I F RIMOZIONE DI CVC. 2 16, VISITA DI CONTROLLO o di follow up. Escluso: le visite di controllo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I 38.94.F RIMOZIONE DI CVC. 2 16,75 89.01 VISITA DI CONTROLLO o di follow up. Escluso: le visite di controllo"

Transcript

1 Note Codice Descrizione Nota 0 Branca Altre Prestazioni pag. 1/ F RMOZONE D CVC. 2 16, VSTA D CONTROLLO o di follow up. Escluso: le visite di controllo N 14,25 specificamente codificate; Nella visita di controllo un problema già inquadrato dal punto di vista diagnostico e terapeutico viene rivalutato clinicamente e la documentazione scritta esistente e aggiornata, indipendentemente dal tempo trascorso rispetto alla prima visita Z VSTA REUMATOLOGCA D CONTROLLO. g 14, VSTA A COMPLETAMENTO DELLA PRMA VSTA. g 3,00 A V CONTROLLO PERODCO PER TERAPA ANTCOAGULANTE ORALE (TAO) ncluso: g 8,90 Cod PRELEVO D SANGUE VENOSO, Cod TEMPO D PROTROMBNA (PT.) Per singola seduta (Ciclo di 10 sedute). Non associabile a cod. 89.7, cod e codici visite di branca specificatamente codificati. Prescrivibile un unico ciclo per ricetta VSTA MULTDSCPLNARE. Nella visita multidisciplinare il paziente viene N 47,45 visitato contemporaneamente da più specialisti PRMA VSTA. Escluso: LE PRME VSTE SPECFCAMENTE CODFCATE. Nella N 20,50 Prima Visita il problema clinico principale del paziente è affrontato per la prima volta, è predisposta appropriata documentazione e impostato un eventuale piano diagnostico-terapeutico. nclude la visita di un paziente, noto per una patologia cronica, che presenta un diverso problema clinico. 89.7B.1 PRMA VSTA D GENETCA MEDCA. ncluso: Primo colloquio, Costruzione di un g 20,50 albero familiare, Anamnesi personale e familiare. Escluso: Visita multidisciplinare R.1 PRMA VSTA REUMATOLOGCA. g 20,50 H* 89.PS.1 VSTA SPECALSTCA D PRONTO SOCCORSO g 23,00 E FASCATURA SEMPLCE. N 4, TERAPA EDUCAZONALE DEL DABETCO/OBESO/NEFROPATCO. Per seduta individuale (Ciclo di dieci sedute) TERAPA EDUCAZONALE DEL DABETCO/OBESO/NEFROPATCO. Per seduta collettiva (Ciclo di dieci sedute) MEDCAZONE D FERTA. ncluso: eventuale anestesia locale per contatto e detersione e rimozione di punti di sutura. * MEDCAZONE AVANZATA SEMPLCE di ferita con estensione < 10 cm2 e/o superficiale. ncluso: anestesia locale per contatto e detersione. Fino a sedici medicazioni per ferita. Per seduta (ciclo di otto sedute) * MEDCAZONE AVANZATA COMPLESSA di ferita con estensione cm2 e/o profondità limitata al derma. ncluso: anestesia locale per contatto, detersione, sbrigliamento. Fino a 40 medicazioni per ferita. Per seduta (ciclo di dieci sedute) * MEDCAZONE AVANZATA COMPLESSA di ferita con estensione cm2 e/o interessamento fascia muscolare-. ncluso: anestesia locale per contatto, detersione, sbrigliamento. Fino a 60 medicazioni per ferita. Per seduta (ciclo di dieci sedute). N 4,80 N 1,20 N 4, , , ,40

2 Note Codice Descrizione Nota 0 Branca Altre Prestazioni pag. 2/109 * MEDCAZONE AVANZATA COMPLESSA di ferita con estensione > 80 cm2 e/o 2 57,50 interessamento di muscoli e piani profondi. ncluso: anestesia locale per contatto, detersione, sbrigliamento. Fino a 80 medicazioni per ferita. Per seduta (ciclo di dieci sedute). * MEDCAZONE AVANZATA D FERTA COMPLCATA con involuzione fagedenica, 2 60,45 infezione severa con coinvolgimento dei tessuti profondi. ncluso: anestesia per infiltrazione locale, detersione, antisepsi, sbrigliamento, medicazioni. Con documentazione fotografica. Per seduta (ciclo di dieci sedute). * MEDCAZONE AVANZATA D FERTA COMPLCATA CON TECNCHE 2 122,65 STRUMENTAL. Per lesione che richiede particolare impegno per cronologia e/o infezione tessuti profondi e/o esposizione segmenti ossei e/o tendinei. ncluso: Anestesia tronculare, sedazione farmacologica, detersione, sbrigliamento chirurgico, medicazioni speciali con tecniche strumentali quali: medicazioni cavitarie, vacuum-terapia, toilette chirurgica ad ultrasuoni, sostituti della pelle, prodotti stimolanti neoangiogenesi e rivascolarizzazione periferica (es. prostanoidi, inibitori metalloproteasi). Fino a 20 medicazioni per ferita (Per le vasculiti: 60 medicazioni per ferita). Per seduta (ciclo di dieci sedute). 96.6A POSZONAMENTO D SONDNO NASO-GASTRCO PER NUTRZONE ENTERALE O 2 28,15 PER ESOFAGOSTOMA MMUNZZAZONE PER ALLERGA. Desensibilizzazione N 12, MMUNZZAZONE PER MALATTA AUTOMMUNE. N 12, NFUSONE D MMUNOGLOBULNE ENDOVENA. N 12, NEZONE O NFUSONE D ALTRE SOSTANZE TERAPEUTCHE O PROFLATTCHE. Escluso codici: 99.31, 99.59, 42.33, e ,10

