ANATOMIA E BIOMECCANICA DELLA SPALLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANATOMIA E BIOMECCANICA DELLA SPALLA"

Transcript

1 (dott.ssa M.Pia Bronzino) ANATOMIA E BIOMECCANICA DELLA SPALLA La spalla, articolazione prossimale dell arto superiore, è la più mobile di tutte le articolazioni del corpo umano. Possiede tre gradi di libertà, che le permettono di orientare l arto superiore nei tre piani dello spazio e di eseguire movimenti di: -flessione (anteposizione)-estensione (retroposizione) sul piano sagittale -abduzione-adduzione sul piano frontale -intrarotazione-extrarotazione sul piano orizzontale. Le ossa che costituiscono il complesso articolare della spalla sono: 1. il cingolo scapolare costituito dalla clavicola, la scapola e lo sterno. 2. l omero Il complesso articolare della spalla è costituito di cinque articolazioni, suddivise in due sottogruppi: A. formato dall articolazione scapolo-omerale, più importante, e dall articolazione sottodeltoidea o seconda articolazione della spalla, legata meccanicamente alla scapolo-omerale. B. formato da tre articolazioni, la scapolo-toracica, che è la più importante del gruppo ma funziona solo insieme alle altre due, l acromion-clavicolare e la sterno-costoclavicolare. La clavicola è un osso corto, cilindrico, a forma di esse, posto a ponte tra sterno e scapola. L articolazione sterno-claveare mette in contatto la clavicola, la prima cartilagine costale e il manubrio dello sterno permettendo alla clavicola movimenti di elevazione ed abbassamento, avanzamento e arretramento e di rotazione sul suo asse, movimenti che avvengono insieme a quelli della scapola. Essa è rinforzata da due legamenti, uno anteriore ed uno posteriore. La scapola è un osso piatto, triangolare, con due facce, anteriore e posteriore, tre angoli e tre margini. A livello dell angolo esterno si trova la superficie articolare ovale della cavità glenoidea che con la testa dell omero cui corrisponde forma l articolazione scapolo-omerale. Dal margine superiore della scapola internamente origina una prominenza ossea con la forma di dito piegato e appuntito che costituisce l apofisi coracoide. La faccia anteriore della scapola leggermente concava prende rapporto mobile con il torace. La faccia posteriore infine è divisa nel suo terzo superiore dalla spina della scapola in una fossa sopraspinata ed una fossa sottospinata. La spina della scapola verso l esterno nel margine superiore forma una sporgenza appiattita, l acromion. L articolazione acromion-claveare è costituita da due superfici ovalari situate sull acromion e sull estremità esterna della clavicola, che permettono un movimento di scivolamento, aperturachiusura dell angolo formato dalle due ossa. La capsula di questa articolazione è lassa, ma è stabilizzata da quattro legamenti, uno superiore, uno inferiore, il conoide ed il trapezoide. L omero è l osso del braccio, costituito dal corpo centrale e da due estremità. L estremità superiore è costituita internamente dalla testa dell omero sferica, limitata dal solco circolare del collo anatomico, esternamente dalla grande tuberosità o trochite e dalla piccola tuberosità o trochine. L estremità inferiore forma l articolazione del gomito con le ossa dell avambraccio. L articolazione scapolo-omerale è costituita dalla testa omerale, orientata in alto, in dentro e in dietro, dalla cavità glenoidea della scapola, orientata in fuori, in avanti e in alto, e dal cercine glenoideo o menisco della spalla; quest ultimo aumentando la cavità della glenoide ristabilisce la congruenza articolare, ancora i legamenti e con la sua parte inferiore è fondamentale per la stabilità della spalla. 1

2 L articolazione è protetta da una capsula articolare, che viene rinforzata dal legamento coracoomerale e dal legamento gleno-omerale con i suoi tre fasci, di cui l inferiore è lo stabilizzatore primario dell omero tra i 45 ed i 90 di abduzione. Occorre ricordare che i tre fasci del legamento gleno-omerale presentano due zone deboli, il forame di Weitbrecth ed il forame di Rouvière. La tensione del legamento gleno-omerale è un fattore importante per la stabilità della spalla; nell abduzione sono i fasci medio ed inferiore che si mettono in tensione permettendo la massima adesione della testa omerale contro la glenoide insieme all azione dei muscoli deltoide e sovraspinoso. Anche nella rotazione esterna dell omero i tre fasci del legamento gleno-omerale sono in tensione. Nell ante e retroposizione della spalla è invece il legamento coraco-omerale ad essere messo in tensione. La capsula articolare si comporta diversamente a seconda dei movimenti del braccio; con il braccio pendente la sua parte superiore è tesa e l'inferiore è rilasciata, col braccio abdotto a 90 la parte inferiore è tesa impedendo la destabilizzazione articolare in basso, a 45 invece è rilasciata e l'articolazione risulta pertanto maggiormente instabile. Il contatto delle superfici articolari della scapolo-omerale sono assicurati dai muscoli periarticolari a direzione trasversale, veri legamenti attivi dell articolazione; questi muscoli sono: a) sovraspinoso b) sottoscapolare c) sottospinoso d) piccolo rotondo e) tendine del capo lungo del bicipite, la cui inserzione al cercine glenoideo è intracapsulare. I muscoli longitudinali del braccio e del cingolo scapolare impediscono con la loro contrazione tonica alla testa omerale di lussarsi al di sotto della glenoide sotto la trazione di un peso tenuto in mano o del semplice peso dell arto superiore. Recenti studi elettromiografici hanno dimostrato che essi non intervengono attivamente se non quando l arto superiore porta dei grossi pesi, in quanto il ruolo essenziale di sostegno in condizioni normali è effettuato dalla parte superiore della capsula potentemente rinforzata dal legamento coraco-omerale, vero sospensore della spalla. Al contrario la lussazione verso l alto della testa per effetto di una contrazione troppo forte di questi muscoli longitudinali, è impedita e limitata dalla presenza della volta acromion-coracoidea. Questi muscoli sono: e) capo breve del bicipite f) coraco-brachiale g) capo lungo del tricipite h) deltoide i) fascio clavicolare del grande pettorale. I muscoli motori del cingolo scapolo-omerale possono essere suddivisi in: I) scapolo-toracici che muovono scapola e clavicola sul torace II) scapolo-omerali che muovono l omero. Al primo gruppo appartengono - Trapezio: diviso in tre porzioni, col fascio superiore solleva il moncone della spalla e ne impedisce la caduta sotto il peso di un carico; col fascio medio porta il moncone della spalla indietro; col fascio inferiore attira la scapola in basso ed in dentro. I tre fasci insieme adducono la scapola e la ruotano di 20 in alto, movimento importante per i carichi pesanti. - Romboide: innalza e ruota verso il basso la scapola fissandone l angolo inferiore alle coste. - Angolare: solleva ed intraruota la scapola, serve nel trasporto dei pesi. - Gran dentato: sposta la scapola in avanti ed in fuori fissandola quando si spinge un oggetto pesante in avanti ed interviene nell anteposizione ed abduzione della spalla. - Piccolo pettorale: abbassa il moncone della spalla ed allontana l angolo inferiore della scapola dal torace. 2

3 - Succlavio: abbassa la clavicola e quindi la spalla e coatta l articolazione sterno-costo-claveare. Al secondo gruppo appartengono: - Sottoscapolare: ruota internamente il braccio. - Sopraspinato: abduce il braccio col deltoide - Sottospinato: ruota esternamente l omero e partecipa all abduzione. - Piccolo rotondo: ruota esternamente l omero. Questi quattro muscoli costituiscono la cuffia dei rotatori, che hanno un ruolo importante come legamenti attivi della spalla. - Coracobrachiale: antepone e adduce il braccio. - Bicipite brachiale: partecipa all antepulsione, col capo lungo all abduzione e col capo breve all adduzione. - Gran pettorale: adduce ed intraruota il braccio, è il muscolo dell abbraccio e della sospensione del braccio, le fibre superiori antepongono la spalla fino a Gran dorsale: ruota internamente, adduce e retropone il braccio. - Gran rotondo: azione simile ma meno potente del precedente. - Deltoide: col fascio anteriore antepone e ruota internamente il braccio, col fascio medio abduce il braccio, col fascio posteriore retropone il braccio. Analizziamo ora i movimenti della spalla e l'attività muscolare che li effettua. L'anteposizione si divide in tre tempi. Da 0 a 60 lavorano il fascio anteriore del deltoide, il coraco-brachiale ed il fascio superiore del gran pettorale. Da 60 a 120 lavorano il trapezio ed il gran dentato. Da lavora il rachide andando in iperlordosi. La rotazione si effettua internamente con gran dorsale, gran rotondo, sottoscapolare e gran pettorale; esternamente con sottospinoso e piccolo rotondo, che sono deboli ma sono coadiuvati da romboide e trapezio che adducono la scapola aumentando la rotazione. L'abduzione, per realizzarsi, ha bisogno che il trochite omerale passi sotto il legamento coracoacromiale e che ciò avvenga senza compressione dei tessuti interposti. Ciò è possibile solo se si hanno le seguenti condizioni: una perfetta coordinazione muscolare, una sufficiente cedevolezza dei tessuti molli, un normale meccanismo di rotazione dell'omero. Dal punto di vista muscolare l'abduzione dipende dal sinergismo deltoide-cuffia dei rotatori. Il deltoide innalza l'omero secondo il suo asse diafisario sospingendone la testa contro il legamento coraco-acromiale. La testa omerale viene fissta nel cavo glenoideo, ruota e scivola in basso permettendo il proseguimento del movimento. Questo avviene grazie all'azione della cuffia dei rotatori. Il sovraspinato agisce soprattutto traendo ed ancorando la testa omerale nel cavo glenoideo, mentre la sua efficacia rotatoria è modesta. Interviene in tutte le fasi dell'abduzione e non solo all'inizio e per questo ha un'importante azione quantitativa sulla forza del movimento. Il sottospinato, il sottoscapolare ed il piccolo rotondo fissano la testa omerale e la fanno ruotare ed abbassare, permettendole di sfuggire all'impatto con il legamento coraco-acromiale. Considerando la sola articolarità gleno-omerale, l'abuzione attiva arriva fino a 120 solo se l'omero extraruota di 90. Dopo il movimento avviene grazie al basculamento della scapola. La scapola scivola sulla parete toracica grazie all'articolazione scapolo-toracica e all'acromion-claveare, per attività dei muscoli trapezio e gran dentato. Il trapezio fa basculare la scapola verso l'esterno attorno all'asse centrale dell'articolazione acromion-claveare e innalza la parte inferiore della glenoide. Il gran dentato fa basculare anch'esso lateralmente la scapola. L'abduzione completa del braccio sul piano frontale avviene pertanto secondo un armonico susseguirsi di azioni detto ritmo scapolo-omerale. Di ogni 15 di abduzione 10 si realizzano a livello gleno-omerale e 5 a livello scapolo-toracico, con uno schema integrato e ritmico. Per il deltoide, il muscolo principale dell'abduzione, è importante la rotazione scapolare per mantenere la tensione necessaria alla sua contrazione. La stabilità della spalla, specie dopo i primi 90 di abduzione, è garantita dal basculamento della scapola che modifica i rapporti tra testa omerale e 3

4 glenoide cosicché ai 180 il deltoide pressoché non lavora perché l'incavo della glenoide si trova sotto la testa omerale. Occorre anche ricordare l'importanza dell'articolazione sterno-claveare. Infatti nell'escursione tra 0 e 90 la scapola ruota di 30 e la clavicola si eleva di altrettanto; oltre i 90 di abduzione però a livello sterno-claveare non è più possibile seguire il movimento della scapola e la clavicola ruota di 45 attorno all'asse diafisario alzando la sua estremità laterale degli altri 30 necessari al completamento del movimento armonico di abduzione. Studi più recenti dell'anatomia della cuffia dei rotatori hanno dimostrato che tale struttura tendinea è strutturata in cinque strati diversamente orientati, cosa che causa una notevole suddivisione delle forze e quindi più facili lesioni. Anche l'arco coraco-acromiale è stato implicato nella patologia della cuffia, che sovrasta; un difetto di ossificazione dell'acromion o forme diverse dell'acromion possono essere fattore di rischio della patologia della cuffia. L'arco tra i 60 e i 120 di elevazione è quello dove l'acromion è più vicino alla cuffia. Tutti questi dati e la conferma della differenza di contributo dei vari elementi nei vari gradi di movimento e quindi l'importanza del ritmo scapolo-omerale corretto, fanno comprendere la complessità della valutazione biomeccanica della patologia degenerativa della spalla. Classificazione clinica delle patologie (dott. Enrico Fiorio) Sono talmente numerose nella Letteratura le proposte avanzate a questo proposito che il tentativo di proporvele avrebbe un effetto sicuramente negativo sul piano didattico, ingenerando un affastellamento di nozioni e, di conseguenza, confusione. Dal punto di vista didattico ritengo pertanto opportuno proporvi, almeno in prima istanza, una classificazione standard, in realtà un ibrido derivato da diverse classificazioni abbastanza simili fra loro, la quale, più che classica dovrebbe essere definita senza età, poichè di basa esclusivamente sulla identificazione anatomo-patologica delle singole entità nosologiche, indipendentemente dalla loro collocazione patogenetica e dalla loro possibile associazione. (Tabella) Borsite subacromiale -acuta -cronica (con o senza calcific.) -fibrosi della borsa s.a. Patologia flogistica -Tendiniti e tenosinoviti -del capo lungo del bicipite -della cuffia dei rotatori -Capsulite retrattile -Artriti -dell artic.gleno-omerale -dell art. acromioclavicolare -dell art.sternoclavicolare 4

5 patologia degenerativa - Tendinopatia inserzionale dei rotatori (e rotture croniche della cuffia) - Artrosi -gleno-omerale (0moartrosi concentrica o eccentrica -acromio-clavicolare -sterno-clavicolare Come potete vedere nella tabella proiettata le varie entità cliniche sono elencate seguendo uno schema tradizionale che fa riferimento al momento etiopatogenetico genericamente etichettato come infiammatorio o degenerativo. Questo tipo di classificazione che a lungo è stata fra i più diffusi mostra ai giorni nostri importanti limiti. Innanzitutto l elemento patogenetico, che dovrebbe costituirne l aspetto essenziale, viene proposto in modo conciso e schematico e non è soggetto ad una analisi approfondita: la patologia infiammatoria riconosce una genesi irritativa, infettiva od autoimmune mentre quella degenerativa presuppone che la causa risieda nel logorio funzionale e nell invecchiamento delle strutture articolari e periarticolari. Non vengono individuati fattori predisponenti al di fuori dell uso prolungato ed intensivo di queste strutture e specialmente non si tengono in considerazione né il rapporto fra età dei pazienti ed epoca di insorgenza percentualmente più significativa nè la frequente associazione delle varie patologie che risulta invece esserne la chiave interpretativa, almeno per quanto concerne il gruppo più rappresentato nella pratica clinica cioè quello della cosidetta periartrite. Prendendo avvio dal concetto ormai diffusamente accettato che una larga percentuale della Patologia in oggetto interessa elettivamente lo spazio subacromiale e le strutture anatomiche che lo delimitano o sono in esso contenute, una classificazione più attuale, ispirata cioè alle attuali conoscenze, deve necessariamente fare riferimento innanzitutto al meccanismo patogenetico che nella maggioranza dei casi riconosce il concorso di più fattori, sia predisponenti che causali, e rispondere ad alcune domande che in passato ci siamo posti senza potervi fornire una soddisfacente risposta. La prima di queste domande è la seguente: il processo infiammatorio delle strutture periarticolari precede in ordine cronologico la patologia degenerativa concorrendo anche a determinarla o i due processi evolvono in modo autonomo riconoscendo agenti causali comuni ed in una certa misura sovrapponendosi? In altri termini è il logorio funzionale a determinare una reazione flogistica e successivamente un deterioramento strutturale conseguente ai danni anatomici e all alterata dinamica articolare? L età di massima incidenza (40-60 anni), non certo casuale, induce a ritenere il logorio funzionale elemento patogenetico importante. A fronte di tale incontestabile realtà si fa strada un altro quesito che spesso ci siamo posti : perché alcuni individui presentino questa patologia ed altri, apparentemente simili per età, caratteristiche somatiche, abitudini di vita ed attività fisica ne risultino indenni o solo sfiorati ;ed ancora per quale ragione la patologia interessi spesso una spalla e risparmi o aggredisca in misura meno grave la spalla controlaterale senza una apparente disparità di carico funzionale. Ed ancora: che ruolo hanno nella patogenesi della spalla dolorosa i traumi minori che assai spesso figurano quale starter della sintomatologia? Un certo aiuto nel dare una risposta a questi quesiti ci viene fornito dalla valutazione attenta dei dati anamnestici specialmente per quanto si riferisce ai casi la cui insorgenza è preceduta da lesioni traumatiche maggiori della regione della spalla. In questi casi, che pur frequenti non costituiscono tuttavia la regola, la lesione anatomica delle formazioni capsulari e/o muscolotendinee è primaria, cioè precede eventuali reazioni di tipo flogistico : queste spalle presentano alterazioni dinamiche 5

6 spesso grossolane e sempre di immediato rilievo che possono configurarsi nella rigidità e nella attivazione di compensi opportunistici o al contrario nella instabilità. Un altro elemento da non sottovalutare è la relativa frequenza con cui le sindromi algicodisfunzionali della spalla di cui stiamo trattando si associano a patologia rachidea, specialmente del tratto cervicale, in gran parte dei casi preesistente ad esse. E plausibile ipotizzare che in assenza di eventi traumatici di rilievo possa instaurarsi a livello della spalla una alterazione (subclinica) della corretta sequenza motoria basata sulla armonica successione di attivazioni muscolari e soggetta ad influenze posturali o a condizionamenti derivati da condizioni patologiche situate in altre sedi, prossimali o distali, della catena cinetica di cui la spalla stessa fa parte ( discinesia). Un altro elemento che può incidere negativamente nell economia funzionale della spalla è la instabilità: mi riferisco non tanto ( o non solo) a quella spesso marcata ed evidente che consegue i traumatismi maggiori, le lussazioni in particolare, dell articolazione gleno-omerale ma specialmente a quella meno evidente, spesso denunciata dal paziente come semplice sensazione di fastidio o di dolore lieve e non localizzabile con precisione, che viene evocata da certi movimenti dell arto. Questo tipo di instabilità, il più delle volte definibile come multidirezionale, riconosce come elementi causali un momento displasico (anomalie di ampiezza e di orientamento della glenoide scapolare documentabili con le moderne tecniche di imaging) ed una lassità capsulo-legamentosa verosimilmente costituzionale. Si introduce così nello studio della patogenesi della spalla dolorosa il concetto di predisposizione su base dismorfogenetica (Genetica?) che può spiegare almeno in parte la predilezione di alcuni soggetti rispetto ad altri non altrimenti giustificabile. L introduzione del concetto di anomalia morfologica congenita, opportunamente ampliato, ci porta a focalizzare un altro elemento di significato patogenetico cioè la variante anatomica (termine più corretto che anomalia ) capace di interferire negativamente nella dinamica della spalla generandovi risposte patologiche. Sono note e facilmente documentabili radiologicamente tre varianti morfologiche dell acromion (vedi figura) delle quali le due ultime possono in effetti determinare un restringimento dello spazio subacromiale facilitando l insorgenza di un conflitto omero-acromiale. Il radiologo ed i chirurghi ortopedici che vi parleranno in seguito ritorneranno certamente su tale argomento. In sintesi (Diapo/schema) dunque la Patologia non traumatica della spalla, particolarmente quella etichettata come cronica riconosce una genesi multifattoriale in cui vengono individuati momenti dismorfici congeniti od acquisiti, questi ultimi in gran parte post-traumatici, e/o patologie localizzate in altre sedi della catena cinetica di cui la spalla fa parte, i quali concorrono attraverso difetti di stabilità o di coordinazione motoria (spesso entrambi) a determinare sofferenza delle strutture anatomiche coinvolte, cioè in ultima analisi usura. Usura a cui contribuiscono naturalmente sia l invecchiamento che il sovraccarico funzionale. Appare dunque verosimile che l alterazione anche non grossolana della delicata dinamica glenoomero-acromiale possa costituire lo starter di una serie di fenomeni vuoi flogistici vuoi degenerativi, non necessariamente vincolati ad una sequenza cronologica rigorosa, ma anzi non di rado sovrapposti se non addirittura simultanei, da cui originano le varie espressioni cliniche. Quanto detto si riferisce principalmente al complesso di alterazioni che caratterizzano la cosidetta periartrite scapolo-omerale ed in parte alla patologia osteo-articolare degenerativa cioè alla artrosi. Quest ultima infatti riconosce come elementi patogenetici principali alterazioni della meccanica articolare analoghe a quelle invocate per la patologia minore, ma che oltre ad essere il più delle volte di entità maggiore, agiscono a lungo, non di rado subdolamente, senza subire o poter subire misure correttive in grado di rallentarne la evoluzione. Un esempio calzante di ciò è rappresentato da quelle forme di artrosi (definite appunto secondarie ) che conseguono a grossolani dismorfismi scheletrici o ad altrettanto grossolane alterazioni dinamiche di origine macrotraumatica. E vero purtuttavia che esistono molte tappe intermedie fra la patologia minore e l artrosi conclamata e che l iter patogenetico delle due entità nosologiche ha numerosi punti in 6

7 comune. La più evidente di queste connessioni patogenetiche si configura nella cosidetta omoartrosi eccentrica, vale a dire in quella forma di artrosi gleno-omerale che consegue a deterioramento o rottura della cuffia dei rotatori con migrazione della testa omerale verso la volta coraco-acromiale. (Disegno) Un capitolo a sé occupa la cosidetta capsulite retrattile o adesiva, il cui meccanismo patogenetico, più complesso e per molti aspetti non ben conosciuto, non è riconducibile in tutto e per tutto allo schema sopra descritto. L elemento antomopatologico comune è costituito da un processo infiammatorio che interessa lo strato sinoviale della articolazione gleno-omerale a cui segue una fibrosi capsulare: tuttavia non sempre questo processo si instaura primitivamente (capsulite primitiva); non di rado invece evolve come sequela di un processo infiammatorio delle strutture dello spazio subacromiale da conflitto omero-acromiale o impingement che dir si voglia, non tempestivamente o adeguatamente trattato (capsulite secondaria). Un discorso a parte merita per l artrite reumatoide, malattia infiammatoria sistemica, dalla patogenesi complessa, la cui localizzazione alla articolazione scapolo-omerale è relativamente frequente e che conduce a gravi alterazioni strutturali dei capi ossei articolari: in questa malattia la sintomatologia dolorosa e disfunzionale origina nelle fasi più precoci dal processo infiammatorio che partendo dallo strato sinoviale si estende a tutte le componenti anatomiche della articolazione, mentre nella fase di stato e negli esiti deriva dalle limitazioni motorie e dalla artrosi che si instaura secondariamente sulle citate alterazioni strutturali. Concludendo questa necessaria divagazione sul meccanismo etiopatogenetico della patologia non traumatica della spalla ed attenendoci ai concetti or ora espressi rientriamo in tema proponendo una classificazione clinica ispirata a questa interpretazione. (Diapo/schema) -Borsite subacromiale (essudativa o calcifca) Patologia dello spazio sottoacromiale -Tendiniti o tendinopatie degenerative della cuffia -Tendiniti o tendinosi del capo lungo del bicipite -Rotture della cuffia ed instabilità secondarie Patologia Capsulare -Instabilità (primitiva o secondaria) -Capsulite adesiva da lassità capsulo-legamentosa Patologia articolare -Artrosi gleno-omerale -primitiva (concentrica) -secondaria (eccentrica) -Artrosi acromion-clavicolare e sterno-clavicolare -Artriti gleno-omerali -Artriti acromion-clavicolari e Sterno-clavicolari ( S. di Tiezte) 7

8 (Dott.ssa M. G. Danovaro, Dott.ssa S. Fontolan) SEMEIOTICA DELLA SPALLA Il cingolo scapolare e formato da tre articolazioni vere e proprie e da una articolazione speciale: 1) Articolazione sterno claveare 2) Articolazione acromio claveare 3) Articolazione gleno omerale ( la spalla propriamente detta) 4) Articolazione scapolo toracica. Tutte queste articolazioni agiscono in sincronismo per permettere il movimento completo. A differenza dell anca che e una articolazione stabile che possiede una profonda cavita acetabolare, la spalla e una articolazione mobile con una cavita glenoidea poco profonda. L esame della spalla inizia con una accurata osservazione visuale seguita da una dettagliata palpazione sia delle strutture ossee che delle parti molli del cingolo scapolare. La determinazione dell ampiezza dei movimenti, l esame della validita muscolare, un esame neurologico ed alcuni esami speciali completano l esame. ISPEZIONE L ispezione inizia mentre il paziente entra in ambulatorio. Mentre cammina si deve osservare la uniformita e simmetria del movimento, l arto superiore nella deambulazione normale oscilla in sincronismo con l arto inferiore del lato opposto. Mentre il paziente si sveste osservate il ritmo del movimento della spalla. Normalmente il movimento dai due lati e fluido e naturale, un movimento anormale appare invece innaturale e irregolare. Esso spesso rappresenta il tentativo del paziente di sostituire un movimento inefficace ma indolente ad un altro movimento che era efficace ma che ora e doloroso.il modo piu efficace per rilevare la presenza di una anomalia e il paragone con il lato opposto, questo esame comparativo il piu delle volte svela ogni alterazione presente. Si esplora visivamente la clavicola, la porzione deltoidea della spalla, la faccia posteriore della scapola. PALPAZIONE DELLE OSSA All esaminatore la palpazione delle strutture ossee fornisce un metodo ordinato e sistematico per studiare l anatomia della regione. Si palpa: Fossa soprasternale Articolazione sternoclavicolare Clavicola Processo coracoideo Articolazione acromion clavicolare Acromion Grande tuberosita dell omero Solco bicipitale Spina della scapola Bordo vertebrale della scapola 8

9 PALPAZIONE DELLE PARTI MOLLI PER REGIONI ANATOMO CLINICHE L esame delle parti molli della spalla si suddivide nell esame di quattro distinte zone cliniche: 1) Cuffia dei rotatori 2) Borsa sottoacromiale e sottodeltoidea 3) Ascella 4) Muscoli del cingolo scapolare LA CUFFIA DEI ROTATORI ha importanza clinica in quanto la degenerazione e la conseguente rottura e un fenomeno patologico abbastanza comune che provoca una limitazione dei movimenti della spalla La cuffia e formata da 4 muscoli: IL sovraspinato Il sottospinato Il piccolo rotondo Il sottoscapolare (non palpabile) LA BORSA SOTTOACROMIALE E SOTTODELTOIDEA puo esse causa di violenti dolori e limitazioni dei movimenti della spalla se affetta da Borsite. L ASCELLA o CAVO ASCELLARE e una struttura attraverso la quale passano i grossi tronchi vascolari e nervosi destinati all arto superiore. I MUSCOLI DEL CINGOLO SCAPOLARE ESPLORABILI sono : Lo Sterno cleido mastoideo Gran pettorale Bicipite Deltoide Trapezio Piccolo e grande romboide Gran dorsale Dentato anteriore ESAME della MOTILITA ATTIVA E PASSIVA ESAME DELLA MOTILITA ATTIVA Comprende alcuni test: Test di APPLEY. Chiedete al paziente di portare la mano dietro il capo e toccare l angolo supero mediale della scapola controlaterale, poi chiedete al paziente di portare la sua mano davanti alla faccia e di toccare l acromion dal lato opposto. Infine fategli portare la mano dietro la schiena fino a toccare l angolo inferiore della scapola dal lato opposto. Test di JOBE: l esaminatore si pone davanti al paziente che mantiene le braccia abotte di 90 e anteposte di 30. Il tesy e positivo per una sofferenza del SOVRASPINOSO se il tentativo dell esaminatore di abbassare il braccio abdotto contro resistenza del paziente risveglia dolore. TEST PER IL SOTTOSPINOSO. Il braccio del paziente e mantenuto addotto al corpo, nella posizione intermedia di rotazione con gomito flesso e avambraccio spinato. 9

10 L esaminatore si pone di fronte al paziente e mentre con una mano sostiene il gomito, con l altra offre resistenza al movimento di extrarotazione del braccio. TEST PER IL MUSCOLO SOTTOSCAPOLARE. Braccio in intrarotazione a gomito flsso e spalla abdotta di e retroposta di L esaminatore sosterra l arto nella posizione descritta ed invitera il paziente ad effettuare una intrarotazione contrastando il movimento. TEST di YERGASON. Si contrasata la flessione attiva del gomito con avambraccio supinato (processo flogistico del bicipite. PALM UP TEST. Test attivo passivo in cui l esaminatore contrasta il movimento del paziente di elevazione in anteposizione del braccio a gomito esteso e con il palmo della mano rivolto in alto. E positivo quando il paziente avverte dolore sulla doccia bicipitale. TEST ATTIVO PASSIVO DEL CAPO LUNGO DEL BICIPITE. A braccio addotto e retroposto si contrasta la flessione attiva del gomito realizzando in tal modo una trazione attiva e passiva sul tendine del bicipite. TEST DI NEER. L esaminatore e posto dietro al paziente che e seduto. La rotazione della scapola e bloccata con una mano, mentre l altra solleva il braccio del soggetto in avanti, producendo una flessione anteriore e abduzione che creano un conflitto tra il trachite ed il bordo antero inferiore dell acromion TEST DI YOCUM. La mano della spalla esaminata va posta sulla spalla controlaterale e si chiede al soggetto di alzare il gomito senza sollevatre la spalla.. Si produce un conflitto tra trochite e parte esterna del legamento coraco acromiale ed eventuale osteofitosi dell articolazione acromion claveare. TEST DI HAWKINS. L esaminatore, posto di fronte al paziente, portandogli il braccio a 90 di flessione anteriore a gomito flesso di 90 imprime un movimento di rotazione interna articolazione gleno omerale. Si produce cosi un conflitto tra il trachite e il legamento coracoacromiale. ESAME DELLA MOTILITA PASSIVA Se il paziente e incapace di eseguire in modo corretto i movimenti attivi si deve passare all esame dei movimenti passivi. L esame della motilita passiva esclude da ogni considerazione la variabile data dalla forza muscolare, poiche e l esaminatore che fornisce questa forza.. Se esiste un arresto di movimento questo puo essere intra o extra articolare. Se l arresto del movimento e elastico e cede leggermente aumentando la pressione, e probabilmente extraarticolare (parti molli); se invece l arresto sembra invincibile e avviene bruscamente, vi e probabilmente un arresto intraarticolare (osseo). IL paziente deve essere assolutamente rilasciato durante questo esame, perche se egli e teso i suoi muscoli saranno contratti e le sue articolazioni irrigidite e non permetteranno una completa escursione articolare passiva. 10

11 Trattamento conservativo (dott. Fabio Demasi) Per lunghi anni il trattamento conservativo è stato l unica arma a disposizione di Ortopedici, Reumatologi, Fisiatri e Generici per curare la spalla dolorosa nelle sue varie espressioni cliniche e la cosidetta periartrite scapolo-omerale in particolare e, sebbene le proposte alternative siano in costante incremento, si può tranquillamente sostenere che esso è tuttora, almeno per alcuni aspetti, ampiamente attuale. In particolare non si può disconoscere il ruolo importante che la terapia conservativa riveste, per quanto concerne il suo significato antalgico, nella cura della spalla dolorosa ad esordio acuto o subacuto, quando l entità della sintomatologia dolorosa rende improponibile ed inattuabile il gesto riabilitativo. Cercherò pertanto di proporvi una concisa rassegna delle varie risorse, commentandone brevemente in modo critico la attuale collocazione nell ambito della strategia terapeutica. (Schema) A)La terapia farmacologica Alla luce della interpretazione etiopatogenetica tradizionale il panorama è dominato dai farmaci antiflogistici (corticosteroidi e non): è superfluo ricordarvi i rischi connessi all uso indiscriminato e non protetto di questi preparati ed in particolare del cortisone, farmaco prezioso per molteplici ragioni ma il cui impiego sistematico nella patologia di cui ci stiamo occupando mi pare sproporzionato. Nei casi ad insorgenza acuta con sintomatologia algica particolarmente intensa tuttavia i FANS, in associazione o meno a farmaci più specificamente antidolorifici, rappresentano tuttora una risorsa irrinunciabile. Nello schema vedete citati anche gli ansiolitici: è chiaro che il loro impiego può essere indicato come coadiuvante della terapia antalgica qualora la componente emotiva abbia un certo rilievo: ricordo a questo proposito come da più parti il fattore psicoemotivo venga evocato come elemento predisponente nelle spalle bloccate da capsulite adesiva. Ricordo ancora, per una necessaria completezza espositiva, l impiego di farmaci immunosoppressori nel trattamento dell artrite reumatoide in relazione al riconoscimento di un meccanismo immunitario nella sua patogenesi. Grande rilievo ha invece da molti anni l uso topico dei medesimi farmaci e segnatamente dei derivati corticosteroidei. L argomento è da sempre assai controverso ed ingente è il numero sia dei fautori che dei detrattori. Non intendo disconoscere il rischio connesso alla iniezione locale di corticosteroidi in considerazione dei non indifferenti effetti indesiderati che tali sostanze possono indurre sia a livello generale che locale. E bene precisare per quanto concerne gli effetti negativi locali che questi sono più marcati se il farmaco viene iniettato nel contesto dei tessuti rispetto all iniezione endocavitaria o alla diffusione nell ambiente immediatamente circostante l organo bersaglio. Va aggiunto a questo riguardo che i corticosteroidi possono indurre nei tessuti di origine connettivale, quali quelli che costitutiscono la cuffia dei rotatori, trasformazioni degenerative tali da ostacolarne i processi riparativi o la sutura nel corso di interventi chirurgici. È questa una delle ragioni principali che inducono a limitare sia il numero delle infiltrazioni che il dosaggio restringendo il campo delle indicazioni alle forme dolorose con lesioni della cuffia assenti o di modesta entità. Ciò precisato, resta tuttavia innegabile che,se vengono rispettate alcune condizioni quali l indicazione corretta, la tecnica accurata, il dosaggio limitato ed il rispetto rigoroso delle controindicazioni, la terapia infiltrativa cortisonica rappresenta tuttora una importante risorsa terapeutica, in particolar modo nelle forme acute iperalgiche. Rammento ancora che per essere realmente efficace l infiltrazione deve essere eseguita in modo mirato così da portare la massima concentrazione del farmaco nella sede esatta del processo patologico.(figura) 11

12 L intensa reazione dolorosa riferita frequentemente in passato è stata da tempo attenuata mediante l associazione del farmaco con anestetici locali; i quali vengono talora impiegati isolatamente a scopo diagnostico. Se tale tipo di trattamento merita l attenzione che gli deriva da una elevata percentuale di successi, non altrettanto si può dire del trattamento infiltrativo con altri farmaci, proposto da alcuni per aggirare il problema della scarsa maneggevolezza del cortisone. Fa eccezione l iniezione intra-articolare di farmaci ad azione sinoviortesica (Rifampicina, acido osmico, Atoxisclerol )nelle artriti con imponente reazione sinoviale essudativa. In alternativa al trattamento infiltrativo descritto molti medici prediligono la mesoterapia, intendendosi per tale l iniezione sottocutanea simultanea di FANS ed anestetici locali praticata in aree più o meno estese della superficie corporea in corrispondenza della zona sede del processo patologico responsabile della sintomatologia. Credo che questo tipo di terapia, il cui vantaggio principale consiste nella scarsa invasività e nella facilità di esecuzione, contrasti con quanto ho appena detto circa l opportunità che il farmaco sia erogato nella sede stessa della patologia. B)La fisioterapia Nel suo insieme la fisioterapia rappresenta il punto nodale del nostro incontro odierno e certamente viene considerata diffusamente il trattamento di elezione delle patologie da noi prese in considerazione. Come certamente sapete essa comprende la terapia strumentale, vale a dire quella affidata all impiego di macchinari più o meno sofisticati che erogano varie forme di energia a scopo terapeutico ed il cui ruolo è eminentemente sintomatico; e la terapia riabilitativa che invece contempla l intervento diretto di figure professionali quali sono i terapisti della riabilitazione ed ha significato di trattamento causale. Quest ultima ha assunto ai giorni nostri un ruolo preminente e sarà oggetto di una particolareggiata trattazione nel pomeriggio. Io mi soffermerò invece sulla terapia fisica che, nonostante abbia registrato recentemente un notevole calo di consensi, gode pur sempre di una elevata considerazione non solo nell opinione pubblica (leggi pazienti) ma anche a livello di medicina generale. La prima voce riportata nello schema riassuntivo fa riferimento alla terapia radiante, attuabile sia con la Rontgenterapia classica a bassi dosaggi che con l impiego di isotopi radioattivi (Cesio): si tratta terapia ormai (e per alcuni purtroppo) in disuso il cui scopo era quello di interferire negativamente sui processi flogistici, specialmente quelli iperplastici o essudativi, e sulle trasformazioni tessutali degenerative che ne conseguivano. Le indicazioni corrette erano in realtà assai limitate ma occorre dire che in alcuni e ben selezionati casi il risultato clinico era gratificante: il che giustifica in qualche modo quel purtroppo di cui sopra. Un ruolo tradizionalmente di assoluto rilievo ha invece la terapia con agenti termici intendendo con tale termine sia il calore che il freddo. Quest ultimo, realizzato o con l impiego di ghiaccio o con apparecchi per crioterapia, viene utilizzato per il suo effetto analgesico quasi esclusivamente nelle forme acute iperalgiche di spalla dolorosa o nell immediato postoperatorio. Numerose sono invece le apparecchiature atte a produrre calore sia superficialmente (R. infrarossi) che nel contesto dei tessuti interessati dalla patologia : ad un netto calo di utilizzo delle Onde Corte (Marconiterapia) fa riscontro un uso ancora estensivo delle Micro-onde (Radar) e degli ultrasuoni. Senza voler disconoscere una certa utilità di queste forme di energia termica, specialmente nelle forme iniziali e di modesta gravità, riteniamo che gli effetti positivi siano comunque di limitata entità e abbiano significato di terapia coadiuvante. Un certo successo pare avere recentemente l impiego di apparecchiature che convogliano in modo mirato il calore nella profondità dei tessuti interessati dalla patologia utilizzando una sorgente di calore endogeno generata da onde elettromagnetiche ed un sistema di termoregolazione esogena che provvede al raffreddamento dei tegumenti e delle parti molli interposte (Ipertermia). Questo tipo di terapia viene impiegata dopo la cessazione della fase acuta e contribuirebbe ad una ulteriore diminuzione della sintomatologia 12

13 dolorosa attraverso una facilitazione dello scorrimento reciproco delle fibre collagene e quindi una riduzione della rigidità articolare. Maggior credito in tema di terapia antalgica viene riconosciuto alla elettroanalgesia, vale a dire all impiego di correnti elettriche opportunamente modificate e modulate per sfruttare la loro capacità di interferire nei meccanismi di conduzione del dolore attraverso le fibre nervose. L elettrofisiologia ci è di soccorso nell individuare le modalità di azione dei vari tipi di corrente: questi possono agire modificando la soglia di percezione del dolore (correnti diadynamiche ed interferenziali ) od intereferendo nel meccanismo di conduzione del dolore stesso attraverso le fibre nervose sensitive (TENS).Le correnti continue (galvaniche) vengono invece utilizzate allo scopo di veicolare all interno dei tessuti farmaci ad azione antiflogistica ed antalgica (jonoforesi). Di più recente introduzione in terapia fisica strumentale è l energia luminosa, nella fattispecie del raggio Laser. Come molti di voi sapranno i tipi di Laser e di conseguenza le loro caratteristiche in campo terapeutico dipendono dalle sostanze nel cui contesto viene generata la sorgente luminosa e pertanto essi differiscono fra loro per potenza e penetranza. Nonostante l impatto emotivo, indotto forse dalla terminologia da guerre stellari, la risposta individuale dei pazienti alle varie terapie è assai incostante e mutevole: ciononostante nella nostra personale esperienza i risultati sono assai modesti per quanto si riferisce ai Laser ad Elio-Neon(He-Ne) ed Infrarossi (IR) e poco superiori per quelli a CO2, verosimilmente per la scarsa capacità di penetrazione ; decisamente più incoraggianti, ad un primo impatto, gli effetti antiflogistici ed analgesici ottenuti con i Laser a sorgente YAG- Neodymio. Un certo interesse, peraltro fugace, ha destato qualche anno fa l uso terapeutico dell ozono, cioè la forma trivalente, instabile, dell ossigeno, capace di liberare ossigeno nascente. Iniettato nei tessuti interessati dalla patologia o in quelli ad essi circostanti, esso avrebbe la funzione di ripolarizzare la membrana cellulare e di determinare localmente una rivascolarizzazione opponendosi ai processi flogistico-degenerativi locali e contribuendo alla riparazione tessutale. Per essere sinceri questa terminologia sa più di depliant pubblicitario che di realtà scientificamente documentata. Interessante e senz altro più attuale è la terapia con onde d urto. Questa metodica, introdotta nella pratica clinica inizialmente per il trattamento delle concrezioni calcaree a carico dell apparato urinario (calcoli), si basa sull impiego di generatori di onde acustiche (ultrasuoni nella fattispecie) ad alta potenza e ad impulsi di elevata frequenza che, convogliate nel contesto dei tessuti alterati, determinerebbero un triplice effetto: -frammentazione e riassorbimento delle calcificazioni anomale -riduzione della trasmissione del dolore a livello delle terminazioni nervose sia per stimolazione diretta che attraverso la liberazione di sostanze neuromodulatrici che modificano la percezione -fenomeno della cavitazione a cui conseguono neoangiogenesi e attivazione biomolecolare con significato riparativo e trofico L indicazione principale all impiego delle onde d urto è costituita dalle cosiddette periartriti calcifiche e dalle altre patologie dello spazio subacromiale in assenza di importanti lesioni dei tendini della cuffia: secondo molti Autori infatti esse possono determinare un aggravamento di tali lesioni. Dubbio è invece il significato terapeutico che possono assumere in tema di spalla dolorosa le onde elettromagnetiche (CEMP, campi elettromagnetici pulsati a bassa frequenza, più noti col termine generico di Magnetoterapia ), il cui impiego è invece sperimentato con un certo successo in altre condizioni patologiche a carico dell apparato locomotore. Parrebbe riscuotere consensi,del tutto recentemente, la Tecarterapia, della quale non abbiamo esperienza diretta. La citiamo pertanto per completezza espositiva usando la terminologia che ci è stata trasmessa. La tecarterapia è una nuova forma di terapia che ha lo scopo di riattivare i naturali processi riparativi e antinfiammatori del nostro organismo. 13

14 La sede di lesione, interposta tra due elettrodi, viene attraversata da un campo elettromagnetico che, mediante l incremento della temperatura interna ripristina un metabolismo corretto attraverso la rivascolarizzazione di tale zona. L effetto biologico dato dall attrazione delle cariche elettriche verso l elettrodo attivo mobile, si sviluppa esclusivamente nella zona di applicazione, grazie alla possibilità di utilizzare tale terapia o con la modalità capacitativa (azione specifica sui tessuti molli), o con la modalità resistiva (azione sui tessuti a maggiore resistenza quali ossa, cartilagini, grossi tendini e aponeurosi). Tale trattamento risulta innocuo per la superficie cutanea, poiché la corrente non è presente per contatto diretto ma solo indotta dall interno dal movimento di attrazione e repulsione delle cariche ioniche naturali. La tecarterapia ha lo scopo di ridurre rapidamente il dolore e di restituire al paziente la normale funzionalità dell articolazione attraverso la ricostruzione e la restituzione ad integrum dei tessuti. (dott. Donato Bardelli) La Chirurgia della spalla Fino agli anni 70 ed ai primi inizi degli anni 80 l ortopedia e la Traumatologia per quanto concerneva la patologia dell articolazione clavicolo scapolo omero toracica prendeva in considerazione solamente le lesioni scheletriche di origine traumatica o neoplastica, i fenomeni distrattivi dell articolazione scapolo omerale e le lesioni sottocutanee del capo lungo del tendine bicipite. E indubbio,.soprattutto alla luce delle attuali conoscenze anatomo fisiologiche che questo inquadramento clinico era del tutto insufficiente. Soltanto con gli studi di De Palma, Kapandij, Rockwood e Neer si sono finalmente approfondite le basi anatomiche, anatomofunzionali, fisiologiche e patologiche di questo complesso argomento rappresentato dalla patologia della spalla umana. Per quanto riguarda l anatomia, la fisiopatologia, la semeiotica e l inquadramento nosologico i colleghi che mi hanno preceduto sono stati piu che esaurienti. Cerchero quindi di inquadrare quelle che sono le basi teoriche, accompagnate da esaurienti esempi pratici della scelta terapeutica chirurgica, rispondendo alle domande: COME? QUANDO? PERCHE? Il trattamento chirurgico e maturato nell esperienza di tutti noi prima attraverso la pratica della chirurgia aperta e poi solo dopo, e imprescindibilmente dopo questo training, attraverso la pratica della chirurgia a cielo chiuso. E questa evoluzione e legata non solo all affinamento delle tecniche e della tecnologia, ma ad una maturazione conoscitiva ed interpretativa delle patologie intrinseche della spalla e delle sue possibilita riparative. Neer che e stato il profeta del cielo aperto ha organizzato queste patologie e la loro soluzione chirurgica in tre stadi successivi: 1) patologia infiammatoria della borsa con edema ed emorragia ( sotto i 25 anni) : bursectomia. 2) Fibrosi della borsa con alterazioni infiammatorie e degenerative dei tendini della cuffia (tra 1 25 e i 40 anni): bursectomia ed ev sutura della cuffia. 3) Rotture parziali o complete della cuffia associate ad alterazioni del profilo dell acromion: osteotomia dell acromion e sutura della cuffia. In questa classificazione che abbiamo a lungo seguito ed applicato non trovavano posto alcune patologie quali le piccole, ma insidiose instabilita da lassita posteriore, le Slac, le borsiti calcifiche senza lesione muscolare, le condromatosi articolari, le instabilita anteriori da lacerazione dei 14

15 legamenti gleno omerali anteriori, le rigidita totali (frosen schoulder) da capsulite retroattiva, le iperalgesie scapolo omerali da alterazioni della composizione biochimica del liquido sinoviale. E solo con l avvento delle tecniche artroscopiche, per definizione scarsamente invasive e non demolitive associate a soluzioni in mini open, in co ablation, in lavaggi bursali a ph alcalino e a ripristino delle stabilita articolari con inserzioni di viti e ancorette, che si e giunti, crediamo, a dare una risposta quasi esaustiva ai problemi della patologia scapolo omerale. Al di la di questo,quando parliamo di patologie articolari rappresentate da gravi danni di tipo degenerativo dei versanti cartilaginei ( Artrosi scapolo omerale con o senza eccentricita della testa), dobbiamo menzionare il posto sempre piu importante che viene ad assumere la soluzione protesica sia nella forma ordinaria sia nella forma invertita. Tali tecniche ovviamente mutuate dall esperienza eseguita su altre articolazioni maggiori ( es ginocchio e anca) sono in pieno sviluppo sia dal punto di vista delle scelte strategiche, sia dal punto di vista delle scelte tecnologiche. La riabiltazione della spalla: (ter. della Riabilitazione Augusto Morando, Anna Fungi ) Questo progetto riabilitativo si avvale di due protocolli, fortemente integrabili tra loro e separati per motivi di chiarezza espositiva, in grado di offrire una valida risposta alle esigenze riabilitative per le patologie della spalla. Il primo protocollo, di tipo locale si promette di offrire in tempi prestabiliti un sufficiente recupero dell articolazione sofferente (scapolo-omerale), prima dell articolarità passiva, poi della mobilità attiva e relativo centraggio dinamico della cuffia dei rotatori. Il secondo protocollo si propone di ricomporre strategie di movimento atte ad eliminare i compensi che necessariamente convivono col processo morboso primario; questi possono manifestarsi con un infinità di sfumature, sia come causa del problema principale che come effetto di una gestualità alterata da sintomatologie di varia natura. Il recupero dell attività motoria del cingolo scapolare non può essere considerato l unico obiettivo; la spalla costituisce solo uno dei molti vincoli (ed è il vincolo più complesso) attraverso i quali l energia cinetica viene trasferita alla mano ed oltre. Questa argomentazione già da sola dovrebbe indurci ad interpretare secondo un criterio causale la riabilitazione della spalla che deve essere intesa come parte di un unico sistema finalizzato al perfetto uso delle nostre appendici prensili, che si tratti di gesto sportivo, attività manuale o solo di gestione del baricentro durante la deambulazione. Con queste premesse ci proponiamo di analizzare e recuperare la funzionalità corretta ed armonica dell arto superiore mediante l attivazione sequenziale delle catene cinetiche e quindi al reinserimento armonico in questo processo della spalla coinvolta nel processo patologico. Protocollo n. 1 RIABILITAZIONE GLENO-OMERALE E SCAPOLO-OMERALE Sono queste le due articolazioni bersaglio per questo protocollo; le indicazioni più frequenti riguardano la rieducazione della spalla in seguito a lesioni della cuffia, impingement o in seguito ad interventi minori di tipo prettamente conservativo. per la riabilitazione per interventi di chirurgia maggiore fare riferimento ad altri protocolli). I seguenti esercizi, anche se specifici cronologicamente per patologia post-chirurgica sono determinanti come esordio terapeutico in caso di spalla dolorosa primitiva ; la sequenza delle tecniche è valida anche per la spalla non operata (anche se in tempi ridotti) in quanto spesso la 15

16 sintomatologia dolorosa e le limitazioni dell articolarità ci vincolano legittimamente al passaggio ad esercizi più impegnativi. Il recupero e la verifica dell ampiezza passiva di movimento sono un preambolo indispensabile per ogni altro presupposto terapeutico. Una sufficiente ampiezza di movimento passivo è quindi la miglior premessa per il successo. Una precoce approdo alla muscolazione può invece innescare meccanismi di compenso o demodulare una catena cinetica che così non potrà che portare altri squilibri. Il dolore in questo caso é un segno maggiore ed è da tenere in grande considerazione; conoscerne le cause è determinante perché queste condizionano l indicazione stessa della rieducazione. Inoltre, nel corso della rieducazione, il dolore ha caratteristiche migratorie e questo deve permetterci di adattare il principio rieducativo, soprattutto in una spalla non operata; scelta e modulazione degli esercizi dovranno quindi essere sempre alla portata dell esecuzione del paziente. Riabilitazione post-chirurgica Riabilitazione spalla dolorosa primitiva (fase di esordio) Il trattamento rieducativo deve avvenire attraverso le seguenti fasi cronologicamente gerarchiche: 1. Recupero dell articolarità passiva; é determinante l approccio propriocettivo per normalizzare l ampiezza del movimento. 2. Verifica della mobilità attiva; recupero del centraggio dinamico. 3. Atletizzazione della spalla; controllo dei gradi estremi dell ampiezza articolare Recupero dell articolarità passiva: metodologia: Rieducazione passiva Esercizi di Codman automobilizzazione Rieducazione passiva: La rieducazione passiva deve rispettare la soglia del dolore, stimolare il controllo propriocettivo ed il corretto assetto posturale prossimo-distale. Viene inizialmente attuata in decubito supino con una presa che permetta il controllo completo dell arto. Durante la kinesiterapia passiva la componente ascensionale della muscolatura del deltoide è assente quindi il conflitto funzionale è abolito. Inoltre la cuffia dei rotatori non subisce tensioni e la capsula articolare viene progressivamente stirata per tutta la sua ampiezza (evitando così capsuliti tardive). Esercizi di Codman da effettuare >3-4 volte giornalmente devono ottenere effetto antalgico-miorilassante un moderato peso può migliorare l effetto percettivo del movimento da ef Esercizi di Codman 16

17 Automobilizzazione L automobilazzazione si ottiene per mezzo dell arto controlaterale sui diversi piani del movimento. L intervento deve essere relativamente precoce ma deve seguire cronologicamente la kinesiterapia passiva e gli esercizi di Codman. Da effettuare per pochi minuti per > 4 volte al giorno. Intrarotazione autoassistita Elevazione passiva e ritorno in posizione di riposo (doloroso), posizione di partenza allo zenith per poi produrre piccoli movimenti Extrarotazione autoassistita Abuzione-adduzione autoassistita Stiramento capsulare autoassistito Elevazione massimale bilaterale autoassistita (avanzata) 17

18 Extrarotazione massimale bilaterale autoassistita (avanzata) Autocentraggio assistito (fase avanzata) 2 Verifica della mobilità attiva; recupero del centraggio dinamico I due problemi più comuni che possono limitare un recupero attivo sono: Instabilità dinamica dell articolazione Insufficienza della cuffia dei rotatori Spesso i due fattori sono interdipendenti. La stabilizzazione dinamica può essere migliorata eliminando i deficit di mobilità articolare diminuendo cosi le traslazioni articolari anomale e si ottiene muovendo la cavità glenoidea sull omero in un movimento. L attivazione della cuffia segue l attivazione della muscolatura scapolare cosicché l energia sprigionata si ottimizza in uno stato di lunghezza tensione preciso ed adatto allo scopo. Attraverso sollecitazioni sempre benigne applicate all articolazione si deve ricercare un adeguata risposta delle strutture muscolari al fine di assorbire l effetto destabilizzante anziché subirlo. Lo sviluppo massimale di forza nella cuffia dei rotatori richiede guarigione dei tessuti, assenza di dolore e assenza di conflitto articolare. il passaggio dalla condizione precedente deve essere graduale Inizialmente il movimento viene attivato passivamente dal terapista ed il paziente può ricercare la co-conduzione partendo da posizioni in facilitazione, in moto eccentrico ed in catena cinetica aperta. Stabilizzazioni statiche in posizioni facilitanti e ritorno eccentrico (controllo dinamico) Elevazione passiva a circa 150 (zenith) Stabilizzazione Ritorno alla posizione di partenza in modo progressivo 18

19 Carrucola Extrarotazione attiva Test da parte del terapista Posizione iniziale facilitante Stabilizzazione Movimento eccentrico Arrampicata sul muro Straccio Intrarotazione Extrarotazione presa 3 Atletizzazione della spalla; controllo dei gradi estremi dell ampiezza articolare Gli obiettivi sono: 1. rinforzo muscolare 2. adeguamento dei gradi estremi (personali) di movimento 3. adeguamento delle sinergie di movimento: Rinforzo muscolare: La vasta gamma di metodologie e la diversa tipologia dei pazienti non ci consente di elencare ogni possibile esercizio ma la linea di condotta dovrebbe essere quella di richiedere al paziente un estrema variabilità di comportamenti gestuali, da semplici a complessi, con esercizi di stabilizzazione isometrica, esercizi in pliometria, variazioni eccentriche-concentriche. Ne elenchiamo solo alcuni: 19

20 Lavoro con gli elastici Eccentrico-concentrico Lavoro con i pesi Eccentrico-concentrico Adeguamento dei gradi estremi di movimento e delle sinergie di movimento: Sono strettamente correlati; infatti i gradi estremi di movimento coinvolgono diversi distretti: con l elevazione del braccio l estensione del tronco e l apertura del torace con la retropulsione interviene il sostegno della flessione del tronco e chiusura del torace l abduzione determina una inclinazione laterale dorsale delle coste opposte ed apertura dell emitorace omolaterale l adduzione coinvolge un inclinazione laterale delle coste dallo stesso lato e chiusura dell emitorace le rotazioni determinano rotazione del rachide Un precoce lavoro di appoggio a questi movimenti può essere segno cattiva informazione propriocettiva, di risparmio gestuale o disturbi della catena cinetica. Questo protocollo è molto conosciuto ed è attualmente usato nei reparti di fisioterapia di tutto il mondo. La teoria è molto semplice: in caso di decorso post-operatorio l esercizio è di tipo esclusivamente passivo per tutelare i tessuti in via di cicatrizzazione; tali manovre eluderanno il deteriorarsi delle cartilagini per scarsa lubrificazione, eviteranno le retrazioni muscolari ed inculcheranno stimoli propriocettivi adeguati nel paziente. Il recupero attivo sarà graduale, nel rispetto del dolore e della fisiologia estrema del movimento fino a raggiungere lo stato di sufficiente benessere. Il medesimo protocollo si adatta anche quale primo approccio terapeutico nei casi di spalla dolorosa semplice, subacuta o post-acuta in cui il dolore,ancora presente in misura rilevante, impedisce l attuazione di strategie kinesiterapiche più complesse ed impegnative. In tal senso esso ha come fine specifico il recupero dell escursione articolare passiva ed una regressione del dolore sufficiente per proseguire l iter terapeutico secondo il protocollo integrato che costituisce l argomento centrale di questo incontro. Il limite principale di questo programma è però quello di non prendere in esame la complessità del movimento della spalla come parte di una catena cinetica ben identificabile; il recupero avviene più per sollecitazione locale che per sequenze coordinate mirate al recupero della funzionalità globale. 20

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi Molto comunemente nella pratica clinica ci si imbatte in una patologia dolorosa cronica della spalla definita sindrome da conflitto. Alla base

Dettagli

Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori

Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori LA SPALLA Il trattamento chirurgico o conservativo deve essere progettato considerando la complessità del sistema articolare della spalla

Dettagli

MARTEDI SALUTE LE PATOLOGIE DELLA SPALLA PREVENZIONE E CURA PER STAR BENE Torino 04.12.2012 2012 Dott. Michele Albano Direttore Tecnico FKT Istituto Medicina i dello Sport Responsabile medico Galileo 18

Dettagli

U.O. Ortopedia e Traumatologia Asl 3 Direttore Prof. G. Maffei

U.O. Ortopedia e Traumatologia Asl 3 Direttore Prof. G. Maffei U.O. Ortopedia e Traumatologia Asl 3 Direttore Prof. G. Maffei APPROCCIO PRATICO AL PAZIENTE CON PATOLOGIA DI SPALLA Dr. Andrea Poggetti Ospedale SS. Cosma e Damiano Pescia poggetti.andrea@gmail.com +39

Dettagli

Semeiotica della spalla SAMG Formazione Professionale MMG Bolzano, 03 ottobre 2013 Dr. Roberto Gorreri anamnesi esame clinico esami strumentali anamnesi dolore motivo della visita limitazione instabilità

Dettagli

Lesioni parziali e complete dei tendini della spalla. Lesioni parziali e complete dei tendini della spalla

Lesioni parziali e complete dei tendini della spalla. Lesioni parziali e complete dei tendini della spalla Piero Serpero Lesioni parziali e complete dei tendini della spalla Lesioni parziali e complete dei tendini della spalla Il complesso della cuffia dei rotatori comprende i tendini di quattro muscoli: Sovraspinoso

Dettagli

Patologie della spalla. www.sportrauma.net

Patologie della spalla. www.sportrauma.net CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E CHIRURGIA ARTROSCOPICA Resp. H. Schönhuber UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA Resp. D. Tornese I.R.C.C.S. ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Patologie della

Dettagli

ANATOMIA FUNZIONALE E PATOLOGIE PIU FREQUENTI DELLA SPALLA (Molinelli Luglio 2001)

ANATOMIA FUNZIONALE E PATOLOGIE PIU FREQUENTI DELLA SPALLA (Molinelli Luglio 2001) ANATOMIA FUNZIONALE E PATOLOGIE PIU FREQUENTI DELLA SPALLA (Molinelli Luglio 2001) INTRODUZIONE: La spalla (dal latino spatula) e una delle quattro parti dell arto superiore che in senso prossimo distale

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Spalla dolorosa

www.fisiokinesiterapia.biz Spalla dolorosa www.fisiokinesiterapia.biz Spalla dolorosa Biomeccanica della spalla La La spalla è un un complesso articolare che che possiede un un ampio grado di di articolarità,, in in quanto deve poter orientare

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

Ft. Valentina Azzolini

Ft. Valentina Azzolini Ft. Valentina Azzolini Basa la sua funzione su: Abbassamento dell omero Distalizzazione del centro di rotazione della nuova articolazione Medializzazione del braccio di forza del deltoide QUINDI: incremento

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DELLA SPALLA NEGLI SPORT «OVERHEAD»

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DELLA SPALLA NEGLI SPORT «OVERHEAD» LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DELLA SPALLA NEGLI SPORT «OVERHEAD» Dott. Innorta Giacomo Fisioterapista, Dottore Magistrale in Scienze Riabilitative Master in Fisioterapia Sportiva Staff Romanuoto Definizione

Dettagli

Dott. Gianluca Castellarin U.O.C. Ortopedia e Traumatologia ULSS 21 Legnago

Dott. Gianluca Castellarin U.O.C. Ortopedia e Traumatologia ULSS 21 Legnago Dott. Gianluca Castellarin U.O.C. Ortopedia e Traumatologia ULSS 21 Legnago Unità Operativa Complessa di Ortopedia ULSS21 Direttore:Dott. Marco Cassini Dipartimento Chirurgico ULSS21 Direttore: Dott. Franco

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

Istituto Ortopedico "F. Faggiana" di Reggio Calabria Direttore: Prof. Luciano Novellino IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELLA SPALLA DOLOROSA

Istituto Ortopedico F. Faggiana di Reggio Calabria Direttore: Prof. Luciano Novellino IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELLA SPALLA DOLOROSA Istituto Ortopedico "F. Faggiana" di Reggio Calabria Direttore: Prof. Luciano Novellino IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELLA SPALLA DOLOROSA di A. ALOISIO PREMESSA A livello delle articolazioni degli arti

Dettagli

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI INTRODUZIONE ARTROSINOVITE SETTICA: processo infettivo delle articolazioni spesso determinante una rapida distruzione e proliferazione della capsula e delle cartilagini articolari. Le vie,attraverso le

Dettagli

Infiltrazioni Articolari Ecoguidate

Infiltrazioni Articolari Ecoguidate Infiltrazioni Articolari Ecoguidate Artrocentesi L'artrocentesi è l'operazione di svuotamento di raccolte patologiche di liquidi a livello di cavità articolari. E' una pratica di comune svolgimento in

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA:

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: Premesse anatomiche L articolazione della spalla (scapolo-omerale) è costituita dalla testa dell omero, che ha la forma di una porzione di sfera, e dalla cavità glenoidea

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Gestione ambulatoriale delle patologie della spalla

Gestione ambulatoriale delle patologie della spalla Gestione ambulatoriale delle patologie della spalla Valerio Sansone Professore di Ortopedia Università degli Studi di Milano Primario dell Unità Operativa Ortopedia 1 Istituto Clinico Humanitas IRCCS Rozzano

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara

FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara INTRODUZIONE Per una funzionalità fisiologica della spalla sono necessari i movimenti coordinati delle articolazioni sterno claveare, acromio

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

F.I.F. Corso di Personal Trainer Verona Aprile - Giugno 2007. Tesina finale Caso Studio TOMMASO BELLORIO

F.I.F. Corso di Personal Trainer Verona Aprile - Giugno 2007. Tesina finale Caso Studio TOMMASO BELLORIO F.I.F. Corso di Personal Trainer Verona Aprile - Giugno 2007 Tesina finale Caso Studio TOMMASO BELLORIO 2 INDICE Complessità del problema......12 Sindrome da conflitto sottoacromiale...12 Anamnesi.....12

Dettagli

SEMEIOTICA ARTICOLARE METODICA INFILTRATIVA

SEMEIOTICA ARTICOLARE METODICA INFILTRATIVA SEMEIOTICA ARTICOLARE E METODICA INFILTRATIVA Le linee guida ACR 2000 Terapia non-farmacologica Esercizio, Riabilitazione Paracetamolo (acetaminofene) Pazienti ad alto rischio di sviluppo di complicanze

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

Speciale Epicondilite

Speciale Epicondilite presenta OLTRE L INFIAMMAZIONE C È DI PIÙ Realizzato con la consulenza del dottor Andrea Miti, Direttore del reparto di ortopedia e traumatologia dell Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) Il dolore si sviluppa

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ACIDO IALURONICO NELLE PATOLOGIE DI SPALLA: selezione del paziente

ACIDO IALURONICO NELLE PATOLOGIE DI SPALLA: selezione del paziente ACIDO IALURONICO NELLE PATOLOGIE DI SPALLA: selezione del paziente Giovanni Di Giacomo, M.D. Alberto Costantini, M.D. Andrea De Vita, M.D. Nicola de Gasperis, M.D. Concordia Hospital for Special Surgery

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

Poliambulatorio Specialistico OSTI. con Centro di Fisioterapia

Poliambulatorio Specialistico OSTI. con Centro di Fisioterapia Poliambulatorio Specialistico OSTI con Centro di Fisioterapia Gli specialisti Direttore sanitario Dott.ssa Raffaella Osti Medico chirurgo Specialista in ortopedia Specialista in fisioterapia Esperta in

Dettagli

Rieducazione Posturale Globale - Case Report:

Rieducazione Posturale Globale - Case Report: Rieducazione Posturale Globale - Case Report: Trattamento di una sindrome degli scaleni con edema e sintomatologia dolorosa in una paziente in età pre puberale. Daniela Saccà, Emiliano Grossi - Roma La

Dettagli

P. Volpi M. Galli. www.traumasport.net

P. Volpi M. Galli. www.traumasport.net P. Volpi M. Galli www.traumasport.net ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E DI CHIRURGIA ARTROSCOPICA Responsabili: M. DENTI - H. SCHOENHUBER - P. VOLPI Equipe: C.

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME OSTEOPATIA III Il Rachide cervicale superiore (C0-C1-C2) o Test analitici di mobilità delle vertebre cervicale. o Test di mobilità articolare.

Dettagli

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE 1 COSA È L ARTROSI? E una patologia della cartilagine articolare che non guarisce e, nel tempo, tende ad aggravarsi.

Dettagli

MANIPOLAZIONE FASCIALE

MANIPOLAZIONE FASCIALE MANIPOLAZIONE FASCIALE c o r s o D I p r i m o e s e c o n d o l i v e l l o Dott. Antonio Stecco Prof. Marco Gesi Prof. Gianfranco Natale Dott. Luigi Stecco Dott. Ercole Borgini Dott. Stefano Casadei

Dettagli

Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio Triestino dr Diego Collarini MD

Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio Triestino dr Diego Collarini MD Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio Triestino dr Diego Collarini MD Corso teorico-pratico sulle tecniche infiltrative di spalla, gomito, ginocchio, caviglia Unità di Chirurgia della Mano Sanatorio

Dettagli

Pubblicazione anno 2010 nel mese di Luglio da parte del LA SPALLA

Pubblicazione anno 2010 nel mese di Luglio da parte del LA SPALLA Pubblicazione anno 2010 nel mese di Luglio da parte del Dr. Massimo Iannaccone D.C. U.S.A. LA SPALLA Per poter meglio comprendere le cause di dolore alla spalla, è necessario avere alcune semplici nozioni

Dettagli

LA SPALLA DEL PALLAVOLISTA (di D. Ercoilessi - Supervolley nov99 a feb00)

LA SPALLA DEL PALLAVOLISTA (di D. Ercoilessi - Supervolley nov99 a feb00) LA SPALLA DEL PALLAVOLISTA (di D. Ercoilessi - Supervolley nov99 a feb00) La spalla è una delle articolazioni più sollecitate nella pallavolo. Molte azioni di gioco come il palleggio, la schiacciata, il

Dettagli

A cosa servono le ortesi?

A cosa servono le ortesi? ORTESI PER L ARTO SUPERIORE ORTESI PER L ARTO SUPERIORE Definizione: dispositivi esoscheletrici applicati esternamente a segmenti del corpo con la funzione di limitare o assistere il movimento Obbiettivo:

Dettagli

L ESAME DELLA SPALLA NELL'ADULTO

L ESAME DELLA SPALLA NELL'ADULTO L ESAME DELLA SPALLA NELL'ADULTO Dr. P.J. WALLERICH - Hopital Nancy Realizzazione grafica a cura della Clinica Ortopedica e Traumatologica dell Università degli Studi di Parma ad uso degli allievi della

Dettagli

Il tumore della mammella

Il tumore della mammella Il tumore della mammella LA RIABILITAZIONE Deborah Ferro 17 gennaio 2014 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE ULSS7 Direttore Dott.ssa FRANCESCA GATTINONI Emanue la Farina fisioterapist e IL RUOLO DELLA RIABILITAZIONE

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE 1 CHE COSA È LA CAPSULITE ADESIVA? La capsulite adesiva, nota anche come Spalla congelata o Frozen Shoulder

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

Bollate. D Clementi. 5 Febbraio 2011 INFILTRAZIONI DI GINOCCHIO, SPALLA ED ALTRE ARTICOLAZIONI

Bollate. D Clementi. 5 Febbraio 2011 INFILTRAZIONI DI GINOCCHIO, SPALLA ED ALTRE ARTICOLAZIONI Bollate D Clementi 5 Febbraio 2011 INFILTRAZIONI DI GINOCCHIO, SPALLA ED ALTRE ARTICOLAZIONI TIPI DI ARTICOLAZIONI - Semimobili: Anfiartrosi - Immobili: Sinartrosi TIPI DI ARTICOLAZIONI TROCLEO-ARTROSI

Dettagli

CONCORDIA HOSPITAL for Special Surgery. Dr. Andrea De Vita IL RAZIONALE CHIRURGICO NELLE PATOLASSITA

CONCORDIA HOSPITAL for Special Surgery. Dr. Andrea De Vita IL RAZIONALE CHIRURGICO NELLE PATOLASSITA CONCORDIA HOSPITAL for Special Surgery Dr. Andrea De Vita IL RAZIONALE CHIRURGICO NELLE PATOLASSITA INSTABILITA Articolazione in cui stabilizzatori statici e dinamici non riescono a mantenere i normali

Dettagli

IL SALENTO ACCOGLIE LA RIABILITAZIONE Hilton Garden Inn - Lecce 8 e 9 Aprile 20

IL SALENTO ACCOGLIE LA RIABILITAZIONE Hilton Garden Inn - Lecce 8 e 9 Aprile 20 IL SALENTO ACCOGLIE LA RIABILITAZIONE Hilton Garden Inn - Lecce 8 e 9 Aprile 20 TRASPORTO ENERGETICO CAPACITIVO-RESISTIVO Dott. Lucio Rotunno Medico dello Sport Info@studiomedicorotunno.it TRAUMATOLOGIA

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

ESITI FUNZIONALI DOPO CHIRURGIA MAMMARIA E DOPO RICOSTRUZIONE AL SENO

ESITI FUNZIONALI DOPO CHIRURGIA MAMMARIA E DOPO RICOSTRUZIONE AL SENO ESITI FUNZIONALI DOPO CHIRURGIA MAMMARIA E DOPO RICOSTRUZIONE AL SENO Dott. Livia Bedodi Fondazione IRCCS Istituto Tumori Metis Centro Studi in Oncologia Milano 24 settembre 2008 1 Esiti nella senologia

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER Il cerotto Painmaster MCT si presta a numerosi utilizzi in diversi distretti del corpo, garantendo risultati ottimali e in piena sicurezza. Sfrutta la terapia alle micro correnti,

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

IL GOMITO Anatomia e Fisiologia Articolare

IL GOMITO Anatomia e Fisiologia Articolare IL GOMITO Anatomia e Fisiologia Articolare 1 ANATOMIA E FISIOLOGIA ARTICOLARE DEL GOMITO Lo scheletro della regione del gomito è formato da tre ossa: 1. l estremità inferiore dell omero; 2. l estremità

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO

TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO L energia termica è la più facile da applicare in fisioterapia e consente di ottenere molteplici benefici grazie agli effetti fisiologici del caldo e del freddo. IL FREDDO.

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

INSTABILITA DI SPALLA: INDICAZIONI E RIABILITAZIONE

INSTABILITA DI SPALLA: INDICAZIONI E RIABILITAZIONE IL PUNTO SULL INSTABILITA INSTABILITA DI SPALLA: INDICAZIONI E RIABILITAZIONE Giovanni Di Giacomo, M.D. Alberto Costantini, M.D. Andrea De Vita, M.D. Concordia Hospital for Special Surgery Rome - Italy

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE T.O. Francesco Mattogno ITOP Officine Ortopediche OBIETTIVI In FASE ACUTA: - Immobilizzare in modo efficace il tratto cervicale per

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

scheda 04.07 Chirurgia Chirurgia mininvasiva percutanea del piede

scheda 04.07 Chirurgia Chirurgia mininvasiva percutanea del piede scheda 04.07 Chirurgia Chirurgia mininvasiva percutanea del piede Cos è Il piede è una parte dello scheletro che condiziona tutta la postura, in particolare ginocchia, anche, bacino colonna vertebrale.

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 Tecniche manipolative - Regole di applicazione- Le sette tecniche di base Vittorio Marcelli LESIONE DI BASE:

Dettagli

Allenamento di base nella pallavolo Siena 3 settembre 2006

Allenamento di base nella pallavolo Siena 3 settembre 2006 Allenamento di base nella pallavolo Siena 3 settembre 2006 Rel. Paolo Borghi borghi.paolo1961@libero.it Materiale umano Scarsa motricità Scarsa plasticità delle qualità coordinative pallavolo Per mantenere

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA BIOMEDICA TESI DI LAUREA Dispositivi protesici per la spalla

Dettagli

In media si sono osservati i seguenti risultati:

In media si sono osservati i seguenti risultati: Le Onde d UrtO Vengono applicati impulsi meccanici di pressione ricchi di energia sui tessuti superficiali e profondi. Anche in medicina e fisioterapia le onde d urto sono caratterizzate da impulsi di

Dettagli

CHIRURGIA SPALLA MILANO 3 edizione

CHIRURGIA SPALLA MILANO 3 edizione CHIRURGIA SPALLA MILANO 3 edizione Centro Congressi Humanitas IRCCS - Rozzano (Milano) 10-12 Febbraio 2014 10-11 Febbraio 2014 Sessioni per Chirurghi Ortopedici La cuffia dei rotatori dalla A alla Z Traumatologia

Dettagli

Arto superiore. Spalla/Braccio Mano/Dita

Arto superiore. Spalla/Braccio Mano/Dita Arto superiore Spalla/Braccio Mano/Dita Spalla/Braccio Immobilizzatore di spalla Art. No. 50A8 Immobilizzazione postoperatoria e post-traumatica della spalla Irritazioni del cingolo scapolo-omerale Lesioni

Dettagli

- Durante la gravidanza a causa di un aumento di ritenzione di liquidi può presentarsi una tenosinovite.

- Durante la gravidanza a causa di un aumento di ritenzione di liquidi può presentarsi una tenosinovite. LE TENOSINOVITI Rientrano nel capitolo delle infiammazioni extra articolari. Si tratta di infiammazioni dolorose che colpiscono le guaine tendinee ovvero il rivestimento sinoviale dei tendini, da qui la

Dettagli

CHIRURGIA DELLA MANO

CHIRURGIA DELLA MANO CHIRURGIA DELLA MANO INDICE pag. Sindrome del canale carpale 1 Dido a scatto 2 Malattia di de Quervain 3 Rizoartrosi 4 Cisti del polso 5 Frattura 6 Malattia di Dupuytren 8 Artroscopia del polso della mano

Dettagli

Si ringraziano la Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione e la responsabile dott.ssa Tiziana Iacomussi per la collaborazione

Si ringraziano la Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione e la responsabile dott.ssa Tiziana Iacomussi per la collaborazione OSPEDALE MARIA VITTORIA GUIDA PRATICA per i PAZIENTI OPERATI con PROTESI TOTALE D ANCA INFORMAZIONI E CONSIGLI PRATICI DALL INGRESSO IN OSPEDALE ALLA DIMISSIONE E SUCCESSIVA RIEDUCAZIONE MOTORIA FUNZIONALE

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

HR TeK. Lasciati curare dal calore Apparecchio per diatermia

HR TeK. Lasciati curare dal calore Apparecchio per diatermia HR TeK Lasciati curare dal calore Apparecchio per diatermia 02 Terapia tramite diatermia di contatto Brevi informazioni sulla terapia diatermica L endotermia capacitiva / resistiva o terapia diatermica

Dettagli

REGENOTERAPIA. La terapia attiva, non invasiva. Che cos è la REGENOTERAPIA. Elementi su cui si fonda la REGENOTERAPIA. Settori d applicazione:

REGENOTERAPIA. La terapia attiva, non invasiva. Che cos è la REGENOTERAPIA. Elementi su cui si fonda la REGENOTERAPIA. Settori d applicazione: REGENOTERAPIA La terapia attiva, non invasiva Settori d applicazione: FISIATRIA/FISIOTERAPIA ORTOPEDIA MEDICINA SPORTIVA MEDICINA RIABILITATIVA ODONTOIATRIA Approfondimenti e Apparecchiature per la Regenoterapia:

Dettagli

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA Alessandro Biemmi Luca Risi Introduzione La Sclerosi Laterale Amiotrofica: è una malattia neurologica degenerativa determina una progressiva perdita

Dettagli

Il ciclista in movimento

Il ciclista in movimento 1 Il ciclista in movimento Nel ciclismo, come in ogni altro sforzo atletico, il corpo dell atleta deve avere una dura, solida base. Questa è la chiave per raggiungere performance di massimo livello, evitando

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of GLI ELEMENTI FONDAMENTALI PER TROVARE LA PACE INTERIORE Armonia Bellezza MEDICINA ESTETICA Forza Equilibrio Negli anni è cresciuta per gli uomini

Dettagli

Arto inferiore ortesi dinamiche per. anca - ginocchio - caviglia

Arto inferiore ortesi dinamiche per. anca - ginocchio - caviglia Arto inferiore ortesi dinamiche per anca - ginocchio - caviglia By 7480 Coxa-Hit -7097 Super Genuplus - 7081 Genu-Hit Mod. 7480 Coxa-Hit - Supporto dinamico per il trattamento conservativo o post-intervento

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE ORTOPEDICO MILVA SPADA

ASSISTENZA AL PAZIENTE ORTOPEDICO MILVA SPADA Universita degli studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia corso di laurea in infermieristica Sezione formativa di Ravenna Anno Accademico 2012-2013 SEMINARIO 2 ANNO _I SEMESTRE ASSISTENZA AL PAZIENTE

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Trattamento con Tecarterapia nell edema secondario del ginocchio e recupero funzionale

Trattamento con Tecarterapia nell edema secondario del ginocchio e recupero funzionale Trattamento con Tecarterapia nell edema secondario del ginocchio e recupero funzionale Tecnologia Human Tecar. Un nuovo modo di trattare il tessuto biologico. Strumento in grado di far reagire il corpo

Dettagli