XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma"

Transcript

1 XXVII Congresso Nazionale GISE Genova 3-6 OTTOBRE 2006 STUDIO AFTER Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma per i Ricercatori dello studio AFTER

2 Test funzionale a tutti o a pazienti selezionati? Test ergometrico o Test di imaging? Con quali scadenze e per quanto tempo? In washout o in terapia? Con quale obiettivo? valutazione di sintomi? ricerca della restenosi? valutazione della capacità funzionale? Quando utilizzare la coronarografia? L uso dei DES condiziona le scelte?

3 COSTO DELLA DIAGNOSI DI RESTENOSI ASINTOMATICA Incidenza restenosi 40% $ per identificare un paziente asintomatico con restenosi dopo PCI Incidenza restenosi < 20% >> $ Kuntz KM. Ann Intern Med 1999;130: Mak KH. Catheter Cardiovasc Interv 1999;48:352-6

4 ACC/AHA Guidelines for Exercise Testing 1997 & Update 2002 Guidelines for Clinical Use of Cardiac Radionuclide Imaging 2003 Guidelines for PCI 2001 & Update 2005 Guidelines for Coronary Angiography 1999

5 ACC/AHA: TEST FUNZIONALI DOPO PCI Classe I Ripresa di sintomi suggestivi di ischemia Classe IIa Alla dimissione, per valutazione della capacità funzionale in un contesto di riabilitazione cardiologica Classe IIb Nei primi 12 mesi, per la ricerca di restenosi in pazienti asintomatici ad alto rischio Diabete, Pregresso arresto cardiaco, Occupazione a rischio, Disfunzione VS, Malattia multivasale o di IVA prossimale, Risultato non ottimale della PCI Classe III Monitoraggio periodico di routine di pazienti asintomatici in assenza di indicazioni specifiche -

6 ACC/AHA: CORONAROGRAFIA ENTRO NOVE MESI DA PCI Classe I Sospetta trombosi di stent Sintomi o test positivi ad alto rischio nei nove mesi da PCI Classe IIa A due-sei mesi da PCI su TC Classe IIb Sintomi + test positivo senza criteri di alto rischio Classe III Routine in asintomatici JACC 1999;33: Circulation 2006;113:

7 USO SELETTIVO DEI TEST RAZIONALE Qualità della vita Valutazione dei sintomi OSSERVAZIONI Raccomandazioni ACC/AHA Formulate in epoca pre-des e non riferite alla popolazione e alla patologia coronarica attuali Basate su studi retrospettivi non dedicati USO ROUTINARIO DEI TEST Impatto prognostico dell ischemia silente Ricerca della restenosi asintomatica (15-25%) Linee Guida ACC/AHA PCI 2005: - PCI in ischemia asintomatica: Classe IIa - DES in ISR: Classe IIa

8 ROSETTA Registro prospettico. 13 centri 826 pz, epoca BMS 58% - POBA 42% F.U. 6 mesi % pz sottoposti a test % pz sottoposti a test in Routine Strategy Eisenberg MJ, et al. Am Heart J 2001;141:837-46

9 ADORE Studio prospettico randomizzato. 23 centri 348 pz, epoca BMS o POBA, F.U. 9 mesi Selective Test se sintomi No differenze in Stato Funzionale e Q.o.L. Routine Test a tutti TEST POSITIVO PROCEDURE INVASIVE p=0.76 p=0.31 SOTTODIMENSIONATO PER MACE Eisenberg MJ, et al. Am J Cardiol 2004;93:744-7

10 Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Patrocinio della Società Italiana di Cardiologia Invasiva - GISE Pietro Mazzarotto, C. Pristipino, F. Burzotta, R. Serdoz, A. Berni, G. Sardella, A. Danesi, G. Di Sciascio, F. Gemelli, L.D. Zingales, P. Loschiavo, A. Sciahbasi, G. Gioffré OBIETTIVI Analizzare il comportamento del mondo reale in tema di percorsi di follow-up dopo angioplastica coronarica (quali pazienti vengono sottoposti a valutazione strumentale, con quali test e in quali tempi) Valutare la relazione fra le strategie di follow-up (ricerca routinaria o selettiva di ischemia post-procedura) e il tasso di ulteriori procedure invasive e di eventi clinici

11 POPOLAZIONE Pazienti sottoposti a PCI dal 15 novembre al 15 dicembre 2004 Criteri di esclusione partecipazione a studi incompatibili (con follow-up obbligato) Osservazione per 12 mesi

12 Azienda Ospedaliera San Filippo Neri Univ. Cattolica del Sacro Cuore Pol. Gemelli Ospedale S. Pietro Fatebenefratelli Ospedale S. Andrea Univ. La Sapienza Policlinico Umberto I Univ. La Sapienza Ospedale Santo Spirito Università Campus Biomedico Ospedale Belcolle Ospedale San Carlo Ospedale Sandro Pertini Policlinico Casilino Ospedale S. Eugenio

13 DATI ANAGRAFICI PROFILO CLINICO Presentazione clinica Fattori di rischio Precedenti cardiologici Estensione malattia coronarica DATI PROCEDURALI Vasi e segmenti trattati Tipo di procedura Risultato angiografico TEST ESEGUITI AL FOLLOW-UP Epoca, tipo ed esito dei Test Terapia in corso Nuove coronarografie EVENTI Intraospedalieri MACCE

14 Pazienti reclutati 473 Pazienti con dati incompleti 44 Dati completi 91% PAZIENTI RECLUTATI PER CENTRO

15 DATI CLINICI PRESENTAZIONE CLINICA Età 65.4 ± 10 Maschi 78% Diabete 22% Insufficienza renale 11% Arteriopatia carotidea / periferica 9% Pregresso ictus 4% ESTENSIONE MALATTIA CORONARICA Precedente PCI / CABG 33% Pregresso arresto cardiaco 5% FE < 40% 24% 1 fattore di rischio 66%

16 ACUTI PROCEDURE COMPLESSE LESIONE ESITO RIVASCOLARIZZAZIONE Ottimale Incompleta 34% Non ottimale ( 1 segm.) 10% Ottimale Completa 56%

17 STENT GPI POPOLAZIONE: AFTER vs Rosetta 826 pz non consecutivi in 22 mesi 473 pz consecutivi in 1 mese AFTER Rosetta AFTER Rosetta

18 CENTRO DI RIFERIMENTOPER IL FOLLOW-UP TEST FUNZIONALI EFFETTUATI n = 434

19 PAZIENTI OSSERVATI (n=421) Test Funzionale 276 (66%) Coronarografia 94 (22%) Tempi di effettuazione dei test funzionali

20 EVENTI INTRAOSPEDALIERI Morte 8 Infarto 3 Stroke 1 re-pci 3 CABG 6 Totale 21 (5%) EVENTI F.U. (gerarchici) n. pazienti (% popolazione) Morte 16 (3.8) Stroke 2 (0.5) STEMI 0 (0) NSTEMI 3 (0.7) Nuova Rivasc. 46 (11) Totale MACCE 67 (16) Nuova Angina 41 (9.7) EPOCA DI COMPARSA Totale Eventi 108 (26) MACCE n = 67 Nuova Angina n = 41

21 PAZIENTI CHE HANNO EFFETTUATO ALMENO UN TEST FUNZIONALE Donne Anziani Caratteristiche Cliniche Nessun Test Almeno un test p Più compromessi Privi di riferimento assistenziale Età 69±11 63±10 <.001 Sesso maschile 73% 83%.022 Diabete 30% 17%.004 Insufficienza renale 17% 8%.007 Arteriopatia carotidi/arti inferiori 14% 7%.014 Pregresso ictus 7.2% 2.5%.022 Disfunzione VS (FE < 40%) 29% 19%.024 Precedente PCI/CABG 38% 32%.214 Malattia multivasale 58% 44%.009 Numero vasi malati 1.88± ± Presentazione clinica Angina stabile 39% 40%.733 Angina instabile 26% 22%.337 NSTEMI 9.4% 13%.347 STEMI 20% 17%.437 Ischemia silente 2.9% 5.7%.203 Caratteristiche Procedurali Nessun Test Almeno un test DES 36% 46%.052 PCI su IVA prossimale 20% 20%.971 PCI multivasale 19% 15%.328 Rivasc. incompleta 44% 34%.048 Risultato PCI Subottimale 4.3% 7.2%.263 Fallita 4.3% 2.9%.430 Sede Follow-Up Stesso centro 37% 46%.115 Altro centro 57% 53%.453 Nessun centro 5.9% 1.4%.013 p Centri AFTER Nessun Test Almeno un test Centro 1 6.5% 3.2%.120 Centro 2 3.6% 3.9%.873 Centro 3 9.4% 5.7%.164 Centro 4 7.2% 8.6%.634 Centro 5 13% 19%.129 Centro 6 2.9% 1.8%.465 Centro 7 9.4% 10%.756 Centro 8 6.5% 4.3%.330 Centro 9 0% 2.5%.061 Centro 10 24% 21%.468 Centro 11 14% 13%.887 Centro % 6.5%.234 p Mann-Whitney

22 PAZIENTI CHE HANNO EFFETTUATO ALMENO UN TEST FUNZIONALE Univariata Odds Ratio 95% C.I. p Età <.001 Sesso maschile Diabete Insufficienza renale Arteriopatia carotidi/arti inferiori Pregresso ictus Disfunzione VS (FE<40%) Malattia multivasale Numero vasi malati Rivascolarizzazione incompleta Sede FU: nessun centro Multivariata Età Numero vasi malati Sede FU: stesso centro Centro 1 Centro 5 Centro 11 Nessun Test RR 95%C.I. Almeno un Test RR 95% C.I. p < < Regressione logistica

23 PAZIENTI CON PRIMO TEST ROUTINE : AFTER vs ROSETTA Rosetta AFTER Paziente SELETTIVO Test per nuovi sintomi Test per valutazione funzionale Nessun test funzionale Paziente SELETTIVO Test per nuovi sintomi Test per valutazione funzionale Nessun test inclusa coro programmata

24 PAZIENTI CON PRIMO TEST ROUTINE : AFTER vs ROSETTA Rosetta AFTER Age Center A Cebter K Center L Center M RR RR Selettivo 95%C.I. Routine RR 95% C.I. p value Selettivo 95%C.I. Routine RR 95% C.I. p Età < Sesso maschile <.0001 FE < 40% <.0001 Preced. PCI/CABG n. vasi malati Centro Regressione logistica

25 APPROPRIATEZZA DEI TEST FUNZIONALI (Linee Guida ACC/AHA) TEST APPROPRIATO (PAZIENTE AD ALTO RISCHIO) TEST NON APPROPRIATO (PAZIENTE A BASSO RISCHIO) Classe I Nuovi sintomi Classe II Capacità funzionale in STEMI Diabete Disfunzione VS Malattia multivasale PCI su TC/IVA prossimale Pregresso arresto cardiaco Risultato non ottimale Classe III Routine in assenza di fattori di rischio p = N.S. Pearson Chi-Square

26 PERCORSO DEL PAZIENTE A BASSO RISCHIO (n=103) SOTTOPOSTI A TEST 70% NON SOTTOPOSTI A TEST 30% NESSUNA VALUTAZIONE 97% CORONAROGRAFIA PROGRAMMATA 3% POSITIVO NEGATIVO 4% 96% NEGATIVA n=0 RESTENOSI n=0 PROGRESS. n=1 Morte n=0 Infarto n=0 Nuova Rivasc. n=1 MACE 1.4% Morte n=0 Infarto n=0 Nuova Rivasc. n=3 MACE 10%

27 PERCORSO DEL PAZIENTE A BASSO RISCHIO SOTTOPOSTI A TEST 70% NON SOTTOPOSTI A TEST 30% Anziani Inabili Caratteristiche Cliniche Basso R senza test Basso R con test p Abitudini dei Centri Centri AFTER Basso R senza test Basso R con test p Età 70±9 63± Sesso maschile 73% 79%.52 Insufficienza renale 10% 5.6%.42 Arteriopatia carotidi/arti inferiori 6.7% 6.9%.96 Pregresso ictus 10% 0%.007 Precedente PCI/CABG 47% 32%.16 Presentazione clinica Angina stabile 47% 50%.76 Angina instabile 13% 18%.56 NSTEMI 13% 15%.80 STEMI 27% 13%.08 Ischemia silente 0% 1.4%.52 Caratteristiche Procedurali Basso R senza test Basso R con test DES 33% 40%.83 PCI multilesione 3.3% 1.4%.52 Rivasc. incompleta 0% 0% 1.0 Sede Follow-Up Stesso centro 40% 38%.81 Altro centro 43% 61%.10 Nessun centro 0% 1.4%.52 p Centro 1 3.3% 0%.12 Centro 2 10% 8.3%.79 Centro 3 10% 11%.87 Centro 4 20% 4.2%.011 Centro 5 0% 9.7%.08 Centro 6 3.3% 0%.12 Centro 7 10% 6.9%.60 Centro 8 3.3% 6.9%.48 Centro 9 0% 2.8%.36 Centro 10 20% 19%.95 Centro 11 20% 22%.81 Centro 12 0% 8.3%.11 Mann-Whitney

28 PERCORSO DEL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO (n=318) SOTTOPOSTI A TEST 63% NON SOTTOPOSTI A TEST 37% NESSUNA VALUTAZIONE 95% CORONAROGRAFIA PROGRAMMATA 5% POSITIVO NEGATIVO 23% 77% NEGATIVA n=5 RESTENOSI n=0 PROGRESS. n=1 Morte 3 (1.5%) Infarto 1 (0.5%) Nuova Rivasc. 33 (16%) MACE 18% p = NS Morte 13 (11%) Infarto 2 (2%) Nuova Rivasc. 9 (8%) MACE 21%

29 PERCORSO DEL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO SOTTOPOSTI A TEST 63% NON SOTTOPOSTI A TEST 37% Caratteristiche Cliniche Alto R senza test Alto R con test Età 69±10 63±9 <.001 Sesso maschile 74% 84%.027 Diabete 37% 23%.009 Insufficienza renale 19% 8,5%.006 Arteriopatia carotidi/arti inferiori 16% 6.5%.010 Pregresso ictus 6.4% 3.5%.36 Disfunzione VS (FE < 40%) 33% 23%.10 Precedente PCI/CABG 38% 31%.22 Malattia multivasale 74% 60%.018 Numero vasi malati 2.1± ± Presentazione clinica Angina stabile 35% 37%.69 Angina instabile 30% 23%.20 NSTEMI 9.1% 11%.52 STEMI 18% 17%.87 Ischemia silente 3.6% 7.5%.18 p Caratteristiche Procedurali Alto R senza test Alto R con test DES 34% 47%.029 PCI su IVA prossimale 25% 27%.66 PCI multivasale 22% 20%.78 Rivasc. incompleta 58% 46%.06 Risultato subottimale 11% 14%.45 Sede Follow-Up Donne Anziani Più compromessi Abitudini dei Centri Stesso centro 34% 47%.020 Altro centro 51% 51%.96 Nessun centro 6.4% 1.5%.020 p Centri AFTER Alto R senza test Alto R con test Centro 1 8.2% 4.8%.12 Centro 2 1.8% 2.5%.70 Centro 3 12% 2.5%.001 Centro 4 4.5% 10%.94 Centro 5 16% 23%.17 Centro 6 2.7% 2.5%.90 Centro 7 9.1% 12%.44 Centro 8 7.3% 3.5%.13 Centro 9 0% 2.5%.10 Centro 10 26% 21%.41 Centro % 10%.52 Centro % 6.0%.60 p Mann-Whitney

30 PERCORSO DEL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO SOTTOPOSTI A TEST 63% NON SOTTOPOSTI A TEST 37% Univariata Odds Ratio 95% C.I. p Età <.001 Sesso maschile Diabete Insufficienza renale Multivariata Test No RR 95%C.I. Test Si RR 95% C.I. p Arteriopatia carotidi/arti inferiori Età <.001 Malattia multivasale Numero vasi malati Diabete Sede Follow-Up Numero vasi malati Stesso Centro Nessun Centro Nessun Centro Centri AFTER Centro <.001 Centro Regressione logistica

31 PERCORSO INVASIVO Linee Guida ACC/AHA APPROPRIATEZZA DELLE INDICAZIONI appropriate 53% Classe I-II Nuovi sintomi PCI su TC Test positivo n = 94 non appropriate 47% Classe III Nessuno dei precedenti n = 421 SOTTOPOSTI A CORONAROGRAFIA PROGRAMMATA 10% NO CORONAROGRAFIA O CORONAROGRAFIA NON PROGRAMMATA 90%

32 PERCORSO INVASIVO SOTTOPOSTI A CORONAROGRAFIA PROGR. 10% NO CORONAROGRAFIA O CORONAROGRAFIA NON PROGRAMMATA 90% NEGATIVA 68% RESTENOSI 12% PROGRESSIONE 20% MACE 30% p = 0.07 MACE 14%

33 PERCORSO INVASIVO Tempi di effettuazione Coro programmata Univariata Odds Ratio 95% C.I. p Sesso maschile Malattia multivasale Numero vasi malati Rivascolarizz. incompleta Centri AFTER Centro Centro Multivariata Malattia multivasale Sede FU: Stesso Centro Centro 4 Centro 5 Coro No RR 95%C.I. Coro Si RR 95% C.I. p < <.001 Regressione logistica

34 PERCORSO INVASIVO : NUOVE RIVASCOLARIZZAZIONI RISULTATO RIVASCOLARIZZAZIONI CORONAROGRAFIA APPROPRIATA Classe I/II ACC/AHA 53% Progressione Restenosi Negativa Si No CORONAROGRAFIA NON APPROPRIATA Classe III ACC/AHA 47%

35 Nella pratica clinica non sono accolti i suggerimenti delle Linee Guida ACC/AHA sull utilizzo dei test funzionali e della coronarografia Vengono tendenzialmente esclusi dall esecuzione di test funzionali pazienti più anziani, più compromessi, con malattia coronarica più estesa Le diverse abitudini dei singoli Centri sono comunque determinanti nell uso dei test, indipendentemente dalle caratteristiche del paziente e della procedura Al momento dell angioplastica un paziente su dieci viene avviato a follow-up coronarografico per ricerca di restenosi morfologica. La scelta sembra dipendere dall estensione della malattia coronarica, dal grado di rivascolarizzazione e, soprattutto, dalle abitudini dei singoli Centri

36 La popolazione sottoposta a PCI si è profondamente modificata negli ultimi anni ed è diversa da quella con cui si sono confrontate le Linee Guida Indipendentemente dal significato prognostico della restenosi sintomatica o silente, meno frequente e meglio trattabile che in passato, il percorso di follow-up deve confrontarsi oggi con altri elementi quali l età del paziente, le comorbidità, l alto tasso di rivascolarizzazioni incomplete, la rapida progressione di malattia e la trombosi intrastent subacuta e tardiva I nostri dati indicano la necessità di una migliore standardizzazione dei percorsi di follow-up e di un loro adeguamento a questa realtà

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

Roma, 6-7 Marzo 2009. Jolly Hotel Villa Carpegna, Via Pio IV n. 6

Roma, 6-7 Marzo 2009. Jolly Hotel Villa Carpegna, Via Pio IV n. 6 Per la parte medici La Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina ha assegnato n. 5 crediti ECM. Discipline accreditate: Cardiologia, Cardiochirurgia, Medicina generale. Numero massimo

Dettagli

L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta

L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta 20 febbraio 2008 L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta Dott. Gianfranco Percoco Laboratorio di Emodinamica della Provincia di Ferrara Il Laboratorio di Emodinamica L ideale modello

Dettagli

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Rossana De Palma Convegno Le reti sanitarie Milano 7 Giugno 2010 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Disposizioni legislative regionali Piano

Dettagli

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Savona, 14 dicembre 2007 IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Dr. Paolo Bellotti - Savona Mio padre auscultava posando l orecchio sul petto del paziente, direttamente;

Dettagli

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD I numeri del diabete in Italia Prevalenza nella popolazione (Torino, Firenze 2003) ~4,3 % Prevalenza

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC

IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC S. Nodari, R. Poscia e A. Bazzani Centro Studi della Società Italiana di Cardiologia INTRODUZIONE Il Centro Studi ha effettuato un censimento dei Centri

Dettagli

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE?

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? Dott. Chiara Medini Unità Operativa di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Arcispedale S. Anna Ferrara Direttore Dott. F. Mascoli La diagnostica non invasiva della

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

IL RISCHIO, LA MALATTIA, LA TERAPIA

IL RISCHIO, LA MALATTIA, LA TERAPIA Ospedale Giovanni Paolo II Unità Operativa di Cardiologia - UTIC Direttore: Dr.ssa Rosanna Pes Meeting di Cardiologia IL RISCHIO, LA MALATTIA, LA TERAPIA Olbia Sala Congressi Museo Archeologico Nazionale

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI CAROTID ARTERY STENTING Paolo CIOFFI SOMMARIO INDICAZIONI ACCURATA SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale. TECNICHE Successo Insuccesso AHA Guidelines

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

GISE Network Registro Italiano di Cardiologia Invasiva

GISE Network Registro Italiano di Cardiologia Invasiva Società Italiana di Cardiologia Invasiva GISE Network Registro Italiano di Cardiologia Invasiva Documento istitutivo struttura finalità modalità operative dataset 2013 (versione 3.2) Indice 1. Introduzione..

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

5 maggio 2011. Ordine dei medici - L Aquila. Con la consulenza scientifica di

5 maggio 2011. Ordine dei medici - L Aquila. Con la consulenza scientifica di L Aquila 5 maggio 2011 Ordine dei medici - L Aquila Con la consulenza scientifica di RAZIONALE Le malattie cardiovascolari nel nostro Paese, analogamente ad ogni altro Paese occidentale, sono la prima

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin)

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Gli strumenti a supporto dei percorsi di governance I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Convegno Quadri SIMG Padova, 18

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Filippo Ottani Unità di Ricerca Cardiovascolare, Fondazione Cardiologica Sacco, Forlì (G Ital Cardiol 2006; 7 (Suppl 2-12): 17S-21S) 2006 CEPI

Dettagli

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14 IL LAZIO CAMBIA I RISULTATI PIÙ IMPORTANTI DI QUESTI MESI ACCORDO CON I MMG PER PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI CRONICI

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ...

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ... INDICE Premessa... Pag. 3 Cardiologia... Pag. 5 Risonanza magnetica nucleare... Pag. 15... Pag. 19 Tac... Pag. 25-2 - Premessa Con la D.G.R. n. 907 del 19/6/2006 è stato approvato il Piano Attuativo Regionale

Dettagli

Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale. Istruzioni per il ricercatore

Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale. Istruzioni per il ricercatore Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale Istruzioni per il ricercatore 1. Decidi la partecipazione prima di controllare se hai casi di morte improvvisa. questo aspetto è molto

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

Capitolo 13 Terapia chirurgica 323

Capitolo 13 Terapia chirurgica 323 Capitolo 13 Terapia chirurgica 323 13 TERAPIA CHIRURGICA In questo capitolo viene presa in considerazione la patologia aterosclerotica carotidea e il suo trattamento chirurgico ai fini di prevenzione dell

Dettagli

Allegato 2 1. PREMESSA

Allegato 2 1. PREMESSA Linee guida per la codifica SIO e SIES delle condizioni oggetto del RAD-ESITO e degli interventi e procedure ad esse correlati (Determinazione n. D4118 del 9/11/2007) Edizione aggiornata Roma, settembre

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

PERUGIA il CUORE 2013

PERUGIA il CUORE 2013 FONDAZIONE UMBRA CUORE E IPERTENSIONE PERUGIA il CUORE 2013 Perugia, 7-8 Giugno 2013 Centro Congressi - Giò Jazz Hotel Via Ruggero D Andreotto N 19 06124 Perugia Patrocinato da: Azienda Ospedaliera di

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1120/2013 ADOTTATA IN DATA 01/08/2013 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1120/2013 ADOTTATA IN DATA 01/08/2013 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1120/2013 ADOTTATA IN DATA 01/08/2013 OGGETTO: Emissione Bando di ricerca sponsor per finanziare il progetto "Follow-up a lungo termine ed estensione del progetto P0906 Stent coronarico

Dettagli

Esperienza TAVI in Liguria. M. Vischi, P.Bellone, R. Gistri, S. Moshiri, T. Regesta, P. Rubartelli, A. Zingarelli, GC. Passerone

Esperienza TAVI in Liguria. M. Vischi, P.Bellone, R. Gistri, S. Moshiri, T. Regesta, P. Rubartelli, A. Zingarelli, GC. Passerone Esperienza TAVI in Liguria M. Vischi, P.Bellone, R. Gistri, S. Moshiri, T. Regesta, P. Rubartelli, A. Zingarelli, GC. Passerone La stenosi aortica è una malattia insidiosa con un lungo periodo di latenza

Dettagli

Ecocardiografia da stress e transesofagea

Ecocardiografia da stress e transesofagea IMAGING IN CARDIOLOGIA: UP TO DATE SULLE NOVITÀ TECNOLOGICHE E SULLE INDICAZIONI Ecocardiografia da stress e transesofagea Fabio Chirillo Unità Operativa di Cardiologia Ospedale Ca Foncello, Treviso CASO

Dettagli

CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA

CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA Programma di aggiornamento professionale in cardiologia e cardiochirurgia 24 marzo - 14 aprile - 15 aprile 19 maggio - 9 giugno AUDITORIUM CASA DI CURA

Dettagli

PATOLOGIE VASCOLARI NEL DIABETE Dott. Maurizio Merlo S.C.D.O. Chirurgia Vascolare 1 AOCP DEFINIZIONE Sindrome clinica ad andamento cronico dovuta alla riduzione della portata t ematica distrettuale tt

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Osservatorio. Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma

Osservatorio. Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma Osservatorio Vol. 93, N. 10, Ottobre 2002 Trattamento in Pronto Soccorso dell infarto acuto del miocardio. L esperienza dell Ospedale San Camillo di Roma Paolo Salvini 1, Pietro Tanzi 1, Antonio Terranova

Dettagli

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEL PAZIENTE COMPLICANZE 0-1% SELEZIONE DEL PAZIENTE Valutazione polispecialistica: Collaborazione

Dettagli

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Giulia Mannella CITTADINANZATTIVA Un Movimento di partecipazione civica per la promozione e la tutela dei diritti

Dettagli

Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La rete dell assistenza cardiologica nel Lazio 2 INDICE Parte 1 L assistenza cardiologica 1. Premessa... 4 Epidemiologia della Sindrome Coronarica Acuta

Dettagli

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE CAPITOLO 1 CORONAROPATIE INTRODUZIONE Per vivere e per svolgere la sua funzione di pompa, contraendosi e rilasciandosi ritmicamente, il muscolo cardiaco (miocardio) ha bisogno del continuo, incessante

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE COMITATO SCIENTIFICO. Provider ECM. Presidente del Congresso Adriana Visonà. Segreteria Organizzativa

PROGRAMMA PRELIMINARE COMITATO SCIENTIFICO. Provider ECM. Presidente del Congresso Adriana Visonà. Segreteria Organizzativa Presidente del Congresso Adriana Visonà COMITATO SCIENTIFICO Consiglio Direttivo SIAPAV Presidente: Vicepresidenti: Segretario: Consiglieri: A. Visonà P. Frigatti G. Leonardo A. Amato U. Alonzo E. Baggio

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI INTERVENTI PREVENTIVI ICV Ischemia Cerebro Vascolare ICM Insufficienza Celiaco Mesenterica IR Insufficienza Renale INTERVENTI CURATIVI OAI Ostruzione Aorto-iliaca OFP Ostruzione Femoro-Poplitea INSUFFICIENZA

Dettagli

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia Lo Scompenso Cardiaco Cronico (SCC): un modello di collaborazione ospedale-territorio per la qualità dell assistenza e l economia l delle risorse Orbassano, 9 novembre 2010 Modalità di valutazione del

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca)

Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca) AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO LG Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca) Linee Guida Aziendali Gruppo

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale sdfs AGENZIA REGIONALE SANITARIA R E G I O N E M A R C H E Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale Susanna Cimica Osservatorio Epidemiologico Agenzia Sanitaria,

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE ED ODONTOSTOMATOLOGIA

CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE ED ODONTOSTOMATOLOGIA CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE ED ODONTOSTOMATOLOGIA Università degli Studi di Roma La Sapienza I Facoltà di Medicina e Chirurgia Azienda Policlinico Umberto I Dipartimento di appartenenza: Istituto di Clinica

Dettagli

Introduzione. Questi dati hanno indirizzato verso mo-

Introduzione. Questi dati hanno indirizzato verso mo- Studi osservazionali L impatto delle diverse strategie riperfusive sull esito intraospedaliero dell infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto ST nel contesto di rete interospedaliera:

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA

II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA Programma di aggiornamento professionale in cardiologia e cardiochirurgia 1 dicembre - 19 gennaio - 23 febbraio 23 marzo - 20 aprile AUDITORIUM CASA

Dettagli

Società Italiana di Diabetologia. SIE - Società Italiana di Endocrinologia. SIMI - Società Italiana di Medicina Interna CON L EGIDA DI AMD

Società Italiana di Diabetologia. SIE - Società Italiana di Endocrinologia. SIMI - Società Italiana di Medicina Interna CON L EGIDA DI AMD COL PATROCINIO DI Comune di Vigevano con il patrocinio dell Amministrazione Comunale Comune di Gambolò Comune di Mortara Comune di Garlasco Ordine dei Medici della Provincia di Pavia Società Italiana di

Dettagli

Come programmare il follow-up nei pazienti sottoposti a PCI? Quali esami sono inutili?

Come programmare il follow-up nei pazienti sottoposti a PCI? Quali esami sono inutili? Come programmare il follow-up nei pazienti sottoposti a PCI? Quali esami sono inutili? Giuseppe Musumeci USC Cardiologia AO Papa Giovanni XXIII Bergamo, ITALY The Dimensions of the Problem Country Year

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL Dr. Giuseppe Musumeci

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL Dr. Giuseppe Musumeci CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL Dr. Giuseppe Musumeci E' nato a Catania il 16 Novembre 1971 Coniugato Residente in via XX Settembre n. 110. Bergamo. Tel. 3473673582-3481353201 g.musumeci@tin.it

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UOC MCAU Ospedale Piemonte

Dirigente ASL I fascia - UOC MCAU Ospedale Piemonte INFORMAZIONI PERSONALI Nome Trimarchi Tiziana Data di nascita 19/11/1974 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALE PIEMONTE Dirigente ASL I fascia

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 31/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Lassandro Pepe Leonardo I Fascia ASL DI TARANTO - TA Dirigente ASL I fascia

Dettagli

3 Master in Neuro-Oncologia

3 Master in Neuro-Oncologia [ Corso Residenziale ] 3 Master in Neuro-Oncologia 7-9 maggio 2009 Direttori Carmine Carapella Andrea Pace 1 di 7 [ Programma preliminare] Giovedì 7 maggio I Sessione - Glioblastoma Multiforme ore 9.00

Dettagli

CRITERI DI OPERABILITA : Dr. Alessandro Brunelli

CRITERI DI OPERABILITA : Dr. Alessandro Brunelli CRITERI DI OPERABILITA : OVVERO CHI DEVE ESSERE OPERATO DA CHI Dr. Alessandro Brunelli U.O. Chirurgia Toracica AOU Ospedali Riuniti Ancona Abbadia di Fiastra (Macerata) 22 Aprile 2005 ALGORITMO VALUTAZIONE

Dettagli

HS-Newsletter Health Search, istituto di ricerca della S.I.M.G. (Società Italiana di Medicina Generale)

HS-Newsletter Health Search, istituto di ricerca della S.I.M.G. (Società Italiana di Medicina Generale) Marzo - Aprile 2011 Numero 1 HS-Newsletter Health Search, istituto di ricerca della S.I.M.G. (Società Italiana di Medicina Generale) SOMMARIO News... Progetto ASCO (Aggiornamento Scientifico Continuo Online)

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli