CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI"

Transcript

1 CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e i mercati regolamentati dalla Legge del 2007 (Legge 144 (I) / 2007) a Cipro, GTCM Ltd. (in seguito denominata "Società") è necessario dividere i clienti in una delle seguenti tre categorie: commercio al dettaglio, cliente professionale o controparte qualificata. I criteri I criteri stabiliti dalla legislazione in materia sono le seguenti: "Cliente al dettaglio" è un cliente non professionale o controparte qualificata. "Controparte qualificata" è una delle seguenti entità alle quali un ente creditizio o un impresa d investimento fornisce i servizi di ricezione e trasmissione di ordini per conto dei clienti e/o l'esecuzione di tali ordini e/o a trattare per conto proprio: Le imprese d investimento Cipriote, altre imprese di investimento, gli enti creditizi, le imprese di assicurazione, gli OICVM e le loro società di gestione, fondi pensione e le loro società di gestione e altre istituzioni finanziarie autorizzate da uno Stato membro o regolarizzato da una normativa comunitaria o dalla legislazione nazionale di uno Stato membro, le imprese esentate dall'applicazione del servizio e attività di investimento e mercati regolamentati Legge del 2007 ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 2, lettera k) e l), i governi nazionali e i corrispondenti uffici compresi gli organismi di diritto pubblico che affrontano il problema del debito pubblico, banche centrali e organizzazioni sovranazionali. "Cliente professionale" è un cliente che possiede l'esperienza, le conoscenze e la competenza necessaria per prendere le proprie decisioni in materia di investimenti e valutare correttamente i rischi che comporta, per

2 essere considerato un cliente professionale, il cliente deve essere conforme ai seguenti criteri: A. Categorie di clienti professionali Le seguenti categorie dovrebbero essere considerate professionisti di tutti i servizi e attività d investimento e degli strumenti finanziari. (1) Soggetti che sono tenuti ad essere autorizzati o regolamentati per operare sui mercati finanziari, l'elenco seguente dovrebbe essere inteso come comprendente di tutte le entità autorizzate che hanno le attività caratteristiche dei soggetti menzionati: gli enti autorizzati da uno Stato membro in una direttiva della Comunità europea, gli enti autorizzati o regolamentati da uno Stato membro senza riferimento a tale direttiva e enti autorizzati o regolamentati da un paese terzo: A) gli enti creditizi (B) le imprese di investimento C) Altre finanziarie autorizzate o regolamentate D) Imprese di assicurazione E) sistemi/schemi d investimento collettivo e le società di gestione di tali sistemi F) fondi pensione e società di gestione di tali fondi (G) materie prime e strumenti derivati su merci; i concessionari (H) Locali I) gli altri investitori istituzionali (2) Le grandi imprese che soddisfano due dei seguenti requisiti in proporzione: - Totale di bilancio di almeno EURO - Fatturato netto di almeno EURO - Fondi propri di almeno EURO

3 (3) i governi nazionali e regionali, gli enti pubblici incaricati della gestione del debito pubblico, le banche centrali, le istituzioni internazionali e sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario, la Banca Centrale Europea, la Banca europea per gli investimenti e altre organizzazioni internazionali analoghe. (4) Altri investitori istituzionali la cui attività principale è quella di investire in strumenti finanziari, compresi gli enti dedicati alla cartolarizzazione di attivi o altre transazioni finanziarie. Le entità di cui sopra si considerano professionisti. Tuttavia possono richiedere di essere trattati come non professionisti e la Società accetta di fornire un livello alto di protezione. Quando il cliente della società è un'impresa di cui sopra, prima di qualsiasi prestazione di servizi, la società deve informare il cliente che, sulla base delle informazioni di cui dispone l'impresa, esso viene considerato un cliente professionale e verrà trattato come tale a meno che l'impresa e il cliente convengano diversamente. Il cliente può chiedere una modifica dei termini dell'accordo, al fine di garantire un livello di protezione più alto. E' responsabilità del cliente considerato un cliente professionale, di chiedere un maggiore livello di protezione quando ritiene di non essere in grado di valutare o gestire correttamente i rischi in questione. Questo livello elevato di protezione sarà fornito quando un cliente considerato professionale, entra in un accordo scritto con la società per non essere considerato come cliente professionale ai fini del regime della conduzione del business, specificando se si tratta di uno o più particolari servizi o operazioni, oppure per uno o più tipi di prodotti o operazioni. B. i clienti che possono essere trattati come professionisti su richiesta 1. I criteri d identificazione

4 I clienti diversi da quelli menzionati nella parte A, compresi gli organismi del settore pubblico e i singoli investitori privati, possono anche essere autorizzati a rinunciare ad alcune delle protezioni previste dalle norme di condotta delle imprese. La Società è autorizzata a trattare i predetti clienti come clienti professionali purché i relativi criteri e le procedure indicate di seguito siano soddisfatte, i clienti tuttavia, si presume posseggano conoscenze del mercato ed esperienze comparabili a quelle delle categorie elencate nella Parte A. Una rinuncia della protezione prevista dalle norme standard di comportamento delle imprese sarà considerata valida solo dopo una valutazione adeguata della competenza, dell'esperienza e delle conoscenze del cliente. L'esame di idoneità viene applicata ai dirigenti e agli amministratori di enti titolari licenziati dalle Direttive Europee nel finanziario, potrebbe essere considerato come un esempio di valutazione delle competenze e delle conoscenze. In caso di piccole entità, la persona oggetto della valutazione di cui sopra dovrebbe essere la persona autorizzata ad effettuare operazioni per conto dell'entità. Nel corso della valutazione di cui sopra, devono essere soddisfatti come minimo due dei seguenti criteri: - Il cliente ha effettuato operazioni di dimensioni significative in un mercato rilevante con una media frequenza di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti; - Le dimensioni dello strumento finanziario del cliente, incluso i depositi in contanti e gli strumenti finanziari, superano i euro; - Il cliente lavora o ha lavorato nel settore finanziario per almeno un anno in una posizione professionale che presuppone la conoscenza delle operazioni o dei servizi previsti.

5 2. Procedura I clienti definiti in precedenza possono rinunciare al beneficio della modalità di comportamento solo dove viene rispettata la seguente procedura: - Essi devono comunicare per iscritto alla società che desiderano essere trattati come clienti professionali, sia in generale o rispetto ad un particolare servizio o operazione di investimento o tipo di operazione o di prodotto; - La Società darà un chiaro avvertimento scritto delle protezioni e i diritti di indennizzo che potrebbero perdere; - Essi devono comunicare per iscritto, in un documento separato dal contratto, che sono consapevoli delle conseguenze della perdita di tali protezioni. Prima di decidere di accettare richieste di rinuncia, la società deve adottare tutte le misure ragionevoli per garantire che il cliente che chiede di essere trattato come un cliente professionale soddisfi i requisiti indicati al precedente paragrafo B. 1. Tuttavia, se i clienti sono già stati classificati come professionisti in base a parametri e procedure analoghe a quelle di sopra, non si deve intendere che i loro rapporti con la società debbano essere influenzati da eventuali nuove norme adottate in applicazione della direttiva e normativa di cui sopra. La Società implementa per iscritto le proprie politiche e procedure interne per classificare i clienti. I clienti professionali hanno la responsabilità di tenere l'azienda informata circa eventuali cambiamenti che potrebbero influenzare la loro attuale classificazione. La società deve essere consapevole che se il cliente non soddisfa più le condizioni iniziali necessarie per ottenere il trattamento professionale, la società deve prendere le adeguate misure. Richiesta di diversa classificazione Secondo il paragrafo B. 2 di cui sopra, possono essere presentate all'impresa le seguenti richieste:

6 (A) UN cliente al dettaglio che chiede di essere classificato come cliente professionale. In tal caso al Cliente dovrà essere garantito un livello di protezione inferiore. (B) UN cliente professionale che chiede di essere classificato come un cliente al dettaglio. In questo caso il cliente cerca di ottenere un livello di protezione più elevato. (C) Una controparte qualificata che chiede di essere classificata come un cliente professionale o cliente al dettaglio. In questo caso il cliente cerca di ottenere un livello di protezione più elevato. La società si riserva il diritto di rifiutare le richieste di cui sopra per le diverse categorie. I diritti di protezione I clienti Retail / Clienti professionali Nel caso in cui la società gestisce il Cliente come un cliente al dettaglio, egli avrà diritto a ulteriori protezioni a norma di legge come se fosse un cliente professionale, In sintesi, le protezioni aggiuntive ai clienti al dettaglio hanno il diritti come segue: (A) Ad un cliente al dettaglio saranno dati ulteriori informazioni/descrizioni per quanto riguarda la società, i servizi e gli investimenti, i costi, le commissioni, le tasse, le tariffe, la salvaguardia degli strumenti finanziari e dei fondi della clientela. (B) in base alla legge, nel caso in cui la Società fornisca servizi di investimento diversi dalla consulenza in materia di investimenti (in forma di raccomandazioni personalizzate) o gestione di portafoglio discrezionale, la società deve chiedere ad un cliente al dettaglio di fornire informazioni in merito alle sue conoscenze ed esperienze in materia di investimenti riguardo al tipo specifico di prodotto o servizio proposto o chiesto, al fine di valutare se il servizio o il prodotto in questione è adatto al cliente, nel caso in cui la società ritiene, sulla base delle informazioni ricevute, che il prodotto o il

7 servizio non è adatto ad un cliente al dettaglio, si avverte il cliente di conseguenza. Si prega di notare che la società non è tenuta a valutare le opportunità in alcuni casi specificati dalla legge. La società ha il diritto di presumere che un cliente professionale ha l'esperienza e le conoscenze necessarie per comprendere i rischi esistenti in relazione a tali servizi di investimento o delle transazioni, o tipi di operazione o di prodotto, per il quale il cliente è classificato come cliente professionale. Di conseguenza, a differenza di quanto avviene con un cliente al dettaglio, la società non dovrebbe avere in genere bisogno di ottenere ulteriori informazioni dalla parte del cliente per la valutazione dell'appropriatezza di tali prodotti e servizi per i quali è stato classificato come cliente professionale. C) durante l'esecuzione degli ordini, le imprese d investimento e degli enti creditizi che offrono servizi d investimento, devono prendere tutte le misure ragionevoli per ottenere il cosiddetto "best execution" dell'ordine del cliente, che è quello di ottenere il miglior risultato possibile per i loro clienti. Nel caso in cui la società esegue un ordine per conto di un cliente al dettaglio, il miglior risultato possibile sarà determinato in totale, rappresentando il prezzo dello strumento finanziario e i costi connessi all'esecuzione, che include tutte le spese sostenute dal cliente che sono direttamente correlate con l'esecuzione dell'ordine, includendo le tasse, clearing, regolamento tasse e tutte le altre commissioni pagate a terzi coinvolti nell'esecuzione dell'ordine. Nel fornire ai clienti professionali la migliore esecuzione, all'azienda non è richiesto che i costi complessivi dell'operazione siano prioritari e considerati come il fattore più importante per ottenere la migliore esecuzione. D) le società d investimento e gli istituti di credito che offrono servizi di investimento devono ottenere dai clienti le informazioni necessarie per l'impresa o l ente creditizio, secondo il caso, per capire i fatti relativi al cliente e avere una base ragionevole per ritenere, tenendo in considerazione la natura e l'entità del servizio fornito, che la specifica operazione raccomandata, o il servizio di gestione portafoglio, soddisfa i seguenti criteri: (I) soddisfa gli obiettivi di investimento del cliente in questione;

8 (II) il cliente è in grado di sostenere finanziariamente i relativi rischi di investimento coerenti con i suoi obiettivi d investimento; (III) il cliente ha l'esperienza e le conoscenze necessarie per comprendere i rischi dell'operazione o della gestione del suo portafoglio. Nel caso in cui la Società fornisce un servizio d investimento ad un cliente professionale che ha il diritto di presumere che, per quanto riguarda i prodotti, le operazioni e i servizi per i quali si è classificato, il cliente ha il necessario livello di esperienza e di conoscenza ai fini di cui al paragrafo iii) di cui sopracitato. In determinate circostanze, la società ha il diritto di presumere che un cliente professionale è in grado di sostenere finanziariamente qualsiasi rischio d investimento coerenti con i suoi obiettivi di investimento. (E) La società deve informare i clienti al dettaglio delle difficoltà materiali relative all eseguimento corretto del loro ordine immediatamente dopo essere venuto a conoscenza della difficoltà. (F) La società è tenuta a fornire ai clienti al dettaglio: (I) più informazioni dei clienti professionali per quanto riguarda l'esecuzione degli ordini, oltre a quelli per la gestione del portafoglio (II) periodiche dichiarazioni per quanto riguarda la gestione del portafoglio delle attività svolte per conto loro, con maggiore frequenza rispetto ai clienti professionisti (G) nel caso in cui l'azienda fornisce le operazioni di gestione del portafoglio clienti al dettaglio o i conti del cliente al dettaglio che includono una posizione scoperta, deve dare al cliente al dettaglio le eventuali perdite superiori a una determinata soglia concordata tra la società ed il cliente, entro e non oltre la fine del giorno lavorativo in cui la soglia è stata superata o, nel caso in cui il limite viene superato su un non-business day, alla fine del giorno lavorativo successivo.

9 (H) se la società fornisce un servizio di investimento diverso dalla consulenza di investimenti ad un nuovo cliente al dettaglio, per la prima volta dopo il 1 novembre 2007, la società deve entrare in un accordo scritto con il cliente, con i diritti fondamentali e gli obblighi dell'azienda e del cliente. (I) la società non utilizzerà gli strumenti finanziari detenuti da essa per conto di un cliente, per conto suo o quello di un altro cliente suo, senza il consenso espresso in anticipo dal cliente per l'utilizzo degli strumenti a determinate condizioni, come evidenziato, nel caso di un cliente al dettaglio, rappresentato dalla sua firma o un equivalente meccanismo alternativo. (K) il cliente al dettaglio può richiedere una compensazione dal Fondo di Compensazione per i clienti della banca o secondo il caso, dal Fondo di Compensazione per i clienti delle imprese di investimento. Le controparti Nel caso in cui la società gestisce il Cliente come controparte qualificata, il Cliente avrà diritto a meno protezioni dalla legge di quello che avrebbe avuto diritto come cliente professionale. In aggiunta a quanto sopra: (A) La Società non è tenuta di fornire al Cliente la migliore esecuzione nell esecuzione dell'ordine del cliente; (B) La Società non è tenuta a comunicare al cliente le informazioni riguardanti le spese o commissioni che la società paga o riceve; C) La Società non è tenuta a valutare l'adeguatezza e l'opportunità di un prodotto o di un servizio che fornisce al Cliente, ma può assumere che il cliente ha tutte le competenze necessarie per scegliere il prodotto o il servizio più appropriato per lui, e che egli sia in grado di sostenere finanziariamente i rischi di investimento coerenti con i suoi obiettivi di investimento; D) La Società non è tenuta a fornire al Cliente informazioni sull'azienda, i servizi e le modalità attraverso le quali l'azienda sarà remunerata; (E) La Società non è tenuta a fornire al Cliente informazioni riguardo ai rischi dei prodotti o dei servizi della società che egli seleziona;

10 F) La Società non è tenuta a fornire al Cliente rapporti per l'esecuzione dei suoi ordini o la gestione dei suoi investimenti.

Classificazione clienti. Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro

Classificazione clienti. Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro Classificazione clienti Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro Introduzione Classificazione clienti A seguito dell'implementazione della Direttiva europea sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID)

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

MiFID - Pack di benvenuto

MiFID - Pack di benvenuto MiFID - Pack di benvenuto Introduzione La nuova regolamentazione della prestazione di servizi finanziari del Principato di Andorra recupera le principali pratiche di tutela dell'investitore di cui al Titolo

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

LA DIRETTIVA MIFID E LA TUTELA DEL

LA DIRETTIVA MIFID E LA TUTELA DEL LA DIRETTIVA MIFID E LA TUTELA DEL RISPARMIATORE Avv. MARIO MASTRODONATO 1 Obiettivi della Direttiva Creazione di un mercato unico europeo dei servizi finanziari Rafforzamento del sistema di tutela per

Dettagli

MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA L introduzione della Direttiva denominata MIFID prevede,unitamente agli altri adempimenti ad una corretta classificazione della clientela,allo scopo di assicurare

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela INDICE 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO... 3 2. RIFERIMENTI RMATIVI... 3 3. CATEGORIE DI CLIENTELA... 4 3.1 Clientela professionale... 4 3.2 Controparti qualificate...

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate.

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate. LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, (2) Gli enti e le persone soggetti alla direttiva 2005/60/CE possono non riuscire a identificare un cliente quale appartenente a una delle categorie di persone politicamente

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013

Dettagli

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE 9.3.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 69/27 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE dell 8 marzo 2007 che stabilisce le modalità di applicazione di talune disposizioni della direttiva

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I)

Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I) Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. Offerta al pubblico di UNIOBIETTIVO INFLAZIONE 03/2018 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto ULM11I) Regolamento del Fondo interno REGOLAMENTO

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal C.d.A. il 16/10/2007 Revisione deliberata dal C.d.A. il 14/04/2015 2 INDICE I - PREMESSA...4 II - RIFERIMENTI NORMATIVI...5 III - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA MAGGIO 2012 BSI SA (di seguito BSI o Banca ) al fine di garantire un sempre maggiore livello di qualità ed efficienza dei servizi e prodotti offerti

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - Società Cooperativa Policy di Classificazione della Clientela Adottata dal CdA nella seduta del 23 ottobre 2007 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Strategia per la classificazione della clientela

Strategia per la classificazione della clientela Strategia per la classificazione della clientela Indice generale 1.Introduzione...3 2.Riferimenti normativi...5 3.Classificazione statica della clientela...7 3.1 Clientela professionale di diritto...7

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

STRATEGIA DI BEST EXECUTION

STRATEGIA DI BEST EXECUTION STRATEGIA DI BEST EXECUTION Execution policy e best execution La normativa MiFID supera la facoltà lasciata agli Stati membri d imporre la concentrazione degli scambi nel mercato regolamentato, per cui

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Giugno 2013 La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Avv. Simona Sapienza, Caiazzo Donnini Pappalardo & Associati

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID http://www.sinedi.com ARTICOLO 20 FEBBRAIO 2008 L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID La Markets on Financial Instruments Directive, di seguito MiFID, è la direttiva europea, approvata nel 2004 ed entrata

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 47/1 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 24 maggio 2012 in merito a una proposta di regolamento delegato

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Plus500CY Ltd. INVESTOR COMPENSATION FUND

Plus500CY Ltd. INVESTOR COMPENSATION FUND Plus500CY Ltd. INVESTOR COMPENSATION FUND 1. Generale Plus500CY Ltd (di seguito, la Società ) è un membro dell Investor Compensation Fund ( ICF ) per i clienti delle società di investimento cipriote ("CIF")

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Agressor (ISIN: FR0010321802)

Agressor (ISIN: FR0010321802) Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo. Regolamento di investimento

Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo. Regolamento di investimento Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo Regolamento di investimento Fondazione indipendente di libero passaggio di Zurigo Indice Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Orientamenti Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Data: 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Sommario I. Ambito di applicazione 3 II. Definizioni

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO

Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE I. PREMESSA... 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA... 9 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

ALLEGATO. Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1

ALLEGATO. Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1 IT ALLEGATO Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1 1 Riproduzione consentita nell ambito dello Spazio economico europeo (SEE). Tutti i diritti riservati al di fuori del SEE, ad eccezione

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.3.2014 C(2014) 1553 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 12.3.2014 che integra il regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Transmission and Execution Policy

Transmission and Execution Policy Transmission and Execution Policy Luglio 2014 1 INTRODUZIONE Il presente documento - approvato dal Consiglio di Amministrazione di BG Fund Management Luxembourg S.A. (di seguitio BGFML) - definisce e formalizza

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Ottava Emissione - Scheda informativa

Ottava Emissione - Scheda informativa BTP Italia Ottava Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Baa2 / BBB- / BBB+ / A- (Moody s /

Dettagli

LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI

LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI SEGREGAZIONE (DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 39, COMMA 7, DEL REGOLAMENTO UE N. 648/2012) EQUITA - SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA La presente nota di sintesi deve essere letta come introduzione al presente Prospetto di Base ed ogni eventuale decisione di investire nei Titoli dovrebbe basarsi su un analisi

Dettagli

GTCM (Regolata dal Cipro Securities & Exchange Commission) REGOLAMENTO SUL CONFLITTO DI INTERESSI. 29 Ottobre 2012.

GTCM (Regolata dal Cipro Securities & Exchange Commission) REGOLAMENTO SUL CONFLITTO DI INTERESSI. 29 Ottobre 2012. GTCM (Regolata dal Cipro Securities & Exchange Commission) REGOLAMENTO SUL CONFLITTO DI INTERESSI 29 Ottobre 2012. 2 1. INTRODUZIONE... 4 2. CHE COS'È UN CONFLITTO DI INTERESSI... 4 3. I CRITERI DI IDENTIFICAZIONE

Dettagli

MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007

MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007 MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 REALZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...9 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity

Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity (il "Comparto") è un comparto di Pioneer Funds (il "Fondo"). La Società di Gestione del Fondo è Pioneer Asset Management

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

Conservare e aumentare il valore reale, misurato in euro e corretto per l inflazione, nell arco di 3-5 anni.

Conservare e aumentare il valore reale, misurato in euro e corretto per l inflazione, nell arco di 3-5 anni. Fund Société d'investissement à Capital Variable 5, rue Höhenhof, L-1736 Senningerberg Granducato di Lussemburgo Tel.: (+352) 341 342 202 Fax : (+352) 341 342 342 31 maggio 2013 Gentile Azionista, Fund

Dettagli

Progetto MiFID Policy classificazione clientela. Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Progetto MiFID Policy classificazione clientela. Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA Progetto MiFID Policy classificazione clientela Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INDICE I. IMPOSTAZIONE METODOLOGICA 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

1 DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

1 DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO Bcc San Marzano di San Giuseppe Subordinato 67^ emissione Tasso Fisso 3,75% 28/10/2010-28/04/2016 Codice ISIN IT0004647373 1 DESCRIZIONE

Dettagli

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli