Servizi per la Sostenibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi per la Sostenibilità"

Transcript

1 Servizi per la Sostenibilità

2 I tre pilastri dello sviluppo sostenibile Sostenibilità ambientale: preservare l ambiente e mantenere un adeguato capitale naturale: risorse, clima, biodiversità Ambientale Socio- Ambientale Eco- Efficienza Sostenibilità sociale: promuovere diritti umani, diversità, salute e sicurezza, solidarietà Sociale Sostenibile Socio- Economico Economico «Meeting the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs.» Sostenibilità economica: sviluppare e mantenere una reddititivtà sufficiente, prevenendo I rischi e assicurando la soddisfazione del consumatore Brundtland Commission, UN, 1983 ISO Guida alla Responsabilità Sociale 2

3 Scenario Settore agroalimentare La forte vocazione dell agro-alimentare all esportazione porta gli attori della filiera ad essere particolarmente sensibili a tutti i segnali di novità che il mercato ed i consumatori trasmettono Le Organizzazioni imprenditoriali sono quindi sempre più spesso sollecitate a considerare gli impatti etici, sociali e ambientali delle proprie attività e politiche aziendali. Non più solo Sicurezza igienica Nuove esigenze Ma anche Sostenibilità a 360 gradi Sociale Socio- Ambientale Ambientale Sostenibile Socio- Economico Eco- Efficienza Economico Elementi sempre più affiancati 3

4 Sempre attenti alle novità e ai nuovi approcci 4

5 I nostri servizi per la sostenibilità Carbon Management Direttiva EU ETS : Verifica Emissioni CO2 Carbon Management in ambito volontario Revisione critica dell LCA (Life Cycle Assessment) Verifica EPD (Environmental Product Declaration) ISO Certificazione sostenibilità dei Biocarburanti e Bioliquidi Alcuni esempi 5

6 Framework Obiettivo comunitario da raggiungere entro il 2020 (pacchetto clima): 20% riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra 20% miglioramento dei processi energetici 20% energia da fonti rinnovabili (17% per l Italia) 10% biocombustibili nei consumi globali di carburanti per il trasporto 6

7 Il Carbon Management

8 Quali sono i vantaggi di un carbon management? Riduzione dei costi legati prevalentemente ai consumi energetici Riduzione costi legati al carbonio (Protocollo di Kyoto: EU ETS, 1 t di CO2 = 7 ) Supporto nella gestione aspetti legislativi legati al carbonio (EU ETS, Direttiva RED, Regolamneto 842/2006 ecc.) Miglioramento della propria reputazione Sviluppo della propria eco-immagine, attraverso il miglioramento della propria strategia di sviluppo sostenibile e rifacendosi ad un processo di riduzione dei gas ad effetto serra Il Carbon Disclosure Project stesso sottolinea come il carbon management abbia un ruolo sempre più rilevante all'interno del business italiano e come stia diventando a tutti gli effetti un driver competitivo e un indicatore utile agli investitori Un approcio compatibile e coerente con la norma ISO

9 EFFETTO SERRA I GAS CLIMA-ALTERANTI Gas ad effetto serra Potenziale clima-alterante equivalente * Anidride Carbonica (CO 2 ) 1 Metano (CH 4 ) 25 Protossido di azoto (N 2 O) 298 Idrofluorocarburi (HFCs) Perfluorocarburi (PFCs) Esafluoruro di zolfo (SF 6 ) * Fonte: Fourth Assessment Report of the IPCC GWP for time horizons of 100 years 9

10 EU ETS Emissions Trading Scheme

11 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (1) Combustione di carburanti in impianti di potenza termica nominale totale superiore a 20 MW (tranne negli impianti per l incenerimento di rifiuti pericolosi o urbani) Raffinazione di petrolio Impianti per la produzione di coke Impianti di arrostimento o sinterizzazione di minerali metallici Impianti di produzione di ghisa o di acciaio (> 2,5 t/ora) Impianti di produzione e di trasformazione di metalli ferrosi e non ferrosi, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale > 20 MW Impianti per la produzione di alluminio primario e secondario (in quest ultimo caso, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale > 20 MW) 11

12 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (2) Impianti destinati alla produzione di clinker in forni rotativi (> 500 t/giorno) oppure in altri tipi di forno (> 50 t/giorno) Produzione di calce viva o calcinazione di dolomite o magnesite in forni rotativi con capacità di produzione > a 50 t/giorno Impianti per la fabbricazione del vetro e fibre di vetro (capacità di fusione > 20 t/giorno) Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici (> 75 t/giorno) Impianti per la fabbricazione di materiale isolante in lana minerale a base di vetro, roccia o scorie con capacità di fusione > a 20 t/giorno Essiccazione o calcinazione del gesso o produzione di pannelli di cartongesso e altri prodotti a base di gesso, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale totale > 20 MW Impianti per la fabbricazione di carta e cartoni (> 20 t/giorno) 12

13 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (3) Impianti per la produzione di nerofumo, compresa la carbonizzazione di sostanze organiche quali oli, bitumi, residui del cracking e della distillazione, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale totale > 20 MW Impianti di produzione di acido nitrico Impianti di produzione di acido adipico Impianti di produzione di gliossale e acido gliossilico Impianti per la produzione di ammoniaca Impianti per la produzione di prodotti chimici organici su larga scala mediante cracking, reforming, ossidazione parziale o totale o processi simili, con una capacità di produzione > a 100 t/giorno Produzione di idrogeno (H 2 ) e di gas di sintesi mediante reforming o mediante ossidazione parziale, con una capacità di produzione superiore a 25 tonnellate al giorno 13

14 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (4) Impianti per la produzione di carbonato di sodio (Na 2 CO 3 ) e di bicarbonato di sodio (NaHCO 3 ) Cattura, trasporto e stoccaggio geologico in siti di stoccaggio autorizzati ai sensi della Direttiva 2009/31/CE Trasporto aereo (salvo le eccezioni elencate nei punti da a) a j)) 14

15 Direttiva EU ETS: Allegato I, esclusioni Esclusioni: Gli impianti o le parti di impianti utilizzati per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi prodotti e processi e gli impianti che utilizzano esclusivamente biomassa non rientrano nella Direttiva 2003/87/CE. 15

16 Cosa deve fare un azienda? Verificare se rientra nel campo di applicazione della Direttiva 2003/87/CE e del DLgs 216/06 Se rientra chiedere l autorizzazione ad emettre gas ad effetto serra novanta giorni prima prima della data di entrata in esercizio dell'impianto L autorizzazione deve essere richiesta secondo le modalità previste (compilazione di un Piano di Monitoraggio ) L'autorità nazionale competente verifica la completezza e la correttezza della domanda di autorizzazione e rilascia l'autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra entro quarantacinque giorni dal ricevimento della domanda. Il suddetto termine e' sospeso nel caso di richiesta da parte dell'autorità nazionale competente di ulteriori informazioni al gestore dell'impianto e fino al ricevimento delle informazioni richieste. 16

17 Cosa deve fare un azienda? Il Gestore dal rilascio dell autorizzazione monitora le emissioni dell anno in corso. Il monitoraggio dovrà svolgersi poi annualmente. Entro il 31 marzo di ogni anno i dati di emissione dell anno precedente devono essere verificati da un ente terzo indipendente Entro il 31 marzo comunica le proprie emissioni di CO2 all Autorità Nazionale Competente nelle modalità previste Entro il 31 marzo le emissioni di CO2 devono essere inserite ed approvate nel Registro delle Emissioni Gestito dall ISPRA Entro il 30 aprile di ogni anno le quote di emissioni verificate vengono confrontate con quelle assegnate nell anno. Entro quella stessa data, il gestore ha l obbligo di restituire un numero di quote d emissione pari alle emissioni di gas serra rilasciate in atmosfera durante l anno precedente. 17

18 I meccanismi dello schema EU ETS Il commercio delle quote (Emissions Trading) Consente ad un paese industrializzato di vendere ad un altro (industrializzato) i diritti in eccesso che derivano da una riduzione delle proprie emissioni al di sotto della soglia per la quale si è impegnato. Quote da comperare Quote Assegnate Emissioni effettive CAP Quote Assegnate Quote da Vendere Emissioni effettive CAP Crediti Utilizzati (emissioni effettive) Crediti Utilizzati (emissioni effettive) 18

19 Esempi di assegnazione quote 19

20 Decreto Legislativo n. 216/2006 smi Principali sanzioni introdotte (art. 20): Chi esercita un attività ETS senza autorizzazione è soggetto a sanzione pecuniaria da a aumentata, per ciascuna tonnellata di CO 2 equivalente emessa in mancanza di autorizzazione, di 40 per il primo periodo di riferimento e di 100 per i periodi di riferimento successivi. Tali soggetti sono tenuti a richiedere l autorizzazione ad emettere entro trenta giorni dall accertamento della violazione; decorso inutilmente tale termine, il Comitato dispone la sospensione amministrativa dell attività dell impianto (art. 20, commi 1 e 2). Il gestore che non comunichi le informazioni necessarie all assegnazione delle quote ai sensi dell art. 12 (raccolta dati per l assegnazione delle quote di emissione) nei tempi e nei modi previsti, è soggetto a sanzione pecuniaria da a Il Comitato diffida il gestore che non ha comunicato le suddette informazioni a comunicarle entro 15 giorni dalla data di ricevimento della diffida. Decorso inutilmente tale termine, il Comitato dispone la sospensione amministrativa dell impianto (art. 20, comma 3). Sono previste pesanti sanzioni anche nei casi in cui le informazioni comunicate ai sensi dell art. 12 risultino false (art. 20, commi 4 e 5), oppure nei casi in cui il gestore non presenti la dichiarazione relativa alle quote emesse, corredata di attestato di verifica, o renda dichiarazione falsa o incompleta (art. 20, comma 6 da a ). E altresì soggetto a sanzione il gestore che entro il 30 aprile di ogni anno non restituisca le quote di emissione nella quantità prevista (art. 20, comma 7 - per ogni quota non restituita di 40 per il primo periodo di riferimento e di 100 per i periodi di riferimento successivi). 20

21 Carbon Management Ambito Volontario

22 Quale può essere il campo di applicazione di carbon management? Trasporto casa- lavoro dei dipendenti/ trasporto per business Fine vita Utilizzo Combustione Elettricità Materie prime PRODUZIONE Prodotto finito Stoccaggio/ punto vendita Trasporti materie prime Processo Calore e vapore importati e consumati Trasporti prodotti finiti FORNITORI 22

23 Step fondamentali: Contabilizzazione, riduzione, compensazione Definizione dell inventario di gas ad effetto serra e relativa quantificazione delle emissioni di GHG. Compensazione tramite l acquisto di crediti di emissione derivanti da società riconosciute a livello internazionale. Riduzione delle emissioni di GHG attraverso apposite attività/modifiche di impianto. Attuazione di progetti specifici di compensazione/ riduzione emissioni di GHG al di fuori dell organizzazione (progetti CDM, JI, VCS) 23

24 Come nasce la norma ISO La norma ISO 14064, che ad oggi è stata adottata e pubblicata anche come norma nazionale UNI ISO 14064, è suddivisa in tre parti che posso essere utilizzate separatamente o come un utile insieme di strumenti integrati per rispondere ai differenti bisogni in materia di dichiarazioni e verifiche delle emissioni dei gas ad effetto serra. UNI ISO UNI ISO UNI ISO

25 Le 3 parti della norma ISO La norma ISO parte 1: UNI ISO :2006 Greenhouse gases - Part 1: Specification with guidance at the organization level for the quantification and reporting of greenhouse gas emissions and removals (Gas ad effetto serra - Parte 1: Specifiche e guida, al livello dell'organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra e della loro rimozione) A chi si rivolge? Alle organizzazioni ed alle imprese che intendono: progettare, sviluppare, gestire e rendicontare inventari di gas ad effetto serra Quali sono i contenuti? la norma specifica i requisiti ed i principi di processo per progettare, sviluppare, gestire e rendicontare inventari di gas ad effetto serra. N.B.: non riporta specifici criteri o procedure di monitoraggio 25

26 Le 3 parti della norma ISO La norma ISO parte 2: UNI ISO :2006 Greenhouse gases - Part 2: Specification with guidance at the project level for the quantification, monitoring and reporting of greenhouse gas emission reductions and removal enhancements (Gas ad effetto serra - Parte 2: Specifiche e guida, al livello di progetto, per la quantificazione, il monitoraggio e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra o dell'aumento della loro rimozione) A chi si rivolge? Alle organizzazioni ed alle imprese che intendono implementare un progetto per le riduzione e/o per l aumento delle rimozioni delle emissioni di GHG Quali sono i contenuti? la norma specifica i requisiti ed i principi per determinare gli scenari di riferimento e per monitorarne, quantificarne e rendicontarne le prestazioni N.B.: non riporta specifici criteri o procedure di monitoraggio 26

27 Le 3 parti della norma ISO La norma ISO parte 3: UNI ISO :2006 Greenhouse gases - Part 3: Specification with guidance for the validation and verification of greenhouse gas assertions (Gas ad effetto serra - Parte 3: Specifiche e guida per la validazione e la verifica delle asserzioni relative ai gas ad effetto serra") A chi si rivolge? Agli organismi di certificazione Quali sono i contenuti? la norma specifica i requisiti per validare e/o verificare gli inventari di GHG e validare e/o verificare progetti relativi ai gas ad effetto serra (asserzioni sui GHG). Esempi di asserzione sui GHG: 1. Quantificazione delle emissioni o rimozioni di GHG dell organizzazione 2. Prestazione od efficacia dei sistemi interni o dei processi di controllo 3. Prestazione od efficacia dei processi operativi 4. Conformità ai requisiti della ISO e/o ISO

28 Caratteristiche della ISO La norma ISO è una metodologia internazionalmente definita e riconosciuta La norma ISO è neutrale rispetto ai programmi relativi ai GHG: usa cioè termini e concetti ideati per essere compatibili con requisiti di altre iniziative sui GHG, buone pratiche, legislazione e norme. Al fine di avere un ampia e flessibile applicazione, la ISO stabilisce principi e specifica requisiti di processo piuttosto che descrivere specifici criteri e procedure. proprio come per altri standard di applicazione volontaria in ambito ambientale, permette di ricorrere alla certificazione di conformità ISO per comunicare ai propri partner commerciali, clienti o autorità, la propria prestazione in termini di riduzione dei gas serra 28

29 Principi della ISO PERTINENZA: selezionare le sorgenti di GHG, gli assorbitori di GHG, i dati e le metodologie appropriati alle necessità dell utilizzatore previsto COMPLETEZZA: includere tutte le emissioni e rimozioni di GHG pertinenti COERENZA: permettere confronti significativi tra le informazioni relative ai GHG ACCURATEZZA: ridurre gli errori sistematici e le incertezze per quanto possibile nell applicazione pratica CONSERVATIVITÀ: usare ipotesi e procedure atte a garantire che le riduzioni delle emissioni o gli aumenti delle rimozioni dei GHG non siano sovrastimati TRASPARENZA: divulgare informazioni relative ai GHG sufficienti ed appropriate in modo da permettere agli utilizzatori previsti di prendere decisioni con ragionevole fiducia 29

30 Carbon footprint e ISO L espressione carbon footprint è diventata molto popolare negli ultimi anni ed è sempre più usata dai media. Nonostante l uso diffuso, non esiste ancora un completo accordo sulla precisa definizione di cosa sia il carbon footprint La definizione più diffusa (anche secondo il Joint Research Center JRC istituto a servizio della Commissione Europea) è la seguente: Carbon footprint (CF) is the overall amount of carbon dioxide (CO 2 ) and other greenhouse gas emissions (CH 4, N 2 O, HFCs, PFCs, SF 6 ) associated with a product (goods and services) along its life cycle. Product Life Cycle = supply chain + use + end-of-life 30

31 Carbon footprint e ISO Come valutare un carbon footprint? Il carbon footprint è un sottoinsieme dei dati derivanti da uno studio di tipo Life Cycle Assessment (LCA). CF consiste pertanto in uno studio LCA la cui analisi si limiti alle emissioni che hanno effetto sul fenomeno del global warming. 31

32 Carbon footprint e ISO Un carbon footprint, pertanto: E basato sulle metodologie fornite dalle norme ISO e Prevede requisiti di robusta qualità dei dati e della documentazione atta a supportarli Prevede di comunicare i risultati in maniera comprensibile e trasparente (in accordo a quanto previsto dalla norma ISO 14025, Etichette e dichiarazioni ambientali Dichiarazioni ambientali di tipo III ). Prevede una fase di revisione indipendente 32

33 Carbon footprint e ISO La norma ISO E allo studio dell ISO (ISO/TC 207/SC 7/WG 2) una norma specifica sul carbon footprint: la ISO (carbon footprint of products). 33

34 PAS 2050 La norma PAS 2050 Ad oggi lo standard esistente per il CF probabilmente più noto è la norma PAS 2050, elaborata in Inghilterra dal BSI (British Standard Institute), dal Carbon Trust e dal DEFRA (Department of Environment, Food and Rural Affairs). Oltre alla PAS 2050 è stata pubblicata una guida che illustra come applicare la norma: Guidance to PAS

35 Il Water Footprint ISO 14046, Water footprint Requirements and guidelines: Preliminary Work Item Water Footprint Network: Water Footprint Assessment Manual Si basano su studi di LCA 35

36 Studi di LCA (Life Cycle Assessment) - Revisione Critica

37 Cos è la LCA Life cycle assessment (LCA) è uno strumento per analizzare le implicazioni ambientali di un prodotto lungo tutte le fasi del suo ciclo di vita, ossia l estrazione delle materie prime, la lavorazione dei materiali, l assemblaggio del prodotto, l uso e lo scenario di fine vita ( dalla culla alla tomba ). Le implicazioni ambientali coprono tutti i tipi di impatto sull ambiente, come il consumo di risorse e l emissione di sostanze pericolose. 37

38 Revisione critica dell analisi LCA L LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici ed ambientali relativi ad un processo/prodotto. E regolato a livello internazionale dalle Norme ISO e ISO L analisi LCA si svolge in 4 distinte fasi secondo la norma ISO 14040, 14044: Step 1: Definizione dell'obiettivo, dello scopo dell LCA. I prodotti o servizi effettuati nello studio e i confini dell analisi LCA. Step 2: Inventario del ciclo di vita. Quantificare l'energia e le materie prime in ingresso e le emissioni ambientali associate ad ogni fase del ciclo di vita. Step 3: Analisi degli impatti. Valutare gli impatti sulla salute umana e l'ambiente Step 4: Analisi dei risultati. Valutare l'opportunità di ridurre l'energia, i materiali, o l'impatto ambientale in ogni fase del ciclo di vita del prodotto. 38

39 Esempio di Studio di tipo LCA 39

40 Revisione critica dell analisi LCA L attività di Bureau Veritas nell analisi dell LCA : Verificare che i metodi utilizzati per eseguire l LCA siano coerenti con la norma ISO e ISO Verificare che i metodi utilizzati per eseguire l LCA siano validi dal punto di vista scientifico e tecnico. Verificare che i dati utilizzati siano appropriati e ragionevoli in rapporto agli obiettivi dello studio Verificare che le interpretazioni riflettano le limitazioni identificate e l obiettivo dello studio Verificare che il rapporto sullo studio sia trasparente e coerente A seguito della della verifica di Critica Review verrà emesso un report tecnico con l esito della valutazione della Revisione Critica. 40

41 Life Cycle Thinking Screening caratterizzazione prodotto/servizio Analisi LCA Critical Review Considerazioni finali/ Etichettature

42 Certificazione EPD

43 EPD Cosa è? Nel panorama attuale delle certificazioni ambientali, la Dichiarazione Ambientale di Prodotto (Environmental Product Declaration, EPD), quale etichetta di tipo III, rappresenta uno strumento di gestione ambientale innovativo, capace di valutare gli impatti ambientali di un prodotto o di un servizio associati al suo intero ciclo di vita e di comunicarli in modo CREDIBILE all esterno. L OGGETTIVITÀ dei dati e delle informazioni contenuteall interno della Dichiarazione Ambientale di Prodotto è supportata dall utilizzo della Valutazione del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment, LCA), come metodologia per la quantificazione dei carichi energetici ed ambientali di un prodotto o di un servizio lungo tutto il suo ciclo di vita (norme serie ISO 14040). 43

44 Come ottenere l EPD L EPD del singolo prodotto deve essere realizzato sulla base delle specifiche contenute nella PCR (Product Category Rules). La PCR riporta: gli elementi principali da considerare nello sviluppo della LCA (Life Cycle Assessment) del singolo prodotto; le informazioni che devono essere inserite nella relativa EPD. REQUISITI SPECIFICI DI PRODOTTO (PCR) STUDIO LCA DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO 44

45 Etichettatture di terzo tipo: caratteristiche chiave Credibilità Verifica di terza parte Comparabilità Partecipazione degli Stakeholder (PCR) Oggettività LCA 45

46 Certificazione EPD L EPD del singolo prodotto deve essere realizzato sulla base delle specifiche contenute nella PCR che riporta le indicazioni necessarie per condurre uno studio di LCA su tutti gli impatti generati lungo l intero ciclo di vita del prodotto. Come opera Bureau Veritas? Per garantire credibilità, Bureau Veritas offre una verifica esterna di terza parte che prevede: raccolta di dati basati sull LCA e la scelta dei metodi utilizzati che sono effettuati nel rispetto della ISO 14040/14044 e della PCR di riferimento, risultati dell'analisi di inventario e dei calcoli di valutazione d'impatto che sono effettuate utilizzando metodi prescritti. 46

47 Perchè fare uno studio LCA ed un EPD? Risponde all esigenza di comunicare dati ambientali in modo standardizzato Per poter svolgere un confronto imparziale tra diversi prodotti Per comunicare i dati ambientali relativi ad un prodotto/servizio lungo tutta la filiera produttiva Semplificare lo scambio di informazioni a supporto degli acquisti verdi sia pubblici che privati Per monitorare il miglioramento delle prestazioni ambientali dei prodotti/servizi Agevolare il processo di miglioramento dei prodotti all interno dell azienda (Eco-desigh) 47

48 Certificazione ISO 50001

49 Framework Obiettivo comunitario da raggiungere entro il 2020 (pacchetto clima): 20% riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra 20% miglioramento dei processi energetici 20% energia da fonti rinnovabili (17% per l Italia) 10% biocombustibili nei consumi globali di carburanti per il trasporto 49

50 La Norma ISO Nel mese di luglio 2009 è stata pubblicata la norma EN 16001:2009, relativa ai sistemi di gestione dell'energia. Con la pubblicazione della norma ISO Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti e linee guida per l'uso ( Energy management systems - Requirements with guidance for use ), nel mese di giugno 2011, anche a livello internazionale è stata raccolta la "sfida" lanciata dal CEN per l'uso efficiente dell'energia. 50

51 La Norma ISO Specifica i requisiti per creare, avviare, mantenere e migliorare un sistema di gestione dell'energia. Il sistema consente all'organizzazione di avere un approccio sistematico al continuo miglioramento della propria efficienza energetica. La norma descrive i requisiti per un continuo miglioramento sotto forma di un più efficiente e più sostenibile uso dell'energia, senza tener conto della sua forma. La norma però non definisce specifici criteri di prestazione energetica. La norma è applicabile ad ogni organizzazione che voglia essere conforme alla propria politica energetica e dimostrare tale conformità ad altri mediante autovalutazione e autodichiarazione di conformità o mediante certificazione di terza parte del proprio sistema di gestione dell'energia. 51

52 La Norma ISO Un Sistema di Gestione dell Energia può essere implementato indipendentemente da altri Sistemi di Gestione. La norma è stata tuttavia scritta in modo da armonizzarsi pienamente con gli altri standard ISO sui sistemi di gestione; in particolar modo, la ISO può integrarsi senza difficoltà con lo standard ISO 14001: il Sistema di Gestione dell Energia che definisce potrebbe diventare una "componente" di un Sistema di Gestione Ambientale di un organizzazione. 52

53 Certificazione Biocarburanti e Bioliquidi

54 Framework Obiettivo comunitario da raggiungere entro il 2020 (pacchetto clima): 20% riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra 20% miglioramento dei processi energetici 20% energia da fonti rinnovabili (17% per l Italia) 10% biocombustibili nei consumi globali di carburanti per il trasporto Rinnovabile Sostenibile La sostenibilità diventa condizione necessaria per il raggiungimento degli obiettivi sopra indicati. Incentivi statali Direttiva 2009/28/CE (RED) e la Direttiva 2009/30/CE definiscono i criteri di sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi. Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 28: Attuazione della direttiva 2009/28/CE Decreto Legislativo 31 marzo 2011, n. 55: Attuazione della Direttiva 2009/30/CE Decreto interministeriale del smi 54

55 DI QUALI PRODOTTI SI PARLA? Biocarburanti: carburanti liquidi o gassosi per i trasporti ricavati dalla biomassa; Bioliquidi: combustibili liquidi per scopi energetici diversi dal trasporto, compresi l elettricità, il riscaldamento ed il raffreddamento prodotti dalla biomassa Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Aprile 2009 sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE 55

56 DI QUALI PRODOTTI SI PARLA? PRINCIPALI BIOCARBURANTI Il bioetanolo è prodotto dalla fermentazione di biomasse ricche di zuccheri, come il mais, le vinacce, le barbabietole. Ultimamente ci si sta orientando verso la produzione di bioetanolo a partire da biomasse legnose, evitando così l uso di biomasse destinabili a scopi alimentari. Il bioetanolo può essere utilizzato in motori a benzina, miscelato con il carburante tradizionale. In campo energetico, il bioetanolo può essere utilizzato direttamente come componente per benzine o per la preparazione dell'etbe (EtilTerButilEtere). Il biodiesel viene prodotti dagli oli vegetali. A loro volta, gli oli sono estratti da semi di determinate piante, come il girasole, la colza, la palma. Recentemente sono stati prodotti biodiesel a partire da oli di scarto, come l olio di frittura. La ricerca è impegnata a sviluppare sistemi che permettano l uso delle alghe per la produzione di biodiesel.il biodiesel può essere utilizzato in motori diesel, miscelato con il gasolio. Il biometano è il gas prodotto dalla purificazione del biogas, avente caratteristiche tali da consentirne l immissione nella rete del gas naturale. Il biometano può essere utilizzato senza particolari precauzioni nei veicoli a metano. 56

57 CRITERI DI SOSTENIBILITA PREVISTI I biocarburanti non devono essere prodotti a partire da materie prime ottenute su terreni che presentano un elevato valore in termini di biodiversità (foreste primarie, aree protette, terreni erbosi aòta biodiversità o naturali) o su terreni che presentano un elevato stock di carbonio (zone umide, zone boschive con determinate caratteristiche) o su terreni che erano torbiere nel Gennaio Risparmio emissioni gas ad effetto serra pari almeno al 35%. Per gli impianti già in servizio al 23 Gennaio 2008 a partire dal 1 Aprile Risparmio emissioni gas ad effetto serra pari almeno al 50%: A partire dal 1 Gennaio Risparmio emissioni gas ad effetto serra pari almeno al 60%: per i biocarburanti prodotti negli impianti entrati in produzione dal o dopo il 1 Gennaio 2017: solo a partire dal 1 Gennaio

58 SOGGETTI COIVOLTI Operatori Economici lungo tutta la filiera della produzione/vendita dei biocarburanti e dei bioliquidi: Coltivatore Cooperative di raccolta Spremitori Distillerie (vinacce) Società di Rendering - Colatore (grassi animali) Società di raccolta e filtrazione UCO (olii esausti di cucina) Produttori materie intermedie filiera biocarburanti e/o bioliquidi Produttori biocarburanti e/o bioliquidi Trader L Operatore Obbligato che immette in consumo non si deve Certificare Le Raffinerie di Petrolio si devono certificare solo se fanno trading o blanding o altre attività per terzi. 58

59 Quali sono gli obblighi dei fornitori? A decorrere dal 1 Gennaio 2012, entro il 31 Gennaio di ciascun anno, i fornitori (soggetto obbligato sottoposto al pagamento delle accise) trasmettono al Ministero Ambiente, tramite l ISPRA, una relazione, sui combustibili per i quali hanno assolto l accisa, in cui sono specificate: a) il quantitativo totale di ciascun tipo di combustibile o di energia forniti con l indicazione del luogo di acquisto e dell origine; b) le relative emissioni di gas ad effetto serra prodotte durante il ciclo di vita per unità di energia. La relazione è accompagnata dai documenti comprovanti l avvenuto accertamento dei criteri di sostenibilità forniti dagli operatori economici. 59

60 Quali sono gli obblighi degli operatori economici? Rilasciano al fornitore al momento della cessione di ogni partita di biocarburanti, copia di un certificato di sostenibilità relativo all origine, al luogo di acquisto e alle emissioni di gas ad effetto serra prodotte durante il ciclo di vita, per unità di energia della stessa partita rilasciato: nell ambito del Sistema nazionale di certificazione, o Nell ambito di un sistema di certificazione riconosciuto dalla Comunità Europea. SANZIONI: L operatore economico che produce l autocertificazione in forma incompleta, inesatta o difforme, è punito con la sanzione amministrativa da a Euro. 60

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Luca Leonardi, Climate Change Services Bureau Veritas Italia Spa ore 12.15 13.00 Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 22/2011 DISCIPLINA DELL AUTORIZZAZIONE

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE Carbon Reduction and Forestry LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE Dott. Marco Ugolini 29 Maggio 2014 Bologna PRESENTAZIONE SOCIETARIA DALL AUTOCONTROLLO ALLE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE 29 Maggio

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0 Carbon Footprint VII - 0 Gestione delle emissioni di gas serra Settore cogente Settore volontario VII - 1 L impronta climatica Carbon Footprint Carbon Footprint di di azienda azienda Carbon Footprint di

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE E SOSTENIBILITA

SICUREZZA ALIMENTARE E SOSTENIBILITA SICUREZZA ALIMENTARE E SOSTENIBILITA Introduzione a Bureau Veritas Yes No Bureau Veritas 2 Bureau Veritas in sintesi Nato nel 1828 Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità nell

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

I criteri di sostenibilità dei bioliquidi

I criteri di sostenibilità dei bioliquidi I criteri di sostenibilità dei bioliquidi Contenuti e stato di attuazione della direttiva rinnovabili in Italia Centro studi APER- REEF A cura di Cosetta Viganò Indice La Direttiva 2009/28/CE per la promozione

Dettagli

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In Francesca Rulli 25 marzo 2015 - Dossobuono di Villafranca (Vr) DALLA DECISIONE STRATEGICA ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA L impresa SOSTENIBILE

Dettagli

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Come gestire l ambiente? attraverso l adozione di un sistema di gestione ambientale,

Dettagli

Schema di decreto interministeriale sul sistema nazionale di certificazione per biocarburanti e bioliquidi

Schema di decreto interministeriale sul sistema nazionale di certificazione per biocarburanti e bioliquidi Schema di decreto interministeriale sul sistema nazionale di certificazione per biocarburanti e bioliquidi Introduzione. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente schema di decreto è previsto dall articolo 2,

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

DALL'AUTOCONTROLLO ALLE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE Le certificazioni volontarie: Certificazioni di sistema e prodotto

DALL'AUTOCONTROLLO ALLE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE Le certificazioni volontarie: Certificazioni di sistema e prodotto DALL'AUTOCONTROLLO ALLE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE Le certificazioni volontarie: Certificazioni di sistema e prodotto BOLOGNA 29 MAGGIO 2014 Gianni Baccarini Alcune premesse sembrano necessarie. La direttiva

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio Progetto Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Asiago, 29 settembre 2010 COGENTE: La direttiva europea 2003/87/CE istituisce il sistema europeo di scambio delle quote di emissione dei gas-serra

Dettagli

Convegno nazionale Valorizzazione energetica integrata del sorgo zuccherino: il progetto MULTISORGO Roma 29 maggio 2013

Convegno nazionale Valorizzazione energetica integrata del sorgo zuccherino: il progetto MULTISORGO Roma 29 maggio 2013 L evoluzione del quadro di riferimento sui biocarburanti Chiara Martini Convegno nazionale Valorizzazione energetica integrata del sorgo zuccherino: il progetto MULTISORGO Roma 29 maggio 2013 Outline Criteri

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto

Il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto Con il Protocollo di Kyoto i paesi industrializzati si impegnano a ridurre, durante il primo periodo di applicazione, 2008-2012, il totale delle emissioni di sei gas ad effetto serra,

Dettagli

Le ultime novità legislative in tema di Emissions trading. Ing. Irma Cavallotti. Bergamo, 13 dicembre 2012

Le ultime novità legislative in tema di Emissions trading. Ing. Irma Cavallotti. Bergamo, 13 dicembre 2012 "Verso una società a bassa intensità di carbonio. Strumenti per dimostrare l'impegno delle Aziende: dalla norma ISO 14064 per gli inventari delle emissioni di gas serra alla carbonfootprint di prodotto

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014 LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO Cremona 22 Ottobre 2014 Standard sicurezza alimentare: trend nazionale e internazionale PREMESSA Certificazione nel settore agro-alimentare

Dettagli

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale III anno Politiche tecnologiche dirette: Biocombustibili (M.Giugliano, S.Caserini, C.Scacchi) Politiche tecnologiche

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org 1 Questo documento è stato realizzato nell ambito del progetto LIFE07ENV/IT/000357

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

www.eambiente.it www.eenergia.info

www.eambiente.it www.eenergia.info www.eambiente.it www.eenergia.info Progetto CARBOMARK Monitoraggio delle emissioni e metodi di approccio al mercato Dr. Federico Balzan eambiente srl Castellavazzo, 21 marzo 2011 LCA Come si crea l eccellenza

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

UNIONE PRODUTTORI BIODIESEL. Tortona, 7 Marzo 2008

UNIONE PRODUTTORI BIODIESEL. Tortona, 7 Marzo 2008 UNIONE PRODUTTORI BIODIESEL Tortona, 7 Marzo 2008 ASSOCOSTIERI Unione Produttori Biodiesel E l unica Associazione di Confindustria che rappresenta le aziende nazionali produttrici di biodiesel e relativa

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore: Ing. Filippo Zuliani filippo.zuliani@unipd.it

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

Carbon management. CIBUS 2010 - Parma, 10 maggio 2010. Luca Leonardi

Carbon management. CIBUS 2010 - Parma, 10 maggio 2010. Luca Leonardi Carbon management CIBUS 2010 - Parma, 10 maggio 2010 Luca Leonardi Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO 2 La Carbon Reduction Label La norma ISO 14064 Il carbon footprint

Dettagli

L attuale situazione dei biocarburanti in Italia

L attuale situazione dei biocarburanti in Italia Roma, 14 Aprile 2011 Convegno AIEE - WEC ITALIA L attuale situazione dei biocarburanti in Italia Dott.ssa M.R. Di Somma AZIENDE ASSOCIATE LOCALITA IMPIANTI CAPACITA PRODUTTIVA (Tonn( Tonn.) ALCHEMIA

Dettagli

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Progetto Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Castellavazzo, 6 luglio 2010 La certificazione volontaria dei sistemi di gestione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality GLI STRUMENTI VOLONTARI DI RENDICONTAZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS A EFFETTO SERRA (GHG) Lo standard ISO 14064 Metodologie e vantaggi Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality VERSO

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067 Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Ing. Alessandro Manzardo alessandro.manzardo@unipd.it

Dettagli

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Comune di Narni BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Allegato I - Fattori di Emissione in ECORegion Elaborazione Fattori di Emissione in ECORegion confronto con le linee guida per

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

5. SETTORE TRASPORTI 158

5. SETTORE TRASPORTI 158 158 5. SETTORE TRASPORTI 5.1. Biocarburanti 159 5.1.1. Definizioni e metodo L impiego di fonti rinnovabili nel settore Trasporti in Italia consiste nell immissione in consumo di biocarburanti (biodiesel,

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO QUADRO

MODELLO DI ACCORDO QUADRO MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli

Dettagli

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Alcuni Dati sul Clima La temperatura media del pianeta è in crescita (0,3-0,6 C dal 1860) Il livello dei mari è aumentato (10-25 cm) Il 20 secolo è il più caldo

Dettagli

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI AMBIENTE ITALIA IN SINTESI Ambiente Italia è un azienda

Dettagli

La Kyoto DAP. Forum PA Nuova Fiera di Roma 12 maggio 2008. Dr Andrea Moretto. Responsabile Area Prodotto Ambiente Italia

La Kyoto DAP. Forum PA Nuova Fiera di Roma 12 maggio 2008. Dr Andrea Moretto. Responsabile Area Prodotto Ambiente Italia La Kyoto DAP Forum PA Nuova Fiera di Roma 12 maggio 2008 Dr Andrea Moretto Responsabile Area Prodotto Ambiente Italia Che cosa è la Kyoto-DAP? Strumento: Dichiarazione Ambientale di Prodotto (DAP o EPD)

Dettagli

Competitività e sostenibilità. Gli strumenti (2) Lez. del 24 ottobre 2014 Docente: Aurora Magni

Competitività e sostenibilità. Gli strumenti (2) Lez. del 24 ottobre 2014 Docente: Aurora Magni Competitività e sostenibilità Gli strumenti (2) Lez. del 24 ottobre 2014 Docente: Aurora Magni Fonte: Progetto Desire Net -ENEA LCA: Life Cycle Assessment Nel 2013 a Commissione Europea ha sviluppato due

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

Oli vegetali esausti. Il recupero per la produzione di biodiesel. Aldo Abenavoli Itabia

Oli vegetali esausti. Il recupero per la produzione di biodiesel. Aldo Abenavoli Itabia Oli vegetali esausti Il recupero per la produzione di biodiesel Aldo Abenavoli Itabia OLI ESAUSTI Residuano dalla frittura degli oli e grassi vegetali ed animali. Il consumo di oli alimentari in Italia

Dettagli

Uno degli strumenti per il biometano nei trasporti : l obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti

Uno degli strumenti per il biometano nei trasporti : l obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti Uno degli strumenti per il biometano nei trasporti : l obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti Luca Benedetti Responsabile Unità Studi e Statistiche Biometano, una nuova opportunità per la valorizzazione

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

Sintesi osservazioni VIA del Polo Energie Rinnovabili di Castiglion Fiorentino

Sintesi osservazioni VIA del Polo Energie Rinnovabili di Castiglion Fiorentino 1 Sintesi osservazioni VIA del Polo Energie Rinnovabili di Castiglion Fiorentino Dr Federico Valerio Ricercatore Istituto Nazionale Ricerca sul Cancro di Genova Direttore Servizio Chimica Ambientale Consulente

Dettagli

I.C.STUDIO S.r.l. Scuola Emas Ecolabel Toscana

I.C.STUDIO S.r.l. Scuola Emas Ecolabel Toscana I.C.STUDIO S.r.l. Scuola Emas Ecolabel Toscana PRESENTAZIONE 1 Chi siamo Siamo una società di consulenza direzionale e formazione manageriale che opera dal 2002 sul territorio nazionale, nell ambito dei

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Gli incentivi per i BIOCARBURANTI

Gli incentivi per i BIOCARBURANTI Roma, 9 Dicembre 2010 BEST WESTERN HOTEL Gli incentivi per i BIOCARBURANTI Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della logistica energetica, aderisce a Confindustria ed a Confindustria

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

I biocombustibili. Ernesto Longo, ALI Srl: La normativa UE e italiana: questioni e prospettive. ambiente etica organizzazione qualità sicurezza

I biocombustibili. Ernesto Longo, ALI Srl: La normativa UE e italiana: questioni e prospettive. ambiente etica organizzazione qualità sicurezza I biocombustibili Ernesto Longo, ALI Srl: La normativa UE e italiana: questioni e prospettive ALI, aree principali di lavoro - Ambiente, SSL, Qualità Sistemi gestionali Normativa e processi autorizzativi

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI

RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI di Fabrizio Piva CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it BIOENERGY Verona 04.02. 2010 1 SOMMARIO CHI SIAMO LA SITUAZIONE A LIVELLO EUROPEO GLI

Dettagli

Sostenibilità ambientale nei prodotti dalle parole ai fatti Milano, 15 Novembre 2012 Introduzione Alberto Musa

Sostenibilità ambientale nei prodotti dalle parole ai fatti Milano, 15 Novembre 2012 Introduzione Alberto Musa ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Convegno Sostenibilità ambientale nei prodotti dalle parole ai fatti Milano, 15 Novembre 2012 Introduzione Alberto Musa Accreditamento Che cos è l accreditamento?

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi VIII edizione - Acquario Romano- Casa dell Architettura, Roma 1-2 Ottobre 2014 www.forumcompraverde.

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi VIII edizione - Acquario Romano- Casa dell Architettura, Roma 1-2 Ottobre 2014 www.forumcompraverde. Forum Internazionale degli Acquisti Verdi VIII edizione - Acquario Romano- Casa dell Architettura, Roma 1-2 Ottobre 2014 www.forumcompraverde.it SEMINARI E APPROFONDIMENTI A CURA DEL GDL ACQUISTI VERDI

Dettagli

Le prospettive del biometano in Italia

Le prospettive del biometano in Italia Progetto GasHighWay Montecatini Terme 30 settembre 2011 Le prospettive del biometano in Italia Dott. Maurizo Cocchi Ing. Stefano Capaccioli 1 IEE/08/545/SI2.528537, www.gashighway.net Biogas e Biometano

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 47/2012 PROCEDURE APPLICABILI PER IL PERIODO

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

External Communication Report dell insalatina novella in sacchetti formato da 90 g X 2

External Communication Report dell insalatina novella in sacchetti formato da 90 g X 2 Via Cesare Battisti, 80-24060 Telgate (BG) External Communication Report dell insalatina novella in sacchetti formato da 90 g X 2 secondo la ISO-TS 14067 Analisi dell impronta di carbonio nella filiera

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Prof. Antonio Scipioni Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

SOSTENIBILITà AMBIENTE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SOSTENIBILITà AMBIENTE E CAMBIAMENTI CLIMATICI SOSTENIBILITà AMBIENTE E CAMBIAMENTI CLIMATICI ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Marine Energy Business Assurance Transport & Infrastructures IFIs, Banks and Investors INNOVATION chi SIAMO RINA SERVICES S.p.A.

Dettagli

La certificazione del cippato e del pellet

La certificazione del cippato e del pellet La certificazione del cippato e del pellet Matteo Righetto Ecomondo 2013, Rimini, 7 novembre 2013 Domanda di legname Crescita dagli anni 70 dei consumi di legname a fini energetici Sviluppo dei consumi

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

Come certificare l impegno aziendale per la sostenibilità

Come certificare l impegno aziendale per la sostenibilità Come certificare l impegno aziendale per la sostenibilità Mario Cugno Area Manager Sicilia Messina 14 dicembre 2012 Mario Cugno Consumatore e mercato globale ogni giorno più esigenti QUALI REQUISITI/ASPETTATIVE

Dettagli

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il Effetto serra ad alta quota di Leonardo Massai* altri inquinanti dei trasporti aerei nazionali e internazionali. Inoltre, secondo quanto deciso dal comitato esecutivo per il Clean Development Mechanism

Dettagli

Dichiarazione di Verifica (Verification Statement)

Dichiarazione di Verifica (Verification Statement) Dichiarazione di Verifica (Verification Statement) A seguito dell attività di verifica condotta ai sensi della norma UNI ISO 14064-3:2006, si rilascia la presente Dichiarazione alla società: (After the

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALIDAZIONE E LA VERIFICA DI ASSERZIONI SUI GAS AD EFFETTO SERRA

REGOLAMENTO PER LA VALIDAZIONE E LA VERIFICA DI ASSERZIONI SUI GAS AD EFFETTO SERRA REGOLAMENTO PER LA VALIDAZIONE E LA VERIFICA DI ASSERZIONI SUI GAS AD EFFETTO SERRA Valido dal 8 Ottobre 2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio.

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici Andrea Ronchi Business Development Manager Torino, 4 Dicembre 2013 www.ecoway.it Member of: EcoWay L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima

Dettagli

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra H 2 Info: Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova galleria Spagna, 35 35127 Padova tel 049 8991811 fax 049 761156

Dettagli

Green Refinery a Venezia

Green Refinery a Venezia Green Refinery a Venezia La prima esperienza al mondo di trasformazione di una raffineria tradizionale in raffineria per la produzione di biocarburanti di qualitá premium Milano, 11 luglio 2013 www.eni.it

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE)

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) Progetto Pilota sulla Carbon Footprint nel settore dell imbottiagliamento dell acqua in Italia in collaborazione con il Ministero

Dettagli

L applicazione della direttiva sull emission trading

L applicazione della direttiva sull emission trading L applicazione della direttiva sull emission trading FIRE Il mercato dell efficienza energetica: opportunità legate all incontro fra gli attori 19-20 ottobre 2006 Isola di S. Servolo Venezia Mario Contaldi

Dettagli

a cura di Marco Fabrizio, avvocato, studio legale Fabrizio

a cura di Marco Fabrizio, avvocato, studio legale Fabrizio a cura di Marco Fabrizio, avvocato, studio legale Fabrizio 31 GENNAIO Qualità delle acque destinate al consumo umano. Relazione sui controlli con esito negativo Entro il 31 gennaio 2014, le regioni e le

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

ETS 2013-2020 Monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2

ETS 2013-2020 Monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 ETS 2013-2020 Monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 Applicazione del Regolamento UE n. 601/2012 e determinazione del contenuto di carbonio del rottame Milano, 13 settembre 2012 Il Regolamento

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore:

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa - Sostenibilità

Responsabilità Sociale d Impresa - Sostenibilità Responsabilità Sociale d Impresa - Sostenibilità Glossario dei termini Train4CSR RSI-Sostenibilità Glossario dei termini pagina 2 Glossario dei termini Accountability Per un organizzazione rappresenta

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 180/7 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 617/2010 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 2010 sulla comunicazione alla Commissione

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli