Web! DMNR! Detector Mesh for Nuclear Repositories! Monitoraggio online in tempo reale di rifiuti radioattivi! local! data! storage! wireless! network!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Web! DMNR! Detector Mesh for Nuclear Repositories! Monitoraggio online in tempo reale di rifiuti radioattivi! local! data! storage! wireless! network!"

Transcript

1 Monitoraggio di rifiuti radioattivi: sviluppo di sensori e sistemi Paolo Finocchiaro! Luigi Cosentino, Alfio Pappalardo, Luca Russo, Sergio Scirè, Carlotta Scirè, Gianfranco Vecchio,! Claudio Calì, Giovanni De Luca, Pietro Litrico, Carmelo Marchetta, Massimo Piscopo! INFN Laboratori Nazionali del Sud, Catania, Italy! Monitoraggio online in tempo reale di rifiuti radioattivi! local! data! storage! Data! wireless! network! wired! network! remote! data! storage! Web! DMNR! Detector Mesh for Nuclear Repositories! P.Finocchiaro 1

2 rifiuti radioattivi prodotti in tutto il mondo generalmente sigillati in fusti speciali il deposito andrebbe monitorato per perdite e/o rotture, per prevenire possibili contaminazioni di persone e ambiente il monitoraggio online potrebbe minimizzare il bisogno di intervento umano all interno (ALARA) Nessun deposito con monitoraggio online! (a nostra conoscenza)! P.Finocchiaro 2

3 Monitoraggio online di depositi di rifiuti radioattivi di durata breve/media Applicazione di rivelatori non convenzionali per il decommissioning Monitoraggio in tempo reale Disponibilità dei dati in tempo reale alle autorità di controllo, vigili del fuoco, comune, (provincia?), regione, protezione civile... gestione del radwaste tramite procedure e strumenti avanzati atti a ridurre i rischi per i lavoratori locali e per la popolazione P.Finocchiaro 3

4 principalmente radiazione gamma lo sanno, lo sanno, ma io glielo dico lo stesso!!! le particelle beta si fermano quasi immediatamente nel materiale e in aria le particelle alfa si fermano quasi immediatamente nel materiale Plutonio, tutto mio... i frammenti di fissione si fermano immediatamente nel materiale i neutroni (da fissione) fuoriescono molto facilmente ma a dosi molto basse. La quantità di materiale fissile nei fusti è piccola: viene rimossa prima di confezionarli (non è così per le barre di combustibile esaurito) i raggi gamma sono penetranti, e dunque fuoriescono facilmente e in abbondanza P.Finocchiaro 4

5 6! 7! 5! 8! SiPM 1! 2! 3! 4! 9! 10! 11! 12! ciascun picco corrisponde a un numero discreto di fotoni rivelati! bassa tensione (30V) grande amplificazione (gain) 1 fotone produce un segnale di circa 10^6 elettroni SiPM fibra SiPM SciFi! Radiation! SiPM! SiPM! P.Finocchiaro 5

6 resistenza alle radiazioni anni in prossimità di un fusto con mgy/h# robustezza: sì, scintillatori plastici; i SiPM non si danneggiano con esposizione a luce ambiente# bassa efficienza: 0.1%# alta sensibilità: pochi fotoni# affidabilità: sì# (possibile sensibilità alla posizione): sì# maneggevolezza: sì# basso costo: sì# P.Finocchiaro 6

7 sorgente gamma! 2.7MBq a 10cm! fondo! fondo! ricostruzione 3D tramite fibre incrociate! X! P.Finocchiaro 7

8 limite internazionale per lavoratori nucleari! Radon domestico! sorgente intensa utilizzata: dose a 1m msv/h! P.Finocchiaro 8

9 µsb! test con sorgenti di 241 Am, 22 Na, 137 Cs, 60 Co! µsl! P.Finocchiaro 9

10 test con fusti radioattivi reali! deposito temporaneo allʼinterno della ex centrale nucleare! del Garigliano a Sessa Aurunca (SOGIN S.p.a.)! 4 sensori (+geiger) su un carrello# via via piazzato in 7 posizioni (P0-P6)# con tassi di dose crescenti# inizio test:! posizioni P0 P6! test in P6 per 24h! P.Finocchiaro 10

11 Trasferimento tecnologico! accordo di collaborazione tra! INFN e SOGIN! siglato in data 8-Nov-2012! durata: 2 anni!! implementazione di un prototipo di sistema di monitoraggio DMNR presso il nuovo deposito del Garigliano! P.Finocchiaro 11

12 interfaccia utente display on-line e controllo dati! tassi di conteggio canale per canale! livelli di allarme programmabili! dettagli disponibili in tempo reale! fino al livello del singolo fusto e della! singola fibra attorno a ciascun fusto! connessione diretta al database dei sensori! tool di navigazione 3D elettronica e computing interamente sviluppati ai LNS P.Finocchiaro 12

13 ispezione fusti: nuovo braccio robot a controllo remoto! 5 gradi di libertà carico: videocamera di ispezione rivelatore gamma P.Finocchiaro 13

14 voglio il controllo... upgrade: monitoraggio di neutroni (termici) perchè neutroni?! monitoraggio di combustibile esaurito sul posto e/o durante il trasporto individuazione di possibili diversioni di elementi di combustibile da contenitori Castor (P.Peerani, M.Galletta, Nuclear Engineering and Design 237 (2007) 94-99)! P.Finocchiaro 14

15 come? materiali per la conversione di neutroni termici: 3 He n 3 He 3 H p!(0.025)! 5330 b! energia disponibile 0.76 MeV nessun gamma perfetto rivelatore a gas ma... penuria mondiale di 3 He P.Finocchiaro 15

16 materiali per la conversione di neutroni termici: quale? 6 Li!!(0.025)! 940 b! E disponibile 4.78 MeV 157 Gd!!(0.025)! 240 kb! 113 Cd!!(0.025)! 20 kb! 10 B!!(0.025)! 3840 b! E disponibile 2.79 MeV grande E disponibile ma in forma di raggi gamma: arduo distinguere i neutroni P.Finocchiaro 16

17 processo fisico 6 Li abbondanza naturale: 7% un convertitore in 6 LiF cattura un neutrone... 6 Li n Cross section! 940 b! Cross section [b] neutroni termici 6Li(n,t)4He Li E-2 1E-1 1E+0 1E+1 1E+2 1E+3 1E+4 1E+5 1E+6 1E+7 Energy [ev] Rivelazione di 3 H e/o 4 He 4 He 3 H 2.05 MeV 2.73 MeV...e produce 4 He ed 3 H che si possono rivelare come? P.Finocchiaro 17

18 HELNEM: 3 He-free Lithium-based NEutron Monitors 9cm 2 Si detector + 6 LiF (2012) D.S. McGregor et al., Nuclear Instruments and Methods in Physics Research A 500 (2003) LiF 3cm x 3cm Si differenza tra spettri non necessaria per reiezione gamma n/gamma! 10-5 AmBe source lead paraffin Fondo gamma neutroni polyethylene detect. moderator box P.Finocchiaro 18

19 Si detector + 6 LiF: confronto con simulazioni simulazione GEANT4 semi-quantitativa: neutroni termici gamma 60 kev gamma 662 kev gamma 1.2 MeV gamma 4 MeV # alfa e trizio normalizzati ai dati # gamma scalati manualmente accordo dati-simulazione molto incoraggiante (sorprendente?) P.Finocchiaro 19

20 test al JRC: Si detector + 6 LiF Si + 6 LiF 100% neutroni neutron source! neutroni castello in PET Fondo gamma Alfa Trizio attesi circa 4 cps misurati 3.3 P.Finocchiaro 20

21 Si detector + 6 LiF 4 He 3 H 6 LiF converter n 6 Li 7 Li 7 Li 6 Li n Silicon detector additional 6 LiF converter 3 H Triton detected 4 He Alpha detected P.Finocchiaro 21

22 Si detector + 6 LiF P.Finocchiaro 22

23 Si detector + 6 LiF P.Finocchiaro 23

24 Si detector + 6 LiF M.Barbagallo et al., Rev. Sci. Instr. 84, (2013) P.Finocchiaro 24

25 prossimi passi collaborazione con CERN depositi di 6 Li su area grande strumenti rivelatori a stato solido commerciali altro... P.Finocchiaro 25

26 ...con rivelatori a scintillazione alpha + gamma tritium " neutrons alpha + gamma tritium " neutrons buona efficienza intrinseca sensibili alla posizione basso costo RM2013A depositato P.Finocchiaro 26

27 real-time castor storage monitoring local! data! storage! remote! data! storage! Web! P.Finocchiaro 27

28 real-time castor storage monitoring P.Finocchiaro 28

29 applicazioni P.Finocchiaro 29

30 applicazioni con fasci di neutroni Time-of-Flight Neutron Diffraction (ToF- ND) e.g.: University of Milan, inorganic stereochemistry Neutron Resonance Capture Analysis e.g.: Ancient Charm EU project secrets of Bronze Age sword unveiled Bragg Edge Transmission e.g.: S.Petriw, J.Dawidowski, J.Santisteban, Porosity effects on the neutron total cross section of graphite Journal of Nuclear Materials 396 (2010) Neutron Radiography! e.g.: Institute of Atomic and Subatomic Physics - TU Wien neutron X-ray P.Finocchiaro 30

31 nuovi monitor per neutroni? compatti e portatili? P.Finocchiaro 31

32 produzione scientifica A.Pappalardo, talk to be given at the 3rd European Energy Conference, Budapest, October 2013 P.Finocchiaro, talk to be given at the 3rd European Energy Conference, Budapest, October 2013 L.Russo, to be presented at the 3rd European Energy Conference, Budapest, October 2013 P.Finocchiaro, invited talk to be given at XCIX Congress of Italian Physics Society, 2013, Trieste P.Finocchiaro et al., presented at the 1st SCINTILLA public workshop, Budapest, 12-Sep-2013 P.Finocchiaro, et al., Invited seminar at University of Milan 2013 M.Barbagallo et al., Rev. Sci. Instrum 84 (2013) G.Vecchio et al., International Journal of Nuclear Energy Science and Engineering, 10089, vol.3, issue 3, (2013)64 G.Vecchio, P.Finocchiaro, Global Journal of Computer Science and Technology Graphics & Vision, v12, n12 (2012) 1-5 P.Finocchiaro et al., IEEE Trans. Nucl. Sci., v59, n4 (2012) P.Finocchiaro, in Radioactive Waste: Sources, Types and Management, Nova Science Publishers, 2012 A.Pappalardo et al., Nucl. Phys. B 215 (2011) P.Finocchiaro, invited talk given at the Low Carbon Earth Summit (LCES) 2011, Dalian L.Cosentino, talk given at the XXXV International Symposium "Scientific Basis for Nuclear Waste Management", 2011, Buenos Aires P.Finocchiaro, invited talk at XCVII Congress of Italian Physics Society, 2011, L'Aquila P.Finocchiaro et al., talk given at the 3rd International Nuclear Chemistry Congress, Terrasini 2011 P.Finocchiaro et al., talk given at ANIMMA 2011, Ghent A.Pappalardo, presented at the 49th International Winter Meeting on Nuclear Physics, Bormio 2011 P.Finocchiaro, invited talk at the Round Table on "Science and Technology for the solution of the Energy Supply Problems", Ekaterinburg 2010 P.Finocchiaro, invited talk at SSEM 2010, Royal Society of Chemistry, London P.Finocchiaro et al., talk given at SSD , Sydney M.Barbagallo et al., Rev. Sci. Instr. 81 (2010) P.Finocchiaro et al., NIM A652 (2011) M.Barbagallo et al., NIM A652 (2011) P.Finocchiaro, invited seminar at University of California Los Angeles 2010 A.Pappalardo et al., presented at IPRD 2010 P.Finocchiaro et al., presented at SORMA 2010 P.Finocchiaro et al., presented at DNDO workshop 2010 A.Pappalardo et al., presented at E2C European Energy Conference 2010 V.Bellini, M.Capogni, V.Febbraro, and P.Finocchiaro, Appl. Rad. and Isot. 68 (2010) 1320 P.Finocchiaro et al., Nucl. Phys. B197 (2009) 35 Proc. Supp. M.Capogni, presented at ICRM 2009, Bratislava, Slovak Republic, September 2009 A.Pappalardo et al., presented at ANIMMA 2009 L.Cosentino et al., presented at ICENES 2009 L.Cosentino et al., presented at IPRD theses L.Russo, upper level (master) Thesis (2013) F.Oliveri, first level Thesis (2013) L.Curcuruto, upper level (master) Thesis (2012) M.Campione, upper level (master) Thesis (2012) S.Scirè, upper level (master) Thesis (2012) C.Greco, first level Thesis (2011) S.Grillo, first level Thesis (2011) C.Scirè, upper level (master) Thesis (2011) V.Finocchiaro, first level Thesis (2011) G.Guardo, upper level (master) Thesis (2011) V.Febbraro, upper level (master) Thesis (2009) S.Scirè, LNS Stage final report (2009) G.Greco, upper level (master) Thesis (2009) M.Barbagallo, upper level (master) Thesis (2009) P.Finocchiaro 32

33

Applicazioni nucleari per il monitoraggio dei rifiuti radioattivi. Incontro Nazionale di Fisica Nucleare 2014

Applicazioni nucleari per il monitoraggio dei rifiuti radioattivi. Incontro Nazionale di Fisica Nucleare 2014 Applicazioni nucleari per il monitoraggio dei rifiuti radioattivi P.Finocchiaro! Incontro Nazionale di Fisica Nucleare 2014 P.Finocchiaro 1 Radwaste production nuclear power plants fission residues activated

Dettagli

Radwaste monitoring detectors:! scintillating fibers!

