Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali"

Transcript

1 Anno XII numero Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Poste Italiane SpA Spedizione in Abbonamento Postale 70% - Roma Elementi di analisi e osservazione del sistema salute 33 Editoriale Spunti per l innovazione e il riordino del Ssn Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori: Il ruolo dei laboratori in sanità; Una proposta di riorganizzazione della rete dei laboratori. Effetti organizzativi ed economici; Modello di simulazione economica (What-if?) per singola prestazione per la valutazione dell impatto delle scelte organizzative della rete dei laboratori; Il laboratorio unico dell AreaVasta Romagna; una Factory o una Factory of knowledge? Health World OCSE Indicatori internazionali per la valutazione della qualità: il contributo italiano Agenas on line Gli effetti della crisi economica e del super ticket sull assistenza specialistica; La compartecipazione alla spesa nelle Regioni; Cure primarie: esperienze regionali a confronto

2 Sommario monitor Editoriale Spunti per l innovazione e il riordino del Ssn di Giovanni Bissoni, Fulvio Moirano pagina 3 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori Il ruolo dei laboratori in sanità di Giuseppe Zuccatelli, Maria Rosaria Perrini, Lucia Lispi e Marina Cerbo Una proposta di riorganizzazione della rete dei laboratori. Effetti organizzativi ed economici di Ragnar Gullstrand e Fulvio Moirano Modello di simulazione economica (What-if?) per singola prestazione per la valutazione dell impatto delle scelte organizzative della rete dei laboratori di Ragnar Gullstrand, Dario Pianezza, Nanni Olivero Il laboratorio unico dell Area Vasta Romagna; una Factory o una Factory of knowledge? di Romolo M. Dorizzi, Luca Baldrati e Paolo Masperi pagina 6 pagina 18 pagina 25 pagina 54 Health World OCSE Indicatori internazionali per la valutazione della qualità: il contributo italiano di Fabrizio Carinci, Francesco Di Stanislao, Fulvio Moirano, Flavia Carle, Carla Ceccolini, Francesco Bevere Agenas on line Gli effetti della crisi economica e del super ticket sull assistenza specialistica Gruppo Remolet a cura di Cesare Cislaghi e Antonella Sferrazza La compartecipazione alla spesa nelle Regioni di Isabella Morandi Cure primarie: esperienze regionali a confronto di Giovanni Bertin, Elena Menegazzi, Giovanni Caracci, Angela Angelastro pagina 79 pagina 92 pagina 104 pagina 109

3 Elementi di analisi e osservazione del sistema salute Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Anno XII Numero Direttore responsabile Chiara Micali Baratelli Comitato scientifico Coordinatore: Gianfranco Gensini Componenti: Aldo Ancona, Anna Banchero, Antonio Battista, Norberto Cau, Francesco Di Stanislao, Nerina Dirindin, Gianluca Fiorentini, Elena Granaglia, Roberto Grilli, Elio Guzzanti, Carlo Liva, Sabina Nuti, Francesco Ripa di Meana, Federico Spandonaro, Francesco Taroni Editore Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Via Puglie, ROMA Tel Progetto grafico, editing e impaginazione L Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) è un ente autonomo che svolge una funzione di supporto al Ministero della Salute e alle Regioni per le strategie di sviluppo e innovazione del Servizio sanitario nazionale. Obiettivi prioritari di Agenas sono la ricerca sanitaria e il supporto tecnico-operativo alle politiche di governo di Stato e Regioni, all organizzazione dei servizi e all erogazione delle prestazioni sanitarie, in base agli indirizzi ricevuti dalla Conferenza Unificata. Agenas realizza tali obiettivi tramite attività di ricerca, di monitoraggio, di valutazione e di formazione orientate allo sviluppo del sistema salute. Via V. Carpaccio, Roma Stampa Cecom Bracigliano (Sa) Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 560 del Finito di stampare nel mese di agosto 2013 L Agenzia oggi Presidente Giovanni Bissoni Direttore Fulvio Moirano Consiglio di amministrazione Francesco Bevere,Angelo Lino Del Favero, Domenico Mantoan, Giuseppe Zuccatelli Collegio dei revisori dei conti Francesco Alì (Presidente), Nicola Begini,Andrea Urbani I settori di attività dell Agenzia Monitoraggio della spesa sanitaria Livelli di assistenza Organizzazione dei servizi sanitari Qualità e accreditamento Innovazione, sperimentazione e sviluppo, HTA Supporto alle Regioni in piano di rientro Periodico associato all Unione Stampa Periodica Italiana Sul sito dell Agenzia sono disponibili tutti i numeri di

4 Editoriale Spunti per l innovazione e il riordino del Ssn Spunti per l innovazione e il riordino del Ssn 3 di Giovanni Bissoni*, Fulvio Moirano** * Presidente ** Direttore Generale Agenas - Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Le manovre finanziarie sulla sanità, a partire dal luglio 2011, sono avvenute al di fuori di quel contesto di accordo Stato-Regioni che, con il susseguirsi dei vari Patti per la Salute, aveva caratterizzato gli anni L insieme delle manovre ha imposto un contenimento forte del Fsn (Fondo sanitario nazionale) nel presupposto che la loro piena attuazione avrebbe consentito il contenimento della spesa, l efficientamento e l ammodernamento del sistema. Ormai, a due anni dall avvio di quel percorso, la situazione si presenta in realtà assai più critica e articolata. Infatti, mentre alcune disposizioni hanno ottenuto gli effetti finanziari desiderati, altre hanno prodotto risultati molto parziali (beni e servizi) o contraddittori (ticket), altre sono ancora ferme al palo per il mancato completamento dei rispettivi iter procedurali. Fra queste ultime disposizioni vanno richiamate questioni centrali, quali il riordino ospedaliero e il riordino delle cure primarie, a partire dalla medicina generale. L auspicio dell intero mondo della sanità è a favore di una ripresa della piena e leale collaborazione istituzionale Stato Regioni; è questo l unico modo perché un sistema di federalismo sanitario come il nostro possa affrontare la sfida sempre presente, e oggi accentuata dalla drammatica crisi economica del Paese, dell innovazione del Servizio sanitario nazionale, per garantirne la sostenibilità economica e sociale.

5 Editoriale Spunti per l innovazione e il riordino del Ssn 4 È, perciò, motivo di fiducia che si siano create oggi, dopo le rassicurazioni del Ministro della salute e del Governo sulle risorse finanziarie sostitutive dei due miliardi di ticket a partire dal 2014, le condizioni per giungere rapidamente ad un nuovo Patto per la Salute. Sarà quella la sede per dare risposte condivise, e perciò efficaci, alle esigenze di ammodernamento di un sistema che deve fare del rigore e dell innovazione la sua bussola operativa, mettendo in campo ogni risorsa disponibile. Occorrerà, altresì, riflettere sulle criticità registrate in questi anni, a partire proprio dall esigenza di rilanciare quelle politiche sanitarie nazionali e regionali, che hanno visto nello sviluppo dei Piani di rientro il prevalere di un attenzione al governo degli obiettivi finanziari, separati dalle necessarie tutele assistenziali. Non si tratta certamente di sottovalutare le esigenze di rispetto degli equilibri economicofinanziari, quanto dell assunzione di responsabilità dirette, consapevoli che gli stessi obiettivi finanziari possono e devono essere frutto di processi di riordino e innovazione (anche organizzativa e gestionale) dei servizi assistenziali, per dare contestuale certezza al rispetto del diritto alle cure. Agenas, nella sua funzione di struttura tecnico-scientifica a supporto del Ministero della salute e delle Regioni, intende contribuire a questo processo mettendo a disposizione il lavoro di ricerca e le proposte sviluppate in questi anni. In questa direzione, ad esempio, stiamo lavorando, in collaborazione con il Ministero della salute, le Regioni e gli altri Enti pubblici coinvolti, per rendere più efficiente il sistema di approvvigionamento dei beni e servizi, mentre, in merito alla riorganizzazione della rete ospedaliera, nel numero 27 della rivista Monitor abbiamo presentato un ipotesi dettagliata di organizzazione della rete ospedaliera, integrata con quella dell emergenza-urgenza e quella territoriale. Nella stessa ottica, in questo numero della rivista, nel Dossier Focus on, ci occupiamo del tema della riorganizzazione della rete dei laboratori, presentando un articolo sul documento Linee di indirizzo per la riorganizzazione dei servizi di medicina di laboratorio nel Servizio sanitario nazionale, elaborato nel 2009 dal Ministero della salute,agenas, con alcune Società scientifiche di settore, i cui contenuti sono stati poi trasposti nell Accordo Stato-Regioni del 23 marzo Sulla base delle Linee di indirizzo per la riorganizzazione dei servizi di medicina di laboratorio citate, pubblichiamo in questo numero di Monitor i risultati di una ricerca Agenas, la cui elaborazione si è appena conclusa, che prevede la creazione di reti specialistiche tra i diversi ospedali e l applicazione del concetto di Bacino di utenza per l attivazione di punti di erogazione delle varie specialità. Lo studio Agenas presenta un organizzazione a rete che prevede un unità principale nell HUB e un unità produttiva per ogni Spoke, con un bacino di utenza compreso tra e assistiti, per le attività a più larga diffusione, mentre per le attività più specialistiche, quali quelle di microbiologia e virologia, è prevista la localizzazione presso l HUB dell area con un bacino di utenza compreso tra e assistiti.tali bacini d utenza sono stati calcolati in relazione alle modifiche apportate dalle Legge 135/2012 per la programmazione dei posti letto e sui tassi di ospedalizzazione ottimali, nonché sulla previsione di esami appropriati per abitante. I risultati economici, abbinati ad un miglioramento della qualità analitica e dell appropria-

6 Editoriale Spunti per l innovazione e il riordino del Ssn tezza derivanti dall applicazione degli standard sopradescritti, nonché dalla creazione di reti coerenti, risultano certamente significativi. Per un analisi dettagliata dei risultati, rimandiamo alla lettura dell articolo che presenta la proposta di riorganizzazione della rete dei laboratori, con i conseguenti effetti organizzativi ed economici e del contributo derivante dall esperienza dell AreaVasta Romagna, nel quale viene illustrato un esempio concreto di realizzazione di rete dei laboratori. Entrambi gli articoli forniscono utili strumenti per la pianificazione e dimostrano che l ipotesi di Bacino di utenza, per la medicina di laboratorio, di 150/300 mila abitanti, è ampiamente attuabile, tant è che ha trovato realizzazioni operative in bacini anche molto più ampi. Per quanto attiene ad altri aspetti d attualità già richiamati, in questo numero di Monitor viene riportato lo studio svolto recentemente da Agenas sull effetto dei ticket. L analisi ha rilevato un calo delle entrate e una perdita di competitività da parte degli erogatori pubblici con il cosiddetto super ticket, in particolare per quanto riguarda alcune prestazioni specialistiche; si tratta di uno studio che avvalora la decisione del Governo di sospendere l ulteriore manovra sui ticket da 2 miliardi a partire dal 1 gennaio 2014, che era stata prevista dalla manovra economica del decreto legge del 6/7/2011. In questo numero di Monitor vengono presentate anche alcune esperienze regionali sugli aspetti concernenti la riorganizzazione delle reti di offerta delle cure primarie, con l intenzione di offrire, sempre nell ottica del benchmarking, una possibilità di individuare nuove strategie di riorganizzazione. Il tema delle cure primarie, infatti, è strettamente connesso alla riconversione della rete ospedaliera che abbisogna di una forte e contemporanea innovazione organizzativa sul territorio per consentire di rendere sostenibile l ambizioso tasso di ospedalizzazione di 160/1000 (comprensivo del day hospital) e il numero di posti letto per acuti di 3/1000 previsti dalla Legge sulla spending review, senza peggiorare la capacità del sistema di rispondere con efficacia ai bisogni della popolazione italiana, già soggetta a fortissimi cambiamenti demografici. Ed infine, nella rubrica Health World, si riportano i risultati raggiunti dalla delegazione italiana, composta da rappresentanti del Ministero della salute e di Agenas, presso la Commissione salute dell Ocse, che hanno visto una partecipazione attiva alla definizione e all uso di standard internazionali nella valutazione della qualità della cura e della variabilità della pratica clinica. 5

7 FO Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori Il ruolo dei laboratori in sanità di Giuseppe Zuccatelli*, Maria Rosaria Perrini**, Lucia Lispi*** e Marina Cerbo * Direttore Generale INRCA Istituto Nazionale per il Ricovero e la Cura degli Anziani - Ancona ** Funzionario economista sanitario - Sezione Innovazione sperimentazione e sviluppo,agenas *** Direttore Ufficio X - SiVeAS, Direzione Generale della Programmazione sanitaria, Ministero della salute Dirigente - Sezione Innovazione sperimentazione e sviluppo,agenas La diagnostica di laboratorio, al pari delle altre discipline mediche, ha subìto notevoli sviluppi negli ultimi anni, rappresentando spesso il primo varco per il trasferimento della ricerca biomedica alla pratica clinica nel servizio sanitario. Si pensi in proposito agli effetti dello sviluppo delle cosiddette omics nei percorsi assistenziali per talune patologie e alla disponibilità di test diagnostici gestibili direttamente dal paziente (self test). Le innovazioni tecnologiche sono, spesso, molto costose ed è necessario governare la loro introduzione nel sistema sanitario perché questo nel suo insieme ne tragga i migliori benefici. La rilevante disponibilità di innovazioni tecnologiche comporta generalmente una revisione dei modelli organizzativi delle strutture preposte all erogazione delle prestazioni sanitarie interessate. Questo processo può avvenire naturalmente, per iniziativa dei suoi stessi attori, o essere orientato mediante iniziative legislative e regolatorie più o meno incisive, dirette o indirette. In genere, il rapporto di causa effetto tra tipo di iniziativa e cambiamento non è lineare a causa della complessità e della dinamicità delle organizzazioni sanitarie. La Legge 27 dicembre 2006 n. 296 (Finanziaria 2007), all art. 1, comma 796, definisce una serie di disposizioni per garantire il rispetto degli obblighi comunitari e la realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica per il triennio 2007-

8 Il ruolo dei laboratori in sanità 2009, in attuazione del Protocollo di Intesa tra Stato e Regioni del 28 settembre 2006 per un Patto nazionale per la salute. Tra queste disposizioni alcune riguardano i laboratori di analisi. In particolare la lettera o) prevede, tra l altro, che le Regioni provvedono entro il 28 febbraio 2007 ad approvare un piano di riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche e private accreditate eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio, al fine dell adeguamento degli standard organizzativi e di personale coerenti con i processi di incremento dell efficienza resi possibili dal ricorso a metodiche automatizzate. In attuazione di questa norma le Regioni sono state chiamate a definire in tempi rapidissimi standard organizzativi e di personale per i laboratori e le strutture specialistiche in modo da migliorare l efficienza delle strutture e promuovere la diffusione dell automatizzazione. Si tratta di un intervento legislativo diretto a ridisegnare la struttura dell offerta di prestazioni specialistiche e di laboratorio motivato dalle opportunità di efficientamento rese disponibili dalla diffusione dell automazione. L attuazione della norma, tuttavia, ha innescato una riflessione ben più ampia sul sistema di offerta della diagnostica di laboratorio, che ha portato alla predisposizione di un documento metodologico condiviso, per l applicazione della norma, con i referenti delle Regioni, il Ministero della salute, il tavolo della Specialistica Ambulatoriale, le società scientifiche, elaborato nel 2009 con l obiettivo di delineare i principi di riferimento per i processi di riorganizzazione. Il documento fornisce un approccio ampio al tema della riorganizzazione, collocando l intervento sulla struttura dell offerta della diagnostica di laboratorio nel contesto complessivo dell organizzazione dei servizi sanitari, evidenziando il ruolo dei laboratori nell erogazione del- 7 Box 1 - Principi generali per la riorganizzazione delle reti di diagnostica di laboratorio (Estratto da Linee di indirizzo per la riorganizzazione dei Servizi di Medicina di Laboratorio nel Servizio Sanitario Nazionale) 1) stretta interrelazione tra tipo di ospedale e tipo di laboratorio ospedaliero 2) continuità ospedale-territorio 3) prossimalità al bisogno del paziente 4) prossimalità al bisogno del clinico 5) ruolo della formazione continua e della ricerca 6) ruolo dei sistemi informatici 7) ruolo del technology assessment 8) ruolo della verifica esterna della qualità 9) centralità della promozione e controllo dell appropriatezza 10) ruolo di un sistema di reporting mirato sulle attività di laboratorio

9 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori 8 l assistenza ospedaliera e nella continuità ospedale-territorio. La spinta alla riorganizzazione, resa possibile dalla disponibilità di una maggiore automazione dei processi produttivi che aveva ispirato il legislatore, è stata declinata in coerenza con le finalità del Servizio sanitario nazionale di fornire prestazioni efficaci e di qualità appropriatamente ed in modo efficiente. La previsione di una stretta interrelazione tra tipo di ospedale e tipo di laboratorio ospedaliero risponde all esigenza di correlare la configurazione dei laboratori alle esigenze dell attività di ricovero ospedaliero. Ciò implica non solo la realizzazione di una sinergia nella fase di reingegnerizzazione, ma anche l introduzione di un meccanismo di potenziale sviluppo coordinato della diagnostica in relazione alla capacità produttiva della struttura di ricovero e al suo ruolo nella rete assistenziale, sia in termini numerici sia qualitativi. È nota, infatti, la tendenza in ambito ospedaliero pubblico ad uno sviluppo troppo spesso indipendente delle attività di diagnostica da quelle di ricovero che, se per un verso può portare ad un mutuo miglioramento, per l altro può generare sprechi. È necessario favorire il rapporto tra Medicina di Laboratorio e le discipline più coinvolte nei processi assistenziali, attraverso un principio di prossimalità al bisogno del clinico.accanto alle relazioni già formalmente strutturate nelle organizzazioni sanitarie, per migliorare la qualità delle prestazioni e dei servizi è necessario implementare un dialogo tra laboratoristi e clinici che, a partire dal tema della qualificazione delle fasi pre e post- analitica, consenta di migliorare l appropriatezza del tempo di risposta rispetto alle esigenze cliniche. Molto spesso questo richiede l analisi dei processi produttivi sia del laboratorio sia delle altre strutture cliniche, ed ha implicazioni importanti sulla tempestività dell intervento sanitario e sulla sua qualità. Appare indispensabile, sotto questo profilo, che si instauri un confronto sistematico, ad esempio mediante la discussione periodica di casi clinici, in modo da favorire gli scambi di conoscenze e costruire nel tempo una risposta assistenziale adeguata. L introduzione del principio della continuità ospedale-territorio mira, d altro canto, a sistematizzare il ruolo della diagnostica di laboratorio ospedaliera nei confronti della popolazione del territorio di riferimento, superando il tradizionale approccio che vede il laboratorio ospedaliero configurato preminentemente al servizio delle attività di degenza. Le implicazioni in termini organizzativi sono molteplici e riguardano sia l accessibilità a esami in urgenza o specialistici, sia la revisione del percorso dei pazienti, sia il rapporto con i prescrittori (medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, servizi e specialisti del territorio). Il principio di continuità ha, inoltre, significative implicazioni riguardanti le relazioni tra laboratori diagnostici ospedalieri e territoriali pubblici e privati che necessitano di un adeguata programmazione (in termini di autorizzazione, accreditamento e contrattazione) oltre che implicazioni tecniche come, ad esempio, la condivisione di linee guida cliniche (o di protocolli diagnostici), la standardizzazione dei referti (per evitare duplicazioni), la trasmissione degli stessi per via telematica ai curanti (per evitare che sia il paziente a doversene far carico). L affidabilità dei risultati deve essere valutata al fine di assumere decisioni basate sulle evidenze superando le dinamiche loco-regionali.a tal fine sistemi di verifica esterna di qualità de-

10 Il ruolo dei laboratori in sanità vono essere utilizzati per assicurare la qualità degli esami effettuati. La continuità ospedale-territorio richiama il principio della prossimalità al bisogno del paziente.varie sono le soluzioni oggi disponibili a tale fine, come l organizzazione di punti prelievo dislocati nel territorio in relazione alle sue caratteristiche geomorfologiche in modo da essere accessibili in tempi ragionevoli ai cittadini; la disponibilità di funzioni di prenotazione facilitate (telefoniche, telematiche) o mediante presidi territoriali (farmacie). A queste si aggiunge la disponibilità di test gestibili direttamente dal paziente e di sistemi di comunicazione paziente-curante-paziente, che richiede a monte la condivisione di requisiti utili a garantire la sicurezza dei dati e la qualità delle prestazioni. Nell organizzazione sanitaria regionale e aziendale la densità territoriale dei punti di accesso (punti prelievo, punti prenotazione) dipenderà, ovviamente, dalle situazioni contestuali di partenza, in modo da ottimizzare al massimo le risorse strumentali e professionali in campo e favorire quella flessibilità del sistema di offerta necessaria a consentire il miglioramento continuo dei servizi. Quindi si amplia fortemente lo spettro di intervento di riorganizzazione, ben oltre la riconfigurazione dei laboratori di diagnostica, in una logica che rimarca la centralità del cittadino/paziente rispetto alle diverse articolazioni del Servizio sanitario nazionale. Lo sviluppo e l adeguamento dei sistemi informatici rappresenta un elemento cruciale nella riorganizzazione della rete diagnostica, puntando soprattutto all interoperabilità dei sistemi informativi di laboratorio e degli altri sistemi informatici. È noto che negli ultimi venti anni i sistemi informatici di laboratorio si sono andati sviluppando spesso sulla spinta delle esigenze organizzative dei processi produttivi del singolo laboratorio diagnostico e, quindi, sono raramente adeguati ad una logica di rete che richiede la condivisione di protocolli e di dati con l ambiente esterno al laboratorio, sia esso ospedaliero o territoriale. Spesso nella realizzazione dei sistemi informatici di laboratorio ha giocato un ruolo determinante l integrazione nella routine di una nuova attrezzatura piuttosto che l integrazione del sistema informatico del laboratorio nel sistema informatico aziendale. Solo relativamente di recente è maturata l offerta di soluzioni che affrontano l informatizzazione con un approccio più ampio e funzionale all integrazione sia per finalità assistenziali (intra ed extra-ospedaliere) sia di monitoraggio e controllo. In particolare occorre, soprattutto nella fase di riorganizzazione, che i sistemi informatici assicurino anche un sistema di reporting mirato sulle attività di laboratorio e che contenga una serie di elementi chiave per la valutazione quali: informazioni sui costi diretti ed indiretti e sugli indicatori di performance, sugli errori e le azioni correttive, sull efficienza del servizio. L innovazione tecnologica in questo settore deve necessariamente avvalersi dell intensa cooperazione tra i professionisti clinici e l industria, per identificare le soluzioni migliori per i diversi contesti. L insieme degli interventi strutturali ed organizzativi che si può prefigurare in attuazione della disposizione normativa comporta il maturare di un attività di technology assessment, quale strumento di valutazione degli interventi più costo-efficaci per il sistema di riferimento. Com è noto, questo tipo di attività non è an- 9

11 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori 10 cora estesamente integrato nella programmazione sanitaria ai diversi livelli, tuttavia, la pressione al cambiamento generata per un verso dalle innovazioni tecnologiche e, per l altro, dagli interventi legislativi ne enfatizza la necessità. Non si tratta di porre ostacoli all innovazione, bensì di governarne l ingresso, la distribuzione, la finalizzazione, favorendo l abbandono delle tecnologie obsolete. Una nuova cultura valutativa si impone di fronte ad un offerta sempre più ampia di sistemi diagnostici sofisticati che possono avere un impatto variabile non solo sugli interventi assistenziali cui si applicano, ma anche sul percorso clinico che ne può derivare (ad esempio test predittivi che generano richiesta di approfondimenti clinici e diagnostici non sempre appropriati). In questo senso, poi, appare evidente il ruolo della formazione continua e della partecipazione degli operatori ad iniziative di ricerca che possano generare ricadute assistenziali verificabili. In tutto il processo di riorganizzazione conseguente all applicazione normativa occorre adottare strumenti di promozione e controllo dell appropriatezza. Ciò è particolarmente importante per ridurre il ricorso ad esami obsoleti o usati per indicazioni inappropriate. La promozione dell appropriatezza coinvolge la capacità di controllo dei flussi prescrittivi e la condivisione di indicatori di controllo e la diffusione di buone pratiche basate sulle evidenze. I contenuti delle Linee di indirizzo per la riorganizzazione dei servizi di medicina di laboratorio nel Servizio sanitario nazionale, del marzo 2009, sono stati trasposti nell Accordo Stato- Regioni del 23 marzo L Accordo, in particolare, mette in risalto il ruolo strategico dei servizi di medicina di laboratorio rispetto alla qualificazione delle strutture territoriali necessaria a supportare, sia i cambiamenti demografici ed epidemiologici, sia i processi di riduzione del ricorso al ricovero ospedaliero. In particolare, viene ribadito che gli esami da garantire nell ambito dei Livelli essenziali di assistenza e i percorsi diagnostico-assistenziali debbano essere centrati sull EBM, come prerequisito per operare scelte di riorganizzazione della diagnostica di laboratorio. Sotto il profilo organizzativo l applicazione della normativa riguardante l accreditamento istituzionale è da considerarsi strumento per assicurare che le strutture si dotino di figure professionali adeguate per numerosità, tipologia e qualificazione in rapporto a volumi e tipologia di attività. Spetta alle Regioni regolamentare i carichi di lavoro massimi per ogni struttura di laboratorio in relazione all organizzazione tecnologica, alla dotazione strutturale e al personale. Anche l Accordo enfatizza l importanza di specifici programmi di controllo interno di qualità e la partecipazione a schemi di Valutazione Esterna di Qualità (VEQ), quale presupposto per la qualità dei servizi. Il ruolo delle Regioni sarà quello di definire le modalità della partecipazione a programmi indipendenti dall industria produttrice dei diagnostici e valutare le performance dei laboratori. L Accordo interviene, quindi, nella fissazione della soglia minima di attività, pari a esami di laboratorio erogati/anno (non in service), quale criterio di accreditamento delle strutture diagnostiche, da perseguire con un percorso progressivo triennale a partire da una soglia minima di esami/anno. Per poter realizzare questo tipo di riorganizzazione, l Accordo evidenzia la necessità di rea-

12 Il ruolo dei laboratori in sanità lizzare meccanismi di reale aggregazione fra le sole strutture di laboratorio, utilizzando varie figure giuridiche, come cooperative, strutture consortili, ATI, anche di tipo pubblico-privato, che possano diventare esclusivi interlocutori delle Regioni. Le aggregazioni sono ritenute rilevanti anche riguardo al processo di progressiva informatizzazione in corso con i progetti di ricetta on-line e di tessera sanitaria informatizzata, che necessitano di un concreto governo degli erogatori da parte del sistema regionale. A questo proposito, l Accordo riprende il tema dei sistemi di governance della rete integrata per garantire la standardizzazione analitica, la confrontabilità dei risultati, l omogeneità dei valori di riferimento e dei criteri interpretativi e delle politiche di appropriatezza della richiesta di esami di laboratorio, coniugando l efficienza dei processi di riorganizzazione della diagnostica di laboratorio, già enfatizzato nelle linee di indirizzo. Specifiche indicazioni vengono fornite riguardo al service di laboratorio, circa l esigenza di normative regionali ad hoc che qualifichino tale tipologia organizzativa in modo funzionale alla concentrazione di tipologie di esami particolarmente onerosi dal punto di vista organizzativo (per risorse professionali e strumentazione) con adeguate regole volte a tutelare la qualità delle prestazioni all utente finale e la trasparenza dei processi. Un fattore ulteriore per la riorganizzazione della rete di offerta a livello territoriale viene individuato nell integrazione della diagnostica di laboratorio con le altre tipologie di diagnostica, privilegiando come elemento dorsale dell integrazione il percorso diagnostico del paziente. Infine vengono stabiliti limiti agli ambiti territoriali delle aggregazioni che non dovranno eccedere il territorio provinciale e/o regionale e alla detenzione di quote di partecipazione in altre aggregazioni su tutto il territorio nazionale. I criteri indicati vanno applicati nel pieno rispetto dell autonomia delle Regioni nell organizzazione dei servizi di medicina di laboratorio, in particolare in quelle che hanno già avviato il processo di accreditamento e razionalizzato la rete delle strutture di laboratorio in osservanza delle disposizioni vigenti. Appare chiaro che i Piani di riorganizzazione delle reti di diagnostica di laboratorio devono cogliere sia obiettivi di razionalizzazione sia obiettivi di qualificazione dell offerta. Le sfide sono quindi molteplici anche in considerazione dei processi in corso relativi all applicazione della disciplina dell accreditamento ed alla riorganizzazione delle reti ospedaliere. Le Regioni hanno affrontato la riorganizzazione con diverse velocità, come si vede dallatabella 1, che illustra le date di adozione dei provvedimenti previsti dalla Legge. Il monitoraggio dell attuazione dei Piani di riorganizzazione viene effettuato nell ambito della verifica degli adempimenti Lea e, per questo motivo, non sono menzionate le Regioni e le PP.AA. che non sono assoggettate a tale verifica. A distanza di circa sette anni dall emanazione della norma e, nonostante l adozione di provvedimenti attuativi, solo poche regioni hanno concretamente riorganizzato le proprie reti di offerta di diagnostica di laboratorio. La complessità di attuazione sembra generalmente essere correlata alla numerosità delle strutture di diagnostica di laboratorio private, ope- 11

13 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori Tabella 1 - Sintesi della normativa regionale* sul Piano di riorganizzazione della rete laboratoristica Regioni e PP.AA. Provvedimento Data di emanazione 12 Abruzzo D.G.R. n /11/2007 Basilicata D.G.R. n /03/2008 Calabria Nessun provvedimento - Campania D.C.A. n /09/2010 Emilia-Romagna D.G.R /12/2007 Lazio D.G.R. n /12/2007 Liguria D.G.R. n /11/2007 Lombardia D.G.R. n.viii/ /02/2007 Marche D.G.R. n /02/2007 Molise D.G.R.n /08/2007 Piemonte D.G.R. n /08/2007 Puglia D.G.R. n /11/2009 Sicilia D.A. n /01/2009 D.A. n /11/2009 Toscana D.G.R..n /05/2007 Umbria D.G.R. n /02/2010 Veneto D.G.R /12/2007 * Riferito ai primi provvedimenti regionali Tabella 2 - I contenuti attesi del progetto di riordino della rete dei laboratori analisi da parte delle Regioni in Piano di rientro Area di intervento Interventi specifici Criteri per la valutazione degli atti Migliori atti regionali Regolamentazione,programmazione e gestione generale dell attività dei laboratori analisi Razionalizzazione della rete dei laboratori pubblici Governo del rapporto con i laboratori privati Definizione (revisione) dei criteri di autorizzazione/accreditamento Revisione del nomenclatore tariffario Definizione di strumenti amministrativi di controllo dell inappropriatezza d uso dei test di laboratorio Messa a regime di un sistema di monitoraggio dei consumi e della produzione di attività di laboratorio analisi Definizione di strumenti tecnici per il miglioramento ed il monitoraggio d uso dei test di laboratorio Adozione e messa a regime di un sistema regionale per laveq Istituzione di un gruppo operativo centrale di coordinamento del progetto laboratori analisi Predisposizione di un percorso per la razionalizzazione della rete dei laboratori pubblici Rilevazione e monitoraggio dei costi di produzione e dei volumi di attività erogati dei laboratori pubblici Adozione di un sistema centralizzato di acquisti Adozione di un sistema gestionale informatico unico Definizione delle modalità di aggregazione dei laboratori privati Definizione del budget regionale per l acquisto di prestazioni di laboratorio da privati

14 Il ruolo dei laboratori in sanità ranti nel territorio, ed allo stato di avanzamento delle relative procedure di accreditamento. Particolare attenzione è stata dedicata alla verifica del processo di riorganizzazione nelle regioni sottoposte a Piano di rientro. NellaTabella 2 è illustrata la matrice per la valutazione degli interventi di riorganizzazione da adottarsi dalle Regioni in Piano di rientro. Nel Sistema di verifica dei Livelli essenziali di assistenza (SiVeAS) allo scopo di valutare il processo sono presi in considerazione i parametri elencati in Tabella 3. Di seguito si riportano alcune brevi sintesi delle Regioni in Piano di rientro al fine di illustrare la situazione, ad oggi, dello stato di attuazione della riorganizzazione della rete laboratoristica pubblica e privata evidenziando, in alcuni casi, la discrepanza temporale tra la riorganizzazione della rete pubblica piuttosto che in quella privata. SINTESI REGIONALI DEI PIANI DI RIORGANIZZAZIONE Abruzzo Nel Programma Operativo 2010 era prevista la razionalizzazione della rete dei laboratori pubblici e privati. Con il DCA n. 11/2011 la struttura commissariale ha riorganizzato e razionalizzato la rete dei Laboratori di analisi privati e integrato i manuali di autorizzazione ed accreditamento. Nel Programma Operativo , sono state previste due azioni inerenti rispettivamente l identificazione dei laboratori Hub e Spoke pubblici e la riconversione dei laboratori Spoke pubblici. La Regione con il decreto 48/12 del ha disposto la riorganizzazione della rete pubblica dei laboratori di analisi e ha demandato alle Aziende sanitarie locali, competenti per territorio, la definizione dei processi di ri- 13 Tabella 3- Elenco dei criteri utilizzati nel questionario LEA 2012 per l analisi delle performance regionali in tema di riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche e private eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio 1 È stato approvato/aggiornato nell anno 2012 il Piano di riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche e private accreditate eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio? 2 La Regione ha regolamentato/normato il service di laboratorio? 3 I laboratori pubblici e privati sono in possesso della certificazione ISO? 4 I laboratori pubblici e privati sono in possesso dell accreditamento di eccellenza? 5 I laboratori pubblici e privati sono sottoposti a valutazione esterna di qualità? 6 Numero di ospedali pubblici con un laboratorio autonomo (presenza di una direzione di struttura complessa),distinto tra laboratori generali di base e laboratori generali di base con settori specializzati. 7 Numero di ospedali pubblici con una attività di laboratorio,gestita come sezione distaccata dotata di proprio personale sanitario,di un laboratorio centrale di riferimento. 8 Numero di sedi di attività analitica di laboratorio pubblico eroganti prestazioni al di fuori di una sede ospedaliera,come poliambulatori. 9 Numero di laboratori pubblici specializzati,dotati di autonomia organizzativa (direzione complessa),distinti per specializzazione (microbiologia,genetica medica, ). 10 Numero di laboratori di ricerca finanziati con Fondo sanitario regionale presso cliniche o istituti universitari (specificare il numero per singola Azienda/Policlinico). 11 Numero di laboratori privati convenzionati,distinti per specializzazione. 12 Numero di laboratori privati convenzionati aggregati in seguito all applicazione del Piano di riorganizzazione della rete laboratoristica e relativo personale coinvolto. 13 Esistenza di un sistema di reporting periodico regionale degli esami di laboratorio resi in regime ambulatoriale (pubblico,pubblico e privato,privato). 14 Numero medio annuale di esami per unità tecnica attribuita ad un responsabile di struttura. 15 Numero medio di esami/paziente,distinto tra ambito ospedaliero (a sua volta differenziato per esami resi a ricoverati e non) e ambito ambulatoriale.

15 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori 14 conversione dei laboratori Spoke pubblici e l adozione di nuove modalità organizzative della rete. Ha fissato inoltre al: 31 dicembre 2012, il termine ultimo per il completamento e l entrata in piena operatività della riorganizzazione della rete pubblica dei laboratori; 31 gennaio 2013, il termine per la comunicazione da parte delle Aziende sanitarie locali alla Direzione politiche della salute, delle prestazioni, erogate da ogni singolo nodo, sia centrale sia periferico. Gli Organismi di monitoraggio del Piano di rientro nella riunione di verifica dell 8 Aprile 2013 hanno valutato positivamente il percorso intrapreso e chiesto, per completezza, di acquisire maggiori dettagli per le Ausl di Pescara e Lanciano-Vasto-Chieti. Calabria Il Piano di rientro sottoscritto dalla Regione Calabria per il , prevedeva l attuazione di processi di riorganizzazione dei laboratori pubblici che migliorassero gli standard di qualità delle prestazioni e riducessero i costi di gestione attraverso una concentrazione delle attività. Analogo processo avrebbe interessato i laboratori di analisi privata, anche in attuazione della normativa nazionale, emanata al fine di incentivare e facilitare accorpamenti e concentrazioni operative. Nella riunione dell 8 aprile 2013 gli organismi di monitoraggio hanno ribadito la richiesta avanzata nelle precedenti riunioni, ossia che la Regione adottasse un piano di riorganizzazione dei laboratori pubblici e privati e che recepisse le linee guida nazionali in materia. Ad oggi tale obiettivo non risulta perseguito e la regione è anche considerata inadempiente dall anno 2007 sul punto ak) 1 riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche o private eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio. Campania La Regione Campania, con il DCA n. 55 del 30 settembre 2010, ha approvato il piano di riassetto della Rete laboratoristica ospedaliera e territoriale, definendone la tempistica e le relative modalità di attuazione. In merito al documento presentato, gli organismi di monitoraggio del Piano di rientro, nella riunione del 10 aprile 2013, hanno evidenziato la necessità che la Regione revisionasse il piano, garantendo la coerenza dei criteri di riorganizzazione con quanto indicato nell Accordo Stato-Regioni del 23 marzo 2011, e specificando come venga affrontata la riorganizzazione riguardo l eventuale specializzazione dei laboratori secondo la classificazione nazionale. Nello specifico è stato richiesto di: attenersi ai modelli organizzativi secondo la disciplina vigente; applicare i criteri nazionali di riorganizzazione; garantire nella classificazione delle strutture, in relazione ai volumi di prestazioni erogate, il rispetto degli standard qualitativi nelle diverse fasi, pre-analitica (es. accettazione e preparazione del campione), di analisi vera e propria, e quella post-analitica (es. consegna del referto); 1 Il punto ak) si riferisce al questionario sugli adempimenti Lea

16 Il ruolo dei laboratori in sanità determinare delle soglie di capacità produttiva secondo le indicazioni normative nazionali. Lazio La Regione Lazio con i Decreti Commissariali nn. 82/2009 e 54/2010 ha approvato le azioni progettuali di riordino e riduzione delle strutture laboratoristiche, coordinando l azione progettuale con la verifica successiva dei requisiti per l accreditamento istituzionale. L azione strategica per il prevedeva pertanto: la tipizzazione definitiva delle strutture; la disattivazione delle ulteriori strutture non in possesso dei requisiti fissati dal Decreto 54/2010; il contenimento della spesa per beni e servizi legata alle modalità di acquisizione dei sistemi diagnostici e all ottimizzazione dei sistemi di trasporto dei campioni biologici; la realizzazione della rete informatica unica regionale (per cui è già stato definito il progetto esecutivo con tempi di attuazione stimati in diciotto mesi); la realizzazione del laboratorio logico unico (LLU). Tali indicazioni non risultano perseguite nell anno 2012, ed infatti sono riprese nella proposta di Programma Operativo , dove è riportato il nuovo cronoprogramma, comprensivo delle scadenze intermedie e degli obiettivi prefissati, per raggiungere il completamento della riorganizzazione, sia per i laboratori pubblici, sia per la rete privata, con obiettivi di riduzione dei costi, favorendo l aggregazione fra le strutture. La Regione è infatti considerata inadempiente per l anno 2011 per il punto ak) riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche o private eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio. Molise La Regione Molise, con DCA n. 32/2010 ha approvato il Piano definitivo d attuazione del Piano regionale di riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche e private di diagnostica di laboratorio. A tale DCA non viene dato un parere favorevole da parte dei Ministeri affiancanti e la Regione con il decreto commissariale 04/2011 lo revoca parzialmente. Con tale decreto si superano le criticità manifestate dai Ministeri affiancanti e si attribuiscono, in via esclusiva, al Laboratorio Unico Logico di Campobasso le attività di Biologia molecolare, RIA, Ematologia e coaugulazione di II livello e Tossicologia di II livello e ai laboratori di Agnone,Venafro e Larino la sola esecuzione di esami urgenti. Contestualmente si provvede ad approvare il riordino previsto dal piano della rete delle strutture di diagnostica di laboratori. La Regione Molise è ancora considerata inadempiente, per l anno 2011, sul punto ak) riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche o private eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio. Piemonte L addendum al Piano di rientro della Regione Piemonte prevedeva, al punto 1.5, alcuni obiettivi per quanto riguarda la riorganizzazione della rete dei laboratori di analisi. In particolare, l adozione di una DGR entro il 28/02/2011 sulla riorganizzazione della rete dei laboratori che avrebbe dovuto prevedere: la riorganizza- 15

17 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori 16 zione delle attività svolte dai SIMT, dalle anatomie patologiche e dalla banca membrane amniotiche; l individuazione di un coordinatore regionale per ciascuno dei seguenti servizi: Laboratorio Analisi, Microbiologie, Genetiche, Anatomie Patologiche, Servizi Immunotrasfusionali; il blocco totale del turn over per il personale dei laboratori per il 2011, e il blocco all 80% del turn over per il 2012; un piano operativo per l unificazione informatica dei laboratori per ciascuna Azienda ospedaliera. Con la D.G.R. n del la Regione ha inteso dare risposta agli obiettivi dell addendum, modificando le linee operative assunte in merito con deliberazioni precedenti all adozione del Piano di rientro, relazionando inoltre relativamente ai Servizi di Laboratori di Analisi, ai Servizi di Anatomia Patologica, ai Servizi di Immunoematologia e di Medicina Trasfusionale. Con successiva Determina Dirigenziale n. 948 del 18/12/12 è stato approvato il documento di indirizzo in materia di riorganizzazione/razionalizzazione delle attività dei servizi di laboratorio di analisi, anatomie patologiche, servizi di immunoematologia e medicina trasfusionale. Più in particolare, la Direzione Sanità: ha approvato l elenco degli esami di laboratorio che devono essere garantiti in situazioni di urgenza clinica e per i quali ogni laboratorio che opera nella rete di emergenza regionale deve assicurarne tempi di attesa ridotti mediante interventi sul versante analitico strumentale e su quello logistico amministrativo; ha stabilito che ogni laboratorio potrà inserire, d intesa con i clinici e attraverso protocolli condivisi, ulteriori analisi che, in particolari contesti diagnostici, possono assumere caratteristiche di urgenza; ha demandato ai Direttori generali/sanitari delle Asr il compito di diffondere le citate indicazioni, nonché di controllare che le stesse siano applicate dai servizi ospedalieri interessati; ha dato atto che il documento in questione non comporta oneri aggiuntivi per il bilancio regionale. Quindi la Regione con la D.G.R. n del 14/03/2013 di modifica delle precedenti delibere: ha approvato la riorganizzazione e razionalizzazione dei Servizi di laboratorio di analisi, nel rispetto del PSSR , del Pdr e del suo programma attuativo, nonché degli obiettivi di ottimizzazione del SSR; ha disposto per i Direttori generali delle Asr una corretta e puntuale attuazione delle deliberazioni in esso contenute; ha stabilito che il medesimo percorso di riorganizzazione e razionalizzazione sarà definito anche per i Servizi di anatomia patologica e medicina trasfusionale (SIMT); ha modificato ed integrato la D.G.R. n del 3 agosto 2007 e la D.G.R. n del 7 aprile 2011 (cfr. Rif. Prot ) contenenti linee di indirizzo della riorganizzazione della rete laboratoristica; ha precisato che si farà fronte ai processi di riorganizzazione e razionalizzazione nei limiti delle risorse umane, strumentali/finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio regionale.

18 Il ruolo dei laboratori in sanità Puglia Il Piano di Rientro della Regione Puglia non prevedeva obiettivi specifici relativamente alla riorganizzazione della rete laboratoristica regionale, ad eccezione di interventi finalizzati alla riduzione della spesa per le prestazioni di specialistica ambulatoriale. Nel corso della riunione annuale per l anno 2012, tenutasi il 4 aprile 2013, è stato richiesto alla Regione dagli organismi di monitoraggio, in materia di riorganizzazione della rete laboratoristica, un documento aggiornato sulla rete pubblica e privata, a tutt oggi ancora non pervenuto. Con riferimento agli adempimenti Lea 2011, la Regione risulta inadempiente al punto ak) riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche o private eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio. Sicilia La Regione Sicilia con il DA n. 3253/10 del 30/12/2010, ha istituito il Centro Regionale per l implementazione, l assicurazione e il controllo della Qualità e regolamentazione (CRQ) del Controllo di Qualità Interno (CQI) e delle Valutazioni Esterne di Qualità (VEQ) nei laboratori della Regione Sicilia e con la DDG n. 3248/10 del 30/12/2010, ha disposto l eliminazione degli esami obsoleti dal Nomenclatore dei Laboratori; l elenco dei laboratori privati convenzionati aggregati (Nuovi soggetti gestori); l elenco dei laboratori pre-aggregazione. Nel programma Operativo la Regione ha previsto una specifica azione (4.1 Monitoraggio attuazione Piani aziendali di accorpamento ), e in adempimento ha elaborato il DA n. 1629/12 ad oggetto Aggiornamento delle direttive per l autorizzazione, l accreditamento istituzionale e la contrattualizzazione delle strutture sanitarie nella Regione Siciliana di Medicina di Laboratorio Privata.Tale DA, che rappresenta una ulteriore tappa nel processo di riorganizzazione e riqualificazione della rete laboratoristica, mira a realizzare una rete di laboratori con una struttura analitica centralizzata dotata di tecnologie ad alta produttività ed una serie di punti prelievo ad essa collegati via informativa, in grado di operare con maggiore performance e con attività tracciabili. Con tale provvedimento si è proceduti all adozione dei seguenti valori soglia di prestazioni: a partire dal 1 gennaio 2013; a partire dal 1 gennaio A seguito di ricorsi presentati da un gruppo di laboratori privati e dalla Federbiologi Sicilia, Laisan ed altri Laboratori, il suddetto DA è stato sospeso dal TAR Sicilia, limitatamente agli articoli relativi alle soglie minime di prestazioni utili all accreditamento e alla contrattualizzazione ed ai tempi indicati per il raggiungimento di tali livelli. 17

19 Focus on La riorganizzazione della rete dei laboratori Una proposta di riorganizzazione della rete dei laboratori. Effetti organizzativi ed economici di Ragnar Gullstrand* e Fulvio Moirano** *Esperto Agenas **Direttore Generale Agenas Da diverso tempo Agenas, Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, ha avviato un percorso di riflessione sull organizzazione e la riqualificazione dell assistenza sanitaria, stipulando accordi di collaborazione istituzionale con le Regioni, in particolare con quelle sottoposte a Piano di rientro e riqualificazione. Occorre ricordare che, quando parliamo di Piani di rientro dal disavanzo economico, in realtà intendiamo riferirci a quelle Regioni che hanno sottoscritto un Programma operativo triennale di rientro dal deficit, da attuare seguendo una metodologia che prevede diverse fasi: verifica dei disavanzi, ricognizione delle cause, stipula di un accordo tra livello centrale e regionale, elaborazione di un Piano di riequilibrio finanziario e di riorganizzazione dei servizi.tuttavia, mentre numerosi passi avanti sono stati compiuti sul versante del riequilibrio finanziario, molto ancora resta da fare sul piano della riorganizzazione dei servizi. Agenas, che collabora attivamente anche in questo settore con le Regioni in Piano di rientro, ha già presentato una proposta di riorganizzazione della rete ospedaliera, integrata con quella dell emergenza-urgenza e quella territoriale (confronta Monitor, numero 27/2011). In sintesi, la proposta Agenas di riorganizzazione della rete ospedaliera prevede la creazione di reti specialistiche tra i diversi ospedali e l applicazione del concetto di bacino di utenza per l attivazione di punti di erogazione delle varie specialità. Presentiamo, in questa sede, un approfondimento della proposta di riorganizzazione, incentrato sui laboratori, che prevede un unità principale nell Hub e un unità produttiva per ogni Spoke, con un bacino di utenza compreso tra e assistiti; inoltre, per le attività di microbiologia e virologia è prevista la localizzazione presso l Hub dell area con un bacino di utenza compreso tra e assistiti.

20 Una proposta di riorganizzazione della rete dei laboratori. Effetti organizzativi ed economici È necessario, tuttavia, tener conto che, nella proposta di regolamento del Ministero della salute, il bacino di utenza dell Hub è stato incrementato nel range di assistiti, per adeguarlo ai parametri previsti dalla Legge 135/2012. L ambito dei laboratori presenta una serie di caratteristiche idonee per un intervento di razionalizzazione: la sede di produzione (le attrezzature per l analisi) è normalmente staccata dalla sede di erogazione del servizio (prelievo e consegna referto) il che significa che una concentrazione dell apparato produttivo non ha effetti percettibili dagli utenti; esistono diverse esperienze che evidenziano sensibili economie di scala per una serie di prestazioni, il che indica la possibilità di attuare interventi di razionalizzazione in tempi di spending review; gli sviluppi tecnologici degli ultimi anni hanno reso i grandi macchinari anche più flessibili, rendendo meno forte la contraddizione tra volumi e flessibilità; questo significa che la stessa tecnologia può essere utilizzata da tutti i punti di una rete, il che incrementa la flessibilità riguardante l utilizzo del personale e il temporaneo spostamento di produzione da un punto della rete ad un altro per motivi di cariche di lavoro o di manutenzione degli apparecchi; l informatica è ormai un elemento fondamentale in questa area, l integrazione della rete di laboratorio con la rete aziendale rende flessibile il tipo di risposta all utente che può essere un assistito oppure un medico dell azienda; un elemento per la razionalizzazione economica del sistema arriva dalle nuove tariffe del Ministero della salute che comportano, mediamente, una riduzione delle stesse, per i laboratori, di circa il 25%; una rete come quella descritta presenta elementi maggiori di qualità, in quanto le metodiche sono sempre le stesse per un paziente che, di volta in volta, si rivolge a punti di prelievi diversi, ed è possibile unificare i sistemi di controlli; la copertura di un area geografica facilita, inoltre, gli sforzi di promuovere l appropriatezza prescrittiva. La creazione di reti di laboratori per trarre vantaggio dalle possibilità di economie di scala è già da tempo una realtà in altri stati d Europa. In Italia è interessante la realizzazione del Laboratorio unico dell AreaVasta Romagna, con una produzione di più di undici milioni di prestazioni, e l esperienza della società consortile Amos in provincia di Cuneo e Asti (al 100% pubblica), che ha evidenziato buoni risultati organizzativi ed economici da una concentrazione della produzione nel rispetto degli indicatori di qualità (per quest'ultimi vedere il documento Linee di Indirizzo per la Riorganizzazione dei Servizi di Medicina di Laboratorio nel Servizio Sanitario Nazionale,Agenas 2009). GLI OBIETTIVI DELL ANALISI Per analizzare fino in fondo le potenzialità intrinseche in queste caratteristiche e lanciare una sfida al cambiamento del sistema sanitario è stato creato un gruppo di lavoro in Agenas con l incarico di sviluppare gli aspetti organizzativi, tecnici ed economici relativi all applicazione della proposta del Ministero. L intento è di fornire un benchmark, un punto di riferimento, per i responsabili delle aziende, delle regioni e a livello nazionale. Il gruppo di lavoro ha utilizzato il mo- 19

LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI LABORATORIO

LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI LABORATORIO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 524 del 15 aprile 2014 pag. 1/9 AREA SANITA E SOCIALE Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

OGGETTO: Disegno di Legge 1324 e abbinati Audizione dell ANTEL - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico

OGGETTO: Disegno di Legge 1324 e abbinati Audizione dell ANTEL - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico Roma, 27 giugno 2014 1 Spett.le SENATO DELLA REPUBBLICA XII^ Commissione Permanente Igiene e Sanità Presidente Sen. Emilia Grazia De Biasi OGGETTO: Disegno di Legge 1324 e abbinati Audizione dell ANTEL

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Riorganizzazione della Rete Ospedaliera della Sardegna. Il ruolo delle tecnologie digitali per la Sanità.

Riorganizzazione della Rete Ospedaliera della Sardegna. Il ruolo delle tecnologie digitali per la Sanità. Riorganizzazione della Rete Ospedaliera della Sardegna. Il ruolo delle tecnologie digitali per la Sanità. Premessa La Delibera di Giunta Regionale N. 38/12 del 28/07/2015 ha approvato il documento di Riorganizzazione

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 La Commissione nazionale per la formazione continua è l organismo che a livello nazionale ha la funzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

n. 19 del 8 Aprile 2013 DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r)

n. 19 del 8 Aprile 2013 DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r) DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r) Oggetto: - Determinazione delle tariffe per le prestazioni di pronto soccorso non seguito da ricovero e di trasporti con ambulanza ed elisoccorso (flusso G)

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010)

Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) Regione Campania Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 30 del 18.03.2013 Oggetto: Razionalizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

SSR 2007-2009. Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale

SSR 2007-2009. Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale SSR 2007-2009 Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale Regione holding GOVERNO DEL SSSR Struttura di governo regionale Potenziamento e riqualificazione della

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi,

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Politiche di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, di Cittadinanza Tutela e Promozione Solidarietà e Tutele Sociali Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds

Dettagli

Lucia Lispi. Il processo di razionalizzazione della spesa nelle Regioni in Piano di Rientro. 28 Febbraio 2013

Lucia Lispi. Il processo di razionalizzazione della spesa nelle Regioni in Piano di Rientro. 28 Febbraio 2013 Il processo di razionalizzazione della spesa nelle Regioni in Piano di Rientro Lucia Lispi Ufficio SiVeAS DG della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute 28 Febbraio 2013 Agenda 2 Il SSN Il finanziamento

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Convergenza 2007-2013

Dettagli

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI Giovanni Maria Mazzanti e Gianluca Fiorentini 1 INDICE DEI CONTENUTI Caratteristiche

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2009)

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2009) DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 13 15 02 2010 OGGETTO: ASL RM/A - parere positivo ai sensi l art. 3 Decreto Commissariale n. U0016 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA VISTA la Legge costituzionale

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE tra la Regione Toscana e la Confederazione nazionale Misericordie d Italia Conferenza regionale della Toscana l Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze Comitato regionale

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13)

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Piattaforma rinnovo ACN (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Introduzione Negli ultimi quattro anni, cioè grosso modo dalla sigla degli ultimi ACN, la situazione economica del Paese è

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU30 25/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 9 luglio 2013, n. 1-6045 D.G.R. N. 6-5519 del 14/03/2013 "Programmazione sanitaria regionale. Interventi di revisione della rete ospedaliera

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Ferme restando le vigenti norme statutarie, regolamentari ed organizzative, il presente

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013) Titolo: Decreto-legge recante: Disposizioni urgenti in materia di contabilità e di concorso all equilibrio

Dettagli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli CONVENZIONE 2013-2015 Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il triennio 2013 2015 PREMESSA La novità più significativa che

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Bozza di Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

16 gennaio 2015-16 gennaio 2018

16 gennaio 2015-16 gennaio 2018 16 gennaio 2015-16 gennaio 2018 dott. Giovanni Battista Bochicchio Sommario SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1. Premessa... 3 2.... 4 2.1 Livelli Essenziali di Assistenza(LEA)... 6 2.2 Equilibrio Economico

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera".

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera. REGIONE PIEMONTE BU25S1 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 53-7644 Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Relazione illustrativa Schema di DPCM ai sensi del comma 10-ter dell art.2 del Dl 95/2012 Riorganizzazione del MIBACT 1. Le ragioni della riforma 1.1. L attuazione delle misure di

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 2 aprile 2015, n. 70 Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera. (15G00084) (GU

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 19/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 49

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 19/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 49 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 9 giugno 2014, n. U00192 Definizione del limite massimo di risorse assegnabili per l'anno 2013 per le prestazioni di riabilitazione

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRUL VENEZA GULA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA)

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) 10/022/CR6d/C7 Accordo di collaborazione (ex art. 15 Legge 7 agosto 1990, n

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

ANMCO ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDICI CARDIOLOGI OSPEDALIERI

ANMCO ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDICI CARDIOLOGI OSPEDALIERI ANMCO ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDICI CARDIOLOGI OSPEDALIERI Via La Marmora, 36 50121 Firenze http//www.anmco.it e-mail: segreteria@anmco.it Tel. +39 055 51011 - Fax +39 055 5101350 AREA MANAGEMENT & QUALITÀ

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Regione Campania. Programmi Operativi 2011-2012. [Versione del 13 giugno 2011]

Regione Campania. Programmi Operativi 2011-2012. [Versione del 13 giugno 2011] Regione Campania Programmi Operativi 2011-2012 [Versione del 13 giugno 2011] Indice PREMESSA 1 Il piano di rientro e i Programmi Operativi degli anni 2007-2010 1 Il Consiglio dei Ministri del 24 luglio

Dettagli

RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015

RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015 RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015 Il Bilancio Economico Preventivo 2015 dell Azienda è stato formulato in coerenza con la programmazione sanitaria ed economico

Dettagli

Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere. Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico

Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere. Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico Ai Legali Rappresentanti - IRCCS di diritto privato - Ospedali Classificati

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL RIORDINO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE

PIANO OPERATIVO PER IL RIORDINO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE Allegato B PIANO OPERATIVO PER IL RIORDINO DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE Le tabelle sottostanti indicano riportano le principali azioni attuative degli indirizzi di cui all allegato A per le aree Territorio

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali 17 L obiettivo delle presenti linee, nell ambito dell autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica aziendale

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Toccati beni e servizi, dispositivi medici, specialistica e riabilitazione,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli