I pilastri della TPM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I pilastri della TPM"

Transcript

1 I pilastri della TPM Miglioramento specifico Manutenzione preventiva Set-up impianti Manutenzione autonoma Formazione Sicurezza e ambiente

2 LE POLITICHE DI MANUTENZIONE - Norma UNI 9910 E MANUTENZIONE CORRETTIVA La manutenzione eseguita a seguito della rilevazione di un avaria e volta a riportare un entità nello stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta MANUTENZIONE PREVENTIVA La manutenzione eseguita ad intervalli predeterminati o in accordo a criteri prescritti e volta a ridurre la probabilità di guasto o la degradazione del funzionamento di un entità MANUTENZIONE MIGLIORATIVA Insieme delle azioni di miglioramento o piccola modifica che non incrementano il valore patrimoniale dell entità

3 Progettare un piano di manutenzione FORNIRE LE REGOLE PER INDIRIZZARE NELLA DEFINIZIONE DELLA MIGLIOR POLITICA MANUTENTIVA DEFINIRE UN PIANO DI MANUTENZIONE OTTIMIZZATO O MIGLIORARE QUELLO ESISTENTE MIGLIORARE LA COMPRENSIONE DEL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI ATTRAVERSO IL LAVORO INTERFUNZIONALE

4 APPROCCIO RCM 1. Scelta del sistema 2. Scomposizione macchina (MBS) 3. Analisi FMECA (Failure Modes Effects and Criticality Analysis) a) Analisi di criticità dei guasti b) Ricerca delle cause e dei sintomi premonitori del guasto 4. Scelta della politica manutentiva

5 Quale uso si può fare della classificazione? L apparecchiatura può dunque essere classificata in due modi: per criticità e per prioritizzazione. La criticità misura l effetto immediato, cioè relativo ad operazioni immediate sull impianto eseguite con l uso delle risorse di manutenzione. I punteggi derivanti dalla analisi di criticità saranno determinanti nella pianificazione del giorno lavorativo o della settimana. Dall altro lato, la prioritizzazione misura gli effetti sul lungo periodo ed il consumo delle risorse necessarie nel tempo. Ci dirà dove focalizzare l attenzione per fare economie di lungo termine cambiando apparecchiature, per esempio, o riducendo i costi attraverso la riprogettazione, la manutenzione predittiva, etc.

6 Progettare un piano di manutenzione FMECA Failure Modes Effects and Criticality Analysis a) individuare le diverse modalità di guasto a cui il componente può essere soggetto (il fallimento della funzione determina la modalità di guasto) b) valutare le conseguenze (effetto) di ciascuna modalità di guasto sul sistema finale (bottom-up) c) valutare la frequenza di accadimento di ciascuna modalità di guasto d) classificare ciascuna modalità di guasto in base alla gravità degli effetti ed alla frequenza di accadimento (indice criticità)

7 Modi di Guasto Perdita di una delle FUNZIONI assolte dal componente I MODI DI GUASTO dipendono dalla FASE OPERATIVA del sistema Le FASI OPERATIVE descrivono le diverse configurazioni assunte dal sistema durante la sua vita utile (Avviamento, Regime, Spegnimento, Manutenzione, ) L Analisi dei Modi di Guasto richiede l identificazione di tutti i modi di guasto possibili per il sistema. L analisi viene effettuata identificando i modi di guasto di ciascun componente nelle diverse fasi operative.

8 Progettare un piano di manutenzione Classificazione dei guasti in funzione delle conseguenze. GUASTI PERICOLOSI GUASTI CHE IMPEDISCONO IL COMPIMENTO DELLA MISSIONE GUASTI QUALSIASI

9 Progettare un piano di manutenzione Indice di Criticità IC (Risk Priority Number) IC si calcola moltiplicando tra di loro i tre punteggi (indici): 1. G GRAVITÀ 2. F FREQUENZA (PROBABILITA ) 3. R RILEVABILITA IC = G F R

10 Progettare un piano di manutenzione Ranking IC = G x F x R VALORE MINIMO 1 VALORE MASSIMO 1000

11 Progettare un piano di manutenzione ANALISI FMECA : analisi criticità guasti RISULTATO

12 Progettare un piano di manutenzione Approccio RCM scelta politica manutentiva COSTI DI MANUTENZIONE : manodopera (interna / esterna) materiali consumati COSTI DI MANCATA PRODUZIONE : perdite disponibilità perdite efficienza perdite qualità

