Servizi per la Sostenibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi per la Sostenibilità"

Transcript

1 Servizi per la Sostenibilità

2 I tre pilastri dello sviluppo sostenibile Sostenibilità ambientale: preservare l ambiente e mantenere un adeguato capitale naturale: risorse, clima, biodiversità Ambientale Socio- Ambientale Eco- Efficienza Sostenibilità sociale: promuovere diritti umani, diversità, salute e sicurezza, solidarietà Sociale Sostenibile Socio- Economico Economico «Meeting the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs.» Sostenibilità economica: sviluppare e mantenere una reddititivtà sufficiente, prevenendo I rischi e assicurando la soddisfazione del consumatore Brundtland Commission, UN, 1983 ISO Guida alla Responsabilità Sociale 2

3 Scenario Settore agroalimentare La forte vocazione dell agro-alimentare all esportazione porta gli attori della filiera ad essere particolarmente sensibili a tutti i segnali di novità che il mercato ed i consumatori trasmettono Le Organizzazioni imprenditoriali sono quindi sempre più spesso sollecitate a considerare gli impatti etici, sociali e ambientali delle proprie attività e politiche aziendali. Non più solo Sicurezza igienica Nuove esigenze Ma anche Sostenibilità a 360 gradi Sociale Socio- Ambientale Ambientale Sostenibile Socio- Economico Eco- Efficienza Economico Elementi sempre più affiancati 3

4 Sempre attenti alle novità e ai nuovi approcci 4

5 I nostri servizi per la sostenibilità Carbon Management Direttiva EU ETS : Verifica Emissioni CO2 Carbon Management in ambito volontario Revisione critica dell LCA (Life Cycle Assessment) Verifica EPD (Environmental Product Declaration) ISO Certificazione sostenibilità dei Biocarburanti e Bioliquidi Alcuni esempi 5

6 Framework Obiettivo comunitario da raggiungere entro il 2020 (pacchetto clima): 20% riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra 20% miglioramento dei processi energetici 20% energia da fonti rinnovabili (17% per l Italia) 10% biocombustibili nei consumi globali di carburanti per il trasporto 6

7 Il Carbon Management

8 Quali sono i vantaggi di un carbon management? Riduzione dei costi legati prevalentemente ai consumi energetici Riduzione costi legati al carbonio (Protocollo di Kyoto: EU ETS, 1 t di CO2 = 7 ) Supporto nella gestione aspetti legislativi legati al carbonio (EU ETS, Direttiva RED, Regolamneto 842/2006 ecc.) Miglioramento della propria reputazione Sviluppo della propria eco-immagine, attraverso il miglioramento della propria strategia di sviluppo sostenibile e rifacendosi ad un processo di riduzione dei gas ad effetto serra Il Carbon Disclosure Project stesso sottolinea come il carbon management abbia un ruolo sempre più rilevante all'interno del business italiano e come stia diventando a tutti gli effetti un driver competitivo e un indicatore utile agli investitori Un approcio compatibile e coerente con la norma ISO

9 EFFETTO SERRA I GAS CLIMA-ALTERANTI Gas ad effetto serra Potenziale clima-alterante equivalente * Anidride Carbonica (CO 2 ) 1 Metano (CH 4 ) 25 Protossido di azoto (N 2 O) 298 Idrofluorocarburi (HFCs) Perfluorocarburi (PFCs) Esafluoruro di zolfo (SF 6 ) * Fonte: Fourth Assessment Report of the IPCC GWP for time horizons of 100 years 9

10 EU ETS Emissions Trading Scheme

11 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (1) Combustione di carburanti in impianti di potenza termica nominale totale superiore a 20 MW (tranne negli impianti per l incenerimento di rifiuti pericolosi o urbani) Raffinazione di petrolio Impianti per la produzione di coke Impianti di arrostimento o sinterizzazione di minerali metallici Impianti di produzione di ghisa o di acciaio (> 2,5 t/ora) Impianti di produzione e di trasformazione di metalli ferrosi e non ferrosi, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale > 20 MW Impianti per la produzione di alluminio primario e secondario (in quest ultimo caso, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale > 20 MW) 11

12 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (2) Impianti destinati alla produzione di clinker in forni rotativi (> 500 t/giorno) oppure in altri tipi di forno (> 50 t/giorno) Produzione di calce viva o calcinazione di dolomite o magnesite in forni rotativi con capacità di produzione > a 50 t/giorno Impianti per la fabbricazione del vetro e fibre di vetro (capacità di fusione > 20 t/giorno) Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici (> 75 t/giorno) Impianti per la fabbricazione di materiale isolante in lana minerale a base di vetro, roccia o scorie con capacità di fusione > a 20 t/giorno Essiccazione o calcinazione del gesso o produzione di pannelli di cartongesso e altri prodotti a base di gesso, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale totale > 20 MW Impianti per la fabbricazione di carta e cartoni (> 20 t/giorno) 12

13 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (3) Impianti per la produzione di nerofumo, compresa la carbonizzazione di sostanze organiche quali oli, bitumi, residui del cracking e della distillazione, ove siano in funzione unità di combustione di potenza termica nominale totale > 20 MW Impianti di produzione di acido nitrico Impianti di produzione di acido adipico Impianti di produzione di gliossale e acido gliossilico Impianti per la produzione di ammoniaca Impianti per la produzione di prodotti chimici organici su larga scala mediante cracking, reforming, ossidazione parziale o totale o processi simili, con una capacità di produzione > a 100 t/giorno Produzione di idrogeno (H 2 ) e di gas di sintesi mediante reforming o mediante ossidazione parziale, con una capacità di produzione superiore a 25 tonnellate al giorno 13

14 Direttiva EU ETS: settori presenti nell Allegato I (4) Impianti per la produzione di carbonato di sodio (Na 2 CO 3 ) e di bicarbonato di sodio (NaHCO 3 ) Cattura, trasporto e stoccaggio geologico in siti di stoccaggio autorizzati ai sensi della Direttiva 2009/31/CE Trasporto aereo (salvo le eccezioni elencate nei punti da a) a j)) 14

15 Direttiva EU ETS: Allegato I, esclusioni Esclusioni: Gli impianti o le parti di impianti utilizzati per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi prodotti e processi e gli impianti che utilizzano esclusivamente biomassa non rientrano nella Direttiva 2003/87/CE. 15

16 Cosa deve fare un azienda? Verificare se rientra nel campo di applicazione della Direttiva 2003/87/CE e del DLgs 216/06 Se rientra chiedere l autorizzazione ad emettre gas ad effetto serra novanta giorni prima prima della data di entrata in esercizio dell'impianto L autorizzazione deve essere richiesta secondo le modalità previste (compilazione di un Piano di Monitoraggio ) L'autorità nazionale competente verifica la completezza e la correttezza della domanda di autorizzazione e rilascia l'autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra entro quarantacinque giorni dal ricevimento della domanda. Il suddetto termine e' sospeso nel caso di richiesta da parte dell'autorità nazionale competente di ulteriori informazioni al gestore dell'impianto e fino al ricevimento delle informazioni richieste. 16

17 Cosa deve fare un azienda? Il Gestore dal rilascio dell autorizzazione monitora le emissioni dell anno in corso. Il monitoraggio dovrà svolgersi poi annualmente. Entro il 31 marzo di ogni anno i dati di emissione dell anno precedente devono essere verificati da un ente terzo indipendente Entro il 31 marzo comunica le proprie emissioni di CO2 all Autorità Nazionale Competente nelle modalità previste Entro il 31 marzo le emissioni di CO2 devono essere inserite ed approvate nel Registro delle Emissioni Gestito dall ISPRA Entro il 30 aprile di ogni anno le quote di emissioni verificate vengono confrontate con quelle assegnate nell anno. Entro quella stessa data, il gestore ha l obbligo di restituire un numero di quote d emissione pari alle emissioni di gas serra rilasciate in atmosfera durante l anno precedente. 17

18 I meccanismi dello schema EU ETS Il commercio delle quote (Emissions Trading) Consente ad un paese industrializzato di vendere ad un altro (industrializzato) i diritti in eccesso che derivano da una riduzione delle proprie emissioni al di sotto della soglia per la quale si è impegnato. Quote da comperare Quote Assegnate Emissioni effettive CAP Quote Assegnate Quote da Vendere Emissioni effettive CAP Crediti Utilizzati (emissioni effettive) Crediti Utilizzati (emissioni effettive) 18

19 Esempi di assegnazione quote 19

20 Decreto Legislativo n. 216/2006 smi Principali sanzioni introdotte (art. 20): Chi esercita un attività ETS senza autorizzazione è soggetto a sanzione pecuniaria da a aumentata, per ciascuna tonnellata di CO 2 equivalente emessa in mancanza di autorizzazione, di 40 per il primo periodo di riferimento e di 100 per i periodi di riferimento successivi. Tali soggetti sono tenuti a richiedere l autorizzazione ad emettere entro trenta giorni dall accertamento della violazione; decorso inutilmente tale termine, il Comitato dispone la sospensione amministrativa dell attività dell impianto (art. 20, commi 1 e 2). Il gestore che non comunichi le informazioni necessarie all assegnazione delle quote ai sensi dell art. 12 (raccolta dati per l assegnazione delle quote di emissione) nei tempi e nei modi previsti, è soggetto a sanzione pecuniaria da a Il Comitato diffida il gestore che non ha comunicato le suddette informazioni a comunicarle entro 15 giorni dalla data di ricevimento della diffida. Decorso inutilmente tale termine, il Comitato dispone la sospensione amministrativa dell impianto (art. 20, comma 3). Sono previste pesanti sanzioni anche nei casi in cui le informazioni comunicate ai sensi dell art. 12 risultino false (art. 20, commi 4 e 5), oppure nei casi in cui il gestore non presenti la dichiarazione relativa alle quote emesse, corredata di attestato di verifica, o renda dichiarazione falsa o incompleta (art. 20, comma 6 da a ). E altresì soggetto a sanzione il gestore che entro il 30 aprile di ogni anno non restituisca le quote di emissione nella quantità prevista (art. 20, comma 7 - per ogni quota non restituita di 40 per il primo periodo di riferimento e di 100 per i periodi di riferimento successivi). 20

21 Carbon Management Ambito Volontario

22 Quale può essere il campo di applicazione di carbon management? Trasporto casa- lavoro dei dipendenti/ trasporto per business Fine vita Utilizzo Combustione Elettricità Materie prime PRODUZIONE Prodotto finito Stoccaggio/ punto vendita Trasporti materie prime Processo Calore e vapore importati e consumati Trasporti prodotti finiti FORNITORI 22

23 Step fondamentali: Contabilizzazione, riduzione, compensazione Definizione dell inventario di gas ad effetto serra e relativa quantificazione delle emissioni di GHG. Compensazione tramite l acquisto di crediti di emissione derivanti da società riconosciute a livello internazionale. Riduzione delle emissioni di GHG attraverso apposite attività/modifiche di impianto. Attuazione di progetti specifici di compensazione/ riduzione emissioni di GHG al di fuori dell organizzazione (progetti CDM, JI, VCS) 23

24 Come nasce la norma ISO La norma ISO 14064, che ad oggi è stata adottata e pubblicata anche come norma nazionale UNI ISO 14064, è suddivisa in tre parti che posso essere utilizzate separatamente o come un utile insieme di strumenti integrati per rispondere ai differenti bisogni in materia di dichiarazioni e verifiche delle emissioni dei gas ad effetto serra. UNI ISO UNI ISO UNI ISO

