DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE"

Transcript

1 DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione di fabbricati aziendali): L ordinamento colturale pre-insediamento è rappresentato dalle coltivazioni tradizionali basate sulle rotazioni di frumento con foraggere e maggese. Le superfici ad oliveto sono poco valorizzate ed hanno bisogno di interventi di ripristino e sostituzione delle fallanze. Attualmente non ci sono allevamenti. Tra i fabbricati aziendali presenti, vi troviamo l unità poderale Il Colle-Sant Alfredo, p.lla 80 del foglio 22 del comune di San Quirico d Orcia, la quale è localizzata in un ottima posizione che ne determina una magnifica attitudine per l attività agrituristica. Tale attività già oggi viene in parte svolta. Un altro fabbricato aziendale è localizzato nella p.lla 108 del foglio 22 del comune di San Quirico d Orcia, il quale dovrà essere completamente ristrutturato per la sua destinazione a stalla per bovini da carne. Nel centro abitato di San Quirico d Orcia sarà invece presente il locale dove verrà effettuata la trasformazione e commercializzazione della carne bovina (Foglio 31 p.lla 7 sub. 10). MANODOPERA TIPOLOGIA Dipendenti fissi Salariati avventizi 1 Coadiuvanti familiari 2 Imprenditore 3 NUMERO NUMERO TOTALE 6

2 DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI E DELLE TAPPE ESSENZIALI PER LO SVILUPPO DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Individuare e descrivere gli obiettivi per lo sviluppo delle attività imprenditoriali con particolare riferimento ai seguenti aspetti: Descrizione del progetto e del tipo di impresa: l idea imprenditoriale La finalità del progetto è di creare una nuova azienda sotto forma di società semplice agricola composta da n. 5 soci lavoratori di cui n. 3 rappresentati dai giovani amministratori (due donne ed un uomo) che richiedono il primo insediamento nell attività agricola. Il progetto prevede di ottimizzare e incrementare il rendimento aziendale mediante lo sviluppo di vari comparti produttivi. La produzione agricola con maggiore rilevanza sarà rappresentata dalla vendita diretta della carne bovina allevata, trasformata e commercializzata direttamente. Le produzioni aziendali derivanti dalla coltivazione di cereali e foraggere, saranno interamente reimpiegati per l alimentazione dei bovini allevati in azienda. Andranno a completare le produzioni agricole, quelle derivanti dalla coltivazione degli olivi e delle piante ornamentali in pieno campo le quali avranno una prevalente destinazione commerciale con gli ospiti dell agriturismo. Altresì, particolare rilevanza nel reddito aziendale avrà l attività agrituristica che verrà svolta nella struttura con una potenzialità ricettiva di complessivi 8/10 posti letto oltreché la possibilità di svolgere l attività di ristorazione per sfruttare al massimo sia le superfici che le produzioni agricole a disposizione. Per quanto riguarda le produzioni agricole, il progetto prevede un intervento per l elettrificazione aziendale, la ristrutturazione dell annesso agricolo per la realizzazione della stalla per bovini da carne, l acquisto di attrezzatura agricola e zootecnica per lo svolgimento di tale attività, la realizzazione di recinzioni per il contenimento e la protezione degli animali,

3 l allestimento dei mezzi per il trasporto degli animali vivi e per il trasporto delle carni dal mattatoio all azienda e fino ai clienti finali, l intervento di miglioramento fondiario comprendente il ripristino, l ampliamento e infittimento degli oliveti. Per quanto riguarda invece gli interventi ai fini agrituristici, il progetto prevede la ristrutturazione dei fabbricati abitativi finalizzati all ottenimento di una struttura ricettiva con 8/10 posti letto dotata di locali per la preparazione e somministrazione di alimenti. La gestione dell agriturismo sarà coadiuvata dall utilizzo di software gestionali e siti web appositamente implementati. L attività agrituristica prevede anche le attività sociali e di servizio per le comunità locali inclusa l'assistenza all'infanzia, agli anziani, alle persone con disabilità e/o svantaggio. Descrizione degli obiettivi a breve e medio termine e della strategia per il loro conseguimento: Gli obbiettivi a breve e medio termine consistono nella valorizzazione commerciale dei vari prodotti agricoli aziendali mediante la vendita diretta e lo svolgimento delle attività agrituristiche con pernottamento e somministrazione pasti. Per il conseguimento di tali obbiettivi, verrà creato un allevamento di bovini da carne i cui capi verranno trasformati in un laboratorio aziendale e la carne verrà commercializzata direttamente. L agriturismo verrà ristrutturato al fine di ottenere n. 4 camere per complessivi 8/10 posti letto e un locale necessario per la preparazione e somministrazione dei pasti. La valorizzazione dei fabbricati abitativi mediante la loro ristrutturazione e conversione in agriturismo, consentirà di avere dei consistenti ricavi dalla suddetta attività connessa.

4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI PER LO SVILUPPO DELL'AZIENDA CON RIFERIMENTO AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI E ALLE AZIONI INERENTI LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E L EFFICIENZA DELLE RISORSE A) Descrizione degli investimenti relativi alle sottomisure attivate Gli investimenti richiesti a contributo ed orientati al perseguimento degli obbiettivi imprenditoriali, sono di seguito riportati in collegamento alla specifica sottomisura attivata. Abbeveratoi e/o mangiatoie: per un costo pari ad euro 7.000,00. Tale intervento consiste nell acquisto delle attrezzature idonee per l alimentazione e abbeveraggio del bestiame. Allestimento di mezzi per il trasporto esclusivo di animali vivi: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell allestimento dei mezzi autocarro per il trasporto degli animali vivi da altri allevamenti fino alla propria stalla e dalla propria stalla fino al mattatoio. Altresì, verranno allestiti i mezzi autocarro per il trasporto delle carcasse dal mattatoio fino all azienda e dall azienda fino ai clienti finali. Macchinari e attrezzature complementari agli impianti: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell acquisto di attrezzature necessarie per lo svuotamento e pulizia della stalla dalle deiezioni animali.

5 Macchinari e attrezzature per la preparazione dei mangimi: per un costo pari ad euro 8.000,00. Tale intervento consiste nell acquisto di un molino per la preparazione dei mangimi per l alimentazione del bestiame. Macchinari ed attrezzature per uso zootecnico: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell acquisto di attrezzature per il trasporto e distribuzione dei mangimi e foraggi. Produzione vegetale - Macchine, attrezzature ed impianti - Trattore >= 80 Cv: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell acquisto di un trattore a ruote dotato di caricatore frontale per il sollevamento delle rotoballe di fieno e paglia e per la pulizia della stalla dalle deiezioni animali. Altresì, il trattore sarà dotato di dispositivi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro, di un motore di ultima generazione che consentirà la riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni in atmosfera. Il trattore sarà impiegato in tutte le operazioni agricole-zootecniche svolte in azienda. Produzione vegetale - Macchine, attrezzature ed impianti - Rimorchi e carrelli per trattore: per un costo pari ad euro 8.000,00. Tale intervento consiste nell acquisto di un rimorchio da utilizzare per il trasporto delle materie prime aziendali.

6 Produzione vegetale - Macchine, attrezzature ed impianti - Macchinari, attrezzature per operazioni colturali: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell acquisto di attrezzature agricole per la lavorazione del terreno e la raccolta nelle produzioni vegetali. Miglioramenti fondiari a totale utilizzo della produzione agricola - Superfici - Recinti per pascolo finalizzati alla raccolta, contenimento di animali: per un costo pari ad euro 4.000,00. Tale intervento consiste nella realizzazione di recinti all interno dell azienda necessari per il contenimento degli animali al pascolo. Produzione zootecnica - Fabbricati ed opere murarie - Stalle e ricoveri: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell intervento di ristrutturazione dell annesso agricolo al fine di realizzare la stalla e strutture connesse, necessarie per l allevamento di bovini da carne. Impiantistica elettrica, idraulica e termosanitaria e simili: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nella realizzazione dell impiantistica elettrica-idraulica nella struttura di allevamento del bestiame. Miglioramenti fondiari a totale utilizzo della produzione agricola - Macchine, attrezzature ed impianti - Elettrificazione

7 aziendale (dalla cabina elettrica alla azienda): per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nella realizzazione di una nuova linea elettrica interrata fino al centro aziendale. Produzione zootecnica - Fabbricati ed opere murarie - Recinti di servizio adiacenti a stalle/ricoveri zootecnici: per un costo pari ad euro 6.000,00. Tale intervento consiste nella realizzazione di spazi adiacenti alla stalla per il contenimento del bestiame. Miglioramenti fondiari a totale utilizzo della produzione agricola - Superfici - Impianto di specie arboree da frutto: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste negli interventi di ripristino, ampliamento ed infittimento degli oliveti aziendali. Spese generali a totale utilizzo della produzione agricola - Consulenza - Presentazione della domanda di aiuto / di pagamento: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nelle spese dei consulenti incaricati per suddetta finalità Incentivare il ricorso alle energie rinnovabili nelle aziende agricole Impianti tecnologici per la produzione di energia da fonti rinnovabili a totale utilizzo della produzione agricola - Macchine, attrezzature ed impianti - Impianti solari fotovoltaici senza tariffa incentivante: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nella realizzazione di un impianto fotovoltaico sopra la copertura della nuova stalla in progetto.

8 A4 - Interventi finalizzati allo sviluppo di attività sociali e di servizio per le comunità locali inclusa l'assistenza all'infanzia, agli anziani, alle persone con disabilità e/o svantaggio - Macchine, attrezzature ed impianti - Impiantistica elettrica, idraulica e termosanitaria e simili: per un costo pari ad euro 8.000,00. Tale intervento consiste nella realizzazione dell impiantistica per l illuminazione degli spazi esterni e dei percorsi sicuri aziendali necessari per lo svolgimento di tale attività. A4 - Interventi finalizzati allo sviluppo di attività sociali e di servizio per le comunità locali inclusa l'assistenza all'infanzia, agli anziani, alle persone con disabilità e/o svantaggio - Superfici - Percorsi aziendali con finalità agrituristica in sicurezza: per un costo pari ad euro 7.000,00. Tale intervento consiste nella realizzazione dei percorsi sicuri aziendali necessari per lo svolgimento di tale attività. A1 - Qualificazione offerta agrituristica e interventi per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali - Fabbricati ed opere murarie - Fabbricati per l'ospitalità e la ricettività agrituristica: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nelle spese per le opere murarie necessarie per la ristrutturazione del fabbricato destinato ad attività agrituristica. A1 - Qualificazione offerta agrituristica e interventi per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali - Macchine, attrezzature ed impianti - Impiantistica elettrica, idraulica e termosanitaria e simili: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nelle spese per l impiantistica nella ristrutturazione del fabbricato destinato ad attività agrituristica.

9 A1 - Qualificazione offerta agrituristica e interventi per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali - Macchine, attrezzature ed impianti - Macchinari e attrezzature per preparazione, conservazione cibi per ristorazione agrituristica: per un costo pari ad euro ,00. Tale intervento consiste nell acquisto delle attrezzature professionali di cucina necessarie per la preparazione e conservazione e somministrazione degli alimenti. Investimenti immateriali - Software - Programmi informatici: per un costo pari ad euro 3.000,00. Tale intervento consiste nell acquisto del gestionale necessario per l attività agrituristica. Investimenti immateriali - Marketing - Siti web: per un costo pari ad euro 2.000,00. Tale intervento consiste nella realizzazione del sito Web necessario per l attività svolta. L INVESTIMENTO GLOBALE AMMONTA IN COMPLESSIVI EURO ,00. B) Descrizione delle azioni inerenti la sostenibilità ambientale e l efficienza delle risorse Per tali finalità possiamo richiamare gli interventi volti alla realizzazione di un impianto fotovoltaico che consentirà di abbattere i consumi aziendali di energia elettrica, alla realizzazione di una linea elettrica interrata che non avrà nessun impatto ambientale, alla rivalorizzazione degli oliveti mediante ripristino ed ampliamento delle superfici ed infittimento degli impianti, all acquisto di un trattore dotato di motore di ultima generazione che consentirà di avere ridotte emissioni in atmosfera.

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali Sottomisura 4.1. Sostegno a investimenti nelle aziende agricole Tipo di operazione 4.1.2 Investimenti in aziende

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 Région Autonome Vallée d Aoste Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 ALLEGATO 3: PIANO AZIENDALE (DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO MISURA

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese Sottomisura 6.4 Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra agricole Tipo di

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta)

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta) RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA del Piano di Investimenti (PI) presentato ai sensi della Misura 121 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna (Reg. CE 1698/2005) allegata alla DOMANDA DI AIUTO presentata

Dettagli

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE SPORTELLO UNICO - SERVIZIO TECNICO RICHIESTA APPROVAZIONE DI PIANO DI RICONVERSIONE AZIENDALE (PRA) PRG 2000 NdA, art. 77 Regolamento Edilizio

Dettagli

DA COMPILARE PER CIASCUN SOGGETTO PARTECIPANTE DIRETTO. Filiera Bovina: ESCLUSIVAMENTE PER CARNE E DERIVATI DI RAZZA CHIANINA

DA COMPILARE PER CIASCUN SOGGETTO PARTECIPANTE DIRETTO. Filiera Bovina: ESCLUSIVAMENTE PER CARNE E DERIVATI DI RAZZA CHIANINA DA COMPILARE PER CIASCUN SOGGETTO PARTECIPANTE DIRETTO Filiera Bovina: ESCLUSIVAMENTE PER E DERIVATI DI RAZZA CHIANINA L'esercizio dell'attività agricola costituisce l'oggetto sociale esclusivo dell'impresa

Dettagli

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN COMUNE DI VIGGIANO Provincia di Potenza ALL. 3 Piano di Sviluppo aziendale / Business Plan Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS

Dettagli

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Roberto Pagni Regione Toscana Luglio 2015 Firenze 1 PACCHETTO GIOVANI: OBIETTIVI 1/2 Promuovere

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE

DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE MISURA 311 PSR 2007-20132013 FASE 4 DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE OBIETTIVI DELLA MISURA Promuovere gli investimenti finalizzati a diversificare le attività delle aziende agricole per incrementare

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento. PSR 2007-2013 Regione Piemonte

ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento. PSR 2007-2013 Regione Piemonte FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

Allegati AL SINDACO DEL COMUNE DI

Allegati AL SINDACO DEL COMUNE DI AL SINDACO DEL COMUNE DI OGGETTO: -Legge Regionale n. 65 del 10.11.2014 Territorio Rurale - Titolo IV Capo III - Disposizioni sul territorio rurale -ex-regolamento di attuazione n. 5/R-2007 della ex-lr

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA N 2 REP. SLOVACCA

AZIENDA AGRICOLA N 2 REP. SLOVACCA AZIENDA AGRICOLA N 2 REP. SLOVACCA Nazione : Slovacchia Regione : Banská Bystrica Provincia : Žiar nad Hronom Paese : L' Azienda agricola si trova su una zona collinare della Repubblica Slovacca vicino

Dettagli

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel.

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel. Bollo nell originale spazio riservato al protocollo AL COMUNE DI OGGETTO: Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo-ambientale (P.A.P.M.A.A.) art.43 L.R. 3/1/2005 n.1 e art. 9 Regolamento

Dettagli

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA PSR 2014-2020 Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende Responsabile regionale Dott. Andrea Scarponi Tel. 0733 2932288-071 8063649 mail: andrea.scarponi@regione.marche.it

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

INFORMAZIONI ANAGRAFICHE

INFORMAZIONI ANAGRAFICHE INFORMAZIONI ANAGRAFICHE IMPRENDITORE - cognome e nome - comune di nascita - data di nascita - comune di residenza - indirizzo - provincia - codice fiscale Azienda - ragione sociale - comune ABBADIA LARIANA

Dettagli

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 La Regione del Veneto offre alle aziende agricole Venete che vogliono fare investimenti utili per ammodernare la

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE Il confidi nazionale dell Alleanza delle Cooperative Italiane ANTICIPO Anticipo crediti: Anticipare crediti per contributi vantati nei confronti di istituzioni

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

A Chi Ci Rivolgiamo?

A Chi Ci Rivolgiamo? Per proporre assicurazione nel mondo agricolo NON BASTA FARE GLI ASSICURATORI, ma è necessario avere un esperto agronomo che valuti il Riscio Agricolo, avendo conoscenze specifiche sulle necessità del

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo)

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) OGGETTO: Programma Aziendale Pluriennale di Miglioramento

Dettagli

PROGETTO IMPATTO ZERO

PROGETTO IMPATTO ZERO PROGETTO IMPATTO ZERO Caratteristiche Generali del Progetto Notevole impiego e riqualificazione professionale Totalmente ecologico Iniziative di grande rilievo Diversificato e innovativo Integrato Coordinato

Dettagli

(CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE)

(CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE) (CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE) SPETT.LE COMUNE DI CINIGIANO P.le Bruchi, 3 58044 Cinigiano (Gr) DOMANDA DI CONTRIBUTO SULLA MISURA 6.3.3. SOSTEGNO PER LA CRESCITA DEL SISTEMA AGRICOLO, RURALE E FORESTALE

Dettagli

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di Allegato parte integrante Piano Aziendale Operazione 6.1.1 "Insediamento Giovani Agricoltori" PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE Milano, 18 novembre 2014 Alessandro Pezzotta Struttura Programmazione ed attuazione dello sviluppo rurale PSR 2014-2020: OBIETTIVI - priorità 1: stimolare

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

FATTORIA LA SONNINA. quando la campagna coltiva valori. L'azienda agricola

FATTORIA LA SONNINA. quando la campagna coltiva valori. L'azienda agricola FATTORIA LA SONNINA quando la campagna coltiva valori 1 L'azienda agricola La Cooperativa La Sonnina nasce nel 1999 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 per il Primo Insediamento grazie ai

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Prima parte del quesito :

Prima parte del quesito : Il candidato facendo riferimento ad un contesto aziendale di propria conoscenza, descriva un azienda agraria ad indirizzo cerealicolo-zootecnico condotto da un proprietario capitalista. Utilizzando poi

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA PALAZZO VECCHIO

AZIENDA AGRICOLA PALAZZO VECCHIO AZIENDA AGRICOLA PALAZZO VECCHIO La diversificazione in un azienda del Mugello: tra zootecnia e agriturismo 1 AZIENDA AGRICOLA PALAZZO VECCHIO L area in cui è situata l azienda è Borgo San Lorenzo, un

Dettagli

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P.

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P. Allegato A Scheda aziendale (schema ) A ----------------------------------------------------------------------- (i quadri sottostanti sono da compilare sempre) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome

Dettagli

Vetrina delle opportunità

Vetrina delle opportunità 1 di 6 21/02/2013 6.40 Vetrina delle opportunità Agevolazioni per la tua impresa agricola BANDO PUBBLICO Misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Gal Terre Pescaresi _Regione Abruzzo Misure collegate

Dettagli

ALLEGATO 7 alla deliberazione della Giunta regionale n. 2030 dell 11 luglio 2008

ALLEGATO 7 alla deliberazione della Giunta regionale n. 2030 dell 11 luglio 2008 ALLEGATO 7 alla deliberazione della Giunta regionale n. 2030 dell 11 luglio 2008 MISURA 211 - INDENNITÀ COMPENSATIVE DEGLI SVANTAGGI NATURALI A FAVORE DEGLI AGRICOLTORI DELLE ZONE MONTANE 1) OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n.

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. 7/R ) Il sottoscritto, nato il a ( ), residente a Via n. - tel. - nella sua

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE E LE COOPERATIVE DELL AGRICOLTURA E DELL AGROINDUSTRIA

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE E LE COOPERATIVE DELL AGRICOLTURA E DELL AGROINDUSTRIA FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE E LE COOPERATIVE DELL AGRICOLTURA E DELL AGROINDUSTRIA 1. AZIENDA PIU Finanziamento a lungo termine per la formazione e l arrotondamento della proprietà. Imprese agricole di

Dettagli

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.)

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) PARTE OPERATIVA INDICE PARTE II VERBALI DI CONTROLLO SCHEDA PRINCIPALITA SCHEDA CLASSIFICAZIONE SCHEDA NATURA

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA Che cos'è: Il Subentro in agricolturaè uno degli incentivi in favore dell autoimprenditorialità previsti dal Titolo I del Decreto 185/2000 con funzioni attribuite

Dettagli

MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole. Azione A Agriturismo

MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole. Azione A Agriturismo MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Azione A Agriturismo Obiettivo d Asse Obiettivo specifico Descrizione della Beneficiari Localizzazione Requisiti di accesso alla Priorità Qualità

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Qualità e ricerca in una produzione di nicchia 1 L azienda agricola L azienda agricola Dorothea Costa nasce nel 2007 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Dettagli

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO.

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. Allegato parte integrante Allegato A) Criteri di Coerenza CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. In relazione alle finalità indicate nel Progetto Strategico di Sviluppo e nel

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 APERTURA TERMINI 2014 Prossime aperture regionali 1 Gli Obiettivi generali Promuovere lo sviluppo delle aree rurali COMPETITIVITA AGROAMBIENTE DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE DECRETO 19 marzo 1999, n. 147 (pubblicato nella G.U.R.I. del 24 maggio 1999, n. 119 - avviso di rettifica pubblicato nella G.U.R.I. del 20 luglio 1999, n. 168) "Regolamento recante criteri e modalità di

Dettagli

SCHEDA BANDO. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE - B.U.R.P. n. 71 del 17-05-2012.

SCHEDA BANDO. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE - B.U.R.P. n. 71 del 17-05-2012. SCHEDA BANDO Titolo: Fonte: Programma di Sviluppo Rurale della Puglia (P.S.R.) F.E.A.S.R. 2007-2013. ASSE I: Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale. MISURA 121: Ammodernamento

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche

Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche Ville@Casali Real Estate s.r.l. Telefono: 800 984 481 Email: info@villeecasalinetwork.com Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche Bari, IT Descrizione

Dettagli

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X Start Up Settori di intervento Sono ammissibili gli investimenti riguardanti i settori di cui all allegato A del Regolamento. Sono validi i divieti e le limitazioni derivanti dalle vigenti normative dell

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Le caratteristiche del software GAIA

Le caratteristiche del software GAIA Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Le caratteristiche del software GAIA Antonio

Dettagli

SOLUZIONI PER L AGRICOLTURA PRODOTTI E SERVIZI PER L IMPRESA AGRICOLA

SOLUZIONI PER L AGRICOLTURA PRODOTTI E SERVIZI PER L IMPRESA AGRICOLA PER L AGRICOLTURA PRODOTTI E SERVIZI PER L IMPRESA AGRICOLA Professionalità e competenza al servizio della tua attività Credem per l Agricoltura è il servizio dedicato agli agricoltori e alle imprese agricole.

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI Progetto GAIA Strumento innovativo per l efficienza economica delle imprese vitivinicole Mis. 124 Cooperazione per lo sviluppo

Dettagli

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI indicare: - gli obiettivi individuati per lo sviluppo delle attività aziendali; - l'eventuale programma degli investimenti previsti

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

Nuova attività agrituristica Società agricola SOLE LUNA Baiso (RE) MISURA 413 Azione 1

Nuova attività agrituristica Società agricola SOLE LUNA Baiso (RE) MISURA 413 Azione 1 Nuova attività agrituristica Società agricola SOLE LUNA Baiso (RE) L azienda SoleLuna è un agriturismo di prossima inaugurazione a Baiso. Insieme alle coltivazioni biologiche, è stato realizzata la struttura

Dettagli

OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO

OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO SPORTELLO ARTIGIANCASSA POINT FINANZIAMENTI LINEA KEY WOMAN FINANZIAMENTI SCORTE FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTOACQUISTO DI MACCHINARI, ATTREZZATURE, AUTOMEZZI

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale Operatore agricolo Standard della Figura nazionale 134 Denominazione della figura OPERATORE AGRICOLO Indirizzi della figura Allevamento Animali Domestici Coltivazioni Arboree, erbacee, ortifloricole Silvicoltura,

Dettagli

Per la gestione dei reflui nelle stalle

Per la gestione dei reflui nelle stalle PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico Il Governo italiano ha presentato il 19 febbraio scorso il "Nuovo piano sull'efficienza energetica, sulle rinnovabili e sull'eco industria", con

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R.

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. 21/2008) 1 La L.R. 29 aprile 2008, n. 21 è stata modificata e ampliata in modo

Dettagli

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 Premessa La regione Puglia, in linea con gli indirizzi per lo sviluppo delle politiche comunitarie nei suoi tre

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 02/03/2010 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 02/03/2010 53 56619 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini Progetto di ricerca: La multifunzionalità dell agricoltura nelle zone montane marginali: una valutazione qualitativa, quantitativa e monetaria degli impatti ambientali economici e sociali Responsabile

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Sezione Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali Progetto EDILBALLA La paglia solitamente

Dettagli

MAREMMA TERRA DI VINI. Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i.

MAREMMA TERRA DI VINI. Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. MAREMMA TERRA DI VINI Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cantina di Pitigliano si propone come promotore e soggetto capofila del Progetto

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

compenso per il lavoro fornito dall imprenditore e dai familiari.

compenso per il lavoro fornito dall imprenditore e dai familiari. sapere per fare.zootecnia FATTORI AZIENDALI DI SUCCESSO Progetto di Ricerca EquiZooBio 1 Massimo Chiorri a, Francesco Ansaloni b, Francesco Galioto a, Francesco Pyszny b a Dipartimento di Scienze Economico-estimative

Dettagli