ENVIRONMENTAL RADIATION PROTECTION IN D&WM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENVIRONMENTAL RADIATION PROTECTION IN D&WM"

Transcript

1 Environmental Radiation Protection in D&WM JRC-Ispra July Summer School # Joint Research Centre (JRC) ENVIRONMENTAL RADIATION PROTECTION IN D&WM ISM - Ispra Site Management Ispra - Italy

2 Celso OSIMANI Head of Unit Nuclear Decommissioning

3 LEGISLATIVE FRAMEWORK LEGISLATIVE FRAMEWORK OF REFERENCE Council Directive 96/29/EURATOM

4 LEGISLATIVE FRAMEWORK Council Directive 96/29/EURATOM Italian law: D.Lgs 230/95 (Article 54) measurement of radioactivity in the environment surrounding a nuclear installation (article 79) evaluation of the dose of reference groups of the population

5 Environmental monitoring of radioactivity Environmental monitoring of radioactivity Phase 1: Information on the source, amount and type of contamination introduced into the environment Phase 2: Identifying pathways of exposition and reference groups of the population

6 Environmental monitoring of radioactivity Phase 3: Finding indicative food and environmental matrices Phase 4: Locating sampling points and selection of appropriate measurement methods

7 Environmental monitoring of radioactivity Phase 5: Assessment of environmental deposition and of effective Dose to reference groups of the population Results of environmental monitoring Characterization of climate, hydrogeology, food chain and population Use of computer code and dose coefficients Legal framework, International pubblication (IAEA, ICRP, )

8 Environmental Radiation Protection in D&WM Ispra site surroundings

9 Environmental Radiation Protection in D&WM

10 Environmental Radiation Protection in D&WM Ispra site nuclear installations - INE nuclear complex, including: Research reactor ESSOR, in safe conservation Laboratory for analysis of nuclear fuel: in safe conservation Laboratory for the analysis of activated reactor structural components, in safe conservation Pool: fuel elements, in operation Safeguards Laboratory PERLA, in operation Neutron Laboratory, in operation ETHEL complex, for tritium handling, closed - Research reactor ISPRA-1, in safe conservation - Hot Cells Facility, in safe conservation - Cyclotron: radioisotopes for hospitals and research, in operation - Nuclear Waste Management Plants, in operation

11 Environmental Radiation Protection in D&WM Although many of the facilities of the JRC-Ispra are in safe conservation or pre-decommissioning, can not be disregarded the radiological environmental impact correlated to: authorized discharge of radioactive liquid efffluents authorized discharge of gaseous radioactive effluents presence of radioactive waste and spent nuclear fuel possible abnormal or incidental events

12 Environmental Radiation Protection in D&WM JRC-Ispra continuosly monitor level of radioactivity in the environment through a surveillance program that involves analysis of several matrices including: Air and particulate Wet and dry deposition Food matrices ( milk, fish,vegetables) Environmental matrices (grass, hay)

13 Surveillance network Surveillance network Collecting points

14 Stabilimento del CCR Surveillance network: detail Perimetro dello stabilimento: 6 stazioni di allarme automatiche per controllo della contaminazione radioattiva (5 per misure in aria, 1 per misure nell'acqua reflua in uscita dal CCR attraverso il ruscello JRC-Ispra july 2011 Summer School Novellino). # Ruscello Novellino: prelievo di acqua e sedimenti; Area 40: prelievo di acqua da 11 pozzi piezometrici; prelievo di effluenti aeriformi dalla ciminiera dell ala calda Edificio 51: prelievo di particolato atmosferico e di deposizioni umide e secche e acqua dell acquedotto CCR Edificio 52 (STRRL): prelievo di effluenti liquidi Edifici 20 (ISPRA-1) e 21 (LCSR): prelievo di effluenti aeriformi Edifici 80 e 84 (INE): prelievo di effluenti aeriformi; di acqua di falda sotto il reattore e di acqua dell acquedotto CCR. Surveillance network: Detail Ispra 1 dosimetro TLD in centro abitato Latte, fieno e suolo da medesima fattoria Pesce del Lago Maggiore acqua per usi irrigui da 1 pozzo privato Vegetali a foglia larga da privato in centro abitato Acqua del Lago Maggiore (porticciolo) Acqua e sedimenti dal ruscello Novellino (foce sul Lago Maggiore) Ranco Acqua del Lago Maggiore Angera Latte, foraggio e suolo da medesima fattoria (località Capronno) 1 dosimetro TLD in centro abitato Laveno Mombello Acqua del Lago Maggiore (fraz. Cerro) Brebbia Latte, foraggio e suolo da medesima fattoria 1 dosimetro TLD in centro abitato Miele da produttore locale Golasecca Acqua del Fiume Ticino (presso diga Miorina sul fiume Ticino) Besozzo 1 dosimetro TLD in centro abitato Cadrezzate 1 dosimetro TLD in centro abitato Acqua dai ruscelli Rio e Acqua Nera Taino 1 dosimetro TLD in centro abitato Travedona Monate 1 dosimetro TLD in centro abitato

