 18 SARD. ITF $ SALSOMAGGIORE U18 25 ALLENAMENTO MAG. 2 PRATO U 18 NOV 1 ALLENAMENTO 9 SANTA CROCE U 18 8 ALLENAMENTO 16 BONFIGLIO U ALLENAMENTO 23 ALLENAMENTO 22 ALLENAMENTO 30 ROLLAND GARROS J DIC. 6 MIAMI U 18 GIUGNO 6 AVVENIRE U Orang Bowl U18 13 ALLENAMENTO 20 ALLENAMENTO 20 ROEMPHTON U ALLENAMENTO 27 WIMBLEDON J. GEN 3 ALLENAMENTO LUGL. 4 CUNEO ITF $ SALISBURGO U18 11 MONTERONI ITF $ ALLENAMENTO 18 CAMUCCIA ITF $ WINTER CUP U16 25 SUMMER CUP 31 ORTISEI ITF $ AGO. 1 ALLENAMENTO FEB: 7 CAPRIOLO ITF $ RIMINI ITF $ WINTER CUP U16 15 VACANZA 21 ALLENAMENTO 22 ALLENAMENTO 28 NORIMBERGA U ALLENAMENTO MARZO 7 ALLENAMENTO SETT. 5 MESTRE ITF $ UMAGO U18 12 T. del Greco ITF $ FIRENZE U ALLENAMENTO 28 CAP D'AIL U BIELLA ITF $ APR. 4 ALLENAMENTO OTT. 3 Camp. It. A squadre 13

14 Il sistema delle competizioni giovanili nel tennis L obiettivo principale di tutto il processo di preparazione di un tennista è il conseguimento della sua massima prestazione, che in questo sport si colloca da un lato nel raggiungimento di posizioni di vertice nel Ranking del circuito A.T.P. a livello maschile e W.T.A. in quello femminile, dall altro a vittorie e piazzamenti importanti nei tornei dello Slam, Master Series ecc. Da questo scopo generale hanno origine gli obiettivi parziali delle singole fasi del processo di allenamento a lunga scadenza. L allenamento giovanile, come parte integrante dell organizzazione pluriennale indirizzata a risultati di alto livello deve certamente tener conto delle regolarità dello sviluppo biologico dei giovani giocatori, ma anche da come si sviluppa la prestazione nel tempo ciò presuppone il raggiungimento di particolari obiettivi prestativi già in età giovanile (vedi Classifica ATP media per età). In questo sport, il sistema delle competizioni, per il raggiungimento del livello futuro delle prestazioni elevate ha una strategia complessa ( cfr. cap. Sistema delle competizioni giovanili e del circuito professionistico nel tennis internazionale ). Ciò porta i vari coach, ad avere diverse tendenze per quanto riguarda la scelta del livello dei tornei con lo scopo di qualificare i propri atleti e ciò vale, sia per le varie categorie giovanili sia per i tornei del circuito professionistico. 14

15 Età N Atleti Classifica media Atleti che hanno raggiunto la classifica N media % Nella tabella in alto vi è rappresentata una rilevazione effettuata su 55 giocatori d elite maschi, che nel corso della loro carriera avevano raggiunto fino alla 50 posizione nel ranking A.T.P. di fine anno a partire dai 17 anni d età. Nella prima riga vi è rappresentata l età dei giocatori. Nella seconda, il numero di atleti che nelle varie età avevano acquisito punteggio ATP. Nella terza, la classifica media raggiunta a fine anno dai giocatori. Nella quarta riga, il numero di atleti che, rispetto ai 55 totali, avevano raggiunto la classifica media. Come è intuibile dalla tabella, i migliori risultati si ottengono intorno ai 24 anni, pur tuttavia l impegno di alcuni allenatori spinge i giovani ad ottenere i risultati fin dalla prima età, anche a costo di una specializzazione molto precoce. 15