13 Scheda di Manutenzione Preventiva Scomposizione Macchina MBS FMECA Famiglie tecniche Schede di di Manutenzione preventiva

14 Manutenibilità L Analisi di manutenibilità si pone 2 obiettivi principali: Analizzare il progetto al fine di potenziare la Manutenibilità del sistema Analisi della Manutenzione Correttiva sulla base dei singoli Modi di Guasto Analisi della Manutenzione Preventiva sulle singole macchine Valutare la Manutenibilità di un sistema (MTTR di sistema)

15 I sistemi informativi di Manutenzione Risultati attesi sul breve periodo: Anagrafica degli OdM consente di verificare la corrispondenza dei materiali presenti a magazzino. (ridurre la quota delle giacenze del 10-15%). Possibilità di evidenziare e raggruppare tutti i componenti che si sono guastati nel periodo di garanzia. Segnalazione di materiali mai usati: sono ancora esistenti? Analisi delle necessità di sostituzione, revisione generale o modifica sostanziale.

16 I sistemi informativi di Manutenzione Risultati al consolidarsi degli archivi (1-2 anni): Aggiustamento delle attività di manutenzione preventiva a seguito delle esperienze sui guasti. Analisi delle modalità di guasto per definire le specifiche di acquisto di nuovi macchinari. Definizione di prove sperimentali per l impiego di additivi, lubrificanti, sistemi di lubrificazione automatica, filtri, cuscinetti, componenti ecc. supportate da riscontri numerici. >>>

17 I sistemi informativi di Manutenzione <<< Possibilità di evidenziare con precisione le necessità di addestramento, di ricompensa o di esclusione delle persone operative. Possibilità di tenere sotto osservazione i materiali a magazzino che in 1-2 anni non sono mai stati movimentati: potrebbero essere materiali di pertinenza a macchinari che non sono più presenti. Scrematura dei costi dovuti ad operazioni accessorie e che potrebbero essere ridotte o eliminate.

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO)

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) 3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) Flussi informativi correnti SDO, prestazioni ambulatoriali, movimento degenti, flussi informativi ministeriali, certificati di assistenza al parto, interruzioni

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

Appunti di IMPIANTI INDUSTRIALI 1

Appunti di IMPIANTI INDUSTRIALI 1 Appunti di IMPIANTI INDUSTRIALI 1 GENERALITÀ SUL SERVIZIO MANUTENZIONE Introduzione Per MANUTENZIONE si intende il controllo costante degli impianti e l insieme dei lavori (di riparazione e revisione)

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

Percorso Supervisor di manutenzione. Manutenzione

Percorso Supervisor di manutenzione. Manutenzione Industrial Management School Percorso Supervisor di manutenzione Conforme al profilo. professionale del Tecnico di manutenzione per la Certificazione di Livello 2 di manutenzione. area Manutenzione La

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE PROGETTARE e ATTUARE un PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE delle ATTREZZATURE DI LAVORO Patrocinio Un progetto Un progetto con il Patrocinio Comitato scientifico: Giorgio Luzzana Responsabile Servizio di

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

PRINCIPI E TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL QUALITY RISK MANAGEMENT AI PROCESSI DI PRODUZIONE FARMACEUTICI

PRINCIPI E TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL QUALITY RISK MANAGEMENT AI PROCESSI DI PRODUZIONE FARMACEUTICI PRINCIPI E TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL QUALITY RISK MANAGEMENT AI PROCESSI DI PRODUZIONE FARMACEUTICI Alessandro Regola Intendis Manufacturing S.p.A. 14 aprile 2011 Definizioni Quality Risk Management

Dettagli

CHIUSURE di MAGAZZINO di FINE ANNO

CHIUSURE di MAGAZZINO di FINE ANNO CHIUSURE di MAGAZZINO di FINE ANNO Operazioni da svolgere per il riporto delle giacenze di fine esercizio Il documento che segue ha lo scopo di illustrare le operazioni che devono essere eseguite per:

Dettagli

INSPIRING SOFTWARE. Applicazioni nell industria alimentare, di confezionamento e imbottigliamento

INSPIRING SOFTWARE. Applicazioni nell industria alimentare, di confezionamento e imbottigliamento INSPIRING SOFTWARE Applicazioni nell industria alimentare, di confezionamento e imbottigliamento Giulia Raffaello, Marketing & Export, Inspiring Software Ottobre 2011 Sommario Caso studio 1: Con la apps

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Si illustrano di seguito i risultati ottenuti introducendo

Si illustrano di seguito i risultati ottenuti introducendo MANUTENZIONE & DIAGNOSTICA La diagnostica di impianti industriali Un approccio per l introduzione di Prove non Distruttive nei piani di manutenzione. Il caso applicativo della termografia Ing. Sergio Cerciello

Dettagli

La costruzione del piano anticorruzione in una Azienda Ospedaliera

La costruzione del piano anticorruzione in una Azienda Ospedaliera Barabino & Partners Roma, 25 settembre 2013 La costruzione del piano anticorruzione in una Azienda Ospedaliera Dott.ssa Loredana Luzzi Direttore Amministrativo A.O. G. Salvini - Garbagnate Milanese Il

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL contenuti corsi C1 Diagnosi ad ultrasuoni per l efficienza energetica. Casi pratici dall industria farmaceutica, alimentare, di processo rilevamento di perdite

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! VERONA ottobre 2013 IL METODO WORLD CLASS MANUFACTURING (WCM) RIDUZIONE DEI COSTI CON INCREMENTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE. ASPETTI RELATIVI ALLA SICUREZZA ED ALLA MANUTENZIONE

Dettagli

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI COMMISSIONE NAVALE 24 Giugno2008 Conversazione all Ordine MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE Ing. Fabio Spetrini 1 STRATEGIE DI

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità - Tecniche e Strumenti avanzati per la progettazione ed il miglioramento QFD, FMEA Prof. Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria

Dettagli

MANUTENZIONE ATTREZZATURE

MANUTENZIONE ATTREZZATURE MANUTENZIONE ATTREZZATURE Procedura di Straordinaria Manutenzione ordinaria programmata (MOP) e Manutenzione INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITA 3. RESPONSABILITA 4. MODALITA OPERATIVE 5. RIFERIMENTI 1.

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA ETIMOLOGIA DEL TERMINE MANUTENZIONE Dal latino medievale manutentio onis, derivazione

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

STRUMENTI PER L ANALISI DEGLI EVENTI AVVERSI IN OSPEDALE FMEA PORTOGRUARO 12 OTTOBRE 2011

STRUMENTI PER L ANALISI DEGLI EVENTI AVVERSI IN OSPEDALE FMEA PORTOGRUARO 12 OTTOBRE 2011 STRUMENTI PER L ANALISI DEGLI EVENTI AVVERSI IN OSPEDALE FMEA PORTOGRUARO 12 OTTOBRE 2011 La maggior parte degli incidenti in organizzazioni complesse è generato dall interazione fra le diverse componenti

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA FMECA La metodologia FMECA (Failure Mode, Effects and Criticality Analysis) è quella della Analisi dei Modi di Guasto come codificata dalle Norme CEI 56.1 (IEC 812,1985), MIL-STD 1629-A. Tale metodologia

Dettagli

Logistica Magazzino: Distinta base

Logistica Magazzino: Distinta base Logistica Magazzino: Distinta base Premessa 2 Centri di lavoro 2 Cicli di lavorazione 3 Fasi cicli di lavorazione 4 Dettaglio costi 4 Distinta base 5 Archivio distinta base 5 Dettaglio distinta 5 Duplicazione

Dettagli

Città di Rho - Provincia di Milano - Area 3 Servizi a Rete COMUNE DI RHO

Città di Rho - Provincia di Milano - Area 3 Servizi a Rete COMUNE DI RHO COMUNE DI RHO PROVINCIA DI MILANO Area 3 Pianificazione, Gestione, Tutela del Territorio e Lavori Pubblici Servizio Ecologia e Tutela ambientale verde e arredo urbano Strade, Cimiteri Servizi a rete PROGETTO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso

FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso Introduzione Lo scopo di questo manuale e introdurre all uso della FMEA e fornire strumenti di guida all applicazione di questa tecnica. Una FMEA

Dettagli

E-Shop/X4Shop : interfaccia IceCat the opencatalog

E-Shop/X4Shop : interfaccia IceCat the opencatalog E-Shop/X4Shop : interfaccia IceCat the opencatalog La presente guida illustra le corrette modalità di utilizzo delle procedure incluse nel Programma E-Shop/X4- Shop per accedere alle funzioni offerte dal

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 7 TECNICHE AFFIDABILISTICHE FMEA ED FTA (Lezioni tratte in parte dal testo: Strumenti statistici avanzati per la

Dettagli

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1 Albero dei guasti E uno strumento di analisi dei guasti che si affianca all FMECA. L FMECA e un analisi di tipo bottom-up, perche si parte da un componente e si risale agli effetti di un suo guasto L Albero

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Che cosa si intende per MySiteCondition? MySiteCondition è un supporto per

Dettagli

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto Power Logic Energy Box La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto TM 1 Misura e comunicazione per ridurre i costi e aumentare l efficienza energetica La sfida energetica

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei resi e delle note di credito. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei resi e delle note di credito. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa dei resi e delle note di credito Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 La gestione canonica dei resi a fornitore... 6 Emissione D.D.T.... 7 Sostituzione

Dettagli

Per coloro che si trovano a gestire la manutenzione

Per coloro che si trovano a gestire la manutenzione Manutenzione predittiva: dove, quale, quanta? Metodi e strumenti per l'introduzione efficace in una industria d processo: il caso Terreal Italia MANUTENZIONE PREDITTIVA Massimo Bonci, Terreal Italia, Castiglion

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere!

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere! ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA La manutenzione, un esigenza e un dovere! La vostra guida alla responsabilità e alla prevenzione I Ed. novembre 2014 a cura di Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Tesi in Logistica Industriale APPLICAZIONI DI TECNICHE DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA PRESSO UN'INDUSTRIA DI

Dettagli

Capitolo 5 - Strategie e politiche manutentive

Capitolo 5 - Strategie e politiche manutentive Capitolo 5 - Strategie e politiche manutentive Questo capitolo vuole fornire alcune indicazioni sulle varie tipologie manutentive attualmente usate in ambito industriale, inserite all'interno di un contesto

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

Ge.M.M.Az Gestione Manutenzione Macchinari Aziendali

Ge.M.M.Az Gestione Manutenzione Macchinari Aziendali Ge.M.M.Az Gestione Manutenzione Macchinari Aziendali La Manutenzione informatizzata per migliorare la gestione operativa del processo produttivo aziendale Il conseguimento di una posizione di profitto

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Informatica dei servizi e processi Miglioramento dell'efficienza dei processi di magazzino

Informatica dei servizi e processi Miglioramento dell'efficienza dei processi di magazzino Informatica dei servizi e processi Miglioramento dell'efficienza dei processi di magazzino Francesco Vanini Senior Consultant Opera21 OPERA21 HOLDING S.p.A. 2010 www.opera21.it Opera21 in breve IL PARCO

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 25/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

AUDITOR D.Lgs 231/01. Seminario ACIQ SICEV Sessione di Aggiornamento Dedicata ai Registri SICEV SICEP. Milano 28 Settembre 2012.

AUDITOR D.Lgs 231/01. Seminario ACIQ SICEV Sessione di Aggiornamento Dedicata ai Registri SICEV SICEP. Milano 28 Settembre 2012. AUDITOR D.Lgs 231/01 Seminario ACIQ SICEV Sessione di Aggiornamento Dedicata ai Registri SICEV SICEP Milano 28 Settembre 2012 Rosso Claudio 0 INDICE 01. D.Lgs. 231/01: Implicazioni Penali e strumenti Organizzativi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

AUDIT AUDIT. Tipo documento: Procedura Area Qualità. MAM - 06 Rev.3. Pag. 1 di 6 INDICE

AUDIT AUDIT. Tipo documento: Procedura Area Qualità. MAM - 06 Rev.3. Pag. 1 di 6 INDICE Pag. 1 di 6 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Legenda 4. Documenti di riferimento 5. Flusso delle modalità operative 6. Modalità operative aggiuntive 7. Descrizione delle

Dettagli

Il nostro. Service. fa la. differenza

Il nostro. Service. fa la. differenza Il nostro Service fa la differenza Nessuno conosce il tuo impianto meglio di noi Un tecnico specializzato vicino a te Disponibilità ricambi immediata Tempi di intervento garantiti (24h - 365 giorni) Ore

Dettagli

L ANALISI DEL RISCHIO

L ANALISI DEL RISCHIO Sistemi di produzione L ANALISI DEL RISCHIO Sistemi di produzione Analisi del rischio 1 Il Decreto Legislativo n. 626/94 Si tratta senz altro della più importante legge del nostro ordinamento in fatto

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

Analisi, criteri, priorità, filtri e regole... per la gestione del magazzino. Software per la logistica di magazzino

Analisi, criteri, priorità, filtri e regole... per la gestione del magazzino. Software per la logistica di magazzino Analisi, criteri, priorità, filtri e regole... per la gestione del magazzino K Un investimento in logistica permette di poter raggiungere un vantaggio competitivo traducibile in un maggiore servizio e

Dettagli

Le novità della UNI ISO 27001:2014

Le novità della UNI ISO 27001:2014 Le novità della UNI ISO 27001:2014 La norma ISO 27001 pubblicata nel 2013 è stata tradotta in italiano e convertita in norma UNI nel marzo 2014 come UNI CEI ISO/IEC 27001:2014 Tecnologie informatiche Tecniche

Dettagli

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana Associazione Italiana di Manutenzione XX Congresso Nazionale Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza Bologna, 20-21 Febbraio 2003 Il controllo delle performances manutentive nella Rete

Dettagli

LA MANUTENZIONE degli AEREI

LA MANUTENZIONE degli AEREI 05/05/2008 1 LA MANUTENZIONE degli AEREI AFFIDABILITA e SICUREZZA sono LA BASE DELL ATTIVITA DI MANUTENZIONE 05/05/2008 2 05/05/2008 3 LA MANUTENZIONE degli AEREI L efficienza del velivolo ed ogni sua

Dettagli

Urbi DR-ASP. Descrizione servizio di DR per ASP. Aprile 2012

Urbi DR-ASP. Descrizione servizio di DR per ASP. Aprile 2012 Urbi DR-ASP Aprile 2012 Descrizione servizio di DR per ASP PA DIGITALE Spa Documento Riservato Ultima Revisione luglio 2012 E fatto divieto la copia, la riproduzione e qualsiasi uso di questo P.1/3 Premessa...

Dettagli

Il nostro. Service. fa la. differenza

Il nostro. Service. fa la. differenza Il nostro Service fa la differenza Nessuno conosce il tuo impianto meglio di noi Un tecnico specializzato vicino a te Disponibilità ricambi immediata Tempi di intervento garantiti (24h - 365 giorni) Ore

Dettagli

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone Balesatra risk management Definizione joint commission: insieme di attività cliniche e organizzative volte a identificare, valutare, e ridurre il rischio di danno ai pz, staff e visitatori e sull intera

Dettagli

EAM in un contratto di Facility Management

EAM in un contratto di Facility Management EAM in un contratto di Facility Management FSI la nostra storia FSI è una società di servizi giovane, nata nel 2009 dalla forte volontà dei due soci di mettere a fattor comune le proprie specifiche competenze

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale

Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale Assago, 18 Giugno 2013 AGENDA Presentazione azienda Premessa

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

PrometeoManutenzione è un prodotto software, dedicato alla programmazione ed alla gestione della manutenzione e sicurezza degli impianti aziendali.

PrometeoManutenzione è un prodotto software, dedicato alla programmazione ed alla gestione della manutenzione e sicurezza degli impianti aziendali. PrometeoManutenzione è un prodotto software, dedicato alla programmazione ed alla gestione della manutenzione e sicurezza degli impianti aziendali. PrometeoManutenzione supporta la manutenzione programmata

Dettagli

Analisi FMEA: dalla 3D alla VMAT

Analisi FMEA: dalla 3D alla VMAT Sicurezza del paziente e rischio clinico in Radioterapia Analisi FMEA: dalla 3D alla VMAT Loris Menegotti Servizio di Fisica Sanitaria APSS - Trento Matteo Maino U.O. di Radioterapia APSS - Trento Ospedale

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD... 2 MODALITA DI AGGIORNAMENTO... 2 AVVERTENZE... 2 Adeguamento archivi... 2 INTERVENTI EFFETTUATI CON L UPD 004_2012 DI LINEA AZIENDA... 3 GESTIONE E-COMMERCE...

Dettagli

Failure Mode and Critical Effect Analisys (FMECA) Individuazione e valutazione del rischio clinico

Failure Mode and Critical Effect Analisys (FMECA) Individuazione e valutazione del rischio clinico LA FMECA Failure Mode and Critical Effect Analisys (FMECA) Individuazione e valutazione del rischio clinico Standard della Joint Commission - Manuale 2001 Standard LD 5.2. Identificare e dare priorità

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE: 04.0 SISTEMA GESTIONE PER LA QUALITÀ 04.1 Requisiti

Dettagli

WORKSHOP. Alessandro SASSARINI Responsabile Area Commerciale

WORKSHOP. Alessandro SASSARINI Responsabile Area Commerciale WORKSHOP WORKSHOP Alessandro SASSARINI Responsabile Area Commerciale Chi siamo Nati dove la manutenzione è cultura Da secoli la manutenzione dei terrazzamenti preserva le Cinque Terre, patrimonio dell

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 27/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

L a p i p at a taf a or o ma a p e p r e ga g r a an a t n ire e l ef e fici c en e za za e n e e n r e ge g t e ica Powered By

L a p i p at a taf a or o ma a p e p r e ga g r a an a t n ire e l ef e fici c en e za za e n e e n r e ge g t e ica Powered By La piattaforma per garantire l efficienza energetica Powered By L efficienza energetica come nuovo punto di forza Secondo la norma ISO EN 50001, l efficienza energetica rappresenta il modo per ottimizzare

Dettagli

Nuovi approcci alla manutenzione

Nuovi approcci alla manutenzione Pubblicato il: 14/03/2005 Aggiornato al: 14/03/2005 di Gianfranco Ceresini La termografia ad infrarossi offre grandi opportunità nella manutenzione degli impianti elettrici. Il CEI è intervenuto in merito

Dettagli

La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti:

La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti: GESTIONE INVENTARI La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti: 1. CHIUSURA DI MAGAZZINO: il classico inventario di fine anno o cambio gestione.

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

Appunti su Risk management

Appunti su Risk management Appunti su Risk management Da circa 10 anni è avviato un processo di spostamento dell attenzione dal modello sistema Qualità al modello safety management, basato sul risk management. L aspetto di rilevo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei listini. Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei listini. Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa dei listini Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 Il listino generale di vendita... 5 Rivalutare un singolo... 7 Ricercare gli articoli nei listini...

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

IL RISCHIO LEGIONELLOSI: MISURE DI CONTROLLO E PREVENZIONE. rancesco Santi Studio di consulenza ing. Santi e ssciati

IL RISCHIO LEGIONELLOSI: MISURE DI CONTROLLO E PREVENZIONE. rancesco Santi Studio di consulenza ing. Santi e ssciati IL RISCHIO LEGIONELLOSI: rancesco Santi Studio di consulenza ing. Santi e ssciati 2 Indice presentazione Parte 1 La manutenzione Cenni di teoria di manutenzione degli impianti Tipologia di impianti soggetti

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

CONDITION MONITORING RELIABILITY & MAINTENANCE CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TECNOLOGIE CORRETTIVE

CONDITION MONITORING RELIABILITY & MAINTENANCE CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TECNOLOGIE CORRETTIVE CONDITION MONITORING RELIABILITY & MAINTENANCE CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TECNOLOGIE CORRETTIVE 1 SOMMARIO Abbiamo pensato a 4 differenti percorsi di formazione. Ogni percorso si compone di più training,

Dettagli

Evasione. Evasione. Vendite. Magazzini Immagini

Evasione. Evasione. Vendite. Magazzini Immagini Schema di funzionamento del Carico da Ordini Ordine Archivio di Transito Univoco Evasione Codifica Controllo Articoli Generico Evasione Movimenti Documenti Giacenze Testata Scadenze Vendite Dettaglio Ingrosso

Dettagli