3 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 3/109 E BOPSA [PERCUTANEA] [AGOBOPSA] DELLA TRODE. Biopsia di materiale N 46,90 agoaspirato della tiroide E BOPSA D STRUTTURE LNFATCHE. Biopsia di linfonodi cervicali, sopraclaveari N 45,30 o prescalenici Biopsia di linfonodi ascellari E BREATH TEST PER HELYCOBACTER PYLOR (UREA C13). Compresa N 15,10 somministrazione Urea C13 E AGOASPRATO DELLA MAMMELLA. ncluso: valutazione adeguatezza del prelievo N 26,80 E EMOGASANALS ARTEROSA SSTEMCA. Emogasanalisi di sangue capillare o N 14,80 arterioso. nclusa determinazione di ph ematico. E EMOGASANALS D SANGUE MSTO VENOSO. N 20,10 * DEOSSCORTSOLO. Diagnosi differenziale di sindrome di Cushing e nella N 14,45 valutazione di pazienti con insufficienza adrenocorticale del surrene ALFA DROSSPROGESTERONE (17 OH-P). N 9,40 * CHETOSTEROD [du]. Diagnosi di irsutismo ed ipopituitarismo. N 9, DROSSCORTCOD [du]. N 10, ACD BLAR. N 8,10 * ACDO 5 DROSS 3 NDOLACETCO [du]. Diagnosi di carcinoidi intestinali N 14,10 R ACDO CTRCO. N 3,70 * ACDO DELTA AMNOLEVULNCO (ALA). Diagnosi delle porfirie o di N 8,50 intossicazioni da piombo ACDO PPURCO. N 5, ACDO LATTCO. N 4, ACDO PARA AMNOPPURCO (PA). N 6,90 MR* ACDO PRUVCO. Secondo protocolli adottati nell'ambito della rete per le N 3,50 malattie rare R ACDO SALCO. N 12, ACDO VALPROCO. N 8,25 * ACDO VANLMANDELCO (VMA) [du]. Diagnosi del feocromocitoma e delle N 18,15 neoplasie del surrene R ADURETNA [VASOPRESSNA] (ADH). N 8,10 R ADRENALNA - NORADRENALNA [P]. N 20,20 R ADRENALNA - NORADRENALNA [U]. N 20, ALA DEDRAS ERTROCTARA. N 4, ALANNA AMNOTRANSFERAS (ALT) (GPT) [S/U]. N 2, ALBUMNA [S/U/dU]. N 2, ALDOLAS [S]. N 2, ALDOSTERONE [S/U]. N 12,90

4 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 4/ ALFA 1 ANTTRPSNA [S]. N 5, ALFA 1 FETOPROTENA [S/La/Alb]. N 10, ALFA 1 GLCOPROTENA ACDA [S]. N 6, ALFA 1 MCROGLOBULNA [S/U]. N 9, ALFA 2 MACROGLOBULNA. N 3, ALFA AMLAS [S/U]. N 2, ALFA AMLAS SOENZM (Frazione pancreatica). N 4,55 R ALLUMNO [S/U]. N 8,05 R AMNOACD DOSAGGO SNGOLO [S/U/Sg/P]. N 3,05 R AMNOACD TOTAL, FRAZONAMENTO CROMATOGRAFCO. N 11, AMTRPTLNA. N 6, AMMONO [P]. N 8, ANDROSTENEDOLO GLUCURONDE. N 11, ANGOTENSNA. N 12, ANTBOTC. Aminoglicosidi, Vancomicina. Per ciascuna determinazione N 6, APOLPOPROTENA -A1. N 5, APOLPOPROTENA B. N 5, APTOGLOBNA. N 4, ASPARTATO AMNOTRANSFERAS (AST) (GOT) [S]. N 2, BARBTURC. N 7, BENZODAZEPNE. N 7, BENZOLO. N 8, BETA2 MCROGLOBULNA [S/U]. N 9, BCARBONAT (drogenocarbonato). N 0, BLRUBNA (Curva spettrofotometrica nel liquido amniotico). N 0, BLRUBNA TOTALE. N 2, BLRUBNA TOTALE E FRAZONATA (DRETTA ED NDRETTA). N 3, C PEPTDE. N 10, C PEPTDE: dosaggio basale e dopo 6' dalla somministrazione e.v. di glucagone. N 42,55 R CADMO. N 8, CALCO TOTALE. N 1, CALCTONNA. N 12,85

5 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale R pag. 5/ CALCOL E CONCREZON.Cristallografia mediante spettrometria a raggi N 8,90 infrarossi CALCOL ESAME CHMCO D BASE (Ricerca qualitativa). N 4, CARBAMAZEPNA. N 11,80 * CATECOLAMNE TOTAL URNARE. Diagnosi feocromocitoma N 11, CERULOPLASMNA. N 5,05 * A CALPROTECTNA MMUNOMETRCO nelle feci. Diagnosi precoce di M.Crohn e 2 12,05 Colite ulcerosa * F CATENE LEGGERE LBERE NEL SANGUE KAPPA E LAMBDA [S] dosaggio (per ogni 2 16,40 dosaggio). Diagnosi e/o trattamento: Mielomi, Amiloidosi, MGUS CHMOTRPSNA [Feci]. N 4, CCLOSPORNA. N 14, CLORURO [S/U/dU]. N 1, CLORURO, SODO E POTASSO [Sd] (Stimolazione con Pilocarpina). N 7, COBALAMNA (VT. B12) [S]. N 8, A CSTATNA C. Dosaggio utile nello studio della funzionalità renale, in particolare 2 15,20 nei soggetti pediatrici COLESTEROLO HDL. N 2, COLESTEROLO LDL. N 0, COLESTEROLO TOTALE. N 1, COLNESTERAS (PSEUDO-CHE). N 2, COPROPORFRNE. N 5, CORP CHETONC. N 0, CORTCOTROPNA (ACTH) [P]. N 18, CORTSOLO [S/U]. N 11, CREATNCHNAS (CPK o CK). N 2, CREATNCHNAS SOENZMA MB (CK-MB). N 3, CREATNCHNAS SOENZMA MB (CK-MB massa). 2 6, CREATNCHNAS SOENZM. N 2, CREATNCHNAS SOFORME. N 11, CREATNNA [S/U/dU/La]. N 1, CREATNNA CLEARANCE. Comprende Creatininemia e Creatinuria. ncluso N 1,60 eventuale indice di velocità di filtrazione glomerulare (VGF) R CROMO. N 8,05 * CROMOGRANNA A. Diagnosi di feocromocitoma e Ca Polmonare a piccole cellule. 2 15,20

6 pag. 6/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio CROSS LNK PRDNOLNA. 2 11, DECARBOSSPROTROMBNA. 2 11, DEDROEPANDROSTERONE (DEA). N 9, DEDROEPANDROSTERONE SOLFATO (DEA-S). N 13, DELTA 4 ANDROSTENEDONE. N 8, DESPRAMNA. N 6, DDROTESTOSTERONE (DHT). N 20, DETERMNAZON D RSCHO PRENATALE PER SNDROME D DOWN (1 2 20,80 trimestre): HCG FRAZONE LBERA E PAPP-A. * DETERMNAZON D RSCHO PRENATALE PER SNDROME D DOWN E DFETT 2 51,75 DEL TUBO NEURALE (1, 2 trimestre): TEST NTEGRATO PER PAPP-A, AFP, HCG TOTALE O FRAZONE LBERA, E3. Nell'ambito di protocolli diagnostico-preventivi delle malformazioni fetali integrato ad altre indagini strumentali in ginecologia A DESOSSPRDNOLNA. 2 14, C DOSAGGO ALTR FARMAC. per ciascun analita (metodo immunometrico) 2 12, D ELASTAS 1 PANCREATCA. 2 7, E ENZMA D CONVERSONE DELL'ANGOTENSNA (ACE). 2 8, DOPAMNA [S/U]. N 11, DOXEPNA. N 6, DROGHE D'ABUSO. per ciascun analita (metodo immunometrico) N 5, ENOLAS NEURONESPECFCA (NSE). N 16,30 R ERTROPOETNA. N 15, ESTER ORGANOFOSFORC. N 4, ESTRADOLO (E2) [S/U]. N 11, ESTROLO (E3) [S/U]. N 11, ESTROLO NON CONUGATO. N 8, ESTRONE (E1). N 13, ETANOLO [S/U]. N 5, ETOSUCCMDE. N 8, FARMAC ANTARTMC. per ciascuna determinazione N 8, FARMAC ANTNFAMMATOR. per ciascuna determinazione N 6, FARMAC ANTTUMORAL. per ciascuna determinazione N 8,30 R FARMAC DROGHE E TOSSC DVERS (DOSAGGO MEDANTE HPLC E/O SPETTROMETRA D MASSA). Esclusi , , , , , ,70

7 pag. 7/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio FARMAC DGTALC. per ciascuna determinazione N 9,75 R FATTORE NATRURETCO ATRALE (ANP). N 8, FEC ESAME CHMCO E MCROSCOPCO (Grassi, prod. di digestione, parassiti). N 4, FEC SANGUE OCCULTO (metodo immunologico). N 3,40 R FENLALANNA. N 3, FENTONA. N 9, FENOLO [U]. N 3, FERRTNA [P/(Sg)Er]. N 11, FERRO [du]. N 4, FERRO [S]. N 2,30 R FLUORO. N 5, FOLATO [S/(Sg)Er]. N 8, FOLLTROPNA (FSH) [S/U]. N 11, FOSFATAS ACDA. N 1, FOSFATAS ALCALNA. N 2, FOSFATAS ALCALNA SOENZMA OSSEO. N 9, FOSFATO NORGANCO [S/U/dU]. N 1,40 R FOSFOESOSOSOMERAS (PH). N 0, FOSFORO. N 1,10 R FRUTTOSAMNA (PROTENE GLCATE) [S]. N 2,80 R FRUTTOSO [Ls]. N 3, GALATTOSO (Prova da carico). N 6, GALATTOSO [S/U]. N 1, GAMMA GLUTAML TRANSPEPTDAS (gamma GT) [S/U]. N 2,30 MR* GALATTOSO 1-FOSFATO URDL TRANSFERAS (GALT). Secondo protocolli 2 9,30 adottati nell'ambito della rete per le malattie rare GLOBULNA DA TRASPORTO ORMON SESSUAL (SHBG). 2 10, GASTRNA [S]. N 10, GLOBULNA LEGANTE LA TROXNA (TBG). N 6, GLUCAGONE [S]. N 7, GLUCOSO Curva da carico 2 o 3 determinazioni. nclusa determinazione del Glucosio basale GLUCOSO Dosaggio seriale dopo carico (4 o 5 o 6 determinazioni). nclusa Determinazione del Glucosio basale N 2,15 N 4,20

8 pag. 8/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio GLUCOSO. N 1, GLUCOSO 6 FOSFATO DEDROGENAS (G6PDH). N 8, GONADOTROPNA CORONCA (Prova immunologica di gravidanza [U]. N 11, GONADOTROPNA CORONCA (Subunità beta frazione libera) [S/U]. N 11, GONADOTROPNA CORONCA (Subunità beta, molecola intera). N 12,60 R ODURA. 2 2, Hb - EMOGLOBNA GLCATA. N 9, DROSSPROLNA [U]. N 15, MPRAMNA. N 12, MMUNOGLOBULNE: CATENE KAPPA E LAMBDA [S/U]. N 8, NSULNA (Curva da carico o dopo test farmacologici, max. 5). N 26, NSULNA [S]. N 8, LATTATO DEDROGENAS (LDH) [S/F]. N 2, LATTOSO [U/Ls]. N 2, LEUCN AMNO PEPTDAS (LAP) [S]. N 2, LEVODOPA. N 6, LPAS [S]. N 2, LPOPROTENA (a). N 12, LQUD DA VERSAMENT ESAME CHMCO FSCO E MCROSCOPCO. N 3, LQUDO AMNOTCO ENZM (cellobiasi, lattasi, maltasi, palatinasi, saccarasi, N 0,90 trealasi, acetil-colinesterasi). Per ciascuna determinazione LQUDO AMNOTCO FOSFOLPD (Cromatografia). N 10, LQUDO AMNOTCO RAPPORTO LECTNA/SFNGOMELNA. N 15, LQUDO AMNOTCO TEST ALLA SCHUMA D CLEMENTS. N 0, LQUDO SEMNALE [SPERMOGRAMMA] - Sostituisce cod ESAME g 3,70 MACROSCOPCO (volume, ph, aspetto, viscosità, fluidificazione) E MCROSCOPCO della componente nemaspermica (numero, motilità, morfologia previa colorazione specifica) e della componente cellulare non nemaspermica LQUDO SEMNALE [SPERMOGRAMMA] TEST D VTALTA'. previa colorazione g 6,70 con eosina ( erogabile solo in caso di motilità < al 30%).La prestazione sostituisce cod * LQUDO SEMNALE PROFLO BOCHMCO - La prestazione sostituisce g 3,70 cod (Fruttosio, Carnitina, Fosfatasi prostatica o Zinco o Acido citrico, Alfa Glucosidasi o Maltasi) Per ciascuna determinazione (Sono prescrivibili al massimo 4 determinazioni) LQUDO SNOVALE ESAME CHMCO FSCO E MCROSCOPCO. N 2,30