16 Quindi ci troviamo in situazioni in cui, per diverse strategie di gara, alcuni allenatori ritengono superflua la partecipazione ai tornei giovanili e indirizzano i loro atleti a competere direttamente nei tornei che costituiscono il primo gradino del circuito professionistico ( vedi nelle pagine successive un esempio di calendario di gara di un giocatore under 16 italiano che effettua prevalentemente competizioni per conseguire punteggio nel Ranking A.T.P. ). Si arriva perfino a preferire la partecipazione del proprio giocatore a tornei di categoria appena superiore per età: un giocatore di buon livello nella categoria under 14 gareggia prevalentemente nei tornei under 16. Altri allenatori, ancora, effettuano attività di tipo misto: per esempio, un atleta sedicenne di livello elevato compete sia nei tornei riservati alla categoria under 18, che nei tornei di primo livello di qualificazione al professionismo.(vedi pag. precedenti calendari di gara di F.F. a livello maschile, di C.D. a livello femminile). Gli esempi contribuiscono alla dimostrazione che in questo sport, per quel che riguarda il sistema delle competizioni in età giovanile, e in maniera particolare nella categoria under 14 e 16, vi sia una forte tendenza alla specializzazione, che si evidenzia per il solo motivo di dover necessariamente affrontare giocatori più adulti e che hanno, grazie alla loro potenza fisica, la possibilità di imprimere al gioco un intensità notevolmente più elevata di quella prodotta nelle varie categorie Under. E evidente, a questo punto, che i giovani atleti dovranno possedere elevate capacità fisiche per compensare il gap della differenza di età, e di conseguenza, sopportare incrementi rapidi del carico anche nell allenamento giovanile. 16

17 TORNEI UNDER 18 RANKING I.T.F. U.18 ============================================================= TORNEI UNDER 16 RANKING E.TA. U.16 ============================================================= TORNEI UNDER RANKING E.TA. U.14 ============================================================= TORNEI UNDER 12 SISTEMA DELLE COMPETIZIONI GIOVANILI INTERNAZIONALI MASCHILI E FEMMINILI DEL TENNIS INTERNAZIONALE 7 ) TORNEI DELLO SLAM (I.T.F.) RANKING A.T.P. $ ============================================================= 6 ) MASTER SERIES (A.T.P.) RANKING A.T.P. $ ============================================================= 5 ) TORNEI (A.T.P.)..RANKING A.T.P. $ ============================================================= 4 ) TORNEI (A.T.P.).RANKING A.T.P. da $ a ============================================================= 3 ) TORNEI CHALLANGER ( A.T.P.) RANKING A.T.P $ ============================================================= 2 ) TORNEI FUTURES (I.T.F.). RANKING A.T.P. $ ============================================================= 1 ) TORNEI SATELLITE (I.T.F.) RANKING A.T.P. ============================================================= SISTEMA DELLE COMPETIZIONI INTERNAZIONALI MASCHILI NEL CIRCUITO PROFESSIONISTICO 17

18 Inoltre, l esigenza di migliorare velocemente il livello delle esperienze di gara dei giovani atleti spinge gli allenatori ad aumentare la partecipazione ai tornei, in modo assai superiore di quanto non lo fosse per le generazioni precedenti. Ciò rende difficile se non impossibile una razionale pianificazione dell allenamento giovanile seguendo i principi abituali. Concretamente, dal punto di vista pratico, sia l allenamento specifico della tecnica sia quello condizionale di costruzione deve necessariamente essere completato durante i periodi di competizione, con tutti i problemi che questa impostazione comporta. 18

19 UNDER 16 Calendario Gara anno 2000 A.S. N sett. 27 DATE TORNEI DATE TORNEI OTTOB 12 MAGGIO 1 ALLENAMENTO 19 ALLENAMENTO 8 ALLENAMENTO 26 ALLENAMENTO 15 ITF S.CROCE U. 18 NOVEM 2 ALLENAMENTO 22 FUTURES 9 ALLENAMENTO 29 ITF BONFIGLIO u ALLENAMENTO GIUGNO 5 ALLENAMENTO 23 ALLENAMENTO 12 ETA UND 16 AVVENIRE 30 ALLENAMENTO 19 SATELLITE ITALIA DICEMB 6 ALLENAMENTO 26 SATELLITE ITALIA 13 ALLENAMENTO LUGLIO 3 ALLENAMENTO 20 ALLENAMENTO 10 CAMP: EUR: UND ALLENAMENTO 17 ALLENAMENTO GENN 3 ALLENAMENTO 24 FUTURES TRANI 10 ALLENAMENTO 31 FUTURES 17 ALLENAMENTO AGOSTO 7 SATELLITE ALTO ADI. 24 ALLENAMENTO 14 SATELLITE ALTO ADI. 31 ALLENAMENTO 21 SATELLITE ALTO ADI. FEBBR 7 ETA UNDER 16 FRA 28 SATELLITE ALTO ADI. 14 WINTER CUP SETT 4 ALLENAMENTO 21 WINTER CUP 11 Finale a squadre 28 ALLENAMENTO 18 ALLENAMENTO MARZO 6 ALLENAMENTO 25 SATEL. PUGLIA 13 SATELLITE CROAZIA OTTOB 2 SATEL. PUGLIA 20 SATELLITE CROAZIA 9 SATEL. PUGLIA 27 ALLENAMENTO 16 SATEL. PUGLIA APRILE 3 ALLENAMENTO 23 ALLENAMENTO 10 ITF. UMAGO 30 ALLENAMENTO 17 SATELLITE CROAZIA NOVEM 6 ALLENAMENTO 24 SATELLITE CROAZIA 13 ALLENAMENTO 31 SATELLITE CROAZIA 20 ALLENAMENTO 19

