Accettare la nuova normalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accettare la nuova normalità"

Transcript

1 Federazione Nazionale Agenti Raccomandatari Marittimi e Mediatori Marittimi Accettare la nuova normalità Considerazioni sull attuale fase del mercato marittimo-portuale Trieste, 20 giugno 2014 di Sergio Bologna 1

2 Alla ricerca disperata di indizi che possono annunciare una decisa ripresa dell economia mondiale, sia le grandi istituzioni internazionali (IMF, World Bank, OCSE ecc.) sia gli istituti di ricerca più accreditati continuano ad inseguire l evoluzione del PIL, dei traffici e degli scambi, giorno per giorno, mese per mese, trimestre per trimestre, alternando gridolini di gioia quando gli indici si muovono appena appena all insù e sospiri di sconforto non appena ritornano a scendere. 1 One year ago 2013 was proclaimed to be a year with stronger growth than the [year] we had just left, ha dichiarato Peter Sand, chief shipping analyst del Baltic International Maritime Council, Today, we are predicting the same thing in 2014, which is estimated to be just as good as 2013 was supposed to be. Le previsioni non si fanno mai su una serie di dati temporali a breve, solo l osservazione di una serie storica di almeno due-tre anni, può indicare una tendenza di fondo. Bene hanno fatto quindi l OCSE e il WTO a segnalare che, sulla base dei dati riguardanti il rapporto tra crescita del PIL globale e crescita del commercio internazionale degli ultimi sei/sette anni, si osserva un profondo cambiamento che potrebbe essere di natura strutturale e non semplicemente congiunturale. 2 Mentre prima della recessione ad ogni punto di crescita del PIL globale corrispondevano due punti di crescita del commercio internazionale, dal 2011 in poi ciò non avviene, le due grandezze sembrano procedere in parallelo, con uno scarto solo del 25% circa a favore del commercio mondiale. 3 E questa, a detta del BIMCO, is a bad news for shipping. Presentando l ultima edizione delle Trade Statistics, il 14 aprile 2014, il direttore generale del WTO ha dichiarato: It s clear that trading is 1 Le continue delusioni ed i continui aggiustamenti di previsioni smentite dalla realtà hanno indotto anche le più coriacee istituzioni internazionali a cautelarsi con se e con ma ad ogni affermazione, v. l ultimo World Economic Outlook, April 2014 del FMI che fonda le sue previsioni su una serie di assunti tutti da dimostrare, come l abbassamento dei prezzi del greggio nel corso del 2014 e del 2015 e la stabilità dei cambi. 2 U.N., World Economic Situation and Prospects Since the dip in 2009, world trade has recovered to reach 26% of GDP in 2011 but has stayed at that level since then, breaking out of the progressive pre-crisis trend. Despite the fact that world trade keeps growing in value and volume, this potential new trend is bad news for shipping, as it could dampen growth in shipping demand in the long term, BIMCO, Dry Bulk Shipping: market outlook

3 going to improve as the world economy improves. But I know that just waiting for an automatic increase in trade will not be enough for WTO members. 4 In effetti guardando questi tre grafici, la differenza tra il ciclo che si è concluso con il 2008 e gli anni successivi è evidente, ciononostante il WTO persiste con il suo ottimismo di maniera e prevede una crescita del commercio mondiale del 4,7% nel 2014 e del 5,3% nel 2015: Tavola 1 Growth in the volume of the world merchandise trade and GDP, , Annual % change Fonte: WTO Secretariat (2014 e 2015 sono previsioni) Tavola 2 10-year moving average of world trade, GDP and trade/gdp, , Average Annual % change (left) and ratio (right) 4 WTO, International Trade Statistics, L edizione contiene alcune importanti novità: The new data highlight, for example, that trade in intermediate goods is just as concentrated among large players as overall trade. The ten largest merchandise traders constitute nearly 60 per cent of world trade and about half of world trade in intermediate goods. Many of these global value or production chains are organized by a multinational enterprise. For US multinationals, one-third of their exchanges take place within the multinational. 3

4 Fonte: WTO Secretariat Tavola 3 Deviation of world merchandise export volume from pre-crisis trends, , percent Fonte: WTO Secretariat Evidentemente le lezioni della storia sono servite a ben poco: nel 1938, a dieci anni dallo scoppio della grande crisi del 29, il volume degli scambi internazionali era inferiore a quello del 1914, malgrado gli enormi progressi nel campo della produzione con la catena di montaggio, i consumi di massa, le innovazioni nel campo chimico, energetico, agricolo ecc.. Ha ragione Krugmann a sottolineare per Il Sole 24 Ore che le formule di politica monetaria (più o meno quantitative easing, più o meno inflazione) non rispecchiano scelte più o meno razionali ma interessi economici. I detentori di grandi fortune finanziarie, quelli che rappresentano lo 0,1% della 4