15 Surveillance network: frequency

16 Environmental Radiation Protection in D&WM The JRC performes monitoring by the means of: Qualified staff Laboratory for radioactivity measurement (LARA) Metereological station

17 Environmental Radiation Protection in D&WM Specialised software to assess radiological consequences of JRC routine releases of radionuclides to the environments GENII FRAMES (Framework for Risk Analysis in Multimedia Environmental Systems) US Environmental Protection Agency (EPA)

18 A real time Radioactive Alarm and Meteorological Network (RAMAN), operated with detectors linked to an Emergency Control Room Environmental Radiation Protection in D&WM

19 Environmental Radiation Protection in D&WM For the dose evaluation the JRC refers to: Out-put of the software used for evaluations of releases SAFE AIR-VIEW

20 Laboratory results (LARA) CONCENTRAZION E CONCENTRAZIONE MATRICE COMMENTI CALCOLATA MISURATA Particolato atmosferico (Bq/m 3 ) Vapor acqueo atmosferico (Bq/m 3 ) Acqua del Lago Maggiore (Bq/L) Acqua del Ruscello Novellino (Bq/L) Sedimenti Ruscello Novellino (Bq/kg secco ) Cs-137: 0 1, Effetto Chernobyl e test nucleari anni Cs-137 non scaricato in atmosfera. '60 HTO: 10-3 HTO: 10-2 MAR per HTO HTO: 10-5 Co-60: 10-7 Cs-137: 10-6 Am-241: 10-7 HTO: 10-2 Co-60: 10-4 Cs-137: 10-3 Am-241: 10-4 HTO: 3,40 Co-60: 3, Cs-137: 2, Am-241: 2, HTO: 3,40 Co-60: 3, Cs-137: 2, Am-241: 2, MAR per tutti i radionuclidi MAR per HTO, Co-60 e Am-241. Per altri radionuclidi: effetto combinato di: Chernobyl, scarichi non continui, accumulo nel tempo. Co-60: 10-1 Co-60: 10-1 MAR per Co-60 e Am-241. Cs-137: 10 0 Cs-137: 10 1 Per altri radionuclidi: effetto Am-241: 10-1 Am-241: 10 0 combinato di: Chernobyl, scarichi non Ra-226: 10-2 Ra-226: 10 1 continui, accumulo nel tempo. Pesce Ruscello Novellino (Bq/kg) HTO: 10-2 Co-60: 10-2 Sr-90: 10-2 Cs-137: 10 0 Am-241: 10-3 Ra-226: 10-3 N.A. Non si pratica, in generale, pesca nel Novellino né si riescono a reperire pesci Pesce Lago Maggiore (Bq/Kg fresco ) Latte vaccino (Bq/L) Foraggio (Bq/kg) Cs-137: 10-3 Cs-137 secco : 0,50 Am-241: 10-6 Am-241 secco : 0,03 Cs-137: 0 Cs-137: 0,16 Cs-137: 0 Cs-137: 5,00 MAR per Am-241. Per Cs-137 effetto Chernobyl, accumulo e misura su peso secco a fronte di previsione su peso fresco Cs137 non scaricato in atmosfera: effetto di Chernobyl e accumulo nel tempo. Cs137 non scaricato in atmosfera: effetto di Chernobyl e accumulo nel tempo.

21 Environmental Radiation Protection in D&WM Site parameterization (population habits, distribution, etc.) Reference population Effluenti Aeriformi Effluenti Liquidi Gruppo critico della popolazione Neonati residenti a S- SW dal CCR nella zona compresa tra 1 e 1,5 km di distanza dal CCR Adulti (maggiori di 17 anni) Via di esposizione Ingestione di latte vaccino Ingestione di pesci del Ruscello Novellino Valutazione della dose annua < 1 usv < 1 usv

22 Results of environmental measurements Exposure scenarios and formulas provided by the laws and or scientific guidelines JRC-Ispra discharge Gaseous effluents Trizio (HTO) Q( Ispra 1) + Q(ESSOR) 2000 Q( x) + 37 GBq /year 50 18,5 GBq /13 consecutiv e weeks 7,4 GBq / 24 consecutiv e hours Aerosol emettitori gamma Q( total ) 74 GBq /year 37 GBq 1,5 GBq / 13 consecutiv e weeks / 24 consecutiv e hours Liquid effluents beta / gamma emitters H 40 ( Ra + Ra) + alpha emitters + Sr + P ,7 GBq /year 1.85 GBq /quarter 0.37 GBq /day

23 Environmental Radiation Protection in D&WM In emergency conditions, the level of radioactivity into the environment surrounding the Site and the possible consequences on the population, are constantly controlled through: A real time radioactivity alarm and meteorological network Collection and measurement of environmental samples Calculation performed by proper models for the evaluation in medium-long time of the radionuclides environmental concentration Appraisals carried out in compliance with the law

24 RAMAN - EURDEP EURDEP EUropean Radiological Data Exchange Platform

25 JRC-Ispra july 2011 Summer School Thank you for Your Attention #

Valutazione dei livelli di radioattività ambientale presso il Centro Comune di Ricerca di Ispra

Valutazione dei livelli di radioattività ambientale presso il Centro Comune di Ricerca di Ispra 1 Valutazione dei livelli di radioattività ambientale presso il Centro Comune di Ricerca di Ispra Francesco D Alberti Nuclear Decommissioning, JRC Ispra Nuclear Decommissioning Unit Controllo ambientale

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

Rapporto annuale rete di monitoraggio ambientale anno 2011. Autorizzato

Rapporto annuale rete di monitoraggio ambientale anno 2011. Autorizzato ETQ018861 RG Rapporti (generale) RS* Radioprotezione e sicurezza 29/05/2012 GR Sito di Garigliano annuale sullo stato della radioattività dei Garigliano anno 2011 Rapporto annuale rete di monitoraggio

Dettagli

L'esigenza della gestione degli edifici dalla progettazione all'installazione ed al monitoraggio nel tempo

L'esigenza della gestione degli edifici dalla progettazione all'installazione ed al monitoraggio nel tempo L'esigenza della gestione degli edifici dalla progettazione all'installazione ed al monitoraggio nel tempo Federico Noris Istituto per le energie rinnovabili, EURAC Research, Bolzano Fasi monitoraggio

Dettagli

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico mbq/m3 Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV PARTICOLATO ATMOSFERICO Ogni giorno (con eventuale integrazione nei fine settimana

Dettagli

ANPA SISTEMA NAZIONALE CONOSCITIVO E DEI CONTROLLI IN CAMPO AMBIENTALE. Centro Tematico Nazionale Agenti Fisici AGF-T-RAP-01-12

ANPA SISTEMA NAZIONALE CONOSCITIVO E DEI CONTROLLI IN CAMPO AMBIENTALE. Centro Tematico Nazionale Agenti Fisici AGF-T-RAP-01-12 ANPA SISTEMA NAZIONALE CONOSCITIVO E DEI CONTROLLI IN CAMPO AMBIENTALE Centro Tematico Nazionale Agenti Fisici Assistenza all ANPA per la revisione delle reti nazionali di controllo della radioattività

Dettagli

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte (segue dal precedente) Nei paragrafi successivi del Piano sono esposti gli obiettivi principali da conseguire

Dettagli

ACCOGLIERE FA BENE SOPRATTUTTO A LORO! Il valore sanitario dell accoglienza: uno strumento di informazione scientifica per un progetto consapevole.

ACCOGLIERE FA BENE SOPRATTUTTO A LORO! Il valore sanitario dell accoglienza: uno strumento di informazione scientifica per un progetto consapevole. ACCOGLIERE FA BENE SOPRATTUTTO A LORO! Il valore sanitario dell accoglienza: uno strumento di informazione scientifica per un progetto consapevole. Chernobyl, UNIONE SOVIETICA 26 APRILE 1986 ORE 01.23.45

Dettagli

Stato della REte di Sorveglianza della RADiottività ambientale - RESORAD

Stato della REte di Sorveglianza della RADiottività ambientale - RESORAD XLVII riunione della REte di SOrveglianza Nazionale per il controllo sulla RADioattività Ambientale RES 19 giugno 2015 Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare Auditorium, Via Capitan

Dettagli

La radioattività negli alimenti

La radioattività negli alimenti La radioattività negli alimenti Gli alimenti Per ottemperare alle regolamentazioni nazionali ed europee viene monitorata la radioattività presente nei principali alimenti distribuiti in Lombardia. Ogni

Dettagli

Angelo Antonio. Codice Domanda: 00074 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006.

Angelo Antonio. Codice Domanda: 00074 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006. Papa Angelo Antonio Codice Domanda: 00074 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006 Dati Anagrafici Nome: Angelo Antonio Cognome: Papa Data di Nascita:

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 2 gruppi di ricerca MED & UNIBS Gruppo di Impianti Industriali Meccanici Laboratorio Chem4Tech Azioni A1 B2 e B9 C1 OPERATIONS MANAGEMENT AND INDUSTRIAL ENGINEERING

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anno 2011. Dipartimento Tematico Radiazioni Struttura semplice Radiazioni ionizzanti

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anno 2011. Dipartimento Tematico Radiazioni Struttura semplice Radiazioni ionizzanti LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anno 2011 Dipartimento Tematico Radiazioni Struttura semplice Radiazioni ionizzanti Autori Maria Clivia Losana, Enrico Chiaberto, Mauro Magnoni Hanno collaborato:

Dettagli

Tavolo della Trasparenza

Tavolo della Trasparenza 1 Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte Torino, 14 gennaio 2010 2 Indice Attività in Piemonte Impianto Fabbricazioni nucleari - Bosco Marengo Centrale E. Fermi - Trino Impianto EUREX - Saluggia Sicurezza

Dettagli

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non sigillate a scopo medico Riferimenti tecnici I.C.R.P. Pubblication

Dettagli

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE Relazione tecnica trasporti CAOR I/1-07/01 e CAOR I/2-07/02 VALUTAZIONE DELL IMPATTO RADIOLOGICO AMBIENTALE RELATIVO AL PRIMO TRASPORTO (16/12/2007) DI COMBUSTIBILE

Dettagli

SA - Specifiche tecniche di Acquisizione. Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile

SA - Specifiche tecniche di Acquisizione. Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile ETQ-016469 SA - Specifiche tecniche di Acquisizione L57 - Strumentazione 23/01/2012 GE - Impianto: Generale Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile Specifica Tecnica Sistema di monitoraggio

Dettagli

Le fasi operative caratteristiche di un deposito definitivo di rifiuti radioattivi sono le seguenti:

Le fasi operative caratteristiche di un deposito definitivo di rifiuti radioattivi sono le seguenti: Pag. 28 di 114 4 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA 4.1 Riferimenti I criteri di sicurezza e radioprotezione relativi al deposito definitivo dei rifiuti radioattivi, qui di seguito enunciati, fanno diretto

Dettagli

RAPPORTO SULLA CONTAMINAZIONE RADIOATTIVA DELLE MATRICI ALIMENTARI ED AMBIENTALI DEL VENETO - ANNO 2012

RAPPORTO SULLA CONTAMINAZIONE RADIOATTIVA DELLE MATRICI ALIMENTARI ED AMBIENTALI DEL VENETO - ANNO 2012 RAPPORTO SULLA CONTAMINAZIONE RADIOATTIVA DELLE MATRICI ALIMENTARI ED AMBIENTALI DEL VENETO - ANNO 2012 PREMESSA Il controllo della radioattività ambientale in Italia è assolto su scala locale dalle reti

Dettagli

Esercitazione internazionale ECURIE LEVEL 3 2009 (12 novembre 2009)

Esercitazione internazionale ECURIE LEVEL 3 2009 (12 novembre 2009) Riunione di presentazione del Manuale del CEVaD e di approfondimento su problematiche di monitoraggio radiometrico nel corso delle emergenze nucleari e radiologiche Roma 23 marzo 2010 - Sala Fazzini, Sede

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE Paragrafo 2.10 RADIAZIONI IONIZZANTI Novembre 2003 Le radiazioni

Dettagli

Sonia Fontani, Giuseppe Menna, Leandro Magro, Giancarlo Torri ISPRA

Sonia Fontani, Giuseppe Menna, Leandro Magro, Giancarlo Torri ISPRA Raccolta, flusso e validazione dati Sonia Fontani, Giuseppe Menna, Leandro Magro, Giancarlo Torri ISPRA Task 01.01.05 Obiettivo del documento Fornire un quadro sulla gestione dei dati della rete RESORAD:

Dettagli

Radiazioni ionizzanti: vent anni dopo Chernobyl

Radiazioni ionizzanti: vent anni dopo Chernobyl 10-Radiazioni.qxd 5-04-2007 16:26 Pagina 121 La regione - Radiazioni ionizzanti In Italia, così come nell intera Europa, l evento Chernobyl ha rappresentato un momento cruciale di riflessione sui temi

Dettagli

Lo staff della centrale

Lo staff della centrale Lo staff della centrale Fra le persone presenti sull impianti e quelli arrivati dopo, tutti quelli che presentavano vari sintomi da esposizione alle radiazioni furono ricoverati in vari ospedali. 499 furono

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI cap 16 ionizzanti 1-03-2004 17:17 Pagina 173 173 CAPITOLO 16 L a radioattività è una componente naturale dell ambiente a cui tutti gli esseri viventi sono esposti; la contaminazione radioattiva, invece,

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

Destino e comportamento ambientale: scenari di esposizione

Destino e comportamento ambientale: scenari di esposizione Aspetti tecnici e applicativi nella valutazione di un prodotto biocida 19 Ottobre 2010 Destino e comportamento ambientale: scenari di esposizione Maria Antonietta Orrù Centro Nazionale Sostanza Chimiche

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

Collaborazioni nell ambito della gestione e utilizzo delle reti automatiche di monitoraggio

Collaborazioni nell ambito della gestione e utilizzo delle reti automatiche di monitoraggio Riunione di presentazione del Manuale del CEVaD e di approfondimento su problematiche di monitoraggio radiometrico nel corso delle emergenze nucleari e radiologiche Roma 23 marzo 2010 - Sala Fazzini, Sede

Dettagli

Seminari presentazione attività 2014 DFA, 11 e 13 Marzo 2013 1

Seminari presentazione attività 2014 DFA, 11 e 13 Marzo 2013 1 1 Applicazioni di Fisica: sviluppo di dispositivi per la rivelazione di contaminazione delle acque potabili da materiale radioattivo: il progetto europeo TAWARA_RTM Il progetto TAWARA_RTM: TAp WAter RAdioactivity

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020:

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: 1. Identificazione Italia Nostra onlus ITALI408096142 1.1. I am answering on behalf of an organisation(ngo) 1.2 Name: Giovanni

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

Ambiente, salute e qualità della vita. Radiazioni ionizzanti

Ambiente, salute e qualità della vita. Radiazioni ionizzanti QUALITÀ DELL ARIA Radiazioni ionizzanti QUALITÀ RADIAZIONI DELL ARIA IONIZZANTI Ambiente, salute e qualità della vita PRESENTAZIONE Le radiazioni ionizzanti sono particelle e/o energia in grado di modificare

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

Controllo della radioattività ambientale Relazione ai sensi dell'articolo 15, comma 3, della L.R. n. 32/2003. ANNO 2009

Controllo della radioattività ambientale Relazione ai sensi dell'articolo 15, comma 3, della L.R. n. 32/2003. ANNO 2009 ALLEGATO A Regione Toscana Giunta Regionale Controllo della radioattività ambientale Relazione ai sensi dell'articolo 15, comma 3, della L.R. n. 32/2003. ANNO 2009 Direzione delle Politiche Territoriali,

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

I SISTEMI DI PRONTA NOTIFICA INTERNAZIONALE

I SISTEMI DI PRONTA NOTIFICA INTERNAZIONALE 1 I SISTEMI DI PRONTA NOTIFICA INTERNAZIONALE lamberto.matteocci@isprambiente.it 2 Sistemi Internazionali di Pronta Notifica EMERCON (EMERgency CONventions) è il primo sistema internazionale di early notification

Dettagli

LE RETI DI MONITORAGGIO DELLA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PROPOSTE APAT DI REVISIONE E SVILUPPO

LE RETI DI MONITORAGGIO DELLA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PROPOSTE APAT DI REVISIONE E SVILUPPO LE RETI DI MONITORAGGIO DELLA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PROPOSTE APAT DI REVISIONE E SVILUPPO Giancarlo Torri, Italia - Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici (APAT) Responsabile

Dettagli

Il tecnico non è più solo

Il tecnico non è più solo Attività ed esperienze dell OCSE circa il coinvolgimento della popolazione e delle Autorità locali e nazionali nella gestione dei rifiuti radioattivi e nella dismissione degli impianti nucleari Claudio

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

Un algoritmo interattivo su personal computer per il calcolo della contaminazione e delle dosi conseguenti ad un incidente nucleare in Europa

Un algoritmo interattivo su personal computer per il calcolo della contaminazione e delle dosi conseguenti ad un incidente nucleare in Europa Ann. Ist. Super. Sanità, vol. 37, n. 2 (2001), pp. 207-212 Un algoritmo interattivo su personal computer per il calcolo della contaminazione e delle dosi conseguenti ad un incidente nucleare in Europa

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2001 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for the transportation system for

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza ROBERTO SOGNI ARPA Sezione di Piacenza Le Eccellenze nelle Sezioni di Arpa NODO

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

Sustainability consulting

Sustainability consulting Consulenza per la Sostenibilità Sustainability consulting 25 anni di esperienza nel campo della sostenibilità 25 years of experience in sustainability consulting Profilo europeo e internazionale European

Dettagli

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI La storia ed il territorio 1981 Costituzione della Nucleco come società per la gestione dei rifiuti radioattivi e nei servizi radiologici 1985 Incarico

Dettagli

Service Manager Operations. Emerson Process Management

Service Manager Operations. Emerson Process Management Ronca Vito Service Manager Operations Emerson Process Management Italia Emerson e Cyber Security Nel settore industria ed energia, uno dei punti critici da un punto di vista CybSec è il sistema di controllo

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

Alla Prefettura di Pisa PEC: protocollo.prefpi@pec.interno.it. Alla Prefettura di Livorno PEC: protocollo.prefli@pec.interno.it

Alla Prefettura di Pisa PEC: protocollo.prefpi@pec.interno.it. Alla Prefettura di Livorno PEC: protocollo.prefli@pec.interno.it ARPAT - Area Vasta Centro Settore Laboratorio via Ponte alle Mosse, 211-50144 Firenze tel. 055.32061 - fax 055.3206218 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 x originale copia per

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

I rifiuti radioattivi in ambito sanitario. Ghetti Caterina SFS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

I rifiuti radioattivi in ambito sanitario. Ghetti Caterina SFS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma I rifiuti radioattivi in ambito sanitario Ghetti Caterina SFS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Dlgs. 230/95 e s.m.i Guida Tecnica ENEA 26 1987 IAEA safety series Quadro di riferimento NCRP Report

Dettagli

Consorzio di Bacino Salerno 1

Consorzio di Bacino Salerno 1 Consorzio di Bacino Salerno 1 Attività di internazionalizzazione e cooperazione internazionale Fabio Siani CEO 2 Consorzio Salerno 1 Regione Campania Located in southern Italy About 5 million people 5

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE 1. L analisi del rischio ambientale Concetto di rischio Il concetto di rischio si riferisce in modo generale

Dettagli

monitoraggio odorizzazione odorization monitor

monitoraggio odorizzazione odorization monitor monitoraggio odorizzazione odorization monitor EDOR monitoraggio odorizzazione Applicazione EDOR è il nuovo sensore per il monitoraggio del tasso di odorizzazione del gas naturale, utilizzato come stazione

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

REACh e SDS Miscele: approcci possibili. Dr. Giorgio Chierico AssICC 18 Marzo 2015

REACh e SDS Miscele: approcci possibili. Dr. Giorgio Chierico AssICC 18 Marzo 2015 REACh e SDS Miscele: approcci possibili. Dr. Giorgio Chierico AssICC 18 Marzo 2015 COMUNICAZIONE LUNGO LA SUPPLY CHAIN REGISTRANTE CLIENTE (UTILIZZATORE FINALE) ES Sostanza Partire con lo ES del fornitore

Dettagli

Trasparenza ed efficacia della comunicazione durante eventi di emergenze radiologiche e nucleari

Trasparenza ed efficacia della comunicazione durante eventi di emergenze radiologiche e nucleari 48 Corso della Scuola Superiore di Radioprotezione Carlo Polvani La gestione delle emergenze radiologiche e nucleari : aspetti di radiobiologia 5-7 novembre 2012 ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Roma Trasparenza

Dettagli

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans 3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans La modellazione del territorio 3D a supporto dei piani di Contenimento e Abbattimento del Rumore European and National laws Legge

Dettagli

We measure the value of your life, energy and future

We measure the value of your life, energy and future We measure the value of your life, energy and future Oggi, le sfide più importanti per le imprese sono quelle di integrare nelle proprie attività la tutela dell ambiente, gestire in modo razionale le risorse,

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

Problematiche radiometriche connesse alla sosta di unità navali a propulsione nucleare nel porto di Trieste

Problematiche radiometriche connesse alla sosta di unità navali a propulsione nucleare nel porto di Trieste Problematiche radiometriche connesse alla sosta di unità navali a propulsione nucleare nel porto di Trieste Garavaglia M., Giovani C. ARPA Friuli Venezia Giulia Dipartimento di Udine - Servizio Tematico

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA RADIAZIONI IONIZZANTI

AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA RADIAZIONI IONIZZANTI INTRODUZIONE Le radiazioni ionizzanti sono particelle e/o energia in grado di modificare la struttura della materia con la quale interagiscono, ovvero di ionizzare gli atomi che incontrano sul loro percorso.

Dettagli

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica LUBE DAY 2010 - Milano, 14 ottobre 2010 GHS, REACH e CLP GHS Identificazione

Dettagli

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza

Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza Attività di ARPA Emilia Romagna in tema di radioattività ambientale: la rete regionale gestita dalla sezione di Piacenza ROBERTO SOGNI ARPA Sezione di Piacenza NODO ECOSISTEMI E SISTEMI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Dr. Geologo Luca Dei Cas Dirigente U.O. Centro Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia The Geologic Monitoring Center (CMG) started

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013 Napoli Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei rifiuti

Dettagli

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari Alessandro Franchi ARPA Toscana L'uso di pesticidi in agricoltura produce un impatto

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

11. ATTIVITÀ NUCLEARI E RADIOATTIVITÀ AMBIENTALE

11. ATTIVITÀ NUCLEARI E RADIOATTIVITÀ AMBIENTALE 11. ATTIVITÀ NUCLEARI E RADIOATTIVITÀ AMBIENTALE CAPITOLO 11 ATTIVITÀ NUCLEARI E RADIOATTIVITÀ AMBIENTALE Autori: Patrizia CAPORALI 1, Mario DIONISI 1, Sonia FONTANI 1, Piera INNOCENZI 1, Valeria INNOCENZI

Dettagli

Software Sirius Lite 2

Software Sirius Lite 2 Software Sirius Lite 2 Il software Sirius Lite 2 gestisce la configurazione dei data logger, la visualizzazione in tempo reale degli allarmi sui logger, la visualizzazione della tabella dati e del multigrafico

Dettagli

M/S AMARU' GIOVANNI VIA S. ERASMO snc 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY

M/S AMARU' GIOVANNI VIA S. ERASMO snc 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY M/S 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 49/2012 in accordo con la norma UNI EN 14688 TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 49/2012 In compliance

Dettagli

LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE. Unlimited selection

LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE. Unlimited selection LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE Unlimited selection PROTECTION HYGIENE HEALTHCARE LAMINATO ANTIBATTERICO Lamishield è l HPL antibatterico di Abet Laminati. Grazie alla sua protezione antibatterica, totalmente

Dettagli

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades ISOLAMENTI ACUSTICI DEI SILENZIATORI ACUSTICI DI FACCIATA PER ENTRATA ED ESPULSIONE ARIA CERTIFICATI DAL CSI Modello: TUBO PIUMA 100 L = 300 mm L = 400 mm Dn,e,w = 41 db Dn,e,w = 47 db L Passaggio aria

Dettagli

User Centricity in AGCOM

User Centricity in AGCOM User Centricity in AGCOM Marana Avvisati Market Analysis, Competition and Studies Department NeutralAccess13 La centralità dell utente nelle reti mobili del futuro Urbino, 2 ottobre 2013 Outline 1. Introduction:

Dettagli

Visto quanto sopra ricordato, le conoscenze sull entità della problematica risultano parziali e relative ai soli anni 2000 e 2001.

Visto quanto sopra ricordato, le conoscenze sull entità della problematica risultano parziali e relative ai soli anni 2000 e 2001. 2.7 AMBIENTE URBANO 2.7. Inquinamento acustico L inquinamento acustico rappresenta una delle problematiche ambientali maggiormente critiche, specialmente nell ambito delle aree urbane; infatti, numerosi

Dettagli

Agenda. La protezione della Banca. attraverso la convergenza della Sicurezza Fisica e Logica. innovazione per nuovi progetti

Agenda. La protezione della Banca. attraverso la convergenza della Sicurezza Fisica e Logica. innovazione per nuovi progetti La protezione della Banca attraverso la convergenza della Sicurezza Fisica e Logica Roma, 21-22 Maggio 2007 Mariangela Fagnani (mfagnani@it.ibm.com) ABI Banche e Sicurezza 2007 2007 Corporation Agenda

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

ANPA SISTEMA NAZIONALE CONOSCITIVO E DEI CONTROLLI IN CAMPO AMBIENTALE. Centro Tematico Nazionale Agenti Fisici AGF-T-RAP-99-30

ANPA SISTEMA NAZIONALE CONOSCITIVO E DEI CONTROLLI IN CAMPO AMBIENTALE. Centro Tematico Nazionale Agenti Fisici AGF-T-RAP-99-30 ANPA SISTEMA NAZIONALE CONOSCITIVO E DEI CONTROLLI IN CAMPO AMBIENTALE Centro Tematico Nazionale Agenti Fisici Rassegna delle linee guida e guide tecniche esistenti in relazione alle metodologie analitiche

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Le sorgenti del rischio

Le sorgenti del rischio RISCHIO SANITARIO ED ANTROPICO Il rischio nucleare Dal sito del Dipartimento della Protezione Civile: www.protezionecivile.it Indice 1 Le sorgenti del rischio 2 Il piano nazionale di emergenza nucleare

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE Certificate No. / Certificato No. CERT-052-2005-AHSO-TRI-RvA This is to certify that / Si attesta che Fenice S.p.A. Via Acqui, 86-10098 Cascine Vica - Rivoli (TO) - Italy (Refer to Supplements A, B / Riferimento

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione. Giovanna Dondossola

Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione. Giovanna Dondossola Cyber Security Energia Una Piattaforma di Ricerca e Innovazione Giovanna Dondossola Agenda Cyber Security in RSE Evoluzione dello scenario energe7co Pia9aforma RSE di Ricerca e Innovazione Funzioni e Capacità

Dettagli

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale Green economy e monitoraggio ambientale Green economy and environmental monitoring Navigazione LBS Navigation LBS ICT e microelettronica ICT and microelectronics Per la creazione d impresa SPACE TECHNOLOGY

Dettagli

UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998

UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998 COSTRUZIONI FISICA TECNICA/ACUSTICA 1/6 ECOstrong Slalom Via Ernesto Rossi, 69 20862 Arcore (MB) UNI EN ISO 354 :2003 UNI EN ISO 11654 :1998 Slalom Capo Laboratorio Laboratory Head 2/6 DATI GENERALI /

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli