Cancelli motorizzati (Scheda) CANCELLI MOTORIZZATI. Ultimo aggiornamento: 1 apr Sistema di alimentazione: TT. Norme di riferimento:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cancelli motorizzati (Scheda) CANCELLI MOTORIZZATI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2007. Sistema di alimentazione: TT. Norme di riferimento:"

Transcript

1 CANCELLI MOTORIZZATI Sistema di alimentazione: TT Norme di riferimento: o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Permeabilità all'aria - Metodo di prova ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Terminologia - Tipi di porte ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Terminologia - Parti di porte ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa - Resistenza al carico del vento - Prove e calcoli ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Norma di prodotto - Prodotti senza caratteristiche di resistenza al fuoco o controllo del fumo ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da o autorimessa - Sicurezza in uso di porte motorizzate - Metodi di prova ; Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa - Sicurezza in uso di porte motorizzate Requisiti ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Resistenza alla penetrazione dell'acqua - Metodo di prova ; o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Aspetti meccanici Requisiti ; o o o o o Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa - Aspetti meccanici - Metodi di prova ; Norma UNI EN Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa - Installazione ed utilizzo ; Norma UNI EN 12978:2005 Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Dispositivi di sicurezza per porte e cancelli motorizzati - Requisiti e metodi di prova; Norma UNI EN 954-1:1998 Sicurezza del macchinario - Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza - Principi generali per la progettazione (Sostituita nel corso del 2007 dalla norma UNI EN ISO :2007 Sicurezza del macchinario - Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza - Parte 1: Principi generali per la progettazione); Norma UNI EN Sicurezza delle macchine Concetti base e principi generali di progettazione Parte 1: terminologia e metodologia di base;

2 o Norma UNI EN Sicurezza delle macchine - Concetti base e principi generali di progettazione Parte 2: specifiche e principi tecnici; o Norma UNI EN 1050 Sicurezza del macchinario Principi per la valutazione del rischio; o Norma UNI EN 349:1994 Sicurezza del macchinario. Spazi minimi per evitare lo schiacciamento di parti del corpo; o Norma UNI EN 13659:2004 Chiusure oscuranti - Requisiti prestazionali compresa la sicurezza; o Progetto di norma EN Requisiti e metodi di prova per le chiusure pedonali automatizzate; o Progetto di norma EN Sicurezza per le chiusure pedonali automatizzate; o Norma CEI EN (CEI 44-5) Sicurezza del macchinario - Equipaggiamento elettrico delle macchine. Parte 1: Regole generali ; o Guida CEI Guida all'applicazione della Norma CEI EN Regole generali per l'equipaggiamento elettrico delle macchine ; o Norma CEI EN (CEI ); CEI EN /A1/A (CEI ;V1); CEI EN /A (CEI ;V2); CEI EN /A (CEI ;V3); Sicurezza degli apparecchi elettrici d'uso domestico e similare. Sicurezza Parte 1: Norme generali; o Norma CEI EN (CEI ) Sicurezza degli apparecchi elettrici d'uso domestico e similare. Parte 2: Norme particolari per i motori di movimentazione di porte di garage a movimento verticale per uso residenziale; o Norma CEI EN (CEI ) Sicurezza degli apparecchi elettrici d'uso domestico e similare. Parte 2: Norme particolari per motori di movimentazione per tapparelle, tende per esterno, tende e apparecchiature avvolgibili similari; o Norma CEI EN (CEI ) Sicurezza degli apparecchi elettrici d'uso domestico e similare. Parte 2: Norme particolari per attuatori di cancelli, porte e finestre motorizzati; o Norma CEI EN (CEI 17-13/1) Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT). Parte 1: Apparecchiature soggette a prove di tipo (AS) e apparecchiature parzialmente soggette a prove di tipo (ANS) ; o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

3 Principali disposizioni legislative: o DPR n. 459 del 24/07/1996 Regolamento per l'attuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368CEE, 93/44CEE e 93/68CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine ; o Dlgs 615 del 12/11/1996 Attuazione della direttiva 89/336/CEE del Consiglio del 3 maggio 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata ed integrata dalla direttiva 92/31/CEE del Consiglio del 28 aprile 1992, dalla direttiva 93/68/CEE del Consiglio del 22 luglio 1993 e dalla direttiva 93/97/CEE del Consiglio del 29 ottobre 1993 ; o Dlgs 19 Settembre 1994, n. 626 Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 95/63/CE, 97/42/CE, 98/24/CE, 99/38/CE, 2001/45/CE e 99/92/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro ; o DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro ; o Legge 46/90 "Norme per la sicurezza degli impianti"; o D.P.R. 447/91 "Regolamento di attuazione della legge 46/90"; o D.P.R. 392/94 "Regolamento recante la disciplina del procedimento di riconoscimento delle imprese ai fini dell'installazione, ampliamento e trasformazione degli impianti nel rispetto delle norme di sicurezza"; o D.P.R. 558/99 "Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di inizio di attività e per la domanda di iscrizione all'albo delle imprese artigiane o al registro delle imprese per particolari categorie di attività soggette alla verifica di determinati requisiti tecnici"; Direttive applicabili: o Direttiva Macchine 89/392 91/368, 93/44 e 93/68 (DPR 459/1996). Nel 1998 è stata pubblicata dalla Comunità Europea un testo unificato della direttiva macchine (includendo le direttive 89/392, 91/368, 93/44 e 93/68): la direttiva 98/37/CE, non recepita dalla legislazione Italiana; o Direttiva EMC Compatibilità elettromagnetica 89/336, 92/31, 93/68 e 93/97 (Dlgs 615/1996). Applicabile ai componenti dei cancelli motorizzati; o Direttiva Bassa Tensione 73/23 (legge 791/73). Applicabile ai componenti dei cancelli motorizzati; o Direttiva 89/655/CEE (Dlgs 626/94); o Direttiva Prodotti da Costruzione (89/106/CEE) recepita in Italia con il DPR 246/93, modificato dal DPR 499/97; o Direttiva R&TTE (99/5/CE) riguardante le apparecchiature radio e i terminali di telecomunicazione. Applicabile ai componenti dei cancelli motorizzati;

4 Installazione: o L impianto elettrico soggetto alla legge 46/90 termina con il cavo di alimentazione all ingresso del quadro di comando del cancello. Da li in avanti, quadro compreso, costituisce equipaggiamento elettrico della macchina cancello, il quale non è soggetto alla legge 46/90. All impianto elettrico del cancello non si applica la legge 46/90 e di conseguenza non occorre una abilitazione su carta per realizzare l impianto, anche se ovviamente occorre possedere le competenze e le capacità per realizzarlo. Ricordiamo cosa dice al riguardo la guida CEI 44-14: L equipaggiamento è quella parte del sistema elettrico della macchina che inizia dal punto di connessione dell alimentazione, nel quale generalmente è installato un dispositivo di sezionamento, e comprende: Le apparecchiature di bassa tensione (interruttori automatici, contattori, interruttori di manovra-sezionatori ecc.); I dispositivi elettronici ed elettromeccanici di comando (relè, ausiliari di comando, logica di comando ecc.); I quadri, i motori, i trasduttori, i trasformatori, ecc.; I connettori e relativi cablaggi compresi i cavi, le scatole ecc. che equipaggiano la macchina. L equipaggiamento elettrico di una macchina, (e quindi anche di un cancello motorizzato che è considerato una macchina), non ricade sotto la legge 46/90. Solo alle linee elettriche di alimentazione alla rete del quadro di comando si applica la legge 46/90; Necessità di progetto: o Poiché all impianto di un cancello non si applica la legge 46/90, non occorre un progetto di un professionista iscritto all albo, anche se naturalmente occorrono competenze e capacità; o Se per l installazione del cancello occorre una modifica dell impianto elettrico, allora si applica la legge 46/90. Nel caso in cui l impianto dal quale si deriva l alimentazione per il cancello, fosse sottoposto a progetto (es. luogo a maggior rischio in caso di incendio), allora anche la parte di impianto dedicata al cancello fino al suo quadro di comando è sottoposto a progetto;

5 Dichiarazione di conformità: o Occorre la dichiarazione CE di conformità (in base all allegato II del DPR 459/96) che attesti la rispondenza del cancello motorizzato alle direttive alle quali il cancello stesso è sottoposto (direttiva macchine, direttiva prodotti da costruzione, direttiva EMC, direttiva bassa tensione e direttiva R&TTE). La dichiarazione di conformità deve essere emessa dal costruttore del cancello. A tal proposito ricordiamo che la direttiva macchine stabilisce che l installatore che motorizza una porta o un cancello ha gli stessi obblighi del costruttore di una macchina, cioè diventa esso stesso il costruttore della macchina; o Nota 1: Le norme UNI EN ed UNI EN sono norme volontarie, come lo sono anche le norme CEI peraltro, ma al contrario di queste non esiste una legge come la 186/68 che ne equipara il rispetto alla regola d arte e quindi al rispetto della legge. Non esistono quindi sanzioni per chi non rispetta le norme volontarie, mentre esistono per chi non rispetta le Direttive Europee. D altra parte, però il rispetto di queste normative consente di dichiarare la presunzione di conformità alle Direttive Europee; o Nota 2: si stanno sempre più diffondendo i kit per automatizzare un cancello, che vengono venduti liberamente nei negozi e nei supermercati. Il privato che acquista il kit ha gli stessi oneri dell installatore, cioè deve compilare il fascicolo tecnico, la dichiarazione di conformità e apporre la marcatura CE al cancello. Questo è permesso poiché la dichiarazione CE di conformità non richiede abilitazioni. Se però l installazione del cancello richiede una modifica all impianto è necessario chiamare un impresa abilitata ai sensi della legge 46/90; Classificazione dei locali: o La norma CEI EN (CEI 44-5) relativa agli equipaggiamenti elettrici delle macchine prescrive le caratteristiche che essi devono possedere per la sicurezza delle persone e dei beni, per la congruenza delle risposte ai comandi e per la facilità della manutenzione. La norma si applica, come esplicitamente affermato, alle porte o cancelli automatizzati;

6 Note sulla normativa: Dal primo agosto del 2002 con la pubblicazione, da parte dell UNI delle versioni in lingua italiana delle norme europee EN ed EN (datate novembre 2000), ha preso il via un periodo di grandi cambiamenti nel settore delle automazioni per cancelli. le quali hanno quindi, da quella data, che era in vigore dal giugno Le due norme, che hanno preso ufficialmente il posto della vecchia norma italiana UNI 8612, trattano di Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa Sicurezza in uso di porte motorizzate ; in particolare la UNI EN si occupa dei requisiti relativi alla sicurezza d uso dei cancelli, mentre la UNI EN si occupa dei metodi di prova da applicare ai cancelli per dimostrarne la conformità ai requisiti richiesti dalla UNI EN Questa ultima EN può essere considerata come la vera e propria norma base per gli aspetti di sicurezza delle chiusure motorizzate, fissando requisiti di installazione che tengono conto di quanto richiesto dalle Direttive Europee, in particolare dalla Direttiva Macchine. A queste due norme, si è aggiunta a partire dal 1 maggio 2005 la norma UNI EN , norma tecnica di prodotto di un altra direttiva, la Direttiva Prodotti da Costruzione, i cui requisiti essenziali devono essere rispettati da tutti i cancelli, motorizzati e non. La norma EN è di supporto anche ai requisiti essenziali della Direttiva Macchine (DM) e della Direttiva Compatibilità Elettromagnetica (DCE). Per cui un cancello motorizzato che soddisfi le prescrizioni della norma EN permette una marcatura CE che attesti la rispondenza a tutte e tre le Direttive. Infatti la Direttiva Macchine, la Direttiva Prodotti da Costruzione e la Direttiva Compatibilità Elettromagnetica sono le tre direttive che un cancello automatizzato deve soddisfare, mentre altre due Direttive, Bassa Tensione e R&TTE, vanno applicate solo a componenti del cancello, rispettivamente le unità di motorizzazione (i cosiddetti drive) e i radiocomandi. Mentre invece le apparecchiature per la chiusura automatica dei cancelli e le serrature elettriche risultano escluse dal campo di applicazione della recente direttiva RAEE sui rifiuti elettrici (Dlgs 151/05). Le nuove norme UNI EN definiscono le caratteristiche tecniche ed operative che deve possedere il sistema automatizzato per prevenire eventuali rischi legati al suo utilizzo. La Direttiva Prodotti da Costruzione, attraverso procedure, indicazioni e controlli si propone di far si che qualsiasi prodotto fabbricato allo scopo di essere permanentemente incorporato in edifici ed opere d ingegneria civile, possa essere immesso sul mercato solo se idoneo all impiego previsto. Questo, come già detto, a partire dal 1 maggio 2005 vale anche per il prodotto cancello o cancello motorizzato. Come ogni Direttiva che si rispetti, anche la DPC prevede il rispetto di una serie di requisiti essenziali per poter marcare CE il prodotto-cancello e quindi poterlo incorporare o installare in un edificio.

7 Esempio di portoni industriali che rientrano nel campo di applicazione della norma UNI EN La Direttiva Prodotti da Costruzione si applica ai cancelli che vengono installati con la motorizzazione annessa, mentre non si applica al caso dell installatore che motorizza un cancello manuale già esistente, dove vanno applicate le sole Direttive Macchine ed EMC. In questo secondo caso, la valutazione di conformità può essere basata su verifiche in situ, (anziché in fabbrica) ovvero eseguite sul posto di installazione ed infine tali verifiche (effettuate allo scopo di dichiarare la conformità del cancello installato), si possono ridurre alle sole prove di resistenza meccanica, di sicurezza dell apertura per porte verticali e a tutte quelle previste per il funzionamento motorizzato.

8 Se la norma EN è il braccio operativo della Direttiva Prodotti da Costruzione, le norme EN ed EN ne costituiscono l equivalente per la Direttiva Macchine, supportate dalla norma EN che specifica come devono essere i dispositivi di sicurezza da installare unitamente al cancello. La filosofia di partenza consiste nel considerare come macchina, e come tale quindi trattarla, ogni porta, cancello o qualsiasi altra apertura che viene automatizzata. Infatti la norma UNI EN 12453, affronta inizialmente il problema dell analisi dei rischi associati al funzionamento della macchina, cioè in questo caso alla apertura/chiusura automatizzata. Infatti i movimenti di apertura e chiusura possono determinare situazioni pericolose per le persone o per i veicoli che transitano nelle vicinanze, situazioni che vanno analizzate al fine di eliminare il pericolo o ridurre al minimo le conseguenze.

9 Situazioni pericolose per le porte motorizzate Nell articolo 4 della norma EN vengono elencati i possibili pericoli associati al funzionamento automatizzato della chiusura, e presi in considerazione sia utilizzi corretti che impropri della macchina-cancello: a) Pericoli di schiacciamento, cesoiamento, uncinamento, taglio, incuneamento o convogliamento (ad esempio tra il bordo principale di chiusura e la sua battuta, in corrispondenza del lato cerniere, in corrispondenza del bordo inferiore del cancello, etc.). La zona di pericolo si intende estesa da 0 m a 2, 5 m di altezza. In particolare le situazioni di rischio possono essere le seguenti: tra i bordi di chiusura e i bordi opposti delle porte; (UNI EN 12453)

10 tra i bordi di chiusura dell anta ed un ostacolo (b) tra ante scorrevoli (UNI EN 12453) (UNI EN 12453)

11 tra le ante e le parti fisse nelle vicinanze (d) (UNI EN 12453) (Ballan) tra gli interstizi e le aperture dell'anta che cambiano le loro dimensioni durante il movimento dell'anta (UNI EN 12453)

12 sulle parti dell'anta che sporgono; sulle parti mobili dell'unità di motorizzazione che sono in grado di provocare lesioni. b) Pericoli di impatto od urto fra una persona e la porta in movimento, se l unità di motorizzazione è sufficientemente potente c) Pericoli di sollevamento di persone (nel caso di chiusure con movimento verticale). le porte che si aprono verso l alto non devono essere in grado di sollevare un adulto o un bambino in modo pericoloso, soprattutto se la porta si trova in un area pubblica (Situazione da evitare e situazione corretta - Edsf)

13 d) Pericoli legati all automazione (ad esempio rischi legati all alimentazione elettrica o idraulica/pneumatica): devono essere evitati tutti i rischi prodotti dalla sorgente di alimentazione. In particolare dovranno essere evitate le scosse elettriche, l incendio dovuto al surriscaldamento del motore elettrico, le esplosioni dovute alle sovrapressioni idrauliche o pneumatiche, i guasti nei dispositivi di sicurezza, gli avanzamenti della porta oltre la posizione di fine-corsa una volta fermata l unità di motorizzazione (Situazioni da evitare e situazione corretta Edsf)

14 e) Pericoli che si presentano durante la movimentazione manuale della porta a causa di un guasto dell alimentazione (ad esempio se c è un improvvisa ed imprevista rimessa in funzione o se lo sforzo manuale richiesto per movimentare la porta è troppo grande). (Situazioni da evitare e situazione corretta Edsf) f) Pericoli di intrappolamento da black-out: Le persone non devono essere intrappolate dentro aree dove una porta motorizzata è l unica via di uscita, anche nel caso di un guasto nell'azionamento o di assenza dell alimentazione elettrica.

15 (Situazione da evitare e situazione corretta Edsf) g) Pericoli di superamento dei limiti dell anta, che si traducono in possibili cadute o deragliamenti dell anta stessa dalla guida (Situazione da evitare e situazione corretta Edsf)

16 h) Pericoli legati alla presenza di portoncini. Quando un portoncino per i passaggi pedonali è incorporato in una porta motorizzata, è necessario che il movimento della porta non sia possibile finché il portoncino non sia chiuso in sicurezza (Situazione da evitare Edsf) i) Pericoli causati da un cattivo stato di funzionamento della porta. Un movimento non intenzionale dell anta può provocare pericoli quali uscite dalla guida e cadute verticali (Situazione da evitare e situazione corretta Edsf)

Cancelli motorizzati Normativa ed installazione 1. Normativa

Cancelli motorizzati Normativa ed installazione 1. Normativa Cancelli motorizzati Normativa ed installazione 1. Normativa Il primo agosto 2002 sono state pubblicate, da parte dell UNI le versioni in lingua italiana delle norme europee EN 12453 ed EN 12445 (datate

Dettagli

AUTOMAZIONE E MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI ASPETTI LEGISLATIVI ED INSTALLATIVI

AUTOMAZIONE E MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI ASPETTI LEGISLATIVI ED INSTALLATIVI AUTOMAZIONE E MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI ASPETTI LEGISLATIVI ED INSTALLATIVI GENERALITA NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 13241-1:2004 Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Norma di prodotto

Dettagli

COACERVO NORMATIVO. 1 Nel seguito si fa riferimento, per semplicità, ai cancelli, essendo

COACERVO NORMATIVO. 1 Nel seguito si fa riferimento, per semplicità, ai cancelli, essendo COACERVO RMATIVO CANCELLI MOTORIZZATI DIRETTIVE, MARCATURA, DICE, DICO E RESPONSABILITÀ Cancelli motorizzati. L installazione di cancelli e porte motorizzate è soggetta alle direttive europee (tra le quali

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE PORTA BASCULANTE Manuale / Automatizzata A cura della : Sistema Qualità ISO MANUALE D USO E MANUTENZIONE Pagina 2 di 19 INDICE 1 - LETTERA ALLA CONSEGNA... 3 2 INFORMAZIONI

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 6 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE SERRANDE E DEI PORTONI A SCORRIMENTO VERTICALE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL FASCICOLO TECNICO DI PORTE E CANCELLI MOTORIZZATI AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE (89/392/CEE)

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL FASCICOLO TECNICO DI PORTE E CANCELLI MOTORIZZATI AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE (89/392/CEE) Costruttore: (Nome, indirizzo, telefono) FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI DI INFISSI MOTORIZZATI E DI AUTOMATISMI PER

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la presente

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1,

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 3 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

GUIDA UNAC N. 11 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 11 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 11 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2* *

Dettagli

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12 Indice 2 - Le norme Introduzione pag. 12 11 Le norme Introduzione Gli impianti elettrici di bassa tensione sono regolamentati da un insieme di testi che hanno l obiettivo di definire le misure per la protezione

Dettagli

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.)

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) CENTRALE TERMICA A GAS METANO O (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) Sistema di alimentazione: TT Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC

CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI

Dettagli

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 3 - Legislazione

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 3 - Legislazione AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici Lezione 3 - Legislazione Legislazione Lo Stato tutela l individuo come cittadino e come lavoratore, in particolare per quanto riguarda:! la salute! la sicurezza

Dettagli

DIRETTIVA MACCHINE NORME ARMONIZZATE APPLICABILI SOLUZIONI TECNICHE. Ordine Ingegneri di Taranto (TA), 23 Settembre 2015

DIRETTIVA MACCHINE NORME ARMONIZZATE APPLICABILI SOLUZIONI TECNICHE. Ordine Ingegneri di Taranto (TA), 23 Settembre 2015 DIRETTIVA MACCHINE NORME ARMONIZZATE APPLICABILI SOLUZIONI TECNICHE Ordine Ingegneri di Taranto (TA), 23 Settembre 2015 PORTE, CANCELLI E BARRIERE Le norme di sicurezza nelle automazioni: dalla UNI 8612

Dettagli

(2006/C 201/02) (Testo rilevante ai fini del SEE) Riferimento e titolo della norma (e documento di riferimento)

(2006/C 201/02) (Testo rilevante ai fini del SEE) Riferimento e titolo della norma (e documento di riferimento) 24.8.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 201/31 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 89/336/CEE del Consiglio, del 3 maggio 1989, per il ravvicinamento

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

F.A.Q.: le domande più frequenti riguardanti direttive e norme europee per porte e cancelli motorizzati con le risposte UNAC MARCATURA CE

F.A.Q.: le domande più frequenti riguardanti direttive e norme europee per porte e cancelli motorizzati con le risposte UNAC MARCATURA CE F.A.Q.: le domande più frequenti riguardanti direttive e norme europee per porte e cancelli motorizzati con le risposte UNAC www.associazioneunac.it unac@anima-it.com 3 a edizione maggio 2005 MARCATURA

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

SEQUENZA PER LA DOCUMENTAZIONE DELLA CONFORMITÀ AI REQUISITI ESSENZIALI DELL'AUTOMAZIONE

SEQUENZA PER LA DOCUMENTAZIONE DELLA CONFORMITÀ AI REQUISITI ESSENZIALI DELL'AUTOMAZIONE N. Doc.: Timbro Installatore versione 2.0-01/08 Valutazione redatta in conformità alla vigente Direttiva Macchine 98/37/CE 2006/42/CE - 98/79/CE Punti/Azioni SEQUENZA PER LA DOCUMENTAZIONE DELLA CONFORMITÀ

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE C 77/8 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2005/C 77/03) (Testo rilevante ai fini del SEE) Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La Direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È un

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Presentazione del software per la marcatura ce dei cancelli

Presentazione del software per la marcatura ce dei cancelli Presentazione del software per la marcatura ce dei cancelli martedì 30 novembre 2010 - ore 20,30 treviso - Viale montegrappa, 34/2 nuova sede confartigianato marca trevigiana La Direttiva Europea Prodotti

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell Unione sull armonizzazione)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell Unione sull armonizzazione) C 173/142 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.5.2016 Comunicazione della Commissione nell ambito dell applicazione della direttiva 2014/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

DIRETTIVA MACCHINE & NORME ARMONIZZATE

DIRETTIVA MACCHINE & NORME ARMONIZZATE DIRETTIVA MACCHINE & NORME ARMONIZZATE PORTE, CANCELLI E BARRIERE Le norme di sicurezza nelle automazioni: dalla UNI 8612 alla Direttiva macchine 2006/42CE UNI 8612 definire i criteri costruttivi e i

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

UNI EN 14351-1: Marcatura CE per PORTE E FINESTRE ESTERNE A partire da febbraio 2007 - Obbligatoria a partire da Febbraio 2009

UNI EN 14351-1: Marcatura CE per PORTE E FINESTRE ESTERNE A partire da febbraio 2007 - Obbligatoria a partire da Febbraio 2009 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE UNI

Dettagli

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI 25.9.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 225/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI Comunicazione della Commissione nel quadro dell attuazione della direttiva 2004/108/CE

Dettagli

Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2004/C 98/05)

Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2004/C 98/05) C 98/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.4.2004 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della Direttiva del Consiglio 89/336/CEE (2004/C 98/05) (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE INDICE 2 LETTERA ALLA CONSEGNA INFORMAZIONI GENERALI Identificazione della macchina Dati del costruttore Servizio assistenza tecnica Garanzia

Dettagli

Domotica: lo stato dell arte

Domotica: lo stato dell arte dott. ing. Pier Giorgio Confente Via Del Capitel 3 37131 Verona Italia P. IVA: 01248070235 C.F. : CNFPGR43M18M172W Tel.: 3453472324 fax.: 0454752618 e-mail: piergiorgio.confente@poste.it e-mail: piergiorgio.confente@gmail.com

Dettagli

La Marcatura CE. Normativa CPD (Costruction Production Directive)

La Marcatura CE. Normativa CPD (Costruction Production Directive) La Marcatura CE Normativa CPD (Costruction Production Directive) Cos'è La direttiva comunitaria 89/106/CE definisce i nuovi obblighi e responsabilità per i Produttori di tutti i prodotti da costruzione

Dettagli

Tagliafuoco. Manuale. Serranda industriale motorizzata. d uso e manutenzione

Tagliafuoco. Manuale. Serranda industriale motorizzata. d uso e manutenzione La Greppi Antonio SpA si riserva la facoltà di apportare tutte le variazioni necessarie per il miglioramento dei prodotti - Edizione 1-2005 Certificazioni Greppi Antonio SpA, Tecnoserranda Srl e Penta

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA 19.3.2010 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 71/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione

Dettagli

S033 Norme per impianti per edifici civili ed energia

S033 Norme per impianti per edifici civili ed energia 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 2910 CEI 0-3 0 36.15 Legge 46/90 Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO CANCELLI MOTORIZZATI. Lussorio Luca

AGGIORNAMENTO NORMATIVO CANCELLI MOTORIZZATI. Lussorio Luca AGGIORNAMENTO NORMATIVO CANCELLI MOTORIZZATI Lussorio Luca INFORTUNI DOMESTICI OGNI ANNO IN ITALIA SI HANNO 30.000 INFORTUNI DOMESTICI DENUNCIATI (*) CHE CAUSANO CIRCA 7.000 VITTIME SI STIMANO CIRCA 15

Dettagli

Impianti Antiintrusione (Scheda)

Impianti Antiintrusione (Scheda) IMPIANTI ANTINTRUSIONE Sistema di alimentazione: TT Normalmente un impianto anti-intrusione è dotato di alimentazione propria basata su batterie in grado di alimentare l'impianto per adeguati periodi.

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura CE di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura CE di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura CE di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La Direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE. delle chiusure automatizzate

GUIDA ALL INSTALLAZIONE. delle chiusure automatizzate GUIDA ALL INSTALLAZIONE delle chiusure automatizzate 2 G U I D A A L L I N S TA L L A Z I O N E INDICE INTRODUZIONE 3 SCOPO DELLA GUIDA 3 RESPONSABILITÀ 3 OBBLIGHI DI LEGGE 3 Cosa bisogna fare: il FASCICOLO

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione:

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione: 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Come manutenzione si identifica un tipo di attività il cui scopo è quello di mantenere funzionanti ed in sicurezza, con le prescrizioni qualitative e quantitative gli impianti elettrici.

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

MINISTERO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI DECRETO 18 maggio 1999

MINISTERO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI DECRETO 18 maggio 1999 MINISTERO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI DECRETO 18 maggio 1999 "Norme armonizzate in materia compatibilità elettromagnetica" (pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Norma europea EN 12445: Novembre 2000

Norma europea EN 12445: Novembre 2000 Norma europea EN 12445: Novembre 2000 PORTE E CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI E DA AUTORIMESSA SICUREZZA D USO DELLE PORTE MOTORIZZATE METODI DI PROVA INTRODUZIONE Questa norma europea è stata preparata

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Le Basi

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI Sistema di alimentazione: ---------- Norme di riferimento: o Norma CEI 81-1 Protezione delle strutture contro i fulmini ; o Norma CEI 81-4

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli

Marcatura CE Cancelli

Marcatura CE Cancelli SB studio www.essebistudio.com www.marcatura-ce-cancelli.com Marcatura CE Cancelli SB studio di Bertolo Sergio Borgo Treviso 152/C 31033 Castelfranco Veneto TV 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Tipologie di cancelli

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/C 53/04) Riferimento e titolo della norma (Documento di riferimento) (1) (2) (3) (4)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/C 53/04) Riferimento e titolo della norma (Documento di riferimento) (1) (2) (3) (4) C 53/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.2.2014 Comunicazione della Commissione nel quadro dell'attuazione della direttiva 2004/108/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, concernente il ravvicinamento

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

Impianti Tecnologici

Impianti Tecnologici Impianti Tecnologici OGGETTO: ELENCO DELLE PRINCIPALI NORME E GUIDE CEI Il presente Registro è redatto in n. 11 pagine (copertina presente) ver. 1.0 1 Elenco Norme e Guide CEI 0-1 Adozione di nuove norme

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 Riferimenti normativi Riferimenti che riguardano il prelievo e la fornitura di energia elettrica dalle reti MT e BT: CEI

Dettagli

info@innerweb.ch - www.iwbusiness.ch

info@innerweb.ch - www.iwbusiness.ch nice motori 110 110 110 50 140 90 90 70 motori nice 110 110 90 70 110 90 110 70 nice mca2 90 50 40 40 30 50 50 20 mca2 nice 10 10 10 10 20 20 30 10 nice mca2 manuale 40 10 20 40 40 50 50 30 motori per

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

21.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/19

21.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/19 21.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/19 RETTIFICHE Rettifica della comunicazione della Commissione nel quadro dell'attuazione della direttiva 2004/108/CE del Parlamento europeo e del

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

Manuale tecnico per l'installazione. BARRIERA ELETTROMECCANICA PER INGRESSI DA 2,5 MT, 4 MT, 5 MT, 6 MT 24 Vcc USO INTENSIVO 230 Vac USO RESIDENZIALE

Manuale tecnico per l'installazione. BARRIERA ELETTROMECCANICA PER INGRESSI DA 2,5 MT, 4 MT, 5 MT, 6 MT 24 Vcc USO INTENSIVO 230 Vac USO RESIDENZIALE BARRIERA ELETTROMECCANICA PER INGRESSI DA 2,5 MT, 4 MT, 5 MT, 6 MT 24 Vcc USO INTENSIVO 230 Vac USO RESIDENZIALE Manuale tecnico per l'installazione rev. 1 LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DI EFFETTUARE L'INSTALLAZIONE

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ (DEL FABBRICANTE)*

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ (DEL FABBRICANTE)* ISO 9001:2000 CROCI S.p.A. Via Emilia, 732 47032 Bertinoro (FC) ITALY Tel : (+39) 0543-448050 Fax : (+39) 0543-448229 E-Mail: info@croci.com http:// www.croci.com Cap.Soc. 4.000.000,00 i.v. C.C.I.A.A.

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

SELEZIONI CEI. Punto UNI CEI di Treviso

SELEZIONI CEI. Punto UNI CEI di Treviso Punto UNI CEI di Treviso SELEZIONI CEI S001 Raccolta Totale Norme CEI S002 Raccolta per l Elettrotecnica generale e materiali per uso elettrico S003 Raccolta per Impianti e Sicurezza di esercizio S004

Dettagli