5 popolazione USA, sono sempre stati contrari a politiche inflazionistiche che aumentavano i salari e facilitavano una ripresa. 5 Invece di inseguire gli alti e bassi settimanali degli indici economici, dovremmo accettare che ormai l economia mondiale si muove secondo un nuovo paradigma e che il ritorno a tassi di crescita pre-crisi è, appunto, wishful thinking. Se diamo ascolto ai guru dell economia, ne troviamo diversi, di opposte tendenze, dall ex Segretario al Tesoro Larry Summers a Paul Krugmann stesso, dall editorialista del Financial Times Martin Wolf al suo collega Wolfgang Munchnau, che ritengono assai probabile per l Occidente capitalistico un periodo di lunga stagnazione e di deflazione: mentre tutti si aspettano un ritorno alla normalità, con una ripresa, prima o poi, dell economia, tale ripresa potrebbe non esserci in alcun modo e la stagnazione registrata negli ultimi cinque anni potrebbe diventare la nuova normalità (the new normal) dei prossimi decenni per le economie occidentali. 6 Tutte le stime del Fondo monetario Internazionale per il 2014 sono state riviste al ribasso. 7 La sola cosa che si può dire è che negli ultimi cinque anni tutte le previsioni nessuna fonte esclusa che hanno calcolato crescite moderate o pressoché inesistenti per l Europa hanno sbagliato meno di quelle che hanno calcolato crescite elevate. Questo non significa che si debba esser pessimisti per partito preso, ciò che conta è inserire ogni previsione in un contesto generale che vede un forte cambiamento di paradigma. Ma non basta, è ora di sbarazzarsi di alcuni luoghi comuni la cui ripetizione rischia di far diventare buon senso delle perfette idiozie o verità delle plateali bugie. Si pensi per esempio al problema del credit crunch ed alla tesi che la mancata ripresa dell economia italiana sia dovuta alla riluttanza delle banche nel concedere crediti alle imprese. Sarà vero per il mondo della piccola impresa, per la miriade di microimprese che non possono più scontare le fatture in banca e rischiano di chiudere per un ritardo nei pagamenti. Ma quando mai la grande impresa, soprattutto nel settore immobiliare e delle costruzioni, ha avuto problemi ad aprire linee di credito presso il sistema bancario italiano? Il problema è che le imprese italiane quotate in Borsa, secondo l ultima 5 La politica monetaria in realtà non è una materia tecnica, immune da condizionamenti politici: un'inflazione moderata può essere benefica per l'occupazione, specialmente quando un Paese sta cercando di smaltire un forte indebitamento, ma è venefica per lo 0,1% più ricco degli americani; e questo fatto finisce per influire in misura rilevante sulla discussione, Paul Krugmann su del 20 aprile La crisi e il ruolo delle banche centrali, di Vincenzo Comito, su 7 DynaLiners Monthly, novembre 2013, p. 5. Anche l ultimo World Economic Outlook, aprile 2014, riporta numerose correzioni al ribasso. 5

6 edizione dello studio Mediobanca sui conti economici di 2035 imprese italiane, invece di investire hanno distribuito dividendi 8 Fonte: Mediobanca, Il 61% del fatturato di queste società è prodotto estero su estero. Queste sono le imprese che assorbono le maggiori risorse dal welfare (leggi Cassa Integrazione) e restituiscono al Paese le briciole. Qui stanno le lobbies dell informazione e della comunicazione, qui sta l influenza sulla politica, in mezzo a queste imprese si trovano i responsabili delle sofferenze del credito bancario. Credit crunch o debt insolvency? Molto diverso è il quadro delle medie imprese, che costituiscono la parte sana del sistema produttivo italiano. 8 Mediobanca, Dati cumulativi di 2035 società italiane (2013). 6

7 Fonte: Mediobanca, I cosiddetti rischi che minacciano la crescita di un Paese o di una regione economica, sono in realtà circostanze strutturali determinate da comportamenti specifici degli attori forti sul mercato. Il sistema marittimo-portuale non ne è esente. Il container Il 2013 è stato l anno in cui sono entrate in servizio nel settore dei container le navi giganti da e Teu. Nel Northern Range erano in grado di accoglierle sia Le Havre che Rotterdam, sia Anversa che Bremerhaven, non Amburgo per insufficienti fondali e la forte opposizione civile ad ulteriori dragaggi dell Elba. Anche se per ragioni d immagine o di pubblicità una volta ci è arrivata, scarica, la Marco Polo della CMA CGM, il limite massimo di Amburgo è per navi da Teu. 9 Malgrado questo, l anno 2013 si è chiuso con i risultati riportati nel grafico, positivi per Amburgo, negativi per quei porti che sono meglio attrezzati per accogliere le navi giganti. I risultati migliori, in termini di volumi, Amburgo li ha ottenuti grazie ai traffici di transhipment con il Baltico, infatti l incremento delle relazioni con i porti di quella regione è stato del 10,1%, con quelli della Svezia e della Polonia del 21%, con i porti 9 Thomas Riber Knudsen, responsabile per la regione Asia-Pacifico di Maersk Line, ha dichiarato a Lloyd s List del , che solo due porti sono già in grado di accogliere le loro navi classe Triple E a pieno carico, perché dotati di fondali, lunghezza banchina, gru e piazzali sufficienti: Yantian e Tanjung Pelepas. Le navi quindi viaggiano con carico massimo attorno ai Teu. 7

8 della Russia del 6,4%. 10 Sembra che queste performances Amburgo le abbia ottenute con una spregiudicata politica di sconti, in particolare per le navi più grandi e questo può aver determinato la reazione di Rotterdam, che ha pubblicato uno studio in cui si dimostrava che la politica tariffaria di Anversa ed Amburgo, resa possibile dai finanziamenti pubblici, aveva danneggiato il porto olandese. 11 In realtà Rotterdam aveva fatto lo stesso qualche anno fa, riuscendo a strappare ad Amburgo il ricco boccone rappresentato dal transhipment verso le repubbliche baltiche e la Russia. Questa guerra a colpi di sconti, vecchia come il cucco, dimostra però che i porti del Nord hanno commesso lo stesso errore delle compagnie marittime creando una sovracapacità, messa in luce dallo studio Adstrat già nel 2012, che induce necessariamente ad abbassare le tariffe per reggere la concorrenza, in una spirale dove ad un aumento degli investimenti in infrastrutture non corrispondono né un aumento di redditività, né un aumento degli introiti. E quanto questo aumento di capacità sia stato rilevante e del tutto insensato rispetto alla domanda lo dimostra il flop del porto di Wilhelmshaven. Se s interrogano gli operatori portuali tedeschi su questa iniziativa risponderanno che sì è vero, lo Jade Weser Port ha deluso le aspettative, ma basterà attendere qualche anno e si vedrà come anche Wilhelmshaven sarà pieno di container. Intanto però il 29 marzo 2014 una nota della direzione di Eurogate informava che era stato raggiunto un accordo con il sindacato ver.di per garantire una transizione dallo stato attuale di mancanza di traffico a quando si saprà con certezza se l alleanza P3 intende mantenere la promessa di due servizi sullo Jade Weser Port. Le maestranze, esaurito il periodo di cassa integrazione, rinunciano al 15% del salario base ed Eurogate s impegna a mantenere l occupazione attuale per un anno. 12 Non solo i porti hanno dovuto stringere la cinghia, il contraccolpo più negativo del gigantismo lo hanno avuto certi terminal su due fronti: una maggiore pressione sui 10 PORTnews, , notiziario online dell Autorità portuale di Amburgo. Il numero 7 del 2014 della stessa pubblicazione riportava una crescita dei Teu pari all 8% (+10% quelli con il Far East) nel primo trimestre 2014 ed una crescita anche nelle merci in colli e nelle merci alla rinfusa, un exploit che pone Amburgo ormai in diretta concorrenza con Rotterdam. 11 Rotterdam, by far the largest container hub in Europe, reported a second year of decline in box numbers. It handled 11.66m teu in 2013, down 1.7% on 2012, due to the economic crisis and because rival German port Hamburg won back some feeder traffic in Lower gowth is the new norm for box ports, by Roger Hailey, in Lloyd s List del Eurogate, Pressemitteilung Wilhelmshaven Vale la pena di leggere anche l intervista del nuovo management di Wilhelmshaven alla Deutsche Verkehrzeitung, DVZ, 8 aprile Nell area logistica un solo cliente che per di più li ha denunciati per canoni eccessivi. 8

9 costi determinata da una richiesta più insistente delle compagnie di poter godere di tariffe minori e servizi migliori, un utilizzo meno efficiente delle risorse in seguito ai forti alti e bassi determinati dal gigantismo navale, che penalizza soprattutto i terminal meno flessibili e fa sballare la loro programmazione, moltiplicando gli effetti di disruption della catena logistica non previste, com è stato il caso dei gravi ritardi delle navi a causa del prolungato maltempo tra la fine di febbraio e l inizio di marzo. In quella occasione il porto di Amburgo si vide costretto ad emettere un comunicato speciale, una specie di edizione straordinaria del suo bollettino, per avvertire i clienti della situazione ed in particolare per invitarli alla cautela nel mandare all imbarco i container in export, che stavano intasando i terminal. Maggiori traffici quindi non sempre comportano maggiori guadagni. La rivista informare nel numero del 27 marzo 2014 ha riportato i risultati economici del principale terminalista di Amburgo, la società pubblica HHLA, che ha avuto nel 2013 un calo del 25% dell utile netto rispetto al 2012, pur avendo aumentato i movimenti del 4,4% ed i traffici intermodali addirittura del 18%. L utile operativo si è ridotto del 15% ed il fatturato è aumentato del 2%. Si è portata a casa comunque un profitto di 54,3 milioni di euro su un fatturato di 1,15 miliardi, bilancio pur sempre positivo ma sconcertante dal punto di vista del rapporto volumi/redditività. In mancanza di rendiconti finanziari dettagliati (molti terminal nel Nord appartengono a global terminal operators che presentano bilanci consolidati) è troppo presto per dire che la sovracapacità e il gigantismo sono responsabili di una diminuzione della redditività dei terminal ma tutto lascia pensare che sia così. Il sovradimensionamento delle infrastrutture nel Nordeuropa è stato determinato, oltre che dalle attese prodotte dal gigantismo navale, da previsioni di traffico troppo ottimistiche. 13 Il porto di Amburgo sino all altroieri si muoveva con un orizzonte 2025 di 25 milioni di Teu, a gennaio ha presentato uno studio nel quale tale previsione era ridimensionata non poco: 15 milioni di Teu, un taglio del 40% Drewry valuta che un aumento di capacità di 1 mln di Teu comporta mediamente un costo d infrastruttura e di equipment di 350 mln di dollari, v. Global Container Terminal Operators, E vero, come dice de Langen che le previsioni di traffico fatte dai grandi porti del Nord e dai loro consulenti erano fatte coi piedi ma anche le alternative che lui propone rischiano di esser superficiali; per esempio propone di calcolare i volumi in base alla popolazione, ma sarebbe assai più logico calcolarli in base al reddito pro capite, con l avvertenza che in società dalle forti ineguaglianze, ove il reddito medio pro capite è influenzato da un altissimo reddito di una parte minima della popolazione, mentre la stragrande maggioranza ha un reddito di sopravvivenza, la struttura dei consumi e la tipologia dei beni in transito nei porti sarà ben diversa di quella di un paese di analogo reddito medio pro capite ma ben distribuito tra le varie fasce sociali. Molto giuste tuttavia sono alcune sue osservazioni, come quella che i porti di transhipment dovrebbero esser lasciati fuori dai calcoli previsionali. 9