25 Le 3 parti della norma ISO La norma ISO parte 1: UNI ISO :2006 Greenhouse gases - Part 1: Specification with guidance at the organization level for the quantification and reporting of greenhouse gas emissions and removals (Gas ad effetto serra - Parte 1: Specifiche e guida, al livello dell'organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra e della loro rimozione) A chi si rivolge? Alle organizzazioni ed alle imprese che intendono: progettare, sviluppare, gestire e rendicontare inventari di gas ad effetto serra Quali sono i contenuti? la norma specifica i requisiti ed i principi di processo per progettare, sviluppare, gestire e rendicontare inventari di gas ad effetto serra. N.B.: non riporta specifici criteri o procedure di monitoraggio 25

26 Le 3 parti della norma ISO La norma ISO parte 2: UNI ISO :2006 Greenhouse gases - Part 2: Specification with guidance at the project level for the quantification, monitoring and reporting of greenhouse gas emission reductions and removal enhancements (Gas ad effetto serra - Parte 2: Specifiche e guida, al livello di progetto, per la quantificazione, il monitoraggio e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra o dell'aumento della loro rimozione) A chi si rivolge? Alle organizzazioni ed alle imprese che intendono implementare un progetto per le riduzione e/o per l aumento delle rimozioni delle emissioni di GHG Quali sono i contenuti? la norma specifica i requisiti ed i principi per determinare gli scenari di riferimento e per monitorarne, quantificarne e rendicontarne le prestazioni N.B.: non riporta specifici criteri o procedure di monitoraggio 26

27 Le 3 parti della norma ISO La norma ISO parte 3: UNI ISO :2006 Greenhouse gases - Part 3: Specification with guidance for the validation and verification of greenhouse gas assertions (Gas ad effetto serra - Parte 3: Specifiche e guida per la validazione e la verifica delle asserzioni relative ai gas ad effetto serra") A chi si rivolge? Agli organismi di certificazione Quali sono i contenuti? la norma specifica i requisiti per validare e/o verificare gli inventari di GHG e validare e/o verificare progetti relativi ai gas ad effetto serra (asserzioni sui GHG). Esempi di asserzione sui GHG: 1. Quantificazione delle emissioni o rimozioni di GHG dell organizzazione 2. Prestazione od efficacia dei sistemi interni o dei processi di controllo 3. Prestazione od efficacia dei processi operativi 4. Conformità ai requisiti della ISO e/o ISO

28 Caratteristiche della ISO La norma ISO è una metodologia internazionalmente definita e riconosciuta La norma ISO è neutrale rispetto ai programmi relativi ai GHG: usa cioè termini e concetti ideati per essere compatibili con requisiti di altre iniziative sui GHG, buone pratiche, legislazione e norme. Al fine di avere un ampia e flessibile applicazione, la ISO stabilisce principi e specifica requisiti di processo piuttosto che descrivere specifici criteri e procedure. proprio come per altri standard di applicazione volontaria in ambito ambientale, permette di ricorrere alla certificazione di conformità ISO per comunicare ai propri partner commerciali, clienti o autorità, la propria prestazione in termini di riduzione dei gas serra 28

29 Principi della ISO PERTINENZA: selezionare le sorgenti di GHG, gli assorbitori di GHG, i dati e le metodologie appropriati alle necessità dell utilizzatore previsto COMPLETEZZA: includere tutte le emissioni e rimozioni di GHG pertinenti COERENZA: permettere confronti significativi tra le informazioni relative ai GHG ACCURATEZZA: ridurre gli errori sistematici e le incertezze per quanto possibile nell applicazione pratica CONSERVATIVITÀ: usare ipotesi e procedure atte a garantire che le riduzioni delle emissioni o gli aumenti delle rimozioni dei GHG non siano sovrastimati TRASPARENZA: divulgare informazioni relative ai GHG sufficienti ed appropriate in modo da permettere agli utilizzatori previsti di prendere decisioni con ragionevole fiducia 29

30 Carbon footprint e ISO L espressione carbon footprint è diventata molto popolare negli ultimi anni ed è sempre più usata dai media. Nonostante l uso diffuso, non esiste ancora un completo accordo sulla precisa definizione di cosa sia il carbon footprint La definizione più diffusa (anche secondo il Joint Research Center JRC istituto a servizio della Commissione Europea) è la seguente: Carbon footprint (CF) is the overall amount of carbon dioxide (CO 2 ) and other greenhouse gas emissions (CH 4, N 2 O, HFCs, PFCs, SF 6 ) associated with a product (goods and services) along its life cycle. Product Life Cycle = supply chain + use + end-of-life 30

31 Carbon footprint e ISO Come valutare un carbon footprint? Il carbon footprint è un sottoinsieme dei dati derivanti da uno studio di tipo Life Cycle Assessment (LCA). CF consiste pertanto in uno studio LCA la cui analisi si limiti alle emissioni che hanno effetto sul fenomeno del global warming. 31

32 Carbon footprint e ISO Un carbon footprint, pertanto: E basato sulle metodologie fornite dalle norme ISO e Prevede requisiti di robusta qualità dei dati e della documentazione atta a supportarli Prevede di comunicare i risultati in maniera comprensibile e trasparente (in accordo a quanto previsto dalla norma ISO 14025, Etichette e dichiarazioni ambientali Dichiarazioni ambientali di tipo III ). Prevede una fase di revisione indipendente 32

33 Carbon footprint e ISO La norma ISO E allo studio dell ISO (ISO/TC 207/SC 7/WG 2) una norma specifica sul carbon footprint: la ISO (carbon footprint of products). 33

34 PAS 2050 La norma PAS 2050 Ad oggi lo standard esistente per il CF probabilmente più noto è la norma PAS 2050, elaborata in Inghilterra dal BSI (British Standard Institute), dal Carbon Trust e dal DEFRA (Department of Environment, Food and Rural Affairs). Oltre alla PAS 2050 è stata pubblicata una guida che illustra come applicare la norma: Guidance to PAS

35 Il Water Footprint ISO 14046, Water footprint Requirements and guidelines: Preliminary Work Item Water Footprint Network: Water Footprint Assessment Manual Si basano su studi di LCA 35

36 Studi di LCA (Life Cycle Assessment) - Revisione Critica

37 Cos è la LCA Life cycle assessment (LCA) è uno strumento per analizzare le implicazioni ambientali di un prodotto lungo tutte le fasi del suo ciclo di vita, ossia l estrazione delle materie prime, la lavorazione dei materiali, l assemblaggio del prodotto, l uso e lo scenario di fine vita ( dalla culla alla tomba ). Le implicazioni ambientali coprono tutti i tipi di impatto sull ambiente, come il consumo di risorse e l emissione di sostanze pericolose. 37

38 Revisione critica dell analisi LCA L LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici ed ambientali relativi ad un processo/prodotto. E regolato a livello internazionale dalle Norme ISO e ISO L analisi LCA si svolge in 4 distinte fasi secondo la norma ISO 14040, 14044: Step 1: Definizione dell'obiettivo, dello scopo dell LCA. I prodotti o servizi effettuati nello studio e i confini dell analisi LCA. Step 2: Inventario del ciclo di vita. Quantificare l'energia e le materie prime in ingresso e le emissioni ambientali associate ad ogni fase del ciclo di vita. Step 3: Analisi degli impatti. Valutare gli impatti sulla salute umana e l'ambiente Step 4: Analisi dei risultati. Valutare l'opportunità di ridurre l'energia, i materiali, o l'impatto ambientale in ogni fase del ciclo di vita del prodotto. 38

39 Esempio di Studio di tipo LCA 39

40 Revisione critica dell analisi LCA L attività di Bureau Veritas nell analisi dell LCA : Verificare che i metodi utilizzati per eseguire l LCA siano coerenti con la norma ISO e ISO Verificare che i metodi utilizzati per eseguire l LCA siano validi dal punto di vista scientifico e tecnico. Verificare che i dati utilizzati siano appropriati e ragionevoli in rapporto agli obiettivi dello studio Verificare che le interpretazioni riflettano le limitazioni identificate e l obiettivo dello studio Verificare che il rapporto sullo studio sia trasparente e coerente A seguito della della verifica di Critica Review verrà emesso un report tecnico con l esito della valutazione della Revisione Critica. 40

41 Life Cycle Thinking Screening caratterizzazione prodotto/servizio Analisi LCA Critical Review Considerazioni finali/ Etichettature

42 Certificazione EPD

43 EPD Cosa è? Nel panorama attuale delle certificazioni ambientali, la Dichiarazione Ambientale di Prodotto (Environmental Product Declaration, EPD), quale etichetta di tipo III, rappresenta uno strumento di gestione ambientale innovativo, capace di valutare gli impatti ambientali di un prodotto o di un servizio associati al suo intero ciclo di vita e di comunicarli in modo CREDIBILE all esterno. L OGGETTIVITÀ dei dati e delle informazioni contenuteall interno della Dichiarazione Ambientale di Prodotto è supportata dall utilizzo della Valutazione del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment, LCA), come metodologia per la quantificazione dei carichi energetici ed ambientali di un prodotto o di un servizio lungo tutto il suo ciclo di vita (norme serie ISO 14040). 43

44 Come ottenere l EPD L EPD del singolo prodotto deve essere realizzato sulla base delle specifiche contenute nella PCR (Product Category Rules). La PCR riporta: gli elementi principali da considerare nello sviluppo della LCA (Life Cycle Assessment) del singolo prodotto; le informazioni che devono essere inserite nella relativa EPD. REQUISITI SPECIFICI DI PRODOTTO (PCR) STUDIO LCA DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO 44

45 Etichettatture di terzo tipo: caratteristiche chiave Credibilità Verifica di terza parte Comparabilità Partecipazione degli Stakeholder (PCR) Oggettività LCA 45

46 Certificazione EPD L EPD del singolo prodotto deve essere realizzato sulla base delle specifiche contenute nella PCR che riporta le indicazioni necessarie per condurre uno studio di LCA su tutti gli impatti generati lungo l intero ciclo di vita del prodotto. Come opera Bureau Veritas? Per garantire credibilità, Bureau Veritas offre una verifica esterna di terza parte che prevede: raccolta di dati basati sull LCA e la scelta dei metodi utilizzati che sono effettuati nel rispetto della ISO 14040/14044 e della PCR di riferimento, risultati dell'analisi di inventario e dei calcoli di valutazione d'impatto che sono effettuate utilizzando metodi prescritti. 46

47 Perchè fare uno studio LCA ed un EPD? Risponde all esigenza di comunicare dati ambientali in modo standardizzato Per poter svolgere un confronto imparziale tra diversi prodotti Per comunicare i dati ambientali relativi ad un prodotto/servizio lungo tutta la filiera produttiva Semplificare lo scambio di informazioni a supporto degli acquisti verdi sia pubblici che privati Per monitorare il miglioramento delle prestazioni ambientali dei prodotti/servizi Agevolare il processo di miglioramento dei prodotti all interno dell azienda (Eco-desigh) 47

48 Certificazione ISO 50001

49 Framework Obiettivo comunitario da raggiungere entro il 2020 (pacchetto clima): 20% riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra 20% miglioramento dei processi energetici 20% energia da fonti rinnovabili (17% per l Italia) 10% biocombustibili nei consumi globali di carburanti per il trasporto 49

50 La Norma ISO Nel mese di luglio 2009 è stata pubblicata la norma EN 16001:2009, relativa ai sistemi di gestione dell'energia. Con la pubblicazione della norma ISO Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti e linee guida per l'uso ( Energy management systems - Requirements with guidance for use ), nel mese di giugno 2011, anche a livello internazionale è stata raccolta la "sfida" lanciata dal CEN per l'uso efficiente dell'energia. 50

51 La Norma ISO Specifica i requisiti per creare, avviare, mantenere e migliorare un sistema di gestione dell'energia. Il sistema consente all'organizzazione di avere un approccio sistematico al continuo miglioramento della propria efficienza energetica. La norma descrive i requisiti per un continuo miglioramento sotto forma di un più efficiente e più sostenibile uso dell'energia, senza tener conto della sua forma. La norma però non definisce specifici criteri di prestazione energetica. La norma è applicabile ad ogni organizzazione che voglia essere conforme alla propria politica energetica e dimostrare tale conformità ad altri mediante autovalutazione e autodichiarazione di conformità o mediante certificazione di terza parte del proprio sistema di gestione dell'energia. 51

52 La Norma ISO Un Sistema di Gestione dell Energia può essere implementato indipendentemente da altri Sistemi di Gestione. La norma è stata tuttavia scritta in modo da armonizzarsi pienamente con gli altri standard ISO sui sistemi di gestione; in particolar modo, la ISO può integrarsi senza difficoltà con lo standard ISO 14001: il Sistema di Gestione dell Energia che definisce potrebbe diventare una "componente" di un Sistema di Gestione Ambientale di un organizzazione. 52

53 Certificazione Biocarburanti e Bioliquidi

54 Framework Obiettivo comunitario da raggiungere entro il 2020 (pacchetto clima): 20% riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra 20% miglioramento dei processi energetici 20% energia da fonti rinnovabili (17% per l Italia) 10% biocombustibili nei consumi globali di carburanti per il trasporto Rinnovabile Sostenibile La sostenibilità diventa condizione necessaria per il raggiungimento degli obiettivi sopra indicati. Incentivi statali Direttiva 2009/28/CE (RED) e la Direttiva 2009/30/CE definiscono i criteri di sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi. Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 28: Attuazione della direttiva 2009/28/CE Decreto Legislativo 31 marzo 2011, n. 55: Attuazione della Direttiva 2009/30/CE Decreto interministeriale del smi 54

55 DI QUALI PRODOTTI SI PARLA? Biocarburanti: carburanti liquidi o gassosi per i trasporti ricavati dalla biomassa; Bioliquidi: combustibili liquidi per scopi energetici diversi dal trasporto, compresi l elettricità, il riscaldamento ed il raffreddamento prodotti dalla biomassa Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Aprile 2009 sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE 55

56 DI QUALI PRODOTTI SI PARLA? PRINCIPALI BIOCARBURANTI Il bioetanolo è prodotto dalla fermentazione di biomasse ricche di zuccheri, come il mais, le vinacce, le barbabietole. Ultimamente ci si sta orientando verso la produzione di bioetanolo a partire da biomasse legnose, evitando così l uso di biomasse destinabili a scopi alimentari. Il bioetanolo può essere utilizzato in motori a benzina, miscelato con il carburante tradizionale. In campo energetico, il bioetanolo può essere utilizzato direttamente come componente per benzine o per la preparazione dell'etbe (EtilTerButilEtere). Il biodiesel viene prodotti dagli oli vegetali. A loro volta, gli oli sono estratti da semi di determinate piante, come il girasole, la colza, la palma. Recentemente sono stati prodotti biodiesel a partire da oli di scarto, come l olio di frittura. La ricerca è impegnata a sviluppare sistemi che permettano l uso delle alghe per la produzione di biodiesel.il biodiesel può essere utilizzato in motori diesel, miscelato con il gasolio. Il biometano è il gas prodotto dalla purificazione del biogas, avente caratteristiche tali da consentirne l immissione nella rete del gas naturale. Il biometano può essere utilizzato senza particolari precauzioni nei veicoli a metano. 56

57 CRITERI DI SOSTENIBILITA PREVISTI I biocarburanti non devono essere prodotti a partire da materie prime ottenute su terreni che presentano un elevato valore in termini di biodiversità (foreste primarie, aree protette, terreni erbosi aòta biodiversità o naturali) o su terreni che presentano un elevato stock di carbonio (zone umide, zone boschive con determinate caratteristiche) o su terreni che erano torbiere nel Gennaio Risparmio emissioni gas ad effetto serra pari almeno al 35%. Per gli impianti già in servizio al 23 Gennaio 2008 a partire dal 1 Aprile Risparmio emissioni gas ad effetto serra pari almeno al 50%: A partire dal 1 Gennaio Risparmio emissioni gas ad effetto serra pari almeno al 60%: per i biocarburanti prodotti negli impianti entrati in produzione dal o dopo il 1 Gennaio 2017: solo a partire dal 1 Gennaio

58 SOGGETTI COIVOLTI Operatori Economici lungo tutta la filiera della produzione/vendita dei biocarburanti e dei bioliquidi: Coltivatore Cooperative di raccolta Spremitori Distillerie (vinacce) Società di Rendering - Colatore (grassi animali) Società di raccolta e filtrazione UCO (olii esausti di cucina) Produttori materie intermedie filiera biocarburanti e/o bioliquidi Produttori biocarburanti e/o bioliquidi Trader L Operatore Obbligato che immette in consumo non si deve Certificare Le Raffinerie di Petrolio si devono certificare solo se fanno trading o blanding o altre attività per terzi. 58

59 Quali sono gli obblighi dei fornitori? A decorrere dal 1 Gennaio 2012, entro il 31 Gennaio di ciascun anno, i fornitori (soggetto obbligato sottoposto al pagamento delle accise) trasmettono al Ministero Ambiente, tramite l ISPRA, una relazione, sui combustibili per i quali hanno assolto l accisa, in cui sono specificate: a) il quantitativo totale di ciascun tipo di combustibile o di energia forniti con l indicazione del luogo di acquisto e dell origine; b) le relative emissioni di gas ad effetto serra prodotte durante il ciclo di vita per unità di energia. La relazione è accompagnata dai documenti comprovanti l avvenuto accertamento dei criteri di sostenibilità forniti dagli operatori economici. 59

60 Quali sono gli obblighi degli operatori economici? Rilasciano al fornitore al momento della cessione di ogni partita di biocarburanti, copia di un certificato di sostenibilità relativo all origine, al luogo di acquisto e alle emissioni di gas ad effetto serra prodotte durante il ciclo di vita, per unità di energia della stessa partita rilasciato: nell ambito del Sistema nazionale di certificazione, o Nell ambito di un sistema di certificazione riconosciuto dalla Comunità Europea. SANZIONI: L operatore economico che produce l autocertificazione in forma incompleta, inesatta o difforme, è punito con la sanzione amministrativa da a Euro. 60

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

129-130 Basilicata Regione Notizie

129-130 Basilicata Regione Notizie 129-130 Basilicata Regione Notizie Guardia Perticara, paesaggio (Foto di Leonardo Nella - Archivio Total) 164 Sviluppo agro-energetico Benefici economici e ambientali contro la crisi delle risorse fossili

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Ha fatto notizia in queste

Ha fatto notizia in queste di Antonio Boschetti APPROFONDIMENTI Biodiesel e olio di colza, dov è la convenienza Ha fatto notizia in queste ultime settimane scoprire che alcuni automobilisti, a quanto pare soprattutto al Nord, stavano

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (OVVERO PIANO NAZIONALE D AZIONE SUL

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli