Micaela Morelli. L individualità biologica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Micaela Morelli. L individualità biologica"

Transcript

1 Micaela Morelli L individualità biologica Una breve premessa per sgombrare il terreno dall ambiguità che intercorre tra l individualità e la diversità. Esiste una chiara distinzione tra le due categorie, potendosi concepire, in linea teorica, individui identici che conservino, senza possibilità di equivoco, la propria individualità. In questo articolo cercherò di dare una definizione dell individualità biologica e citerò degli esempi per mettere in evidenza come il corpo umano tenda a conservare la propria individualità. Prenderò quindi in considerazione l individualità neurobiologica che è alla base della diversità e infine citerò degli esempi di lavori sperimentali sulla plasticità neuronale e sulla memoria che più di tutto contribuiscono a definire l individualità neurobiologica. Come descrivere il concetto di individualità Individuo può essere considerato un essere vivente che possiede un confine esterno, sia fisico che funzionale, che delimita un interno. L interruzione della continuità è la premessa dell individualità. Al contrario, nella materia organizzata secondo modalità non biologica, la distanza non produce necessariamente interruzione funzionale e, di conseguenza, individualità. La soglia funzionale per definire un individuo elementare è la cellula. Un individuo esiste in sé e non come parte di un insieme più vasto. Se la cellula è già individuo, allora l uomo, massima complessità di associazione, è una associazione di individui? Non si può accettare questa ipotesi perchè nell associazione tra più cellule si perde il fine funzionale iniziale e si realizza un nuovo sistema funzionale in cui la cellula ridefinisce topologia e funzione. Nel ridefinire topologia e funzione le cellule si diversificano tra loro. È importante sottolineare che la dipendenza da un altro individuo non toglie individualità. Un individuo è geneticamente omogeneo. Sebbene quindi le cellule che compongono le differenti parti di un essere biologico siano differenti nella forma e nella funzione, posseggono tutte lo stesso corredo di geni (genotipo) che si modifica solo nell espressione (fenotipo). Infine un individuo possiede continuità spaziale e temporale ed è composto da parti eterogenee ma in relazione. In quanto composto da parti in relazione un individuo è soggetto a malfunzionamento se alcune parti vengono rimosse o danneggiate. Quando un essere biologico non è più in grado di garantire la conservazione della propria configurazione, ne è messa in discussione l esistenza. Con il tempo la conservazione della configurazione biologica non è più garantita. Esiste perciò una soglia di alterazione della

2 modificazione della configurazione oltre la quale non è più garantita l esistenza dell individuo. Questo tentativo di dare adeguata organizzazione a un problema concettuale di importanza fondamentale, necessita il passaggio dalla categoria elementare della individualità biologica a quella più complessa di individualità neurobiologica. Ancora una volta, con l esclusione della bizzarria di casi singolari come l associazione tra gemelli siamesi, è la topologia a consentire la definizione di individuo. L individuo neurologico termina nel luogo dei punti in cui acquisisce informazioni dall esterno. L associazione biologica più complessa, l uomo, è individuo neurobiologico in quanto insieme di tutte le reazioni e memorizzazioni relative all acquisizione avvenuta al proprio confine. L uomo è l organizzazione più potente e complessa di individualità. La complessità dell organizzazione individuale prende forma nel pensiero umano. Come il corpo umano tende a conservare la propria individualità Esistono due raffinati e potenti sistemi che tendono a conservare l individualità degli organismi biologici e soprattutto del corpo umano: i geni e il sistema immunitario. I geni sono il progetto che conserva e trasmette i caratteri che distinguono un individuo da un altro. Le cellule degli organismi biologici muoiono e si rigenerano, cambiano continuamente. Nessun individuo biologico mantiene le cellule originarie della nascita; ad eccezione della cellule neuronali, vi è un costante cambiamento della materia. Da cosa dipende quindi l identità di un individuo se non dal fatto che sia composto della stessa materia durante tutta l esistenza? I geni salvaguardano l identità dell individuo. Le cellule nuove che sostituiscono le vecchie hanno, grazie ai geni, le medesime caratteristiche delle cellule che sostituiscono. Con modalità molto diverse, anche il sistema immunitario, difende l individualità biologica. Le sostanze estranee che entrano nel corpo umano, dai batteri fino agli organi trapiantati, sono attaccati dal sistema immunitario (e.g. le cellule T e B linfocitarie). Il diverso è quindi distrutto o rigettato quando entra nei confini interni dell individuo. Perché questo processo venga attivato, è importante la dimensione e il grado di estraneità del diverso (e.g virus o farmaci non sono attaccati). L individualità neurobiologica I neuroni, al contrario delle altre cellule del corpo umano, non sono continuamente sostituiti da cellule nuove ma si modificano fisicamente e chimicamente durante tutta la vita. Fin dallo sviluppo embrionale non sono solo i geni a determinare lo sviluppo dei neuroni e le loro connessioni. Stimoli sotto forma di sostanze chimiche (e.g. fattori di crescita, molecole di adesione cellulare) o fattori di tipo fisico (e.g. le travature costituite dalla glia) indirizzano lo

3 sviluppo del cervello. Dalla nascita, oltre ai geni e all ambiente interno (il corpo) con cui il cervello è in continua comunicazione, anche l ambiente esterno contribuisce alla formazione del cervello che con processi di tipo darwiniano forma circuiti neuronali preferenziali, reti neurali, connessioni sinaptiche. I segnali che arrivano al cervello dall ambiente non sono specificati in modo unico e non hanno un unico valore, dunque, i cambiamenti che questi segnali producono nella biochimica e nella morfologia dei neuroni sono enormemente variabili. Questi processi sono resi possibili dal fatto che i neuroni diversamente dalle altre cellule possono acquisire, conservare, organizzare e richiamare informazioni che permangono anche in assenza dello stimolo che le ha generate. Questa serie di operazioni, definite plasticità neuronale, costituiscono le basi della diversità, della cosidetta individualità. Non esistono quindi, in pratica, due cervelli uguali e ogni cervello cambia di continuo. Pur nella ricca gamma di risposte differenti gli individui manifestano comportamenti coerenti perché all interno della variabilità esistono dei meccanismi di funzionamento che sono ripetibili e codificati tra i differenti individui. La liberazione di un neurotrasmettitore, le molecole implicate nei meccanismi di plasticità neuronale, la formazione di spine dendritiche e di sinapsi seguono delle regole codificate. Quando questi meccanismi si alterano insorge la malattia, sia essa neurologica (e.g. Malattia di Parkinson o di Alzheimer) o psichiatrica (e.g. schizofrenia, depressione). Plasticità neuronale e memoria Di seguito descriverò sinteticamente i risultati di tre lavori scientifici esemplicativi del fatto che: 1) le sinapsi si rinforzano durante i processi di memorizzazione; 2) le spine dendritiche si sviluppano in seguito a stimoli chimici; 3) le spine dendritiche ma non i neuroni si modificano durante l invecchiamento. Come viene scelto un neurone in cui memorizzare

4 Figura 1. Nella memorizzazione, le sinapsi si modificano ( rinforzano ) e se ne creano di nuove. Le esperienze precedenti e lo stato di attivazione basale determinano la scelta del neurone nel quale avverrà la memorizzazione. Come mostrato nella figura, attraverso l ingresso nel neurone del calcio e la sintesi di nuove proteine, le sinapsi di un neurone, che nel momento in cui arriva lo stimolo è attivo, vengono rinforzate. In un modello animale di apprendimento associativo gli autori di questo articolo descrivono che il numero di contatti sinaptici dell ippocampo aumenta nei conigli sottoposti ad una procedura di apprendimento. Oltre alla formazione di nuovi contatti sinaptici, gli autori dell articolo propongono che spine dendritiche già presenti nel neurone, ma non associate a sinapsi attive, si connettano con terminali sinaptici attivi. The Journal of Neuroscience, August 1, 2001, 21(15): Associative Learning Elicits the Formation of Multiple-Synapse Boutons. Geinisman et al. Le spine dei dendriti si sviluppano in conseguenza a stimoli chimici