20 Le fasi dell allenamento giovanile. L allenamento giovanile sia di carattere tecnico-tattico sia condizionale dovrebbe essere orientato verso il raggiungimento di elevate prestazioni nell età della massima capacità che in questo sport si colloca fra i 21 e i 26 anni (cfr. figura classifica media per età). I valori relativi all identificazione di questa età possono, comunque, variare leggermente a seconda degli anni presi in considerazione. Solitamente un giocatore di alto livello inizia questo gioco intorno ai sei anni e termina l attività poco oltre i 30, la sua carriera abbraccia, quindi, un periodo lunghissimo di oltre 24 anni. L allenamento controllato inizia all incirca all età di dieci anni ed a partire da questa occorrono anni di lavoro sistematico per costruire un giocatore di alto livello. Le varie tappe dell intero decorso che si differenziano per obiettivi, per contenuti e metodi impiegati ( anche se non esiste un confine netto tra le tappe pluriennali di preparazione ) sono strettamente collegate l una all altra, in successione ( vedi pagina seguente schema dei livelli di allenamento e del sistema delle competizioni dei giocatori di tennis di interesse nazionale ). 20

21 Viceversa l allenamento giovanile non indirizzato ad uno scopo subordinato, cioè non orientato verso un elevata prestazione, ma inteso solo come un astrazione pedagogica, si ripercuote negativamente su tutti i sistemi, soprattutto quelli relativi all età di connessione ( categoria Juniores ); non vengono, quindi, sviluppati quei livelli ( tecnici, tattici, funzionali ) che sono necessari per passare al livello delle prestazioni elevate e che invece, con una strategia e quindi con una formulazione chiara degli obiettivi, si sarebbero potuti sviluppare progressivamente senza incontrare eccessive difficoltà. 21

22 Tornei dello slam Master series Tornei A.T.P. Coppa Davis Olimpiadi Mantenimento all alto livello 29/30 anni ============================================= Tornei dello slam Master series Tornei A.T.P. Coppa Davis Olimpiadi Allenamento di alto livello 19-26/28 anni ============================================= Tornei Futures e Atp Tornei dello Slam Jun. R.Naz:Coppa Valerio Tornei Int. under Tornei Satellite e Futures Camp europei under 16 R. Naz.Winter cup U 16 R. Naz.Coppa Borotrà Allenamento di connessione anni Specializzazione approfondita Allenamento di costruzione anni ============================================= Tornei Int. U Camp. Europei U. 14 R.Naz.Winter cup U14 Specializzazione iniziale Allenamento di costruzione anni Coppa del SOL ============================================= Inizio allenamenti dei progrediti Tornei Int. under 12 Allenamento di base R. Naz. Torneo delle Nazioni anni ============================================= Mini tennis Allenamento principianti 5-10 anni Schema dei livelli di allenamento e del sistema delle competizioni dei giocatori di tennis di interesse nazionale 22

23 Strategia generale dell allenamento dei tennisti dai 10 ai 16 anni con particolare riferimento alla tecnica. Il tennis è un gioco tecnicamente complesso che presuppone, da parte del giocatore, il possesso di una notevole coordinazione motoria. Durante una partita, la pallina viene colpita in condizione di forte pressione temporale con tecniche differenti e ciò avviene sia dalla parte destra sia sinistra del corpo, tanto nei colpi a rimbalzo quanto nei colpi a volo. Inoltre ad un giocatore si richiede di variare in maniera polivalente e imprevedibile, le abilità che padroneggia. La completa e assoluta padronanza della tecnica richiede una quantità enorme di ripetizioni è questo il principale motivo per cui questo sport viene iniziato in giovanissima età ( 4-6 anni ), molto simile peraltro all avviamento degli sport tecnico-compositori. L importanza dell allenamento della tecnica deve essere considerata sotto l aspetto della sua azione integrativa. Infatti dal livello di maestria della tecnica sportiva raggiunto dipende, in modo molto elevato, la misura con la quale le capacità condizionali e coordinative acquisite vengono trasformate nella prestazione complessa di gara. Di conseguenza in ogni periodo formativo, dall allenamento infantile a quello di alto livello, a quello della tecnica va attribuito un importanza di ordine superiore ( Martin 1993). 23

24 Nella pagina seguente sono riportati, gli obiettivi tattici da raggiungere nel corso dell allenamento a lungo termine, secondo la Federazione Spagnola, come si può notare entro il 15 anno di età il giocatore dovrebbe aver completato l acquisizione delle abilità da padroneggiare. In generale la fascia di età che va dai 10 ai 16 anni rappresenta un periodo di profonde trasformazioni nello sviluppo psico-fisico dei ragazzi e delle ragazze che non ha uguali nella vita da adulti. Mutamenti di proporzione come statura e peso, influenze ormonali, provocano oscillazioni del ritmo di sviluppo della prestazione sportiva ( Harre 1972 ). Ci occuperemo, quindi, brevemente delle varie tappe che costituiscono questo importante periodo in quanto non sempre gli allenatori sono a conoscenza di certe nozioni fondamentali. 24

25 Obiettivi tattici da raggiungere nel corso dell allenamento a lungo termine per la Federazione Tennis Spagnola. 25

26 La tappa dai 10 ai 12 anni Nella età compresa fra circa 10 e i 12 anni una scarsa crescita della statura e della massa corporea ( 1,60 cm. e 50 kg. e 1,59 cm. e 47 kg. sono le misure relative a statura e peso medi nei giocatori di tennis maschi e nelle giocatrici femmine under 12 italiani ) accompagnata dal miglioramento delle proporzioni e ad un incremento della forza fanno si che, il giovane giocatore sia in grado di controllare ad un livello molto elevato il proprio corpo, ciò è dovuto anche alla rapida maturazione degli organi preposti all equilibrio e ai vari analizzatori che in questo periodo raggiungono quasi i valori dell adulto (Demeter 1981,). E questa l età della fanciullezza migliore per l apprendimento delle tecniche esecutive dei fondamentali individuali che caratterizzano il gioco del tennis. Purtroppo nella realtà italiana, e ciò accade spesso, nonostante il volume elevato, in termini di tempo, dedicato all allenamento della tecnica, rispetto a quello condizionale, giocatori che hanno raggiunti livelli di rendimento elevati o medio alti presentano errori tecnici di base che tendono a limitare la prestazione, ciò è dovuto, soprattutto, alla non corretta impostazione tecnica in questa fascia d età. 26

27 La tappa dai 12 ai 14 anni La prima fase puberale inizia, per le femmine dall 11 /12 fino al 13 /14 anno di età mentre per i maschi comincia tra il 12 /13 fino 14 /15 anno di età. L organismo dei giocatori e delle giocatrici si modifica rispetto all infanzia, inizia la maturazione sessuale che alimenta in misura notevole l instabilità ormonale. Cambiano rapidamente anche le proporzioni; le lamine epifisarie subiscono una serie di cambiamenti morfologici che diminuiscono la loro portata meccanica, il forte aumento annuo sia della statura sia del peso corporeo ( Alla fine della tappa under 14 i giovani atleti raggiungono le seguenti misure: 12 cm di statura e 11 kg di peso in più rispetto al 12 anno nei valori medi dei giocatori maschi, 6 cm di statura e 9 kg. di peso sono i valori medi delle giocatrici femmine) provocano un notevole peggioramento del rapporto peso potenza producendo cosi una diminuzione delle capacità coordinative, dal punto di vista didattico si dovrà comunque necessariamente continuare, l affinamento e il consolidamento della tecnica già acquisita. Per quanto riguarda lo sviluppo delle capacità condizionali la prima fase puberale, è sicuramente l età della maggiore allenabilità di conseguenza anche l allenamento fisico dovrà essere adeguatamente modificato. 27

28 La tappa dai 14 ai 16 anni La seconda fase puberale inizia nelle femmine a 13/14 e dura fino a 17/18 anni, mentre nei maschi inizia a 14/15 e dura fino ai 18/19 anni essa rappresenta la fine del processo di sviluppo ed è caratterizzata da una diminuzione di tutti i parametri di crescita; alla fine del 16 anno la statura nei maschi raggiunge circa il 98% di quella finale mentre nelle femmine raggiunge oltre il 99%. La crescita in lunghezza viene sostituita da un aumento in larghezza per cui, si raggiunge un armonizzazione delle proporzioni, ciò consente un ulteriore sviluppo delle capacità coordinative. Questa tappa dopo quella relativa ai 10/12 anni rappresenta un ulteriore fase nella quale vi sono i presupposti più favorevoli per migliorare e affinare la tecnica ad un livello più elevato. In generale dal punto di vista dell allenamento condizionale valgono gli stessi principi di quello di alto livello ne differisce tuttavia per la metodica riguardante soprattutto i carichi di lavoro, sostanzialmente minori. 28

29 L allenamento di condizione nei giovani Le capacità fisiche o di condizione come vengono solitamente indicate rappresentano un presupposto determinante della prestazione in numerosi sport, comprese quelle discipline in cui il successo dipende in modo elevato dalla padronanza di complesse abilità tecnico-tattiche come avviene ad esempio nel tennis. Nella pratica e nella teoria di allenamento vengono solitamente distinte le seguenti capacità, definite condizionali da una cattiva traduzione dalle lingue est-europee. la forza, la resistenza, la velocità, la mobilità articolare. L allenamento nei giovani atleti provoca un aumento molto rapido della capacità di prestazione esso viene assolto con più efficacia se si tiene conto che vi sono dei periodi in cui determinati organi e sistemi organici dei bambini e dei giovani compiono un salto abbastanza notevole nel loro sviluppo morfologico e nella loro maturità funzionale aumentando cosi di molto la loro capacità di rendimento. Di conseguenza analizzeremo brevemente le cosiddette fasi sensibili dello sviluppo delle capacità condizionali anche se non è ancora stata dimostrata con sufficiente precisione l esistenza di queste fasi critiche nello sviluppo dell uomo. 29

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo 1^FASE PUBERALE FEMMINE 11/12 13/14 1^FASE PUBERALE MASCHI 12/13 14/15 2^FASE PUBERALE FEMMINE 13/14 17/18 2^FASE PUBERALE MASCHI

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Formazione del Giocatore Silvano Garbin L Allenamento Sportivo Processo pedagogico-educativo

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive MODULO 3 LEZIONE 27 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (PRIMA PARTE) ETA PRESCOLARE Contenuti Motricità sportiva Maestria sportiva Lo sviluppo motorio Evoluzione motoria Giochi funzionali e di esercizio Caratteristiche

Dettagli

Principi dell allenamento giovanile. Prof. Fabio Rastelli Ph.D.

Principi dell allenamento giovanile. Prof. Fabio Rastelli Ph.D. Principi dell allenamento giovanile Prof. Fabio Rastelli Ph.D. Il moto è causa d ogni vita. [Leonardo Da Vinci] Principi dell'allenamento giovanile - Prof. Fabio Rastelli Ph.D. 2 Il movimento Il movimento

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977).

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). 85 8 - LA VELOCITÀ Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). Se riferita alla Fisica, possiamo definirla come la capacità

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE UN ALLENATORE NON DEVE MAI DIMENTICARE CHE: DOBBIAMO PREPARARE AL MEGLIO I NOSTRI GIOCATORI IN FUNZIONE DEL GIOCO

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

La valutazione funzionale nella pallavolo

La valutazione funzionale nella pallavolo La valutazione funzionale nella pallavolo Antonio Gianfelici La pallavolo nell ambito della classificazione fisiologica delle attività sportive è definita quale attività ad impegno aerobico-anaerobico

Dettagli

COSA C E DI NUOVO A PROPOSITO DI VELOCITA GENOVA, 6 MAGGIO 20014. M.d.S. CARLO VIVIO Preparatore atletico squadre nazionali 1996-2003

COSA C E DI NUOVO A PROPOSITO DI VELOCITA GENOVA, 6 MAGGIO 20014. M.d.S. CARLO VIVIO Preparatore atletico squadre nazionali 1996-2003 COSA C E DI NUOVO A PROPOSITO DI VELOCITA GENOVA, 6 MAGGIO 20014 M.d.S. CARLO VIVIO Preparatore atletico squadre nazionali 1996-2003 L allenamento della velocità pura nel nuoto Riflessioni e applicazioni

Dettagli

Aspetti educativi e organizzativi della pallavolo con i bambini

Aspetti educativi e organizzativi della pallavolo con i bambini Aspetti educativi e organizzativi della pallavolo con i bambini 1. PARTICOLARITÀ DELL ORGANISMO DEL BAMBINO La preparazione per l allenamento alla pallavolo dei bambini suppone che l insegnante sportivo

Dettagli

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia.

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia. ANDREA GUARNACCIA 3 TENNIS TRAINING PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA PERIODO FONDAMENTALE 2 DICEMBRE GENNAIO www.tennisworlditalia.com Andrea Guarnaccia Titolo TENNIS

Dettagli

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI Esercizi formativi con carattere di gioco (correre, saltare, superare ostacoli, arrampicarsi, nuotare, ecc.) Giochi collettivi ( staffette

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico.

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico. articolo N.38 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE ERGO TESTER ERGOJUMP BOSCO SYSTEM Ergo Tester Ergo Tester offre molteplici e fondamentali possibilità di valutazione e controllo dell allenamento al fine di migliorare

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO enrico sarli massofisioterapista allenatore di base i portieri sono gente particolari, che non smettono di volare tra un palo e l altro, tra

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali?

E vero che le per allenare la forza non utilizzi più alcuni dei mezzi tradizionali? INTERVISTA A ROBERTO SASSI Di Ferretto Ferretti Roberto Sassi è uno dei più noti preparatori atletici del calcio. Oltre che in molte squadre italiane di serie A (Lecce, Lazio, Torino, Verona, Fiorentina,

Dettagli

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES PREPARAZIONE PRECAMPIONATO Obiettivi prima settimana Incremento di capacità e potenza aerobica Miglioramento della capacità di

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

Utilizzo delle variabili tecnico ritmiche nell allenamento delle corse con ostacoli

Utilizzo delle variabili tecnico ritmiche nell allenamento delle corse con ostacoli Utilizzo delle variabili tecnico ritmiche nell allenamento delle corse con ostacoli Tirrenia 1 settembre 2012 prof.. Renzo Chemello 1 PREMESSA La corsa con ostacoli è una continua alternanza di accelerazioni

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

Materia : Scienze Motorie e Sportive

Materia : Scienze Motorie e Sportive Materia : Scienze Motorie e Sportive Docente Prof. Mauro Marras Testo in adozione Altri testi o fonti utilizzate N. ore settimanali Manuale Illustrato dell educazione Fisica Scolastica Fotocopie Proiezione

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

Sviluppo della forza in soggetti in età evolutiva: prevenzione e rischi

Sviluppo della forza in soggetti in età evolutiva: prevenzione e rischi Gruppo sciatori Fiamme Gialle Convegno Nazionale I Giovani e lo Sport della Montagna Predazzo 24 Aprile 2009 Sviluppo della forza in soggetti in età evolutiva: prevenzione e rischi Renato Manno, Istituto

Dettagli

FORZA MASSIMA. Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FORZA MASSIMA. Testo e disegni di Stelvio Beraldo FORZA MASSIMA Testo e disegni di Stelvio Beraldo LA SCELTA DELLA GIUSTA METODOLOGIA LA FORZA MASSIMA NELLE VARIE DISCIPLINE SPORTIVE METODI DI MIGLIORAMENTO DELLA FORZA MASSIMA Metodo dei Carichi Massimali

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

La preparazione per le gare brevi

La preparazione per le gare brevi I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare brevi La maggior parte delle competizioni su cui si cimentano i podisti, sono le gare su strada, le cui lunghezze solitamente sono intorno

Dettagli

Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo

Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo Introduzione sulle diverse tipologie di resistenza. Resistenza: la facoltà di svolgere per lungo tempo una qualsiasi

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA Non possiamo parlare di un unica metodologia per allenare la pallavolo, in quanto essa cambia in rapporto al livello di gioco: non può essere la

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

L ALLENAMENTO DEI SISTEMI ENERGETICI SPECIFICI PER IL TENNIS. Mark S. Kovacs. (IFPA Tennis and Fitness Academy, Tampa, Florida) (Articolo apparso su

L ALLENAMENTO DEI SISTEMI ENERGETICI SPECIFICI PER IL TENNIS. Mark S. Kovacs. (IFPA Tennis and Fitness Academy, Tampa, Florida) (Articolo apparso su L ALLENAMENTO DEI SISTEMI ENERGETICI SPECIFICI PER IL TENNIS. Mark S. Kovacs. (IFPA Tennis and Fitness Academy, Tampa, Florida) (Articolo apparso su Strength and Conditioning Journal, Ott. 2004) La progettazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA

ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA Principali fattori che influiscono lo sviluppo generale FATTORI INTRINSECI Genetici: genitori, sesso, razza Neuroendocrini: : ghiandola ipofisi, tiroide, gonadi.

Dettagli

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE ANNO SPORTIVO 2012/2013 GIOVANISSIME: 2006-2005-2004 ALLIEVE: 2003-2002-2001 JUNIOR:

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

FIDAL Lombardia SETTORE VELOCITA

FIDAL Lombardia SETTORE VELOCITA FIDAL Lombardia SETTORE VELOCITA PREPARAZIONE E ALLENAMENTO DEI GIOVANI VELOCI TAPPA DI INTRODUZIONE ALLA SPECIALIZZAZIONE (12/13 15/16 ANNI) Questa tappa inizia a 12-13 anni e si protrae fino a 15-16

Dettagli

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI E COORDINATIVE CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: FORZA CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK STEP

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141)

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Nell arco della Stagione Sportiva in corso il Venezia Mestre Junior Team si prefigge di offrire a tutti

Dettagli

MARCO GORI TITOLI DI STUDIO FORMAZIONE E QUALIFICHE PROFESSIONALI CAMPI OPERATIVI E APPLICATIVI. Nato a Montevarchi (AR) il 22 dicembre 1958

MARCO GORI TITOLI DI STUDIO FORMAZIONE E QUALIFICHE PROFESSIONALI CAMPI OPERATIVI E APPLICATIVI. Nato a Montevarchi (AR) il 22 dicembre 1958 MARCO GORI Nato a Montevarchi (AR) il 22 dicembre 1958 marcogori.fit@alice.it TITOLI DI STUDIO - Allenatore di Quarto Livello Europeo conseguito presso Scuola dello Sport - CONI SERVIZI SdS Roma anni 2007/2008-2

Dettagli

Tecnica e Didattica dell Atletica Leggera Prof.ssa Paola Trevisson

Tecnica e Didattica dell Atletica Leggera Prof.ssa Paola Trevisson IL GETTO DEL PESO I LANCI: PRINCIPI GENERALI DI MECCANICA La lunghezza del lancio dipende da diversi fattori: peso dell attrezzo; velocità di lancio; angolo di partenza (o di proiezione); resistenza dell

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTI: Faini- Zocca- Serra

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Bari

Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Bari Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Bari 1 I N D I C E 1.LA TECNICA DI BASE (PRESE, COLPI AL VOLO, SERVIZIO, COLPI COMPLEMENTARI)

Dettagli

distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m

distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m 12 LEZIONE I TEST PER VALUTARE LE QUALITA AEROBICHE (SECONDA PARTE) IL B.A.S. TEST (Bisciotti, Arcelli Sagnol) Test misto: soglia/vam 2 prove massimali su 2 diverse distanze: 2000 3000 metri Si può avere

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT INDICE PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT Principali teorie che influenzano l allenamento della forza nello sport:

Dettagli

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2012/2013 Regolamento e Programma Tecnico 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni

Dettagli

Analisi ed Evoluzione del Progetto. Sviluppo Sistema Italia Scuole Tennis

Analisi ed Evoluzione del Progetto. Sviluppo Sistema Italia Scuole Tennis Analisi ed Evoluzione del Progetto Sviluppo Sistema Italia Scuole Tennis SISTEMA COMPETIZIONI CIRCUITO FIT Ranking Program Livello Spazi di Gioco e Attrezzi Regole di Format Torneo Ranking Calendario Gioco

Dettagli