9 pag. 9/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio LTO [P]. N 3, LUTEOTROPNA (LH) [S/U]. N 11, LUTEOTROPNA (LH) E FOLLTROPNA (FSH): Dosaggi seriati dopo GNRH o altro N 49,30 stimolo (da 3 a 6). Per ciascuna curva MAGNESO TOTALE [S/U/dU/(Sg)Er]. N 1,50 R MANGANESE [S]. N 5, MEPROBAMATO. N 6,50 R MERCURO. N 8, MCROALBUMNURA. N 4, MOGLOBNA [S/U]. N 6, METANEFRNE URNARE. g 6, MURAMDAS (LSOZMA). g 2, NEOPTERNA. N 9,60 R NCHEL. N 8, NORTRPTLNA. N 4,75 R OLGOELEMENT: DOSAGGO PLASMATCO. per ciascuna determinazione N 6, OMOCSTENA. 2 10, OSMOLALTA'. (Determinazione diretta) 2 3, ORMONE SOMATOTROPO (GH) [P/U]. N 9, ORMON. Dosaggi seriati dopo stimolo (da 3 a 6) (17 OH-P, FSH, LH, TSH, N 29,15 ACTH, CORTSOLO, GH, ALDOSTERONE, PRL, RENNA, PEPTDE C, GASTRNA, CALCTONNA, DEDROEPANDROSTERONE SOLFATO [DEA-S]) nclusa determinazione del livello basale. Per ciascuna serie OSSALAT [U]. N 7, OSTEOCALCNA (BGP). N 22, PARATORMONE (PTH) [S]. N 18, PARATORMONE RELATED PEPTDE [S]. N 5, POMBO [S/U]. N 17, PRUVATOCHNAS (PK) [(Sg)Er]. N 6, POLPEPTDE NTESTNALE VASOATTVO (VP). N 5, PEPTDE NATRURETCO CEREBRALE (BNP o NT-proBNP). 2 12, PORFRNE (Ricerca qualitativa e quantitativa). N 11, PORFOBLNOGENO [U]. N 5, POST COTAL TEST. N 2,45

10 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 10/ POTASSO [S/U/dU/(Sg)Er]. N 1, PRMDONE. N 8, PREALBUMNA. 2 5, PROPEPTDE AMNO-TERMNALE DEL PRO-COLLAGENE. 2 12, PROTENA LEGANTE L RETNOLO. 2 5, PROGESTERONE [S]. N 11, PROLATTNA (PRL) [S]. N 11, PROLATTNA (PRL): Dosaggi seriati dopo TRH ( 5 ). N 24, PROTENE (ELETTROFORES DELLE) [S]. ncluso: Dosaggio Proteine totali N 6, PROTENE [S/U/dU/La]. N 1,10 R* F PEPSNOGENO A,C. Per singolo dosaggio. ndagine di livello per la valutazione 2 4,55 trattamento di inibitori di pompa G ACDO OMOVANLCO. 2 9, H TMDNA CHNAS. 2 42, L TRPTAS. 2 10, Z PROCALCTONNA. 2 14, PROTENE URNARE (ELETTROFORES DELLE). ncluso: Dosaggio proteine totali N 4, PROTOPORFRNA X ERTROCTARA. N 6,80 R PURNE E LORO METABOLT. N 9,30 R RAME [S/U]. N 4, RECETTOR DEGL ESTROGEN. N 18, RECETTORE SOLUBLE TRANSFERRNA. 2 8, RECETTOR DEL PROGESTERONE. N 15, RENNA [P]. N 22,75 R SELENO. N 6, SODO [S/U/dU/(Sg)Er]. N 1, SUCCO GASTRCO ESAME CHMCO COMPLETO. N 4, SELEZONE NEMASPERMCA PER MGRAZONE O SU GRADENTE. La prestazione g 6,70 sostituisce cod SOMATOMEDNA C [GF-1]. 2 16, SOMATOSTATNA DOSAGGO. 2 16, SUDORE (Esame con determinazione di Na+ e K+). N 0, TEOFLLNA. N 9,70

11 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 11/ TESTOSTERONE. N 11, TESTOSTERONE LBERO. N 13, TREOGLOBULNA (Tg). N 13, TELOPEPTDE C-TERMNALE. 2 14, TELOPEPTDE N-TERMNALE. 2 14,75 R* TREOTROPNA (TSH). N 11, TREOTROPNA (TSH): Dosaggi seriati dopo TRH ( 4 ). N 20, TROXNA LBERA (FT4). N 11, TRANSFERRNA (Capacità ferrolegante). N 3, TRANSFERRNA [S]. N 4, TR TEST: ALFA 1 FETO, GONADOTROPNA CORONCA ED ESTROLO LBERO. (Per N 17,60 screening S. Down e altre anomalie) TRGLCERD. N 2, TRODOTRONNA LBERA (FT3). N 11, TRPSNA [S/U]. N 9, URATO [S/U/dU]. N 1, URNE ESAME MORFOLOGCO a FRESCO[TEST D FARLEY] non associabile a cod 2 2, ndagine di livello per la valutazione del danno glomerulo-tubulare UREA [S/P/U/dU]. N 1, URNE CONTA D ADDS. N 3, URNE ESAME COMPLETO. ncluso: sedimento urinario N 2, URNE ESAME PARZALE (Acetone e glucosio quantitativo). N 0, VTAMNA D. N 14,35 R VTAMNE DROSOLUBL: DOSAGGO PLASMATCO. Per ciascuna determinazione N 9,25 R VTAMNE LPOSOLUBL: DOSAGGO PLASMATCO. Per ciascuna N 9,25 determinazione. Non associabile a XLOSO (Test di assorbimento). N 5, ZNCO [S/U]. N 5, ZNCOPROTOPORFRNA [(Sg)Er]. N 7, ANTCORP ANTERTROCTAR A FREDDO RCERCA. N 6,30 * ALFA 2 ANTPLASMNA. N 7, ANTCOAGULANTE LUPUS-LKE (LAC). N 4, ANTCOAGULANT ACQUST RCERCA. N 4, ANTCORP ANT A/B. N 3,70

12 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 12/ ANTCORP ANT ANTGEN NUCLEAR ESTRABL (ENA). Nas N 10,95 R ANTCORP ANT CANALE DEL CALCO. N 10, ANTCORP ANT CARDOLPNA. (gg, ga, gm) per ciascuna determinazione N 11, ANTCORP ANT JO1. Determinazione singola g 10, ANTCORP ANT RNP. Determinazione singola g 10, ANTCORP ANT Scl-70. Determinazione singola g 10, A ANTCORP ANT Sm. Determinazione singola g 10, B ANTCORP ANT SSA Determinazione singola. g 10, C ANTCORP ANT SSB. Determinazione singola g 10, D ANTCORP ANT CTRULLNA (peptide). 2 10, E ANTCORP ANT ENDOMSO. per ciascun anticorpo 2 6, ANTCORP ANT CELLULE PARETAL GASTRCHE (PCA). N 7, ANTCORP ANT CTOPLASMA DE NEUTROFL (ANCA: P-ANCA e C-ANCA). Per N 10,10 ciascuna determinazione ANTCORP ANT DNA NATVO. N 10, ANTCORP ANT ERTROCTAR (Caratterizzazione del range termico). N 1, ANTCORP ANT ERTROCTAR (Con mezzo potenziante). N 7, ANTCORP ANT ERTROCTAR (Titolazione). N 16, ANTCORP ANT ERTROCTAR DENTFCAZONE. N 21, ANTCORP ANT ERTROCT [Test di Coombs indiretto]. N 8, ANTCORP ANT FATTORE V. N 10, ANTCORP ANT GLADNA (gg, ga). per ciascuna determinazione N 10, ANTCORP ANT FOSFOLPD (gg, gm). Per ciascuna determinazione 2 10, ANTCORP ANT GLUTAMMCO DECARBOSSLAS (GAD). 2 9, ANTCORP ANT NTERFERONE. 2 13, ANTCORP ANT STON. 2 10, Z ANTCORP ANT-PEPTD DEAMDAT DELLA GLADNA (ga, gg). per ciascuna 2 29,40 determinazione R ANTCORP ANT HLA (Cross-match, singolo individuo). N 31,60 R ANTCORP ANT HLA (Titolo per singola specificità). N 31,60 R ANTCORP ANT HLA CONTRO PANNELLO LNFOCTARO (almeno 10 soggetti, N 18,50 urgente). R ANTCORP ANT HLA CONTRO SOSPENSON LNFOCTARE (almeno 10 soggetti). N 16, ANTCORP ANT NSULA PANCREATCA (CA). N 7,55

13 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 13/ ANTCORP ANT NSULNA (AAA). N 10, ANTCORP ANT GRANULOCT. N 37, ANTCORP ANT MAG. N 10, ANTCORP ANT MCROSOM (AbTMS) O ANT TREOPEROSSDAS (AbTPO). N 10, ANTCORP ANT MCROSOM EPATC E RENAL (LKMA). N 7, ANTCORP ANT MELOPEROSSDAS (MPO). 2 9, ANTCORP ANT MTOCONDR (AMA). N 8, ANTCORP ANT MUSCOLO LSCO (ASMA). N 6, ANTCORP ANT MUSCOLO STRATO (Cuore). N 6, ANTCORP ANT NUCLEO (ANA). N 8, RCERCA ALTR AUTOANTCORP NAS. N 19, ANTCORP ANT OVAO. N 6, ANTCORP ANT PASTRNE. N 37, ANTCORP ANT PASTRNE DENTFCAZONE. N 77, ANTCORP ANT RECETTORE NCOTNCO MUSCOLARE. N 22, ANTCORP ANT RECETTOR DEL TSH. N 22, ANTCORP ANT PROTENAS 3 (PR3). 2 9, ANTCORP ANT RECETTORE ACETLCOLNA. 2 10, A ANTCORP ANT SACCAROMYCES CEREVSAE. Per classe anticorpale 2 10, C ANTCORP ANT TESTCOLO (ATLA). 2 8, D ANTCORP ANT TRANSGLUTAMNAS (gg, ga) Per ciascuna determinazione. 2 9, ANTCORP ANT SPERMATOZO (ADES) (ASA). N 7, ANTCORP ANT SPERMATOZO (LBER) (ASA). N 7, ANTCORP ANT SURRENE. N 6, ANTCORP ANT TREOGLOBULNA (AbTg). N 11, ANTCORP EMOLTC ANT ERTROCTAR MONOFASC. N 6, ANTGENE CARBODRATCO 125 (CA 125). N 16, ANTGENE CARBODRATCO 15.3 (CA 15.3). N 15, ANTGENE CARBODRATCO 19.9 (CA 19.9). N 14, ANTGENE CARBODRATCO 195 (CA 195). N 13, ANTGENE CARBODRATCO 50 (CA 50). N 13, ANTGENE CARBODRATCO 72-4 (CA 72-4). N 16,30

14 pag. 14/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio ANTGENE CARBODRATCO MUCNOSO (MCA). N 10, ANTGENE CARCNO EMBRONARO (CEA). N 10, ANTGENE POLPEPTDCO TSSUTALE (TPA) O SPECFCO TSSUTALE (TPS). N 16, ANTGENE PROSTATCO SPECFCO (PSA). Totale o Frazione Libera N 9, ANTGENE HER2/neu. 2 10, ANTGENE TA 4 (SCC). N 19,50 R ANTGEN ERTROCTAR CD55/CD59. N 15, ANTGEN HLA (Ciascuno). N 15, ANTGEN PASTRNC. N 37, ANTTROMBNA. N 2, ATTVATORE TSSUTALE DEL PLASMNOGENO (tpa). N 16, AUTOANTCORP ANT ERTROCT [Test di Coombs diretto]. N 6,10 * BETA TROMBOGLOBULNA. N 8, CARBOSSEMOGLOBNA [(Sg)Hb/(Sg)Er]. N 3, CTOTOSSCTA' CON ANTGEN SPECFC. N 21, CTOTOSSCTA' CTL. N 19, CTOTOSSCTA' LAK. N 19, CTOTOSSCTA' SPONTANEA NK. N 17, COLTURA MSTA LNFOCTARA UNDREZONALE. (tra 2 soggetti e almeno 1 N 82,90 controllo) COMPLEMENTO (C1 nibitore). quantitativo N 5, COMPLEMENTO: C1Q, C3, C3 ATT., C4 (Ciascuno). N 5,85 R CROCONSERVAZONE CELLULE STAMNAL [PLACENTAR] PER TRAPANTO. N 319,10 R CROCONSERVAZONE SERO PRE-TRAPANTO. N 2,15 R CROCONSERVAZONE SOSPENSON LNFOCTARE. N 29, CROGLOBULNE RCERCA. N 1, CROGLOBULNE TPZZAZONE (ciascuna). N 10, CYFRA N 18, D-DMERO (EA). N 7, D-DMERO (Test al latice). N 6, EMAZE (Conteggio), EMOGLOBNA. N 0, EMOCROMO: Hb, GR, GB, HCT, PLT, ND. DERV., F. L.. N 4, EMOLSNA BFASCA. N 10,70

15 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 15/ ENZM ERTROCTAR. N 13, EOSNOFL (Conteggio)[Alb]. N 2, EPARNA (Mediante dosaggio inibitore fattore X attivato). N 9, ERTROCT: ANTGEN NON ABO E NON RH (Per ciascuno antigene). N 5, ESAME DEL MDOLLO OSSEO PER APPOSZONE E/O STRSCO. Caratterizzazione N 18,40 di cellule patologiche ESAME MCROSCOPCO DEL SANGUE PERFERCO. Caratterizzazione di cellule N 3,25 patologiche (con reaz. citochimiche e citoenzimatiche) ESAME MCROSCOPCO D STRSCO O APPOSZONE D CTOASPRATO N 16,60 LNFOGHANDOLARE FATTORE vwf ANALS MULTMERCA. N 21, FATTORE REUMATODE. N 4, FATTOR DELLA COAGULAZONE (, V, V, V, X, X, X, X, X) ( Ciascuno). N 12, FENOTPO Rh. N 9, FBRNA / FBRNOGENO: PRODOTT D DEGRADAZONE (FDP/FSP). N 11, FBRNOGENO FUNZONALE. N 2,30 * GLCOPROTENA RCCA N STDNA. N 8,10 H GRUPPO SANGUGNO ABO (Agglutinogeni e Agglutinine) e Rh (D). N 6,85 H GRUPPO SANGUGNO ABO/Rh controllo. N 4,50 R Hb - BOSNTES N VTRO. N 95, Hb - EMOGLOBNA [Sg/La]. N 1, Hb - EMOGLOBNA A2. N 8, Hb - EMOGLOBNA FETALE (Dosaggio). N 3, Hb - EMOGLOBNE ANOMALE (HbS, HbD, HbH, ecc.). N 12,70 R Hb - SOELETTROFOCALZZAZONE. N 12,30 R Hb - SEPARAZONE CROMATOGRAFCA DELLE CATENE GLOBNCHE. N 11,30 R Hb - TEST D STABLTA' [(Sg)Er]. N 1, DENTFCAZONE D SPECFCTA' ANT HLA CONTRO PANNELLO LNFOCTARO. N 76,70 (1 siero/30 cellule a antigenicità nota) ga SECRETORE [Sa/Alb]. N 6, ge SPECFCHE ALLERGOLOGCHE: QUANTTATVO. (Per pannello, fino a 12 N 7,15 allergeni) per ciascun allergene ge SPECFCHE ALLERGOLOGCHE: SCREENNG MULTALLERGENCO N 10,95 QUALTATVO ge TOTAL. N 10, gg, ga SOTTOCLASS. Per ciascuna determinazione N 13,70

16 pag. 16/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio gg, gg4 SPECFCHE ALLERGOLOGCHE. Per ciascuna determinazione N 14,45 R MMUNOCOMPLESS CRCOLANT. N 6, MMUNOFSSAZONE. N 26, MMUNOGLOBULNE D SUPERFCE LNFOCTARE. N 14, MMUNOGLOBULNE ga, gg o gm (Ciascuna). N 5,15 * NBTORE ATTVATORE DEL PLASMNOGENO (PA ). N 8,50 R NTERFERONE. N 20,20 R NTERLEUCHNA e altre CTOCHNE (Ciascuna). N 17, NTRADERMOREAZON CON PPD, CANDDA, STREPTOCHNAS E MUMPS (Per N 4,90 test) LEUCOCT (Conteggio e formula leucocitaria microscopica) [(Sg)]. N 3, LEUCOCT (Conteggio) [(Sg)]. N 0, METAEMOGLOBNA. N 2,45 R MONOMER SOLUBL D FBRNA (FS Test). N 6, PASTRNE (Conteggio) [(Sg)]. N 1, PNK TEST. N 2,45 R PLASMNOGENO. N 10, PROTENA C ANTCOAGULANTE ANTGENE [P]. N 8, PROTENA C ANTCOAGULANTE FUNZONALE [P]. N 8, PROTENA C REATTVA (Quantitativa). N 4, PROTENA S LBERA [P]. N 8, PROTENA S TOTALE [P]. N 8, PROTENA S , F ATTVTA' PROTEASCA ADAMTS ,90 R PROTROMBNA FRAMMENT 1, 2. N 4,10 H PROVA CROCATA D COMPATBLTA' TRASFUSONALE. N 7,45 R PROVA CROCATA PASTRNCA. N 5,30 R PROVA D COMPATBLTA' MOLECOLARE PRE-TRAPANTO (Reazione N 104,05 polimerasica a catena- Fingerprint). R PROVA D COMPATBLTA' SEROLOGCA PRE-TRAPANTO CTOMETRCA. N 47,30 R PROVA D COMPATBLTA' SEROLOGCA PRE-TRAPANTO (Con 3 sieri ricevente). N 45, REAZONE D WAALER ROSE. N 2, RESSTENZA OSMOTCA ERTROCTARA (Test di Simmel). N 3,70

17 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 17/ RESSTENZE OSMOTCO GLOBULAR (Curva). N 7, RETCOLOCT (Conteggio) [(Sg)]. N 4,80 R SOSTANZA AMLODE RCERCA. N 3, TEMPO D EMORRAGA. N 1, TEMPO D LS EUGLOBULNCA. N 1, TEMPO D PROTROMBNA (PT). N 2, TEMPO D TROMBNA (TT). N 2, TEMPO D TROMBOPLASTNA PARZALE (APTT). N 2,25 * TEST D AGGREGAZONE PASTRNCA Secondo Born. N 3, TEST D EMOLS AL SACCAROSO. N 2, TEST D FALCZZAZONE. N 2, TEST D HAM. N 4, TEST D KLEHAUER (Ricerca emazie fetali). N 2,35 * TEST D RESSTENZA ALLA PROTENA C ATTVATA. N 8, TEST D STMOLAZONE LNFOCTARA (Per mitogeno). N 32, TEST D STMOLAZONE LNFOCTARA CON ANTGEN SPECFC. N 32, TEST FUNZONAL PRE-TRAPANTO (HTLp, CTLp). N 421, TNE TEST (Reazione cutanea alla turbecolina). N 3,05 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-A. N 89,60 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-A MEDANTE SEQUENZAMENTO DRETTO. N 47,75 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-B. N 89,60 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-B MEDANTE SEQUENZAMENTO DRETTO. N 47,75 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-C. N 89,60 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-C MEDANTE SEQUENZAMENTO DRETTO. N 47,75 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DP MEDANTE SEQUENZAMENTO DRETTO. N 47,75 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DPA1 AD ALTA RSOLUZONE. N 137,10 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DPB1 AD ALTA RSOLUZONE. N 166,50 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DQ MEDANTE SEQUENZAMENTO DRETTO. N 47,75 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DQA1 AD ALTA RSOLUZONE. N 157,45 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DQB1 A BASSA RSOLUZONE. N 96,35 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DQB1 AD ALTA RSOLUZONE. N 157,45 R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DR MEDANTE SEQUENZAMENTO DRETTO. N 47,75

18 pag. 18/109 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DRB (DRB1 e DRB3,DRB4,DRB5) A BASSA N 188,30 RSOLUZONE. R TPZZAZONE GENOMCA HLA-DRB (DRB1 e DRB3,DRB4,DRB5) AD ALTA N 275,00 RSOLUZONE. R TPZZAZONE SEROLOGCA HLA CLASSE (Fenot. compl. loci A, B, C, o loci A, B). N 131,75 R TPZZAZONE SEROLOGCA HLA CLASSE (Fenot. compl. loci DR, DQ o locus DP). N 140,00 R TROMBNA - ANTTROMBNA COMPLESSO (TAT). N 2,45 * TROMBOSSANO B2. N 5, TROPONNA, T. N 14, VALORE EMATOCRTO per monitoraggio del salasso. N 0,70 * VELOCTA' D SEDMENTAZONE DELLE EMAZE (VES). Test riservato alla N 1,60 valutazione di patologie infiammatorie croniche o neoplastiche. Da non eseguire per finalità di screening in soggetti asintomatici. * VSCOSTA' EMATCA. N 23, VSCOSTA' PLASMATCA. N 5, ACTNOMCET N MATERAL BOLOGC ESAME COLTURALE. N 7,50 R BATTER ACD NUCLEC N MATERAL BOLOGC RCERCA QUALTATVA NAS. N 52,90 nclusa estrazione, amplificazione e rivelazione BATTER ACD NUCLEC N MATERAL BOLOGC BRDAZONE DRETTA NAS. N 30, AVDTA' DELLE gg (TOXO O ROSO O CTO) E..A. Per ciascun microorganismo 2 43, BATTER ANAEROB ANTBOGRAMMA DA COLTURA (M..C.almeno 10 N 10,75 antibiotici) BATTER ANAEROB DA COLTURA DENTFCAZONE BOCHMCA. N 7, BATTER ANAEROB N MATERAL BOLOGC ESAME COLTURALE. N 10, BATTER ANTBOGRAMMA DA COLTURA (attività associazioni antibiotiche). N 5, BATTER ANTBOGRAMMA DA COLTURA (attività battericida C.M.B.). N 5, BATTER ANTBOGRAMMA DA COLTURA (MC DFFUSONE, per singola striscia 2 9,85 di antibiotico) BATTER ANTCORP NAS. 2 9, BATTER ANTBOGRAMMA DA COLTURA (Kirby Bauer, almeno 10 antibiotici). N 5, BATTER ANTBOGRAMMA DA COLTURA (M..C., almeno 10 antibiotici). N 10, BATTER ANTGEN CELLULAR ED EXTRACELLULAR DENTFCAZONE DRETTA. n materiali biologici (E..A.) BATTER ANTGEN CELLULAR ED EXTRACELLULAR DENTFCAZONE DRETTA. n materiali biologici (Agglutinazione) BATTER ANTGEN CELLULAR ED EXTRACELLULAR DENTFCAZONE DRETTA. n materiali biologici (Elettrosineresi) N 5,15 N 1,15 N 2,00

19 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 19/ BATTER DA COLTURA DENTFCAZONE BOCHMCA Nas. N 10, BATTER DA COLTURA DENTFCAZONE SEROLOGCA Nas. N 6, BATTER DETERMNAZONE CARCA MCROBCA N LQUD BOLOGC DVERS. N 3,35 Misura mediante conta su piastra mediante metodi indiretti. Escluso: Conta batterica urinaria BATTER N CAMPON BOLOGC DVERS RCERCA MCROSCOPCA. Colorazioni N 1,70 di routine (Gram, blu di metilene) BATTER N CAMPON BOLOGC DVERS RCERCA MCROSCOPCA. Colorazioni N 2,15 speciali BATTER POTERE ANTBATTERCO RESDUO N MATERAL BOLOGC DVERS. N 4,10 Saggio di inibizione della crescita BATTER POTERE BATTERCDA DEL SERO SULL'SOLATO CLNCO. Saggio di N 5,60 inibizione della crescita BATTER PRODOTT METABOLC N MATERAL BOLOGC DVERS N 2,00 DENTFCAZONE. Mediante gas-cromatografia (ricerca diretta) BORDETELLA ANTCORP (E..A.). N 8, BORRELA BURGDORFER ANTCORP (E..A.). Per ciascun anticorpo N 6, BORRELA BURGDORFER ANTCORP (.F.). N 11, BRUCELLE ANTCORP (Titolazione mediante agglutinazione) [WRGHT]. N 2, CAMPYLOBACTER ANTBOGRAMMA. N 6, CAMPYLOBACTER DA COLTURA DENTFCAZONE BOCHMCA. N 5, CAMPYLOBACTER ESAME COLTURALE NAS. N 4, CHLAMYDE ANTCORP (E..A.). Per ciascuna specie N 10, CHLAMYDE ANTCORP (Titolazione mediante F.C.). N 4, CHLAMYDE DA COLTURA DENTFCAZONE MCROSCOPCA (Col. odio, Giemsa). N 3, CHLAMYDE DA COLTURA DENTFCAZONE (.F.). N 3, CHLAMYDE ESAME COLTURALE. N 22, CHLAMYDE RCERCA DRETTA (E..A.). N 6, CHLAMYDE RCERCA DRETTA (.F.). N 12, CHLAMYDE RCERCA DRETTA (mediante ibridazione). N 23, CLOSTRDUM DFFCLE DA COLTURA DENTFCAZONE BOCHMCA. N 10, CLOSTRDUM DFFCLE ESAME COLTURALE. N 10, CLOSTRDUM DFFCLE TOSSNA NELLE FEC RCERCA DRETTA (E..A.). N 5, CRYPTOSPORDUM ANTGEN NELLE FEC RCERCA DRETTA (E..A.). N 3, CRYPTOSPORDUM ANTGEN NELLE FEC RCERCA DRETTA (.F.). N 4, ESCHERCHA COL O157:H7 NELLE FEC ESAME COLTURALE. N 1,85

20 Note Codice Descrizione Nota 3 Laboratorio giunta regionale pag. 20/ E. COL PATOGEN DA COLTURA DENTFCAZONE BOCHMCA. N 7, ESCHERCHA COL O157:H7 DA COLTURA DENTFCAZONE SEROLOGCA. N 5, ECHNOCOCCO [DATDOS] ANTCORP (E..A.). N 6, ECHNOCOCCO [DATDOS] ANTCORP (Titolazione mediante.h.a.). N 7, ENTAMOEBA HSTOLYTCA ANTCORP (E..A.). N 14, ENTAMOEBA HSTOLYTCA ANTCORP (Titolazione mediante emoagglutinazione N 5,45 passiva). R ENTAMOEBA HSTOLYTCA RCERCA ANTGENE SU FEC (E..A.). 2 35,95 R ENTAMOEBA HSTOLYTCA RCERCA ANTCORP TTOLAZONE (.F.). 2 22, ENTAMOEBA HSTOLYTCA NELLE FEC ESAME COLTURALE (Coltura xenica). N 6, ENTEROBUS VERMCULARS [OSSUR] RCERCA MCROSCOPCA. Nelle feci N 2,70 [materiale perianale] su cellophan adesivo (scotch test) ESAME COLTURALE CAMPON BOLOGC DVERS. Ricerca completa N 5,90 microrganismi e lieviti patogeni ESAME COLTURALE CAMPON APPARATO GENTOURNARO. Ricerca completa N 5,45 microrganismi e lieviti patogeni Escluso: Neisseria gonorrhoeae ESAME COLTURALE ESSUDATO ORO-FARNGEO. Ricerca Streptococcus pyogenes N 5,45 [Streptococco beta emolitico gruppo A] ed altri Streptococchi beta emolitici ESAME COLTURALE DELL'URNA [URNOCULTURA] RCERCA COMPLETA N 10,05 MCROORGANSM E LEVT PATOGEN. La prestazione sostituisce cod ncluso: conta batterica e saggio di inibizione della crescita ESAME COLTURALE DEL SANGUE [EMOCOLTURA] Ricerca completa batteri e N 23,35 lieviti patogeni. Per prelievo ESAME COLTURALE DELLE FEC [COPROCOLTURA]. Ricerca Salmonelle, Shigelle N 8,30 e Campylobacter Escluso: E.coli enteropatogeni, Yersinia, Vibrio cholerae HELCOBACTER PYLOR ANTCORP (E..A.). N 9, HELCOBACTER PYLOR N MATERAL BOLOGC ESAME COLTURALE. N 3, GARDA LAMBLA RCERCA ANTGENE SU FEC (E..A.). g 31, GARDA ANTGEN RCERCA DRETTA NELLE FEC (Metodi immunologici). g 19, HELCOBACTER PYLOR UREAS NEL MATERALE BOPTCO (Saggio mediante N 5,45 prova biochimica) LEGONELLE ANTCORP (E..A.). N 5, LEGONELLE ANTCORP (Titolazione mediante.f.). N 16, LEGONELLE N MATERAL BOLOGC ESAME COLTURALE. N 6, LEGONELLA ANTGEN N MATERAL BOLOGC RCERCA DRETTA (Metodi N 12,30 immunologici) LEGONELLE ANTCORP gg o g Totali. 2 22, LEGONELLE ANTCORP gm. 2 10,50

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Patologie reumatiche esenti dal ticket

Patologie reumatiche esenti dal ticket Patologie reumatiche esenti dal ticket Il "Regolamento recante norme di individuazione delle malattie croniche e invalidanti" (Dm 28 maggio 1999, n. 239) emanato in attuazione del "sanitometro" è stato

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

DR. ANTERMITE ANTONIA

DR. ANTERMITE ANTONIA DR. ACERRA ALESSIO Il mercoledì dalle ore15,15 alle 19,45 VISITA ANESTESIOLOGICA 160,00 OSPEDALE TARQUINIA - viale Igea 1 DR.ACCORRA' Il martedì dalle ore 14,00 alle 16,00 VISITA PSICHIATRICA 99,00 POLIAMBULATORIO

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Analisi codice Campione - Provetta 1-25-OH-2-Vitamina D 1.25VD Sangue - Provetta Tappo Verde (Litio eparina) 3 alfa Androstenediolo oppure

Analisi codice Campione - Provetta 1-25-OH-2-Vitamina D 1.25VD Sangue - Provetta Tappo Verde (Litio eparina) 3 alfa Androstenediolo oppure Analisi codice Campione - Provetta 1-25-OH-2-Vitamina D 1.25VD Sangue - Provetta Tappo Verde (Litio eparina) 3 alfa Androstenediolo oppure ANDROS Siero - Provetta con Gel Tappo giallo piccola Androstenediolo-Glucoronide

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli