XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma"

Transcript

1 XXVII Congresso Nazionale GISE Genova 3-6 OTTOBRE 2006 STUDIO AFTER Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma per i Ricercatori dello studio AFTER

2 Test funzionale a tutti o a pazienti selezionati? Test ergometrico o Test di imaging? Con quali scadenze e per quanto tempo? In washout o in terapia? Con quale obiettivo? valutazione di sintomi? ricerca della restenosi? valutazione della capacità funzionale? Quando utilizzare la coronarografia? L uso dei DES condiziona le scelte?

3 COSTO DELLA DIAGNOSI DI RESTENOSI ASINTOMATICA Incidenza restenosi 40% $ per identificare un paziente asintomatico con restenosi dopo PCI Incidenza restenosi < 20% >> $ Kuntz KM. Ann Intern Med 1999;130: Mak KH. Catheter Cardiovasc Interv 1999;48:352-6

4 ACC/AHA Guidelines for Exercise Testing 1997 & Update 2002 Guidelines for Clinical Use of Cardiac Radionuclide Imaging 2003 Guidelines for PCI 2001 & Update 2005 Guidelines for Coronary Angiography 1999

5 ACC/AHA: TEST FUNZIONALI DOPO PCI Classe I Ripresa di sintomi suggestivi di ischemia Classe IIa Alla dimissione, per valutazione della capacità funzionale in un contesto di riabilitazione cardiologica Classe IIb Nei primi 12 mesi, per la ricerca di restenosi in pazienti asintomatici ad alto rischio Diabete, Pregresso arresto cardiaco, Occupazione a rischio, Disfunzione VS, Malattia multivasale o di IVA prossimale, Risultato non ottimale della PCI Classe III Monitoraggio periodico di routine di pazienti asintomatici in assenza di indicazioni specifiche -

6 ACC/AHA: CORONAROGRAFIA ENTRO NOVE MESI DA PCI Classe I Sospetta trombosi di stent Sintomi o test positivi ad alto rischio nei nove mesi da PCI Classe IIa A due-sei mesi da PCI su TC Classe IIb Sintomi + test positivo senza criteri di alto rischio Classe III Routine in asintomatici JACC 1999;33: Circulation 2006;113:

7 USO SELETTIVO DEI TEST RAZIONALE Qualità della vita Valutazione dei sintomi OSSERVAZIONI Raccomandazioni ACC/AHA Formulate in epoca pre-des e non riferite alla popolazione e alla patologia coronarica attuali Basate su studi retrospettivi non dedicati USO ROUTINARIO DEI TEST Impatto prognostico dell ischemia silente Ricerca della restenosi asintomatica (15-25%) Linee Guida ACC/AHA PCI 2005: - PCI in ischemia asintomatica: Classe IIa - DES in ISR: Classe IIa

8 ROSETTA Registro prospettico. 13 centri 826 pz, epoca BMS 58% - POBA 42% F.U. 6 mesi % pz sottoposti a test % pz sottoposti a test in Routine Strategy Eisenberg MJ, et al. Am Heart J 2001;141:837-46

9 ADORE Studio prospettico randomizzato. 23 centri 348 pz, epoca BMS o POBA, F.U. 9 mesi Selective Test se sintomi No differenze in Stato Funzionale e Q.o.L. Routine Test a tutti TEST POSITIVO PROCEDURE INVASIVE p=0.76 p=0.31 SOTTODIMENSIONATO PER MACE Eisenberg MJ, et al. Am J Cardiol 2004;93:744-7

10 Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Patrocinio della Società Italiana di Cardiologia Invasiva - GISE Pietro Mazzarotto, C. Pristipino, F. Burzotta, R. Serdoz, A. Berni, G. Sardella, A. Danesi, G. Di Sciascio, F. Gemelli, L.D. Zingales, P. Loschiavo, A. Sciahbasi, G. Gioffré OBIETTIVI Analizzare il comportamento del mondo reale in tema di percorsi di follow-up dopo angioplastica coronarica (quali pazienti vengono sottoposti a valutazione strumentale, con quali test e in quali tempi) Valutare la relazione fra le strategie di follow-up (ricerca routinaria o selettiva di ischemia post-procedura) e il tasso di ulteriori procedure invasive e di eventi clinici

11 POPOLAZIONE Pazienti sottoposti a PCI dal 15 novembre al 15 dicembre 2004 Criteri di esclusione partecipazione a studi incompatibili (con follow-up obbligato) Osservazione per 12 mesi

12 Azienda Ospedaliera San Filippo Neri Univ. Cattolica del Sacro Cuore Pol. Gemelli Ospedale S. Pietro Fatebenefratelli Ospedale S. Andrea Univ. La Sapienza Policlinico Umberto I Univ. La Sapienza Ospedale Santo Spirito Università Campus Biomedico Ospedale Belcolle Ospedale San Carlo Ospedale Sandro Pertini Policlinico Casilino Ospedale S. Eugenio

13 DATI ANAGRAFICI PROFILO CLINICO Presentazione clinica Fattori di rischio Precedenti cardiologici Estensione malattia coronarica DATI PROCEDURALI Vasi e segmenti trattati Tipo di procedura Risultato angiografico TEST ESEGUITI AL FOLLOW-UP Epoca, tipo ed esito dei Test Terapia in corso Nuove coronarografie EVENTI Intraospedalieri MACCE

14 Pazienti reclutati 473 Pazienti con dati incompleti 44 Dati completi 91% PAZIENTI RECLUTATI PER CENTRO

15 DATI CLINICI PRESENTAZIONE CLINICA Età 65.4 ± 10 Maschi 78% Diabete 22% Insufficienza renale 11% Arteriopatia carotidea / periferica 9% Pregresso ictus 4% ESTENSIONE MALATTIA CORONARICA Precedente PCI / CABG 33% Pregresso arresto cardiaco 5% FE < 40% 24% 1 fattore di rischio 66%

16 ACUTI PROCEDURE COMPLESSE LESIONE ESITO RIVASCOLARIZZAZIONE Ottimale Incompleta 34% Non ottimale ( 1 segm.) 10% Ottimale Completa 56%

17 STENT GPI POPOLAZIONE: AFTER vs Rosetta 826 pz non consecutivi in 22 mesi 473 pz consecutivi in 1 mese AFTER Rosetta AFTER Rosetta

18 CENTRO DI RIFERIMENTOPER IL FOLLOW-UP TEST FUNZIONALI EFFETTUATI n = 434

19 PAZIENTI OSSERVATI (n=421) Test Funzionale 276 (66%) Coronarografia 94 (22%) Tempi di effettuazione dei test funzionali

20 EVENTI INTRAOSPEDALIERI Morte 8 Infarto 3 Stroke 1 re-pci 3 CABG 6 Totale 21 (5%) EVENTI F.U. (gerarchici) n. pazienti (% popolazione) Morte 16 (3.8) Stroke 2 (0.5) STEMI 0 (0) NSTEMI 3 (0.7) Nuova Rivasc. 46 (11) Totale MACCE 67 (16) Nuova Angina 41 (9.7) EPOCA DI COMPARSA Totale Eventi 108 (26) MACCE n = 67 Nuova Angina n = 41

21 PAZIENTI CHE HANNO EFFETTUATO ALMENO UN TEST FUNZIONALE Donne Anziani Caratteristiche Cliniche Nessun Test Almeno un test p Più compromessi Privi di riferimento assistenziale Età 69±11 63±10 <.001 Sesso maschile 73% 83%.022 Diabete 30% 17%.004 Insufficienza renale 17% 8%.007 Arteriopatia carotidi/arti inferiori 14% 7%.014 Pregresso ictus 7.2% 2.5%.022 Disfunzione VS (FE < 40%) 29% 19%.024 Precedente PCI/CABG 38% 32%.214 Malattia multivasale 58% 44%.009 Numero vasi malati 1.88± ± Presentazione clinica Angina stabile 39% 40%.733 Angina instabile 26% 22%.337 NSTEMI 9.4% 13%.347 STEMI 20% 17%.437 Ischemia silente 2.9% 5.7%.203 Caratteristiche Procedurali Nessun Test Almeno un test DES 36% 46%.052 PCI su IVA prossimale 20% 20%.971 PCI multivasale 19% 15%.328 Rivasc. incompleta 44% 34%.048 Risultato PCI Subottimale 4.3% 7.2%.263 Fallita 4.3% 2.9%.430 Sede Follow-Up Stesso centro 37% 46%.115 Altro centro 57% 53%.453 Nessun centro 5.9% 1.4%.013 p Centri AFTER Nessun Test Almeno un test Centro 1 6.5% 3.2%.120 Centro 2 3.6% 3.9%.873 Centro 3 9.4% 5.7%.164 Centro 4 7.2% 8.6%.634 Centro 5 13% 19%.129 Centro 6 2.9% 1.8%.465 Centro 7 9.4% 10%.756 Centro 8 6.5% 4.3%.330 Centro 9 0% 2.5%.061 Centro 10 24% 21%.468 Centro 11 14% 13%.887 Centro % 6.5%.234 p Mann-Whitney

22 PAZIENTI CHE HANNO EFFETTUATO ALMENO UN TEST FUNZIONALE Univariata Odds Ratio 95% C.I. p Età <.001 Sesso maschile Diabete Insufficienza renale Arteriopatia carotidi/arti inferiori Pregresso ictus Disfunzione VS (FE<40%) Malattia multivasale Numero vasi malati Rivascolarizzazione incompleta Sede FU: nessun centro Multivariata Età Numero vasi malati Sede FU: stesso centro Centro 1 Centro 5 Centro 11 Nessun Test RR 95%C.I. Almeno un Test RR 95% C.I. p < < Regressione logistica

23 PAZIENTI CON PRIMO TEST ROUTINE : AFTER vs ROSETTA Rosetta AFTER Paziente SELETTIVO Test per nuovi sintomi Test per valutazione funzionale Nessun test funzionale Paziente SELETTIVO Test per nuovi sintomi Test per valutazione funzionale Nessun test inclusa coro programmata

24 PAZIENTI CON PRIMO TEST ROUTINE : AFTER vs ROSETTA Rosetta AFTER Age Center A Cebter K Center L Center M RR RR Selettivo 95%C.I. Routine RR 95% C.I. p value Selettivo 95%C.I. Routine RR 95% C.I. p Età < Sesso maschile <.0001 FE < 40% <.0001 Preced. PCI/CABG n. vasi malati Centro Regressione logistica

25 APPROPRIATEZZA DEI TEST FUNZIONALI (Linee Guida ACC/AHA) TEST APPROPRIATO (PAZIENTE AD ALTO RISCHIO) TEST NON APPROPRIATO (PAZIENTE A BASSO RISCHIO) Classe I Nuovi sintomi Classe II Capacità funzionale in STEMI Diabete Disfunzione VS Malattia multivasale PCI su TC/IVA prossimale Pregresso arresto cardiaco Risultato non ottimale Classe III Routine in assenza di fattori di rischio p = N.S. Pearson Chi-Square

26 PERCORSO DEL PAZIENTE A BASSO RISCHIO (n=103) SOTTOPOSTI A TEST 70% NON SOTTOPOSTI A TEST 30% NESSUNA VALUTAZIONE 97% CORONAROGRAFIA PROGRAMMATA 3% POSITIVO NEGATIVO 4% 96% NEGATIVA n=0 RESTENOSI n=0 PROGRESS. n=1 Morte n=0 Infarto n=0 Nuova Rivasc. n=1 MACE 1.4% Morte n=0 Infarto n=0 Nuova Rivasc. n=3 MACE 10%

27 PERCORSO DEL PAZIENTE A BASSO RISCHIO SOTTOPOSTI A TEST 70% NON SOTTOPOSTI A TEST 30% Anziani Inabili Caratteristiche Cliniche Basso R senza test Basso R con test p Abitudini dei Centri Centri AFTER Basso R senza test Basso R con test p Età 70±9 63± Sesso maschile 73% 79%.52 Insufficienza renale 10% 5.6%.42 Arteriopatia carotidi/arti inferiori 6.7% 6.9%.96 Pregresso ictus 10% 0%.007 Precedente PCI/CABG 47% 32%.16 Presentazione clinica Angina stabile 47% 50%.76 Angina instabile 13% 18%.56 NSTEMI 13% 15%.80 STEMI 27% 13%.08 Ischemia silente 0% 1.4%.52 Caratteristiche Procedurali Basso R senza test Basso R con test DES 33% 40%.83 PCI multilesione 3.3% 1.4%.52 Rivasc. incompleta 0% 0% 1.0 Sede Follow-Up Stesso centro 40% 38%.81 Altro centro 43% 61%.10 Nessun centro 0% 1.4%.52 p Centro 1 3.3% 0%.12 Centro 2 10% 8.3%.79 Centro 3 10% 11%.87 Centro 4 20% 4.2%.011 Centro 5 0% 9.7%.08 Centro 6 3.3% 0%.12 Centro 7 10% 6.9%.60 Centro 8 3.3% 6.9%.48 Centro 9 0% 2.8%.36 Centro 10 20% 19%.95 Centro 11 20% 22%.81 Centro 12 0% 8.3%.11 Mann-Whitney

28 PERCORSO DEL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO (n=318) SOTTOPOSTI A TEST 63% NON SOTTOPOSTI A TEST 37% NESSUNA VALUTAZIONE 95% CORONAROGRAFIA PROGRAMMATA 5% POSITIVO NEGATIVO 23% 77% NEGATIVA n=5 RESTENOSI n=0 PROGRESS. n=1 Morte 3 (1.5%) Infarto 1 (0.5%) Nuova Rivasc. 33 (16%) MACE 18% p = NS Morte 13 (11%) Infarto 2 (2%) Nuova Rivasc. 9 (8%) MACE 21%

29 PERCORSO DEL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO SOTTOPOSTI A TEST 63% NON SOTTOPOSTI A TEST 37% Caratteristiche Cliniche Alto R senza test Alto R con test Età 69±10 63±9 <.001 Sesso maschile 74% 84%.027 Diabete 37% 23%.009 Insufficienza renale 19% 8,5%.006 Arteriopatia carotidi/arti inferiori 16% 6.5%.010 Pregresso ictus 6.4% 3.5%.36 Disfunzione VS (FE < 40%) 33% 23%.10 Precedente PCI/CABG 38% 31%.22 Malattia multivasale 74% 60%.018 Numero vasi malati 2.1± ± Presentazione clinica Angina stabile 35% 37%.69 Angina instabile 30% 23%.20 NSTEMI 9.1% 11%.52 STEMI 18% 17%.87 Ischemia silente 3.6% 7.5%.18 p Caratteristiche Procedurali Alto R senza test Alto R con test DES 34% 47%.029 PCI su IVA prossimale 25% 27%.66 PCI multivasale 22% 20%.78 Rivasc. incompleta 58% 46%.06 Risultato subottimale 11% 14%.45 Sede Follow-Up Donne Anziani Più compromessi Abitudini dei Centri Stesso centro 34% 47%.020 Altro centro 51% 51%.96 Nessun centro 6.4% 1.5%.020 p Centri AFTER Alto R senza test Alto R con test Centro 1 8.2% 4.8%.12 Centro 2 1.8% 2.5%.70 Centro 3 12% 2.5%.001 Centro 4 4.5% 10%.94 Centro 5 16% 23%.17 Centro 6 2.7% 2.5%.90 Centro 7 9.1% 12%.44 Centro 8 7.3% 3.5%.13 Centro 9 0% 2.5%.10 Centro 10 26% 21%.41 Centro % 10%.52 Centro % 6.0%.60 p Mann-Whitney

30 PERCORSO DEL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO SOTTOPOSTI A TEST 63% NON SOTTOPOSTI A TEST 37% Univariata Odds Ratio 95% C.I. p Età <.001 Sesso maschile Diabete Insufficienza renale Multivariata Test No RR 95%C.I. Test Si RR 95% C.I. p Arteriopatia carotidi/arti inferiori Età <.001 Malattia multivasale Numero vasi malati Diabete Sede Follow-Up Numero vasi malati Stesso Centro Nessun Centro Nessun Centro Centri AFTER Centro <.001 Centro Regressione logistica

31 PERCORSO INVASIVO Linee Guida ACC/AHA APPROPRIATEZZA DELLE INDICAZIONI appropriate 53% Classe I-II Nuovi sintomi PCI su TC Test positivo n = 94 non appropriate 47% Classe III Nessuno dei precedenti n = 421 SOTTOPOSTI A CORONAROGRAFIA PROGRAMMATA 10% NO CORONAROGRAFIA O CORONAROGRAFIA NON PROGRAMMATA 90%

32 PERCORSO INVASIVO SOTTOPOSTI A CORONAROGRAFIA PROGR. 10% NO CORONAROGRAFIA O CORONAROGRAFIA NON PROGRAMMATA 90% NEGATIVA 68% RESTENOSI 12% PROGRESSIONE 20% MACE 30% p = 0.07 MACE 14%

33 PERCORSO INVASIVO Tempi di effettuazione Coro programmata Univariata Odds Ratio 95% C.I. p Sesso maschile Malattia multivasale Numero vasi malati Rivascolarizz. incompleta Centri AFTER Centro Centro Multivariata Malattia multivasale Sede FU: Stesso Centro Centro 4 Centro 5 Coro No RR 95%C.I. Coro Si RR 95% C.I. p < <.001 Regressione logistica

34 PERCORSO INVASIVO : NUOVE RIVASCOLARIZZAZIONI RISULTATO RIVASCOLARIZZAZIONI CORONAROGRAFIA APPROPRIATA Classe I/II ACC/AHA 53% Progressione Restenosi Negativa Si No CORONAROGRAFIA NON APPROPRIATA Classe III ACC/AHA 47%

35 Nella pratica clinica non sono accolti i suggerimenti delle Linee Guida ACC/AHA sull utilizzo dei test funzionali e della coronarografia Vengono tendenzialmente esclusi dall esecuzione di test funzionali pazienti più anziani, più compromessi, con malattia coronarica più estesa Le diverse abitudini dei singoli Centri sono comunque determinanti nell uso dei test, indipendentemente dalle caratteristiche del paziente e della procedura Al momento dell angioplastica un paziente su dieci viene avviato a follow-up coronarografico per ricerca di restenosi morfologica. La scelta sembra dipendere dall estensione della malattia coronarica, dal grado di rivascolarizzazione e, soprattutto, dalle abitudini dei singoli Centri

36 La popolazione sottoposta a PCI si è profondamente modificata negli ultimi anni ed è diversa da quella con cui si sono confrontate le Linee Guida Indipendentemente dal significato prognostico della restenosi sintomatica o silente, meno frequente e meglio trattabile che in passato, il percorso di follow-up deve confrontarsi oggi con altri elementi quali l età del paziente, le comorbidità, l alto tasso di rivascolarizzazioni incomplete, la rapida progressione di malattia e la trombosi intrastent subacuta e tardiva I nostri dati indicano la necessità di una migliore standardizzazione dei percorsi di follow-up e di un loro adeguamento a questa realtà

Paziente multivasale: sempre angioplastica o FFR guidata?

Paziente multivasale: sempre angioplastica o FFR guidata? Paziente multivasale: sempre angioplastica o FFR guidata? Savona, 10 Aprile 2015 Gabriele Pesarini Divisione di Cardiologia Azienda Ospedaliera Universitaria Intergata di Verona Patologia e pazienti: evoluzione

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Terapia chirurgica Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Nel caso di stenosi carotidea sintomatica, la endoarteriectomia comporta un modesto beneficio per gradi di stenosi

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile Malattia coronarica e donna: differenze di genere Garbagnate M.se 13 marzo 2010 Maddalena Lettino Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli

SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari. Orietta Picconi

SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari. Orietta Picconi SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari Orietta Picconi Elenco delle strutture con pronto soccorso partecipanti alla seconda fase del progetto Nome Tip. amministrativa emergenza Comune Policlinico

Dettagli

Slow Medicine in Cardiologia

Slow Medicine in Cardiologia Slow Medicine a Padova: fare di più non significa fare meglio Slow Medicine in Cardiologia Domenico Marchese Direttore Area Cardiologica ULSS 16 Padova Padova, 12 Febbraio 2015 Gli esami strumentali in

Dettagli

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica LO STUDIO FUNZIONALE INCRUENTO DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA: LA SCINTIGRAFIA La ricerca dell ischemia inducibile: cosa può darci di più per giustificare l incremento del rischio biologico? Factors Markedly

Dettagli

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Rossana De Palma Convegno Le reti sanitarie Milano 7 Giugno 2010 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Disposizioni legislative regionali Piano

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Roma, 6-7 Marzo 2009. Jolly Hotel Villa Carpegna, Via Pio IV n. 6

Roma, 6-7 Marzo 2009. Jolly Hotel Villa Carpegna, Via Pio IV n. 6 Per la parte medici La Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina ha assegnato n. 5 crediti ECM. Discipline accreditate: Cardiologia, Cardiochirurgia, Medicina generale. Numero massimo

Dettagli

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD I numeri del diabete in Italia Prevalenza nella popolazione (Torino, Firenze 2003) ~4,3 % Prevalenza

Dettagli

Il rischio in cardiologia interventistica

Il rischio in cardiologia interventistica Il rischio in cardiologia interventistica Dott Mohd Kubbajeh Dott Giuseppe Fucà Cardiologia interventistica Procedure cruente a carattere diagnostico e/o terapeutico Procedure in laboratorio di emodinamica

Dettagli

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA 15-20 milioni/anno di accessi in PS per dolore toracico 2-4% Dimissione impropria o mancato riconoscimento

Dettagli

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE?

FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? FOLLOW-UP: NECESSARIO, UTILE O INUTILE? Dott. Chiara Medini Unità Operativa di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Arcispedale S. Anna Ferrara Direttore Dott. F. Mascoli La diagnostica non invasiva della

Dettagli

Dr.ssa Isabella Sensini

Dr.ssa Isabella Sensini Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr.ssa Isabella Sensini

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta

L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta 20 febbraio 2008 L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta Dott. Gianfranco Percoco Laboratorio di Emodinamica della Provincia di Ferrara Il Laboratorio di Emodinamica L ideale modello

Dettagli

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI DOTT. FULVIO D ANGELO Garbagnate Milanese DEFINIZIONE ICTUS ISCHEMICO ACUTO E UN A TERMINOLOGIA GENERICA

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC

IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC S. Nodari, R. Poscia e A. Bazzani Centro Studi della Società Italiana di Cardiologia INTRODUZIONE Il Centro Studi ha effettuato un censimento dei Centri

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA ANGIOPLASTICA CORONARICA

Dettagli

Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato

Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato XXXVIII Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato Valentino Conti, Mauro Venegoni, Alfredo Cocci,

Dettagli

Nella buona e nella cattiva sorte. Gli anniversari da non dimenticare quando si cura un diabetico tipo 2

Nella buona e nella cattiva sorte. Gli anniversari da non dimenticare quando si cura un diabetico tipo 2 Nella buona e nella cattiva sorte Gli anniversari da non dimenticare quando si cura un diabetico tipo 2 Formazione OMCT-19.1.12 Dr. med. E. Andreani Safwan Diagnosi di diabete tipo 2 Una diagnosi per la

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 143001, edizione 1 Responsabile scientifico: Pasquale Guarini Destinatari dell attività formativa:

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola

La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale Fossano-Mondovi (CN) LA GESTIONE DEL PAZIENTE TERMINALE Comparazione

Dettagli

STRATEGIE COMBINATE DI RIVASCOLARIZZAZIONE CARDIACA E PERIFERICA.IL PROGETTO FRIENDS. S.S.MED.11

STRATEGIE COMBINATE DI RIVASCOLARIZZAZIONE CARDIACA E PERIFERICA.IL PROGETTO FRIENDS. S.S.MED.11 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SCUOLA DI DOTTORATO DI SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MEDICHE CLINICHE E SPERIMENTALI CICLO/ANNO XXV STRATEGIE

Dettagli

Quali aspettative dei partner e dei fruitori dei servizi riabilitativi: i partner di area vasta

Quali aspettative dei partner e dei fruitori dei servizi riabilitativi: i partner di area vasta Quali aspettative dei partner e dei fruitori dei servizi riabilitativi: i partner di area vasta Dott. LoredanoMilani Direttore Medicina Generale Ospedale di JesoloAz. ULSS 10 San Donà Gorgo al Monticano

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Ripercussione della combinazione IRC Diabete sulle Arteriopatie Dr. C. Mariani UO di Chirurgia Vascolare AO Ospedale San Carlo Borromeo Cattedra di

Ripercussione della combinazione IRC Diabete sulle Arteriopatie Dr. C. Mariani UO di Chirurgia Vascolare AO Ospedale San Carlo Borromeo Cattedra di Ripercussione della combinazione IRC Diabete sulle Arteriopatie Dr. C. Mariani UO di Chirurgia Vascolare AO Ospedale San Carlo Borromeo Cattedra di Chirurgia Vascolare UniMI Direttore Prof. P.G. Settembrini

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Savona, 14 dicembre 2007 IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Dr. Paolo Bellotti - Savona Mio padre auscultava posando l orecchio sul petto del paziente, direttamente;

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

Policlinico Umberto I

Policlinico Umberto I La Stroke Unit integrata nel DEA presso il Policlinico Umberto I di Roma Università La Sapienza Policlinico Umberto I DEA - UTN Stroke Unit Gruppo Romano per la Prevenzione e Cura delle Malattie Cerebro-

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI

CAROTID ARTERY STENTING. Paolo CIOFFI CAROTID ARTERY STENTING Paolo CIOFFI SOMMARIO INDICAZIONI ACCURATA SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale. TECNICHE Successo Insuccesso AHA Guidelines

Dettagli

IL RISCHIO, LA MALATTIA, LA TERAPIA

IL RISCHIO, LA MALATTIA, LA TERAPIA Ospedale Giovanni Paolo II Unità Operativa di Cardiologia - UTIC Direttore: Dr.ssa Rosanna Pes Meeting di Cardiologia IL RISCHIO, LA MALATTIA, LA TERAPIA Olbia Sala Congressi Museo Archeologico Nazionale

Dettagli

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Marzo 2012 anno 3 n 3 La prevenzione

Dettagli

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin)

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Gli strumenti a supporto dei percorsi di governance I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Convegno Quadri SIMG Padova, 18

Dettagli

L epidemiologia del diabete senile

L epidemiologia del diabete senile L anziano diabetico Dall epidemiologia alla gestione multidimensionale L epidemiologia del diabete senile Paolo Spolaore Verona, 26 ottobre 2007 La popolazione nel Veneto 0 50000 100000 150000 200000 250000

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

GUIDE CORONARICHE PER LA MISURAZIONE DELLA RISERVA DI FLUSSO

GUIDE CORONARICHE PER LA MISURAZIONE DELLA RISERVA DI FLUSSO Data di redazione: ottobre 2013 aggiornamento luglio 2014 1 GUIDE CORONARICHE PER LA MISURAZIONE DELLA RISERVA DI FLUSSO Decisioni CTRDM Data riunione: 1 ottobre 2013 Raccomandazione: La CTRDM, sulla base

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

Le Sindromi Coronariche Acute. www.fisiokinesiterapia.biz

Le Sindromi Coronariche Acute. www.fisiokinesiterapia.biz Le Sindromi Coronariche Acute www.fisiokinesiterapia.biz Sindromi Coronariche Acute Classificazione SINDROME CORONARICA ACUTA Senza soprasl.. ST Con soprasl.. ST IMA senza ST soprasl. IMA senza ST (NSTEMI)

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA)

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) A cura di Giuseppe Calcagnini Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Respiratorie Università di Roma la Sapienza Premessa

Dettagli

Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica

Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica Flavio Acquistapace MD FMH Cardiologia Centro Medico Cardiologico Ticino MANNO Gruppo MIP Medico In Pra8ca - Cuoreinsalte SUMSI Ecocardiografia Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica 3. Appropriatezza

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Introduzione L arteriopatia obliterante

Introduzione L arteriopatia obliterante SCELTE TERAPEUTICHE NEL TRATTAMENTO DELLE ARTERIOPATIE OBLITERANTI ED ANEURISMATICHE. EVOLUZIONE DELLE INDICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE CON LORO IMPATTO SUI RISULTATI A BREVE E LUNGO TERMINE. Introduzione

Dettagli

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE I CENTRI CARDIOVASCOLARI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI INTEGRATA G.P. Cornalba Accessibilità Efficienza

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

Ipertensione arteriosa. Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni prevenibili. Apparato cardiovascolare

Ipertensione arteriosa. Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni prevenibili. Apparato cardiovascolare Apparato cardiovascolare Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno La Qualità del Sistema Socio Sanitario Regionale del Veneto: aspetti professionali Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni

Dettagli

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa AZIENDA REGIONALE DI RIFERIMENTO per l emergenza di 2 livello OSPEDALI CIVILE MARIA PATERNO AREZZO RAGUSA REGISTRO DEI TUMORI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA Responsabile: Dr Rosario Tumino Via Dante n. 109

Dettagli

Medicina basata sull Evidenza

Medicina basata sull Evidenza Medicina basata sull Evidenza Numerosi trattamenti tatta t possono o ridurre il rischio dei maggiori eventi cardiovascolari in grandi gruppi di pazienti Prescrizione di tutti i farmaci benefici a tutti

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO

ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO Città della Salute e della Scienza A.S.O: SAN GIOVANNI BATTISTA - SEDE MOLINETTE DIRETTORE: PROF. GIOVANNI GANDINI Nuove applicazioni

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14 IL LAZIO CAMBIA I RISULTATI PIÙ IMPORTANTI DI QUESTI MESI ACCORDO CON I MMG PER PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI CRONICI

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

Materiale di approfondimento

Materiale di approfondimento Materiale di approfondimento Cos è lo scompenso cardiaco Lo scompenso cardiaco è una malattia sempre più frequente che compare quando il cuore, danneggiato, non è più in grado di svolgere la sua normale

Dettagli

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova.

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova. Indicatori per la valutazione degli esiti dell assistenza Gallina P*, Benetollo PP**, Saugo M, Maggi S * Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione

Dettagli

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Antonietta Ledda Cardiologia P.O. Cervello - Palermo 2 ottobre 2015 Tavola Rotonda NAO E CARDIOPATIA

Dettagli

Nuove strategie nella prevenzione cardiovascolare

Nuove strategie nella prevenzione cardiovascolare Area Prevenzione Cardiovascolare slides tematiche Nuove strategie nella prevenzione cardiovascolare per gentile concessione della Dott.ssa Annarita Pilleri SSD Valutazione e consulenza Cardiologica Azienza

Dettagli

L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning

L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning Luca Demattè, Elisa Rossi, Elisa Cinconze Verona, 25 Ottobre 2014 1 Sommario 1. Health Technology Assessment e Real World Evidence

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

5 maggio 2011. Ordine dei medici - L Aquila. Con la consulenza scientifica di

5 maggio 2011. Ordine dei medici - L Aquila. Con la consulenza scientifica di L Aquila 5 maggio 2011 Ordine dei medici - L Aquila Con la consulenza scientifica di RAZIONALE Le malattie cardiovascolari nel nostro Paese, analogamente ad ogni altro Paese occidentale, sono la prima

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale. Istruzioni per il ricercatore

Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale. Istruzioni per il ricercatore Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale Istruzioni per il ricercatore 1. Decidi la partecipazione prima di controllare se hai casi di morte improvvisa. questo aspetto è molto

Dettagli

risultati preliminari

risultati preliminari ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Torino 27-28 settembre 2013 risultati preliminari Esami e procedure interventistiche richiedono spesso l utilizzo del MEZZO di CONTRASTO,

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Regione Basilicata AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Ambito Territoriale Ex A.S.L. 3 LAGONEGRO. 85100 POTENZA Ospedale San Giovanni Lagonegro (PZ) U.O.C. di Medicina Interna, d Urgenza e PSA Direttore

Dettagli