10 Eurogate, il maggiore gruppo europeo, ha potuto chiudere con un attivo di 61 mln di euro l anno 2013, grazie soprattutto alle sue attività mediterranee ed a certe dismissioni di attività non core, i suoi terminal al Nord hanno avuto una flessione dell 1,2% malgrado la buona performance di Amburgo (i terminal italiani ormai movimentano 6,4 mln di Teu sui 14 totali del gruppo). L ebitda è aumentato dell 1,7% e il capitale proprio è diminuito dell 1%. 15 Cosco Pacific, malgrado l incremento dei volumi, ha visto i profitti ridotti dell 1%. 16 A ben guardare, i numeri positivi di APM Terminals, che ha aumentato il fatturato del 3% e l ebitda dello 0,6%, sono dovuti più che altro agli introiti da costruzione, il fatturato prodotto dall attività strettamente portuale è aumentato di 60 mln USD su un totale di 3mld 210mln ed è prodotto, come sappiamo, in maggior parte dal servizio a navi del medesimo gruppo, mentre il fatturato prodotto da attività inland è diminuito di 87mln USD rispetto al La cessione da parte di MSC e di CMA CGM di quote delle loro società di terminal dovrebbe indurci a riflettere sull effettiva convenienza finanziaria di gestire direttamente delle concessioni portuali da parte degli armatori. La convenienza operativa sembra prevalere. Anche l appello rivolto da Muhammed al-muallem di DP World agli altri grandi terminalisti globali di cercare una sorta di alleanza o perlomeno di collaborare per far fronte ai rischi posti dal gigantismo, è sintomo di una certa preoccupazione. 18 Detto questo, l industria terminalistica nel suo complesso, osservata nella sua dimensione globale, è ancora un settore di attività dove i margini di utile sono dell ordine di 35-45% di ebitda, tali da attirare molti investitori, soprattutto in mercati emergenti come l Africa sudoccidentale, l America Latina, il Far East, i Caraibi, l Europa dell est. 19 Dobbiamo abituarci all idea di un nuovo paradigma, ha dichiarato il capo di PSA, Tan Chong Meng, quello caratterizzato da una più stretta cooperazione tra compagnie di navigazione ( ) lo squilibrio tra domanda e offerta, la sovracapacità delle flotte, congelando i noli, intaccano la redditività delle compagnie marittime e quindi i porti saranno sottoposti a una maggiore pressione per dare un servizio migliore a prezzi competitivi ( ) l entrata in servizio delle meganavi produrrà a cascata l arrivo di navi più grandi ed anche i porti che non sono in prima linea 15 Eurogate, Pressemitteilung, Despite the increase in terminal volumes, Hong Kong-listed Cosco Pacific saw profit from this sector dip 1% to $187m, citing an upward pressure on costs, Jing Yang su Lloyd s List del 26 marzo AP Moeller Maersk A/S, Annual Report 2013, p Max Tingyao Lin, Megahub of the world unite, urges DP World, Lloyd s List, Drewry, Global Terminal Operators. Annual Report

11 dovranno adeguare le proprie strutture e prepararsi a rispondere alle nuove aspettative di servizio. 20 Nel primo trimestre del 2014 il clima depresso di questi anni del settore del container ha dato segni di cambiamento. Ad alimentare l ottimismo sono stati anche i risultati del gruppo AP Moeller, che ha presentato i conti economici dell anno finanziario 2013; Maersk Line è tornata a produrre utili. 21 Il ritorno a questi risultati positivi è stato determinato soprattutto con risparmi sul costo del carburante, ottenuti con ottimizzazione del network, slow steaming, retrofitting (modifiche al bulbo di prora), mentre i vantaggi provenienti dagli eco-ships della classe Triple E sono ancora molto limitati e potranno dispiegarsi solo quando sarà completato il rinnovo della flotta. 22 CMA CGM ha con successo ristrutturato il suo debito ed il Fondo francese d investimenti (Bpifrance, Banque publique d investissement) ha dato manforte al magnate turco Yildirim nel riportare a galla la compagnia. 23 Di MSC come d abitudine non si sa nulla, mentre altre compagnie, da Hanjin a Zim, da K Line a Hapag LLoyd, da Cosco a NOL, hanno presentato dei risultati negativi o molto negativi. 24 Hapag LLoyd e CSAV hanno portato a termine la fusione e già si parla di incorporare anche NOL. Per quanto aumentati qua e là, i noli sono rimasti depressi, se ne prevede un leggero miglioramento nel corso del 2014 o una loro sostanziale stabilità. 25 Molto interessanti le dichiarazioni di Rodolphe Saadé alla Conferenza dei Global Liner di Amburgo. Ha osservato che i tre soci della P3 non solo sono tutti europei ma sono tutti tre delle aziende familiari, questo alla lunga é incompatibile con la struttura di governance e con la trasmissione di know how di un azienda di dimensioni mondiali; inoltre l industria dello shipping nel container, secondo lui, ormai lavora con dei 20 Lloyd s List, New normal for global box ports, 16 dicembre AP Moeller-Maersk A/S, Annual Report 2013 e Group Annual report 2013, presentati il 27 febbraio Il profitto generato dalla compagnia di navigazione è di 1,5 mld di dollari, grazie a una riduzione del 10% del costo per Feu e malgrado un declino del 7,2% del nolo medio per Feu, la capacità della flotta è rimasta quasi stagnante (+ O,2%) ma il numero delle navi è diminuito. Il gruppo ha beneficiato di circa 3 mld di dollari di disinvestimenti nel settore della GDO e di un altro miliardo circa proveniente dalla vendita di 15 supercisterne (v. Dynaliners Abstract). 22 Max Tingyao Lin su LLoyd s List del , Maersk sells green virtues as it cuts operating costs. 23 CMA CGM, 2013 Results. Sustained Expansion and Solid Performance, presentati il 31 marzo Rimane quasi stabile il fatturato (-0,1%), diminuisce l EBIT del 26,9%, aumentano gli utili grazie alla cessione di una quota di Terminal Link, la riduzione di costo per Teu è del 5,3% ma il fatturato medio per Teu è diminuito del 7,1% con un aumento dei volumi del 7,5%. 24 Interessante l analisi comparata della struttura finanziaria di due compagnie, come NOL e OOIL, condotta da Drewry Maritime Equity Research, v. LLoyd s List, A tale of two carrier, 7 aprile NOL ha USD 32 mln di reddito operativo e 45 milioni di interessi sul debito. 25 Freight rate set to improve by Lucy Smith, su Lloyd s List del 1 aprile

12 margini così ristretti per cui é necessario un cambiamento del modello di business. 26 Saadé però non ha fatto menzione dell altro fattore di rischio, quello legato ai cambiamenti nella finanza mondiale dello shipping, dove ai tradizionali investitori europei si sono sostituiti gli equity funds americani ed asiatici, che ordinano navi a più non posso, approfittando dei bassi prezzi di costruzione, per rivenderle quanto prima. Ha perfettamente ragione Teo Song Sieng, Presidente del Singapore Maritime Institute, a dichiarare: Ships are as cheap as they can be equity funds build vessels so they can sell at higher prices a few years later.. That gets me very worried You see something like a bubble in real estates and commodities. La scelta giusta invece è quella di focalizzarsi on the softer side of shipping such as customer service and information technology. 27 E quello che andiamo dicendo da tempo. Dopo la bolla un altra bolla? Nel mondo della finanza dello shipping si assiste ad un cambiamento epocale. Gli investitori tradizionali, colpiti duramente dalla crisi, si ritirano dal settore e cercano di riparare i danni cedendo i loro crediti inesigibili al mercato secondario. Secondo Stoltenberg, del settore finance shipping di Deutsche Bank, nei prossimi due anni le banche dovranno rifinanziare 35 mld di euro di prestiti, 80% dei quali a carico di banche europee. 28 HSH Nordbank chiude il 2013 con una perdita globale di 1 mld di dollari, 780 dei quali attribuibili al suo portafoglio nello shipping. Royal Bank of Scotland, Commerzbank, Dansk Skibskredit, Nordea, pur con perdite inferiori, vanno nella stessa direzione ma il vuoto lasciato da loro ormai viene riempito gradatamente dai nuovi protagonisti asiatici e dei paesi del Golfo. Nigel Anton di Standard Charterers, in un intervista a Lloyd s List del 3 aprile 2014, traccia uno scenario veramente interessante. La sua società, nata dalla fusione di due gloriose istituzioni vittoriane, 26 Janet Porter su «Lloyd s List»del , P3 gears up for July start as carriers wait for China s approval. 27 Owners urged to avoid allure of cheap money, Max Tingyao Lin su Lloyd s List, 09 aprile HSH Nordbank reported 9 billion euros of bad shipping debt, or about 43 percent of its loans to the industry, in fourth-quarter earnings published last week. Non-performing shipping loans at Commerzbank, Germany s second-biggest bank, amounted to about 3.9 billion euros at the end of 2013, or 27 percent of the 14 billion euros in total lending, according to the company, Bloomberg News, Shipping banks face increased refinance risk, Deutsche Bank says di Nicholas Brautlecht, , riportato da 12

13 nel 2007 non aveva nemmeno un dollaro investito nello shipping, oggi è esposta per 5,5mld. I migliori clienti li ha in Cina, a Hong Kong, in Malesia, negli Emirati, sono operatori specializzati nel dry bulk, nell off shore, nel settore oil and gas, nei servizi di supporto. Si tratta di un universo di operatori che non si rivolgeva alle banche locali ma si affidava agli specialisti tedeschi, norvegesi, danesi, britannici. Ora che questi sono in ritirata, banche come la DBS di Singapore, la Overseas Chinese Banking Corp, la Maybank malese, sono pronte a rimpiazzarle. Ma non bisogna sottovalutare il ruolo delle istituzioni cinesi, la China Development Bank, l Industrial and Commercial Bank of China, il China Merchants Bank Leasing, né tantomeno quello delle agenzie di credito alle esportazioni, cinesi e coreane. Sul fronte dei paesi del Golfo, Qatar National Bank, Arab Banking Corp ed altre, magari sotto la regìa di Deutsche Bank, offrono un supporto finanziario alle compagnie marittime locali, come UASC. E per completare il quadro va ricordato che il private equity ha pompato 13mld di dollari nello shipping nel 2013, a fronte di quasi zero nel Malgrado questa intensa attività di sostituzione da parte del mondo bancario asiatico ed arabo, le banche europee detengono ancora tre quarti della torta nel mercato della finanza dello shipping mondiale, un mercato valutato 475mld di dollari. Cedendo i loro crediti al mercato secondario in USA, le banche europee sembrano aver realizzato buoni affari (si parla di un credito di 100 dollari ceduto a 93). 30 I compratori dal canto loro sperano di realizzare anch essi lauti guadagni una volta che la ripresa si sia avviata. Essi possono trasformare i loro crediti in quote azionarie delle compagnie che si stanno ristrutturando oppure rivenderli, appena il loro valore aumenta in seguito ad una ripresa del mercato. Ancora una volta, mentre i fondamentali dell economia reale stentano ad imboccare la via della ripresa, i folletti della finanza accelerano il ritmo delle loro danze. La finanziarizzazione del settore cresce e con essa le aspettative di guadagni a breve termine. E appena il caso di sottolineare che ciò avviene in diverse tipologie di traffico meno che nel container, dove la prospettiva di una rivalutazione degli asset sembra lontana. 29 David Osler, Asian and Gulf Banks on the rise in shipping finance, Lloyd s List, Secondary market sales of shipping loans are increasingly commonplace, as many traditional European shipping banks scale back their exposure to the industry. This may well prove to be an important ship finance trend in 2014, driven by growing bank aversion to risk as a result of regulatory pressure and buyer realisation that things are looking up for shipping, and that they have to get on the bandwagon before it is too late. If this is the case, it represents many significant risks to shipowners, who in the worst case could face the loss of their companies if they are in reorganisation, in David Osler, Growing secondary market for shipping loans, Lloyd s List,

14 Il 2014, l anno della P3 Dopo il via libera all alleanza P3 dato anche dalle autorità europee, dopo quello della Federal Maritime Commission, le probabilità che si passi dalle parole ai fatti sono aumentate. Quali dovrebbero essere le conseguenze dell ingresso sul mercato della triplice alleanza? - Una maggiore selezione dei porti - Una maggiore pressione sui terminal in termini di richiesta di qualità del servizio - Una minore regolarità nelle operazioni di handling - Un forte impatto sui servizi di trasferimento delle unità di carico alle destinazioni inland - Un aumento del transhipment - Un riposizionamento dei servizi diretti nel Nordeuropa - Una drastica riduzione dei servizi diretti nel Mediterraneo - Un aumento dei noli con una riduzione dei margini dei grandi operatori logistici (che in questi anni sono stati i maggiori beneficiari della competizione tra compagnie) - Un ulteriore concentrazione delle compagnie marittime e dei servizi tramite Alleanze (ingresso di Evergreen nella CKYH) o fusioni (Hapag LLoyd e CSAV) o pool management (nel settore delle cisterne e delle gasiere, v. Mitsui Osk Line) - Un altro passo in avanti del gigantismo (CSCL ha ordinato navi da Teu). Permanendo l incognita sui volumi, sembra probabile che l innalzamento dei livelli competitivi possa cominciare a produrre le prime vittime, con il crollo o perlomeno il ritiro di alcune compagnie dal mercato del container, per spostarsi magari su altri segmenti di mercato in questo momento molto più promettenti dal punto di vista della redditività, come il trasporto di gas liquido. E proprio il caso di MOL che, scossa dalla perdita di MOL Comfort, la nave da Teu che si è spezzata in due prima di inabissarsi con tutto il carico al largo dello Yemen, e dal timore che le altre cinque gemelle subissero analoghi cedimenti strutturali, concentra le sue risorse nel gas liquido con una previsione di ordini per 60 navi (di cui 10 già fissati) in modo da intercettare la domanda dell industria energetica giapponese e di altri paesi, che conta 14

15 sui rifornimenti USA, dopo che le esportazioni di gas sono state liberalizzate anche verso paesi che non hanno trattati di libero scambio con gli Stati Uniti. 31 In termini di volumi trasportati in container pieni, con 127,02 milioni di Teu il 2013 è stato ancora al di sotto dei livelli del 2011, i container in export sono diminuiti in quasi tutte le direttrici tranne che per l Europa e il Far East, mentre quelli in import sono aumentati ovunque tranne che in America Latina, dove si è avuta una lieve decrescita. 32 L andamento dell import/export europeo sembra indicare una tendenza nettamente positiva (in queste statistiche sono esclusi i traffici feeder, quindi i dati dovrebbero essere immuni dalle distorsioni del transhipment). 31 Mitsui OSK Line plans USD 8,5 bn investment in 60 LNG carriers, by Max Tingyao Lin, su Lloyd s List, Dynaliners Weekly, 14 febbraio

16 Fonte: Dynaliners Weekly, Può darsi che a livello globale ci sia una ripresa ma se l incremento dei volumi di traffico è modesto, sul 4%, come previsto dai maggiori attori, risulta insufficiente a garantire quella espansione del mercato che può permettere anche alle compagnie più deboli di sopravvivere. 33 Quindi, in uno scenario di crescita modesta, chi come la P3 - dispone di una forza sufficiente a coprire l offerta sul piano globale e può godere di un livello di efficienza in grado di garantire un differenziale di costo consistente, si trova a possedere un vantaggio competitivo in grado di mettere in grave difficoltà i concorrenti. Andrebbe fatta una riflessione sul fatto che le compagnie in maggiori difficoltà sono tutte appartenenti a paesi del Far East, giapponesi e coreane in primo luogo ma anche cinesi, mentre le società europee sembrano più solide e stringono l alleanza destinata ad esercitare un indubbia egemonia. Uno studio di Oxford Economics commissionato dall European Shipowners Association, riportato da Lloyd slist, ha quantificato l impatto economico del settore marittimo nell Unione Europea e nella Norvegia. 34 L industria europea dello shipping impiega direttamente persone, 4/5 delle quali a bordo e nell indotto un altro mezzo milione, contribuisce al PIL europeo con 149 mld di euro. Grecia e Germania sono i due stati con le flotte maggiori. Dal 2005 la flotta ha avuto un espansione del 70% grazie soprattutto a sovvenzioni e tonnage tax. 33 Nei primi tre mesi dell anno il traffico container Asia-Europa è stato molto irregolare, iniziato bene a gennaio, è calato fortemente a febbraio per risalire a marzo con un + 13,7% (+ 13,3% Nordeuropea, + 14,1% Mediterraneo e Mar Nero), v. Burke&Novi, Flash News, 2 giugno Janet Porter, State aid and tonnaeg tax transform European shipping,

17 Tornando alla P3, sarà interessante vedere come reggeranno all urto compagnie che hanno puntato su una specializzazione, sia in termini di trade lane che in termini di tipologia di traffico, rinunciando al gigantismo. Il pensiero corre a Hamburg Süd che si è specializzata sui traffici di frutta ed alimentari deperibili, dotando le sue navi di un numero elevatissimo di plug in per i container reefer. 35 Ma negli ultimi tempi anche Maersk e MSC avevano provveduto sulle loro navi ad aumentare la capacità di trasporto refrigerato, se uniscono le forze alla CMA CGM nella P3 saranno in grado di mettere in campo un offerta sul refrigerato alla quale Hamburg Süd da sola farà difficoltà a rispondere. Questo può accadere nel medio periodo, l alleanza P3 avrà bisogno di un po di tempo per rodarsi, nell immediato l arrivo massiccio della prima ondata di ULCC nel container 36 ha provocato una cascata di navi da Teu sulle rotte nord-sud, che erano ancora redditizie, deprimendone i noli e creando non pochi problemi ad alcuni specialisti di nicchia, che reggevano bene ed oggi si trovano a doversi leccare le ferite (in Italia ne abbiamo qualcuno). Un altro punto è quello di chiedersi quali scelte farà la P3 in termini di porti di transhipment, in particolare nel Mediterraneo. Finora ciascuna compagnia aveva i suoi, ora che si tratta di accorparli, qualcuno di questi potrebbe saltare. 37 Drewry ritiene che si possa parlare di due fasce di porti di transhipment nel West Med: la prima fascia comprenderebbe Malta, Algeciras e Valencia, la seconda Cagliari, Taranto, Malaga e Tanger Med, con Gioia Tauro in bilico tra l una e l altra ma con possibilità di finire piuttosto nella seconda, mentre nell East Med, di fronte all egemonia di Port Said e del Pireo cinese, altri porti come Damietta sarebbero destinati all emarginazione, mentre Ambarli, porto di destinazione finale, si starebbe affermando anche come porto di transhipment per il Mar Nero. L universo delle commodities che non viaggia in container Se spostiamo lo sguardo verso altre tipologie di traffico, l egemonia europea scompare e le compagnie del Far East appaiono in tutta la loro potenza. Se la flotta della P3, una volta ridotta, sarà di 255 navi, la Mitsui da sola possiede 229 petroliere, oltre alle gasiere ed ai product tanker. Stiamo parlando quindi di colossi che non dipendono certo dal mercato del container. Nel dry bulk sembra che si stia raggiungendo un 35 Le navi più grandi della compagnia, della classe Cap San, da Teu, sono dotate di attacchi per container reefer, v. PORTnews, ULCC può stare per Ultralarge container, car o crude carrier. 37 Drewry, Container Forecaster, 3Q13, pp

18 maggior equilibrio, favorito da una crescita della domanda, dopo l enorme divario tra flotta in esercizio e flotta in ordine di qualche anno fa. Fonte: Gli osservatori riportano segnali positivi anche per quanto riguarda i grandi mercati del minerale di ferro e del carbone, che nell ultimo decennio hanno segnato una forte concentrazione. Per il minerale di ferro Australia e Brasile rappresentano l origine del 71% dei flussi, Cina e Giappone il 75% delle destinazioni, per il carbone Australia e Indonesia costituiscono il 65% delle esportazioni, Europa, Cina e Giappone insieme il 53% delle importazioni. 38 Ma proprio l estrema concentrazione dei flussi fa sì che eventuali sommovimenti di natura politica nei paesi grandi esportatori o importatori producano uno sconquasso che si ripercuote a livello globale. 39 E il caso dell Indonesia, maggior esportatore mondiale di nickel ed uno dei maggiori di bauxite, che ha posto delle restrizioni all esportazione di unprocessed nickel ore in quanto intende salvaguardare da un lato la sua industria mineraria e dall altro appropriarsi delle fasi di prima lavorazione. E il caso dell Ucraina e delle tensioni nella regione del Mar Nero, che rischiano di avere dei contraccolpi sull esportazione di cereali e sulle esportazioni di urea (il 6% dell export mondiale di questo prodotto proviene dall Ucraina). E il caso 38 Logistique et transport de vracs, sous la direction de Yann Alix e Romuald Lacoste, edizioni EMS, Cormelles-le-Royal, I traffici di rinfuse secche in Asia sono sempre più influenzate dalle politiche dei governi, India e Indonesia in particolare, piuttosto che da offerta e domanda di mercati, in Flash News, Burke&Novi, 12 maggio

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia LO SVILUPPO DEI NUOVI MERCATI PER IL CLUSTER MARITTIMO: LE POTENZIALITÀ DEL BACINO DEL MEDITERRANEO E FOCUS SU TURCHIA Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia Alessandro

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

BACK TO MED La sfida delle città portuali nel Mediterraneo

BACK TO MED La sfida delle città portuali nel Mediterraneo BACK TO MED La sfida delle città portuali nel Mediterraneo Napoli 27 Giugno 2014 Alessandro Panaro Head of Infrastructure, Public Finance and Utilities Office SRM Agenda Obiettivi e struttura dell Osservatorio

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

ANDAMENTO DEL COSTO DEL TRASPORTO MARITTIVO E TREND DI SVILUPPO

ANDAMENTO DEL COSTO DEL TRASPORTO MARITTIVO E TREND DI SVILUPPO Lewitt Insight - White Paper ANDAMENTO DEL COSTO DEL TRASPORTO MARITTIVO E TREND DI SVILUPPO Agosto 2015 www.lewitt.it info@lewitt.it Obiettivo dell analisi è la rappresentazione dell andamento del costo

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna. Ravenna, 5 Maggio 2009

I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna. Ravenna, 5 Maggio 2009 I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna Ravenna, 5 Maggio 2009 Sommario La nuova indagine: metodologia e soggetti coinvolti Contesto di riferimento La visione da parte degli autotrasportatori

Dettagli

Verso il Sistema Portuale e Logistico Pugliese. Alessandro PANARO Responsabile Maritime & Mediterranean Economy SRM

Verso il Sistema Portuale e Logistico Pugliese. Alessandro PANARO Responsabile Maritime & Mediterranean Economy SRM Verso il Sistema Portuale e Logistico Pugliese Alessandro PANARO Responsabile Maritime & Mediterranean Economy SRM Bari, 4 novembre 2015 SRM: una visione complessiva su Maritime e MED SRM Osservatorio

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA

LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA Arianna Buonfanti, Ricercatrice Area Infrastrutture SRM XV Conference of the Italian Association of Transport Economics and

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Crisi d impresa e Shipping Focus di settore

Crisi d impresa e Shipping Focus di settore Crisi d impresa, novità della disciplina e riflessi per l operatività bancaria Crisi d impresa e Shipping Focus di settore Prof. Gian Enzo Duci Università di Genova Crisi d impresa e shipping: Perchè un

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q4 26 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q4/6 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili

Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili ANALISI ECONOMICA SULLE TENDENZE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili Nonostante in questi ultimi mesi il prezzo del petrolio sia calato, quello

Dettagli

Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso?

Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso? Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso? 22 maggio, 2011 Cosa dice la Fed in merito alle possibilità future del dopo QE2? Ben Bernanke e la Federal Reserve hanno solo poco più di un mese prima

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti

Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti Intervento del Presidente, Sergio Marchionne Centro Congressi Lingotto, 9 luglio 2013 h 16:30 Signori Azionisti, prima di passare alla discussione

Dettagli

SmartHedge Report: Q3 2014

SmartHedge Report: Q3 2014 SmartHedge Report: Q3 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: fine del QE e rafforzamento del dollaro? Entro fine settembre la Federal

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

L internazionalizzazione del Renminbi

L internazionalizzazione del Renminbi L internazionalizzazione del Renminbi L internazionalizzazione del Renminbi Fonti: Eunews, Financial Times, Wall street Italia Uno sguardo ai giornali Il mercato valutario in Italia Interscambio commerciale

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

TS DAX 1: in fondo alla pagina la descrizione

TS DAX 1: in fondo alla pagina la descrizione TS DAX 1: in fondo alla pagina la descrizione C è molto stupore tra gli economisti riguardo al dato sul Pil italiano, che non ha rispettato in negativo le previsioni formulate attraverso i dati sulla fiducia

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

Genova, 5 Maggio 2014 No. 1611

Genova, 5 Maggio 2014 No. 1611 Genova, 5 Maggio 2014 No. 1611 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia Nel 2012 sono stati prodotti in Asia 1 oltre 42,65 milioni di autoveicoli, con un

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

/pulse/ Italy Capital Markets Q1 2014

/pulse/ Italy Capital Markets Q1 2014 /pulse/ Italy Capital Markets Q1 2014 Overview economica 2013 2014 2015 previsione PIL tasso di crescita 1-1,8% 0,6% 1,1% Tasso di disoccupazione 1 12,2% 12,8% 12,5% Inflazione 1 1,2% 0,8% 1,1% Consumi

Dettagli

Immobiliare, asset class vincente

Immobiliare, asset class vincente I MERCATI INTERNAZIONALI DEL REAL ESTATE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche che valutano le alternative di impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9//22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 6 SENZA FRONTIERE L Internazionalizzazione come direttrice strategica per intercettare i benefici

Dettagli