5 Figura 2. L esposizione a un mezzo condizionante che favorisce l attivazione di specifici recettori dell acido glutammico (un neurotrasmettitore importante per la plasticità neuronale e la memoria) provoca la formazione di nuove spine dendritiche. Alcune spine nuove si associano poi a terminali sinaptici mentre altre vengono eliminate. La figura mostra neuroni dell ippocampo isolati in coltura in una ricostruzione tridimensionale. a) spine dendritiche ( formazioni tondeggianti di colore arancio) prima (1,2) e dopo (3,4,5) l esposizione a un mezzo condizionante che favorisce l attivazione dei recettori NMDA dell acido glutammico. c) un dendrite (in verde) che al termine dell esposizione al mezzo condizionante è stato esposto a FM4-64 per evidenziare i terminali pre-sinaptici (c5, in rosso). d) diagrammi che illustrano la quantità e i diversi tipi di nuove spine dendritiche formatesi dopo esposizione al mezzo condizionante (sinistra) o al mezzo di controllo (destra). J Neurosci Jan 1;21(1): Functional plasticity triggers formation and pruning of dendritic spines in cultured hippocampal networks. Goldin et al. Le spine dei dendriti diminuiscono con l invecchiamento

6 Figura 3. L invecchiamento provoca la diminuzione del numero e della densità delle spine dendritiche di neuroni presenti in specifiche aree corticali importanti per la memoria. Lo studio è stato effettuato in scimmie. I dendriti di neuroni che dalla corteccia temporale proiettano alla corteccia prefrontale sono stati isolati e resi visibili attraverso l infusione di un colorante fluorescente e ricostruiti in tre dimensioni. Spine dendritiche di Macaca mulatta (A) e Macaca fascicularis (B) giovani; Macaca radiata giovane (C) e anziana (D); Eritrocebus patas giovane (E) e anziana (F); e di Macaca maura anziana (G,H). (I) rappresenta invece le spine dendritiche di un neurone umano di un anziano. Si nota come nel neurone umano il numero di spine dendritiche sia notevolmente superiore rispetto alle scimmie sia giovani che anziane. Nel grafico, si evidenzia come la densità delle spine dendritiche delle scimmie anziane (cerchi grigi) sia inferiore a quella delle scimmie giovani (cerchi neri). Nel medesimo articolo gli autori descrivono inoltre che la morfologia dei neuroni non è invece modificata nelle scimmie anziane. Cerebral Cortex, Vol. 13, No. 9, , September Age-related Dendritic and Spine Changes in Corticocortically Projecting Neurons in Macaque Monkeys. Duan et al. Conclusioni I risultati di questi studi dimostrano, attraverso la sperimentazione in animali, che le connessioni tra i neuroni e quindi le configurazioni neurali si formano e si modificano in seguito a stimoli ambientali, chimici e a causa dell invecchiamento. Questi processi costituiscono la base teorica dell individualità neurobiologica. Non esistono due cervelli identici, il corredo genetico,

7 l ambiente, i segnali non consapevoli che provengono dal corpo rendono ciascun cervello unico.

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

Plasticità neuronale

Plasticità neuronale Luca Bonfanti Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi University of Turin Plasticità neuronale Come l attività fisica può scolpire il nostro cervello L oggetto biologico più complesso dell universo

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Il punto di vista delle Neuroscienze

Bisogni Educativi Speciali Il punto di vista delle Neuroscienze Bisogni Educativi Speciali Il punto di vista delle Neuroscienze Alberto Granato - Università Cattolica - Milano alberto.granato@unicatt.it La notevole estensione della corteccia cerebrale nella nostra

Dettagli

La memoria. È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo

La memoria. È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo La memoria È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo La codifica: trasformare le percezioni in ricordi Test della memoria numerica: 28 691 0473 87454 902481 5742296

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

La Ricerca sul Cervello: Le Risposte alle vostre Domande

La Ricerca sul Cervello: Le Risposte alle vostre Domande COME SI SVILUPPA IL CERVELLO? Lo sviluppo del cervello è un processo che dura tutta la vita: è rapidissimo prima della nascita, mantiene un in generale non si interrompe mai. Durante la terza settimana

Dettagli

DOMANDE A SCELTA MULTIPLA

DOMANDE A SCELTA MULTIPLA DOMANDE A SCELTA MULTIPLA Nome e cognome Alle domande rispondere con V (vero) o F (falso) nell apposita casella riservato alla giuria 1-I neuroni: Sono costituiti da corpo cellulare, assone e dendriti

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA

MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA APLYSIA: VANTAGGI: Sistema nervoso semplice Poche e grosse (1 mm) cellule riconoscibili (20.000) MEMORIA PROCEDURALE Priming Motorie Apprendimento (abilità,abitudini)

Dettagli

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1!

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1! Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1 Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2 LO SVILUPPO FISICO-CEREBRALE Considerate

Dettagli

Psicofisiologia: la base biologica della psicoterapia dott. Giorgio Baldoni, Foligno (Perugia)

Psicofisiologia: la base biologica della psicoterapia dott. Giorgio Baldoni, Foligno (Perugia) Psicofisiologia: la base biologica della psicoterapia dott. Giorgio Baldoni, Foligno (Perugia) La Psicofisiologia è la disciplina che si propone di ricercare le correlazioni esistenti tra i processi fisiologici

Dettagli

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Dr. Augusto Gentili 20/09/2011 Dott. Augusto Gentili 1 Viviamo in una società di massa, globalizzata. Ci si aspetta

Dettagli

Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere. e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W.

Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere. e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W. Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W.Goethe) Quello che gli altri credono di noi può influenzare l opinione che abbiamo

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Il sistema nervoso controlla e regola tutte le funzioni dell organismo.

SISTEMA NERVOSO. Il sistema nervoso controlla e regola tutte le funzioni dell organismo. SISTEMA NERVOSO In tutti gli animali, il sistema nervoso è la rete di coordinamento e controllo che riceve tutte le informazioni, le interpreta e risponde ad esse in vari modi. Il sistema nervoso controlla

Dettagli

Di cosa si occupa lo studio sul movimento

Di cosa si occupa lo studio sul movimento Di cosa si occupa lo studio sul movimento Attività motoria e controllo motorio sono funzioni importanti e indispensabile sia da un punto di vista filogenetico che ontogentico. ontogenesi è l'insieme dei

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

RIMINI 14 NOVEMBRE 2009. Daniela Lucangeli IL POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE. 2009 Daniela Lucangeli - Atti Convegno Erickson

RIMINI 14 NOVEMBRE 2009. Daniela Lucangeli IL POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE. 2009 Daniela Lucangeli - Atti Convegno Erickson RIMINI 14 NOVEMBRE 2009 Daniela Lucangeli IL POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE Lev Semenovic Vygotskij Lo sviluppo cognitivo ed il concetto di potenziamento prossimale Zona di sviluppo prossimale

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Chiara Sgherbini

Dettagli

4W 6W 11W nascita o f Il cervello ha distinte regioni funzionali Il cervello ha distinte regioni funzionali La corteccia cerebrale è la regione che contiene diverse aree con specifiche funzioni, che insieme

Dettagli

Brain architecture: A design for natural computation

Brain architecture: A design for natural computation Brain architecture: A design for natural computation Autore: Marcus Kaiser Oratore: Vincenzo Lomonaco Indice Introduzione Organizzazione della rete corticale Robustezza e capacità di recupero Elaborazione

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella Adolescenza e Droga dr.giuseppe Mascarella L uso di droghe è una scelta individuale a cui concorrono fattori personali ed ambientali Prima di operare una scelta è bene conoscere le due facce della medaglia

Dettagli

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo, ramoscello), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o artificiale, di un intero organismo vivente o anche di una

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

SIF Società Italiana di Farmacologia (http://farmacologiasif.unito.it) Dott. Gabriele Losi

SIF Società Italiana di Farmacologia (http://farmacologiasif.unito.it) Dott. Gabriele Losi SIF Società Italiana di Farmacologia (http://farmacologiasif.unito.it) - Relazioni dei Borsisti Dott. Gabriele Losi Periodo di permanenza presso il Laboratorio di elettrofisiologia del Professor Stefano

Dettagli

Origine delle cellule e concetti generali

Origine delle cellule e concetti generali Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Origine delle cellule e concetti generali Paolo Ercolini biologo Piano di Conca, 11 novembre 2013 Fonti internet rilevate

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Modificato in versione stampa da: www.slidetube.it. Il sistema nervoso

Modificato in versione stampa da: www.slidetube.it. Il sistema nervoso Modificato in versione stampa da: www.slidetube.it Il sistema nervoso Struttura e funzione del sistema nervoso Il sistema nervoso riceve e interpreta gli impulsi sensoriali e trasmette quindi i comandi

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1 SLA e mitocondri sporadica attività del Complesso II e IV stress ossidativo genetica SOD1 citosolica e mitocondriale Huntington e mitocondri attività del Complesso II e III acido 3-nitropropionico (C2)

Dettagli

Nuove cellule nel cervello adulto. Il crollo di un dogma centenario

Nuove cellule nel cervello adulto. Il crollo di un dogma centenario Le staminali nel cervello: istruzioni per allevarle in salute Niente più dubbi: anche nel cervello umano adulto continuamente si formano nuovi neuroni a partire da una riserva di cellule staminali. E una

Dettagli

L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo. D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo

L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo. D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo Fare diagnosi Necessità di porre delle etichette diagnostiche (codificare) Somministriamo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE

PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE CORRELAZIONE TRA ATTIVITÀ MOTORIE SPECIFICHE PER LA MATURAZIONE DEI COORDINAMENTI MOTORI E PREREQUISITI ALL APPRENDIMENTO SCOLASTICO NEL BAMBINO DI 3-6 ANNI Questo

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI SECONDE Docente MELIS LUCIA Libro di testo in adozione SCIENZE INTEGRATE A E B Editore: ZANICHELLI AUTORI: PALMIERI/PAROTTO/ SARACENI/STRUMIA

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

Cellula nervosa tipo. Polarizzazione dinamica. Specificità delle connessioni. Fessura sinaptica Terminazione sinaptica. dendri te Segmento iniziale

Cellula nervosa tipo. Polarizzazione dinamica. Specificità delle connessioni. Fessura sinaptica Terminazione sinaptica. dendri te Segmento iniziale Le funzioni del sistema nervoso, anche le più complesse, si fondano sulle proprietà funzionali dei neuroni. L attività specifica dei neuroni consiste nel generare, trasmettere ed elaborare informazioni.

Dettagli

Inaugurazione anno accademico Università Cattolica del Sacro Cuore - sede di Roma Roma, 19 novembre 2013

Inaugurazione anno accademico Università Cattolica del Sacro Cuore - sede di Roma Roma, 19 novembre 2013 Comunicato stampa Inaugurazione anno accademico Università Cattolica del Sacro Cuore - sede di Roma Roma, 19 novembre 2013 Prolusione Active Ageing: il contributo del nostro Ateneo alla ricerca dei meccanismi

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

Rai e migrazione delle NSCs

Rai e migrazione delle NSCs Rai e migrazione delle NSCs IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2009 Lucrezia Bertino Liceo scientifico E. Amaldi Biology and signal trasduction of normal and cancer neural stem cells Daniela Osti

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento Curricolo verticale di SCIENZE classe Prima Primaria 1. OSSERVARE, porre domande, formulare ipotesi e verificarle 1. Conoscere e descrivere parti del corpo utilizzando una semplice nomenclatura 2. Riconoscere

Dettagli

sistema nervoso parte 3: neuroimaging, neuroni specchio, memoria, sistema limbico, plasticità sinaptica, malattie del sistema nervoso.

sistema nervoso parte 3: neuroimaging, neuroni specchio, memoria, sistema limbico, plasticità sinaptica, malattie del sistema nervoso. sistema nervoso parte 3: neuroimaging, neuroni specchio, memoria, sistema limbico, plasticità sinaptica, malattie del sistema nervoso. neuroimaging Il Neuroimaging è l utilizzo di varie tecnologie di in

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale. In che modo?

Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale. In che modo? Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale L esposizione agli androgeni porta allo sviluppo di differenze nelle strutture cerebrali, oltre che degli organi sessuali interni ed esterni, che porterà

Dettagli

Laboratorio di filosofia

Laboratorio di filosofia Laboratorio di filosofia Risvolti filosofici delle nuove acquisizioni nell ambito delle neuroscienze. Classe 4 scientifico A Coordinatrice Prof.ssa Laura Gagliardo Alunni: Fresia Giulia Elettra, Buttiglieri

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI PERCHÉ UNA SOSTANZA POSSA DIRSI NEUROTRASMETTITORE (NT) 1.1 La molecola deve essere localizzata nel neurone presinaptico IMMUNOCITOCHIMICA 1.2 La molecola deve essere sintetizzata

Dettagli

Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole

Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole Relatore: M. Agostini parte I Lovere 24/04/2012 Convitto Nazionale Cesare Battisti - Premessa - So benissimo che se avete deciso di provare fumo, alcool

Dettagli

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015 ALCOL E CERVELLO raffaella ada colombo Tenero, 7.11.2015 Stati alterati di coscienza Il termine stati alterati di coscienza si riferisce ad ogni stato di coscienza che è differente dal livello di consapevolezza

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

Classificazione dei tessuti

Classificazione dei tessuti Tessuto nervoso Classificazione dei tessuti Tessuto nervoso Caratterizzato da eccitabilità e conduttività Costituito principalmente da due tipi di cellule: Cellule neuronali o neuroni che sono caratteristiche

Dettagli

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI I meccanismi dell ansia -L ansia e uno stato mentale di preallarme che si manifesta in risposta ad una minaccia o ad un potenziale pericolo Si accompagna a risposte

Dettagli

Scienze della natura Biologia, chimica, fisica

Scienze della natura Biologia, chimica, fisica Scienze della natura Biologia, chimica, fisica Obiettivi L insegnamento delle scienze naturali vuole essere un apporto alla comprensione della natura. Esso introduce agli svariati fenomeni e alle leggi

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

Tecniche di riconoscimento statistico

Tecniche di riconoscimento statistico On AIR s.r.l. Tecniche di riconoscimento statistico Applicazioni alla lettura automatica di testi (OCR) Parte 4 Reti neurali per la classificazione Ennio Ottaviani On AIR srl ennio.ottaviani@onairweb.com

Dettagli

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente)

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) La CLONAZIONE Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) Perchè clonare? Finalità della clonazione animale

Dettagli

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Stefano Cagnoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Parma cagnoni@ce.unipr.it 1 Introduzione Il mondo fisico ed i fenomeni naturali

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

IL MAGAZZINO DELLA MEMORIA A LUNGO TERMINE

IL MAGAZZINO DELLA MEMORIA A LUNGO TERMINE IL MAGAZZINO DELLA MEMORIA A LUNGO TERMINE Ci sono dei ricordi che vorremmo raccontare al nostro amico, altri che non vorremmo ricordare nemmeno a noi stessi e altri ancora che nemmeno ricordiamo di avere.

Dettagli

SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA

SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A FISICA E CHIMICA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni,

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE

NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE Vittorio A. Sironi Professore di Storia della medicina e della sanità Direttore Centro studi sulla storia del pensiero biomedico Università degli studi di Milano

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Apprendimento. È una modificazione organica del sistema nervoso indotta dall'esperienza. Viene anche definito come la capacità di prevedere il futuro

Apprendimento. È una modificazione organica del sistema nervoso indotta dall'esperienza. Viene anche definito come la capacità di prevedere il futuro Apprendimento È una modificazione organica del sistema nervoso indotta dall'esperienza Viene anche definito come la capacità di prevedere il futuro È un fenomeno organico Riguarda la sopravvivenza di neuroni

Dettagli

AREE MOTORIE. Piero Paolo Battaglini

AREE MOTORIE. Piero Paolo Battaglini Corso di Neurofisiologia avanzato AREE MOTORIE Piero Paolo Battaglini Centro per le Neuroscienze BRAIN (Basic Research And Integrative Neuroscience) Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola:professionale DISCIPLINA: Scienze integrate( Scienze della Terra e Biologia) RESPONSABILE: Meri Teti CLASSI SECONDE SEZIONE B INDIRIZZO: Grafico CONOSCENZE/CONTENUTI:

Dettagli

OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A VERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO

OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A VERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A ERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO NEUROANATOMIA (prova individuale): 4 diverse tavole mute di cervello umano, con indicate 5 diverse

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa.

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Apprendimento Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Esempio dell ameba: Risponde a stimoli nuovi (adattabilità) Identifica risposte adattive per prove ed errori (acquisizione

Dettagli

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella Sinapsi -sito di contatto tra due cellule nervose -ruolo nella trasmissione delle informazioni -il contatto neurone-fibra muscolare prende il nome di placca motrice o giunzione neuromuscolare Sinapsi

Dettagli

TEST BIOLOGIA 1 ANNO ABEI Da inviare a connesso@alice.it entro e non oltre il 6 novembre 2015

TEST BIOLOGIA 1 ANNO ABEI Da inviare a connesso@alice.it entro e non oltre il 6 novembre 2015 1) I batteri sono organismi: a- bicellulari b- monocellulari c- pluricellulari 2) I virus: a- possono riprodursi solo nell acqua b- possono riprodursi solo sulla superficie di una cellula c- possono riprodursi

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA Libera mente imparo

PROGETTO DI RICERCA Libera mente imparo PROGETTO DI RICERCA Libera mente imparo METODO PER L INSEGNAMENTO dei prerequisiti per la lettoscrittura e il calcolo per la Scuola dell Infanzia della letto- scrittura e del calcolo per la prima classe

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Prof.ssa Rosalba Larcan Quesito Come avviene la selezione naturale dei comportamenti funzionali all adattamento? adattamento? Ovvero: Quali sono i processi e le

Dettagli

Didattica Inclusiva: Collegare le Scienze Cognitive all'educazione. Il Metodo "Libera...mente imparo", innovazione e didattica dell'inclusione

Didattica Inclusiva: Collegare le Scienze Cognitive all'educazione. Il Metodo Libera...mente imparo, innovazione e didattica dell'inclusione Didattica Inclusiva: Collegare le Scienze Cognitive all'educazione. Il Metodo "Libera...mente imparo", innovazione e didattica dell'inclusione 1 Meeting Docenti Virtuali Nicolosi, 26 luglio 2013 Lucia

Dettagli

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO SNC2 telencefalo Telencefalo Sostanza nera 7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO utamen lobo allido Nucleo caudato In sezione frontale: Nuclei della base il corpo striato

Dettagli

LE CONNESSIONI DEL CERVELLO

LE CONNESSIONI DEL CERVELLO LE CONNESSIONI DEL CERVELLO Nell'evoluzione umana, la domanda irrisolta che ha affascinato e interessato così tante persone nei secoli è il concetto di mente e la sua relazione con il cervello umano. Con

Dettagli

Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica

Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica L era genomica ha assistito ad una crescita esponenziale delle informazioni biologiche rese disponibili dai progressi nel campo della biologia

Dettagli

ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE I FARMA-ALIMENTI:

ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE I FARMA-ALIMENTI: ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I FARMA-ALIMENTI: ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE Patrizia Hrelia Dipartimento di Farmacologia Bologna, 25 marzo 2010 1 Invecchiamento della popolazione

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Via San Francesco 5 20061 CARUGATE (MI) tel. 02.92151388 02.9253970 02.9252433 FAX 02.9253741 e-mail segreteria: miic8bj003@istruzione.it

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Esistono tre forme di diabete

Esistono tre forme di diabete Il Diabete mellito L insulina regola la captazione del glucosio Incapacità delle cellule di captare il glucosio in circolo iperglicemia e glucosuria Disponendo di meno glucosio le cellule degradano i grassi

Dettagli

Neuroinforma+ca 2013-2014. Luigi Barberini barberini@unica.it 0706754944

Neuroinforma+ca 2013-2014. Luigi Barberini barberini@unica.it 0706754944 Neuroinforma+ca 2013-2014 Luigi Barberini barberini@unica.it 0706754944 Elemen+ di base del CdS Anatomia- Neurologia- Biologia- Psicologia I da+ fisiologici e funzionali del SNC e SNP sono raccol+ mediante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere. Esplora i fenomeni

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Schede 1-17 Prime attività di potenziamento

Schede 1-17 Prime attività di potenziamento Indice 7 Introduzione 11 CAP. 1 Modificabilità cognitiva e plasticità cerebrale nell adulto 27 CAP. 2 Il potenziamento nell adulto: i principi 33 CAP. 3 Potenziamento della fase di ingresso delle informazioni

Dettagli