Radwaste monitoring detectors:! scintillating fibers! Radwaste monitoring detectors:! scintillating fibers! A. Pappalardo! SciFi! Radiation! SiPM SiPM Radiation! 1 Il punto di partenza! I rifiuti radioattivi prodotti in varie parti del mondo sono sigillati

Dettagli

PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA

PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA APPROFONDIMENTO (dal Piano Triennale) INFN- E è una nuova linea di ricerca dell Ente, il cui fine è lo sviluppo di competenze e strumentazioni nel settore delle applicazioni

Dettagli

SA - Specifiche tecniche di Acquisizione. Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile

SA - Specifiche tecniche di Acquisizione. Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile ETQ-016469 SA - Specifiche tecniche di Acquisizione L57 - Strumentazione 23/01/2012 GE - Impianto: Generale Specifica Tecnica sistema di monitoraggio aria fisso e mobile Specifica Tecnica Sistema di monitoraggio

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI La storia ed il territorio 1981 Costituzione della Nucleco come società per la gestione dei rifiuti radioattivi e nei servizi radiologici 1985 Incarico

Dettagli

Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici

Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici XCIX Congresso Nazionale SIF - Trieste, 23-27 settembre 2013 Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici Brescia, Palazzo della Loggia, 1574 PROGETTO MONSTER&CO

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale

El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale El.Se. Srl, azienda certificata ISO 9001, è stata fondata nel 1990 con lo scopo primario di progettare e costruire strumentazione analogica e digitale

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RADIAZIONI IONIZZANTI DPR 547/55 D.Lgs. 230/95 D.L.gs 241/00 e D.L.gs 257/01 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Attuazione delle direttive 89/618/Euratom,

Dettagli

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE

AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE AREA ECCELLENZA RADIOATTIVITA AMBIENTALE Relazione tecnica trasporti CAOR I/1-07/01 e CAOR I/2-07/02 VALUTAZIONE DELL IMPATTO RADIOLOGICO AMBIENTALE RELATIVO AL PRIMO TRASPORTO (16/12/2007) DI COMBUSTIBILE

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 1 LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 Convegno Le emergenze radiologiche e nucleari Problematiche radioprotezionistiche, operative

Dettagli

Test di nuovi rivelatori per misure di cattura neutronica radiativa

Test di nuovi rivelatori per misure di cattura neutronica radiativa Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Scienze Corso di Laurea in Fisica Test di nuovi rivelatori per misure di cattura neutronica radiativa Relatore: Prof. Gianni Vannini Presentata da:

Dettagli

MISURATORE DI RADIOATTIVITÀ (GEIGER)

MISURATORE DI RADIOATTIVITÀ (GEIGER) GAMMA SCOUT - per il controllo della contaminazione radioattiva INTERVALLO IMPULSI MISURA IMPULSI DATA/ORA VOLTAGGIO BATTERIA NIVEL DELL ALLARME INDICAZIONE IN BEQUEREL TRASFERIMENTO DATI LETTURA DELLE

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

b) Conversione diretta dell energia solare in energia elettrica: i pannelli fotovoltaici Pesaro, 21 e 28 Maggio 2014

b) Conversione diretta dell energia solare in energia elettrica: i pannelli fotovoltaici Pesaro, 21 e 28 Maggio 2014 Parte 1 - La questione energetica Parte 2 : alcune fonti per produzione di energia elettrica a) L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione b) Conversione diretta dell energia solare in

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Seminari presentazione attività 2014 DFA, 11 e 13 Marzo 2013 1

Seminari presentazione attività 2014 DFA, 11 e 13 Marzo 2013 1 1 Applicazioni di Fisica: sviluppo di dispositivi per la rivelazione di contaminazione delle acque potabili da materiale radioattivo: il progetto europeo TAWARA_RTM Il progetto TAWARA_RTM: TAp WAter RAdioactivity

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli

Pagina lasciata intenzionalmente bianca

Pagina lasciata intenzionalmente bianca SISTEMA AUTOMATICO DI MONITORAGGIO FUSTI SERIE ADAMOS GUIDA TECNICA Pagina lasciata intenzionalmente bianca SOMMARIO 1 Scopo del documento... 1 2 Descrizione generale... 1 3 Descrizione delle versioni

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tesi svolta presso IASF/INAF di Milano Fabio Fornari Indice l astrofisica gamma e il satellite

Dettagli

Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri

Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri CLAUDIO BORTOLIN Università di Udine / INFN PD / CERN Sistemi di raffreddamento per esperimenti di fisica delle particelle prospettive

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica ed Astrofisica Applicazione del metodo Non Negative Least Square alla Full Spectrum Analysis

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE

IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE Il nucleo atomico Struttura atomica Elementi e isotopi Forze nucleari Decadimento radioattivo Fissione e fusione L energia nucleare Reattori nucleari Centrali nucleari

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Angelo Antonio. Codice Domanda: 00074 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006.

Angelo Antonio. Codice Domanda: 00074 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006. Papa Angelo Antonio Codice Domanda: 00074 Candidatura per l inserimento nell Elenco degli esperti di cui all art. 11 d.m. 8 marzo 2006 Dati Anagrafici Nome: Angelo Antonio Cognome: Papa Data di Nascita:

Dettagli

SISTEMI PER IL CONTROLLO DELLA

SISTEMI PER IL CONTROLLO DELLA Pagina 1 di 12 SISTEMI PER IL CONTROLLO DELLA RADIOATTIVITÀ Pagina 2 di 12 PORTALI RADIOMETRICI SERIE EXPLORER MOD. 50SM 50 100/2 100/4 I sistemi che Vi presentiamo sono completamente automatici ed in

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali USO DEL FANTOCCIO ANTROPOMORFO PER DOSIMETRIA INTERNA IN ATMOSFERA APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali Obiettivo della tesi Estensione

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Le reazioni di fusione. 1 kev = 11.000.000 K

Le reazioni di fusione. 1 kev = 11.000.000 K Le reazioni di fusione 1 kev = 11.000.000 K 1 Fusione inerziale LASER LENTE CAMERADI SCARICA LASER LASER BERSAGLIO Plastica D+T solido D+T gas LASER NIF (USA): 192 fasci laser da 1.8 MJ su una piccola

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

Qualifica spaziale di componenti e strumentazione scientifica. Giovanni Ambrosi INFN Perugia

Qualifica spaziale di componenti e strumentazione scientifica. Giovanni Ambrosi INFN Perugia Qualifica spaziale di componenti e strumentazione scientifica Giovanni Ambrosi INFN Perugia LNGS, 5 Maggio 2005 Goal (ambizioso ) Individuare cosa e' necessario per trasformare uno strumento di fisica

Dettagli

La Fisica in ambito sanitario ospedaliero

La Fisica in ambito sanitario ospedaliero S.O.D. Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi La Fisica in ambito sanitario ospedaliero Simone Busoni busonis@aou-careggi.toscana.it Firenze, 12 Marzo 2007 Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ;

ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ; Curriculum di Barbara Sciascia 1 Curriculum formativo di Barbara Sciascia ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ; gennaio 2002: dottorato di ricerca

Dettagli

1 Informazioni generali e dati tecnici del reattore di ricerca TAPIRO

1 Informazioni generali e dati tecnici del reattore di ricerca TAPIRO Contatti: Matteo Cesaroni ENEA C.R. CASACCIA - UTFISST-REANUC - S.P. 040 via Anguillarese 301 00123 S. MARIA DI GALERIA (ROMA) matteo.cesaroni@enea.it ENEA Casaccia TAPIRO Direttori O.Fiorani A.Santagata

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro:

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI LEGNARO INFN - LNL Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: previsione dei costi e dei tempi A.

Dettagli

La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio

La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio Virginia Strati Università degli Studi di Ferrara- Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) email strati@fe.infn.it cell. 348 9356603 Perché proprio

Dettagli

ESPERIMENTO XDXL-PD. TAVOLA SINOTTICA PARTECIPANTI, SEZIONE DI PADOVA, GRUPPO PADOVA-LEGNARO

ESPERIMENTO XDXL-PD. TAVOLA SINOTTICA PARTECIPANTI, SEZIONE DI PADOVA, GRUPPO PADOVA-LEGNARO ESPERIMENTO XDXL-PD. TAVOLA SINOTTICA PARTECIPANTI, SEZIONE DI PADOVA, GRUPPO PADOVA-LEGNARO Paolo Rossi (Coord. Loc.) Sez. di Padova 100% Gisella Gennaro - Sez. Di Padova 100% Giuliano Moschini - LNL

Dettagli

Le fasi operative caratteristiche di un deposito definitivo di rifiuti radioattivi sono le seguenti:

Le fasi operative caratteristiche di un deposito definitivo di rifiuti radioattivi sono le seguenti: Pag. 28 di 114 4 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA 4.1 Riferimenti I criteri di sicurezza e radioprotezione relativi al deposito definitivo dei rifiuti radioattivi, qui di seguito enunciati, fanno diretto

Dettagli

Curriculum Vitae di Pierro Giuseppe Antonio

Curriculum Vitae di Pierro Giuseppe Antonio Curriculum Vitae di Informazioni personali Dati anagrafici Nato a Terlizzi (BA) il 05/04/1977 Lingue Madrelingua: Italiano. Ottima conoscenza dell Inglese scritto e parlato. Ottima conoscenza del Francese

Dettagli

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FABIO CHIARAVALLI Direttore Deposito Nazionale

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Report di ne anno II Attività di dottorato svolte. Dipartimento di Fisica G.Occhialini

Università degli Studi di Milano Bicocca. Report di ne anno II Attività di dottorato svolte. Dipartimento di Fisica G.Occhialini Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Fisica G.Occhialini Report di ne anno II Attività di dottorato svolte Marco Toliman Lucchini Ciclo di dottorato XXVII (2011-2014) Matricola n 700975

Dettagli

Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive!

Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive! Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive! per il Corso di Fisica dei Plasmi, C. L. M. in Ingegneria Energetica! S. Atzeni! 11 maggio 2010, rev. 16 maggio

Dettagli

Integrazione di forme competitive di produzione di energia elettrica in mercati, reti e sistemi energetici

Integrazione di forme competitive di produzione di energia elettrica in mercati, reti e sistemi energetici Integrazione di forme competitive di produzione di energia elettrica in mercati, reti e sistemi energetici Michele Antonio Trovato 1,*, Enrico Elio De Tuglie 1, Maria Dicorato 1, Alessia Cagnano 1, Giuseppe

Dettagli

CENTRALE ELETTRONUCLEARE DI CAORSO: RIMOZIONE DI MATERIALI ISOLANTI CONTENENTI AMIANTO E FIBRE MINERALI E LORO SUCCESSIVO SMALTIMENTO

CENTRALE ELETTRONUCLEARE DI CAORSO: RIMOZIONE DI MATERIALI ISOLANTI CONTENENTI AMIANTO E FIBRE MINERALI E LORO SUCCESSIVO SMALTIMENTO Ing. Andrea SALATI CENTRALE ELETTRONUCLEARE DI CAORSO: RIMOZIONE DI MATERIALI ISOLANTI CONTENENTI AMIANTO E FIBRE MINERALI E LORO SUCCESSIVO SMALTIMENTO CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013 Napoli Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei rifiuti

Dettagli

Strumenti e dispositivi di radioprotezione

Strumenti e dispositivi di radioprotezione Strumenti e dispositivi di radioprotezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi La radioprotezione La radioprotezione ha come oggetto principale la

Dettagli

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Christian Ferrari Liceo di Locarno Il nucleo atomico: aspetti storici 1 L ipotesi del nucleo atomico risale al 1911 e fu formulata da Rutherford

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di laurea per l Ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marco Cognome Gambini Indirizzo Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città Roma CAP 00133 Paese ITALIA Telefono (fisso) 06-72597214 Cellulare 339-4908297

Dettagli

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche:

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche: 18. Ciclo del combustibile Fino verso la fine degli anni '70 vi è stato un forte interesse allo sviluppo dei reattori veloci, in quanto sistemi capaci di produrre, attraverso il meccanismo della fertilizzazione

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

IL LABORATORIO RADON I GIOVANI INCONTRANO LA RADIOATTIVITA

IL LABORATORIO RADON I GIOVANI INCONTRANO LA RADIOATTIVITA IL LABORATORIO RADON I GIOVANI INCONTRANO LA RADIOATTIVITA Flavia Groppi, Simone Manenti, Luigi Gini, Mauro L. Bonardi Dip. di Fisica, Laboratorio Acceleratori e Superconduttività Applicata L.A.S.A., via

Dettagli

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020):

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020): La produzione di energia nel mondo Passato e presente Futuro Aumento della popolazione mondiale (10 miliardi nel 2050) Miglioramento generale degli standard di vita (soprattutto nell area BRIC) Aumento

Dettagli

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti TITOLO Smaltimento e risanamento del deposito di rifiuti radioattivi ex Controlsonic di Tortona Relazione tecnica n. 573/IR Redazione

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

Relazione dell esperto qualificato

Relazione dell esperto qualificato IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc. Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot. 100963

Dettagli

Incubatore a CO2 Direct Heat Thermo Scientific Forma Modello 311

Incubatore a CO2 Direct Heat Thermo Scientific Forma Modello 311 Incubatore a CO2 Direct Heat Thermo Scientific Forma Modello 311 L incubatore a CO2 Direct Heat fa parte della vasta gamma di Incubatori a CO2 che Thermo Fisher produce e commercializza in tutto il mondo,

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Una serie di soluzioni per il monitoraggio degli scaricatori di sovratensione

Una serie di soluzioni per il monitoraggio degli scaricatori di sovratensione Una serie di soluzioni per il monitoraggio degli scaricatori di sovratensione Answers for energy. Monitoraggio altamente affidabile delle apparecchiature con valore aggiunto 4 5 6 8 9 10 11 Sistema ACI

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

Captus. La Famiglia CAPINTEC dei Captatori Tiroidei. Tecnologia nelle tue mani. Distribuito in Italia da

Captus. La Famiglia CAPINTEC dei Captatori Tiroidei. Tecnologia nelle tue mani. Distribuito in Italia da Captus La Famiglia CAPINTEC dei Captatori Tiroidei Tecnologia nelle tue mani Distribuito in Italia da EHC s.r.l. Via Giovanni Conti 8, 60131 Ancona Tel. +39 0719983699 www.ehcsrl.it info@ehcsrl.it Captus

Dettagli

ST - Specifiche Tecniche LT RS 00214. CFS - Attività di Chimica e Fisica Sanitaria 05/06/2012 ETQ-00019363. LT - Sito di Latina

ST - Specifiche Tecniche LT RS 00214. CFS - Attività di Chimica e Fisica Sanitaria 05/06/2012 ETQ-00019363. LT - Sito di Latina LT RS 214 ETQ-019363 ST - Specifiche Tecniche CFS - Attività di Chimica e Fisica Sanitaria 05/06/2012 LT - Sito di Latina per la determinazione di 3H e 14C in Prima emissione Il sistema informatico prevede

Dettagli

Fisica nucleare. 3.1 Il nucleo dell atomo. 24 3La Fisica moderna

Fisica nucleare. 3.1 Il nucleo dell atomo. 24 3La Fisica moderna 24 3La Fisica moderna Fisica nucleare Per affrontare l Unità devi sapere Il modello elementare della struttura atomica Le caratteristiche della luce come onda Il significato dell equivalenza tra massa

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA

LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA S. Altieri*, T. Pinelli*, P. Bruschi*, F. Fossati*, A. Zonta, C. Ferrari, U. Prati, L. Roveda, S. Barni, P. Chiari, R. Nano *INFN SEZIONE DI PAVIA E

Dettagli

CROCI GABRIELE. Italiana. Coniugato C U R R I C U L U M V I T A E. Nome e Cognome

CROCI GABRIELE. Italiana. Coniugato C U R R I C U L U M V I T A E. Nome e Cognome C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome CROCI GABRIELE Data di nascita 23 Gennaio 1983 Indirizzo VIA GUARDI, 50 20092 CINISELLO BALSAMO (MI) Nazionalità Italiana Stato Civile

Dettagli

APPROFONDIMENTO Reazioni nucleari e loro applicazioni

APPROFONDIMENTO Reazioni nucleari e loro applicazioni APPROFONDIMENTO COSA SI DEVE SAPERE PER RISOLVERE QUESTI ESERCIZI? Concetti essenziali A.1 Decadimento radioattivo e stabilità nucleare Per diventare più stabile,un nuclide radioattivo può emetter particelle

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Milano, 12 dicembre 2014 Emanuele Fontani Amministratore Delegato Nucleco 1 SOMMARIO o Gruppo Sogin o Nucleco o Il decommissioning degli impianti nucleari

Dettagli

L energia nucleare. INFN Sezione di Bari

L energia nucleare. INFN Sezione di Bari L energia nucleare Vantaggi, limiti e prospettive future N. Colonna INFN Sezione di Bari 1 La produzione di CO 2 Report of the Intergovernmental Panel on Climate Changes (IPCC), 2007 www.ipcc wg1.unibe.ch/publications/wg1

Dettagli

Rivelatori di radiazione

Rivelatori di radiazione Rivelatori di radiazione Catia Petta Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Catania & INFN Summary Un compito da acchiappafantasmi Caratteristiche della preda Le strategie di cattura Gli attrezzi

Dettagli

INDICE. L addetto alla pesa verifica il risultato del controllo radiometrico all'esterno di ogni carico in ingresso. In caso di:

INDICE. L addetto alla pesa verifica il risultato del controllo radiometrico all'esterno di ogni carico in ingresso. In caso di: INDICE 1. PREMESSA... 1 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 1 3. ISTRUZIONI PER IL PERSONALE... 1 3.1 Malfunzionamenti portale fisso... 2 3.2 Valutazione del livello d allarme nella zona di verifica... 3 4.

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 VI.1 OSCILLOSCOPIO LECROY 9354A

VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 VI.1 OSCILLOSCOPIO LECROY 9354A VI CAPITOLO MISURE SUL PROTOTIPO Q1 Nel periodo fine marzo - inizio aprile 96 sono state fatte delle acquisizioni di segnali della camera Q1 utilizzando l amplificatore di corrente descritto nel capitolo

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio April 11, 2011 1 2 3 4 Indicando con Z il numero dei protoni (numero atomico dell atomo) e con N il numero dei neutroni si definisce A il numero di massa del : A = Z + N (1) Nei nuclei leggeri si ha la

Dettagli

E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012

E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 E.3 Networking Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 Data di conclusione prevista: IV trimestre 2014 Creare un network tematico Attivare scambi con progetti analoghi Data di conclusione

Dettagli

Guida per principianti ai Contatori intelligenti e agli utenti delle smart energy

Guida per principianti ai Contatori intelligenti e agli utenti delle smart energy Guida per principianti ai Contatori intelligenti e agli utenti delle smart energy Perché informarsi sui contatori intelligenti? La risposta è perché: I costi energetici sono destinati ad aumentare ogni

Dettagli

Il Laboratorio Caratterizzazione dei Materiali Nucleari ENEA è una

Il Laboratorio Caratterizzazione dei Materiali Nucleari ENEA è una Centro Ricerche Casaccia Laboratorio Caratterizzazione dei Materiali Nucleari Il Laboratorio Caratterizzazione dei Materiali Nucleari ENEA è una struttura tecnico-scientifica che opera, al servizio del

Dettagli

WIDEST (NCT) Wide Spread Tumours (NCT) Saverio Altieri

WIDEST (NCT) Wide Spread Tumours (NCT) Saverio Altieri WIDEST (NCT) Wide Spread Tumours (NCT) Saverio Altieri 1 Boron Neutron Capture Therapy (BNCT) n + 10 B! #& % #$ 7 Li ( 7 Li) * + á + á + 2. 79 MeV + 2. 31MeV 6.1% 93.9% "! 7 Li + ã (0.477MeV) 2 CARATTERISTICA

Dettagli

L ATOMO. Struttura atomica Numero atomico Peso atomico Raggio atomico Energia di ionizzazione Elementi e isotopi Abbondanza isotopica.

L ATOMO. Struttura atomica Numero atomico Peso atomico Raggio atomico Energia di ionizzazione Elementi e isotopi Abbondanza isotopica. L ATOMO Cristallo Atomo 10 9 m 10 10 m Cellula 10 5 m Molecola Struttura atomica Numero atomico Peso atomico Raggio atomico Energia di ionizzazione Elementi e isotopi Abbondanza isotopica 10 14 m Nucleo

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

WINECAP system dal campo al tuo desktop ovunque tu sia

WINECAP system dal campo al tuo desktop ovunque tu sia WINECAP system dal campo al tuo desktop ovunque tu sia 1 Il sistema GPRS GSM Analog out USB RS232 2 Le sonde Batteria Radio WSN Sensore Display Storage Sensore Sensore Sensore Alimentazione a batteria

Dettagli

Facili da installare, le soluzioni a sicurezza intrinseca con full SIL assessment

Facili da installare, le soluzioni a sicurezza intrinseca con full SIL assessment Facili da installare, le soluzioni a sicurezza intrinseca con full SIL assessment PERFORMANCE MADE SMARTER - sono conformi allo standard IEC 61511 TEMPERATURA INTERFACCE I.S. INTERFACCE DI COMUNICAZIONE

Dettagli